sabato 8 gennaio 2022

Assegno Unico 2022

Assegno unico per i figli, cosa sostituisce:

L'assegno unico per i figli a partire dal 1° marzo del 2022 sostituisce e ingloba: gli assegni al nucleo familiare, gli assegni familiari, l'assegno ai nuclei familiari con almeno tre figli minori riconosciuti dai Comuni, il bonus bebè, il premio alla nascita e le detrazioni fiscali. per familiari a carico.-


Assegno unico e tabelle ISEE:

Gli importi dell'assegno unico per i figli dipenderanno dal reddito familiare, anche se comunque nessuno ne resterà completamente escluso. Gli importi infatti dipenderanno dall'ISEE. Chi è sotto i 15 mila euro con la dichiarazione otterrà il massimo dei benefici, oltre i 40 mila euro si avrà comunque diritto all'importo minimo.-


Domanda per l'assegno unico 2022:

L'assegno unico per i figli verrà erogato dall'INPS alle famiglie che ne avranno fatto domanda a partire dal 1° gennaio 2022. Ne possono fare richiesta sia i lavoratori dipendenti che quelli autonomi. L'importo varia a seconda dei requisiti. I lavoratori potranno inoltrare la domanda dal 1° gennaio 2022, per un periodo che andrà da marzo a febbraio dell'anno successivo. L'assegno unico 2022 sostituisce anche gli assegni familiari che attualmente vengono erogati da luglio a giugno dell'anno dopo. E' prevista una proroga fino a fine febbraio per per allineare l'assegno temporaneo per gli autonomi a queste nuove scadenze.


Calcolo ISEE:

Contestualmente alla presentazione della domanda per l'assegno unico per i figli, i richiedenti dovranno allegare anche la dichiarazione ISEE per stabilire l'importo dell'assegno unico. Tuttavia, chi non la presenta riceverà comunque l'assegno calcolato al minimo dell'importo. Potranno richiederlo tutti i residenti in Italia da almeno due anni, compresi i cittadini extracomunitari.-


Requisiti:

L'assegno unico 2022 spetta a tutti ma sono previste una serie di maggiorazioni, principalmente in base al numero dei figli e alla presenza di disabili (si terrà conto anche se entrambi i genitori lavorano). Tra i requisiti premiati c'è quello anagrafico, le mamme under 21 hanno diritto a una maggiorazione di 20 euro al mese indipendentemente dall'ISEE. A partire dal terzo figlio poi, è prevista una maggiorazione tra i 15 e gli 85 euro a figlio in base all'ISEE, mentre per i nuclei familiari con 4 figli o più è prevista un'ulteriore maggiorazione forfettaria di 100 euro al mese. Se entrambi i genitori lavorano e l'ISEE è basso si avranno altri 30 euro un più, che si azzerano oltre i 40mila euro.-


Gli importi:

Una famiglia con ISEE fino a 15mila euro riceverà 175 euro al mese con un figlio, 350 euro con 2 figli, 610 euro con 3 figli, 970 euro con 4 figli, (la cifra sale a 1.090 euro al mese se entrambi i genitori lavorano, con 30 euro per 4 figli, 120 euro un più. A questa cifra vanno aggiunti 20 euro al mese a figlio in caso di mamma under 21. I nuclei che superano i 40mila euro di ISEE invece riceveranno per l'assegno unico 50 euro al mese con un figlio, 100 euro con 2 figli, 165 euro con 3 figli e 330 euro con 4 figli. Anche in questo caso vanno aggiunti i 20 euro a figlio se la mamma ha meno di 21 anni mentre non è prevista la maggiorazione per entrambi i genitori lavoratori.


Figli disabili:

La formula dell'assegno unico prevede che le famiglie che hanno figli disabili riceveranno l'assegno unico senza limiti di età per i figli. Per i figli minori a carico si ricevono 105 euro al mese in più in caso di non autosufficienza, 95 euro in caso di disabilità grave e 85 euro uin più in caso di disabilità media. Per i figli maggiorenni disabili, e fino a 21 anni, si riceveranno 50 euro al mese in più (che si sommano all'assegno previsto tra i 18 e i 21 anni) mentre oltre i 21 anni si continuerà a ricevere un assegno in base all'ISEE che andrà da 85 a 25 euro al mese.-


Maggiorazione transitoria:

Sono due le condizioni necessarie per aver diritto a questo ulteriore bonus o maggiorazione che si andrà ad aggiungere alla quota complessiva dell'assegno unico universale per figli a carico. Nel dettaglio, come si legge nell'articolo 5 del testo del decreto legislativo n. 230 del 21 dicembre 2021, la suddetta maggiorazione spetta a coloro che contestualmente soddisfano i seguenti requisiti:

  • valore ISEE del nucleo familiare di appartenenza del richiedente non superiore a 25.000 euro.-
  • effettiva percezione, nel corso del 2021, dell'assegno per il nucleo familiare in presenza di figli minori da parte del richiedente o da parte di altro componente del nucleo familiare.-

La maggiorazione è pari alla somma dell'ammontare mensile della componente familiare e dell'ammontare mensile della componente fiscale, al netto però dell'ammontare mensile dell'assegno.-

La suddetta maggiorazione spetta per intero per il periodo dal 01/03/2022 al 28/02/2023.-

Viene riconosciuta per un importo pari a 2/3 per il periodo dal 01/03/2023 al 28/02/2024.-

Viene riconosciuta per un importo pari a 1/3 per il periodo dal 01/03/2024 al 28/02/2025.-



Nella sezione delle normative superate è possibile recuperare le informazioni sull'Assegno Unico 2021.


Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito “www.cgil.it

Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai lavoratori.


40 commenti:

  1. Salve dott. Censori
    Io percepisco pensione d'invalidità 100% e indennità di accompagnamento prendendo 1.174,00
    Sono sposato ed ho 1 figlio di 7 anni mia moglie disoccupata.
    Posso fare domanda per assegno unico temporaneo per prendere i 167 euro per mio figlio?
    (Non ho mai preso assegni familiari)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Puoi presentare la domanda per l'assegno unico, ovviamente se rientri nei limiti dell'ISEE.-
      Gli importi dell’assegno sono variabili e si calcolano a partire dall’ISEE familiare e dal numero di figli a carico: si va da un bonus minimo di 30 euro, fino a un bonus massimo di 217,80 euro. La soglia ISEE oltre la quale l’assegno si annulla è pari a 50 mila euro. Gli importi previsti dalle tabelle INPS sono maggiorati di 50 euro per ciascun figlio con disabilità. Sono previste inoltre maggiorazioni del 30% dal terzo figlio in poi.
      Nello specifico, l’importo dell’assegno mensile è determinato come segue:
      - con ISEE fino a 7.000 euro: 167,50 euro per ciascun figlio in caso di nuclei con uno o due figli, o 217,80 euro per figlio in caso di nuclei più numerosi;
      - con ISEE superiore a 7.000 euro e fino a 50.000 euro, l’importo spettante decrescerà progressivamente.-

      Elimina
  2. Perfetto perdano che non potevo chiederlo con la pensione d'invalidità...
    Ho un ISEE di 1200 euro
    E mia moglie ha fatto domanda per il reddito di cittadinanza ad agosto, non cambia nulla giusto?
    Posso chiederlo sempre io sulla pensione d'invalidità 100% con accompagnamento???

    RispondiElimina
  3. Pensavo di non potevo chiederlo con la pensione d'invalidità...
    Ho un ISEE di 1200 euro
    E mia moglie ha fatto domanda per il reddito di cittadinanza ad agosto, non cambia nulla giusto?
    Posso chiederlo sempre io sulla pensione d'invalidità 100% con accompagnamento???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Compatibilità:
      L'importo dell'assegno unico per i percettori del reddito di cittadinanza si ottiene sottraendo dall'importo teorico spettante la quota di Reddito di cittadinanza relativa ai figli minori che fanno parte del nucleo familiare calcolata sulla base della scala di equivalenza.-

      Elimina
  4. Ok ho capito ma se mia moglie prenderà il reddito di cittadinanza da settembre,adesso io posso chiedere l'assegno unico sulla mia pensione d'invalidità?

    RispondiElimina
  5. In modo tale che non lo caricano sul reddito di cittadinanza ma in questo modo a me sulla pensione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Puoi chiedere l'assegno unico che non c'entra nulla con la tua pensione di d'invalidità perché ti verrà corrisposto con un bonifico a parte.-

      Elimina
  6. E per quanto riguarda il reddito di cittadinanza chiesto da mia moglie il 2 agosto cambierà ugualmente importo anche se l'assegno unico lo chiedo io con la pensione?
    Mia moglie prendeva 800 euro reddito di cittadinanza 18 mesi ultima mensilità luglio 2021
    Il 2 agosto ha rifatto domanda e lo riprenderà da settembre in quanto le cose non sono cambiate (sempre ISEE 1.200,00)
    Io prendo pensione invalidità + accompagnamento 1.174,00
    Adesso io chiedo assegno unico quindi prenderò 1.174,00 + 167 con bonifico a parte.
    Mia moglie prenderà sempre 800 reddito di cittadinanza per altri 18 mesi o cambierà l'importo del reddito di cittadinanza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'assegno unico non ha niente a che fare con il reddito di cittadinanza che rimarrà quindi invariato.-

      Elimina
  7. Buongiono dott. Censori, approfitto nuovamente della sua conoscenza per una domanda alla quale non so se ad oggi esista risposta.
    In questo momento, il mio ISEE è pari a circa 26.000 euro.
    I primi di Gennaio diverrò papà per la terza volta (e tutte e tre femmine, Dio mi aiuti).
    A Marzo entrerà in vigore il nuovo assegno unico (io avevo gli ANF come lavoratore dipendente).
    Chiaramente il mio ISEE scenderà dai primi di Gennaio (se tutto v a come deve andare, dal 7), ma mi chiedo: dovrò modificare quello attualmente in vigore?
    Oppure dovrò farne uno ex novo con i redditi 2021?
    Grazie anticipatamente per la sua continua disponibilità.

    Cordiali saluti

    Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luca!
      L'ISEE in tuo possesso scadrà comunque il 31/12/2021 quindi a gennaio 2022 dovrai richiederne uno nuovo con i redditi del 2020, aggiungendo la terza figlia.-

      Elimina
    2. Innanzi tutto grazie per la risposta, ma l'ISEE non va calcolato sui redditi dell'anno precedente? Quindi nel 2022 quelli del 2021?
      Quello che ho oggi è già calcolato sui redditi 2020, o sbaglio?

      Grazie ancora

      Elimina
    3. Caio Luca!
      Ti sbagli!
      L'ISEE di quest'anno, a meno che non sia un ISEE corrente, è calcolato sui redditi del 2019 e quindi l'anno prossimo verrà calcolato sui redditi del 2020.-

      Elimina
    4. Perfetto, mi ricordavo male io allora, grazie mille!
      Luca

      Elimina
    5. Ciao Luca!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  8. Gentile dottore Censori ho bisogno di un informazione.
    Allora io sono legalmente separata il mio ex coniuge percepisce ANF come lavoratore dipendente per nostro figlio che vive con me è risulta nel mio nucleo.
    Ho altri due bimbi dal mio attuale compagno percepisco RDC .
    La mia domanda è questa come mai Inps non mi paga l'assegno temporaneo per gli altri due bimbi?
    Possibile anche se c'è un minore di cui il papà percepisce ANF mi bloccano la richiesta per gli altri due bimbi ?
    In attesa di una sua cordiale risposta le porgo i miei sinceri saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Si ha diritto all'assegno temporaneo solo se non si percepiscono gli ANF e la normativa non prevede pagamenti parziali cioè solo per alcuni figli.-
      Comunque l'anno prossimo cambierà tutto in quanto l'assegno unico sarà legato all'ISEE in sostituzione di ANF, detrazioni fiscali e vari bonus; quindi potrai richiederlo per tutti i tuoi figli.-

      Elimina
    2. Buongiorno la ringrazio per la sua celere risposta.
      Quindi l'anno prossimo anche se io percepisco RdC è sono legalmente separata posso richiedere assegno unico indipendentemente dal mio ex coniuge?

      Elimina
    3. L'anno prossimo potrai richiedere l'assegno unico d'accordo però con il tuo ex coniuge perché ovviamente non potete richiederlo entrambi per lo stesso figlio.-

      Elimina
  9. Mentre per i due bimbi con il mio attuale compagno verranno accreditati su rdc giusto? Senza fare richiesta?
    La ringrazio.
    Le porgo i miei sinceri saluti.

    RispondiElimina
  10. Buongiorno dott. Censori
    Avrei bisogno di un chiarimento,sono un pensionato con a carico la moglie e una figlia studentessa universitaria che compirá 21 anni il 9 maggio 2022.
    Per quanto riguarda l assegno unico da Gennaio posso fare la richiesta ma mi spetta fino al 8 maggio?cioè quando la figlia compie 21 anni non avrò più diritto ad alcun assegno o detrazione?Eventualmente devo comunicare io all' 'Inps la decadenza del diritto o l Inps in automatico sospenderà il pagamento dell' assegno?Grazie per la risposta.
    Saluti
    Mauro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mauro!
      L'assegno unico per tua figlia ti spetterebbe con decorrenza dal 1° marzo fino all'8 maggio 2022 e verrà quindi sospeso automaticamente dopo la suddetta data.-
      Per quanto riguarda le detrazioni verranno sospese per il periodo di corresponsione dell'assegno unico quindi non so se nel tuo caso vale la pena di presentare la domanda per l'assegno unico.-

      Elimina
  11. BUONASERA Dott.Censori volevo un chiarimento, figlio disabile con piu'di 21 anni con detrazione maggiorata non percettore di ANF perche'non 100% di invalidità, a carico del Genitore,da marzo prendero'sempre la detrazione maggiorata o sono obligato a fare isee e assegno unico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dal mese di marzo 2022 andrà in vigore l'assegno unico per tutti, legato all'ISEE, il cui importo verrà maggiorato in presenza di un figlio disabile.-
      Purtroppo i lavoratori dipendenti, siccome l'assegno unico andrà a sostituire gli ANF e le detrazioni fiscali, nella maggior parte dei casi andranno a percepire un importo inferiore rispetto a quello che ricevono oggi.-

      Elimina
  12. Buonasera dott.Censori, è da qualche giorno che cerco di avere una risposta in merito all'assegno unico. Le spiego brevemente la.mia situazione: non convivente, non coniugata con un figlio e l' affido esclusivo. Il padre con cui non ho contatti da più di un anno non versa ( non ha mai versato in realtà) l' assegno di mantenimento dovuto a mio figlio. Mai stato presente né economicamente né affettivamente. Di fato mio figlio di 7 anni non conosce il padre. Ora, la domanda è: possibile che l' importo dell' assegno debba dipendere al 50% dalla decisione di un tizio completamente estraneo al mio nucleo familiare?
    Inoltre, se così fosse, andrei a rimetterci pesantemente.

    Grazie in anticipo per la gentile risposta.

    Marcella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marcella!
      Purtroppo la normativa prevede che l'assegno unico per i figli venga corrisposto al 50% ciascuno ai due genitori o al 100% a uno solo con il consenso dell'altro.-
      Per escludere l'altro genitore è necessario dimostrare per via giudiziaria che non corrisponde l'assegno di mantenimento per il figlio e che quindi non ha titolo per richiedere la sua quota dell'assegno unico.-

      Elimina
    2. Salve, grazie infinite per la risposta. Purtroppo immaginavo, Che assurdità, proprio vero che in questo caso siamo " becchi e bastonati ". Solo per capire.. stamani ho fatto la dsu e li, gli assegni per i figli effettivamente incassati, vanno dichiarati ed i miei sono "0"... senza far scervellar3 troppo i contribuenti, inps potrebbe anche farlo un controllo su quanto dichiarato.

      Ovviamente l'osservazione non è per lei, lei è sempre molto gentile e disponibile con tutti!
      Grazie ancora

      Elimina
    3. Ciao Marcella!
      Posso dirti che con l'ISEE al minimo l'importo dell'assegno unico dovrebbe essere il massimo e per il resto aspettiamo ulteriori chiarimenti da parte dell'INPS.-

      Elimina
  13. Gentile dottore Censori ho bisogno di un informazione, pensinato con a carico figlio disabile di 26 anni invalido al 74% senza reddito e ne anf , non presentando domanda di assegno unico mi daranno sempre le detrazioni per figlio a carico maggiorenne.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Confermo!
      Non avendo mai percepito gli ANF tu non avresti comunque diritto all'assegno unico quindi continuerai ad usufruire delle detrazioni fiscali per figlio a carico maggiorenne.-

      Elimina
  14. Le detrazioni saranno sempre maggiorate come disabile o non ,grazie per la risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Le detrazioni saranno sempre maggiorate come disabile, ovviamente se non si presenta la domanda per l'assegno unico.-

      Elimina