sabato 20 marzo 2021

Spese detraibili dal reddito - Anno 2021

Si possono portare in detrazione del proprio reddito da lavoro dipendente o da pensione, tramite Modello 730 o Modello UNICO le seguenti spese:

Righi da E1 a E7: Spese per le quali è riconosciuta la detrazione del 19%

E1) Spese sanitarie

La detrazione spetta per le spese sostenute per se e per i propri familiari a carico: es. analisi, indagini radioscopiche, prestazioni specialistiche, visite mediche, acquisto medicinali, prestazioni chirurgiche, acquisto di protesi sanitarie, spese odontoiatriche ecc.

Possono essere detratte anche le spese sostenute all'estero: il documento di spesa deve essere tradotto in italiano a cura del contribuente se la documentazione è redatta in inglese, spagnolo, tedesco o francese; occorre la traduzione giurata se in lingua diversa.-

Esiste però una franchigia di euro 129,11 quindi la detrazione spetta solo sulla parte eccedente.

E2) Spese sanitarie patologie esenti per familiari non a carico

E3) Spese sanitarie per persone con disabilità

E4) Spese veicoli per persone con disabilità nel limite di spesa di 18.075,99 euro.-

E5) Spese per l'acquisto di cani guida

E6) Spese sanitarie rateizzate in precedenza di importo superiore a 15.493,71 euro.-

E7) Interessi passivi per mutui ipotecari per l'acquisto dell'abitazione principale

La detrazione spetta per gli interessi passivi, gli oneri accessori e le quote di rivalutazione dipendenti da clausole di indicizzazione per mutui ipotecari contratti per l'acquisto di immobili adibiti ad abitazione principale.

La detrazione spetta su un importo massimo di 4.000,00 euro.-


Righi da E8 a E12- Altre spese:

8) Interessi per mutui ipotecari per acquisto altri immobili fino a 2.065,83 euro.-

9) Interessi per mutui contratti nel 1997 per recupero edilizio fino a 2.582,28 euro.-

10) Interessi per mutui ipotecari per costruzione abitazione principale fino a 2.582,28 euro.-

11) Interessi per prestiti o mutui agrari

12) Spese di istruzione diverse da quelle universitarie ( per la frequenza di scuole dell’infanzia, del primo ciclo di istruzione e della scuola secondaria di secondo grado del sistema nazionale di istruzione) fino a 400 euro per alunno o studente.-

13) Spese per istruzione universitaria

La detrazione spetta per le spese sostenute per la frequenza di corsi di istruzione secondaria, universitaria, di perfezionamento e specializzazione universitaria tenuti presso istituti o università italiane o straniere, pubbliche o private.

14) Spese funebri

La detrazione spetta per le spese funebri sostenute in dipendenza della morte di familiari come i genitori e gli ascendenti prossimi, il coniuge, i figli, i generi e le nuore, il suocero e la suocera, i fratelli e le sorelle. La detrazione spetta per un importo massimo di 1.550,00 euro.-

15) Spese per addetti all'assistenza personale fino a 2.100,00 euro con un reddito complessivo fino a 40.000,00 euro.-

16) Spese per attività sportive ragazzi (palestre, piscine ed altre strutture sportive) per ciascun ragazzo fino a 210,00 euro.-

17) Compensi pagati a soggetti di intermediazione immobiliare fino a 1.000,00 euro.-

18) Spese sostenute studenti universitari per canoni locazione fuori sede fino a 2.633,00 euro.-

20) Erogazioni liberali per a favore delle popolazioni colpite da calamità pubbliche o eventi straordinari fino a 2.065,83 euro.-

21) Erogazioni liberali alle società ed associazioni sportive dilettantistiche

La detrazione spetta per le erogazioni liberali in denaro, per un importo non superiore a euro 1.500,00 effettuate a favore delle società e associazioni sportive dilettantistiche.

22) Erogazioni liberali alle società di mutuo soccorso fino a 1.291,14 euro.-

24) Erogazioni liberali a favore della società di cultura Biennale di Venezia

25) Spese relative a beni soggetti a regime vincolistico

26) Erogazioni liberali per attività culturali ed artistiche

27) Erogazioni liberali a favore di enti operanti nello spettacolo

28) Erogazioni liberali a favore di fondazioni operanti nel settore musicale

29) Spese veterinarie fino a 387,34 euro. La detrazione sarà calcolata sulla parte che supera l’importo di 129,11 euro.-

30) Spese sostenute per servizi di interpretariato dai soggetti riconosciuti sordi

31) Erogazioni liberali a favore degli istituti scolastici di ogni ordine e grado

32) Spese sostenute per il riscatto dei corsi di laurea dei familiari a carico

33) Spese sostenute dai genitori per le rette relative alla frequenza di asili nido, pubblici o privati, per un importo complessivamente fino a 632,00 euro annui per ogni figlio fiscalmente a carico.-

35) Erogazioni liberali in denaro al Fondo per l’ammortamento dei titoli di Stato

36) Premi per assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni fino a 530,00 euro.-

38) Premi per assicurazioni per tutela delle persone con disabilità grave fino a 1.291,14 euro.-

39) Premi per assicurazioni per rischio di non autosufficienza

40) Spese sostenute per l’acquisto di abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale.-

43) Premi per assicurazioni per il rischio di eventi calamitosi

44) Spese per minori o maggiorenni con DSA

99) Altre spese per le quali spetta la detrazione del 19 per cento


Righi da E8 a E10- Altre spese: Spese per le quali è riconosciuta la detrazione del 26%

61) Erogazioni liberali a favore delle Onlus fino a 30.000,00 euro annui.-

62) Erogazioni liberali a favore dei partiti politici fino a 30.000,00 euro annui.-



Righi da E8 a E10- Spese per le quali è riconosciuta la detrazione del 30 e 35%

71) Erogazioni liberali in denaro o natura a favore delle ONLUS e APS)

72) Erogazioni liberali in favore dello Stato, delle regioni, degli enti locali territoriali, di enti o istituzioni pubbliche, di fondazioni e associazioni legalmente riconosciute senza scopo di lucro, compresi gli enti religiosi civilmente riconosciuti, per COVID-19

76) Erogazioni liberali in denaro o natura a favore delle organizz.ni di volontariato (OV)



SPESE PER LE QUALI SPETTA LA DETRAZIONE DEL 90%

81) Premi per rischio eventi calamitosi per assicurazioni stipulate contestualmente alla cessione del credito d’imposta relativo agli interventi sisma bonus al 110% ad un’impresa di assicurazione



Rigo E14: Spese per canoni di leasing di immobile da adibire ad abitazione principale

Righi da E21 a E 26: Oneri deducibili dal reddito complessivo

E21) Contributi previdenziali ed assistenziali

Possono essere portati in deduzione dal reddito i contributi previdenziali ed assistenziali versati in ottemperanza di legge, nonché i contributi volontari versati all'INPS per se o per i familiari a carico.

E22) Assegno al coniuge

E23) Contributi per addetti ai servizi domestici familiari

Possono essere portati in deduzione i contributi previdenziali ed assistenziali versati per gli addetti ai servizi domestici ed all'assistenza personale o familiare, per la parte a carico del datore di lavoro, fino ad un massimo di euro 1.549,37.

E24) Erogazioni liberali a favore di istituzioni religiose fino a 1.032,91 euro ciascuna.-

E25) Spese mediche e di assistenza di persone con disabilità

Possono essere portate in deduzione le spese mediche generiche e di quelle di assistenza specifica sostenute dai portatori di handicap, cioè coloro che presentano una menomazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva

E26) Altri oneri deducibili


6” Per i contributi versati ai fondi integrativi del Servizio sanitario nazionale

7” Per i contributi, le donazioni e le oblazioni erogate alle organizzazioni non governative (ONG) riconosciute idonee, che operano nel campo della cooperazione con i Paesi in via di sviluppo

8” Per le erogazioni liberali in denaro o in natura a favore di organizzazioni non lucrative di utilità sociale, di associazioni di promozione sociale e di alcune fondazioni e associazioni riconosciute.-

9” Per le erogazioni liberali in denaro a favore di enti universitari, di ricerca pubblica e vigilati, nonché degli enti parco regionali e nazionali.-

12’ per le erogazioni liberali, le donazioni e gli altri atti a titolo gratuito a favore di trust o fondi speciali.

13” per i contributi versati direttamente dai lavoratori in quiescenza, anche per i familiari non a carico, a casse di assistenza sanitaria aventi esclusivamente fini assistenziali

21” per gli altri oneri deducibili


Righi da E27 a E30: Previdenza complementare

E27) Contributi a deducibilità ordinaria, entro il limite di 5.164,57 euro.-

E28) Contributi versati da lavoratori di prima occupazione entro il limite di 5.164,57 euro.-

E29) Contributi versati a fondi in squilibro finanziario

E30) Contributi versati per familiari a carico

Righi da E 32 a E 33:

E32) Spese per acquisto o costruzione di abitazioni date in locazione

E33) Somme restituite al soggetto erogatore in periodi d’imposta diversi da quello in cui sono state assoggettate a tassazione

E36) Erogazioni liberali in denaro o in natura in favore delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS), delle organizzazioni di volontariato e delle associazioni di promozione sociale

Righi da E 41 a E 43: SEZIONE III A - SPESE PER INTERVENTI DI RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO (DETRAZIONE DEL 36%, 50%, 65% o 75%)

2) spese sostenute dal 1° gennaio al 25 giugno 2012 (detrazione del 36%);

3) spese sostenute dal 26 giugno al 31 dicembre 2012 (detrazione del 50%).

4) spese sostenute dal 4 agosto 2013 al 31 dicembre 2016 per interventi relativi all’adozione di misure antisismiche su edifici ricadenti nelle zone sismiche ad alta pericolosità, riferite a costruzioni adibite ad abitazione principale o ad attività produttive (detrazione del 65%);

5) spese sostenute dal 2017 al 2020 per interventi relativi all’adozione di misure antisismiche su edifici ricadenti nelle zone sismiche ad alta pericolosità (detrazione del 50%) e nella zona sismica 3;

6) spese sostenute dal 2017 al 2020 per interventi relativi all’adozione di misure antisismiche su

edifici ricadenti nelle zone sismiche ad alta pericolosità e nella zona sismica 3, dalla cui adozione derivi una riduzione del rischio sismico che determini il passaggio ad una classe di rischio inferiore (detrazione del 70%);

7) spese sostenute dal 2017 al 2020 per interventi relativi all’adozione di misure antisismiche su edifici ricadenti nelle zone sismiche ad alta pericolosità e nella zona sismica 3, dalla cui adozione derivi una riduzione del rischio sismico che determini il passaggio a due classi di rischio inferiore (detrazione dell’80%);

8) spese sostenute dal 2017 al 2020 per interventi relativi all’adozione di misure antisismiche sulle parti comuni di edifici condominiali ricadenti nelle zone sismiche ad alta pericolosità e nella zona sismica 3, dalla cui adozione derivi una riduzione del rischio sismico che determini il passaggio ad una classe di rischio inferiore (detrazione del 75%);

9) spese sostenute dal 2017 al 2020 per interventi relativi all’adozione di misure antisismiche sulle parti comuni di edifici condominiali ricadenti nelle zone sismiche ad alta pericolosità e nella zona sismica 3, riferite a costruzioni adibite ad abitazione o ad attività produttive, dalla cui adozione derivi una riduzione del rischio sismico che determini il passaggio a due classi di rischio inferiore (detrazione dell’85%);

10) spese sostenute dal 2017 al 2020 per l’acquisto di unità immobiliari facenti parte di edifici ricostruiti ricadenti nelle zone classificate a rischio sismico 1, 2 e 3 ai sensi dell’ordinanza del Presidente del Consiglio dei ministri n. 3519 del 28 aprile 2006, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 108 dell’11 maggio 2006, la cui ricostruzione ha comportato il passaggio ad una classe di rischio inferiore (detrazione del 75%)

11) spese sostenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2020 per l’acquisto di unità immobiliari facenti parte di edifici ricostruiti ricadenti nelle zone classificate a rischio sismico 1, 2 e 3 ai sensi dell’ordinanza del Presidente del Consiglio dei ministri n. 3519 del 28 aprile 2006, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 108 dell’11 maggio 2006, la cui ricostruzione ha comportato il passaggio a due classi di rischio inferiore (detrazione dell’85%);

12) spese sostenute dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2020 per le spese di “sistemazione a verde” di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione pozzi; realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili;


            13) spese sostenute dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2020 per spese di “sistemazione a verde” sostenute per interventi effettuati sulle parti comuni esterne degli edifici condominiali.

            15) spese sostenute dal 1° gennaio 2020 per interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti, di qualsiasi categoria catastale, compresi gli immobili strumentali. Gli edifici devono trovarsi nelle zone A e B, individuate dal decreto ministeriale n. 1444/1968, o in zone a queste assimilabili in base alla normativa regionale e ai regolamenti edilizi comunali. Sono ammessi al beneficio esclusivamente gli interventi sulle strutture opache della facciata, su balconi o su ornamenti e fregi, compresi quelli di sola pulitura o tinteggiatura esterna. Il bonus non spetta, invece, per gli interventi effettuati sulle facciate interne dell’edificio, se non visibili dalla strada o da suolo ad uso pubblico;

            16) spese sostenute dal 1° luglio 2020 per l’installazione di impianti solari fotovoltaici connessi alla rete elettrica su edifici esistenti, eseguita congiuntamente a uno degli interventi “trainanti” di isolamento termico delle superfici opache (interventi indicati con i codici 30, 31 nella sezione IV del quadro E) o di sostituzione degli impianti di climatizzazione (interventi indicati con i codici 32 e 33 nella sezione IV del quadro E) o antisismici in zona sismica 1, 2 e 3 che danno diritto all’applicazione dell’aliquota del 110% (codici da 5 a 11);

            17) pese sostenute dal 1° luglio 2020 per l’installazione di sistemi di accumulo integrati negli impianti solari fotovoltaici agevolati se contestuale o successiva agli interventi di cui al codice 16;

            18) quota di spese corrispondente alla potenza fino a 20kW sostenute dal 1° luglio 2020 per gli impianti a fonte rinnovabile gestiti da condomini che aderiscono alle configurazioni energetiche di cui all’articolo 42-bis del decreto-legge 30 dicembre 2019, n. 162, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 febbraio 2020, n. 8;

            19) quota di spese corrispondente alla potenza eccedente i 20kW e fino a 200 kW sostenute dal 1° luglio 2020 da parte dei condomini che aderiscono alle configurazioni energetiche di cui all’articolo 42-bis del decreto-legge 30 dicembre 2019, n. 162, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 febbraio 2020, n. 8.

Righi da E 51 a E 53: SEZIONE III B - DATI CATASTALI IDENTIFICATIVI DEGLI IMMOBILI E ALTRI DATI PER FRUIRE DELLA DETRAZIONE

E51) Spese sostenute

E52) Spese sostenute

E53) Spese sostenute


Rigo E56 - Pace contributiva o colonnine per ricarica

1) per il riscatto di periodi non coperti da contribuzione (c.d. “pace contributiva”).

2) per l’acquisto e posa in opera di strutture di ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica.

3) per l’acquisto e posa in opera di strutture di ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica eseguite congiuntamente agli interventi superbonus.


Righi da E 57 a E 59: Spese per l’arredo degli immobili ristrutturati (detrazione del 50%)

E57) Spese arredo immobili ristrutturati

E58 (Spese per l’arredo degli immobili giovani coppie)

E59 (Iva per acquisto abitazione classe energetica A o B)


Righi da E61 a E62: Spese per interventi di risparmio energetico (detrazione del 55% o 65%)


E61) Spese sostenute

E62) Spese sostenute

1) Per interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti

2) Per interventi sull'involucro degli edifici esistenti

3) Per istallazione di pannelli solari

4) Per sostituzione di impianti di climatizzazione invernale

5) Acquisto e posa in opera di schermature solari

6) Acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale a biomasse

7) Acquisto, installazione e messa in opera di dispositivi multimediali per controllo da remoto.

8) Interventi sull’involucro di parti comuni degli edifici condominiali esistenti

9) Interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali esistenti.

10) Interventi sulle parti comuni di edifici di riqualificazione energetica e misure antisismiche con passaggio ad una classe di rischio inferiore.

11) Interventi sulle parti comuni di edifici di riqualificazione energetica e misure antisismiche con passaggio a due classi di rischio inferiore

            12) Acquisto e posa in opera di finestre comprensive di infissi;

            13) Acquisto e posa in opera di caldaie a condensazione

            14) Acquisto e posa in opera di micro-cogeneratori

            15) Bonus facciate. Sono gli interventi sulle strutture opache della facciata

            16) Acquisto, installazione e messa in opera di dispositivi multimediali per controllo da remoto con limite spesa.

            30) Intervento di isolamento termico che interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% effettuati sugli edifici unifamiliari o per le unità immobiliari in edifici plurifamiliari.

            31) Intervento di isolamento termico che interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% effettuati su unità immobiliari facenti parte di condomini.

            32) Interventi sulle parti comuni degli edifici per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti.

            33) Interventi sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari in edifici plurifamiliari per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti.

Rigo E71 - Inquilini di alloggi adibiti ad abitazione principale

1) Detrazione per inquilini di alloggi adibiti ad abitazione principale

2) Detrazione per inquilini di alloggi adibiti ad abitazione principale locati con contratti in regime convenzionale.-

3) Detrazione per canoni di locazione spettante ai giovani per l’abitazione principale


Rigo E72 - Lavoratori dipendenti che trasferiscono la residenza per motivi di lavoro

Questo rigo va compilato dai lavoratori dipendenti che hanno trasferito o trasferiscono la propria residenza nel comune di lavoro o in uno di quelli limitrofi nei tre anni antecedenti quello di richiesta della detrazione e siano titolari di qualunque tipo di contratto di locazione di unità immobiliari adibite ad abitazione principale situate nel nuovo comune di residenza a non meno di 100 Km di distanza dal precedente e comunque al di fuori della propria regione.


Rigo E81 - Detrazione per le spese di mantenimento dei cani guida:

barrare la casella per usufruire della detrazione forfetaria di 516,46 euro. La detrazione spetta esclusivamente al non vedente (e non anche alle persone di cui questi risulti fiscalmente a carico) a

prescindere dalla documentazione della spesa effettivamente sostenuta.


Rigo E83 - Altre detrazioni:

            indicare le altre detrazioni diverse da quelle riportate nei precedenti righi contraddistinte dal relativo codice. In particolare:

             con il codice 1 deve essere indicato l’importo della borsa di studio assegnata dalle regioni o dalle province autonome di Trento e Bolzano, a sostegno delle famiglie per le spese di istruzione. Possono fruire di questo beneficio le persone che al momento della richiesta hanno scelto di avvalersi della detrazione fiscale, secondo quanto previsto dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 14 febbraio 2001, n. 106;

             con il codice 2 deve essere indicato l’importo delle donazioni effettuate all’ente ospedaliero “Ospedali Galliera” di Genova finalizzate all’attività del Registro nazionale dei donatori di midollo osseo. Chi presta l’assistenza fiscale riconoscerà questa detrazione nei limiti del 30 per cento dell’imposta lorda.


SPESE DETRAIBILI DAL REDDITO Anno 2021

Obbligo di pagamenti tracciabili per le spese detraibili

La legge di bilancio 2020 ha previsto a partire da gennaio 2020, l’impossibilità di detrarre le spese previste dall’art. 15 del Testo Unico se effettuate in contanti. Quindi

non cambiano le detrazioni, ma è stato previsto l’obbligo del pagamento mediante strumento tracciabile.

Per recuperare le spese detraibili sul modello 730 o UNICO a partire dal 2021 per i redditi del 2020 non si può più utilizzare il contante, infatti è necessario il pagamento mediante carte di credito/debito, bancomat, bonifico bancario, bonifico postale, assegni.-

Naturalmente il pagamento in contanti rimane ancora possibile, solo che in tal caso le spese non saranno fiscalmente detraibili.-

La normativa si riferisce alle spese per cui viene applicata la detrazione fiscale del 19%, si tratta ad esempio:

1) Spese mediche

2) Veterinarie

3) Frequenza asilo, scuole università

4) Canone locazione studenti universitari fuori sede

5) Abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale

6) Attività sportive figli (palestre, piscine ed altre strutture sportive)

7) Interessi passivi mutui prima casa (compreso spese notarili)

8) Intermediazioni immobiliari per abitazione principale

9) Erogazioni liberali

10) Acquisto veicoli per persone con disabilità, acquisto cani guida

11) Addetti all’assistenza personale nei casi di non autosufficienza – Badanti

12) Funebri

13) Assicurazioni rischio morte e contro infortuni

Il testo della nuova norma aggiunge due eccezioni alla regola della tracciabilità, precisando che l’obbligo del pagamento con sistemi tracciabili non si applica alle spese sostenute per:

A) L’acquisto di medicinali e di dispositivi medici

B) Prestazioni sanitarie rese dalle strutture pubbliche o private accreditate al SSN.-

La legge di bilancio 2020 inoltre è intervenuta anche per limitare la detrazione ai soggetti che percepiscono redditi annuali che superano l’importo di 120.000 euro.-

Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito “www.cgil.it

Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

170 commenti:

  1. Buonasera Dott. Censori mi chiamo Nicola nel 2019 mio figlio (un bambino disabile) ha partecipato ad un progetto organizzato da una Onlus riconosciuta la quale si occupa di assistenza alle famiglie con disabili. Il progetto prevedeva assistenza domiciliare di una pedagogista per 11 mesi. La quota di partecipazione a mio carico è stata del 50% versata ogni 2 mesi con bonifico oppure bollettino. Le chiedo se posso portare in deduzione o detrazione la mia quota di partecipazione. La informo che le uniche ricevute che ho sono le ricevute dei bollettini. Se la risposta è positiva in quale riga del 730 precompilato devo inserirle? Grazie mille e buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicola!
      Purtroppo NO!
      La quota di partecipazione a un progetto organizzato da una Onlus non può essere portata in detrazione senza una fattura o una regolare ricevuta valida ai fini fiscali.-

      Elimina
  2. Buongiorno Gianfranco, vorrei porre alla sua attenzione un quesito da vedere bene.
    Sono due anni che compilando il 730 precompilato vado a zero con l'irpef e quindi mi spetterebbero rimborsate anche le addizzionali versate. Infatti questo succede con le addizionale comunali e regionale dell'anno ma non succede con l'acconto addizionale comunale del rigo 79 del 730 modello 730-3.
    Nel 2017 il rigo 78 era zero e rigo 79 era 37 quindi mi spettavano 37 euro e nel 2018 stessa cosa però con 41 euro e noto che di questi soldi non vi è traccia nè nei calcoli nè nell'anno successivo. E' normale e mi devo rassegnare a perderli. Mi sono letto tutte le istruzioni della sezione F ma non trovo nulla per il mio caso. Le faccio notare che presento il 730 senza sostituto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola!
      Purtroppo è normale e quindi devi rassegnarti perché non è previsto niente in merito nella normativa in essere.-

      Elimina
  3. Buongiorno signor Gianfranco. Avrei due domande per lei:
    1) dalla precompilata compaiono delle spese sanitarie che però non trovo tra i miei scontrini conservati. Visto che dovrò necessariamente modificare la precompilata (per altri motivi), come posso fare per non rinunciare a quelle detrazioni? Stavo pensando di contattare le farmacie che a suo tempo avevano emesso lo scontrino, per farmi dare duplicato, ma non vorrei che dessero delle risposte poco eleganti...
    2) sempre nella precompilata compaiono dei rimborsi di spese sanitarie da parte del mio fondo di assistenza sanitaria. Il problema è che quegli importi non hanno riscontro rispetto a quanto in mio possesso. Come fare per verificare il dettaglio di tali rimborsi?
    Grazie mille anticipatamente per le risposte che mi vorrà dare.
    Buona giornata,
    Luigi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luigi!
      - Purtroppo o contatti le farmacie e ti fai inviare copie degli scontrini mancanti o devi toglierli dalla precompilata.-
      - Anche in questo caso non possono esserci divergenze tra quello che dichiari tu e quello che dichiara il fondo, quindi devi chiarire la questione con il tuo fondo di assistenza sanitaria.-

      Elimina
  4. Buongiorno dott. Censori,
    ho una polizza multirischi sottoscritta cointestata con la mia compagna a seguito della stipula di un mutuo.
    Oggi entrambi che facciamo 730 separato troviamo l' importo comunicato dall' assicurazione inserito ognuno nel proprio 730 precompilato ma con la dicitura "non utilizzato" possiamo inserie gli importi comunicati tranquillamente cosi come riportati o dobbiAMO DIVIDERLI NO AL 50%?

    grazie sempre per la disponibilità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vito!
      Se la polizza è cointestata dovete dividere gli importi al 50% ciascuno.-

      Elimina
  5. Mi scusi Ancora dott. Censori,
    vorrei detrarre i costi della parcella notarile è possibile?
    Visto che l' atto di mutuo e rogito è stato fatto a giugno 2019
    non dovrei già trovarli nel 730 precompilato?
    Eventualmente dove dovrei inserirli?

    Grazie sempre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vito!
      E7) Interessi passivi per mutui ipotecari per l'acquisto dell'abitazione principale
      La detrazione spetta per gli interessi passivi, gli oneri accessori e le quote di rivalutazione dipendenti da clausole di indicizzazione per mutui ipotecari contratti per l'acquisto di immobili adibiti ad abitazione principale.
      La detrazione spetta su un importo massimo di 4.000,00 euro.-

      Elimina
  6. Buonasera, vorrei - se possibile - alcune delucidazioni in merito alle detrazioni in 730 relative alla fattura del notaio per compravendita e mutuo prima casa e la fattura dell'agenzia immobiliare per acquisto prima casa. L'immobile è di proprietà mia e della mia compagna (50% e 50%). La fattura del notaio è intestata a me ed è stata pagata da me a mezzo bonifico bancario, mentre quella dell'agenzia immobiliare è intestata alla mia compagna ed è stata pagata da lei a mezzo bonifico bancario. Il mio dubbio è se gli importi da portare in detrazione vanno indicati al 50% per ciascuna dichiarazione (mia e della mia compagna) o vanno inseriti al 100% in base a chi dei due ha sostenuto la spesa. Ho posto un quesito all'agenzia delle entrate e la risposta è stata che la detrazione spetta solo a chi a sostenuto la spesa a prescindere dalla quota di proprietà. Poiché ho letto sparsi in rete pareri discordanti, ho ancora alcuni dubbi. Inoltre vorrei chiedere quali sono le voci presenti sulla fattura del notaio che effettivamente posso detrarre. In fattura figurano cinque voci: Spese di Registro,
    Tassa Archivio,
    Spese trascrizione/iscrizione/annotamento,
    Onorari e diritti soggetti ad IVA, IVA. C'è anche una specifica che dice: Spese relative all'atto di mutuo euro tot di cui: a) spese
    non soggette ad IVA = euro tot b) spese soggette ad IVA = euro tot c) IVA (22% su b) = euro tot. Quali sono le voci da portare in detrazione? L'imposta di registro non è detraibile? E l'IVA? Grazie per l'attenzione e la pazienza. Cordiali saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se il mutuo è intestato a più persone, ogni cointestatario può fruire della detrazione unicamente per la propria quota di interessi.
      Gli oneri accessori sui quali è consentito calcolare la detrazione sono le spese necessarie alla stipula del contratto di mutuo. tra questi oneri sono compresi: l’intero importo delle maggiori somme corrisposte a causa delle variazioni del cambio per mutui stipulati in altra valuta, la commissione spettante agli istituti per la loro attività di intermediazione, gli oneri fiscali (compresa l’imposta per l’iscrizione o la cancellazione di ipoteca e l’imposta sostitutiva sul capitale prestato), la cosiddetta “provvigione” per scarto rateizzato, le spese di istruttoria, notarili e di perizia tecnica, la penalità per anticipata estinzione del mutuo, ecc. Le spese notarili includono sia l’onorario del notaio per la stipula del contratto di mutuo (con esclusione di quelle sostenute per il contratto di compravendita) sia le spese sostenute dal notaio per conto del cliente come, ad esempio, l’iscrizione e la cancellazione dell’ipoteca.-
      La spesa va portata in detrazione da chi l'ha sostenuta, a prescindere quindi dalla percentuale di proprietà.-

      Elimina
  7. Buonasera Dr. Censori,

    Vorrei sapere se le spese legali per sfratto al mio ex-inquilino sono detraibili dal 730/20. Se sì, dove le devo indicare?

    Grazie in anticipo.

    Cordiali saluti
    Marzia Butti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marzia!
      Purtroppo NO!
      Le spese legali per sfratto dell'ex inquilino non sono detraibili dal 730/2020.-

      Elimina
  8. Ciao Gianfranco, nel 2019 ho cambiato la caldaia con una a condensazione con classe energetica A, senza installazioni di sistemi evoluti, quindi devo detrarre il 50%. So che devo inserire la spesa nel rigo 41, e ti volevo chiedere cosa scrivere nella colonna 3 "codice fiscale". Alcuni mi hanno detto niente, altri il mio codice fiscale o addirittura il codice fiscale dell'azienda installatrice(ma quest'ultima ipotesi non mi sembra plausibile).Ultima domanda essendo una detrazione al 50% e non risparmio energetico, devo inviare lo stesso la comunicazione ad Enea?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Claudio!
      Nel rigo 41 non si è obbligati a inserire il codice fiscale perché teoricamente potrebbe trattarsi di più di un fornitore.-
      Nel caso di mancata trasmissione della comunicazione ENEA entro il termine di 90 giorni dalla data di fine lavori, al contribuente spetta il compito di mettersi in regola.
      Per evitare di perdere il diritto alle detrazioni fiscali, il contribuente dovrà procedere all’invio della comunicazione ENEA entro il termine di scadenza della prima dichiarazione dei redditi utile, il cui termine di presentazione scade successivamente a quello per l’invio della comunicazione stessa.
      Appare utile, in chiusura, ricordare la particolarità della comunicazione ENEA per i lavori di ristrutturazione. Così come chiarito dall’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 46/E del 18 aprile 2019, l’omesso così come il tardivo invio non comporta la revoca della detrazione.-

      Elimina
  9. Buongiorno,
    si può portare in detrazione una fattura di Amazon (che riporta il mio codice fiscale) per l'acquisto di un Aerosol?
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per poter portare in detrazione l'acquisto di un Aerosol deve risultare in fattura che è un dispositivo medico a Marchio CE.-

      Elimina
  10. Buongiorno dr.
    vorrei chiederle se è corretto il mio operato. Per quanto riguarda le detrazioni di mia figlia al 50% a carico mio e di mia moglie, ogni anno nel mio 730 indico in toto le spese mediche che effettuo, mentre mia moglie nel suo Modello Unico le spese per le rette universitarie. Grazie per la risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      La normativa prevede che se i genitori richiedono la detrazione al 50% ciascuno per i figli a carico, anche le spese sostenute per conto degli stessi vanno portate in detrazione al 50% ciascuno.-

      Elimina
  11. Buongiorno,
    posso portare in detrazione la fattura riguardante le spese funebri di mia madre emessa dall'impresa il 31.12.2019 e da me pagata con bonifico bancario i primi giorni del 2020? Nel 730/2020 precompilato l'Agenzia delle Entrate l'ha inserita in quanto comunicata (dato di utilizzo SI) dall'impresa che ha effettuato la prestazione del servizio. In attesa di sua risposta la ringrazio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Puoi portare in detrazione le spese funebri sostenute per tua madre, ma siccome il pagamento è stato effettuato a gennaio 2020 potrai portarle in detrazione solo con la dichiarazione dei redditi del prossimo anno.-

      Elimina
  12. Buongiorno,
    stavo inserendo le spese di ritrutturazione sostenute nel 2019 per la mia casa ed andando ad inserire l'immobile nella compilazione assistita mi chiede di scegliere tra:
    - Immobile censito nel catasto edilizio urbano
    - Immobile censito nel catasto terreni
    Devo mettere la prima giusto se si tratta della casa in cui vivo?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Confermo!
      Immobile censito nel catasto edilizio urbano.-

      Elimina
  13. Salve,
    nell'inserire una spesa per ristrutturazione mi chiede l'identificativo pagamento, cosa sarebbe?
    Su delle spese che già ci sono vedo che è un codice ma non capisco preso da dove.
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non mi dici a quale rigo del 730 fai riferimento purtroppo non posso esserti d'aiuto.-

      Elimina
    2. Si tratta del Quadro E, devo andare ad inserire una fattura per l'acquisto di una cucina e procedendo con la modalità assistita tra le varie informazioni come Importo, Fornitore etc etc, mi chiede come dato obbligatorio anche questo "Codice pagamento" ma non so cosa sia o dove prenderlo.
      Nelle spese che già trovo inserite per esempio c'è questo codice ma è un codice alfanumerico che non corrisponde ai codici del bonifico che posso trovare sulla stampa della banca o cose del genere.

      Elimina
    3. E' strano che la spesa non sia inserita e comunque non puoi aggiungerla nel precompilato, quindi devi annullare il tutto e procedere con il 730 ordinario.-

      Elimina
    4. In realtà non è così strano, per il recupero del verde non è necessario ne bonifico parlante ne fattura pertanto il pagamento andrebbe inserito in altro modo. Tanto è vero che l'interfaccia consente l'inserimento di queste informazioni.

      Elimina
  14. Salve, Le chiedo gentilmente un'informazione. Siccome l'anno scorso ho avuto un reddito di 4684€(formato da naspi, 1 gg lavoro, e 4 gg corso retribuito) quindi 3 C.U., sull'Agenzia d'entrate per 730 precompilato mi risulta di essere a debito. So che questa cosa succede quando sono più C.U però nello stesso tempo so che sotto 8000 € non si pagano le tasse. L'anno scorso ho avuto spese mediche odontoiatriche di €2857 e volevo sapere se posso avere il rimborso del 19% di queste spesse. Immagino che se una persona non paga le tasse non viene neanche rimborsata per spese del genere. Oppure se avrei guadagnato entro 2840€ avrei potuto essere in carico del mio marito? Pensavo se per caso esiste un'altra modalità..tipo 730 congiunto? Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo quando si ha un reddito annuale superiore a 2.840 euro e inferiore a 8.000 euro c'è una "fregatura", nel senso che siccome non si paga IRPEF non si può portare in detrazione alcuna spesa e non si può essere a carico del coniuge.-

      Elimina
  15. Salve, ho compilato il 730 on-line e siccome ho due figli ho inserito due codici 12 e due codici 40 nei righi E8 e E9 compilando due moduli come fatto ogni anno.
    Questa volta mi dice che c'è un errore due codici uguali ma sono per due figli, come mai mi capita questo?
    Mi può aiutare a capire se c'è un modo per andare avanti senza errori e rilasciare il 730?
    Grazie mille
    Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questi casi è consigliabile annullare il tutto e procedere con il 730 ordinario perché nel precompilato non tutti i dati sono modificabili.-

      Elimina
    2. Secondo me l'errore sta nel fatto che ha scritto due codici 40, Perche il massimo che si può scrivere col codice 40 è 250, è solo una volta. Io ho tre figli e ho scritto 3 volte il codice 12 e una volta il 40 ed è andato tutto ok

      Elimina
  16. Buongiorno, ho un contratto di affitto con cedolare secca durata 4+4, volevo sapere se potevo usufruire della detrazione del rigo E71 e con quale codice 1 oppure 2.
    Ultima cosa: il contratto è intestato a me e mia moglie che è a mio carico eventualmente posso usufruire della detrazione al 100%?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Claudio!
      Codice 1:
      Questo codice deve essere indicato dai contribuenti che
      hanno stipulato o rinnovato il contratto di locazione di immobili destinati ad abitazione principale, in base alla legge che disciplina le locazioni di immobili ad uso abitativo (legge 9 dicembre 1998, n. 431).
      Codice 2:
      Affitto in regime convenzionale
      La detrazione viene riconosciuta se il contratto di locazione, per un immobile che hai adibito ad abitazione principale, è stato stipulato o rinnovato ai sensi dell’articolo 2, comma 3 e articolo 4, commi 2 e 3, della legge 9 dicembre 1998, n. 431. Si tratta di contratti cosiddetti “convenzionati”, stipulati in base ad accordi locali tra organizzazioni sindacali di categoria, solitamente della durata di tre anni rinnovabili di altri due, nei quali si fa espresso riferimento a limiti di canoni compresi in parametri riferiti al tipo di immobile e all'ubicazione. In nessun caso la detrazione spetta per i contratti di locazione intervenuti tra enti pubblici e contraenti privati.-
      - SI! Se tua moglie è a tuo carico puoi usufruire della detrazione al 100%

      Elimina
  17. Buonasera,

    vorrei sapere, nel caso di un immobile cat. A/10, quale valore va inserito nel "quadro B" (Redditi dei fabbricati e altri dati) del 730/2020, alla "colonna 2" (utilizzi). Preciso che nell'immobile sono attive le utenze energia elettrica, gas e acqua anche se di fatto non è utilizzato se non saltuariamente da mio fratello (proprietario al 50%) come deposito o appoggio per il lavoro. Quindi si tratta di immobile "non abitativo", non locato che credo sia definibile come "a disposizione". Viene pagato regolarmente IMU a mezzo F24. A proposito di ciò avrei un secondo dubbio: nella colonna 12 (casi particolari IMU) dello stesso quadro B, che valore va inserito?
    Grazie per la cortese attenzione. Un cordiale saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quadro B (Reddito da fabbricati):
      Colonna:2 = immobile, ad uso abitativo, tenuto a disposizione.-
      Colonna 12: 3 = immobile ad uso abitativo non locato, assoggettato ad Imu, situato nello stesso comune nel quale si trova l’immobile adibito ad abitazione principale

      Elimina
  18. Buongiorno,
    il bollettino pagato per la CILA per inizio lavori di ristrutturazione si può portare in detrazione?
    Il bollettino completo compreso anche dei 2 euro di tasse di pagamento?
    È invece uno scontrino di Leroy per l'acquisto di alcuni materiali (sempre per la ristrutturazione) senza però che ci sia la fattura corrispondente?
    Grazie in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Non puoi portare in detrazione ne il bollettino per la CILA ne lo scontrino di Leroy.-

      Elimina
  19. Buongiono,

    Vorrei sapere se le spese di successione di una casa si possono detrarre e se si in quale misura.

    Grazie e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Le spese di successione non si possono portare in detrazione.-

      Elimina
  20. Salve avvocato, avrei due quesiti io nel 2019 ho acquistato un pianoforte nuovo, posso detrarre la spesa da qualche esempio bonus mobili a seguito di una ristrutturazione nel 2017, e le spese di scuola di musica si possono detrarre già nel 2019, per l'acquisto di un pc portatile si può usufruire di qualche detrazione visto che quest'anno è stato molto utile per le video lezioni da casa,rimango in attesa di un vostro riscontro, grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Con la dichiarazione dei redditi di quest'anno non puoi portare in detrazione nessuna delle spese che hai elencato.-

      Elimina
  21. Buonasera Avvocato spiego in breve..sono lavoratore dipendente ho acquistato casa a novembre 2019 solo a nome mio.Ho 2 figlie a carico.e una moglie che lavora ma alla quale hanno pignorato 1/5 dello stpendio per jn finanziamento nn pagato.e' d' obbligo che io faccia il 730? mia moglie col fatto del pignoramento puo' crearmi problemi?grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei obbligato a presentare la dichiarazione dei redditi solo se nel 2019 hai avuto altri redditi oltre a quello da lavoro dipendente o se hai delle spese da portare in detrazione.-
      Il pignoramento di tua moglie può crearti dei problemi solo se siete in regime di comunione dei beni.-

      Elimina
  22. Buongiorno,

    vorrei sapere se per detrarre un materasso basta che sia ortopedico senza la ricetta del dottore.

    Grazie e buona gioranta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bonus materassi:
      Il bonus materassi è un'agevolazione fiscale permessa dall'Agenzia delle Entrate che permette la detrazione sull'IRPEF di una parte dei costi sostenuti per acquistare un nuovo materasso. Possiamo distinguere due diversi casi:
      - Bonus Mobili - legato a lavori di ristrutturazione della propria abitazione;
      - Presidi medico sanitari - legato all'acquisto di prodotti che alleviano o risolvono problemi fisici oggettivi.

      Elimina
  23. Salve, in merito alla fattura relativa a spese di intermediazione immobiliare per acquisto prima casa, ho letto che è possibile detrazione sulla base di importo massimo di euro 1.000,00. Nel caso di proprietà condivisa al 50% e 50% tra me e mia moglie (e mutuo cointestato) con fattura agenzia immobiliare intestata solo a me e pagata da me con bonifico, l'importo per detrazione va inserito da me che ho sostenuto la spesa al 100% o va comunque condiviso al 50% a prescindere dalla fattura e dal soggetto pagante?
    Grazie per avermi dedicato il Suo tempo. Cordiali saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualora la fattura è intestata ad un solo proprietario ma l’immobile è in comproprietà, al fine di ammettere pro-quota alla detrazione anche il comproprietario che non è indicato nella fattura, sarà necessario integrare il documento con i dati anagrafici del comproprietario mancante.-

      Elimina
  24. Salve Gianfranco
    Mia moglie dal 01/07/2019 percepisce un reddito superiore ad € 2.840. Io non percepisco reddito e fino al 2018 ero a carico dei miei genitori pensionati. Posso ora nel 730 essere a carico dei miei genitori per i primi 6 mesi del 2019 ed i restanti 6 mesi essere a carico di mia moglie. Grazie e buon lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Nello stesso anno solare si può essere a carico di un solo familiare.-

      Elimina
  25. Salve Dottore
    le vorrei chiedere per cortesia se le visite mediche dal naturopata si possono detrarre ?
    Inoltre le vorrei chiedere se si può considerare fiscalmente a carico i figli studenti con età superiore a 26 anni e senza reddito.
    Grazie mille in anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si possono portare in detrazione le visite solo se prescritte dal proprio medico di base.-
      Si possono considerare i figli fiscalmente a carico, se senza reddito, a prescindere dall'età.-

      Elimina
  26. ...Buona sera Avvocato...Vorrei sapere se la trattenuta mensile da me subita come pignoramento coatto a favore di una finanziaria da aprile a novembre 2019 pari a 2.252 euro e' totalmente detraibile dal reddito complessivo per l'anno 2019 considerato che dal datore di lavoro non era stata comunque trattenuta nessuna quota a mo' di IRPEF sui redditi...inoltre, le rate pagate per debiti con equitalia-agenzia delle entrate, a seguito adesione alla rottamazione ter, pagate nel 2019
    ...sono pure detraibili al 100% ?...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non sono detraiibli ne la trattenuta mensile come pignoramento ne le rate pagate per debiti con equitalia.-

      Elimina
  27. Buonasera, nel 2019 ho sostenuto spese dentistiche presso una clinica in Croazia e mi è stata rilasciata fattura in doppia lingua, croato ed italiano ed è espressa sia in Kune che in Euro. Nonostante ciò il Caf sostiene che ci vuole la traduzione giurata della fattura. A me sembra un'assurdità. Vorrei un suo gentile parere e se esiste qualche chiarimento ministeriale in proposito. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Benedetto!
      Spese mediche sostenute all'estero:
      Le spese mediche sostenute all'estero sono detraibili nella dichiarazione dei redditi con gli stessi criteri usati per quelle sostenute in Italia. L'importante è aver conservato la documentazione che prova il tipo di prestazione e l’importo che è stato pagato. Se la documentazione è redatta in inglese, francese, spagnolo o tedesco (sloveno per i residenti in Friuli appartenenti alla minoranza slovena) occorre una traduzione in italiano, che può essere fatta dallo stesso contribuente, che la deve sottoscrivere per garantirne la veridicità. Questa possibilità c'è solo per le lingue elencate: infatti, se la documentazione è redatta in una lingua diversa da queste, bisogna presentare una traduzione giurata del documento. Per ottenere questo tipo di traduzione rivolgiti al Tribunale, che ti indicherà uno o più professionisti a cui rivolgerti per la traduzione che verrà poi asseverata dal Tribunale stesso.-

      Elimina
    2. Grazie Avvocato, nel mio caso la fattura è redatta in doppia lingua, croato e italiano. Serve la traduzione giurata?

      Elimina
    3. Ciao Benedetto!
      Purtroppo SI!
      la fattura è estera quindi la traduzione in italiano di una clinica croata non ha alcun valore giuridico in Italia.-

      Elimina
  28. Salve Dottore
    si possono detrarre le donazioni effettuate ad un gattile ?
    In quale rigo del modello 730 vanno inserite ?
    Grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E26) Altri oneri deducibili
      “8” Per le erogazioni liberali in denaro o in natura a favore di organizzazioni non lucrative di utilità sociale, di associazioni di promozione sociale e di alcune fondazioni e associazioni riconosciute.-

      Elimina
  29. Salve Dottore
    mia figlia nel 2019 ha frequentato un master di Terapia Musicale a Londra: tali spese si possono detrarre ?
    Inoltre per tutto il periodo ha alloggiato a Londra c/o abitazione con un un regolare contratto di affitto: le relative mensilità di affitto si possono detrarre ?
    Grazie mille per la Sua cortese disponibilità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Non è possibile portare in detrazione ne il master di Terapia Musicale ne le relative spese di affitto.-

      Elimina
  30. Buongiorno Dott. Censori, le pongo la domanda in questa sezione in quanto non ho trovato la sezione giusta. Ho acquistato la mia prima casa quattro anni fa circa usufruendo dei benefici fiscali per la prima casa. Le chiedo: è possibile rivendere l'appartamento per acquistare un'altra casa da adibire come prima abitazione in un diverso comune di un'altra provincia da quella attuale. Se affermativo quali sono le conseguenze dei benefici fiscali di cui ho usufruito? Cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando si acquista una prima casa usufruendo delle agevolazioni previste e godendo quindi di determinati vantaggi fiscali bisogna rispettare alcune condizioni, tra cui la vendita del bene dopo un determinato periodo di tempo.
      Chi vende una prima casa entro 5 anni dall'acquisto – e non acquista entro 12 mesi un nuovo immobile da destinare ad abitazione principale – perde il diritto agli sconti di cui ha usufruito al momento di stipulare il rogito. Nel dettaglio, se si vende una casa acquistata con il bonus prima casa prima di 5 anni e non se ne compra un’altra con gli stessi requisiti prima casa, si perdono le agevolazioni e si dovranno versare le imposte non versate all'epoca del primo rogito, gli interessi e una sanzione del 30% delle imposte stesse.
      La vendita della prima casa entro 5 anni è possibile, a patto però che se ne acquisti un’altra con gli stessi requisiti entro un anno. In caso contrario scattano le sanzioni. Viceversa, è sempre possibile la vendita della prima casa dopo 5 anni.-

      Elimina
    2. Grazie mille!

      Elimina
  31. Buongiorno Gianfranco volevo cortesemente che lei mi chiarisca una volta per tutte dei dubbi che i caf non sono riusciti a chiarire visto che danno risposte diverse.
    Ho ereditato da mio marito insieme ai miei due figli la casa di abitaziaone principale e il box di pertinenza.
    Dato per certo che per la casa principale il diritto di abitazione è sicuro e sia nel 730 che nell'isee devo dichiarare tutto io al 100%. Invece per quanto riguarda il box di pertinenza mi sono sorti dei dubbi.
    Secondo me da quello che leggo in internet il diritto dovrebbe comprendere anche il box e quindi dichiarare tutto io sia nel 730 che per l'isee. Cos' mi sono interstardita e ho chiesto parere a 4 caf e a 2 commercialisti di mia conoscenza, il risultato è stato di 4 a 2 a favore che il diritto si estente anche al box di pertinenza. Mi manca solo il suo parere sperando che mi chiarisci meglio tutti con una risposta chiara. Aspettano anche il suo parere altre due mie amiche vedove anche loro con gli stessi dubbi.
    In attesa Le auguro
    una buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si considerano pertinenze dell’abitazione principale gli immobili rientranti nelle seguenti categorie catastali:
      - C/2, magazzini e locali di deposito, cantine, soffitti, solai;
      - C/6, stalle, scuderie, rimesse, posti auto, autorimesse (senza fine di lucro);
      - C/7, tettoie chiuse o aperte.
      Risulta quindi necessario procedere all'accatastamento (ossia all'iscrizione degli immobili sopra descritti nella rispettiva categoria catastale) quando vengono ultimati i lavori di costruzione di un nuovo immobile.
      Si ricorda inoltre che gli atti e i rapporti giuridici che hanno per oggetto la cosa principale (es. abitazione) comprendono anche le pertinenze (es. box auto), se non è diversamente disposto (come previsto dall'art 818 c.c.).

      Elimina
    2. Il mio è C/6 pertinenza dell'abitazione principale,quindi devo dedurre che sia nel 730 che nell'isee devo inserire il box tutto io insieme all'abitazione principale e i miei figli non devono mettere nulla nel loro isee e nel 730

      Elimina
  32. buongiorno,avrei una domanda da farle:sono deducibili le spese di successione e quelle per instaurare la pratica.è morta mia madre che era vedova e sono figlio unico.grazie.giorgio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Le spese di successione e quelle per instaurare la pratica non sono deducibili.-

      Elimina
  33. Buonasera retta casa di riposo pagate nel 2020 dal figlio per il genitore sono detraibili nel 730/2021? O i bonifici devo essere effettuati dalla persone intestataria della fattura?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ivonne!
      Purtroppo NO!
      La retta pagata a una casa di riposo non è detraibile ne dalla persona ricoverata ne dai suoi familiari che provvedono al pagamento.-

      Elimina
  34. Ciao Gianfranco, siamo quattro figli possiamo farci intestare la fattura per le spese funebri a tutti e quattro oppure deve essere fatta solo a uno e poi l'intestatario aggiunge in fattura la condivisione delle spese con gli altri tre. Oppure sono validi tutti e due i modi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Franco!
      La spesa funebre può essere detratta da più persone che l’hanno sostenuta, ancorché il documento contabile (ricevuta o fattura) sia intestato o rilasciato ad una sola di esse, a condizione che nel documento contabile originale sia annotata la dichiarazione di ripartizione della spesa sottoscritta dallo stesso intestatario del documento.-

      Elimina
  35. Buongiorno , a luglio ho fatto 730 prima volta nella vita,ho dichiarato reddito basso 4200 EUR,quello che era . Però in pagamento di luglio (prestazioni Naspi )mi risulta che hanno preso 100 euro di trattenuti IRPEF ,MA vorrei chiedere è possibile che sul 415 di naspi +240 di ANF ,in un mese mi tolgono 100 euro di Irpef , grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'aliquota IRPEF è pari al 23% + addizionali regionale e comunale, quindi su 415 euro è giusta la trattenuta di 100 euro.-

      Elimina
    2. Ma ,mi sembrava che una persona che non ha reddito superiore di 8200 euro ,non paga le tasse !!forse ho capito male questo legge , grazie mille.

      Elimina
    3. Questo è un altro discorso nel senso che con la dichiarazione dei redditi puoi recuperare l'IRPEF pagata e non dovuta all'erario.-

      Elimina
    4. Buongiorno, allora forse ho sbagliato di fare 730 ,non avendo reddito più alto di 8000 , perché adesso prendo 450 euro di disoccupazione e da questa somma mi tolgono 100 euro di Irpef , avendo 5000 euro di reddito annuale ,!?Bonus Renzi non mi riguarda perché ho reddito basso invece per togliere tassa da reddito basso SI !! non capisco magari lei mi spiega meglio , grazie mille, per la sua gentilezza.

      Elimina
    5. L'IRPEF che paghi quest'anno sulla disoccupazione potrai recuperarla con la dichiarazione dei redditi del prossimo anno, ovviamente se quest'anno il tuo reddito lordo complessivo non sarà superiore a 8.000 euro.-

      Elimina
  36. Buongiorno,ho fatto 730 a luglio ,prima volta nella vita, però anche se ho reddito 5000 annui mi tolgono lostesso 20 % di Irpef ,mi sembra che, chi non ha 8000 non deve pagare la tassa ,forse sbaglio , perché bonus Renzi non danno perché sono sotto il reddito ,ma per pagare tassa prendono , non capisco , magari lei mi riesci a spiegare meglio , grazie per la sua gentilezza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con l’articolo 2 della Legge n. 289 del 2002 i contribuenti che appartengono a fasce reddituali basse rientrano nella cosiddetta No Tax area. La No Tax Area delimita una sorta di zona franca che consente di non pagare le imposte a quanti appartengono al primo scaglione Irpef.
      A disciplinare l’esenzione dalla tassazione intervengono gli articoli 11e 13 del Testo Unico delle Imposte sui Redditi (Tuir). L’articolo 11, comma 2 contempla le esenzioni per “redditi di pensione non superiori a 7.500 euro” e per quello dell’abitazione principale. L’articolo 13, comma 1, lettera a) esonera dalla tassazione quanti dichiarano un “reddito complessivo non superiore a 8000 euro al quale concorrono uno o più redditi di cui agli artt. 49”.-

      Elimina
  37. Buona sera Sig. Censori,
    qualche giorno addietro ho effettuato una visita specialistica. Ho pagato 100€ in contanti e mi è stata emessa regolare fattura.
    Desideravo chiederLe: pagando in contanti il 21 settembre 2020, avrò diritto a scaricare tali spese nel 730 del prossimo anno?
    LA ringrazio per la Sua risposta.

    Antonio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonio!
      Il pagamento in contanti può, continuare ad essere utilizzato, ai fini della detrazione fiscale del 19%, per:
      - L’acquisto di farmaci e dispositivi medici;
      - Visite mediche presso strutture pubbliche o presso studi o strutture convenzionate con il Servizio Sanitario Nazionale (anche quelle realizzate Intramoenia);

      Elimina
  38. Salve Dottore,
    ho acquistato un termometro sul sito Aliexpress.
    Posso mettere nel 730 la fattura cinese con tutti i miei dati compreso il Codice Fiscale che ha la dicitura CE MEDICAL DEVICE e con il nome del prodotto?
    Grazie in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L’obbligo di eseguire il pagamento tramite metodi tracciabili non riguarda tutte le spese sanitarie. Non sussiste tale onere per le spese sostenute per l’acquisto di medicinali e di dispositivi medici ed alle detrazioni per prestazioni sanitarie rese da strutture pubbliche o private accreditate con il Servizio Sanitario Nazionale.-
      Nel tuo caso la detraibilità dipende quindi dalla modalità di pagamento usata.-

      Elimina
    2. Ho pagato con bancomat sul sito.
      Va bene?
      Io mi chiedevo più se la fattura contiene tutto il necessario per essere inserita nel 730

      Elimina
    3. SI!
      La fattura contiene tutto il necessario per essere inserita nel 730.-

      Elimina
  39. Buonasera, chiedo gentilmente una conferma, in quanto due Caf da me interpellarti hanno dato pareri discordanti.
    Fermo restando, quanto di norma sugli importi previsti, le chiedo se è corretto che io porti in detrazione le spese universitarie, di un corso di Laurea in Olanda (specialistica) sostenute da mio figlio, che risulta a mio carico, anche se sono state sostenute da lui, in quanto sia per quel tipo di spese che per l'affitto e l'abbonamento ai mezzi pubblici, ha dovuto aprire un proprio c/c in Olanda.
    Grazie mille
    graziella

    RispondiElimina
  40. Dimenticavo di dirle che, chiaramente, il c/c Olandese è da me sostenuto con bonifici periodici.
    Grazie
    Graziella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Graziella!
      Se tuo figlio è fiscalmente a tuo carico puoi portare in detrazione le sue spese, anche se vi provvede direttamente, perché ovviamente può farlo solo grazie ai soldi che gli mandi tramite bonifico.-

      Elimina
  41. Grazie mille, per fortuna ho optato per il CAf giusto!!!!!
    Buona giornata
    Graziella

    RispondiElimina
  42. Buona sera Dott. Censori.
    Giorno 26 ottobre il mio commercialista ha presentato il 730 integrativo opzione 2 per correggere il sostituto erroneamente indicato in precedenza. In queta nuova dichiarazione il codice fiscale del nuovo sostituto è esatto ma manca il nome e il Codice sede è errato...
    Avrò problemi col rimborso?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Non avrai problemi!
      L'Agenzia delle Entrate provvede ad identificare il datore di lavoro dal codice fiscale, quindi le altre informazione inserite nel 730 sono ininfluenti.-

      Elimina
  43. Buonasera, vorrei acquistare su Amazon una tastiera per il tablet (che già possiedo) da far usare a mia figlia Dsa , a scuola. Se richiedo la fattura a mio nome con il mio codice fiscale (non credo che Amazon possa inserire anche il codice.fiscale di mia figlia) posso detrarla sul 730? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Se la fattura è intestata a te non puoi portarla in detrazione.-

      Elimina
  44. Grazie per la gentile risposta.

    RispondiElimina
  45. Buongiorno Gianfranco,
    mia figlia sta svolgendo un semestre Erasmus in Germania. Possiede un certificato di iscrizione all'Università di Mannheim, ma di fatto rimane iscritta all'Università di Torino, dove risediamo.
    Vorrei chiederle, cortesemente:
    - l'affitto in residenza universitaria a Mannheim è detraibile secondo lei dal 730 (cod.18)? Ho letto opinioni contrastanti, dovute al fatto che comunque gli studenti Erasmus rimangono iscritti all'università di provenienza;
    - se fosse detraibile, lo sarebbe in toto, o bisognerebbe sottrarre la borsa Erasmus percepita?
    - oltre alle tasse universitarie pagate regolarmente a Torino, l'Università di Mannheim ci ha chiesto un "semester fee" di 115 euro. Possiamo aggiungerlo alle spese universitarie sul 730 (cod.13)?
    Grazie molte per l'attenzione e la disponibilità.
    Cordiali saluti
    Elena Beltramo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena!
      Per i fuori sede è prevista la detrazione del 19% delle spese per i contratti di affitto su un tetto massimo di 2.633 euro l'anno.
      Non è prevista invece per chi è iscritto ad università italiane e frequenta periodi di studio all'estero (ad esempio Erasmus) per l'affitto all'estero.-

      Elimina
  46. Grazie molte, Gianfranco! peccato, un po' ci contavo...

    RispondiElimina
  47. Salve Dottore,
    negli ultimi anni mi è capitato di vendere delle cose mie usate su eBay ogni tanto, ma parliamo di 4/5 in cose in tutto ma non sapevo andassero messe nel 730 ed andasse fatta ricevuta.
    Per una cosa che ho venduto quest'anno se volessi sistemare e metterla nel 730 dove va inserita? Sia l'importo dell'oggetto che quello delle spedizioni?
    E se non ho fatto ricevuta ormai all'acquirente come funziona?
    Grazie mille in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L’episodicità della vendita fanno si che l’attività non possa essere inquadrata come commerciale. Questo a prescindere dall’importo ottenuto dalla cessione. Non conta quanto si ricava, ma se l’attività rimane episodica, soprattutto per i beni usati, non vi sono obblighi fiscali.
      Questo tipo di cessioni non hanno rilevanza ai fini fiscali, in quanto non si tratta di un’attività commerciale. Per questo motivo il reddito che ne deriva non rientra tra le fattispecie tassabili, e non deve essere inserito in dichiarazione dei redditi.-

      Elimina
  48. Gianfranco buongiorno, sono Patrizia e vorrei chiederle se il primo tagliando di un auto nuova(acquistata a gennaio 2020)è detraibile e quindi, quando farò il 730 potrò beneficiare del 19% sulla spesa affrontata che è piuttosto notevole. La ringrazio tantissimo come sempre per la sua gentile risposta.

    RispondiElimina
  49. Gianfranco, mi scusi, ma l'auto è stata acquistata nel dicembre 2019. Volevo solo precisare, anche se non penso sia importante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao patrizia!
      Purtroppo NO!
      Le spese per il primo tagliando di un'auto nuova non sono detraibili.-

      Elimina
    2. Ciao Patrizia!
      Prego!
      Buone feste anche a te!!!

      Elimina
  50. Salve Dottore,ho un bambino disabili che prende la Misura B2 con il quale pago le terapie psicoeducative,vorrei sapere se sono detraibili queste fatture nelle dichiarazioni dei redditi?...Grazie.mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A termini di legge gli oneri rimborsati al contribuente non concorrono alle detrazioni o deduzioni della dichiarazione dei redditi.-

      Elimina
  51. Salve Dottore, ho una domanda. Da febbraio io e mia moglie abbiamo preso in affitto un appartamento vicino alla struttura dove doveva effettuare cure oncologiche. Avendo fatto fare contratto a nome di mia moglie avendo la patologia pagando sempre sia bollette che affitti con bonifico bancario. Possiamo portare in detrazione la spesa sostenute per l'affitto? Non essendo abitazione principale. Grazie per la risposta cordialmente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Le spese sostenute per l'affitto dell'appartamento non sono detraibili.-

      Elimina
  52. Ciao Gianfranco, quest'anno ho un reddito di 2400 euro e ho l'irpef da recuoerare.Posso fare il 730 precompilato e nello stesso tempo essere a carico?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Franco!
      SI!
      Puoi fare il 730 per recuperare l'IRPEF pagata e nello stesso tempo puoi essere a carico di altro familiare.-

      Elimina
  53. Salve, una domanda.ho versato 5164 euro su un fondo pensione.per calcolare quante tasse devo pagare alla fine e quindi il rimborso in busta paga del 2021,devo calcolare la detrazione per lavoro derivate dal reddito ridotto dal versamento vero?quindi in realtà recupero piu del 23% che avrei pagato su Quiei 5164 euro vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Praticamente, attraverso il meccanismo della deducibilità fiscale dei contributi, potrai sottrarre i contributi che hai versato al tuo fondo pensione dal reddito complessivo dichiarato ai fini IRPEF. Così facendo la tua base imponibile diminuirà. In altre parole attraverso la deducibilità fiscale dei contributi del fondo pensione potrai beneficiare di un notevole vantaggio.

      Elimina
  54. Salve, ho bisogno di un chiarimento. Io come figlio di madre in comunione dei beni con papà morto a marzo, posso dedurre solo il mio 25% della rendita catastale della prima casa o posso dedurla per intero gia che mia mamma ha un reddito bassissimo dato solo dalla pensione di reversibilita?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La deducibilità della rendita catastale della prima casa di residenza è solo una partita di giro, perché prima devi indicare l'importo come reddito e poi puoi portare lo stesso importo in detrazione.-

      Elimina
  55. Buonasera volevo sapere se i medicinali omeopatici detraibili, comprati in erboristeria con pagamento in contanti ,li posso detrarre .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Dal 2020 la detrazione IRPEF legata alle spese sanitarie è fruibile con pagamento in contanti solo per le visite del SSN oppure per l’acquisto di farmaci. In tutti gli altri casi la detrazione è consentita soltanto qualora si utilizzino mezzi di pagamento tracciabili (carte di credito, assegni, bonifici, etc). Senza la tracciabilità del pagamento non è possibile fruire della detrazione fiscale nel modello Redditi PF o nel modello 730.-

      Elimina
  56. Buonasera dott. Censori volevo un chiarimento. Mia figlia termina gli studi universitari i primi giorni del mese, essendo in affitto lo stesso mese lo posso dedurre dal 730 ,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Puoi dedurre l'anno prossimo dal 730 il mese di affitto di gennaio di tua figlia, ovviamente se è stato effettivamente pagato.-

      Elimina
  57. Salve,
    non so se posso chiedere qui questa cosa ma sto facendo l'ISEE ed ho scoperto di avere dei Buoni Fruttiferi Postali che non sapevo, da 20 anni.
    Quale importo devo inserire, quello della sottoscrizione o quello al 31/12/19 come per i conti correnti?
    Se fosse il secondo valore sarà la Posta a potermi aiutare?
    Grazie in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ai fini ISE-ISEE va dichiarato l'importo di sottoscrizione dei Buoni Fruttiferi Postali.-

      Elimina
  58. Salve, una Fattura di dicembre 2020 per retta asilo pagata a gennaio viene detratta nel 730 rif redditi 2020 o l'anno prossimo? Il pagamento per usufruire della detrazione deve effettuarsi con metodo tracciabile giusto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le spese sostenute a gennaio di quest'anno potranno essere portate in detrazione solo l'anno prossimo anche se riguardano fatture dello scorso anno, e le fatture devono essere pagate con metodo tracciabile.-

      Elimina
  59. Sto ultimando una pratica di successione di cui sono unica erede. Posso detrarre le spese sostenute? Grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Le spese sostenute per una pratica di successione non sono detraibili.-

      Elimina
  60. Salve o pagato due anni di abbuoni posso scaricarle col 730 di quest'anno.uno e del 2011/l'altro e 2013.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Con la dichiarazione dei redditi del 2021 si possono portare in detrazione solo le spese sostenute nel 2020.-

      Elimina
  61. Salve, per quanto riguarda la detrazione delle spese sportive dei figli, se ho pagato una rata con bonifico a gennaio 2021, la società sportiva può lo stesso inserire quella rata nella ricevuta relativa all'anno 2020?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giampietro!
      I pagamenti effettuati nel 2021, anche se di pertinenza del 2020, potranno essere scaricati solo con la dichiarazione dei redditi del 2022.-

      Elimina
  62. Buongiorno dott.censori
    Le chiedo se è possibile usufruire per la seconda volta l'iva agevolata al 4% per l'acquisto di un PC per il piccolo, il primo acquistato nel 2020 purtroppo si è rotto. Le chiedo inoltre in caso si potesse acquistare se entrambe le fatture di acquisto si possono portare in detrazione
    Cordiali saluti
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca!
      Sull’acquisto di “Strumenti tecnici e informatici” è prevista l’IVA al 4% quando essi sono “preposti ad assistere alla riabilitazione, o a facilitare la comunicazione interpersonale, l’elaborazione scritta o grafica, il controllo dell’ambiente e l’accesso alla informazione e alla cultura in quei soggetti per i quali tali funzioni sono impedite o limitate da menomazioni di natura motoria, visiva, uditiva o del linguaggio”
      Le agevolazioni per acquisto tablet o computer
      Documenti necessari all’acquisto:
      – certificato d’invalidità o di handicap;
      – prescrizione del medico specialista dell’ASL o dell’Ospedale (nei minori di solito si tratta del neuropsichiatra infantile)
      Sugli stessi prodotti è possibile fruire anche di una detrazione IRPEF del 19%, tramite la dichiarazione dei redditi.-

      Elimina
    2. Ok grazie, ho i requisiti per l'acquisto ad iva ad al 4%. La mia domanda è la mia domanda è la seguente: ho acquistato nel 2020 un PC con Iva al 4% , ad d oggi il PC di è rotto. Posso comprare un altro è usufruire l'iva al 4% e quindi portare in detrazione fiscale due fatture con Iva agevolata?
      Attendo conferma grazie

      Elimina
    3. Ciao Francesca!
      Puoi comprane un altro ed usufruire delle agevolazioni solo se in fattura risulterà anche in reso del vecchio PC rotto.-

      Elimina
  63. Gent. dott. Censori desidero chiederle la seguente informazione:
    La fattura del notaio emessa per rinuncia eredità posso portarla in detrazione sul 730 se si in quale rigo ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      La fattura del notaio emessa per rinuncia eredità non può essere portata in detrazione sul 730.-

      Elimina
  64. Buon Giorno Dottor Censori,
    La prego di darmi informazione: Il marito della zia e morto 2020,
    quindi ha fatto denuncia di successione e certificato di eredita,
    dal notaio, la zia puo detrarre 730 la somma pagata € 3.400 al notaio? Se fosse si, in quale riga?
    Scrivo dalla Provincia di Bolzano,madre lingua tedesca, mi scusi il mio italiano...Grazie mille per la risposta Margherita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Margherita!
      Purtroppo NO!
      La somma pagata al notaio per la denuncia di successione non può essere portata in detrazione sul 730.-

      Elimina
  65. Ciao Gianfranco ho un dubbio da farmi chiarire, ho fatto la ristrutturazione della casa e ho pagato tutte le fatture nel 2020. Il dubbio è su una fattura con la data 30/12/2020 però ho fatto il bonifico il 22/1/2021. Come mi devo comportare? Devo detrarla l'anno prossimo anche se la fattura e del 2020 o posso detrarla quest'anno anche se la fattura è del 2020 e bonifico 2021?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Franco!
      Ai fini delle detrazioni IRPEF fa fede la data di pagamento e non la data di emissione della relativa fattura, quindi le fatture pagate nel 2021 potranno essere portate in detrazione solo nel 2022.-

      Elimina
  66. Buonasera Gianfranco, ecco che la devo disturbare di nuovo. Mia figlia, 25 anni,lavora dal mese di luglio (stage) e percepisce uno stipendio cosidetto"da fame" considerando la doppia laurea con 110 e lode. Ma è esperienza, dice lei!Praticamente, da luglio a dicembre 2019,non è arrivata neanche a 2000 euro. Il datore di lavoro oggi le ha dato la CU che presenterò quando faro il 730 di mio marito che ha tutta la sua famiglia a carico(io e i 3 figli), ma che logicamente non andrà inserito in quanto è sotto i 2840 euro, che è la soglia dei familiari a carico. Ecco la mia domanda :nella voce di AMMONTARE LORDO CORRISPOSTO, la cifra presente è più bassa di quanto ha percepito mia figlia. È normale sia così? Non deve esserci il totale veritiero di quanto ha preso? Ipotesi:da luglio a dicembre, mensile di 300 euro, ci sarà 1800 euro. Spero di essermi spiegata. Grazie ancora per la sua gentile risposta. Patrizia

    RispondiElimina
  67. Devo fare una rettifica:ho scritto 2019 anziché 2020.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patrizia!
      Nella CU deve risultare l'importo lordo percepito nel corso dell'anno e l'eventuale trattenuta IRPEF, e nel caso di tua figlia l'importo lordo dovrebbe corrispondere con quello netto a meno che tua figlia non abbia percepito oltre al compenso pattuito anche un "rimborso spese" che non va dichiarato ai fini IRPEF.-

      Elimina
  68. Buongiorno Gianfranco, perdoni la mia ignoranza, ma quindi AMMONTARE LORDO CORRISPOSTO, non ha niente a che fare con la cifra che in realtà ha percepito la ragazza. Perché può essere che ammontare lordo, sia la somma di netto, IRPEF, e altre voci presenti sulla CU. È esatto il mio pensiero? Grazie ancora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patrizia!
      SI!
      Confermo!
      L'ammontare lordo è l'importo soggetto a tassazione IRPEF che quasi sempre è diverso dall'importo effettivamente percepito dal lavoratore.-

      Elimina
  69. Buongiorno Gianfranco, ho una Certificazione Unica con un redditto di 2000 euro con irpef di 98 euro. poi ho anche le spese del dentista di 3000 euro. Posso fare il 730 precompilato per recuperare l'irpef togliere le spese del dentista perchè incapiente e poi mettermi a carico di mio padre cosi recupera lui le mie spese? In teoria so che si può fare, l'unico dubbio sono la modifica del 730 precompilato per le spese del dentista per farli recuperare a mio padre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Franco!
      In effetti devi modificare il 730 precompilato togliendo le spese del dentista, in modo che possa recuperarle tuo padre.-

      Elimina
  70. Buongiorno avvocato, mio padre è morto il 7/1/2020 e l'inps mi ha inviato una C.U. con 50000 euro(è il tfr di mio padre)al punto 801 dove di solito si mette il tfr. Volevo chiederle 2 cose:
    1) Se vanno dichiarati, ma penso di no perchè al punto 804 ci sono le trattenute.
    2) Come mai hanno inviato la C.U a me e non a mia madre o a mia sorella? Le faccio natare che al punto 808 c'è scritto 33.33% che poi è la mia quota. Era più normale che la inviassero a mia madre.
    Comunque l'importante che mi conferma che non devo indicare nulla nel 730 precompilato.
    Grazie e complimenti per il forum

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il TFR e l’anticipazione nel TFR sono indicate nella Certificazione unica rilasciata dal datore di lavoro ma non vanno dichiarate nel 730, perché non rientrano nel reddito complessivo e non assoggettati a Irpef e addizionali. Il TFR e l’anticipo del TFR sono assoggettati a tassazione separata ai sensi dell’art. 19 del TUIR, che prevede anche una riliquidazione dell’imposta da parte dell’Agenzia delle Entrate.-
      Questo significa che tra qualche anno l'Agenzia delle Entrate rifarà il calcolo e ti richiederà la differenza di IRPEF dovuta in base al reddito lordo complessivo dell'anno compresa la quota del 33,33% di tua spettanza del TFR.-

      Elimina
  71. Ciao Gianfranco, ogni anno la banca insieme agli interessi passivi del mutup mi mette anche gli oneri e accessori. Quest'anno ha scritto 822 interessi passivi e 192 oneri e accessori e io ogni anno faccio la somma e la porto in detrazione. Ho fatto sempre bene o dovevo portare in detrazione solo gli interessi passivi. Alcuni miei amici mi dicono che gli oneri e accessori si detraggono solo il primo anno, ma secondo me si confondono con quelli del notaio alla stipula del mutuo.Aspetto una tua risposta per sapere se ho fatto sempre bene o sto sbagliando sempre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Franco!
      Gli interessi e gli altri oneri derivanti da un mutuo danno diritto alla detrazione solamente se si tratta di interessi e di altri oneri derivanti, di regola, da mutui ipotecari.-

      Elimina
  72. Buona sera Gianfranco, abbiamo comprato casa e il notaio ha fatto la fattura per le spese del mutuo intestata sia a me che mio marito. Può mio marito detrarre la fattura tutta lui visto che io non ho più capienza? L'ho esaurita con le spese sanitarie e la metà del mutuo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura!
      Se il mutuo è intestato a più persone, ogni cointestatario può fruire della detrazione unicamente per la propria quota di interessi.-

      Elimina
    2. Grazie per la risposta, però io mi riferivo alla fattura del notaio se la poteva detrarre tutta mio marito anche se intestata a tutti e due. Non mi riferivo agli interessi del mutuo

      Elimina
    3. Ciao Laura!
      Per la fattura del notaio vale lo stesso discorso degli interessi del mutuo!

      Elimina
  73. Buonasera Gianfranco, devo portare in detrazione le spese notarili più gli interessi passivi del mutuo. La banca mi ha inviato la certificazione degli interssi passivi più spese perizia,imposta sostitutiva e spese di istruttoria che ammontano 2800 euro. Poi c'è la fattura del notaio dove ci sono le sue spese notarili del mutuo,imposta registro, ipotecarie e catastali che ammontano 3150 euro. Vorrei sapere se la fattura del notaio va sommata agli interessi oppure va inserita in un rigo a parte, se si con quale voce. Se nel caso peggiore va sommata agli interessi e visto che supera i 4000 euro non posso detrarli tutti? spero di no, sarebbe una bella fregatura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le spese del notaio per l’acquisto della prima casa possono essere detratte nel 730 al rigo E7 del quadro E. Detraibili le spese sostenute dal notaio per la stipula del mutuo o di spese anticipate dal notaio per il cliente. La detrazione è fissata al 19% della spesa.
      Possono essere detratte e quindi scaricate le spese notarili per l’acquisto della prima casa (o anche abitazione principale). Le spese del notaio sono detraibili per l’acquisto della prima casa nel 2020 nel limite complessivo di 4.000 euro per tutte le spese per il mutuo, compreso il notaio.-

      Elimina
  74. Salve, mio papà è morto il 19 marzo 2020. Aveva sostenuto delle spese dentistiche prima di morire. Avendo ovviamente un reddito molto basso per solo due mesi, volevo sapere se posso io mettere a detrazione le sue spese, e se vanno a sommarsi alle mie o vanno segnate a parte togliendo la franchigia di legge. Seconda cosa come si richiedono i rimborsi di tasse e spese mediche del 2019 e quelli delle tasse del 2020?grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luca!
      Le spese dentistiche di tuo padre possono essere inserite solo nella dichiarazione dei redditi che un erede deve presentare per suo conto, ovviamente se c'è capienza.-
      I rimborsi di tasse e spese mediche del 2019 sono recuperabili solo se inserite nella dichiarazione dei redditi dello scorso anno, mentre per quelle sostenute nel 2020 bisogna inserirle nella dichiarazione dei redditi di quest'anno indicando un sostituto d'imposta se si lavora o richiedendo un rimborso diretto all'Agenzia delle Entrate se si è disoccupati.-

      Elimina
  75. Buongiorno Gianfranco, sono a carico di mio marito, ed insieme a me anche i nostri 3 figli. Per quanto riguarda il rimborso INTERESSI PASSIVI e SPESE STRAORDINARIE, riguardo l'appartamento (che è intestato a tutti e due) nel credito di imposta di mio marito il rimborso sarà al 100%?Non viene detratto a metà suddetto importo, in quanto io a carico suo? Grazie 1000.Una buona giornata, Patrizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patrizia!
      Se il mutuo è intestato a più persone, ogni cointestatario può fruire della detrazione unicamente per la propria quota di interessi.-

      Elimina