lunedì 28 settembre 2020

Badanti e Colf CCNL - valido fino al 30 set 2020

Il vecchio contratto colf e badanti scaduto dal 2016 è stato rinnovato con decorrenza dal 1° ottobre 2020. Non più “baby sitter”, “colf” o “badanti”, d'ora in avanti si parlerà di “assistenti familiari”.

Classificazione di Badanti e Colf

Livello A
Collaboratori familiari generici, non addetti all'assistenza di persone, con esperienza professionale (maturata anche presso datori di lavoro diversi) non superiore a 12 mesi.
Livello A Super
Addetto alla compagnia, baby sitter (mansioni occasionali e/o saltuarie).
Livello B
Collaboratori familiari che, in possesso della necessaria esperienza svolgono con specifica competenza le proprie mansioni, ancorchè a livello esecutivo.
Livello B Super
Assistente a persone autosufficienti
Livello C
Collaboratori familiari che, in possesso di specifiche conoscenze di base, sia teoriche che tecniche, relative allo svolgimento dei compiti assegnati, operano con totale autonomia e responsabilità.
Livello C Super
Assistente a persone non autosufficienti (non formato).
Livello D
Collaboratori familiari che, in possesso dei necessari requisiti professionali, ricoprono specifiche posizioni di lavoro caratterizzato da responsabilità, autonomia decisionale e/o coordinamento.
Livello D Super
Assistente a persone non autosufficienti (formato). Svolge mansioni di assistenza a persone non autosufficienti, ivi comprese, se richieste, le attività connesse alle esigenze del vitto e della pulizia della casa ove vivono gli assistiti.

Orario di lavoro
Nel lavoro a tempo pieno l'attuale durata normale dell'orario di lavoro è concordata tra le parti e comunque con un massimo di:
10 ore giornaliere non consecutive, per un totale di 54 ore settimanali per i lavoratori conviventi.-
8 ore giornaliere non consecutive, per un totale di 44 ore settimanali per i lavoratori non conviventi.-
Il lavoratore ha diritto ad un riposo di almeno 8 ore consecutive nella giornata e ad un ulteriore riposo intermedio di almeno 2 ore da fruirsi nelle ore pomeridiane.-


Riposo settimanale

Il riposo settimanale è di 36 ore e deve essere goduto per:
  • 24 ore di domenica (o altra giornata stabilita nel contratto di assunzione). Questo riposo è irrinunciabile. In caso di richiesta di prestazione lavorative per esigenze imprevedibili le ore vanno retribuite con la maggiorazione del 60% sia per i lavoratori non conviventi che per i lavoratori conviventi.-
  • 12 ore in qualsiasi altro giorno della settimana. Qualora fossero richieste prestazioni lavorative nel giorno fissato, il riposo può essere goduto in altro giorno della settimana (in assenza di recupero le ore lavorate vanno retribuite con la maggiorazione del 40% sia per i lavoratori non conviventi che per i lavoratori conviventi).- 

Lavoro straordinario

Personale non convivente:
E' compensato con una maggiorazione del:
  • 10% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno compreso tra le 40 e le 44 ore settimanali.- 
  • 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).- 
  • 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).- 
  • 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo o in giorno festivo infrasettimanale.- 

Personale convivente:
E' compensato con una maggiorazione del:
  • 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).- 
  • 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).- 
  • 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo stabilito e nelle festività infrasettimanali.- 
  • 40% per le ore di lavoro prestate nella mezza giornata di riposo (mancato riposo).- 

Scatti di anzianità

Per ogni biennio di servizio presso lo stesso datore di lavoro spetta al lavoratore un aumento pari al 4% sulla retribuzione minima contrattuale, per un massimo di 7 scatti.-

Festività

1° gennaio - 6 gennaio – lunedì di Pasqua – 25 aprile – 1° maggio – 2 giugno – 15 agosto – 1° novembre – 8 dicembre – 25 dicembre – 26 dicembre – S. Patrono. In queste giornate il lavoratore ha diritto al completo riposo e alla retribuzione normale. Se una delle festività sopra elencate coincide con la domenica o nel giorno di riposo stabilito, il lavoratore ha diritto al recupero del riposo in altra giornata o, in alternativa, al pagamento di 1/26 della retribuzione. Se invece è lavorata è dovuto, oltre alla normale retribuzione giornaliera il pagamento delle ore lavorate maggiorate del 60%.


Ferie

Indipendentemente dalla durata dell'orario di lavoro, per ogni anno di servizio il lavoratore ha diritto a 26 giorni lavorativi di ferie se la distribuzione dell'orario di lavoro settimanale è su 6 giorni (occorre proporzionare se i giorni lavorativi sono inferiori a sei). La retribuzione dei giorni di ferie è maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto se dovuto. Le ferie non possono essere monetizzate (salvo i giorni non goduti che residuano alla cessazione del rapporto di lavoro).-

Malattia

L'art. 26 del C.C.N.L. inerente la retribuzione della malattia delle colf e/o badanti.Come primo dovere, il datore di lavoro, una volta ricevuto il certificato medico entro 2 giorni dall'inizio della malattia fatto emettere dal lavoratore entro il giorno successivo al verificarsi dell'evento, avrà l'obbligo di mantenere il posto di lavoro per un periodo di tempo variabile in base all'anzianità di servizio della colf e /o badante, sia questa convivente che non convivente. Il periodo di conservazione del posto di lavoro è pari a:
  • 10 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica (sia convivente che non convivente) con anzianità inferiore a 6 mesi;
  • 45 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica con anzianità di servizio compreso tra i 6 mesi ed i 2 anni;
  • 180 giorni di calendario (incluse le domeniche) se l'anzianità di servizio della colf è superiore a 2 anni.

Oltre l'obbligo di mantenimento del posto di lavoro, il datore di lavoro è poi obbligato a remunerare la malattia garantendo un salario coincidente al 50% della retribuzione globale di fatto per i primi 3 giorni di calendario e pari al 100% della retribuzione globale di fatto per un numero di giorni pari a:
  • 8 giorni complessivi nell'anno per anzianità di servizio inferiore a 6 mesi;
  • 10 giorni complessivi di calendario nell'anno per anzianità di servizio compresa tra 6 mesi e 2 anni;
  • 15 giorni complessivi di calendario nell'anno per contratti di lavoro con anzianità di servizio superiore a 2 anni.


Tredicesima mensilità

Al lavoratore spetta una mensilità aggiuntiva, pari alla retribuzione maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto. Per colf e badanti conviventi la tredicesima mensilità è pari allo stipendio mensile + vitto e alloggio e per il 2012 è pari a 132,60 euro (5,19 al giorno x 26 giorni).-


TFR (Trattamento di fine rapporto)

Deve essere liquidato al termine del rapporto di lavoro e indicativamente corrisponde ad una mensilità per ogni anno di servizio prestato.-
Una volta stabilità qual è l'anzianità maturata dalla lavoratrice, si passa al calcolo vero e proprio.
  1. Il primo passo consiste nel determinare la somma pagata nel corso dei singoli anni, comprensiva della tredicesima e delle indennità di vitto e alloggio per le colf conviventi o che consumano in casa uno o più pasti. 
  2. L'importo della retribuzione annuale, diviso per 13,5, rappresenta la quota annuale da accantonare per il trattamento di fine rapporto. 
  3. Le singole quote annuali vanno rivalutate con degli appositi coefficienti dati dalla somma di due indici di cui:
    • il primo è pari al 75% dell'aumento del costo della vita accertato dall'Istat per gli operai e gli impiegati;
    • il secondo è dato da una percentuale fissa pari all'1,50% all'anno (0,125% al mese).

Preavviso per Licenziamento o Dimissioni

Il rapporto di lavoro domestico può cessare per libera volontà del lavoratore e del datore di lavoro.

Non c'è necessità di motivare l'interruzione del rapporto di lavoro, ma deve essere concesso un termine di preavviso, che varia a seconda che il rapporto di lavoro sia superiore od inferiore a 24 ore settimanali, ed all'anzianità di servizio presso il datore di lavoro. Le parti possono regolare tra di loro questi termini, che però non possono comunque essere inferiori a quelli stabiliti per legge.
In caso di licenziamento, se il lavoratore è impegnato per oltre 24 ore settimanali e ha maturato fino a cinque anni di anzianità presso lo stesso datore di lavoro, il termine di preavviso deve essere almeno di 15 giorni di calendario. Il termine deve essere di almeno 30 giorni se gli anni di anzianità sono oltre i cinque.

Se invece il rapporto di lavoro è fino a 24 ore settimanali il preavviso dovrà essere pari ad 8 giorni di calendario, fino a due anni di anzianità e 15 giorni di calendario, oltre i due anni di anzianità.
Nel caso di dimissioni da parte del lavoratore i termini sono ridotti del 50%.


Presenza Notturna

I lavoratori assunti per garantire esclusivamente la presenza notturna (e non l’assistenza o cura) rappresentano una categoria a sé.
Le prestazioni di presenza notturna sono quelle effettuate in una fascia oraria notturna interamente ricompresa tra le ore 21.00 e le ore 8.00 e prevedono che il datore di lavoro metta a disposizione del lavoratore un alloggio idoneo per il completo riposo notturno.
Questo tipo di prestazioni vengono inquadrate in una categoria specifica di lavoro domestico, la "presenza notturna", che ha un parametro retributivo specifico (Tabella E, Presenza notturna).
Nel contratto di lavoro dovranno essere indicata la categoria di prestazioni ("prestazioni notturne") e l'ora d'inizio e quella di cessazione dell'assistenza.
Qualora venissero richieste al lavoratore prestazioni diverse dalla mera presenza, queste non saranno considerate lavoro straordinario, bensì retribuite aggiuntivamente sulla base delle retribuzioni previste per i lavoratori non conviventi, come da Tabella C, con le eventuali maggiorazioni contrattuali e limitatamente al tempo effettivamente impiegato.


Assistenza Notturna

È possibile assumere personale non infermieristico perché resti a disposizione durante la notte e presti assistenza in caso di bisogno.
Questo tipo di personale viene inquadrato in una categoria specifica di lavoro domestico, "assistenza notturna", che prevede come mansioni “discontinue prestazioni notturne di cura alla persona”.
La categoria di assistenza notturna viene retribuita secondo dei parametri specifici.
Per essere inquadrata come “discontinue prestazioni notturne di cura alla persona”, l’assistenza prestata deve avere carattere di discontinuità: prevede infatti attesa, ma non sempre assistenza. Il lavoratore si obbliga perciò a garantire al datore di lavoro la propria disponibilità allo svolgimento di prestazioni di assistenza in modo discontinuo o intermittente e in un arco di tempo predefinito: la fascia oraria notturna.
Diverso è invece il caso di prestazioni esclusivamente di attesa - e non di cura, nemmeno discontinua. In questo caso, la prestazione viene inquadrata in una categoria diversa, appunto di "presenza notturna".
Si qualifica come "assistenza notturna" il lavoro prestato in una fascia oraria notturna interamente ricompresa tra le ore 20.00 e le ore 8.00.
Il datore di lavoro dovrà a tal fine provvedere all'assistente un’idonea sistemazione per la notte, qualora non fosse convivente, oltre alla cena e alla colazione.
Al personale convivente dovranno essere in ogni caso garantite undici ore di riposo consecutivo ogni ventiquattro ore.
Nel contratto di lavoro dovranno essere indicate l’ora d’inizio e quella di cessazione dell’assistenza e il suo carattere di prestazione discontinua.
Le “discontinue prestazioni notturne di cura alla persona” hanno dei parametri specifici di remunerazione. Fanno infatti riferimento alla TABELLA D dei minimi retributivi previsti per legge.
In particolare, nel caso in cui l’assistenza notturna riguardi soggetti autosufficienti (bambini, anziani, portatori di handicap o ammalati), la badante verrà inquadrata nel livello B super.
Nel caso in cui l’assistenza TABELLA riguardi soggetti non autosufficienti, la badante verrà inquadrata nel livello C super (se non formata) o D Super (se formata).
Massimo 10 ore non consecutive al giorno se convivente fino a 54 ore settimanali.-
Massimo 8 ore non consecutive al giorno se non convivente fino a 40 ore settimanali.-


Assegno per il Nucleo Familiare:

I lavoratori domestici hanno diritto alla corresponsione dell’ assegno per il nucleo familiare, ma a differenza dei lavoratori subordinati il pagamento non avviene da parte del datore di lavoro, bensì direttamente dall'INPS. La richiesta va quindi effettuata direttamente all'INPS via internet, tramite accesso alla propria area riservata sul portale www.inps.it o tramite patronato.
L’assegno per il nucleo familiare è pagato direttamente dall'INPS con due rate semestrali posticipate secondo la modalità scelta dall'interessato nel modello di domanda (bonifico presso l’Ufficio Postale, accredito sul conto corrente bancario o postale).
La misura dell’assegno varia oltre che in base al reddito lordo complessivo e al numero dei componenti il nucleo familiare anche in base alle ore di lavoro:
Ai lavoratori domestici spettano tanti assegni giornalieri quanti ne risultano dal quoziente che si ottiene dividendo per quattro il numero delle ore di lavoro risultanti dalla contribuzione complessivamente versata o dovuta nel trimestre, da uno o più datori di lavoro, e per un massimo di sei assegni giornalieri per ogni settimana.-



MINIMI SALARIALI ANNO 2020:

Livello A Conviventi paga mensile euro 636,71 - Non conviventi paga oraria euro 4,62
Livello AS Conviventi paga mensile euro 752,48 - Non conviventi paga oraria euro 5,45
Livello B Conviventi paga mensile euro 810,36 - Non conviventi paga oraria euro 5,78
Livello BS Conviventi paga mensile euro 868,24 - Non conviventi paga oraria euro 6,13
Livello C Conviventi paga mensile euro 926,14 - Non conviventi paga oraria euro 6,48
Livello CS Conviventi paga mensile euro 984,01 - Non conviventi paga oraria euro 6,83
Livello D Conviventi paga mensile euro 1.157,65.- Non conviventi paga oraria euro 7,88
Livello DS Conviventi paga mensile euro 1.215,53 - Non conviventi paga oraria euro 8,22
Livello D Conviventi e Livello DS Conviventi + indennità euro 171,18.-
Conviventi fino a 30 ore settimanali:
Livello B = euro 578,83 – Livello BS = euro 607,78 – Livello C = euro 671,43.-
Presenza notturna livello unico euro 668,54.-
Assistenza notturna
Livello BS Assistenza a persone autosufficienti euro 998,47.-
Livello CS Assistenza a persone non autosufficienti (non formato) euro 1.131,60.-
Livello DS Assistenza a persone non autosufficienti (formato) euro 1.397,89.-
Vitto e alloggio valore giornaliero valore mensile
Pranzo e prima colazione euro 1,96 x 26 euro 50,96.-
Cena euro 1,96 x 26 euro 50,96.-
Alloggio euro 1,69 x 26 euro 43,94.-
Totale euro 5,61 x 26 euro 145,86.-


CONTRIBUTI ORARI DEL 2020

Rapporti di lavoro a tempo indeterminato:
a) Orario fino a 24 ore settimanali
Retribuzione oraria effettiva fino a 8,10 con CUAF Contributo orario euro 1,43 (0,36)
senza CUAF Contributo orario euro 1,44 0,36)
Retribuzione oraria effettiva da 8,11 a 9,86 con CUAF Contributo orario euro 1,62 (0,41)
senza CUAF Contributo orario euro 1,63 (0,41)
Retribuzione oraria effettiva oltre 9,87 con CUAF Contributo orario euro 1,97 (0,49)
senza CUAF Contributo orario euro 1,98 (0,49)


b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,04 (0,26)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,05 (0,26)
*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari


Rapporti di lavoro a tempo determinato:

a) Orario fino a 24 ore settimanali
Retribuzione oraria effettiva fino a 8,10 con CUAF Contributo orario euro 1,53 (0,36)
senza CUAF Contributo orario euro 1,54 (0,36)
Retribuzione oraria effettiva da 8,11 a 9,86 con CUAF Contributo orario euro 1,73 (0,41)
senza CUAF Contributo orario euro 1,74 (0,41)
Retribuzione oraria effettiva oltre 9,87 con CUAF Contributo orario euro 2,11 (0,49)
senza CUAF Contributo orario euro 2,12 (0,49)
b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,12 (0,26)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,12 (0,26)
*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari
Scadenze:
Dal 1° al 10 aprile = primo trimestre
Dal 1° al 10 luglio = secondo trimestre
Dal 1° al 10 ottobre = terzo trimestre

Dal 1° al 12 gennaio = quarto trimestre




Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

175 commenti:

  1. Buongiorno Avvocato, sono badante convivente con 40 ora assigurata BS, io una domanda da fare, io la 13 ma la prendo ogni mese a rate con la stipendio, per 11 mese di anno lo avuto e invece per dicembre ho ricevuto il foglio con saldo zero, ma sarà vero perché la legge è così grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importo della tredicesima è pari a una mensilità aggiuntiva, quindi se viene anticipata mensilmente l'importo spettante per un anno deve essere diviso per dodici.-
      Nel tuo caso pertanto o sei stata assunta a febbraio e quindi non ti spetta una mensilità intera, o ti è stato dato di più in 11 mesi, o c'è stato un errore.-

      Elimina
    2. Buongiorno Avvocato la ringrazio per la risposta, ma oggi mi arrivata la busta paga di di dicembre era anche la rata di 13ma avevano sbagliato, di nuovo grazie mille e sempre gentile,tantissimi auguri di buon natale a lei e sua famiglia.

      Elimina
    3. Perfetto!
      Tanti auguri anche a te!

      Elimina
  2. Una domanda avvocato:ma se non ci sono "BADANTE" nel nuovo contratto(che in fatti è una assurdità,perchè non ci sono "BADANTE" dal lontano marte 2007-contratto nazionale per lavoro domestico) allora perchè LEI(ed i sindacati),continuate nominare "BADANTE" questo tipo di lavoratori ???????????????????????????????????????? Lei .al inizio scrive(come ci sara' una novita',vecche di 13 anni) che non ci sono più "BADANTE",ma dopo Lei,nelle risposte continua usare questa parola????? Come mai c'è un contratto con un titolo che non si ritrova nel contratto? Nel contratto chè mansioni ha e chi è questa"BADANTE"???? Nessuna mansione perchè NON C'E'.E,un altra cosa.Lo sa che nel lavoro di convivenza IL GIORNO IN ITALIA HA 23 ORE???!!!!Il concetto di "convivenza" non è definito per lege,situazie che ha creato IL SINDROME ITALIA(unico nel mondo,nel trezo milenio,in un paese G8.Ma non sono solo queste"le stranezze" che infrangono le leggiin questo contratto.Pieno questo contratto di"nobody's land.Dopo che hai pagato,studiato per una diploma di personale sanitario(qualunque sarebbe questa) Lei,i sindacati mi chiamano"BADANTE"??? Significa che dovrei mandare in tribunale per truffa cintrattuale la struttura che mi ha chiesto un pagamente di studi per una professione non per una occupazione???Perchè personale sanitario è una,"badante o anche"assistente familiare"(formato...che significa?).Avvocato,nella sua professione si lavora con le parole e la legge.Inizia LEI(da qualche parte si deve iniziare) di non usare questa brutta parola.na buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi è e cosa fa una badante?
      La badante si occupa in particolare della cura della persona e a seconda del livello di autosufficienza, le sue mansioni possono variare. Rientrano in questa categoria lavoratrici che svolgono attività di compagnia, cura dell’igiene personale, supporto per la vestizione, assunzione di medicinali, eventuali commissioni, oltre a cucinare e fare la spesa.
      Possiamo dire che, se nel caso della colf è la casa ad essere al centro del lavoro, per la badante è invece l’assistenza alla persona. Tuttavia, questo non esclude che la badante possa prendersi cura anche della casa, come infatti molto spesso accade.
      Soprattutto nel caso di assistenza a persone non autosufficienti, che necessitano di sorveglianza continua, o che siano incapaci di svolgere almeno una di queste attività: assumere alimenti, espletare le funzioni fisiologiche e dell’igiene personale, deambulare o vestirsi.-
      Con il nuovo contratto non si parla più di colf e badanti ma di assistenti familiari; però il termine badante non mi sembra comunque offensivo.-

      Elimina
  3. Salve Av scrivo per conto di una mia amica,lei fa la badante convivente 54 CS però nella busta paga ce la trattenute vitto aloggio 145 euro ,come mai? Tutti mese 209 euro gli ferma con la sua parte di contributi, Sara uno scoglio? Per trattenute di vitto aloggio.? Grazie Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      Livello CS Conviventi paga mensile euro 984,01 con vitto e alloggio compresi, quindi la trattenuta di 145 euro ha senso se si tratta solo di una partita di giro, nel senso che la retribuzione è di 984 + 145 euro.-

      Elimina
  4. Ciao Avocatto.Lavoro come badante 54 ore setimanale livello CS dalle 14.12.2020 la seniora anno purtato in ospedale con isuficienze renale Oggi 28.12.2020 lei e mancata.Volevoi sapere in cuesto tempo da cuando e stata in ospedale come sono pagata? E dopo la mancanza come si procede.In cuesti 15 gioni io o fatto la pulizzie in casa di suo fillio ,o stirato per loro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se in questi giorni hai lavorato in casa e continui a lavorare, devi essere pagata regolarmente fino alla fine del preavviso.-

      Elimina
  5. Ciao!Sono Maria.Lavoro 24/24 con livello CS 54 ore setimanale con una seniora . Sono notte cuando lei no dorme mi chiama , o urla io no poso riposare. Volevo chederi ci io lavoro 10 ore di giorno come contracto e di notte no dormo ma devo assistere la seniora loro devono pagarmi cuesti ore Sono notte che dalle 12 di notte fino alle 05 di mattina lei no dormi Grazie mile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      Se la notte non puoi riposare, il datore di lavoro o deve pagarti come straordinari le ore della notte in cui vieni svegliata o deve assumere un'altra badante per l'assistenza notturna.-

      Elimina
  6. Buonasera, vorrei sapere quanto devo retribuire la badante con contratto CS54 per la notte in più che le ho chiesto di trascorrere a casa di mia mamma che assiste (invece che andare a casa la sera del 24 è andata via la mattina del 25/12). grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la badante ha semplicemente dormito in casa una notte in più, per contratto non ha diritto ad alcuna maggiorazione, puoi quindi semplicemente darle un premio che ritieni equo per la sua disponibilità.-

      Elimina
    2. Grazie mille per la rapida e cortese risposta.

      Elimina
  7. Buonasera ho un contratto CS 40 ore settimanali, il mio compito dovrebbe essere quello di badare al disabile invece la famiglia tutti i giorni mi fa fare le pulizie di tutta la casa invece di badare al disabile trattandosi di un bambino. Volevo sapere se possono farmi fare tutto ciò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Nell'ambito dell'orario di lavoro contrattuale tu devi svolgere tutte le mansioni che ti vengono assegnate dal datore di lavoro.-

      Elimina
    2. Salve avocato lavoro 40 ore ha setimana da lunedi fino sabato non convivente ,x una persona non autosuficiente ,che tipo di contratto sara giust?grazie x la risposta.

      Elimina
    3. Livello CS:
      Conviventi paga mensile euro 984,01 - Non conviventi paga oraria euro 6,83.-

      Elimina
  8. Buona sera avvocato senta io da 2 mesi ho trovato un lavoro come badante con una assunzione di 32 ore settimanale, con 2 notti,ma queste 2 notte me li fanno fare di 24 ore e mi riconoscono solo 10 e corretto,mi tolga questo dubbio grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente non è corretto!
      Con un contratto di 32 ore settimanali tu devi lavorare in totale solo 32 ore settimanali, quindi le eventuali ore lavorate in più devono esserti pagate come straordinari.-

      Elimina
  9. Buonasera avvocato,io lavoro come badante con contratto 44 ore settimanali convivente è vorrei io e datore di lavoro a mettere su bustapaga mensilmente tfr e tredicesima, secondo la legge attuale si può, contratto è stato fatto da un Caf, grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mariana!
      SI!
      Se c'è l'accordo tra le parti si può aggiungere mensilmente in busta paga la quota maturata di 13/ma e TFR.-

      Elimina
    2. Buonasera. Appena ho cominciato un lavoro come badante convivente 30 h settimanali. Vorrei sapere quante ore libere al giorno ci sono. Se ho più libero devo stare per forza in casa con assistita. Poi quale è stipendio netto di 30 ore a questo inquadramento CS super convivente? Grazie.

      Elimina
    3. Livello CS Conviventi paga mensile euro 984,01.-
      Con un contratto da 30 ore tu sei impegnata solo per le 30 ore previste dal contratto, quindi per il resto sei libera e non sei obbligata a rimanere per forza in casa con l'assistita.-

      Elimina
  10. Buon giorno avvocato, mio padre ha una badante convivente in regola con contratto CS. Trattata benissimo, sia x salario che come persona, ma sta sorgendo un problema. Vorrei sapere se i pomeriggi e le notti prima delle festività sono considerate festività. Cioè il 24/12, il 31/12 e il 5/01, devo darle, x contratto, la notte libera?
    Tutto ciò mi serve x fare chiarezza, xché lei dice che le spettano, io gliele sto dando lo stesso facendo salti mortali, ma vorrei sapere se veramente è così come dice lei. Grazie infinite x la sua risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il contratto prevede che la badante non può essere obbligata a dormire in casa le notti prima delle festività, il tutto dipende quindi dalla sua disponibilità, mentre non prevede nulla per i pomeriggi.-

      Elimina
  11. Buonasera. Vorrei sapere se un contratto che applica il ccnl del maggio 2013 viene sostituito automaticamente da questo cnnl o se resta in vigore il precedente qualora il contratto sia già attivo. Grazie infinite

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ad ogni scadenza c'è un rinnovo e il contratto scaduto non è più valido e viene sostituito con quello rinnovato.-

      Elimina
  12. Buonasera sono una badante chiamo Marianna che ho contratto di vitto e alloggio posso chiedere ai datori di lavoro come hanno annunciato di concedermi un mese di ferie negandomi lo stipendio che nel frattempo io vado a lavorare da un altra parte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marianna!
      NO!
      Le ferie sono irrinunciabili e con un contratto di lavoro a tempo pieno in essere non puoi andare a lavorare da un'altra parte.-

      Elimina
  13. Buon giorno avvocato e buon anno.
    Da domani avrò un contratto come oss a domicilio, mi occuperò di fare compagnia a due persone anziane autosufficienti. Non farò pulizie perché ci sono i custodi che se ne occupano. Ho chiesto il livello ds, la famiglia è d’accordo. Ful time, dal lun al venerdì, 8 ore al giorno, 10€/ora mette, per 38 ore settimanali. Quanto la paga mensile pulita? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La paga lorda corrisponde a quella netta perché non sono previste in busta paga trattenute IRPEF, quindi alla paga oraria concordata devi togliere solo la quota a tuo carico di contributi pari a 0,26 euro all'ora.-
      Ovviamente l'anno prossimo dovrai presentare la dichiarazione dei redditi e pagare l'eventuale IRPEF dovuta all'Erario.-

      Elimina
  14. Buonasera e buon anno. Nel contratto nazionale è scritto che le domeniche lavorate devono essere pagate al 60% in più e il giorno dopo il lavoratore deve andare in riposo non retribuito. Ma a me serve un dipendente la domenica per una persona non autosufficiente. Posso dare in sostituzione della domenica un altro giorno di riposo (ad esempio il sabato o il venerdì o altro giorno) senza che poi devo maggiorare la domenica che lavora del 60%? Oppure devo per forza dare il 60%in più se lavora domenica? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Puoi dare in sostituzione della domenica un altro giorno di riposo al lavoratore, ma il tutto deve risultare dal contratto e il lavoratore deve essere ovviamente d'accordo.-

      Elimina
  15. Buonasera sig. Gianfranco,faccio assistenza con un contratto di convivenza,a tempo pieno,tutto incluso(tfr,tredicesima).Come in.busta paga di dicembre mi hanno meso 26 gg. lavorativi invece di 27,volevo chiederle come si calcolano... 26 gg. per ogni mese del anno o cambia ogni mese il nr. di gg. lavorativi.Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il numero dei giorni lavorativi può cambiare da un mese all'altro, mentre la paga mensile deve essere sempre uguale.-

      Elimina
  16. Buongiorno Dottore, avendo un assegno di assistenza quale invalido parziale necessito della compilazione del modello RED , alla voce altri redditi (interessi Bancari, Postali, ecc...) ho un dubbio , avendo
    dei soldi investiti in Banca in Fondi Comuni di Investimento in qui l'interesse si matura nel tempo con l'aumento del valore delle quote da me acquistate ma non mi viene accreditato sul conto annualmente ,
    ma solo al momento di un eventuale incasso da parte mia delle quote .
    Questi interessi virtuali sono da dichiarare comunque ogni anno nel modello RED o si dichiareranno solamente al momento dell'incasso(prelievo) della quota????
    Per redditi si intende quelli effettivamente percepiti oppure soltanto maturati e non incassati????
    Grazie mille in attesa di sua gentile risposta la saluto
    Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luca!
      - Gli interessi dei fondi comuni di investimento vanno dichiarati solo al momento di un eventuale incasso delle cedole.-
      - Per redditi si intende quelli effettivamente percepiti nel corso dell'anno.-

      Elimina
  17. Salve avv. e buon anno nuovo. Avrei un piccolo quesito da esporre. Noi abbiamo una badante per mia mamma, assunta cs a 54 ore, paga mensilizzata comprensiva di ratei 13sima e tfr, ogni mese. Con le restrizioni del dpcm, il mese di dicembre, per le festività, non ha preso i giorni liberi come avevamo pattuito. Abbiamo un buon rapporto e cmq, per quei giorni e venuto suo marito ospite da noi e le festività le abbiamo passate come meglio potevamo. Ora il commercialista mi ha mandato la sua busta paga però non vengono specificate le festività. (mentre nel mese di nov. c'era 1 festività non goduta, perché cadeva di domenica e lei ha la giornata libera di domenica insieme alla mezza giornata il sabato, da poter fare insieme, visto che abita ad una certa distanza). Premetto che abbiamo cambiato il commercialista da qualche mese e qualche volta mi sbagliava pure i mav, se non controllavo io. Vorrei evitare discussioni adesso all'inizio dell'anno con lui e accomodarmi con la badante. La domanda è cosa dovrei corrispondere a lei per le 3 festività di dicembre che coincidono con i suoi giorni lavorativi, in cui cmq è rimasta a lavorare, non potendo andare via? Lui mi ha fatto il cedolino normale, con 26 gg lavorativi e nessuna festività menzionata. E corretto? Prima di chiedere al commercialista vorrei saperlo anch'io. Grazie mille. Renato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Renato!
      Il CCNL colf e badanti prevede quanto segue:
      Festività:
      1° gennaio - 6 gennaio – lunedì di Pasqua – 25 aprile – 1° maggio – 2 giugno – 15 agosto – 1° novembre – 8 dicembre – 25 dicembre – 26 dicembre – S. Patrono. In queste giornate il lavoratore ha diritto al completo riposo e alla retribuzione normale. Se una delle festività sopra elencate coincide con la domenica o nel giorno di riposo stabilito, il lavoratore ha diritto al recupero del riposo in altra giornata o, in alternativa, al pagamento di 1/26 della retribuzione. Se invece è lavorata è dovuto, oltre alla normale retribuzione giornaliera il pagamento delle ore lavorate maggiorate del 60%.-
      Il mio consiglio è quello di contattare il commercialista e farsi rifare la busta paga di dicembre della badante per evitare ogni possibile contestazione da parte della lavoratrice.-

      Elimina
  18. Buongiorno Avvocato lavoro colf necovivente sono in regula di 12 anni 25 ore settimana io lavoro 41 ore settimana è sono pagata 800 euro al mezze la mia parte di contributi li pago a tredicesima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco la tua domanda!
      Se hai un contratto da 25 ore settimanali e ne lavori 41 vuol dire che sei in regola solo parzialmente, quindi la tua paga è inferiore a quella che ti spetta e vengono versati all'INPS meno contributi rispetto a quelli dovuti, con tutto quello che ne consegue.-

      Elimina
  19. Buongiorno avvocato.
    Mi stanno offrendo un lavoro partime da lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00.
    Si tratta di una coppia di anziani (una persona non autosufficiente e un'altra autosufficiente).
    La mia domanda è questa:
    -A quanto ammonterebbe il mio stipendio orario?
    -Quale sarebbe la mia categoria di contratto?
    -I contributi versati a quanto ammontano?
    Inizialmente trattandosi di 2 persone avevo chiesto 10€/h a cui hanno acconsentito. Però chiedendo di iniziare con un contratto regolare vogliono propormi i minimi per rientrare nel pagamento dei contributi.
    Premetto che non ho un diploma in merito solo esperienza lavorativa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paga:
      Livello CS Conviventi paga mensile euro 984,01 - Non conviventi paga oraria euro 6,83.-
      Contributi:
      Retribuzione oraria effettiva fino a 8,10 con CUAF Contributo orario euro 1,43 (0,36 a carico lavoratrice).-

      Elimina
  20. Salve avvocato. Sono stata assunta come badante convivente il 22.12.20 CS 54. Ho datto demissione il 11.01.21, la mia domanda e al quali rischi io corro, se non rispetto i giorni di preaviso???(la mia situazione e peggiorata)vorrei andare subito da qui.grazie in anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La normativa prevede che in caso di dimissioni, se non si da il preavviso previsto dal contratto, si avrà detratti dalle competenze maturate tanti giorni di paga quanti saranno i giorni di mancato preavviso.-

      Elimina
  21. Buongiorno avvocato io lavoro con un contratto BS con 38 ore settimanali e a dicembre sono state tre feste 8,25 e 26 e mi sono mese in busta paga 41 euro per ogni giorno. Io sono stata libera in questi giorni. Il mio datore di lavoro dice di pagare io giorni di festività la persona ché è venuta al mio posto. Voglio sapere come faccio ?? Grazie per la sua risposta


    RispondiElimina
  22. Buongiorno avvocato scusate prima non ho specificato io lavoro con un contratto BS non convivente 38 ore settimanali grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il contratto prevede quanto segue:
      Festività:
      1° gennaio - 6 gennaio – lunedì di Pasqua – 25 aprile – 1° maggio – 2 giugno – 15 agosto – 1° novembre – 8 dicembre – 25 dicembre – 26 dicembre – S. Patrono. In queste giornate il lavoratore ha diritto al completo riposo e alla retribuzione normale. Se una delle festività sopra elencate coincide con la domenica o nel giorno di riposo stabilito, il lavoratore ha diritto al recupero del riposo in altra giornata o, in alternativa, al pagamento di 1/26 della retribuzione. Se invece è lavorata è dovuto, oltre alla normale retribuzione giornaliera il pagamento delle ore lavorate maggiorate del 60%.-

      Elimina
  23. Grazie avvocato buona serata !!

    RispondiElimina
  24. Buonasera Avvocato,

    Mia nonna è assistita da ben 2 badanti. Una la assiste dalle 18.30 alle 13.30 dal lunedì al sabato, l'altra dalle 13.30 alle 18.30 tutti i giorni più l'intera domenica.

    Ora abbiamo bisogno di modificare i contratti perché la spesa per 2 badanti è davvero eccessiva ed inoltre entrambe litigano per via degli orari e riposi. Abbiamo bisogno di un'unica figura convivente ma nessuna delle due è disposta a firmare il nuovo contratto. Possiamo licenziarle entrambe per giustificato motivo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara!
      SI!
      Potete licenziare entrambe le badanti, per cambiate esigenze di servizio, ma devi sapere che il CCNL prevede un orario massimo di lavoro di 54 ore settimanali e può essere solo o diurno o notturno.-

      Elimina
  25. Buonasera avvocato,ho un contratto assistenza persona autosufficienti notturna 54 ore settimanali però io faccio orari straordinari pari a 27 ore mensili voglio saper si avrò problemi con agenzia d'entrata in futuro per esempio (una multa perché faccio più ore ) grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se a te fa piacere lavorare per qualche ora anche gratis è un problema tuo, ma in caso di infortunio sul lavoro fuori orario non sei tutelato, mentre se sei pagato in nero allora il discorso cambia nel senso che ci sarebbe evasione fiscale e contributiva.-

      Elimina
  26. Buona sera avvocato, avrei bisogno sapere se la paga oraria come colf per 10 ore settimanali (2 mezzegiornate) entra sulla fascia oraria di retribuzione di 8,10 fino 9,86 oppure oltre 9,86?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco la tua domanda!
      La paga oraria non è legata al numero di ore lavorate a settimana ma al livello di inquadramento.-
      Invece l'importo dei contributi da versare all'INPS può essere legato anche alla paga oraria.-

      Elimina
  27. Buona sera Gianfranco.Ho una domanda,Ho LETO da qualche parte che,per calcolare la 13Ma se prende lo stipendio lordo mensile per 12 mese e si divide per 12 mese.La soma ottenuta se aggiunge vito e alloggio. A me per qualche mese mi ano pagato in busta paga vito e alloggio.Non capisco perché la 13- ma mi anno calcolato 1059 euro.QUANDO LA SOMA deve essere 1129 anche senza fare calcoli in questo modo.Che soma devo percepire di 13Ma?Grazie

    RispondiElimina
  28. Mi sono dimenticato,Io lavoro badante convivente CS.Nela BUSTA paga sono anche indicate i giorni festivi che ho lavorata,per questo la soma deve anche superare 1200 euro,secondo mie calcoli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Livello CS Conviventi paga mensile euro 984,01.-
      Tredicesima euro 82,00.-
      Vitto e alloggio totale euro 5,61 x 26 euro 145,86.-
      Festività euro 82,00 per ognuna.-
      Alla somma totale, per ottenere il netto in busta paga va tolta la quota di contributi a carico della lavoratrice.-

      Elimina
  29. Buonasera!Mio figlio che lavora come operaio a fatto 14 giorni di malattia per colpa di positività covid19.Vorrei sapere se ha ditito a quelli 40€/giorno perche e stato costretto di rimanere in casa per 2 settimane.Se e vero dove puo fare la richiesta!Grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non capisco a cosa ti riferisci!

      Elimina
    2. Ho sentito che chi e stato malato di c virus ha diritto a un aiuto di 40€/giorno per quarantena.

      Elimina
    3. Se si è in possesso di un certificato medico per quarantena il periodo di assenza è equiparato a malattia attraverso il solito codice protocollo. L’eventuale periodo di assenza per quarantena preventiva o comunque non certificata che la badante osserva dev’essere gestito come ferie o assenza non retribuita o retribuita a scelta del datore di lavoro.Per il personale domestico al momento il fatto di stoppare l’attività senza documento medico deve considerarsi una scelta (spesso necessaria ma comunque non imposta dal datore di lavoro) in quanto non subentra INPS.Al momento le unioni sindacali si stanno riunendo per richiedere un integrazione al DL ristoro per offrire o bonus v.2.0 come ad aprile anche ai lavoratori domestici oppure inserirli nella CIG.-

      Elimina
  30. Buon giorno Av sono la Maria faccio la badante con CS ,54 ore settimanali,però il mio lavoro e a Montepulciano però da mese di novembre siamo trasferiti a Firenze, però nel mio contratto non e scritto trasferimento alla seconda casa,vorrei sapere come sarò pagata per trasferimento, per le messe che gli svolgo ,grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi riferisco alla transferta

      Elimina
    2. Qualora non fosse stato specificato l’obbligo di trasferta nella lettera di assunzione, per tutti i giorni compresi nel soggiorno fuori sede spetterà al lavoratore, oltre alla normale retribuzione, una diaria giornaliera pari al 20% della retribuzione minima tabellare giornaliera – TABELLA A, in base al livello di inquadramento.
      Al lavoratore dovranno inoltre essere rimborsate anche le spese di viaggio e di trasporto degli effetti personali nel caso in cui il datore di lavoro non avesse già provveduto a pagarle.-

      Elimina
  31. Buon pomeriggio avvocato. io lavoro da 13anni come colf dal 2007 fino al 2017 ho lavorato 9ore a settimana.... però dal 2012 lavoro anche con la figlia di loro 6ore a settimana... da ottobre 2017 lavoro con i genitori 6ore e con la figlia 6ore... non mi hanno mai fatto un nuovo contratto solo modificato le ore a me pagano 8€l'ora... non mi hanno mai dato l'anzianità non lo so se mi corrisponde.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Livello B Conviventi prevede una paga mensile euro 810,36 - Non conviventi paga oraria euro 5,78.-

      Elimina
    2. Scatti di anzianità:
      Per ogni biennio di servizio presso lo stesso datore di lavoro spetta al lavoratore un aumento pari al 4% sulla retribuzione minima contrattuale, per un massimo di 7 scatti.-

      Elimina
  32. Buonasera avvocato mi chiamò anamaria lavoro come badante con un contratto BS 54 ore settimanali la mia domanda e entro che data devo ricevere il mio stipendio perché quando sono stata assunta hanno detto che entro il 10 del mese successivo avrei ricevuto il atipendio ma e stato cosi solo il primo mese poi hano detto dal giorno 10 al 20 adesso siamo arrivati il giorno 27 aspecifico che il mio datore di lavoro sta con una cooperativa che lui paga regolarmente e la cooperativa che mi fa attendere così tanto la prego mi aiuti non so a chi rivolgermi il mio datore di lavoro e il assistito non la cooperativa loro vengano portano la fattura e lui paga ed io devo attendere cosi tanto tempo per ricevere il mio stipendio CORDIALI SALUTI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Annamaria!
      Il limite massimo entro cui il titolare ha l'obbligo di versare lo stipendio è il giorno 10 del mese successivo. Entro questa data il pagamento deve pervenire materialmente al lavoratore, e non semplicemente essere disposto tramite bonifico.-
      Nel tuo caso il datore di lavoro è la cooperativa, che deve provvedere nei termini di legge; ti consiglio eventualmente di rivolgerti a un sindacato per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  33. Buongiorno Gianfranco, mi avete risposto ala mia domanda che riguarda la 13Ma.Mi avete SCRITO 82 euro per ognuna festività,cosa sinifica,Io ho capito che è la soma che mi dovevo pagare il datore di lavoro quando lavoravo ala domenica.Ho capito giusto?Grazie mi le per il vostro lavoro,e la vostra grande pazienza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      Festività
      1° gennaio - 6 gennaio – lunedì di Pasqua – 25 aprile – 1° maggio – 2 giugno – 15 agosto – 1° novembre – 8 dicembre – 25 dicembre – 26 dicembre – S. Patrono. In queste giornate il lavoratore ha diritto al completo riposo e alla retribuzione normale. Se una delle festività sopra elencate coincide con la domenica o nel giorno di riposo stabilito, il lavoratore ha diritto al recupero del riposo in altra giornata o, in alternativa, al pagamento di 1/26 della retribuzione. Se invece è lavorata è dovuto, oltre alla normale retribuzione giornaliera il pagamento delle ore lavorate maggiorate del 60%.-

      Elimina
  34. Scusate ho ancora una domanda.Dal 1 DI FEBRAIO Io me ne vado via dal questo datore di lavoro.Voglio sapere per quanto tempo mi sara conservata la residenza ?Grazie amcora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      Se presenti le dimissioni e fai il preavviso previsto dal contratto, alla scadenza del preavviso devi aver trovato un'altra sistemazione, perché credo che sarai obbligata ad andartene il prima possibile dal tuo datore di lavoro.-

      Elimina
  35. Buongiorno avvocato, scusi il disturbo volevo chiedere una informazione, mi offrono di lavorare come badante non convivente per una coppia di anziani, moglie non autosufficiente demenza senile e Parkinson,marito no solo dare da mangiare, più fare i mestieri in casa, dal lunedì al sabato 8:30-13:30/14:30-16:30, 42 ore settimanali vogliono offrire 1200 circa. Vorrei sapere se posso chiedere de più e si quali 1200 devono essere netti o devono togliere delle tasse? Grazie e cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il CCNL colf e badanti prevede quanto segue:
      Livello CS Conviventi paga mensile euro 984,01 - Non conviventi paga oraria euro 6,83.-
      (6,83 x 42 x 4,33 = 1.242,10 euro mensili).-
      All'importo concordato va tolta solo la quota dei contributi a carico della lavoratrice, che dovrà poi presentare la dichiarazione dei redditi.-

      Elimina
  36. Buongiorno Doctore volio sapere io se mi lincenzio da lavoro dove sono di 2 anni e si vqdo la altro lavoro e stau 1, 2 mese e dopo mi licenzio il datore da lavoro posso prende desucopazione anche per queli 2 anni?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucia!
      Per il diritto alla NASPI l'ultimo rapporto di lavoro deve cessare o per scadenza del contratto o per licenziamento e non per dimissioni.-
      La durata della NASPI è pari alla metà delle settimane lavorate negli ultimi 4 anni.-

      Elimina
  37. Buongiorno ho un contratto di badante non convivente 24 ore settimanali che è iniziato a luglio, a fine anno mi hanno detto di andare in ferie perché avevo qualche giorno di ferie da fare.Dopo tre giorni che sono tornata delle ferie la persona che ho in cura e finita in ospedale con la bronchite oggi mi ha chiamato la figlia de la persona che ho in cura e mi ha detto che i giorni in cui non sono andata al lavoro perché la signora era in ospedale saranno calcolati come ferie o permessi non retribuito. Mi può dire come dovrebero essere calcolati,comunque sono 12 giorni. Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo è corretto!
      Infatti la normativa prevede che per la metà delle ferie spettanti può decidere il datore di lavoro e per l'altra metà la lavoratrice, quindi puoi solo scegliere se essere emessa in ferie o in permessi non retribuiti.-

      Elimina
  38. Buonasera Gianfranco,mi potete confermare la paga oraria per me che lavoro come badante CONVIVENTE 44 ore SETIMANALE.Secondo i miei calcoli per il lavoro straordinario sabato mi DEVONO CALCOLARE 8,34 per un ora straordinaria,per un ora straordinaria di domenica 9,53.E giusto il mio calcolo oppure no?

    RispondiElimina
  39. Risposte
    1. Straordinario:
      Personale convivente:
      E' compensato con una maggiorazione del:
      - 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).-
      - 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).-
      - 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo stabilito e nelle festività infrasettimanali.-
      - 40% per le ore di lavoro prestate nella mezza giornata di riposo (mancato riposo).-

      Elimina
  40. Ciao Gianfranco,mi avete risposto che dala 13Ma mi DEVONO trattenere i contributi,lavoro come badante da tanti ani in Italia,ma dove ho lavorato fino adesso non mi anno mai trattenuti i contributi.Anche ano scorso non mi ano trattenuto i contributi,invece quest'ano mi anno trattenuto.Non capisco perché,questo è un regalo,non è un stipendio perché ho lavorato,non ci sono ore lavorative .Secondo la lege i contributi dilagano in base ALE ORE lavorative non da lo stipendio,questo si che è una truffa,maledetti commercialisti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      Sulle somme erogate dal datore di lavoro a titolo di tredicesima non devono essere pagati contributi aggiuntivi all’Inps poiché nei contributi previdenziali versati trimestralmente dal datore di lavoro sono già compresi i ratei di tredicesima.
      Il calcolo dei contributi, infatti, si basa sulla retribuzione oraria effettiva corrisposta al lavoratore domestico comprensiva dell’indennità di vitto e alloggio (se dovuta) e del rateo di tredicesima.-

      Elimina
  41. Egreggio Dottore sono invalido al 90% percepisco un assegno di invalidità. Pochi giorni fa mi è rientrato sul conto corrente un investimento bancario fatto diversi anni fa che mi ha portato a un utile di interessi che supera il limite massimo per avere diritto all'assegno di assistenza.
    Adesso cosa devo fare??
    devo avvisare subito l'inps che mi blocchi l'assegno mensile ??
    Oppure devo aspettare tra due anni quando compilerò il modello RED e dichiararlo in quella volta??, ma a quel punto cosa mi succedetà mi chiederanno indietro solamente l'anno che ho superato il reddito o anche i successivi e mi toglieranno l'assegno mensile??
    In attesa di sua gentile risposta la ringrazio anticipatamente e la saluto
    Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luca!
      Purtroppo devi aspettare l'anno prossimo per comunicare all'INPS tramite il modello RED il reddito effettivo di quest'anno.-
      A quel punto ti richiederanno indietro solo l'anno che hai superato il reddito, ovviamente se i successivi rientrerai nei limiti.-

      Elimina
  42. Buongiorno Dottore sono sempre Luca mi riferisco alla sua gentile risposta qui sopra in quanto io avevo letto che al superamento dei limiti di reddito per aver diritto dell'assegno di assistenza bisognava entro 30 giorni comunicarlo all'inps il quale bloccava la prestazione economica, successivamente l'anno dopo si poteva far domanda di riattivare l'assegno assistenziale sempre chè il verbale non avesse una data antecedente di piu di due anni rispetto alla data di ripristino
    Quindi questo non è esatto ??
    Aspetto di dichiarare il reddito nel modello RED il prossimo anno????
    La ringrazio infinitamente per il tempo che mi dedica e in attesa di sua gentile risposta la saluto cordialmente
    Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luca!
      Di solito il superamento del limite di reddito lo si verifica solo a fine anno e quindi lo si comunica all'INPS l'anno successivo, ma è possibile procedere anche in modo preventivo se si è certi.-

      Elimina
  43. Buongiorno! Avrei una domanda sulla retribuzione oraria in livello CS,come sostituta della badante principale nelle 36 ore di permesso settimanale...i dati forniti si riferiscono a una retribuzione lorda o netta?Effettivamente quanto dovrebbe essere il mio stipendio?Grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simona!
      Livello CS Conviventi paga mensile euro 984,01 - Non conviventi paga oraria euro 6,83.-
      In busta paga non sono previste trattenute IRPEF ma solo la quota di contributi a carico della lavoratrice.-

      Elimina
  44. buogiorno DOTT. CHIEDEVO SE UNA COLF LAVORANDO SOLO 8 ORE ALLA SETTIMANA E' OBLIGATA A VERSARE IL CONTRIBUTI DELLA CASSA COLF.GRAZIE E TANTI SALUTI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luciana!
      Rapporti di lavoro a tempo indeterminato:
      a) Orario fino a 24 ore settimanali
      Retribuzione oraria effettiva fino a 8,10 con CUAF Contributo orario euro 1,43 (0,36)
      senza CUAF Contributo orario euro 1,44 0,36)
      Retribuzione oraria effettiva da 8,11 a 9,86 con CUAF Contributo orario euro 1,62 (0,41)
      senza CUAF Contributo orario euro 1,63 (0,41)
      Retribuzione oraria effettiva oltre 9,87 con CUAF Contributo orario euro 1,97 (0,49)
      senza CUAF Contributo orario euro 1,98 (0,49).-

      Elimina
  45. Buonasera,mi chiamo Simona è è vorrei chiedere il favore, visto che sto per iniziare un lavoro cs convivente è visto che farò straordinari, mi potrebbe per piacere farmi sapere quanto si paga straordinarie delle 2 oreo libere giornaliere l, ma anche quelle giovedì pomeriggio è le domeniche.. Grazie in anticipo

    RispondiElimina
  46. Perfavore Avocato mi potrebbe dire la somma delle 2 ore al giorno, più la somma di giovedì pomeriggio è domenica, quanto è, perché non lo so come si fanno calcoli. Più su, ho detto che sto iniziando un lavoro come badante cs è ho dimenticato ad dire ché 54 ore convivente. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Straordinari:
      Personale convivente:
      E' compensato con una maggiorazione del:
      - 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).-
      - 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).-
      - 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo stabilito e nelle festività infrasettimanali.-
      - 40% per le ore di lavoro prestate nella mezza giornata di riposo (mancato riposo).-

      Elimina
    2. Grazie. Questo ho capito, però non so come fare calcolo. 🤦‍♀️
      Per questo speravo che lei poteva fare un eccezione ad dirmi quanti soldi vengono al giorno per le 2 ore con la maggioranza più una mezza giornata è la domenica ( e puoi li moltiplico io per 4 mezze giornate e domeniche è tutte le ore che mi Verano al mese ) .. Perché non saprei come dovrei, calcolare, visto che il stipendio è CS 54 ore convivente! .. 🤦‍♀️

      Elimina
    3. Mi farebbe un enorme piacere se farebbe una eccezione e mi potrebbe dire, quanti sono, grazie.. 😔

      Elimina
    4. Ciao Simona!
      Livello CS Conviventi:
      Paga mensile euro 984,01.-
      Paga oraria euro 4,20.-

      Elimina
  47. Buongirono avvocato!Se la badante convivente viene assunta con inquadramento DS perché qualificata,la sostituta può essere assunta in CS perché non qualificata?
    O devono avere lo stesso inquadramento?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      La sostituta può essere assunta anche con inquadramento CS se non è qualificata.-

      Elimina
  48. Buona sera Avocato io lavoro a nero come si calcola il stipendio con le domeniche oppre senza domeniche diciamo io celo stipendio 860÷ 26 opure con 31 perche ho lavorato anche le domeniche grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucia!
      Chi lavora in nero evade tasse e contributi, quindi non ha diritto ad alcun tipo di tutela.-

      Elimina
  49. Buongiorno avocato,
    Sono in procedura per il permeso di soggiorno. È stato presentata domanda il 7 agosto e il contratto è dal 16.10.2019 al 15.10.2020 tempo determinato. Il mio ex capo ha pagato i contributi 156e e ora sto aspettando la convocazione dalla prefettura.Raporto di lavoro e finito ma il mio ex capo non mi ha pagato ferie non godute, tfr e tredicesima.Dovrebbe pagarmi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se il contratto è scaduto il 15/10/2020 il tuo ex capo avrebbe già dovuto pagarti il tutto entro dicembre 2020.-

      Elimina

    2. Ho busta paga solo per settembre e metà ottobre. Non ho ancora firmato il contratto di lavoro perché non ho ancora ricevuto il codice fiscale. Ho solo il codice provvisorio, cambia qualcosa per pagare tfr, tredicesima e ferie. Non lo so come funziona.

      Elimina
    3. Mio stipendio e stato 1200e liveno cs 54 ore convivente. Lavorato da lunedi fino a venerdi anche tuti sabati.Busta paga per il settembre e 1149,99 stipendio. Cambia qualcosa questo?

      Elimina
    4. Grazie avocato,gentile come sempre. Buona giornata.

      Elimina
    5. Quanto deve pagarmi mio ex datore di lavoro?

      Elimina
    6. Per un anno di lavoro spetta una mensilità aggiuntiva per la 13/ma + un'altra per il TFR + i giorni di ferie non godute.-

      Elimina
  50. buongiorno,
    desidero un'informazione:io sono un oss con attestato,dovrei iniziare un lavoro a domicilio per assistere una coppia di anziani,in particolare il marito non autossufficiente,quindi igiene,vestizione,preparazione pasti,pulizia della casa ed aiutare la moglie in casa e a lavarsi poiche in parte non e'autosufficiente,quale dovrebbe essere la mia paga oraria?indi mensile?per 20 massimo 24 ore settimanali .Non dovrei essere assunta con la categoria ds in quanto possiedo l 'attestato e titoli?grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Livello D Super:
      Assistente a persone non autosufficienti (formato). Svolge mansioni di assistenza a persone non autosufficienti, ivi comprese, se richieste, le attività connesse alle esigenze del vitto e della pulizia della casa ove vivono gli assistiti.
      Livello DS Conviventi paga mensile euro 1.215,53 - Non conviventi paga oraria euro 8,22.-

      Elimina
  51. Buongiorno,
    Vorrei se possibile delle informazioni.
    Ho fatto una prova da sabato ore 12 a domenica ore 21 per sostituzione badante convivente (che deve riposare fuori). La signora sinceramente non capisco se è o NON è autosufficiente, so che non deve mai rimanere sola. Quindi loro mi propongono 150 euro a weekend = 600 fine mese.
    1) È uno stipendio ADEGUATO?
    2) Sabato lavoro dalle 12 cucino, pulisco, mi occupo della Signora, del cane e della casa fino 21 poi si va a dormire e lei mi dovrebbe lasciare in pace fino a che ora?
    3) Domanica ho lavorato dalle 6:30 alle 21 (con 2 ore di pausa in casa perché la signora non può mai stare da sola, in realtà mi chiamava e voleva interagire ma non l'ho ascoltata) HO SBAGLIATO perché sono molto più di 10 ore quindi la prossima volta domenica dovrei iniziare alle 9 per finire alle 21 con la pausa di 2 ore?
    4) Come si chiama questo mio lavoro? Come dovrebbe avvenire la paga, in base alle ore oppure no? E le future ferie/ malattia ecc quali sono i miei diritti?
    Scusi l'ignoranza derivata dall'inesperienza... Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devono farti un contratto con indicate le ore di lavoro settimanali e in base alle ore previste dovrà essere calcolata la paga con relative quote di ferie tredicesima e TFR; la paga non può quindi essere forfettaria.-

      Elimina
    2. Grazie.
      La "badante" convivente fissa è di livello CS io devo sostituirla dal sabato ore 12 alla domenica ore 21. Leggendo su internet ho capito che di prassi applicano le tabelle minime sindacali (se ho ben capito la G circa €7,45) e fanno un calcolo particolare di 6+10 = 16 ore di lavoro per weekend e non prendono in considerazione la convivenza di 1 notte per persona non autosufficiente...
      La realtà è ben diversa perchè:
      - io rimango a disposizione/lavorare 33 ore il weekend (la signora avendo problemi psichici non mi lascia riposare e mi fa lavorare molte più ore delle 16 da contratto)
      È POSSIBILE FARE UN CONTRATTO A PARTE CHE NON DIPENDA DALLA BADANTE FISSA? MA SPECIALMENTE NON SEGUIRE LA PAGA MINIMA SINDACALE MA PRETENDERE qualcosa in più per i miei 2 giorni lavorativi di sabato e domenica!?? Scusi la mia insistenza.

      Elimina
    3. Il contratto prevede solo una paga minima, a tutela dei lavoratori, ma le parti possono mettersi d'accordo senza problemi per una paga superiore.-

      Elimina
  52. Buonasera avvocato. Sono di nuovo io a novembre gli avevo scritto per l'indennita di 115€ mensili oltre a lo stipendio, che dovevano ricevere le babysitter per i bambini sotto i 6 anni.. lei mi aveva risposto che da gennaio 2021 avrei il diritto ai 115€ però il mio capo a gennaio mi ha solo pagato lo stipendio e non i 115.. cosa dovrei fare? Forse il mio capo non ha l'obbligo di darmeli? Grazie mille per il suo tempo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi richiedere al tuo capo una modifica del contratto in base alle tue effettive mansioni, in modo che ti venga corrisposto tutto quello che ti spetta.-

      Elimina
    2. Capisco ma questa modifica è obbligatoria per il mio capo?

      Grazie!

      Elimina
    3. SI!
      Ovviamente se vuoi la somma aggiuntiva!

      Elimina
    4. Avevo paura di perdere il lavoro per questo chiedevo.. ��
      Comunque grazie mille avvocato
      Mio padre invece percepisce la naspi mi chiedeva per quanto tempo .. lui ha lavorato come muratore per una ditta edile, contratto a tempo indeterminato dal 2012 ed è stato licenziato l'anno scorso a novembre .. quindi lui mi chiedeva per quanto tempo avrà la mensilità.. grazie mille per il suo tempo avvocato!!!!

      Elimina
    5. 2002 mi sono confusa

      Elimina
    6. La durata della NASPI è pari alla metà delle settimane lavorate negli ultimi 4 anni, quindi se negli ultimi 4 anni si è lavorato sempre può durare fino a 2 anni.-

      Elimina
  53. Buongiorno avvocato.
    Durante 4 anni ho assistito 2 persone con il contratto di lavoro a tempo pieno. Pero il contratto era fatto solo per una persona che era il dattore di lavoro e che tempo fa e deceduto.
    Allora mia domanda è a me aspetta la paga di 15 giorni come -indennita sostitutiva di preavviso ( se anche avevo svolto il lavoro con un'altra persona che non era messa al contratto e contratto era fatto più tardi )?! Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marta!
      In caso di licenziamento, se il lavoratore è impegnato per oltre 24 ore settimanali e ha maturato fino a cinque anni di anzianità presso lo stesso datore di lavoro, il termine di preavviso deve essere almeno di 15 giorni di calendario. Il termine deve essere di almeno 30 giorni se gli anni di anzianità sono oltre i cinque.
      Se invece il rapporto di lavoro è fino a 24 ore settimanali il preavviso dovrà essere pari ad 8 giorni di calendario, fino a due anni di anzianità e 15 giorni di calendario, oltre i due anni di anzianità.
      Nel caso di dimissioni da parte del lavoratore i termini sono ridotti del 50%.-
      Ai fini del calcolo del preavviso fa fede solo l'ultimo contratto sottoscritto.-

      Elimina
    2. Buongiorno avvocato, mi chiamo Mariana e avrei una domanda, sono assunta con un contratto di 44 ore settimanali con categoria Csuper convivente per una persona nonautosuficiente ho stipendio di 997,61 ma e possibile che il mio inquadramento la commercialista la fa part time 81,48% nello stesso modo mi vengono calcolati anche la tredicesima e Tfr che sono aggiunte mensilmente nella busta paga. Quando li ho chiesto lei mi ha detto che per le badante orario e de 54 ore settimanali e io lavoro solo 44 per questo mi fa calcoli part time 81,48%, vorrei sapere se e coretto così?grazie mille

      Elimina
    3. Ciao Mariana!
      NO!
      Non è corretto!
      Anche con un contratto di sole 44 ore settimanali la paga deve essere per il totale e solo i contributi da versare all'INPS vanno rapportati all'effettivo orario di lavoro.-

      Elimina
  54. Buona sera avocato,devo sostituire una badante per una setima, persona autosufficiente.Quanto mi devono pagare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Livello BS Conviventi paga mensile euro 868,24 - Non conviventi paga oraria euro 6,13.-

      Elimina
    2. Per una setima quanto mi devono pagare? Mi potete calcolare per favore?

      Elimina
    3. Convivente o non convivente?
      Quante ore di lavoro giornaliere e settimanale?

      Elimina
    4. La paga dovrebbe essere di 200 euro + vitto e alloggio per un orario di lavoro di 10 ore al giorno.-
      Le eventuali ore lavorate in più devono essere pagate come straordinari.-

      Elimina
  55. Buonasera avvocato vorrei sapere qualle è l"importo per un giorno di ferie..convivente 54 ore settimanali. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena!
      Le ferie vanno godute e non pagate quindi per i giorni di ferie non si lavora e si viene pagati regolarmente come se si lavorasse.-

      Elimina
  56. Ciao Gianfranco.Lavoro come badante CONVIVENTE,al 20 DI dicembre ho maturato 2 ani di lavoro,la domanda è mi DEVONO in messe di dicembre calcolare 4% in busta paga,oppure in mese di gennaio? Grazie per il vostro aiuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      La decorrenza dell'aumento è dal 1° gennaio perché al 1° dicembre non avevi ancora maturato i 2 anni.-

      Elimina
  57. Buonasera avvocato. vorrei sapere quanti giorni di preavviso mi spetta per decesso del datore di lavoro, con un contratto indeterminato di 25 h settimanali non convivente.ho lavorato oltre 7 anni consecutivi dal 2013 2021 grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In caso di licenziamento, se il lavoratore è impegnato per oltre 24 ore settimanali e ha maturato fino a cinque anni di anzianità presso lo stesso datore di lavoro, il termine di preavviso deve essere almeno di 15 giorni di calendario. Il termine deve essere di almeno 30 giorni se gli anni di anzianità sono oltre i cinque.-

      Elimina
  58. Buongiorno avvocato , avrei bisogno di capire ... mi ė stato proposto un lavoro come babysitter la mattina dalle 08,30 alle 13,00 contratto a ore come collaboratrice domestica a 6,13 nette . Secondo lei ė regolare ? E quale livello di inquadramento è? Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Livello BS Conviventi paga mensile euro 868,24 - Non conviventi paga oraria euro 6,13.-

      Elimina
  59. Genile Avvocato,
    Ho inviato domanda per cittadinanza italiana per 10 anni di residenza il 11/7/2018 e presentato i documenti alla prefetura di Roma il 27/3/2019. Normale quando tempo devo aspettare per la risposta? per favore fa mi sapere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 24 mesi (2 anni) è il tempo che un cittadino straniero deve aspettare per ottenere la cittadinanza Italiana dopo aver presentato la domanda.-

      Elimina
    2. DATA PRESENTATO LA DOMANDA SIGNIFICA LA DATA PRESENTATO I DOCUMENTI ORIGINALI PER VERIFICA E PER FIRMATO LA DOMANDA ALLA PREFETTURA ?? PER FAVORE INFORMAMI. GRAZIE

      Elimina
  60. Buongiorno avvocato lavoro colf di 12 anni 25 ore settimana non connivente con contratto indeterminato. Sono pagata al messe 800 euro è lavoro 41 ore il datore di lavoro mi dici sempre ché sono BS il livello io detto di cambiare il contratto di lavoro è mia risposto ché il 31 luglio mi lucentezza è dopo le ferie mi assuma grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco la tua domanda!
      Infatti se hai un contratto per 25 ore settimanali e ne lavori 41 ovviamente sei in regola solo in parte, e per cambiarti il livello non è assolutamente necessario che tu sia licenziata e poi riassunta; ti consiglio eventualmente di rivolgerti a un sindacato per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  61. Buongiorno,ho una domanda.Il mio reddito lordo per 2020 come badante CONVIVENTE è 16376 euro,tratenute 723 euro il reddito netto è15653 euro,quale deve essere la soma TFR?Grazie in anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      TFR (Trattamento di fine rapporto):
      Deve essere liquidato al termine del rapporto di lavoro e indicativamente corrisponde ad una mensilità per ogni anno di servizio prestato.-
      Una volta stabilità qual è l'anzianità maturata dalla lavoratrice, si passa al calcolo vero e proprio.
      Il primo passo consiste nel determinare la somma pagata nel corso dei singoli anni, comprensiva della tredicesima e delle indennità di vitto e alloggio per le colf conviventi o che consumano in casa uno o più pasti.
      L'importo della retribuzione annuale, diviso per 13,5, rappresenta la quota annuale da accantonare per il trattamento di fine rapporto.
      Le singole quote annuali vanno rivalutate con degli appositi coefficienti dati dalla somma di due indici di cui:
      il primo è pari al 75% dell'aumento del costo della vita accertato dall'Istat per gli operai e gli impiegati;
      il secondo è dato da una percentuale fissa pari all'1,50% all'anno (0,125% al mese).-

      Elimina
  62. Buongiorno sostituisco una badante fissa CS, persona non autosufficiente. Sabato dalle 12 a domenica alle 21. Ho fatto 3 weekend di prova. Devo dormire sabato notte dalla signora, e le 2 ore di riposo della domenica sono obbligata a stare in casa. Quale contratto possono propormi??? (Non si può fare un contratto per 33 ore?) Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il contratto va fatto per le effettive ore di lavoro settimanali, e anche per il periodo di prova bisogna essere messi in regola.-

      Elimina
  63. Buona sera Avocato sono Maria, e faccio la badante vorrei sapere se come io sono transferita con mia vecheta dove a la seconda casa nel un altra città, già ho 4 mesi e ancora non o ricevuto la transferta,e nel contratto non e specificato ,poi io o bisognio di andare da un dottore o farmaci da prendere per cuore e gli pago ,poi non o residenza qua ,quanti messe si può stare in transferta senza documenti senza un dottore, poi io ho 54 ore settimanali, 10 ore al giorno e gli svolgo dalle 8-14 e 16-20,però io svolgo 2 ore di più fino alle 22 anzi di più, e nella busta paga io non o un ora di straordinari, se io non voglio stare in transferta ,familiari mi possono licenziare, o devo fare io .grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      La trasferta è prevista per il periodo estivo quini al massimo per un mese.-
      Se la trasferta estiva non è stata prevista all’interno del contratto sottoscritto con il lavoratore domestico, il datore di lavoro dovrà corrispondere all’assistente familiare un’indennità aggiuntiva rispetto alla retribuzione ordinaria. L’indennità deve essere pari al 20% della retribuzione minima tabellare giornaliera, per tutti i giorni della trasferta.-

      Elimina
  64. Buongiorno avvocato,
    per le badanti conviventi che fruiscono di vitto e alloggio in natura va indicato il corrispondente inporto nella Certificazione Unica?
    L'importo fruito in natura è imponibile ai fini IRPEF?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Per il vitto e alloggio usufruito in natura da una badante non va indicato alcun importo nella Certificazione Unica.-

      Elimina
  65. Buongiorno avvocato avrei una domanda da porLe. Ero un lavoratore in presenza anziano autosufficiente non convivente ho presenziato dal mese di luglio fino al mese di ottobre giorno 15 per 11 ore giornaliere senza distinzione di festivi e non, il mio stipendio era di 850 euro mensili. La mia domenda è vero è che l'attività in presenza è una categoria a sè retribuzione mensile di €.677,78 ma per 44 ore settimanali le altre ore in più che ho fatto come verrebero calcolate? Come strardinario? Quale paga oraria?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gianni!
      Presenza notturna livello unico euro 668,54.-
      L'orario di lavoro deve essere stabilito dal contratto e può arrivare fino a 54 ore settimanali, la retribuzione è fissa e cambia solo l'importo dei contributi da versare all'INPS.-

      Elimina
  66. Buongiorno avvocato. Sono Nadia e lavoro come badante a una famiglia 8 anni. Vorrei sapere dopo licenziamento a quale termini mi devono pagare TFR (Trattamento di fine rapporto). Vorrei tornare a casa e mi dicono che devo aspettare 6 mesi. C'è un limite pagamento TFR (Trattamento di fine rapporto). Grazie mille per la vostra risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nadia!
      Il TFR per legge deve essere pagato alla lavoratrice entro 30 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro.-

      Elimina
  67. Buongiorno avocato, Ho lavorato come badante convivente 24/24 liveno cs. Il contratto è scaduto ad ottobre, ma il mio ex datore di lavoro non mi ha dato busta paga per ultimo mese. È obbligatorio che me lo dia?Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      E' obbligatorio che il tuo ex datore di lavoro ti dia la busta paga per l'ultimo mese di lavoro insieme alla busta paga per il TFR e le altre competenze maturate.-

      Elimina
    2. Grazie avocato. Gentilisimo e concreto come sempre. Grazie ancora.

      Elimina
  68. Buongiorno, un'informazione. Devo assumere una badante, volevo proporle contratto colf senza vitto ed alloggio. Tuttavia questa signora si trova in difficoltà, in quanto dovrebbe lasciare a breve il suo attuale domicilio. Noi non abbiamo necessità di avere una persona h24, tuttavia non vorremmo lasciarla nemmeno nei problemi (visto che, a quanto ci ha riferito, senza un domicilio potrebbe avere dei problemi per il rilascio del permesso di soggiorno). Se decidessimo di fare dichiarazione di ospitalità in comune (in questo modo possiamo aiutarla), potrebbero esserci dei problemi con l'inquadramento lavorativo (che non prevede, appunto, vitto ed alloggio)? Grazie per la disponibilità

    RispondiElimina
  69. Buongiorno!vorrei sapere se ho lavorato in Romania 22 anni e sono già in pensione e in Italia 12 anni e quest'anno compio 67 nell mese di dicembre,quando devo fare i documenti per la pensione di Italia,quanti mesi prima di 67 anni ?grazie mille!

    RispondiElimina
  70. L'"unknow" del messaggio delle 15.56 sono io, non so per quale motivo mi sia partito come anonimo. Grazie

    RispondiElimina
  71. Buona sera, dovrei iniziare un rapporto di lavoro come assistente familiare diurna per 6 ore al giorno con inquadramento bs( la persona deambula con deambulatore, mangia da sola, autosomministra terapia medica, ma necessita di supporto dell'igiene personale e nella vestizione),e occuparmi della pulizia della casa. A quanto dovrebbe ammonterebbe lo stipendio?
    Grazie per l'attenzione

    RispondiElimina