sabato 5 aprile 2014

Fondo per la Casa

Anche chi ha un lavoro precario può ricevere fino all’80% del valore dell'alloggio prescelto, ottenendo tassi e rate favorevoli.

Ottenere un mutuo in questo periodo è complicato, specialmente per i giovani che devono fare i conti con lavori instabili e poco remunerativi. Le banche, prima di concederlo, considerano i seguenti parametri:
  • L'età: di solito deve essere inferiore ai 35 anni.-
  • L'importo da richiedere: Non può superare l’80% del valore della casa.-
  • La rata mensile: Non deve superare il 30% dello stipendio netto del richiedente.-
  • Richieste supplementari: Come fideiussione e pegno, vanno firmate anche da altre persone che garantiscano il pagamento delle rate per gli acquirenti. In certi casi lo fa lo stato con il "fondo per la casa".- 
I consigli da seguire in generale sono i seguenti:
  • Pretendere preventivi dettagliati in cui siano specificate tutte le eventuali condizioni aggiuntive previste.-
  • Non farsi incantare dagli interessi più bassi, il parametro da confrontare è l’indicatore sintetico di costo.-
  • Trattare per avere le condizioni migliori: bisogna puntare sulla concorrenza tra banche, considerando che dal 2007 è possibile anche trasferire gratuitamente un mutuo da un istituto all’altro, nel caso quest'ultimo offra condizioni più favorevoli.-

Fondo per la casa - "Fondo per l'accesso al credito per l'acquisto della prima casa da parte delle giovani coppie coniugate o dei nuclei familiari anche monogenitoriali con figli minori"
Presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Gioventù (ora Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale) è istituito, con una dotazione finanziaria iniziale di 50 milioni di euro, un Fondo con l'obiettivo di offrire le garanzie necessarie per consentire di ottenere un mutuo per l'acquisto della prima casa alle giovani coppie o ai nuclei familiari monogenitoriali.
La disciplina del Fondo è stabilita dal Decreto ministeriale del 17 dicembre 2010, n. 256, come novellato dal Decreto ministeriale del 24 giugno 2013,n. 103, pubblicato sulla G.U. n. 209 del 6 settembre 2013, in vigore dal 21 settembre 2013.
In particolare, la norma dispone che “a decorrere dall’anno 2014, l’accesso al Fondo è altresì consentito ai giovani di età inferiore a 35 anni titolari di un rapporto di lavoro atipico di cui all’art. 1 legge 28.06.2012 n. 96”; a tal fine la legge di conversione ha previsto che la dotazione del Fondo sia incrementata di 10 milioni di euro per ciascuno degli anni 2014 e 2015.
Per accedere ai finanziamenti, i richiedenti, in possesso dei requisiti disposti dalla normativa, devono compilare il modello di domanda, allegare la documentazione prevista e recarsi presso le filiali dei soggetti finanziatori aderenti all’iniziativa.


Chi può chiedere il finanziamento

Il finanziamento può essere richiesto dalle giovani coppie coniugate, con o senza figli o dai nuclei familiari monogenitoriali con figli minori.
I beneficiari del finanziamento devono avere un'età inferiore a 35 anni e un reddito ISEE complessivo non superiore a 40 mila euro.
L'età inferiore a 35 anni è un requisito che deve essere soddisfatto da entrambi i componenti il nucleo familiare.
In presenza di domande pervenute nella stessa giornata e di contestuale parziale indisponibilità delle dotazioni del Fondo, viene assegnata priorità alle giovani coppie coniugate e ai nuclei familiari anche monogenitoriali con figli minori, i cui componenti non risultano occupati con rapporto di lavoro a tempo indeterminato.
I componenti del nucleo familiare non devono risultare proprietari di altri immobili ad uso abitativo.
L'esatta interpretazione dei requisiti soggettivi per accedere al Fondo è stata fornita dal Dipartimento nella circolare del 5/4/2011.


Caratteristiche dell'Immobile da Comprare

L'immobile per il quale si chiede il finanziamento agevolato deve essere adibito ad abitazione principale, non deve rientrare nelle categorie catastali A1 (abitazioni signorili), A8 (ville) e A9 (castelli, palazzi) e non deve avere le caratteristiche di lusso indicate nel decreto del Ministero dei lavori pubblici in data 2 agosto 1969.
La superficie dell'immobile non deve superare i 95 metri quadri.
Per il calcolo delle superfici si deve intendere la Superficie Utile Abitativa definita ai sensi dell'art.3 del D.M. lavori pubblici 10/5/77 n.801, intesa come superficie di pavimento degli alloggi misurata al netto di muratura, pilastri, tramezzi, sguinci, vani di porte e finestre, di eventuali scale interne, di logge di balconi.
Nella concessione della garanzia, salvo quanto previsto per i componenti dei nuclei familiari che non risultano occupati con rapporto di lavoro a tempo indeterminato, è data priorità a quelle richieste, pervenute nella stessa giornata, nelle quali l'immobile da acquisire è situato in aree qualificate ad alta tensione abitativa dalla Delibera del CIPE n. 37 del 30 maggio 1985 e successivi aggiornamenti.


Caratteristiche del Finanziamento

Sono ammissibili alla garanzia del Fondo i mutui ipotecari erogati per l'acquisto dell'abitazione principale.
L'ammontare del finanziamento non deve essere superiore a 200.000 euro.
Il tasso applicato e le condizioni del mutuo sono stabilite dai singoli istituti bancari entro i parametri consentiti dall'accordo tra il Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale e l'ABI.
I mutui potranno essere sottoscritti con un tasso non superiore al tasso effettivo globale medio sui mutui pubblicato dal Ministero delle Economie e delle Finanze ai sensi della Legge 7 marzo 1996, n. 108.
I finanziatori si impegnano a non chiedere ai mutuatari garanzie aggiuntive, non assicurative, queste ultime nei limiti consentiti dalla legislazione vigente, oltre all'ipoteca sull'immobile e alla garanzia fornita dallo Stato.


Caratteristiche della Garanzia del Fondo

La Garanzia del Fondo è concessa nella misura del 50% (cinquanta per cento) della quota capitale, tempo per tempo in essere, nei limiti dei mutui concedibili per i quali Consap S.p.A. - quale Gestore - ha dato positiva approvazione, degli oneri determinati secondo quanto previsto dalla Convenzione e degli eventuali interessi contrattuali calcolati in misura non superiore al tasso legale in vigore alla data e, comunque, per un ammontare non superiore a 75.000,00 euro (settantacinquemila/00 euro).
La Garanzia è a prima richiesta, diretta, esplicita, incondizionata ed irrevocabile ed è efficace a decorrere, in via automatica, dalla data di erogazione del mutuo.


Soggetti Finanziatori aderenti all'Iniziativa

Possono effettuare le operazioni di erogazione dei mutui garantiti dal Fondo le banche e gli intermediari finanziari che hanno aderito all'iniziativa sottoscrivendo con il Dipartimento apposite convenzioni, sottoscritto tra Dipartimento e ABI in data 28 novembre 2013. Ecco l'elenco dei soggetti finanziatori.

11 commenti:

  1. salve Avocato.vorrei tanto sapere, cosa e fondo per la casa o come posso avere buonus per la prima casa.sono rezidenta in it da 10 anni.lavor e vorrei delle informazioni.dove posso presentare la domanda.grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dal sito governativo: http://www.diamoglifuturo.it/fondo-casa
      Fondo per la casa - "Fondo per l'accesso al credito per l'acquisto della prima casa da parte delle giovani coppie coniugate o dei nuclei familiari anche monogenitoriali con figli minori"
      Presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Gioventù (ora Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale) è istituito, con una dotazione finanziaria iniziale di 50 milioni di euro, un Fondo con l'obiettivo di offrire le garanzie necessarie per consentire di ottenere un mutuo per l'acquisto della prima casa alle giovani coppie o ai nuclei familiari monogenitoriali.
      La disciplina del Fondo è stabilita dal Decreto ministeriale del 17 dicembre 2010, n. 256, come novellato dal Decreto ministeriale del 24 giugno 2013,n. 103, pubblicato sulla G.U. n. 209 del 6 settembre 2013, in vigore dal 21 settembre 2013.
      In particolare, la norma dispone che “a decorrere dall’anno 2014, l’accesso al Fondo è altresì consentito ai giovani di età inferiore a 35 anni titolari di un rapporto di lavoro atipico di cui all’art. 1 legge 28.06.2012 n. 96”; a tal fine la legge di conversione ha previsto che la dotazione del Fondo sia incrementata di 10 milioni di euro per ciascuno degli anni 2014 e 2015.
      Per accedere ai finanziamenti, i richiedenti, in possesso dei requisiti disposti dalla normativa, devono compilare il modello di domanda, allegare la documentazione prevista e recarsi presso le filiali dei soggetti finanziatori aderenti all’iniziativa.

      Elimina
  2. Buongiorno...
    Essendo io già assunta con un normale contratto full time di 40 ore settimanali, dovendo fare due ore "extra" in un'altra azienda, potrei ricevere voucher anche essendo regolarmente giá assunta?
    Grazie anticipatamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ambra!
      SI!
      A decorrere dal 18 luglio 2012, data di entrata in vigore della legge n. 92/2012, con riferimento ai buoni lavoro acquistati a far tempo da tale data, il lavoro occasionale accessorio può essere svolto per ogni tipo di attività e da qualsiasi soggetto (disoccupato, inoccupato, lavoratore autonomo o subordinato, full-time o part-time, pensionato, studente, percettore di prestazioni a sostegno del reddito), ovviamente nei limiti del compenso economico previsto.
      Per quanto riguarda i lavoratori percettori di prestazioni integrative del salario o con sostegno al reddito di effettuare lavoro accessorio in tutti i settori produttivi compresi gli enti locali, si prevede il limite massimo di 3.000 euro per anno solare da riferirsi al singolo lavoratore, come corrispettivo della prestazione di lavoro occasionale accessorio svolto.-

      Elimina
  3. Quanto posso gudagniare con lavoro occationale in un anno dal gennaio al decembre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il lavoro occasionale:
      Le prestazioni occasionali “ordinarie” sono collaborazioni lavorative autonome che non possono superare, nello stesso anno, la durata di 30 giorni e i 5.000 euro di compensi percepiti per la totalità dei committenti; se vengono superati questi limiti di durata e di retribuzione, il contratto di lavoro occasionale decade e si applicano le norme previste per il contratto a progetto.
      Il contratto di lavoro occasionale può essere utilizzato per qualsiasi tipo di lavoro e non ci sono limitazioni per quanto riguarda l’oggetto della prestazione lavorativa.
      Non è necessaria l’apertura di una partita IVA e nemmeno l’iscrizione ad un albo professionale: è sufficiente che il collaboratore presenti al datore di lavoro una ricevuta per prestazione occasionale. Il datore di lavoro verserà, per conto del collaboratore occasionale, una ritenuta d’acconto sul compenso pari al 20%.-

      Elimina
  4. Studente universitario fuori corso con eta 25 anni e 3 mesi rientro nei voucher?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Gli studenti, se vogliono, possono svolgere qualche attività con il sistema dei "buoni lavoro INPS".
      Un “lavoretto” occasionale di tipo accessorio (esempio: commesso in un negozio di vestiti). Un lavoro di qualunque tipo e in qualsiasi settore produttivo: industria, commercio, terziario, anche nel pubblico impiego.-
      Gli studenti devono avere da 16 a 25 anni. E possono lavorare:
      - Se iscritti a scuola media inferiore e superiore, durante: a) le vacanze natalizie fino al 10 gennaio, b) tutti i fine settimana, c) le vacanze pasquali e quelle estive.
      - Se iscritti all'università: in tutti i periodi dell'anno.

      Elimina
  5. Buona sera avvocato sono un ragazzo di 21 anni lavoro come cameriere dopo un anno che lavoravo in nero il proprietario ha deciso di mettermi in nero con il vaucer il punto e che non so se mi ha messo in regola davvero oppure è stata solo una presa in giro in ogni caso ha voluto fotocopia di carta di identità e codice fiscale però non ho firmato nessuno contratto quindi volevo sapere se secondo lei sono in regola oppure no grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A questo punto se sei in regola o no potrai verificarlo solo quando verrai pagato, nel senso che se verrai retribuito con i voucher quando andrai ad incassarli ti verrà effettuata una trattenuta per la quota di contributi INPS + INAIL.-

      Elimina
  6. Salve dott Censori sono Giuseppe la scrivo da napoli percepisco una pensione cat io da 500 euro lordi dall'inps e a giugno di quest'anno mi hanno fatto un contratto lavorativo presso un azienda di roma faccio l'installatore di impianti elettrici a giugno stesso di quest'anno ho subito un infortunio sul lavoro che mi ha portato via 5 mesi di degenza e 2 interventi al braccio, l'azienda ha percepito tutti i soldi dell'accaduto invece io non sono stato mai pagato dall'inizio dell'infortunio ma la ditta continua a mandare gli emens contributivi e li vedo dal mio cassetto previdenziale con il mio pin.Ho denunciato alla procura della repubblica tramite i carabienieri di zona con una querela di appropriazione indebita in piu mi sono recato a roma il 2 ottobre presso l'inpettorato del lavoro che fino ad adesso non mi ha fatto sapere un bel niente ho anche parlato con un avvocato civilista il quale dice che questi sig non si fanno tronare e hanno problemi alla consegna di un ingiunzione di pagamento,a fine anno iniziero' ad avere problemi con l'inps perche a loro risulta i pagamenti effettuati tramite emens come spieghero' a questi sig che quel reddito e fasullo come faro' a dire alla agenzie delle entrate che quei soldi non li ho mai percepiti,un'altra cosa la ditta non mi ha mai nemmeno riconosciuto ne gli aseegni familiari ne le 80 euro di aumento se questi in realta mi spettano,mi dia una mano a capire cosa dovro' fare per dimostrare che quel reddito non mi e' stato mai corrisposto
    nell'attesa le auguro buon natale e buon lavoro
    distinti saluti

    RispondiElimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.