Spese detraibili

Attenzione. Questo articolo contiene solo norme e leggi ormai superate, col solo scopo di mantenere una memoria storica delle normative sulla detraibilità che sono state in vigore negli anni.

Informazioni su normative ancora in vigore possono essere trovare nel nostro post Spese detraibili dal reddito - 730/2015





SPESE DETRAIBILI DAL REDDITO - 730/2014:


Si possono portare in detrazione del proprio reddito da lavoro dipendente o da pensione, tramiteModello 730 o Modello UNICO le seguenti spese:

Spese per le quali è riconosciuta la detrazione del 19%

  • E1) Spese sanitarie
La detrazione spetta per le spese sostenute per se e per i propri familiari a carico: es. analisi, indagini radioscopiche, prestazioni specialistiche, visite mediche, acquisto medicinali, prestazioni chirurgiche, acquisto di protesi sanitarie, spese odontoiatriche ecc.
Possono essere detratte anche le spese sostenute all'estero: il documento di spesa deve essere tradotto in italiano a cura del contribuente se la documentazione è redatta in inglese, spagnolo, tedesco o francese; occorre la traduzione giurata se in lingua diversa.-
Esiste però una franchigia di euro 129,11 quindi la detrazione spetta solo sulla parte eccedente.
  • E2) Spese sanitarie per familiari non a carico
  • E3) Spese sanitarie per disabili
  • E4) Spese per veicoli per disabili
  • E5) Spese per l'acquisto di cani guida
  • E6) Spese sanitarie rateizzate in precedenza
  • E7) Interessi passivi per mutui ipotecari per l'acquisto dell'abitazione principale
La detrazione spetta per gli interessi passivi, gli oneri accessori e le quote di rivalutazione dipendenti da clausole di indicizzazione per mutui ipotecari contratti per l'acquisto di immobili adibiti ad abitazione principale.
La detrazione spetta su un importo massimo di 4.000,00 euro.-

Righi da E8 a E12- Altre spese:

  • 8) Interessi per mutui ipotecari per acquisto altri immobili
  • 9) Interessi per mutui contratti nel 1997 per recupero edilizio
  • 10) Interessi per mutui ipotecari per costruzione abitazione principale
  • 11) Interessi per prestiti o mutui agrari
  • 12) Assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni
Per i contratti stipulati sino al 31 dicembre 2000 la detrazione spetta per i premi di assicurazione sulla vita e contro gli infortuni per contratti di durata superiore a cinque anni.-
Per i contratti stipulati dal 1° gennaio 2001 la detrazione spetta per le assicurazioni aventi per oggetto il rischio di morte, di invalidità permanente, di non autosufficienza.
  • 13) Spese di istruzione
La detrazione spetta per le spese sostenute per la frequenza di corsi di istruzione secondaria, universitaria, di perfezionamento e specializzazione universitaria tenuti presso istituti o università italiane o straniere, pubbliche o private.
  • 14) Spese funebri
La detrazione spetta per le spese funebri sostenute in dipendenza della morte di familiari come i genitori e gli ascendenti prossimi, il coniuge, i figli, i generi e le nuore, il suocero e la suocera, i fratelli e le sorelle.
La detrazione spetta per un importo massimo di euro 1.549,37.
  • 15) Spese per addetti all'assistenza personale
  • 16) Spese per attività sportive ragazzi (palestre, piscine ed altre strutture sportive).
  • 17) Compensi pagati a soggetti di intermediazione immobiliare
  • 18) Spese sostenute dagli studenti universitari per canoni di locazione fuori sede
  • 20) Erogazioni liberali per ONLUS
La detrazione spetta per le erogazioni liberali, per un importo non superiore a euro 2.065,83, a favore delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS), delle iniziative umanitarie, religiose o laiche, gestite da fondazioni, associazioni, comitati o associazioni sindacali di categoria.
  • 21) Erogazioni liberali sportive
La detrazione spetta per le erogazioni liberali in denaro, per un importo non superiore a euro 1.500,00 effettuate a favore delle società e associazioni sportive dilettantistiche.
  • 22) Erogazioni liberali alle società di mutuo soccorso
  • 23) Erogazioni liberali a favore delle associazioni di promozione sociale
  • 24) Erogazioni liberali a favore della società di cultura Biennale di Venezia
  • 25) Spese relative a beni soggetti a regime vincolistico
  • 26) Erogazioni liberali per attività culturali ed artistiche
  • 27) Erogazioni liberali a favore di enti operanti nello spettacolo
  • 28) Erogazioni liberali a favore di fondazioni operanti nel settore musicale
  • 29) Spese veterinarie
  • 30) Spese sostenute per servizi di interpretariato dai soggetti riconosciuti sordi
  • 31) Erogazioni liberali a favore degli istituti scolastici di ogni ordine e grado
  • 32) Spese sostenute per il riscatto dei corsi di laurea dei familiari a carico
  • 33) Spese sostenute dai genitori per le rette relative alla frequenza di asili nido
  • 35) Erogazioni liberali in denaro al Fondo per l’ammortamento dei titoli di Stato 
  • 99) Altre spese per le quali spetta la detrazione del 19 per cento

Oneri deducibili dal reddito complessivo

  • E21) Contributi previdenziali ed assistenziali
Possono essere portati in deduzione dal reddito i contributi previdenziali ed assistenziali versati in ottemperanza di legge, nonché i contributi volontari versati all'INPS per se o per i familiari fiscalmente a carico.
  • E22) Assegno al coniuge
  • E23) Contributi per addetti ai servizi domestici familiari
Possono essere portati in deduzione i contributi previdenziali ed assistenziali versati per gli addetti ai servizi domestici ed all'assistenza personale o familiare, per la parte a carico del datore di lavoro, fino ad un massimo di euro 1.549,37.
  • E24) Erogazioni liberali a favore di istituzioni religiose
  • E25) Spese mediche e di assistenza specifica dei portatori di handicap
Possono essere portate in deduzione le spese mediche generiche e di quelle di assistenza specifica sostenute dai portatori di handicap, cioè coloro che presentano una menomazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva
  • E26) Altri oneri deducibili

Previdenza complementare

  • E27) Contributi a deducibilità ordinaria
  • E28) Contributi versati da lavoratori di prima occupazione
  • E29) Contributi versati a fondi in squilibro finanziario
  • E30) Contributi versati per familiari a carico
  • E31) Fondo pensione negoziale dipendenti pubblici
Spese sostenute per intervento di recupero del patrimonio edilizio per le quali spetta la detrazione del 36%, 41%, 50% o 65%

L'agevolazione spetta per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2012. La detrazione del 50% spetta anche per le spese sostenute dal 1° gennaio 2013 al 30 giugno 2013, da indicare nella prossima dichiarazione dei redditi.

La spesa su cui si può applicare la percentuale non può superare il limite di 96.000 euro per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2012, riferita alla singola unità immobiliare e non alle diverse persone che l’hanno sostenuta. Pertanto, questo ammontare andrà suddiviso in proporzione fra tutti gli interessati:
  • la detrazione va ripartita in 10 anni. Il criterio però cambia se a sostenere i costi sono anziani di età compresa tra i 75 e gli 80 anni (proprietari o titolari di altro diritto reale sull’abitazione oggetto di intervento). Per questi la ripartizione va fatta, rispettivamente, in cinque e tre quote annuali
  • se i lavori di ristrutturazione sono la semplice prosecuzione di interventi iniziati negli anni precedenti, ai fini del calcolo (entro i 48mila euro), bisogna tener conto delle spese già sostenute
  • il beneficio fiscale è subordinato all’emissione, da parte della ditta che ha eseguito i lavori, di fattura dettagliata che distingua dagli altri il costo della relativa manodopera.
L'agevolazione consiste nella possibilità di detrarre dall'imposta il 50% delle spese sostenute nel corso dell'anno per la ristrutturazione di case di abitazione e parti comuni di edifici residenziali situati nel territorio dello Stato.

Si noti che trattandosi di una detrazione dall'imposta e non di rimborso, ciascun contribuente ha diritto a detrarre annualmente la quota spettante nei limiti dell'imposta dovuta per l'anno in questione.

La detrazione compete per le spese sostenute nell'anno e rispetta rigorosamente, pertanto, il criterio di cassa.

Poiché per le detrazioni vale il criterio di cassa, quella che conta non è la data di inizio e neppure quella della fine dei lavori, ma solo quella del pagamento mediante bonifico.

Per ogni anno e per ogni unità immobiliare oggetto di interventi di recupero del patrimonio edilizio va compilato un rigo diverso:

Indicare uno dei seguenti codici:

  1. Spese relative a fatture messe dal 1° gennaio al 30 settembre 2006 (Detrazione del 41%
  2. Spese relative a fatture emesse dal 1° ottobre al 31 dicembre 2006 o in data antecedente al 1° gennaio 2006 e spese sostenute dal 1° gennaio al 25 giugno 2012 (detrazione del 36%)
  3. Spese sostenute dal 26 giugno al 31 dicembre 2012 (detrazione del 50%)
  4. Spese sostenute dal 4 agosto al 31 dicembre 2013 per interventi relativi all’adozione di misure antisismiche su edifici ricadenti nelle zone sismiche ad alta pericolosità.- 
  • E41) Spese sostenute
  • E42) Spese sostenute
  • E43) Spese sostenute
  • E44) Spese sostenute

Dati catastali identificativi degli immobili e altri dati per fruire della detrazione

Questa sezione va compilata in relazione ai lavori iniziati nel 2011. Con riferimento agli interventi di recupero del patrimonio edilizio per i quali è stato eliminato l'obbligo della comunicazione al Centro operativo di Pescara (decreto legge n. 70 del 13 maggio 2011, entrato in vigore il 14 maggio 2011) vanno indicati i dati catastali identificativi degli immobili e gli altri dati necessari per fruire della detrazione del 36 per cento.


La presente sezione deve essere compilata per le spese sostenute nel 2013.-

  • E51) Spese sostenute
  • E52) Spese sostenute
  • E53) Spese sostenute

Spese per l’arredo degli immobili ristrutturati (detrazione del 50%)

  • E57) Spese arredo immobili ristrutturati

Spese per interventi di risparmio energetico (detrazione del 55% o 65%)

Indicare il codice che individua il tipo di intervento effettuato e in particolare:
  1. Per interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti
  2. Per interventi sull'involucro degli edifici esistenti
  3. Per istallazione di pannelli solari
  4. Per sostituzione di impianti di climatizzazione invernale
  • E61) Spese sostenute
  • E62) Spese sostenute
  • E63) Spese sostenute

Dati per fruire delle detrazioni d'imposta per canoni locazione

In questa sezione vanno indicati i dati per poter fruire delle detrazioni spettanti agli inquilini per canoni di locazione relativi ad immobili adibiti ad abitazione principale
  • E71) Inquilini alloggi adibiti ad abitazione principale
  • E72) Lavoratori dipendenti che trasferiscono la residenza per motivi di lavoro

Altre detrazioni d'imposta

  • E81) Detrazione per spese di mantenimento dei cani guida
  • E82) Spese acquisto mobili, elettrodomestici, TV computer (anno 2009)
  • E83) Altre detrazioni

Informazioni riguardanti le spese detraibili negli anni passati, rimangono disponibili nel nostro articolo Spese Detraibili nella sezione delle normative superate.



SPESE DETRAIBILI DAL REDDITO - 730/2013


Si possono portare in detrazione del proprio reddito da lavoro dipendente o da pensione, tramite Modello 730 o Modello UNICO le seguenti spese:

Spese per le quali è riconosciuta la detrazione del 19%
  • E1) Spese sanitarie
    La detrazione spetta per le spese sostenute per se e per i propri familiari a carico: es. analisi, indagini radioscopiche, prestazioni specialistiche, visite mediche, acquisto medicinali, prestazioni chirurgiche, acquisto di protesi sanitarie, spese odontoiatriche ecc.
    Possono essere detratte anche le spese sostenute all'estero: il documento di spesa deve essere tradotto in italiano a cura del contribuente se la documentazione è redatta in inglese, spagnolo, tedesco o francese; occorre la traduzione giurata se in lingua diversa.-
    Esiste però una franchigia di euro 129,11 quindi la detrazione spetta solo sulla parte eccedente.
  • E2) Spese sanitarie per familiari non a carico
  • E3) Spese sanitarie per disabili
  • E4) Spese per veicoli per disabili
  • E5) Spese per l'acquisto di cani guida
  • E6) Spese sanitarie rateizzate in precedenza
  • E7) Interessi passivi per mutui ipotecari per l'acquisto dell'abitazione principale
    La detrazione spetta per gli interessi passivi, gli oneri accessori e le quote di rivalutazione dipendenti da clausole di indicizzazione per mutui ipotecari contratti per l'acquisto di immobili adibiti ad abitazione principale.
    La detrazione spetta su un importo massimo di 4.000,00 euro.-
  • E8) Interessi per mutui ipotecari per acquisto altri immobili
  • E9) Interessi per mutui contratti nel 1997 per recupero edilizio
  • E10) Interessi per mutui ipotecari per costruzione abitazione principale
  • E11) Interessi per prestiti o mutui agrari
  • E12) Assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni
    Per i contratti stipulati sino al 31 dicembre 2000 la detrazione spetta per i premi di assicurazione sulla vita e contro gli infortuni per contratti di durata superiore a cinque anni.-
    Per i contratti stipulati dal 1° gennaio 2001 la detrazione spetta per le assicurazioni aventi per oggetto il rischio di morte, di invalidità permanente, di non autosufficienza.
  • E13) Spese di istruzioneLa detrazione spetta per le spese sostenute per la frequenza di corsi di istruzione secondaria, universitaria, di perfezionamento e specializzazione universitaria tenuti presso istituti o università italiane o straniere, pubbliche o private.
  • E14) Spese funebri La detrazione spetta per le spese funebri sostenute in dipendenza della morte di familiari come i genitori e gli ascendenti prossimi, il coniuge, i figli, i generi e le nuore, il suocero e la suocera, i fratelli e le sorelle.
    La detrazione spetta per un importo massimo di euro 1.549,37.
  • E15) Spese per addetti all'assistenza personale
  • E16) Spese per attività sportive ragazzi (palestre, piscine ed altre strutture sportive).-
  • E17) Altre spese (da codice 17 a codice 34)
  • E18) Altre spese (da codice 17 a codice 34)
  • E19) Altre spese (da codice 17 a codice 34)
  • 17) Compensi pagati a soggetti di intermediazione immobiliare.
    18) Spese sostenute dagli studenti universitari per canoni di locazione fuori sede
  • 19) Erogazioni a movimenti o partiti politici
    La detrazione spetta per le erogazioni liberali in denaro a favore dei movimenti e partiti politici comprese tra un minimo di euro 51,65 e un massimo dei euro 103.291,38.
    L'erogazione deve essere effettuata mediante versamento postale o bancario.
    I movimenti o i partiti politici ai quali viene effettuata l'erogazione devono però avere almeno un parlamentare eletto alla Camera dei Deputati o al Senato della Repubblica.
  • 20) Erogazioni liberali per ONLUSLa detrazione spetta per le erogazioni liberali, per un importo non superiore a euro 2.065,83, a favore delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS), delle iniziative umanitarie, religiose o laiche, gestite da fondazioni, associazioni, comitati o associazioni sindacali di categoria.
    21) Erogazioni liberali sportive
    La detrazione spetta per le erogazioni liberali in denaro, per un importo non superiore a euro 1.500,00 effettuate a favore delle società e associazioni sportive dilettantistiche.
  • 22) Erogazioni liberali alle società di mutuo soccorso
    23) Erogazioni liberali a favore delle associazioni di promozione sociale
    24) Erogazioni liberali a favore della società di cultura Biennale di Venezia
    25) Spese relative a beni soggetti a regime vincolistico
    26) Erogazioni liberali per attività culturali ed artistiche
    27) Erogazioni liberali a favore di enti operanti nello spettacolo
    28) Erogazioni liberali a favore di fondazioni operanti nel settore musicale
    29) Spese veterinarie
    30) Spese sostenute per servizi di interpretariato dai soggetti riconosciuti sordi
    31) Erogazioni liberali a favore degli istituti scolastici di ogni ordine e grado
    32) Spese sostenute per il riscatto dei corsi di laurea dei familiari a carico
    33) Spese sostenute dai genitori per le rette relative alla frequenza di asili nido
    34) Altre spese per le quali spetta la detrazione del 19 per cento

Oneri deducibili dal reddito complessivo

  • E21) Contributi previdenziali ed assistenzialiPossono essere portati in deduzione dal reddito i contributi previdenziali ed assistenziali versati in ottemperanza di legge, nonché i contributi volontari versati all'INPS per se o per i familiari fiscalmente a carico.
  • E22) Assegno al coniuge
  • E23) Contributi per addetti ai servizi domestici familiariPossono essere portati in deduzione i contributi previdenziali ed assistenziali versati per gli addetti ai servizi domestici ed all'assistenza personale o familiare, per la parte a carico del datore di lavoro, fino ad un massimo di euro 1.549,37.
  • E24) Erogazioni liberali a favore di istituzioni religiose
  • E25) Spese mediche e di assistenza specifica dei portatori di handicapPossono essere portate in deduzione le spese mediche generiche e di quelle di assistenza specifica sostenute dai portatori di handicap, cioè coloro che presentano una menomazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva
  • E26) Altri oneri deducibili


Previdenza complementare

  • E27) Contributi a deducibilità ordinaria
  • E28) Contributi versati da lavoratori di prima occupazione
  • E29) Contributi versati a fondi in squilibro finanziario
  • E30) Contributi versati per familiari a carico
  • E31) Fondo pensione negoziale dipendenti pubblici

Spese sostenute per intervento di recupero del patrimonio edilizio per le quali spetta la detrazione del 50%

L'agevolazione spetta per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2012. La detrazione del 50% spetta anche per le spese sostenute dal 1° gennaio 2013 al 30 giugno 2013, da indicare nella prossima dichiarazione dei redditi . La spesa su cui si può applicare la percentuale non può superare il limite di 96.000 euro per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2012, riferita alla singola unità immobiliare e non alle diverse persone che l’hanno sostenuta. Pertanto, questo ammontare andrà suddiviso in proporzione fra tutti gli interessati
  • la detrazione va ripartita in 10 anni. Il criterio però cambia se a sostenere i costi sono anziani di età compresa tra i 75 e gli 80 anni (proprietari o titolari di altro diritto reale sull’abitazione oggetto di intervento). Per questi la ripartizione va fatta, rispettivamente, in cinque e tre quote annuali
  • se i lavori di ristrutturazione sono la semplice prosecuzione di interventi iniziati negli anni precedenti, ai fini del calcolo (entro i 48mila euro), bisogna tener conto delle spese già sostenute
  • il beneficio fiscale è subordinato all’emissione, da parte della ditta che ha eseguito i lavori, di fattura dettagliata che distingua dagli altri il costo della relativa manodopera. 
L'agevolazione consiste nella possibilità di detrarre dall'imposta il 36% delle spese sostenute nel corso dell'anno per la ristrutturazione di case di abitazione e parti comuni di edifici residenziali situati nel territorio dello Stato.
Si noti che trattandosi di una detrazione dall'imposta e non di rimborso, ciascun contribuente ha diritto a detrarre annualmente la quota spettante nei limiti dell'imposta dovuta per l'anno in questione. 
La detrazione compete per le spese sostenute nell'anno e rispetta rigorosamente, pertanto, il criterio di cassa.  
Poiché per le detrazioni vale il criterio di cassa, quella che conta non è la data di inizio e neppure quella della fine dei lavori, ma solo quella del pagamento mediante bonifico.
Per ogni anno e per ogni unità immobiliare oggetto di interventi di recupero del patrimonio edilizio va compilato un rigo diverso:
E41) Spese sostenute
E42) Spese sostenute
E43) Spese sostenute
E44) Spese sostenute

Dati catastali identificativi degli immobili e altri dati per fruire della detrazione del 36%

Questa sezione va compilata in relazione ai lavori iniziati nel 2011. Con riferimento agli interventi di recupero del patrimonio edilizio per i quali è stato eliminato l'obbligo della comunicazione al Centro operativo di Pescara (decreto legge n. 70 del 13 maggio 2011, entrato in vigore il 14 maggio 2011) vanno indicati i dati catastali identificativi degli immobili e gli altri dati necessari per fruire della detrazione del 36 per cento.
E51) Spese sostenute
E52) Spese sostenute
E53) Spese sostenute

Spese per le quali spetta la detrazione d'imposta del 55% (Interventi risparmio energetico)

Indicare il codice che individua il tipo di intervento effettuato e in particolare:
1) Per interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti
  1. Per interventi sull'involucro degli edifici esistenti
  2. Per istallazione di pannelli solari
  3. Per sostituzione di impianti di climatizzazione invernale
E61) Spese sostenute
E62) Spese sostenute
E63) Spese sostenute

Dati per fruire delle detrazioni d'imposta per canoni locazione

In questa sezione vanno indicati i dati per poter fruire delle detrazioni spettanti agli inquilini per canoni di locazione relativi ad immobili adibiti ad abitazione principale
E71) Inquilini alloggi adibiti ad abitazione principale
E72) Lavoratori dipendenti che trasferiscono la residenza per motivi di lavoro

Dati per fruire di altre detrazioni d'imposta

E81) Detrazione per spese di mantenimento dei cani guida
E82) Spese acquisto mobili, elettrodomestici, TV computer (anno 2009)
E83) Altre detrazioni 



SPESE DETRAIBILI DAL REDDITO - 730/2012

Si possono portare in detrazione del proprio reddito da lavoro dipendente o da pensione, tramite Modello 730 o Modello UNICO le seguenti spese:

Spese per le quali è riconosciuta la detrazione del 19%
  • E1) Spese sanitarie
    La detrazione spetta per le spese sostenute per se e per i propri familiari a carico: es. analisi, indagini radioscopiche, prestazioni specialistiche, visite mediche, acquisto medicinali, prestazioni chirurgiche, acquisto di protesi sanitarie, spese odontoiatriche ecc.
    Possono essere detratte anche le spese sostenute all'estero: il documento di spesa deve essere tradotto in italiano a cura del contribuente se la documentazione è redatta in inglese, spagnolo, tedesco o francese; occorre la traduzione giurata se in lingua diversa.-
    Esiste però una franchigia di euro 129,11 quindi la detrazione spetta solo sulla parte eccedente.
  • E2) Spese sanitarie per familiari non a carico
  • E3) Spese sanitarie per disabili
  • E4) Spese per veicoli per disabili
  • E5) Spese per l'acquisto di cani guida
  • E6) Spese sanitarie rateizzate in precedenza
  • E7) Interessi passivi per mutui ipotecari per l'acquisto dell'abitazione principale
    La detrazione spetta per gli interessi passivi, gli oneri accessori e le quote di rivalutazione dipendenti da clausole di indicizzazione per mutui ipotecari contratti per l'acquisto di immobili adibiti ad abitazione principale.
    La detrazione spetta su un importo massimo di 4.000,00 euro.-
  • E8) Interessi per mutui ipotecari per acquisto altri immobili
  • E9) Interessi per mutui contratti nel 1997 per recupero edilizio
  • E10) Interessi per mutui ipotecari per costruzione abitazione principale
  • E11) Interessi per prestiti o mutui agrari
  • E12) Assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni
    Per i contratti stipulati sino al 31 dicembre 2000 la detrazione spetta per i premi di assicurazione sulla vita e contro gli infortuni per contratti di durata superiore a cinque anni.-
    Per i contratti stipulati dal 1° gennaio 2001 la detrazione spetta per le assicurazioni aventi per oggetto il rischio di morte, di invalidità permanente, di non autosufficienza.
  • E13) Spese di istruzioneLa detrazione spetta per le spese sostenute per la frequenza di corsi di istruzione secondaria, universitaria, di perfezionamento e specializzazione universitaria tenuti presso istituti o università italiane o straniere, pubbliche o private.
  • E14) Spese funebriLa detrazione spetta per le spese funebri sostenute in dipendenza della morte di familiari come i genitori e gli ascendenti prossimi, il coniuge, i figli, i generi e le nuore, il suocero e la suocera, i fratelli e le sorelle.
    La detrazione spetta per un importo massimo di euro 1.549,37.
  • E15) Spese per addetti all'assistenza personale
  • E16) Spese per attività sportive ragazzi (palestre, piscine ed altre strutture sportive).-
  • E17) Altre spese (da codice 17 a codice 34)
  • E18) Altre spese (da codice 17 a codice 34)
  • E19) Altre spese (da codice 17 a codice 34)
  • 17) Compensi pagati a soggetti di intermediazione immobiliare.
    18) Spese sostenute dagli studenti universitari per canoni di locazione fuori sede
  • 19) Erogazioni a movimenti o partiti politici
    La detrazione spetta per le erogazioni liberali in denaro a favore dei movimenti e partiti politici comprese tra un minimo di euro 51,65 e un massimo dei euro 103.291,38.
    L'erogazione deve essere effettuata mediante versamento postale o bancario.
    I movimenti o i partiti politici ai quali viene effettuata l'erogazione devono però avere almeno un parlamentare eletto alla Camera dei Deputati o al Senato della Repubblica.
  • 20) Erogazioni liberali per ONLUSLa detrazione spetta per le erogazioni liberali, per un importo non superiore a euro 2.065,83, a favore delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS), delle iniziative umanitarie, religiose o laiche, gestite da fondazioni, associazioni, comitati o associazioni sindacali di categoria.
    21) Erogazioni liberali sportive
    La detrazione spetta per le erogazioni liberali in denaro, per un importo non superiore a euro 1.500,00 effettuate a favore delle società e associazioni sportive dilettantistiche.
  • 22) Erogazioni liberali alle società di mutuo soccorso
    23) Erogazioni liberali a favore delle associazioni di promozione sociale
    24) Erogazioni liberali a favore della società di cultura Biennale di Venezia
    25) Spese relative a beni soggetti a regime vincolistico
    26) Erogazioni liberali per attività culturali ed artistiche
    27) Erogazioni liberali a favore di enti operanti nello spettacolo
    28) Erogazioni liberali a favore di fondazioni operanti nel settore musicale
    29) Spese veterinarie
    30) Spese sostenute per servizi di interpretariato dai soggetti riconosciuti sordi
    31) Erogazioni liberali a favore degli istituti scolastici di ogni ordine e grado
    32) Spese sostenute per il riscatto dei corsi di laurea dei familiari a carico
    33) Spese sostenute dai genitori per le rette relative alla frequenza di asili nido
    34) Altre spese per le quali spetta la detrazione del 19 per cento


Oneri deducibili dal reddito complessivo

  • E21) Contributi previdenziali ed assistenzialiPossono essere portati in deduzione dal reddito i contributi previdenziali ed assistenziali versati in ottemperanza di legge, nonché i contributi volontari versati all'INPS per se o per i familiari fiscalmente a carico.
  • E22) Assegno al coniuge
  • E23) Contributi per addetti ai servizi domestici familiariPossono essere portati in deduzione i contributi previdenziali ed assistenziali versati per gli addetti ai servizi domestici ed all'assistenza personale o familiare, per la parte a carico del datore di lavoro, fino ad un massimo di euro 1.549,37.
  • E24) Erogazioni liberali a favore di istituzioni religiose
  • E25) Spese mediche e di assistenza specifica dei portatori di handicapPossono essere portate in deduzione le spese mediche generiche e di quelle di assistenza specifica sostenute dai portatori di handicap, cioè coloro che presentano una menomazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva
  • E26) Altri oneri deducibili

Previdenza complementare

  • E27) Contributi a deducibilità ordinaria
  • E28) Contributi versati da lavoratori di prima occupazione
  • E29) Contributi versati a fondi in squilibro finanziario
  • E30) Contributi versati per familiari a carico
  • E31) Fondo pensione negoziale dipendenti pubblici

Spese sostenute per intervento di recupero del patrimonio edilizio per le quali spetta la detrazione del 36% o del 41%
L'agevolazione spetta se la spesa non supera la cifra massima di 48mila euro, riferita alla singola unità immobiliare e non alle diverse persone che l’hanno sostenuta. Pertanto, questo ammontare andrà suddiviso in proporzione fra tutti gli interessati
  • la detrazione va ripartita in 10 anni. Il criterio però cambia se a sostenere i costi sono anziani di età compresa tra i 75 e gli 80 anni (proprietari o titolari di altro diritto reale sull’abitazione oggetto di intervento). Per questi la ripartizione va fatta, rispettivamente, in cinque e tre quote annuali
  • se i lavori di ristrutturazione sono la semplice prosecuzione di interventi iniziati negli anni precedenti, ai fini del calcolo (entro i 48mila euro), bisogna tener conto delle spese già sostenute
  • il beneficio fiscale è subordinato all’emissione, da parte della ditta che ha eseguito i lavori, di fattura dettagliata che distingua dagli altri il costo della relativa manodopera. 
L'agevolazione consiste nella possibilità di detrarre dall'imposta il 36% delle spese sostenute nel corso dell'anno per la ristrutturazione di case di abitazione e parti comuni di edifici residenziali situati nel territorio dello Stato.
Si noti che trattandosi di una detrazione dall'imposta e non di rimborso, ciascun contribuente ha diritto a detrarre annualmente la quota spettante nei limiti dell'imposta dovuta per l'anno in questione. 
La detrazione compete per le spese sostenute nell'anno e rispetta rigorosamente, pertanto, il criterio di cassa.  
Poiché per le detrazioni vale il criterio di cassa, quella che conta non è la data di inizio e neppure quella della fine dei lavori, ma solo quella del pagamento mediante bonifico.
Per ogni anno e per ogni unità immobiliare oggetto di interventi di recupero del patrimonio edilizio va compilato un rigo diverso:
E41) Spese sostenute
E42) Spese sostenute
E43) Spese sostenute
E44) Spese sostenute

Dati catastali identificativi degli immobili e altri dati per fruire della detrazione del 36%
Questa sezione va compilata in relazione ai lavori iniziati nel 2011. Con riferimento agli interventi di recupero del patrimonio edilizio per i quali è stato eliminato l'obbligo della comunicazione al Centro operativo di Pescara (decreto legge n. 70 del 13 maggio 2011, entrato in vigore il 14 maggio 2011) vanno indicati i dati catastali identificativi degli immobili e gli altri dati necessari per fruire della detrazione del 36 per cento.
E51) Spese sostenute
E52) Spese sostenute
E53) Spese sostenute

Spese per le quali spetta la detrazione d'imposta del 55% (Interventi risparmio energetico
Indicare il codice che individua il tipo di intervento effettuato e in particolare:
1) Per interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti
  1. Per interventi sull'involucro degli edifici esistenti
  2. Per istallazione di pannelli solari
  3. Per sostituzione di impianti di climatizzazione invernale
E61) Spese sostenute
E62) Spese sostenute
E63) Spese sostenute

Dati per fruire delle detrazioni d'imposta per canoni locazione
In questa sezione vanno indicati i dati per poter fruire delle detrazioni spettanti agli inquilini per canoni di locazione relativi ad immobili adibiti ad abitazione principale
E71) Inquilini alloggi adibiti ad abitazione principale
E72) Lavoratori dipendenti che trasferiscono la residenza per motivi di lavoro

Dati per fruire di altre detrazioni d'imposta
E81) Detrazione per spese di mantenimento dei cani guida
E82) Spese acquisto mobili, elettrodomestici, TV computer (anno 2009)
E83) Altre detrazioni 



SPESE DETRAIBILI DAL REDDITO - 730/2011


Si possono portare in detrazione del proprio reddito da lavoro dipendente o da pensione, tramite Modello 730 o Modello UNICO le seguenti spese:

Spese per le quali è riconosciuta la detrazione del 19%
  1. E1 - Spese sanitarie
    La detrazione spetta per le spese sostenute per se e per i propri familiari a carico: es. analisi, indagini radioscopiche, prestazioni specialistiche, visite mediche, acquisto medicinali, prestazioni chirurgiche, acquisto di protesi sanitarie, spese odontoiatriche ecc. ; Possono essere detratte anche le spese sostenute all'estero: il documento di spesa deve essere tradotto in italiano a cura del contribuente se la documentazione è redatta in inglese, spagnolo, tedesco o francese; occorre la traduzione giurata se in lingua diversa. Esiste però una franchigia di euro 129,11 quindi la detrazione spetta solo sulla parte eccedente.
  2. E2 - Spese sanitarie per familiari non a carico
  3. E3 - Spese sanitarie per portatori di handicap
  4. E4 - Spese per veicoli per portatori di handicap
  5. E5 - Spese per l’acquisto di cani guida
  6. E6 - Spese sanitarie rateizzate anni precedenti
  7. E7 - Interessi passivi per mutui ipotecari
    La detrazione spetta per gli interessi passivi, gli oneri accessori e le quote di rivalutazione dipendenti da clausole di indicizzazione per mutui ipotecari contratti per l’acquisto di immobili adibiti ad abitazione principale. La detrazione spetta su un importo massimo di euro 3.615,20.
  8. E8 - Interessi per mutui ipotecari per acquisto altri immobili
  9. E9 - Interessi per mutui contratti nel 1997 per recupero edilizio
  10. E10 - Interessi per mutui ipotecari per costruzione abitazione principale
  11. E11 - Interessi per prestiti o mutui agrari
  12. E12 - Assicurazioni sulla vita
    Per i contratti stipulati sino al 31 dicembre 2000 la detrazione spetta per i premi di assicurazione sulla vita e contro gli infortuni per contratti di durata superiore a cinque anni.-
    Per i contratti stipulati dal 1° gennaio 2001 la detrazione spetta per le assicurazioni aventi per oggetto il rischio di morte, di invalidità permanente, di non autosufficienza.
  13. E13 - Spese di istruzione
    La detrazione spetta per le spese sostenute per la frequenza di corsi di istruzione secondaria, universitaria, di perfezionamento e specializzazione universitaria tenuti presso istituti o università italiane o straniere, pubbliche o private.
  14. E14 - Spese funebri
    La detrazione spetta per le spese funebri sostenute in dipendenza della morte di familiari come i genitori e gli ascendenti prossimi, il coniuge, i figli, i generi e le nuore, il suocero e la suocera, i fratelli e le sorelle. La detrazione spetta per un importo massimo di euro 1.549,37.
  15. E15 - Spese per addetti all’assistenza personale
  16. E16 - Spese per attività sportive ragazzi (palestre, piscine ed altre strutture sportive).-
  17. E17 - Spese per intermediazione immobiliare
  18. E18 - Spese per canoni di locazione sostenute da studenti universitari fuori sede.-
E19, E20 e E21:

Erogazioni a movimenti o partiti politici
  1. 19 - La detrazione spetta per le erogazioni liberali in denaro a favore dei movimenti e partiti politici comprese tra un minimo di euro 51,65 e un massimo dei euro 103.291,38. L’erogazione deve essere effettuata mediante versamento postale o bancario. I movimenti o i partiti politici ai quali viene effettuata l’erogazione devono però avere almeno un parlamentare eletto alla Camera dei Deputati o al Senato della Repubblica.
  2. 20 - Erogazioni liberali per ONLUS
    La detrazione spetta per le erogazioni liberali, per un importo non superiore a euro 2.065,83, a favore delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS), delle iniziative umanitarie, religiose o laiche, gestite da fondazioni, associazioni, comitati o associazioni sindacali di categoria.
  3. 21 - Erogazioni liberali sportive
    La detrazione spetta per le erogazioni liberali in denaro, per un importo non superiore a euro 1.500,00 effettuate a favore delle società e associazioni sportive dilettantistiche.

          22 - Erogazioni liberali alle società di mutuo soccorso
          23 - Erogazioni liberali a favore delle associazioni di promozione sociale
          24 - Erogazioni liberali a favore della società di cultura Biennale di Venezia
          25 - Spese relative a beni soggetti a regime vincolistico
          26 - Erogazioni liberali per attività culturali ed artistiche
          27 - Erogazioni liberali a favore di enti operanti nello spettacolo
          28 - Erogazioni liberali a favore di fondazioni operanti nel settore musicale
          29 - Spese veterinarie
          30 - Spese sostenute per servizi di interpretariato dai soggetti riconosciuti sordomuti
          31 - Erogazioni liberali a favore degli istituti scolastici di ogni ordine e grado
          32 - Spese sostenute dai docenti per l'autoaggiornamento e per la formazione
          33 - Spese sostenute dai genitori per le rette relative alla frequenza di asili nido
          34 - Altre spese pe rle quali spetta la detrazione del 19 per cento

Oneri deducibili dal reddito complessivo
  1. E22 - Contributi previdenziali ed assistenziali
    Possono essere portati in deduzione dal reddito i contributi previdenziali ed assistenziali versati in ottemperanza di legge, nonché i contributi volontari versati all’INPS per se o per i familiari fiscalmente a carico.
  2. E23 - Assegno al coniuge
  3. E24 - Contributi per addetti ai servizi domestici familiari
    Possono essere portati in deduzione i contributi previdenziali ed assistenziali versati per gli addetti ai servizi domestici ed all’assistenza personale o familiare, per la parte a carico del datore di lavoro, fino ad un massimo di euro 1.549,37.
  4. E25 - Erogazioni liberali a favore di istituzioni religiose
  5. E26 - Spese mediche e di assistenza specifica dei portatori di handicap
    Possono essere portate in deduzione le spese mediche generiche e di quelle di assistenza specifica sostenute dai portatori di handicap, cioè coloro che presentano una menomazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva
  6. E27 - Altri oneri deducibili

Previdenza complementare
  1. E28 - Contributi a deducibilità ordinaria
  2. E29 - Contributi versati da lavoratori di prima occupazione
  3. E30 - Contributi versati a fondi in squilibro finanziario
  4. E31 - Contributi versati per familiari a carico
  5. E32 Fondo pensione negoziale dipendenti pubblici

Spese sostenute per intervento di recupero del patrimonio edilizio per le quali spetta la detrazione del 41% o del 36%L'agevolazione spetta se la spesa non supera la cifra massima di 48mila euro, riferita alla singola unità immobiliare e non alle diverse persone che l’hanno sostenuta. Pertanto, questo ammontare andrà suddiviso in proporzione fra tutti gli interessati
la detrazione va ripartita in 10 anni. Il criterio però cambia se a sostenere i costi sono anziani di età compresa tra i 75 e gli 80 anni (proprietari o titolari di altro diritto reale sull’abitazione oggetto di intervento). Per questi la ripartizione va fatta, rispettivamente, in cinque e tre quote annuali
se i lavori di ristrutturazione sono la semplice prosecuzione di interventi iniziati negli anni precedenti, ai fini del calcolo (entro i 48mila euro), bisogna tener conto delle spese già sostenute 
il beneficio fiscale è subordinato all’emissione, da parte della ditta che ha eseguito i lavori, di fattura dettagliata che distingua dagli altri il costo della relativa manodopera.
L'agevolazione consiste nella possibilità di detrarre dall'imposta il 36% delle spese sostenute nel corso dell'anno per la ristrutturazione di case di abitazione e parti comuni di edifici residenziali situati nel territorio dello Stato.
Si noti che trattandosi di una detrazione dall'imposta e non di rimborso, ciascun contribuente ha diritto a detrarre annualmente la quota spettante nei limiti dell'imposta dovuta per l'anno in questione.
La detrazione compete per le spese sostenute nell'anno e rispetta rigorosamente, pertanto, il criterio di cassa.
Poiché per le detrazioni vale il criterio di cassa, quella che conta non è la data di inizio e neppure quella della fine dei lavori, ma solo quella del pagamento mediante bonifico.
  1. E33 - Codice fiscale 1a azienda fornitrice
  2. E34 - Codice fiscale 2a azienda fornitrice
  3. E35 - Codice fiscale 3a azienda fornitrice
  4. E36 - Codice fiscale 4a azienda fornitrice

Oneri per i quali è riconosciuta la detrazione d’imposta del 20%
  1. E37 - Spese per la sostituzione di frigoriferi e congelatori, Spese per acquisto apparecchi televisivi digitali, Spese per acquisto motori ad elevata efficienza, spese per acquisto variatori di velocità.

Oneri per i quali è riconosciuta la detrazione d’imposta del 55%Interventi che limitino il fabbisogno annuo di energia per il riscaldamento degli edifici (detrazione massima 100mila euro in tre anni)
installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda sia per usi domestici che industriali, per piscine, strutture sportive, case di ricovero e cura, istituti scolastici e università (detrazione massima 60mila euro in tre anni)
sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con altri dotati di caldaie a condensazione e conseguente messa a punto del sistema di distribuzione (detrazione massima 30mila euro in tre anni)
interventi su edifici esistenti, su parti di edifici o unità immobiliari, riguardanti coperture e/o pavimenti, finestre con i relativi infissi (detrazione massima 60mila euro in tre anni).

E38, E39 e E40
          
1 - Per interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti
          2 - Per interventi sull'involucro degli edifici esistenti
          3 - Per installazione di pannelli sociali
          4 - Per sostituzione di impianti di climatizzazione invernale

Detrazione per canoni di locazione
  1. E41 - Detrazione per gli inquilini di alloggi adibiti ad abitazione principale
  2. E42 - Detrazione per canone di locazione spettante ai lavoratori dipendenti che trasferiscono la residenza per motivi di lavoro

Altre detrazioni
  1. E43 - Detrazione per spese di mantenimento dei cani guida
  2. E44 - Altre detrazioni


Gianfranco Censori

1 commento:

  1. Buongiorno,
    sto preparando il 730 precompilato e devo inserire le spese mediche. Ho trovato molti pareri discordanti e perciò vorrei avere un chiarimento su una voce spesa. Leggevo che sono detraibili le spese mediche con prescrizione medica per trattamenti svolti da ausiliari delle professioni sanitarie. Ora, io ho fatture per MASSOTERAPIA, prescritta dal mio medico curante in seguito a un trauma e che devo fare per mantenimento, praticato da un MCB (Massaggiatore Capo Bagnino degli stabilimenti idroterapici), tale figura come da regio Decreto del 31/05/1928 n.1334 rientra tra le arti ausiliarie delle Professioni Sanitarie.
    Chiedo pertanto conferma per la detraibilità di tali fatture.
    Anticipatamente ringrazio e porgo cordiali saluti.

    RispondiElimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.