mercoledì 7 luglio 2021

Assegni Nucleo Familiare dal 01/07/2021 al 31/12/2021

Il decreto-legge 8 giugno 2021, n. 79 riconosce agli aventi diritto all’Assegno per il Nucleo Familiare (ANF), a decorrere dal 1° luglio e fino al 31 dicembre 2021, una maggiorazione di 37,5 euro per ciascun figlio, per i nuclei familiari fino a due figli, e di 55 euro per ciascun figlio, per i nuclei familiari di almeno tre figli.

L'assegno è corrisposto alle seguenti categorie: Lavoratori dipendenti Lavoratori iscritti alla gestione separata Lavoratori agricoli Lavoratori domestici Lavoratori di ditte cessate, fallite o inadempienti Titolari di NASPI o di disoccupazione agricola

La maggiorazione è riconosciuta anche in presenza di figli maggiorenni inabili, e di figli di età compresa tra i 18 e i 21 anni se studenti o apprendisti e appartenenti a nuclei numerosi.-

Si precisa che l'assegno per il Nucleo Familiare non è compatibile con l'Assegno Unico Temporaneo per i figli minori.-

ASSEGNI FAMILIARI dal 01/07/2021 al 31/12/2021 (circ.92 del 30/06/2021 INPS)

Tab. 11 – Nuclei familiari con entrambi i genitori e almeno un figlio minore, in cui non siano presenti componenti inabili.-

Tab. 12 – Nuclei familiari con un solo genitore e almeno un figlio minore in cui non siano presenti componenti inabili.-

Tab. 13 – Nuclei familiari orfanili composti solo da minori non inabili.-

Tab. 14 - Nuclei familiari con entrambi i genitori e almeno un figlio minore in cui sia presente almeno un componente inabile e nuclei familiari con entrambi i genitori, senza figli minori e con almeno un figlio maggiorenne inabile.-

Tab. 15 – Nuclei familiari con un solo genitore e almeno un figlio minore in cui sia presente almeno un componente inabile e nuclei familiari con un solo genitore, senza figli minori e con almeno un figlio maggiorenne inabile.-

Tab. 16 – Nuclei familiari orfanili composti da almeno un figlio minore in cui sia presente almeno un componente inabile.-

Tab. 19 – Nuclei familiari orfanili composti solo da maggiorenni inabili.-

Tab. 20A – Nuclei familiari con entrambi i coniugi e senza figli (I n cui sia presente almeno un fratello, sorella o nipote inabile).-

Tab. 20B - Nuclei monoparentali senza figli (in cui sia presente almeno un fratello, sorella o nipote inabile).-

Tab. 21A - Nuclei familiari senza figli (in cui non siano presenti componenti inabili).-

Tab. 21B – Nuclei monoparentali senza figli con almeno un fratello, sorella o nipote (in cui non siano presenti componenti inabili.-


Tab. 21A – Nuclei familiari con entrambi i genitori, senza figli, assenza di inabili.-

Reddito familiare annuo da euro 00.000,00 a euro 13.963,66 = euro 46,48

Reddito familiare annuo da euro 13.963,67 a euro 17.453,81 = euro 36,15

Reddito familiare annuo da euro 17.453,82 a euro 20.943,96 = euro 25,82

Reddito familiare annuo da euro 20.943,97 a euro 24.432,76 = euro 10,33

Reddito familiare annuo da euro 24.432,77 non spettano assegni familiari



In questo articolo riporteremo informazioni utili sugli assegni per il nucleo familiare, con validità da luglio 2021 a dicembre 2021.

-------------------------------------------------------------------------------------------------

Assegni Per il nucleo Familiare 

L'assegno per il nucleo familiare è previsto per aiutare le famiglie dei lavoratori dipendenti, pubblici e privati e dei pensionati da lavoro dipendente, i cui nuclei familiari sono composti da più persone e i cui redditi sono al di sotto delle fasce di reddito massime stabilite dalla legge.

A decorrere dal 1° aprile 2019, la domanda di Assegno per il Nucleo Familiare dei dipendenti privati di aziende non agricole deve essere presentata direttamente all’INPS esclusivamente in modalità telematica.
La domanda di Assegno per il Nucleo Familiare deve essere presentata dal lavoratore all’INPS attraverso il servizio online dedicato o tramite i servizi telematici offerti dagli enti di patronato.

A chi spetta

Spetta ai lavoratori dipendenti in attività, ai disoccupati indennizzati, ai lavoratori cassaintegrati, ai lavoratori in mobilità, ai lavoratori in malattia o in maternità e ai pensionati ex lavoratori dipendenti; spetta anche ai lavoratori con contratto a termine.
Per averne diritto è necessario che il reddito familiare non superi determinati limiti, stabiliti ogni anno dalla legge; è costituito da quello del richiedente e di tutte le persone che compongono il nucleo familiare, prodotto nell'anno solare precedente; decorre dal I° luglio di ogni anno ed ha valore fino al 30 giugno dell'anno successivo.

Redditi

Ai fini del diritto all'assegno familiare si considera la somma dei redditi complessivi assoggettati all'IRPEF di tutti i componenti, compresa la casa di abitazione, gli assegni familiari periodici corrisposti dal coniuge separato o divorziato, i redditi i redditi esenti da imposta, e quelli soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d'imposta o imposta sostitutiva, (ad esempio, le borse di studio, la pensione e l'assegno sociale, indennità per ciechi, sordomuti, invalidi civili, Interessi dei depositi e dei c/c bancari e postali,interessi di CCT, BOT e i proventi da investimento).
Rientrano tra i redditi soggetti ad imposta sostitutiva e pertanto vanno computati nel reddito familiare i premi alla produttività solo qualora il loro ammontare superi complessivamente il limite di 1.032,91 euro al lordo delle ritenute, riferito all'intero nucleo.
In caso di perdite d'esercizio derivanti dalla partecipazione ad una società di persone in contabilità ordinaria o semplificata è possibile detrarre, ai fini dell'assegno per il nucleo familiare, dal reddito di lavoro dipendente di uno dei componenti il nucleo le perdite di esercizio derivanti dalla sua partecipazione ad imprese in contabilità semplificata, ma non quelle provenienti da imprese in contabilità ordinaria.
Invece non si computano: Il trattamento di fine rapporto, i trattamenti di famiglia, le rendite vitalizie erogate dall'INAIL, le pensioni di guerra, le pensioni tabellari ai militari di leva vittime di infortunio, le indennità di accompagnamento, le indennità di trasferta, l'assegno di mantenimento dei figli.

Periodo di riferimento del reddito

Il reddito familiare da considerare ai fini della corresponsione degli assegni per il nucleo familiare è quello conseguito nell'anno solare precedente il 1° luglio di ogni anno e rimarrà in vigore fino al 30 giugno dell'anno successivo (esempio per il periodo dal 01/07/2020 al 30/06/2021 fanno fede i redditi dell'anno 2019).

Per chi spetta

Fanno parte del nucleo familiare: il coniuge anche se non convivente, i figli minorenni, i figli maggiorenni inabili, fratelli sorelle e nipoti inabili e familiari residenti all'estero di cittadino straniero (solo se esiste un rapporto di reciprocità con lo Stato di provenienza o sia stata stipulata una convenzione in materia di ANF).
Per i nuclei familiari numerosi, composti cioè da almeno 4 figli o equiparati di età inferiore a 26 anni, si avrà diritto all'assegno al nucleo familiare oltre che per i figli minori anche per i maggiori di anni 18 (compiuti) ed inferiore a 21 anni purché studenti o apprendisti.

Incidenza in percentuale del reddito da lavoro dipendente

L'assegno per il nucleo familiare non spetta se la somma dei redditi da lavoro dipendente e/o assimilati, da pensione o da altra prestazione previdenziale derivante da lavoro dipendente è inferiore al 70% del reddito familiare complessivo.

Chi paga

Ai lavoratori in attività l'assegno familiare viene pagato dal datore di lavoro in occasione del pagamento della retribuzione. Il datore di lavoro chiede poi all'INPS il rimborso delle somme pagate. Per colf, operai agricoli dipendenti, disoccupati ecc., l'assegno viene pagato direttamente dall'INPS.
Ai pensionati l'assegno familiare viene pagato direttamente dall'INPS insieme alla rata di pensione.

L'autorizzazione dell'INPS

In generale, il datore di lavoro corrisponde l'assegno al nucleo familiare al dipendente che ne fa richiesta e che dimostra di averne diritto.
Però in alcuni casi particolari la corresponsione dell' assegno per il nucleo familiare è subordinata ad una preventiva autorizzazione da parte dell'INPS, da richiedere esclusivamente per via telematica con il mod. ANF42 (l'autorizzazione è necessaria ad esempio in caso di figli di divorziati o separati legalmente o del coniuge già divorziato, figli dell'altro coniuge nati da precedente matrimonio sciolto per divorzio, fratelli, sorelle e nipoti, soggetti maggiorenni inabili, o per i nipoti intesi come i figli dei figli se i genitori sono senza redditi).

Assegno per il Nucleo Familiare ai Lavoratori Parasubordinati

È una prestazione istituita per aiutare le famiglie dei lavoratori parasubordinati iscritti alla Gestione Separata, di cui all'art.2, comma 26, legge 335/95, che non siano iscritti ad altre forme pensionistiche obbligatorie e non siano pensionati.
L’importo dell’assegno varia, come per i lavoratori dipendenti, in base al numero dei componenti, alla tipologia e al reddito complessivo percepito dal nucleo stesso, secondo quanto stabilito nelle tabelle reddituali pubblicate ogni anno.
I redditi da dichiarare sono, oltre quelli la cui dichiarazione è già prevista per i lavoratori dipendenti, anche quelli derivanti dalle attività indicate all’art. 2, c. 26, L.335/95.
Pertanto, in questo caso, il reddito complessivo del nucleo familiare deve essere composto, per almeno il 70%, da reddito derivante da lavoro dipendente ed assimilato o da reddito derivante dalle attività indicate all’art. 2, c. 26, L.335/95. In caso di nuclei a composizione reddituale mista, è data la possibilità di considerare realizzato il requisito del 70% di redditi da lavoro dipendente ed assimilato con la somma dei redditi da lavoro dipendente e dei redditi derivanti da attività di lavoro parasubordinato.
Ai lavoratori in questione l'assegno familiare sarà corrisposto per tutto il periodo che, ai fini previdenziali, risulti coperto dalla specifica contribuzione, comprensiva dell’aliquota contributiva aggiuntiva dello 0,72% (0,50% fino al 6/11/07), specificamente introdotta dalla legge 449/97, art. 59, comma 16, per il finanziamento delle prestazioni di maternità e degli assegni per il nucleo familiare.
La domanda deve essere presentata esclusivamente attraverso uno dei seguenti canali:
  • WEB - servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino munito di PIN attraverso il portale dell’Istituto - servizio di “Invio OnLine di Domande di prestazioni a Sostegno del reddito”, funzione ANF Gestione Separata; 
  • Patronati - attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi; 
  • Contact Center - attraverso il numero 803164 gratuito da rete fissa o il numero 06164164 da rete mobile a pagamento secondo la tariffa del proprio gestore telefonico. 
A decorrere dal 1° febbraio dell’anno successivo a quello per il quale vengono richiesti gli assegni. Qualora la domanda venga presentata per un periodo pregresso, gli arretrati spettanti vengono corrisposti nel limite massimo di 5 anni (prescrizione quinquennale).


Assegno Familiare ai Lavoratori Domestici

I lavoratori domestici hanno diritto alla corresponsione dell’ assegno per il nucleo familiare, ma a differenza dei lavoratori subordinati il pagamento non avviene da parte del datore di lavoro, bensì direttamente dall’INPS. La richiesta va quindi effettuata direttamente all’INPS via internet, tramite accesso alla propria area riservata sul portale www.inps.it o tramite patronato.
L'assegno per il nucleo familiare è pagato direttamente dall’INPS con due rate semestrali posticipate secondo la modalità scelta dall’interessato nel modello di domanda (bonifico presso l’Ufficio Postale, accredito sul conto corrente bancario o postale).
La misura dell’assegno varia oltre che in base al reddito lordo complessivo e al numero dei componenti il nucleo familiare anche in base alle ore di lavoro.
Ai lavoratori domestici spettano tanti assegni familiari giornalieri quanti ne risultano dal quoziente che si ottiene dividendo per quattro il numero delle ore di lavoro risultanti dalla contribuzione complessivamente versata o dovuta nel trimestre, da uno o più datori di lavoro, e per un massimo di sei assegni giornalieri per ogni settimana.


ASSEGNI FAMILIARI dal 01/07/2020 al 30/06/2021 (circ. 60 del 21/05/2020 INPS)

Tab. 11 – Nuclei familiari con entrambi i genitori e almeno un figlio minore, in cui non siano presenti componenti inabili.-
Tab. 12 – Nuclei familiari con un solo genitore e almeno un figlio minore in cui non siano presenti componenti inabili.-
Tab. 13 – Nuclei familiari orfanili composti solo da minori non inabili.-
Tab. 14 - Nuclei familiari con entrambi i genitori e almeno un figlio minore in cui sia presente almeno un componente inabile e nuclei familiari con entrambi i genitori, senza figli minori e con almeno un figlio maggiorenne inabile.-
Tab. 15 – Nuclei familiari con un solo genitore e almeno un figlio minore in cui sia presente almeno un componente inabile e nuclei familiari con un solo genitore, senza figli minori e con almeno un figlio maggiorenne inabile.-
Tab. 16 – Nuclei familiari orfanili composti da almeno un figlio minore in cui sia presente almeno un componente inabile.-
Tab. 19 – Nuclei familiari orfanili composti solo da maggiorenni inabili.-
Tab. 20A – Nuclei familiari con entrambi i coniugi e senza figli (I n cui sia presente almeno un fratello, sorella o nipote inabile).-
Tab. 20B - Nuclei monoparentali senza figli (in cui sia presente almeno un fratello, sorella o nipote inabile).-
Tab. 21A - Nuclei familiari senza figli (in cui non siano presenti componenti inabili).-
Tab. 21B – Nuclei monoparentali senza figli con almeno un fratello, sorella o nipote (in cui non siano presenti componenti inabili.- 
 

Tab. 21A – Nuclei familiari con entrambi i genitori, senza figli, assenza di inabili.-

Reddito familiare annuo da euro 00.000,00 a euro 13.963,66 = euro 46,48
Reddito familiare annuo da euro 13.963,67 a euro 17.453,81 = euro 36,15
Reddito familiare annuo da euro 17.453,82 a euro 20.943,96 = euro 25,82
Reddito familiare annuo da euro 20.943,97 a euro 24.432,76 = euro 10,33
Reddito familiare annuo da euro 24.432,77 non spettano assegni familiari




Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate sugli assegni familiari puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it. Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

170 commenti:

  1. Buonasera ho cominciato un nuovo contratto da lavoro dipendente da un mese, fatto richiesta di anf, ma l inps mi risponde che non ne ho diritto perche i redditi del 2019 non sono per almeno il 70% da lavoro dipendente (in effetti é vero perche all epoca ero un autonomo), quindi pur lavorando da dipendente ora non mi spettano gli anf per un reddito di due anni fa?

    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Ai fini del diritto e quindi del calcolo degli assegni familiari fanno fede i seguenti redditi:
      - Periodo dal 01/07/2020 al 30/06/2021 Redditi del 2019
      - Periodo dal 01/07/2021 al 30/06/2022 Redditi del 2020
      Al momento non sappiamo ancora cosà succederà con l'entrata in vigore dell'assegno unico.-

      Elimina
  2. Grazie mille, é riuscito a togliermi dubbi che il call center inps non aveva tolto!
    Buon lavoro e buona vita

    RispondiElimina
  3. Salve Sig. Gianfranco, volevo capire facendo la domanda di autorizzazione anf per naspi da luglio 2021 a giugno 2022 devo vo mettere i miei redditi dipendenze e assimilati più quello di mia moglie che è autonoma forfettaria e fa dichiarazione separata da me.
    Il mio dubbio è:
    Nel modello unico figura quello che ha incassato "esempio" 6130€ meno il 67%
    Che è la percentuale per il suo codice ateco la sua attività è una parrucchieria 4107€, quindi il risultato è il reddito di attività lordo che togliendo i contributi versati 2477€da il reddito attività netto 1630€ .
    Poi nel quadro RN irpef vedo che il reddito complessivo per agevolazioni fiscali è zero, e anche il reddito imponibile è zero e anche imposta lorda è zero.
    Se è il reddito imponibile o fiscale devo indicare zero?
    Non vorrei sbagliare.
    Grazie in anticipo e spero di essere stato chiaro bel spiegare la situazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mauro!
      Nella domanda ANF, per quanto riguarda il reddito di tua moglie, devi indicare il reddito da attività al netto dei contributi pari a 1.630 euro.-

      Elimina
  4. Gentilissimo Dottor Censori, nei mesi scorsi si vociferava dell'introduzione di una nuova disposizione di assegni familiari,ossia assegno unico, da introdurre nella prossima annualità 2021-2022. Pare di capire che non è stato ancora fatto o sbaglio? Gradirei una sua gentile risposta in merito e ringraziandola le porgo distinti saluti.
    Eugenio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Eugenio!
      La legge inerente l'assegno unico è stata approvata dal Parlamento con decorrenza 1° luglio 2021, ma mancano la norme attuative.-
      La questione è piuttosto complessa perché l'assegno unico dovrebbe sostituire gli assegni familiari, le detrazioni fiscali, il premio alla nascita, il bonus bebè e il bonus asilo nido.-
      Al momento possiamo solo presumere che l'assegno unico partirà a luglio per i lavoratori autonomi e per gli inoccupati, mentre per i lavoratori dipendenti potrebbe rimanere in vigore fino a dicembre la normativa attuale, ma probabilmente ne sapremo di più solo a fine giugno.-

      Elimina
  5. Dottor Censori, Buonasera. Mia figlia ha ottenuto l'anno scorso una borsa di studio da parte dell'INPS. Non ho ricevuto nessun CUD a differenza dell'altra mia figlia universitaria per la quale è stato emesso un regolare CUD. La mia domanda è questa: Credo di inserire nella domanda la borsa di studio con CUD, devo inserire anche quella dell'INPS per la quale non ho il CUD? In attesa di un suo riscontro le porgo cordiali saluti. Giuseppe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuseppe!
      Redditi:
      Ai fini del diritto all'assegno familiare si considera la somma dei redditi complessivi assoggettati all'IRPEF di tutti i componenti, compresa la casa di abitazione, gli assegni familiari periodici corrisposti dal coniuge separato o divorziato, i redditi i redditi esenti da imposta, e quelli soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d'imposta o imposta sostitutiva, (ad esempio, le borse di studio, la pensione e l'assegno sociale, indennità per ciechi, sordomuti, invalidi civili, Interessi dei depositi e dei c/c bancari e postali, interessi di CCT, BOT e i proventi da investimento).-

      Elimina
    2. Ciao Giuseppe!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  6. Buongiorno avvocato ho un dubbio: nel 2020 ho lavorato fino ad agosto poi sono stato disoccupato (senza disoccupazione purtroppo non mi spettava) fino al 3 maggio data di assunzione per un lavoro a tempo determinato fino al 31 luglio 2021. La richiesta degli assegni posso farla retroattiva anche se non lavoravo? Tipo da settembre 2020 oppure deve partire dal 3 maggio fino al 30 giugno e poi se mai fare il mese di luglio? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli assegni familiari sono legati all'attività lavorativa quindi vanno richiesti solo per la durata dei rispettivi contratti.-
      Va presentata una domanda per i periodi lavorati da luglio 2019 a giugno 2020 e un'altra domanda per i periodi lavorati da luglio 2020 a giugno 2021.-

      Elimina
  7. Gentilissimo Dottor Censori, mi sembra e lei mi confermerà o meno che mia figlia 25 a novembre ha incominciato a vivere e lavorare in Germania e adesso sta lavorando regolarmente,come dice lei ed è iscritta all'EIRE, adesso lavoro 8 ore al giorno guadagnando circa 1000 euro al mese anche se un giorno potrebbe finire,chiedevo se devo farla cancellare dalle detrazioni fiscali del mio stipendio.
    Grazie!

    RispondiElimina
  8. correggo lavoro con lavora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. DETRAZIONI PER I FIGLI A CARICO
      A decorrere dall’1.1.2019 e solo per i figli di età non superiore a 24 anni il limite di reddito complessivo per essere considerati fiscalmente a carico è elevato da 2.840,51 a 4.000 euro.-

      Elimina
  9. Se ho capito bene mia figlia che ha compiuto 25 anni af ine novembre 2020 scorso e lavora saltuariamente all'estero io devo cancellarla dalle detrazioni? Grazie!

    RispondiElimina
  10. Dottor Censori ma è partito l'assegno unico?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'assegno unico dovrebbe partire a luglio ma ancora non sappiamo niente di preciso.-

      Elimina
  11. Buonasera, sto richiedendo gli assegni familiari degli ultimi 5 anni. In questi 5 anni ho fatto un cambio di azienda, e per quello stesso anno fiscale (2018 01/07/2019-30/06/2020) non so come procedere relativamente al codice fiscale dell'azienda da inserire nella domanda. Da 01/07 a 30/09 ho lavorato presso Azienda_1, mentre da 01/10 a 30/06 ho lavorato per Azienda_2. Quale delle 2 devo inserire nella domanda? Anche perché il sito dell'INPS non mi permette di 'spezzare' in 2 il periodo. grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Andrea!
      Devi presentare una domanda per ogni datore di lavoro per il periodo lavorato, inserendo i relativi codici fiscali, perché gli arretrati degli ANF ti verranno corrisposti dai datori di lavoro dei periodi corrispondenti.-

      Elimina
    2. Buonasera, ho provato ma sfortunatamente il sistema INPS non permette di inserire periodi personalizzati, ma solo pre stabiliti (sempre da 01/07 a 30/06 dell’anno successivo). Quindi ho la possibilità di inserire solo 1 codice fiscale e non 2. La mia idea era di inserire la prima azienda e successivamente fare la procedura di variazione inserendo la seconda. Oppure scrivere nelle note. Può essere di aiuto. Ovviamente ho provato a chiamare il call center INPS ma senza trovare una risposta definitiva e chiara. Grazie

      Elimina
    3. Ciao Andrea!
      Evidentemente non mi sono spiegato bene!
      Una domanda di ANF va fatta per un anno, per esempio per il periodo dal 01/07/2020 al 30/06/2021 con i redditi del 2019.-
      Se nel suddetto periodo si è lavorato per due aziende per esempio con una dal 01/07/2020 al 31/12/2020 e con un'altra per il periodo dal 01/01/2021 al 30/06/2021 andranno presentate due domande per i rispettivi periodi con i rispettivi codici fiscali delle aziende.-

      Elimina
    4. Buongiorno, perfetto! Sono riuscito ad inserire i 2 periodi modificando le date del periodo. Un ulteriore dubbio: nei 2 periodi devo inserire i redditi presenti nei 2 CUD delle 2 aziende, oppure nei 2 periodi devo inserire lo stesso valore totale presente nel 730? se devo suddividere nei 2 periodi i valori specifici delle 2 aziende (quindi dai 2 CUD), come gestisco i redditi di mia moglie che sono invece totali e quindi non suddivisi come per la mia posizione? Grazie ancora e complimenti per il supporto.

      Elimina
    5. In entrambe le domande devi inserire lo stesso valore totale presente nel 730.-

      Elimina
  12. Salve,
    soltanto a me non è ancora visibile la riga dell'anno fiscale 2020 (assegni dal 1/7/2021 al 30/6/2022) con tanto di tastino "NUOVO" nel servizio ANF per dipendenti di aziende private attive?
    E' tutto fermo al 2019 con tanto di "vecchie" domande consultabili.

    E' cambiato il servizio? Devo usarne un altro?

    Non penso che sia a causa dell'assegno unico... da quanto ho capito non cambia nulla per noi dipendenti privati, giusto?

    Grazie mille,
    A.C.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me stessa cosa

      Elimina
    2. Ho scoperto che si deve aspettare il 15 cm per poter inserire le domande per anno fiscale 2020.
      Spero sia una informazione corretta.

      Elimina
    3. Siamo in attesa di informazioni in merito da parte dell'INPS, che dovrebbero arrivare entro fine mese.-

      Elimina
  13. Ciao Gianfranco, per la domanda per gli assegni familiari bisogna inserire la rendita dell'abitazione principale? Se si bisogna aggiungere la rivalutazione del 5%, come nel calcolo IMU?
    Stessa domanda per i terreni e latre abitazioni vanno calcolati con il 5% come per il calcolo imu?

    RispondiElimina
  14. Buongiorno. Nel caso di seconda casa, qual'è l'importo che va indicato come reddito? Basta aggiungere il 5% o va ulteriormente aumentato? Se si, è sufficiente prendere il valore che si trova nel 730 alla voce redditi fondiari (punto 147)? Grazie in anticipo per l'aiuto, davvero prezioso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      E' sufficiente prendere il valore che si trova nel 730 alla voce redditi fondiari.-

      Elimina
  15. Buongiorno signor Censori, mio figlio minorenne, percepisce pensione indiretta per il decesso della madre. Appartiene ovviamente al mio nucleo familiare. Posso fare richiesta di assegni familiari? Grazie mille per la sua opera di informazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A luglio di quest'anno entrerà in vigore l'assegno unico, quindi a questo punto ti consiglio di attendere per verificare quello che sarà previsto.-

      Elimina
  16. Salve il mio compagno a fatto domanda per assegni familiari ci sarebbero arretrati un data 18 5 2021 la domanda è stata accolta però non abbiamo ricevuto nessun pagamento posso avere notizie grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la domanda è stata accolta in data 18/5/2021 probabilmente il tuo compagno riceverà gli ANF con la busta paga di giugno.-

      Elimina
  17. Buonasera sig. Censori, la mia compagna, legalmente separata dal 2017, nel maggio dello scorso anno è stata assunta presso una ditta privata. Ha ottenuto l'ANF e gli sono stati corrisposti gli assegni relativi ai mesi di maggio e giugno 2020. La domanda di rinnovo per il periodo 01 lug 2020 / 30 giu 2021 è stata respinta perchè il reddito 2019 non proveniva dal 70% da lavoro dipendente. Nel 2019 lei non lavorava quindi non capiamo come sia possibile superare questo problema. In teoria tutti gli assunti nel 2020 non avendo lavorato nel 2019 non percepiranno gli assegni familiari? Dobbiamo aspettarci la restituzione degli assegni percepiti per maggio e giugno 2020, considerato che nel 2018 la situazione era identica a quella del 2019? La ringrazio anticipatamente e le auguro un buon proseguimento di serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La normativa prevede che si ha diritto agli assegni familiari anche con reddito zero; il discorso del 70% viene fatto valere dall'INPS quando si ha reddito zero ma con un immobile di proprietà perché la rendita catastale dello stesso, anche se si tratta della prima casa di residenza, costituisce reddito che preclude il diritto agli ANF.-
      Comunque il problema presumibilmente verrà risolto dal mese di luglio 2021 con l'entrata in vigore dell'assegno unico.-

      Elimina
  18. Buongiorno, sono una dipendente che ha il figlio convivente e l'ex compagno non ha mai vissuto con noi.
    Ho fatto richiesta degli assegni Anf ma è stata respinta per nucleo familiare non autorizzato.
    Devo chiedere autorizzazione per includere anche il padre non Convivente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Devi richiedere l'autorizzazione all'INPS per poter percepire gli ANF per tuo figlio ed è necessario il consenso e conseguente rinuncia da parte del padre.-

      Elimina
  19. Buondi, nel casi si sia proprietari di un 33% di un'immobile come devo modulare la rendita catastale? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fabio!
      Se si è proprietari di un 33% di un immobile va dichiarato il 33% della rendita catastale, come dovrebbe comunque risultare nella dichiarazione dei redditi.-

      Elimina
  20. Buongiorno, sono entrato nel sito inps col pin per fare la domanda del nuovo assegno familire e con mia sorpresa ho trovato la nuova domanda con le date dal 1 luglio 2021 al 30 giugno del 2022. Ma non doveva essere fino al 31 dicembre del 2021? Come scritto e detto in tutti i siti e notiziari vari? Cosa devo fare lasciare la data dell'Inps oppure cambiare il 30/6/2022 in 31/12/2021?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è un problema!
      Infatti visto che la procedura dell'INPS consente di richiedere gli ANF dal 01/07/2021 al 30/06/2022 non è necessario modificare la data e provvederà eventualmente l'INPS stessa a ridurne d'ufficio la validità.-

      Elimina
  21. Buonasera,se si è solamente nudi proprietari di un immobile, la rendita catastale va comunque inserita negli ANF? l'imu non la pago io ma l'usufruttuario (un mio parente).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Il contribuente titolare della sola nuda proprietà non deve dichiarare il reddito del fabbricato nemmeno ai fini ANF.-

      Elimina
  22. Salve ho richiesto nuova domanda assegno familiare dipendenti dal 01/07/21 al 30/06/22,come continuazione, già lo percepisco da alcuni anni, ma ora lo stato della lavorazione è sempre segnalazione/verifica. È normale ? Bisogna solo attendere? Oppure può esserci un problema? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      E' normale!
      Infatti è solo da una settimana che l'INPS ha concesso la possibilità di presentare la domanda, quindi bisogna attendere che i programmi vadano a regime.-

      Elimina
    2. La ringrazio, ora l.inps mi ha scritto: La invitiamo a presentare domanda di Autorizzazione Anf tramite uno dei seguenti canali:
      • Internet: l munita di codice fiscale e Pin (o SPID/CNS), potrà acquisire direttamente la domanda, collegandosi al sito www.inps.it;
      Ma su autorizzazione Anf ci sono 3 voci , quale delle tre tipi di autorizzazioni secondo lei dovrei compilare? Grazie

      Elimina
    3. La normativa prevede che nelle situazioni cosiddette "anomale" cioè con genitore celibe, nubile, separato o divorziato, oltre alla domanda annuale va richiesta un'apposita autorizzazione all'INPS, e la domanda va presentata in base alla propria situazione familiare.-

      Elimina
  23. salve. Ho inoltrato, come ogni anno, la richiesta ANF, ma mi e' stata respinta con motivazione NUCLEO NON AUTORIZZATO. Premetto che il nucleo familiare non ha subito nessuna variazione. Come mai?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Emma!
      La normativa prevede che nelle situazioni cosiddette "anomale" cioè con genitore celibe, nubile, separato o divorziato, oltre alla domanda annuale va richiesta un'apposita autorizzazione all'INPS, che di solito viene concessa per 5 anni, e nel tuo caso presumo che sia scaduta e che sia quindi da rinnovare.-

      Elimina
    2. Buonasera Dottor. Censori anche io ho lo stesso problema. Solita domanda AnF, nucleo invariato, autorizzazione valida fino al 2023 ma mi dice nucleo non autorizzato. Perché? Può essere che dato che ho cambiato residenza nel 2021,nella richiesta devo ancora indicare quella vecchia del 2020?grazie molte

      Elimina
    3. Ciao Emma!
      Se hai cambiato residenza devi rinnovare l'autorizzazione anche se non è scaduta, perché devi confermare all'INPS che il minore risiede ancora con te.-

      Elimina
  24. Salve io ho fatto richiesta, assegni nucleo famiare dal dal 1 luglio 2021 fino al 30 giugno 2022 ora lo stato lavorazione mi dice da calcolare... che vuol dire?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Deborah!
      Vuol dire che bisogna avere pazienza!
      Infatti è solo da una settimana che l'INPS ha messo a disposizione il programma e presumibilmente le domande presentate verranno evase dall'inizio del mese di luglio in poi.-

      Elimina
  25. Buonasera
    Domanda non chiara assegno Unico.
    Chi e' dipendente privato può inoltrare domanda dell' assegno unico per il periodo 1/07/2021 al 31/12/2021 oltre agli anf , perché il Caf dove mi sono affidato mi comunica che la circolare non e' chiara per i dipendenti privati già con diritto al anf.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'assegno unico andrà in vigore a regime presumibilmente a gennaio del prossimo anno, quindi a luglio i lavoratori dipendenti dovranno continuare a presentare la domanda di rinnovo ANF come in passato, mentre gli autonomi, i disoccupati e gli inoccupati da luglio potranno già presentare la domanda per l'assegno unico.-

      Elimina
  26. Buongiorno ho una domanda x l'assegni familiari la compilaziome dei redditi bisogna mettere sia quelli del datore di lavoro che dell'inps della casa integrazione grazie e cordiali saluti.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Ai fini del calcolo degli ANF va dichiarato il reddito lordo complessivo, quindi sia quello da lavoro che quello da cassa integrazione.-

      Elimina
  27. Egr. Dott. Censori, sono dipendente di una Ditta da tanti anni e il mio datore di lavoro, non ha mai voluto pagare gli assegni familiari con tre figli minori. Presentando il modello ANF autorizzazioni, in via telematica, lo stesso non è stato mai accolto e di conseguenza il CAF non ha potuto procedere alla richiesta degli assegni familiari. Vari sono stati i tentativi di vantare il mio diritto al datore di lavoro,
    Alla luce di quanto dettato dalla nuova richiesta di presentare la domanda dell'ASSEGNO UNICO, (TEMPORANEO) DAL 01 LUGLIO 2021, io, nella mia particolare situazione, posso richiederlo telematicamente? Il Caf a cui mi sono rivolto, mi ha risposto di no, anzi dovrei procedere con una segnalazione presso la Direzione Territoriale del Lavoro circa l'accaduto per vantare tutto il pregresso, quale mio diritto negato negli anni. In attesa saluto e ringrazio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La normativa prevede che si possono richiedere gli arretrati degli ANF fino ad un massimo di 5 anni indietro, ovviamente se ce ne sono i requisiti, e nel tuo caso se era necessaria un'autorizzazione preventiva bisogna capire capire perché la domanda è stata a suo tempo respinta.-
      Comunque tu puoi chiedere dal 1° luglio l'assegno unico, senza arretrati, solo se non hai diritto agli assegni familiari.-

      Elimina
  28. Buongiorno,
    ho presentato una domanda ANF-DIP per anno 2021-2022 come gli anni precedenti inserendo solamente il valore del CUD (come anni precedenti), ora mi ritrovo la domanda con lo stato segnalazione/verifica, come se non sono presenti le autorizzazioni , ma io le autorizzazioni per tutte e due i figli sono ancora valide una scade nel 2024 e l'altra a giugno 2022 , quindi non capisco perchè non è stata accolta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi avere pazienza!
      Infatti è solo da pochi giorni che l'INPS ha messo a disposizione il programma e presumibilmente le domande presentate verranno evase dall'inizio del mese di luglio in poi.-

      Elimina
  29. Buonasera, nella domanda ANF in altri redditi và dichiarato il reddito abitazione principale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Ai fini del calcolo degli ANF va dichiarato anche il reddito dell'abitazione principale.-

      Elimina
    2. La ringrazio,per gli anni precedenti che non l'ho inserito come faccio a mettermi in regola? Avendo un reddito per abitazione principale pari ad euro 508, avrò percepito 2€ circa in piu' al mese. Eventualmente si ricalcolando gli ultimi 5 anni per via della prescrizione? Grazie

      Elimina
    3. Per gli anni precedenti non puoi più fare nulla, e sarà l'INPS eventualmente a richiederti indietro le somme percepite in più.-

      Elimina
  30. Salve in data 22/06/21 ho fatto domanda anf/dip è risulta in stato segnalazione/verifica.. (premetto che sino a questo mese ho ricevuto gli anf regolarmente) e non ho fatto variazioni di nucleo o cose del genere.. e bisogna chiedere autorizzazione solo chi non fa anf/dip come dice sul sito.. perché questo stato di domanda?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi solo avere pazienza!
      Infatti è solo da pochi giorni che l'INPS ha messo a disposizione il programma e presumibilmente le domande presentate verranno evase dall'inizio del mese di luglio in poi.-

      Elimina
  31. Buonasera,stesso problema di altri utenti,domanda assegni familiari già fatta telematicamente 2019 2020 con autorizzazione anf43 ancora valida e scadenza 2024 per entrambi i figli...quest'anno ho potuto inserire la domanda il 17 giugno rinnovando la vecchia coni medesimi dati a parte la variazione del reddito...mi scrive protocollo ok,in istruttoria,segnalazione verifica...a inps risponde mi hanno risposto in tanti modi diversi ma nessuno che mi ha detto il vero problema...mandata email alla sede competente ma nessuna risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il vero problema è che l'INPS solo da un paio di settimane ha ricevuto disposizioni dal Ministero competente su come comportarsi a livello di rinnovo ANF, puoi quindi immaginare il numero di domande che devono evadere, è quindi solo una questione di tempi tecnici necessari.-

      Elimina
  32. Salve la mia domanda Anf é stata respinta per nucleo non autorizzato. Sono 5 anni che percepisco l'assegno e non c'é Stata nessuna variazione rispetto agli anni precedenti. Il call center dice di aver fatto segnalazione. Cosa di fa in questi casi? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Davide!
      Presumo che il problema è proprio nei 5 anni!
      Infatti di solito un'autorizzazione dell'INPS ha la durata di 5 anni, quindi alla scadenza va ripresentata una nuova richiesta di autorizzazione oltre alla normale domanda di rinnovo degli ANF.-

      Elimina
    2. Però sul sito dell inps mi porta richieste di autorizzazioni per variazioni nucleo familiare, per richiesta reddito maggiore, per mancata dichiarazione di responsabilità da parte del coniuge. Non credo di rientrare in questa casistica. Non ho bambini inabili e sono regolarmente sposato.

      Elimina
    3. Ciao Davide!
      In effetti in genere si parla di nucleo non autorizzato in caso di genitori celibi/nubili, separati o divorziati, quindi se sei regolarmente sposato presumo che sia stato commesso un qualche errore nella compilazione della domanda, ti consiglio pertanto di contattare la sede INPS di zona per verificare cos'è effettivamente successo.-

      Elimina
  33. Buonasera Dottor Censori,
    le vorrei chiedere come va richiesto l'assegno unico famiglia e se indirizzarlo come ho sempre fatto in passato tramite l'azienda ove lavoro oppure mi pare di aver capito tramite il sito dell'INPS col solo codice fiscale? La ringrazio per il suo eventuale chiarimento.
    Saluti cordiali, Eugenio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Eugenio!
      L'assegno unico da luglio a dicembre 2021 va richiesto da chi è lavoratore autonomo o inoccupato, e la domanda va presentata per via telematica all'INPS, mentre per i lavoratori dipendenti per il rinnovo degli ANF la procedura è la stessa dello scorso anno.-

      Elimina
    2. Mi scusi Dottore,quindi io che sono un lavoratore dipendente e che ho ancora una figlia neanche diciannovenne ho diritto oppure no?
      Grazie!

      Elimina
    3. Purtroppo NO!
      Gli ANF spettano solo per i figli minorenni, mentre per l'assegno unico devi attendere il prossimo anno perché "forse" si potrà richiedere anche per i figli da 18 a 21 anni.-

      Elimina
  34. Salve ho fatto la domanda Anf, nello stato però risulta "Protocollo eccezione" cosa significa?

    RispondiElimina
  35. Anche a me è successa la stessa cosa...significa che è in lavorazione?

    RispondiElimina
  36. Inoltre ho visto che nella ricevuta il campo numero protocollo è vuoto, come mai? da cosa dipende?

    RispondiElimina
  37. IDEM. Ho appena effettuato la richiesta per l'anno 2021, e lo stato della mia domanda è segnalata come "Protocollo eccezione". Cosa significa?

    RispondiElimina
  38. Sembra che manchi l'autorizzazione ANF che però va richiesta soltanto in alcuni casi (genitori separati) ma io ho copiato esattamente quella dell'anno precedente aggiornando i dati del reddito...forse è un'anomalia che risolveranno..

    RispondiElimina
  39. Si anche io ho copiato quella dell'anno scorso e ho solo aggiornato i dati del reddito, domani provo a chiedere al numero indicato nella pagina dell'inps per segnalare l'anomalia

    RispondiElimina
  40. Buonasera Dottore anche a me risulta "protocollo eccezione", può essere un errore del sistema per via delle tante richieste in corso o c'è qualcosa che non va nella domanda? Premetto che la mia autorizzazione è valida fino a Gennaio 2026..grazie!

    RispondiElimina
  41. Se riesci ad avere qualche informazione in più..condividila grazie

    RispondiElimina
  42. Ho appena controllato il sito dell'INPS. Ora la mia domanda risulta correttamente protocollata.
    Probabilmente si trattava di un problema tecnico di ieri sera.

    RispondiElimina
  43. Anche la mia risulta adesso nello stato protocollo OK, mi sa che ieri il sito era stato preso d'assalto per fare la domanda.

    RispondiElimina
  44. Dottore il nucleo familiare deve riferirsi al 31 dicembre 2020 per l'assegno unico 01-07-2021? oppure al 2021? Quali redditi bisogna immettere e quali documenti allegare.
    Grazie mille!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'assegno unico da luglio a dicembre 2021 può essere richiesto solo da chi è lavoratore autonomo o inoccupato, e la domanda va presentata per via telematica all'INPS, mentre per i lavoratori dipendenti per il rinnovo degli ANF la procedura è la stessa dello scorso anno.-

      Elimina
  45. Buonaseta Dottore, fatta richiesta ANF tramite patronato risulta in stato Segnalazione Verifica da circa 10 giorni. La nostra primogenita è nata 2 anni prima circa prima che io e mia moglie ci sposasassimo. In corrispondenza dei dati della bambina infatti c'è lo stato: "Autorizzazione necessaria" ma sia il patronato che il contact center Inps mi dicono che essendo coniugato ed essendo mia moglie la mamma della bambina (praticamente ci siamo semplicemente sposati dopo la nascita della bimba e non prima) nn serve alcuna autorizzazione.. c'è solo d'aspettare, mi conferma? Grazie per il suo utilissimo lavoro!

    RispondiElimina
  46. Buongiorno, sono divorziata e disoccupata, i miei 2 figli minori sono nel mio nucleo familiare e risiedono con me. Ho presentato domanda per Assgno unico temporaneo, chiedendo il pagamento del 100% dell'importo, in quanto il tribunale ha sancito che gli assegni famigliari spettano a me, ma il mio ex marito per dispetto non vuole completare e acconsentire alla mia domanda (come richiede procedurainps), dicendo che l'assegno unico ponte è diverso dagli ANF percepiti fino ad oggi e quindi è fuori dall'accordo. Senza il suo completamento alla domanda, perderò il 50% dell'importo. Ha ragione? Posso fare qualcosa per ottenere il 100% senza il suo consenso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna!
      Se tu sei disoccupata e il tuo ex marito è un lavoratore dipendente non dovevi richiedere l'assegno unico temporaneo ma dovevi richiedere il rinnovo degli ANF come per gli anni precedenti.-
      Comunque l'assegno unico ti spetta al 100% solo in caso di affidamento esclusivo dei minori, mentre in caso di affidamento condiviso spetta al 50% ciascuno a prescindere da quello che prevede la sentenza del tribunale, perché in effetti l'assegno unico è cosa diversa degli ANF.-

      Elimina
    2. Buongiorno Dott. Censori mi può spiegare perchè Gli ANF spettavano al 100% al genitore "divorziato/separato legalmente" affidatario del minore e quindi facendo parte del nucleo familiare, pure in regime di affidamento condiviso, "vedi legge del 1988 - circolare Inps e tantissime sentenze di Cassazione" dove è chiaro scritto che l'assegno spetta al genitore affidatario. perchè quando andrà in vigore l'assegno unico si dovrà dividere al 50% con l'altro genitore? forse la legge del 1988 circolare Inps e le sentenze di cassazione, sono state annullate da questa legge sull'assegno unico? se è cosi chi ha fatto questa "GENIALATA" legge, DOVREBBE PARLARE CON TUTTE QUELLE DONNE CHE HANNO I FIGLI AFFIDATI. PERCHE IN DEDE DI SEPARAZIONE /DIVORZIO HANNO PREFERITO SCARICARE I FIGLI ALLE MOGLI. DOTTORE SCUSI DEL DISTURBO E GRADITA UNA SUA RISPOSTA. GRAZIE E BUON LAVORO.
      ANTONIO

      Elimina
    3. Ciao Antonio!
      Va precisato che per i lavoratori dipendenti fino a dicembre 2021 vale ancora la vecchia normativa, e che l'assegno unico andrà in vigore solo a gennaio 2022.-
      Per verificare quello che sarà previsto per i casi da te citati dobbiamo attendere le relative indicazioni da parte dell'INPS che presumibilmente arriveranno verso fino anno, ed è quindi prematuro formulare ipotesi.-

      Elimina
  47. Ma mi dica, quindi i lavoratori dipendenti non hanno diritto all'assegno unico?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Fino a dicembre i lavoratori dipendenti avranno diritto agli ANF come per gli scorsi anni e non all'assegno unico.-

      Elimina
  48. Sig. GianFranco, ma per rinnovare gli Anf prest disoccupazione oltre ad accedere sul portale e compilare la domanda con i nuovi redditi si devono allegare documenti? Tipo autocertificazione stato di famiglia e tutti i documenti dei componenti della famiglia?
    Chiedo questo perché ho fatto il rinnovo il 26/giugno /2021 e fino ad oggi mi dice su consultazione, domanda incompleta.
    Appena inviata mi diceva inserita dopo un giorno valida e adesso incompleta.
    Che significa che manca qualcosa?
    Ho chiamato l inps della mia sede e sembrano non competenti non sanno dare spiegazioni dicono di aspettare agosto, è normale? Nel frattempo cosi a luglio non mi pagano gli anf anche se poi li danno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mauro!
      Non credo di poteri essere d'aiuto perché non posso sapere se nella domanda hai inserito tutti i dati, tutti i componenti del nucleo familiare e tutti i redditi, cioè se la stessa è stata compilata correttamente.-
      Mi sembra corretta l'indicazione che ti è stata data dall'INPS perché questi giorni vengono inondati di domande di rinnovo ANF e assegno unico, è quindi possibile che il sito a momenti vada in tilt e mandi messaggi sbagliati.-

      Elimina
  49. Buongiorno mia mamma percepisce la pensione di vecchiaia e ha carico mio fratello disabile all' 80 per cento e che ha 55 anni avrebbe diritto agli assegni familiari? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per poter percepire gli ANF per un fratello invalido a carico è necessaria un'autorizzazione preventiva dell'INPS, ma visto che a gennaio dell'anno prossimo andrà in vigore l'assegno unico non so se è il caso di avviare oggi la procedura.-

      Elimina
    2. Grazie mille per la sua risposta e buona serata

      Elimina
  50. buongiorno il 30/11/2020 mi è scaduta l'autorizzazione per gli anf ho fatto online sul sito dell'inps la nuova richiesta inserendo anche la rinuncia del mio compagno all'anf, ad oggi 06/07/2021 ancora la mia domanda per l'autorizzazione è in lavorazione o provato a contattare l'inps e mi ha risposto che ci vuole ancora tempo mi può per favore chiarire quanto tempo ci vuole per autorizzare qualcosa che era solo da rinnovare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per legge l'INPS dovrebbe evadere una pratica entro 90 giorni dalla data di presentazione della domanda, ma purtroppo non sono previste sanzioni in caso di ritardo, quindi non si può fare altro che sollecitare periodicamente l'evasione della stessa.-

      Elimina
  51. Egr. Dott. Censori, buongiorno,
    sono una dipendente di una ditta, con un figlio di 21 anni a carico fiscale (perchè lavora per un importo inferiore a 2841,00). Ho percepito anni addietro gli assegni familiari e poichè mio figlio non studia all'università sono cessati gli assegni sino al 18° anno. In virtù delle nuove disposizioni per la richiesta degli assegni familiari dal 01 luglio 2021, posso fare la domanda all'Inps per la richiesta? La ringrazio e la saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al momento gli ANF spettano solo fino al compimento dei 18 anni d'età e "forse" da gennaio dell'anno prossimo l'assegno unico spetterà fino a 21 anni, ma non ci sono ancora certezze.-

      Elimina
    2. Molte grazie,buona giornata.

      Elimina
  52. Buongiorno Gianfranco, ho inserito il primo luglio 2021 ho inserito la domanda per il rinnovo degli "assegno per nucleo familiare aziende attive". Sono andato a controllare oggi 7 luglio 2021 e la domanda risulta "in istruttoria" saprebbe dirmi più o meno quali sono i tempi per il cambio status "valido" da poter poi comunicare all'azienda? grazie mille michele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo in questi giorni all'INPS vengono inondati di domande di rinnovo ANF e di assegno unico, perché fino a metà giugno non sapevamo come regolarci, quindi possiamo solo sperare che entro il mese di luglio vengano evase tutte le domande presentate in questi giorni.-

      Elimina
    2. Grazie mille della risposta. Michele

      Elimina
    3. Ciao Michele!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  53. HO INSERITO LA DOMANDA PER GLI ASSEGNI FAMIGLIARI COSA VUOL DIRE
    STATO LAVORAZIONE:PROTOCOLLO ECCEZIONE?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per l'INPS ai fini ANF è eccezione un nucleo familiare formato da genitori non coniugati, cioè genitore celibe/nubile, separato o divorziato, in quanto in questi casi devono fare una verifica anche dell'esistenza e della validità dell'autorizzazione.-

      Elimina
  54. Salve Dottore,

    come ogni anno anche quest'anno ho compilato la mia domanda ANF. Purtroppo nonostante la mia situazione familiare non èmutata rispetto ai precedenti anni, mi sono visto respingere le prime 2 domande con la otivazione i NUCLEO FAMILIARE NON AUTORIZZATO. Ora ho effettuato la mia 3 richiesta di ANF e si trova in SEGNALAZIONE MOFIDICA.

    Ho già contattato l'INPS ramite il loro sito e ramite PEC ma ad oggi non ho ricevuto risposta in merito.

    COme detto in precedenza la mia situazione familiare non è cambiato rispetto agli anni precedenti per cui non capisco il motivo di queste 2 respinte alle mia domande.

    Come mi consiglia di procedere ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nunzio!
      La dicitura "nucleo familiare non autorizzato", di solito appare nel caso di genitore celibe/nubile, separato o divorziato, ed è necessaria un'autorizzazione dell'INPS rilasciata di solito per 5 anni che nel tuo caso potrebbe essere scaduta.-
      Comunque è inutile che ripresenti nuove domande all'INPS prima di aver chiarito la motivazione per la quale sono state respinte le precedenti.-

      Elimina
  55. Buongiorno, vorrei chiedere un'informazione. Ho predisposto la domanda di ANF per l'anno 2019 e 2020 per una persona che poi ho scoperto essere legale rappresentante di una società. Pertanto l'assegno non gli è mai stato erogato. Vorrei sapere se per gli stessi anni posso chiederlo a nome della moglie? Devo prima annullare quelli chiesti per il marito? grazie.
    Cordiali saluti
    Roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberta!
      Uno dei requisiti per il diritto agli assegni familiari è che almeno il 70% del reddito lordo complessivo di entrambi i coniugi deve essere da lavoro dipendente.-
      Se si rientra nei parametri di legge la domanda può essere presentata indifferentemente sia dalla moglie che dal marito.-
      Non è necessario annullare una precedente domanda presentata dall'altro coniuge.-

      Elimina
  56. grazie mille sempre gentile.
    buona giornata e buon lavoro

    RispondiElimina
  57. Salve, sono Mariateresa. Attualmente (Visto Che sono Pensionata) ed avendo (io e mio marito) un reddito basso percepiamo circa 35 euro al Mese di ANF. Si parla di Assegno Unico (Ma ahimè solo per i figli). Volevo sapere se lei ne era al corrente cosa succederà da 1 Gennaio 2022 per nuclei come i nostri che percepiscono gli ANF non per i figli ma per altri familiari? Verranno aboliti? Continueranno ad essere erogati? Grazie.... Purtroppo non ho trovato nulla in merito a ciò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mariateresa!
      In effetti non hai trovato nulla in merito perché da parte del Governo non è stato ancora deciso nulla, possiamo quindi solo presumere che per i nuclei familiari senza figli rimarrà tutto invariato, ma ne avremo la conferma solo a fine anno.-

      Elimina
  58. buongiorno sig. Gianfranco ,sono Davide mi trovo in naspi ,percepisco gli assegni famigliari per mio figlio minore insieme alla naspi le chiedo devo fare una nuova domanda per percepire assegno unico ,un saluto e grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Davide!
      Chi ha diritto agli ANF non ha diritto all'assegno unico, quindi devi solo rinnovare la domanda di ANF sulla NASPI per il periodo dal 01/07/2021 al 31/12/2021.-

      Elimina
  59. Buongiorno, i redditi ottenuti tramite ritenuta di acconto, vanno inseriti al lordo, oppure solamente al netto?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fabio!
      I redditi ottenuti tramite ritenuta d'acconto vanno inseriti al lordo delle trattenute fiscali.-

      Elimina
  60. Buonasera Dottor Gianfranco,volevo chiederle se nella domanda per anf va aggiunto al reddito anche la voce tassazione separata? Grazie tante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Enio!
      SI!
      Ai fini del calcolo degli ANF vanno dichiarati anche i redditi soggetti a tassazione separata.-

      Elimina
  61. Buongiorno,
    Negli anni scorsi io coniuge dell'avente diritto (non lavoro)trovavo due pagine sul modulo cartaceo per richiedere il pagamento sul mio Iban da parte del datore di lavoro di mio marito. Ora ho compilato la richiesta online ma questi due fogli non ci sono più per cui mi chiedo se ho ancora diritto a ricevere direttamente il versamento io anche se il richiedente è mio marito oppure dovranno fare un unico versamento per stipendio e assegni?

    Secondo punto: la richiesta per arrettrati potrei presentarla io online entrando su inps con il mio spid o il richiedente deve essere per forza mio marito?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli assegni familiari devono essere pagati dal datore di lavoro direttamente al lavoratore e non al coniuge.-
      Può richiedere il pagamento diretto il genitore non lavoratore solo se è celibe/nubile o separato/divorziato.-

      Elimina
    2. Grazie per la risposta dott. Censori.
      Sul modello cartaceo sr16 che presentava mio marito al datore di lavoro ogni anno cera alla pagina 7/8 "richiesta del coniuge del richiedente per il pagamento dell'assegno per il nucleo familiare" cera scritto cosi: questa parte va utilizzata soltanto se il coniuge del richiedente, che non ha autonomo titolo all'assegno, vuole percepire direttamente l'assegno (Art. 1 comma 559 legge 30 dicembre 2004 n
      311)... quindi compilando questa pagina il datore di lavoro di mio marito versava lo stipendio a lui e l'assegno invece a me. Il problema e6 che online questa parte della richiesta non c'è più per cui non so se sarà possibile fare la comunicazione al datore del lavoro oppure necessariamente ora il pagamento sarà complessivo erogato solo a mio marito.
      Tanti saluti
      Carla

      Elimina
    3. Ciao Carla!
      Non capisco il senso di una richiesta di pagamento diretto degli ANF da parte del coniuge, comunque la domanda di rinnovo va presentata all'INPS per via telematica dal lavoratore e la richiesta di pagamento diretto va presentata per via cartacea al datore di lavoro (solo la pagina 7 del modello SR16).-
      La suddetta procedura però sarà valido solo fino a dicembre 2021 perché dal 1° gennaio 2022 andrà in vigore l'assegno unico per tutti.-

      Elimina
  62. Buongiorno Dr. Censori, ho due dubbi quest'anno sulla compilazione ANF: 1) devo cmq presentare rinnovo di domanda sul sito inps anche se recepisco già da anni gli AnF? Avevo sentito che sarebbe stata automatica la procedura per le persone che già recepivano l'ANF in passato e che ci sarebbero state solo delle maggiorazioni sulla base della composizione del nucleo famigliare. 2) devo inserire al campo altri redditi in tabella 1 la voce n. 7 del 730 ovvero reddito abitazione principale e pertinenze (non soggette ad IMU)? Grazie, un cordiale saluto, Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna!
      - A livello di ANF non esiste alcun automatismo perché ogni anno va presentata all'INPS una nuova domanda con i redditi dell'anno precedente.-
      - SI! Ai fini del calcolo degli ANF vanno inseriti tutti i redditi, quindi anche l'abitazione principale e le sue pertinenze.-

      Elimina
  63. Buongiorno, siamo una coppia convivente (solo per residenza uguale), quest'anno per la prima volta dobbiamo fare domanda di ANF perché a maggio è nata nostra figlia. Volevo chiedere tra i due è meglio che faccia domanda chi ha il minor reddito annuo? C'è un reddito minimo per richiedere ANF? Se uno dei due fa meno di 24 ore di lavoro alla settimana assegno viene riproporzionato e stessa cosa in naspi? Grazie, Saluti Roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberta!
      E' meglio che presenti la domanda di ANF il genitore che ha il reddito più basso, ma se ha un contratto inferiore alle 24 ore settimanali è meglio che li richieda l'altro genitore.-

      Elimina
    2. Grazie per la risposta, per richiedere ANF c'è reddito minimo individuale annuo di 14.775,06 euro o mi hanno dato un informazione errata? Il reddito lo trovo su cud 2020? Se uno dei due il mese prossimo percepisce la naspi niente ANF perché per i disoccupati c'è nuovo assegno unico? Grazie

      Elimina
    3. E un ultima domanda se ho più cud per vedere il reddito complessivo devo sommarli? Ma sul 7e30 dovrei già trovare il reddito sommato? Grazie ancora e scusi il disturbo

      Elimina
    4. Ciao Roberta!
      - Per il diritto agli ANF non è previsto un minimo individuale di reddito.-
      - Gli ANF sono previsti anche sulla NASPI.-
      - Il reddito è rilevabile dalla somma dei CUD o dal 730 che riporta il totale.-

      Elimina
  64. Buonasera Dottor. Censori anche io ho lo stesso problema. Solita domanda AnF, nucleo invariato, autorizzazione valida fino al 2023 ma mi dice nucleo non autorizzato. Perché? Può essere che dato che ho cambiato residenza nel 2021,nella richiesta devo ancora indicare quella vecchia del 2020?grazie molte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai cambiato residenza devi rinnovare l'autorizzazione anche se non è scaduta, perché devi confermare all'INPS che il minore risiede ancora con te.-

      Elimina
    2. Grazie mille non lo sapevo

      Elimina
  65. Buongiorno, ho inviato domanda di rinnovo anf per il periodo dal 1 luglio 2021. Percepisco la naspi, la domanda riporta lo stato incompleta e nessuno nemmeno l Inps sa darmi motivazione. Preciso di aver compilato anche la domanda ANF dipendenti attivi dovendo a breve iniziare a lavorare e la stessa risulta invece accolta ( i dati inseriti sono i medesimi ). Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Presumo che l'errore sia dovuto al fatto che hai presentato due domande e l'INPS nel dubbio le ha bloccate entrambe.-
      Infatti se sei in NASPI dovevi presentare solo la domanda di ANF sulla NASPI con decorrenza dal 01/07/2021 fino alla scadenza del periodo indennizzabile.-
      Poi quando troverai un nuovo lavoro presenterai all'INPS una nuova domanda indicando il codice fiscale del datore di lavoro per il periodo di durata del contratto.-
      Se la seconda domanda è stata accolta vuol dire che hai inserito dei dati sbagliati perché l'INPS non autorizza il pagamento degli ANF su un rapporto di lavoro non ancora iniziato.-

      Elimina
  66. Buonasera, sono una docente con contratto a tempo determinato e vorrei fare richiesta di ANF per i redditi dell'anno 2019 (dichiarazione dei redditi 2020), avendo lavorato con mio marito da dipendenti scolastici nel 2019. Il nostro contratto termina il 30/06 di ogni anno e anche quest'anno con la scuola è terminato il 30/06/2021. Nella prima pagina del modulo è scritto "in servizio presso..." come se si riferisse a contratto continuativo. Vi chiedo: posso fare richiesta ora per i redditi del 2019 anche se sono attualmente disoccupata ovvero senza contratto con la scuola? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La domanda di ANF va presentata alla scuola per il periodo di durata del contratto e direttamente all'INPS sulla NASPI per il periodo di disoccupazione.-

      Elimina
  67. Buongiorno , ho fatto domanda anf dal 1 luglio ma tuttora risulta ancora ferma con scritta segnalazione/verifica. L’autorizzazione è valida fino al 2023. Può essere che io debba fare una nuova autorizzazione in quanto nel 2020 ho cambiato sia residenza che datore di lavoro ?
    Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo devi rifare la domanda di autorizzazione

      Elimina
  68. Buongiorno, ho oltre al box di pertinenza dell'abitazione principale, un secondo box allo stesso indirizzo.

    Il CAF in fase di 730 mi inserisce tale secondo box al rigo PL147 001 Redditi fondiari non imponibili.
    Le risulta che in fase di richiesta ANF, l'importo di tale rigo PL147 vado sommato al reddito dell'abitazione principale nella colonna nei redditi assoggettabili all'IRPEF--- altri redditi?
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Ai fini del calcolo degli ANF vanno dichiarati tutti i redditi, quindi anche quelli non imponibili ai fini IRPEF.-

      Elimina
  69. Salve,

    ho inoltrato la richiesta di rinnovo ANF per il 2021/2022 il 6/7 scorso. Ancora oggi lo stato è su "Segnalazione/Verifica".

    Da premettere che ho cambiato lavoro nel 2020 con inizio nuovo contratto di lavoro a partire dal 01/07/2020.

    Devo rifare l'autorizzazione? Ho provato ma non permette di inviare la domanda. Devo inserire i dati dei miei due bambini e anche quello di mia moglie?

    Chi mi può aiutare per rinnovare l'autorizzazione?

    Grazie infinite.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Domanda inoltrata 17 giugno ferma a segnalazione/verifica niente quest'anno inps sta dormendo intanto questo mese è saltato...retroattivi?Sì certo ma questo mese i soldi saranno meno...personalmente adirò le vie legali contro la sede di competenza

      Elimina
    2. Purtroppo fino a metà giugno l'INPS non sapeva come regolarsi a livello di ANF in vista dell'entrata in vigore dell'assegno unico, quindi da fine giugno in poi sono state presentate una "marea" di domande che l'INPS ha bisogno di tempo per evaderle.-

      Elimina
  70. Salve e grazie per la Sua risposta.

    Ma lei ha dovuto rifare anche la domanda di Autorizzazione? elì che è complicato. Oltre i miei due bambini, devo includere anche mia moglie? Il fatto è che....dove trovo la voce coniuge?

    finchè non si fa questa autorizzazione lo sto della pratica rimarrà sempre in segnalazione/verififca.

    Poco fa ho cercato di accedere al sevicio su myinps e dice che è momentaneamente non disponibile! Andiamo male, molto male....

    Grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per praticità i commenti alle mie risposte vanno inseriti come "rispondi" alle mie risposte, altrimenti non riesco a risalire alle domande iniziali.-

      Elimina
  71. Ho fatto la domanda il 27 giugno, ora 28 luglio scopro che la domanda è in segnalazione/verifica senza motivazione. Non ho mai fatto autorizzazioni, non rientrando in una delle categorie specifiche, e ho compilato il modello come l'anno precedente... devo preoccuparmi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo fino a metà giugno l'INPS non sapeva come regolarsi a livello di ANF in vista dell'entrata in vigore dell'assegno unico, quindi da fine giugno in poi sono state presentate una "marea" di domande che l'INPS ha bisogno di tempo per evaderle.-

      Elimina
  72. Salve. Ho presentato domanda Anf il 28 di giugno. Ho controllato ma la domanda ad oggi è in stato segnalazione/verifica. Io non devo autorizzare nulla come gli altri anni. Devo preoccuparmi? Che posso fare? Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo fino a metà giugno l'INPS non sapeva come regolarsi a livello di ANF in vista dell'entrata in vigore dell'assegno unico, quindi da fine giugno in poi sono state presentate una "marea" di domande che l'INPS ha bisogno di tempo per evaderle.-

      Elimina