martedì 24 giugno 2014

TFR (Trattamento di Fine Rapporto) e TFS (Trattamento di fine servizio)

Disciplina del TFR (Trattamento di Fine Rapporto) e del TFS (Trattamento di fine servizio)

Il Trattamento di Fine Rapporto è un istituto previdenziale, a garanzia dei lavoratori, introdotto dalla Legge 297 del 1982.
Il testo della Legge citata ha sostituito il vecchio articolo 2120 del Codice Civile.
Il Trattamento di Fine Rapporto è una forma di retribuzione differita, liquidata al momento della cessazione del rapporto di lavoro del lavoratore dipendente.
La Legge 297/82 ha disciplinato in maniera innovativa le modalità ed i criteri di calcolo per la determinazione dell’indennità dovuta dal datore di lavoro.-
La Legge, peraltro, prevede esclusivamente l’obbligo, per le aziende, di registrazione contabile delle quote di tfr che maturano annualmente e di erogazione delle somme al termine del rapporto di lavoro.

Il TFR si determina calcolando, per ciascun anno di servizio, un importo pari, e comunque non superiore, all’entità della retribuzione lorda dovuta per ogni annualità, divisa per il parametro fisso 13,5. La quota rappresenta quindi il 7,41% della retribuzione (precisamente il 6,91% corrisposto all’ex dipendente più lo 0,50% corrisposto all’Inps).
Tale importo viene rivalutato, su base composta, al 31 Dicembre di ogni anno, di una percentuale costituita dall’1,5% in misura fissa e dal 75% dell’aumento dell’indice Istat dei prezzi al consumo.-
Gli elementi che concorrono alla formazione del TFR sono numerosi e vanno dallo stipendio base alle indennità di funzione comprendendo, in via generale, tutti i compensi a carattere continuativo.

Il TFR è una indennità riservata ai lavoratori dipendenti del settore privato.

La quota è proporzionalmente ridotta per le frazioni di anno, computandosi come mese intero le frazioni di mese uguali o superiori a 15 giorni.

Entro il 30 giugno 2007, o entro sei mesi dalla data di assunzione, se tale data è successiva al al 1° gennaio 2007, i lavoratori dipendenti sono stati o saranno chiamati ad effettuare una Scelta sulla Destinazione del proprio TFR.

Anticipazione del TFR

Il prestatore di lavoro, con almeno otto anni di servizio presso lo stesso datore di lavoro, può chiedere, in costanza di rapporto di lavoro, una anticipazione non superiore al 70% del trattamento cui avrebbe diritto nel caso di cessazione del rapporto di lavoro alla data della richiesta.-
Le richieste sono soddisfatte annualmente entro i limiti del 10% degli aventi titolo, e comunque del 4%  del numero totale dei dipendenti.

La richiesta deve essere giustificata dalla necessità di:
  • eventuali spese sanitarie per terapie e interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche.
  • acquisto della prima casa di abitazione per se o per i figli, documentato con atto notarile.
L'anticipazione può essere ottenuta una sola volta nel corso del rapporto di lavoro e viene detratta, a tutti gli effetti, dal trattamento di fine rapporto.

Fondo di garanzia

È istituito per l'Istituto nazionale della previdenza sociale il “Fondo di garanzia per il trattamento di fine rapporto” con lo scopo di sostituirsi al datore di lavoro in caso di insolvenza del medesimo nel pagamento del trattamento di fine rapporto; di cui all'articolo 2120 del codice civile, spettante ai lavoratori o loro aventi diritto.
Trascorsi quindici giorni dal deposito dello stato passivo, reso esecutivo ai sensi dell'articolo 97 del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267, ovvero dopo la pubblicazione della sentenza di cui all'articolo 99 dello stesso decreto, per il caso siano state proposte opposizioni o impugnazioni riguardanti il suo credito, ovvero dalla pubblicazione  della sentenza di omologazione del concordato preventivo, il lavoratore o i suoi aventi diritto possono ottenere a domanda di pagamento, a carico del fondo, del trattamento di fine rapporto di lavoro e dei relativi crediti accessori (fino a 3 mensilità ) , previa detrazione delle somme eventualmente corrisposte.
I pagamenti sono eseguiti dal fondo entro 60 giorni dalla richiesta dell'interessato.-         


Trattenute fiscali

Il D. Lgs. 47/2000 ha modificato, per gli Accantonamenti effettuati a partire dal 1° Gennaio 2001, la tassazione sul TFR; attualmente, la situazione è la seguente:
quote + rendimenti ante 1.1.2001 tassaz. Sep.
quote post 1.1.2001……………….tassaz. Sep.
rendimenti post 1.1.2001..11% per periodo d’imposta.


Come si calcola la tassazione separata


1) La base imponibile
tfrc = (tfr1-309,87 x n1) + (tfr2 - riv01)
tfrc = tfr complessivo
tfr1 = tfr maturato al 31-12-2000
tfr2 = tfr maturato all'1.1.2001
n1 = numero di anni di accantonamento
riv01 = rendimento finanziario post 2001

2) L'aliquota da applicare
Si divide il tfrc per n1 e si moltiplica il risultato per 12 (mesi), ottenendo così il RAR (Reddito Annuale di Riferimento).
Si calcola l'aliquota Irpef media sul RAR.

3) La riliquidazione
L'imposta viene riliquidata dagli uffici finanziari in base all'aliquota media di tassazione relativa ai 5 anni precedenti a quello di maturazione del diritto alla percezione del TFR.


Trattenute fiscali su anticipazione del TFR

Per le anticipazioni del trattamento di fine rapporto si applicano le  stesse norme di tassazione sopra esposte, salvo conguaglio all'atto della liquidazione definitiva, come da circolare del ministero delle finanze n. 29/E del 20/03/2001.



TFS (Trattamento di Fine Servizio) x Statali e Dipendenti pubblici

TFS tempi blocchi

La legge di stabilità del 2014 ha stabilito tempi sempre più lunghi per la liquidazione del TFR (Trattamento di fine rapporto) e del TFS (Trattamento di Fine Servizio) dovuti a statali e dipendenti pubblici. Si deve attendere un periodo da 3 mesi e mezzo a 27 mesi. E se la prestazione supera un certo importo, la somma è frazionata in 2 o 3 rate annuali.
  • Per i pensionamenti per inabilità o decesso, blocco di 3 mesi e altri 15 giorni per consentire all’INPS di liquidare la domanda, in totale 3 mesi e mezzo.
  • Il blocco sale a un anno (cui si aggiungono i 3 mesi per lavorare la pratica; nel complesso 15 mesi per raggiungimento dei limiti di età o dei limiti di servizio, per cessazione del lavoro a tempo determinato o per risoluzioni unilaterali dell’amministrazione (esempio per gli esuberi).
  • Il blocco sale a 27 mesi (24+3) nei casi di dimissioni volontarie, per licenziamenti e destituzioni. Se si superano i tempi indicati l’INPS deve riconoscere sulle somme gli interessi di mora. Terminata l’attesa scatta un’altra norma di legge che divide in rate annuali la buonuscita quando supera i 50 mila euro lordi.
  • Se la buonuscita non supera 50 mila euro lordi il pagamento è completo.
  • Tra 50 mila e 100 mila euro lordi il pagamento è diviso due tranches annuali: 50 mila euro il primo anno e la rimanenza il secondo.


Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it.
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.


130 commenti:

  1. Lavoro da 34 anni per una ditta. Mi vogliono trasferire in ditta satellite e mi dicono che l'unica cosa che cambierà sarà l'intestazione sulla busta paga. Il TFR (sia quello maturato prima del 2007 che quello dopo) mi deve essere pagato? Ci possono essere problemi per la pensione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Per quanto riguarda la pensione il fatto che Tu lavori con un'azienda o con un'altra è indifferente, ovviamente purché ti paghino e paghino i contributi.-
      - Per quanto riguarda invece il TFR o l'azienda attuale ti liquida tutto e ricominci da capo con la nuova o tramite passaggio diretto tutte le competenze maturate con l'azienda attuale vengono prese in carico dalla nuova, e la scelta purtroppo è dei due datori di lavoro.-
      Nel secondo caso l'azienda attuale deve consegnarti una lettera con quale attesta che tutte le Tue competenze maturate verranno girate alla nuova, e la nuova azienda dovrà consegnarti un'altra lettera con la quale attesta di aver preso in carico tutte le Tue competenze maturate con l'azienda vecchia.-

      Elimina
  2. Gent.mo Dottore
    Sono una ragazza di 30 anni con un lavoro a tempo indeterminato ma poco retribuito,essendo una traduttrice mi è stato proposto di fare alcune traduzioni nel mio tempo libero, però mi si chiede di fatturare.Come posso ovviare alla fatturazione senza infrangere la legge? La ringrazio e Le porgo distinti saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per poter fatturare devi aprire una partita IVA, che significa avviare un'attività di lavoro autonomo non compatibile con un'attività di lavoro dipendente a tempo pieno.-

      Elimina


















    2. Mi scuso se la disturbo ancora,poichè ho bisogno di lavorare, riferendomi a quanto sopra mi hanno parlato di emissioni di notula o ritenuta d'acconto al posto della fattura. Gentilmente mi potrebbe dire in che cosa consistono? Eventualmente io potrei avvalermene in qualche modo? Ringraziandola la saluto cordialmente



      Elimina
    3. Prestazione occasionale:
      Questa tipologia di lavoro non ha una lunga tradizione nel nostro ordinamento ma è stata introdotta recentemente con la riforma del lavoro del 2003, attraverso la cosiddetta Legge Biagi e, affinché possa essere riconosciuta come tale, deve appunto rispettare i famosi paletti dettati per legge:
      - non dev’essere un’attività abituale;
      - dev’essere un’attività non professionale;
      - non deve svolgersi con continuità;
      - non dev’esserci una coordinazione.
      Per legge affinché possa essere considerata una collaborazione occasionale e non professionale:
      - la collaborazione con uno stesso committente non può essere più lunga di trenta giorni in uno stesso anno solare, altrimenti diventa abituale e continuativa;
      - la somma di tutti i compensi percepiti non può essere superiore ai 5000 euro (5 mila) netti in uno stesso anno solare.
      L'attività non deve essere concorrenziale con quella aziendale, ed è necessario il consenso del datore di lavoro, che deve quindi essere informato.-

      Elimina
  3. Gentile dottore,
    ho lavorato presso una SpA dal 2004 al 2013; fino al 2007 ho lasciato il TFR presso questa società ed in seguito presso una compagnia di assicurazioni.
    Nel 2014 la società predetta è andata in liquidazione volontaria ma nulla mi ha riferito in merito alla liquidazione del tfr.
    Il sindacato non è stato mai esaustivo.
    Se è rilevante nel 2011, Le comunico, che ho fatto la cessione del quinto.
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti il problema è la cessione del quinto!
      Infatti presumo che il contratto che hai sottoscritto per la cessione del quinto prevedeva che in caso di cessazione del rapporto di lavoro la banca o la finanziaria che ti ha concesso il prestito poteva rivalersi sul TFR maturato, quindi in questo caso non riceverai il Tuo TFR.-

      Elimina
  4. Si infatti poteva rivalersi come previsto nel contratto ma io, dato che sono stato assunto da un'altra società subito, ho sempre onorato le rate con la cessione del quinto. Ovvero la finanziaria non aveva motivo, qualora l'avesse fatto, di attaccare il TFR. Grazie e molto lieto di conoscerla. Io sono Bruno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Bruno!
      Purtroppo le finanziarie cercano di tutelarsi al meglio possibile e non vanno quindi tanto per il "sottile" per recuperare i loro soldi; comunque Tu dovresti però consultarla almeno per avere la certezza che si sono "appropriati" del Tuo TFR.-

      Elimina
  5. gentile dott, Censori, mi chiamo Pierangelo, mi sono licenziato nel mese di luglio, il mio ultimo giorno lavorativo e stato il 25 di luglio. quanto posso avere dal mio ex datore di lavoro il tfr il contratto artigiani metalmecchanici. grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pierangelo!
      La normativa prevede che il TFR deve essere corrisposto al lavoratore entro 60 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro.-

      Elimina
  6. Buongiorno Dott.Censori,
    mi sono licenziato ad aprile e la ditta per la quale lavoravo (SPA quotata in borsa) è stata messa in liquidazione.
    Fino ad ora non ho ricevuto ne cedolino ne ovviamente il versamento del TFR a me spettante.
    La mia domanda è: posso richiedere già l'intervento del fondo di Garanzia dell'INPS per accorciare i tempi di recupero di queste somme?
    Grazie
    Cordiali saluti
    Emilio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Emilio!
      Purtroppo NO!
      Si può richiedere il pagamento del TFR al fondo di garanzia dell'INPS solo dopo una sentenza di fallimento o di altra procedura concorsuale dell'azienda per la quale si è lavorato.-

      Elimina
  7. buonasera dott censori.....lavoro in un impresa di pulizie volevo sapere i tempi di erogazione del mio tfr dato che la mi avecchia ditta ha perso l appalto dove lavoro tutt ora il 31 luglio 2014 ....grazie
    cordiali saluti stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefano!
      La normativa prevede che il TFR deve essere corrisposto al lavoratore entro 60 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro.-

      Elimina
  8. Bungiorno Dott Censori lavoro presso una ditta metalmeccanica con qualifica Q8°
    ad Aprile la ditta a chiesto il concordato , la nuova societa' si e'
    accorpata il tutto ma il mio stipendio e' stato ridotto del 20% , le
    chiedo ai fini pensionistici cosa ci perdo.
    Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La quota di pensione maturata dopo il 2012 verrà calcolata con il sistema contributivo, quindi in base ai contributi che si verseranno all'INPS, pertanto versando meno contributi diminuirà l'aumento della quota.-

      Elimina
  9. Buongiorno Dott Censori ho lavorato in un azienda di artigianato per 6 anni e adesso mi sono licenziato , vorrei sapere in quanto tempo devo avere il mio tfr e se no cosa potrei fare per ottenerlo. Grazie, cordiali saluti .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per legge il TFR deve essere corrisposto al lavoratore entro 60 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro, quindi se il datore di lavoro non rispetta i termini ci si può rivolgere o a un sindacato o a un avvocato per far sollecitare il pagamento.-

      Elimina
  10. Salve.mi e arrivata ieri la lettera dalla INPS che il 6 settembre e stato effettuato il mandato di pagamento del tfr.dopo quanto tempo si riceve?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di solito l'importo del TFR arriva al beneficiario dopo circa 20/30 giorni dalla data in cui viene effettuato il mandato da parte dell'INPS.-

      Elimina
  11. Buongiorno,
    ho lavorato per 4 anni in una azienda che nel giugno 2012 ha messo i suoi dipendenti in cassa integrazione e poi li ha licenziati. Il suo stato era (e credo che sia ancora) di liquidazione volontaria. Ho percepito regolarmente la cassa integrazione in deroga e la disoccupazione ma ad oggi non ho avuto nè gli ultimi 2 mesi di stipendio nè il mio TFR. Da due anni si continuano a susseguire udienze in cui il liquidatore aziendale rimanda sia l'eventuale pagamento che lo stato fallimentare, così il mio legale (legale del sindacato) mi dice che non possiamo chiedere al fondo INPS. Quanti anni ancora dovrò attendere per avere quello che mi spetta di diritto? Ma soprattutto c'è la possibilità concreta che possa perdere tutto? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Per quanto riguarda la possibilità che tu possa perdere tutto, lo escluderei perché in un modo o nell'altro riceverai tutto quello che ti spetta.-
      - Per quanto riguarda invece i tempi, purtroppo il discorso cambia perché con i tempi della giustizia italiana nessuno può fare una previsione attendibile.-

      Elimina
  12. Buongiorno, ho lavorato come commessa (ccnl commercio a tempo determinato) dal 1 settembre 2013 al 31 luglio 2014. Sono passati più di 45 giorni e nn mi é ancora stata data la liquidazione. É normale e devo aspettare o posso contattare l'azienda facendo forza su tale scadenza? Grazie, buongiorno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per legge il TFR deve essere corrisposto al lavoratore entro 60 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro, quindi nel tuo caso i termini non sono ancora scaduti.-

      Elimina
  13. Gent.mo dr sono una dipendente comunale con 36 anni di servizio maturati +1anno e 14 gg ricongiunti, 59 anni di età. Ho fatto domanda di pensione con opzione contributiva donne...dal 1 gennaio 2015 cessa il mio rapporto lavorativo.Al di la della misera pensione...nn posso far nulla x avere la MIA BUONUSCITA non dopo 24 mesi? Inoltre le volevo chiedere ma se nel frattempo ho la possibilità di un altro e migliore lavoro posso interrompere la pratica pensionistica che come le ho scritto prima si chiuderà il 31 dicembre 2014? E se invece già percepisco pensione? ...grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - NO! Non è possibile anticipare la "Tua buonuscita" in quanto è prevista solo dopo 24 mesi dalla data di cessazione del rapporto di lavoro.-
      - NO! Non è possibile interrompere la pratica pensionistica, una volta avviata la pratica.-
      - SI! Una volta che sarai andata in pensione potrai svolgere una nuova attività lavorativa.-

      Elimina
  14. Buona sera,ho una domanda per lei,se come ho finito il contratto di 5 ani come aprendistato io non lavoro piu con lui e i ho chiesto il TFR ma lui mi manda da oggi a domani,ho finito il contratto il 23luglio2014 e la mia domanda e quanto tempo ce lo ancora per darmilo?con chi devo procedere visto che lui non mi lo vogle dare?grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per legge il TFR deve essere corrisposto al lavoratore entro 60 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro.-
      Se il Tuo datore di lavoro non rispetterà i termini potrai rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per aprire una vertenza sindacale per il recupero delle Tue competenze.-

      Elimina
  15. Gentile dott. Censori, ho lavorato presso un ente pubblico con contratto a tempo determinato fino al 31/12/2013. Riguardo i tempi di pagamento del tfr, l'Inps afferma che a chi cessa dal servizio entro il 31/12/2013 si applicano i vecchi termini di decorrenza (6 mesi) e non quelli di 12 mesi previsti dalla legge di stabilità entrata in vigore il 1° gennaio 2014. L'ente per cui ho lavorato invece sostiene che, essendo stato il 31/12/2013 il mio ultimo giorno di lavoro, io avrei "cessato il servizio" il 1° gennaio 2014, e pertanto al mio caso si applicherebbero i termini di 12 mesi. A me sembra che si metta in discussione la lingua italiana. Cosa ne pensa? E se ho ragione io, come potrei procedere? La ringrazio molto, cordiali saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti è paradossale!
      La data di cessazione del rapporto di lavoro è l'ultimo giorno di lavoro e non il giorno successivo, Ti consiglio quindi di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
    2. La ringrazio molto, procedero' in questo modo. Buona giornata

      Elimina
  16. Salve,
    le scrivo anch'io per avere un'informazione su una situaziona un po' particolare.

    - nel 2009 do dimissioni da un contratto con tempo indeterminato, con un arretrato di 3 mensilita e il tfr.
    - mi vengono consegnate buste e CUD come se il tfr e gli stipendi fossero stati correttamente versati ma cosi non e'
    - l'anno successivo (2010) cumulo il CUD (tfr compreso, con il CUD del nuovo posto di lavoro) versando parecchie trattenute
    - faccio causa per ottenere tfr e mensilita' arretrate ma l'azienda fallisce, le evito i dettagli in quando non rilevanti per il quesito
    - Settembre 2014 l'inps accetta la mia domanda e mi riconosce il tfr (viene preso l'importo netto della busta relativa al TFR, applicati interessi e rivalutazione e applicata una ritenuta fiscale, circa del 30%) l'inps mi comunica che mi inviera il CUD relativo a questo importo.

    Le espongo ora il mio dubbio.

    il prossimo anno (2015) dovro' cumulare questo cud con il mio attuale da lavoro?
    Avro' nuovamente trattenute su questo importo?
    Come devo comportarmi per far presente che l'importo e' gia stata conteggiato 5 anni fa e non si tratta di una nuova entrata?

    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se il fondo di garanzia dell'INPS Ti ha inviato l'importo netto del TFR previsto in busta paga vuol dire che ti ha applicato le ritenute che erano previste a suo tempo, quindi l'anno prossimo riceverai un CUD dove risulterà l'importo percepito e le ritenute effettuate.-
      Il problema non è quindi la tassazione dell'importo che hai percepito quest'anno ma la tassazione del 2010, perché allora non avresti dovuto pagare imposte su somme che non avevi percepito, e a questo punto purtroppo non puoi più farci nulla.-

      Elimina
    2. Grazie per la rapida risposta.

      Elimina
  17. Buongiorno Dott.Censori,
    il mio compagno, assunto nel 1995, ha consegnato lettera di dimissioni ad Ottobre 2013 dopo due anni di cassa integrazione.
    Fino ad ora ha ricevuto il TFR che copre il periodo 2007/2013 ma non quello dei precedenti anni. Ha chiesto anticipazione TFR per acquisto prima casa nel 2001.
    Ieri l'azienda ha dichiarato il fallimento, come dobbiamo comportarci?Grazie buon pomeriggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In caso di fallimento dell'azienda, per il pagamento del TFR ed eventualmente delle ultime 3 mensilità scoperte, provvede il fondo di garanzia dell'INPS.-
      Vi consiglio quindi di rivolgervi alla sede più vicina della CGIL per farvi assistere per tutto l'iter burocratico necessario per il recupero della quota di TFR non ancora percepita.-

      Elimina
  18. Gentile Avvocato
    mi è arrivata la lettera inps ex inpdap per la restituzione di una quota di tfs per una causa di lavoro persa, in attesa di giudizio cassazione, pubblico dipendente .
    Ho fatto controllare quanto debbo restituire dal mio ministero ed è ok .
    Inps dice che mi restituirà la quota irpef al 23% in accredito bancario, quando non lo dice: tipo ad un mese dalla restituzione... due mesi..quando ?
    poi: la quota che dice di restituirmi al 23% viceversa dalla cifra che dicono è solo il 20,5%.
    Sono andata in sede a chiedere le spiegazioni come sopra illustrato ed ho chiesto anche se la cifra che restituisco la posso inserire nel mio 730 sotto la voce apposita prevista nel modello.
    L'impiegato alle mie domande ha fatto spallucce e per la domanda sull'inserimento nel 730 ha detto decisamente NO.
    Le chiedo : posso o non posso inserire nel 730 il bonifico della quota che restituisco e farmi rimborsare sul 730?
    perché dicono che non posso farlo ?
    Non ho tempo di girare per uffici di patronato e Le sarei veramente grata se mi rispondesse.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonia!
      Purtroppo NO!
      Non puoi inserire nel 730 il bonifico della quota del tfs che restituisci, semplicemente perché non è previsto dalla normativa attualmente in vigore.-

      Elimina
  19. Gentile dott. Censori, le ho scritto ieri riguardo l'ente pubblico che non mi ha pagato il Tfr nei termini previsti. Le chiedo cortesemente un ulteriore chiarimento. Mi sono accorta che nel mio Cud tutti i campi relativi al Tfr sono vuoti (il punto 413 è quello che mi riguarda in particolare). Sa spiegarmi che cosa significa e cosa comporta questa mancanza? La ringrazio ancora per la sua disponibilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Strano!
      Se il TFR era rimasto in azienda, l'importo maturato doveva risultare nel CUD, quindi presumo che ci sia stato un errore.-

      Elimina
  20. Buonasera avvocato
    Ho lavorato 6 anni x una srl a tempo indeterminato.
    Il 31/7/2014 essa licenzia 31 unità x causa oggettiva..... chidevo entro quanto tempi dovrà trascorrere x avere il mio TFR visti che oggi 24/09/2014 ancora non mi hanno chiamato? E cosa fare ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per legge il TFR deve essere corrisposto al lavoratore entro 60 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro, quindi una volta che sarà scaduto inutilmente il termine Ti consiglio di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per l'apertura di una vertenza sindacale per il recupero delle Tue spettanze.-

      Elimina
  21. Buona sera Avvocato,
    dopo 11 anni ho appena chiesto anticipo tfr per acquisto prima casa; in quanto tempo la mia azienda deve liquidarmi il dovuto?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'azienda deve liquidare l'anticipo del TFR per l'acquisto della prima casa, entro l'anno di richiesta, quindi nel tuo caso entro dicembre 2014.-

      Elimina
    2. Grazie mille per la delucidazione.

      Elimina
  22. Buona sera dott. Censori,
    sottopongo alla Sua cortese attenzione il mio quesito :
    dopo 10 anni di servizio, a gennaio 2014 vengo licenziato con la motivazione della riduzione di personale conseguente alla crisi del settore.
    Le ultime competenze ed il TFR ammontano a qualche decina di migliaia di euro, l'azienda opta unilateralmente per la rateizzazione del suo debito e nonostante la mia richiesta non mi sottopone alcun piano di pagamento.
    Inizialmente mi vengono retribuite con cadenza mensile le ultime competenze, a cui fa seguito l'emissione del cedolino di riferimento.
    Poi, con il TFR la situazione si complica un po'.
    Intanto ricevo un foglio non intestato su cui è riportato il conteggio alla data di cessazione del rapporto, ma non si parla ne di rate ne di data di saldo.
    Ricevo dei bonifici con indicato "rata TFR" con cadenza irregolare tendente a crescere e senza alcun cedolino di riferimento alla rata versata.
    L'azienda è tenuta ad emettere il cedolino per ogni rata corrisposta o può avvalersi della facoltà di emetterne uno solo a saldo del TFR?
    E' possibile che l'azienda trattenga il cedolino di saldo del TFR, calcolato come se mi fosse stato corrisposto nei termini contrattuali, fino all'avvenuto pagamento dell'ultima rata, omettendo pertanto di riconoscere gli eventuali interessi cumulati sull'ammortamento del debito.
    In questa seconda ipotesi come dovrei agire?
    La ringrazio per la cortese attenzione concessami.

    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco!
      Per legge il TFR deve essere corrisposto al lavoratore entro 60 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro, e in caso di importo elevato o di difficoltà di carattere finanziario dell'azienda le parti possono concordare una dilazione di pagamento o una rateizzazione fino ad un massimo di 6 mesi.-
      Il datore di lavoro è tenuto ad emettere alla cessazione del rapporto di lavoro il cedolino del TFR anche se l'importo non viene corrisposto o viene corrisposto solo parzialmente.-
      Ti consiglio quindi di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
    2. Gentile dott. Censori,
      intanto grazie per la risposta tempestiva, approfitto della sua cortesia per rivolgerLe un'ulteriore domanda :
      in base alla sua esperienza, ritiene che un richiamo scritto agli obblighi del datore di lavoro, trasmesso con posta certificata e con l'avvertimento di intraprendere azioni di tutela sindacale in mancanza di una risposta entro X giorni, possa smuovere la situazione, oppure è più indicato affidarsi direttamente all'intermediazione sindacale?
      Le scrivo questo perchè conoscendo il datore di lavoro, so che nella seconda ipotesi reagirebbe irrigidendosi ulteriormente e bloccando l'erogazione delle rate in attesa della risoluzione del contenzioso.
      In altre parole, sussiste il rischio di perdere i propri diritti sulle quote non percepite qualora trascorresse troppo tempo dalla cessazione del rapporto di lavoro?
      Cordialmente

      Marco

      Elimina
    3. Ciao Marco!
      I crediti da lavoro, TFR compreso, si prescrivono in 5 anni, ma se ti preoccupi dell'irrigidimento del datore di lavoro, puoi solo aspettare che provveda Lui se e quando lo riterrà opportuno, perché un Tuo richiamo scritto non avrebbe alcun valore giuridico.-

      Elimina
    4. Chiarissimo, grazie ancora.

      Marco

      Elimina
    5. Ciao Marco!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  23. Gentile Dott.Censori,
    il mio titolare possiede due ditte, una s.a.s., e una ditta individuale. Sono assunta nella ditta s.a.s. dal 2010. Ora il mio titolare mi ha informata che vorrebbe assumermi con la ditta individuale e mi chiede di presentare le dimissioni, e contestualmente farebbe l'assunzione con la nuova ditta.
    In questo caso il TFR mi verrebbe corrisposto?
    E la tassazione del TFR sarebbe diversa in caso di dimissioni rispetto ad un caso di licenziamento?
    La ringrazio anticipatamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luisa!
      SI!
      Se presenti le dimissioni dalla Tua azienda per essere assunta da un'altra, il TFR deve esserti corrisposto e la tassazione è comunque la stessa sia in caso di dimissioni che di licenziamento.-

      Elimina
  24. Gentile dott. Gianfranco
    le scrivo per chiederle un parere in merito al TFR. Vengo al sodo.
    A fine mese, dopo 11 anni, l’azienda mi licenzierà per insolvenza, sono rimasto l’unico lavoratore. Visto i buoni rapporti che in questi anni ho intessuto con il mio datore di lavoro, almeno fino a questo momento, abbiamo parlato chiaro. Lui mi ha detto che non riesce a pagarmi tutto il TFR e quindi proverà, ripeto proverà, a rateizzarmelo un po’ alla volta (capisca bene che sono circa 13.000 euro!). Questo proverà non mi convince. Dopo le mie perplessità lui mi ha proposto un’altra soluzione, cioè farle una vertenza sindacale per la quale non si opporrà, non la impugnerà con un suo legale, anzi la avallerà richiedendo i soldi ad un Comune per la quale l’azienda ha fatto dei lavori e per cui ancora non è stata pagata. La mia azienda vanta nei confronti di questo Comune circa 200.000 euri, ma c’è da dire che per quanto ne so il Comune sta andando verso una causa giudiziale contro la mia azienda (trattasi di un lavoro pubblico per la quale l’azienda non essendo stata pagata ha abbandonato i lavori lasciandoli incompleti ed il Comune gli farà causa per abbandono di cantiere, danni, ecc. riscuotendo anche la polizza fideiussoria che si fa per l’affidamento di un lavoro pubblico.!). Di questa cosa non mi fido. Cioè ho pensato vai a vedere l’azienda dovrà pagare pure il Comune, come farò io ad avere i miei soldi.
    Allora gli ho proposto un’altra strada cioè avvalermi del Fondo di garanzia dell’INPS e lui nemmeno si è opposto dicendomi che non conosce questo tipo di strada ma possiamo anche fare in questo modo. Quella da lui propostami per il mio datore di lavoro è fattibile perché è stata fatta praticata anche per altri ex dipendenti dell’azienda (che per il momento non hanno visto un euro) ma che però stando sempre alle parole del mio datore di lavoro accorcerebbe i tempi per avere i soldi che mi spettano.
    Mi scuso se sono stato prolisso. Secondo lei, dott. Gianfranco, cosa mi consiglia di fare nella mia situazione, voglio dire qual è la strada meno indolore e meno tortuosa anche a livello di tempistica per avere il TFR?
    Grazie per la risposta che potrà darmi e complimenti per il suo tempo che mette a disposizione per tutti.
    Un abbraccio. Saluti. Roberto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberto!
      Si può ricorrere a fondo di garanzia dell'INPS solo in caso di fallimento dell'azienda, Ti consiglio quindi di accettare la rateizzazione proposta.-
      La procedura più corretta sarebbe quella di ricorrere a un sindacato per formalizzare la rateizzazione alla direzione provinciale del lavoro in modo che se il datore di lavoro non rispetta l'accordo si potrà agire velocemente per via giudiziaria.-

      Elimina
    2. Grazie dott. Gianfranco per il suo prezioso consiglio.
      Un caro abbraccio. Roberto

      Elimina
    3. Ciao Roberto!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Alla prossima!!!

      Elimina
    4. Gentile dott. Gianfranco riflettendo a freddo sulla sua risposta precisamente sulla frase "se il datore di lavoro non rispetta l'accordo si potrà agire velocemente per via giudiziaria". Ecco, proprio su ques'ultima frase volevo chiederle l'azione giudiziaria si rivarrà direttamente sull'ex datore di lavoro quindi sarà sempre lui che dovrà darmi direttamente i soldi o potrò attindere così al fondo di garanzia INPS visto che l'accordo non è stato rispettato? Mi scusi e grazie della pazienza. Un caro abbraccio.

      Elimina
    5. Ciao Roberto!
      Si può ricorrere al fondo di garanzia dell'INPS solo in caso di fallimento dell'azienda, quindi per agire più velocemente mi riferisco all'iter giudiziario nei confronti dell'ex datore di lavoro.-

      Elimina
  25. salve è possibile riuscire ad avere un parte del tfr tra il giorno di fine lavoro e il giorno in cui mi viene liquidato? grazie in anticipo Andre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Andre!
      Purtroppo NO!
      Per legge non è prevista la possibilità di ricevere una parte del TFR prima della scadenza dei termini, ma se il datore di lavoro è d'accordo non c'è problema.-

      Elimina
  26. Buongiorno, le chiedo un parere in merito ad una questione sul tfs che non mi fa dormire. all'inizio del 2012 sono stato sospeso dal pubblico impiego percependo x 6 mesi assegno alimentare, quindi dallo stesso inizio ho sospeso il pagamento del 5° ceduto. Dopo un paio di mesi l'assicurazione ha pagato il debito e mi ha comunicato di essere subentrata nel credito. Alla fine del 2012 stesso sono stato destituito e sono in attesa di tfs, mancano un paio di mesi. Preciso che dalla lettera dell'ass.ne sono passati oltre due anni senza sentire nè leggere più nulla. All'INPS ex INPDAP dicono che non hanno notifiche in merito. Mi chiedo: c'è ancora qualcuno in agguato oppure hanno realizzato che dovevano rispondere della somma senza rivalsa? Possibile che uno paghi più di mille euro di ass.ne per poi dover rispondere per perdita impiego se accade? Infine, leggo che il tfs deve essere liquidato per forza a mani dell'ex dipendente che non poteva cedere lo stesso mentre era in servizio, al massimo chiunque avanzi può aggredire al massimo il 5° del tfs. Cosa ne pensa? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non potendo esaminare la documentazione inerente la cessione del 5°, e cioè le clausole previste, purtroppo non posso esserti d'aiuto, Ti consiglio quindi di rivolgerti alla sede più vicina della federconsumatori per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  27. Buondì, sono un ex dipendente pubblico, dimessosi per cambio lavoro un anno fa circa. Sono in attesa del TFR e nel frattempo ho sentito parlare di un premio una tantum che ogni pubbl dip dovrebbe avere alla fine del servizio (circa uno stipendio). Mi domando se ho confuso questo premio una volta tanto con il TFR oppure se il mio ente avrebbe dovuto liquidarmelo a prescindere dal trattamento di fine rapporto. Le sono grato per l'attenzione. Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco!
      Non mi risulta che siano previsti premi una tantum per i pubblici dipendenti alla fine del servizio, quindi presumo che l'informazione che hai ricevuto si riferisce al trattamento di fine rapporto.-

      Elimina
  28. Buongiorno sono assunta in una ditta srl da due anni a tempo indeterminato,ma Nn percepisco lo stipendio da due mesi,posso dimettermi per giusta causa?inoltre se l azienda dichiara il fallimento e non possiede beni,chi mi paga gli stipendi arretrati e il tfr? Grazie in anticipo Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura!
      Per poter presentare le dimissioni per giusta causa, la giusta causa va dimostrata, è quindi necessario aprire una vertenza sindacale nei confronti del datore di lavoro.-
      In caso di fallimento dell'azienda il fondo di garanzia dell'INPS provvede al pagamento del TFR ed al massimo delle ultime 3 mensilità scoperte.-

      Elimina
  29. Buonasera,
    mia moglie lavora per mia suocera, ma per motivi di salute e economici è costretta a chiudere l'attività.
    Chiedere il TFR aggravrebbe le già precarie condizioni .......che fare ?

    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se Tua suocera chiude l'attività, per legge deve licenziare tua moglie e darle tutte le competenze maturate TFR compreso.-
      Ovviamente una volta preparate le buste paga ed effettuati i conteggi potranno eventualmente mettersi d'accordo sui tempi di liquidazione di tutte le competenze maturate.-

      Elimina
  30. Salve, da settembre 2013 sulle mie buste paga compare una voce"trattenute TFR giorni meno".I giorni sono variabili fino ad un massimo di 15 giorni....e il mio è un contratto partime indeterminato...conclusione il netto in busta è la metà del mio stipendio pur lavorando 26 giorni ogni mese....cosa significa? Grazie e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se il Tuo è un contratto part-time di 20 ore settimanali, anche se lavori per 26 giorni al mese, la paga e tutte le altre competenze vanno ridotte della metà rispetto ad un contratto a tempo pieno.-

      Elimina
  31. Salve , io ho prestato servizio presso un'azienda ospedaliera dal giugno2013 al maggio 2014 ma di TFR ancora non sene parla che tempi trascorrono di solito ?? Grazie cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il blocco del TFR per i dipendenti pubblici è di un anno (cui si aggiungono i 3 mesi per lavorare la pratica; nel complesso 15 mesi per raggiungimento dei limiti di età o dei limiti di servizio, per cessazione del lavoro a tempo determinato o per risoluzioni unilaterali dell’amministrazione (esempio per gli esuberi).-

      Elimina
  32. Buongiorno vokevo chiedervi una informazione. Ho lavorato da agosto 2013 ad agosto 2014 in in supermercato con contratto del commercio 5 livello come aiuto commessa. Il mio ultimo giorno sa contrato era il 5/08/2014 e poi nn mi hanno piu rinnovato. Solo oggi 16/10/14 ho ricevuto la busta del Tfr ma nn i soldi ma è normale? Sulla mia busta c'è solo la voce Tfr (automatico) cosa vuoldire? Ma le ferie e le festivita non godute dove sono? E quanto tempo hanno a disposizione per liquidarmi? potete aiutarmi per favore. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sonia!
      Per legge il TFR e tutte le altre competenze maturate debbono essere corrisposte al lavoratore entro 60 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro, Ti consiglio quindi di verificare con il Tuo ex datore di lavoro quelli che sono i loro programmi e di rivolgerti eventualmente alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  33. Buonasera signor Gianfranco volevo chiedergli qual'e' la percentuale trattenuta dallo stato sul TFR maturato subendo un licenziamento per fine pensionistico la ringrazio ela saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'aliquota IRPEF sul TFR è l'aliquota massima prevista in base ai redditi dell'anno di percezione; comunque quella minima è del 23%.-

      Elimina
  34. Ciao sig. Gianfranco sono una sig moldava,ho lavorato come colf in una familia fino a due ani fa,come niesuno n-o mia informatio sul tfr vorei sapere se poso avere ancora dirito a quosti soldi e chi mi li deve dare,datore di lavoro o l'INPS?Grazie Svetlana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Svetlana!
      TFR (Trattamento di fine rapporto)
      Deve essere liquidato al termine del rapporto di lavoro e indicativamente corrisponde ad una mensilità per ogni anno di servizio prestato.-
      Una volta stabilità qual è l'anzianità maturata dalla lavoratrice, si passa al calcolo vero e proprio.
      Il primo passo consiste nel determinare la somma pagata nel corso dei singoli anni, comprensiva della tredicesima e delle indennità di vitto e alloggio per le colf conviventi o che consumano in casa uno o più pasti.
      L'importo della retribuzione annuale, diviso per 13,5, rappresenta la quota annuale da accantonare per il trattamento di fine rapporto.
      Le singole quote annuali vanno rivalutate con degli appositi coefficienti dati dalla somma di due indici di cui:
      il primo è pari al 75% dell'aumento del costo della vita accertato dall'Istat per gli operai e gli impiegati;
      il secondo è dato da una percentuale fissa pari all'1,50% all'anno (0,125% al mese).-
      Il TFR deve essere corrisposto dal datore di lavoro, e per legge va richiesto entro 5 anni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro.-

      Elimina
  35. buongiorno Dott. Censori, il 30/09/2014 scade il mio contratto dopo 2 anni di lavoro presso questa azienda livello E2 chimico farmaceutico. Ad oggi ho ricevuto nella busta paga del mese di settembre lo stipendio dove sono presenti però anche altre voci: ferie residue, tredicesima dodicesimi ( è scritta così la voce, ma non la comprendo), rol residui a ore e un'altra voce che chiamano quattordice.dodicesi.res.
    A questo punto mi domando, ma se la voce TFR non compare significa che mi arriverà un secondo cedolino con il solo importo del tfr e perchè le competenze come ferie e rol residue, quattordicesima e tredicesima sono state corrisposte nella busta dello stipendio e non insieme a quella del tfr?secondo lei mi spetta ancora ricevere il tfr ? la busta paga essendo poco chiara, mi confonde un pò.
    grazie anticipatamente per la sua attenzione,
    cordiali saluti,
    Luciana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luciana!
      SI!
      Per il TFR riceverai una busta paga a parte il prossimo mese, perché la normativa prevede che mentre tutte le altre competenze maturate devono essere pagate entro 30 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro, per il TFR ci sono 60 giorni di tempo.-

      Elimina
  36. Grazie mille per la sua risposta!

    RispondiElimina
  37. Buongiorno Dott. Censori. Volevo chiederle un'informazione sul tfr. Ho lavorato 7 mesi in una azienda che si occupa di stampe e grafica come tirocinante, successivamente assunta con apprendistato di 4 anni. All' improvviso si sono resi conto che l'ultimo bilancio era passivo e quindi circa un mese scarso dalla fine del rapporto (che era il 25 luglio 2014) mi hanno informato che non potevano assumermi a tempo indeterminato e che non vi era nessuna alternativa. Ora già questa cosa mi pare strana comunque...il tfr l'azienda in questi anni lo ha versato ad una assicurazione ed io ad oggi ne ho ricevuto solo una parte. I 60 gg sono ormai belli che superati...come devo comportarmi? Anche perché se chiedo in azienda continuano a battere sul fatto che le tempistiche dell'assicurazione sono un po' lunghe... attendo una sua risposta e saluto.
    Erika

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Erika!
      Se Tu a suo tempo avevi scelto di lasciare il TFR in azienda, l'utilizzo che ne ha fatto l'azienda stessa non è un problema Tuo, che deve comunque provvedere al pagamento nei termini di legge, Ti consiglio quindi di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
    2. La ringrazio per la risposta tempestiva. Farò come mi ha consigliato lei! Grazie ancora e buona giornata!
      Erika

      Elimina
    3. Ciao Erika!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  38. Buongiorno Dott. Censori,

    sono un dipendente a tempo indeterminato e da più di 15 anni lavoro nel settore privato per la medesima azienda. Ora purtroppo le cose in azienda non vanno molto bene.... La mia domanda è questa: se io mi dimetto per cambiare lavoro verrò comunque tutelato dal fondo di garanzia dell'inps in caso di insolvenza dell'azienda?
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      In caso di insolvenza del'azienda il fondo di garanzia dell'INPS provvederà al pagamento del TFR ed al massimo delle ultime 3 mensilità scoperte, sia in caso di licenziamento che di dimissioni.-

      Elimina
  39. buongiorno dott censori, sono un ex funzionario inps, dico ex perche' sono stato fatto licenziare dall attuale direttore inps della citta' dove risiedo dopo ben quattro anni e mezzo di mobbing, tutto e' stato fatto a regola d arte a tal punto che nessun avvocato ha voluto difendere la mia causa facendo in modo che scadessero i temini di opposizione,ovvio che non e' tenuto a credere a quello che dico, ma la domanda e' un altra. Dal 17 gennaio 2013 ( data del licenziamento) mi son visto negare il tfr dicendomi che in base alla legge fornero mi spetta dopo due anni e tre mesi dal licenziamento. grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo è vero!
      Il blocco del TFR è di 27 mesi (24+3) nei casi di dimissioni volontarie, per licenziamenti e destituzioni. Se si superano i tempi indicati l’INPS deve riconoscere sulle somme gli interessi di mora. Terminata l’attesa scatta un’altra norma di legge che divide in rate annuali la buonuscita quando supera i 50 mila euro lordi.
      Se la buonuscita non supera 50 mila euro lordi il pagamento è completo.
      Tra 50 mila e 100 mila euro lordi il pagamento è diviso due tranches annuali: 50 mila euro il primo anno e la rimanenza il secondo.

      Elimina
  40. Buongiorno dott. Censori,
    Sono un infermiere e ho terminato il rapporto di lavoro con la mia azienda con dimissioni volontarie.
    L'azienda è un ASP e il contratto era a tempo determinato. Vorrei sapere se i tempi di liquidazione del tfr sono di 24 + 3 mesi nonostante la durata del contratto fosse di poco più di un anno.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Il blocco è pari a 27 mesi (24+3) nei casi di dimissioni volontarie, per licenziamenti e destituzioni.-

      Elimina
  41. Buongiorno Dott.Censori, mi chiamo Sonia e, dal 1987, lavoro in un'azienda privata che applica il contratto grafici artigiani. Il mio TFR ė in azienda. Ora, a causa delle crescenti difficoltà economiche il titolare sta maturando l'idea di trasformare l'attuale snc con 16 dipendenti in srl e, nel contempo, far entrare in società i figli della moglie. A quanto ho inteso i debiti verso i dipendenti, come peraltro quelli verso i fornitori, se li accollerebbe la nuova azienda, mentre i debiti verso l'erario resterebbero in testa alla snc che verrebbe poi messa in liquidazione.
    Le mie domande sono queste: a trasformazione avvenuta visto che ritengo molto improbabile che mi liquidino il TFR devo/posso richiedere dei documenti che certifichino il passaggio da un'azienda all'altra? In caso di insolvenza della nuova società i miei diritti sulle azioni di recupero del TFR restano invariati? In caso dovessi ricorrere alla procedura di mobilità per il conteggio dell'anzianità si farebbe riferimento al 1987 o a nuovo passaggio? Mi scuso per essermi dilungata e le auguro buona giornata! Cordialità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sonia!
      Se i debiti della vecchia azienda vengono accollati dalla nuova, Tu dovrai ricevere due comunicazioni scritte, una da parte dell'azienda cedente che attesta che il Tuo TFR maturato viene ceduto alla nuova azienda, e un'altra dall'azienda subentrante che attesta di aver preso in carico il Tuo TFR precedentemente maturato a tutti gli effetti di legge.-
      Se le due aziende seguono la suddetta procedura la Tua anzianità farebbe riferimento al 1987.-

      Elimina
  42. Buongiorno, nel 2013 la mia azienda ha dichiarato il fallimento ora sono seguita da un avvocato per il recupero del trf 11mila euro, ha inserito la pratica on line in data 19/05/2014 ad oggi non mi è stato corrisposto un euro. volevo sapere se è normale questa tempistica lunga?ho qualche speranza di prenderlo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti NO!
      Di solito il fondo di garanzia dell'INPS provvede al pagamento del TFR nel giro di 45/60 giorni dalla data di presentazione della domanda, ovviamente se è stata seguita la procedura corretta, Ti consiglio quindi di far verificare dal Tuo avvocato lo stato della Tua pratica.-

      Elimina
  43. Buonasera Dott. Censori nel lontano 1986 ho lavorato per il comune di Torino 5 mesi come Operatore Assistenz. Suppl. presso una Casa di Riposo , nata nel 1965, oggi posso dire di avere una qualifica? attualmente lavoro presso una cooperativa sociale come addet. pulizie in ospedale, vorrei propormi come Ausiliare barellista nella Squadra o Logistica. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi pare che sia un po tardi per porti il quesito, perché il Tuo problema è di richiedere all'amministrazione del Comune di Torino un attestato del tipo di attività svolta nel 1986, e non so quindi se possono rilevarlo dai loro archivi a distanza di tanti anni.-

      Elimina
  44. Buongiorno Dott. Censori riguardo la malattia, lavoro presso una cooperativa sociale, mi chiedevo perchè l' INPS mi paga la malattia a 7,38824 uguale alla retribuzione e la ditta a 3,26666667 , è giusto cosi' o c'è l'errore? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Presumo che ci sia un errore perché l'indennità di malattia deve essere uguale alla retribuzione.-

      Elimina
  45. buonasera dott. censori,mi chiamo peppe, sono l' ex funzionario inps che le ha posto un quesito riguardante il tfr,innanzitutto la ringrazio per la tempestiva ed esaustiva risposta, volevo poi porle un altro quesito riguardante il mio "ingiusto" licenziamento , sono stato vittima di ben quattro anni e mezzo di mobbing da parte del direttore della sede inps della mia citta', dopo questo periodo tutto si e' concluso con il mio licenziamento frutto di prove e testimonianze costruite alla perfezione da parte del direttore in questione e suoi complici , tutto questo e' avvenuto nel gennaio 2013, io ovviamente ho subito impugnato il licenziamento, da li avevo 180 giorni di tempo per presentare le mie difese , tutti gli avvocati a cui mi sono rivolto dapprima accettavano l incarico ma dopo un certo periodo rifiutavano , chi mi diceva che con l'inps ci lavorava e quindi non se la sentiva, chi intuendo la mia disatrata situazioone economica rifiutava e l'ultimo avvocato da me interpellato una settimana prima della scadenza dell impugnazione mi chiama dicendomi che non c' erano i presupposti per un tentativo di difesa, mi sono ritrovato cosi' scoperto , senza un sostegno economico e senza piu' la speranza di avere una possibilita' di reintegro vivendo fino ad oggi una situazione piu' che drammatica considerando che non ho nessun aiuto economico da parte di nessuno se non di un paio di amici che al limite delle loro possibilita' mi hanno aiutato un po. la mia domanda e' questa : anche se i termini sono scaduti c e' una minima o qualunque possibilita' di riaprire la vertenza ? e se c e' saprebbe indicarmi a chi rivolgermi? a parte questo una notizia dell ultima ora parla dell art 18 e del ripristino del reintegro per i licenziamenti discriminatori e disciplinari , nell eventualita' fosse vero io ci rientrerei? quali sono le modalita'? grazie sempre per la sua gentile consulenza .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Peppe!
      Purtroppo NO!
      Una volta che sono trascorsi i termini di legge non puoi più fare nulla quindi è il caso che Tu ti metta il cuore in pace e che inizi a guardare oltre senza farti illusioni con notizie di stampa non applicabili al tuo caso.-

      Elimina
  46. Buongiorno, dopo la fine del rapporto di lavorato ( SETTORE PRIVATO ) quanto tempo ha il datore per il versamento del TFR. ( TEMPO MINIMO E MASSIMO ) grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per legge il TFR va corrisposto al lavoratore entro 60 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro, e solo in caso di difficoltà finanziarie dell'azienda le parti possono concordare una dilazione o una rateizzazione fino a 6 mesi.-

      Elimina
  47. Nella nostra ditta c'è stato un cambio di ragione sociale...mi dicono si chiami "fitto di azienda". Il TFR mi deve essere liquidato? E se non viene liquidato io posso chiedere di avere un anticipo? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Nel Tuo caso il Tuo rapporto di lavoro è sempre con la vecchia azienda anche se lavori per la nuova, quindi non puoi richiedere che ti venga liquidato il TFR, e puoi richiedere un anticipo del TFR solo se hai almeno 8 anni di servizio e solo per l'acquisto della prima casa o per spese sanitarie straordinarie.-

      Elimina
  48. Salve. Ho dato le dimissioni dopo 10 anni. Il mio contratto era ccnl BE1A. Quanto tempo ha il mio datore di lavoro per liquidarmi il tfr in giorni di calendario? dopo quanto posso chiedere gli interessi di mora e a quanto ammonterebbero in percentuale? Grazie saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per legge il TFR deve essere corrisposto al lavoratore entro 60 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro, ed eventuali dilazioni o rateizzazioni andranno concordate tra le parti.-

      Elimina
  49. Buongiorno dott. Censori, vorrei chiederle se la mia ex azienda in fase di pagamento del Tfr deve riconoscere gli interessi. A dicembre 2011 siamo stati tutti licenziati, l'azienda (contratto chimici) è in concordato preventivo ed in liquidazione. Ora il liquidatore aziendale ci ha chiamato comunicandoci che a dicembre ci verrà pagata la liquidazione dovuta. Alla mia domanda se comprendesse anche gli interessi di tre anni non ha saputo rispondere dicendomi che si doveva informare. Quali sono le norme di legge ? grazie infinite per la risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giovanna!
      Se alla sua scadenza il debito non viene pagato, cominciano a decorrere gli interessi nella misura legale.
      Tuttavia, sulle retribuzioni il lavoratore matura non solo il diritto agli interessi.
      Infatti, gli interessi rappresentano solamente la remunerazione che il debitore deve al creditore, una volta che il debito sia scaduto, per la disponibilità del denaro altrui.
      Tuttavia, il ritardato pagamento produce anche danni derivanti dalla svalutazione monetaria.
      Il legislatore ha preso in considerazione questi danni, disponendone il risarcimento nel caso dei crediti da lavoro.
      Conseguentemente, alla scadenza del debito retributivo non corrisposto, il lavoratore comincia a maturare, oltre agli interessi, anche la rivalutazione monetaria, calcolata sulla base dell'indice dei prezzi elaborato dall'Istat per la scala mobile per i lavoratori dell'industria.
      Se il pagamento avviene in ritardo e senza la corresponsione degli interessi e della rivalutazione, il minor pagamento effettuato deve essere imputato - salvo patto contrario - innanzi tutto agli interessi e solo nella parte residua al capitale.
      Pertanto, il pagamento parziale lascia insoddisfatta una quota di capitale che continuerà a produrre interessi, nonché rivalutazione monetaria, fino al saldo.
      Gli interessi devono essere calcolati sulla somma di denaro rivalutata: infatti, il credito rivalutato rappresenta il valore reale (cioè il potere d'acquisto) del debito originario, al di là del suo valore nominale; pertanto, su questa base devono essere quantificati gli interessi.

      Elimina
  50. Sono un bancario con quasi trenta anni di lavoro e scorrendo le sue risposte non ho ben capito in caso di dimissioni volontarie se il tfr mi verrebbe corrisposto dall'azienda entro sessanta giorni oppure se devo attendere 27 mesi ( blocco Fornero)? C'e' inoltre differenza se è rimasto in azienda oppure se ho aderito ad un fondo pensioni? Infine (se non ho inteso male) la buonuscita è cosa diversa dal tfr in tal caso con le mie dimissioni avrei lo stesso diritto ad essa e potrei addirittura contrattarne l'importo visto che se l'azienda ha in atto un piano di riduzione del personale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il blocco della legge Fornero riguarda solo i dipendenti pubblici, quindi ai dipendenti privati il TFR per legge deve essere corrisposto entro 60 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro, sia in caso di licenziamento che in caso di dimissioni.-
      Invece se hai aderito a un fondo il discorso è diverso, nel senso che la logica di un fondo pensione è quella di dare una seconda pensione, quindi un riscatto anticipato totale o parziale è possibile solo in casi particolari stabiliti dai fondi stessi.-

      Elimina
  51. buongiorno nel (25 ottobre ) del 2013 è stato il mio licenziamento dalla ditta ,ora dopo 5 anni di mestiere continuo a non ricevere la mia liquidazione di cui ne ho tutti i diritti cosa devo fare ??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  52. Gentile Avv. Censori, ho lavorato per circa 6 anni per una SRL con un contratto metalmeccanico PMI-Confapi e ad agosto sono stato licenziato. Mi è stata pagata solo una parte del TFR e a quanto leggo dai precedenti post, il datore di lavoro è tenuto a pagarli entro 60 giorni o al massimo 6 mesi nel caso in cui l'azienda si trovi in difficoltà. Alla luce del fatto che l'azienda è in serie difficoltà, la mie domande sono 2:
    1) la dilazione dovrebbe essere concordata? Come succede sempre in questi casi il datore di lavoro dice che pagherà ma niente più.
    2) la società chiuderà a dicembre, quindi prima della scadenza dei 6 mesi. Cosa dovrei fare per essere sicuro di prendere la restante parte del TFR? O comunque cosa succederebbe in questo caso?

    Grazie in anticipo e complimenti per le sue consulenze,

    Francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco!
      In questi casi è consigliabile concordare con il datore di lavoro una dilazione o una rateizzazione del TFR e sottoscrivere l'accordo alla direzione provinciale del lavoro, Ti consiglio quindi di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  53. Salve Gentilissimo Avvocato. Sono un bancario. Visto l'attualissimo problema del rinnovo del contratto nazionale da parte dell'ABI, Le chiedo se una Banca potrà arrivare a bloccare il TFR, o, addirittura eliminare il pagamento dello stesso? Grato sin d'ora della sua cortese attenzione, i miei sinceri saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente NO!
      Una banca non può ne bloccare ne tanto meno eliminare il TFR maturato, che dovrà essere comunque corrisposto al lavoratore alla cessazione del rapporto di lavoro, ovviamente se il lavoratore a suo tempo aveva optato per lasciarlo in azienda.-

      Elimina
  54. buongiorno,
    avrei un problema da proporle:
    nel mese di aprile mi sono licenziato da un'azienda tessile per giusta causa visto il ritardo nei pagamenti della busta paga da oltre due mesi e sono in disoccupazione. per quanto riguarda il tfr ho un accordo scritto tramite i sindacati che la ditta mi doveva corrispondere una certa somma al mese tutti i primi del mese fino alla liquidazione di tutto il tfr che era previsto per circa maggio 2015. Fino al mese di ottobre piu' o meno e' sempre stato puntuale, ad oggi non mi e' ancora arrivato il bonifico del mese di ottobre e la segretaria mi ha detto che il datore di lavoro ha dato ordine di non darmi altri soldi almeno fino a febbraio. chiaramente adesso mi tovo male. al momento dell'accordo i sindacati mi dissero che nel momento in cui avesse sgarrato anche solo per un mese, l'accordo scritto diveniva una cosa esecutiva e avrei potuto agire per altre strade anche se non ho ben capito come.
    Mi puo' dire come devo comportarmi e a chi mi devo rivolgere?
    grazie per il suo tempo e buona giornata
    saluti
    Antonio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonio!
      A questo punto devi rivolgerti al sindacato che a suo tempo ha sottoscritto l'accordo, che valuterà se è il caso di procedere per via giudiziaria per il recupero del Tuo credito residuo.-

      Elimina
  55. salve sono un dipendente alberghiero fachino ai piani. dopo 30 anni mi mettono dal 1 gennaio 2015. in una ditta appalatrice terziario. ci licenziano e poi ci assumono questa ditta ehasrl lo possono fare? se non firmo mi licenziano cosi mi hanno detto. ci liquidno pure IL TFR. VOLEVO SAPERE E TASSATO AL 27 % VERO SE SUPERA 15.001 - 28.000 E VERO MI RISPONDA GRAZIE VIA EMAIL BEATIFUL.FABIO@GMAIL.COM POI DA 28.000 A 55.000 38% E VERO. TFR.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fabio!
      Per quanto riguarda il licenziamento Ti consiglio di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per valutare se ci sono i presupposti per impugnare il licenziamento.-
      Il TFR Netto si ottiene sottraendo al TFR Lordo, la tassazione riguardante l'aliquota IRPEF del proprio scaglione. Gli scaglioni di appartenenza per l'anno 2013-2014 sono:
      - Primo scaglione: da zero a 15.000 euro - aliquota del 23%.
      - Secondo scaglione: da 15.001 a 28.000 - aliquota del 27%.
      Dal terzo al quinto scaglione si applica l'aliquota del 27% fino ai 28.000 euro e in aggiunta:
      - Terzo scaglione: per l'eccedenza dai 28.001 ai 55.000 - aliquota del 38%.
      - Quarto scaglione: per l'eccedenza dai 55.001 a 75.000 - aliquota del 41%.
      - Quinto scaglione: per l'eccedenza oltre i 75.001 - aliquota del 43%..

      Elimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.