sabato 24 agosto 2013

Disoccupazione, Cassa Integrazione e Mobilità

INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE ORDINARIA

In caso di cessazione del rapporto di lavoro per scadenza del contratto o per licenziamento, (ma purtroppo non in caso di dimissioni), al lavoratore spetta un sostegno economico; l'indennità di disoccupazione.-

Per ottenerla occorre presentare la domanda di disoccupazione all'INPS entro 68 giorni dal licenziamento e disponibilità al lavoro da dare agli uffici per l'impiego territorialmente competenti.-

Il diritto decorre dall'8° giorno dal licenziamento se la domanda è stata presentata entro i primi 7 giorni; dal 5° giorno successivo alla presentazione della domanda negli altri casi.-

Sono necessari i seguenti requisiti:
  • Avere almeno due anni di assicurazione all'INPS.
  • Avere una anzianità contributiva di almeno 52 settimane lavorative nel biennio precedente la data di cessazione del rapporto di lavoro, (la malattia e la maternità obbligatoria contano, la facoltativa no).

Durata: Anni 2002/2003/2004
Al disoccupato viene corrisposta l'indennità per un periodo massimo di sei mesi fino a 49 anni, che sale fino a nove mesi per chi ha superato i 50 anni di età, ai sensi dell'articolo 13 della legge n. 80 del 14 maggio 2005.-
L'indennità è pari al 40% della retribuzione media percepita nei 3 mesi precedenti l'inizio della disoccupazione con un importo massimo di euro 819,62.-

Durata: Anni 2005/2006/2007
Dal 1° aprile 2005 al 31 dicembre 2007 il periodo massimo di riscossione è stato elevato a 7 mesi per i lavoratori di età inferiore a 50 anni e a 10 mesi per quelli di età superiore ai 50 anni.
L'indennità è pari circa al 50% della retribuzione media percepita nei 3 mesi precedenti l'inizio della disoccupazione con un importo massimo di euro 985,10:
  • Età fino a 49 anni: 50% retribuzione per i primi sei mesi + 30% per il settimo mese
  • Età superiore a 50 anni: 50% retribuzione per i primi sei mesi + 40% per i tre mesi successivi + 30% per il decimo mese

Durata: Anni 2008/2009/2010/2011/2012
dal 1° gennaio 2008 il periodo massimo di riscossione è stato elevato 8 mesi per i lavoratori di età inferiore a 50 anni e a 12 mesi per quelli di età superiore a 50 anni.-
  • Età fino a 49 anni: 60% della retribuzione per i primi sei mesi + 50% per i successivi due mesi.-
  • Età superiore a 50 anni: 60% retribuzione per i primi sei mesi + 50% per i successivi due mesi + 40% per i restanti quattro mesi.

Rioccupazione:
In caso di rioccupazione va presentata comunicazione all'INPS entro 5 giorni, per la sospensione dell'indennità di disoccupazione. L'indennità non viene sospesa per rioccupazione fino ad un massimo di 5 giorni lavorativi consecutivi di effettivo lavoro, ad eccezione di contratti a chiamata. Per giornate lavorative inferiori al suddetto limite va presentata mensilmente comunicazione all'INPS, che ne tiene conto in sede di liquidazione dell'indennità di disoccupazione.-

Anno mobile:
Terminati 8 mesi di disoccupazione, se si trova lavoro ad esempio per un mese, l'indennità di disoccupazione successiva decorre dopo un anno dall'inizio della precedente indennità.-

Indennità sostitutiva del mancato preavviso:
Se all'assicurato è pagata un'indennità sostitutiva del mancato preavviso, l'indennità di disoccupazione è corrisposta a partire dall'ottavo giorno successivo a quello della scadenza del periodo corrispondente all'indennità di mancato preavviso ragguagliata a giornate.-


INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE CON REQUISITI RIDOTTI

Requisiti per anno 2012 
Per tutti i lavoratori stagionali e precari, non solo del commercio e turismo, ma anche industria, artigianato, scuola e pubblico impiego in genere.-
Spetta in caso di cessazione del rapporto di lavoro nell'anno 2011 escluso dimissioni

Per ottenerla occorre presentare la domanda entro il 31/03/2012

Sono necessari seguenti requisiti:
  • Aver avuto dal 01/01/2011 al 31/12/2011 un rapporto di lavoro dipendente di almeno 78 giornate , in cui ci siano giornate di effettivo lavoro.
  • Avere almeno un contributo settimanale versato prima del biennio precedente l'anno nel quale viene richiestal'indennità: ad esempio, per le indennità pagate nel 2012, il contributo deve essere stato versato  entro la fine del 2009.
  • Avere un'anzianità assicurativa di almeno due anni

L'indennità è pari al 35% della retribuzione media percepita nei 3 mesi precedenti l'inizio della disoccupazione, con un importo massimo di euro 998,50; per i primi 120 giorni e al 40% della retribuzione dal 121° giorno fino ad un massimo di 180 giorni.-

I lavoratori hanno diritto ad essere indennizzati soltanto per un numero di giornate pari a quelle effettivamente lavorate nell'anno precedente.-

Con il diritto all'indennità di disoccupazione si matura anche il diritto all'accredito dei contributi figurativi, utili per la pensione.-

Con il diritto all'indennità di disoccupazione, coloro che sono in possesso dei requisiti maturano anche il diritto all'assegno al nucleo familiare.-


DISOCCUPAZIONE AGRICOLA

Requisiti per anno 2012

Per chi ha effettuato 102 giornate di lavoro nel biennio e 2 anni di anzianità assicurative ha diritto alla disoccupazione agricola, le domande vanno presentate entro il 31 marzo 2012.-
E' importante inoltre sapere che:
  • Trattamento di disoccupazione agricola unico senza più distinzione tra trattamento ordinario e trattamenti speciali 
  • Per tutti la misura è pari al 40% del salario per il numero delle giornate 
  • Con il diritto all'indennità di disoccupazione, colo che sono in possesso dei requisiti, maturano anche il diritto all'assegno familiare 


DISOCCUPAZIONE APPRENDISTI

L'art. 19 L. n. 2/2009 ha previsto in via sperimentale per il triennio 2009-2011 e subordinatamente all'intervento integrativo, pari almeno alla misura del 20% a carico degli enti bilaterali un assegno in caso di sospensione per crisi aziendali o occupazionali ovvero in caso di licenziamento.
L'assegno, pari all'indennità ordinaria di disoccupazione, sarà erogato ai lavoratori assunti con la qualifica di apprendista alla data di entrata in vigore del decreto anticrisi, (29 novembre 2008), e con almeno 3 mesi di servizio presso l'azienda interessata dal trattamento, per una durata massima di 90 giornate nell'intero periodo di vigenza del contratto di apprendistato, ovvero un numero minore di giornate, qualora il contratto scada prima della durata massima dell'indennità.
In caso di licenziamento il trattamento è corrisposto per la durata massima di 90 giornate, sempre che l'apprendista risulti disoccupato per il periodo di godimento.-
L'apprendista deve farne domanda entro 68 giorni dal licenziamento.-



CASSA INTEGRAZIONE ORDINARIA (CIG)


La cassa integrazione guadagni ordinaria è un intervento a sostegno delle imprese in difficoltà che garantisce al lavoratore un reddito sostitutivo della retribuzione.
La cassa integrazione guadagni ordinaria spetta agli operai, impiegati e quadri delle imprese industriali in genere e delle imprese industriali e artigiane del settore edile, esclusi gli apprendisti, in caso di sospensione o contrazione dell'attività produttiva per situazioni aziendali dovute a:
eventi temporanei e non imputabili all'imprenditore o ai lavoratori;
situazioni temporanee di mercato.

Le imprese devono presentare la domanda alle Sedi dell'Inps, entro 25 giorni dalla fine del periodo di paga in corso nella settimana in cui è iniziata la sospensione o la riduzione dell'orario di lavoro.
Corrisponde all'80% della retribuzione globale che sarebbe spettata per le ore di lavoro non prestate.
L'importo del trattamento ordinario non può però superare un limite massimo mensile stabilito di anno in anno (per il 2009 è di € 886,31 ed è elevato a € 1.065,26 in caso di retribuzione mensile superiore a € 1.917,48).

I periodi di Cassa integrazione guadagni sono utili per il diritto e per la misura della pensione . La cassa integrazione può essere concessa per un massimo di 13 settimane, più eventuali proroghe fino a 12 mesi. In determinate aree territoriali il limite è elevato a 24 mesi.
Se il lavoratore in Cassa integrazione svolge contemporaneamente attività retribuita senza averlo prima
comunicato alla propria Sede Inps, decade dal diritto alla prestazione.
In caso di comunicazione preventiva la prestazione è sospesa per la durata dell'attività lavorativa.


CASSA INTEGRAZIONE STRAORDINARIA (CIGS)

Spetta agli operai, impiegati e quadri, in caso di ristrutturazione, di riorganizzazione, di conversione, di crisi aziendale e nei casi di procedure concorsuali, delle:
  • imprese industriali anche edili, imprese appaltatrici di servizi di mensa o ristorazione e dei servizi di pulizia. Esse devono avere occupato più di 15 dipendenti nel semestre precedente la presentazione della domanda;
  • imprese commerciali, di spedizione e trasporto e agenzie di viaggio e turismo che occupano più di 50 dipendenti, esclusi gli apprendisti e gli assunti con contratto di formazione e lavoro;
  • imprese di vigilanza.

Non si può chiedere l'intervento straordinario per le unità produttive per le quali è stato richiesto, per lo stesso periodo, l'intervento ordinario.
La scelta dei lavoratori da porre in Cassa integrazione deve essere effettuata in base al criterio della rotazione tra coloro che svolgono le stesse mansioni.
Se l'azienda non ritiene di poter applicare la rotazione, deve indicarne i motivi nella domanda di ammissione al trattamento speciale di Cassa integrazione.

Deve essere presentata al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali entro 25 giorni dalla fine del periodo di paga in corso nella settimana in cui è iniziata la sospensione o la riduzione dell'orario di lavoro.
La domanda deve contenere il programma di risanamento che l'impresa intende attuare, il progetto di ristrutturazione o riconversione aziendale, il conto economico e la situazione patrimoniale dell'ultimo triennio. L'importo corrisponde all'80% della retribuzione globale che sarebbe spettata al lavoratore per le ore di lavoro non svolte.
L'importo del trattamento straordinario non può però superare un limite massimo mensile (per il 2009 tale importo è di € 886,31; il limite è elevato a € 1.065,26 in caso di retribuzione mensile superiore a € 1.917,48).
Tali importi sono ridotti di un'aliquota pari al 5,84%.
I periodi di Cassa integrazione guadagni sono utili per il diritto e per la misura della pensione.

La Cassa integrazione straordinaria dura al massimo 12 mesi per le crisi aziendali, 24 mesi per la riorganizzazione, ristrutturazione e riconversione aziendale, 18 mesi per i casi di procedure esecutive concorsuali. Gli interventi ordinari e straordinari non possono nel complesso superare 36 mesi in un quinquennio. Sono peraltro intervenute varie disposizioni di legge, anche a carattere transitorio, che hanno modificato i limiti temporali suddetti. Se il lavoratore in CIGS svolge contemporaneamente attività retribuita senza averne prima dato notizia alla propria sede dell'Inps, decade dal diritto alla prestazione.
In caso di comunicazione preventiva, la prestazione viene sospesa per il periodo di lavoro.


INDENNITÀ DI MOBILITÀ

È una prestazione che spetta ai lavoratori che sono stati collocati in mobilità dalla loro azienda a seguito di:
  • esaurimento della cassa integrazione straordinaria;
  • licenziamento per riduzione di personale o trasformazione di attività o di lavoro;
  • licenziamento per cessazione dell'attività da parte dell'azienda.

Il lavoratore ne ha diritto quando:
  • è iscritto nelle liste di mobilità compilate dai Centri per l'impiego;
  • ha un'anzianità aziendale complessiva di almeno 12 mesi;
  • può far valere almeno 6 mesi di effettivo lavoro, comprese ferie, festività, infortuni.

La durata varia in relazione all'età del lavoratore al momento del licenziamento e all'ubicazione dell'azienda.
I requisiti:

Età del lavoratore Aziende del centro-nord Aziende del mezzogiorno
Fino a 39 anni 12 mesi 24 mesi
da 40 a 50 anni 24 mesi 36 mesi
oltre 50 anni 36 mesi 48 mesi

Generalmente l'indennità non può essere corrisposta per un periodo superiore alla anzianità aziendale del lavoratore.
In presenza di determinati requisiti di età e di contribuzione viene pagata fino al conseguimento del diritto alla pensione. La domanda di indennità va indirizzata all'Inps e presentata alla Sezione circoscrizionale per l'impiego entro 68 giorni dal licenziamento. L'indennità di mobilità decorre:

  • dall'8° giorno dal licenziamento se la domanda è stata presentata entro i primi 7 giorni;
  • dal 5° giorno successivo alla presentazione della domanda, negli altri casi.

Per i primi 12 mesi:100% del trattamento di Cassa integrazione straordinaria percepito o che sarebbe spettato nel periodo immediatamente precedente il licenziamento, nei limiti di un importo massimo mensile.
Per i periodi successivi:80% del predetto importo.
In ogni caso l'indennità di mobilità non può superare un importo massimo mensile determinato di anno in anno, importo che dal 1° gennaio 2009 è di € 886,31 lordi mensili (netto € 834,55), elevato a € 1.065,26 lordi mensili (netto € 1.003,05) per i lavoratori che possano far valere una retribuzione lorda mensile superiore a € 1.917,48.
L'indennità è pagata ogni mese dall'Inps direttamente al lavoratore ed è sospesa quando l'interessato è assunto con contratto a tempo determinato o a tempo parziale.

Il trattamento si interrompe quando l'interessato:
  • viene cancellato dalle liste di mobilità;
  • viene assunto con contratto a tempo indeterminato;
  • raggiunge il diritto alla pensione di vecchiaia, o diventa titolare di pensione di anzianità o anticipata, ovvero di pensione di inabilità o di assegno di invalidità senza aver optato per l'indennità di mobilità.


Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it
Iscriviti alla CGIL. Perchè? Perchè è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.


Gianfranco Censori

171 commenti:

  1. Buonasera. ho lavorato dal 17/09/2012 fino al 22/01/2014 con 40 ore al settimana! mi aspetta la disoccupazione? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I requisiti per il diritto all'ASPI sono i seguenti:
      - Bisogna avere almeno 2 anni di anzianità contributiva.-
      - Bisogna avere almeno 1 anno di lavoro negli ultimi due.-
      - L'ultimo rapporto di lavoro deve essere cessato o per licenziamento o per scadenza del contratto.-

      Elimina
  2. Salve io ho lavorato dal 1/1/2012 al 11/10/2012 dopo ho lavorato dal 10/06/2013 al 10/09/2003 a giorni mi faranno un contratto di 4 mesi al termine che tipo di disoccupazione mi spetta,mi potrebbe spiegare grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il diritto all'ASPI sono necessarie almeno 52 settimane di lavoro nell'ultimo biennio, e il calcolo va effettuato partendo a ritroso dalla data di cessazione dell'ultimo rapporto di lavoro, altrimenti si ha diritto alla Mini Aspi per la quale sono sufficienti 13 settimane di lavoro nell'ultimo anno.-

      Elimina
  3. Buonasera lavoro in un negozio di una grossa catena.ha deciso di chiudere il mio punto vendita ed è partita la domanda di mobilità a gennaio.io ho un indeterminato 30ore ma da dicembre in poi mi hanno aumentato le ore a 40.dovevano diventare indeterminate anche le dieci ore in più dopo i primi tre mesi perché ho cambiato anche ruolo ma vista la mobilità non possono più farlo.io farò le 40ore fino proprio alla chiusura quindi le avrò fatte per sei mesi abbondanti.la mia domanda è la mobilità mi spetta x le 40ore effettivamente lavorate o x le trenta che sono indeterminate?Giulia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia!
      L'indennità di mobilità viene calcolata sulla media delle retribuzioni dell'ultimo anno di lavoro.-

      Elimina
  4. Buongiorno,sono Giulia.
    Vorrei chiedere un informazione sulla mobilità in deroga. io ho appena finito l'aspi e non so se ho diritto alla mobilità. L'azienda dove lavoravo aveva 5 dipendenti , io un contratto indeterminato ( sono stata licenziata 2 anni fa per riduzione personale , poi iscritta sulle liste di mobilità - senza retribuzione ,ho preso la prima aspi, poi sono stata riassunta per 1 mese, ho ripreso aspi che ora ho finito ) . posso fare la domanda per la mobilità in deroga o non rientro ?
    Grazie mille
    Giulia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia!
      E requisiti per il diritto alla mobilità in deroga vengono stabiliti a livello regionale ti consiglio quindi di rivolgerti a un patronato o direttamente all'INPS per verificare se è prevista nella Tua zona di residenza.-

      Elimina
  5. Buongiorno sono kikko,
    vorrei gentilmente chiedere se ho diritto all'aspi avendo questa situazione

    assunto dal 01/06/2004 fino al 02/04/2013 licenziamento
    aspi ricevuta fino a dicembre 2013
    assunto giorno 08/01/2014
    ricevuta lettera di licenziamento per giorno 20/03/2014

    spero di essere stato chiaro ed in attesa di una risposta buon lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Kikko!
      Si!
      Alla cessazione del rapporto di lavoro ci sarà ancora il requisito delle 52 settimane di lavoro nel biennio, ed avrai quindi diritto all'ASPI.-

      Elimina
    2. grazie molto gentile....

      Elimina
  6. Buongiorno Sig Gianfranco,sono una operaia dell'industria metalmeccanica e in questo momento mi trovo in cassa integrazione...posso usufruire della legge 104 visto che ho l'autorizzazione ? e se andassi in malattia continuo a rimanere in cassa integrazione ? e viceversa ? se sono in malattia posso poi andare in cig.
    grazie in anticipo ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La malattia insorta durante il periodo di cassa integrazione ordinaria a 0 ore non è indennizzabile, e lo stesso discorso vale per la legge 104,quindi la malattia non sospende la cassa integrazione.-

      Elimina
  7. Buon giorno Sig. Gianfranco,sono una ragazza rumena e celo una domanda. Ho lavorato in una gelateria con contratto part-time.Si lavoro pure questo anno 2 mesi assicurata cosi part- time in totale in 2 anni sono tre mesi, posso prendere qualcosa?
    Grazie tanto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Per il diritto alla Mini Aspi sono necessarie almeno 13 settimane di lavoro nell'ultimo anno, partendo a ritroso dalla data di cessazione dell'ultimo rapporto di lavoro.-

      Elimina
  8. Buonasera sig.Censori,mi sono imbattuto casualmente nella sua rubrica e l'ho trovata
    utile ed interessante.Attualmente mi trovo in mobilità ordinaria( l 223/91 art 24 ),
    volevo sapere se posso lavorare in una cooperativa e se si che tipo di contratto
    dovrebbero farmi affinchè non venga cancellato dalle liste della suddetta.Premetto
    che finora ho sempre lavorato con le agenzie interinali con contratti da dipendente
    a tempo determinato.Grazie infinite e complimenti per la sua competenza.
    Stefano da Aprilia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefano!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Purtroppo per non essere cancellato dalle liste di mobilità puoi accettare solo contratti da lavoro dipendente a tempo determinato.-

      Elimina
  9. BUONA SERA SIG GIANFRANCO SONO ANTONIO HO LAVORATO 8 MESI IN GERMANIA LAVORO STAGIONALE RITORNATO IN ITALIA MESE OTTOBRE HO FATTO LA DOMANDA ALL INPS DI DISOCCUPAZIONE ED E STATA ACCETTATA 3 MESI MEZZO VOLEVO SAPERE I SOLDI PERCEPITI SONO SOGGETTI A DICHIARAZIONE DEI REDDITI GRAZIE ARRIVEDERCI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonio!
      NO!
      Se oltre all'indennità di disoccupazione lo scorso anno non hai avuto altri redditi, non sei tenuto a presentare la dichiarazione dei redditi.-

      Elimina
  10. Salve! Dott. Gianfranco e complimenti per la rubrica. Quesito che non riesco a risolvere.
    Ottobre 2013 licenzato per contrazione del personale. Percepisco Aspi regolarmente. Novembre 2013 inizio nuovo contratto e licenziato adesso(Marzo 2014). Fra 1 settimana lavorero' per 5 mesi. Volevo chiedervi, la sospensione Aspi dei 6 mesi va calcolata da quando? Alla fine del quinto mese, (quindi agosto 2014) potro'continuare a percepire la vecchia Aspi sospesa a Novembre 2013 e residuale? Grazie e buon lavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      Alla scadenza del contratto potrai scegliere se far ripartire la vecchia domanda di ASPI o presentarne una nuova, in base a quello che riterrai economicamente più conveniente.-

      Elimina
  11. Salve nel 2005 sono stato licenziato e per motivi familiari non ho fatto la domanda per averla . La posso sempre fare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      La domanda di disoccupazione va presentata all'INPS entro 60 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro.-

      Elimina
  12. salve, oggi ho ricevuto la lettera che mi comunica che con decorrenza 23 gennaio la mia domanda di disoccupazione presentata il 16 gennaio è stata accettata.
    il 21 gennaio ero partita per un viaggio turistico per londra e qui ho visto possibilità di lavoro e pertanto ho deciso di allungare il soggiorno e cercarlo qui e i l'ho trovato da un mese, verso le tasse regolarmente ma non sono a contratto indeterminato, i primi tre mesi sono in prova.
    come mi devo comportare? ho perso il pieno diritto di averla? mi sembra che all ufficio collocamento mi avessero detto che se fossi espatriata tre mesi me li avrebbero dati ugualmente è vero?
    e soprattutto se dovessi tornare in italia fra qualche mese potrei richiedere i mesi restanti agli otto che mi spettanto se una volta tornata rimanessi disoccupata??
    non vorrei andare nelle grane... grazie mille!!! aspetto impaziente la sua risposta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Per aver diritto alla corresponsione dell'ASPI devi offrire la Tua disponibilità lavorativa, che non puoi offrire se sei all'estero, quindi se vieni scoperta ti verrà tolta l'indennità e non potrai più richiederla per lo stesso periodo lavorativo.-

      Elimina
  13. salve signor censori il 15 ag 2013 o fatto domanda aspi e de stata accettata e la sto percependo ora ad aprile mi finisce a maggio avrei la posibilita lavorare con un contratto a tempo determinato per 1mese e mezzo circa potrei ripresentare la domanda per aspi o deve passare un anno dalla presentazione prima domanda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se alla scadenza del contratto avrai ancora il requisito di 52 settimane di lavoro nell'ultimo biennio, potrai presentare all'INPS una nuova domanda di ASPI.-

      Elimina
  14. Buon giorno
    Vorrei sapere alcune cose. A metà agosto scadono i miei due anni di mobilità. L'anno scorso ho lavorato in azienda agricola con 41giornate dichiarate all inps. Se quest'anno ne dichiaro almeno 61 , allo scadere della mobilità,che da agosto si sposterà di un paio di mesi,avrò diritto alla disoccupazione agricola? Se si,quanto dura e a quanto ammonterebbe ? Se mi ritrovo verso Ottobre senza lavoro e con mobilità terminata posso farne subito richiesta o dovrò aspettare Marzo 2015 ? No ,perche la disoccupazione agricola serve principalmente a fine stagione,ovvero nei mesi invernali perche poi in primavera si riprende a lavorare.
    Un altra cosa,mi è sembrato di capire che se con un contratto come dipendente di azienda a tempo determinato si supera un determinato guadagno (8000euro?) Si perde diritto alla mobilità,e vero? Mi è stato proposto contratto di 6/7mesi a circa 1200 netti,lordi circa1450,non vorrei perdere il diritto alla mobilità allo scadere del contratto.
    Ti ringrazio anticipatamente e buona fortuna anche a te.

    RispondiElimina
  15. Scusa ma volevo chiederti se anche aspi o mini aspi sono richiedibili da chi maturi i giorni necessari pur lavorandoli nel periodo di mobilità . E poi, posso richiedere aspi o mini aspi anch'io che sono stato licenziato nell aprile 2012 ed entrato poi in mobilità ? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristiano!
      - Per il diritto alla disoccupazione agricola sono necessarie almeno 102 giornate di lavoro nel biennio, e la domanda va presentata all'inizio dell'anno successivo a quello lavorato.-
      - Con un contratto a termine la mobilità viene interrotta e riparte alla scadenza, quindi è sicuramente conveniente accettare la proposta di lavoro.-
      - Alla fine della mobilità, se interrotta da attività lavorativa, avrai diritto all'ASPI o alla Mini Aspi in base alle settimane lavorate nell'ultimo biennio o nell'ultimo anno.-

      Elimina
  16. salve sign. Censuri,avendo finito gli 8 mesi di disoccup. aspi con contributi edili a gennaio non trovando lavoro in questo campo sto lavorando nel campo agricolo da 2 mesi circa volevo sapere se potrei ripresentare di nuovo la domanda di disoccup aspi,avendo nel biennio 54 sett contribbutive edili,più questultimi 2mesi nel campo agricolo come ultimo rapporto lavorativo. la ringrazio anticipatamente per la sua risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      I contributi versati in attività di carattere agricolo non possono essere sommati a quelli del settore edili, e danno diritto solo all'indennità di disoccupazione agricola, se si raggiunge il limite minimo di legge.-

      Elimina
  17. Salve, ho fatto la domanda di mobilitta in deroga in data de11/02/2014, e ancora non mi ah venuta una risposta, quanto devo aspettare per aver la risposta.Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo i tempi di erogazione della mobilità in deroga sono legati ai tempi di stanziamento delle risorse finanziarie da parte delle singole regioni, quindi solo o il patronato che ti ha presentato la domanda o la sede INPS della Tua zona di residenza possono darti delle informazioni più precise.-

      Elimina
  18. Buongiorno, il 15/04 mi scadrà il contratto di apprendistato (durato 4 anni) e il datore di lavoro mi ha già avvisata che non me lo rinnoverà. La domanda di disoccupazione posso farla entro 8 giorni successivi alla scadenza del contratto giusto? quali sono i documenti che servono all'INPS? inoltre volevo ancora chiederle,se trovassi un altro lavoro a tempo determinato quanto dovrei di nuovo lavorare per ottenere nuovamente la disoccupazione? 52 settimane? chiedo scusa se magari sono ripetitiva..
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena!
      - Con un contratto di apprendistato avrai diritto solo alla Mini Aspi che potrà durare fino ad un massimo di 6 mesi.-
      - La domanda sia per l'ASPi che per la Mini Aspi va presentata all'INPS per via telematica entro 60 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro, e ti consiglio quindi di rivolgerti a un patronato.-
      - Se trovi un nuovo lavoro la pratica di Mini Aspi si chiude e alla scadenza dovrai ripresentare una nuova domanda.-
      - Per il diritto all'ASPI sono necessarie almeno 52 settimane di lavoro nell'ultimo biennio, e un'anzianità contributiva di almeno 2 anni, che nel tuo caso con un contratto di apprendistato decorre dal 1° gennaio 2013.-

      Elimina
    2. quindi faccio un esempio: se percepissi la Mini Aspi da maggio 2014 a ottobre 2014 e trovassi un lavoro dopo i 6mesi di disoccupazione, (un lavoro anche solo di un mese o tre mesi) leggendo le informazioni di cui sopra( "Anno mobile:
      Terminati 8 mesi di disoccupazione, se si trova lavoro ad esempio per un mese, l'indennità di disoccupazione successiva decorre dopo un anno dall'inizio della precedente indennità.") avrei diritto a richiedere la disoccupazione e ad ottenerla un anno dopo, quindi da maggio 2015 o sbaglio?
      grazie

      Elimina
    3. Ciao Elena!
      Se ci mettiamo a simulare tutte le varie opzioni possibili non ne usciamo, perché ogni valutazione va fatta alla cessazione dell'ultimo rapporto di lavoro, in quanto è da quella data andando a ritroso che si può verificare se esistono i requisiti per l'ASPI o per la Mini Aspi.-

      Elimina
  19. Salve Avv.Censori,
    Sono stato in CIGO da luglio 2013 a gennaio 2014, ora dovrebbe essere scattata la CIGS da gennaio 2014 a dicembre 2014 (dico dovrebbe, perché a oggi non abbiamo ricevuto nessuna info).
    La domanda è questa, dall'ottobre 2013 sto chiedendo d'esser messo in mobilità ma la Ceramica UDA spa di Salerno dice che non è possibile perché sono necessari almeno 5 dipendenti per la mobilità e che non è possibile singolarmente, il sindacato dice che in certi casi è possibile anche singolarmente, chi ha ragione?
    Vorrei avviare un lavoro autonomo sfruttando la mobilità, la Ceramica UDA spa di Salerno è in grave crisi, noi dipendenti siamo in esubero da almeno un paio d'anni e ora che chiedo la procedura di mobilità dicono che non è possibile.
    Il titolare ha avviato la nuova Ceramica UDA Srl, lasciando debiti e dipendenti della Spa alla loro sorte, ma è regolare tutto questo ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco!
      In effetti ha ragione l'azienda perché la procedura di mobilità è una procedura collettiva, che deve coinvolgere almeno 5 dipendenti, e nel tuo caso quindi puoi solo farti licenziare ed avresti diritto all'ASPI.-

      Elimina
  20. CIAO MI CHEAMO IULIAN HO 33 ANI .SONO STATO IN DEZOCUPATIONE 8 MESI IN 22 OTOBRE 2013 O FATO DOMANDA DI MOBILITA IN DEROGA O RICEVUTO LA LITERA CHE SONO MESO IN MOBILITA .AL FINE DI FEBRAIO 2014 O RICEVUTO 883 EURO QUANTE MESI RICEVO DI MOBILITA? O E PAGATO TUTO A UN COLPO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Julian!
      Presumo che Tu abbia ricevuto solo la quota inerente l'anno 2013, mentre per quanto riguarda il 2014, dovrai attendere i relativi stanziamenti da parte del governo.-

      Elimina
  21. Buonasera Dott. Censori, premesso che nel mese di febbraio ho ricevuto l'ottava rata dell'Aspi e che fino a maggio del corrente hanno avrò ancora la possibilità di usufruire delle 52 settimane nell'ultimo biennio, mi chiedevo se esiste una durata minima di contratto a tempo determinato per poter richiedere nuovamente una nuova aspi. Grazie anticipatamente.

    RispondiElimina
  22. ops, hanno senza h!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Non esiste una durata minima di contratto a tempo determinato per poter richiedere nuovamente l'ASPI.-

      Elimina
  23. Salve Dott Censori, avrei una domanda da farle, ho appena partorito e avrò tre mesi di maternitá obbligatoria, dopodiche so che se voglio potrò prendere la facoltativa al 30% dello stipendio. Su un blog ho letto che se mi licenzio entro l'anno del bambino potrò usufruire della disoccupazione,é vero? Sono lavoratrice da due anni nella stessa azienda con contratto di apprendistato per via della giovane etá.grazie in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se si presenta le dimissioni entro l'anno d'età del bambino, le dimissioni devono essere convalidate dall'Ispettorato del Lavoro, e si ha diritto all'ASPI.-
      Il Tuo problema però è che con un contratto di apprendistato il periodo lavorativo prima del 2013 come apprendista non conta, quindi o hai avuto in precedenza un altro rapporto di lavoro non da apprendista, o avrai diritto solo alla Mini Aspi, che potrà durare solo 6 mesi.-

      Elimina
  24. Salve Dott. Censori sono Giuseppe avrei un problema da risolvere sono stato assunto con contratto a tempo determinato il 07/07/2012 al 30/09/2012, il 10/10/2012 la stessa ditta mi assume con contratto a tempo indeterminato e fin qua tutto a posto naturalmente con l'anno nuovo faccio domanda di disoccupazione requisiti ridotti e mi viene pagata tutta in una volta sfortunatamente il 06/07/2013 vengo licenziato per motivi di crisi. Facendo i conti delle settimane per la disoccupazione per l'aspi avevo 47 settimane quindi ho fatto domanda di mini aspi che mi è stata pagata ultimo pagamento 05/12/2013. il 10/10/2014 sono stato assunto con un'altra ditta fino 20/03/2014 la mia domanda è posso fare domanda di disoccupazione avendo raggiunto le 52 settimane? anche se già utilizzate per la mini aspi mi possono decurtare qualcosa? la ringrazio anticipatamente per la sua risposta.

    RispondiElimina
  25. Mi scusi sono sempre giuseppe ho fatto un errore volevo dire dal 10/01/2014 al 20/03/2014 con contratto a termine. Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuseppe!
      SI!
      Se al 20/03/2014 c'è il requisito delle 52 settimane di lavoro nell'ultimo biennio hai diritto all'ASPI anche se se una parte delle settimane lavorate è stata utilizzata per la Mini Aspi.-

      Elimina
    2. finalmente una buona notizia, credevo che mi facessero delle trattenute sui pagamenti dell'aspi, grazie tante

      Elimina
    3. Ciao Giuseppe!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  26. Buon pomeriggio sig. Gianfranco, mi chiamo Simone e vorrei sottoporle una questione. Io sono disoccupato dal 1° Marzo 2014 dopo aver lavorato con un contratto part-time di 24h settimanali. Ho fatto subito la domanda per l'assegnazione dell'Aspi ma mi è stata assegnata la Mini Aspi per mancanza di copertura assicurativa. La domanda è: E' vero, come dice il patronato e come ha detto anche un'operatrice del call center Inps, che anche figurando sull'estratto conto le settimane utili alla ASPI, essendo part-time queste stesse settimane valvono la metà dandomi diritto solo alla Mini Aspi? Dall'estratto conto contributivo i dati riportati sotto la voce CONTRIBUTI AL CALCOLO sono la metà di quelli sotto la voce CONTRIBUTI AL DIRITTO-> es. dal 01/02/2013 al 31/12/2013 settimane al Diritto 46 -> al calcolo 21.

    Mi conferma questa versione o c'è un'altra verità?

    Grazie in anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Specifico che:
      -quelle riportate nell'esempio non sono le uniche settimane. Ci sono altre 12 settimane;
      -il periodo lavorativo va dal 13/12/2012 al 28/02/2014 e che i primi contributi risalgono all'Agosto 2009.

      Elimina
    2. Ciao Simone!
      Purtroppo SI!
      Ai fini del diritto all'ASPI o alla Mini Aspi, con i contratti di lavoro part-time le settimane utili vengono calcolate in base alla retribuzione mensile dichiarata all'INPS, quindi nel tuo caso con un contratto di 24 ore settimanali sicuramente le settimane utili sono inferiori a quelle lavorate, anche se presumibilmente dovrebbero essere superiori al 50%.-

      Elimina
  27. Gent. Gianfranco Censori,
    c'è una cosa che non sono mai riuscito a capire, forse perchè è la prima volta che mi metto in disoccupazione, vorrei sapere se dopo gli 8 mesi di disoccupazione ordinaria/aspi, se il disoccupato non riesce ancora a trovare lavoro, ha diritto alla mobilità? Se si, quando và presentata la domanda?
    Nel mio caso sono attualmente in disoccupazione, ho lavorato dal 12 novembre 2013 al 16 gennaio 2014 con contratto a tempo indeterminato, e cmq ho alle spalle altre assunzioni negli anni precedenti con varie aziende.
    Ringraziandola anticipatamente porgo cordiali saluti.
    Maurizio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maurizio!
      Purtroppo NO!
      Al termine del periodo indennizzato con L'aspi o con la Mini, se non è stato interrotto da attività lavorativa, a livello statale non sono previste altre indennità.-

      Elimina
  28. Dott. Censori le faccio i miei complimenti per la sua disponibilità è professionalità le vorrei fare due domanda, sulle detrazioni, contratto a tempo indeterminato nel 2013 dal 01/01/2013 fino al 10/07/2013 sono subito dopo domanda di disoccupazione pagata fino al 30/11/2013, con un reddito di complessivo di 20000 euro compreso la disoccupazione, a quando ammontano le detrazioni da lavoro dipendente più figlio a carico.? si devono contare 365 giorni? spero di essere stato abbastanza chiaro, La ringrazio per una sua risposta

    RispondiElimina
  29. mi scuso per l'errore volevo dire che il 10/07/2013 sono stato licenziato facendo subito domanda di disoccupazione che mi è stata pagata fino al 30/11/2013 con reddito complessivo di 20000 euro compresa la disoccupazione il resto è quello scritto sopra.mi scusi ma non ho dimestichezza con il computer. un caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pino!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Non è un problema!
      Di solito quando si presenta la domanda di disoccupazione non si richiede le detrazioni ne da lavoro dipendente ne per familiari a carico per evitare un conguaglio negativo in sede di dichiarazione dei redditi.-
      Comunque con la prossima dichiarazione dei redditi verrà sommato il reddito da lavoro a quello da disoccupazione, verranno sommate le detrazioni effettuate, e verrà fatto il conguaglio tra l'IRPEF pagata e quella dovuta all'Erario.-

      Elimina
    2. la ringrazio per la sua risposta

      Elimina
    3. Ciao Pino!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  30. Buongiorno Sig. Censori anch’io avrei una domanda da farle. Lavoro in un grande magazzino con contratti a tempo determinato rinnovati di continuo. Ora mi scade a fine marzo. Sono in attesa e la mia data presunta di parto è il 18 agosto..... Per il momento il contratto non mi verrà rinnovato xchè ho un ruolo un po’ pesante x la mia situazione attuale, ma i dirigenti mi hanno promesso di assumermi per un mese (con un ruolo diverso, più leggero) nel periodo che poi potrò chiedere la maternità (così almeno mi aiutano un pochino) …..ma non mi hanno saputo dire con esattezza se sarà ad aprile o a maggio o giugno …… lei mi può aiutare a capire quale sarà il periodo/mese indicati per la mia assunzione, così poi da poter chiedere la maternità? Perché io purtroppo non ho requisiti per poter chiedere la mini aspi, e lavorando miseramente con certi contratti , mi hanno promesso “x fortuna” di volermi aiutare in questa maniera!Io la ringrazio anticipatamente……

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sandra!
      Entro 60 giorni tra scadenza contratto e inizio ottavo mese di maternità, si ha diritto a 5 mesi di indennità di maternità.-

      Elimina
    2. Grazie x la risposta.... la ditta mi ha fatto sapere che mi vuole assumere dal 21 aprile al 18 maggio 2014...la mia domanda è: se la maternità viene calcolata sulla base dell'ultima busta paga e la busta paga viene emessa mensilmente, quindi maggio non è un mese completo (di lavoro) e la base del calcolo sarà a metà...o mi sbaglio? non sarebbe meglio invece (se proprio vogliono aiutarmi e giacchè mi vogliono far fare un mese di lavoro)che mi favcciano fare un mese di busta paga intero? per esempio tutto APRILE? o tutto MAGGIO? lei cosa ne pensa?

      Elimina
    3. Ciao Sandra!
      L'indennità di maternità viene calcolata in base all'ultima mensilità lavorativa, che nel tuo caso significa tutto il periodo cioè dal 21 aprile al 18 maggio 2014, quindi è indifferente se è tutto il mese di aprile o metà aprile e metà maggio.-

      Elimina
  31. Salve, sono in mobilita' indennizzata, devo iniziare un tirocinio formativo riservato ai disabili presso un ' azienda privata, volevo sapere se devo comunicare all' inps l' inizio del tirocinio e se l' indennita' di mobilita' e' cumulabile con il rimborso spese del tirocinio, grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giovanni!
      SI!
      Devi comunicare all'INPS l'inizio del tirocinio e l'indennità di mobilità è cumulabile con il rimborso spese del tirocinio.-

      Elimina
    2. grazie signor Censori, che succede se non comunico all' inps l' inizio del tirocinio, non essendo un rapporto di lavoro vero e proprio??

      Elimina
    3. Ciao Giovanni!
      Se non comunichi all'INPS l'inizio del tirocinio, l'INPS continua a corrisponderti l'indennità, ma quando se ne accorgono ti richiederanno indietro l'indennità corrispondente all'importo che hai percepito come rimborso spese per il tirocinio formativo.-

      Elimina
  32. Gent.Gianfranco Censori,
    ho lavorato per un'azienda dal 02/05/2012 al 31/07/2013, ed ho percepito l'aspi per sette mesi dal 08/08/2013 a 28/02/2014 , a marzo ho trovato un lavoro in una cooperativa con contratto di tre mesi, volevo sapere se alla fine del contratto avrò ancora il diritto di percepire l'aspi o la mini aspi grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Alla scadenza del contratto ci sarà ancora il requisito delle 52 settimane di lavoro nell'ultimo biennio quindi avrai ancora diritto all'ASPI.-

      Elimina
  33. Sign. Gianfranco buonasera,
    sono un disoccupato 56 enne, abito nella Regione Lazio.Ho usufruito dell'indennità ASPI fino al 28 02 2014.Il sindacato al quale mi sono rivolto mi ha assicurato che le domande per la mobilità in deroga,della quale io potrei usufruire per un periodo già prestabilito,non si possono inoltrare in quanto la stessa è sospesa.I siti da me visionati precisano la mancanza di copertura per gli ultimi mesi del 2013 e dell'accordo per i primi tre mesi del 2014 ma non della sospensione delle domande.La ringrazio in anticipo della risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maurizio!
      Purtroppo la sostanza non cambia!
      Se e fino a quando non sarà prevista la copertura finanziaria non sarà possibile presentare alcuna domanda di mobilità in deroga all'INPS.-

      Elimina
  34. salve sig. GianFranco, sono una parrucchiera artigiana , sono incinta e mi trovo al 2 mese con gravidanza a rischio , quindi la mia ginecologa mi ha messo a riposo x evitare l'aborto. Volevo capire se oltre alla maternità dei 2 mesi prima e 3 mesi dopo il parto mi spetta qualcosa x la gravidanza a rischio , devo continuare a pagare i contributi e varie tasse ? o se non lavoro ho diritto ad una sospensione particolare x i contributi o posticipare il pagamento? e poi se x la maternità viene fatta la media sui mesi precedenti il parto ed io non ho lavorato x 7 mesi causa gravidanza a rischio che reddito viene calcolato? mi toccherà una miseria. comunque non è giusto che un operaio si mette in malattia e usufruisce denaro durante la gravidanza a rischio e io artigiana come tutti gli autonomi che versiamo puntualmente i contributi non abbiamo diritto a nulla , ma è normale ma che leggi sono? secondo me ci sarà qualcosa da rivedere, spero che lei possa consigliarmi con la sua esperienza una strada corretta da intraprendere , la ringrazio in anticipo..........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      Purtroppo NO!
      I lavoratori autonomi versano all'INPS una percentuale di contributi inferiore rispetto ai lavoratori dipendenti, quindi non hanno a disposizione tutti gli ammortizzatori sociali di quest'ultimi come l'indennità di maternità anticipata, gli assegni familiari e l'indennità di disoccupazione.-

      Elimina
  35. Salve, mi è stata concessa la miniaspi. I primi due pagamenti sono arrivati ma per avere l'ultimo mi hanno detto che devo andare il 3/4 a chiudere la disoccupazione, dopo di che mi pagheranno. Quanto passa dalla "chiusura" della disoccupazione e l'erogazione dell'ultimo bonifico?
    Grazie mille.

    Stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefano!
      Di solito l'INPS provvede al pagamento dell'ultima rata di Mini Aspi dopo un paio di settimane dal ricevimento della conferma dello stato di disoccupazione al termine del periodo indennizzabile.-

      Elimina
  36. Buongiorno vorrei chiederle un informazione io ho presentato la domanda di mobilità ad aprile 2013 presso un caf di reggio calabria è passato un anno e la mia pratica risulta bloccata presso la Regione Calabria la mia come tante altre...non conosco i motivi tanto meno riesco ad avere informazioni da parte della regione nessuno risponde al telefono ed essendo in una condizione economica non buona non posso recarmi alla regione che dista 130km da dove mi trovo e visto che non posso prendere appuntamento con chi di dovere rischierei anche se andassi di farmi mandare indietro perchè sprovvisto di appuntamento...vorrei sapere come posso comportarmi o se qualcuno sa qualcosa riguardo queste pratiche BLOCCATE e so per certo che altre pratiche presentate dopo la mia sn state lavorate e già hanno ricevuto i pagamenti grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniele!
      Purtroppo solo il patronato che Ti ha presentato la domanda di mobilità o il sindacato che ha seguito la Tua ex azienda possono darti informazioni precise in merito, oltre ovviamente alla sede INPS presso la quale è stata presentata la Tua domanda.-

      Elimina
  37. Buongiorno Sig.Gianfranco sono un ex dipendente e da un paio d'anni ho aperto una partita iva come consulente turistico(libero professionista), in questo momento non sto lavorando, potrei aiutare mia moglie in negozio ogni tanto non so come impresa famigliare o coadiuvante ? grazie in anticipo e complimenti il blog è fantastico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      Purtroppo non posso esserti d'aiuto perché non sono a conoscenza della normativa inerente le attività autonome, Ti consiglio quindi di rivolgerti o a un commercialista o a un'associazione di categoria.-

      Elimina
  38. buonasera avvocato le pongo cortesemente una domanda:sto percependo la mini aspi da un mese,la settimana scorsa ho lavorato 5 giorni con l'agenzia ma il contratto era di 6 giorni,perderò la mini aspi o mi verrà sospesa?dovevo comunicarlo al centro per l'impiego?la ringrazio anticipatamente per la sua cortesia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Davide!
      Purtroppo con un contratto di durata superiore a 5 giorni consecutivi la Mini Aspi va interrotta e alla scadenza va ripresentata una nuova domanda all'INPS.-

      Elimina
  39. salve signor Gianfranco:ho lavorato in una ditta di trasporti come impiegata il 19 agosto 2013 tutti i dipendenti tornati dalle ferie hanno trovato la ditta chiusa e da allora non ha più aperto, l avvocato ha mandato una lettera dove si dichiara che al momento del rientro il lavoratore non ha potuto riprendere il servizio..e da allora ne stipendio ne lavoro. la ditta è chiusa ma non è fallita.la mia domanda:posso licenziarmi con il giustificato motivo e ottenere i tre mesi di stipendio e il tfr dall inps. grazie per la risposta. affettuosi saluti Ornella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ornella!
      Mi pare strano che dal 19 agosto 2013, Tu solo ad aprile del 2014, cioè dopo quasi 8 mesi, ti ponga il quesito se puoi presentare o no le dimissioni per giusta causa, quindi questa è una questione che a questo punto devi risolvere con il Tuo avvocato, sia per quanto riguarda le dimissioni che per quanto riguarda il TFR.-

      Elimina
  40. Buongiorno Sig. Gianfranco sono un operaio metalmeccanico sono un disabile al 100% e percepisco una pensione; da questo mese sono in cassa integrazione mi trattengono lo stesso una percentuale della pensione in busta paga?
    grazie infinite

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Anche se sei in cassa integrazione hai comunque un rapporto di lavoro dipendente ancora aperto.-

      Elimina
    2. Grazie lo immaginavo...ma ho anche capito che l'Azienda non anticiperà la cassa come faranno ha trattenermi la percentuale della pensione ? mica mi tratterranno tutto insieme quando riprenderò a lavorare... e chissà quando !! grazie

      Elimina
    3. Questa è una questione che devi chiarire direttamente con il Tuo datore di lavoro.-

      Elimina
  41. Buongiorno volevo , cortesemente , fare una domanda in merito a Aspi e una nuova pratica dopo un periodo di lavoro e le faccio un esempio per cercare di essere chiara il più possibile.
    Se io faccio una richiesta di Aspi , mi viene accettata e ne usufruisco di 5 mesi, poi riprendo il lavoro per 6 mesi esatti mi conviene rifare sempre la domanda di Aspi nuova vero? Se ho le 52 settimane mi ricomincia da capo con gli 8 mesi e nel caso non avessi i requisiti mi parte la Mini Aspi che comunque pagando la metà delle settimane a livello economico è più conveniente (non ho il 15% in meno degli ultimi mesi dell'Aspi) E' corretto il mio ragionamento?
    Un altra domanda.....a parte il calcolo dell'estratto contributivo , è sufficiente le date dei miei contratti degli ultimi 2 anni per riuscire a risalire con precisione le 52 settimane? Posso contare anche un solo giorno di lavoro nella settimana per contarla come settimana esatto? (io lavoro solo il lunedì ma mi viene comunque conteggiata per arrivare alle 52 settimane giusto)
    Grazie se mi risponderete e complimenti per la professionalità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lorena!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      - Per quanto riguarda il ripristino della vecchia domanda di ASPI o la presentazione di una nuova domanda è vero che la Mini Aspi è pari al 75%, però mentre l'ASPI è calcolata sulla media delle retribuzioni degli ultimi due anni, la Mini Aspi è calcolata sulla media delle retribuzioni dell'ultimo anno.-
      - Purtroppo NO! Nei contratti di lavoro part-time le settimane utili ai fini del calcolo delle 52 settimane di lavoro nell'ultimo biennio vengono ridotte e rapportate alla retribuzione dichiarata all'INPS.-

      Elimina
  42. per poter fare il calcolo delle settimane utili x presentare la domanda di disoccupazione (aspi o mini aspi) è vero che si contano i sabato? io nei miei periodi precedenti ho dei contratti che mi iniziano di sabato o di venerdì, che poi non vanno a formare settimane intere (tipo dal 28-04-12 al 12-05-12 sono 2 o 3 settimane?) (dal 6-04-13 al 11-05-13 sono 5 o 6 settimane?)purtrroppo ho dei periodi smezzati non interi, in quei 2 casi ho visto sul sito dell'inps che mi contano 3 e 6 settimane...cioè valgono i sabato come mi hanno detto? Grazie tante lei ha molta pazienza....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. inoltre (mi scusi) il periodo che và dal 1-05-14 al 31-05-14 sono 4 settimane o 5 settimane utili x calcolare settimane disoccupazione?

      Elimina
    2. Ciao Luisa!
      Purtroppo nei contratti di lavoro di breve durata, il calcolo delle settimane utili ai fini del diritto all'ASPI o alla Mini Aspi viene effettuato in base alla retribuzione dichiarata all'INPS, Ti consiglio quindi di rivolgerti al più vicino Ufficio INCA - CGIL per una verifica della Tua situazione contributiva.-

      Elimina
    3. su INPS.it c'è la sezione "estratto conto" con il numero delle settimane lavorate(al diritto) e il numero delle settimane utili x il calcolo (al calcolo)della pensione....quindi dovrei dar conto al numero che loro hanno inserito(al calcolo della pensione)? o c'è il rischio che poi possa variare questo numero?faccio questo tipo di domanda xchè se le settimane da loro dichiarate fossero giuste, avrò diritto all'aspi.....altrimenti non avrò diritto ma purtroppo solo x 1 settimana!la rigrazio tanto

      Elimina
    4. Ciao Luisa!
      Purtroppo ai fini del calcolo delle settimane utili per il diritto all'ASPI o alla Mini Aspi non contano ne il numero delle settimane utili per il diritto ne il numero delle settimane utili per il calcolo, ma la retribuzione lorda imponibile previdenziale.-

      Elimina
  43. lavoro per 2 imprese con una 36 ore settimanale e con quell ..altra lavoro solo 6 ore settimanale.impresa la quale lavoro 36 ore mi mette in disoccupazione.poso prendere la disoccupazione se lavoro ancora con laltra impreza.grazie tanto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Con un lavoro di sole 6 ore settimanali conservi comunque lo stato di disoccupato, quindi hai diritto all'indennità di disoccupazione.-

      Elimina
  44. Salve sono in disoccuoazione ordinaria di 8 mesi e il mese prossimo scadra , mi hanno informato ma non so se e vero che dopo la scadenza dei 8 mesi di disoccupazione, se lavirero x un paio di mesi dopo ho diritto ad un altra disoccupazione ? Vero ? Grazie x la risposta dottore . Stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefano!
      Dipende!
      Per il diritto all'ASPI sono necessarie almeno 52 settimane di lavoro nell'ultimo biennio, quindi se lavori per un paio di mesi, e al termine rientri ancora nei requisiti, potrai presentare all'INPS una nuova domanda di ASPI.-

      Elimina
  45. Salve,innanzitutto complimenti per la rubrica, sono in mobilità ordinaria e mi hanno proposto un lavoro a tempo determinato per un anno con uno stipendio circa la metà di quello che percepivo nel precedente impiego.Al termine di questo lavoro mi mancherebbe un anno per la pensione e se volessi fare dei versamenti volontari dovrei versare i contributi in base ai redditi percepiti prima della mobilità o con quelli ricevuti nel lavoro a tempo determinato.
    grazie per la risposta
    Renato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Renato!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Per il calcolo dei contributi volontari da versare, l'INPS prende in considerazione la retribuzione dell'ultimo anno di lavoro.-

      Elimina
  46. Buongiorno Gianfranco, le scrivo perché stamattina mi sono recato all'inps perché leggendo il suo blog mi è sorto il dubbio che potessi richiedere l'aspi dopo la fine della mia indennità di mobilità. Io sono in mobilità con rispettiva indennità dal dicembre 2011, congelata perché sono stato assunto con vari CDD e ho lavorato fino a luglio 2013. Scaduto il contratto sono rientrato in mobilità, ma stamattina la sorpresa...mi hanno detto che l'ultima data di indennità mi è stata corrisposta a dicembre 2013. Adesso io mi domando, se la mobilità è di 12 mesi e io prima di luglio ne avevo utilizzato solo 1 m

    RispondiElimina
  47. Mi dovrebbero rimanere altri 11 mesi. Non capisco i 5 mesi restanti perché nn mi dovrebbero essere erogati. Mi sai dare un consiglio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco!
      In effetti non capisco nemmeno io!
      Ti consiglio quindi di ritornare all'INPS per verificare se hanno commesso un qualche errore.-

      Elimina
  48. Buonasera anch'io avrei una domanda da farle...sono mamma e non sono sposata col mio compagno e la bambina è a mio carico....sono in disoccupazione e tra un paio di mesi finirò d percepire quei soldini e non ho trovato lavoro...il mantenimento della bambina può passare al mio compagno che è suo padre e l’ha riconosciuta?La ringrazio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alycia!
      Se per il mantenimento della bambina Tu intendi gli assegni familiari, alla scadenza della disoccupazione potrai presentare la domanda di pagamento diretto al datore di lavoro del padre.-

      Elimina
    2. si , intendevo il mantenimento deklla bambina...ma x assegni famigliari lei intende anche mantenimento x me, la mamma della bambina?

      Elimina
    3. Ciao Alycia!
      Evidentemente non ci comprendiamo!
      La normativa prevede solo le detrazioni fiscali e gli assegni familiari, che sono legate ad una attività lavorativa, quindi in assenza di lavoro non è previsto nessun assegno di mantenimento ne per te ne per la bambina.-

      Elimina
  49. Buongiorno signor Gianfranco sono Giovanni,avrei una domanda da porre, sono titolare di un assegno ordinario di invalidita riconfermata per la seconda volta consecutiva a settembre del 2013,ora la ditta dove lavoro vorebbe metterci in mobilita,vorrei sapere se con la mobilita perdo il mio assegno. La ringrazio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giovanni!
      Purtroppo SI!
      Le due indennità sono incompatibili, quindi a suo tempo dovrai optare per l'una o per l'altra, in base a quello che riterrai economicamente più conveniente.-

      Elimina
  50. Buonasera Sig.Gianfranco volevo farle una domanda anche io riguardo la disoccupazione. Io ho percepito la aspi da maggio 2013 a gennaio 2014 ora dovrei cominciare un lavoro per stagione estiva quindi credo da Giugno per 2/3mesi. Volevo sapere se poi posso richiedere la disoccupazione o se dovrei lavorare di più di 2/3 mesi. La ringrazio saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Barbara!
      Per il diritto alla Mini Aspi sono necessarie almeno 13 settimane di lavoro negli ultimi 12 mesi.-

      Elimina
  51. Salve ho già fatto la richiesta della disoccupazione tre settimane fa , volevo sapere più o meno quando riceverò a conferma dell'INPS? e se aspetta agli apprendisti on? comunque ho iniziato a lavorare il 16 settembre 2010 e ho finito il 14 marzo 2014.

    grazie...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il periodo di lavoro effettuato prima del 2013 non conta ai fini del diritto all'ASPI quindi se prima del 2013 hai avuto solo rapporti di lavoro da apprendista, non hai diritto all'ASPI ma solo alla Mini Aspi.-

      Elimina
    2. salve, quindi se ho capito bene non dovevamo fare la domanda d'indennità ASPI? dovevamo fare mini aspi?

      Elimina
    3. Se hai presentato la domanda per l'ASPI richiedendo in subordine la Mini Aspi non c'è problema, altrimenti devi presentare una nuova domanda all'INPS entro 60 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro.-

      Elimina
  52. buonasera l' 11 marzo 2014 eè stato autorizzato il pagamento diretto della cigs, quanto tempo passa per ricevere materialmente i soldi??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di solito l'INPS provvede al pagamento della CIGS dopo circa 45/60 giorni dalla data di autorizzazione.-

      Elimina
  53. Salve, avrei bisogno di qualche informazione se è possibile.
    Lavoro presso una cava (industria lapidei) come impiegata amministrativa, da gennaio 2013 ad oggi.
    Per vari motivi non c'è stata continuità nelle mie prestazioni, mancanza di materiale idoneo, intemperie, ecc.. mi hanno chiesto
    nell'arco del tempo di prendere l'aspettativa, al momento sono appunto in questa situazione ed è la terza volta, infatti dal 2013
    ad oggi ho lavorato 118 giorni in totale ( 81 giorni nell'anno 2013 e 37 nell'anno 2014).
    ho chiesto se era possibile richiedere la CIG e l'azienda mi ha detto che non è possibile, perchè io sono stata assunta
    per la sede della ditta mentre lavoro in una succursale. ( è sempre la stessa ditta con la stessa ragione sociale con 2 punti di
    estrazione differenti, tra l'altro anche la sede ha quasi esaurito tutto il materiale, l'unica distinzione che fanno loro è che la cava dove lavoro io è un cantiere (?)).
    Per tutto il tempo che sono stata a casa, non per mia volontà mi hanno levato giorni di ferie e chiesto di prendere aspettativa,
    mi sembra strano che non si possa chiedere la cassa integrazione.
    Mi hanno detto che se la situazione lavorativa non riprende saranno costretti a licenziarmi( giustamente) e volevo sapere se era
    possibile richiedere la disoccupazione.
    quindi le domande sono 2
    1 è possibile che non possano chiedere la CIG per me
    2 posso ricevere la disoccupazione?
    Ringrazio per l'attenzione e auguro buona giornata.
    Pier

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Per quanto riguarda CIG, in effetti se sei stata assunta per lavorare in una sede ma Tu effettivamente lavori in un'altra, è evidente che l'azienda a qualche difficoltà a richiederla, e quindi non è interessata a farlo, ma avresti dovuto richiedere Tu a suo tempo una modifica del contratto.-
      - In caso di licenziamento, per quanto riguarda l'ASPI uno dei requisiti necessari è che sono necessarie almeno 52 settimane "piene" di lavoro nell'ultimo biennio, altrimenti avresti diritto alla Mini Aspi per la quale sono sufficienti 13 settimane di lavoro nell'ultimo anno.-

      Elimina
  54. Buongiorno Sig. Censori,

    avrei cortesemente bisogno di un chiarimento, quando finisce la mobilità si ha diritto a percepire la disoccupazione, o finita questa non si riceve più nulla?

    Grazie buona giornata.

    Matteo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Matteo!
      Se il periodo di mobilità indennizzata è stato interrotto da attività lavorativa, al termine puoi aver diritto all'ASPI o alla Mini Aspi, in base alle settimane lavorate, altrimenti purtroppo no.-

      Elimina
  55. salve! ho presentato la domanda di disoccupazione ordinaria il 31 gennaio 2013 attraverso il patronato ed a tutt'oggi non ho ancora ricevuto nulla. Le chiedevo quanto tempo devo aspettare prima che mi veda accreditare il primo pagamento? Premetto che i requisiti in mio possesso sono a posto. Il sito dell inps dic che l'acquisizione è completata. Ma non è ancora liquidata. Quanto devo ancora andare avanti sulle spalle della mia famiglia ? Grazie di cuore . Ivan

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ivan!
      Di solito l'INPS provvede al pagamento della prima rata di ASPI o di Mini Aspi dopo circa 45/60 giorni dalla data di presentazione della domanda, Ti consiglio quindi di rivolgerti o al patronato che ti ha presentato la domanda o direttamente alla sede INPS di zona per verificare se c'è un qualche problema sulla Tua pratica.-

      Elimina
  56. Salve,volevo porle la mia situazione.....attualmente sono in cassa integrazione con l'azienda con cui avevo contratto a tempo indeterminato.....nel frattempo ho trovato nuovo impiego con contratto di sei mesi fino a settembre.....ho sospeso la cassa fino a fine maggio(data ultima per la cassa) poi dal 1° giugno sarei stato messo in mobilita'....volevo sapere se al termine dei sei mesi di contratto che ho attualmente con l azienda dove lavoro e nel caso non mi venisse rinnovato il contratto come potrei andare in mobilita?? con la vecchia azienda o con l attuale?? grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se alla scadenza il contratto non ti viene rinnovato Tu rientri nella vecchia azienda che deve quindi metterti eventualmente in mobilità.-

      Elimina
  57. Buonasera dott. Censori, Volevo un'informazione in merito all'Aspi. il 15 Marzo 2014 ho accettato un tirocinio formativo per disabili della durata di 2 anni con un'indennita' di sussidio di 650€ lordi/mensili..e l'Inps mi ha sospeso l'aspi che era giunta al terzo mese. Ora a distanza di un mese mi rendo conto che il lavoro e' troppo pesante, mi crea problemi di salute e non mi piace. posso firmare un'interruzione del tirocinio consensuale con l'azienda ospitante e riprendere il restante periodo di Aspi? Quali sono le alternative? Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Con un'interruzione del tirocinio consensuale con l'azienda non puoi ripristinare l'ASPI, è quindi necessario che sia l'azienda a interrompere il rapporto di lavoro.-

      Elimina
  58. Buona sera dott. Censori,volevo un'informazione sono disoccupato da luglio 2013
    adesso mi hanno proposto un lavoro con i buoni (vauser)se accetto perdo la disoccupazione rimanente o come mi devo comportare con l'azienda che mi proposto il lavoro.Ringrazio anticipamente. SERGIO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sergio!
      I buoni lavoro o voucher sono compatibili con l'ASPI nel limite massimo annuale di 4.000,00 euro lordi.-

      Elimina
  59. Buongiorno sig Gianfranco mi chiamo Ezio sono in cassa integrazione straordinaria e poi andremo in mobilità, siamo in quattro e vogliamo prenderci il supermercato dove lavoravano facendo una cooperativa, possiamo tutti e quattro richiedere i soldi della cassa integrazione e della mobilità in anticipo,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ezio!
      SI!
      Una volta che verrete messi in mobilità potrete richiedere tutti e quattro la liquidazione dell'indennità in un'unica soluzione per l'apertura di una nuova attività autonoma.-

      Elimina
  60. Salve, ho diversi quesiti e forse un po' particolai, riguardanti la mia compagna.
    L'azienda presso la quale lavorava, si è trovata un paio d'anni fa in cattive acque per problemi finanziari, ha posto tutte le dipendenti in CIGS (tra le quali appunto la mia compagna) dopodiché son passate a "sospese con diritto alla retribuzione", fino al 18/06/2013, giorno ufficiale del passaggio al curatore fallimentare e dell'effettivo licenziamento collettivo, con diritto alla mobilità retribuita.
    Ma al termine della CIGS, la mia compagna ha trovato lavoro a tempo determinato e di rinnovo in rinnovo è arrivata fino a febbraio 2014, quando le han comunicato che non avrebbero più rinnovato (nel frattempo, i mesi di sospensione retribuita son finiti nei conteggi del curatore, perchè di retribuzione non se n'è vista...). Andando all'INPS di zona per aprire la mobilità cui aveva diritto, ha scoperto di essere fuori tempo massimo (68gg) per la richiesta della stessa, così ha potuto solamente aprire l'ASPi: quindi un anno di liste di mobilità + ASPi retribuita per 8 mesi. Primo quesito: premesso che gli ignoranti (in materia) siamo stati noi a non sapere di dover comunque aprire la mobilità sebbene lei stesse lavorando, c'è qualche speranza in un ricorso?
    Nel frattempo, se avesse ancora lavorato, avremmo voluto cercare una seconda gravidanza, ma visto quello che abbiamo perso di retribuzione di mobilità, ci stiamo ricredendo....Secondo quesito: se dovesse rimanere incinta, so che dovrebbe arrivare al periodo di obbligatoria prima che scada l'ultima rata di pagamento ASPi, per avere i 5 mesi retribuiti, però ho anche letto che essendo in mobilità 223/91, pur avendo richiesto il pagamento oltre i termini consentiti, le scadenze sono uguali a come se ricevesse i pagamenti, cioè sarebbe retribuita per i 5 mesi di obbligatoria, contando come termine ultimo febbraio 2015 (scadenza anno di mobilità!) e non ottobre, mese di termine ASPi. È corretto questo?
    Ultima domanda. La prima gravidanza è stata "a rischio", non tanto per problemi lavorativi quanto per problematiche fisiche...considerando ulteriori problemi avuti durante il parto, mi è stato detto che potrebbe esserle "data" una gravidanza a rischio (per rischio fisico personale) pur non lavorando: in questo caso, potrebbe rinunciare da subito ad una chiamata lavorativa senza perdere l'iscrizione alle liste di mobilità? (nel caso di non rischio invece?) Sarebbe retribuita anche per i mesi a rischio, oltre che per l'obbligatoria? E quali sarebbero le scadenze ed i limiti per "attaccarsi" alla mobilità/ASPi?
    Son stato lunghissimo e gli argomenti son particolari, ma sperodi essermi spiegato meglio possibile...grazie mille.
    Paolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paolo!
      - Purtroppo NO! Il termine dei 68 giorni è tassativo!
      - Purtroppo NO! Tua moglie non è in mobilità!
      - Formulare ipotesi sul fatto che la Tua compagna potrebbe rimanere incinta e che la maternità potrebbe essere a rischio, mi pare alquanto prematuro.-

      Elimina
    2. 1) eh lo so, ma lo chiedevo perchè in tanti mi han detto essere un caso piuttosto particolare, il lavorare già prima di venir licenziati con diritto alla mobilità...

      2) è in disoccupazione ma è iscritta alle liste e sia all'INPS che al Centro per l'Impiego si son premurati di dirle di scrivere nei curricula e dire sempre che è in mobilità 223/91, che dovrebbe essere quella retribuita...e in un articolo del centro per l'impiego di Rimini si specifica chiaramente che per avere la maternità obbligatoria retribuita occorre trovarsi in mobilità indennizzabile, non per forza indennizzata e porta anche per l'appunto, l'esempio di chi fa domanda come noi oltre i termini e perde il diritto all'indennizzo, ma come la mia compagna è in mobilità per un anno, fino a febbraio 2015....

      3) ovvio, è tutto campato per aria, ma era solo per dire che volevamo ora il secondo figlio, che lei ha già avuto una gravidanza a rischio e che, dopo le cifre che abbiamo perso per negligenza nostra e nella situazione in cui ci troviamo, un aiuto non sarebbe stato disprezzato...o perlomeno non restare di nuovo fregati per pochi giorni senza saperlo

      Elimina
    3. come detto, è in mobilità...solo non retribuita, ma le è stata confermata fino a febbraio 2015, per questo ho letto e trovato un articolo dove si dice che si ha diritto alla obbligatoria...

      Elimina
  61. Salve, vorrei sapere se è possibile che io prenda in gestione un ristorante ma a nome di mia madre che ha 67 ed è pensionata, lo intesto a lei....mentre io mi faccio assumere da operaio..si può fare? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In teoria si può fare!
      In pratica però non ne vedo la convenienza, quindi forse è il caso che ti consulti con un commercialista per farti consigliare al meglio sul da farsi.-

      Elimina
    2. ...era per poter fare a fine stagione la domanda di disoccupazione!

      Elimina
    3. Avevo capito!
      Il problema è che devi valutare bene costi e benefici perché con una stagione da lavoro dipendente, che deve durare almeno 13 settimane, avresti poi diritto alla Mini Aspi pari al 75% della media delle retribuzioni della durata massima pari alla metà delle settimane lavorate.-

      Elimina
  62. buonasera gianfranco, sono roberto, operaio metalmeccanico in mobilità dal 02/01/2014, periodicamente sospendo la mobilità perchè chiamato a tempo determinato da altre ditte, mi serve sapere se c'è un limite di volte per le quali io posso effettuare le sospensioni nell'arco dell'anno o di tutto il periodo di mobilità che mi spetta (36 mesi perchè ho compiuto 40'anni nel 2013).
    rimango in attesa di tua risposta.
    ringrazio in anticipo
    saluti
    roberto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberto!
      NO!
      Non c'è un limite di volte per le quali Tu puoi effettuare le sospensioni della mobilità con dei contratti a termine.-

      Elimina
  63. Buongiorno. Io nel 2013 sono stata in maternità pagata dall'INPS in quanto la società mi aveva messa in cassa integrazione. A settembre finita la maternità sono stata licenziata. Mi è arrivato il cud dell'inps con i dati relativi alle somme che l'inps mi ha pagato per 253 giorni. La domanda è questa l'azienda dovrà fornirmi il cud ma il mio dubbio è cosa deve esserci scritto nella sezione relativa ai DATI FISCALI nello specifico al reddito? in teoria zero perché loro non mi hanno corrisposto alcun stipendio per il 2013. La ringrazio anticipatamente
    Ilaria S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ilaria!
      Se l'azienda nel 2013 non Ti ha corrisposto nemmeno uno stipendio, nel CUD non risulterà alcun reddito.-

      Elimina
  64. Buongiorno.
    Attualmente sono in mobilità e la settimana prossima inizio un lavoro subordinato a tempo determinato di 1 anno, per cui la mobilità verrà sospesa per questo periodo. Mi è però venuto un dubbio circa l'importo dell'indennità a cui avrei diritto a termine del nuovo rapporto di lavoro nel caso non mi venisse rinnovato. Infatti mentre nel precedente lavoro (prima della messa in mobilità) avevo una retribuzione oltre euro 2.098,04, quindi avrei avuto diritto a euro 1.165,58, ora con il nuovo lavoro avrò una retribuzione decisamente inferiore alla soglia sopra. Verrà quindi considerata la retribuzione precedente la messa in mobilità oppure quella percepita durante il lavoro che sospende la mobilità?
    Grazie.
    Distinti saluti.
    Marco C.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco!
      Tranquillo!
      Alla scadenza del nuovo rapporto di lavoro la mobilità ripartirà in base alla vecchia retribuzione.-

      Elimina
  65. Salve,io avrei bisogno di sapere se quando si ha un contratto stagionale e purtroppo si va in mutua per due mesi per un intervento delicato,le settimane che sto a casa mi vengono conteggiate per prendere la disoccupazione ordinaria visto che son già due anni che la prendo?( anche se il mio datore di lavoro mi versa i contributi)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      I periodi di malattia sono validi ai fini del raggiungimento dei requisiti per il diritto all'ASPI o alla Mini Aspi.-

      Elimina
  66. Buonasera, mio marito è in cigs dal 1 settembre 2013 fino al 25 agosto 2013 il decreto e stato firmato il 14 aprile ma solo per cigs dal 1 settembre al 29 gennaio 2014 perché l azienda e passata in concordato preventivo! Ora mi domando ma questibenedetti soldi quando arriveranno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo questa è un'informazione che possono darti solo l'INPS di zona o le organizzazioni sindacali che seguono la procedura aziendale.-

      Elimina
  67. Buonasera Gianfranco, innanzitutto complimenti per la sua disponibilità e professionalità.
    Sono un lavoratore in Cassa Integrazione Straordinaria a partire dal 17 marzo (teoricamente fino a gennaio 2015).
    Ho ricevuto una proposta di lavoro a tempo indeterminato, so che in questi casi se non venissi confermato dopo il periodo di prova potrei ritornare di nuovo in Cassa Integrazione Straordinaria. Alla luce di ciò, per accettare la proposta di lavoro la mia domanda è: occorre che dia le dimissioni volontarie oppure basta semplicemente una comunicazione all'INPS e alla vecchia azienda che indichi la stipula di un nuovo contratto a tempo indeterminato?
    Chiedo questo perché dalla vecchia azienda mi è stato riferito che con le dimissioni interromperei ogni rapporto con loro e che dunque non vedono come possa rientrare, in caso di mancato superamento del periodo di prova, in Cassa Integrazione Straordinaria presso di loro.
    Grazie infinite per la sua risposta,
    Armando

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Armando!
      E' vero quello che ti è stato detto, cioè che è sufficiente una comunicazione all'INPS e all'azienda della stipula del contratto a termine, perché in caso di dimissioni chiuderesti definitivamente il rapporto di lavoro con l'azienda.-

      Elimina
  68. Buongiorno Avv. Censori
    sono una donna che dal dicembre 2012 è entrata nelle liste di mobilità, il 16 gennaio del 2013 sono stata chiamata in una scuola secondaria come docente ma con un contratto a progetto per DIRITTI A SCUOLA, per un compenso lordo di 11286,35, per cui ho chiesto al mio sindacato, che poi mi ha gestito le varie domande, se potevo accettare senza perdere la mobilità che mi sarebbe spettata fino a dicembre 2014.
    Mi è stato comunicato che potevo accettare avremmo solo dovuto interrompere la mobilità, cosi come hanno fatto , facendola ripartire a fine contratto, ossia a giugno 2013. Infatti l'inps mi ha regolarmente pagato la mobilità, fino a dicembre 2013 quando mi manda una raccomandata in cui mi scrive che devo restituire 4.358 euro di mobilità che mi è stata versa, perché la mobilità non mi spettava più.
    Così ho capito che c'era qualcosa che il sindacato non mi aveva detto, informandomi infatti esiste una circolare la n. 67 del 14.04.2011 che dice che per i co.co.co. il limite di reddito da non superare per non perdere la mobilità è euro 8000 al netto delle ritenute previdenziali e prima del prelievo fiscale.
    In sintesi per euro 36,oo in più fuori dagli 8000 io devo restituire la somma di mobilità che mi è sta accreditata all' inps, in più perdo la mobilità fino a dicembre 2014. IL sindacato che sà di aver fatto un gravissimo errore ha temporeggiato sperando di risolvermi la questione ma senza riuscirci, in sintesi devo pagare e perdo il diritto di mobilità. La domanda che le faccio è: chi mi risarcisce per questo errore. Tra l'altro mi dicevano che sono l'unico caso di questo genere.
    Sono disperata mi può aiutare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I patronati sono assicurati contro eventuali errori commessi dai loro impiegati, quindi se c'è stato effettivamente un errore del patronato, la loro compagnia di assicurazione deve risarcirti il danno che ti è stato arrecato.-

      Elimina
  69. Buongiorno, sono in cassaintegrazione fino al 30 settembre 2014 l'ho sospesa per contratto a termine che scadrà il 31/12/14, al 30/09/14 dovrò fare domanda al patronato per entrare in mobilità. Che inizierò a percepire solo allo scadere del contratto a termine.
    Vorrei sapere se è corretto
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      E' corretto!
      La domanda di mobilità andrà presentata alla scadenza della cassa integrazione con decorrenza dalla data di scadenza del contratto a termine.-

      Elimina
  70. Salve, vorrei porle un quesito, da due anni lavoro presso una s.p.a. come commessa, ho un contratto a tempo determinato che scadrà a giungo; purtroppo l'azienda non si sta comportando proprio in modo corretto e quindi tante mie colleghe sono state "costrette" a licenziarsi, ad altre non è stato proprio rinnovato il contratto.
    La mia domanda è: al momento della scadenza del contratto, se l'azienda dovesse propormi una proroga e io decidessi di non accettare, avrei comunque diritto a percepire la disoccupazione?

    Grazie in anticipo

    Alessia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessia!
      SI!
      Alla scadenza del contratto comunicherai all'azienda che non sarai interessata a proroghe, ed avrai comunque diritto all'ASPI.-

      Elimina
  71. Ciao! Volevo fare una domanda.
    Mia figlia è apprendista da un anno e mezzo in una ditta.
    Attualmente le hanno detto che lavorerà fino a questa estate, quando la ditta chiude per ferie.
    Mia figlia si troverà senza lavoro. Non sa quale sarà il motivo di licenziamento perché non ha mai ricevuto lettere di richiamo anche se tutti la prendono in giro e la umiliano e trattano male perché è la più giovane.
    Avrà diritto a qualche indennità per la perdita del lavoro? E se sì come deve fare?
    È una ragazza di 21 anni e vive col marito che è operaio, cambia qualcosa la sua età e il fatto che il marito abbia un reddito?
    Ringrazio fin da ora per la risposta!
    Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importante è che Tua figlia non presenti le dimissioni!
      Infatti se verrà licenziata, essendo apprendista, avrà diritto alla Mini Aspi che nel Suo caso potrà durare fino a 6 mesi, e l'indennità mensile sarà pari al 75% della media delle retribuzioni dell'ultimo anno.-

      Elimina
  72. Buongiorno avvocato, sono Maurizio, le ho già fatto domande relative al 730, sulla carta di soggiorno, mi approfitto della sua disponibilità:-) volevo chiederle, io ho fatto domanda miniaspi che è stata accolta, ho lavorato nell' estate 2013 dall' 11 maggio al 15 settembre. Avrei quindi dovuto avere una miniaspi di circa 60 giorni ma l ho avuta solo di 47 giorni. Anche nel 2012 avevo lavorato circa lo stesso periodo ottenendo una miniaspi di 70 giorni ad aprile 2012. Avevo fatto domanda al patronato e non era servita l' iscrizione al centro dell' impiego, questo anno ho ripetuto lo stesso procedimento, ho fatto domanda il 24 settembre 2013, ma il 4 novembre l' inps mi ha chiamato comunicandomi che per accogliere la mia domanda dovevo iscrivermi al centro dell' impiego, così ho fatto il 5 novembre. Ho già presentato una domanda di ri-esame, cosa potrei fare ancora? una risposta che mi è stata data dal patronato è che forse per circolari interne il mio ritardo nell' iscrivermi al centro dell' impiego mi ha fatto perdere dei giorni, ma non capisco perchè visto che comunque l' iscrizione rientrava sempre nei 2 mesi di tempo.. possibile invece che avere già preso la miniaspi ad aprile mi abbia fatto perdere dei giorni? scusi se sono stato prolisso spero almeno di essere stato chiaro, lei cosa mi dice? ed eventualmente che mi consiglia? Grazie Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. scusi la prima miniaspi di 70 giorni ho scritto l ho percepita nell' aprile 2012 intendevo 2013. Maurizio

      Elimina
    2. Ciao Maurizio!
      Ti consiglio di rivolgerti o al patronato che ha seguito la Tua pratica o di presentarti direttamente alla sede INPS di zona per avere informazioni precise, ed evitare quindi inutili supposizioni.-

      Elimina
  73. io invece avrei una domanda semplice, il reddito si paga anche in base ai mod.cud accumulati in un anno?io per il 2013 ho accumulato 4 modelli CUD ma di breve peroiodi lavorativi ciascuno....Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      In presenza di più di un CUD nello stesso anno fiscale sei obbligato a presentare la dichiarazione dei redditi, quindi verranno sommati tutti i redditi, le trattenute effettuate, ed effettuato il conguaglio tra l'IRPEF dovuta e quella pagata.-

      Elimina
  74. Renzie. Per noi in mobilità il "bonus" di 80 euro (che già son diventati 50!) che ha previsto il deficiente, come lo daranno? tra le natiche? o tra le gengive, e cioè sui denti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi pare un po prematuro dare giudizi "sferzanti" se non sappiamo ancora quello che succederà!
      Aspettiamo quindi che la normativa vada in parlamento poi valuteremo!

      Elimina
  75. buona sera o fatto la disocupazione speciale edile vorrei sapere quanto e il tempo de attesa lo fatto 06/02/2014

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di solito l'INPS provvede al pagamento della prima rata di disoccupazione dopo circa 60 giorni dalla data di presentazione della domanda, Ti consiglio quindi di rivolgerti o al patronato che Ti ha presentato la domanda, o di presentarti direttamente alla sede INPS di zona per verificare lo stato della Tua pratica.-

      Elimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.