domenica 31 maggio 2020

Assegni Nucleo Familiare dal 01/07/2020 al 30/06/2021

In questo articolo riporteremo informazioni utili sugli assegni per il nucleo familiare, con validità da luglio 2020 a giugno 2021.

Assegni Per il nucleo Familiare 

L'assegno per il nucleo familiare è previsto per aiutare le famiglie dei lavoratori dipendenti, pubblici e privati e dei pensionati da lavoro dipendente, i cui nuclei familiari sono composti da più persone e i cui redditi sono al di sotto delle fasce di reddito massime stabilite dalla legge.

A decorrere dal 1° aprile 2019, la domanda di Assegno per il Nucleo Familiare dei dipendenti privati di aziende non agricole deve essere presentata direttamente all’INPS esclusivamente in modalità telematica.
La domanda di Assegno per il Nucleo Familiare deve essere presentata dal lavoratore all’INPS attraverso il servizio online dedicato o tramite i servizi telematici offerti dagli enti di patronato.

A chi spetta

Spetta ai lavoratori dipendenti in attività, ai disoccupati indennizzati, ai lavoratori cassaintegrati, ai lavoratori in mobilità, ai lavoratori in malattia o in maternità e ai pensionati ex lavoratori dipendenti; spetta anche ai lavoratori con contratto a termine.
Per averne diritto è necessario che il reddito familiare non superi determinati limiti, stabiliti ogni anno dalla legge; è costituito da quello del richiedente e di tutte le persone che compongono il nucleo familiare, prodotto nell'anno solare precedente; decorre dal I° luglio di ogni anno ed ha valore fino al 30 giugno dell'anno successivo.

Redditi

Ai fini del diritto all'assegno familiare si considera la somma dei redditi complessivi assoggettati all'IRPEF di tutti i componenti, compresa la casa di abitazione, gli assegni familiari periodici corrisposti dal coniuge separato o divorziato, i redditi i redditi esenti da imposta, e quelli soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d'imposta o imposta sostitutiva, (ad esempio, le borse di studio, la pensione e l'assegno sociale, indennità per ciechi, sordomuti, invalidi civili, Interessi dei depositi e dei c/c bancari e postali,interessi di CCT, BOT e i proventi da investimento).
Rientrano tra i redditi soggetti ad imposta sostitutiva e pertanto vanno computati nel reddito familiare i premi alla produttività solo qualora il loro ammontare superi complessivamente il limite di 1.032,91 euro al lordo delle ritenute, riferito all'intero nucleo.
In caso di perdite d'esercizio derivanti dalla partecipazione ad una società di persone in contabilità ordinaria o semplificata è possibile detrarre, ai fini dell'assegno per il nucleo familiare, dal reddito di lavoro dipendente di uno dei componenti il nucleo le perdite di esercizio derivanti dalla sua partecipazione ad imprese in contabilità semplificata, ma non quelle provenienti da imprese in contabilità ordinaria.
Invece non si computano: Il trattamento di fine rapporto, i trattamenti di famiglia, le rendite vitalizie erogate dall'INAIL, le pensioni di guerra, le pensioni tabellari ai militari di leva vittime di infortunio, le indennità di accompagnamento, le indennità di trasferta, l'assegno di mantenimento dei figli.

Periodo di riferimento del reddito

Il reddito familiare da considerare ai fini della corresponsione degli assegni per il nucleo familiare è quello conseguito nell'anno solare precedente il 1° luglio di ogni anno e rimarrà in vigore fino al 30 giugno dell'anno successivo (esempio per il periodo dal 01/07/2020 al 30/06/2021 fanno fede i redditi dell'anno 2019).

Per chi spetta

Fanno parte del nucleo familiare: il coniuge anche se non convivente, i figli minorenni, i figli maggiorenni inabili, fratelli sorelle e nipoti inabili e familiari residenti all'estero di cittadino straniero (solo se esiste un rapporto di reciprocità con lo Stato di provenienza o sia stata stipulata una convenzione in materia di ANF).
Per i nuclei familiari numerosi, composti cioè da almeno 4 figli o equiparati di età inferiore a 26 anni, si avrà diritto all'assegno al nucleo familiare oltre che per i figli minori anche per i maggiori di anni 18 (compiuti) ed inferiore a 21 anni purché studenti o apprendisti.

Incidenza in percentuale del reddito da lavoro dipendente

L'assegno per il nucleo familiare non spetta se la somma dei redditi da lavoro dipendente e/o assimilati, da pensione o da altra prestazione previdenziale derivante da lavoro dipendente è inferiore al 70% del reddito familiare complessivo.

Chi paga

Ai lavoratori in attività l'assegno familiare viene pagato dal datore di lavoro in occasione del pagamento della retribuzione. Il datore di lavoro chiede poi all'INPS il rimborso delle somme pagate. Per colf, operai agricoli dipendenti, disoccupati ecc., l'assegno viene pagato direttamente dall'INPS.
Ai pensionati l'assegno familiare viene pagato direttamente dall'INPS insieme alla rata di pensione.

L'autorizzazione dell'INPS

In generale, il datore di lavoro corrisponde l'assegno al nucleo familiare al dipendente che ne fa richiesta e che dimostra di averne diritto.
Però in alcuni casi particolari la corresponsione dell' assegno per il nucleo familiare è subordinata ad una preventiva autorizzazione da parte dell'INPS, da richiedere esclusivamente per via telematica con il mod. ANF42 (l'autorizzazione è necessaria ad esempio in caso di figli di divorziati o separati legalmente o del coniuge già divorziato, figli dell'altro coniuge nati da precedente matrimonio sciolto per divorzio, fratelli, sorelle e nipoti, soggetti maggiorenni inabili, o per i nipoti intesi come i figli dei figli se i genitori sono senza redditi).

Assegno per il Nucleo Familiare ai Lavoratori Parasubordinati

È una prestazione istituita per aiutare le famiglie dei lavoratori parasubordinati iscritti alla Gestione Separata, di cui all'art.2, comma 26, legge 335/95, che non siano iscritti ad altre forme pensionistiche obbligatorie e non siano pensionati.
L’importo dell’assegno varia, come per i lavoratori dipendenti, in base al numero dei componenti, alla tipologia e al reddito complessivo percepito dal nucleo stesso, secondo quanto stabilito nelle tabelle reddituali pubblicate ogni anno.
I redditi da dichiarare sono, oltre quelli la cui dichiarazione è già prevista per i lavoratori dipendenti, anche quelli derivanti dalle attività indicate all’art. 2, c. 26, L.335/95.
Pertanto, in questo caso, il reddito complessivo del nucleo familiare deve essere composto, per almeno il 70%, da reddito derivante da lavoro dipendente ed assimilato o da reddito derivante dalle attività indicate all’art. 2, c. 26, L.335/95. In caso di nuclei a composizione reddituale mista, è data la possibilità di considerare realizzato il requisito del 70% di redditi da lavoro dipendente ed assimilato con la somma dei redditi da lavoro dipendente e dei redditi derivanti da attività di lavoro parasubordinato.
Ai lavoratori in questione l'assegno familiare sarà corrisposto per tutto il periodo che, ai fini previdenziali, risulti coperto dalla specifica contribuzione, comprensiva dell’aliquota contributiva aggiuntiva dello 0,72% (0,50% fino al 6/11/07), specificamente introdotta dalla legge 449/97, art. 59, comma 16, per il finanziamento delle prestazioni di maternità e degli assegni per il nucleo familiare.
La domanda deve essere presentata esclusivamente attraverso uno dei seguenti canali:
  • WEB - servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino munito di PIN attraverso il portale dell’Istituto - servizio di “Invio OnLine di Domande di prestazioni a Sostegno del reddito”, funzione ANF Gestione Separata; 
  • Patronati - attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi; 
  • Contact Center - attraverso il numero 803164 gratuito da rete fissa o il numero 06164164 da rete mobile a pagamento secondo la tariffa del proprio gestore telefonico. 
A decorrere dal 1° febbraio dell’anno successivo a quello per il quale vengono richiesti gli assegni. Qualora la domanda venga presentata per un periodo pregresso, gli arretrati spettanti vengono corrisposti nel limite massimo di 5 anni (prescrizione quinquennale).


Assegno Familiare ai Lavoratori Domestici

I lavoratori domestici hanno diritto alla corresponsione dell’ assegno per il nucleo familiare, ma a differenza dei lavoratori subordinati il pagamento non avviene da parte del datore di lavoro, bensì direttamente dall’INPS. La richiesta va quindi effettuata direttamente all’INPS via internet, tramite accesso alla propria area riservata sul portale www.inps.it o tramite patronato.
L'assegno per il nucleo familiare è pagato direttamente dall’INPS con due rate semestrali posticipate secondo la modalità scelta dall’interessato nel modello di domanda (bonifico presso l’Ufficio Postale, accredito sul conto corrente bancario o postale).
La misura dell’assegno varia oltre che in base al reddito lordo complessivo e al numero dei componenti il nucleo familiare anche in base alle ore di lavoro.
Ai lavoratori domestici spettano tanti assegni familiari giornalieri quanti ne risultano dal quoziente che si ottiene dividendo per quattro il numero delle ore di lavoro risultanti dalla contribuzione complessivamente versata o dovuta nel trimestre, da uno o più datori di lavoro, e per un massimo di sei assegni giornalieri per ogni settimana.


ASSEGNI FAMILIARI dal 01/07/2020 al 30/06/2021 (circ. 60 del 21/05/2020 INPS)

Tab. 11 – Nuclei familiari con entrambi i genitori e almeno un figlio minore, in cui non siano presenti componenti inabili.-
Tab. 12 – Nuclei familiari con un solo genitore e almeno un figlio minore in cui non siano presenti componenti inabili.-
Tab. 13 – Nuclei familiari orfanili composti solo da minori non inabili.-
Tab. 14 - Nuclei familiari con entrambi i genitori e almeno un figlio minore in cui sia presente almeno un componente inabile e nuclei familiari con entrambi i genitori, senza figli minori e con almeno un figlio maggiorenne inabile.-
Tab. 15 – Nuclei familiari con un solo genitore e almeno un figlio minore in cui sia presente almeno un componente inabile e nuclei familiari con un solo genitore, senza figli minori e con almeno un figlio maggiorenne inabile.-
Tab. 16 – Nuclei familiari orfanili composti da almeno un figlio minore in cui sia presente almeno un componente inabile.-
Tab. 19 – Nuclei familiari orfanili composti solo da maggiorenni inabili.-
Tab. 20A – Nuclei familiari con entrambi i coniugi e senza figli (I n cui sia presente almeno un fratello, sorella o nipote inabile).-
Tab. 20B - Nuclei monoparentali senza figli (in cui sia presente almeno un fratello, sorella o nipote inabile).-
Tab. 21A - Nuclei familiari senza figli (in cui non siano presenti componenti inabili).-
Tab. 21B – Nuclei monoparentali senza figli con almeno un fratello, sorella o nipote (in cui non siano presenti componenti inabili.- 
 

Tab. 21A – Nuclei familiari con entrambi i genitori, senza figli, assenza di inabili.-

Reddito familiare annuo da euro 00.000,00 a euro 13.963,66 = euro 46,48
Reddito familiare annuo da euro 13.963,67 a euro 17.453,81 = euro 36,15
Reddito familiare annuo da euro 17.453,82 a euro 20.943,96 = euro 25,82
Reddito familiare annuo da euro 20.943,97 a euro 24.432,76 = euro 10,33
Reddito familiare annuo da euro 24.432,77 non spettano assegni familiari




Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate sugli assegni familiari puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it. Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

170 commenti:

  1. La settimana scorsa sono andata al Caf per vedere a che punto era la pratica ed eventualmente mandare un sollecito che ho fatto mandare e c era scritto acquisita.. che cosa vuol dire acquisita che è stata presa in carico accolta perché nella domanda che ho mandato era tutto corretto come la normativa prevede nel fare la domanda e leggendo su internet ho letto che la Inps in caso di genitori di figli naturali riconosciuti da entrambi i genitori il diritto a percepire gli assegni va al genitore convivente con i bambini che in questo caso sarei io ora lui ha diritto a ricevere gli assegni anche sulla naspi quindi dovrebbero egorarli a me anche quelli sulla naspi.. vorrei capire se no come dovremmo fare per riuscire a farceli dare o io o lui dato che abbiamo o io o lui il diritto ad averceli e non vedo perché se li devono tenere
    Aspetto una sua risposta la ringrazio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Domanda acquisita significa che è stata presa in carico dall'INPS ma che non è stata ancora esaminata.-
      Gli assegni familiari vengono pagati anche sulla NASPI se il richiedente è lo stesso, e non è il vostro caso, quindi se la domanda verrà respinta non mi risultano altre alternative possibili.-

      Elimina
  2. Salve, la domanda anf è ferma a segnalazione/verifica. L'autorizzazione risulta accolta quindi sinceramente non capisco perché non mi accolgono la domanda anf.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so da quanto tempo hai presentato la domanda, e se sei in regola con l'autorizzazione, comunque in questi casi l'INPS per evadere questo tipo di pratiche ci impiega almeno un mese.-

      Elimina
  3. Buongiorno Dott. Gianfranco Censori ho un quesito. Io sono in naspi e a luglio ho fatto regolare domanda di autorizzazione and per il periodo luglio 2020 giugno 2021 ad oggi non mi è stato pagato ancora nulla e sulla domanda è scritto solo VALIDA che significa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla domanda di autorizzazione deve seguire la domanda di ANF sulla NASPI quindi non so se hai seguito la procedura corretta.-

      Elimina
    2. Si ho fatto la richiesta che gli anf vengano pagati su naspi con il modello ANF PREST.

      Elimina
    3. Mi sembra strano che a distanza di 3 mesi dalla presentazione della domanda non ti sono stati ancora pagati gli assegni familiari, ti consiglio quindi di consultare la sede INPS di zona per verificare a cosa è dovuto il ritardo.-

      Elimina
  4. Buongiorno,io sono divorziata ho un figlio di 7 anni.vorrei sapere se c'è un modo di prendere l'assegno al 100 per cento visto che è da marzo che il padre no da il mantenimento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli assegni familiari, a differenza delle detrazioni fiscali, vengono sempre corrisposti al 100%, quindi non capisco a cosa ti riferisci.-

      Elimina
  5. Gentile Dottor Censori, volevo chiederle cortesemente una delucidazione in quanto il mio ufficio amministrativo mi informa che gli assegni familiari non mi spettano perche l'ultima mia figlia, ha compiuto 18 anni a Luglio. Premetto nel dirle che la mia posizione è che ho altri 5 figli a carico ma solo una con meno di 26 anni ed il mio reddito utile ai fini della pratica è stato di euro 24900,00.Mia moglie casalinga e non ha redditi e io lavoratore monoreddito. Le chiedo se è giusto oppure no per quanto riguarda che al sottoscritto non spettano, in queste condizioni alcunchè di assegni fam.ri. Grazie mille per una sua gentile risposta.
    Eugenio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Eugenio!
      Per i nuclei familiari numerosi, composti cioè da almeno 4 figli o equiparati di età inferiore a 26 anni, si avrà diritto all'assegno al nucleo familiare oltre che per i figli minori anche per i maggiori di anni 18 (compiuti) ed inferiore a 21 anni purché studenti o apprendisti.
      Questo purtroppo significa che non hai più diritto agli assegni familiari.-

      Elimina
    2. Grazie infinite, mi ha tolto un dubbio, saluti e buone cose.

      Elimina
    3. Ciao Eugenio!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  6. Buonasera Dottor Censori,
    chiedo un'informazione di questo tipo. Ho una figlia nata il 18/10/2019 e vivo con lei e il padre della bambina ma non siamo sposati. Non ho ancora fatto la richiesta per gli assegni familiari, io sono stata dipendente presso una ditta fino al 31/01/2020 e da febbraio sono in Naspi. Chiedo quindi se devo fare la richiesta di autorizzazione e nella situazione lavorativa cosa devo inserire? Poi posso procedere alle domanda per gli assegni familiari degli arretrati facendone una per il vecchio datore di lavoro e una per l'Inps? E' corretto? Grazie mille. Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se siete conviventi è meglio che l'autorizzazione la richieda il padre, ovviamente se ha un rapporto di lavoro dipendente, con decorrenza dalla data di nascita della bambina.-

      Elimina
  7. Buongiorno,posso chedere un un'informazione, se io lavoroin un lavoro e contrato viene terminato per6 mesi,poi un mese dopo cominciò lavoro in un altra ditta, quale diretore di lavoro mi paga arretrati di asegno famigliare il primo o il secondo direttore di lavoro ? E come vengano pagati? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli arretrati degli assegni familiari vengono pagati dai datori di lavoro dei periodi corrispondenti, ciascuno per il periodo lavorato.-

      Elimina
  8. Buonasera, volevo avere informazioni su anf non contestuale su naspi. L INPS ha rspinto la mia pratica dicendo famiglia non autorizzata e mancanza di autorizzazione ma non mi serve nessun tipo di autorizzazione già che l ente pagatore è l INPS stesso. io e i miei figli siamo residenti a Genova, mio marito ed io siamo ancora sposati ma non conviventi perché lui vive in spagna, penso di averne diritto. Aspetto una sua risposta. Grazie mille. Buona sera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tuo marito vive e lavora all'estero, quindi è necessaria un'autorizzazione dell'INPS che deve accertare preventivamente con l'Ente previdenziale spagnolo che non ha richiesto gli assegni familiari in Spagna.-

      Elimina
    2. Mio marito vive recentemente a Barcellona e non sta lavorando ancora perciò non è registrato in nessun ente spagnolo. Come è la prima volta, non so come fare a chiedere questa autorizzazione all INPS, dato che loro quando mi hanno rifiutato non sono stati chiari, solo mi hanno scritto che manca autorizzazione. Io la pratica di anf l ho fatta da me on line, come posso fare per farne un altra con rispettiva autorizzazione?? Grazie

      Elimina
    3. Se tuo marito è all'estero e non lavora all'INPS vogliono sapere "dov'è residente e chi lo mantiene", questo per dirti che purtroppo non hai diritto agli assegni familiari fino a quando non ci sarà una sentenza di separazione o divorzio.-

      Elimina
  9. buongiorno sto diventando matta a capire cosa c'e' di sbagliato nella mia domanda per gli anf.....nel riepilogo mi dice Stato autorizzazione :necessaria eppure le autorizzazioni dei miei figli sono ancora valide....help me

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evidentemente c'è qualcosa che non quadra, ti consiglio quindi di consultare la sede INPS di zona per verificare qual é il problema.-

      Elimina
  10. Salve,
    sono Simona e Le vorrei porre una domanda.
    Sono legalmente separata con un figlio di 12 anni.
    Separata dal 2015 ma legalmente solamente dal 10/06/2020.
    Io sono disoccupata e non percettrice di nessun sostegno; il mio ex lavora a tempo indeterminato, e non ha mai richiesto gli assegni.
    Dunque la mia domanda è questa:
    Posso richiedere gli arretrati + gli assegni ordinari direttamente sul mio conto (previa autorizzazione del mio ex)?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simona!
      Se sei legalmente separata dal 10/06/2020, fino al giorno precedente eri coniugata quindi gli arretrati degli assegni familiari può richiederli solo il tuo ex marito da coniugato.-
      Tu invece puoi richiedere l'autorizzazione all'INPS con decorrenza dal 10/06/2020, con il consenso del tuo ex marito, con accredito diretto sul tuo conto corrente.-

      Elimina
    2. Dottore buongiorno,
      e la ringrazio per la sua risposta.
      In merito alla mia domanda, ho contattato INps la quale dice che la separazione per loro è da quando il giudice autorizza a vivere separati.
      Mi hanno detto che non c'è bisogno della sua firma, basta mandare la sentenza nella uquale si evince la concessione del giudice a vivere separati.
      Mi chiedo se questa cosa è possibile, perché la prima udienza io l'ho avuta a Febbraio , dove il giudice ha previsto anche il mantenimento seppur provvisorio.
      Attendo Un suo gentilissimo riscontro.
      Buona giornata

      Elimina
    3. Ovviamente Febbraio 2016

      Elimina
    4. Probabilmente stiamo dicendo la stessa cosa!
      Che significa "quando il giudice autorizza a vivere separati?", deve comunque esserci un atto scritto!
      Non seve la firma dell'ex coniuge solo se nella sentenza di separazione c'è scritto espressamente che gli assegni familiari spettano alla madre.-

      Elimina
  11. Salve potrei chiedere un informazione? Grazie

    RispondiElimina
  12. Salve, in merito agli ANF relativi ai mesi di cassa integrazione in deroga vorrei sapere se vengono erogati ugualmente oppure se bisogna fare una specifica domanda.
    vorrei sapere anche se i mesi in cui non ho ricevuto ANF possono essere accreditati direttamente su conto iban a me intestato.
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. All’art. 4, co. 9 del D.Lgs. n. 148/2015 è espressamente specificato che ai lavoratori beneficiari dei trattamenti di integrazione salariale spetta, in rapporto al periodo di paga adottato e alle medesime condizioni dei lavoratori a orario normale, l’assegno per il nucleo familiare di cui all’art. 2 del D.L. n. 69/1988, convertito con modificazioni in L. n. 153/1988 e successive modificazioni.
      Quindi, gli assegni familiari spettano:
      - in misura intera per i periodi di paga con sospensione CIG a zero ore;
      - per ciascuna settimana nella misura intera settimanale, con esclusione dei giorni di assenza ingiustificata, per i periodi di paga con riduzione di orario.-

      Elimina
  13. Buongiorno Volevo sapere perché la mia domanda di assegno familiari lavoro domestica è stato respinto che l'anno scorso è stato pagato e questo anno è stato respinto grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le opzioni possibili sono diverse ed è quindi inutile formulare ipotesi; comunque l'INPS comunica anche il motivo del diniego, devi pertanto verificare se è indicato nella lettera o consultare direttamente la sede INPS di zona per i relativi chiarimenti.-

      Elimina
  14. buongiorno!
    Fino a giugno 2020 ho richiesto io gli anf, con autorizzazione da parte dell'INPS in quanto io l'altro genitore siamo conviventi non sposati.
    Dal 1 luglio potrebbe chiederli lui (io no perché il mio reddito di riferimento è per meno del 70% da lavoro dipendente)
    Devo inoltrare qualche rinuncia?
    Se no, nella richiesta all'autorizzzione che farà lui, che modulo devo compilare? un autodichiarazione che non intendo richiederli è sufficente?

    Ho cercato inutilmente chiarimenti sul sito INPS e leggendo tutta la normativa.
    Eppure non mi sembra un caso strano, il nostro!

    Grazie dell'attenzione,
    Cordiali saluti,

    Laila

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laila!
      Il tuo compagno deve richiedere una nuova autorizzazione all'INPS e far annullare la tua in essere, con una tua autodichiarazione di rinuncia.-

      Elimina
  15. Buonasera signor Gianfranco,
    Volevo chiederle un'informazione. A metà ottobre ho fatto richiesta per gli assegni familiari, per il periodo luglio 2020/giugno 2021,ma ancora oggi non mi è arrivato nulla ne gli arretrati ne quelli nuovi. Premetto che io e il papà del bambino siamo separati e il figlio abita con me, e quindi gli assegni familiari li percepisco io ma tramite il suo datore di lavori, quindi contati sulla sua busta paga, in quanto io non lavoro. Volevo sapere quanto tempo ci vuole per riceverli e quanto tempo devo aspettare ancora prima di poterli vedere nel mio conto. La ringrazio in anticipo. Cordiali saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La normativa prevede che in caso di separazione o divorzio oltre alla domanda degli assegni familiari bisogna presentare all'INPS anche la richiesta di autorizzazione.-
      Se hai seguito la procedura corretta probabilmente l'INPS darà l'OK entro il corrente mese e quindi il datore di lavoro provvederà al pagamento verso metà dicembre insieme al pagamento degli stipendi dei dipendenti di novembre.-

      Elimina
  16. Buongiorno per richiesta anf nella sezione redditi da fabbricati se ho 1 casa con box (residenza principale) più 1 box su cui pago imu, tutto con possesso al 50% con mio marito, come devo inserire questi dati? Faccio la somma e divido per 2? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angela!
      SI!
      Devi fare la somma e dividere per 2, nel senso che dovete dichiarare il 50% ciascuno.-

      Elimina
  17. Salve!!
    Lavoro per una scuola privata paritaria.. Nel luglio 2019 ho fatto domanda via telematica all'inps per avere gli arretrati di 5 anni degli assegni familiari. L'inps ha accolto tutte le mie domande ma non ho mai ricevuto tali assegni. La scuola asserisce che non dovevo fare la domanda all'inps in via telematica e di non farla più in futuro perché é la scuola che paga gli assegni e non l'inps. Quindi non agisce come sostituto d'imposta. Vorrei capire se é veramente così e qual é la normativa di riferimento. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dora!
      Le scuole pubbliche si suddividono in statali e paritarie, la tua quindi è comunque una scuola pubblica soggetta pertanto alla vecchia normativa ex INPDAP e questo vuol dire che la domanda degli assegni familiari va presentata per via cartacea su appositi moduli direttamente alla segreteria della scuola di rifermento.-

      Elimina
  18. Buongiorno, mi chiamo Elisabetta ed avrei un quesito da porle.
    Premetto che sono separata legalmente dal 18/12/2018 e il figlio minore vive con me. Sono stata disoccupata dal 05/2017 al 02/2020.
    Il mio ex marito ha richiesto gli assegni familiari ad aprile 2019. Asserisce di averli percepiti solamente a febbraio e marzo 2020. E' possibile? Il datore di lavoro l'ha informato che durante la cassa integrazione (aprile e maggio 2020) l'Inps non eroga gli ANF. E' possibile secondo lei? Dal mio ex marito non saprò mai la verità. E' possibile avere dall'Inps un e/c di quanto erogato? Ho presentato la richiesta ANF a mio nome (previo rinuncia dell'ex coniuge) e presentato domanda pochi giorni fa. Il Caaf non mi aveva informata che avrei dovuto inserire nuova domanda personalmente..... Spero venga accettata. Mi trovo in un ginepraio. Grazie per la sua attenzione. Cordiali saluti, Elisabetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elisabetta!
      Gli assegni familiari sono legati all'attività lavorativa quindi se il tuo ex marito ad aprile e maggio non ha lavorato non gli spettavano.-
      Comunque per il futuro con la nuova domanda richiederai il pagamento diretto degli assegni familiari da parte del datore di lavoro quindi non avrai più problemi.-

      Elimina
    2. Grazie per la risposta esaustiva. Oggi finalmente è stata accolta la mia richiesta ANF!!Per chiedere gli arretrati da marzo (mese assunzione) a giugno 2020 devo fare particolare richiesta o essendo in carico all'ex marito non mi spettano? Ultima domanda, la prima erogazione in busta paga comprenderà anche i mesi da luglio/dicembre 2020? Grazie e buon lavoro. Elisabetta

      Elimina
    3. Devi solo informare il tuo ex datore di lavoro della domanda presentata, che deve verificare con l'INPS e provvedere per il pagamento sia degli arretrati fino a giugno che da luglio a dicembre, ovviamente se hai lavorato e se hai presentato la relativa domanda all'INPS.-

      Elimina
  19. Ciao Gianfranco ascolta io sono stata messa in regola il 23 10 2020 posso richiedere gli assegni di mia figlia arretrati. Ho mi pagano solo i mesi di adesso. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli assegni familiari spettano solo per i periodi lavorati, quindi ne avrai diritto con decorrenza dal 23/10/2020.-

      Elimina
  20. Salve, volevo chiedere un’informazione, sono sposata con due figli. Io e mia figlia abbiamo la residenza a Cassino, mentre mio marito e l’altro mio figlio hanno la residenza a Roma, il domicilio ce l’ho a Roma insieme a loro. All’inserimento dei dati anagrafici, alla richiesta dei dati di residenza/domicilio inserisco l’indirizzo di domicilio o quello di residenza? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca!
      Nella domanda degli assegni familiari va indicata la residenza di tutti i familiari, anche se non è la stessa per tutti.-

      Elimina
  21. Buona sera,io sono voglio sapere perché mi è stato rifiutato l'assegno familiare dal 01/07/2020 al 30/06/2021, Gli spiego io sono ragazza madre(mio figlio porta il mio cognome) e ho sempre ricevuto l'assegno io convivo ma non sono sposata so che se mi esposo non avrò più diritto ma sono nella stessa situazione di sempre ed sta volta hanno detto che per mancanza del diritto relativamente al nucleo familiare non hanno accolto la mia domanda... vorrei solo capire il perche la ringrazio se mi risponderà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nei casi madre nubili, per poter richiedere gli assegni familiari per i figli è necessaria un'autorizzazione preventiva dell'INPS che di solito viene rilasciata per 5 anni.-
      Presumo quindi che nel tuo caso sia scaduta e che pertanto deve essere rinnovata.-

      Elimina
  22. Salve,
    Volevo chiedere un’informazione, sono sposata con due figli, uno nato nel 2016 e l’altro quest’anno, per richiedere gli arretrati degli ultimi 5 anni devo inserire i dati anagrafici di tutti i familiari compreso il figlio nato nel 2020 o si fa riferimento solo alla situazione anagrafica di quel determinato anno?
    Grazie mille, cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tina!
      Nella domanda di arretrati ANF degli ultimi 5 anni bisogna fare riferimento alla situazione anagrafica di ogni singolo anno.-

      Elimina
  23. Buonasera Volevo chiedere un'informazione domanda inps respinta redditi dichiarati non corrispondenti alle risultanze istruttorie cosa vuol dire cosa posso fare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vuol dire che nella domanda degli ANF non sono stati dichiarati tutti i redditi quindi bisogna presentare una nuova domanda dichiarandoli tutti, perché l'INPS ha accesso all'Agenzia delle Entrate e può verificare le dichiarazioni dei redditi.-

      Elimina
  24. Bbuonasera dottore io ho due figli minorenni a carico in più anche mia moglie ,ho una figlia maggiorenne che lavora e lei ha il suo reddito .la mia domanda è nei redditi x gli assegni famigliari devo inserire anche il suo reddito ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Ai fini del calcolo degli assegni familiari non vanno indicati i figli maggiorenni e non va quindi dichiarato il loro reddito.-

      Elimina
  25. Buongiorno Dottore,
    io ho un figlio minorenne e convivo con la mia compagna, la domanda di ANF e relativa autorizzazione è stata fatta sempre da lei; la mia compagna non lavora ma la richiesta di autorizzazione è stata sempre accettata fino al 31.12.2019 e gli assegni pagati direttamente a lei. Quest'anno nel farla online è stata respinta ben due volte e la motivazione dice che la richiesta deve essere fatta da me perchè il figlio convive con entrambi i genitori e che sono occupato presso un azienda.
    Mi può dare conferma?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se siete conviventi e la tua compagna non lavora non vedo il motivo per cui l'autorizzazione agli ANF debba essere richiesta da lei, quindi è normale che la richieda tu visto che hai un rapporto di lavoro dipendente in essere.-

      Elimina
  26. Buonasera Avvocato ho perso una causa legale ed ho pagato 10000 euro di spese all'avvocato controparte ...è possibile scaricarle dal 730?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Graziella!
      Purtroppo NO!
      Le spese sostenute per una causa legale non sono detraibili dalla dichiarazione dei redditi.-

      Elimina
  27. Buonasera Dottore,
    a settembre 2020 è nato il mio secondo figlio.
    L'attuale autorizzazione ANF che avevo fatto nel 2017 scade nel 2022.
    Vorrei sapere come devo fare per far aggiornare gli ANF.
    Devo presentare una nuova domanda di autorizzazione ANF aggiungendo il secondo figlio?
    Ho provato a fare una domanda di variazione direttamente nella pagina delle pratiche ANF autorizzate ma non funziona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi presentare all'INPS una nuova richiesta di autorizzazione solo per il tuo secondo figlio, che presumibilmente avrà la stessa scadenza del primo, in modo che la successiva richiesta sarà per entrambi.-

      Elimina
  28. Buonasera,
    il prossimo mese presenteremo richiesta di autorizzazione per gli ANF in quanto siamo conviventi ma non sposati.
    Se la domanda la presentasse la madre, che ha un contratto a tempo determinato fino maggio 2021, e dovesse terminare il rapporto di lavoro, da giugno 2021 gli assegni verrebbero percepiti? Se si, in che modo e da chi?
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di solito l'INPS rilascia un'autorizzazione valida per 5 anni, quindi se i genitori sono conviventi è preferibile che la richiesta venga effettuata dal genitore che ha il lavoro piò stabile, perché in caso contrario quando l'altro genitore perde il lavoro bisogna ripetere la procedura al contrario.-

      Elimina
  29. Buonasera.
    Una domanda: ho compilato la richiesta degli ANF e alla fine della procedura non mi esce il numero di protocollo e su stato: protocollo eccezione e esito operazione avvenuta con successo. Cosa significa? Devo aspettarmi una comunicazione dall'INPS? Grazie molte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara!
      Devi controllare di tanto in tanto lo stato della pratica perché la domanda è stata presa in carico ma non ancora accettata, e quindi potrebbe essere o accolta o respinta.-

      Elimina
  30. Buonasera,
    Io avrei qualche domanda, ho fatto richiesta degli ANF sia per mia figlia che per mio mariro. Oggi mi chiama l'inps e mi dice che manca la residenza di mio marito cosi ho preso l'appuntamento per la residenza in comune ma me l'hanno dato per giugno io ho inviato all'INPS l'e-mail dell'appuntamento basterà??
    Se no posso rifare un'altra domanda richiedendo solo quelli di mia figlia? Grazie in anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco!
      Che significa che hai preso appuntamento per la residenza di tuo marito per per giugno?
      Dov'è adesso tuo marito?
      Se tuo marito è residente in Italia da un'altra parte dovevi solo indicare nella domanda di ANF il suo indirizzo di residenza.-

      Elimina
  31. Lui non è riuscito ancora a fare la residenza perché aveva l'appuntamento in aprile ma hanno annullato l'appuntamento causa covid e poi non abbiamo più fatto niente. Ora l'appuntamento ce l'abbiamo a giugno. In pratica per ora lui ha ancora solo il domicilio che avevamo quando ha fatto il permesso di soggiorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi ripresentare una nuova domanda di ANF solo per tua figlia indicando che tuo marito non è ancora residente in Italia.-

      Elimina
  32. Buonasera, ho una domanda di arretrati sullo stato di "accolta" ma non ho ricevuto ancora niente.... potrei sapere se devo fare qualcos'altro? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se gli arretrati riguardano l'attuale tuo datore di lavoro presumo che provvederà d'ufficio, se invece riguardano un'altra azienda forse è il caso che provi a sollecitare il pagamento alla stessa.-

      Elimina
  33. Gentile Dottor Censori,
    con la nuova normativa che parte da luglio prossimo , avrei diritto all'assegni con l'ultima figlia che ha 18 anni? Ed è possibile che sia retroattivo datosi che 2020-201 non mi è stato concesso? La domanda va fatta sempre al datore di lavoro? La mia situazione a luglio p.v ultima genita avrebbe 19 anni e la penultima 25 e mezzo 5 figli ancora nel nucleo 27-anni e 32 e 34. Grazie della sua gentile collaborazione. Eugenio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Eugenio!
      Della nuova normativa che partirà a luglio del prossimo anno sappiamo solo che nella finanziaria in corso di approvazione in questi giorni alle Camere è previsto un certo stanziamento.-
      Per sapere quello che prevede in dettaglio dovremo attendere le norme attuative che presumibilmente arriveranno poco prima della decorrenza; quindi fino ad allora valgono le normative attuali.-

      Elimina
  34. Buongiorno io ho richiesto gli assegni familiari per il 2020/2021 ma la domanda non mi è stata autorizzata con dicitura "Nucleo non autorizzato"..io risulto con le mie figlie residente in una casa mentre mio marito in un'altra. Il problema potrebbe essere che devo escludere dalla mia domanda mio marito..non riusciamo con il caf ad uscirne fuori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La dicitura "nucleo non autorizzato" di solito appare quando il richiedente risulta celibe/nubile o separato/divorziato, presumo quindi che sia stato commesso un qualche errore nella compilazione della domanda.-
      La residenza diversa di uno dei 2 coniugi è ininfluente ai fini del diritto agli assegni familiari, pertanto il patronato dovrebbe consultare la sede INPS di zona per verificare cos'è effettivamente successo.-

      Elimina
    2. Buonasera,a settembre ho fatto richiesta Naspi,accolta per un totale di 41 giorni. Il 28 ottobre mi sono stati accreditati 10 giorni (dal 6/10 al 15/10), il 17 novembre solo 1 giorno (dal 16/10 al 16/10). Sempre a novembre vengo assunta e mando comunicazione naspi-com. Ad oggi io non ho ancora nessun pagamento, preciso che l'assunzione è partita dopo gli ultimi 30 giorni spettanti della naspi. È possibile che non mi paghino gli ultimi 30 giorni vista l'assunzione?
      Grazie

      Elimina
    3. La normativa prevede che l'INPS deve pagarti la NASPI fino al giorno precedente la ripresa dell'attività lavorativa, quindi presumo che nel tuo caso ci sia solo un ritardo nel pagamento dovuto magari alle festività natalizie.-

      Elimina
  35. Salve.
    Sono dipendente di un'azienda italiana.
    Nel mese di agosto 2020 ho fatto domanda on line all'INPS di ANF arretrati e la mia domanda è stata "accolta".
    A Novembre 2020, ho mandato una mail all'INPS per delucidazioni e mi hanno risposto che la mia azienda deve consultare il mio "cassetto previdenziale" ed erogarmi gli importi.
    Ad oggi (gennaio 2021) non ho ricevuto alcun rimborso di ANF da parte della mia azienda.
    Cortesemente, sapreste darmi chiarimenti su come mi devo muovere?
    E' solo questione di tempo oppure dovrei, io stesso, informare la mia azienda?
    Ringrazio per la Vs. disponibilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo quello che ti hanno detto all'INPS nel senso che quando dicono che la domanda è stata "accolta" vuol dire che l'azienda è autorizzata a pagarti gli ANF arretrati, quindi a questo punto devi risolvere la questione con il tuo datore di lavoro.-

      Elimina
  36. Gentile avvocato.nel 2016 e'nata mia figlia, a quel tempo io e il mio ex compagno,nonché padre della bimba,convivevamo e lui ha fatto richiesta per gli assegni familiari senza che io firmassi nessuna rinuncia (io ero titolare di un attività all epoca).è possibile a posteriori oggi andare a controllare il mio modulo di rinuncia per verificare l autenticitàdella sottoscrizione?se si come?
    Secondo poi,come le dicevo all eta di un anno della figlia lui ha cambiato residenza e comprato una casa sua nel quale si è trasferito.a quel punto non dovevano decadere i presupposti per percepire lui gli anf?non avrebbe dovuto fare la variazione di residenza e a quel punto ancora a maggior ragione sarebbe servito il mio consenso per avere lui gli anf?oltre tutto che nel frattempo io sono diventata disoccupata?
    Se si, cosa dovrei fare per far valere i miei diritti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente all'epoca non sapevo ne della rinuncia né dell opzione di richiedere io (genitore convivente) anche se disoccupata, gli anf tramite la sua posizione lavorativa.

      Elimina
    2. Se all'epoca tu eri titolare di attività autonoma non avresti comunque avuto diritto agli assegni familiari anche se il tuo ex compagno era lavoratore dipendente, quindi solo lui poteva richiederli.-
      Questo significa che puoi richiedere all'INPS una nuova autorizzazione e far annullare quella in essere al tuo ex compagno solo con decorrenza 18 mesi dopo la cessazione della tua attività autonoma, se avvenuta a fine anno.-
      Riguardo alla mancata firma della rinuncia io avrei qualche dubbio e comunque nel tuo caso credo che sollevare il problema ora non ti porterebbe alcun beneficio.-

      Elimina
  37. Buonasera sono in Naspi da novembre ho lavorato due anni senza richiedere anf li ho richiesti tramite caf ora con naspi e volevo sapere se mi liquideranno anche gli arretrati dei due anni non richiesti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con la NASPI ti verranno corrisposti gli assegni familiari solo per il periodo indennizzato, mentre per gli arretrati devi presentare una nuova domanda all'INPS e ti verranno corrisposti dal tuo ex datore di lavoro anche se non sei più in servizio.-

      Elimina
  38. Gentile Dott. Censori, io non ho mai fatto domanda di ANF perche pensavo che il rimborso delle detrazioni irpef ricevuto tramite dichiarazione dei redditi era la stessa cosa. oggi ho fatto richiesta di arretrati dei 5 ultimi anni, lavoro sempre nella stessa Azienda da 17 anni, ed ho 4 figli, mia moglie non lavora e abbiamo un reddito che oscila in questi anni tra 38000-48000. lei pensa che ho bisogno di qualche autorizzazione? perche io ho compilato tutto e non ho mandato in allegato nulla altro. Grazie in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se sei sposato non ci sono problemi a richiedere gli arretrati degli assegni familiari, e non è necessaria alcuna autorizzazione preventiva da parte dell'INPS, ma ovviamente va presentata per via telematica una domanda per ogni anno di competenza dichiarando i redditi corrispondenti ai periodi di riferimento.-

      Elimina
  39. Buongiorno sono straniera perché non mi accetta la domanda assegnò familiare per là disoccupazione se io ho portato tutti documenti anche formulari 401 e 411,grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se l'INPS non accetta una domanda di assegni familiari di solito ne fornisce la motivazione, quindi se non mi dici la motivazione per cui la tua domanda è stata respinta, purtroppo non posso esserti d'aiuto.-

      Elimina
  40. Buonasera, sono legalmente separata,ho 2 figli una vive con me l'altro con mio marito, ho fatto domanda per anf ed è stata accolta solo per il figlio che vive con me, il mio ex marito non ha firmato la rinuncia anche se essendo lavoratore autonomo non ne avrebbe comunque diritto, la data decorre dall'udienza o dall'effettivo cambio di residenza dell'ex? Altra domanda, per un anno posso richiedere gli arretrati perché il suo reddito era inferiore al 70%, la domanda va fatta come sposata perché per periodo lo eravamo o da separata con relativa rinuncia dell'ex?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si possono richiedere gli assegni familiari solo per i figli conviventi, e la decorrenza è dalla data di omologa della sentenza di separazione.-
      Fino alla data della sentenza di separazione si possono richiedere gli assegni familiari da coniugati.-

      Elimina
  41. Buongiorno Dott. Gianfranco, io ho fatto la richiesta per i assegni familiari e arretrati per i ultimi 4 anni, ho una figlia e abito insieme alla compagnia, non siamo sposati, la figlia e a mio carico 100%. La domanda è stata fatta il 24.09.2020 insieme la autorizzazione. A metà gennaio mi hanno rifiutato la autorizzazione perché ne avevo un altra fatta ad aprile nel 2016 e il patronato mi ha detto che e valida ancora quella fino da aprile di quest'anno per quello l'hanno rifiutata. La domanda per i assegni familiari e ancora nel stato di segnalazione/verifica da quando ho fatto la richiesta. Quanto ci vuole ancora che Inps da la risposta, visto che sono già da quasi sei mesi in attesa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mariano!
      Purtroppo se la pratica è rimasta bloccata è colpa tua, nel senso che avresti dovuto ricordarti che eri già in possesso di un'autorizzazione non ancora scaduta, quindi ora devi attendere il completamento dell'iter burocratico, che comunque a questo punto dovrebbe concludersi nel giro di qualche giorno.-

      Elimina
  42. Salve avvocato ... da luglio ci sarà L assegno universale a sostituire gli anf e le detrazioni x figli. Io prendo 137 euro di assegno più circa 60 euro di detrazioni ... diciamo sui 200 euro totali tra anf e detrazioni, non essendo sposata e mettendo solo il mio reddito lavorativo. So che per L assegno universale si dice nella legge che : è prevista una integrazione compensativa all importo dell assegno universale che viene diretta ad assicurare che questo non risulti in ogni caso inferiore al trattamento complessivo di quello in godimento al nucleo familiare prima dell entrata in vigore del decreto legislativo di cui al comma 1. In pratica quindi che non percepirò mai meno dei 200 euro che percepisco ora ? È corretto ?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosa!
      Al momento sappiamo solo che con la finanziaria è stato previsto un certo stanziamento per l'assegno unico, ma non abbiamo ancora la più pallida di quello che prevederà in dettaglio, dobbiamo quindi attendere la relativa norma attuativa, ammesso che con la crisi di governo non salti tutto.-

      Elimina
  43. Buona sera dott.
    Vorrei chiedere l'info riguardo ANf per la disoccupazione non agricola.
    Percepisco Naspi e ho presentato la domanda x ANF. Quando ho compilato la colonna riguardo i redditi percepiti nel 2019 ho riportato i dati dal 730/2020. La domanda sorge riguarda i reddito del mio marito: reddito per l'attività di collaborazione non professionale presso un'associazione sportiva dilettantistica che non supera 10000euro va dichiarato? Come ho capito il reddito sotto 10000 euro non va tassato e mio marito risulta in carico mio per 100%. Devo dichiarare tale reddito o no? Nel 730 e' stato inserito nel quadro D riga D4 e nel prospetto di liquidazione punto 15 risulta 0.
    Grazie anticipatamente per la risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Redditi
      Ai fini del diritto all'assegno familiare si considera la somma dei redditi complessivi assoggettati all'IRPEF di tutti i componenti, compresa la casa di abitazione, gli assegni familiari periodici corrisposti dal coniuge separato o divorziato, i redditi esenti da imposta, e quelli soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d'imposta o imposta sostitutiva, (ad esempio, le borse di studio, la pensione e l'assegno sociale, indennità per ciechi, sordomuti, invalidi civili, Interessi dei depositi e dei c/c bancari e postali, interessi di CCT, BOT e i proventi da investimento).-

      Elimina
    2. Allora va dichiarato? Commercialista mi ha detto che non dovevo neanche inserirla nel 730 ...concorrono solo per il calcolo ISEE.
      Grazie

      Elimina
    3. SI!
      Va dichiarato anche se l'importo non va inserito nel 730.-

      Elimina
  44. Salve,
    Ho fatto la domanda anf dip dal 1/7/2020 al 30/06/2021 e è stata accolta ieri.
    L'agenzia INPS mi hanno detto che il datore di lavoro chi mi paga tutto ma io adesso non lavoro cosa devo fare? Devo contattare con il Ex datore? Mi deve pagare lui o come???
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' il tuo ex datore di lavoro che ti deve pagare gli ANF per il periodo in cui hai lavorato, emettendo apposita busta paga anche se non sei più in servizio.-

      Elimina
  45. Buonasera, ho fatto richiesta di ANF arretrati per gli anni 2015 e 2016 periodi in cui ero in mobilità. L'azienda ha chiuso per fallimento. Chi paga in questo caso gli assegni familiari?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La domanda degli arretrati degli ANF va presentata all'INPS indicando i datori di lavoro dei periodi corrispondenti, quindi se si era in mobilità andava presentata collegata all'indennità di mobilità.-

      Elimina
  46. Buongiorno, vorrei un informazione: io e il mio compagno non siamo sposati ma siamo conviventi di fatto, abbiamo una bimba di 9 mesi, gli ANF li ha sempre presi lui, ma vorrei capire se guardano il reddito familiare o solo il suo? Perché se guardano il reddito familiare allora se li prende lui o io la cifra è la stessa? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli ANF nel vostro caso, non essendo sposati, vengono calcolati solo in base al reddito del tuo compagno.-

      Elimina
  47. Buonasera la ringrazio per il suo aiuto, cercando su internet ho trovato questa precisazione:
    Ai fini della determinazione del reddito complessivo, necessario al calcolo degli assegni familiari spettanti, può essere assimilato ai nuclei familiari coniugali la sola situazione dei “conviventi di fatto” che abbiano stipulato il “contratto di convivenza” e solo se nello stesso contratto è definita con chiarezza l’entità dell’apporto economico di ciascuno alla vita in comune.

    La convivenza di fatto quindi deve essere stabile e regolata da un “contratto di convivenza” che dovrà contenere:

    l’indicazione della residenza;
    le modalità di contribuzione alle necessità della vita in comune.
    Solo in questo caso la “convivenza di fatto” è equiparata al “classico” nucleo familiare; con tutte le conseguenze del caso sulla normativa degli ANF; riguardo ad esempio al reddito per il calcolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che hai trovato su internet si riferisce a una specifica situazione familiare.-

      Elimina
  48. Buonasera Dottore, avrei bisogno di chiarimenti, se possibile, ho presentato giorno 1 febbraio, richiesta anf, dopo aver naturalmente ottenuto l'autorizzazione tramite mod. Anf 42. Dopo 15 giorni la pratica è stata reiettata per " presenza ne nucleo familiare del genitore separato o divorziato legalmente "; io proprio non riesco a capire, ho allegato alla pratica l'autorizzazione, l'omologa,l'isee, il certificato del comune ... cosa ho sbagliato e cosa significa soprattutto questa motivazione del non accoglimento? Spero voglia rispondere e grazie

    RispondiElimina
  49. Mi scusi, ho dimenticato di spiegare che per la tipologia del mio lavoro, gli assegni vanno richiesti dal primo di febbraio 2021 e, nel mio caso, inerenti al periodo 1 luglio 2020. Grazie ancora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ai fini del calcolo degli assegni per genitori separati o divorziati, il nucleo familiare è costituito solo dai figli e dal dal genitore convivente con gli stessi, presumo quindi che per errore nella domanda hai indicato anche l'altro genitore.-

      Elimina
  50. Buonasera, grazie innanzitutto per la risposta, ma no, ho indicato solo me e i ragazzi. Ecco perché non capisco proprio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A questo punto è inutile formulare ipotesi, ti consiglio quindi di consultare la sede INPS di zona per verificare dov'è l'eventuale errore.-

      Elimina
  51. Buonasera dottore, vorrei sapere se la famiglia con un minorenne,disoccupati mai lavorati con contratto , può cheidere assegno famigliare . Anche se sono ancora in attesa di permesso di soggiorno umanitario con motivo assistenza minorenne?? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Gli assegni per il nucleo familiare sono legati a un'attività lavorativa quindi se non si ha un regolare rapporto di lavoro dipendente non se ne ha diritto.-

      Elimina
  52. Salve io o fatto domanda il 6 febbraio e stata accolta quando posso prendere sia sei un anno di arretrati con il vecchio lavoro sia 8 mesi con il nuovo lavoro che tempistiche ci sono le domande sono accolte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se le domande sono state accolte da parte dell'INPS i pagamenti dovrebbero essere imminenti, quindi dovresti trovarteli o nella busta paga di febbraio o al massimo in quella di marzo.-

      Elimina
  53. Ciao Gianfranco, sto prendendo gli asegni familiari e siamo in 3. Giorno 10 è nato il secondo bimbo e ora siamo 4. Cosa devo fare per l'assegno familiare, una nuova domanda oppure una variazione della vecchia. Non penso ci vuole un'autorizzazione. In attesa ti auguro una buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Franco!
      Se sei coniugato devi presentare una variazione della domanda di ANF inserendo nel nucleo familiare anche l'ultimo nato.-

      Elimina
  54. Buongiorno dottore io ho fatto prima l'autorizzazione per richiedere gli ANF perché io e la mamma delle bambine non siamo ne sposati ne conviventi e dopo 20 giorni è stata accettata,poi ho fatto la richiesta per richiedere gli arretrati ANF per lavoratore domestico tramite patronato tutta la documentazione giusta dopo 5 mesi mi è stata respinta per motivazioni anno 2019 e 2020 non erogabili. Lei mi può delucidare cosa significa? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La normativa prevede che nei casi di genitori non sposati e non conviventi gli assegni familiari spettano al genitore convivente con i figli, quindi non capisco come hai potuto ottenere l'autorizzazione da parte dell'INPS.-
      Infatti nel vostro caso è la madre che avrebbe dovuto richiedere l'autorizzazione e il pagamento all'INPS in base alla tua attività lavorativa.-
      Presumo quindi che ci sia una qualche incongruenza nelle due domande presentate all'INPS.-

      Elimina
  55. Buonasera sign. Gianfranco Censori ho letto tutti i commenti ma non ho trovato risposte al mio quesito quindi ho deciso di scriverle direttamente io; Allora io sono mamma di due bambini e non sono sposata e nemmeno convivente con il loro papà ho letto su internet che per la richiesta per gli assegni nucleo familiare dovrei essere io ha richiederli essendo che i miei figli vivono con me, io non lavoro e ho un reddito annuo di 4000 euro mi posso avvalere della posizione lavorativa del padre essendo lui dipendente privato(osa)?e se si mi spetterebbero anche gli arretrati? La ringrazio anticipatamente per la sua disponibilità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      La madre si può avvalere della posizione lavorativa del padre solo se è senza redditi, e tu con un reddito di 4.000 euro non ne hai diritto.-

      Elimina
  56. Buon giorno ... volevo chiedere un informaizione ho fatto la richiesta degli assegni familiari avendo 3 figli minori ma e già la seconda che l inps non l accoglie dicendo che le istruttorie non corrispondono cosa vuol dire?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vuol dire che nella domanda hai inserito dei dati errati, ti consiglio quindi di rivolgerti a un patronato per evitare di commettere altri errori.-

      Elimina
  57. Gentile dott. Censori, sono inabile e percepisco una reversibilità da mia madre deceduta che aveva una pensione da lavoro dipendente. Posso chiedere l'Anf per me stessa? Grazie Sofia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sofia!
      Purtroppo NO!
      requisiti per poterne beneficiare sono:
      - essere vedovo o vedova di un lavoratore, sia del settore privato che del settore pubblico;
      - godere della pensione di reversibilità;
      - essere invalido al 100% ed essere stato riconosciuto inabile a proficuo lavoro o titolare di assegno di accompagnamento o aver ottenuto dal medico di base un certificato specifico che attesta la propria inabilità al lavoro.-

      Elimina
  58. Caro avv. Censori, sono vedova, ho la reversibilità di mio marito da lavoro dipendente, una pensione cat.IO e una inabilità del 68 %. Ho fatto già domanda ma mi è stata respinta perchè la mia percentuale d'invalidità non era alta. Mi è stato detto che la percentuale d'inabilità per il diritto all'Anf si è abbassata. Volevo sapere se questa notizia sia vera. Grazie infinite. Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      L'INPS con circ. 11/99 ha chiarito che i richiedenti ultrasessantacinquenni, in possesso di certificazione medica ASL che attesti gravi difficoltà a svolgere compiti e funzioni dell'età, saranno convocati a visita medica; necessario almeno 80% invalidità.-
      Invece, il riconoscimento del 100% di invalidità civile, può essere ritenuto probante ai fini dell'accoglimento della domanda e quindi del diritto di percepire gli assegni familiari.-

      Elimina
  59. Salve o fatto richiesta per gli assegni famigliari domestici . La domanda e stata accolta.. vorrei sapere quanto tempo ci vuole per avere i soldi..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In genere l'INPS provvede ad evadere queste pratiche nel giro di 90 giorni dalla data di presentazione della domanda.-

      Elimina
  60. Ciao avvocato ho fatto la richiesta di assegno familiare per mi figli fatto settembre e non ancora l'ano mandato niente come posso fare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la domanda l'hai presentata tramite un patronato devi rivolgerti allo stesso per verificare lo stato della pratica.-

      Elimina
  61. Buonasera avvocato,non trovo risposta tra le domande già poste quindi spero di non disturbarla. Mio marito è un professionista iscritto alla gestione separata,tutti gli anni abbiamo presentato la domanda tramite Caf ma da quest'anno ho provato a farlo io direttamente dal sito,la domanda mi è stata reitata per reddito dichiarato risultante diverso dalle verifiche effettuate dalla sede di competenza.non ho ben capito se devo indicare il reddito indicato nel quadro RE23 nella colonna"redditi assoggettabili Irpef"parasubordinato e i redditi da fabbricati(RB10unico) nella colonna altri?inoltre avendo la casa al 50%ed essendo io moglie al 100% a carico di mio marito devo indicare anche la parte dei miei redditi da fabbricati sempre nella colonna altri redditi?spero di essermi spiegata..la ringrazio in anticipo per la gentile risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ai fini del calcolo degli assegni familiari vanno dichiarati tutti i redditi di entrambi i coniugi, quindi il reddito lordo complessivo da lavoro di tuo marito + la sua quota di redditi da fabbricati + la tua quota di redditi da fabbricati.-

      Elimina
  62. BUONA SERA AVVOCATO LA MIA DOMANDA E? IO O DUE BAMBINI UNO DE 13 CHE A IL MIO COGNOME E LA BAMBINA DI 2 ANNI CHE HA IL COGNOME DEL MIO COMPAGNO ATTUALE IO ADESSO NON SONO SPOSSATA CI SPOSSIAMO A LUGLIO IL MIO COMPAGNO UNA VOLTA SPOSATA LUI HA UN LAVORO STABILE PO PRESENTARE LA RICHIESTA DEGLI ASSEGNI FAMIGLIARE PER TUTTO IL NUCLEO FAMILIARE O NON LO PO FARE. PERCHE ADESSO LUI PER ADESSO FARA LA RICHIESTA DEL ASSEGNO SOLO PER LA BAMBINA PERO DOPO SPOSATI VOGLIAMO CAPIRE SI PO PRESENTAR DI TUTTO IL NUCLEO FAMIGLIARE PERCHE E LUI CHE SI OCCUPA DI TUTTI NOI GRAZIE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Una volta che sarete sposati il tuo compagno potrà richiedere gli assegni familiari anche per il ragazzo che ha il tuo cognome, dovrà solo richiedere un'autorizzazione preventiva dell'INPS.-

      Elimina
  63. Buongiorno Dott. Censori io lavoro come cassiera in un supermercato e per motivi familiari devo lasciare il lavoro pero con il mio capo abbiamo patuito che mi licenzia per giusta causa per ritardi nel lavoro in modo che non perda la dissocupazione. E giusto così ho si deve allegare altro? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo in questo periodo non cono alternative nel senso che i licenziamenti sono bloccati e quindi sono ammessi solo i licenziamenti per giusta causa.-
      Ovviamente è un licenziamento per colpa del lavoratore e che quindi rimarrà agli atti, ma se devi lasciare il lavoro per motivi familiari penso che per te non sia un problema.-

      Elimina
  64. Buonasera quando prenderò di assegno anf mio figlio è nato a settembre 2020 sono bracciante agricolo

    RispondiElimina
  65. Risposte
    1. Nel tuo caso la domanda di ANFR andrà presentata all'INPS dal mese di luglio in poi.-

      Elimina
  66. Salve , da DICEMBRE 2020 ricevo ANF da 2 aziende di cui sono dipendente part-time.
    Io tramite patronato ho richiesto ANF solo ad una azienda .

    Vorrei capire come sia possibile che l'altra azienda mi stia pagando ANF senza far espressa richiesta a lei .. come fa ad avere i dati ( data e numero protocollo ) della richiesta effettuata all'altra azienda ..

    E come devo procedere ora per restituirli ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con due rapporti di lavoro part-time in essere, l'INPS deve essere a conoscenza dei dati di entrambe le aziende, ma ovviamente solo una delle due deve provvedere al pagamento degli ANF.-
      Devi quindi comunicare a una delle aziende che gli ANF ti vengono corrisposti dall'altra e che quindi deve provvedere a sospendere il pagamento degli stessi e al recupero di quanto ti hanno corrisposto.-

      Elimina
    2. Si, già comunicato alla azienda che non deve più corrispondere gli ANF e mi hanno risposto che loro non possono farlo xchè e' l'INPS che comunica mensilmente i nominativi degli aventi diritto agli ANF . Il loro compito quindi è semplicemente quello di eseguire ciò che l'INPS dice e di testa loro non possono far nulla .

      D'altra parte l'INPS dice che devo rivolgermi all'azienda ..

      E non ne esco fuori.

      Io dipendente ho l'obbligo di restituire quanto giustamente non mi è dovuto ma mi stanno facendo capire come.

      Ci sono dei moduli o delle procedure online che posso utilizzare e compilare x chiedere di restituire ANF percepiti ?

      O e' compito dell'azienda entrare in comunicazione con l'INPS dicendo che mi stanno chiedendo in dietro gli ANF in quanto già li percepisco da altra azienda ?

      Grazie.Alberto

      Elimina
    3. Ciao Alberto!
      Prova a fare il contrario e cioè chiedi all'altra azienda di sospendere la corresponsione degli assegni familiari, e se anche questa fa lo stesso discorso non puoi fare altro che attendere che sia l'INPS a risolvere il problema e a richiederti la restituzione di quanto non ti era dovuto.-

      Elimina
    4. Chiederlo all'altra azienda non mi è possibile xchè con questa ho un contratto per almeno 3 anni , con l'azienda che non vuole sospenderli invece ci sono problemi di appalto in quanto potrebbe terminare già in questo mese di aprile o avere una proroga fino a giugno .

      Entrambe le aziende sono COOPERATIVE sociali che vincono appalti di integrazione scolastica nelle scuole ( la prima ha appalto in scadenza nel comune, l'altra appalto in provincia) ..

      Elimina
    5. Ciao Alberto!
      Ti stai ponendo un problema che non esiste perché se uno dei due rapporti di lavoro cessa devi comunque ripresentare una nuova domanda di ANF all'INPS solo per l'azienda con la quale continui a lavorare.-

      Elimina
  67. Buongiorno,
    vorrei chiedere un'informazione riguardante la possibilità di chiedere gli assegni arretrati.
    Vorrei chiedere gli assegni per l'anno 2017, 2016 e 2015. Premetto che non lavoro più per le aziende per la quale lavoravo negli anni in questione.
    Una delle società è fallita mentre l'altra sò che non ha disponibilità economiche.
    Leggendo le istruzione vedo che posso chiedere direttamente all'insp. Mi conferma? devo fare la domanda on line mettendo il codice fiscale dell'istituto o c'è una procedura diversa?
    Grazie infinite.
    Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberta!
      Puoi richie4dere il pagamento diretto all'INPS solo per l'azienda fallita ma devi allegare tutte le buste paga dalle quali risulti il mancato pagamento dei gli ANF e documentazione attestante il fallimento della stessa.-
      Per quanto riguarda l'altra che non ha disponibilità economiche puoi presentare la domanda di pagamento diretto all'INPS solo se la stessa ti mette per iscritto le mancate disponibilità economiche.-

      Elimina
  68. Buonasera un informazione io o 4 minori e ho chiesto gli assegni famigliare me gli hanno accolti solo di tre bimbi e 1 no come mai

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristina!
      Presumo che ci sia una motivazione valida, per esempio per uno dei figli il padre potrebbe essere diverso, quindi se non mi spieghi meglio la tua situazione familiare purtroppo non posso esserti d'aiuto.-

      Elimina
  69. Buongiorno,
    Io e il mio compagno non siamo ne sposati e ne coppia di fatto in comune. Siamo solo conviventi con la stessa residenza e abbiamo 2 bambini.
    Io lavoro dipendente e lui autonomo.
    A me spettano lo stesso gli assegni famigliari anche se la somma dei due redditi non e' maggiore del 70% da lavoro dipendente? O non devo tenere conto del suo reddito?
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non siete sposati nella domanda di ANF non devi inserire il tuo compagno e quindi non devi dichiarare nemmeno i suoi redditi.-

      Elimina
  70. Buongiorno,
    Se la domanda ANF dal sito Inps risulta accolta con i relativi importi, significa che anche il datore li vede già o può essere che invece non siano ancora visibili per lui e quindi attesa più lunga per l'erogazione? Per Gli arretrati il datore può rifiutarsi di pagarli o pagarli a rate o e' obbligato a pagare tutto subito? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la domanda ANF risulta accolta e gli importi sono visibili, vuol dire che lo sono sia per per te che per il datore di lavoro.-
      Per quanto riguarda il pagamento immediato degli arretrati dipende dall'entità degli stessi e dal numero dei dipendenti aziendali, perché il datore di lavoro detrae l'importo degli ANF dai contributi da versare all'INPS quindi se non ha capienza può scaglionarne il pagamento.-

      Elimina
  71. buonasera,
    ho richiesto degli assegni familiari arretrati di 24 mese e non mi l'anno pagati tutti cosa devo fare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le opzioni possibili sono diverse, nel senso che, o non è stata presentata la domanda per tutti i periodi, o in qualche periodo non hai lavorato, o il datore di lavoro si è dimenticato di pagarti un periodo, devi quindi rivolgerti al patronato che ti ha presentato le domande per le relative verifiche.-

      Elimina
  72. Buonasera,
    potrebbe chiarire gentilmente un mio dubbio?
    La domanda per gli ANF viene fatta di anno in anno con riferimento al reddito del precedente, non spettandoci per il 2020 in quanto nel 2019 il reddito autonomo superava il 30% del lavoro dipendente, mi chiedo, per l'anno 2020 in cui entrambi siamo stati lavoratori autonomi non percepiremo alcun assegno familiare? Si potranno percepire solo da Luglio 2021 giusto? L'anno 2020 anche se anno di lavoro autonomo non darà diritto ad alcun assegno familiare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessandra!
      Con decorrenza dal 1° luglio 2021 dovrebbe andare in vigore l'assegno unico in sostituzione anche degli ANF ai quali non avevano diritto i lavoratori autonomi.-

      Elimina
  73. Buongiorno sono una lavorstrice domestica dal 22 marzo 2020 con un lavoro part time ed una figlia minore (non sposata)

    Ho eseguito la richiesta degli assegni rigettata x ben 4 volte x mancanza dichiarazione dei redditi. Ho eseguito la domanda tramite patronato

    Ho provato a prenotare alle sedi inps ma danno solo la motivazione ed il signore che mi ha fatto la domanda non sa con esattezza quali redditi inserire.

    Vorrei presentare una nuova domanda potreste indicarmi, gentilmente, tutto cio che occorre per eseguirla? Se devo inserire oltre l isee altro?

    Non so se ho cud o 730 non ho mai fatto

    RispondiElimina
  74. Ciao Veronica, per avere gli assegni nel periodo 1/7/2020-30/6/2021 devi aver lavorato nel 2019, se hai invece lavorato come dici da marzo 2020 devi fare la domanda per il periodo 1/7/2021-30/6/2022 e quindi attendere ancora un pò. Ti ricordo che dal luglio prossimo ci sarà un nuovo assegno familiare più ricco e ci vorrà anche l'isee, quindi se non l'hai ancora fatto, inizia a farti l'isee. Comunque aspetta la risposta di Gianfranco che ti spiegherà meglio

    RispondiElimina
  75. Grazie Francesco per la tua risposta
    Non riesco a comprendere come mai il ragazzo mi abbia fatto presentare domanda x ben 4 volte arrivata a questo pubto.

    Pensavo che una volta in regola presentavo la domanda e in automatico versavano gli assegni

    RispondiElimina
  76. Per i lavoratori domestici la normativa a livello di ANF è diversa rispetto ai lavoratori dipendenti, in quanto la domanda va presentata a posteriori richiedendo all'INPS il pagamento diretto degli stessi.-
    Per il periodo dal 22/03/2020 al 30/06/2020 vanno dichiarati i redditi del 2018, e se nel 2018 non ci sono stati redditi va indicato reddito zero.-
    Per il periodo dal 01/07/2020 al 30/06/2021 la domanda andrà presentata da luglio in poi dichiarando i redditi del 2019.-

    RispondiElimina