venerdì 16 marzo 2018

Badanti e Colf - CCNL Anni 2017 - 2018 - 2019

Classificazione di Badanti e Colf

Livello A
Collaboratori familiari generici, non addetti all'assistenza di persone, con esperienza professionale (maturata anche presso datori di lavoro diversi) non superiore a 12 mesi.
Livello A Super
Addetto alla compagnia, baby sitter (mansioni occasionali e/o saltuarie).
Livello B
Collaboratori familiari che, in possesso della necessaria esperienza svolgono con specifica competenza le proprie mansioni, ancorchè a livello esecutivo.
Livello B Super
Assistente a persone autosufficenti
Livello C
Collaboratori familiari che, in possesso di specifiche conoscenze di base, sia teoriche che tecniche, relative allo svolgimento dei compiti assegnati, operano con totale autonomia e responsabilità.
Livello C Super
Assistente a persone non autosufficenti (non formato).
Livello D
Collaboratori familiari che, in possesso dei necessari requisiti professionali, ricoprono specifiche posizioni di lavoro caratterizzato da responsabilità, autonomia decisionale e/o coordinamento.
Livello D Super
Assistente a persone non autosufficenti (formato). Svolge mansioni di assitenza a persone non autosufficenti, ivi comprese, se richieste, le attività connesse alle esigenze del vitto e della pulizia della casa ove vivono gli assistiti.


Orario di lavoro

Nel lavoro a tempo pieno l'attuale durata normale dell'orario di lavoro è concordata tra le parti e comunque con un massimo di:
10 ore giornaliere non consecutive, per un totale di 54 ore settimanali per i lavoratori conviventi.-
8 ore giornaliere non consecutive, per un totale di 44 ore settimanali per i lavoratori non conviventi.-
Il lavoratore ha diritto ad un riposo di almeno 8 ore consecutive nella giornata e ad un ulteriore riposo intermedio di almeno 2 ore da fruirsi nelle ore pomeridiane.-


Riposo settimanale

Il riposo settimanale è di 36 ore e deve essere goduto per:
  • 24 ore di domenica (o altra giornata stabilita nel contratto di assunzione). Questo riposo è irrinunciabile. In caso di richiesta di prestazione lavorative per esigenze imprevedibili le ore vanno retribuite con la maggiorazione del 60% sia per i lavoratori non conviventi che per i lavoratori conviventi.-
  • 12 ore in qualsiasi altro giorno della settimana. Qualora fossero richieste prestazioni lavorative nel giorno fissato, il riposo può essere goduto in altro giorno della settimana (in assenza di recupero le ore lavorate vanno retribuite con la maggiorazione del 40% sia per i lavoratori non conviventi che per i lavoratori conviventi).- 

Lavoro straordinario

Personale non convivente:
E' compensato con una maggiorazione del:
  • 10% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno compreso tra le 40 e le 44 ore settimanali.- 
  • 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).- 
  • 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).- 
  • 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo o in giorno festivo infrasettimanale.- 

Personale convivente:
E' compensato con una maggiorazione del:
  • 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).- 
  • 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).- 
  • 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo stabilito e nelle festività infrasettimanali.- 
  • 40% per le ore di lavoro prestate nella mezza giornata di riposo (mancato riposo).- 

Scatti di anzianità

Per ogni biennio di servizio presso lo stesso datore di lavoro spetta al lavoratore un aumento pari al 4% sulla retribuzione minima contrattuale, per un massimo di 7 scatti.-

Festività

1° gennaio - 6 gennaio – lunedì di Pasqua – 25 aprile – 1° maggio – 2 giugno – 15 agosto – 1° novembre – 8 dicembre – 25 dicembre – 26 dicembre – S. Patrono. In queste giornate il lavoratore ha diritto al completo riposo e alla retribuzione normale. Se una delle festività sopra elencate coincide con la domenica o nel giorno di riposo stabilito, il lavoratore ha diritto al recupero del riposo in altra giornata o, in alternativa, al pagamento di 1/26 della retribuzione. Se invece è lavorata è dovuto, oltre alla normale retribuzione giornaliera il pagamento delle ore lavorate maggiorate del 60%.


Ferie

Indipendentemente dalla durata dell'orario di lavoro, per ogni anno di servizio il lavoratore ha diritto a 26 giorni lavorativi di ferie se la distribuzione dell'orario di lavoro settimanale è su 6 giorni (occorre proporzionare se i giorni lavorativi sono inferiori a sei). La retribuzione dei giorni di ferie è maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto se dovuto. Le ferie non possono essere monetizzate (salvo i giorni non goduti che residuano alla cessazione del rapporto di lavoro).-

Malattia

L'art. 26 del C.C.N.L. inerente la retribuzione della malattia delle colf e/o badanti.Come primo dovere, il datore di lavoro, una volta ricevuto il certificato medico entro 2 giorni dall'inizio della malattia fatto emettere dal lavoratore entro il giorno successivo al verificarsi dell'evento, avrà l'obbligo di mantenere il posto di lavoro per un periodo di tempo variabile in base all'anzianità di servizio della colf e /o badante, sia questa convivente che non convivente. Il periodo di conservazione del posto di lavoro è pari a:
  • 10 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica (sia convivente che non convivente) con anzianità inferiore a 6 mesi;
  • 45 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica con anzianità di servizio compreso tra i 6 mesi ed i 2 anni;
  • 180 giorni di calendario (incluse le domeniche) se l'anzianità di servizio della colf è superiore a 2 anni.

Oltre l'obbligo di mantenimento del posto di lavoro, il datore di lavoro è poi obbligato a remunerare la malattia garantendo un salario coincidente al 50% della retribuzione globale di fatto per i primi 3 giorni di calendario e pari al 100% della retribuzione globale di fatto per un numero di giorni pari a:
  • 8 giorni complessivi nell'anno per anzianità di servizio inferiore a 6 mesi;
  • 10 giorni complessivi di calendario nell'anno per anzianità di servizio compresa tra 6 mesi e 2 anni;
  • 15 giorni complessivi di calendario nell'anno per contratti di lavoro con anzianità di servizio superiore a 2 anni.


Tredicesima mensilità

Al lavoratore spetta una mensilità aggiuntiva, pari alla retribuzione maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto. Per colf e badanti conviventi la tredicesima mensilità è pari allo stipendio mensile + vitto e alloggio e per il 2012 è pari a 132,60 euro (5,19 al giorno x 26 giorni).-


TFR (Trattamento di fine rapporto)

Deve essere liquidato al termine del rapporto di lavoro e indicativamente corrisponde ad una mensilità per ogni anno di servizio prestato.-
Una volta stabilità qual è l'anzianità maturata dalla lavoratrice, si passa al calcolo vero e proprio.
  1. Il primo passo consiste nel determinare la somma pagata nel corso dei singoli anni, comprensiva della tredicesima e delle indennità di vitto e alloggio per le colf conviventi o che consumano in casa uno o più pasti. 
  2. L'importo della retribuzione annuale, diviso per 13,5, rappresenta la quota annuale da accantonare per il trattamento di fine rapporto. 
  3. Le singole quote annuali vanno rivalutate con degli appositi coefficienti dati dalla somma di due indici di cui:
    • il primo è pari al 75% dell'aumento del costo della vita accertato dall'Istat per gli operai e gli impiegati;
    • il secondo è dato da una percentuale fissa pari all'1,50% all'anno (0,125% al mese).

Preavviso per Licenziamento o Dimissioni

Il rapporto di lavoro domestico può cessare per libera volontà del lavoratore e del datore di lavoro.

Non c'è necessità di motivare l'interruzione del rapporto di lavoro, ma deve essere concesso un termine di preavviso, che varia a seconda che il rapporto di lavoro sia superiore od inferiore a 24 ore settimanali, ed all’anzianità di servizio presso il datore di lavoro. Le parti possono regolare tra di loro questi termini, che però non possono comunque essere inferiori a quelli stabiliti per legge.
In caso di licenziamento, se il lavoratore è impegnato per oltre 24 ore settimanali e ha maturato fino a cinque anni di anzianità presso lo stesso datore di lavoro, il termine di preavviso deve essere almeno di 15 giorni di calendario. Il termine deve essere di almeno 30 giorni se gli anni di anzianità sono oltre i cinque.

Se invece il rapporto di lavoro è fino a 24 ore settimanali il preavviso dovrà essere pari ad 8 giorni di calendario, fino a due anni di anzianità e 15 giorni di calendario, oltre i due anni di anzianità.
Nel caso di dimissioni da parte del lavoratore i termini sono ridotti del 50%.


Presenza Notturna

I lavoratori assunti per garantire esclusivamente la presenza notturna (e non l’assistenza o cura) rappresentano una categoria a sé.
Le prestazioni di presenza notturna sono quelle effettuate in una fascia oraria notturna interamente ricompresa tra le ore 21.00 e le ore 8.00 e prevedono che il datore di lavoro metta a disposizione del lavoratore un alloggio idoneo per il completo riposo notturno.
Questo tipo di prestazioni vengono inquadrate in una categoria specifica di lavoro domestico, la "presenza notturna", che ha un parametro retributivo specifico (Tabella E, Presenza notturna).
Nel contratto di lavoro dovranno essere indicata la categoria di prestazioni ("prestazioni notturne") e l'ora d'inizio e quella di cessazione dell'assistenza.
Qualora venissero richieste al lavoratore prestazioni diverse dalla mera presenza, queste non saranno considerate lavoro straordinario, bensì retribuite aggiuntivamente sulla base delle retribuzioni previste per i lavoratori non conviventi, come da Tabella C, con le eventuali maggiorazioni contrattuali e limitatamente al tempo effettivamente impiegato.


Assistenza Notturna

È possibile assumere personale non infermieristico perché resti a disposizione durante la notte e presti assistenza in caso di bisogno.
Questo tipo di personale viene inquadrato in una categoria specifica di lavoro domestico, "assistenza notturna", che prevede come mansioni “discontinue prestazioni notturne di cura alla persona”.
La categoria di assistenza notturna viene retribuita secondo dei parametri specifici.
Per essere inquadrata come “discontinue prestazioni notturne di cura alla persona”, l’assistenza prestata deve avere carattere di discontinuità: prevede infatti attesa, ma non sempre assistenza. Il lavoratore si obbliga perciò a garantire al datore di lavoro la propria disponibilità allo svolgimento di prestazioni di assistenza in modo discontinuo o intermittente e in un arco di tempo predefinito: la fascia oraria notturna.
Diverso è invece il caso di prestazioni esclusivamente di attesa - e non di cura, nemmeno discontinua. In questo caso, la prestazione viene inquadrata in una categoria diversa, appunto di "presenza notturna".
Si qualifica come "assistenza notturna" il lavoro prestato in una fascia oraria notturna interamente ricompresa tra le ore 20.00 e le ore 8.00.
Il datore di lavoro dovrà a tal fine provvedere all’assistente un’idonea sistemazione per la notte, qualora non fosse convivente, oltre alla cena e alla colazione.
Al personale convivente dovranno essere in ogni caso garantite undici ore di riposo consecutivo ogni ventiquattro ore.
Nel contratto di lavoro dovranno essere indicate l’ora d’inizio e quella di cessazione dell’assistenza e il suo carattere di prestazione discontinua.
Le “discontinue prestazioni notturne di cura alla persona” hanno dei parametri specifici di remunerazione. Fanno infatti riferimento alla TABELLA D dei minimi retributivi previsti per legge.
In particolare, nel caso in cui l’assistenza notturna riguardi soggetti autosufficienti (bambini, anziani, portatori di handicap o ammalati), la badante verrà inquadrata nel livello B super.
Nel caso in cui l’assistenza TABELLA riguardi soggetti non autosufficienti, la badante verrà inquadrata nel livello C super (se non formata) o D Super (se formata).
Massimo 10 ore non consecutive al giorno se convivente fino a 54 ore settimanali.-
Massimo 8 ore non consecutive al giorno se non convivente fino a 40 ore settimanali.-


Assegno per il Nucleo Familiare:

I lavoratori domestici hanno diritto alla corresponsione dell’ assegno per il nucleo familiare, ma a differenza dei lavoratori subordinati il pagamento non avviene da parte del datore di lavoro, bensì direttamente dall’INPS. La richiesta va quindi effettuata direttamente all’INPS via internet, tramite accesso alla propria area riservata sul portale www.inps.it o tramite patronato.
L’assegno per il nucleo familiare è pagato direttamente dall’INPS con due rate semestrali posticipate secondo la modalità scelta dall’interessato nel modello di domanda (bonifico presso l’Ufficio Postale, accredito sul conto corrente bancario o postale).
La misura dell’assegno varia oltre che in base al reddito lordo complessivo e al numero dei componenti il nucleo familiare anche in base alle ore di lavoro:
Ai lavoratori domestici spettano tanti assegni giornalieri quanti ne risultano dal quoziente che si ottiene dividendo per quattro il numero delle ore di lavoro risultanti dalla contribuzione complessivamente versata o dovuta nel trimestre, da uno o più datori di lavoro, e per un massimo di sei assegni giornalieri per ogni settimana.-

MINIMI SALARIALI ANNO 2019:
Livello A   Conviventi paga mensile euro    636,20 -  Non conviventi paga oraria euro 4,62
Livello AS Conviventi paga mensile euro    751,88 -  Non conviventi paga oraria euro 5,45
Livello B   Conviventi paga mensile euro    809,71 -  Non conviventi paga oraria euro 5,78
Livello BS Conviventi paga mensile euro    867,55 -  Non conviventi paga oraria euro 6,13
Livello C   Conviventi paga mensile euro    925,40 -  Non conviventi paga oraria euro 6,47
Livello CS Conviventi paga mensile euro    983,22 -  Non conviventi paga oraria euro 6,82
Livello D   Conviventi paga mensile euro 1.156,72.-  Non conviventi paga oraria euro 7,87
Livello DS Conviventi paga mensile euro 1.214,56 -  Non conviventi paga oraria euro 8,21
Presenza notturna livello unico euro 668,01.-
Assistenza notturna
Livello BS  Assistenza a persone autosufficienti euro 997,67.-
Livello CS  Assistenza a persone non autosufficienti (non formato)  euro 1.130,70.-
Livello DS  Assistenza a persone non autosufficienti (formato) euro 1.396,77.-
Vitto e alloggio                      valore giornaliero        valore mensile
Pranzo e prima colazione       euro 1,96 x 26            euro   50,96.-
Cena                                       euro 1,96 x 26            euro   50,96.-
Alloggio                                 euro 1,69 x 26            euro   43,94.-
Totale                                      euro 5,61 x 26            euro 145,86.-

CONTRIBUTI ORARI DEL 2019
Rapporti di lavoro a tempo indeterminato:
a) Orario fino a 24 ore settimanali

Retribuzione oraria effettiva fino a 8,06       con CUAF      Contributo orario euro 1,43 (0,36)
                                                                       senza CUAF   Contributo orario euro 1,43 0,36)               
Retribuzione oraria effettiva da 8,06 a 9,81  con CUAF      Contributo orario euro 1,61 (0,40)
                                                                       senza CUAF   Contributo orario euro 1,62 (0,40)
Retribuzione oraria effettiva oltre 9,81         con CUAF      Contributo orario euro 1,96 (0,49)
                                                                       senza CUAF   Contributo orario euro 1,97 (0,49)

b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi                     Retribuzione con CUAF *     Contributo orario euro 1,04 (0,26)
Qualsiasi                     Retribuzione senza CUAF*   Contributo orario euro 1,04 (0,26)        
*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari

Rapporti di lavoro a tempo determinato:
a) Orario fino a 24 ore settimanali
Retribuzione oraria effettiva fino a 8,06       con CUAF      Contributo orario euro 1,52 (0,36)
                                                                       senza CUAF   Contributo orario euro 1,53 (0,36)                            
Retribuzione oraria effettiva da 8,06 a 9,81  con CUAF      Contributo orario euro 1,72 (0,40)
                                                                       senza CUAF   Contributo orario euro 1,73 (0,40)
Retribuzione oraria effettiva oltre 9,81         con CUAF      Contributo orario euro 2,10 (0,49)
                                                                       senza CUAF   Contributo orario euro 2,11 (0,49)
b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi                     Retribuzione con CUAF *     Contributo orario euro 1,11 (0,26)
Qualsiasi                     Retribuzione senza CUAF*   Contributo orario euro 1,12 (0,26)        


*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari


----------------------------------------------------------------------------------------------

Minimi salariali anni 2018


LivelloConviventi - Paga MensileNon Conviventi - Paga Oraria
A629,154,57
AS743,555,39
B800,745,72
BS857,946,06
C915,466,40
CS972,336,74
D1.143,917,78
DS1.201,118,12

Presenza notturna livello unico euro 660,61
Assistenza notturna
Livello BS Assistenza a persone autosufficienti euro 986,62
Livello CS Assistenza a persone non autosufficienti (non formato) euro 1.118,18 - (7,26 x ora)
Livello DS Assistenza a persone non autosufficienti (formato) euro 1.381,30 - (8,75 x ora)

Vitto e AlloggioValore GiornalieroValore Mensile
Pranzo e prima colazione1,93 x 2650,18
Cena1,93 x 2650,18
Alloggio1,67 x 2643,42
Totale5,53 x 26143,78



Minimi salariali anni 2017

LivelloConviventi - Paga MensileNon Conviventi - Paga Oraria
A625,154,54
AS738,825,36
B795,655,68
BS852,486,02
C909,336,36
CS966,156,70
D1.136,647,73
DS1.193,478,07


Presenza notturna livello unico euro 656,41
Assistenza notturna
Livello BS Assistenza a persone autosufficienti euro 980,35
Livello CS Assistenza a persone non autosufficienti (non formato) euro 1.111,07 - (7,21 x ora)
Livello DS Assistenza a persone non autosufficienti (formato) euro 1.375,52 - (8,69 x ora)

Vitto e AlloggioValore GiornalieroValore Mensile
Pranzo e prima colazione1,9157,30
Cena1,9157,30
Alloggio1,6649,80
Totale5,48164,40

CONTRIBUTI ORARI DEL 2018

Rapporti di lavoro a tempo indeterminato:

a) Orario fino a 24 ore settimanali
Retribuzione oraria effettiva fino a 7,97 

  • con CUAF Contributo orario euro 1,41 (0,35)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,42 (0,35)

Retribuzione oraria effettiva da 7,97 a 9,70

  • con CUAF Contributo orario euro 1,59 (0,40)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,60 (0,40)

Retribuzione oraria effettiva oltre 9,71

  • con CUAF Contributo orario euro 1,94 (0,49)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,95 (0,49)


b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,02 (0,26)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,03 (0,26)  
*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari

Rapporti di lavoro a tempo determinato:

a) Orario fino a 24 ore settimanali
Retribuzione oraria effettiva fino a 7,97 

  • con CUAF Contributo orario euro 1,51 (0,35)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,51 (0,35)

Retribuzione oraria effettiva da 7,97 a 9,70

  • con CUAF Contributo orario euro 1,70 (0,40)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,71 (0,40)

Retribuzione oraria effettiva oltre 9,70

  • con CUAF Contributo orario euro 2,07 (0,49)
  • senza CUAF Contributo orario euro 2,08 (0,49)

b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,10 (0,26)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,10 (0,26)  
*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari

CONTRIBUTI ORARI DEL 2017

Rapporti di lavoro a tempo indeterminato:
a) Orario fino a 24 ore settimanali
Retribuzione oraria effettiva fino a 7,88 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,39 (0,35)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,40 (0,35) 
Retribuzione oraria effettiva da 7,88 a 9,59 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,57 (0,40)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,58 (0,40)
Retribuzione oraria effettiva oltre 9,59 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,91 (0,48)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,93 (0,48)

b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,01 (0,25)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,02 (0,25)

*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari


Rapporti di lavoro a tempo determinato:
a) Orario fino a 24 ore settimanaliRetribuzione oraria effettiva fino a 7,88 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,49 (0,35)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,50 (0,35) 
Retribuzione oraria effettiva da 7,88 a 9,59 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,68 (0,40)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,69 (0,40)
Retribuzione oraria effettiva oltre 9,59 
  • con CUAF Contributo orario euro 2,05 (0,48)
  • senza CUAF Contributo orario euro 2,06 (0,48)
b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,08 (0,25)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,09 (0,25)

*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari


Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

170 commenti:

  1. Salve Dottore,
    vorrei fare domanda per cittadinanza italiana. HO UNA MOGLIE E DUE FIGLI (12 anni e 10 anni) a carico mio. posso fare la domanda per residenza. Sto in italia con residenza permanente dal 2008 .VORREI SAPERE per il mio caso IL REDDITO MINIMO di dimostrare ultimi 3 anni. Sono lavoratore domestico. Estratto conto contributivo dal INPS dimostra poco reddito. Pero mio 730 dimostra quasi doppio .Per lavoratori domestico e' obbligatorio di dimostrare alla prefettura , estratto conto contributivo INPS , chi ha 730

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il reddito si può rilevare solo dalla dichiarazione dei redditi, quindi dal 730 e non dall'estratto contributivo dell'INPS, perché i contributi all'INPS vengono versati in base alle ore di lavoro settimanali e non in base alla paga effettivamente percepita.-

      Elimina
    2. IL MIO REDDITO (730) PER 2016 SOLO 12,672,00 (MOGLIE E 2 FIGLI A CARICO); PER FARE DOMANDA PER CITTADINANZA COSI BASTA ? altri anni SONO di più . PER FAVORE FA MI SAPERE ?

      Elimina
    3. Nel caso di richiesta di concessione della cittadinanza italiana ai sensi dell'art 9, comma 1, della legge 5 febbraio 1992 n.91 è necessario essere in possesso di un reddito personale (o familiare) negli ultimi 3 anni antecedenti a quello di presentazione della domanda pari a
      - euro 8.263,31 per il solo richiedente senza persone a carico
      - euro 11.362,05 per il richiedente con coniuge a carico
      - euro 516,00 per ogni ulteriore persona a carico.
      Si devono presentare i modelli fiscali (CUD, UNICO, 730) relativi ai redditi degli ultimi 3 anni.-

      Elimina
  2. Buona sera.ho una domanda ,anzi 2:1(devono riinborsare buonopasto quando sono in ferie?)....2 (se nelle mie ferie dal15 aprile - 2 maggio ci sono 3 giorni dele feste -lunedi del pasqua 25 aprile e 1 maggio,le devo godere dopo ho sarano pagate ? Sono asunta tramite coldiretti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Durante il periodo di ferie si ha diritto sia all'indennità sostitutiva di vitto e alloggio che al pagamento delle festività che ci capitano.-

      Elimina
  3. Buongiorno avvocato sono Lucia ho una domanda da fare ! Sono stata assunta con contratto BS non convivente , adesso io devo fare un intervento di alluce valgo ho avvisato il mio datore di lavoro mi ha detto che loro non po' pagarmi il periodo di convalescenza per ceo mi devono licentiarmi !! E GIUSTO FARLO???? Poi io come una stupida ho firmato il foglio adesso cosa devo fare per favore???? Fine rapporto di lavoro sarebbe il 24-02-2019 . Grazie cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucia!
      Non so casa hai firmato, ti consiglio comunque di rivolgerti a un sindacato per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  4. Buongiorno avvocato sono Elena.sono badante. con un contratto di lavoro indeterminato. livello CS. 54 ore settimanali- con gg di riposo sabbato/ tutto giorno/ e domenica fin 15.00. domenica dalle 15.00 alle 19.00 giorno lavorativo- vogli sapere come è deve essere pagato 6 gennaio 2019 (domenica e giorno festivo)- nell busta paga risulta 24 gg lavorativi e 2 gg festivi .Grazie cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena!
      Per te la domenica è una giornata lavorativa quindi il 6 gennaio è solo un giorno festivo.-

      Elimina
    2. Grazie mille. Adesso avrei bisogno altro chiarimento. Sabato e domenica fin 15.00 miei 36 ore settimanali di riposo. Se domenica solo un giorno festivo.io devo essere libera tutto giorno- praticamente 36+24=60ore-o mi devo contare le ore fin 00.00 di lunedi- Lo prego di spiegarmi come è giusto- perchè situazione simile sucedera* anche 02.06.2019- e io voglio essere preparata per dibattuto con miei datori di lavoro-

      Elimina
    3. Ciao Elena!
      In base al contratto che hai sottoscritto il sabato è una giornata di riposo mentre la domenica no, quindi il pomeriggio di domenica devi lavorare.-

      Elimina
  5. CIAO GIANFRANCO HO UNA DOMANDA. QUALE DOCUMENTE DEVO PRESENTARE QUANDO VADO A STIPULARE UN CONTRATTO CON L'AGENZIA PER LE BADANTE. HO USATO SEMPRE IL PERMESSO DI SOGIORNO,INVECE QUESTA DIRIGENTE DEL'AGENZIA MI HA CEAMATTO E MI HA DETTO DI PORTARE DA LEI LA CARTA DI IDENTITA. SPIEGATEMI PER FAVORE A COSA SERVE A L'AGENZIA LA MIA CARTA D'IDENTITA?GRAZIE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      Il permesso di soggiorno è un documento che certifica che puoi circolare e lavorare liberamente in Italia, ma solo la carta d'identità certifica i tuoi dati anagrafici necessari per instaurare un nuovo rapporto di lavoro.-

      Elimina
  6. Ho fatto domanda per cittadinanza italiana il luglio 2018. mi dato appuntamento il marzo 2019 per il controllo della documentazione scansionata . Quando fatto domanda, il pagamento del contributo era 200 euro. Ho sentito che adesso è 250 . DEVO PAGARE LA EXTRA 50. COME POSSO PAGARE E COMUNICARE ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Non devi pagare la differenza di 50 euro!
      Infatti la normativa prevede che il contributo è passato a 250 euro per le domande di cittadinanza presentate dopo il 05/10/2018.-

      Elimina
    2. Grazie, Lei molto gentile

      Elimina
  7. Buongiorno avvocato!Gentilmente avrei bisogno di chiarimento So che le badante honno diritto ai permessi retribuiti per le visite mediche(16 ore per le badante conveniente, 12 per quelle non conviene..etc.Le mie domande sono Cosa succede con i giorni non usufruite?si possono comulare, possono essere usati come giorni di ferie o vengono perse?Grazie mille

    RispondiElimina
  8. Buongiorno,
    nel caso in cui una Signora assunta con mansione C Super, assistente a persona non autosufficiente, a 30 ore settimanali, per 2 mesi si dovrà assentare perché ha necessità di tornare dalla sua famiglia in Romania. Non avendo ferie a disposizione, come dobbiamo comportarci? Faremo una busta paga a zero, dove non matureranno ratei ferie, tredicesima e Tfr e quindi non dovremo neanche pagare i contributi Inps, visto che si pagano in base alle ore lavorative?
    Ringrazio e resto in attesa di un Suo riscontro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara!
      SI!
      Confermo!
      Se la badante non ha ferie da usufruire può richiedere un periodo di aspettativa non retribuita, nel quale non matura ne la paga ne i contributi.-

      Elimina
  9. Buona sera avvocato Gianfranco censori vorrei chiederle io faccio la badante 24/24 livelli cs mi pagano con 1100 al mese e vorrei sapere io ho lavorato immacolata, Natale , Santo Stefano,capodanno ,epifania ed il Santo patrono. E in totale mi hanno pagato 84 € in tutto più la paga chiaramente non ostante le festività io e abbia lavorate tutte .
    La ringrazio.

    Aspetto un sua risposta grazie .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il livello CS conviventi prevede una paga mensile di 972,33 euro mensili + 13/ma + TFR + festività + contributi per un orario di lavoro massimo di 54 ore settimanali, quindi le ore lavorate in più devono essere pagate come straordinari.-

      Elimina
    2. Salve avvocato scusi ma allora per 6 festività tra dicembre e febbraio non è giusto che mi paghino con 84€ non so cosa devo fare la prego mi aiuti lei grazie mille

      Elimina
    3. Ti consiglio di rivolgerti a un sindacato per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  10. Ho un contratto indeterminato come domestica con livello Cs faccio 15 ore settimanali Se la Signora si dovesse assentare per 15 giorni e possibile che i giorni non lavorati mi vengano sottratti dalla busta paga?? Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Claudia!
      SI!
      Nel periodo di assenza della signora o vai in ferie o in permessi non retribuiti.-

      Elimina
  11. Buona sera Avvocato mi hanno chiesto una perizia di lavoro Tabella E ccnl domestico di una signora con presenza notturna dal 2004 al 2008 da lunedì a domenica quindi 7 giorni senza orari. che lei sappia la tabella e è dei non conviventi quindi 40 ore settimanali? Infine è vero che nella Tabella E non si applicano LE ferie?Grazie x la risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Filippo!
      NO!
      La tabella E è per conviventi e la paga mensile è per un orario di lavoro fino a 54 ore settimanali + 13/ma + TFR + festività + ferie + contributi.-

      Elimina
  12. Buon Giorno e davvero grazie per la celere e esauriente risposta, provvederò ad aggiungere alla Tabella E la tredicesima + tfr + festività ,ferie e contributi.

    RispondiElimina
  13. Salve dott. Censori sono sempre il dott. Filippo Censi mi potrebbe indicare i riferimenti e/o un provvedimento in cui si chiarisce che la Tabella E è per conviventi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Filippo!
      Il CCNL colf e badanti prevede quanto segue:
      Il collaboratore che viene assunto per mera presenza notturna e non per assistenza continua va retribuito con la paga indicata in tabella E del CCNL collaboratori domestici qualora la sua prestazione sia interamente ricompresa tra le ore 21 e le ore 8. In questo caso va garantito il completo riposo notturno in un alloggio idoneo. Qualora vengano richieste prestazioni diverse dalla presenza le ore lavorate devono essere pagate con la retribuzione prevista per i collaboratori non conviventi (tabella C del CCNL) con le eventuali maggiorazioni contrattuali e limitamente al tempo effettivamente impiegato.-

      Elimina
  14. Buingiorno avv,io sono assunta dal 8.01.19 come badante livello CS non convivente,45 ore settimanale,quindi dal lunedi a venerdi dalle 8 alle 18,ho la paga base 1000+13-ma+ferie+tfr.la mia domanda ho da pagare tasse?perche ho fatto vedere il mio cedolino a un comercialista e lui ha detto che non supero 16000 € quindi non devo pagare nulla,ma io non sono sicura,aspetto la risposta.grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non è vero!
      Non si pagano tasse fino a 8.000 euro di reddito annuale perché le detrazioni spettanti compensano l'IRPEF dovuta, ma se il reddito è superiore vanno pagate le tasse sulla differenza.-

      Elimina
  15. Buongiorno Avocat io prendo la pensione in Romania per anni lavorativi e adesso sono in italia ho lavorato quasi 8 anni e adesso sono in dezocupazione 2 anni( deve dire che io prendo la pensionein Romania,)e per questi 8 anni no ho fatto mai 730 cosa succede? ,e dopo dezocupazione volio fare la domanda per pensione 100

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pensione che percepisci in Romania va dichiarata insieme agli altri redditi prodotti in Italia, quindi ti consiglio di metterti in regola se vuoi evitare interessi e sanzioni.-

      Elimina
  16. Buona sera avvocato! Vorrei chiedere un consiglio dà lei. Lavoro come badante dal 2013 in losteso posto,due anni fa le cose sono cambiate,la segniora era caduta e rimasta non autosufficiente, quindi il mio contratto è stato cambiato a livello cs fino qui tutto apposto,in contratto e scritto che ho libero giovedì tuttol giorno e la domenica pomeriggio, siamo messi d'accordo che il giovedì la notte rientro a dormire la casa della segniora,pero li ho detto quanto c'è la faccio non ci sono problemi però adesso ché la situazione è cambiata con la segniora e pesante pisicamente ho chiesto di darmi libero una notte, specifico che ho libero giovedì dal 8 di mattina alle 8 di sera,e la domenica dal 14 alle 20, quindi non mi concedo una notte di riposo. Allora cosa mi consiglia lei ? Lì ho detto di licenziarmi e le figlie della segniora non vogliono, quindi come devo comportarmi per poter andare in disucopazione? La ringrazio in anticipo per la risposta avvocato, buona serata! Valy.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno avvocato,v vorre spiegarmi meglio ,io chiedo al datore di lavoro la notte libera di dormire fuori non e che voglio per forza licenziarmi, però come il mio datore di lavoro si rifiuta dicendo che sono convivente e devo dormire per forza a casa loro, e come io sappia che non è vero ,altra scelta non vedo che licenziarmi con la giusta causa, chiedo a lei cosa devo fare,e cosa mi serve per licenziarmi con la giusta causa.Grazie per la sua disponibilità e buona giornata!

      Elimina
    2. Nel tuo caso non ci sono i presupposti per presentare le dimissioni per giusta causa, nel senso che puoi prenderti la notte di riposo che ti spetta e se alle figlie non sta bene dovranno essere loro a licenziarti.-
      Ti consiglio eventualmente di rivolgerti a un sindacato per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  17. Buongiorno, la ringrazio subito per la pronta risposta al quesito che le avevo posto l'8 febbraio. Alla mia collaboratrice è arrivato il verbale definitivo INPS "invalido con totale e permanente inabilità lavorativa 100% e con necessità di assistenza continua non essendo in grado di compiere gli atti quotidiani L. 18/80" E' prevista la revisione nel mese di gennaio del 2020. Non vorrei procedere al licenziamento, fra l'altro so che ha diritto alla conservazione del posto di lavoro per 180 giorni maggiorato del 50% in quanto affetta da patologia oncologica (quindi 270 gg o 360 gg?). E' corretto se comunico all'INPS per i prossimi trimestri la sospensione dei contributi considerandola come se fosse una malattia oltre i 15 gg retribuiti, eventualmente allegando il verbale? In questo modo arriverei al gennaio 2020 data di revisione. Ho però la preoccupazione che questa procedura crei problemi alla mia collaboratrice, persona a me molto cara, soprattutto in merito ai benefici economici che l'INPS le ha riconosciuto. Il fatto poi che abbia lavorato fra il primo riconoscimento provvisorio della commissione medica e la presentazione del verbale definitivo può costituire un problema per la collaboratrice? La ringrazio fin da ora per l'attenzione. Cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angela!
      SI!
      Puoi comunicare all'INPS che la collaboratrice è in malattia con prognosi fino a gennaio 2020, e che pertanto fino a tale data sospenderai il pagamento dei contributi.-
      Se la decorrenza dei benefici economici ai quali ha diritto la collaboratrice è successiva alla data dell'ultimo giorno di lavoro non ci sono problemi, altrimenti deve comunicare all'INPS fino a che giorno ha lavorato prima di mettersi in malattia.-

      Elimina
  18. BUONGIORNO GIANFRANCO ,VOGLIO SAPERE PER LE BADANTE QUANDO POSSO CONSENIARE I DOCUMENTI PER LA DICHIARAZIONE DEI REDITI? PORTAVA I DOCUMENTI NEL MESE DI GIUGNO, MA ADESSO CI SIAMO SPOSTATI IN ALTRA CITA CON IL MIO DATORE DI LAVORO. POSSO CONSSENIARE I DOCUMENTE IN MESE DI LUGLIO? GRAZIE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      SI!
      Puoi consegnare i documenti per la presentazione della dichiarazione dei redditi anche nel mese di luglio e se ancora in tempo ti faranno il 730 altrimenti il modello unico.-

      Elimina
  19. Buongiorno avvocato! Sono una badante convivente con un contratto di 36 ore lavorative la settimana, e come il mio contratto e scritto che devo acurire la persona non autosufficiente e la pulizia della casa,in quelle 6 ore al giorno non riesco a fare tutto perché là persona che acurisco impegna molto deve stare sempre in dietro a lei, che e molto lenta e non posso lasciarla da sola in bagno o a camminare dà sola,come devo comportarmi a lavorare solo l'è ore assicurate o a fare tutto che impegna più ore,il mio datore di lavoro dice che devo fare tutto quello che dice il contratto di lavoro,io ho detto sì faccio quello che è scritto in contratto lavoro 6 ore al giorno,mi spiega lei cosa devo fare?Grazie in anticipo per la sua disponibilità,b buon giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con un contratto di 36 ore settimanali tu per legge devi lavorare solo per le 36 ore contrattuali e fare quello che riesci a fare, quindi se non riesci a svolgere tutte le mansioni che ti vengono assegnate, o il tuo datore di lavoro si accontenta del lavoro che svolgi o deve aumentarti l'orario di lavoro; ti consiglio eventualmente di rivolgerti a un sindacato per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  20. Buongiorno avvocato. Lavoro come badante BS 54 ore sett. Lavoro dal 16/02/2015. Dattore di lavoro a fatto contrato con stipendio 850 (2015).Ci siamo nel 2019 che per BS stipendio 867 euro. Comercialista dice, che contrato e firmato con 850, quindi tuti questi anni mi tolgono diferenta. E giusto? Devo cambiare contrato oppure mi devono pagare dopo lege 867? La ringrazio in anticipo per la risposta. Buona giornata. Nadia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nadia!
      Il contratto è stato firmato nel 2015 in base alla paga prevista dal tuo CCNL in quella data, quindi nel 2019 devono pagarti in base alla paga prevista attualmente per il tuo livello di inquadramento, e dovrebbero anche pagarti gli arretrati, ti consiglio di rivolgerti eventualmente a un sindacato per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  21. Buongiorno avvocato. Lavoro come badante livello DS nonconvivente 54ore settimanali. 10 ore giornaliere tra quali 2 ore di riposo dopopranzo. Vorrei sapere le 2 ore di riposo sono obbligata a stare in casa o posso uscire di casa? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nelle 2 ore di riposo sei libera da ogni impegno, quindi non sei obbligata a restare in casa e pertanto puoi anche andare dove vuoi.-

      Elimina
  22. Buongiorno avvocato.Sono in desocupazzione fino in ottombre ma in mio paese(romania) ho diritto alla pensione anticipata din maggio ,poso andare in pensione?E un altra domanda:di 3 mese non ho ricevuto 80 euro Renzi ,perche?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Le regole per andare in pensione sono diverse tra Italia e Romania quindi se non mi dici la tua età e la tua situazione contributiva complessiva non posso esserti d'aiuto.-
      - Per il diritto al bonus Renzi è necessario superare gli 8.000 euro di reddito annuale, quindi se raggiungerai i requisiti potrai recuperare l'importo con la dichiarazione dei redditi del prossimo anno.-

      Elimina
  23. Scuze Avvocato.La mia domanda era:se io percepisco indennita di desoccupazione non ce niente che impedisca a percepire pensione anticipata in mio paese?Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non posso esserti d'aiuto perché non sono a conoscenza della normativa a livello pensionistico vigente in Romania.-

      Elimina
  24. Salve Av e Buon sabato Santo.vorei sapere se come la mia vecchia e ricoverata io per questo periodo sarò pagata ? Se non sto con lei da ospedale e ne a casa sua ? Perché io ho la mia casa è e per questo periodo sto a casa mia perché non ce bisogno di stare con lei da ospedale .grazie..Maria e Buona Pasqua

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      Per il periodo di ricovero, se non ti viene richiesto di assistere la persona in ospedale, presumo che verrai messa in ferie.-

      Elimina
    2. Grazie,ma se come sono assunta con il 1 di Aprile? Nn o ferie .

      Elimina
    3. Ciao Maria!
      Dipende dalla durata del ricovero, nel senso che se è breve possono anticiparti le ferie anche se non sono state ancora maturate, se invece la durata sarà lunga presumo che verrai messa in aspettativa quindi senza paga.-

      Elimina
  25. Bongirno,segnor avvocato.Sono Galia lavoro come badante livello CS conviventi 54ore settimanale. Con il giorno di riposo di giovedi.Voglio sapere per favore,come deve esere pagata la domenica,come giorno lavorativo o come giorno di festa? Gratie.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Galia!
      Personale convivente:
      E' compensato con una maggiorazione del:
      - 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).-
      - 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).-
      - 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo stabilito e nelle festività infrasettimanali.-
      - 40% per le ore di lavoro prestate nella mezza giornata di riposo (mancato riposo).-

      Elimina
  26. Salve sen.avvoc.sono di nuovo Galia ,grazie per risposto,ma io volevo sapere,in coso come lavoro io,domenica deve esere come un giorno festivo?Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Galia!
      I giorni di riposo settimanali devono essere una giornata e mezzo, quindi se sono previsti dal contratto per esempio il giovedì tutta la giornata e il venerdì mattino, vuol dire che la domenica è una giornata lavorativa.-

      Elimina
  27. Buongiorno avvocato! Ho una domanda,come dev'essere pagata per giovedì 25 aprile, specifico che giovedì per me è giorno libera quindi sarò libera solo com'è giorno dì riposo,e come e anche festa e non mi la prendo in altra giornata mi la deve pagare come una giornata lavorativa più 60 % ? Grazie per la sua disponibilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se una delle festività coincide con la domenica o nel giorno di riposo stabilito, il lavoratore ha diritto al recupero del riposo in altra giornata o, in alternativa, al pagamento di 1/26 della retribuzione. Se invece è lavorata è dovuto, oltre alla normale retribuzione giornaliera il pagamento delle ore lavorate maggiorate del 60%.-

      Elimina
  28. Buongiorno avvocato io sarò assunta a breve come badante,ho capito che la signora camina con deambulatorio ,vorrei sapere in quale livello devo esere asunta persona autosufficiente o non autosufficiente? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi essere assunta al Livello C Super: Assistente a persone non autosufficienti.-

      Elimina
    2. Grazie mille!

      Elimina
  29. Salve!vorrei chiedere una cosa, ho lavorato come badante per due anni circa, Badante Cs 40 ore settimanali non convivente e prendevo circa 1150€ . In realtà facevo 54 ore. Ho il diritto di avere la differenza ? Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Hai diritto diritto ad avere la differenza, ma devi dimostrare l'orario effettivo di lavoro, con prove e testimonianze a tuo favore.-

      Elimina
  30. Buon giorno,dottore. Sono una badante,assunta al lavoro il 1 marzo 2014, con un contratto di lavoro a tempo indeterminato (31h settimanale,dal lunedi al venerdi). Vorrei sapere a quante giorni e quante ore sono maturate le ferie,per il periodo : 1marzo 2014 fino al 1 marzo 2019 ? Grazie.Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna!
      Con un contratto da badante di 5 giorni a settimana si maturano 22 giorni di ferie all'anno.-

      Elimina
  31. Buongiorno avvocato! Sono una badante convivente con contratto convivente con 40 ore a settimana dal gennaio 2019,e la persona che io acurisco e stata ricoverata, quindi il suo tutore mi ha detto che io devo stare con lei in ospedale 24 su 24 perché sono convivente,in questo periodo era anche 1 maggio, quindi vorrei che mi spiega lei come dovevo comportarmi e come dev'essere pagata.Grazie per la sua disponibilità e per la sua disponibilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un contratto da badante convivente con 40 ore a settimana tu sei obbligata a restare in ospedale con la tua assistita solo per le 40 ore di lavoro contrattuali, quindi le ore lavorate in più devono essere pagate come straordinari.-

      Elimina
  32. Salve Av vorei sapere se io mi licenziò da me,durata di 8 giorni di preavviso e compreso anche la domenica?O solo giorni lavorativi.grazie maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      In caso di dimissioni per 8 giorni di preavviso si intendono 8 gironi di calendario.-

      Elimina
  33. Salve.av.sono Anna,grazie per risposta.

    RispondiElimina
  34. Egr. Avvocato,­

    sono Nadia e lavoro c­ome badante in Italia­, vorrei sapere genti­lmente da Lei se con ­la dichiarazione del­ modello Unico mi ver­rà sottoposta a tassa­zione insieme al mio ­reddito da stipendio ­anche la liquidazione­ del TFR che mi viene­ versata annualmente ­in busta paga nel mes­e di agosto.

    Nel salutarla cordial­mente, La ringrazio a­nticipatamente per un­a Sua gradita rispost­a.

    Nadia.­

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nadia!
      SI!
      Anche il TFR è un reddito che va sottoposto a tassazione IRPEF.-

      Elimina
  35. Buongiorno ho un contratto colf di 25 ore alla settimana al mattino da lunedi a venerdi. al pomeriggio faccio un studio dove nell mese di luglio, septembre,ottobre 2019 dovrei fare tirocinio con un orario dalle 7 fino alle 2 da lunedi a venerdi e cosi concludere questo percorso di studio che io mi sono da sola pressa il impegno.
    La mia domanda è posso fare una lettera al datore di lavoro per chiedere permesso non retribuito per il tempo de mi tirocinio per non fare io la.dimissioni e tornare al.lavoro come prima facevo senza più interruzioni perche dovrei usufruire le ore mattutine della settimana per il tirocinio.
    Per che de lo contrario si el datore di lavoro se ne frega de mi richiesta lui cosa può fare mi obbliga a licenziarmi o magari lui al non voler accettare mi richiesta me licenzia lui stesso.
    Come funziona per non perdere il lavoro o magari nei extremis la.mia disoccupazione. Sempre ho lavorato sempre ma in quella famiglia sono assunta da novembre 2018.
    Grazie mille aspetto gentilmente il suo aiuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu hai sottoscritto un contratto che prevede un certo orario di lavoro, e che quindi non puoi cambiare a tuo piacimento; pertanto puoi richiedere quello che vuoi al tuo datore di lavoro che però non è obbligato ad accettare le tue richieste.-
      Questo significa che se il datore di lavoro non accetta la tua richiesta può licenziarti per il mancato rispetto del contratto, ed in tal caso avresti comunque diritto alla NASPI.-

      Elimina
  36. Buongiorno signore Gianfranco ! !
    Ho lavorato come badante convivente 54h /sett stipendio 972€ più Tfr, tredicesima e feria.Ho lavorato 1 anno e 1 messe.
    Voglio sapere di quanto tempo ha bisogna amministratore di sostengo per concludere un accordo amiabile e che è necessario di presentare davanti alla giudice la mia richiesta, è quanto tempo può durare ancora ?? Sono già passate 4,5 messi e niente
    Non ho fatto vertenza sindacale perché mi sono messa d'accordo con lei e diceva che così finisce tutto in 20-30 giorni
    Però niente
    Gentilmente mi dica lei se è una cosa normale e cosa devo fare da ora in poi
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Non è assolutamente una cosa normale, ti consiglio quindi di rivolgerti velocemente a un sindacato per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  37. Salve Av.parlo per conto di una mia amica: o lavorato per 10 ani come badante CS con 36 ore ,però senza un ora di libertà ne la domenica ,ne festività, niente niente sempre chiusa dentro.poi un altra cosa era incinta di 4 messe e per la colpa come doveva alzare la vecchia o perso la gravidanza dentro di casa della vecchia,e stata portata con ambulanze da ospedale urgente con hemoraggie e subito e stata operata,dopo tutti questi la figlia della vecchia anno licenziato subito portando la vecchia a una casa di riposo ,la sig e andata a sindacato per far la vertenza e il sig gli a detto che gli si aspetta sullo otto mille euro ,ma è possibile per 10 anni senza un giorno di riposo,ne la domenica nemmeno un ora al giorno.nel questo caso sig Av lei si può mettere un Av per andare nel tribunale per tutti suoi diritti che gli si aspetta e anche per gli danni della gravidanza???? Grazie mille .Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      Purtroppo se il sindacato le ha fatto un conteggio di 8.000 euro presumo che non abbia prove e testimonianze a suo favore che le consentano di richiedere di più.-
      La tua amica può rivolgersi a un altro sindacato, ma senza farsi troppe illusioni, perché quando tutte queste cose vengono fuori solo dopo la cessazione del rapporto di lavoro, per legge vano dimostrate.-

      Elimina
  38. Senza malizia. Ma se era chiusa in casa senza nessun orario libero come e rimasta incinta? Curiosità personale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Curiosità soddisfatta. Ma vedrete che la famiglia tirerà fuori questo aspetto. Dubito che marito e figlio hanno pagato affitto e bollette.

      Elimina
  39. Buona sera Av vorei sapere se io ho 67 anni e o lavorato 13 anni in Italia e 15 in Romania posso portare gli anni lavorati qua dalla Romania? Grazie ana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Gli anni lavorati in Romania possono essere sommati a quelli lavorati in Italia ai fini del raggiungimento dei requisiti pensionistici, ma poi avrai due pensioni erogate dai due enti previdenziali, in base ai contributi versati nel due Paesi.-

      Elimina
  40. Buongiorno avvocato vorrei chiedere se io sono assunta come badante livello bs con 54 ore settimanali invece di cs 54 ore settimanali sarò svantaggiata per la disoccupazione e pensione? e in che modo? Grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Livello BS Conviventi paga mensile euro 867,55.-
      - Livello CS Conviventi paga mensile euro 983,22.-
      I contributi vengono versati all'INPS in base alle ore di lavoro effettuate e non in base al livello di inquadramento, quindi non cambia nulla ne a livello di disoccupazione ne a livello di pensione.-

      Elimina
    2. Grazie mille!

      Elimina
  41. Buongiorno avvocato.io sono assunta come badante livello CS 45 ore settimanale non convivente,la sig.e caduta 03.05 (di notte era con suo marito)e stata ricoverata il giorno dopo con la frattura del gomito,e frattura della.12-vertebre,quindi e ancora al ospedale, in tutto questo periodo io ogni giorno stavo con lei in ospedale.la.mia domanda:per legge io sono obligata a stare cone lei anche in ospedale? Se no,come devo essere pagata ?(gli orari come sempre dalle 08 alle 17.grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per legge, per il periodo di ricovero devi stare in ospedale con la tua assistita, ovviamente solo per le ore di lavoro contrattuali.-

      Elimina
  42. Buongiorno avvocato. Devo assumere una badate per mio padre. Però prima dì metterla in casa vorrei farle tutte le analisi. E possibile? c’è una legge ce ci tutela.

    RispondiElimina
  43. Buona sera avvocato! Bella questa domanda! E allora anche la badante in questo caso deve chiedere la cartella clinica della persona che deve badare.A me così mi sembra giusto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi pare che hai già risposto tu per conto mio!

      Elimina
    2. Mi scusi avvocato ho risposto io una badante.Perche sto seguendo il suo blog e questa domanda della segniora mi ha fatto proprio ridere scusa avvocato

      Elimina
    3. Tu hai fatto benissimo ad esporre il tuo punto di vista; infatti io sono perfettamente d'accordo con te, e ti ringrazio per il fatto che segui il mio blog!
      Alla prossima!

      Elimina
    4. Grazie a lei avvocato per essere sempre disponibile a aiutare le persone!

      Elimina
    5. Ti ringrazio per i complimenti!
      Alla prossima!!!

      Elimina
    6. Grazie. Però c’è una legge in caso che si rifiuta di fare le analisi.

      Elimina
    7. NO!
      Non c'è assolutamente una legge che obbliga una badante a fare le analisi, ne una legge che obbliga la famiglia a mostrare il verbale di invalidità della persona da assistere alla badante.-

      Elimina
  44. BUON GIORNO AVOCATO, IO HO LAVORATO 5 ANNI COME BADANTE PER UNA SIGNORA,DOVEVO ALZARE SENZA SOLEVATORE,ADESSO SONO MALATA E NON POSSO PIÙ ALZARE, E MI SONO LICENZIATA. IN QUANTO TEMPO MI DEVI PAGARE IL TFR LA SIGNORA, MI DEVI PAGARE TUTTO INTERO HO A RATE???GRAZIE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena!
      Per legge il TFR deve essere corrisposto alla lavoratrice entro 60 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro, ovviamente per intero.-

      Elimina
  45. Buongiorno Avvocato,sono Liliya e non so a chi posso fare la mia domanda ciò è la lombocruralgia chronica e la apnea notturna sono riconosciuti come invalidità civile?Aiuti mi,per favore.Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Liliya!
      Si tratta di una questione di carattere medico quindi devi porre il tuo quesito al tuo medico di famiglia, che eventualmente provvederà per la relativa certificazione medica necessaria per l'avvio di una pratica di invalidità civile.-

      Elimina
  46. Buongiorno avvocato,io sono in disoccupazione,da poco ho trovato lavoro,visto cheho diritto all' assegno di disoccupazione per ancora 5 mesi,adesso interrompo e se resto di nuovo disoccupata potrò avere anche queste 5 mesi rimaste ho no?Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La normativa prevede che la durata della NASPI è pari alla metà delle settimane lavorate negli 4 anni tolti i periodi già utilizzati per precedenti indennità, quindi se resti di nuovo disoccupata, ovviamente o per licenziamento o per scadenza del contratto, e non per dimissioni, potrai recuperare i periodi non utilizzati.-

      Elimina
  47. Buongiorno avvocato , vorrei per cortesia chiedere come sì deve fare nella situazione in cui una persona straniera in desocupazione si trova nel paese di origine per cure mediche e non e temporeamente in grado di presentarsi al Ufficio di lavoro per la verifica periodica , per non perdere la continuita NASPI. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La normativa prevede che in caso di malattia bisogna trasmettere la relativa certificazione medica all'INPS che sospende il pagamento dell'indennità di disoccupazione fino a quando non si riacquista la capacità lavorativa.-
      Questo significa che se si ritorna al Paese di origine senza comunicare nulla all'INPS si perde il diritto all'indennità di disoccupazione.-

      Elimina
  48. Buongiorno. Cosa si deve fare se constati che un ex datore di lavoro non ha pagato contributi. L ultimo bollettino . A chi mi devo rivolgere.grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  49. Buona sera avvocato!Ho bisogno del suo aiuto, sono una badante convivente,e ho i giorni di riposo il giovedì 12 ore e la domenica 18 ore, fino qui tutto apposto, però come 25 aprile era di giovedì io ho avuto solo quelle 12 ore libere, quando il mio datore di lavoro mi ha portato la bustapaga di aprile mi sono trovata con 24 giorni lavorati,e 2 giorni di festa perché era stata anche la pasquetta, quindi la mia domanda e : quel giovedì come dovevo prendere 12 ore di giorno libero?e puoi come era anche festa come doveva essere pagato? secondo me mi doveva pagare come straordinario ma il mio datore di lavoro dice che come la festa coincide con giovedì non posso prenderla un altro giorno neanche non deve essere pagato come straordinario.Lei cosa mi dice?La ringrazio in anticipo per la sua disponibilità e per la sua risposta! Valentina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valentina!
      La normativa prevede quanto segue:
      Festività:
      1° gennaio - 6 gennaio – lunedì di Pasqua – 25 aprile – 1° maggio – 2 giugno – 15 agosto – 1° novembre – 8 dicembre – 25 dicembre – 26 dicembre – S. Patrono. In queste giornate il lavoratore ha diritto al completo riposo e alla retribuzione normale. Se una delle festività sopra elencate coincide con la domenica o nel giorno di riposo stabilito, il lavoratore ha diritto al recupero del riposo in altra giornata o, in alternativa, al pagamento di 1/26 della retribuzione. Se invece è lavorata è dovuto, oltre alla normale retribuzione giornaliera il pagamento delle ore lavorate maggiorate del 60%.-

      Elimina
  50. Grazie mille avvocato, quindi dovevo prendermi il giorno dì riposo in un altro giorno,per che la bustapaga sono pagata come festa, ho capito bene? Grazie mille.

    RispondiElimina
  51. Buona sera avvocato
    Voglio farle delle domande .. oggi a inizio il mio contratto a tempo indeterminato
    Bs assistenza a persone autosufficienti (convivente.)
    Di 30 ore a settimana ( 6 ore al giorno )
    Il mio datore di lavoro mi disse se potevo iniziare sabato alle 19:00 ed uscire domenica alle 9:00 ed rientrare Domenica alle 19:00 fino a lunedi che poi a inizio il contratto.
    Quanto sarebbe la paga per sabato e la Domenica??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Straordinario:
      Personale convivente:
      E' compensato con una maggiorazione del:
      - 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).-
      - 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).-
      - 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo stabilito e nelle festività infrasettimanali.-
      - 40% per le ore di lavoro prestate nella mezza giornata di riposo (mancato riposo).-

      Elimina
  52. Buon giorno dottor Censori
    Sono una badante rumena e lavoro in Italia da quasi 20 anni e ho 5& anni di età
    Come contributi pagati risultano 18 anni
    Le mie domande sono:
    1—-posso pagare per avere i due anni mancanti? ( dove pagare)
    2——-i 20 anni di contributi pagati in Italia si possono unire con i 20 anni di contributi della Romania
    3——avendo così 40 anni di contributi posso andare in pensione al età di 58 anni?
    La ringrazio di cuore per la sua disponibilità
    Buona giornata e buon lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - SI! Puoi pagare per arrivare a 20 anni, ma devi smettere di lavorare e devi presentare la domanda all'INPS.-
      - SI! I 20 anni di contributi versati in Italia si possono unire con i contributi versati in Romania.-
      - In base alla normativa attuale potrai andare in pensione in Italia con 41 anni + 43 settimane di contributi complessivi.-

      Elimina
    2. Gentilissimo
      Grazie mille
      Buon lavoro

      Elimina
  53. Buona sera avvocato
    Mi sto avvicinando al età di 60 anni e con la quota 100 volevo fare la domanda x la pensione (lavoro come badante) il problema è che la persona che accudivo è venuta a mancare e di conseguenza mi mettono in disoccupazione
    Le chiedo se posso fare ugualmente la domanda di pensione essendo in disoccupazione?
    E se gli anni passati di disoccupazione sono validi per la pensione?
    Grazie per la risposta
    Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quota 100 per le pensioni è in vigore dall’1 aprile 2019.
      È nel Titolo II del testo del decreto (il Titolo I è dedicato al reddito di cittadinanza) che si parla di Quota 100. È qui, infatti, vengono introdotte le nuove disposizioni per il pensionamento anticipato con un’età minima di 62 anni e 38 anni di contributi.-
      La domanda di pensione può essere quindi presentata all'INPS solo al compimento dei 62 anni d'età, se si hanno almeno 38 anni di contributi, e contano anche i contributi figurativi per i periodi indennizzati con la NASPI.-

      Elimina
  54. Salve Av,vorei sapere se come io sono assunta dal 1 di Aprile e la mia vecchia sta male e per caso lei more,io con 3 messe assunta posso prendere la dissocupazione ?poi faccio le notte da ospedale dalle 21 alle 7,quanto vengono pagate la nottata con un stipendio di 867.grazie,Maria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      La durata della NASPI è pari alla metà della settimane lavorate.-
      Lavoro straordinario:
      Personale convivente:
      E' compensato con una maggiorazione del:
      - 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).-
      - 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).-
      - 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo stabilito e nelle festività infrasettimanali.-
      - 40% per le ore di lavoro prestate nella mezza giornata di riposo (mancato riposo).-

      Elimina
  55. Buongiorno avvocato, vorrei sapere quanto e il preavviso in caso del decesso de la persona accurata , quando il periodo di lavoro e di quasi sei mesi e 40 ore settimanali. Grazie !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In caso di licenziamento, se il lavoratore è impegnato per oltre 24 ore settimanali e ha maturato fino a cinque anni di anzianità presso lo stesso datore di lavoro, il termine di preavviso deve essere almeno di 15 giorni di calendario

      Elimina
    2. Grazie , buona giornata!

      Elimina
  56. Salve Av vorei sapere se io mi licenziò da me per motivo della salute, ho diritto a disoccupazione? Grazie maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      Purtroppo NO!
      Si ha diritto all'indennità di disoccupazione, solo in caso di licenziamento o di scadenza del contratto, e non in caso di dimissioni.-

      Elimina
  57. Buona sera avvocato
    A ottobre compirò 60 anni di età e 40 anni di contributi
    Vorrei sapere se ho i requisiti x la pensione?
    E se si la domanda la devo fare prima o dopo il compleanno?
    La domanda la devo fare mentre lavoro ancora? Oppure devo smettere di lavorare?
    Grazie
    Buon lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essendo nata a ottobre del 1959, con 40 anni di contributi versati, potrai andare in pensione anticipata al compimento dei 62 anni d'età, con quota 100, quindi a febbraio 2022.-

      Elimina
  58. Chiedo scusa
    Mi fa capire come funziona quota 100?
    Credevo che 60 di età + 40 di contributi fa 100
    Grazie per la disponibilità e per la pazienza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quota 100 per le pensioni è in vigore dal’1 aprile 2019!
      È nel Titolo II del testo del decreto (il Titolo I è dedicato al reddito di cittadinanza) che si parla di Quota 100. È qui, infatti, vengono introdotte le nuove disposizioni per il pensionamento anticipato con un’età minima di 62 anni e 38 anni di contributi.-

      Elimina
    2. Grazie
      Gentilissimo

      Elimina
  59. Buona sera Av ,vorei sapere se io mi sono licenziato da me con il preavviso di 8 giorni,io devo stare sempre chiusa 24 su 24 ?È quando devo uscire dal lavoro . Grazie Maria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      Il preavviso di 8 giorni significa che devi lavorare per 8 giorni in base all'orario di lavoro previsto dal tuo contratto, per il resto sei libera da ogni impegno.-

      Elimina
  60. Buona serata avvocato. Lavoro con contratto di lavoro badante Livello DS 54 ore settimanali però io inizio alle 8:00 di mattina fino alle 20:00 di sera sono 4 ore in più giornaliere non pagate. Ho chiesto al mio datore di lavoro di pagare le ore in più e lui mi ha detto se non accetto di continuare a lavorare gratis le 4 ore mi licenzia. La mia domanda è mi può licenziare solo perché ho chiesto il pagamento delle ore lavorate in più del contratto di lavoro? Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente NO!
      Non puoi essere licenziata perché richiedi il pagamento delle ore di straordinario, ma potresti essere licenziata con un'altra motivazione ti consiglio quindi di rivolgerti a un sindacato per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  61. Buongiorno signor Censori. Vorrei avere una risposta a un mio dubbio. Ho un contratto di badante convivente. Per tutto l'estate ci siamo trasferiti con la signora in una cittadina di montagna, dove lei ha la casa per le vacanze. Il mio dubbio è; io sono assicurata per questo tempo, in caso che mi succede qualcosa anche per strada? Premetto che nel contratto non è specificato niente di trasferta. Grazie per la sua disponibilità. Buona giornata. Valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valentina!
      Non capisco cosa intendi con "se mi succede qualcosa anche per strada", perché tu sei assicurata anche contro gli infortuni sul lavoro e infortuni in itinere.-

      Elimina
  62. Mi scusi, forse non mi sono spiegata bene. Se sul contratto di lavoro, il luogo di lavoro e scritto l'indirizzo abituale de la signora e di trasferta non è specificato niente, volevo sapere se io sono assicurata contro infortuni. Per esempio vado a fare la spesa, o nelle mie 36 ore di riposo sono assicurata o no? Grazie. Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valentina!
      Tu sei assicurata contro gli infortuni solo durante l'orario di lavoro contrattuale, a prescindere dal luogo di lavoro.-

      Elimina
    2. Grazie per la sua gentilezza e pazienza. Buona serata.

      Elimina
    3. Ciao Valentina!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  63. Buona sera dottore volevi farle una domanda !ho un contratto a tempo indeterminato co il livello Bs..con 2 figli a carico mi aspettano gli assegni famigliari ??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se i tuoi figli sono minorenni gli assegni familiari ti spettano comunque, ma se non sei sposata, cioè se sei nubile o separata/divorziata è necessaria un'autorizzazione preventiva dell'INPS, con il consenso dell'altro genitore.-

      Elimina
  64. Buongiorno, non riesco a trovare un'informazione... Se la persona che ha assunto la badante convivente (B super) deve recarsi in ospedale o in clinica per qualche giorno, la badante ha comunque l'obbligo di seguirla e svolgere il suo numero di ore stando accanto a lei, aiutandola a mangiare e così via? E ammesso che ci stia di giorno, può rifiutarsi di dormire in ospedale la notte? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La badante convivente per contratto deve seguire la sua assistita in clinica, ma solo per l'orario di lavoro contrattuale, quindi può rifiutarsi di dormire in ospedale.-

      Elimina
    2. La ringrazio molto, gentilissimo come sempre!

      Elimina
  65. Avv buongiorno.
    Vorrei un suo parere, nella casa che lavoro come badante 8 ore al giorno da lunedì a venerdì, il figlio della signora ha inserito delle telecamere (cosa che a me da molto fastidio) mi sento observata,glielo detto che doveva avvisarmi visto che mi cambio in camera da letto.
    Adesso arrivo a casa e dopo che sono andata in bagno per cambiarmi lasciando la porta aperta mi sono resa conto che ha messo un'altra in corridoio puntando la porta del bagno
    Per favore mi dica cosa devo fare perché sono molto arrabbiata e non voglio attuare d'impulso.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  66. Buona sera Av,se come io o lavorato 3 mesi aprile, maggio, e giugno, e mi sono licenziata da me ,quando mi devono pagare gli contributi ? Grazie Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      QUANDO SI PAGANO I CONTRIBUTI
      I contributi si pagano per trimestri solari entro i seguenti termini:
      dal 1° al 10 aprile, per il primo trimestre;
      dal 1° al 10 luglio, per il secondo trimestre;
      dal 1° al 10 ottobre, per il terzo trimestre;
      dal 1° al 10 gennaio, per il quarto trimestre.-

      Elimina
  67. Buon giorno avvocato! Le telecamere messe in casa a me non dano fastidio...solo che il datore di lavoro ..mi devi informare di questa cosa..si or no ? Grazie tanto per la sua risposta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente SI!
      Tu devi essere informata che ci sono le telecamere e dove sono state piazzate!

      Elimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.