martedì 19 febbraio 2019

Reddito di Cittadinanza - Pensioni di Cittadinanza

Reddito di Cittadinanza

Di seguito alcune informazioni su come richiedere e quali sono i requisiti per il Reddito di Cittadinaza.

Richiesta:

La richiesta del Reddito di Cittadinanza dovrà essere presentata agli uffici postali utilizzando il modello che verrà messo a disposizione dall’Inps; la domanda potrà essere inviata online o anche rivolgendosi ai centri di assistenza fiscale convenzionati con l’Inps. All’atto della domanda bisognerà presentare anche la DSU a fini ISEE.

Una volta ricevuta la domanda l’Inps ha tempo 5 giorni per valutare il possesso dei requisiti richiesti
utilizzando le banche dati a disposizione; in caso di accettazione della richiesta, il beneficio economico sarà erogato attraverso la carta RdC.
Si tratta di una carta acquisti realizzata da Poste italiane con un limite di prelievi in contanti di 100€ al mese e con l’obbligo di spendere tutto il contributo entro il mese dell’erogazione; sono vietate, inoltre, le spese per beni e servizi riferiti al gioco d’azzardo o che portano alla ludopatia.


Requisiti:

1) essere in possesso della cittadinanza italiana, oppure cittadini di uno Stato membro UE. È riconosciuto anche agli stranieri in possesso di regolare permesso di soggiorno;
2) essere residenti in Italia, in via continuativa, da almeno 10 anni;
3) avere un ISEE inferiore a 9.360€;
4) avere un patrimonio immobiliare (nel quale non è compresa la casa d’abitazione) inferiore a 30.000€;
5) avere un patrimonio mobiliare inferiore a 6.000€. Questo limite è innalzato di 2.000€ per ogni
componente familiare successivo al primo (fino ad un massimo di 10.000€). Vi è poi un incremento di 1.000€ per ogni figlio successivo al primo, e di 5.000€ in caso di presenza di una persona con disabilità nel nucleo familiare;
6) avere un reddito familiare non superiore a 6.000€. Questa soglia è aumentata a 9.360€ qualora il nucleo familiare sia in affitto (clicca qui per la formula per calcolare il reddito familiare);
Non hanno diritto al reddito di cittadinanza, invece:
a) i nuclei familiari dove un componente sia in possesso di auto o moto immatricolati nei 6 mesi
precedenti alla richiesta del RdC, nonché di auto di cilindrata superiore ai 1.600 cc e moto di cilindrata superiore ai 250 cc immatricolati negli ultimi 2 anni (clicca qui per approfondire);
b) i nuclei familiari dove un componente sia in possesso di navi e imbarcazioni da diporto;
c) i soggetti che si trovano in stato detentivo per tutta la durata della pena;
d) nuclei familiari dove uno dei componenti risulti essersi dimesso dal lavoro nei 12 mesi antecedenti al momento della domanda (ad eccezione delle dimissioni per giusta causa).

Gli importi del reddito di cittadinanza 

Il reddito di cittadinanza non ha un importo fisso; varia, infatti, in base alla situazione economica della famiglia che lo richiede. Nel dettaglio, come specificato nell’articolo 3 del decreto, il beneficio economico si compone di due differenti elementi:
integrazione fino a 6.000€ (annui) del reddito familiare;
integrazione pari all’ammontare del canone annuo di locazione (fino ad un massimo di 3.360€ annui) per le famiglie che sono in affitto. È prevista poi un integrazione (ma fino ad un massimo di 1.800€ annui) per i nuclei familiari che risiedono in un’abitazione di proprietà ma per la quale è stato contratto un mutuo.
Per quanto riguarda l’integrazione del reddito familiare in presenza di più componenti questo viene
moltiplicato per il corrispondente parametro della scala di equivalenza, ovvero:
+0,4 per ogni componente familiare maggiorenne successivo al primo;
+0,2 per ogni componente minorenne.
Questo può essere incrementato fino ad un massimo del 2,1.
Il beneficio economico complessivamente non può superare i 9.360€ annui, ossia i famosi 780€ mensili (anche questa soglia va moltiplicata per il corrispondente parametro della scala di equivalenza). Questo, invece, non può essere inferiore ai 480€ annui (clicca qui per le istruzioni per il calcolo del reddito di cittadinanza).

Pensioni di Cittadinanza

Di seguito alcune informazioni su come richiedere e quali sono i requisiti per le Pensioni di Cittadinanza.

Richiesta:

La richiesta - come si legge nell’articolo 5 del decreto - dovrà essere presentata utilizzando il modello di domanda messo a disposizione dall’Inps.
La domanda potrà essere presentata utilizzando la modalità telematica (che verrà specificata in un
secondo momento) oppure rivolgendosi ai centri di assistenza fiscale convenzionati dall’Inps.
Una volta ricevuta la domanda, l’Inps ha cinque giorni di tempo per analizzarla: nel caso la richiesta
venga accolta, la pensione di cittadinanza verrà erogata dal mese successivo su una carta elettronica.
Questa carta può essere utilizzata per gli acquisiti (ma non per qualsiasi tipo di attività che abbia a che fare con il gioco d’azzardo); inoltre, si può prelevare contante ma fino ad un massimo di 100€ al mese.

Requisiti

Partiamo con l’analizzare i requisiti della pensione di cittadinanza. In primis, come anticipato, è
necessario che il nucleo familiare per il quale se ne fa richiesta sia composto esclusivamente da persone Over 67.
1) essere cittadini italiani, o in alternativa di uno Stato membro UE. La pensione di cittadinanza spetta anche agli stranieri, purché in possesso del regolare permesso di soggiorno;
2) essere residenti in Italia, in via continuativa, da almeno 10 anni;
3) ISEE inferiore a 9.360€;
4) patrimonio immobiliare (nel quale non è compresa la casa d’abitazione) inferiore a 30.000€;
5) patrimonio mobiliare inferiore a 6.000€. Questo limite è innalzato di 5.000€ in caso di presenza di una persona con disabilità nel nucleo familiare;
6) reddito familiare non superiore a 7.560€. Questa soglia è aumentata a 9.360€ qualora il nucleo
familiare sia in affitto.

Cosa spetta:

Ai nuclei familiari che soddisfano i suddetti requisiti spetta un beneficio economico che - come descritto dall’articolo 3 del decreto - si compone di due parti:
integrazione del reddito familiare fino al raggiungimento della soglia annua di 7.560€;
integrazione pari all’ammontare annuo del canone di locazione (per i nuclei familiari che vivono in
affitto) fino ad un massimo di 1.800€.
Complessivamente potrebbe spettare un’integrazione del reddito fino al raggiungimento di 9.360€;
mensilmente, quindi, l’interessato ha diritto ad un massimo di 780€. In ogni caso, l’integrazione non può essere inferiore ai 480€ annui.
L’importo dell’integrazione, però, viene aumentato in caso di nuclei familiari numerosi; nel dettaglio, per ogni persona maggiorenne successiva alla prima si applica un parametro della scala di equivalenza pari a 0,4. Quindi, nel caso di una coppia di Over 65, l’importo massimo dell’integrazione è di 1.092€ al mese, 13.104€ l’anno.
È bene sottolineare, comunque, che il parametro di scala di equivalenza complessivo non può essere
superiore a 2,1. Quindi, in caso di nuclei familiari numerosi - purché composti esclusivamente da Over 65
- l’importo massimo della misura è di 1.638€ al mese, 19.656€ l’anno.

Durata e decorrenza

Per quanto riguarda la durata della pensione di cittadinanza, questa viene riconosciuta per tutto il periodo in cui il beneficiario soddisfa i suddetti requisiti, per un massimo di 18 mesi. Scaduto questo termine si può chiedere il rinnovo del beneficio.
Il contributo, invece, è riconosciuto per dodici mensilità e decorre dal mese successivo a quello in cui è stata presentata la domanda.

Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi porre i tuoi quesiti qui di seguito tra i commenti; ti risponderemo appena possibile!

171 commenti:

  1. grazie...perché ancora non risulta nessuna lavorazione

    RispondiElimina
  2. Ho 66 e 6 mesi ho ricevuto il reddito adesso che devo fare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A parte che spendere la somma accreditata, al momento non devi fare altro, in attesa di essere convocato dal Centro per l'impiego.-

      Elimina
    2. Ma avendo più di 65 anni sarò convocato?

      Elimina
  3. E allora devo fare qualcosa?

    RispondiElimina
  4. Salve ho presentato domanda rdc il 23 aprile la domanda risulta acquisita ma come mai ad oggi non ho ricevuto notizie?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Presumo che a questo punto sia solo una questione di giorni; comunque puoi presentarti direttamente alla sede INPS di zona con il numero di protocollo per verificare lo stato della tua pratica.-

      Elimina
  5. Salve, dopo aver presentato domanda per la pensione di cittadinanza a seguito di accoglimento deve iscriversi al Centro per l'Impiego?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      La pensione di cittadinanza è riservata a chi ha più di 67 anni d'età, quindi non è necessario iscriversi al Centro per l'Impiego.-

      Elimina
  6. Gentile dottor censori io ho fatto domanda a metà marzo del reditto ed e stata accolta e ormai ho percepito gia tre rate la prima ai primi di maggio la mia domanda e questa ed e al quanto importante inquanto non sono tranquilla non sapendo normative e regole e non sapendo se la domanda venisse accettata io ho avuto un periodo di prova in regola che e andato dal 18.04 al 06.05 purtroppo ad oggi sono venuta a sapere che entro 30 giorni bisognava comunicarlo con rdc.com presso la sede caaf di riferimento cosa che io ho fatto solo oggi al 28.06 ora mi chiedo che succederà? Decadrà il beneficio? Se si avro diritto di poterlo richiedere? O verrà ricalcolato il tutto avendo comunque presentato rdc com in ritardo con tanto di lettera del non superamento di prova? Avendo per lo piu due minori la prego attendo risposta perché non sono tranquilla grazie infinite

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I redditi derivanti dallo svolgimento di attività di lavoro dipendente devono essere comunicati all'INPS entro 30 giorni dall'inizio dell’attività stessa, mediante il modello “Rdc/Pdc – Com Esteso”. Restano, invece, esclusi dall’obbligo di comunicazione comunicati i redditi derivanti da:
      - attività socialmente utili;
      - tirocini;
      - servizio civile;
      - nonché da contratto di prestazione occasionale (CPO) e libretto di famiglia (LF).
      Da notare che il maggior reddito da lavoro dipendente concorre alla determinazione del beneficio nella misura dell’80%, a decorrere dal mese successivo a quello della variazione e fino a quando il maggior reddito non è ordinariamente recepito nell'ISEE per l’intera annualità.-
      Il ritardo di qualche giorno nella trasmissione dei dati all'INPS è ininfluente.-

      Elimina
  7. Avvocato inv 100x100 prendo l assegno è l accompagnodevo presentare la domanda per il reddito di cittadinanza le 2 cose sono comunabili?o nella cifra che mi daranno per il reddito mi vengono detratti la cifra dell invalidità e dell accompagno insomma per favore mi faccia capire per bene come funziona ,anche perchè ho preso la rei per 18 mesi ed essendo il mio nucleo famigliare formato di 2 persone il rei era di 295 euro praticamente la cifra giusta per come si leggeva nel regolamenton praticamente non mi veniva detratto nulla a questo punto penso che con il reddito sia la stessa cosa mi confermi lei grazie infinite.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Reddito di Cittadinanza: regole e agevolazioni per disabili:
      Non solo il reddito di cittadinanza può essere richiesto da persone disabili ma, in caso di invalidità, sono previste regole specifiche e agevolazioni. In particolare:
      - i disabili non sono obbligati a sottoscrivere il patto per il lavoro ed inclusione sociale;
      - i disabili possono anche permettersi di non accettare un’offerta di lavoro congrua e chi ha un disabile grave a casa non è tenuto ad accettare un offerta di lavoro lontana oltre i 250 km da casa;
      - se si perde il diritto al Reddito di cittadinanza, i termini per ripresentare una nuova domanda sono ridotti a 6 mesi
      - la soglia massima del patrimonio di carattere immobiliare viene incrementata ed è pari a 5 mila euro per disabile e 7.500 per ogni disabile grave e non autosufficiente;
      - non ci sono limiti di cilindrata per i veicoli utilizzati dai disabili;
      - con un disabile non autosufficiente o grave, la scala massima di equivalenza sale da 2,1 a 2,2;
      - la somma base prevista dal sussidio passa da 1.050 euro a 1.100 euro mensili per i nuclei familiari composti da 4 o più soggetti.-

      Elimina
    2. AVVOCATO grzie per il suo tempo,ma può essere più speifico per quando riquarda se nella cifra che lei mi scrive noi essendo 2 persone marito è moglie mi dica lei se ho capito bene e per giunta tutti è due invalidi io totale mia moglie parziale 75x100 la cifra sarebbe 1050?aspetto conferma,e qulo che non ho cpto perchè lei non me lo ha spiegato nell sua riposta e cioè nela cifra di 1050 mi tolgono o meglio ci tolgono essendo che io e mia moglie prendiamo l assegno di invalidità e io anche l accompagno perchè se la cosa è cosi facendo i condeggi non spetta niente insomma avvocato per favore mi specifica punto x punto avendo io problemi di ad aprendere,le sono grato buon giorno.

      Elimina
    3. Nel reddito si computano anche le pensioni di invalidità civile, sordità, cecità civile, gli assegni agli invalidi parziali, l’indennità di frequenza e pensioni sociali. Sono escluse invece le indennità di accompagnamento che vengono erogate a prescindere dal reddito personale (la prova dei mezzi appunto) oltre a contributi che prevedono poi rendicontazione (esempio, alcuni contributi per la vita indipendente).-
      Questo significa che dall'importo previsto dal reddito di cittadinanza per 2 persone verrà detratto l'importo delle pensioni di invalidità, mentre non conta l'indennità di accompagnamento.-

      Elimina
  8. Salve dottore ho un problema e non capisco perché.. ho fatto domanda di reddito di cittadinanza e mi è stata concessa quindi ho avuto 3 mesi .. quella di luglio non mi è stata erogata.. dice " domanda decaduta" poiché superato soglia ma come è possibile? Dato che il nostro reddito familiare è quasi sempre lo stesso mio marito fa sempre il 730.. mi può aiutare a capire se cosa posso fare?

    RispondiElimina
  9. Il problema è sui requisiti economici

    RispondiElimina
  10. Il reddito familiare è circa 14.000 la soglia da superare è 20.000 perché hanno fatto decadere la domanda avendo tutti i requisiti avendo 2 figli minori

    RispondiElimina
  11. E l isee è 5400€ quindi rientro in tutto non capisco perché la domanda è decaduta..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E’ prevista la decadenza dal Reddito di cittadinanza quando uno dei componenti il nucleo familiare:
      - Non effettua la dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro (DID), eccezion fatta per i casi di esclusione o esonero;
      - Non sottoscrive il Patto per il lavoro o quello per l’inclusione sociale, eccezion fatta per i casi di esclusione o esonero;
      - Non partecipa alle iniziative formative, di riqualificazione, politica attiva o di attivazione a meno che non sussistano giustificati motivi;
      - Non aderisce ai progetti utili alla collettività in ambito culturale, sociale, artistico, ambientale, formativo e di tutela dei beni comuni, qualora vengano istituiti dal comune di residenza;
      - Non accetta almeno una delle tre offerte di lavoro congrue ovvero, in caso di rinnovo, non accetta la prima che gli viene prospettata;
      - In caso di avvio di un’attività d’impresa o di lavoro autonomo, non effettua le comunicazioni obbligatorie entro 30 giorni dall’inizio della stessa o effettua comunicazioni mendaci;
      - In caso di variazione del nucleo familiare, non presenta una Dichiarazione Sostitutiva (DSU) aggiornata;
      - Svolge attività di lavoro dipendente senza le comunicazioni obbligatorie o attività di lavoro autonomo o di impresa senza averne comunicato l’avvio.

      Elimina
  12. Gentile Avvocato io sono disoccupata da sempre .. a me nessuno mi ha chiamato x il lavoro.. ma qui vedo che è decaduta x superamento soglia.. glielo scritto... Mio marito fa sempre il 730.. potrebbe essere più chiaro.. non ho capito niente..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La normativa prevede la decadenza del reddito di cittadinanza in uno dei casi sopra esposti, quindi se non rientrate in nessuno dei casi suddetti dovete rivolgervi direttamente alla sede INPS di zona per verificare cos'è successo.-

      Elimina
  13. Mia madre di 93 anni ha ricevuto la comunicazione per recarsi alla Posta per ritirare la card per la pensione di cittadinanza , cosa che le sue condizioni di salute non le consentono . Come si può ovviare visto che in ufficio postale non accettano deleghe ? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ruggiero!
      Trovo assurdo che la normativa non preveda la possibilità di ritirare la CARD per la pensione di cittadinanza a un familiare con delega, visto che parliamo di persone anziane e magari anche invalide.-
      L'unico consiglio che posso darti è quello di rivolgerti allo sportello di zona dell'INPS per risolvere il problema, ammesso che ci sia una soluzione al problema, e non si tratti quindi dell'ennesima "fregatura".-

      Elimina
  14. Informazioni sulla ricarica di Agosto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il pagamento del Reddito di cittadinanza nel mese di luglio è arrivato nella giornata del 27, è quindi facile presagire che anche il pagamento di agosto sia in dirittura di arrivo, con data fissata presumibilmente a martedì 27 agosto, al massimo il giorno successivo.
      L’accredito di agosto della card del Reddito di cittadinanza da parte di Poste italiane è previsto in questi giorni. Sul sito dell’Inps è possibile visionare il compito di mandare i flussi perché il procedimento si completi nei tempi previsti ma al momento l’accesso è impossibile.-

      Elimina
  15. Salve Dott. Censori sono un disoccupato percettore di reddito di cittadinanza da maggio, mi sono stati riconosciuti circa 200 euro calcolati sull'ISEE di febbraio che ha tenuto conto del reddito percepito nel 2017 ( ultimo mio contratto lavorativo a termine giugno 2017). Volevo chiederle, non avendo avuto redditi nel 2018 se potevo chiedere un aggiornamento sulla quota assegnatemi. Magari chiedendo un nuovo ISEE, ho sentito parlare di ISEE corrente e se eventualmente posso richiederlo. Cordiali saluti Francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Vista la differenza di reddito tra il 2017 e il 2018 puoi richiedere l'ISEE corrente che ti consentirà automaticamente un aggiornamento dell'importo del reddito di cittadinanza.-

      Elimina
  16. Salve dottor Censori.. volevo farle alcune domande... Io ho percepito x 3 mesi il reddito.. poi a luglio mi è stato sospeso dice domanda decaduta per superamento soglia.. adesso mi è arrivata una mail che dice di presentarmi al collocamento.. ma dato che non lo percepisco più è inutile andarci non crede?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se la domanda di reddito di cittadinanza è decaduta è inutile che ti presenti al collocamento per la suddetta pratica.-

      Elimina
  17. Buongiorno Avvocato Censori, mi hanno rifiutato la pensione di cittadinanza, eppure ci dovrei rientrare, il mio patrimonio mobiliare è inferiore a 30.000€, e possiedo solo una casa a metà con mio nipote, perchè me l'hanno rifiutata? tra l'altro vedo che nei requisiti la prima casa è esclusa.... Grazie, Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefania!
      I requisiti necessari per la pensione di cittadinanza sono i seguenti:
      Partiamo con l’analizzare i requisiti della pensione di cittadinanza. In primis, come anticipato, è necessario che il nucleo familiare per il quale se ne fa richiesta sia composto esclusivamente da persone Over 67.
      1) essere cittadini italiani, o in alternativa di uno Stato membro UE. La pensione di cittadinanza spetta anche agli stranieri, purché in possesso del regolare permesso di soggiorno;
      2) essere residenti in Italia, in via continuativa, da almeno 10 anni;
      3) ISEE inferiore a 9.360€;
      4) patrimonio immobiliare (nel quale non è compresa la casa d’abitazione) inferiore a 30.000€;
      5) patrimonio mobiliare inferiore a 6.000€. Questo limite è innalzato di 5.000€ in caso di presenza di una persona con disabilità nel nucleo familiare;
      6) reddito familiare non superiore a 7.560€. Questa soglia è aumentata a 9.360€ qualora il nucleo
      familiare sia in affitto.-

      Elimina
    2. eppure me l'hanno rifiutata, ho tutti i requisiti, ci prendono solo in giro... STEFANIA

      Elimina
    3. Ciao Stefania!
      Ti consiglio di presentarti alla sede INPS di zona per verificare se si tratta di un errore o se effettivamente non rientri in uno dei parametri.-

      Elimina
  18. Ciao a tutti,ho letto che sono iniziate le ricariche del reddito di cittadinanza...a me ancora nulla,a voi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La ricarica del reddito di cittadinanza dovrebbe essere già stata effettuata tra il 24 e il 27 settembre.-

      Elimina
  19. Buonasera Avvocato Censori, volevo chiederle se i detenuti in detenzione domiciliare possono percepire il reddito di cittadinanza. Attualmente mio marito si trova in carcere e quindi lo percepisco solo io, ma attendiamo che gli diano la detenzione.. dopodichè potrà beneficiarne? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberta!
      Purtroppo NO!
      La normativa prevede che non hanno diritto al reddito di cittadinanza i soggetti che si trovano in stato detentivo per tutta la durata della pena.-

      Elimina
  20. A dicembre compio 67 anni posso fare domanďa per l'assegno sociale? Sono separato e non ho redditi percepisco il rdc

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Andrea!
      SI!
      Per l'anno 2019 il limite d'età per il diritto all'assegno sociale è di 66 anni + 11 mesi.-

      Elimina
    2. Quindi che documenti ci vorranno?

      Elimina
    3. Ciao Andrea!
      La domanda va presentata all'INPS per via telematica, ti consiglio quindi di rivolgerti a un patronato per farti seguire per tutto l'iter burocratico necessario.-

      Elimina
    4. Se ai una pensione di invalidità non devi fare nessuna domanda perchè è in automatico,se non percepisci l invalidità allora in questo caso la devi presentare ,il signor Censore le cose non le spiega fino a fondo .

      Elimina
    5. Che io non spiego le cose fino a fondo è possibile, ma non capisco perché il Sig. Andrea dovrebbe avere un pensione di invalidità!

      Elimina
    6. Perchè per me la risposta è più completa,per non ricevere ulteriore domande,è ulteriori risposte.

      Elimina
  21. Buon giorno,mi può spiegare cosa sarebbe la differenza tra le 2 cose,la pensione di cittadinanza viene riconosciuta per 18 mesi,è si può rinnovare per altri 18 mesi se i requisiti rimangono invariati,ma voglio dire il rinnovo non è in automatico? Chiaramente parliamo della PDC,poi dici il contributo viene riconosciuto per 12 mensilità,dal mese successivo alla domanda mi spiechi cosa sarebbe il CONTRIBUTO grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensione di cittadinanza!
      Durata e decorrenza:
      Per quanto riguarda la durata della pensione di cittadinanza, questa viene riconosciuta per tutto il periodo in cui il beneficiario soddisfa i suddetti requisiti, per un massimo di 18 mesi. Scaduto questo termine si può chiedere il rinnovo del beneficio.
      Il contributo, invece, è riconosciuto per dodici mensilità e decorre dal mese successivo a quello in cui è stata presentata la domanda.
      Questo significa che siccome il calcolo è annuale, viene concessa inizialmente per un anno, trascorso il quale se ci sono ancora i requisiti viene ricalcolata e prorogata per altri 6 mesi.-

      Elimina
    2. La ringrazio per le risposte inerente 18 mesi,e per quanto riguarda il contributo,ma non mi à risposto per quanto riquarda il rinnovo come le dicevo mi è stata accettata la PDC il rinnovo alla scadenza mi hanno detto che è in automatico lei dice che alla scadenza si può richiedere il rinnovo del beneficio,allora è in automatico il che vuol dire ci pensa l inps o o debbo rifare la domanda mi faccia capire lei e per questo la ringrazio,le ricordo che sono un disabile 100x100 anni 67 con solo moglie anche lei invalida è a tal proposito un altra cosa che le chiedo in questo caso spetta pure a noi andare al collocamento o nò perchè non ci sto capendo niente e non vorrei riccorrere a sbagliare e vedermi cangellare la PDC.grazie.

      Elimina
    3. - NO! Dopo i 12 mesi non va rifatta la domanda, ma va solo rinnovato l'ISEE se nel frattempo è scaduto.-
      - NO! I disabili non devono andare all'ufficio di collocamento.-

      Elimina
    4. Grazie tate della spiegazione,ora sono più tranquillo.

      Elimina
  22. Salve Sig. Censori volevo sapere se ai fini del reddito di cittadinanza vale anche un regolare contratto di affitto stipulato con un parente, grazie.
    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco!
      SI!
      Un regolare contratto di affitto vale comunque, anche se stipulato con un parente.-

      Elimina
  23. Buongiorno avvocato,
    le scrivo per chiederle se una parsona ad oggi occupata part time e avendo tutti i requisiti richiesti, potrebbe accedere alla fruizione del reddito di cittadinanza. La ringrazio, Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola!
      SI!
      Se la persona ha tutti i requisiti può richiedere il reddito di cittadinanza anche se ha un lavoro part-time.-

      Elimina
  24. Buongiorno sig. Avvocato,
    desideravo sapere qual'è la procedura per quelli che dovranno scontare una pena domiciliare, in questo caso di un mese; decisione che ancora il Giudice di Sorveglianza dovrà prendere. Dovrò comunicare l'evento all'INPS quando mi verrà notificato il provvedimento, o lo devo fare adesso?
    Grazie per la risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrai comunicare l'evento all'INPS quando ti verrà notificato il provvedimento.-

      Elimina
    2. La ringrazio e le auguro un buon weekend.

      Ah, un'altra cosa se non la disturbo, saprebbe dirmi per caso se continuerò a percepire il RDC per questi 30 gg? _ Mi sembra di aver letto che si perde l'indennità solo se si è ricoverati e/o detenuti in strutture a carico dello stato.
      Grazie.

      Elimina
    3. SI!
      Il reddito di cittadinanza spetta anche a chi deve scontare una pena domiciliare.-

      Elimina
  25. Buonasera Avvocato;
    Io ho la residenza nella stessa casa dei miei genitori ma non faccio parte del nucleo famigliare. In pratica ho la residenza in quell'abitazione ma non vivo li da anni. Vorrei capire se posso fare la richiesta del RdC oppure il mio Isee ( che è zero dal 2018 ) si somma con il loro Isee

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      Ai fini della certificazione ISE - ISEE fa fede la residenza, quindi fino a quando non la cambi continuerai a far parte del nucleo familiare dei tuoi genitori.-

      Elimina
  26. Ciao a tutti,ho letto che sono iniziate le ricariche del reddito di cittadinanza...a me ancora nulla,a voi?

    RispondiElimina
  27. Salve Dott. volevo chiederle se ai fini reddito di cittadinanza che mi stato riconosciuto con un isee 2018 relativo ai redditi percepiti nel 2017 (nel 2018-19 poi nessun reddito) posso ricorrere all'isee corrente pur avendo perso il lavoro a tempo determinato nel 2017. Cordiali saluti Enzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caio Enzo!
      SI!
      Va chiarito che il modello Isee corrente può essere utilizzato solamente se esiste già, per lo stesso nucleo familiare, un Isee in corso di validità.
      Possono farne domanda esclusivamente le famiglie in cui almeno un componente si trovi in una delle seguenti condizioni:
      - cessazione del rapporto di lavoro dipendente a tempo indeterminato, anche nell’ultimo bimestre;
      - sospensione dell’ attività lavorativa dipendente a tempo indeterminato, anche negli ultimi 2 mesi;
      - riduzione dell’orario di lavoro, se dipendente a tempo indeterminato, anche negli ultimi 2 mesi;
      - perdita di un’occupazione a tempo determinato o di un lavoro flessibile, purché sia in grado di dimostrare di essere stato occupato per un minimo di 120 giorni nei 12 mesi precedenti al termine dell’ultimo rapporto di lavoro;
      - conclusione di attività di lavoro autonomo, se svolta in maniera continuativa per un minimo di 12 mesi.

      Elimina
  28. Buonasera mio figlio ha fatto la domanda rdc la seconda settimana di ottobre circa due settimane fa ha ricevuto una mail dal INPS con il numero di protocollo, quanto tempo bisogna aspettare ancora per sapere se è stata accolta grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Reddito di cittadinanza:
      La risposta dell’Inps dovrebbe arrivare dal 15° giorno successivo a quello in cui è stata presentata la domanda. Per l’accredito dei soldi sulla carta, invece, bisogna attendere qualche giorno in più.-
      Presumo quindi che nel caso di tuo figlio, a questo punto sia solo una questione di giorni.-

      Elimina
  29. Ho il reddito di cittadinanza e ho compiuto 67 anni posso fare richiesta per l'assegno sociale e cosa succede al rdc?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con la corresponsione dell'assegno sociale cessa il diritto al reddito di cittadinanza, quindi si può eventualmente richiedere la pensione di cittadinanza, ovviamente se si rientra nei parametri di legge.-

      Elimina
  30. E poi devo fare una nuova domanda per la pensione di cittadinanza e posso fare la domanda per l'assegno sociale tramite call center inps?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per presentare la domanda per l'assegno sociale all'INPS ti consiglio di rivolgerti a un patronato!

      Elimina
  31. Salve volevo un informazione, allora io percepisco l rdc dal mese di novembre..
    Io da dicembre 2018 ad aprile 2019 ho aperto un attività che ho subito chiuso perche nn andava ora chiedo io ho ancora la partita iva aperta ma il negozio chiuso possono sospendermi la rdc con la p.iva aperta anche se nn la uso???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Con una partita IVA aperta non si ha diritto al reddito di cittadinanza, a prescindere dal reddito che se ne ricava.-

      Elimina
  32. Grazie. Ma io la percepisco da 2 mesi...nn dovrebbero dai controlli non accoglierla??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Presumo che se ne accorgeranno, ma ci vorrà un po più di tempo, perché danno la precedenza ai redditi e patrimonio mobiliare e immobiliare.-

      Elimina
    2. Salve dottore, volevo chiedere se la pensione di invalidità può costituire reddito e se tale reddito può condizionare il rdc. Io ho due fratelli che percepiscono la pensione di invalidità e nel 2019 abbiamo percepito il rdc, pari 900 €, perché si tratta di un nucleo di tre persone. La nostra situazione fino ad oggi è regolare? Ci possono essere cambiamenti nel 2020 nel rapporto rdc e pensione Inv. ?

      Elimina
    3. Ciao Leandro!
      SI!
      La vostra situazione fino ad oggi è regolare perché la pensione di invalidità non costituisce reddito, e non mi risultano cambiamenti per l'anno 2020.-

      Elimina
  33. Salve dott censori, siamo io mio marito e un bambino di 5 anni tutti disoccupati, mio marito percepisce pensione d'invalidita e indennità di accompagnamento e prende 813 euro.
    In più prendiamo ancora la carta rei 382.50
    Il sussidio del rei termina a febbraio ultimo mese.
    Mi sono informata per il reddito di cittadinanza e mi hanno detto che ci viene 800 euro mensili in quanto abbiamo un isee (appena aggiornato) di 1025,00 e un contratto di casa di comodato d'uso.
    Mi sa dire se l'importo che mi è stato detto è giusto? (800 euro mensili).
    E se devo aspettare che termina la carta rei per fare richiesta del reddito di cittadinanza? o posso farla anche adesso? Ricordo che la rei termina a febbraio 2020.
    Attendo risposta grazie anticipatamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La normativa prevede che colui al quale è stato riconosciuto il diritto al Reddito di Inclusione può decidere liberamente di aspettare la decadenza naturale di questo beneficio prima di fare domanda per il RdC. Questo, quindi, continuerà a percepire il ReI per le ultime mensilità previste (senza poter ovviamente chiedere il rinnovo dello stesso) e una volta scaduto potrà decidere se presentare o meno la richiesta per la nuova misura per il contrasto alla povertà.-
      Riguardo all'importo spettante del reddito di cittadinanza solo chi è in possesso di tutti i dati inerenti il tuo nucleo familiare può darti una risposta precisa.-

      Elimina
    2. Quindi visto che usufruirò del rei fino a febbraio 2020 e che il mese di febbraio sarà pagato sempre intorno al 27 febbraio, posso fare domanda per il reddito di cittadinanza verso il 5 o 6 febbraio in modo tale che a marzo mi parta già la prima mensilità?
      Facendo domanda verso il 5 febbraio la legge dice che la carta arrivi entro i primi 15 giorni del mese successivo già carica e la prima mensilità sarebbe inerente al mese di marzo, corretto?
      In questo modo dovrei riuscire anche a prendere la REI del mese di febbraio.
      Giusto?

      Elimina
    3. NO!
      Se vuoi che ti venga pagato il mese di REI di febbraio, devi presentare la domanda per il reddito di cittadinanza a marzo e non prima.-

      Elimina
  34. Salve Dott Censori, sul RDC pur avendo rinnovato la DSU i primi di gennaio di quest'anno(ISEE=0) mi vedo addebitato a fine gennaio lo stesso importo del 2019 praticamente 200euro. Si aggiornerà x febbraio? ed eventualmente mi daranno la differenza di gennaio.Cordiali saluti. PINO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pino!
      SI!
      Presumo che l'aggiornamento verrà effettuato a febbraio e che ti daranno quindi anche la differenza di gennaio.-

      Elimina
  35. Salve dott censori sto facendo domanda per il reddito di cittadinanza e mi hanno detto che l importo è 800 euro.
    Siamo 2 adulti 1 bambino
    Isee 1025,00
    Casa comodato d'uso
    Niente macchine niente di tutto il resto
    Tutti disoccupati.
    Mio marito percepisce 813,83 di invalidità civile 100% con accompagnamento.
    Il caf mi ha detto che l'invalidità civile quindi 295,00 verrà detratta dal reddito di cittadinanza. Perché dice che fanno così.
    Quindi percepiró di reddito di cittadinanza 800 - 295
    Mi sa dire se corrisponde a verità?
    Se l'invalidità civile viene detratta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Un conto è la propaganda elettorale mentre un altro conto sono i fatti, nel senso che il governo per diminuire la spesa globale complessiva ha studiato tutta una serie di "trappole" in una delle quali siete caduti anche voi.-

      Elimina
  36. Salve posso richiedere l'accredito della pensione di cittadinanza sul mio libretto postale invece che con la card(come previsto dal decreto)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pina!
      Purtroppo NO!
      Non puoi richiedere l'accredito della pensione d cittadinanza sul tuo libretto postale.-

      Elimina
  37. Gentile avvocato, vivo sola con mio figlio minore e mia madre in una casa in affitto e non lavoriamo entrambe. Per poter usufruire del bonus maternità il mio Isee ha la componente aggiuntiva del padre di mio figlio a cui non sono sposata e che non convive con me. Mia madre ha percepito il reddito di cittadinanza per due mensilità e ora è stato interrotto perchè sopra soglia.L'isee dell'anno scorso e quello fatto a gennaio 2020 sono uguali.Forse ora hanno considerato il reddito del padre di mio figlio? Grazie se mi vorrà rispondere. Anna Rosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna Rosa!
      L'ISEE dell'anno scorso veniva calcolato in base ai redditi del 2017, mentre l'ISEE di quest'anno viene calcolato in base ai redditi del 2018, quindi deve essere cambiato qualcosa a livello reddituale se a tua madre è stato interrotto il reddito di cittadinanza.-

      Elimina
  38. Salve dott Gianfranco Censori vorrei chiederle gentilmenteI ,ho fatto isee corrente il 18 febbraio ,quando riceverò il pagamento aggiornato del RDC ? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di solito l'INPS provvede agli aggiornamenti nel giro di 90 giorni dalla data di comunicazione dei nuovi dati.-

      Elimina
  39. 9 Marzo 2020
    Gentilissimo dott. Censori,
    Ho 73 anni, single, percepisco una pensione di vecchiaia di circa 630 euro mensili, di provenienza invalidi.
    Ho un ISEE di euro 1307,87, l'Indicatore Situazione Patrimoniale è di euro 7889,00, e la casa è di mia proprietà, quindi non pago affitto.
    Con tali requisiti, mi conviene presentare la domanda per la pensione di cittadinanza? Arriverei ad elevare la mia attuale pensione di vecchiaia da 630 euro a 780 euro?
    Ringraziandola anticipatamente, la saluto cordialmente. Pippo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pippo, sperando che Gianfranco non sia ammalato visto che non risponde da due settimane, provo a risponderti io per quel poco che ne so. Da quello che scrivi hai tutti i requisiti, ma per una persona singola con casa di proprietà e senza mutuo l'importo è proprio uguale alla tua pensione e cioè 630 euro. Però se hai un mutuo puoi avere un incremento fino a 150 euro mensili. Quindi secondo me se hai il mutuo fai la domanda, se no non fare nulla visto che l'importo è uguale. Siccome non lo hai scritto, ricordati che non devi avere più di 6000 euro in banca. Comunque speriamo che Gianfranco torni, cosi ti risponderà meglio lui

      Elimina
  40. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 9 Marzo 2020
      Grazie Francesco, non ho il mutuo e quindi mi converrebbe rimanere cosi'. Auguri per il dr. Censori! Cordialmente, Pippo.

      Elimina
    2. Non ho risposto prima perché sono stato in vacanza all'estero!
      Mi scuso per il ritardo e comunque vi ringrazio!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  41. Buonasera, vorrei sapere se l'importo di 280 euro erogato per l'affitto è il massimo con cui fare il bonifico o se con il rdc si può pagare una cifra superiore. Grazie se potrà aiutarmi a comprendere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si può pagare l’intero importo dell’affitto anche se è superiore a 280 euro?
      La risposta è si, questa operazione è possibile. Per pagare l’intero importo dell’affitto si possono utilizzare non solo i 280 euro, ma anche l’ammontare ricevuto tramite il reddito di cittadinanza.
      Ciò è dovuto al fatto che la maggior parte degli affitti hanno un importo maggiore di 280 euro. Ad esempio nelle grandi città, come Roma o Milano, solo per una stanza in una casa condivisa con altri si possono spendere 300 o 400 euro, per non parlare di un intero appartamento.
      Tale operazione deve essere svolta sempre tramite un unico bonifico mensile per l’affitto o per la rata del mutuo.-

      Elimina
  42. Il patrimonio mobiliare deve essere inferiore a 6.000€, questo valore è quello che è scritto nell'ISEE come patrimonio mobiliare del nucleo? Quindi è il patrimonio mobiliare dell'anno 2018 nel caso dell'ISEE 2020?
    Grazie.

    RispondiElimina
  43. Quanto dovrebbe spettare di reddito di cittadinanza (nel caso in cui se ne abbia diritto) per una madre nubile con bambino di 6 anni invalido in situazione di gravità e abitazione in comodato d'uso? Nel caso che si prendi la NASPI si ha sempre diritto al reddito di cittadinanza e se sì all'importo precedente va sottratto l'importo della naspi?
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giada!
      Cosa spetta:
      Ai nuclei familiari che soddisfano i suddetti requisiti spetta un beneficio economico che - come descritto dall’articolo 3 del decreto - si compone di due parti:
      integrazione del reddito familiare fino al raggiungimento della soglia annua di 7.560€;
      integrazione pari all’ammontare annuo del canone di locazione (per i nuclei familiari che vivono in
      affitto) fino ad un massimo di 1.800€.
      Complessivamente potrebbe spettare un’integrazione del reddito fino al raggiungimento di 9.360€;
      mensilmente, quindi, l’interessato ha diritto ad un massimo di 780€. In ogni caso, l’integrazione non può essere inferiore ai 480€ annui.
      L’importo dell’integrazione, però, viene aumentato in caso di nuclei familiari numerosi; nel dettaglio, per ogni persona maggiorenne successiva alla prima si applica un parametro della scala di equivalenza pari a 0,4. Quindi, nel caso di una coppia di Over 65, l’importo massimo dell’integrazione è di 1.092€ al mese, 13.104€ l’anno.
      È bene sottolineare, comunque, che il parametro di scala di equivalenza complessivo non può essere
      superiore a 2,1. Quindi, in caso di nuclei familiari numerosi - purché composti esclusivamente da Over 65
      - l’importo massimo della misura è di 1.638€ al mese, 19.656€ l’anno.-

      Elimina
  44. buonasera, vorrei fare domanda per il reddito di cittadinanza con un ISEE di € 2000. Vivevo in un immobile di mia proprietà che ho dovuto affittare per pagare il mutuo e mi sono trasferito in un appartamento dei miei genitori a titolo gratuito. Il mio appartamento ha un valore ai fini IMU superiore ai 30.000 euro.
    Pensa che possa fare domanda per ottenere il RDC? grazie Carlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Puoi fare la domanda per ottenere il RDC, ovviamente se l'ISEE è aggiornato, cioè se è stato richiesto quest'anno.-

      Elimina
  45. Il Reddito di Emergenza è compatibile con chi già sta usufruendo della Naspi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Requisiti per accedere al Reddito di emergenza:
      - Essere residenti in Italia, con riferimento al componente richiedente il beneficio
      - Isee inferiore a 15.000 euro
      - Reddito familiare degli ultimi due mesi inferiore alla cifra erogata con il Rem
      - Non possedere un patrimonio mobiliare (e conti correnti o simili) familiare con riferimento all’anno 2019 inferiore a una soglia di euro 10.000, accresciuta di euro 5.000 per ogni componente successivo al primo e fino ad un massimo di euro 20.000; il massimale è incrementato di 5.000 euro in caso di presenza nel nucleo familiare di un componente in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza come definite ai fini dell’Indicatore della Situazione Economica.-

      Elimina
    2. Quindi una persona che già sta usufruendo della Naspi può fare richiesta?

      Elimina
    3. Dipende dall'importo della NASPI, infatti uno dei requisiti è il seguente:
      Reddito familiare degli ultimi due mesi inferiore alla cifra erogata con il Rem.-

      Elimina
    4. L'importo della Naspi è di circa 950 € al mese, con un fitto da pagare di 800 € al mese.

      Ci sono i presupposti per beneficiare del Reddito di Emergenza?

      Elimina
    5. Con 2 figli minorenni a carico...

      Elimina
    6. Purtroppo NO!
      Il parametro di scala di equivalenza non può comunque superare 2, anche per i nuclei familiari molto numerosi, quindi, il massimo dell’importo percepibile è pari a 800,00 euro.-

      Elimina
  46. Salve dottore volevo sapere se avendo un reddito di cittadinanza di 800 euro posso fare anche richiesta per il reddito di emergenza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Con il reddito di cittadinanza non si ha diritto al reddito di emergenza.-

      Elimina
  47. Buongiorno dottore, vorrei sapere se una famiglia composta da 5 persone che usufruisce di 1050€ di reddito di cittadinanza,cosa succede se un membro della famiglia va agli arresti domiciliari? Si perde il beneficio del tutto? O viene tolta solo la parte del membro che ha gli arresti domiciliari? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se un membro della famiglia va agli arresti domiciliari si perde il beneficio del tutto.-

      Elimina
    2. Mio fratello ha il processo tra un mese, se dovesse essere condannato ai domiciliari, come facciamo per riavere il reddito di cittadinanza? Per colpa di un componente mica possiamo morire di fame? È sicuro che lo perda tutta la famiglia?

      Elimina
    3. Vi consiglio di rivolgervi ai servizi sociali del vostro Comune di residenza per farvi consigliare al meglio sul da farsi.-

      Elimina
  48. Buonasera dottore, vorrei sapere se posso accedere al reddito di emergenza con i segg, requisiti: ISEE € 8000, patrimonio mobiliare € 197, unica entrata affitto mensile di € 500 di cui € 350 destinati al pagamento del mutuo. Il decreto specifica che il reddito famigliare si calcola con il sistema di cassa; posso sapere cosa vuol dire? Grazie saluto cordialmente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gianni!
      Il Rem – prevede la norma - è riconosciuto ai nuclei familiari in possesso cumulativamente, al momento della domanda, dei seguenti requisiti:
      a) residenza in Italia, verificata con riferimento al componente richiedente il beneficio;
      b) un valore del reddito familiare, nel mese di aprile 2020, inferiore ad una soglia pari all’ammontare di cui al comma 5 (da 400 a 800 euro, a seconda dei componenti del nucleo familiare, ndr);
      c) un valore del patrimonio mobiliare familiare con riferimento all’anno 2019 inferiore a una soglia di euro 10.000, accresciuta di euro 5.000 per ogni componente successivo al primo e fino ad un massimo di euro 20.000, il massimale è incrementato di 5.000 euro in caso di presenza nel nucleo familiare di un componente in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza come definite ai fini dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE), di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 5 dicembre 2013, n. 159;
      d) un valore dell’ISEE inferiore ad euro 15.000".

      Elimina
  49. grazie per la risposta. Ho il dubbio che l'affitto di 500 euro mensili che percepisco mi escluda dal percepire il REM anche se 350 euro sono destinate al mutuo. cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gianni!
      Il reddito familiare complessivo, con riferimento al mese di aprile 2020, deve essere inferiore all’importo che viene riconosciuto come Rem e che varia in base al numero di componenti del nucleo familiare.-

      Elimina
  50. Buongiorno Dottore, spero mi possa aiutare. Io attualmente vivo con i miei genitori,abbiamo il reddito di cittadinanza di 1050€ perché siamo 5 nel nucleo familiare,reddito di cittadinanza intestato a mio oadre, io ho 27 anni e non lavoro. Ad ottobre vorrei andare a vivere per i fatti miei, dovrò cercare una casa in affitto,vorrei convivere con la mia ragazza che ha 22 anni, anche lei attualmente senza lavoro e vive attualmente con la sua famiglia che prende il reddito di cittadinanza, intestato a suo padre. Quindi io e la mia ragazza che attualmente siamo soli fidanzati, vorremmo andare a vivere assieme in una casa in affitto, lei ha 22 anni e non può chiedere il reddito di cittadinanza perché so che per legge deve avere almeno 26 anni per richiedere il reddito di cittadinanza, quindi ho pensato che farò io la domanda per avere il reddito di cittadinanza, dato che ho 27 anni posso accedere al reddito di cittadinanza, ora vorrei sapere una cosa, dato che la mia ragazza non può accedere al reddito di cittadinanza, e quindi dovrò fare io la domanda per il reddito di cittadinanza,io dovrei fare il cambio di residenza con il contratto di affitto, mettiamo caso 200€ di affitto, piu altri 480 euro che spettano a me, quindi 680€ totale,ma se la mia ragazza viene a vivere con me dovrebbero darmi anche 100 / 120 €? Cosa devo fare per avere accreditato la parte che spetta alla mia ragazza? Lei attualmente vive con i genitori e suo padre prende 1080€, quindi anche la parte della figlia attualmente, ma se lei si toglie dalla residenza dei genitori e si trasferisce nella casa che io avrò in affitto, e quindi magari andremo al comune e diremo che siamo conviventi, mi spetta avere l'accredito della parte che spetta alla mia ragazza? Oppure questi soldi non li avremo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è forse un qualche problema che non hai considerato!
      1) Non penso sia facile trovare una casa in affitto se ne tu ne la tua fidanzata avete un lavoro.-
      2) Se uscite dal nucleo familiare sia i tuoi genitori che i genitori della tua fidanzata devono rifare l'ISEE senza di voi ed avranno quindi ridotto l'importo del reddito di cittadinanza.-
      3) Ovviamente per richiedere il reddito di cittadinanza devi prima trovare un appartamento in affitto e trasferire la residenza di entrambi.-
      4) Una volta trasferita la residenza di entrambi, la tua fidanzata apparirebbe nel tuo ISEE ma non essendo sposati tu non avresti diritto alla sua quota del reddito di cittadinanza.-

      Elimina
  51. Grazie dottore, ho gia trovato diverse case dicendo che pagherò tramite bonifico prendendo il reddito di cittadinanza e diverse persone mi hanno detto che va bene, e so gia che ovviamente scalano l'importo dalle rispettive famiglie se andremo a convivere in casa in affitto . Ma la quota della mia fidanzata che sarebbe sui 120€,dove va a finire? Se io e la mia fidanzata andiamo a convivere, e quindi la mia fidanzata appare nel mio isee, cosa devo fare per avere in piu questi 100/120€ che sarebbe la quota della mia fidanzata? Per forza dobbiamo essere sposati? La quota della mia fidanzata non l'avrò solo perché non siamo sposati? Se non mi danno la sua quota che è poco, sui 120€, conviene allora che la mia fidanzata non si toglie dall'isee? Almeno la sua quota il padre che per ora prende il redditi di cittadinanza? C'è un modo per avere la quota della mia ragazza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ai fini ISE-ISEE vanno indicati tutti quelli che hanno la stessa residenza, mentre ai fini del diritto al reddito di cittadinanza bisogna essere un nucleo familiare quindi bisogna essere sposati, per avere la quota spettante per due componenti.-

      Elimina
  52. E se conviviamo? Conosco tante persone non sposate che prendono il reddito di cittadinanza essendo solamente conviventi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È possibile formalizzare davanti alla legge una convivenza di fatto effettuando una dichiarazione all’anagrafe del Comune di residenza.
      I due conviventi dovranno dichiarare all’ufficio anagrafe di costituire una coppia di fatto e di coabitare nella stessa casa. La dichiarazione potrà essere sottoscritta di fronte all’ufficiale d’anagrafe o inviata tramite fax o per via telematica. I dichiaranti potranno in questo modo ottenere il certificato di stato di famiglia.
      Con la Legge Cirinnà ai conviventi di fatto viene riconosciuto il diritto reciproco di visita, assistenza e accesso alle informazioni personali in caso di malattia, la possibilità di nominare il partner proprio rappresentante e il diritto di continuare a vivere nella casa di residenza dopo l’eventuale decesso del convivente proprietario dell’immobile.-

      Elimina
  53. Dichiarando la convivenza, in questo modo, potrò avere la parte della mia fidanzata? Mi daranno 100 euro in più di reddito di cittadinanza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      In tal caso avrai anche la quota della tua fidanzata.-

      Elimina
  54. La mia ragazza ha 22 anni e non ha mai lavorato , alcune persone mi hanno detto che per aver la quota della mia fidanzata dobbiamo sposarci,un avvocato mi ha detto queste parole ''bisognerà attendere che la sua fidanzata compia 26 anni,Il che significa che, fino al compimento dei 26 anni, anche se la sua fidanzata cambiasse residenza, continuerebbe a far parte del nucleo familiare dei propri genitori a meno che non abbia prodotto reddito nell’anno di imposta 2018.'' quindi dottore devo sposarmi per forza? Chi ha ragione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti ha ragione l'avvocato, perché c'è comunque il limite dei 26 anni se non si è sposati.-

      Elimina
    2. Allora devo sposarmi?

      Elimina
  55. Per quanto riguarda me, andando in affitto, dovrei fare isee ordinario e anche quello corrente? E la giacenza media della mia Postepay è di 1300€ del 2018 e di 1200€ del 2019, in che modo influisce l giacenza media sulla quota che dovrei prendere? Poiché non lavoro, mi daranno 780 euro se vado in affitto e pago 280 euro di affitto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi fare solo l'ISEE ordinario e la e la giacenza media della tua Postepay è ininfluente.-

      Elimina
  56. In quello ordinario ci saranno solo i redditi miei e non più quello dei miei genitori, giusto? Quindi non avendo lavorato mi daranno 780 euro se vado in casa in affitto di 280€

    RispondiElimina
  57. Togliendomi dallo stato di famiglia attuale e andando in affitto e facendo isee, dovranno darmi sui 780 euro al mese? 280€ è il costo dell'affitto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io al posto tuo con tutti questi ragionamenti ci andrei cauto perché potrebbero esserci dei cambiamenti della normativa e quindi nessuno può darti delle certezze sui tuoi calcoli.-

      Elimina
  58. Siccome tra un anno lavoro sicuro, e ho problemi in famiglia e non voglio più starci, potrebbe dirmi attualmente se me ne vado in affitto, non avendo lavorato, mi daranno piu o meno 780 euro? Togliendomi dallo stato di famiglia e nucleo familiare, andando in affitto di 280€ mensili , ho 27 anni, 780€ mi daranno? Per la richiesta del reddito di cittadinanza quale isee calcolano? Dovrò fare l' isee dopo aver avuto il contratto di affitto, e quindi sarà piu basso rispetto a quello di tutto il nucleo attualmente composto da 5 persone? Mi daranno 780€?grazie dottore se risponde in modo da farmi capire

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se tra un anno lavori di sicuro ti consiglio di avere pazienza ed attendere un anno prima di andartene di casa, perché in teoria potresti avere anche 780 euro di reddito di cittadinanza, cambiando residenza e con un contratto di affitto in mano, ma in pratica basta un minimo intoppo per farti saltare tutto il programma.-

      Elimina
  59. Grazie dottore ma devo andarmene presto, e ho gia trovato casa in affitto, quanto tempo può passare per avere il reddito di cittadinanza? Facendo il Contratto di affitto tra un mese e cambio di residenza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo in questo caso non posso esserti d'aiuto e comunque non credo che qualcuno possa darti delle certezze in merito.-

      Elimina
  60. Possono passare anche 2 mesi tra cambio residenza nuovo isee e accettazione del reddito di cittadinanza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo di questi tempi nessuno può darti delle certezze ne sul possesso dei requisti ne sui tempi di eventuale erogazione del reddito di cittadinanza.-

      Elimina
  61. I requisiti dovrei averli dato che togliendomi dal nucleo familiare con contratto di affitto si abbassa anche l'isee

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di rivolgerti ai servizi sociali del tuo Comune di residenza per farti consigliare al meglio sul da farsi.-

      Elimina
  62. Ciao Gianfranco.Intanto complimenti per ciò che fai... Poi, ti volevo porre il seguente quesito. Vivo con 2 fratelli, entrambi invalidi civili: 1 ha 100%, l'altro il 76%. Siamo percettori di rdc. L'unico che ha dovuto sottoscrivere il patto per il lavoro sono io. In questi giorni, mio fratello, con il 76%, è stato chiamato dal comune per un cantiere a seguito di una domanda presentata più di 2 anni fa, ma lui non se la sente... Ora ti chiedo: considerando che è stato esonerato dal sottoscrivere il patto per il lavoro, conta come rifiuto? Ai fini del rdc, rischiamo? Spero di esser stato in grado di farti comprendere il quesito. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      Dipende dalla patologia di tuo fratello!
      Infatti se il Comune gli offre un lavoro compatibile con la sua patologia tuo fratello non può rifiutarsi, altrimenti può perdere il diritto al reddito di cittadinanza.-

      Elimina
  63. Ciao Gianfranco, intanto grazie per la disponibilità. Ti volevo fare presente che mio fratello è stato esonerato dal sottoscrivere il patto per il lavoro in quanto dovrebbe assistere l'altro mio fratello disabile. Poi, in ogni caso, si tratterebbe di primo rifiuto... In pratica avrebbe dovuto lavorare come manovale per il rifacimento di una strada:non credo sia un lavoro congruo con chi ha il 76% di invalidità... Poi, boh...! Comunque, alla visita medica per il cantiere gli hanno dato la facoltà di firmare la non idoneità al lavoro... Questo è tutto. Ancora grazie e complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Leandro!
      Se gli hanno dato la facoltà di di firmare la non idoneità al lavoro il problema in questo caso è risolto, mentre se gli offrissero un lavoro "idoneo" non potrebbe rifiutarlo, anche se non ha sottoscritto il patto per il lavoro.-

      Elimina
  64. Buongiorno, sono Manuela sono una lavoratrice interinale con contratti a scadenza, volevo sapere se è vero che percependo il reddito di cittadinanza l azienda non può licenziare e, in caso di assunzione avrebbe degli sgravi fiscali? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Manuela!
      Il Reddito di Cittadinanza (RdC) è compatibile con lo svolgimento di attività lavorativa da parte di uno o più componenti il nucleo familiare, fatto salvo il mantenimento dei requisiti previsti. L’importo del Rdc sarà ricalcolato sulla base dei nuovi redditi percepiti.
      Se dopo la presentazione della domanda RdC dovessero avvenire variazioni nell'attività lavorativa di un componente del nucleo, è necessario compilare il modello “Rdc/Pdc – Com esteso” e inviarlo, all’INPS tramite i CAF, gli Enti di patronato o direttamente accedendo con PIN dispositivo al sito dell’INPS.
      La notizia della variazione deve essere trasmessa all’Inps entro 30 giorni dall’evento, pena la decadenza dal beneficio.

      Elimina
    2. Grazie per la risposta, ma volevo sapere se l azienda può comunque licenziare o far decadere il contratto a tempo determinato e se in caso di assunzione avesse la possibilità l azienda di avere sgravi fiscali. Grazie ancora

      Elimina
    3. Ciao Manuela!
      Un contratto in scadenza può non essere rinnovato dal datore di lavoro, anche se si ha il reddito di cittadinanza.-
      L'azienda ha dei benefici solo se assume dei lavoratori che si trovano in disoccupazione.-

      Elimina
  65. Salve Dott. Censori, riguardo ad eventuale nuova richiesta di reddito di cittadinanza allo scadere dei 18 mesi, desideravo sapere: il mese che deve passare x la nuova richiesta fà riferimento alla data della prima domanda ad esempio 18 marzo 2019 e quindi il mese dovrebbe partire dal 18 settembre 2020 (In pratica potrei rifare domanda il 18 ottobre).Oppure....
    Grazie! GIOVANNI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giovanni!
      È possibile richiedere il reddito di cittadinanza anche una volta scaduti i 18 mesi di fruizione, ma è necessario che ci siano alcune condizioni. Innanzitutto occorre possedere ancora i requisiti per poter fare nuovamente richiesta. In secondo luogo, come si legge nell’articolo 3 - comma 6 - del decreto 4/2019 (convertito con modificazioni dalla Legge 26/2019) il reddito di cittadinanza può essere rinnovato solo “previa sospensione dell’erogazione del medesimo per un periodo di un mese prima di ciascun rinnovo”.
      In sostanza, prima di tornare a percepirlo è obbligatorio uno stacco, una sospensione di almeno un mese. Significa, dunque, che il sussidio non può essere fruito per 36 mesi continuativi.-
      Nel tuo caso la durata è dal 18/03/2019 al 18/09/2020, quindi una nuova domanda andrà presentata dal 18 ottobre.-

      Elimina
  66. Salve dottor censori devo fare una vacanza in pensione completa in un hotel della mia regione ho chiesto il bonus vacanza che è di 400 euro e devo dare appena arrivo in struttura una differenza di 52 euro.
    Posso pagarla con la carta reddito di cittadinanza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      In base agli ultimi aggiornamenti queste sono le spese ammesse:
      - Pagare le utenze elettriche, del gas e telefoniche (si può richiedere anche il bonus luce e gas);
      - Acquistare beni di prima necessità e medicinali presso alimentari, supermercati, farmacie e parafarmacie;
      - Bollo;
      - Abbigliamento, quando per il valore e il marchio del capo si rientra nel concetto di “bene di prima necessità”;
      - Elettrodomestici, esclusivamente quelli legati a bisogni fondamentali come forni a microonde, condizionatori, stufe elettriche, asciugacapelli (sconsigliato l’acquisto di tv a schermo piatto, impianti stereo e decoder);
      - Manutenzioni casalinghe (come idraulico ed elettricista), da ritenersi escluse le spese condominiali,
      - Pagare il mutuo o l’affitto di casa.-

      Elimina
    2. Per utenze telefoniche s'intende anche la ricarica del cellulare (tim Vodafone ecc...) quindi al tabacchi???

      Elimina
    3. Purtroppo NO!
      Nell'elenco delle spese ammesse figura il pagamento delle utenze domestiche. Alla lettera quindi è ammesso pagare la bolletta del telefono di rete fissa a casa non anche la ricarica del cellulare.-

      Elimina
  67. Buonasera signor Censori,

    ho alcuni dubbi sulla pensione di cittadinanza e spero mi possa aiutare:
    Questo mese io e mio marito abbiamo presentato la domanda per l´assegno sociale in un patronato. Possiamo , sempre questo mese, chiedere anche la pensione di cittadinanza se abbiamo i requisti?

    L´altro dubbio: io e mio marito abbiamo fatto l´ISEE quest´anno con i redditi del 2018. L´Isee dovrebbe essere valido fino al 31 dicembre di quest´anno (2020) e quindi dovremmo poterlo usare per la domanda di pensione di cittadinanza, giusto?

    ultimo dubbio: I requisiti riguardanti i redditi ed il patrimono mobiliare basati su ISEE si riferiscono alla situazione reddituale e l´ indicatore della situazione patrimoniale oppure alle voci ´somma dei redditi dei componenti del nucleo ´ e ´patrimonio mobiliare del nucleo´?

    La ringrazio in anticipo per la sua gentile risposta.

    RispondiElimina
  68. Cioé spiego meglio la mia ultima domanda: al patrimonio mobiliare bisogna togliere fino a concorrenza, una franchigia pari a 6.000 euro, accresciuta di 2.000 euro per ogni componente il nucleo familiare successivo al primo? Quindi se il patrimonio mobiliare risultante sull´ISEE e´17.000 devo detrarre 8.000 per me e mio marito e arriveremmo ad un patrimonio mobiliare di 9.000. Premetto che immobili non ne abbiamo. Siamo in affitto. Con 9.000 di patrimonio mobiliare saremmo cmq sopra la soglia massima di 8.000 o con i nuovi decreti del governo per via del Coronavirus e´cambiato qualcosa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'assegno sociale non è compatibile con la pensione di cittadinanza quindi si può optare o per l'uno o per l'altra in base alla convenienza, ma nel vostro caso avendo già presentato la domanda per l'assegno sociale il discorso è chiuso.-

      Elimina
  69. Buonasera ho appena ricevuto un importo inferiore di rdc giustificato da sanzione per non aver speso l'intero importo del sussidio. Sicura di aver lasciato, nella miglior circostanza, al massimo 10 centesimi alla fine del mese, ad oggi l'importo tolto è aimè di 100 euro. Cosa si può fare? La ringrazio molto in anticipo

    RispondiElimina
  70. Buongiorno avviso io stessa che l'accaduto si è verificato per un errore di sistema e l'importo verrà pagato per intero da INPS ma deve lavorare di nuovo le pratiche e quindi con un ritardo sui pagamenti

    RispondiElimina
  71. Salve Dott. Censori, le chiedo a riguardo il rinnovo reddito di cittadinanza, il mese di stacco deve partire dalla data della prima domanda o dalla data dell' ultimo pagamento. Grazie! GIULIO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulio!
      Pur nel rispetto dei requisiti di accesso, i primi percettori che si imbatteranno nel periodo di sospensione del reddito di cittadinanza sono coloro che riceveranno l'ultima rata - la diciottesima - a settembre 2020. Dopo aver presentato nuovamente la domanda e trascorso il mese di stacco, la rata successiva non potrà essere percepita prima del mese di novembre 2020.-

      Elimina
  72. Salve dottor Censori, poiché a breve andrò a vivere in casa in affitto,il propietario vuole fare un contratto''cedolare secca" per un anno, ma dato che io voglio richiedere il reddito di cittadinanza, potrò usufruire della quota di affitto? Con questo tipo di contratto di un anno? grazie buona domenica

    RispondiElimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.