Passa ai contenuti principali

Bonus di 80 Euro del Governo Renzi

Il Bonus di 80 Euro del Governo Renzi sarà elargito tramite il "Decreto IRPEF" (decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66), convertito con modificazioni nella Legge 23 giugno 2014, n. 89, in vigore dal 24 giugno 2014 (Gazzetta Ufficiale n. 143 del 23 giugno 2014).

Bonus IRPEF: ammonta a 640 euro (80 euro mensili) il totale del bonus che si troveranno in busta paga, tra maggio e dicembre 2014, i lavoratori con un reddito compreso tra gli 8 e i 24 mila euro. Il bonus decrescerà con l'aumentare del reddito dai 24mila ai 26 mila euro, soglia oltre la quale è previsto l'azzeramento del beneficio. La norma è valida solamente per l'anno in corso e nel testo si rende noto che il bonus diventerà strutturale con la legge di stabilità per l'anno 2015. Per la riduzione dell'IRPEF ai lavoratori dipendenti è previsto inoltro un fondo apposito, dotato degli effetti strutturali dei tagli, vale a dire di 2,7 mld per il 2015, mentre per il 2016 saranno 4,7 miliardi, per il 2017 4,1 mld e 2 mld a decorrere dal 2018.-

bonus 80 euro governo renzi


Chi ne ha diritto?

Tutti i lavoratori dipendenti e assimilati che hanno un reddito tra 8.000 e 26.000 euro lordi all'anno, al netto del reddito dell'abitazione principale. La cifra sarà erogata dal datore di lavoro in tutti i casi in cui l'imposta lorda dell'anno è superiore alle detrazioni da lavoro dipendente.-


Il bonus spetta anche ai cassaintegrati?

SI! Il rimborso fiscale spetta anche a chi percepisce somme a sostegno del reddito come cassa integrazione, indennità di mobilità, sussidio di disoccupazione, indennità di maternità. In tutti questi casi è l'INPS che si farà cura di versarlo ai lavoratori e alle lavoratrici.


Cosa succede se non viene dato a maggio?

Se per ragioni tecniche derivanti dalle procedure di pagamento degli stipendi, non è stato possibile dare il bonus a maggio, verrà riconosciuto nei mesi successivi. Con l'obbligo di assicurare al lavoratore tutto il credito spettante nel corso del 2014.-


Come viene calcolato?

Il bonus è stabilito in misura fissa pari a 640 euro per le fasce di reddito tra 8.000 e 24.000 euro e decrescente per chi si colloca tra 24.000 e 26.000 euro. Le somme percepite dal lavoratore a titolo di incremento della produttività non vengono conteggiate per stabilire il limite di reddito. Mentre fanno reddito i canoni d'affitto riscossi con la cedolare secca. Il decreto stabilisce inoltre che l'ammontare del rimborso è rapportato al periodo di lavoro nell'anno. Verrà dunque calcolato considerando il numero di giorni lavorati nell'anno.-


Dipendente con più rapporti di lavoro:

Spetta al lavoratore comunicare al datore di lavoro la presenza di più rapporti di lavoro, scegliendo da chi farselo dare. In caso di mancata o tardiva presentazione di questa dichiarazione all'azienda, il lavoratore che ha ricevuto un bonus doppio o in misura superiore a quello spettante, sarà tenuto a restituire l'eccedenza in sede di conguaglio di fine anno.-


Il bonus spetta alle colf?

Si, ma i tempi slittano. La circolare dell'agenzia delle entrate spiega che anche i contribuenti senza sostituto d'imposta (colui che versa le tasse sulla busta paga), potranno beneficiare del bonus, ma esclusivamente in occasione della dichiarazione dei redditi nel mese di giugno del 2015.-


I collaboratori sono inclusi?

Il reddito dei collaboratori a progetto è considerato assimilato a quello di lavoro dipendente. Il bonus spetterà anche ai lavoratori socialmente utili, ai sacerdoti e a chi è stato licenziato prima di maggio (potrà recuperarlo con il 730 del 2015).-


Il bonus passa agli eredi?

SI! Il beneficio spetta anche ai lavoratori deceduti in relazione al periodo di lavoro del 2014. E sarà calcolato nella dichiarazione dei redditi del lavoratore deceduto presentata da uno degli eredi.-


Chi sono gli incapienti esclusi?

Gli incapienti sono i lavoratori che dichiarano al fisco meno di 8.000 euro di reddito all'anno. In virtù degli scarsi introiti non sono tenuti a pagare le tasse. Il bonus, come abbiamo visto, arriva grazie a un intervento sull'IRPEF, che il datore di lavoro versa ogni mese al fisco per conto del suo dipendente trattenendola dallo stipendio. Chi non versa l'IRPEF non può incassare gli 80 euro.-


I titolari di Partita IVA sono esclusi?

SI! I titolari di partita iva sono esclusi dal bonus degli 80 euro.-


I pensionati sono esclusi?

SI! Al momento i pensionati sono esclusi, in quanto il governo ha rimandato l’intervento a tempi successivi.-



Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it.
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai lavoratori.

Commenti

  1. gentilissimo dott.censori
    il bonus 80 euro e'valido anche per il 2016?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Il Bonus di 80 euro è valido anche per il 2016, ovviamente se si rientra nella fascia di reddito compresa tra gli 8.000 e i 24.000 euro.-

      Elimina
  2. buongiorno mi scusi io o 4 figli ultimi 2 nativi 2014 e 2015 percepisco già bonus bebe questo mese febbraio 2016 mi accrediteranno qualche importo aggiuntivo .con le nuovi leggi di stabilita . sono disoccupata isse 2000 euro annuo grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Non mi risulta che la nuova legge di stabilità preveda quote aggiuntive al bonus bebè.-

      Elimina
  3. Buongiorno avvocato e complimenti per il suo prezioso lavoro

    vorrei farle una domanda importante:sono un dipendente con reddito annuo circa 15000 euro
    ho gia' una detrazione per altro familiare a carico in corso e all'inizio di gennaio 2016 ho fatto la domanda di detrazione anche per il coniuge a carico
    la mia domanda e' questa avendo queste detrazioni c'e' posso continuare a percepire il bonus di 80 euro oppure queste detrazioni lo annullano?
    cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci sono problemi!
      Anche se con le detrazioni fiscali non avrai più trattenute IRPEF avrai comunque diritto al bonus di 80 euro, per ottenere il quale basta avere un reddito superiore a 8.000 euro.-

      Elimina
  4. Ciao Gianfranco, volevo porti un quesito che nessun patronato ha dato una risposta uguale. Mio cugino lavora come bidello e contemporaneamente prende una pensione d’ivalidità per lavoratori dipendenti, sommando i due redditi arriva a 23200.Lo stipendio da bidello è quasi 11000 euro. Ha diritto al bonus Renzi? Nelle specifiche tecniche del 730 dell'AdE (non nelle istruzioni del 730) c’è scritto solo di non avere diritto al bonus se si possiedono solo redditi da pensione e non specifica se uno ha due redditi differenti(appunto pensione e lavoro dipendente).Abbiamo chiesto ai vari patronati e hanno dato risposte contrastanti chi si e chi no.Ora prima di andare all’Inps volevo un tuo parere.
    Cordiali saluti
    Francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco!
      SI!
      Tuo cugino ha diritto al Bonus Renzi:
      La normativa infatti prevede che ne hanno diritto:
      Tutti i lavoratori dipendenti e assimilati che hanno un reddito tra 8.000 e 26.000 euro lordi all'anno, al netto del reddito dell'abitazione principale. La cifra sarà erogata dal datore di lavoro in tutti i casi in cui l'imposta lorda dell'anno è superiore alle detrazioni da lavoro dipendente.-

      Elimina
  5. Buonasera, sono in cassa integrazione nel 2015 ho percepito sei mesi di cigs dell'anno 2014( sul cud 2016 sono stati stati inseriti nei redditi soggetti a tassazione separata), e sei mesi del 2015 da gennaio a giugno e mi sono stati accreditati 547€ di bonus renzi. Sul 730 dovrò restituire il bonus renzi visto che è inferiore ad 8000€. La restante parte dei mesi di cigs del 2015 la percepirò a Marzo, non si può far niente per recuperare questi soldi ?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Con la dichiarazione dei redditi di quest'anno dovrai restituire il Bonus Renzi del 2015, in quanto non rientravi nei parametri.-

      Elimina
  6. Buonasera Dott. Censori sono Tommaso 51 da aprile 2014 ho percepito aspi per totali mesi 14 a cui è stato aggiunto il bonus da 80 euro, nel 2015 a maggio ho terminato il periodo di indennità, da novembre sono andato in pensione, ora mi ritrovo con un imponibile inps da pensione di circa 3.300 euro piu 5050 come prestazione a sostegno del reddito nei quali è incluso circa 450 euro di bonus Renzi per un totale di 8.300 euro ora dato che una parte di questa cifra viene dalla pensione mi chiedo se mi spetta il bonus e come dovrò restituire in caso contrario grazie come sempre distinti saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tommaso!
      Purtroppo NO!
      Essendo la Tua retribuzione lorda del 2015 da lavoro dipendente inferiore a 8.000 euro, Tu non avevi diritto al bonus di 80 euro, che dovrai quindi restituire all'Erario con la dichiarazione dei redditi di quest'anno.-

      Elimina
  7. Buongiorno,
    sono una lavoratrice stagionale (30 gg lavorativi) e quest'anno ho potuto fare domanda per la NASPI.
    CONSIDERATO IL REDDITO TOTALE NON HO SUPERATO GLI 8000,00 € ma l'INPS MI HA RICONOSCIUTO SULLA PRESTAZIONE NASPI DI € 2052,00 UN BONUS DI € 178,85, PERCHE?DEVO RESITUIRLO?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Non avendo superato gli 8.000 euro di reddito, devi presentare la dichiarazione dei redditi e restituire all'Erario il bonus che ti è stato corrisposto dall'INPS, al quale non avevi diritto.-

      Elimina
  8. Buonasera, avrei bisogno di alcune informazioni. Mia suocera ha un contratto part time a tempo determinato 9 mesi all'anno (assistente in una scuola) da settembre 2014. Da maggio 2014 inoltre prende la pensione di reversibilità, rientra quindi da allora nella fascia tra gli 8000 e i 24.000 euro. Ha fatto il suo primo 730 a giugno 2015. Da gennaio di quest'anno prende il bonus di 80 euro. E' corretto che lo prenda o lo dovrà restituire? Se è corretto, come mai non lo prendeva prima? Cosa dobbiamo fare con il prossimo 730? Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessandra!
      Si ha diritto al bonus di 80 euro con un reddito da lavoro dipendente e assimilato tra gli 8.000 e i 24.000 euro, quindi Tua suocera ha diritto al bonus, perché il reddito da pensione di reversibilità è assimilato al reddito da lavoro dipendente.-

      Elimina
    2. La ringrazio per la risposta e torno a disturbarla. A questo punto ha diritto anche agli 80 euro dello scorso anno che non ha mai preso o la cosa non è retroattiva? Come mai non li ha presi? E come possiamo fare per averli?
      Ora abbiamo però altri dubbi perchè il patronato che la segue e le compila il 730 le ha detto che in realtà lei NON ha diritto agli 80 euro. Abbiamo quindi il timore che il prossimo anno debba rendere quelli che sta prendendo ora. Grazie in anticipo.

      Elimina
    3. Ciao Alessandra!
      Se il patronato ha detto a Tua suocera che non ha diritto al bonus di 80 euro, presumo che è perché il reddito da lavoro dipendente è inferiore a 8.000 euro.-
      Se anche per quest'anno vale lo stesso discorso vorrà dire che dovrà restituirlo all'Erario con la dichiarazione dei redditi del prossimo anno.-

      Elimina
  9. Buongiorno Dott. Censori, sono una collaboratrice e nel del 2015 non mi è stato erogato il bonus poichè non ho assimilato la cifra minima per riceverlo per pochi Euro.. quest'anno per evitare che a fine anno me li tolgano ho fatto la rinuncia. La mia domanda è:
    se quest'anno rientro nella fascia 8000 - 24.000 con il 730 del 2017 potrò recuperarlo avendo firmato la rinuncia?
    Grazie mille in anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se quest'anno rientrerai nei parametri di legge, con la dichiarazione dei redditi del prossimo anno potrai recuperare l'importo spettante.-

      Elimina
  10. Operaio agricolo anno 2015 lavorato 102 giornate vorrei sapere a quanto ammonta la disoccupazione e se ho diritto la bonus di 80 euro dato che in busta paga non c'e

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'indennità di disoccupazione agricola è pari al 40% del salario per il numero di giornate lavorate.-
      Si ha diritto al bonus di 80 euro solo se il reddito lordo complessivo annuale cioè lavoro + indennità di disoccupazione supera gli 8.000 euro, e si può eventualmente recuperare con la dichiarazione dei redditi.-

      Elimina
  11. Buongiorno Gianfranco,
    approfitto nuovamente della sua disponibilità per chiederle questo: il reddito minimo per aver diritto al bonus è di 8000 tondi o 8178? Lo chiedo perchè sto facendo il 730 di mio figlio che ha reddito di 8078 e nel modello on line non risulta il bonus (il codice bonus sulle CU è 2). Cercando on line ho letto che il bonus spetta se il reddito è di almeno 8178, mentre ero convinta che fosse 8000.....La ringrazio per la sua disponibilità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberta!
      Purtroppo è vero!
      Il bonus di 80 euro spetta ai lavoratori dipendenti e assimilati la cui imposta lorda sia superiore all’importo della propria detrazione per lavoro dipendente.-
      Siccome la detrazione da lavoro dipendente è pari a 1.880 euro e il 23% di 8.178 è pari a 1.880, significa che per il diritto al bonus il reddito deve essere superiore non a 8.000 ma a 8.178 euro.-

      Elimina
  12. Peccato!!
    Grazie mille per la spiegazione!

    RispondiElimina
  13. buongiorno dr. Gianfranco
    mia moglie percepisce un reddito da lavoro dipendente di 11.300 euro piu una pensione di invalidità di 13.200 euro, volevo chiederle cortesemente se le spetta il bonus di 80 euro eventualmente da recuoerare nella dichiarazione dei redditi dell' anno 2015.Grazie
    Distinti saluti
    Domenico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Domenico!
      SI!
      Tua moglie ha diritto al bonus di 80 euro che può recuperare con la dichiarazione dei redditi, anche se l'importo sarà leggermente inferiore superando il limite di reddito di 24.000 euro.-

      Elimina
  14. Buongiorno sono Angelo, mia moglie dal 01.04.16 è in Congedo di Maternità Anticipata per Complicanze Gravidiche della Gestazione(art. 17 lett.A D.L.gs. 151/2001 art. 15 D.L. 5/2012), desideravo sapere durante questo periodo di congedo fruirà il bonus mensile di 80 euro.Grazie
    Saluti Angelo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angelo!
      SI!
      Se Tua moglie nel 2016 supererà il limite di reddito di 8.000 euro avrà comunque diritto al bonus di 80 euro.-

      Elimina
  15. Buongiorno

    mi trovo in questa situzione
    nel 2015

    ho lavorato dal 28 settembre al 31 dicembre con un contratto co.co.pro per totali 2080,50€ e poi sempre in questo periodo ho lavorato 1 mese con un altro contratto co.co.pro per un totale di 600€

    in totale il mio reddito da lavoro dipendente è di 2680,50€
    in teoria dovrei pagare un irpef del 23% di 616,51€

    il mio dubbio è? devo considerare la detrazione minima di 1380€ e quindi non ho diritto al bonus o le detrazioni vanno calcolate in base al periodo di lavoro ed in tal caso sarebbero 478,52€ (quelle che mi sono state coalcolate sul cud) in teoria quidi dovrei versare una differenza allo stato (che andrei a conguagliare con detrazioni per carichi di famiglia) e quindi dovrei ricevere il bonus?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pierpaolo!
      Per quanto riguarda il bonus di 80 euro non ne hai diritto se il reddito lordo complessivo annuale è inferiore a 8.000 euro.-
      Per quanto riguarda invece le detrazioni, esse vanno calcolate in base al periodo di lavoro, alle quali puoi aggiungere quelle per carichi di famiglia.-

      Elimina
  16. Buon sera io ho un reddito da pensione di 10245 euro e un reddito da lavoro dipendente di 3400 160 gg lavorativi come conguaglio devo pagare 260 euro circa,
    la mia domanda e' ho diritto al bonus ovviamente per i giorni di lavoro grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco!
      SI!
      Tu hai diritto al bonus per i giorni di lavoro.-

      Elimina
  17. Buongiorno Sig. Censori sono Gianluca volevo un chiarimento relativo al bonus di 80 euro. Quest'anno sto percenpendo la N.A.S.P.I. e l'INPS contestualmente al sussidio di disoccupazione mi sta versando anche il bonus Renzi; se alla fine di quest'anno non supero gli 8.000 euro lordi di imponibile lo dovrò restituire l'anno prossimo?? se si come funziona la restituzione???. Inoltre volevo sapere se per raggiungere la soglia degli 8.000 euro lordi sono validi eventualmente anche pagamenti ricevuti tramite voucher o tramite compensi di collaborazione occasionale. Nel ringraziarla anticipatamente la saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gianluca!
      - Se alla fine dei quest'anno non superi gli 8.000 euro di reddito, dovrai restituire l'importo percepito con la dichiarazione dei redditi del prossimo anno.-
      - NO! I pagamenti ricevuti tramite voucher o tramite compensi di collaborazione occasionale non sono validi ai fini del raggiungimento del limite di 8.000 euro.-

      Elimina
  18. ho un contratto a progetto di mese in mese siccome non guadagno mai lo stesso importo ho fatto rinuncia volontaria del bonus per paura di restituire ma se dovessi raggiungere la soglia degli 8.000 euro posso comunque prenderli in un unica soluzione??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se nel 2016 supererai l'importo di 8.000 euro di reddito, potrai richiedere il bonus con la dichiarazione dei redditi del prossimo anno.-

      Elimina
  19. Buongiorno, ho percepito nel 2015 reddito da lavoro dipendente per 7000 (e non ho percepito il bonus) ma poi ho anche un reddito da fabbricati per 2300: ho diritto al bonus? Non ho infatti capito se il reddito complessivo sopra gli 8000 euro deve essere tutto da lavoro dipendente... Grazie mille per la risposta, Francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco!
      Purtroppo NO!
      Infatti hanno diritto al bonus di 80 euro i contribuenti che percepiscono redditi da lavoro dipendente da 8.000 fino a 26 mila euro, purché l’imposta lorda dell’anno sia superiore alle detrazioni per lavoro dipendente.-

      Elimina
  20. Salve avvocato potrebbe rispondermi gentilmente, ho fatto la richiesta per il rinnovo di permesso di soggiorno con un contratto di lavoro indeterminato e fatto anche le impronte un mesi fa, il problema che io non lavoro più perché la pizzeria dove lavora è chiusa.
    Possono rifiutare la pratica ?
    Che posso fare ? Grazie mille e buona sera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se sei stato licenziato perché la pizzeria dove lavoravi è chiusa, presumo che tu abbia presentato la domanda di disoccupazione (NASPI), quindi il permesso di soggiorno ti verrà rinnovato comunque, anche se eventualmente per una durata inferiore.-

      Elimina
  21. Buon giorno avvocato vorrei chiederLe ho lavorato 9 mesi e mi ha licenziato la azienda posso chiedere disoccupazione? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se hai lavorato per 9 mesi e sei stato licenziato dall'azienda hai diritto alla NASPI che nel tuo caso può durare al massimo fino a 4 mesi e mezzo, e la domanda va presentata all'INPS entro 68 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro.-

      Elimina
  22. Buongiorno Avvocato,
    vorrei gentilmente chiederLe un'informazione relativa a un mio dubbio:
    Percepisco un reddito da lavoro dipendente che rientra nelle soglie consentite per il Bonus di 80 euro.
    Ipotizzando che a questo reddito quest anno si possa aggiungere un importo erogatomi in voucher per tutoraggio/supporto allo studio di persone disabili o con deficit di apprendimento (erogato da alcuni enti a studenti che necessitano un aiuto nello studio); se il totale dei voucher sommato al reddito mi facesse superare la soglia di 26.000 euro, avrei diritto o no al bonus Renzi? In sostanza si sommerebbero al reddito da lavoro dipendente facendomi perdere il bonus?
    Grazie mille in anticipo per la risposta.
    Cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Gli importi riconosciuti tramite voucher sono esenti da imposizione fiscale, quindi sono ininfluenti ai fini della soglia dei 26.000 utile per il riconoscimento del bonus di 80 euro.-

      Elimina
  23. Gianfranco buongiorno
    Anche se siamo fuori dal periodo di presentazione dei redditi, vorrei una delucidazione.
    Nella Certificazione Unica 2016 per il 2015 avevo un reddito di 26.429,00€ per cui non mi spettava la detrazione di 80,00 € mensile di Renzi.
    Quest’anno ho presentato il 730 per recuperare l’irpef su un piano di previdenza complementare per un importo di 5.100,00€ il che mi portava ad avere un imponibile fiscale 21.329,00€.
    Con questo imponibile avevo diritto a recuperare il bonus Renzi nel 730?

    Grazie
    Boli

    RispondiElimina
  24. Salve, sia io che mia moglie abbiamo un reddito di 8450 euro cadauno vorrei sapere se il bonus spetta ad entrambi o in qualche modo è influenzato dal reddito complessivo (16900). Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Il bonus spetta ad entrambi, in quanto il reddito da prendere in considerazione è quello personale e non quello familiare.-

      Elimina
  25. Perché si spaccia per AVVOCATO se non lo è?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi spaccio assolutamente per avvocato, solo che non mi pare il caso di smentire ogni volta chi mi scrive chiamandomi avvocato.-
      Comunque puoi stare tranquillo perché non mi risulta di aver presentato la "parcella" a qualcuno.-

      Elimina
  26. Salve avv. Censori, complimenti per la competenza e la chiarezza nelle risposte. Pure io, sia pure ad un livello elementare, mi occupo di consulenza fiscale e di sostegno al reddito. Pubblico i miei articoli sul sito sportello-sociale.it. Queste le precisazioni: mi risulta che il bonus 80 euro spetta anche per importi inferiori a 8.000 purchè i giorni delle dettrazioni siano inferiori a 365 e vi sia una imposta Irpef.Segnalo un mio articolo in proposito http://www.sportello-sociale.it/calcola-il-tuo-bonus-fiscale-con-un-click/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti che contraccambio per il tuo sito!

      Elimina
  27. Bongiorno Avocato lavoro di un anno con contrate indeterminato cello redito anuale di 7931,97 vollio sapere di mi apartendono 80 di bonus ,Renti poi la domanda di dove poso piare soldi di mia apartengono' ? grazie anticipate

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Il bonus Renzi è riservato a chi ha un reddito lordo imponibile annuale tra 8.000 e 26.000 euro.-

      Elimina
  28. BONGIORNO sono pensionata di invalidita civile 100\100 con pensone di 290 al mensile volio sapere di apartingono ,bonus di 80 di renzi grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Il bonus Renzi è riservato a chi ha un reddito lordo imponibile annuale tra 8.000 e 26.000 euro.-

      Elimina

Posta un commento

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.

Post popolari in questo blog

Badanti e Colf - CCNL Anno 2017

Classificazione di Badanti e Colf Livello A
Collaboratori familiari generici, non addetti all'assistenza di persone, con esperienza professionale (maturata anche presso datori di lavoro diversi) non superiore a 12 mesi.
Livello A Super
Addetto alla compagnia, baby sitter (mansioni occasionali e/o saltuarie).
Livello B
Collaboratori familiari che, in possesso della necessaria esperienza svolgono con specifica competenza le proprie mansioni, ancorchè a livello esecutivo.
Livello B Super
Assistente a persone autosufficenti
Livello C
Collaboratori familiari che, in possesso di specifiche conoscenze di base, sia teoriche che tecniche, relative allo svolgimento dei compiti assegnati, operano con totale autonomia e responsabilità.
Livello C Super
Assistente a persone non autosufficenti (non formato).
Livello D
Collaboratori familiari che, in possesso dei necessari requisiti professionali, ricoprono specifiche posizioni di lavoro caratterizzato da responsabilità, autonomi…

Assegni familiari

In questo articolo riporteremo informazioni utili sugli assegni familiari, con validità da luglio 2017 a giugno 2018.

Assegni Familiari  L'assegno per il nucleo familiare è previsto per aiutare le famiglie dei lavoratori dipendenti, pubblici e privati e dei pensionati da lavoro dipendente, i cui nuclei familiari sono composti da più persone e i cui redditi sono al di sotto delle fasce di reddito massime stabilite dalla legge.

A chi spetta Spetta ai lavoratori dipendenti in attività, ai disoccupati indennizzati, ai lavoratori cassaintegrati, ai lavoratori in mobilità, ai lavoratori in malattia o in maternità e ai pensionati ex lavoratori dipendenti; spetta anche ai lavoratori con contratto a termine.
Per averne diritto è necessario che il reddito familiare non superi determinati limiti, stabiliti ogni anno dalla legge; è costituito da quello del richiedente e di tutte le persone che compongono il nucleo familiare, prodotto nell'anno solare precedente; decorre dal I° luglio di o…

ISEE anno 2017

RIFORMA ISEE Dal 2015 cambiano le regole sull'ISEE, l'indicatore della situazione economica da produrre per avere accesso a prestazioni legate al reddito (rette per l'università, mense ecc) per evitare che siano favoriti gli evasori. Il nuovo indicatore considera tutte le forme di reddito, comprese quelle fiscalmente esenti. Aumenta il peso della componente patrimoniale considerando il valore degli immobili rivalutati ai fini IMU. Si tiene conto delle famiglie numerose e della presenza nel nucleo di disabili.
Per rilasciare l’attestato ISEE, sulla base del quale il cittadino può chiedere alla pubblica amministrazione prestazioni gratuite o a prezzo agevolato (asilo nido, università trasporti, sussidi, ecc.), L’INPS calcola i redditi di ciascun componente il nucleo familiare. I redditi sono riferiti al secondo anno solare precedente la presentazione della richiesta (dichiarazione sostitutiva unica). Per le spese e le franchigie che si riconoscono in favore del cittadino e …