lunedì 28 aprile 2014

Eredità e Successioni

Senza Testamento

I familiari che ereditano per legge sono:
  • Coniuge
  • Figli
  • Fratelli (se mancano i figli)
  • Ascendenti (se mancano i figli)
  • Altri parenti entro il 6° grado (solo se unici eredi)
Nell’eventualità di premorienza degli eredi legittimi, succedono i parenti più prossimi di grado, nel rispetto della quota originariamente spettante all’erede.-

Eredi:

Coniuge (in mancanza di figli e senza fratelli e ascendenti) = intera eredità
Coniuge + figlio unico = 50% per ciascuno
Coniuge + due figli = 33,3% per ciascuno
Coniuge + tre o più di tre figli = 33,3% per il coniuge + 66,6% in parti uguali per i figli
Coniuge + ascendenti = 66,6% coniuge + 33,3% ascendenti
Coniuge + fratelli = 66,6% coniuge + 33,3% fratelli
Coniuge + ascendenti + fratelli = 66,6% coniuge + 25% ascendenti + 8,33% fratelli
Figlio (senza coniuge) = intera eredità
Più figli (senza coniuge) = intera eredità in parti uguali
Ascendenti (senza coniuge, senza figli e senza fratelli) = intera eredità
Fratelli (senza coniuge, senza figli, e senza ascendenti) = intera eredità in parti uguali
Ascendenti + fratelli (senza coniuge e senza figli) = 50% ascendenti + 50% fratelli
Altri parenti oltreil 6° grado (se unici eredi) = intera eredità in parti uguali ai parenti di grado più prossimo.-


Con Testamento

La quota di legittima rappresenta la parte dell’eredità che deve andare comunque ai parenti indicati, anche contro la volontà del de cuius. Nell’ordinamento successorio italiano è infatti vietato “diseredare” alcuni parenti (i più prossimi, vedi sotto).

La quota disponibile è, invece, la parte di eredità che il testatore può lasciare a chiunque, ivi compresi chiaramente anche agli eredi già beneficiari della quota di legittima (legittimari). In questa circostanza, la quota disponibile va ad accrescere la quota legittima.

I familiari che ereditano per testamento sono:
  • Coniuge
  • Figli
  • Ascendenti (se mancano i figli)
In questo tipo di successione, a differenza della prima (ex legge), i fratelli del de cuius non rientrano tra gli aventi diritto.

Anche nella successione con testamento vale la regola che, nell’eventualità di premorienza degli eredi legittimari, succedono i parenti più prossimi di grado, nel rispetto della quota originariamente spettante all’erede.


Eredi:

Coniuge (in mancanza di figli e senza ascendenti) = 50% coniuge + 50% quota disponibile
Coniuge + figlio unico = 33,3% coniuge + 33,3% figlio + 33,3% quota disponibile
Coniuge + 2 o più figli = 25% coniuge + 50% in parti uguali tra i figli + 25% quota disponibile
Coniuge + ascendenti (senza figli) = 50% coniuge + 25% ascendenti + 25% quota disponibile
Figlio unico senza coniuge = 50% figlio + 50% quota disponibile
Più figli senza coniuge = 66,6% in parti uguali tra i figli + 33,3% quota disponibile
Ascendenti senza coniuge e senza figli = 33,3% ascendenti + 66,6% quota disponibile
Senza coniuge senza figli e senza ascendenti = 100% quota disponibile

Imposta di Successione:

Le aliquote dell'imposta di successione sono le seguenti:
4% se i  beneficiari sono il coniuge e parenti in linea retta, sul valore netto che supera, per ciascun beneficiario 1 milione di euro.-
6% per i beni devoluti a fratelli e sorelle, sul valore che eccede, per ciascun beneficiario, la franchigia di 100 mila euro.-
6% per gli altri parenti fino al quarto grado, gli affini in linea retta, nonchè gli affini in linea collaterale fino al terzo grado come, ad esempio, cugini di primo grado, suoceri, cognati, nipoti e zii.-
8% per tutti gli altri soggetti, tra cui rientrano i conviventi. I parenti in linea retta sono i genitori e i  figli naturali e adottati e i rispettivi ascendenti e discendenti in linea retta.-     
Se il beneficiario è un portatore di handicap, l'imposta si sulle successioni si applica solo sul valore della quota o del legato che supera 1 milione e mezzo di euro.-
Se per esempio Tizio muore lasciando ai due figli eredi un immobile del valore complessivo di 1 milione e mezzo di euro, nessuno pagherà l'imposta di successione, ma saranno dovute solo le imposte relative al trasferimento (imposta ipotecaria e catastale, imposta di bollo e tassa ipotecaria. I figli dovranno presentare la dichiarazione di successione entro 12 mesi dalla data del decesso del padre.-


Grado di parentela:
1° = genitore – figlio
2° = nonno – nipote (figlio di figlio) – fratello
3° = zio – nipote (figlio di fratello)
4° = 1° cugino
5° = 2° cugino – figlio di 1° cugino
6° = figlio di 2° cugino


Il matrimonio: comunione e separazione dei beni

La legge n. 151 del 19 maggio 1975 stabilisce che quando una coppia si unisce in matrimonio si applichi automaticamente il regime patrimoniale della comunione dei beni.
Al momento del matrimonio, sia che si tratti di rito civile che religioso, gli sposi possono derogare la norma scegliendo il regime patrimoniale della separazione dei beni. La scelta deve essere dichiarata, al termine della cerimonia, all’ufficiale di stato civile o al sacerdote, inoltre può essere comunicata anche al momento della richiesta delle pubblicazioni di matrimonio.
La scelta del regime patrimoniale della separazione dei beni viene annotata a margine dell’atto di matrimonio.
Se gli sposi non dichiarano questa scelta, la legge considera automaticamente, come regime patrimoniale familiare, la comunione dei beni.
Qualsiasi variazione successiva deve avvenire davanti ad un notaio con atto pubblico.
Per coloro che hanno contratto matrimonio prima del 20.09.1975, si applica automaticamente, da tale data, il regime patrimoniale della comunione dei beni.

Comunione dei beni

Con il regime patrimoniale in comunione dei beni, i beni acquistati dai coniugi insieme o individualmente nel corso del matrimonio, entrano automaticamente a far parte di un unico patrimonio comune a entrambi che ne sono proprietari al 50% indipendentemente dall'apporto reale di ognuno.
Fanno parte del patrimonio comune:
  • i risparmi di ciascun coniuge accantonati durante la vita matrimoniale
  • gli acquisti compiuti dai coniugi dopo il matrimonio
I coniugi in regime di comunione legale dei beni possono agire con poteri disgiunti per il compimento di atti di ordinaria amministrazione, per quelli di straordinaria amministrazione devono, invece, agire congiuntamente. In caso di disaccordo si ricorrere alla decisione di un giudice.
Sono esclusi dal patrimonio comune (art. 177 - 178 e 179 del Codice Civile):
  • i beni personali di ciascun coniuge
  • i beni di ciascuno esistenti prima del matrimonio
  • i beni che ciascuno ha ricevuto dopo il matrimonio, per donazione o successione
  • i beni ottenuti a titolo di risarcimento danni o di pensione di invalidità al lavoro

Separazione dei beni

Con la separazione dei beni gli sposi mantengono la titolarità esclusiva non solo dei beni acquistati antecedentemente al matrimonio ma anche di quelli conseguiti durante il matrimonio.
Al coniuge proprietario dei beni spettano, in via esclusiva, il godimento e l'amministrazione degli stessi che può essere anche assegnata all'altro coniuge tramite una procura.
Rispetto alle necessità del nucleo familiare, entrambi i coniugi sono obbligati a contribuire alle spese ognuno proporzionalmente alle sue possibilità.


Accettazione dell’eredità:

La legge prevede diversi modi per accettare l’eredità:
  • Accettazione espressa
  • Accettazione tacita
  • Accettazione con beneficio d’inventario

Accettazione espressa: L’accettazione espressa consiste in una dichiarazione scritta dalla quale risulti l’intenzione di accettare l’eredità . L’accettazione può essere fatta o alla presenza di un notaio o anche con una semplice scrittura privata firmata e datata dall’accettante.-

Accettazione tacita: Si dice accettazione tacita quando l’erede a seguito di un suo comportamento chiaro ed inequivocabile, lascia intendere di avere accettato l’eredità, ad esempio appropriazione di beni ereditati, disposizione sugli stessi beni o promozione di un’azione spettante all’erede.-

Accettazione con beneficio d’inventario: In questo modo i debiti del de cuius vanno pagati ugualmente ma fino alla concorrenza del patrimonio del cuius. Quindi il patrimonio dell’erede non viene intaccato.-

In generale qualunque sia la modalità di accettazione, il chiamato all’eredità ha 10 anni di tempo per decidere se accettare o meno. Se entro 10 anni non si manifesta l’accettazione si perde ogni diritto sull’asse ereditario, che si devolve secondo le regole stabilite dalla legge.-


Rinuncia di eredità:


La rinuncia all'eredità è l’atto con il quale il chiamato all’eredità dichiara di non volerla accettare, ad esempio perché i debiti del defunto sono superiori ai crediti, In tale eventualità egli deve rinunciare espressamente per mezzo di una dichiarazione ricevuta dal notaio o effettuata dal Cancelliere del Tribunale circondario in cui si è aperta la successione, altrimenti si considera come non avvenuta.

La rinuncia all'eredità non può essere sottoposta ad una condizione o ad un termine, né può essere limitata solo ad una quota parte dell’eredità stessa. La rinuncia, a differenza dell’accettazione, è sempre revocabile; il rinunziante, se non è passato il termine di prescrizione di dieci anni, ha il diritto di accettare fino a che, in seguito al suo rifiuto, un chiamato di grado inferiore non abbia a sua volta accettato. Il chiamato all’eredità perde la facoltà di rinunciare se sottrae i beni ereditati o se comunque ha venduto o donato beni di appartenenza del defunto.

I rinuncianti si devono presentare personalmente, se maggiorenni. Nel caso di minorenni si devono presentare entrambi i genitori in loro rappresentanza. Nel caso di interdetti, inabilitati no minori, il tutore o il genitore deve chiedere l’autorizzazione per la rinuncia all’eredità del minore al Giudice Tutelare del luogo di residenza del minore o del tutore.

La rinuncia all'eredità deve farsi con dichiarazione ricevuta dal notaio o dal Cancelliere del Tribunale competente (cioè il Tribunale dell’ultimo domicilio del defunto), entro 3 mesi dalla morte se si è in possesso dei beni o entro 10 anni se non si è in possesso dei beni e non ha effetto se non è osservata la forma prescritta (art. 519 c.c.).-

Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it.
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti
.

.

170 commenti:

  1. buongiorno avvocato
    le vorrei porgere il seguente quesito: muore una cugina che non ha ne figli ne fratelli ne genitori ne nonni gli unici parenti in vita sono:
    una zia sorella della madre e tanti cugini figli di altri fratelli/sorelle della madre e/o del padre. Per l'eredità di divide il patrimonio in tante teste quanti sono gli zii e i cugini subentrano per il genitore (zio-zia) deceduto? Oppure eredita solo la zia in vita?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si!
      In caso di cugini deceduti subentrerebbero i loro figli!

      Elimina
  2. Gentile Avvocato, ho un'amica brasiliana, vedova di un italiano in seconde nozze, deceduto nel 2013 e questo signore ha lasciato oltre a lei anche 2 figli. Succede che questi figli, ai quali non piace la vedova del padre, non vogliono farla partecipare all'asse ereditario e cosi vogliono chiedere in giudizio la sua esclusione. Dicono che Le daranno la sua parte in contanti, quando venderanno il bene ereditato ma sono solo parole, non hanno firmato niente che le garantisca quanto detto da loro. Questo è possibile? Il Giudice può decidere senza sentire questa vedova? Grazie mille!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Martina!
      Il giudice non può decidere senza sentire la vedova, ma dovresti consigliare alla Tua amica di farsi comunque assistere da un avvocato, per evitare brutte sorprese a livello di divisione dell'asse ereditario.-

      Elimina
  3. Buongiorno Avvocato.
    Mio padre è proprietario di quatro appartamenti, siamo in quattro frattelli ( purtroppo uno è venuto a mancare due mese fa) , due di questi app abitate da me e mia sorella, io sono stato assegnato da un giudice l'amministratore del mio padre, la mia
    domanda è: La vedova di mio fratello ha il diritto di possesso del app che aspetterebbero al mio fratello dopo la morte di mio padre? Lei vuole affittare affermando che ha il diritto di possessione in quanto ha sostenuto delle spesa nella ristrutturazione dell'appartamento. Io como amministratori posso oppormi?
    La ringrazio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Puoi opporti!
      La vedova di tuo fratello fino a quando Tuo padre sarà in vita non ha alcun diritto di "possessione", e deve quindi attenersi alle tue indicazioni che comunque non dovrebbero essere "vessatorie" in quanto Tu devi comportarti come si sarebbe comportato Tuo padre in possesso di tutte le facoltà mentali.-
      Per quanto riguarda le spese di ristrutturazione dovresti dire a Tua cognata di trattenere tutta la documentazione inerente le spese sostenute da far valere alla morte di Tuo padre in sede di divisione dell'asse ereditario.-

      Elimina
  4. Salve ! Vorrei una diritta , mia madre doveva ereditare l'eredità dei genitori , 2 case con un terreno in più buoni alla posta che superano i 50.000,00€ , ma purtroppo mi è venuta a mancare improvvisamente anche lei , non avendo ancora fatto la successione ma solo divisione per le tasse adesso gli unici beneficiari siamo noi figli avendo la separazione dei beni,con mio padre ? Del l'eredità dei nonni?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Per la quota di eredità dei nonni spettante a Vostra madre gli unici beneficiari siete voi figli.-

      Elimina
  5. Gentile Avvocato Censori, sono Maria e le chiedo cortesemente di risolvermi questo quesito: mia sorella ha avuto da nostra madre sulla struttura esistente dell' immobile abitato da nostra madre piano terra,nel 1996 con tanto di atto notarile di vendita dell 'appoggio per potere costruire in sopraelevazione un appartamento di sua proprietà. Nell'atto notarile è evidenziato una planimetria dove si dice che nostra madre oltre all'appoggio ,concedeva un diritto "di passo da una porzione dell'abitazione di nostra madre di circa 17 mq per poter fare una scala interna per l'accesso all'abitazione al primo piano.Le chiedo dato che purtroppo nostra madre è deceduta senza lasciare testamento, se la parte concessa come diritto di passo rientra nel cumulo ereditario. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      Se il piano superiore ha un altro accesso, il diritto di passo è cessato con il decesso di Tua madre, in quanto credo che era stato concesso per un collegamento diretto tra madre e figlia e quindi rientra nell'asse ereditario, viceversa se è l'unico accesso al piano superiore il diritto di passo resta.-

      Elimina
  6. Caro Avvocato, sono figlio unico, mio padre e' morto 19 anni fa' e mia mamma e' morta qualche mese fa' lasciando molti debiti. Avevo gia' la nuda proprieta' sulla casa di famiglia, la mamma aveva solo l'usufrutto (che era stato pignorato). Ho fatto la rinuncia all'eredita', e non c'erano gioielli o beni mobili, solo il mobilio della casa che in realta' apparteneva a mio padre (e avevamo fatto rinuncia all'eredita' anche per lui), questo mobilio non ha alcun valore effettivo. Dovevo denunciarlo facendo una rinuncia con beneficio d'inventario o no? Mi e' stato consigliato di no, perche' non aveva valore commerciale, ma lei e' d'accordo, o qualcuno potrebbe impugnare la cosa? La ringrazio anticipatamente per la risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rinuncia all'eredità:
      La rinuncia all'eredità non può essere sottoposta ad una condizione o ad un termine, né può essere limitata solo ad una quota parte dell’eredità stessa. La rinuncia, a differenza dell’accettazione, è sempre revocabile; il rinunziante, se non è passato il termine di prescrizione di dieci anni, ha il diritto di accettare fino a che, in seguito al suo rifiuto, un chiamato di grado inferiore non abbia a sua volta accettato. Il chiamato all’eredità perde la facoltà di rinunciare se sottrae i beni ereditati o se comunque ha venduto o donato beni di appartenenza del defunto.-
      Nel tuo caso per evitare ogni rischio dovresti optare per l'accettazione con beneficio d'inventario:
      Accettazione con beneficio d’inventario:
      In questo modo i debiti del de cuius vanno pagati ugualmente ma fino alla concorrenza del patrimonio del cuius. Quindi il patrimonio dell’erede non viene intaccato.-
      In generale qualunque sia la modalità di accettazione, il chiamato all’eredità ha 10 anni di tempo per decidere se accettare o meno. Se entro 10 anni non si manifesta l’accettazione si perde ogni diritto sull’asse ereditario, che si devolve secondo le regole stabilite dalla legge.-

      Elimina
  7. Gentile Avvocato
    Le sottopongo un problema di “eredità” particolare sperando non esuli dagli argomenti del forum.
    Mio padre comprò un fornetto a ROMA per i suoi genitori che ancora vi riposano dal lontano 1971, quindi la sepoltura è perenne.
    L’atto di concessione nulla riferisce se non i nomi dei nonni, null’altro.
    Alla morte di mio padre mi sembra di aver capito che noi “discendenti” abbiamo acquisito questa specie di eredità ( siamo due fratelli con madre) che a noi non interessa perché abbiamo altre soluzioni e non vogliamo mantenere e riparare un'altra sepoltura.
    Non si sa però con certezza :1) come funziona la storia del subentro in questo tipo di sepoltura perenne 2) se alla morte di mio padre,concessionario,si “subentra” o si “eredita” 3) se rimaniamo solo con il diritto ad essere sepolti come discendenti ma non abbiamo diritti come concessionari 4) se in base sia al regolamento di polizia cimiteriale/14449/78 letto insieme al regolamento di polizia mortuaria DCC n.17 del 23/9/2008 si può procedere ad estumulare da questo sepolcro perenne i nonni,ricomporli,ricollocarli nel loro posto ed utilizzare lo spazio residuo per altre salme di consanguinei.
    Il problema è sorto perché un fratello di mio padre ha avanzato la richiesta di poter utilizzare quel fornetto per sé e per la moglie defunta,noi tutti saremmo d’accordo a patto che loro paghino tutto e poi accudiscano il sepolcro .
    Non è chiaro se l’ “eredità” è relativa solo al diritto di sepoltura o se proprio la concessione passa a noi, con anche il diritto quindi di poterla destinare secondo la “famiglia” di sangue,intendendo qui la famiglia di mio padre visto che lì vi sono sepolti i nonni e che comprende quindi il fratello richiedente ed i suoi eredi.
    Mi sono informata telefonicamente al Comune e in maniera vaga – però erano pressanti le domande per sapere dove era questo fornetto! -mi hanno detto che bisogna presentare un modulo e poi bisogna pagare un bel po’.
    Non mi hanno spiegato nulla ,solo cose molto vaghe, ed io temendo danni mi rivolgo a Lei che sa tutto, cos’è questo modulo? Cosa bisogna pagare?
    Sì ovviamente per ampliare lo spazio occorre fare delle cose che bisogna pagare ma poi se è “di proprietà” diciamo così - come può esserlo un bene sempre demaniale – cosa bisogna pagare?
    Ma soprattutto CHI deve pagare? Se noi rinunciamo al nostro diritto di sepoltura a vantaggio dello zio così come rinunciamo alla concessione della sepoltura dei suoi genitori, penso che tutte le spese le debba pagare lui visto che la sepoltura rimane a lui considerando anche che i nonni erano suoi genitori!
    Sì non si può fare opera di compravendita lo so, ma credo che allo zio spetti il diritto di sepoltura e la concessione come consanguineo.
    Cosa dobbiamo fare per, infine, consentire la sepoltura di un figlio ( e fratello di mio padre) nella sepoltura dei suoi genitori?
    Grazie molte, so che non è facile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie molte
      il problema è proprio questo : se noi facciamo uno scritto al Comune dicendo che lasciamo il fornetto alla figlia - zia - dei defunti il Comune può anche non riassegnare il fornetto alla zia e costringere noi ad estumulare le salme dei nonni e lasciare il fornetto definitivamente.

      Elimina
    2. Ciao Michele!
      Un'operazione del genere si può fare solo se simultanea, cioè da una parte si procede ad estumare i nonni e dall'altra si procede ad utilizzare il fornetto per altri familiari, che ovviamente debbono essere deceduti.-

      Elimina
  8. Buona sera avvocato,
    ho ereditato con mio fratello la casa di mia madre; abbiamo già avuto diverse proposte d' acquisto e quindi ci siamo posti la domanda: visto che stiamo procedendo alla successione con versamento dei relativi oneri catastali / ipotecari, esiste la possibilità di rogitare direttamente la vendita dell' immobile senza procedere prima alla trascrizione dell' immobile a nostro nome presso il catasto immobiliare? credo che potremmo risparmiarci un passaggio burocratico? è una cosa fattibile e ci sono delle convenienze economiche/procedurali?
    Ringraziando fin d' ora porgo distinti saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Tua madre in vita avrebbe potuto fare quello che voleva, ma da morta non può vendere un immobile, quindi per legge è necessaria prima la successione in seguito alla quale diventerete proprietari della casa e successivamente potrete procedere alla vendita.-

      Elimina
  9. Gentile Avvocato Censori, Io e mia sorella siamo unici eredi, Mio padre e' mancato poco tempo fa' e ha lasciato testamento olografo presso notaio: a me a lasciato la casa e a mia sorella i soldi del C/C bancario a lui intestato dove io e mia sorella abbiamo solo la delega, e sempre a mia sorella anche i soldi di un conto postale (libretto postale per versamento pensione di mio padre) dove solo mia sorella ha la delega. Non sono favorevole a questa divisione, desidererei fare tutto a meta' dei soldi e della casa e Vorrei fare la successione di mia madre morta nel 2009 che era in comunione dei beni con mio padre, Sempre all'epoca della morte di mia madre c'e' solo l'appartamento di proprieta' dove vivevano e mia madre era proprietaria al 50%.
    Le Chiedo il testamento di mio padre e' nullo?? In quanto manca la successione di mia madre cioe' lui avrebbe diviso quota non di pertinenza
    Se chiedo la successione di mia madre come sarebbe suddivisa?
    Per facilitare diciamo che fra la banca e libretto postale c'e' un valore ipotetico di 300 e l'appartamento ha valore di 150
    La ringrazio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con testamento l'intera eredità va divisa come segue:
      Più figli senza coniuge = 66,6% in parti uguali tra i figli + 33,3% quota disponibile.-
      Nel tuo caso quindi puoi impugnare il testamento solo se non viene rispettata la Tua quota di legittima, cioè almeno il 33,3% di tutto l'asse ereditario.-
      Per quanto riguarda la mancata successione di Tua madre, se i beni erano intestati a tuo padre non andava fatta anche se erano in regime di comunione dei beni.-

      Elimina
  10. Buona sera,

    pongo il seguente quesito inerente la rinuncia di un eredità da suddividere con altri 2 fratelli.


    Nell anno 2001 si acquisisce a seguito successione quota di un immobile eredita
    t
    o da un genitore defunto.


    Nell anno 2015 a seguito di decesso dell' altro genitore a causa della presenza

    di debiti si vorrebbe rinunciare all' eredita( i chiamati all'redita sono 3 fra
    telli di cui 2 rifiuterebbero e 1 accetterebbe).

    Rinunciando all'eredità ci tuteleremmo dai creditori del defunto ( equitalia/ba
    nca ?)

    Qualora l'immobile di cui una quota già in possesso a seguito di successione de
    l 2001 e oggetto di rifiuto per quanto riguarda la quota ereditata dal 2° genito
    re defunto volesse essere alienato sarebbe possibile senza dover incorrere in qu
    alche accettazione tacita?

    Ringrazio per la disponibilità
    Cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - SI! Rinunciando all'eredità ci si tutela dai creditori del defunto Equitalia e Banca comprese.-
      - NO! Se si aliena la quota della quale si è già proprietari e si rinuncia alla quota del secondo genitore deceduto non ci sono problemi, perché i creditori possono rivalersi solo sui beni intestati al secondo genitore a momento del decesso.-

      Elimina
  11. Avvocato buonasera, avrei un quesito da porle. Il 20 marzo 2005 ė deceduta mia madre, lasciando in ereditá a me e i miei 4 fratelli un terreno che aveva in comproprietá indivisa con la sorella. Mia zia mi ha interpellato per procedere alla divisione del terreno, ma non avendo provveduto ad effettuare la successione e non avendo alcun interesse ad accettare l'eredità, mi chiedevo se avessi qualche obbligo nei suoi confronti? Inoltre dopo il 21 marzo 2015 (essendo trascorsi 10 anni) potrò ritenermi estranea per ulteriori richieste da parte di mia zia? Se in futuro i miei fratelli decidessero di procedere alla successione, potrò ritenermi altresì estranea? Secondo lei, se dovessi effettuare regolare rinuncia all'eredita presso il tribunale il giorno 30 marzo 2015 (unica data disponibile) e quindi oltre il termine decennale di prescrizione, avrebbe qualche valore o sarebbe una spesa inutile? Grazie, cordiali saluti, Mara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mara!
      In generale qualunque sia la modalità di accettazione, il chiamato all’eredità ha 10 anni di tempo per decidere se accettare o meno. Se entro 10 anni non si manifesta l’accettazione si perde ogni diritto sull’asse ereditario, che si devolve secondo le regole stabilite dalla legge.-
      Nel tuo caso quindi non è necessario che tu spenda inutilmente dei soldi per l'atto di rinuncia all'eredità, in quanto una volta che saranno trascorsi 10 anni potrai ritenerti estranea.-

      Elimina
  12. Buonasera Avvocato , avrei una domanda per lei , mio padre è deceduto lo scorso luglio non ha lasciato testamento e gli eredi legittimi siamo io , mia sorella e mia madre. Mio padre con mia madre avevano la comunione dei beni , volevo chiederle visto che mio padre lascia 2 case ereditate dai suoi nonni prima di sposarsi con mia madre ( una di queste 2 case è la nostra abitazione mia , di mia sorella e di mia madre ) queste 2 case vanno divise 1/3 ciascuno?? o essendo eredità dei nonni di mio padre (ereditati prima che i miei si sposassero)alla morte di mio padre spettano solamente a me e mia sorella nonostante la comunione dei beni dei miei genitori ?? la ringrazio in anticipo per la risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La normativa prevede che alla morte del de cuius, in presenza del coniuge e di due figli, senza testamento, l'intera eredità va divisa in 3 parti uguali a prescindere dalla provenienza del patrimonio.-

      Elimina
  13. Buongiorno Avvocato, ho letto che se entro 10 anni dall'apertura della successione non si manifesta l'accettazione si perde ogni diritto sull'asse ereditario, che si devolve secondo le regole stabilite per legge. Potrebbe spiegarmi cosa succede concretamente, quali sono queste regole? A chi passa l'eredità? Bisogna formalizzare in qualche modo l'avvenuta prescrizione o posso automaticamente considerarmi estraneo per future questioni? Le preciso che io non ho alcun interesse sull'asse ereditario, ma potrebbero averlo i miei due fratelli che come me hanno lasciato trascorrere i 10 anni. Infine le chiedo se nel caso in cui i miei fratelli decidessero di fare la denuncia di successione, dovrebbero inserire anche il mio nome o no. Grazie in anticipo per la risposta, Carlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carlo!
      In generale qualunque sia la modalità di accettazione, il chiamato all’eredità ha 10 anni di tempo per decidere se accettare o meno.
      Se entro 10 anni non si manifesta l’accettazione si perde ogni diritto sull’asse ereditario, che si devolve secondo le regole stabilite dalla legge.-
      Nel tuo caso quindi una volta che saranno trascorsi 10 anni potrai ritenerti estraneo all'asse ereditario, quindi l'eredità passerà agli altri eredi che avranno accettato, compresa quindi anche la Tua quota, e se nessuno avrà accettato passerà tutto allo stato.-

      Elimina
  14. Buongiorno, Signor Notaio. I miei genitori (83 e 89 anni) vogliono darmi 60.000 Euro per ricompensarmi dell'aiuto che hanno sempre ricevuto dalla mia famiglia. Mi spiego, mio fratello, ora pensionato, per lavoro è andato via dal 1975 e viene a trovarli una volta l'anno per 4-5 giorni. La mia famiglia pensa ad accudirli in ogni momento con tutte le difficoltà di salute che hanno dovuto attraversare (ictus, ricoveri, ictus, terapie, ecc). Vorrei sapere se mio fratello potrebbe fare qualche denucia per questa loro decisione. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finché i Tuoi genitori sono in vita possono disporre liberamente dei loro beni, quindi Tuo fratello non può farci nulla, ma alla loro morte se con la donazione che ti viene fatta verrà intaccata la sua quota di legittima potrà farti causa per richiedere la sua parte.-

      Elimina
  15. Buona sera, sono sposata in regime di separazione dei beni e non abbiamo figli. Mio marito ha 2 figli avuti prima di conoscermi. In caso morissimo entrambi insieme (in viaggio in macchina o aereo per esempio) i suoi figli avrebbero qualche diritto ereditario sui miei beni? grazie,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Se siete in regime di separazione dei beni, alla Tua morte i Tuoi beni andrebbero alla Tua famiglia di origine e non ai figli di tuo marito con i quali Tu non hai alcun grado di parentela.-

      Elimina
  16. Salve mi sono sposata in regime di comunione dei beni (io 50 anni lui 56 dopo 20 anni di convivenza). Non abbiamo figli.Mio marito non vuole assolutamente che una parte di eredità vada a un suo fratello con il quale non ha rapporti da anni ma che conoscendolo farà di tutto per averla. Era meglio la separazione dei beni oppure il regime da noi scelto? Comè possibile fare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel Vostro caso il regime di comunione o di separazione dei beni è influente, quindi l'unico modo che ha Tuo marito per escludere suo fratello dall'eredità è quello di fare testamento destinando la quota disponibile a te o a chi vuole.-

      Elimina
  17. Buongiorno, vorrei delle informazioni. 3 anni fa è morta mia zia, anno scorso suo marito, non hanno avuto figli. Con un proprio atto depositato da un notaio avevano stabilito che in caso di morte di uno dei due tutto passasse all'altro. I fratelli di lui hanno detto che ai fratelli e nipoti del coniuge deceduto prima non aspettava nulla. E' così oppure no? Noi non abbiamo e non vogliamo fare nessuna rivalsa ma sapere dove stà la verità. Grazie. Aldo Gianni- La spezia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eredi con testamento:
      Coniuge (in mancanza di figli e senza ascendenti) = 50% coniuge + 50% quota disponibile.-
      Questo nel tuo caso significa che se i Tuoi zii avevano disposto l'uno in favore dell'altro, ai fratelli e ai nipoti del primo coniuge deceduto non spettava nulla.-

      Elimina
  18. Buongiorno, vorrei Cortesemente delle informazioni, i miei genitori hanno dato nel 2001 70 milioni di vecchie lire a mia sorella per l'acquisto di una casa mentre al sottoscritto sono stati dati nel 2009 euro 35000. Non ho diritto alla collazione dato che i valori delle case pre euro erano notevolmente diversi rispetto alla situazione attuale del mercato immobiliare. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      La collazione è l'atto con cui i figli, i loro discendenti e il coniuge del defunto, conferiscono alla massa ereditaria - intesa come l'insieme dei beni che saranno oggetto di eredità - tutti i beni mobili e immobili ricevuti a titolo di donazione dal defunto quando questi era in vita. Le donazioni fatte dal defunto quando era in vita possono infatti incidere anche significativamente sia sul complesso dei beni lasciati dal defunto, sia, di conseguenza, sull'entità delle porzioni di beni spettanti a ciascuno degli eredi. Con la collazione, la legge intende pertanto ripristinare, a favore dei parenti più stretti del defunto, l'uguaglianza di trattamento nella ripartizione del patrimonio ereditario.-

      Elimina
  19. Buongiorno, signor avvocato vorrei Cortesemente delle informazioni, e la ringrazio anticipatamente. Mio fratello due anni fa è deceduto, solo oggi vengo a sapere che la moglie e i figli hanno rinunciato all'eredità e non stanno pagando i debiti e il mutuo dello casa dove abitano intestata a mio fratello e alla moglie, vorrei chiedere posso ancora rinunciare all'eredità di mio fratello visto che sono conproprietario con lui e altri fratelli di una quota di un altra casa lasciata da nostra mamma deceduta, in questa casa in non ci abito ho solo una quota di possesso insieme a tutti gli altri fratelli compreso fratello deceduto.
    la ringrazio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rinuncia di eredità:
      La rinuncia all'eredità è l’atto con il quale il chiamato all’eredità dichiara di non volerla accettare, ad esempio perché i debiti del defunto sono superiori ai crediti, In tale eventualità egli deve rinunciare espressamente per mezzo di una dichiarazione ricevuta dal notaio o effettuata dal Cancelliere del Tribunale circondario in cui si è aperta la successione, altrimenti si considera come non avvenuta.
      La rinuncia all'eredità non può essere sottoposta ad una condizione o ad un termine, né può essere limitata solo ad una quota parte dell’eredità stessa. La rinuncia, a differenza dell’accettazione, è sempre revocabile; il rinunziante, se non è passato il termine di prescrizione di dieci anni, ha il diritto di accettare fino a che, in seguito al suo rifiuto, un chiamato di grado inferiore non abbia a sua volta accettato. Il chiamato all’eredità perde la facoltà di rinunciare se sottrae i beni ereditati o se comunque ha venduto o donato beni di appartenenza del defunto.
      I rinuncianti si devono presentare personalmente, se maggiorenni. Nel caso di minorenni si devono presentare entrambi i genitori in loro rappresentanza. Nel caso di interdetti, inabilitati no minori, il tutore o il genitore deve chiedere l’autorizzazione per la rinuncia all’eredità del minore al Giudice Tutelare del luogo di residenza del minore o del tutore.
      La rinuncia all'eredità deve farsi con dichiarazione ricevuta dal notaio o dal Cancelliere del Tribunale competente (cioè il Tribunale dell’ultimo domicilio del defunto), entro 3 mesi dalla morte se si è in possesso dei beni o entro 10 anni se non si è in possesso dei beni e non ha effetto se non è osservata la forma prescritta (art. 519 c.c.).-

      Elimina
  20. Buonasera avvocato
    Il mio dubbio riguarda una donazione per la nuda propietà fatta anni fa da mia madre a noi figli.
    ora se accetta la resersibilità di mio padre si farà carico anche dei suoi debiti...che sono molti essendo lei nulla tenente mi chiedevo se e chi si può attacccare ad una donazione o se arrivano solo al 5° della pensione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      I creditori oltre al 5° della pensione si potrebbero attaccare anche ad una donazione.-

      Elimina
  21. Gentile Avvocato
    vorrei chiederle : io e mio marito siamo in regime di separazione di beni.
    Io possiedo una casa, mio marito un'altra ciascuno a proprio nome.
    Mio marito ha due figli da un precedente matrimonio.
    Se muoio prima di mia marito a chi va la mia eredità?
    Se muore mio marito prima di me a chi va la sua eredità?
    Entrambi abbiamo fratelli.
    A seconda di come Lei risponderà vorrei che entrambi fossimo tutelati alla nostra reciproca morte in modo da continuare ad essere sicuri nella nostra vecchiaia.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara!
      Senza testamento:
      Coniuge + due figli = 33,3% per ciascuno
      Questo nel caso muoia prima Tuo marito.-
      Coniuge + fratelli = 66,6% coniuge + 33,3% fratelli
      Questo nel caso muoia prima Tu.-
      Con testamento:
      Coniuge + 2 o più figli = 25% coniuge + 50% in parti uguali tra i figli + 25% quota disponibile.-
      Nel caso muoia prima Tuo marito il 50% del suo patrimonio andrebbe comunque per legge ai figli.-
      Nel caso invece che muoia prima Tu, il Tuo patrimonio andrebbe tutto a Tuo marito.-

      Elimina
  22. Buongiorno avvocato le chiedo gentilmente un consiglio sono sposata da 22 anni con separazione dei beni con 2 figli (20 e 16 anni) un mutuo regolarmente pagato da 15 anni che va ad estinzione ad ottobre di quest'anno, la casa e' intestata solo a mio marito perché al momento dell' acquisto io non lavoravo... il problema e' che da piu' di un anno ho scoperto che lui ha il vizio della ludopatia. Ora siamo in terapia in un centro, la gestione dei soldi adesso la tengo io, non riscontro piu ammanchi e posso pian piano pagare i debiti che lui ha fatto negli anni. Ma una cosa mi preoccupa ...se lui in futuro dovesse avere delle ricadute come posso tutelare me e soprattutto i miei figli sulla casa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo fino a quando la casa rimane intestata a Tuo marito per legge non puoi farci nulla, quindi puoi solo cercare di convincerlo a donare la casa ai suoi figli adesso che è in grado di capire le possibili conseguenze del suo vizio, e cioè che corre il rischio che la casa vada ai suoi creditori.-

      Elimina
  23. Buongiorno avvocato vorrei chiederle:
    Ho debiti con la banca e con equitalia, alla mia morte equitalia può attaccare la casa intestata a mia moglie avuta in eredita dalla madre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla Tua eventuale morte, Tua moglie dovrebbe rinunciare "formalmente" all'eredità in modo da non correre alcun tipo di rischi.-

      Elimina
  24. Buon giorno Avvocato, avrei bisogno di una dritta. Conosco l'art. 480 c.c., però ho notato che spesso, nella pratica, viene disatteso e agli eredi è consentito fare la successione anche dopo i 10 anni. Allora Le chiedo : come posso far valere la avvenuta prescrizione contro alcuni chiamati all'eredità che sono rimasti inerti per più di 10 anni e ora hanno deciso di voler procedere alla successione? Posso impedirlo in qualche modo? A chi devo rivolgermi per far valere la avvenuta prescrizione? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Codice Civile: ARTICOLO 480
      Prescrizione
      Il diritto di accettare l'eredità si prescrive in dieci anni.
      Il termine decorre dal giorno dell'apertura della successione e, in caso d' istituzione condizionale , dal giorno in cui si verifica la condizione. In caso di accertamento giudiziale della filiazione il termine decorre dal passaggio in giudicato della sentenza che accerta la filiazione stessa.
      Il termine non corre per i chiamati ulteriori , se vi è stata accettazione da parte di precedenti chiamati e successivamente il loro acquisto ereditario è venuto meno.-
      Purtroppo nel tuo caso puoi far valere la avvenuta prescrizione solo per via giudiziaria.-

      Elimina
  25. Buongiorno avvocato
    In diritto civile si definisce erede colui che sia stato chiamato a succedere

    nella universalità dei beni o in una quota di essi.
    Nel caso che gli eredi legittimi (moglie e figli) rinunciano all'eredità sono eredi

    legittimi, i genitori fratelli/sorelle del de cuius che diventano eredi chiamati all'eredità.

    Ma io fratello del de cuius posso non sapere della rinuncia espressa dalla moglie e dai figli
    e tenendo presente che non vi sia testamento redatto da un notaio, ma solo mortis in causa.
    Come si esplicita questa chiamata all'eredità??

    Da chi sarò convocato e/o informato? Dal tribunale, Dal giudice o da organi competenti o devo essere io parte diligente?
    In questo caso da quando decorre la prescrizione del diritto di rinuncia all'eredità?

    Ringrazio anticipatamente per la Vostra cortese risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rinuncia di eredità:
      La rinuncia all'eredità è l’atto con il quale il chiamato all’eredità dichiara di non volerla accettare, ad esempio perché i debiti del defunto sono superiori ai crediti, In tale eventualità egli deve rinunciare espressamente per mezzo di una dichiarazione ricevuta dal notaio o effettuata dal Cancelliere del Tribunale circondario in cui si è aperta la successione, altrimenti si considera come non avvenuta.
      La rinuncia all'eredità non può essere sottoposta ad una condizione o ad un termine, né può essere limitata solo ad una quota parte dell’eredità stessa. La rinuncia, a differenza dell’accettazione, è sempre revocabile; il rinunziante, se non è passato il termine di prescrizione di dieci anni, ha il diritto di accettare fino a che, in seguito al suo rifiuto, un chiamato di grado inferiore non abbia a sua volta accettato. Il chiamato all’eredità perde la facoltà di rinunciare se sottrae i beni ereditati o se comunque ha venduto o donato beni di appartenenza del defunto.
      I rinuncianti si devono presentare personalmente, se maggiorenni. Nel caso di minorenni si devono presentare entrambi i genitori in loro rappresentanza. Nel caso di interdetti, inabilitati no minori, il tutore o il genitore deve chiedere l’autorizzazione per la rinuncia all’eredità del minore al Giudice Tutelare del luogo di residenza del minore o del tutore.
      La rinuncia all'eredità deve farsi con dichiarazione ricevuta dal notaio o dal Cancelliere del Tribunale competente (cioè il Tribunale dell’ultimo domicilio del defunto), entro 3 mesi dalla morte se si è in possesso dei beni o entro 10 anni se non si è in possesso dei beni e non ha effetto se non è osservata la forma prescritta (art. 519 c.c.).-

      Elimina
  26. Buonasera avvocato, vorrei chiederle alcuni chiarimenti, in merito a del denaro che i miei genitori hanno deciso di cederci alla loro scomparsa;
    1)diverse polizze stipulate con le POSTE SPA in cui hanno indicato come beneficiari singolarmente per polizza noi figli viventi;
    2) diversi buoni emessi dalle POSTE SPA cointestati sia a loro che ad ognuno di noi.
    I quesiti che mi pongo sono i seguenti:
    nel momento in cui diveniamo beneficiari delle polizze e dei buoni postali, dobbiamo dichiarare questo denaro come eredità o non c'è nè bisogno;
    - altra ipotesi se veniamo in possesso dei risparmi dei miei genitori prima che avvenga il decesso cambia la procedura, nel senso che non c'è bisogno di dichiarare nulla?
    La ringrazio anticipatamente
    Felice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Felice!
      Alla morte dei genitori i figli devono presentare la dichiarazione di successione nella quale devono essere indicati i beni mobili e i beni immobili che vanno a ereditare.-
      Non c'è obbligo di dichiarazione se l'eredità è devoluta al coniuge e ai parenti in linea retta del defunto e l'attivo ereditario ha un valore non superiore a 100.000 euro e non comprende beni immobili o diritti reali immobiliari.-
      Lo stesso discorso vale se venite in possesso dei risparmi dei tuoi genitori prima che avvenga il decesso, nel senso che dipende dall'entità dei risparmi e dall'esistenza o meno di beni immobili.-

      Elimina
  27. Buongiorno avvocato, sono comproprietaria di un terreno con mia sorella, la quale mi ha rilasciato procura a vendere. So che in caso di decesso del mandante la procura non è più valida, ma cosa succerebbe se il decesso avvenisse tra la stipula di un compromesso a vendere e il rogito? sarebbe ugualmente annullato? e in tal caso l'acquirente potrebbe richiedere la restituzione della caparra maggiorata come da impegno?
    La ringrazio molto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      In caso di decesso del mandante tra la stipula di un compromesso a vendere e il rogito,la procura non sarebbe più valida e quindi l'acquirente potrebbe richiedere la restituzione della caparra.-

      Elimina
  28. Buongiorno, vorrei avere un chiarimento e ringrazio in anticipo, sono discorsi similari a quesiti a cui ha giaà risposto .
    I miei genitori (84 e 91 anni) mi hanno dato 50.000 Euro versati in un libretto intestato a me ed ai miei due figli, per ricompensarci dell'aiuto materiale che hanno sempre ricevuto dalla mia famiglia.
    Mi spiego, ho un solo fratello, pensionato, che per lavoro è andato via dal 1970, vive a circa 600 Km e viene a trovarli una volta l'anno per 3-4 giorni e quando sono stati ricoverati in ospedale per un lungo periodo, è venuto per 3 giorni ed è fuggito.
    La mia famiglia pensa ad accudirli in ogni momento con tutte le difficoltà di salute che hanno dovuto attraversare (ictus, ricoveri, ictus, terapie, ecc).
    Posseggono una casa di proprietà di mia madre ed altri 20.000 Euro in banca. Vorrei sapere, mio fratello potrebbe fare qualche rivalsa per questa loro decisione oppure conta qualcosa il fatto che la mia famiglia da 45 anni li accudisce ed i miei genitori ci vogliono gratificare e ricompensare tutto il nostro aiuto.
    Grazie Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      Purtroppo SI!
      Tuo fratello, alla morte dei genitori potrebbe far entrare nell'asse ereditario anche i soldi che ti hanno versato, a prescindere quindi dalla motivazione per la quale ti sono stati dati.-
      Infatti per legge, alla morte dei genitori l'intera eredità comprese eventuali somme versate in vita, va divisa in parti uguali tra i figli, a meno che i genitori non dispongano diversamente con un testamento, ovviamente solo per la quota disponibile, cioè nel rispetto della quota di legittima.-

      Elimina
  29. Buongiorno mio papà è mancato il 04/03/2015 lascia il coniuge mia mamma e 4 figli ed una eredità che tra casa negozio e terreno potrà aggirarsi sui 400/500 mila euro, noi volevamo sapere se è possibile nella successione intestare tutto a mia mamma rinunciando noi 4 figli all'eredità oppure intestare tutto a noi figli facendo rinunciare mia mamma all'eredità insomma vorremmo sapere quale è la forma migliore e anche più conveniente a livello economico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il legislatore ha previsto che il proprietario possa donare uno o più diritti compresi nella piena proprietà, riservandosi un diritto “limitato”. Così, il proprietario può donare la proprietà (o meglio, la nuda proprietà) riservandosi il diritto di usufrutto.-
      Nel Vostro caso la soluzione più corretta a mio avviso è che Vostra madre ceda la sua quota di eredità a voi figli riservandosi l'usufrutto della casa o comunque dell'appartamento dove risiede.-

      Elimina
  30. Salve le chiedo per una brutta situazione mia sorella in casa con la mamma sono in affitto, io sono sposato fuori casa hanno contratto molti debiti negli anni affitti case Acer indietro, da pagare bollette etc e mia sorella ha due finanziamenti grossi con il quinto dello stipendio del quale ora nn ha più perché si è licenziata causa depressione, ,,,io li ho sempre aiutati ma ora con due figli e poco lavoro nn posso più farlo, la mamma ha una misera pensione che copre alcune spese di le chiedo se dovesse succedere qualcosa a mia sorella, ,,,,venisse a mancare,,,,,,sperando nn capiti mai i suoi debiti li dovrò pagare io,,? Augurandomi nn succeda nulla ma se dovesse capitare chi pagherà i suoi debiti mia madre nn c'è la farebbe ,,mai, ,,,,grazie della risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se Tua sorella non ha beni da lasciare ai familiari, i familiari all'eventuale sua morte non dovrebbero accettare alcuna eredità e quindi non dovrebbero pagare i suoi debiti.-

      Elimina
  31. Buonasera avvocato siamo una coppia sposati dà 20 anni nn abbiamo avuto la fortuna di avere figli ,,,,,uun futuro lontano casa e tutti i ns beni a chi andranno ,,,,ai nipoti? Grazie per la risposta è intestato tutto a noi,,,,al momento abbiamo 5O anni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza testamento:
      - Ascendenti (senza coniuge, senza figli e senza fratelli) = intera eredità
      - Fratelli (senza coniuge, senza figli, e senza ascendenti) = intera eredità in parti uguali
      - Ascendenti + fratelli (senza coniuge e senza figli) = 50% ascendenti + 50% fratelli
      - Altri parenti oltre il 6° grado (se unici eredi) = intera eredità in parti uguali ai parenti di grado più prossimo.-

      Elimina
  32. Buongiorno Avvocato il fratello di mio marito é morto il mese di luglio 2014 e aveva una casa di proprietà da ristrutturare e con una causa pendente dei vicini...e parecchi debiti,non era sposato ma con un figlio di 25 anni che ha rinunciato all'eredità quindi vorrei sapere se i debiti ricadono sui fratelli quindi mio marito e gli altri 4 e come possiamo fare per rinunciare a eredità e debiti che superano di gran lunga ....grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rinuncia di eredità:
      La rinuncia all'eredità è l’atto con il quale il chiamato all’eredità dichiara di non volerla accettare, ad esempio perché i debiti del defunto sono superiori ai crediti, In tale eventualità egli deve rinunciare espressamente per mezzo di una dichiarazione ricevuta dal notaio o effettuata dal Cancelliere del Tribunale circondario in cui si è aperta la successione, altrimenti si considera come non avvenuta.
      La rinuncia all'eredità non può essere sottoposta ad una condizione o ad un termine, né può essere limitata solo ad una quota parte dell’eredità stessa. La rinuncia, a differenza dell’accettazione, è sempre revocabile; il rinunziante, se non è passato il termine di prescrizione di dieci anni, ha il diritto di accettare fino a che, in seguito al suo rifiuto, un chiamato di grado inferiore non abbia a sua volta accettato. Il chiamato all’eredità perde la facoltà di rinunciare se sottrae i beni ereditati o se comunque ha venduto o donato beni di appartenenza del defunto.
      I rinuncianti si devono presentare personalmente, se maggiorenni. Nel caso di minorenni si devono presentare entrambi i genitori in loro rappresentanza. Nel caso di interdetti, inabilitati no minori, il tutore o il genitore deve chiedere l’autorizzazione per la rinuncia all’eredità del minore al Giudice Tutelare del luogo di residenza del minore o del tutore.
      La rinuncia all'eredità deve farsi con dichiarazione ricevuta dal notaio o dal Cancelliere del Tribunale competente (cioè il Tribunale dell’ultimo domicilio del defunto), entro 3 mesi dalla morte se si è in possesso dei beni o entro 10 anni se non si è in possesso dei beni e non ha effetto se non è osservata la forma prescritta (art. 519 c.c.).-

      Elimina
  33. Buongiorno avvocato,

    1- se alla mia morte mia moglie rinuncia all'eredita ha diritto alla pensione di reversibiltà ?

    2- Mia moglie se accetta la pensione di reversibilità, i creditori la possono attaccare e pignorare la casa intestata solo a Lei, avuta in eredità dalla mamma deceduta alcuni anni fa.
    la ringrazio anticipatamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - SI! Alla Tua eventuale morte, anche in caso di rinuncia all'eredità, Tua moglie avrebbe comunque diritto alla pensione di reversibilità.-
      - NO! Se Tua moglie rinuncia all'eredità, i tuoi creditori non potrebbero comunque rivalersi su di lei, perché la pensione di reversibilità sarebbe ininfluente.-

      Elimina
  34. Salve avvocato, avrei bisogno di alcune delucidazioni su come dare legale esecuzione alle volontà dei miei genitori che seppur molto anziani hanno deciso di darci del denaro sottoscrivendo delle polizze con Poste Italiane nominandoci per ogni polizza singolarmente come beneficiari finali.
    Inoltre hanno dei buoni postali ordinari cointestati con ognuno di noi.
    Il quesito è il seguente:
    noi siamo 4 figli viventi a godere di questo beneficio, ma vi è mia cognata (vedova del 5 fratello) che non beneficerebbe di questo, in quando dalla morte di mio fratello sia lei che la figlia che vivono a circa 500 km da noi hanno rifiutato di avere rapporti sia con i miei genitori che con noi, a tal punto che dietro richiesta telefonica di mia madre per salutale hanno detto di non voler avere alcun tipo di rapporto con noi tutti.
    Se così come sopra descritto, potrebbero vantare dei diritti mia cognata e mia nipote?
    E quale sarebbe secondo lei la soluzione per dare seguito alla volontà dei miei genitori?
    Ringraziandola anticipatamente, distinti saluti Giuseppe

    indicandocisottoforma di beneficiari di polizze vite intesta entrambi hanno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuseppe!
      Per legge, alla morte dei genitori l'intera eredità comprese eventuali somme versate in vita, va divisa in parti uguali tra i figli, a prescindere quindi dal comportamento dei singoli, a meno che i genitori non dispongano diversamente con un testamento, ovviamente solo per la quota disponibile, cioè nel rispetto della quota di legittima.-

      Elimina
  35. Buonasera avvocato, avrei un quesito per Lei: mia madre è intestatario di un terreterreno che vorremmo vendere, acquistato durante il matrimonio, in comunione dei beni, con mio padre che è deceduto dieci anni fa'. Andava inserito nella successione? E se si adesso per poter vendere cosa bisogna fare? AnticAnticipatamente ringrazio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima Tua madre deve fare la denuncia di successione per la parte di proprietà del marito defunto, poi potrà disporre liberamente del terreno.-

      Elimina
  36. Buongiorno avvocato,
    Mio nonno è venuto a mancare e ha lasciato a mia madre e mia zia una casa e diversi soldi in banca. Mia mamma ha però un debito con equitalia quindi la mia domanda è, per non perdere l eredità (visto che i debiti di mia mamma sono superiori alla eredità ) può lei rinunciarvi e rientrare io, come unica figlia, in successione? Oppure quale potrebbe essere un'alternativa?

    La ringrazio anticipatamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      I creditori del rinunziante possono essere pregiudicati dalla rinunzia che questi abbia fatto dell’eredità, qualora dalla rinunzia derivi il mancato ingresso di uno o più cespiti nel patrimonio del rinunziante, che, si ricorda, costituisce garanzia delle obbligazioni da questi assunte, secondo l’articolo 2740 del codice civile. In tale caso, anche qualora la rinunzia non consegua a frode ai danni dei creditori, questi possono farsi autorizzare ad accettare l’eredità in nome e per conto del rinunziante (articolo 524 del codice civile). Ciò allo scopo di soddisfarsi sui beni ereditari, ma limitatamente al concorso tra il valore dei crediti vantati e il valore di beni ereditari e non oltre.-

      Elimina
  37. Buona sera avvocato. Poche settimane fa è venuta a mancare mia zia. Lei senza figli e ne marito, viveva con un altra ed unica zia ancora in vita e con cui avevano un conto corrente cointestato. Non vi è testamento. Da parte nostra siamo rimasti noi nipoti di altri fratelli deceduti. A chi spetterebbe l'eventuale eredità. La ringrazio anticipatamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza testamento, senza coniuge, senza figli e senza ascendenti, l'intera eredità va divisa in parti uguali tra i fratelli in vita e i figli dei fratelli deceduti.-

      Elimina
  38. Buongiorno avvocato,
    Mio padre e mia mamma sono in comunione dei beni.
    Mio padre ha grossi debiti con equitalia, alla sua morte se mia mamma rinuncia all'eredita di mio padre, ha diritto alla pensione di reversibiltà ?

    Mia mamma se accetta la pensione di reversibilità, equitalia le puo pignorare la casa, e i creditori la possono attaccare visto che ha la casa di proprietà intestata solo a Lei, avuta in eredità dalla mamma deceduta alcuni anni fa.
    grazie di cuore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è problema!
      All'eventuale morte di tuo padre, Tua madre potrebbe rinunciare all'eredità ed avere comunque diritto alla pensione di reversibilità, e non ci sarebbe alcun rischio per la casa di proprietà avuta in eredità.-

      Elimina
  39. Buongiorno dott Censori, le pongo una domanda forse un po fuori tema.Mia zia 93 anni, vedova e senza figli,invalida civile al 100% per demenza senile, ha ricevuto una raccomandata di fine locazione e non rinnovo.Impensabile levarla da una casa dove ha passato 40 anni di vita.Esiste qualche tutela riguardo lo sfratto,vista l'eta' e la condizione (ed il poco che puo' restarle da vivere) posto che mai ci sono stati ritardi nei pagamenti dei canoni, o altro?grazie per una cortese risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucia!
      Innanzitutto, bisogna verificare il tipo di contratto. Per quelli ad uso abitativo possono essere usate diverse formule; una di queste prevede che questi venga a sciogliersi al suo termine, che può essere decretato dopo otto anni (con rinnovo dopo il quarto), oppure, dopo cinque. L'accordo può essere svincolato prima della scadenza solo se è stabilito nei termini e solo per alcune esigenze, quali la necessità dell'utilizzo dell'immobile da parte del proprietario, sia per motivi personali che commerciali. Anche la ristrutturazione dell'immobile può contemplare la fine dello stesso. Inoltre, questo iter è possibile solo se il proprietario ha effettuato la necessaria comunicazione all'inquilino entro un annualità da quando questi deve lasciare la casa. Se ciò non avviene, l'inquilino può chiedere un risarcimento, non inferiore a 36 mensilità, al locatore.-
      Vi consiglio comunque di rivolgervi alla sede più vicina del SUNIA per farvi tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  40. Salve Avvocato

    Mio sorella è morta, il marito e i figli hanno rinunciato all’eredità di mia sorella perchè lei aveva molti debiti con finanziarie e banche.
    Io come fratello unico rischio che l’eredità passa a me e sarò un futuro chiamato all’eredità,
    la domanda che Le chiedo è la seguente:
    devo già rinunciare all’eredità, ho posso aspettare di rinunciare quando sarò chiamato all’eredità.
    Sono preoccupato e non so cosa fare.
    Sono sposato in comunione dei beni e ho un figlio.
    La ringrazio tantissimo e la saluto grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rinuncia di eredità:
      La rinuncia all'eredità è l’atto con il quale il chiamato all’eredità dichiara di non volerla accettare, ad esempio perché i debiti del defunto sono superiori ai crediti, In tale eventualità egli deve rinunciare espressamente per mezzo di una dichiarazione ricevuta dal notaio o effettuata dal Cancelliere del Tribunale circondario in cui si è aperta la successione, altrimenti si considera come non avvenuta.
      La rinuncia all'eredità non può essere sottoposta ad una condizione o ad un termine, né può essere limitata solo ad una quota parte dell’eredità stessa. La rinuncia, a differenza dell’accettazione, è sempre revocabile; il rinunziante, se non è passato il termine di prescrizione di dieci anni, ha il diritto di accettare fino a che, in seguito al suo rifiuto, un chiamato di grado inferiore non abbia a sua volta accettato. Il chiamato all’eredità perde la facoltà di rinunciare se sottrae i beni ereditati o se comunque ha venduto o donato beni di appartenenza del defunto.
      I rinuncianti si devono presentare personalmente, se maggiorenni. Nel caso di minorenni si devono presentare entrambi i genitori in loro rappresentanza. Nel caso di interdetti, inabilitati no minori, il tutore o il genitore deve chiedere l’autorizzazione per la rinuncia all’eredità del minore al Giudice Tutelare del luogo di residenza del minore o del tutore.
      La rinuncia all'eredità deve farsi con dichiarazione ricevuta dal notaio o dal Cancelliere del Tribunale competente (cioè il Tribunale dell’ultimo domicilio del defunto), entro 3 mesi dalla morte se si è in possesso dei beni o entro 10 anni se non si è in possesso dei beni e non ha effetto se non è osservata la forma prescritta (art. 519 c.c.).-

      Elimina
  41. Gentilissimo Avvocato vi o scritto diverse volte, Siete una persona Molto Meritevole, vi ringrazio delle precedente volte dei vostri chiarimenti GRAZIE. Adesso ho un altro rompi capo con una proprietà della mia madre abbiamo una casetta in campagna io ho tre vani i miei confinanti una e due fratelli due vani persone che non mi sono parenti e ne amici da come si comportano . mi spiego davanti a questa casetta cera l'aia come si usava tempo fa premetto è in campagna zona agricola. l'aia era di circa 200 metri quadri , ora e circa 100 metri quadri. ed è una particella separata della casa e dei terreni, c'he sarebbe di tutti i proprietari della casetta. i gennitori di questi due fratelli che 'l'anno comprato negli anni 1965 già l'anno trovato dimezzata, io l'o saputo di questa particella che ho fatto l'accatastamento nel 2008 e da allora sempre verbalmente gli ho ripetuto di ripristinare l'aia. posso pretendere di ripristinare l'aia siccome è una particella apparta della casetta Vi ringrazio Carmine da Benevento

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carmine!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      SI!
      Le costruzioni agricole si trovavano ai lati dell' aia, che era un grosso quadrato o rettangolo, solito rivestita a mattoni o pietre e veniva utilizzata per trebbiare il grano e gli altri prodotti del podere. Nella vita familiare dei mezzadri e dei contadini l’aia svolgeva in estate la stessa funzione che aveva il camino d’inverno. Infatti sull'aia, le famiglie si riunivano ed alcune volte, venivano fatti i balli e feste campestri. L'aia era anche il luogo dove svolazzavano polli, galline, oche, faraone e tacchini ... da qui deriva il termine animali da cortile.-
      Questo significa che puoi far ripristinare l'aia come previsto in catasto, ma devi farlo per iscritto, cioè tramite raccomandata A/R, perché le comunicazioni verbali non hanno alcun valore giuridico.-

      Elimina
  42. Egregio Avv. Censori, la scrivo in quanto vorrei dei chiarimenti per quanto riguarda la successione dell'eredità di mio padre deceduto un anno e mezzo fa senza testamento. Espongo il problema:
    mia madre sostendendo che mio padre avesse dei debiti, ha fatto fare solo a noi figli la rinuncia all'eredità (in pratica mia madre ha voluto l'eredità tutta per se). In seguito noi figli ci siamo accorti che questi debiti sono irrisori o comunque non superiori ai crediti pertanto non vorremmo più rinunciarci
    Le mie domande sono:
    possiamo revocare la rinuncia?
    se si entro quanto tempo e in che modalità? serve quanche documento?
    c'è bisogno di recarsi dallo stesso notaio da cui abbiamo fatto la rinuncia?
    deve essere presente, o portarla a conoscenza, nostra madre?

    Nell'attesa le porgo i miei ringraziamenti per l'attenzione e l'eventuali risposte.
    buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rinuncia di eredità:
      La rinuncia all'eredità è l’atto con il quale il chiamato all’eredità dichiara di non volerla accettare, ad esempio perché i debiti del defunto sono superiori ai crediti, In tale eventualità egli deve rinunciare espressamente per mezzo di una dichiarazione ricevuta dal notaio o effettuata dal Cancelliere del Tribunale circondario in cui si è aperta la successione, altrimenti si considera come non avvenuta.
      La rinuncia all'eredità non può essere sottoposta ad una condizione o ad un termine, né può essere limitata solo ad una quota parte dell’eredità stessa. La rinuncia, a differenza dell’accettazione, è sempre revocabile; il rinunziante, se non è passato il termine di prescrizione di dieci anni, ha il diritto di accettare fino a che, in seguito al suo rifiuto, un chiamato di grado inferiore non abbia a sua volta accettato. Il chiamato all’eredità perde la facoltà di rinunciare se sottrae i beni ereditati o se comunque ha venduto o donato beni di appartenenza del defunto.-

      Elimina
  43. Buonasera Avvocato, vorrei chiarirmi le idee prima del mio matrimonio.
    Si tratta di seconde nozze, attualmente sono divorziata ed ho una figlia di 26 anni avuta nel primo matrimonio. Sono proprietaria di una casa che ho ereditato da mio padre parecchi anni fa. Vorrei sapere se dopo sposata mi dovesse accadere qualcosa la casa ricevuta da me in eredita' andrebbe in eredita' tutta a mia figlia o anche a mio marito? Il mio futuro marito ha due figli. Cambierebbe qualcosa essere sposati in comunione o separazione dei beni in riferimento sempre alla casa? La ringrazio anticipatamente. Cordiali saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Se dopo sposata ti dovesse accadere qualcosa l'eredità andrebbe divisa tra Tuo marito e Tua figlia, al 50% ciascuno.-
      - NO! Il regime di comunione o di separazione del beni sarebbe ininfluente ai fini ereditari.-

      Elimina
  44. Buongiorno avvocato,scrivo per avere delucidazioni su un problema di eredita'. Mia madre, deceduta nel 2014, era pensionata INPS-INPDAP e indennita' di accompagnamento per una forma grave di halzaimer, gli ultimi 10 anni li ha vissuti con mio fratello, con cui aveva un c.c. cointestato, dove le venivano canalizzate le pensioni, il conto veniva alimentato esclusivamente dalle sue pensioni. Avendo chiesto, in qualità' di erede l'estratto conto a Poste Italiane per tutto il periodo dell'esistenza del c.c., vengo a scoprire che con cadenza mensile e piuttosto regolare, non appena maturavano gli importi delle pensioni, le somme relative venivano prelevate da mio fratello, in maniera che il conto restasse sempre a zero, non so se trasferendo il danaro sul suo conto esclusivo e se utilizzava il bancomat di mia madre per il menage economico della sua famiglia. Alla morte di mia madre sul conto residuva la somma di euro 1,93. Ora mi chiedo se va in successioe solo il saldo residuo come sostiene mio fratello, o tutto quello che lui in 10 anni ha sottratto dal conto, la ragguardevole cifra di 198.000 euro, solo per quanto riguarda le pensioni, considerandolo come fosse denaro proprio perche' cointestato. Ed ancora lui come cointestatario poteva prelevare sistematicamente tutto di volta in volta o doveva limitarsi a prelievi del 50% della pensione, lasciando sul conto una riserva di denaro per una improvvisa necessita' economica legata alla salute di mia madre? E' legittimo che a me non spetti proprio nulla?
    Grazie per la vostra risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per legge nel caso di un c/c cointestato tra due persone, alla morte di uno dei due cointestatari, la metà del saldo finale va in successione, ma se gli altri eredi ritengono che negli ultimi 10 anni il cointestatario superstite ha sottratto in modo fraudolento dei fondi, possono richiedere che vada in successione la metà dei prelevamenti effettuati negli ultimi 10 anni senza una valida giustificazione.-

      Elimina
  45. Buongiorno avvocato, sono divorziata e proprietaria di una casa di famiglia, vorrei risposarmi e fare in modo in caso di mio decesso che la casa rimanga tutta di proprieta' di mia figlia (avuta nel primo matrimonio). Sarebbe opportuno fare una donazione o ci sono altre possibilità? E se facessi donazione della casa a mia figlia e lei dovesse passare a miglior vita rientrerebbe nell'eredita' il padre e cioe' il mio ex marito? Grazie per la risposta.saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Se vuoi che la casa rimanga tutta di proprietà di Tua figlia devi fare una donazione, perché anche con un testamento dovresti comunque riservare la quota di legittima a Tuo marito.-
      - Se fai la donazione della casa a Tua figlia e lei dovesse passare a miglior vita, l'eredità andrebbe a suo marito e ai suoi figli, mentre senza marito e senza figli andrebbe ai suoi genitori al 50% ciascuno.-

      Elimina
  46. salve avvocato, mio marito è morto qualche mese fa, eravamo in comunione dei beni. abbiamo una casa(seppur intestata solo a me nell'atto di compravendita comprata poco fa). Oltre a me ci sono i miei 6 figli. Oltre alla casa, non ci ha lasciato altro se non debiti con equi e finanziarie. Dobbiamo fare la successione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Anche se la casa è intestata solo a Te, se è stata acquistata dopo il matrimonio, e se eravate in regime di comunione dei beni, a meno che all'atto dell'acquisto Tuo marito non abbia attestato davanti a un notaio che i soldi erano solo i Tuoi, per legge la casa va in successione per la metà di appartenenza di Tuo marito.-

      Elimina
  47. Buongiorno, scrivo per avere informazioni in merito ad una chiusura immediata da parte di mio congnato di tre conti correnti. L'anno scorso mia moglie dopo che era mancato mio suocero e mia suocera è andata in banca per avere chiarimenti sui movimenti bancari (conto corrente di mio suocero insieme a mia suocera) dopo qualche minuto il direttore della banca comunica a mia moglie in via confidenziale che attualmente il nome di mia moglie non risultava sia su un conto che negli altri due. Ovviamente siamo coduti dalle nuvole e l'unica giustificazione che il dirattore ha dato a mia moglie era quella di riuscire a parlare con il fratello e chiedere spiegazioni in merito alla chiusura improvvisa di quei conti correnti soldi che per diritto e non così impropriamente invece lui senza avvertire la sorella a chiuso e riportato tutto su un'altor conto corrente a lei estraneo. Adesso sono mesi che non si parlano per questo motivo ovviamente lui non cede a dare spigazioni ma quella parte di soldi spettano di diritto anche a lei e non solo a lui. Come dobbiamo comportarci quando non c'è un dialogo ma sopratutto il direttore della banca poteva autorizzare il fratello a fare tale movimento senza avvisare di diritto la sorella?
    Grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza testamento, alla morte del de cuius, in presenza del coniuge e di 2 figli, l'intera eredità quindi sia il patrimonio mobiliale che immobiliare vanno divisi in 3 parti uguali.-
      Nel tuo caso quindi Tua suocera e Tuo cognato anno escluso Tua moglie dall'eredità con la complicità della banca, Vi consiglio quindi di rivolgervi alla banca e richiedere il saldo dei conti correnti alla data del decesso di tuo suocero, minacciando il ricorso alle vie legali in caso di rifiuto.-

      Elimina
  48. Buongiorno Avvocato La ringrazio per la risposta cosi' esauriente al mio quesito del 18 marzo ore 18,00. Ho ancora un dubbio se dopo il mio secondo matrimonio io e il mio futuro marito perissimo insieme in un'incidente ad esempio , la mia casa andrebbe in eredita' solo a mia figlia (avuta dal precedente matrimonio) mentre i suoi due figli, avuti anch'essi da precedente matrimonio, non avrebbere diritto a nulla? Ancora complimenti per questo sito che aiuta le persone come me a predisporre un futuro sereno alle persone che piu' amiamo. Un cordiale saluto ed ancora un ringraziamento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      SI!
      In caso di decesso simultaneo di te e di tuo marito la Tua casa andrebbe in eredità solo a Tua figlia.-

      Elimina
  49. Buongiorno Avvocato sono Maria del 10/03/2015.
    La ringrazio innanzitutto per la risposta poi vorrei commentare.
    Che legge del cavolo, allora uno si prende cura dei propri genitori con l’amore che ci unisce, poi loro decidono di ricompensare la figlia ed i 2 nipoti che giornalmente sono presenti, invece “l’eredità” è uguale per tutti i figli, indistintamente.
    Bella fregatura per me ed anche per i miei genitori che sono convinti che quei soldi andranno solo a me ed ai loro nipoti.
    Ma possono dare soldi solo ai miei figli?
    Ma questa "quota disponibile “, praticamente 1/3 di tutta l’eredità potrebbe essere data solo a me facendo una dichiarazione scritta, dicendo “ io sottoscritto…….dichiaro che la quota disponibile vada a mia figlia….”. grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      Se i tuoi genitori vogliono destinare l'eredità in modo diverso da quello che prevede "normalmente" la legge, devono rivolgersi a un notaio e redigere un testamento, indicando quelle che sono le loro volontà.-

      Elimina
  50. Buongiorno Avvocato,
    il mese scorso purtroppo è mancato mio padre all'età di 90 anni senza lasciare testamento. Avendo un fratello che vive a 20.000 km. di distanza, a partire dalla morte di mia madre, mi sono dovuta prendere cura di mio padre (anziano, malato e con un carattere difficile) da sola per 24 anni senza alcun contributo, né morale né economico, da parte di mio fratello. Per prendermi cura di mio padre ho dovuto rinunciare ad un lavoro molto ben retribuito, ma che mi avrebbe costretto a risiedere lontano dall'abitazione di mio padre, e alle vacanze per gli ultimi 10 anni. Inoltre in tutti questi anni non ho mai ricevuto riconoscimenti economici da mio padre, mentre ho casualmente scoperto che mio padre 14 anni fa, ha aiutato economicamente mio fratello ad acquistare casa (versandogli circa 400.000 €). A questo punto le domando: l'eredità lasciata da mio padre va suddivisa in parti uguali tra me e mio fratello? Non potrei intentare una causa mio fratello chiedendo un risarcimento economico per i 24 anni di cure prestate a nostro padre?
    La ringrazio anticipatamente per la cortese risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Se Tuo padre voleva destinare la sua eredità in modo diverso da quello che prevede "normalmente" la legge, avrebbe dovuto redigere un testamento, quindi non avendolo fatto l'intera eredità andrà divisa in parti uguali tra te e tuo fratello.-

      Elimina
  51. Buona sera Avvocato sono Monica.....avrei bisogno di alcune informazioni ringraziandola anticipatamente....
    Mia suocera e' deceduta un anno fa'....e' stata fatta la successione e il 25% di un immobile e un box spettano a mio marito (unico figlio)...il 25% spettano a mio suocero avendo solo la separazione e non il divorzio....l'altro 50% e' del convivente di cui ne e' intestatario....avendo lui il diritto di abitazione mio marito e mio suocero devono dichiarare la loro parte nella dichiarazione dei redditi???? o deve dichiararla tutta il convivente dato che ci vive lui...e per fare la dichiarazione del diritto di abitazione bisogna andare in comune???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Monica!
      L'IMU e l'IRPEF dovranno essere pagate per intero (a prescindere dalla quota effettiva) dal convivente superstite che risiede nella casa con diritto di abitazione; ovviamente, potrà utilizzare per intero anche la relativa detrazione di 200 euro. Nulla è dovuto dagli altri proprietari.-

      Elimina
  52. Buonasera Avvocato,
    le chiedo alcuni consigli premettendo quanto segue: ho perso mio padre ad inizio mese; egli non ha redatto testamento; io sono figlio unico ed i miei genitori sono divorziati; ho una figlia minore; ho l'assoluta certezza della passività dell'eredità (non sono presenti immobili, libretto postale con saldo irrisorio, bollette da pagare per attuali euro 500,00 circa, utimo affitto non onorato, più situazione debitoria preesistente mai caduta in prescrizione per una somma imprecisata (superiore di certo ad euro 7.000,00).
    1) per tutelare me e soprattutto mia figlia (rappresentazione) mi consiglia di rinunciare all'eredità o di accettare con beneficio di inventario?
    2) in caso di rinuncia posso eseguirla in forma plurima (contestualmente il figlio e la nipote richiedendo autorizzazione al Giudice Tutelare)?
    3) come posso comportarmi con i beni mobili di mio padre (vestiti, mobilio, oggetti, etc) ancora contenuti nell'appartamento di cui io possiedo le chiavi? Se consegno le chiavi al proprietario commetto un atto di alienazione dei beni tale da presupporre una accettazione tacita dell'eredtà? Consideri che il primo appuntamento disponibile presso la Cancelleria del Tribunale è in Agosto!!
    4) posso fornire disdetta delle utenze senza che ciò costituisca azione precipua di un erede?
    La ringrazio fin da ora per la sua disponibilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accettazione con beneficio d’inventario:
      In questo modo i debiti del de cuius vanno pagati ugualmente ma fino alla concorrenza del patrimonio del cuius. Quindi il patrimonio dell’erede non viene intaccato.-
      Rinuncia di eredità:
      La rinuncia all'eredità è l’atto con il quale il chiamato all’eredità dichiara di non volerla accettare, ad esempio perché i debiti del defunto sono superiori ai crediti, In tale eventualità egli deve rinunciare espressamente per mezzo di una dichiarazione ricevuta dal notaio o effettuata dal Cancelliere del Tribunale circondario in cui si è aperta la successione, altrimenti si considera come non avvenuta.
      La rinuncia all'eredità non può essere sottoposta ad una condizione o ad un termine, né può essere limitata solo ad una quota parte dell’eredità stessa. La rinuncia, a differenza dell’accettazione, è sempre revocabile; il rinunziante, se non è passato il termine di prescrizione di dieci anni, ha il diritto di accettare fino a che, in seguito al suo rifiuto, un chiamato di grado inferiore non abbia a sua volta accettato. Il chiamato all’eredità perde la facoltà di rinunciare se sottrae i beni ereditati o se comunque ha venduto o donato beni di appartenenza del defunto.
      I rinuncianti si devono presentare personalmente, se maggiorenni. Nel caso di minorenni si devono presentare entrambi i genitori in loro rappresentanza. Nel caso di interdetti, inabilitati no minori, il tutore o il genitore deve chiedere l’autorizzazione per la rinuncia all’eredità del minore al Giudice Tutelare del luogo di residenza del minore o del tutore.
      La rinuncia all'eredità deve farsi con dichiarazione ricevuta dal notaio o dal Cancelliere del Tribunale competente (cioè il Tribunale dell’ultimo domicilio del defunto), entro 3 mesi dalla morte se si è in possesso dei beni o entro 10 anni se non si è in possesso dei beni e non ha effetto se non è osservata la forma prescritta (art. 519 c.c.).-
      Se rinunci all'eredità devi semplicemente consegnare le chiavi al proprietario di casa, e quello che succederà dopo non sarà più affare Tuo.-

      Elimina
  53. Buonasera Avvocato, sono possessore di una casa e sposato in seconde nozze, ho due figli dal precedente matrimonio in caso di mia morte la casa andrebbe in eredita' a mia moglie per il 50% e per il restante 50% suddiviso tra i miei due figli?
    Grazie mille.

    RispondiElimina
  54. Buonasera Avvocato, sempre in riferimento al messaggio precedente ho dimenticato di chiederLe se per lasciare il 50% di eredita' a mia moglie devo fare testamento, in poche parole cambierebbe la quota con testamento o senza testamento per la questione della legittima? Nell'eventuale testamento è necessario indicare le quote o è sufficiente indicare che voglio lasciare la casa a mia moglie? Grazie ancora saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Senza testamento:
      Coniuge + due figli = 33,3% per ciascuno
      - Con testamento:
      Coniuge + 2 o più figli = 25% coniuge + 50% in parti uguali tra i figli + 25% quota disponibile
      Nel tuo caso quindi con testamento dovresti destinare il 25% che è la quota disponibile a Tua moglie che salirebbe quindi dal 25% al 50%.-

      Elimina
  55. GENTILE AVVOCATO
    SIAMO TRE FRATELLI, MIA MADRE VEDOVA SVINCOLAVA ALCUNI BUONI PER DARNE IL RICAVATO A UNA DELLE MIE SORELLE NEL 2012 VIENE A MANCARE MIA MADRE E MIA SORELLA NON VUOLE RESTITUIRMI LA MIA QUOTA DI CIRCA €30.000 PERCHE DICE CHE QUESTO PRESTITO NON CADE IN SUCCESSIONE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tua sorella si sbaglia!
      Infatti sia che si tratti di prestito che di donazione, l'importo versato da Tua madre a Tua sorella cade in successione.-

      Elimina
  56. Gentilissimo avvocato,
    mio marito è deceduto ad agosto 2013. Abbiamo due figlie. Mio marito ha un fratello, sposato con due figlie. I genitori di mio marito sono ancora in vita. Sono persone ricche, danno un aiuto economico per le mie ragazze così come fanno per le altre due nipoti. Ma per le mie figlie l'aiuto è minimo in tutto. Vista la loro grande ricchezza vorrei sapere se un domani, alla loro morte, le mie figlie potrebbero rivalersi in qualche modo per ottenere quello che ora non hanno e che viene dato alle cugine e allo zio. Ora i miei suoceri vogliono vendere una villa in montagna ( mi è stato detto per escludere le mie due ragazze da una eventuale futura eredità). Un domani le mie figlie possono ottenere lo stesso qualcosa da questa vendita? E come posso fare per tutelare le ragazze? A mio marito in vita è stato dato poco e niente, al fratello tutto.Posso ottenere quello che spettava a lui e farlo avere almeno alle ragazze?
    Grazie.
    Edda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Edda!
      Purtroppo Tu non puoi fare nulla, in quanto i Tuoi suoceri in vita possono disporre liberamente dei loro beni, e solo alla loro morte le Tue figlie potranno pretendere la loro parte di eredità, in base alla situazione mobiliare e immobiliare del momento.-
      Riguardo alla vendita della villa in montagna, se i Tuoi suoceri destineranno il ricavato al figlio, a suo tempo le Tue figlie potranno far rientrare la donazione nell'asse ereditario, anche se non sarà facile perché bisognerà dimostrare il trasferimento del denaro.-

      Elimina
    2. grazie di cuore, caro avvocato

      Elimina
  57. buonasera avvocato,
    e' possibile che un avvocato consulti in banca movimenti bancari passati insieme 1 erede senza avvisare gli altri due eredi?
    Cioe' siamo due fratelli nipoti della nonna paterna piu' una zia figlia della nonna.
    La figlia cioe' la zia si e' presentata in banca assieme all avvocato a consultare i movimenti bancari di 4 anni orsono dopo avere fatto le opportune richieste.
    Io e mia sorella non dovevamo essere avvertiti dall avvocato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo un avvocato cura solo gli interessi del suo assistito, e non è quindi obbligato a fornire le informazioni in suo possesso a terze persone, pertanto o consultate anche voi lo stesso avvocato o dovete rivolgervi a un altro di vostra fiducia.-

      Elimina
  58. Salve avvocato la ringrazio anticipatamente per la risposta.
    Io e mio marito siamo sposati in comunione dei beni e abbiamo dei buoni postali cointestati al 50% ognuno,
    mio marito ha debiti con delle finanziarie ed equitalia.

    1 - Possono rivalersi su i buoni postali ?

    2 – Possono rivalersi su tutto il valore dei buoni postali cointestati.

    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non esistono prodotti finanziari impignorabili. Anche le polizze vita, con finalita' di risparmio, sono pignorabili.
      D’altra parte non e' semplice, per Equitalia, ricercare ed individuare cespiti mobiliari di proprietà del debitore sparsi per banche ed uffici postali, specie se tali beni sono assoggettati ad imposta sostitutiva e quindi non risultano censiti in anagrafe tributaria.
      L’azione esecutiva ha dei costi che non devono superare soglie compatibili al potenziale recupero del credito.
      Ciò detto, i buoni fruttiferi postali possono essere rimborsati anticipatamente in qualsiasi momento con diritto alla restituzione del capitale investito e, dopo un anno, al riconoscimento degli interessi fissi maturati.
      Dunque, non c’e' alcun ostacolo a modificare la proprietà del titolo. Cosi' come, con delega, e' possibile riscuotere un buono fruttifero per conto del soggetto a cui il buono e' intestato.-
      Se i buoni postali rimangono cointestati i creditori possono rivalersi sul 50% del valore.-

      Elimina
  59. Buonasera avvocato.
    Se gli eredi sono due figli, ma soltanto uno si e occupato della mamma per i 20 anni ultimi della vita, compresso coabitazione inquanto invalida e poi agravvamento per cancro al pancreas; sono comunque eredi in parità di diritti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Per legge se gli eredi sono due figli, l'eredità va divisa in due parti uguali, a prescindere quindi dal comportamento in vita dei figli stessi, a meno che la mamma non abbia disposto diversamente con un testamento.-

      Elimina
  60. Avvocato buonasera,le pongo il problema.Mio zio sposato regolarmente in comune e in chiesa, da 1 anno e' rimasto vedovo. non hanno figli, la zia defunta ha solo 6 nipoti i quali giustamente pretendono la successione della loro zia, che in soldi sono circa 400.00,00 euro, piu un appartamento del valore di circa 150.000.00 euro. Per svolgere le pratiche di detta successione, mio zio si e' rivolto ad un suo avvocato di fiducia, pertanto le chiedo quanto ammonterebbe la parcella dell'avvocato per fare il tutto? applicando la legge degli avvocati? la ringrazio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non posso esserti d'aiuto perché non sono un avvocato e non sono quindi a conoscenza delle loro parcelle.-

      Elimina
  61. buona sera avvocato , le espongo i fatti mia madre e' deceduta 10 giorni fa dopo essere stata ricoverata dall'11 gennaio in ospedale praticamente non e' piu' uscita dall'ospedale viva. avevamo una piccola osteria io sono il figlio ed ero collaboratore d'impresa senza busta paga praticamente mi pagavo i contributi e l'inail , quindi il commercialista per non pagare piu' l'affitto , mi ha fatto la chiusura attivita' al 31 dicembre . dentro il locale ho buttato via tutto c'era poca roba dei tavoli vecchi e privi di valore un banco da mescita antesignano che ancora e' li dal momento che il robivecchi mi vuole 150 euro per portarlo via (ma il titolare del locale mi ha intimato di sgombrargli il locale). vivevamo in una casa popolare io figlio mia madre intestataria del contratto di locazione. adesso ci viviamo io e mia sorella sono 40 metri quadri di abitazione . adesso mi arrivano cartelle di equitalia a nome di mia madre perché il commercialista ha fatto dei casini, omessi pagamenti inps o pagati in ritardo anche se i soldi sul conto di mia madre c'erano e lui era delegato a prelevare dal conto corrente e faceva i pagamenti on line. lui non ne vuole sapere nulla anzi si e' defilato. non riesco nemmeno a contattarlo ultimamente non aveva piu' neanche l'ufficio , ma io l'ho sempre pagato e non mi ha mai fatto ricevute. comunque il quesito e' questo mia madre non aveva capitali solo 33 euro sul conto corrente ed era intestataria della casa popolare . adesso io e mia sorella residente con lei nella stessa abitazione da 50 anni io e 46 mia sorella posso chiedere la voltura all'ente delle case popolari ? e posso rinunciare alla sua eredita' per non avere sulle mie spalle i suoi debiti? anche perché mi ritrovo con 37 anni di versamenti contributivi e in un attimo ho perso lavoro e madre. la ringrazio sentitamente se vorra' prendere in considerazione questa mia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Puoi chiedere la voltura del contratto all'ente delle case popolari, e puoi rinunciare all'eredità:
      Rinuncia di eredità:
      La rinuncia all'eredità è l’atto con il quale il chiamato all’eredità dichiara di non volerla accettare, ad esempio perché i debiti del defunto sono superiori ai crediti, In tale eventualità egli deve rinunciare espressamente per mezzo di una dichiarazione ricevuta dal notaio o effettuata dal Cancelliere del Tribunale circondario in cui si è aperta la successione, altrimenti si considera come non avvenuta.
      La rinuncia all'eredità non può essere sottoposta ad una condizione o ad un termine, né può essere limitata solo ad una quota parte dell’eredità stessa. La rinuncia, a differenza dell’accettazione, è sempre revocabile; il rinunziante, se non è passato il termine di prescrizione di dieci anni, ha il diritto di accettare fino a che, in seguito al suo rifiuto, un chiamato di grado inferiore non abbia a sua volta accettato. Il chiamato all’eredità perde la facoltà di rinunciare se sottrae i beni ereditati o se comunque ha venduto o donato beni di appartenenza del defunto.
      I rinuncianti si devono presentare personalmente, se maggiorenni. Nel caso di minorenni si devono presentare entrambi i genitori in loro rappresentanza. Nel caso di interdetti, inabilitati no minori, il tutore o il genitore deve chiedere l’autorizzazione per la rinuncia all’eredità del minore al Giudice Tutelare del luogo di residenza del minore o del tutore.
      La rinuncia all'eredità deve farsi con dichiarazione ricevuta dal notaio o dal Cancelliere del Tribunale competente (cioè il Tribunale dell’ultimo domicilio del defunto), entro 3 mesi dalla morte se si è in possesso dei beni o entro 10 anni se non si è in possesso dei beni e non ha effetto se non è osservata la forma prescritta (art. 519 c.c.).-

      Elimina
  62. Buonasera avvocato, avrei qualche domanda da farLe. La mia compagna, con la quale abbiamo un figlio di 7 anni è morta 1 mese fa. Non essendo sposati mio figlio è l'unico erede, anche perché ha lasciato un testamento olografo. Avevamo conti separati e in banca non vogliono bloccare il suo conto finché non ci sarà l'atto di successione (dovrebbero richiederlo per sbloccarlo non per bloccarlo). La mi domanda è : visto che mio figlio è l'unico erede, posso usare anche i soldi della mia compagna per le spese di mio figlio anche prima che rilascino l'atto? D'altronde sono soldi che spettano a mio figlio (naturalmente solo per cose sue). Visto i tempi per la successione e per la pensione ho un po di difficoltà andare avanti senza un piccolo aiuto.
    Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Senza l'atto di successione Tu per legge non hai titolo per accedere al conto della Tua compagna deceduta, perché anche se avevi una delega, non è più valida dopo la sua morte.-

      Elimina
  63. Buonasera, mio padre e morto da poco e lascia mia madre separata in comunione di beni e tre figli. I rapporti sono delicati e sto cercando di nn essere invadente perche mia madre mi metterebbe contro gli altri due fratelli come ha sempre fatto, ma nn so come gestire lamsuccessione perche quando ho tentato di parlarne sono stata liquidata con un 'e semplice, mamma ha il 75% delle due case e a noi spetta il resto diviso in parti uguali'. Ci sono pero anche delle liquidita in banca e alla posta e dei bot o simili, ma nn so di preciso. Inoltre mia madre era stata ' liquidata' in fase di separazione e aveva gia ricevuto una bella somma ma nn so a che titolo, forse una parte dei soldi che mionpadreaveva in banca.. come faccio neldmodo piu delicato possibile ad avere queste informazioni, e soprattutto possono loro agire senza informarmi, ad esempiomprelevare in banca o fare altre operazioni? Ci sono ad esempio dei gioielli che mio padre eredito dai genitori, mia madre puo impossessarsi di questi gioielli? Io ho suggerito a mio fratello di andare insieme da un notaioo cosi ci dice bene tutto ma sara difficile, mio fratello si fida ciecamente di mia madre e mia sorella e'avida come lei.. nn so come far valere i miei diritti senza entrare in conflitto.. gia dei sildi che mio padre aveva in casa, se li sono spartiti senza coinvolgermi e mi hanno dato una busta coi soldi dentro che dovevo accettare e basta .. mio fratello e sicuramente in buona fede nn ho dubbi ma mia madre gia al funerale faticava a nn soridere e parlava della pensione di reversibilita e mia sorella ha fatto un accenno che con mia madre si e gia accordata di quando loro decideranno di vendere almeno una delle case .. sono angosciata, oltre almdolore anche questi problemi, a chi mimpotrei rivolgere per rappresentarmi, un legale, un notaio, un commercialista, con la scusa che io non ci capisco nulla, che poi e vero .. grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non c'è un sistema per far valere i tuoi diritti senza entrare in conflitto con gli altri eredi, quindi o ti rassegni e ti prendi quello che ti danno, o devi rivolgerti a un avvocato per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
    2. Grazie! In effetti ha ragione .. il suo aiuto e preziosissimo, e' molto difficile essere lucidi dopo un lutto sembra tutto cosi irreale.. grazie mille!

      Elimina
  64. Salve avvocato dopo 7 mesi da disoccupata oggi mi è arrivata l'offerta di lavoro presso un azienda a cui tenevo tanto tramite agenzia interinale, ,,,ho firmato il contratto oggi per una settimana ,,,ma ogni volta che è se viene rinnovato devo tornare in agenzia a firmare,,,,poi mi hanno detto che l'azienda va in ferie in agosto in questo caso verrei staccata dall'agenzia senza percepire stipendio, periodo ferie e se riprendo in settembre mi riassume l'agenzia, ,,, il periodo di agosto posso chiedere indennizzo della disoccupazione? Grazie della risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Alla scadenza dell'ultimo contratto di luglio, puoi iscriverti al centro per l'impiego e presentare la domanda di disoccupazione all'INPS.-

      Elimina
  65. Salve avvocato stiamo facendo le pratiche io e mia sorella per la mamma per ottenere invalidità e accompagnamento su consiglio della geriaTra nn possiamo più lasciarla sola,,,,, purtroppo o badante o un centro diurno, il problema oltreché dispiacere per la mamma nn possiamo pernetterci questi costi altissimi sia badante che centro diurno accompagnamento coprirà un po di spese ma nn saranno sufficienti siamo disperate,,,,lavoratrici precarie come possiamo fare la mamma ha una pensione che riesce a malapena pagare affitto con mia sorella,, la ringrazio per la risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se a Tua madre verrà riconosciuta l'indennità di accompagnamento avrete altri 500 euro mensili da aggiungere alla pensione, e potrete eventualmente consultare i servizi sociali del Vostro Comune di residenza per richiedere un qualche sostegno di carattere economico che vi consenta di trovare una soluzione sostenibile a livello economico per Vostra madre.-

      Elimina
  66. Salve...può una madre ancora in vita lasciare la casa di proprietà ad uno dei suoi figli escludendone quattro...da premettere che la casa è stata comprata da tutti i figli con l'eredità lasciata dal loro padre morto...sull'atto di acquisto sono presenti tutti i figli....grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente NO!
      La legge prevede infatti che con testamento:
      Più figli senza coniuge = 66,6% in parti uguali tra i figli + 33,3% quota disponibile.-
      Questo significa che la madre può disporre liberamente solo per un terzo della sua quota di proprietà.-

      Elimina
  67. Buona sera. Mia madre è morta 5 anni fa. Mio padre è morto a gennaio dell'anno scorso. Nella casa paterna sono rimasti 2 i miei fratelli zitelli che abitano tuttora. Con la successione apertasi è stata data in eredità 1/3 ciascuno giacchè non c'è stato testamento. Domanda: io sono sposato e abito in altro immobile come prima casa; la terza parte che ho ricevuto in eredità LA DEVO INDICARE NEL MOD. 730? La casa non è a disposizione ma abitano i miei fratelli. Grazie della risposta.
    Sergio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sergio!
      Purtroppo SI!
      La terza parte della casa che hai ereditato devi indicarla nel 730 e pagarci l'IRPEF dovuta anche se non è a Tua disposizione ed è abitata dai Tuoi fratelli.-

      Elimina
  68. buongiorno avvocato 1 mese fa, mio padre e morto ed era in comunione dei beni con mia mamma, hanno una casa di proprietà, sei io e mia sorella rinunciamo all'eredità, la casa andra tutta a mia mamma, ho andra anche ai fratelli di mio padre.
    grazie di cuopre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di solito si rinuncia all'eredità se ci sono debiti superiori al capitale e non mi pare che sia il vostro caso, quindi potete semplicemente donare la vostra quota a vostra madre in modo alla sua morte erediterete la casa al 50% ciascuno, senza dover dividere con altri familiari.-

      Elimina
  69. Buongiorno,
    sono erede al 50% con mio fratello della casa dei miei genitori deceduti in un incidente solo 2 mesi fa, convivo con il mio compagno e abbiamo 1 figlio e un altro in arrivo, dobbiamo sposarci entro l'anno, io vorrei sposarmi in separazione dei beni, ma nel caso venissi a mancare volevo sapere in regime della separazione dei beni se l'eredità spetta anche al mio futuro marito oltre che ai miei figli come è ovvio, e chi in questo caso amministra la loro parte? e se venisse a mancare tutta la famiglia? a chi andrebbe la mia parte? spero no ai miei cognati e suoceri...Sono pessimista, ma visto come sono capitolate le cose in così breve tempo...devo tutelarmi. grazie per la risposta, la prego di non usare paroloni incomprensibili! Rossana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rossana!
      - La casa ereditata prima del matrimonio è di Tua esclusiva proprietà a prescindere dal fatto che vi sposiate in regime di comunione o di separazione dei beni.-
      - Se tu venissi a mancare il tuo patrimonio verrebbe diviso in tre parti uguali tra Tuo marito e i tuoi due figli, e tuo marito sarebbe chiamato ad amministrare anche la parte dei figli fino al raggiungimento della maggiore età.-
      - Se venite a mancare sia Tu che Tuo marito, l'intera eredità passerebbe ai tuoi figli e il tribunale nominerebbe un amministratore di sostegno che amministrerebbe i beni fino alla loro maggiore età.-
      - Se si dovesse verificare una "strage", cioè se veniste a mancare tutti e quattro, l'intera eredità andrebbe ai tuoi parenti più prossimi.-

      Elimina
    2. Grazie, in caso di strage allora ai parenti di lui più prossimi ,cioè cognati e suoceri non spetterebbe nulla, mi scusi ma perchè in caso venissi a mancare solo io la casa andrebbe divisa in tre parti uguali, leggo sempre che al coniuge va il 50% e ai figli il restante 50% diviso in parti uguali tra loro, questo forse sussiste solo se abitiamo nella casa ereditata? Mi perdoni ma sono dura di comprendonio!

      Elimina
    3. Ciao Rossana!
      I beni ereditati, in caso di morte vanno a propri familiari e non ai familiari del coniuge, e mi pare perfettamente normale, quindi se non mi dici qual'è il Tuo problema purtroppo non posso esserti d'aiuto.-

      Elimina
  70. Salve avvocato sono Rossella,
    mi sposerò il prossimo anno in separazione dei beni, ho ereditato la casa di proprietà dei miei, ho una sorella, abbiamo fatto metà per uno, ora non essendo più tanto giovane e non potendo più avere figli vorrei sapere se nel caso io morissi prima di mio marito, a lui spetterebbe la mia parte anche se siamo in separazione dei beni? e se muore anche lui, ha 20 anni più di me..., a chi va la parte ,alla sua sorella e fratello? Grazie tante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rossella!
      - SI! Nel caso Tu morissi prima di Tuo marito, non avendo figli, l'intera eredità passerebbe a Tuo marito, a prescindere dal regime di comunione o di separazione dei beni.-
      - Se morisse anche Tuo marito prima di te o insieme a te, l'intera eredità andrebbe ai tuoi parenti più prossimi.-
      - Se invece Tuo marito morisse dopo di te, l'eredità passerebbe prima da te a lui e successivamente da lui ai sui parenti più prossimi.-

      Elimina
    2. Salve, non so se ho capito bene...lei ha detto: - Se morisse anche Tuo marito prima di te o insieme a te, l'intera eredità andrebbe ai tuoi parenti più prossimi.-... se muore mio marito prima di me l'intera 'eredità andrebbe ai miei parenti più prossimi? dovrebbe essere mia sola, e dopo ha detto: - Se invece Tuo marito morisse dopo di te, l'eredità passerebbe prima da te a lui e successivamente da lui ai sui parenti più prossimi.- cioè una parte spetterebbe a mia sorella e una parte alla sua sorella e suo fratello? Bella legge, mi complimento con lo stato italiano, i miei hanno faticato una vita e poi la loro casa va in mano di perfetti estranei ! E' una cosa ignobile! Scusi lo sfogo, ma l'italia è veramente un paese dei balocchi e mi vergogno di essere italiana!

      Elimina
    3. Ciao Rossella!
      Forse non ho capito bene il Tuo problema!
      Infatti se il Tuo problema sono i parenti di Tuo marito puoi redigere un testamento con il quale devi destinare il 50% della casa a Tuo marito perché è la quota di legittima, e l'altro 50% a chi vuoi.-
      Se non ti sta bene che nemmeno il 50% vada a Tuo marito allora non devi sposarti.-

      Elimina
  71. Salve avvocato,
    ho trovato un testamento olografo di mio padre a distanza di 2 anni e quasi 8 mesi dalla sua morte, dove indica la divisione esatta della casa da dare a ciascun figlio, più o meno in parti uguali, se ne parlava sempre ed eravamo tutti d'accordo, di questo testamento ci sono 4 copie originali, una per ciascun figlio, possiamo fare qualcosa ora dopo la successione legittima?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pubblicazione di un testamento
      Alla morte del testatore il testamento (se olografo o segreto) deve essere pubblicato, si devono cioè portare a conoscenza degli interessati le volontà espresse nel testamento.
      La legge stabilisce che chiunque sia in possesso di un testamento olografo è obbligato, non appena avuta notizia della morte del testatore, a consegnarlo ad un Notaio perché proceda alla sua pubblicazione.
      L’occultamento di un testamento olografo costituisce reato.
      Con la pubblicazione, il testamento cessa di essere un atto interno del suo autore.
      La pubblicazione del testamento comporta l’obbligo di dare esecuzione alle disposizioni del testatore.
      La pubblicazione avviene per intervento di un Notaio, alla presenza di due testimoni, con modalità diverse a seconda del tipo di testamento.
      Il testamento olografo per essere pubblicato deve essere consegnato ad un Notaio, non appena avuta notizia della morte del testatore. Il Notaio, alla presenza di due testimoni, redige un verbale che descrive il documento e ne trascrive il contenuto.
      Il testamento originale viene allegato al verbale.
      Il verbale di registrazione del testamento pubblico ed il verbale di pubblicazione del testamento olografo, alla morte del testatore, viene inviato a cura del Notaio alla cancelleria del tribunale del luogo di apertura della successione.
      Il testamento segreto deve essere aperto e pubblicato dal Notaio, non appena ricevuta notizia della morte del testatore.
      In ogni caso il Notaio deve dare comunicazione dell’esistenza delle volontà testamentarie ai beneficiari indicati nel documento, dei quali conosca il domicilio.

      Elimina
    2. Grazie della sua risposta, ma il testamento era dentro un vecchio armadio che ho deciso di svuotare, probabilmente mio padre l'aveva scritto e non ha fatto in tempo a dirci qualcosa, ne a noi figli ne ad altri parenti, portava la data di 4 anni prima, in concomitanza con l'inizio della sua malattia, dunque non possiamo fare assolutamente nulla? Perchè per esempio a me toccava il piano inferiore del casale, a l'altro fratello quello superiore, alla sorella la depandance e all'altra il mulino, ne avevamo gia parlato, ma ora praticamente abbiamo tutto di tutti, come si fa per dividere per bene le proprietà visto e considerato che siamo tutti d'accordo con queste divisioni e non ci sono litigi tra di noi. Grazie ancora.

      Elimina
    3. Le disposizioni di legge permettono ai contribuenti che hanno compiuto errori nella dichiarazione di successione di presentare una nuova dichiarazione, modificativa della precedente, entro un anno dalla data di apertura della successione.-
      Purtroppo nel vostro caso i termini sono scaduti quindi se siete tutti d'accordo potete rivolgervi a un notaio per modificare le quote di successione tramite reciproche donazioni.-

      Elimina
  72. buonasera
    causa problemi finanziari gravi, volevo sapere se posso vendere la mia quota del 50% di un unico e grande appartamento avuto in eredità con mio fratello. O al limite affittarlo ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se gli eredi non trovano un accordo per la vendita del bene immobile, ai sensi dell'articolo 1105, IV comma, del codice civile, sarà possibile ricorrere all'autorità giudiziaria che, di conseguenza, prenderà i provvedimenti necessari per superare l'eventuale fase di stallo.
      Il giudice, coerentemente con la sua posizione terza ed imparziale, nei confronti delle parti processuali contendenti, deciderà la vendita dell'appartamento all'asta.
      Il bene sarà acquistato dal maggior offerente.
      La fase processuale comporterà inevitabilmente l'onere di gravosi costi processuali (è necessaria l'assistenza di un avvocato).
      Vi consiglio pertanto, di fare il possibile e l'impossibile per trovare un accordo.-

      Elimina
  73. buongiorno, ci è deceduto uno zio con testamento olografo a favore dei nipoti - invece la sorella dello zio non è stata menzionata. può la zia farsi valere riguardo a questo testamento oppure no? e caso mai cosa può fare? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza coniuge, senza figli e senza ascendenti la quota disponibile è pari al 100%, quindi Tuo zio con testamento poteva destinare i suoi beni a chi voleva.-

      Elimina
  74. Buongiorno
    mio padre è deceduto e noi figli con nostra madre abbiamo ereditato la casa, come viene divisa in percentuale essendoci 2 figli?
    Un'altra domanda, noi figli questa eredità dobbiamo dichiararla nel prossimo 730 0 unico? Grazie tante e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Senza testamento l'intera eredità va divisa come segue:
      Coniuge + due figli = 33,3% per ciascuno.-
      - Ovviamente SI!
      La vostra quota di eredità andrà dichiarata nel prossimo 730 o UNICO.-

      Elimina
    2. Buongiorno
      ho letto la sua risposta alla mia domanda, e la ringrazio, ma mi è sorto un dubbio quando ho parlato con una collega di lavoro che ha avuto la mia stessa situazione, madre in vita e due figli eredi, questo è successo nel 2001, lei facendo il 730 0 l'unico non ha mai dichiarato la sua parte di eredità, neanche il fratello l'ha mai fatto, mentre la madre si, questo perchè al CAF hanno sempre detto loro che non occorreva visto che la madre era ancra in vita, e che avrebbero dovuto dichiarare solo quando la madre sarebbe deceduta e la parte sarebbe stata solo di loro, premetto che la figlia conviveva con la madre, mentre il fratello no. E' giusto quello che le dissero al CAF?

      Elimina
    3. Il II comma dell'art.540 cod.civ. assicura al coniuge del defunto, quand' anche concorra con altri chiamati, la riserva del diritto di abitazione sulla casa adibita a residenza familiare e di uso sui mobili che la corredano se di proprietà del defunto o comuni. L'attribuzione è subordinata ad un duplice requisito. Anzitutto la titolarità dell'immobile e dei mobili deve far capo al de cuius ovvero essere comune con il coniuge superstite; secondariamente la casa deve potersi considerare come quella di abituale coabitazione.-
      In questo caso sia per l'IRPEF che per l'IMU deve provvedere solo il coniuge del defunto per tutta la casa.-

      Elimina
  75. Buongiorno avvocato,
    come fa a sapere dell'avvenuta morte un notaio presso il quale una persona ha depositato il testamento, see nessuno in famiglia è a conoscenza di questo atto? Grazie della sua risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La procedura di legge è la seguente:
      Al ricevimento di un testamento pubblico, consegue l'obbligo di presentare (o spedire), entro dieci giorni dalla data del ricevimento, all'archivio notarile copia autentica dello stesso in busta chiusa, munita di ceralacca, compilata, firmata e dotata dell'impronta del sigillo notarile.
      Il notaio che abbia ricevuto il testamento pubblico, appena gli è nota la morte del testatore, deve comunicare l'esistenza del testamento agli eredi e legatari di cui conosce il domicilio o la residenza.
      Successivamente il testamento viene attivato: il notaio, in altri termini, trasferisce il testamento dal repertorio degli atti di ultima volontà a quello degli atti tra vivi dandogli esecuzione.-

      Elimina
  76. Salve volevo una risposta, a quanto ammonta la quota disponibile di una eredità, cioè io sono erede al 50% di una casa, in caso di mia morte la mia parte va ai miei figli, al 25% ciascuno, mi dica se è giusto, ma c'è una quota disponibile che ne posso fare quel che voglio, E nel mio caso quant'è? Ho un cc bancario, si applica anche a questo? devo fare testamento olografo e non so cosa mettere. 1000 grazie. Antonio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonio!
      - SI! In caso di tua morte, senza testamento, il tuo 50% della casa andrebbe diviso tra i Tuoi figli, ai quali andrebbe quindi il 25% ciascuno.-
      - In caso di testamento il 16,65% della casa andrebbe comunque a ciascuno dei tuoi figli, che è la quota di legittima, mentre per il 16,65% della casa che è la quota disponibile, puoi farne quello che vuoi.-
      Il discorso vale anche per il conto corrente bancario, ovviamente con le percentuali raddoppiate, cioè il 66,6% del saldo andrà diviso in parti uguali tra i due figli e 33,3% che è la quota disponibile puoi farne quello che vuoi.-

      Elimina
  77. Buonasera
    dopo aver fatto una successione, a distanza di quasi tre anni io vorrei rinunciarvi e fare una donazione a mia 2 figlia, o una finta vendita, posso farloe a chi mi devo rivolgere? La casa fu divisa molti anni fa in 2 appartamenti ma non è mai stata denunciata al catasto urbano, devo mettere prima in regola oppure no? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Veronica!
      Prima devi mettere in regola il tutto in catasto poi potrai effettuare la donazione rivolgendoti a un notaio.-

      Elimina
  78. buongiorno
    Vorrei chiedere cortesemente se in caso di lascito testamentario di una casa a due minori, i genitori possono disporre di vendere la suddetta casa in vece dei figli minori grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per vendere la casa intestata ai figli minori, i genitori devono essere autorizzati dal Giudice Tutelare presso il Tribunale del proprio domicilio, quindi deve esserci una motivazione valida.-

      Elimina
  79. Buongiorno sono Francesca, ho una domanda da porvi. i miei genitori mi hanno regalato dei soldi, vorrei sapere se un domani che loro non ci saranno più, mio fratello che non ha buoni rapporti con tutti noi, potrebbe pretendere la sua parte? Se si come dovrei fare per non dover glieli dare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca!
      Senza testamento, alla morte dei tuoi genitori l'intera eredità andrà divisa in parti uguali tra te e tuo fratello, che potrà anche pretendere la metà dei soldi che ti sono stati regalati.-
      Con testamento, il 66,6% del patrimonio andrà diviso in parti uguali tra te e tuo fratello, che è la quota di legittima, mentre per il restante 33,3% che è la quota disponibile i tuoi genitori possono destinarla a te, e potrebbero rientrarci i soldi che ti sono stati regalati.-

      Elimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.