martedì 24 marzo 2020

TFR (Trattamento di Fine Rapporto - TFS (Trattamento di Fine Servizio)

1) T.F.R.:
Il TFR è il trattamento che spetta al lavoratore al momento della cessazione del rapporto in essere con il proprio datore di lavoro, sia che esso avvenga per pensionamento, sia che avvenga per dimissioni, licenziamento o altre ipotesi di cessazione degli effetti del contratto.

Calcolo del TFR lordo:
Per calcolare l’ammontare effettivo del Trattamento di Fine Rapporto, la prima cosa da fare è calcolare l’importo lordo dello stesso.
A tal fine, è necessario prendere in considerazione la retribuzione lorda annua (calcolata con riferimento al periodo 1 gennaio / 31 dicembre) e dividerla per 13,5. Al risultato va detratto lo 0,50% della retribuzione soggetta a contribuzione Inps, a titolo di contributo per il FAP – Fondo Adeguamento Pensione.
In tal modo si ottiene il TFR lordo annuo, che, sommato al TFR accantonato negli anni precedenti e soggetto a rivalutazione al 31 dicembre, dà come risultato il TFR lordo complessivo.

Calcolo del TFR netto:
Per la determinazione del TFR netto bisogna  calcolare l’aliquota Irpef media da applicare alla base imponibile.
L’aliquota Irpef media, in particolare, è pari al rapporto tra l’imposta determinata applicando al reddito annuale di riferimento l’aliquota IRPEF vigente e l’ammontare del reddito annuo di riferimento.
L’aliquota così calcolata si applica alla base imponibile e si ottiene, quindi, il TFR netto.
Si ricorda che l’aliquota Irpef vigente, determinata a scaglioni, è la seguente:
TFR lordo sino a 15mila euro: tassazione del 23%;
Parte di TFR lordo eccedente i 15mila euro e sino a 28mila euro: tassazione del 27%;
Parte di TFR lordo eccedente i 28mila euro e sino a 55mila euro: tassazione del 38;
Parte di TFR lordo eccedente i 55mila euro e sino a 75mila euro: tassazione del 41%;
Parte di TFR lordo eccedente i 75mila euro: tassazione del 43%.
Un esempio di calcolo per comprendere meglio
Si supponga che il TFR lordo complessivo corrisponda 25.000,00 euro, che il lavoratore abbia lavorato per dieci anni e che il reddito annuale di riferimento sia quindi pari a 30.000,00 euro (25.000,00 / 10 anni lavorati x 12).
L’imposta relativa al reddito di riferimento è 7.500,00 euro, ovverosia la somma tra 3.450,00 (23% di 15.000,00) e 4.050,00 (27% degli ulteriori 15.000,00).
L’aliquota media di riferimento è, quindi, del 25%, calcolato secondo la seguente formula:
7.500,00 euro (imposta relativa al reddito di riferimento) / 30.000,00 euro (reddito annuale di riferimento) x 100.
L’imposta da applicare, pertanto, è di 6.250,00 euro, ovverosia 25.000,00 euro (reddito lordo) x 25% (aliquota media).
In conclusione, il TFR netto è uguale a 18.750,00 euro, dato dalla differenza tra 25.000,00 euro (reddito lordo) e 6.250,00 euro (imposta).

La previdenza complementare:
A partire dal 1° gennaio 2007,  per effetto dell'entrata in vigore del T.U. della previdenza complementare (d. lgs. n. 252/2005, emanato in attuazione della legge delega n. 243/2004), ciascun lavoratore è chiamato a decidere se destinare il proprio TFR alle forme pensionistiche complementari (indicando il fondo pensione prescelto) oppure se mantenerlo presso il datore di lavoro, formulando esplicito rifiuto, altrimenti l'adesione al fondo complementare avviene automaticamente tramite il meccanismo del silenzio-assenso. 

La scelta va effettuata entro 6 mesi dall'assunzione, se avvenuta successivamente all'entrata in vigore della riforma (mentre per i lavoratori già in servizio è stata espressa entro il 30.6.2007).
In ogni caso, anche laddove il lavoratore non aderisca alla previdenza complementare, la legge prevede per le aziende con almeno 50 dipendenti che le quote accantonate di TFR non rimangano presso il datore di lavoro, dovendo confluire nell'apposito fondo istituito presso l'Inps.

Il fondo di garanzia:
Il "Fondo di garanzia per il trattamento di fine rapporto" è stato istituito presso l'Inps dall'art. 2 della l. n. 297/1982, "con lo scopo di sostituirsi al datore di lavoro in caso di insolvenza del medesimo nel pagamento del TFR, di cui all'art. 2120 c.c., spettante ai lavoratori o loro aventi diritto" ed esteso dal d.lgs. n. 80/1992 anche ai crediti di lavoro diversi dal TFR secondo i presupposti dettati dall'art. 2 dello stesso.
La condizione necessaria per far sorgere il diritto al pagamento del TFR a carico del Fondo di garanzia è l'intervento della situazione di insolvenza del datore di lavoro (Cass. n. 9068/2013) e i casi in cui il lavoratore o i suoi aventi diritto possono richiedere il pagamento del trattamento di fine rapporto e dei relativi crediti accessori sono espressamente disciplinati dall'art. 2, commi 2-5 della l. n. 297/1982 (fallimento, concordato preventivo, liquidazione coatta amministrativa, esperimento esecuzione forzata quando le garanzie patrimoniali risultino in tutto o in parte insufficienti).
Il comma 7 dell'art. 2 l. n. 297/1982 prevede, inoltre, che il fondo effettui i pagamenti entro 60 giorni dalla richiesta dell'interessato, decorrenti dal momento in cui viene consegnata la domanda, corredata della necessaria documentazione, all'ufficio competente (Cass. n. 1052/1991).

L'anticipazione del TFR:
L'art. 2120, comma 6 e ss., c.c. prevede che il lavoratore, con almeno otto anni di servizio presso lo stesso datore di lavoro, possa chiedere, in costanza di rapporto, un'anticipazione del TFR non superiore al 70% sul trattamento cui avrebbe diritto nel caso di cessazione del rapporto alla data della richiesta.
Il datore di lavoro concede le anticipazioni richieste annualmente entro i limiti del 10% degli aventi titolo e comunque del 4% del numero totale dei dipendenti.
Come espressamente disposto dall'art. 2120 c.c., la richiesta deve essere giustificata dalla necessità di far fronte:
- a spese sanitarie per terapie o interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche. Il carattere di straordinarietà che giustifica la concessione dell'anticipazione va inteso nel senso di particolare complessità o pericolosità delle terapie e degli interventi (Pret. Firenze 30.3.1983) ovvero di rilevanza importanza medico-economica (Cass. n. 3046/1990);
- all'acquisto della prima casa di abitazione per sé o per i figli, documentato con atto notarile. Il diritto sussiste anche nel caso in cui l'acquisto venga effettuato dal coniuge in comunione dei beni (Cass. n. 10371/1994);
L'art. 5 del d.lgs. n. 151/2001 ai sensi dell'art. 7 della l. n. 53/2000 prevede, inoltre, che è possibile ottenere l'anticipazione del TFR per far fronte alle spese da sostenere durante i periodi di fruizione dei "congedi parentali".
Ai fini dell'anticipazione, possono essere previste condizioni di miglior favore sia dai contratti collettivi che da patti individuali.
L'anticipazione, secondo il disposto del comma 9 dell'art. 2120 c.c., può essere ottenuta una sola volta nel corso del rapporto di lavoro e l'importo anticipato viene detratto dal trattamento spettante a fine rapporto.

2) TFS (Trattamento di fine servizio) x statali e dipendenti pubblici
Il Trattamento di Fine Servizio ha molte analogie con il TFR dei Dipendenti Privati ma le differenze sono abbastanza rilevanti. La più importante è il sistema di calcolo che si basa sul sistema retributivo anziché contributivo.
Al momento del pensionamento i dipendenti statali e pubblici beneficiano di una buonuscita che dipende dal numero di anni di servizio e dalla funzione svolta.
Per gli assunti prima del 2001 la buonuscita prende il nome di TFS (Trattamento di Fine Servizio) e viene calcolata in base agli ultimi stipendi percepiti (metodo retributivo) mentre per gli assunti dopo tale data il calcolo viene effettuato su base contributiva e quindi in base alle contribuzioni effettivamente versate.

Tempi di liquidazione del TFS:
La legge di stabilità del 2014 ha stabilito tempi sempre più lunghi per la liquidazione del TFR (Trattamento di fine rapporto) e del TFS (trattamento di fine servizio) dovuti a statali e dipendenti pubblici. Si deve attendere un periodo da 3 mesi e mezzo a 27 mesi. E se la prestazione supera un certo importo, la somma è frazionata in 2 o 3 rate annuali.-
-       Per i pensionamenti per inabilità o decesso, blocco di 3 mesi e altri 15 giorni per consentire all’INPS di liquidare la domanda, in totale 3 mesi e mezzo.-
-       Il blocco sale a un anno (cui si aggiungono i 3 mesi per lavorare la pratica; nel complesso 15 mesi per raggiungimento dei limiti di età o dei limiti di servizio, per cessazione del lavoro a tempo determinato o per risoluzioni unilaterali dell’amministrazione (esempio per gli esuberi).-
-       Il blocco sale a 27 mesi (24+3) nei casi di dimissioni volontarie, per licenziamenti e destituzioni.-
Se si superano i tempi indicati l’INPS deve riconoscere sulle somme gli interessi di mora.-
Terminata l’attesa scatta un’altra norma di legge che divide in rate annuali la buonuscita quando supera i 50 mila euro lordi.-
-       Se la buonuscita non supera 50 mila euro lordi il pagamento è completo.-
-       Tra 50 mila e 100 mila euro lordi il pagamento è diviso due tranches annuali: 50 mila euro il primo anno e la rimanenza il secondo.-
-       Oltre 100 mila euro il pagamento è in tre rate: 50 mila il primo anno, 50 mila il secondo, la rimanenza il terzo.-  

Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it.

Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

120 commenti:

  1. Salve, lavoro da 2 anni in cooperativa e pochi giorni fa mi hanno passato con un'altra cooperativa, potrei sapere di tfr piu' o meno quanto prenderei? Guadagnando circa 15,000.00 euro all'anno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carmine!
      L'importo del TFR è pari a una mensilità per ogni anno di lavoro, e comunque l'importo di quello maturato deve risultare in busta paga e nella certificazione unica.-

      Elimina
  2. Ma possibile un TFR di 1000 euro con quasi 3 anni di lavoro con uno stipendio mensile di 900 euro ? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maurizio!
      Strano!
      Il TFR si determina calcolando, per ciascun anno di servizio, un importo pari, e comunque non superiore, all’entità della retribuzione lorda dovuta per ogni annualità, divisa per il parametro fisso 13,5. La quota rappresenta quindi il 7,41% della retribuzione (precisamente il 6,91% corrisposto all’ex dipendente più lo 0,50% corrisposto all’Inps).
      Tale importo viene rivalutato, su base composta, al 31 Dicembre di ogni anno, di una percentuale costituita dall’1,5% in misura fissa e dal 75% dell’aumento dell’indice Istat dei prezzi al consumo.-
      Gli elementi che concorrono alla formazione del TFR sono numerosi e vanno dallo stipendio base alle indennità di funzione comprendendo, in via generale, tutti i compensi a carattere continuativo.-

      Elimina
  3. Buonasera,
    Sono un dipendente privato; voglio sapere un informazione se possible . Io lavoro da 8 anni con contratto a tempo indeterminato. La mia domanda e posso chiedere il TFR da datore di lavoro? Senza di dimissione/licenziamento.
    Come funziona allora?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il prestatore di lavoro, con almeno otto anni di servizio presso lo stesso datore di lavoro, può chiedere, in costanza di rapporto di lavoro, una anticipazione non superiore al 70% del trattamento cui avrebbe diritto nel caso di cessazione del rapporto di lavoro alla data della richiesta.-
      Le richieste sono soddisfatte annualmente entro i limiti del 10% degli aventi titolo, e comunque del 4% del numero totale dei dipendenti.
      La richiesta deve essere giustificata dalla necessità di:
      - eventuali spese sanitarie per terapie e interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche.
      - acquisto della prima casa di abitazione per se o per i figli, documentato con atto notarile.
      L'anticipazione può essere ottenuta una sola volta nel corso del rapporto di lavoro e viene detratta, a tutti gli effetti, dal trattamento di fine rapporto.-

      Elimina
    2. Buin giorno carrissimi..lavoro in una cooperativa pulizzie..4 mesi contrato a cheamata..poi contrato in regola di 6 mesi..fra una settimsna mio contrato scade...forse vera rinovato..vorrei x cortezia sapere...prima che venga rinovato contrato..mi vera pagato tfr?ferie che io non ho mai fato..grazie infinite..

      Elimina
    3. Se il contratto verrà rinnovato il TFR non verrà liquidato ma andrà in accumulo come andranno a sommarsi i giorni di ferie residui.-

      Elimina
  4. Salve ho lavorato per un azienda ora in fallimento, ho presentato decreto ingiuntivo per recuperare il tfr e le ultime mensilità, ma mi è stato respinto perché risulta che il Tfr mi è stato già pagato, cosa Non vera.come mi difendo? In busta c è scritto che ho ricevuto gli stipendi in contanti ma ho anche bonifici con dicitura saldo paga. ..
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo la dicitura sui bonifici "saldo paga" non è una prova sufficiente a dimostrare che non hai ricevuto il TFR, quindi se non hai altre prove ho paura che dovrai rassegnarti, o dovrai richiedere spiegazioni a chi ti ha consigliato di presentare un decreto ingiuntivo.-

      Elimina
    2. Grazie,ma chiedo,il datore di lavoro cosa dovrà presentare, in una causa,per dimostrare che mi ha dato il Tfr durante l ultimo anno di lavoro,perché appunto risulta che me lo ha dato durante l ultimo anno ,ogni mese

      Elimina
    3. Ed in parte versato in contanti

      Elimina
    4. Probabilmente non mi sono spiegato bene!
      Il datore di lavoro ha già presentato quello che doveva presentare se è stato respinto il decreto ingiuntivo, quindi il problema è tuo e di chi ti fatto presentare il decreto ingiuntivo senza prove sufficienti per dimostrare il tuo credito.-
      Infatti forse non hai capito il concetto che in una causa di lavoro sei tuo che devi dimostrare di non aver percepito tutto quello che ti spettava, perché il datore di lavoro con la tua firma è a posto.-

      Elimina
  5. Salve vorrei sapere se il tfr c'è scritto sulla busta paga o è sotto un'altra voce quando te lo danno
    Io mi sono licenziata il 29 settembre dopo 3 anni e fin ora mi hanno dato 3670€ ma sulla busta paga c'è scritto solo ferie e pemessi pagati e non la voce pagamento TFR
    Secondo lei ancora me lo devono pagare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Di solito per il TFR viene emessa una busta paga a parte, e se viene pagato insieme alle altre competenze maturate, l'importo deve essere indicato con la specifica dicitura TFR.-

      Elimina
  6. Buongiorno, le chiedo un chiarimento.
    Il prossimo mese percepirò il TFS di ca 25.000 € in quanto ex dipendente da pubblico impiego. Ora lavoro per una cooperativa e usufruisco del Bonus 80 €. La mia domanda è se il TFS deve essere sommato al reddito annuale, nel qual caso non potrei più usufruire del bonus.
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Il TFS è soggetto a tassazione separata, quindi non incide sul reddito lordo annuale.-

      Elimina
  7. Buonasera sono commessa da 9 anni.a maggio 2017 ho fatto richiesta di un anticipo di tfr e mi è stato dato..ma a dicembre 2017 ancora sulla busta paga non è stato scalato dal restante tfr.entro quanto va scalato?grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Strano!
      L'anticipo del TFR andrebbe scalato nella busta paga dello stesso mese in cui viene erogato, presumo quindi che ci sia stato un qualche disguido tra il datore di lavoro e il consulente del lavoro.-

      Elimina
  8. Buongiorno Avvocato,
    Chiedo da parte di mio fratello, allora lui ha lavorato 1 anno da il un datore di lavoro che non lo pagava mai nei tempi giusti, così mio fratello ha cercato un altro lavoro finendo nel settembre del 2017, adesso quel datore di lavoro non vuole dare i soldi che le aspettano cioè ultimo mese di settembre, 730 (era di 800 euro ma non le ha mai pagato dicendo k avrebbe pagato poco a poco) TFR, ferie ed eccetera, purtroppo le dava ogni mese 300 euro, ma adesso da mese di gennaio niente.. Ogni volta rimanda dicendo k le farà il bonifico.
    Vorremo sapere cosa possiamo fare? Perché non ci ha lasciato neanche la busta paga, solo una busta dove c'è scritto quanto TFR le aspetta ma però non ha pagato niente.
    Grazie del suo tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Consiglio a tuo fratello di rivolgersi a un sindacato per farsi tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  9. Buongiorno,
    lavoro da 4 anni in un'azienda artigiana con due dipendenti. Per motivi economici l'azienda è costretta a tagliare il personale.
    Mi è stata proposta una procedura di licenziamento con conciliazione e la dilazione del tfr che l'azienda non può corrispondermi subito per intero.
    Il mio titolare mi ha comunicato che l'appuntamento per la conciliazione ci sarà la prossima settimana.
    Il tutto è avvenuto verbalmente, non ho ricevuto alcuna comunicazione di licenziamento, né di convocazione scritta.
    E' una prassi normale, o ho diritto a ricevere documenti in anticipo la lettera di licenziamento e la convocazione per la conciliazione?

    Ancora, volevo chiederle, se accettando la proposta di conciliazione, avrò diritto alla Naspi, in quanto leggevo che per aziende con meno di 15 dipendenti la stessa è negata.

    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una conciliazione alla Direzione Provinciale del Lavoro è una prassi normale, ma dovresti essere informato in anticipo della proposta che ti verrà fatta, e dovresti essere assistito da un sindacalista che tuteli i tuoi interessi.-
      In caso di esito positivo della conciliazione avrai comunque diritto alla NASPI che potrà durare fino alla metà delle settimane lavorate negli ultimi 4 anni.-

      Elimina
  10. salve
    in quale tipo di assenza il tfr non viene maturato ed in quale tipo di assenza il tfr viene maturato?

    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Durante le assenze per infortunio, malattia, gravidanza, puerperio, congedi retribuiti, nei periodi di cassa integrazione guadagni ordinaria e straordinaria il lavoratore ha diritto al TFR.-
      Invece non matura il TFR in caso di assenza per permessi o aspettativa non retribuita.-

      Elimina
  11. salve
    cosa intende lei con assenza per permessi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono due tipi di permessi!
      - Quelli retribuiti, cioè le ore previste dal contratto che si maturano annualmente in aggiunta alle ferie.-
      - Quelli non retribuiti, cioè se non si hanno più ferie o ROL da godere, ma si ha comunque bisogno di altri giorni, si ricorre ai permessi non retribuiti, cioè senza paga e senza contributi.-

      Elimina
    2. quindi in questi due casi di permessi sia retribuiti che non il tfr non matura,ho capito bene?

      Elimina
    3. NO!
      Il TFR non matura solo in caso di permessi non retribuiti.-

      Elimina
  12. Gent.sso Dott Censori, eccomi con un'altra domanda.
    Sto in pensione dal 07/2015, nel 2014 feci domanda di riscatto ai fini buonuscita per tre anni di servizio rep.operativi.L'inps quando mi liquidò la prima trance non tenne conto della domanda di riscatto.Nel mese di giugno di quest'anno l'inps mi ha contatto dicendomi che la delibera di riscatto verrà emessa dopo la seconda trance della liquidazione e l'importo della delibera è di circa 900 euro, Quindi, per me è un riscatto a debito e non a credito come pensavo.La domanda: con il 730 il riscatto buonuscita va in deduzione e secondo la mia tassazione che è max 38% andrei a recuperare i 900 euro, se accettassi di riscattare. Ma con il prox DEF inerente la flatax del nuovo governo la tassazione diminuisce e il mio recupero irpef non sarà più al 38%, ma sarà in base alla mia tassazione. Secondo un suo parere, mi conviene adesso, pagare 900 euro certi, per un importo incerto che andrei a recuperare con il 730/2019?
    Grazie x la risposta anticipatamente.
    saluti
    Michele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Michele!
      Purtroppo non posso esserti d'aiuto perché non ho la più pallida idea di quello che deciderà il nuovo governo con la prossima finanziaria, in quanto dovrà conciliare le promesse elettorali con i vincoli di bilancio europei.-

      Elimina
  13. Grazie Dott. Censori, per la Sua celere risposta.
    Aspetto la finanziaria, per decidere.
    Saluti e alla prox
    Michele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Michele!
      In effetti mi sembra la soluzione migliore!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  14. buongiorno avvocato ho bisogno di un po' di liquidita' per spese diverse
    posso ottenere per legge un anticipo di tfr al di fuori delle normali regole? spese mediche,anticipo prima casa eccetera
    grazie daniele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La normativa prevede l'anticipo del TFR solo per la prima casa e per spese mediche, quindi puoi richiedere al tuo datore di lavoro anche un anticipo per spese diverse, ma il datore di lavoro non è obbligato a concederlo.-

      Elimina
  15. ho capito ,ma se chiedo anticipo per spese mediche sono obbligato a fornire delle prove di questo?
    grazie e buon lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente SI!
      Devono essere spese mediche di una certa entità e vanno allegate alla domanda le relative fatture.-

      Elimina
  16. Salve o lavorato part time da 21.10.2017 fino a 31.08.2018 o diritto a Buon uscita se principali di lavoro rifuta cosa devo fare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Tu hai comunque diritto al TFR, rapportato al tuo orario di lavoro e alla tua anzianità lavorativa, quindi se non ti verrà corrisposto, potrai rivolgerti a un sindacato per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  17. Buongiorno Gianfranco,
    Da questo mese sono in CIGS a 0 ore fino a Gennaio in quanto l'azienda presso cui lavoravo ha venduto i compendi aziendali ad una nuova società per la quale non ho accettato le nuove condizioni contrattuali poi a gennaio parte il licenziamento collettivo per me e circa altri 1000 dipendenti. Poiché la società cui rimaniamo in carico ha seri problemi economici tant'è che non ci stanno pagando la quattordicesima volevo sapere se possiamo avvalerci del fondo di garanzia INPS per avere i miei 10 anni di TFR che sono sicuro non hanno modo di pagarmi.
    Premetto che già con questa azienda vanto dei crediti tramite insinuazione al passivo per ciò che non ci hanno corrisposto nel periodo che ha preceduto l'amministrazione straordinaria per circa 3 anni.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gianni!
      Il fondo di garanzia dell'INPS provvede al pagamento del TFR solo in caso di fallimento dell'azienda, e comunque dopo la sentenza di fallimento.-

      Elimina
  18. Il servizio di gestione paghe e contributi di colf e badanti è garantito da consulenti del lavoro tramite il portale BADANTE NO PROBLEM per tutte le famiglie che lo desiderano... https://lamiabadante.blogspot.com/2018/10/come-fare-la-busta-paga-badante-on-line.html
    Come fare la busta paga badante on line?

    RispondiElimina
  19. Buongiorno avvocato. Ho una problemma, ho lavorato in unna ditta 5 anni,4 aprendista e 2 a tempo ideterminato,puoi azienda ha preso fuoco e da li sono partiti gli problemmi, 2 ultimi stipendii non pagati e decido di asspettare,il capo non si e fatto sentire per niente.Mi sono sbagliato,perche non sono andato dai sindacati subito, e sono passati 6 anni, azzienda e chiusa e non so se e fallita.La mia domanda,e possibile recuperare 2 ultimi stipindii e il TFR dopo 6 anni,u una fatica persa? Il vecchio capo non mi a comunicato niente..Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      I crediti da lavoro dipendente vanno in prescrizione dopo 5 anni, quindi una volta trascorso il suddetto termine non sono più esigibili.-

      Elimina
  20. Buon giorno,
    ti scrivo di notte ho piena testa di pensieri. Ti vorrei chiedere di una informazione: sono badante e lavoro 14 giorni al mese, in busta paga mi datore di lavoro calcola TFR. E giusto?
    Grazie in anticipo per la risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alice!
      SI!
      Tu mature regolarmente il TFR, ovviamente rapportato alle giornate lavorate mensilmente, che però non viene pagato mensilmente ma va in accumulo, salvo accordi diretti tra lavoratrice e datore di lavoro.-

      Elimina
  21. Buongiorno Avvocato,

    Il mio capo ha deciso di licenziarmi in modo"amichevole" dicendo che continueremo a nero.
    Sono stata assunta nel dicembre 2015. Il mio datore di lavoro non mi ha voluto dare le buste paga mensilmente, solo alcune su richiesta quando dovevo affittare una casa.
    Il problema è che ho trovato in alcune buste paga (del 2017) la voce del QUIR ,che io non ho mai richiesto. Dunque immagino che lui abbia falsificato la mia firma per fare richiesta, dato che ho letto che va compilato un modulo in duplice copia di cui una dovrebbe tornare al lavoratore, è giusto?
    Come mi consiglia di procedere?
    La ringrazio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se si lavora in nero si evadono contributi e tasse, quindi non si avrà diritto alla pensione e non si hanno nemmeno diritti da far valere.-
      Se non si ricevono mensilmente le buste paga vuol dire che possono esserci delle irregolarità che non si possono verificare.-
      Ti consiglio quindi di rivolgerti a un sindacato per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
    2. grazie per la risposta.
      adesso mi farò dare tutte le buste paga e porterò al Caf per conteggio. La mia domanda è : si tratta di reato l'aver inserito il QUIR in busta paga senza la mia autorizzazione?

      Elimina
    3. Ti consiglierei di non usare parole "pesanti", parlare cioè di reati, perché il datore di lavoro potrebbe sempre dire che c'era il tuo accordo, magari con il "silenzio assenso", visto che non hai mai contestato le buste paga, che se non hai ricevuto sempre puntualmente è ovviamente anche colpa tua che non le hai pretese.-

      Elimina
  22. Buonasera Dott. Censori. Sono un ex dipendente del Ministero del Lavoro transitato nel 1991, se non ricordo male, alla Provincia. Il 31.12.2015 sono stato collocato a riposo per esubero del personale, quando si paventava la chiusura delle province. Domanda: Quando mi verrà corrisposto il TFS? Posso chiedere l'aumento della pensione a seguito del recente rinnovo del CCNL? Grazie anticipatamente della risposta e saluti da rosario perrone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosario!
      Il blocco del TFR è di 27 mesi (24+3) nei casi di dimissioni volontarie, per licenziamenti e destituzioni. Se si superano i tempi indicati l’INPS deve riconoscere sulle somme gli interessi di mora. Terminata l’attesa scatta un’altra norma di legge che divide in rate annuali la buonuscita quando supera i 50 mila euro lordi.-
      Purtroppo non è previsto un aumento di pensione legato a rinnovi contrattuali successivi alla data di cessazione del rapporto di lavoro.-

      Elimina
    2. Mi scusi Dott. Censori vorrei precisarle ciò che mi è stato risposto da un addetto per via telefonica. Testuale " trattandosi di un caso di esubero di personale, in generale il TFS viene liquidato facendo decorrere i termini (blocco di 12 o 24 mesi) non dal giorno di effettivo collocamento a riposo, ma dal giorno in cui l'iscritto sarebbe stato collocato virtualmente a riposo se non fosse rientrato nella condizione di esubero stesso". essendo io nato il 28.07.1953 dovrei aspettare di compiere i 67 anni e da quella data far decorrere i 24 mesi? cosa ne pensa? Grazie di nuovo e a presto. rosario perrone

      Elimina
    3. Ciao Rosario!
      Non è vero!
      Ti consiglio di rivolgerti a un Patronato per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  23. Buongiorno ho un dubbio che vorrei togliermi...lavoro per un azienda agricola con contratto a tempo determinato di validità di un anno,vengo assunta anno per anno e ogni anno è un punto interrogativo,perché non ho la certezza di essere richiamata..mi hanno erogato il TFR senza averlo richiesto, non ho mai preso il TFR negli anni precedenti..cosa significa che non verrò più richiamata o posso ancora sperare?...grazie e scusi il disturbo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La normativa prevede che il TFR deve essere corrisposto al lavoratore alla scadenza di ogni contratto a meno che lo stesso non venga prorogato.-
      Nel tuo caso il rapporto di lavoro è stato interrotto e il TFR doveva comunque essere pagato, a prescindere quindi dal fatto che possa riprendere o meno.-

      Elimina
  24. Salve Gianfranco,lavoro presso una cooperativa sociale part-time 4 ore al giorno dal lunedi al sabato. Ho un invalidità del 46% spesso vado in malattia causa la mia patologia. Mi saprebbe dire quanti giorni di malattia all'anno posso fare? Spesso sento dire 180 giorni nell'anno solare. Cosa si intende per anno solare e tenendo conto il contratto part-time. Sono socio lavoratore.
    In più rientro dopo 5 mesi di assenza malattia dopo visita dal medico del lavoro con " Idoneo con prescrizioni seguire indicazioni specialistiche che il lavoratore ha- l'imitazioni alla MMC con IS 0,85. pesi inferiori a 5 kg. No sovraccarico biomeccanico spalla dx".
    Rientro al lavoro dandomi le stesse mansioni. Come posso appellarmi pur avendo fatto presente i miei problemi di salute? Non vorrei una ricaduta. Grazie anticipatamente della risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Malattia per 180 giorni per anno sociale si intende il periodo che va dal 1° gennaio al 31 dicembre, oppure 180 giorni consecutivi se a cavallo di 2 anni.-
      Per quanto riguarda le mansioni è ovvio che la cooperativa deve attenersi a quelle che sono le indicazioni del medico del lavoro, ti consiglio quindi di rivolgerti a un sindacato per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  25. Dott. Censori buonasera,
    ho lavorato 9 anni nel settore commercio, con diversi contratti part time stipulati con varie società (quattro) ma di fatto con il medesimo datore di lavoro e lavorando per circa 50 ore settimanali. L’ultimo contratto, durato 6 mesi, non è stato rinnovato per cui ho chiesto che mi fosse liquidato il TFR: mi hanno proposto 2.000 € suddivisi in rate mensili previo sottoscrizione di un verbale di conciliazione, aggiungendo che di fatto mi spetterebbe solo il TFR dell’ultimo contratto di sei mesi. Preciso che non ho ancora ricevuto le retribuzioni di aprile e maggio 2018 del precedente contratto, che non mi hanno mai pagato la 13^ mensilità né alcuna indennità di TFR; la mia retribuzione era di 700 € mensili, oltre gli assegni familiari (sono calcolati ai fini del TFR?).
    Mi consiglia di accettare o cosa posso fare?
    La ringrazio e saluto cordialmente.
    Pina

    RispondiElimina
  26. Mi è sfuggito di chiederle se per il periodo di congedo per maternità il TFR spetta o meno.
    Grazie.
    Pina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pina!
      Sono favorevole alla sottoscrizione di un verbale di conciliazione, ma non alle condizioni stabilite dall'azienda, ti consiglio quindi di rivolgerti a un sindacato per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
    2. Egregio dottore, mi sono rivolta ad un avvocato indicatomi dalla CGIL ed a seguito denuncia inviata all'ispettorato del lavoro siamo stati convocati raggiungendo un accordo. Un attimo dopo, però, il mio avvocato mi ha detto che la somma che mi sarà corrisposta comprende la parcella di sua spettanza che, di fatti, nell'accordo non è assolutamente menzionata. Preciso che quando ho sottoscritto il mandato mi ha fatto firmare la dichiarazione di esonero per reddito e non abbiamo mai parlato di parcella. Le chiedo un autorevole parere anche perché, sull’importo che mi ha chiesto, dovrò pagare anche l’IRPEF!!?? E’ Normale?
      La ringrazio e saluto cordialmente.
      Pina

      Elimina
    3. Ciao Pina!
      Purtroppo è normale!
      Infatti quando si interpella un avvocato la prima cosa da chiedere dovrebbe essere quella della sua parcella, per potersi regolare in seguito, perché non puoi pensare che un avvocato lavori gratis per te.-
      Ovviamente anche l'avvocato avrebbe potuto comunicarti in sede di conciliazione quelle che sarebbero state le sue competenze, quindi non mi pare che ci sia stato il massimo della correttezza da parte sua.-
      Ti pregherei comunque di informare la CGIL in modo che in futuro ci pensino meglio prima di indicare un avvocato.-

      Elimina
  27. A seguito dell'introduzione del decreto relativo a "quota 100", il tfr verrà erogato subito. Ciò vale anche per chi va in pensione di anzianità, o si devono aspettare i tempi stabiliti dalle precedenti riforme?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo chi va in pensione di anzianità per il TFR dovrà aspettare i tempi stabiliti dalle precedenti riforme.-

      Elimina
  28. Dott.Censori buonasera
    ho lavorato come infermiera professionale di ruolo a tempo indeterminato per sei anni presso una asl dell'emilia romagna. poi avendo vinto un concorso presso una asl di un altra regione mi sono dovuta licenziare e prendere servizio nella nuova asl sempre di ruolo a tempo indeterminato,non avendo percepito nessun trattamento di fine rapporto per i sei anni lavorati nella prima asl le chiedo se corrisponde al vero che sono sei anni persi nel conteggio della liquidazione tfs.
    la ringrazio e la saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angela!
      Assolutamente NO!
      Alla cessazione del rapporto di lavoro, nei tempi previsti dalla normativa, avrai diritto al TFS maturato complessivamente nelle due ASL.-

      Elimina
  29. Buongiorno, sono una dipendente pubblica che al 30 giugno prossimo
    sarà collocata a riposo con la pensione anticipata (anni 42, 1 mese e 11 giorni di servizio ed 63,5 anni di età). Vorrei sapere cortesemente, quando avrò diritto a percepire il TFS. Grazie Mara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mara!
      Termini pagamento TFS:
      Il blocco è di un anno (cui si aggiungono i 3 mesi per lavorare la pratica; nel complesso 15 mesi per raggiungimento dei limiti di età o dei limiti di servizio, per cessazione del lavoro a tempo determinato o per risoluzioni unilaterali dell’amministrazione (esempio per gli esuberi).-

      Elimina
    2. La ringrazio per la sua cortese disponibilità e per il prezioso lavoro che svolge. Un saluto, Mara

      Elimina
    3. Ciao Mara!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  30. ho lavorato in una copoperativa di trasporti 1 anno e 6 mesi ,sono passati due mesi ma il tfr ancora niente ,so per legge entro due settimane e vero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La normativa prevede che il TFR deve essere corrisposto al lavoratore entro 60 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro.-

      Elimina
  31. Un dipendente pubblico con tfr lordo di 60000 euro e netto di 45000 euro avrà una liquidazione in º 2 trance? Se in 2 trance come si calcolano? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefano!
      Se la buonuscita non supera 50 mila euro lordi il pagamento è completo.
      Tra 50 mila e 100 mila euro lordi il pagamento è diviso due tranches annuali: 50 mila euro "lordi" il primo anno e la rimanenza il secondo.-

      Elimina
  32. Buongiorno vorrei un informazione se possibile.... Ho lavorato e lavoro fino a fine mese in un hotel con una cooperativa ora l hotel ha scelto di non avvalersi più di loro... Ho chiamato la cooperativa per chiedergli la lettera di licenziamento per poi richiedere a mia volta la disoccupazione... La loro risposta è stata di licenziarmi io almeno se poi subentra un altra cooperativa lavorerò x loro.. Ora le chiedo come dv comportarmi? Il T. F. R. Mi è stato pagato in busta paga ho un contratto a tempo indeterminato ho diritto a qualcosa? La ringrazio moltissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di pretendere la lettera di licenziamento, e di rivolgerti eventualmente a un sindacato per farti tutelare ed assistere per il meglio, perché senza il licenziamento non hai diritto all'indennità di disoccupazione.-
      Per quanto riguarda il discorso del subentro è vero il contrario, nel senso che se subentra un'altra cooperativa, può assumerti solo se non sei più in servizio con quella attuale.-

      Elimina
  33. buongiorno dott. censori
    ho destinato da molti anni il mio TFR
    sommato a dei versamenti aggiuntivi sul mio fondo pensione di categoria.
    Tra qualche anno raggiungerò la pensione. La mia scelta è quella di ottenere il rimborso totale della somma maturata. Fino a quale importo maturato posso otttenerla prevista dalla legge?
    quali altre soluzioni ci sarebbero in alternativa.
    Sicuro di un suo riscontro
    Cordiali saluti
    Vincenzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vincenzo!
      Quando hai maturato i requisiti per la pensione pubblica, e hai partecipato per un periodo di almeno cinque anni alla previdenza complementare, puoi trasformare la tua posizione individuale in pensione integrativa (rendita). Hai inoltre la possibilità di richiedere la liquidazione della tua posizione individuale fino a un massimo del 50% sotto forma di capitale.-

      Elimina
  34. Buongiorno avvocato io dal gennaio non ho più ricevuto stipendio. Il mio datore di lavoro non mi risponde al telefono e non lo so neanche se sono mesa in casa integrazione in questo periodo. Come devo procedere?grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luisa!
      Puoi provare a consultare un sindacato anche se in questo periodo di quarantena credo che possa fare poco, o puoi provare a contattare direttamente la sede INPS di zona per avere informazioni puù precise.-

      Elimina
  35. Buonasera avv. Censori,
    vorrei chiederle il suo parere circa i tempi di attesa per la liquidazione del TFR.
    Ho 62 anni, il 1 aprile ho raggiunto i 41 anni di contribuzione e dal 7 aprile 2020 sono in pensione con quota 100.
    Al momento il mio ente non ha saputo darmi indicazioni circa la data ipotetica della liquidazione del TFR.
    Le sarei grata se potesse darmi qualche indicazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi dirmi se eri un dipendente pubblico o privato, perché la normativa di riferimento è diversa.-

      Elimina
    2. Si certo, sono una dipendente pubblica

      Elimina
    3. Tempi di liquidazione del TFS:
      La legge di stabilità del 2014 ha stabilito tempi sempre più lunghi per la liquidazione del TFR (Trattamento di fine rapporto) e del TFS (trattamento di fine servizio) dovuti a statali e dipendenti pubblici. Si deve attendere un periodo da 3 mesi e mezzo a 27 mesi. E se la prestazione supera un certo importo, la somma è frazionata in 2 o 3 rate annuali.-
      - Per i pensionamenti per inabilità o decesso, blocco di 3 mesi e altri 15 giorni per consentire all’INPS di liquidare la domanda, in totale 3 mesi e mezzo.-
      - Il blocco sale a un anno (cui si aggiungono i 3 mesi per lavorare la pratica; nel complesso 15 mesi per raggiungimento dei limiti di età o dei limiti di servizio, per cessazione del lavoro a tempo determinato o per risoluzioni unilaterali dell’amministrazione (esempio per gli esuberi).-
      - Il blocco sale a 27 mesi (24+3) nei casi di dimissioni volontarie, per licenziamenti e destituzioni.-
      Se si superano i tempi indicati l’INPS deve riconoscere sulle somme gli interessi di mora.-
      Terminata l’attesa scatta un’altra norma di legge che divide in rate annuali la buonuscita quando supera i 50 mila euro lordi.-
      - Se la buonuscita non supera 50 mila euro lordi il pagamento è completo.-
      - Tra 50 mila e 100 mila euro lordi il pagamento è diviso due tranches annuali: 50 mila euro il primo anno e la rimanenza il secondo.-
      - Oltre 100 mila euro il pagamento è in tre rate: 50 mila il primo anno, 50 mila il secondo, la rimanenza il terzo.-

      Elimina
    4. Grazie, la normativa si applica anche per chi ha optato per quota 100?

      Elimina
    5. SI!
      La normativa si applica anche a chi ha optato per quota 100.-

      Elimina
    6. La ringrazio molto per la sua cortesia e completezza della risposta.

      Elimina
  36. Buongiorno Dott. Censori, avrei bisogno di delucidazioni in merito a quanto vado ad esporle:

    Mia sorella ha iniziato a lavorare a tempo determinato presso il Ministero della Giustizia dal 1973 al 28/2/1979. Dall' 1/3/1979 è passata a tempo indeterminato fino al giorno 25/9/2019 (giorno in cui è deceduta). A noi 3 fratelli unici beneficiari rimasti il Ministero della Giustizia di Napoli ci ha fatto compilare tutti i documenti previsti ai fini della liquidazione. A Febbraio 2020 essendo io il più grande dei fratelli il Ministero della Giustizia mi ha inviato tutti i documenti relativi alla liquidazione.

    Nel documento ai fini dei periodi valutabili sono riportate le date del periodo a tempo indeterminato dal' 1/3/1979 al 25/9/2019 (giorno del decesso) 40 anni 6 mesi e 24 gg. Vorrei se possibile un chiarimento o delucidazioni in merito al motivo per cui i 5 anni di lavoro a tempo determinato non sono stati riportati. Perchè in questo caso se non sbaglio sarebbero 46 anni di lavoro. Le chiedo cortesemente delucidazioni in merito, in quanto non so come funziona il TFS/TFR per i dipendenti pubblici riguardo gli anni lavorati a tempo determinato nello stesso ente.

    Ringraziandola anticipatamente attendo cortesemente una sua risposta in merito.

    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lino!
      I contratti a tempo determinato prevedono che il TFS/TFR maturato venga liquidato alla scadenza, quindi presumo che tua sorella lo abbia percepito a suo tempo.-

      Elimina
    2. Buongiorno Dott. Censori, grazie mille per la risposta.

      Elimina
    3. Ciao Lino!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  37. Buonasera volevo un informazione. Mio padre ha lavorato nella scuola fino al 1 ottobre 2019 successivamente ha avuto problemi di salute e attualmente è in uno stato vegetativo. Abbiamo fatto domanda d inabilità che ci è stata concessa. Volevo sapere se il tfr gli spetta soltanto per i 36 anni di contributi oppure per i 42 anni riconosciuti dall inabilità.. Aspetto una vostra risposta grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Assunta!
      Il TFR gli spetta solo per i 36 anni di contributi.-

      Elimina
  38. Buona sera signor censori volevo sapere un informazione il mio ex marito che lavora in regola ha rifiutato gli A.N.F. per poter fare io autorizzazione e percepirli io dato che siamo separati ho fatto tutto sia autorizzazione e sia domanda di anf. E mi e stata accolta giusto lunedì ora siccome il caf nn ha fornito il mio iban dove verranno versati ? E se posso fare io variazione sul sito grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi fare anche tu la variazione, ma ti consiglio di rivolgerti al CAF che ti ha presentato la domanda, perché se entri tu direttamente nel sito dell'INPS escludi automaticamente il CAF.-

      Elimina
    2. mi sono rivolta a loro ma dicono che nel momento della domanda nn cera la voce iban cosa a quanto strana ..ma se vorrei fare io la variazione come devo fare ? dato che il caf nn mi e stato molto di aiuto su questo piano...

      Elimina
    3. Se disponi del PIN dispositivo devi collegarti al sito dell'INPS - sostegno al reddito- assegni per il nucleo familiare - variazione della domanda.-

      Elimina
    4. Ho pin inps e spid volendo ma nn riesco a trovare queste voci...nn so come fare !!

      Elimina
    5. Purtroppo se non riesci da sola e non vuoi ritornare al CAF devi rivolgerti direttamente all'INPS o tramite il numero verde o presentandoti alla sede di zona.-

      Elimina
  39. Buongiorno Avv. Censori,
    ho la necessità di chiedere un anticipo del TFR alla mia azienda sono un dipendente privato da tanti anni più di 10. Volevo sapere s'è è possibile richiederlo per motivi di famiglia pero' riguardano i miei genitori che non sono nel mio nucleo di familia ? Grazie gentilissimo una buona domnenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Come espressamente disposto dall'art. 2120 c.c., la richiesta deve essere giustificata dalla necessità di far fronte:
      - a spese sanitarie per terapie o interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche. Il carattere di straordinarietà che giustifica la concessione dell'anticipazione va inteso nel senso di particolare complessità o pericolosità delle terapie e degli interventi (Pret. Firenze 30.3.1983) ovvero di rilevanza importanza medico-economica (Cass. n. 3046/1990);
      - all'acquisto della prima casa di abitazione per sé o per i figli, documentato con atto notarile. Il diritto sussiste anche nel caso in cui l'acquisto venga effettuato dal coniuge in comunione dei beni (Cass. n. 10371/1994);

      Elimina
  40. Buon giorno advocate. Sono 9 anni sto lavorando in azenda agricoltura con Contractor determination per 12 messing ogni anno rinova mai prendo tfr posso chiedere ultmi 8 anni di tfr .come faccio moo datore do lavoro no paga me .per favore rispondi mi.grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'anticipazione del TFR:
      L'art. 2120, comma 6 e ss., c.c. prevede che il lavoratore, con almeno otto anni di servizio presso lo stesso datore di lavoro, possa chiedere, in costanza di rapporto, un'anticipazione del TFR non superiore al 70% sul trattamento cui avrebbe diritto nel caso di cessazione del rapporto alla data della richiesta.
      Come espressamente disposto dall'art. 2120 c.c., la richiesta deve essere giustificata dalla necessità di far fronte:
      - a spese sanitarie per terapie o interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche. Il carattere di straordinarietà che giustifica la concessione dell'anticipazione va inteso nel senso di particolare complessità o pericolosità delle terapie e degli interventi (Pret. Firenze 30.3.1983) ovvero di rilevanza importanza medico-economica (Cass. n. 3046/1990);
      - all'acquisto della prima casa di abitazione per sé o per i figli, documentato con atto notarile. Il diritto sussiste anche nel caso in cui l'acquisto venga effettuato dal coniuge in comunione dei beni (Cass. n. 10371/1994);

      Elimina
  41. Buongiorno chiedo l'informazione che riguarda il tfr. Lavoro in sanità sono oss con cooperativa .. ha perso l'appalto e fra pocco subentra un altra coop sono indeterminato full time ,contratto ccnl c2.. la mia domanda e vi chiedo come devo fare con il tfr sono 8 anni? La coop nuova ci prende con la stessa tipologia di contratto..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'art. 2120, comma 6 e ss., c.c. prevede che il lavoratore, con almeno otto anni di servizio presso lo stesso datore di lavoro, possa chiedere, in costanza di rapporto, un'anticipazione del TFR non superiore al 70% sul trattamento cui avrebbe diritto nel caso di cessazione del rapporto alla data della richiesta.
      Come espressamente disposto dall'art. 2120 c.c., la richiesta deve essere giustificata dalla necessità di far fronte:
      - a spese sanitarie per terapie o interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche. Il carattere di straordinarietà che giustifica la concessione dell'anticipazione va inteso nel senso di particolare complessità o pericolosità delle terapie e degli interventi (Pret. Firenze 30.3.1983) ovvero di rilevanza importanza medico-economica (Cass. n. 3046/1990);
      - all'acquisto della prima casa di abitazione per sé o per i figli, documentato con atto notarile. Il diritto sussiste anche nel caso in cui l'acquisto venga effettuato dal coniuge in comunione dei beni (Cass. n. 10371/1994);

      Elimina
  42. Salve scrivo in merito al mio Tfr.
    Circa 3 settimane fa ho aderito ad una pensione complementare senza leggere il contratto (non linciatemi), circa una settimana dopo mi sono pentito di questa scelta ed ho mandato raccomandata per recedere dal contratto. Ora mi chiedo una volta chiusa la faccenda della pensione complementare il mio Tfr che fine fa? Torna tutto come prima? In più oggi vedendo la mia prima busta paga ho notato che tra le Competenze c'è scritto "Maggior.si Tfr 25%", come mai ho avuto questi soldi? Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'adesione ad una forma pensionistica complementare comporta tendenzialmente la permanenza all'interno del sistema fino al momento del pensionamento ovvero fino al verificarsi di un evento (inoccupazione, invalidità, mobilità, cassa integrazioni guadagni) che consente (alle condizioni e nei limiti stabiliti dalla legge) il riscatto della posizione prima della quiescenza.
      Ciò significa in altre parole che successivamente all'adesione, se è possibile dopo almeno due anni di permanenza cambiare il mezzo (cioè la forma pensionistica complementare alla quale si aderisce) utilizzato per la realizzazione del fine (la costruzione della pensione complementare) non è possibile rinunciare al fine medesimo.-

      Elimina
  43. Gianfranco buongiorno
    Mi è arrivata una cartella esattoriale della agenzia delle entrate, la quale chiede a mio marito un rimborso di oltre 500 euro del Tfr(percepito nel 2016)entro un mese. Le ho evidenziato il paragrafo che mi lascia basita, in quanto gia il Tfr è già stato tassato🤔Le scrivo quindi quanto riportato sull lettera :

    Gentile signore, dai dati a nostra disposizione lei ha ricevuto, nel corso del 2016,somme a titolo tfr, indennità equipollenti o altro. Queste tipologie di reddito sono soggette a trattamento indennità separata.Il tfr, viene tassato determinando l'aliquota media dei 5 anni precedenti a quello di cessazione rapporto di lavoro. DA UN PUNTO DI VISTA PRATICO, AL MOMENTO DELL EROGAZIONE, IL REDDITO È SOGGETTO AD UNA PRIMA TASSAZIONE PROVVISORIA EFFETTUATA DAL DATORE DI LAVORO, CUI SEGUE IL CONTEGGIO CONCLUSIVO DA PARTE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE.
    Le chiedo, ma questi soldi perché dobbiamo darli visto che già mio marito ha dato, a suo tempo ? È corretto quanto ricevuto?Quando nel 2016 ho portato al caf, il tfr ricevuto da mio marito, questo non mi fu detto:ma è possibile che ci sono dei cavilli da parte della agenzia che noi poveri lavoratori non sappiamo? Ma cercano sempre soldi, pure dal tfr, guardi sono molto arrabbiata! 😠😠Può essere un errore della agenzia delle entrate? In fin dei conti sbagliano pure loro. Attendo suo gentile riscontro. Grazie Patrizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono dimenticata di scrivere che mi hanno allegato tutti i vari conteggi, ma io, essendo ignorante in materia devo solo che"fidarmi"di quanto scritto e poi, in fondo alla lettera trovo scritto
      COMUNICAZIONE ELABORATA IL 16/6/2020,e sinceramente non capisco cosa significa :1 anno per arrivare? Mah.... Sempre più incavolata🤔😒grazie Gianfranco, spero mi dia buone notizie in merito alla comunicazione 🤐

      Elimina
    2. Ciao Patrizia!
      Purtroppo la richiesta dell'Agenzia delle Entrate è corretta!
      Infatti la normativa prevede che il TFR venga tassato "provvisoriamente" in base ai dati in possesso dell'azienda che lo eroga, ma la tassazione effettiva viene effettuata in base al reddito lordo effettivo dell'anno di riferimento, quindi l'Agenzia delle Entrate successivamente rielabora i dati e provvede per il conguaglio tra quanto versato e quando dovuto all'erario.-

      Elimina
  44. Grazie Gianfranco e come dice sempre lei... Alla prossima!

    RispondiElimina
  45. Gianfranco buonasera. Eventualmente l'importo che devo versare, è possibile che Agenzia delle entrate lo levi dall'importo che mio marito percepirà dal 730?Fare tutto in Agenzia delle entrate, secondo lei è fattibile? Praticando dunque in ufficio il pagamento come le ho detto. Grazie Patrizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patrizia!
      SI!
      Tuo marito può presentare il 730 e compensare i crediti e debiti con la dichiarazione dei redditi.-

      Elimina
    2. Gianfranco buongiorno, logicamente non potrò portarlo il detrazione 730 del prossimo anno, giusto? Grazie

      Elimina
  46. Ciao gianfranco!scusa il disturbo!volevo sapere un informazione mi sono dovuta licenziare in cooperativa perché non avevano le ore farmi lavorare.mi hanno dato come liquidazione solamente 871€ per i 4 anni e 3 mesi che ho lavorato!e prendevo uno stipendio di 400€!é possibile sapere si calcola il TFR?e se é giusto quello che mi hanno dato?grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per calcolare l’ammontare effettivo del Trattamento di Fine Rapporto, la prima cosa da fare è calcolare l’importo lordo dello stesso.
      A tal fine, è necessario prendere in considerazione la retribuzione lorda annua (calcolata con riferimento al periodo 1 gennaio / 31 dicembre) e dividerla per 13,5. Al risultato va detratto lo 0,50% della retribuzione soggetta a contribuzione Inps, a titolo di contributo per il FAP – Fondo Adeguamento Pensione.
      In tal modo si ottiene il TFR lordo annuo, che, sommato al TFR accantonato negli anni precedenti e soggetto a rivalutazione al 31 dicembre, dà come risultato il TFR lordo complessivo.-

      Elimina