mercoledì 3 marzo 2021

Pensione Sociale, Assegno sociale, Pensione Integrata al Minimo, Quattordicesima, Maggiorazioni Sociali Anno 2021

1) ASSEGNO SOCIALE

L'assegno sociale, (pensione delle casalinghe), è una prestazione di natura assistenziale riservata ai cittadini italiani che abbiano 65 anni + 7 mesi di età, ai cittadini UE residenti in Italia, e ai cittadini extracomunitari in possesso di carta di soggiorno, con un reddito pari a zero o di modesto importo.

I limiti di reddito (totale netto) per il 2021 sono pari a:
euro 5.983,64 annui se il pensionato è solo;
euro 11.967,28 annui se è coniugato.
Valori per l'anno 2021
Assegno sociale con maggiorazione: 67 anni                                    euro 460,28.-
Assegno sociale con maggiorazione: 70 anni                                    euro 651,51.- 

Requisito Anagrafico:

Anno                          Incremento presunto              Incremento                 Nuova età
                                   speranza di vita (mesi)           di un anno                  (anni e mesi)
2021                                       3                                                                     67 + 2
2022                                                                                                              67 + 2
2023                                       3                                                                     67 + 5
2024                                                                                                              67 + 5
2025                                       3                                                                     67 + 8
2026                                                                                                              67 + 8 


2) PENSIONE SOCIALE anno 2021

La pensione sociale, sostituita dall'assegno sociale dal 1/1/96, è una prestazione di carattere assistenziale concessa a 65 anni a uomini e donne, a condizione di essere cittadini italiani o extra – comunitari titolari di carta di soggiorno, di essere residenti in territorio italiano, e di non superare la soglia di 379,33 euro mensili, per un totale di 4.931,29 euro annui se il pensionato è solo, e il totale di  9.862,58 euro se cumulati con il reddito del coniuge.-

Valori per l'anno 2021
Pensione sociale                                                                                euro 379,33.-
Pensione sociale con maggiorazione: 70 anni                                   euro 651,51.-

  

3) PENSIONE INTEGRATA AL MINIMO anno 2021

Il trattamento minimo è un'integrazione che lo Stato, tramite l'Inps, corrisponde al pensionato quando la pensione, che deriva dal calcolo dei contributi, è di importo inferiore a quello che viene considerato il minimo vitale. In tal caso l'importo della pensione viene aumentato fino a raggiungere la cifra stabilita, di anno in anno, dalla legge.
Per verificare se si ha diritto all’integrazione al minimo bisogna considerare il proprio reddito personale, e  per le pensioni con decorrenza successiva al 1994 bisogna considerare anche i redditi del coniuge. Se si ha un reddito personale annuo inferiore a 6.695,91 euro e di coppia inferiore a 20.087,73 euro l’integrazione spetta sempre. Non spetta se il proprio reddito personale supera i 13.391,82 euro o se quello di coppia eccede i 26.784,64 euro all’anno. Se si hanno redditi intermedi tra il limite basso e il limite alto, l’integrazione spetta in misura parziale. L’integrazione non spetta in alcun caso a chi percepisce una pensione supplementare o una pensione calcolata esclusivamente con le regole del sistema contributivo.- 

Valori per l'anno 2021
Pensione integrata al minimo                                                 euro 515,58.-
Pensione con maggiorazione sociale ultra70enni                  euro 651,51.-


4) QUATTORDICESIMA anno 2021

Per i pensionati che hanno compiuto i 64 anni di età, ed hanno un reddito personale non superiore a 10.003,69 euro annui, spetta una somma aggiuntiva per i pensionati residenti in Italia che varia in base all'anzianità contributiva:
Anzianità contributiva fino a 15 anni                        euro 437
Anzianità contributiva da 15 a 25 anni                      euro 546
Anzianità contributiva oltre 25 anni                          euro 655 

Per i pensionati che hanno compiuto i 64 anni d’età ed hanno un reddito personale  compreso tra 10.003,69 e 13.338,00 euro spetta una somma aggiuntiva per i pensionati residenti in Italia che varia in base all'anzianità contributiva:
 Anzianità contributiva fino a 15 anni                       euro 366
Anzianità contributiva da 15 a 25 anni                      euro 420
Anzianità contributiva oltre 25 anni                          euro 504 

Lavoratori autonomi, servono 3 anni in più, quindi scaglioni da 0 a 18, da 18 a 28 e oltre 28 anni     
Nel caso in cui i 64 anni siano raggiunti nel corso dell'anno, la somma  aggiuntiva viene corrisposta in proporzione ai mesi di possesso del requisito anagrafico (il mese di compimento dell'età si valuta per intero). La stessa regola vale per le pensioni spettanti per un numero di mesi inferiore all'anno, in quanto la decorrenza è successiva al 1° gennaio.-  

Redditi da considerare e quelli esclusi. Sono da considerare nel computo i redditi assoggettabili all'IRPEF, nonché i redditi esenti da imposte e quelli soggetti a ritenuta alla fonte o ad imposta sostitutiva, compresi i redditi conseguiti all'estero o in Italia presso Enti ed organismi internazionali. Sono invece, per espressa previsione normativa, esclusi:
  • i trattamenti di famiglia comunque denominati;
  • le indennità di accompagnamento;
  • il reddito della casa di abitazione;
  • i trattamenti di fine rapporto comunque denominati;
  • le competenze arretrate sottoposte a tassazione separata.
Sono altresì da non considerare i redditi:
  • delle pensioni di guerra;
  • delle indennità per i ciechi parziali e dell’indennità di comunicazione per i sordi prelinguali;
  • dell’indennizzo previsto dalla L. 210 del 25 febbraio 1992 in favore dei soggetti danneggiati da complicanze di tipo irreversibile a causa di vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni e somministrazione di emoderivati;
  • della somma di 154,94 euro di importo aggiuntivo previsto dalla Legge n. 388 del 2000;
  • dei sussidi economici che i Comuni ed altri Enti erogano agli anziani per bisogni strettamente connessi a situazioni contingenti e che non abbiano caratteristica di continuità. 
In linea generale la somma aggiuntiva viene attribuita automaticamente dall'Inps sulla mensilità di pensione di luglio ai pensionati che sono risultati in possesso dei requisiti reddituali sopra previsti e che alla data del 31 luglio hanno un’età maggiore o uguale a 64 anni. Chi matura il requisito anagrafico richiesto dal 1° agosto in poi, la corresponsione viene attribuita in occasione del pagamento della pensione di dicembre.-


5) MAGGIORAZIONI SOCIALI

Chi vive con una sola pensione o quasi può avere qualcosa in più della pensione minima.
La legge riconosce, infatti, le cosiddette maggiorazioni sociali, che variano in base all’età del pensionato. I 70 anni richiesti si possono ridurre fino a 65, in ragione di un anno per ogni cinque di contributi  versati. Per gli invalidi totali l’età minima è di 60 anni.
Per i non coniugati il limite di reddito personale è dato dall’ammontare del trattamento minimo, più l’importo annuo della maggiorazione.
Mentre per i coniugati il reddito della coppia non deve superare il limite personale, maggiorato dell’importo dell’assegno sociale (459,83 euro mensili nel 2020). 
Quali redditi
Sia per la pensione minima che per la maggiorazione sociale, è il caso di ricordare che l’Inps considera tutti i redditi di qualsiasi natura, compresi quelli esenti o tassati alla fonte come gli interessi bancari e postali, i rendimenti da Bot e altri titoli.
Nel computo rientrano anche le rendite INAIL e gli assegni assistenziali.
In altre parole bisogna denunciare tutto con la sola eccezione dei redditi provenienti da:
  • la casa di abitazione;
  • le pensioni di guerra;
  • l’assegno di accompagno;
  • i trattamenti di famiglia;
  • i sussidi erogati da Enti Pubblici senza carattere  di continuità
Importo aggiuntivo:
da 60 a 64 anni euro 25,83.-
da 65 a 69 anni euro 82,64.-
da 70 anni in poi euro 136,44.-

Limiti di reddito anno 2021:
da 60 a 64 anni - Personale 7.038,33 - Coniugale 13.021,97.-
da 65 a 69 anni - Personale 7.776,86 - Coniugale 13.760,50.-
da 70 anni in poi-Personale 8.476,26 - Coniugale 14.459,90.- 


Normative e regolamenti in vigore negli anni passati sono reperibili nella nostra pagina sulle normative superate Pensione e Assegno Sociale.

Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it.
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

170 commenti:

  1. Salve avvocato... mia madre a novembre farà 67 anni. Ad oggi percepisce il reddito di cittadinanza. A novembre deve fare x forza la domanda x L assegno sociale di 460 euro mensili oppure può prendere la pensione di cittadinanza? È una cosa che scatta in automatico ?
    Inoltre: ai fini dell assegno sociale , il reddito di cittadinanza preso dal
    2019 influirà sul
    Conteggio dei redditi ? Oppure essendo il reddito di cittadinanza un trattamento assistenziale L inps non lo conteggerà ai fini dell assegno sociale ? Spero di essermi spiegata
    Grazie x una sua risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosa!
      Tua madre al compimento dei 67 anni d'età potrà optare o per la pensione di cittadinanza o per l'assegno sociale, ma dovrà comunque presentare apposita domanda.-
      Vi consiglio comunque di rivolgervi a un patronato per farvi consigliare al meglio sul da farsi.-

      Elimina
    2. So che x L assegno sociale c’è bisogno della domanda, però sapevo che in automatico si passasse dal reddito di cittadinanza alla pensione di cittadinanza.... non è così ? L assegno sociale è compatibile con la pensione di cittadinanza? Si possono prendere entrambi ? Certamente fino al tetto massimo
      Consentito sul reddito

      Elimina
    3. E mi sa dire se ai fini dell assegno sociale il reddito di cittadinanza preso viene calcolato come reddito oppure no? Grazie

      Elimina
    4. NO!
      Dal reddito di cittadinanza non si passa automaticamente alla pensione di cittadinanza, e l'assegno sociale non è compatibile con la pensione di cittadinanza.-

      Elimina
    5. Buonasera mia mamma è passata in automatico dal rdc a pdc ; a 66 anni percepiva il rdc, e dopo un mese dal compimento dei 67 anni, è diventato in automatico pensione di cittadinanza; consiglio comunque di sentire sempre l Inps che magari è cambiato qualcosa da un anno a questa parte ..

      Elimina
    6. Anche e me è stato detto cosi, che si passa in automatico.... il mese dopo aver fatto gli anni

      Elimina
  2. Buongiorno dottore, se è l’assegno sociale trasferibile al estero? E un altra domanda, quante settimane può strade fuori Italia??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      L'assegno sociale non è trasferibile all'estero, e se può restare all'estero al massimo fino ad un mese, se non si vuole perdere l'indennità.-

      Elimina
  3. Fino ad un solo mese in un anno?? E deve comunicare inps della partenza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fino ad un solo mese all'anno è il massimo previsto dalla legge, e comunque ci deve essere una motivazione valida a giustificazione dell'assenza perché altrimenti l'INPS potrebbe revocare la pensione.-
      E' comunque consigliabile comunicare preventivamente all'INPS il periodo di assenza dall'Italia e la motivazione.-

      Elimina
  4. Buonasera Dottore, volevo cortesemente un'informazione
    un pensionato sociale puo', vista l'esigua somma percepita, per vivere piu' dignitosamente, fare durante l'anno delle collaborazioni occasionali,naturalmente dichiarandole e non oltrepassare la cifra di euro 5000? Se si cosa succede agli importi della pensione? Grazie anticipatamente per la risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosalba!
      Purtroppo anche i redditi conseguiti da collaborazioni occasionali vanno dichiarati all'INPS e comportano una conseguente riduzione dell'assegno sociale, quindi il reddito effettivo disponibile non cambia.-

      Elimina
  5. maggiorazioni sociali
    da 70 anni in poi-Personale 8.469,63 - Coniugale 14.447,42.-

    Buongiorno Dottore ,nei reddito personale rientra anche l'assegno sociale con entrambi i coniugi over settantenni?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valori per l'anno 2020
      Assegno sociale con maggiorazione: 67 anni euro 459,83.-
      Assegno sociale con maggiorazione: 70 anni euro 651,51.-

      Elimina
  6. Buonasera Dottore
    Volevo porle una domanda...
    Mia madre 69 anni percepisce la pensione sociale... Il nucleo familiare è composto da lei e me(figlio) disoccupato...
    Vivevamo in una casa di proprietà intestata a me e mia madre aveva l'usufrutto... Ora questa casa l'abbiamo venduta e ci siamo trasferiti in affitto...
    Il ricavato dalla vendita dell' immobile è su un conto bancario intestato a me...
    Con questa procedura si può rischiare di perdere la pensione di mia madre? O magari al contrario potremmo riuscire ad ottenere qualche maggiorazione per quanto riguarda l'affitto?
    Grazie per la risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vendita della casa non comporta alcun rischio per la pensione sociale di tua madre, ma non comporta nemmeno alcun beneficio.-

      Elimina
    2. Perfetto! Grazie mille!

      Elimina
    3. chiedo scusa dottore , ma l'inps non potrebbe dire ora consumati quei soldi e dopo rifai la domanda per la pensione sociale ?

      Elimina
    4. NO!
      Se il conto bancario è intestato solo a te, l'INPS non può togliere la pensione a tua madre.-

      Elimina
  7. Buona sera DOTTORE o 76 anni ricevo assegno sociale..nel 2020.mi dissero,che no era piu nesessario fare dichiarazione .e cosi anche nel 2021?.grazie...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai la registrazione su spid , dopo entra nel tuo cedolino sul sito dell'inps e vedrai che è obbligatorio
      tutti gli anni fare sia la dichiarazione di responsabilita' ma anche quella reddituale

      Elimina
    2. Salve dottore mio padre aspetta arretrati di una ricostituzione reddituale di assegno sociale del valore di 3.000 euro.avendo debiti con ufficio delle entrate possono essere pignorati.grazie

      Elimina
    3. Dipende dall'origine dei debiti di tuo padre, nel senso che se erano con l'INPS o comunque l'INPS ne è stata informata, tratterranno l'importo per portarlo in compensazione.-

      Elimina
  8. Usufruisco dell'ape social euro 9.00 mia moglie 66 anni può percepire da casalinga la sociale
    Di

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assegno sociale:
      Il limite di reddito è pari a 5.983,64 euro annui e 11.967,28 euro, se il soggetto è coniugato.-

      Elimina
  9. Buonasera, volevo porLe una domanda. Sono una signora di 52 anni ho lavorato regolarmente presso un'azienda per 18 anni. Esattamente dal 01/09/2000 al 31/12/2018. Successivamente ho percepito la NASpi per un periodo di 2 anni. Poichè a livello contributivo non ho raggiunto il minimo necessario dei versamenti contributivi volevo chiederle se in attesa di trovare una nuova occupazione, posso versare i contributi volontari e se eventualmente mi conviene anche a livello economico. La ringrazio e Le porgo i miei più cordiali saluti. Mariagrazia Menga

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il diritto della pensione integrata al minimo con 20 anni di contributi (attualmente di 515.58 €) vi mancano 2 anni di contributi . Penso che non vi conviene di pagare i contributi volontari perchè per andare in pensione deve comunque attendere altri 15 anni .

      Elimina
  10. Buongiorno Dottor Censori
    volevo chiedervi se l'agenzia delle entrate rimborsa una piccola somma di un 730 gia'gia nella fase di lavorazione LIQUIDATO anche sull'IBAN di un libretto postale normalmente dichiarato sul sito dellAdE GRAZIE

    RispondiElimina
  11. Buongiorno Dottor Censori. Mia madre sta facendo richiesta All'INPS per la pensione sociale. Attualmente non percepisce alcun reddito ma ha 1 casa di proprietà in cui vive e due casette ereditate dai nonni in un paesino di campagna, il cui valore è veramente irrisorio. Il primo CAF a cui si è rivolta le ha detto che l'Inps scalera dall'importo della pensione sociale 60 euro per la proprietà di queste due case mentre secondo un altro CAF la cifra che verrà scalata dal totale è pari a 180 euro. A chi dobbiamo credere?
    Ringrazio anticipatamente per l'attenzione.
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca!
      Per i fabbricati iscritti in catasto, la base imponibile è rappresentata dalla rendita catastale dell'immobile, rivalutata del 5% + 60% (oppure rendita catastale + 68%).-

      Elimina
  12. Buongiorno dottore Censori, mi chiamo Antonietta ho 67 anni compiuti a dicembre 2020 ho fatto richiesta di pensione sociale e quindi a febbraio mi è stata accreditata la somma di euro 473.20 mensili. Ora io mi domando? Come mai non percepisco 515 euro visto che il reddito isee è zero e non posso accedere a nessun prestito anche minimo, perché mi viene risposto che la pensione sociale non è pignorabile ed è bassa, però se arrivava a 515 euro era possibile ottenere un finanziamento. Mi può dare chiarimenti, grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonietta!
      Il minimo di 515 euro spetta sulle pensioni di vecchiaia, a chi cioè ha versato almeno 20 anni di contributi all'INPS.-

      Elimina
    2. Grazie Dottor Censori molto gentile,volevo chiederle se è vero che raggiunti i 70 anni la pensione sociale verrà rivalutata e passa a 600 euro e dispari (non ricordo bene la somma),. Grazie e buona serata

      Elimina
    3. Ciao Antonietta!
      SI!
      Al compimento dei 70 anni d'età l'importo dell'assegno sociale arriverà a circa 650 euro mensili.-

      Elimina
    4. Grazie Dottor Censori, gentilissimo e molto chiaro nelle risposte un saluto alla prossima.

      Elimina
    5. Ciao Antonietta!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  13. Buongiorno Dottor Censori
    l'assegno sociale fà reddito ( coniugi over settantenni) per la richiesta della maggiorazione sociale dello stesso assegno sociale o per la maggiorazione della pensione integrata al minimo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Sia per la pensione minima che per la maggiorazione sociale, è il caso di ricordare che l’Inps considera tutti i redditi di qualsiasi natura, compresi quelli esenti o tassati alla fonte come gli interessi bancari e postali, i rendimenti da Bot e altri titoli.
      Nel computo rientrano anche le rendite INAIL e gli assegni assistenziali.-

      Elimina
    2. Grazie Dottore
      Allora . io prendo solo la pensione integrata al minimo e non ho altri redditi , mia moglie prende l'assegno sociale ridotto , abbiamo una piccola casa con residenza ,ci spetta la maggiorazione sociale sul limite di 14447 € ?

      Elimina
    3. Se tua moglie prende l'assegno sociale ridotto presumo che la maggiorazione sociale la prendi tu, ed in tal caso spetta solo a uno dei due coniugi.-

      Elimina
  14. BUONA SERA ho 22 anni lavorati in ungheria e un anno in italia sono nata il 15 nov 1954 ho dirrito alla pensione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dimenticato ,sono residente di 20 anni in italia

      Elimina
    2. Per il periodo lavorato in Ungheria non so se hai diritto alla pensione di vecchiaia da parte dell'Ente previdenziale ungherese, mentre per l'Italia con un anno di contributi non hai diritto alla pensione di vecchiaia, ma eventualmente all'assegno sociale se rientri nei limiti di reddito personale e coniugale.-

      Elimina
  15. Buongiorno Dott. Censori, ho 62 anni e disoccupata da 13 anni. Mi interessava sapere se avendo quasi 15 anni di contributi maturati entro il 2008, potrei versare i contributi come casalinga fino al raggiungimento della pensione. Attualmente abito con la mamma ultraottantenne in attesa di pensione di reversibilità del papà che è venuto a mancare da una ventina di giorni e che percepiva una pensione al minimo dei commercianti. Resto in attesa di una sua risposta e la ringrazio anticipatamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Per ottenere l'autorizzazione al versamento di contributi volontari il lavoratore deve dimostrare di essere in possesso di almeno 5 anni di contributi (260 contributi settimanali ovvero 60 contributi mensili) indipendentemente dalla collocazione temporale dei contributi versati o di almeno 3 anni di contribuzione nei cinque anni che precedono la data di presentazione della domanda.-

      Elimina
    2. Ciao Antonella!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
    3. Buonasera dott. Censori, mi interessava saper anche se questi contributi come casalinga vengono sommati con quelli lavorativi. Ad esempio, avendone già quasi 15 anni, se ne pago 6 anni negli ultimi 3 anni che mi restano, raggiungo quota 20 o sono calcolati diversamente? Grazie e buon fine settimana

      Elimina
    4. Ovviamente i 15 anni sono lavorativi, misti tra dipendente e commerciante

      Elimina
    5. Ciao Antonella!
      Non c'è problema!
      I contributi volontari andranno a sommarsi ai contributi versati da lavoro da lavoro dipendente e da commerciante.-

      Elimina
  16. Buonasera dott, percepisco 470 euro pensione sociale,,, nn ho alcun reddito ho 69 anni,, ho diritto ad integrazione al minimo.?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'integrazione al minimo non è prevista sulla pensione sociale ma solo sulla pensione di vecchiaia; comunque avrai diritto alla maggiorazione al compimento dei 70 anni d'età.-

      Elimina
  17. Salve, sono un cittadino italo rumeno ed abito in Italia con mia moglie ed entrambi percepiamo l'assegno sociale.

    Vi sto scrivendo per chiedervi un chiarimento circa la sospensione dell'assegno sociale dopo 29 giorni di soggiorno in Romania.

    Mi sto organizzando di andare nel mio paese di origine per delle cure dentali e dovrò assentarmi dall'Italia massimo 10 giorni ogni mese per un totale di 4 mesi, quindi in tutto circa 40 giorni in quattro mesi. Inoltre, in questi viaggi mi accompagnerà mia moglie che anch'ella soggiornerà insieme a me in Romania.

    Volevo sapere se la sospensione scatta nel momento che supero 29 giorni continuativi all'estero oppure fanno l'accumulo di tutti i giorni anche se scaglionati in diversi mesi?

    Purtroppo non riesco a trovare la normativa che ne parla.

    Io ho letto su vari forum online che si puo uscire dall'Italia massimo 29 giorni all'anno oppure ogni tre mesi ma non so se è vero e non so come regolarmi con i giorni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In caso di trasferimento all'estero l'Inps ribadisce, che la prestazione deve essere sospesa se il cittadino rimane all’estero per più di 29 giorni, salvo che il soggiorno non sia dovuto a gravi motivi sanitari documentati. Il periodo suddetto deve intendersi come continuativo. Pertanto, se la durata della permanenza all'estero è uguale o inferiore a 29 giorni continuativi, non si deve procedere alla sospensione e, di conseguenza, la prestazione non sarà recuperata (ad esempio, non si procederà a sospensione in caso di permanenza all’estero dal 1° aprile al 29 aprile o dal 16 aprile al 14 maggio).-

      Elimina
  18. La ringrazio per la sua risposta.
    Quindi, se ho capito bene, qualora io vada all'estero ogni tanto e sommando il totale di quante volte ho viaggiato all'anno superassero i 29 giorni, l'assegno sociale non si dovrebbe interompere perché la mia permanenza non è stata superiore di 29 giorni continuativi. Spero di aver capito bene.

    RispondiElimina
  19. Buongiorno dottore,ho fatto domanda di assegno sociale,ho compiuto 67anni il 4marzo corrente mese,e mi e' stata respinta perche' non ho l'eta' ....grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonio!
      Nell'anno 2021 si ha diritto all'assegno sociale al compimento dei 67 anni + 2 mesi d'età anagrafica.-

      Elimina
  20. Buongiorno
    Non ho nessun reddito e sono sola , non ho una casa e ora vivo ospite , ma ho un locale artigianale che sto cercando assolutamente di vendere o meglio svendere visto che non riesco a pagarci l imu , ora se lo vendo i soldi che ricavo mi impediranno di ottenere l assegno sociale? L inps mi ha detto che vengono calcolati solo gli interessi che i soldi procurano, quindi praticamente quasi niente , anche qua l ho letto ma ho letto pure che c è il rischio che l inps poi sospenda invece l assegno sociale e praticamente uno deve vivere, mangiare e pagare, nel mio caso,l affitto per una casa e finire quel risparmio per ottenere poi l assegno sociale, ma se la legge dice che vengono calcolati solo gli interessi che i soldi producono sarebbe un abuso da parte dell inps , non capisco come può l inps fare una cosa praticamente contro una disposizione di legge , ma ho letto qua sopra cosi..ci sarebbero i presupposti per fare causa ,o no ?
    Inoltre vorrei sapere se vendo questa unica cosa che posseggo , l' anno in cui vendo la cifra che ottengo dalla vendita fa reddito ai fini della richiesta per l 'assegno sociale ? L inps mi ha detto di sì,per quell anno fa reddito, da altre parti ho letto invece che fa reddito solo se c è una plusvalenza, cosa che nel mio caso non c è ...insomma possibile che in Italia è sempre tutto confuso e poco chiaro ? Le sarei davvero grata se mi dicesse qualcosa a riguardo di tutto questo perché per me è molto importante
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mentre la pensione di vecchiaia è legata ai contributi versati, quindi è un diritto acquisito senza vincoli, l'assegno sociale è un tipo di sostegno di carattere economico a carico dello stato, destinato a chi non ha ne redditi ne patrimonio.-
      La normativa prevede che se si possiede un immobile, esclusa la prima casa di residenza, si può vendere l'immobile e vivere per un periodo con il ricavato dalla vendita e una volta esaurito il tutto si potrà richiedere l'assegno sociale.-

      Elimina
  21. Grazie per la risposta
    Quindi le informazioni che mi hanno dato all inps sono sbagliate , loro mi hanno detto che vengono calcolati come reddito personale , ai fini dell assegno sociale solo gli interessi che i soldi rendono , io ho chiesto proprio " ma dovrei finire tutti i risparmi per ottenere l assegno sociale? " loro mi hanno detto di no
    Quindi hanno sbagliato in due a dirmelo, perché l ho chiesto a due persone diverse
    Ma come si può dare un informazione sbagliata ? All inps poi??
    Comunque io capisco che se una persona ha dei soldi non è indigente ma se non ha niente altro, ZERO entrate e non è riuscita a lavorare abbastanza e versare sufficienti contributi da ottenere una pensione, e ha pochi risparmi frutto di sacrifici di un lavoro poi andato male , non trovo affatto giusto debba finire quei pochi risparmi per mangiare e per pagarsi un affitto , ma lei mi dice che è cosi
    Anche leggendo poi sul sito dell inps mi pare di capire che per i requisiti per assegno sociale c è scritto che vengono calcolati quale reddito personale gli interessi da depositi bancari , Bot ecc ...lei è proprio sicuro? Mi scusi , ma sono confusa per le discordanze delle informazioni, sa com è in Italia , niente è mai sicuro al 100%
    La ringrazio per l attenzione

    RispondiElimina
  22. Aggiungo una cosa..l assegno sociale è circa 460 euro al mese , ora io senza una casa dovrei riuscire a viverci pagandoci pure un affitto?? E senza un soldo da parte perché mi obbligano a finirli tutti per poter richiedere 460 euro al mese?? Mi pare un po' assurdo ...mi scusi ..è che questa cosa mi preoccupa, perché non è che stiamo parlando di risparmi di 100mila euro o oltre..dipenderà o no dalla consistenza dei risparmi ? Per questo forse si parla di interessi che producono
    Sono prolissa ..perché sono agitata
    Cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna!
      La normativa in materia è piuttosto controversa e si presta a interpretazioni diverse anche da parte di singoli funzionari dell'INPS.-
      Il problema è che se si ha solo la prima casa di residenza non ci sono problemi perché non fa reddito, come non fa reddito una piccola cifra depositata in banca, diverso invece è il discorso per altri immobili o per depositi bancari consistenti.-

      Elimina
    2. Grazie , lei è molto disponibile
      Certo è da vedere quale cifra poi viene considerata consistente!! Anche in base ad " altro " perché come le dicevo se non ho una casa e non ho altri redditi mi devo pagare l affitto e devo vivere ... Comunque come le dicevo in Italia molte normative infatti sono controverse purtroppo e uno spesso non sa come barcamenarsi, infatti io ancora non lo so cosa fare
      Le auguro buona giornata

      Elimina
    3. Ciao Anna!
      Presentare una domanda all'INPS non costa nulla quindi ti consiglio di presentarla comunque visto che te lo hanno consigliato anche gli stessi funzionari dell'INPS, e nella peggiore delle ipotesi ti verrà respinta; l'importante è che dichiari tutto quello che devi dichiarare.-

      Elimina
  23. Buongiorno,
    fino al 31/12/2020 prendevo pensione sociale di circa 651,00 euro (comprensiva di maggiorazione sociale perché ultrasettantenne), Dal 01/01/2021 mi hanno ridotto la pensione a 486,00 euro perché da tale data anche mia moglie prende la pensione sociale, peccato che mia moglie prende l'assegno ridotto di 279,00. Facendo i calcoli le nostre pensioni sommate ci danno un reddito annuo di 9.945,00 euro che mi risulta essere inferiore al reddito coniugale minimo stabilito per legge di 11.967,00 euro. Cosa devo fare per farmi ripristinare la pensione di 651,00 euro? La ringrazio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La maggiorazione sociale spetta solo a uno dei due coniugi e non ad entrambi, e l'importo ridotto dell'assegno sociale di tua moglie presumo che sia dovuto alla presenza di altri redditi; vi consiglio comunque di rivolgervi a un patronato per una verifica della vs. situazione reddituale ed eventuale ricorso.-

      Elimina
    2. La ringrazio per la risposta, non abbiamo nessun altro reddito nessun, solo entrambi la pensione sociale e solo io avevo la maggiorazione. Devo farmi fare una ricostituzione?

      Elimina
    3. SI!
      Ti consiglio di rivolgerti a un patronato per farti fare una ricostituzione.-

      Elimina
  24. Buongiorno dottore,
    sono una donna di 61 anni, sono in naspi da quasi 2. Il patronato aveva calcolato che raggiungerò la pensione anticipata nel 2027 con un valore di circa 1900 euro lordi mensili. Mi è stata però diagnosticata una malattia per la quale dovrebbe essermi riconosciuta una invalidità superiore al 70%.
    Se così fosse, avendo tutti gli altri requisiti, e maturassi il diritto all'assegno ordinario di invalidità, questo sarebbe più o meno come la pensione ( e poi si trasformerebbe in pensione di vecchiaia quando ci arrivo)? Mi pare di capire che mi convenga fare così piuttosto che andare in opzione donna e tagliare tantissimo il valore ( ad oggi mi dicevano circa 1250 euro)
    Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La simulazione di calcolo della pensione anticipata è poco attendibile perché parliamo di quello che potrebbe succedere tra 6 anni, nel senso che la normativa potrebbe nel frattempo cambiare, e bisogna vedere anche che tipo di contribuzione è stata prevista per i prossimi anni.-
      L'assegno ordinario di invalidità ti verrebbe calcolato in base ai contributi versati a tutt'oggi, ovviamente se ne avrai i requisiti di legge; ti consiglio comunque di rivolgerti al patronato per valutare le varie opzioni possibili.-

      Elimina
  25. buonasera dott censori mia mamma prende la pensione di euro 6685 lordi al mese di vecchiaia e la reversibilta di mio padre di euro 10217 ,imponibile totale 16913 gli spetta la maggiorazione sociale ha piu di 80 anni aspettando una sua risposta ringrazio anticipatamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Maggiorazione sciale:
      Limiti di reddito anno 2021:
      - da 60 a 64 anni - Personale 7.038,33 - Coniugale 13.021,97.-
      - da 65 a 69 anni - Personale 7.776,86 - Coniugale 13.760,50.-
      - da 70 anni in poi-Personale 8.476,26 - Coniugale 14.459,90.-

      Elimina
    2. Dottor Censori nel reddito personale è compreso anche i redditi non soggetti a irpef ?

      Elimina
    3. Sia per la pensione minima che per la maggiorazione sociale, è il caso di ricordare che l’Inps considera tutti i redditi di qualsiasi natura, compresi quelli esenti o tassati alla fonte come gli interessi bancari e postali, i rendimenti da Bot e altri titoli.
      Nel computo rientrano anche le rendite INAIL e gli assegni assistenziali.
      In altre parole bisogna denunciare tutto con la sola eccezione dei redditi provenienti da:
      - la casa di abitazione;
      - le pensioni di guerra;
      - l’assegno di accompagno;
      - i trattamenti di famiglia;
      - i sussidi erogati da Enti Pubblici senza carattere di continuità.-

      Elimina
  26. Buongiorno dottore sono un pensionato con pensione minima artigiani ho un figlio minore prendo un aassegno famigliare di €10.50 cosa pensa lei avrò diritto al famoso assegno unico che dovrebbero dare dal 1 luglio per i figli minori di 21 anni? Grazie mille buona giornata

    RispondiElimina
  27. La mia pensione minima e di 515€

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Presumo di SI!
      Comunque la legge è stata approvata dal Parlamento, ma mancano le norme attuative che stabiliscano i requisiti per il diritto all'assegno unico.-

      Elimina
    2. Ok grazie mille e buona Pasqua

      Elimina
    3. Prego!
      Buona Pasqua anche a te e a tutti i visitatori e le visitatrici del blog!

      Elimina
  28. Buongiorno Dott.Gianfranco Censori,le chiedo se fosse possibile capire se l'esenzione ticket sanitario cod.E03 e' legato a un reddito isee e con quali limiti, oppure se sa il motivo perche' non e' stato rinnovato a mia mamma di 86 anni(pensione sociale) e anche a tante persone. Regione Campania. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sergio!
      Se sei sicuro di aver diritto all'esenzione E03 ma il tuo medico di base ti dice di non aver ricevuto alcuna comunicazione, allora recati in ASL. Lì ti faranno compilare un’autocertificazione di reddito con cui dichiari di essere titolare di pensione sociale o assegno sociale, per te e i tuoi familiari a carico.-

      Elimina
  29. Buongiorno dr Censori,, nel marzo 2017 ho fatto richiesta, tramite caf,di assegno sociale, richiesta respinta dall'Inps. Nel febbraio 2021 la Corte d'Appello di milano ha ricosciuto il mio diritto a percepire tale assegno a partire dal marzo 2017 più interessi. dal giugno 2019 percepisco la pensione di cittadinanza. Pensavo che gli arretrati andassero dal marzo 2017 al giugno 2019. Ora l'INPS mi ha accreditato la somma di E 23000,00 al 7/4/21. Non vorrei fosse più del dovuto e dover trovarmi poi a restituire degli importi. Mi sa dire qualcosa. Grazie.

    RispondiElimina
  30. Scusi, sono Riccardo. Ho dimenticato di scrivere la mia età: 73 anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Riccardo!
      Presumo che tra un anno o due dovrai restituire la maggior parte della somma che hai percepito, perché quando ti è stato fatto il calcolo della pensione di cittadinanza non percepivi l'assegno sociale, ti consiglio quindi di consultare la sede INPS di zona per farti consigliare al meglio sul da farsi.-

      Elimina
  31. Buona sera dott. Censori
    ho 60 anni e percepisco l'assegno di invalidità ordinaria IO_ART da 4 anni ,1 anno fà ho passato un'altra visita medica dall'inps e mi è stato rinnovato , i miei contributi attuali sono di circa 42 anni , attualmente durante l'anno lavoro a tempo determinato e i miei contributi gradatamente aumentano .

    la mia domanda : QUANDO I MIEI CONTRIBUTI ARRIVERANNO A 42 ANNI E 10 MESI POSSO FARE LA DOMANDA PER LA TRASFORMAZIONE DELLA MIA PENSIONE DA assegno invalidità ordinario io_art
    a PENSIONE ANTICIPATA NEL REGIME CONTRIBUTIVO A QUALSIASI ETA? GRAZIE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Al compimento dell'età pensionabile l'assegno ordinario di invalidità viene trasformato d'ufficio in pensione di vecchiaia.-

      Elimina
    2. grazie Dott. Censori
      allora devo smettere di lavorare perchè è inutile aumentare i contributi da 42 anni a 42anni e 10 mesi
      in quanto lei mi ha fatto capire che andro' in pensione definitiva a 67 anni , giusto ?

      Elimina
    3. La pensione di vecchiaia verrà ricalcolata tenendo conto dei contributi versati successivamente al riconoscimento dell'assegno ordinario di invalidità.-

      Elimina
  32. Dottore salve dopo un periodo come dice l'INPS di lavoro le premetto non esiste contratto lavorativo e ne firma dice che per il periodo lavorativo di ben 7 mesi con un reddito ascoltate bene di 140,00 euro mi ha cancellato la pensione di inabilita' ho fatto ricorso amministrativo e nessuno risponde intanto con 500 euro al mese potevo alimentarsi se così possiamo dire ma come si può comportare così un ente non vede che non è veritiero il periodo di lavoro e come si può togliere un sostentamento a una persona inabili sono 4 mesi che non percepisco più nulla è non mi hanno nemmeno incrementata la carta del reddito di cittadinanza che percepisce mio figlio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo l'unico consiglio che posso darti è quello di rivolgerti ai servizi sociali del tuo Comune di residenza per richiedere un qualche tipo di sostegno di carattere economico.-

      Elimina
  33. Buonasera Dottore, a giugno compio 66 anni, non ho contributi versati e essendo rimasta vedova da una ventina di giorni volevo chiederle a quanto potrebbe ammontare la reversibilità o quale altro tipo di prestazione mi converebbe richiedere.
    Mio marito percepiva una pensione voarts di € 438,00 e una rendita svizzera di € 75,00.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al momento puoi richiedere solo la pensione di reversibilità che è pari al 60% della pensione di tuo marito, poi al compimento dei 67 anni, in assenza di altri redditi, potrai richiedere l'assegno sociale per differenza.-

      Elimina
    2. Grazie per la risposta, ho però un dubbio.
      Essendo il 60% di € 438.00 pari a € 262.80 posso chiedere l'integrazione al minimo o devo aspettare il compimento dei 67 anni per farlo? Inoltre la rendita Svizzera più la reversibilità mi danno diritto per differenza all'assegno sociale?

      Elimina
    3. Devi aspettare il compimento dei 67 anni per richiedere o l'integrazione al minimo o l'assegno sociale per differenza in base alla convenienza.-

      Elimina
    4. Grazie mille Dottore per la disponibilità e buon lavoro.

      Elimina
  34. Buona sera Dottore
    Quanti limiti di reddito bisogna rispettare per prendere la maggiorazione sociale della pensione integrata minimo di 515.58 € per un over settantenne ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Limiti di reddito anno 2021:
      - da 60 a 64 anni - Personale 7.038,33 - Coniugale 13.021,97.-
      - da 65 a 69 anni - Personale 7.776,86 - Coniugale 13.760,50.-
      - da 70 anni in poi-Personale 8.476,26 - Coniugale 14.459,90.-

      Elimina
    2. chiedo scusa dottore che significa personale ,forse si riferisce al solo importo della pensione ?

      Elimina
    3. Sia per la pensione minima che per la maggiorazione sociale, è il caso di ricordare che l’Inps considera tutti i redditi di qualsiasi natura, compresi quelli esenti o tassati alla fonte come gli interessi bancari e postali, i rendimenti da Bot e altri titoli.
      Nel computo rientrano anche le rendite INAIL e gli assegni assistenziali.
      In altre parole bisogna denunciare tutto con la sola eccezione dei redditi provenienti da:
      - la casa di abitazione;
      - le pensioni di guerra;
      - l’assegno di accompagno;
      - i trattamenti di famiglia;

      Elimina
    4. la ringrazio dottore , quindi rientrano anche i redditi esenti da irpef tipo l'assegno sociale

      Elimina
  35. L'assegno sociale e' computato anche nel reddito personale oltre che per quello coniugale in quanto sono sposato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Ai fini del diritto e quindi del calcolo dell'assegno sociale contano sia il reddito personale che quello coniugale.-

      Elimina
  36. Buonasera mia mamma ha 74 anni percepisce una pensione di reversibilità di € 517,00 per 13 mensilità più la quattordicesima . La sua pensione però e' piu' bassa di chi prende la sociale e ed ha più di 70 anni, non le spettano le maggiorazioni sociali?.Grazie mille Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna!
      A tua madre spettano le maggiorazioni sociali se rientra nei limiti di reddito previsti dalla legge:
      Limiti di reddito anno 2021:
      - da 60 a 64 anni - Personale 7.038,33 - Coniugale 13.021,97.-
      - da 65 a 69 anni - Personale 7.776,86 - Coniugale 13.760,50.-
      - da 70 anni in poi-Personale 8.476,26 - Coniugale 14.459,90.-

      Elimina
  37. Buongiorno dottore, vorrei sapere se una persona che oercepisce l’assegno sociale per partire nel suo paese origine deve comunicare al inps o risulterà lo stesso appena atraversa la frontiera?? E per quanto può rimanere?? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si può ritornare nel Paese di origine e ci si può quindi assentare dall'Italia al massimo per un mese, altrimenti l'assegno sociale viene revocato.-

      Elimina
    2. Avvocato un altra domanda: la signora ha 73 anni e se può fare la domanda per la pensione anzianità per percepire un tantum nel suo paese d’origine.. che requisiti deve avere??

      Elimina
    3. Non pensione anzianità ho sbagliato. Pensione vechiaia?? Se può passare dalla pensione sociale alla pensione vechiaia

      Elimina
    4. Si può passare dall'assegno sociale alla pensione di vecchiaia se ci sono almeno 20 anni di contributi, e bisogna comunque valutare se è conveniente a livello economico.-

      Elimina
    5. Non ci sono 20 anni di contributi anzi meno di 10 anni di contributi. La signora voleva sapere se poteva qualche somma ricevere nel paese d’origine

      Elimina
    6. Non esistono convenzioni tra l'Italia e la Giorgia a livello pensionistico quindi non si possono cumulare i contributi versati nei 2 Paesi, e purtroppo non sono a conoscenza della normativa georgiana in materia.-

      Elimina
  38. Grazie per la sua disponibilità.

    RispondiElimina
  39. Buongiorno Dottor Censori , sono percettore di assegno sociale 70 enni ,Le chiedo se devo presentare lo stesso ogni anno ISEE . Grazie
    Lucio


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucio!
      L'ISEE è necessario presentarlo annualmente solo se si richiedono delle agevolazioni per le quali è richiesto.-

      Elimina
  40. Ho 78 anni prendo l'assegno sociale di circa 650+80 euro ogni due mesi- ho diritto a qualche contributo??? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A livello nazionale non è previsto altro ti consiglio quindi di rivolgerti ai servizi sociali del tuo Comune di residenza per verificare se è previsto qualcosa a livello locale.-

      Elimina
  41. Buongiorno dott.Censori,in famiglia siamo tre ,io mio marito e mio fratello.Io e mio fratello prendiamo l' assegno sociale di 460ciascuno,mio marito a giugno compie 67 anni, prenderà anche lui l' assegno sociale da 460?
    Noi in famiglia non abbiamo nessun altro tipo di reddito.
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Anche tuo marito al compimento dei 67 anni + 2 mesi avrà diritto all'assegno sociale di 460 euro.-

      Elimina
  42. Salve dottor Censori, percepisco la naspi, fino a fine giugno, sono (ero)un lavoratore stagionale in un teatro, quando termino, che domanda posso fare?siamo un nucleo familiare di 4 persone (2 bambine) se può consigliarmi, visto che lei è una persona seria e competente. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni tipo di agevolazione è legata al valore dell'ISEE familiare, ti consiglio quindi di consultare i servizi sociali del tuo Comune di residenza per verificare quello che è previsto nella tua situazione specifica sia a livello statale che a livello locale.-

      Elimina
  43. Buongiorno dott. Censori
    sono iscritta alla gestione lavoratori dipendenti dal maggio 1992.
    Il consulente mi ha detto che, dato che ho meno di 18 anni di contributi al 1995 e almeno 15 anni versati di cui 5 effettivi dopo il 1995, potrò esercitare l'opzione al contributivo e accedere alla pensione anticipata contributiva a 64 anni con 20 anni di contributi. E' vero ? Per averla devo pagare qualcosa o iscrivermi a gestione separata? Io taglierei abbastanza quella calcolata con il misto ma la anticiperei di qualche anno .

    Grazie mille per la risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco quali sono i requisiti previsti per la pensione anticipata contributiva:
      La pensione anticipata contributiva rappresenta per il lavoratore una delle alterative che consentono l’accessibilità a un piano di pensionamento anticipato. In particolare, ci riferiamo ai lavoratori che non possiedono una contribuzione accreditata al 31 dicembre 1995. Nello specifico, occorre aver perfezionato i seguenti criteri, tra cui:
      - aver raggiunto un’età anagrafica almeno di 64 anni, requisito invariabile per uomini e donne. Tale requisito anagrafico resta disponibile senza ulteriori variazioni sino al 31 dicembre 2022. Per i bienni successivi è previsto l’adeguato all’aspettativa di vita.
      - un’anzianità contributiva minima di anni 20 (esclusi i contributi figurativi);
      - un assegno pensionistico non minore a 2,8 volte dell’importo mensile dell’assegno sociale, corrispondente nel 2020 a 1.287,52 euro.-

      Elimina
    2. Grazie mille per la risposta ma se avessi contributi in gestione separata potrei chiedere il computo in gestione separata e dunque accedere alla pensione anticipata contributiva pur avendo contributi ante 1995? Non ho capito questo

      Elimina
    3. SI!
      Si può chiedere la pensione anticipata contributiva con i contributi versati nella gestione separata anche ante 1995.-

      Elimina
  44. Buongiorno Dottor Censori
    Ho 69 anni ,sono coniugato, prendo l'assegno sociale mensile con redditi 0 sia io che mia moglie , quando arrivo a 70 anni mi spetta l'aumento dell'assegno sociale ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Valori per l'anno 2021
      Assegno sociale con maggiorazione: 67 anni euro 460,28.-
      Assegno sociale con maggiorazione: 70 anni euro 651,51.-

      Elimina
    2. grazie Dottore quanto tempo prima posso andare dal Caff per fare la domanda ?

      Elimina
    3. Puoi andare al patronato subito dopo il compimento dei 70 anni d'età.-

      Elimina
    4. La ringrazio tanto , Buona Domenica

      Elimina
  45. Salve,sono una badante rumena,ho la pensione in Romania e a breve devo prenderla anche in italia visto che ho compiuto 67 anni,vorrei sapere se ho il diritto anche all asegno sociale e cosa devo fare per riceverlo.Grazie !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'assegno sociale è alternativo alla pensione di vecchiaia ti consiglio quindi di rivolgerti a un patronato per farti consigliare al meglio sul da farsi in base alla tua specifica situazione contributiva.-

      Elimina
  46. Buonasera dott. Censori, a luglio del 2020 abbiamo inoltrato la domanda per l'indennità di accompagnamento per mio padre già invalido al 100%. A fine gennaio di quest'anno mio padre è deceduto senza essere stato convocato alla relativa visita di accertamento quindi abbiamo richiesto quello post mortem. Ieri ci è arrivata la comunicazione dell'accettazione dell'indennità Premetto che non abbiamo proceduto a fare la successione perchè mio padre non ha lasciato alcuna eredità però adesso che è sopraggiunta questa nuova condizione, per poter riscuotere questi ratei maturati, si dovrà fare? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Non è necessaria la successione ma nella domanda dei ratei maturati e non riscossi da presentare all'INPS va autocertificato l'elenco degli eredi, e sarebbe quindi meglio presentare un'unica domanda tutti insieme.-

      Elimina
    2. Grazie mille dott. Censori e alla prossima

      Elimina
    3. Ciao Antonella!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  47. Buongiorno dottore, per gli stranieri extracomunitari con quale pensione si può stare più di un mese fuori Italia ??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con la pensione di anzianità o di vecchiaia, cioè maturata con i contributi versati in Italia, si può andare all'estero e restarci tutto il tempo che si vuole.-

      Elimina
    2. Buongiorno Dottor Censori
      anche con la pensione contributiva integrata al minimo,
      si può andare all'estero e restarci tutto il tempo che si vuole ?

      Elimina
    3. NO!
      Il trattamento minimo, più precisamente l’integrazione della pensione al trattamento minimo, pur consistendo in un aumento di una prestazione di previdenza, ad esempio della pensione di vecchiaia o anticipata, è una prestazione di assistenza.
      Non spetta, difatti, sulla base della contribuzione accreditata, ma unicamente sulla base del reddito del pensionato. In poche parole, è un aiuto pubblico e non una prestazione previdenziale, o assicurativa. Lo stesso vale anche per l’incremento al milione e per le maggiorazioni sociali in genere: sono tutte prestazioni aggiuntive rispetto a trattamenti di previdenza, ma costituiscono prestazioni economiche di assistenza, che spettano in base al reddito e non in base alla contribuzione versata.-

      Elimina
  48. Gentile Dott. Censori buongiorno.
    Le chiedevo se mi può gentilmente dire quali sono i tempi di attesa (più o meno) di risposta da parte dell'INPS di accettazione per una domanda di pensione, nella fattispecie riguardante l'opzione donna. Grazie e distinti saluti. Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna!
      Di solito l'INPS provvede ad evadere una pratica di pensione nel giro di 90 giorni dalla data di presentazione della domanda.-

      Elimina
    2. Gentile Dott. Censori,
      La ringrazio per la risposta. Cordiali saluti. Anna

      Elimina
    3. Ciao Anna!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  49. Gentile Dott. Censori ho 76 anni e percepisco una pensione sociale di 650€, mia moglie ha 69 anni e percepisce una pensione sociale di 280€. Al compimento dei 70 anni le toccherà l'aumento? Essendo entrambi nulla tenenti.Grazie in anticipo
    Distinti saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io penso di si perche entrambi i coniugi rientrano sia nel reddito personale ma anche per il reddito coniugale aspetta la diagnosi del Dottor Censori

      Limiti di reddito anno 2021:

      - da 70 anni in poi-Personale 8.476,26 - Coniugale 14.459,90.-

      Elimina
    2. Vi ringrazio per la risposta, gentilissimi.
      Distinti saluti

      Elimina
  50. Gentile Dott. Censori, sono Claudio di anni 75 e percepisco una pensione di vecchiaia con 20 anni di contributi più maggiorazione sociale di euro 631 per 14 mensilità mia moglie invece riceve dal inail una rendita per infortunio sul lavoro di euro 334 per 12 mensilità, al superamento dei 70 anni di mia moglie rientra nella richiesta al INPS di una parte del assegno sociale. Grazie per la Sua risposta. Saluti

    RispondiElimina
  51. Sono sempre Claudio, mi dimenticavo l unico bene che possediamo e la nostra casa di proprietà in comune dove viviamo. Grazie di nuovo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. limite di reddito coniugale per assegno sociale 11.967,28€.

      no!! sinchè tua moglie prende la rendita per infortunio sul lavoro di euro 334 non ti spetta l'assegno sociale

      quando non prendera' piu la rendita per infortunio spettera' sia l'assegno sociale ma anche la maggiorazione dopo 70 annni

      aspetta la diagnosi del Dottor Censori

      Elimina
  52. Sono Claudio, in seguito le vostre risposte che vi ringrazio, chiedevo come mai la vostra risposta del 16.7 il reddito anno del 2021 e 9personale8476,90e coniugale 14459.90 e a me mi rispondete, limite reddito coniugale ass. Sociale 11967,28,non sono nelle stesse condizione del quesito del 15.7 fatta da unknown. Grazie per un chiarimento.

    RispondiElimina
  53. Sono Claudio, parlo sempre io e mia moglie oltre 70 anni, con solo casa in proprietà, grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perchè tua moglie non prende una pensione sociale (assegno sociale) ma una Rendite INAIL per infortuni che fa reddito e che unito al reddito del coniuge supera il limite di reddito coniugare per assegno sociale pari a 11967,28

      Elimina
  54. Sono Claudio, due ultra settanteni il reddito coniugale e di 11967,28 o 14459.90, grazie per la risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assegno sociale:
      I limiti di reddito (totale netto) per il 2021 sono pari a:
      euro 5.983,64 annui se il pensionato è solo;
      euro 11.967,28 annui se è coniugato.
      Assegno sociale con maggiorazione: 70 anni euro 651,51.-
      La maggiorazione spetta però solo a uno dei due coniugi.-

      Elimina