giovedì 6 agosto 2020

Bonus Renzi e Taglio del Cuneo Fiscale

Con l’approvazione del decreto da parte del Consiglio dei Ministri del 23 gennaio 2020 sul taglio del cuneo fiscale, cambiano importi e limiti di reddito per l’erogazione del bonus Renzi in busta paga. 
Con le modifiche apportate, il bonus Renzi diventa un’agevolazione per altri 4,3 milioni di contribuenti finora esclusi, raggiungendo così una platea di 16 milioni di lavoratori dipendenti. 
Il bonus Renzi verrà percepito dai lavoratori dipendenti con redditi a partire da 8.174 euro fino a 40.000 euro, ma con diverse modalità di erogazione.

A partire da luglio 2020 è previsto quanto segue: 
  1. Redditi da 8.200 euro a 24.600 euro il bonus aumenta di 20 euro al mese (da 80 a 100 euro) .
  2. Redditi da 24.000 euro a 26.600 euro il bonus aumenta di 16 euro al mese.
  3. Redditi da 26.600 euro a 28.000 euro (esclusi finora) spetta bonus di 100 euro al mese.
  4. Redditi da 28.000 euro a 35.000 euro (esclusi finora) si applica una riduzione progressiva a partire da 100 euro per arrivare agli 80 euro.
  5. Redditi da 35.000 a 40.000 euro (esclusi finora) si applica una riduzione progressiva a partire da 80 euro per arrivare all'azzeramento.


Il Bonus di 80 Euro del Governo Renzi sarà elargito tramite il "Decreto IRPEF" (decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66), convertito con modificazioni nella Legge 23 giugno 2014, n. 89, in vigore dal 24 giugno 2014 (Gazzetta Ufficiale n. 143 del 23 giugno 2014).

Bonus IRPEF: ammonta a 640 euro (80 euro mensili) il totale del bonus che si troveranno in busta paga, tra maggio e dicembre 2014, i lavoratori con un reddito compreso tra gli 8 e i 24 mila euro. Il bonus decrescerà con l'aumentare del reddito dai 24mila ai 26 mila euro, soglia oltre la quale è previsto l'azzeramento del beneficio. La norma è valida solamente per l'anno in corso e nel testo si rende noto che il bonus diventerà strutturale con la legge di stabilità per l'anno 2015. Per la riduzione dell'IRPEF ai lavoratori dipendenti è previsto inoltro un fondo apposito, dotato degli effetti strutturali dei tagli, vale a dire di 2,7 mld per il 2015, mentre per il 2016 saranno 4,7 miliardi, per il 2017 4,1 mld e 2 mld a decorrere dal 2018.-


bonus 80 euro governo renzi


Chi ne ha diritto?

Tutti i lavoratori dipendenti e assimilati che hanno un reddito tra 8.000 e 26.000 euro lordi all'anno, al netto del reddito dell'abitazione principale. La cifra sarà erogata dal datore di lavoro in tutti i casi in cui l'imposta lorda dell'anno è superiore alle detrazioni da lavoro dipendente.-


Il bonus spetta anche ai cassaintegrati?

SI! Il rimborso fiscale spetta anche a chi percepisce somme a sostegno del reddito come cassa integrazione, indennità di mobilità, sussidio di disoccupazione, indennità di maternità. In tutti questi casi è l'INPS che si farà cura di versarlo ai lavoratori e alle lavoratrici.


Cosa succede se non viene dato a maggio?

Se per ragioni tecniche derivanti dalle procedure di pagamento degli stipendi, non è stato possibile dare il bonus a maggio, verrà riconosciuto nei mesi successivi. Con l'obbligo di assicurare al lavoratore tutto il credito spettante nel corso del 2014.-


Come viene calcolato?

Il bonus è stabilito in misura fissa pari a 640 euro per le fasce di reddito tra 8.000 e 24.000 euro e decrescente per chi si colloca tra 24.000 e 26.000 euro. Le somme percepite dal lavoratore a titolo di incremento della produttività non vengono conteggiate per stabilire il limite di reddito. Mentre fanno reddito i canoni d'affitto riscossi con la cedolare secca. Il decreto stabilisce inoltre che l'ammontare del rimborso è rapportato al periodo di lavoro nell'anno. Verrà dunque calcolato considerando il numero di giorni lavorati nell'anno.-


Dipendente con più rapporti di lavoro:

Spetta al lavoratore comunicare al datore di lavoro la presenza di più rapporti di lavoro, scegliendo da chi farselo dare. In caso di mancata o tardiva presentazione di questa dichiarazione all'azienda, il lavoratore che ha ricevuto un bonus doppio o in misura superiore a quello spettante, sarà tenuto a restituire l'eccedenza in sede di conguaglio di fine anno.-


Il bonus spetta alle colf?

Si, ma i tempi slittano. La circolare dell'agenzia delle entrate spiega che anche i contribuenti senza sostituto d'imposta (colui che versa le tasse sulla busta paga), potranno beneficiare del bonus, ma esclusivamente in occasione della dichiarazione dei redditi nel mese di giugno del 2015.-


I collaboratori sono inclusi?

Il reddito dei collaboratori a progetto è considerato assimilato a quello di lavoro dipendente. Il bonus spetterà anche ai lavoratori socialmente utili, ai sacerdoti e a chi è stato licenziato prima di maggio (potrà recuperarlo con il 730 del 2015).-


Il bonus passa agli eredi?

SI! Il beneficio spetta anche ai lavoratori deceduti in relazione al periodo di lavoro del 2014. E sarà calcolato nella dichiarazione dei redditi del lavoratore deceduto presentata da uno degli eredi.-


Chi sono gli incapienti esclusi?

Gli incapienti sono i lavoratori che dichiarano al fisco meno di 8.000 euro di reddito all'anno. In virtù degli scarsi introiti non sono tenuti a pagare le tasse. Il bonus, come abbiamo visto, arriva grazie a un intervento sull'IRPEF, che il datore di lavoro versa ogni mese al fisco per conto del suo dipendente trattenendola dallo stipendio. Chi non versa l'IRPEF non può incassare gli 80 euro.-


I titolari di Partita IVA sono esclusi?

SI! I titolari di partita iva sono esclusi dal bonus degli 80 euro.-


I pensionati sono esclusi?

SI! Al momento i pensionati sono esclusi, in quanto il governo ha rimandato l’intervento a tempi successivi.-



Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it.
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai lavoratori.

80 commenti:

  1. Buongiorno Sig. Censori sono Gianluca volevo un chiarimento relativo al bonus di 80 euro. Quest'anno sto percenpendo la N.A.S.P.I. e l'INPS contestualmente al sussidio di disoccupazione mi sta versando anche il bonus Renzi; se alla fine di quest'anno non supero gli 8.000 euro lordi di imponibile lo dovrò restituire l'anno prossimo?? se si come funziona la restituzione???. Inoltre volevo sapere se per raggiungere la soglia degli 8.000 euro lordi sono validi eventualmente anche pagamenti ricevuti tramite voucher o tramite compensi di collaborazione occasionale. Nel ringraziarla anticipatamente la saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gianluca!
      - Se alla fine dei quest'anno non superi gli 8.000 euro di reddito, dovrai restituire l'importo percepito con la dichiarazione dei redditi del prossimo anno.-
      - NO! I pagamenti ricevuti tramite voucher o tramite compensi di collaborazione occasionale non sono validi ai fini del raggiungimento del limite di 8.000 euro.-

      Elimina
  2. ho un contratto a progetto di mese in mese siccome non guadagno mai lo stesso importo ho fatto rinuncia volontaria del bonus per paura di restituire ma se dovessi raggiungere la soglia degli 8.000 euro posso comunque prenderli in un unica soluzione??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se nel 2016 supererai l'importo di 8.000 euro di reddito, potrai richiedere il bonus con la dichiarazione dei redditi del prossimo anno.-

      Elimina
  3. Buongiorno, ho percepito nel 2015 reddito da lavoro dipendente per 7000 (e non ho percepito il bonus) ma poi ho anche un reddito da fabbricati per 2300: ho diritto al bonus? Non ho infatti capito se il reddito complessivo sopra gli 8000 euro deve essere tutto da lavoro dipendente... Grazie mille per la risposta, Francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco!
      Purtroppo NO!
      Infatti hanno diritto al bonus di 80 euro i contribuenti che percepiscono redditi da lavoro dipendente da 8.000 fino a 26 mila euro, purché l’imposta lorda dell’anno sia superiore alle detrazioni per lavoro dipendente.-

      Elimina
  4. Salve avvocato potrebbe rispondermi gentilmente, ho fatto la richiesta per il rinnovo di permesso di soggiorno con un contratto di lavoro indeterminato e fatto anche le impronte un mesi fa, il problema che io non lavoro più perché la pizzeria dove lavora è chiusa.
    Possono rifiutare la pratica ?
    Che posso fare ? Grazie mille e buona sera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se sei stato licenziato perché la pizzeria dove lavoravi è chiusa, presumo che tu abbia presentato la domanda di disoccupazione (NASPI), quindi il permesso di soggiorno ti verrà rinnovato comunque, anche se eventualmente per una durata inferiore.-

      Elimina
  5. Buon giorno avvocato vorrei chiederLe ho lavorato 9 mesi e mi ha licenziato la azienda posso chiedere disoccupazione? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se hai lavorato per 9 mesi e sei stato licenziato dall'azienda hai diritto alla NASPI che nel tuo caso può durare al massimo fino a 4 mesi e mezzo, e la domanda va presentata all'INPS entro 68 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro.-

      Elimina
  6. Buongiorno Avvocato,
    vorrei gentilmente chiederLe un'informazione relativa a un mio dubbio:
    Percepisco un reddito da lavoro dipendente che rientra nelle soglie consentite per il Bonus di 80 euro.
    Ipotizzando che a questo reddito quest anno si possa aggiungere un importo erogatomi in voucher per tutoraggio/supporto allo studio di persone disabili o con deficit di apprendimento (erogato da alcuni enti a studenti che necessitano un aiuto nello studio); se il totale dei voucher sommato al reddito mi facesse superare la soglia di 26.000 euro, avrei diritto o no al bonus Renzi? In sostanza si sommerebbero al reddito da lavoro dipendente facendomi perdere il bonus?
    Grazie mille in anticipo per la risposta.
    Cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Gli importi riconosciuti tramite voucher sono esenti da imposizione fiscale, quindi sono ininfluenti ai fini della soglia dei 26.000 utile per il riconoscimento del bonus di 80 euro.-

      Elimina
  7. Gianfranco buongiorno
    Anche se siamo fuori dal periodo di presentazione dei redditi, vorrei una delucidazione.
    Nella Certificazione Unica 2016 per il 2015 avevo un reddito di 26.429,00€ per cui non mi spettava la detrazione di 80,00 € mensile di Renzi.
    Quest’anno ho presentato il 730 per recuperare l’irpef su un piano di previdenza complementare per un importo di 5.100,00€ il che mi portava ad avere un imponibile fiscale 21.329,00€.
    Con questo imponibile avevo diritto a recuperare il bonus Renzi nel 730?

    Grazie
    Boli

    RispondiElimina
  8. Salve, sia io che mia moglie abbiamo un reddito di 8450 euro cadauno vorrei sapere se il bonus spetta ad entrambi o in qualche modo è influenzato dal reddito complessivo (16900). Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Il bonus spetta ad entrambi, in quanto il reddito da prendere in considerazione è quello personale e non quello familiare.-

      Elimina
  9. Perché si spaccia per AVVOCATO se non lo è?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi spaccio assolutamente per avvocato, solo che non mi pare il caso di smentire ogni volta chi mi scrive chiamandomi avvocato.-
      Comunque puoi stare tranquillo perché non mi risulta di aver presentato la "parcella" a qualcuno.-

      Elimina
  10. Salve avv. Censori, complimenti per la competenza e la chiarezza nelle risposte. Pure io, sia pure ad un livello elementare, mi occupo di consulenza fiscale e di sostegno al reddito. Pubblico i miei articoli sul sito sportello-sociale.it. Queste le precisazioni: mi risulta che il bonus 80 euro spetta anche per importi inferiori a 8.000 purchè i giorni delle dettrazioni siano inferiori a 365 e vi sia una imposta Irpef.Segnalo un mio articolo in proposito http://www.sportello-sociale.it/calcola-il-tuo-bonus-fiscale-con-un-click/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti che contraccambio per il tuo sito!

      Elimina
  11. Bongiorno Avocato lavoro di un anno con contrate indeterminato cello redito anuale di 7931,97 vollio sapere di mi apartendono 80 di bonus ,Renti poi la domanda di dove poso piare soldi di mia apartengono' ? grazie anticipate

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Il bonus Renzi è riservato a chi ha un reddito lordo imponibile annuale tra 8.000 e 26.000 euro.-

      Elimina
  12. BONGIORNO sono pensionata di invalidita civile 100\100 con pensone di 290 al mensile volio sapere di apartingono ,bonus di 80 di renzi grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Il bonus Renzi è riservato a chi ha un reddito lordo imponibile annuale tra 8.000 e 26.000 euro.-

      Elimina
  13. Gentilissimo Gianfranco, sono un ex dipendente pubblico in pensione dal 1° febbraio 2016. Nell’ultimo stipendio percepito a gennaio 2016 non mi è stato erogato il bonus fiscale di € 80,00. Il totale dei redditi risultante dal 730-3 ammonta a € 20.654,00 (1911,00 da lavoro dipendente + 18.743,00 da pensione, come si rileva anche dalle C.U. rilasciatemi dalla mia ex Amm.ne e dall’INPS), cui va aggiunto un reddito 2016 da fabbricati di € 361,00. Ero convinto di aver diritto al bonus, come negli anni precedenti al pensionamento. Invece, pur avendo indicato nel 730/2017 il codice 2 (bonus non erogato) e lasciato in bianco la casella relativa all’entità del bonus (non) percepito, Il sistema di calcolo che ha generato il 730-3 non mi ha riconosciuto il bonus. Il Caf, ad una mia richiesta di chiarimenti, mi ha spiegato in una mail: “ Per il bonus rapportando il reddito di lavoro di 31 giorni 1.911 oltre incidenza reddito fabbricati si supera la soglia mensile per bonus che il massimo e' 26000/12 € 2167”. Cioè, se ho capito bene, al reddito di gennaio 2011 mi è stato aggiunto il reddito da fabbricati relativo all’intero anno 2016. Ti chiedo se è corretto dal punto di vista normativo e, eventualmente, se plausibile sotto il profilo logico. Ti saluto cordialmente, Alberto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alberto!
      Purtroppo è corretto dal punto di vista normativo, anche se in effetti sotto il profilo logico sarebbe sbagliato.-

      Elimina
  14. Buongiorno!
    Il caso che ho rinunciato per il cosidetto "Bonus Renzi", per non rischiare la restituzione, devo fare anche rinuncia esplicità per l'anno prossimo o rimane valevole la rinuncia già fatta?
    Cordiali saluti
    Udo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      La rinuncia al Bonus Renzi vale solo per l'anno in cui si richiede, quindi se ti troverai nelle stesse condizioni dovrai presentarla anche l'anno prossimo.-

      Elimina
  15. SALVE AVVOCATO
    VOLEVO SAPERE SE IL BONUS RENZI CONTINUA ANCHE NEL 2018?

    GRAZIE

    RispondiElimina
  16. Buon giorno,
    vorrei chiedere una informazione di bonus 80 Euro. Come badante ho lavorato nel anno 2017 193 giorni . Ho guadagnato 9100 lordi Euro, bonus Renzi e anche per me? Volevo anche chiedere se io lavoro 14 giorni al mese ho diritto di riposo di giorno 2 ore e anche domenica. Famiglia mi dice che non ho diritto di riposo perche lavoro solo 14 giorni.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - SI! Con un reddito di 9.100 euro lordi hai diritto al Bonus di 80 euro che puoi recuperare con la dichiarazione dei redditi.-
      - Non capisco che significa che lavori 14 giorni al mese, quindi se non mi spieghi meglio il tuo orario di lavoro settimanale non posso esserti d'aiuto.-

      Elimina
  17. grazie per la risposta di mia domanda di 27/3/20180 15:58 e mi spiego meglio: come badante ho contratto di lavoro per 54 ore settimanali, livello CS, convivente a tempo pieno. Famiglia dove lavoro ha praticamente 2 badanti che ogni una lavora 14 giorni al mese. Dopo mio turno di 14 gorni vado a casa mia a estero. Lavoro con la agenzia con sede a estero e loro hanno queste condizioni per lavorare in Italia, un turno al mese di 14 giorni per una badante.

    Con saluto Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Tu hai comunque diritto alle 2 ore di riposo al giorno più la domenica.-

      Elimina
  18. Grazie e Buona Pasqua.
    Elisa

    RispondiElimina
  19. mi perdoni, l'ho chiamata Giancarlo invece di Gianfranco...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando fai il 730 dovrai inserire l'importo che ti spetta nella dichiarazione dei redditi.-

      Elimina
  20. Buon dì Gianfranco. Ho un contratto di 54 ore alla settimana, lavoro con una persona non autosufficienti, convivente.Vorrei sapere se io o lavorato tutto il mese di aprile senza giorno libero con 5 domenica di quale 1 domenica era la festa (Pasqua) e 2 feste ( 02.05 - 25.05.2018) con due scatti di anzianità, e normale che mi paga 1300 € ? Grazie di cuore. Barbara N.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Barbara!
      La paga per un livello CS conviventi è di 972,33 euro + 77,77 scatti anzianità = 1.050 euro, quindi ti hanno dato 250 euro in più che coprono in minima parte le ore lavorate in più che avrebbero dovuto essere retribuite come straordinari.-

      Elimina
  21. Buonasera dottor Censori,
    solo da qualche giorno ho appreso di poter recuperare il bonus di 80 € non corrisposto in busta paga, mediante il 730 o l'unico; c'è qualche modo per recuperare quello degli anni precedenti?
    Grazie.
    Monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Monica!
      Purtroppo NO!
      Si può recuperare il bonus di 80 euro, solo riferito ai redditi del 2017, e non quello riferito ad anni precedenti.-

      Elimina
  22. Salve ho lavorato come dipendente fino a marzo 2018 poi da aprile sono in pensione .poi nell'anno corrente la mia ditta mi a fatto un contratto di 104 ore mensili x novembre e dicembre ci saranno delle detrazioni al termine del contratto che mi scade il 24 dicembre. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se nel corso dello stesso anno si hanno più redditi, nell'anno successivo va presentata la dichiarazione dei redditi con la quale viene effettuato il conguaglio tra l'IRPEF pagata e quella dovuta all'Erario, calcolata sul reddito lordo complessivo.-

      Elimina
  23. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se fai dei versamenti aggiuntivi sul tuo fondo pensione di categoria puoi ridurre il tuo reddito imponibile, e provvederà a tutto, anche a livello fiscale, il tuo datore di lavoro.-
      Bonus IRPEF:
      Ammonta a 960 euro annuali (80 euro mensili) il totale del bonus che si troveranno in busta paga i lavoratori con un reddito compreso tra gli 8 e i 24 mila euro. Il bonus decrescerà con l'aumentare del reddito dai 24mila ai 26 mila euro, soglia oltre la quale è previsto l'azzeramento del beneficio.-

      Elimina
  24. Buona sera, sg. Gianfranco Censori, dal settembre 2017 sono stata in disoccupazione fin in genaio 2019, quale sarebbe la mia situazione riguardo alle 80 euro, farò come di solito la dicciarazione dei reditti... grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il diritto al bonus Renzi il reddito del 2018, nel tuo caso da NASPI, deve essere stato superiore a 8.000 euro.-

      Elimina
  25. Buongiorno dottor Censori, nel 2018 ho avuto un reddito di 2500 euro relativo alla mobilità ordinaria terminata ad Aprile. Inoltre, sempre nel 2018, mi sono state versate 240 euro di bonus Renzi. Per restituire i 240€, dovrò fare il mod 730 anche risultando incapiente? A quel punto potrò scaricare le spese sanitarie, interessi sul mutuo, e usufruire delle detrazioni per mia figlia (come lo è stato negli anni scorsi)? Grazie, cordiali saluti, Giancarlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giancarlo!
      Purtroppo devi presentare il 730 per restituire i 240 euro del Bonus Renzi, e non puoi scaricare alcuna spesa perché non hai avuto trattenute IRPEF.-

      Elimina
  26. Buonasera dott censori
    Le volevo chiedere per abbassare il reddito imponibile non avendo un fondo di categoria,ma un fondo pip con una assicurazione, il mio datore di lavoro può versare una quota detratta dalla Busta paga per conto mio e quindi abbassare l'imponibile e rientrare nella fascia per ottenere il bonus renzi.
    Cordiali saluti
    Franco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Franco!
      Purtroppo NO!
      Il datore di lavoro non può versare a un fondo pip una quota per tuo conto per abbassare l'imponibile IRPEF.-

      Elimina
    2. Grazie per l'informazione..
      Con un reddito imponibile come lavoratore dipendente di 27000 euro e 2000 altre rendite quindi complessivo di 29000 se facessi invece versamenti per 5000 euro sul fondo pip arriverebbe a 24000 mi spetterebbe in dichiarazione il bonus di 960 euo.. Come sempre grazie
      Franco

      Elimina
    3. Ciao Franco!
      Purtroppo NO!
      Il reddito da lavoro dipendente non si abbasserebbe comunque!

      Elimina
  27. buonasera. mi sono accorta che il cu rilasciato dal mio datore è errato in un dato, il bonus renzi erogato, che sommando i cedolini è di euro 550, mentre nel cu erroneamente risulta essere di €571. Dovrei fare la dichiarazione dei redditi, come mi devo comportare? posso modificare il dato e assumermi la responsabilità mostrando eventualmente i cedolini a un controllo dell'ade oppure devo necessariamente avere un cu nuovo e corretto (ma l'azienda potrebbe incorrere in sanzioni ed essendo di un parente non vorrei)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo o confermi il CU in tuo possesso o devi necessariamente avere un CU nuovo e corretto, perché se lo modifichi di tua iniziativa, potete incorrere in sanzioni sia tu che il tuo datore di lavoro.-

      Elimina
  28. Buongiorno Dott.Censori, gentilmente vorrei avere un chiarimento sul bonus Renzi. Ho avuto un contratto a progetto dal 7 febbraio 2019 fino al 30 novembre 2019 con imponibile fiscale di 7132 euro. Il consulente del lavoro dell'azienda sostiene che ho diritto al bonus Renzi perché se avessi lavorato 12 mesi avrei raggiunnto il minimo necessario per averlo. Io sostengo di no perché nella realtà non ho raggiunto gli 8145 euro e il suo è solo un calcolo ipotetico. Gli ho fatto togliere gli 804 euro che mi aveva messo in busta paga prima di ricevere il bonifico. Sono sicura quasi completamente di aver ragione io, ma vorrei la conferma definitiva da lei che è sempre molto competente e professionale. La ringrazio e buon week end.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      Chi ha diritto al bonus Renzi e qual'è l’importo riconosciuto:
      - reddito inferiore a 8.174,00 euro: 0 euro
      - reddito compreso tra 8.174,00 euro e 24.600,00 euro: 960 euro all’anno di Bonus
      - reddito tra i 24.600,00 ed i 26.600,00 euro: 26.600,00 - reddito complessivo/2.000 x 960.-
      Questo significa che il tuo ragionamento è corretto perché conta il reddito lordo complessivo annuale, a prescindere quindi dai mesi lavorati effettivamente.-
      Il consulente del lavoro dell'azienda poteva comunque erogarti il Bonus, dando per scontata un'altra attività lavorativa nel periodo antecedente e/o successivo al contratto sottoscritto con la stessa.-
      Nel tuo caso però hai fatto bene a fartelo togliere, perché in caso contrario avresti dovuto restituire il tutto con la dichiarazione dei redditi di quest'anno.-

      Elimina
    2. Grazie mille per la risposta, purtroppo il consulente del lavoro non è giustificabile, sapeva benissimo che l'altro mio reddito percepito, oltre al contratto a progetto, era 2750 euro con ritenuta d'acconto del 20% sempre con la stessa azienda a cui lui tiene la contabilità.
      Da quello che ne so, la somma di queste due tipologie di reddito non concorrono al raggiungimento della soglia per poter beneficiare del bonus. Con la ritenuta d'acconto è come se fossi lavoratrice autonoma e non dipendente, perciò sommando i due redditi, solo tasse e niente bonus. Giusto? Cerco di tenermi informata più che posso ma non riesco a stare dietro a tutto, ci sono troppe cose da sapere. Per fortuna quando ho dei dubbi posso rivolgermi a lei. Grazie di nuovo per le sue risposte sempre chiare precise e affidabili. Buona serata. L.

      Elimina
    3. Un contratto a progetto prevede una busta paga e il versamento di contributi INPS, quindi è assimilabile al lavoro dipendente, mentre se c'è una ritenuta d'acconto senza versamento di contributi è un prestazione occasionale assimilabile a un lavoro autonomo.-

      Elimina
  29. Grazie per la risposta è quello che immaginavo. Oggi mi è stata consegnata la busta paga rettificata senza bonus Renzi, ma secondo me c'è un errore o comunque c'è qualcosa che non mi torna e non riesco a spiegarmi. Non c'è la possibilità di mandare un file immagine? Da scrivere c'è veramente una confusione assurda. Grazie di nuovo. Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I contratti a progetto sono spesso al limite della legalità e i datori di lavoro con il loro utilizzo evitano di stipulare un regolare rapporto di lavoro dipendente per pagare meno contributi all'INPS ed avere minori vincoli contrattuali con il lavoratore.-
      Ti consiglio di rivolgerti eventualmente a un sindacato per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
    2. Ok, grazie di nuovo per la risposta, cercherò al più presto di farmi chiarire le idee sperando che nel momento in cui ci consegnerà la cu, non ci saranno errori anche li come è successo in passato. Grazie di nuovo e buona giornata. L.

      Elimina
  30. buongiorno dott. censori
    il mio reddito complessivo è di 30000,
    quello da lavoro dipendente è di 26000
    in questa situazione con 31000 non mo spetterebbe il bonus renzi.
    Se faccio dei versamenti sul mio fondo pensione di Categoria per 5000 euro annui il mio reddito complessivo si abbasserebbe a 25000..In questo caso rientro nel bonus renzi?
    Saluti
    ezio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ezio!
      Bonus IRPEF: ammonta a 640 euro (80 euro mensili) il totale del bonus i lavoratori con un reddito compreso tra gli 8 e i 24 mila euro. Il bonus decrescerà con l'aumentare del reddito dai 24 mila ai 26 mila euro, soglia oltre la quale è previsto l'azzeramento del beneficio.-
      Non so quindi se il gioco vale la candela!

      Elimina
  31. Buonasera dottore, se possibile vorrei avere dei chiarimenti sul nuovo calcolo del bonus Renzi. Dai conti che ho fatto, nell'anno 2020 dovrei percepire un imponibile fiscale intorno agli 8250 euro. Vengo pagata a 45 giorni, e con il pagamento di giugno, percepito a metà agosto il mio imponibile fiscale era di 4477 euro. Non ho mai percepito il bonus Renzi in busta paga. Con il conguaglio di fine anno mi spetterà raggiungendo gli 8250 euro? Grazie per la risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Con un reddito lordo complessivo annuale di 8.250 euro hai diritto al bonus Renzi che potrai recuperare con la dichiarazione dei redditi del prossimo anno.-

      Elimina
  32. Buonasera, grazie per la risposta. Ma il mio datore di lavoro potrebbe metterlo totalmente nell'ultima busta paga o non di può fare? Grazie di nuovo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Il datore di lavoro potrebbe metterti totalmente il bonus Renzi nella busta paga di dicembre, ma per legge non è obbligato a farlo soprattutto se non ha capienza.-

      Elimina
  33. Ok grazie, per me sarebbe uguale, anzi preferirei in dichiarazione dei redditi. L'importante è che mi spettano. Grazie. Gentilissimo come sempre. Buona serata.

    RispondiElimina
  34. Salve dottor Censori,
    Grazie per il suo lavoro ,molto utile per noi!!!
    Sono infermiera in pensione dal maggio 2020( legge Fornero).
    Percepisco la pensione italiana di 7500 euro/anno e pensione dalla Romania di 3000 euro/ anno.
    Dal mese di febbraio ho fatto un contratto di lavoro dipendente per un ambulatorio medico di lavoro di 12 ore/ mese( part-time verticale 1 giorno/ settimana ,4 ore; per 3 sett/mese).
    All'agenzia non hanno saputo spiegarmi 2 problemi:
    1) a me spetta il trattamento integrativo?
    2)per le detrazioni d'imposta meglio che li fa il datore di lavoro ( Agenzia) o verranno fatti quando farò il 730.Devo compilare sul modulo richiesto la casella:detrazioni per lavoro dipendente e assimilato"?
    Non ho in carico nessuno.
    Mi sono recata anche a una CAF ma non hanno saputo darmi la risposta.
    Io non vorrei prendere niente di più e poi di ritrovarmi che devo restituire.
    Voglio essere in regola con i pagamenti,le tasse verso lo stato.
    È strano che dall'agenzia mi hanno mandato ad informarmi ad una CAF,( dove non sapevano neanche loro),dicendo che la mia é una situazione " speciale "..
    Forsè perche il contratto é solo di 12 ore/ mese? Forsè ho la pensione italiana + romena?.
    Grazie per la sua risposta!!!
    Cordiali saluti ,
    Mimi A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      Per quanto riguarda eventuali maggiorazioni, sommando le due pensioni purtroppo non ne hai diritto perché superi il limite di reddito.-
      Per quanto riguarda invece le detrazioni IRPEF puoi scegliere se pagare meno prima e optare per il conguaglio in sede di dichiarazione dei redditi o pagare di più prima per evitare un conguaglio negativo con il 730.-
      Ovviamente la prima opzione è la più semplice, mentre per la seconda dovresti comunicare preventivamente all'INPS l'entità degli altri due redditi e cioè quello della pensione estera e quello da lavoro, in modo che sia l'INPS a farti i conguagli ed evitarti quindi di pagare dopo in sede di dichiarazione dei redditi.-

      Elimina
  35. Buon giorno Dott.Censori
    In merito al cuneo fiscale attivo dal 1 luglio 2020,le aziende possono decidere di riconoscerlo mensile o annuale a conguaglio senza il consenso del lavoratore.
    Può il lavoratore invece pretendere di scegliere la modalità di erogazione.
    Io lavoro in un’azienda privata.
    Cordiali saluti
    Adriano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Adriano!
      La modalità di erogazione dovrebbe essere concordata tra le parti, ma se l'azienda decide autonomamente per ragioni "tecniche", la scelta è difficilmente contestabile visto che alla fine la sostanza non cambia.-

      Elimina
  36. Buon giorno Dott. Censori.
    Tra qualche mese o molto probabilmente a Gennaio 2022, avrò un contratto a tempo indeterminato a 18 ore con circa (mi hanno riferito) 800 euro lordi e 600 euro circa netti in busta. Desideravo chiederle: dopo quanto inizierò a ricevere i 100 euro del bonus Renzi in busta così da fare lievitare il netto a 700 euro circa?
    Grazie. Cordiali Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il diritto al bonus Renzi bisogna superare il limite di reddito annuale di 8.000 euro lordi complessivi, quindi se verrai assunto nel corso dell'anno non so se ci rientrerai, mentre per l'anno prossimo non ci saranno problemi e probabilmente sarà lo stesso datore di lavoro a fornirti un modulo con il quali potrai comunicare la scelta.-

      Elimina
  37. Buongiorno gentile avvocato, sono invalida al 67/99 x100.nn percepisco nulla.pensionata con lordo 15.664.perche a noi pensionati non spetta il bonus renzi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di solito l'INPS provvede d'ufficio a corrispondere il bonus Renzi, che significa aumento delle detrazioni, ed eventualmente puoi recuperare l'importo spettante con la dichiarazione dei redditi.-

      Elimina