lunedì 28 aprile 2014

Eredità e Successioni

Senza Testamento

I familiari che ereditano per legge sono:
  • Coniuge
  • Figli
  • Fratelli (se mancano i figli)
  • Ascendenti (se mancano i figli)
  • Altri parenti entro il 6° grado (solo se unici eredi)
Nell’eventualità di premorienza degli eredi legittimi, succedono i parenti più prossimi di grado, nel rispetto della quota originariamente spettante all’erede.-

Eredi:

Coniuge (in mancanza di figli e senza fratelli e ascendenti) = intera eredità
Coniuge + figlio unico = 50% per ciascuno
Coniuge + due figli = 33,3% per ciascuno
Coniuge + tre o più di tre figli = 33,3% per il coniuge + 66,6% in parti uguali per i figli
Coniuge + ascendenti = 66,6% coniuge + 33,3% ascendenti
Coniuge + fratelli = 66,6% coniuge + 33,3% fratelli
Coniuge + ascendenti + fratelli = 66,6% coniuge + 25% ascendenti + 8,33% fratelli
Figlio (senza coniuge) = intera eredità
Più figli (senza coniuge) = intera eredità in parti uguali
Ascendenti (senza coniuge, senza figli e senza fratelli) = intera eredità
Fratelli (senza coniuge, senza figli, e senza ascendenti) = intera eredità in parti uguali
Ascendenti + fratelli (senza coniuge e senza figli) = 50% ascendenti + 50% fratelli
Altri parenti oltreil 6° grado (se unici eredi) = intera eredità in parti uguali ai parenti di grado più prossimo.-


Con Testamento

La quota di legittima rappresenta la parte dell’eredità che deve andare comunque ai parenti indicati, anche contro la volontà del de cuius. Nell’ordinamento successorio italiano è infatti vietato “diseredare” alcuni parenti (i più prossimi, vedi sotto).

La quota disponibile è, invece, la parte di eredità che il testatore può lasciare a chiunque, ivi compresi chiaramente anche agli eredi già beneficiari della quota di legittima (legittimari). In questa circostanza, la quota disponibile va ad accrescere la quota legittima.

I familiari che ereditano per testamento sono:
  • Coniuge
  • Figli
  • Ascendenti (se mancano i figli)
In questo tipo di successione, a differenza della prima (ex legge), i fratelli del de cuius non rientrano tra gli aventi diritto.

Anche nella successione con testamento vale la regola che, nell’eventualità di premorienza degli eredi legittimari, succedono i parenti più prossimi di grado, nel rispetto della quota originariamente spettante all’erede.


Eredi:

Coniuge (in mancanza di figli e senza ascendenti) = 50% coniuge + 50% quota disponibile
Coniuge + figlio unico = 33,3% coniuge + 33,3% figlio + 33,3% quota disponibile
Coniuge + 2 o più figli = 25% coniuge + 50% in parti uguali tra i figli + 25% quota disponibile
Coniuge + ascendenti (senza figli) = 50% coniuge + 25% ascendenti + 25% quota disponibile
Figlio unico senza coniuge = 50% figlio + 50% quota disponibile
Più figli senza coniuge = 66,6% in parti uguali tra i figli + 33,3% quota disponibile
Ascendenti senza coniuge e senza figli = 33,3% ascendenti + 66,6% quota disponibile
Senza coniuge senza figli e senza ascendenti = 100% quota disponibile

Imposta di Successione:

Le aliquote dell'imposta di successione sono le seguenti:
4% se i  beneficiari sono il coniuge e parenti in linea retta, sul valore netto che supera, per ciascun beneficiario 1 milione di euro.-
6% per i beni devoluti a fratelli e sorelle, sul valore che eccede, per ciascun beneficiario, la franchigia di 100 mila euro.-
6% per gli altri parenti fino al quarto grado, gli affini in linea retta, nonchè gli affini in linea collaterale fino al terzo grado come, ad esempio, cugini di primo grado, suoceri, cognati, nipoti e zii.-
8% per tutti gli altri soggetti, tra cui rientrano i conviventi. I parenti in linea retta sono i genitori e i  figli naturali e adottati e i rispettivi ascendenti e discendenti in linea retta.-     
Se il beneficiario è un portatore di handicap, l'imposta si sulle successioni si applica solo sul valore della quota o del legato che supera 1 milione e mezzo di euro.-
Se per esempio Tizio muore lasciando ai due figli eredi un immobile del valore complessivo di 1 milione e mezzo di euro, nessuno pagherà l'imposta di successione, ma saranno dovute solo le imposte relative al trasferimento (imposta ipotecaria e catastale, imposta di bollo e tassa ipotecaria. I figli dovranno presentare la dichiarazione di successione entro 12 mesi dalla data del decesso del padre.-


Grado di parentela:
1° = genitore – figlio
2° = nonno – nipote (figlio di figlio) – fratello
3° = zio – nipote (figlio di fratello)
4° = 1° cugino
5° = 2° cugino – figlio di 1° cugino
6° = figlio di 2° cugino


Il matrimonio: comunione e separazione dei beni

La legge n. 151 del 19 maggio 1975 stabilisce che quando una coppia si unisce in matrimonio si applichi automaticamente il regime patrimoniale della comunione dei beni.
Al momento del matrimonio, sia che si tratti di rito civile che religioso, gli sposi possono derogare la norma scegliendo il regime patrimoniale della separazione dei beni. La scelta deve essere dichiarata, al termine della cerimonia, all’ufficiale di stato civile o al sacerdote, inoltre può essere comunicata anche al momento della richiesta delle pubblicazioni di matrimonio.
La scelta del regime patrimoniale della separazione dei beni viene annotata a margine dell’atto di matrimonio.
Se gli sposi non dichiarano questa scelta, la legge considera automaticamente, come regime patrimoniale familiare, la comunione dei beni.
Qualsiasi variazione successiva deve avvenire davanti ad un notaio con atto pubblico.
Per coloro che hanno contratto matrimonio prima del 20.09.1975, si applica automaticamente, da tale data, il regime patrimoniale della comunione dei beni.

Comunione dei beni

Con il regime patrimoniale in comunione dei beni, i beni acquistati dai coniugi insieme o individualmente nel corso del matrimonio, entrano automaticamente a far parte di un unico patrimonio comune a entrambi che ne sono proprietari al 50% indipendentemente dall'apporto reale di ognuno.
Fanno parte del patrimonio comune:
  • i risparmi di ciascun coniuge accantonati durante la vita matrimoniale
  • gli acquisti compiuti dai coniugi dopo il matrimonio
I coniugi in regime di comunione legale dei beni possono agire con poteri disgiunti per il compimento di atti di ordinaria amministrazione, per quelli di straordinaria amministrazione devono, invece, agire congiuntamente. In caso di disaccordo si ricorrere alla decisione di un giudice.
Sono esclusi dal patrimonio comune (art. 177 - 178 e 179 del Codice Civile):
  • i beni personali di ciascun coniuge
  • i beni di ciascuno esistenti prima del matrimonio
  • i beni che ciascuno ha ricevuto dopo il matrimonio, per donazione o successione
  • i beni ottenuti a titolo di risarcimento danni o di pensione di invalidità al lavoro

Separazione dei beni

Con la separazione dei beni gli sposi mantengono la titolarità esclusiva non solo dei beni acquistati antecedentemente al matrimonio ma anche di quelli conseguiti durante il matrimonio.
Al coniuge proprietario dei beni spettano, in via esclusiva, il godimento e l'amministrazione degli stessi che può essere anche assegnata all'altro coniuge tramite una procura.
Rispetto alle necessità del nucleo familiare, entrambi i coniugi sono obbligati a contribuire alle spese ognuno proporzionalmente alle sue possibilità.


Accettazione dell’eredità:

La legge prevede diversi modi per accettare l’eredità:
  • Accettazione espressa
  • Accettazione tacita
  • Accettazione con beneficio d’inventario

Accettazione espressa: L’accettazione espressa consiste in una dichiarazione scritta dalla quale risulti l’intenzione di accettare l’eredità . L’accettazione può essere fatta o alla presenza di un notaio o anche con una semplice scrittura privata firmata e datata dall’accettante.-

Accettazione tacita: Si dice accettazione tacita quando l’erede a seguito di un suo comportamento chiaro ed inequivocabile, lascia intendere di avere accettato l’eredità, ad esempio appropriazione di beni ereditati, disposizione sugli stessi beni o promozione di un’azione spettante all’erede.-

Accettazione con beneficio d’inventario: In questo modo i debiti del de cuius vanno pagati ugualmente ma fino alla concorrenza del patrimonio del cuius. Quindi il patrimonio dell’erede non viene intaccato.-

In generale qualunque sia la modalità di accettazione, il chiamato all’eredità ha 10 anni di tempo per decidere se accettare o meno. Se entro 10 anni non si manifesta l’accettazione si perde ogni diritto sull’asse ereditario, che si devolve secondo le regole stabilite dalla legge.-


Rinuncia di eredità:


La rinuncia all'eredità è l’atto con il quale il chiamato all’eredità dichiara di non volerla accettare, ad esempio perché i debiti del defunto sono superiori ai crediti, In tale eventualità egli deve rinunciare espressamente per mezzo di una dichiarazione ricevuta dal notaio o effettuata dal Cancelliere del Tribunale circondario in cui si è aperta la successione, altrimenti si considera come non avvenuta.

La rinuncia all'eredità non può essere sottoposta ad una condizione o ad un termine, né può essere limitata solo ad una quota parte dell’eredità stessa. La rinuncia, a differenza dell’accettazione, è sempre revocabile; il rinunziante, se non è passato il termine di prescrizione di dieci anni, ha il diritto di accettare fino a che, in seguito al suo rifiuto, un chiamato di grado inferiore non abbia a sua volta accettato. Il chiamato all’eredità perde la facoltà di rinunciare se sottrae i beni ereditati o se comunque ha venduto o donato beni di appartenenza del defunto.

I rinuncianti si devono presentare personalmente, se maggiorenni. Nel caso di minorenni si devono presentare entrambi i genitori in loro rappresentanza. Nel caso di interdetti, inabilitati no minori, il tutore o il genitore deve chiedere l’autorizzazione per la rinuncia all’eredità del minore al Giudice Tutelare del luogo di residenza del minore o del tutore.

La rinuncia all'eredità deve farsi con dichiarazione ricevuta dal notaio o dal Cancelliere del Tribunale competente (cioè il Tribunale dell’ultimo domicilio del defunto), entro 3 mesi dalla morte se si è in possesso dei beni o entro 10 anni se non si è in possesso dei beni e non ha effetto se non è osservata la forma prescritta (art. 519 c.c.).-

Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it.
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti
.

.

170 commenti:

  1. Buongiorno dott. Censori
    Ho bisogno ancora del suo aiuto!
    L'anno scorso abbiamo fatto la successione dopo la morte di mio padre avvenuta senza testamento
    Ora siamo proprietari tutti e quattro al 25% di tre case
    Mia mamma ha fatto la rinuncia a tutto e ha tenuto la casa coniugale che le spetta di diritto
    Adesso dobbiamo fare le divisioni e già sono affiorate le discordie!
    Abbiamo quattro case e siamo quattro fratelli;in una ci abita mia mamma nelle altre tre ci abitano i miei fratelli con rispettive famiglie ;io abito in un altro paese nella casa di proprietà di mio marito.
    Tutti i miei fratelli hanno messo soldi loro sistemando le case che erano di proprietà di mio papà e sistemando anche il giardino esterno che comunque era sempre di proprietà di mio padre !
    Premetto che io non ho mai messo soldi ,ma non ho mai neanche usato niente!!
    Ora vogliono detrarre le loro spese e adesso (e solo adesso )entro anch' io nei loro conti
    Io non penso sia giusto ,loro hanno speso soldi propri ma sulla proprietà di un altro
    Quindi io cosa centro ? dovevano chiederli a lui prima di morire non a me adesso! Sbaglio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo ti sbagli!
      Infatti i lavori fatti, ovviamente se si tratta di migliorie e non di ordinaria amministrazione, vanno ad aumentare il valore degli immobili, quindi le spese sostenute, se debitamente documentate, vanno considerate in sede di successione.-

      Elimina
    2. Secondo me potresti provare questa soluzione: SE tua madre ha rinunciato a tutto e quindi ha tenuto l'usufrutto della casa coniugale dovreste essere proprietari al 25% di 4 case e non di 3. Se è cosi, prova a metterti d'accordo con i tuoi fratelli lasciando loro la casa dove vivono e tu prendi la nuda proprietà della casa dove vive tua madre.Se la casa coniugale ha più valore delle altre potresti potresti dare solo questa differenza, naturalmente se vale di meno la differenza l'avrai tu. Vediamo cosa ne pensa Gianfranco

      Elimina
    3. In effetti se riescono a mettersi d'accordo tra di loro è meglio per tutti!

      Elimina
  2. Siamo tre nipoti da parte di uno zio (fratello di mia mamma, la coppia è senza figli) premorto anni fa. La casa che ha costruito è stata costruita con il suo impegno e quello della nostra nonna. Abbiamo fatto la successione di un terzo della casa (una ns cugina ancora non l'ha fatto). Ora la casa è abitata dalla nostra zia acquisita che ha una sorella con un figlio ai quali aveva dato delega per la banca e ritirare lo stipendio. Ora mia zia acquisita sta male e questo nipote ha ritirato tutti i soldi dalla banca, in più ha messo nell'ospizio la sua madre (sorella della zia) e nell'ospizio anche la ns zia acquisita. E' legale tutto ciò? Non è nostro anche un terzo dei liquidi provenienti dai risparmi dello zio premorto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Manuela!
      Purtroppo è legale e non potete farci nulla, in quanto una persona in vita, se non viene interdetta, può disporre liberamente dei suoi beni, e il fatto che sia stata messa in un ospizio è indifferente, perché potrebbe corrispondere alle sue volontà.-

      Elimina
  3. mio padre ci ha lasciati ,la casa di famiglia risulta da visura ad ogno figlio per divisa 1/9 di parte .siamo tre figli ,tre nipoti e mamma ,le altre due parti vanno al coniuge mio e di mio fratello ? o il coniuge non c'entra nulla?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Il coniuge non c'entra nulla con l'asse ereditario.-

      Elimina
  4. Salve,
    siamo tre figli. Padre in vita e madre deceduta.
    La casa di abitazione intestata a mio padre, proprietario al 100% è stata venduta a mio fratello da mio padre senza il mio consenso quando io ero l'unico ad avere la residenza e a viverci.
    Posso impugnare la vendita?
    Inoltre, abbiamo un altro immobile di cui,mio padre è proprietario al 50%, mio fratello ha rinunciato alla sua parte di eredità ed io e l'altro mio fratello abbiamo la quota del 25%. Mio padre mi ha negato le chiavi, posso pretenderle? Ma devo chiederle solo a lui o anche a mio fratello?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luca!
      - Purtroppo no! Non puoi impugnare la vendita perché Tuo padre in vita può disporre liberamente dei suoi beni.-
      - Quando un immobile è di proprietà di più persone, l'utilizzo deve essere concordato tra tutti i comproprietari, quindi nessuno può negare l'accesso agli altri.-

      Elimina
  5. Salve,
    sto per acquistare un appartamento con le agevolazioni prima casa, previa vendita di un altro appartamento acquistato 15 anni fa con le stesse agevolazioni. Siccome non sono proprietaria di altre proprietà e sono in separazione dei beni con mio marito ne posso usufruire di nuovo e recuperare anche il credito d'imposta. Vorrei sapere se dovessi morire prima che sono trascorsi i cinque anni, mio marito e mio figlio, dovrebbero pagare le imposte con aliquota non agevolata e sanzioni del 30%, oppure mio figlio diciottenne che non ha mai usufruito delle agevolazioni prima casa, convivente con me, potrebbe continuare ad usufruirne? Grazie mille in anticipo, saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se Tu dovessi morire prima che siano trascorsi i 5 anni, Tuo figlio potrebbe continuare ad usufruire delle agevolazioni prima casa, per il suo 50% di proprietà, perché l'altro 50% passerebbe a Tuo marito.-

      Elimina
    2. Grazie mille per la risposta, quindi magari d'accordo con mio marito, potrei fare un testamento a favore di mio figlio, in modo che potrebbe usufruire delle agevolazioni per intero. Altrimenti mio marito che ha già usufruito di agevolazioni prima casa, pagherebbe il suo 50% con l'aliquota piena oltre le sanzioni del 30%? Saluti.

      Elimina
    3. SI!
      Puoi fare un testamento a favore di tuo figlio, ovviamente con il consenso di tuo marito, perché se non è d'accordo potrebbe impugnarlo.-

      Elimina
  6. Gentile Avvocato sono in procinto di acquistare un immobile i cui propreitari sono 7 eredi, tuttavia un erede che viveva negli States è deceduto per cui la moglie e la figlia hanno ereditato la propria quota per il momento non hanno fatto nessuna successione per cui agli atti notarili risulta ancora il nome del defunto come si potrebbe arrivare alla stipula del rogito?
    lei per il momento ha firmato una proposta di acquisto dell'immobile a mio favore

    grazie infinite Roberto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberto!
      Purtroppo fino a quando la moglie e la figlia del deceduto non fanno la successione per la loro quota, non potete procedere per la stipula del rogito.-

      Elimina
  7. Gentile Avvocato, in una successione la defunta aveva 20/120 di proprietà su tre distinti immobili. Alla compilazione della voltura ho indicato 4/120 per ogni erede (5) nel controllo formale mi riporta errore nelle attribuzioni delle quote. Come vanno considerate?
    Grazie per tutto quello che fa per noi
    Un abbraccio
    Giuditta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuditta!
      La quota di 20/120 di proprietà equivale al 16,66% che diviso per 5 = 3,33% per ogni erede.-

      Elimina
  8. Gentile Avvocato il mio coniuge (unione civile con comunione dei beni celebrata a settembre 2016 dopo 16 anni di rapporto) è deceduto a ottobre 2016. Eredi sono io al 66,66% il genitore al 25% e i fratelli al 8,66%.
    Vorrei sapere a chi spettano tutti gli oggetti personali (ricordi acquistati durante i nostri viaggi e elettrodomestici), presenti nella casa in cui abitava con la mamma e acquistati da lui. La mamma è ora in casa di riposo. Io nell'ultimo anno ho abitato nella loro casa per accudire sia lui nella malattia che la mamma. I fratelli non si sono mai occupati ne' economicamente ne' moralmente della madre e del fratello.
    Oltre al dolore della grave perdita non vorrei mi fossero sottratti anche tutti i ricordi.
    grazie mille
    Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Andrea!
      La divisione degli oggetti personali deve seguire lo stesso criterio dei beni mobili e immobili, quindi valgono le stesse percentuali a livello di valore di carattere economico.-

      Elimina
  9. Salve dott Gianfranco le voglio chiedere su un appartamento lasciato da mia madre siamo quattro eredi e vorremmo vendere però e uscito fuori che uno degli eredi ha un ipoteca equitalia di 40000 € e possibile vendere l immobile o bisogna togliere prima l ipoteca?L appartamento vale pressapoco80000 La ringrazio per la risposta Luigi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luigi!
      Se la casa è ipotecata, non solo non è consigliabile acquistare una casa gravata da ipoteca, ma nemmeno è consentito. E’ espressamente previsto che “il Notaio non può procedere alla stipula dell’atto di compravendita se non si sia proceduto alla suddivisione del finanziamento in quote o al perfezionamento di un titolo per la cancellazione o il frazionamento dell’ipoteca”. Frazionamento che, in tutta evidenza, deve intendersi finalizzato all'accollo del mutuo da parte dell’acquirente.-

      Elimina
  10. Buona sera avvocato, se cambio nome e cognome (diversi da quelli attribuitimi con la mia adozione da bambina) perdo anche l'eredità che potrei ricevere in futuro dai miei genitori adottivi? Devo comunicare loro il mio nuovo nome e cognome? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sabrina!
      Ovviamente SI!
      Se cambi nome e cognome perdi tutto, perché cambia il codice fiscale, la tessera sanitaria, la carta d'identità, il passaporto, la patente di guida e di conseguenza perderesti anche l'eredità assegnata a una figlia adottiva che non esiste più.-

      Elimina
  11. Buongiorno avvocato
    Io possiedo l'immobile a mio nome, in caso di morte, come posso dare tutto a mia moglie e niente ai miei familiari, cosa dovrei fare e quale sarebbe il costo ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ivan!
      Ci sono dei familiari che hanno comunque diritto alla legittima, quindi se non mi dici chi sono i familiari che vuoi escludere dall'eredità, purtroppo non posso esserti d'aiuto.-

      Elimina
  12. Sono sempre Luigi.Le volevo chiedere in base all'ipoteca su un appartamento lasciato in eredità a 4 figli di uno ha la sua parte ipotecata da equitalia le altre quote sono libere dovendolo vendere però non si può vendere in pratica l'appartamento vale 80000€ la quota ipotecata è di 20000€ cosa si deve fare?Il signore che ha l'ipoteca dovrebbe andare a equitalia e dovrebbe dare la sua parte ipotecata?O al momento che si va dal notaio l'equitalia manda un suo funzionario a riscuotere quella somma che dovevano andare al tizio ipotecato Dottore vorrei sapere come dobbiamo muoverci da questa trappola.La rngrazio per la risposta Luigi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luigi!
      Si può fare tutto dal notaio che può far estinguere l'ipoteca destinando la cifra necessaria dalla quota spettante al debitore.-

      Elimina
  13. Buonasera Avvocato, volevo chiederle un parere in merito a questo; tenendo conto il diritto di abitazione del coniuge superstite e che segue l’iscrizione ipotecaria volontaria della banca e nel caso in cui ci fosse stata la rinuncia all’eredità, se ho capito bene la banca può comunque vendere la casa all’asta, ma comunque con la madre dentro con il diritto di abitazione? la madre in questo caso, come può difendersi? quali articoli potrebbero aiutarla?

    Ipoteca - morte marito - diritto di abitazione articolo 540 - rinuncia eredità

    la ringrazio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La banca può vendere la casa all'asta ma il diritto di abitazione per legge resta comunque, quindi non credo che la casa sia facilmente vendibile, o comunque chi si aggiudica l'asta deve sapere che la casa non è disponibile.-

      Elimina
    2. Ho capito.. La ringrazio per la risposta.. per caso ci sono delle normative o se ha il link di qualche sentenza riguardo a questo? cioè che ci sia l'ipoteca prima della morte e successivamente la rinuncia all'eredità? la ringrazio infinitivamente; questo per far si che almeno per la durata della vita della madre almeno lei possa rimanere nell'abitazione del padre...

      Elimina
    3. Non mi risultano sentenze specifiche, ma nel tuo caso vale la normativa generale che tutela comunque il coniuge superstite.-

      Elimina
    4. la ringrazio, buona giornata!

      Elimina
  14. Buongiorno Avvocato,
    volevo gentilmente chiedere un suo parere in merito alla mia situazione:
    sono vedova da due anni con tre figlie maggiorenni non ancora sposate, al momento della successione di mio marito loro hanno rinunciato all'eredita' del papà perchè l'attivita' che aveva mio marito era in una situazione molto delicata. Come unica erede sono riuscita a chiudere l'attivita', pagando i vari debiti e sono riuscita a salvare la parte di casa intestata a mio marito, ora intestata a me. L'altro 25% di casa è intestato a mio cognato, un ragazzo down che convive con noi. Avendo solo un'altra sorella in caso di morte di mio cognato come verrebbe suddivisa l'erdedita'?. Il fatto che le mie figlie abbiano rinunciato all'eredita' del papà verrebbero annullate dall'asse? e io come unica erede di mio marito rientrerei ?
    Grazie infinite in anticipo delle sua risposta.
    Claudia R.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Claudia!
      In caso di morte di tuo cognato la sua parte di eredità andrebbe al 50% a tua sorella e l'altro 50% diviso in parti uguali alle tue tre figlie.-

      Elimina
  15. Se la casa in cui vivo è condonata e ha la licemza a nome di mio marito....ho bollettini di imu pagati delle quote di tutti degli eredi dal 1994....il contatore è a nome di mio marito....noi abbiamo sempre gestito le serrature....costruito un garage. ..spostando il portone....posso usucapire le quote degli altri eredi che non vivono in quella casa da più di venti anni. ..a parte mia suocera che è ancora in vita...ma solo noi provvediamo a tutto a nostre spese?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il diritto all'usucapione il proprietario effettivo del bene deve essersi disinteressato completamente dell'immobile, lasciando (in modo consapevole o inconsapevole) che l’immobile venisse utilizzato dall'altro soggetto e ci si sia comportati, durante questo periodo, come se si fosse i veri proprietari, cioè alla luce del sole e davanti a tutta la collettività .-
      Affinché, però, il possesso si trasformi in proprietà riconosciuta dall'ordinamento, è necessario che intervenga una sentenza del giudice, che dichiari che si è compiuto l’usucapione. Pertanto, bisognerà iniziare una vera e propria causa e provare l’esistenza dei predetti presupposti (possesso e decorso del tempo). La sentenza è necessaria visto che l’usucapione, è una situazione di fatto e, quindi, non c’è alcun atto o contratto da andare a registrare nei pubblici registri immobiliari e formalizzare il passaggio di proprietà. Pertanto, nei registri pubblici si andrà a trascrivere proprio la sentenza.
      La prova da fornire davanti al giudice può essere data in qualsiasi modo: quindi è molto facile, in questi casi, ricorrere ai testimoni.

      Elimina
  16. Grazie mille...gentilissimo....le auguro una buona giornata....

    RispondiElimina
  17. Buongiorno Avvocato gentilmente vorrei delle delucidazioni la ringrazio anticipatamente.
    Io e i miei tre fratelli sia intestatari di un appartamento in quote uguali,
    1 mese fa un mio fratello sposato in comunione dei beni con la moglie, è deceduto,
    i suoi due figli hanno rinunciato all’eredita, perchè mio fratello era pieno di debiti e un mutuo da pagare su una casa comprata con la moglie , vorrei sapere:
    1- possono i creditori attaccare la nostra quota di proprieta che abbiamo con nostro fratello sulla casa intestata a tutti noi fratelli;
    2 i suoi debiti possono ricadere su noi fratelli rimasti
    La ringrazio anticipatamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      I creditori di tuo fratello possono reclamare solo la sua quota di eredità e quindi non la vostra, e pertanto non possono rivalersi su di voi fratelli rimasti.-

      Elimina
  18. Buongiorno Avvocato,
    volevo cortesemente chiedere un parere sulla seguente questione.
    Dopo il decesso di mio padre, si è fatta viva una mia sorella nata da relazione extraconiugale.
    Una volta ricevuto l'atto di nascita dal suo avvocato, io e mia madre abbiamo fatto la dichiarazione di successione inserendo la nuova erede che vuole liquidata la sua parte.
    Nella dichiarazione ci sono un pò di liquidi e la casa di mia madre (a lei spetterebbe 1/6)
    Ora però, non abbiamo più notizie dal suo avvocato; a questo punto come si può fare per liquidare la sua parte? stiamo in attesa? se si ripresenta fra un pò di anni c'e' la possibilità che richieda qualche forma di interesse legale maturato sulla sua parte?
    Insomma il punto è che vorremmo darle la sua parte per chiudere la questione una volta per tutte e non attendere oltre.

    la ringrazio in anticipo per una sua risposta,
    buona giornata


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo per mettersi d'accordo e chiudere quindi la questione bisogna essere in due a volerlo, quindi dovete rintracciarla o direttamente o tramite il suo avvocato, perché altrimenti in qualsiasi momento potrebbe reclamare la sua parte di eredità maggiorata di interessi.-

      Elimina
  19. Gentile Avvocato,
    mio padre ha pagato immobili acquistati per conto e nome di mio fratello durante vita. Ora che è morto, questi immobili rientrano nell'asse ereditario, anche se nell'atto compare solo il nome di mio fratello? Posso rivalermi in qualche modo?
    Grazie in anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Serena!
      Purtroppo NO!
      Per legge fa fede l'atto di vendita, quindi non ha importanza se la spesa è stata sostenuta da altro familiare, a meno che non si riesca a dimostrare in qualche modo l'esborso di denaro effettuato dal familiare per l'acquisto.-

      Elimina
  20. mia madre vuole vendere un terreno io sono contrario e nn firmo lei puo venderlo lostesso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mauro!
      Se Tua madre è l'unica intestataria del terreno può disporne liberamente, mentre se siete entrambi cointestatari tua madre non può vendere il terreno senza il tuo consenso, o più precisamente potrebbe vendere solo la sua parte, nel caso ovviamente che trovi un acquirente disponibile ad acquistarla.-

      Elimina
  21. Buongiorno avvocato , volevo sapere cosa cambia fare la rinuncia prima o dopo l'apertura della successione , tenga presente che ci sono minori tra gli eredi e non hanno potuto ancora rinunciare.Noi abbiamo fatto la rinuncia prima della successione , ma gli eredi dicono che non riescono a chiudere la successione (a causa della rinuncia fatta prima della successione)prima dei 10 anni e quindi avranno da pagare le tasse annualmente. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se il chiamato all'eredità (erede) non intende accettarla, ad esempio perché i debiti del defunto sono superiori ai crediti, egli vi deve rinunciare espressamente. In questo modo egli fa cessare gli effetti verificatisi nei suoi confronti a seguito dell'apertura della successione e rimane, pertanto, completamente estraneo alla stessa, con la conseguenza che nessun creditore potrà rivolgersi a lui per il pagamento dei debiti ereditari, né egli potrà esercitare alcuna azione ereditaria o acquistare alcun bene facente parte della successione.-

      Elimina
  22. Buongiorno Avvocato,
    mia zia (sorella di mia mamma) è stata sposata col marito. Il quale ha avuto un figlio dalla 1° moglie deceduta. Ora anche lui è deceduto
    Per gli immobili, fondi, conti correnti, assicurazioni, come vanno suddivisi in percentuale tra il figlio di 1° letto, mia mamma e altri 2 fratelli?
    Inoltre l'oro di proprietà di mia zia (regalatole dal marito in vita) rientra nell'asse ereditaria?
    Grazie mille per la risposta. Cordialmente
    Lorena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lorena!
      Se Tua zia è deceduta prima del marito, l'intera eredità va al figlio di 1° letto del marito, ovviamente se non ha avuto altri figli con tua zia.-

      Elimina
  23. buonasera avv.avrei bisogno di una consulenza,è venuta a mancare una zia di mio marito non sposata no figli aveva due sorelle ed un fratello morti prima di lei anche siamo rimasti 14 nipoti ed un cognato ora come si dividera' l'eredita' visto che non cè testamento?

    RispondiElimina
  24. Mi perdoni avv. se ho capito bene spetterebbe tutto al cognato marito della sorella unico in vita oltre i 14 nipoti tra cui 8 di una sorella 3 di un altra sorella e 3 del fratello tutti e tre deceduti e anche la cognata deceduta moglie del fratello e cognato marito di una sorella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel Tuo caso l'intera eredità andrà solo ai 14 nipoti, che si divideranno ciascuno la quota di un terzo che sarebbe spettata al proprio genitore, fratello o sorella del deceduto.-

      Elimina
    2. quindi in tre parti poi chi ha 8 figli prenderà di meno

      Elimina
  25. Buon pomeriggio dott.Censori,per caso sono venuta a conoscenza che i miei genitori (mamma 80enne è papà 83enne )hanno donato la casa di loro proprietà solo a mio fratello è mi dissero che a me non tocca nulla tranne che qualche spicciolo di legittima.Mio padre venne a mancare da 1 hanno,mamma ancora in vita.tutte due i genitori ammalati papà di cancro alla vescica è si ammalò nel 2012 mamma affetta da demenza senile quindi invalida dal 2009 ..l'atto di donazione fu fatto nel 2014,posso impugnare l'atto e far valere i miei diritti di figlia legittima è rientrare erede al 50% ? come posso tutelarmi?La ringrazio fini d'ora per il tempo che vorrà dedicarmi.Saluti Giuseppa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuseppa!
      La donazione è considerata dal legislatore come un anticipo sulla successione, ed è pertanto soggetta agli stessi tipi di impugnazioni cui è soggetto il testamento da parte degli eredi legittimari: da parte, cioè, di quelle categorie di eredi che possono vantare un diritto ad una quota dell’eredità del donante. Il nostro ordinamento, infatti, riserva a determinati soggetti, detti “legittimari”, (coniuge, figli e ascendenti del defunto) una quota di eredità detta “legittima” della quale non possono essere privati. Se un legittimario ritiene di essere stato privato o semplicemente leso della sua quota di legittima per effetto di una o più donazioni effettuate in vita dal defunto a favore di altri soggetti (che siano altri legittimari o non), può far valere il proprio diritto (sempre in via giudiziale) all’ottenimento dell’intera quota di legittima a lui spettante mediante un’apposita azione giudiziaria, ossia l’azione di riduzione. L’azione di riduzione va proposta dopo la morte del donante e contro il donatario, e se questi ha ceduto a terzi l’immobile che aveva ricevuto in donazione, il legittimario (solo se ed in quanto il donatario non abbia altri beni sui quali soddisfare le proprie ragioni) può chiedere ai successivi proprietari la restituzione del bene (azione di restituzione).

      Elimina
    2. Grazie dott Censori,per quanto impugnare la donazione perché quando è stata fatta i genitori erano già ammalati e quindi suppongo ci sia stata circonvenzione...me lo consiglia? Grazie Giuseppa.

      Elimina
    3. Ciao Giuseppa!
      Non credo che sia molto semplice dimostrare la circonvenzione, perché a questo dovresti arrivare, in quanto il fatto che i genitori fossero anziani e malati non vuol dire che fossero non in grado di intendere e di volere, quindi io ci andrei molto cauto.-

      Elimina
    4. Grazie mille dott Censori gentilissimo come sempre.Saluti Giuseppa.

      Elimina
    5. Ciao Giuseppa!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  26. Buongiorno Avvocato vorrei delle spiegazioni e la ringrazio anticipatamente
    Sono sposata in comunione dei beni con mio marito e abbiamo una figlia di 20 anni, mio marito è deceduto lasciando molti debiti con finanziarie ed equitalia. I debiti sono intestati a lui.
    Possono i creditori attaccare i nostri risparmi postali (buoni postali) cointestati a mio marito a mia figlia e a me
    (e se si in che percentuale.)
    I buoni postali sono quasi 50000 euri.
    La ringrazio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se accettate l'eredità purtroppo dovete pagare tutti i debiti di tuo marito, mentre se rinunciate all'eredità, la quota dei buoni postali di sua pertinenza (cioè un terzo del totale) andrà ai creditori.-

      Elimina
  27. Buongiorno Avvocato avrei una domanda da porle. Mio nonno ancora in vita è proprietario di due immobili,ha due figli ma vorrebbe intestare uno dei due immobili a me adesso che è ancora in vita nel quale andrei ad abitare a breve..è possibile? Quali saranno però le conseguenze dopo la sua morte? Potrebbe lasciare l'altro immobile all altro figlio e niente a mia madre( soluzione che a lei andrebbe bene) o andrei incontro a qualche problematica? La ringrazio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lorenzo!
      Purtroppo presumo che andrai incontro a qualche problematica!
      Infatti in vita tuo nonno può disporre liberamente dei suoi beni, ma alla sua morte i legittimi eredi, se non verrà rispettata la loro quota di legittima, tenendo ovviamente conto anche delle donazioni effettuate in vita, potrebbero rivalersi su di te.-

      Elimina
    2. Mi scusi se mi intrometto. E se Lorenzo facesse una compravendita con il nonno?

      Elimina
    3. Ciao Stella!
      Una compravendita "simulata", cioè senza passaggio di denaro potrebbe essere scoperta, mentre una compravendita effettiva dovrebbe lasciare delle tracce nei movimenti bancari o postali.-

      Elimina
  28. Avvocato vorrei delle spiegazioni e la ringrazio anticipatamente
    Sono sposata in comunione dei beni con mio marito e abbiamo due figlie maggiorenni non sposate , mio marito è deceduto lasciando molti debiti con equitalia.
    I debiti sono intestati solo a lui ,può Equitalia attaccare i nostri risparmi postali (buoni postali) cointestati solo a me e alle mie due figlie (e se si in che percentuale.)
    I risparmi postali sono quasi 70000 euri
    La ringrazio
    Rispondi
    Rispondi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Premesso che sia tu che le tue figlie dovete rinunciare formalmente all'eredità di tuo marito, altrimenti Equitalia si rivarrà su di voi eredi.-
      Per legge, il saldo dei buoni postali cointestati appartiene in parti uguali agli intestatari, in pratica se un buono postale è cointestato tra due persone, il saldo appartiene al 50% ciascuno, se è cointestato tra 3 persone il saldo appartiene al 33,3% ciascuno e così via.-

      Elimina
  29. Gentile Avvocato Censori ho un quesito che solo lei può sbrogliare. E'stata registrata una successione, previo controllo allo sportello dell'Agenzia Entrate. Una copia è stata restituita per permettere agli eredi di riscattare la quota economica di 1/6 della mamma, già ricevuta in eredità dalla sorella defunta. La banca non sblocca la quota perché chiedono: dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorieta', necessaria per il rilascio della certificazione dei saldi. Gli eredi non hanno presentato tale dichiarazione, cosa si può fare? Non basta solo la copia in bollo per la banca?
    Grazie per la Sua disponibilità
    Saluti e buon lavoro
    Giuditta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuditta!
      Purtroppo in questi casi le regole le fissa la banca, nel senso che dovete attenervi a quanto richiesto, anche se presumo che il pretesto serve solo per "guadagnare" tempo e per non correre alcun rischio.-

      Elimina
  30. Buonasera avvocato Censori,
    Mio padre è morto 16 mesi fa e non ha lasciato testamento; siamo rimasti io mio fratello e mia madre.
    Nel patrimonio ci sono i beni immobili dell'azienda e 1 appartamento, 1 macchina che mia madre ha provveduto a vendere,quadri, 1 conto in banca che era intestato a mio padre e dei contanti trovati in una sua cassaforte.
    Mia madre dice che tutto: contanti conto in banca intestato a mio padre, quadri, servono per pagare i debiti aziendali e che non ha contanti per liquidarci la nostra quota del 20% nell'azienda (l'abbiamo nominata amministratrice) anche se in realtà non fa molto per vendere degli immobili.
    Mia Madre vorrebbe sostituire la figura di mio padre senza darci la nostra parte di eredità, mi è stato detto che l'unica soluzione sia quella di trovare un socio che acquisti la mia quota; posso chiederle se gentilmente conosce altre strade percorribili?
    Inoltre io e mio fratello negli anni avevamo risparmiato dei soldi su una specie di agendina, che teneva mio padre e annotava gli importi che gli davamo con firma a lato, ora io dovrei avere una cifra ma mio fratello dice di vantare una che ammonta a più del doppio; si possono impugnare queste agende? Anche perché andrebbero a ledere la mia quota di eredita e ultimamente anche mia madre ha iniziato a dire di avere imprestato una volta soldi a mio padre mai più restituiti. La ringrazio in anticipo!

    Distinti saluti, Filippo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Filippo!
      Purtroppo in questi casi non ci sono molte alternative, nel senso che o ci si mette tutti d'accordo tra gli eredi, o si va in causa e sarà il giudice a stabilire tramite perizia il valore a livello economico dell'azienda e degli altri beni mobili e immobili e quindi la quota spettante a ogni erede.-
      In pratica a questo punto per legge l'azienda appartiene a tutti e 3 gli eredi, per un terzo ciascuno, quindi o vostra madre vi include nella società, ovviamente se siete d'accordo, o vi liquida la vostra quota, o cede l'azienda e vi dividete il ricavato.-

      Elimina
  31. Buongiorno,
    mio padre è deceduto il mese scorso, purtroppo ci sono molti problemi per la riscossione della quota che mi spetta.
    Fra i beni che ha lasciato, c'è una casa che egli stesso aveva acquisito circa 35 anni fa per donazione dal padre -mio nonno paterno-
    Mio padre era in regime di comunione dei beni con mia madre, la casa l'acquisita durante il matrimonio. Vorrei sapere se mia madre è gode solo dell'usufrutto del suddetto immobile oppure è titolare di una quota?
    Ringraziandola anticipatamente porgo Cordiali saluti.
    Michela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Michela!
      Se i tuoi genitori erano in comunione dei beni e la casa è stata acquistata durante il matrimonio, per legge erano proprietari al 50% ciascuno, quindi va in successione solo il 50% di tuo padre, e anche di questo 50% una parte a va a tua madre, che va ad aggiungersi al suo 50%.-

      Elimina
  32. buona sera AVV.Avrei bisogno di una risposta grazie siamo tre eredi la tassa di successione puo essere pagata da uno solo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valerio!
      NO!
      La tassa di successione si paga sul patrimonio ereditato compreso il valore degli immobili e dei diritti immobiliari, tenendo conto delle franchigie per i vari gradi di parentela, quindi ognuno deve pagare la sua quota di pertinenza.-

      Elimina
  33. Buongiorno Avvocato, avrei da chiederle una delucidazione. Sono proprietario al 50% di un appartamento con la mia ex-convivente, con la quale ho in comune una figlia di 27 anni. Io adesso vivo con un altra donna e sto per sposarmi con lei. Mi chiedevo, in caso di mio decesso dopo essermi sposato, il 50% dell'immobile chi lo eredita? La ringrazio anticipatamente e la stimo molto, Giovanni Barbera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giovanni!
      In caso di decesso, il Tuo 50% dell'appartamento andrebbe diviso in parti uguali tra tua moglie e tua figlia.-

      Elimina
  34. Gentile Avvocato,
    mia madre è morta in Luglio e ha lasciato un conto personale e dei conti cointestati con mio padre.
    Mio padre considera questi soldi solo suoi e in accordo con il suo bancario di fiducia ha organizzato una "misteriosa" operazione (di cui non ha voluto darci ragguagli più precisi)per cui noi tre figli dovremo firmare delle imprecisate carte che attribuiranno a noi i soldi presenti sul conto personale di mia madre, mentre lui terrà per sè tutto il resto.
    Mio padre ha 82 anni e noi figli per vari motivi non ci sentiamo di contraddirlo in queste sue decisioni.
    La mia domanda è: ci possono essere problemi in seguito ?
    E soprattutto, i nostri coniugi (ex coniuge per quanto riguarda uno dei miei fratelli) in nome dei figli minorenni ( nipoti di mia madre)possono contestare questa operazione e chiedere i soldi ai quali noi in un certo qualmodo rinunciamo ?
    La ringrazio anticipatamente.
    Simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simona!
      - NO! Se rinunciate alla vostra quota di eredità, è una vostra libera scelta, quindi non possono esserci problemi in seguito.-
      - NO! I coniugi o ex coniugi non hanno titolo per l'eredità, nemmeno per i figli minorenni.-

      Elimina
    2. Grazie ancora !

      Elimina
  35. Gentile avvocato,
    Mia moglie è morta da poco ed ho un solo figlio a cui vorrei lasciare in donazione tutta la casa da noi posseduta, posso indicare questa donazione nella dichiarazione di successione o come dovrei fare per evitare che lui debba rifare la successione alla mia morte?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniele!
      Purtroppo si tratta di due procedure diverse!
      Infatti prima devi presentare la dichiarazione di successione e successivamente l'atto di donazione.-

      Elimina
  36. Buongiorno Dottore Censori.
    E' possibile fare una successione anche se non ci sono ne soldi ne immobili da ereditare?
    In pratica mi viene richiesta una successione per mia nonna semplicemente per determinare l'asse ereditario per sbrigare una pratica legata ad un immobile da riscattare, ma che materialmente non era ancora di proprietà di mia nonna, in quanto appunto non aveva finito di riscattare l'immobile.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      La dichiarazione di successione deve essere presentata dagli eredi, dai chiamati all'eredità, dai legatari entro 12 mesi dalla data di apertura della successione che coincide, generalmente, con la data del decesso del contribuente, quindi se non ci sono ne beni mobili ne beni immobili da ereditare non si può presentare.-

      Elimina
  37. Buongiorno signor avvocato, mi scusi per il disturbo ma avrei bisogno di un suo consiglio su una questione piuttosto delicata. Mio nonno è morto a Dicembre 2016. La casa era stata venduta come nuda proprietà. Non mi risulta alcun testamento per ora.
    Mio nonno aveva una seconda moglie ancora in vita e tre figli fra cui mio padre, il figlio maggiore. Quindi i soldi dovrebbero essere spartiti fra loro, giusto? Ma di recente, mia zia mi ha informato che il fratello minore di mio padre aveva ottenuto un permesso di gestione sul conto corrente del nonno. Ora… mia zia mi ha detto di non fare nulla ma di aspettare. È davvero così?
    Ho letto da qualche parte che di solito è lo stato che spartisce l'eredità in parti eque fra gli eredi. È corretto? Non c'è nessuna azione da parte nostra che va compiuta?
    Lo chiedo anche per una ragione che è il motivo principale per cui le scrivo in verità.
    Questo fratello di mio padre mi è noto ha lo stipendio pignorato ed un debito di oltre 100.000 euro. Quindi mi domando cosa posso fare per proteggere gli interessi di mio padre. Non sta bene fisicamente e quella somma seppur suoni cinico, ci farebbe comodo, ho paura che se quel tipo avesse preso tutto come temiamo, non ci sia modo di rivalersi…
    Grazie per la cortese attenzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tony!
      La legge prevede che senza testamento l'eredità va divisa come segue:
      Coniuge + tre o più di tre figli = 33,3% per il coniuge + 66,6% in parti uguali per i figli.-
      Il problema però è che se non ci sono beni immobili intestati a Tuo nonno, presumo che non verrà fatta alcuna successione.-
      Quindi tuo padre per poter ricevere la sua parte di eredità, considerando anche eventuali somme percepite in vita da uno dei fratelli, dovrà intentare una causa ai sui fratelli e alla seconda moglie di tuo nonno.-

      Elimina
  38. Buongiorno, sono sposata in regime di divisione dei beni, senza figli con una sorella. Mio marito ha dei fratelli.
    Viviamo nella casa acquistata da me prima del matrimonio ed intestata solo a me. In caso sia io a morire per prima, la casa resterebbe in usufrutto a mio marito e va bene. Però vorrei che alla sua morte la casa andasse a mia sorella e non ai suoi fratelli. Come fare ?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La legge prevede quanto segue:
      Senza testamento l'eredità va divisa come segue:
      Coniuge + fratelli:
      66,6% al coniuge + 33,3% ai fratelli.-
      Con testamento:
      50% al coniuge + 50% parte disponibile (che si può destinare a chi si vuole).-

      Elimina
    2. la ringazio molto, ma questo lo sapevo. Il mio problema è che comunque anche se faccio il 50% a ciascuno, poi il 50% della casa andrà ai parenti di mio marito una volta che lui è deceduto. La mia domanda è come fare per evitare questo ? Dovrebbe forse fare testamento mio marito in questa direzione ? Oppure devo vendere a mia sorella la nuda proprietà e lasciare a lui usufrutto. Ci sono solo queste 2 chances?
      Grazie ancora per l'attenzione e il chiarimento. Cordialmente

      Elimina
    3. Tu non puoi decidere cosa dovrà fare Tuo marito dopo la tua eventuale "morte" con i beni che avrà legittimamente ereditato, ne puoi escludere tuo marito dall'asse ereditario, quindi se ti fidi di tuo marito provvederà lui per il meglio con testamento, tenendo conto anche delle tue volontà, altrimenti non mi risulta una soluzione alternativa.-

      Elimina
  39. Buonasera avvocato mi chiamo Luigi mio padre e venuto a mancare 8 mesi fa,
    Noi siamo 4 figli di cui una avuto con la seconda moglie poiché mia madre e morta 26 anni fa,la seconda moglie puo rinunciare all'eredità di uno stabile senza dannegiare la figlia?
    possiamo dividere lo stabile noi 4 figli se la moglie rinuncia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luigi!
      Presumo che la seconda moglie di tuo padre sia disposta a rinunciare alla sua parte di eredità in favore di sua figlia e non in favore di tutti, comunque è una questione che dovrete definire con un notaio, in quanto la vedova dovrà decidere a chi cedere la propria quota di eredità.-

      Elimina
  40. Buonasera mio zio vorrebbe rinunciare alla sua quota di eredità della moglie defunta (2/3) non possiede figli e gli altri eredi sono una sorella della de cuius e i figli di altra sorella premorta. Mio zio ha solo una sorella, né ascendenti né discendenti. Le chiedo: può sua sorella (o i suoi eventuali eredi) opporsi alla rinuncia di mio zio? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angela!
      NO!
      Se Tuo zio non ha figli, gli altri suoi eventuali eredi non hanno titolo per opporsi alla sua rinuncia di una quota dell'eredità della moglie.-

      Elimina
  41. Buonasera Avvocato. Vorrei rimanere anonima per favore. Le spiego la mia situazione. Mio padre è morto 1 anno fa, abbiamo fatto la successione legittima come è previsto per legge tra mia madre , mio fratello ed io. Quindi abbiamo tutti e tre il 33,3% della proprietà della casa. Ora mio fratello vuole comprare il mio 33,3% e con questo dice che è apposto, e lui si tiene tutta la casa. Ma mi scusi non dovrebbe pagarmi il 50% della casa se la vuole tutta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      La tua quota è il 33,3% della casa, quindi Tuo fratello deve pagarti solo la tua quota.-
      Una volta acquisita la Tua quota, tuo fratello passerà dal 33,3% al 66,6% della casa, in quanto il restante 33,3% è di vostra madre, a meno che non voglia acquisire anche quella.-

      Elimina
  42. Gentile Dott. Censori, vengo a porle un quesito che non trova d'accordo alcuni eredi.
    Il 3/5/1997 è deceduta mia cognata lasciando una figlia legittima quale unica erede, questa però, presentandosi di fronte al Cancelliere della Pretura fece subito atto di rinuncia.
    L'8/3/2012 è deceduta mia suocera proprietaria di un'immobile.
    Vorrei sapere se la figlia di mia cognata che ha rinunciato all'eredità della Madre, essendo trascorsi oltre 10 anni alla data dell'apertura della successione della Nonna ha diritto alla quota di proprietà dell'immobile.
    Alcuni eredi dicono che non ne ha diritto in base all'art 479 del c.c. ultimo capoverso, altri dicono che ne ha diritto in base all'art. 468 del c.c., in particolare quanto previsto dal comma 2.
    Chi ha ragione?
    A disposizione per eventuali chiarimenti porgo cordiali saluti.
    Antonio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonio!
      NO!
      La figlia di di tua cognata non ha titolo per succedere alla nonna, avendo rinunciato all'eredità della madre, in base all'Art. 479 del c.c..-

      Elimina
  43. Gent.mo Gianfranco, buona giornata. L'unica figlia della zia è deceduta prima della madre. Quest'ultima ha rilasciato testamento devolvendo l'eredità ad una nipote che ha presentato denuncia di successione riscuotendo così quanto giaceva sul c/c. A distanza di un anno, la nipote riceve cartella esattoriale dall'Ag. Entrate con la richiesta di imposte non pagate dalla figlia della zia. Inoltre, dopo verifica presso Equitalia, risulta che la stessa figlia è debitrice a titoli diversi di oltre 6.0000 euro (ben oltre l'entità dell'eredità) e che si ritiene saranno richiesti all'erede. E corretto? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gianni!
      Purtroppo SI!
      Quando si accetta l'eredità, si è obbligati per legge a pagare tutti gli eventuali debiti gravanti sull'asse ereditario.-

      Elimina
  44. Buonasera Avvocato! Le spiego la mia situazione. Mio compagno è morto 7 messi fa, e come non si trova alcun testamento in mio favore (anche se egli ha detto che lo ha fatto), eredità va in modo legale a 3 cugini. I cugini ammettono che mi merito tutto eredità e vogliono che torna a me, ma la legge non prevede tale diritto. In questo caso, come fare la successione? La ringrazio anticipatamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se il testamento non si trova e i tuoi cugini vogliono che l'eredità vada tutta a te, devono rinunciare alla loro quota di eredità spettante per legge.-

      Elimina
  45. buongiorno signor Gianfranco vorrei delle informazioni personali se per cortesia posso averli.
    ho un terreno di cui ha fianco ho un lascito di striscia di terreno di un parente, quest'ultima c e la un altra persona perché a morte di mio padre 1972 io non lo sapevo ha spostato il confine e se le presa lui la mia domanda e questa cosa posso fare a riaverla?
    la visura e sotto nome dei figli cui sono defunti 2 sono viva solo io ,gentilmente posso avere una risposta più velocemente possibile grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carmela!
      Purtroppo non avendo documenti in mano, non puoi fare nulla!

      Elimina
  46. Buongiorno Avvocato. Le spiego la mia situazione. Dopo la morte di mio padre, la casa padronale con terreno è stata divisa con legittima, quindi mia madre 4/6, mio fratello 1/6 ed io 1/6. Mio fratello vuole acquistare 1/6 da me e poi 1/6 da mia madre, così facendo avrebbe metà della casa, però senza stabilire quali siano le parti. Lui mi ha proposto di andarci abitare, sistemare la casa che ha bisogno di svariati lavori di ristrutturazione a sue spese, nell'ottica che in futuro la vuole fare sua. Attualmente non ha i soldi per acquistare il mio 50% Il tutto mi rende perplessa, perché le cose in questo modo sono ambigue, e ho paura che un domani mi chieda di pagare i lavori di migliorie. Come posso tutelarmi? Si potrebbe fare un atto notarile super dettagliato? Come posso andargli incontro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo discorso non mi quadra, infatti se tuo fratello non ha soldi nemmeno per acquistare la tua parte, come può pensare di acquistare anche una parte di tua madre per arrivare al 50%, fare dei lavori di ristrutturazione ed acquistare poi anche l'altro 50%?
      Per legge, se vengono effettuati dei lavori di ristrutturazione della casa, le spese sono a carico di tutti i cointestatari in proporzione alle quote di proprietà di ciascuno, a prescindere quindi da chi sostiene materialmente le spese.-
      Questo significa che se non vuoi correre il rischio di dover pagare le migliorie, devi cedergli la tua quota prima che inizino i lavori di ristrutturazione.-

      Elimina
  47. BUONGIORNO Avvocato.ho bisogno del suo aiuto.Mio padre è morto gennaio 2013, mi è arrivata la tassa rifiuti anno 2010 che mio padre non ha pagato,avendo fatto la rinuncia dell'eredità, ma essendo nel 2010 fino al 2013 nel suo stato di famiglia, sono obbligato a pagare?
    grazie mille per la risposta...
    Luigi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luigi!
      Purtroppo SI!
      Essendo nello stato di famiglia di Tuo padre, eri anche tu coobbligato insieme a lui al pagamento della tassa rifiuti, quindi in questo caso la rinuncia all'eredità è ininfluente.-

      Elimina
  48. Buongiorno avvocato vorrei un consiglio , mia zia ( sorelle di mio padre) è morta 12 anni fa e non avendo figli ho ereditato la quota con successione come nipote in quanto orfano di padre, per la quota spettante con altri 2 zii. Mio zio cioè il marito della defunta si è risposto con una bulgara che dopo avergli ripulito il conto bancario e fatta si donare la l'intera quota spettante allo zio della casa, lo ha lasciato. So che lo zio aveva ottenuto la separazione ma nonostante ancora il divorzio quando è venuto a mancare. Ora la signora ha affidato ad un'agenzia la vendita della casa, e quest'ultima ci ha contattato telefonicamente in quanto ha ricevuto un'offerta. Io abitando in un altro paese nonostante ero affatto al corrente di ciò, pertanto mi sono rifiutato. Oggi ho ricevuto una lettera da un avvocato come intimidazione, perché se no accetto la proposta mi saranno accollarsi le spese per lo scioglimento della comunione. Ora le chiedo se noi eredi di mia zia possiamo impugnare la donazione di mio zio o no? Se si, in che misura sarà finita? La ringrazio anticipatamente. Rosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosa!
      Purtroppo NO!
      Ai nipoti non spetta una quota di legittima, quindi lo zio in vita poteva disporre liberamente dei suoi beni, e questo significa che non potete impugnare la donazione.-

      Elimina
  49. Buongiorno avvocato gentilmente vorrei chiederle:
    Io e i miei quattro fratelli, siamo proprietari di una casa, del valore di 100 mila euri.
    Un mio fratello sposato in comunione dei beni con la moglie e con due figli, è deceduto lasciando molti debiti,
    i due figli hanno rinunciato all’eredità, vorrei chiederle quando venderemo la casa i creditori di mio fratello
    possono attaccare la vendita della casa e se si in che misura.
    La ringrazio anticipatamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Quando venderete la casa, i creditori di vostro fratello potranno richiedere la sua quota pari al 20% del ricavato dalla vendita.-

      Elimina
  50. Gentile avvocato, una domanda:
    essendo deceduta mia moglie, proprietaria dell'appartamento d'abitazione, a me spetta (ho due figli) un terzo + l'usufrutto. Ma se io rinunciassi all'eredità, perderei il terzo della casa ma l'usufrutto mi resterebbe? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giacomo!
      SI!
      Nell'atto notarile di rinuncia all'eredità deve essere riportato se il rinunciante mantiene il diritto di usufrutto o quello di abitazione o tutti due.-

      Elimina
  51. Gentile avvocato, se possibile gradirei un'informazione per qusta situazione, zio deceduto sposato solo in chiesa, genitori deceduti, senza figli 1 fratello 90enne in vita con 3 figli 2 sorelle decedute con 3 figli rispettivamente. Lo zio ha fatto testamento, non ancora aperto, domanda.... 1) c'e' per legge l'obbligatorieta' da parte di qualcuno dei soggetti citati ad aprire il testamento? c'e' un termine per il quale si deve aprire per legge il testamento e se non si apre si incorre in sanzioni? i figli delle sorelle decedute hanno per legge diritto a una parte dell'eredita' se pur non citati in testamento? se ne hanno diritto sono obbligati ad accettare o rinunciare? se la quota ev.spettante per legge non viene citata in testamento cmq gli ev. eredi devono accettare o rinunciare o eventualmente possono far finta di niente? quanto tempo hanno ev. gli eredi per accettare o rinunciare? se un. erede anche solo di percentuale per legge vuol rinunciare ma ha figli o figli di figli minorenni che succede? se non si accetta o rinuncia si va incontro a sanzioni? per quanto riguarda le tasse da pagare per chi ev. non e' citato in testamento ma cmq ha diritto ad una parte per legge quanto tempo ha per pagare? e da quando scatta questo tempo? infine se uno degli eredi rinuncia anche ev.alla quota assegnata per legge e questa quota passa ai figli minorenni i genitori devono pagare le tasse nei termini immediati di legge o i minori possono aspettare di compiere il diciottesimo anno, rinunciare o accettare ed ev.in quel momento pagare le tasse di sucessione? scusi Avvocato per le molte domande e forse un po' confuse ma, come spesso succede, lo scarica barile o il io non centro e' sempre il primo soggetto a presentarsi. Grazie Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luca!
      - SI! Il il testamento va aperto per legge.-
      - NO! Non c'è un termine per l'apertura del testamento.-
      - NO! I figli delle sorelle non hanno diritto per legge a una parte dell'eredità.-
      - Gli eredi hanno fino a 10 anni di tempo per accettare o rinunciare.-
      - Se un erede vuole rinunciare deve farlo anche per conto dei figli minorenni.-
      - Fino a quando non viene fatta la successione non devono essere pagate tasse, ma poi una volta effettuata bisognerà pagare anche gli arretrati.-
      - Se uno degli eredi rinuncia deve decidere subito se assegnare la sua quota ai figli o se rinunciare anche per conto loro, quindi il discorso dei 18 anni d'età dei minori non si pone.-

      Elimina
    2. Grazie Mille Dott. Gianfranco, abbiamo aperto il testamento,lo zio, ha lasciato, l'usofrutto della meta' di sua proprieta della casa dove viveva con la compagna a lei e nessuna indicazione sul resto pertanto, di conseguenza tutto il rimanente, diviso fra, l'unico fratello in vita e ai figli delle due sorelle decedute, pero', ora, si agginge un'altro problema per il quale le chiedo consigli, i figli dello zio novantenne ancora in vita, ci hanno comunicato che, hanno ricoverato lo zio presso una casa di riposo e, che hanno chiederanno l'amministratore di sestogno che sara' uno di loro, e, ci hanno mandato un documento da firmare, come presa visione e non opposizione della richiesta di amministratore di sostegno a noi nipoti figli delle sorekke decudetu, la mia domanda e'.... per quale motivo, se lo zio ha dei figli noi nipoti dovremmo firmare questo documento? e veramente il tribunale come ci e' stato detto pretende le nostre firme? non ci sara' qualcosa che non sappiamo? secondo lei se non ci fosse questa eredita' che ci accomuna ci sarebbe stato bisogno della nostra firma? Grazie mille Dott. Gianfranco per la sua disponibilita'. Luca

      Elimina
    3. Ciao Luca!
      E' tutto regolare!
      In pratica la legge prevede che quando una persona non è più in grado di intendere e di volere venga nominato un amministratore di sostegno, cioè una persona che abbia cura della sua persona e del suo patrimonio, e il giudice vuole accertarsi che tutti i parenti siano d'accordo, e cioè che non ci siano dubbi sull'onestà della persona scelta.-

      Elimina
  52. Buongiorno Gianfranco, la mia domanda è questa: se una persona eredita tramite testamento olografo tutti i beni del defunto..ha diritto anche alla pensione di reversibilità? grazie mille !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mariella!
      SI!
      Si tratta di due questioni diverse e non collegate tra di loro, perché l'eredità può essere legata a un testamento, mentre la pensione di reversibilità è legata a precise disposizioni di legge.-

      Elimina
  53. Buon giorno Gianfranco, la mia domanda è questa: Con mio fratello sono propritaria di un immobile al 50% ciascuno, avuto in eredità dai nostri defunti genitori, io vivo in questo grande appartamento, mio fratello invece vive altrove. Ora la casa e' molto grande ed io vorrei poterla dividere in modo da avere uno spazio tutto per me, dove mi devo rivolgere? È possibile poter dividere questo appartamento grande in due unita abitative, mio fratello è d'accordo, non ci sono problemi, ma io non so da dove iniziare... Consigli?
    Grazie 1000, Romina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Romina!
      Se l'appartamento è divisibile in due unità abitative può stabilirlo solo un geometra o un architetto, che in caso affermativo potrà eventualmente seguire tutto l'iter burocratico necessario per la divisione.-

      Elimina
  54. Dottore buonasera,
    una mia sorella nubile, convivente con un nostro fratello celibe, è mancata il mese scorso e siamo venuti a sapere che aveva redatto un testamento olografo destinando tutti i suoi beni mobili al fratello convivente. Siamo 9 fratelli viventi (genitori deceduti) e quello convivente, accompagnato solo da due sorelle, si è recato da un notaio con il testamento suddetto per attivare le procedure di svincolo dei depositi bancari della defunta. Preciso che io ed altri non abbiamo mai letto né il testamento olografo né il documento redatto dal notaio per cui le chiedo se:
    1) il notaio poteva procedere senza la presenza di tutti i fratelli;
    2) avrebbe dovuto dare comunicazione in qualche maniera a tutti i fratelli;
    3) è lecita la decisione della defunta.
    La ringrazio e saluto cordialmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La normativa prevede quanto segue:
      Senza coniuge senza figli e senza ascendenti = 100% quota disponibile!
      Questo significa che non essendo previste quote di legittima per i fratelli e le sorelle, tua sorella con testamento poteva disporre liberamente dei suoi beni.-
      Se invece tua sorella non avesse redatto un testamento l'intera eredità sarebbe stata divisa in parti uguali tra i fratelli e le sorelle.-

      Elimina
    2. Nel ringraziarla approfitto per porre un altro quesito. Nostra madre (già vedova e madre di 11 figli) nell’atto di acquisto della casa stabilì il diritto di abitazione nella stessa a titolo gratuito a favore di un fratello e una sorella non sposati, vita natural durante e finché celibe e nubile. Deceduta mia madre ciò fu confermato nella dichiarazione di successione e ciascuno è rimasto proprietario di 1/11, ovviamente senza poterne ricavare alcun beneficio materiale.
      A luglio 2016 è deceduto un fratello, vedovo e con 3 figli tutti sposati; a febbraio 2017 è deceduta la sorella nubile. Le chiedo, quindi, se le porzioni di eredità cambiano automaticamente da 1/11 ad 1/9, ovvero subentrano i 3 figli di nostro fratello deceduto, se occorre formalizzare qualche atto, con quali spese ed a carico di chi, tenendo conto che parliamo di una casa del valore di circa 100.000 €.
      La ringrazio infinitamente e la saluto cordialmente.

      Elimina
    3. Con il decesso di due fratelli le vostre porzioni non cambiano, in quanto al loro quota va ai loro figli, che devono ovviamente accollarsi le spese inerenti i relativi passaggi di proprietà.-

      Elimina
  55. Buongiorno avvocato. Avrei bisogno di un chiarimento. Convivo con un uomo e vorrei sposarmi. Entrambi abbiamo figli nati da precedenti unioni. Vorrei sapere se in caso di mia morte, mio marito erediterebbe la casa dove viviamo e che io ho avuto in donazione da mio padre. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      La casa deve vivete che hai avuto in donazione da tuo padre, in caso di tua morte andrà solo ai tuoi figli, e non quindi al tuo futuro marito.-

      Elimina
    2. Ciao Gianfranco, ma in caso di morte della signora se è già sposata secondo me il marito rientra nella normale successione. Solo se non è ancora sposata spetta tutto ai figli.

      Elimina
    3. La collazione è l'atto con cui i figli, i loro discendenti e il coniuge del defunto, conferiscono alla massa ereditaria - intesa come l'insieme dei beni che saranno oggetto di eredità - tutti i beni mobili e immobili ricevuti a titolo di donazione dal defunto quando questi era in vita. Le donazioni fatte dal defunto quando era in vita possono infatti incidere anche significativamente sia sul complesso dei beni lasciati dal defunto, sia, di conseguenza, sull'entità delle porzioni di beni spettanti a ciascuno degli eredi. Con la collazione, la legge intende pertanto ripristinare, a favore dei parenti più stretti del defunto, l'uguaglianza di trattamento nella ripartizione del patrimonio ereditario.-

      Elimina
  56. Buongiorno
    siamo 2 sorelle e abbiamo ereditato, alla morte di nostra madre nel 2008, l'immobile in cui abito in via esclusiva , per decisione di mia madre, con la mia famiglia sin da quando mi sono sposata (1979) mentre mia sorella abita in altro appartamento di sua proprietà in altra città.
    Tutte le relative tasse e oneri sull'immobile sono state pagate, da sempre , in ragione del 50%spettante per ognuna sorella.
    Dopo vari tentativi per dividere, non andati a buon fine per questioni economiche, mia sorella mi ha intentato causa per chiedendo la divisione giudiziale, indicando sulla comparizione che detenevo in via esclusiva l'immobile per sua mera tolleranza (!).
    Effettuati i riscontri con il CTU nominato dal tribunale, decido , per evitare il proseguimento della causa , di acquistare io la parte di mia sorella ( valore molto più di quello di mercato , secondo me).
    Procediamo quindi al rogito , pago il dovuto a mia sorella che pertanto accetta la vendita e la causa così decade .
    Sul rogito il notaio non ha inserito nessuna clausola particolare se non che la causa intentata era da ritenere decaduta.
    Null'altro in riferimento all'occupazione esclusiva e nessuna delle solite diciture in uso tipo : "nulla più a pretendere"...ecc.
    Ora ricevo una comunicazione dal suo avvocato che mi chiede l'indennizzo per il mancato godimento dell'appartamento considerando gli arretrati , pari all'affitto a prezzi di mercato , in ragione dei 5 anni pre-rogito e relativamente alla sua quota parte del 50%, indicando , in difetto , di adire a vie giudiziarie.
    Può farlo ?
    Mi devo rassegnare e pagare ?
    Lei in tutti questi anni non mi ha mai chiesto nulla , né affitto né di liberare l'immobile o di venderlo.
    Ho solo uno scritto in carta libera di 10 anni fa , in cui mi invitava a di pagare al 100% gli oneri di raccolta rifiuti in quanto io ero l'unica utilizzatrice dell'appartamento .
    Posso resistere ? con quali argomenti ? Secondo Lei , rivolgendomi ad un legale , ho poi buone possibilità di non darle nulla ?
    Oppure è meglio darle quello che chiede e chiudere la questione
    (si tratta di qualche migliaio di euro) ?
    Attendo una sua gentile risposta anche se negativa .
    Grazie
    Letizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Letizia!
      Purtroppo devi rassegnarti e pagare!
      Infatti l'immobile era di proprietà di entrambe e tua sorella aveva pagato tasse e oneri al 50%, quindi ha titolo per richiedere l'affitto sul suo 50% di proprietà.-
      D'altra parte la causa è decaduta con la vendita, quindi non c'è stata una sentenza, e il rogito del notaio ha riguardato solo il valore dell'immobile al momento del passaggio di proprietà senza prevedere nulla per il pregresso.-
      Ti consiglio quindi di chiudere la questione perché non hai elementi per aprire un'altra causa, che comporterebbe ulteriori spese legali senza alcuna garanzia sul risultato.-

      Elimina
  57. Buona sera avvocato,ho una domanda da farle.
    E venuta a mancare una zia del mio marito,che non ha ne marito ne figli.Aveva 3 fratelli tutti morti.Da questi fratelli ci sono 9 nipoti.Come va divisa l'eredità tra questi nipoti? Perché ogni fratello del mio marito si e informato e qualcuno ha detto che l'eredità viene divisa per 3 fratelli anche se sono tutti morti,e qualcuno ha detto invece che se i fratelli sono tutti morti viene suddivisa a tutti nipoti in parti uguali.Chi ha ragione?

    Grazie per la risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristina!
      L'eredità va divisa in 3 parti uguali perché gli eredi erano 3 fratelli, quindi i rispettivi figli si divideranno la quota spettante al loro genitore deceduto.-

      Elimina
  58. Salve Avvocato vorrei delle delucidazioni la ringrazio anticipatamente.
    Io e i miei quattro fratelli sia intestatari di un appartamento in quote uguali, 2 mesi fa un mio fratello sposato in comunione dei beni con la moglie, è deceduto, la moglie i suoi due figli hanno rinunciato all’eredita, perché mio fratello era pieno di debiti con equitalia e un mutuo da pagare su una casa comprata con la moglie.
    La chiedo gentilmente come comportarci per evitare di essere attaccato dai creditori di nostro fratello.
    1- i creditori ed equitalia possono attaccare la nostra quota di proprietà che abbiamo con nostro fratello sulla casa intestata a tutti noi fratelli quando venderemo l'appartamento.
    La ringrazio anticipatamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo in caso di vendita dell'appartamento i creditori ed equitalia possono pretendere la quota di pertinenza di vostro fratello deceduto, anche se la moglie ha rinunciato all'eredità.-
      Il legislatore dispone infatti, all'art. 524 c.c. che, nel caso di rinunzia all'eredità con danno dei creditori, questi possono farsi autorizzare ad accettare l'eredità rinunziata in nome ed in luogo del rinunziante, al solo scopo di soddisfarsi sui beni ereditari.-

      Elimina
  59. Gentile Avvocato Censori ho un quesito da porle e la ringrazio anticipatamente.
    Sono sposato in comunione dei beni con mia moglie e una figlia, dopo una malattia mia moglie è deceduta lasciando debiti con equitalia per contributi inps e altri piccoli debiti con finanziarie.
    Io mia moglie e mia figlia abbiamo dei buoni postali cointestati, può equitalia e le finanziarie attaccare i buoni postali e se si in che percentuale.
    Grazie per la Sua disponibilità
    Saluti e buon lavoro
    Antonio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonio!
      Per legge dopo il decesso di uno dei cointestatari, i buoni postali vanno bloccati, va aperta la successione e gli eredi legittimi potranno incassare la quota loro spettante.-
      Se equitalia e le finanziarie vengono a conoscenza dei buoni postali possono pretendere il 33,3% del loro valore.-

      Elimina
  60. Buongiorno avvocato vorrei cortesemente delle spiegazione e la ringrazio
    Io e le mie due sorelle siamo proprietarie di un appartamento in quote uguale, io e una mia sorella vorremmo venderla ma l'altra sorella che sta in casa non vuole vendere e neanche andare via, come dobbiamo comportarci per vendere la casa .
    la saluti e la ringrazio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo o cercate in qualche modo di mettervi d'accordo tra sorelle, o dovete ricorrere alle vie legali, in modo che sarà un giudice con una sentenza a imporre la vendita dell'appartamento e la conseguente divisione del ricavato.-

      Elimina
  61. buongiorno avvocato.. mi può rispondere a questo problema... nel 2014 è venuto a mancare mio papà e mia madre e noi figli abbiamo ereditato la casa di mio zio. L a casa è abitata dalla moglie di mio zio, con la figlia e le nipoti a dal nuovo compagno di mia zia.Ora mia zia vuole in nostro terzo chiedendoci le spese che ha sostenuto anni fa per l appartamento( cosa fatta a nostra insaputa). ha detto che se non gli e lo vendiamo ci faràà obbligare dal giudice. Lo può fare? e dobbiamo dargli i soldi per i lavori? grazie mille in anticipo.

    RispondiElimina
  62. sono la persona di prima... volevo specificare che le figlie di mia zia le ha avute da un matrimonio precedente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero che se non gli vendete la vostra parte può farvi obbligare dal giudice, ma il giudice dovrà stabilire il valore della casa, e terrà conto delle spese che ha sostenuto solo se hanno consentito di aumentare il valore dell'immobile.-
      Questo significa che o vi mettete d'accordo sul valore attuale dell'immobile e quindi della vostra quota parte, o aspettate che la moglie di tuo zia vi faccia causa, e sarà quindi il giudice a stabilire quello che vi spetterà.-

      Elimina
  63. Buon giorno Avvocato
    alla morte di mio padre Io, mia sorella e mia madre avevamo ereditato a casa di mio padre dove è rimasta la mamma : 1/3+1/3+1/3
    Attualmente la mamma è morta come funziona la successione?
    Va in successione solo il terzo della mamma ?
    Per me e mia sorella è una seconda casa: rendita catastale 1.193,02 moltiplicato il coefficiente x 120 coefficiente seconda casa = 150.321
    Qual è il valore minimo sul quale pagare la successione?
    nel nostro caso dovremmo pagare solo sul terzo ereditato di mamma :150.321 :3 = 50.107.
    Su questa somma si paga la successione?
    Ho sbagliato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - SI! Con la morte di tua madre va in successione solo il suo terzo che dividerete in parti uguali.-
      - SI! Il calcolo è giusto: 1.193,02 x 105% x 120 = 150.321,00.-

      Elimina
    2. grazie molte!!
      150.321 è il totale abitazione ma la successione è solo di un terzo (solo una quota è di mamma 50.107)
      due quote sono delle 2 figlie ora proprietarie di tutta l'abitazione
      si paga su 50.107 o come?
      scusi tanto La ringrazio ancora

      Elimina
    3. Ciao Cinzia!
      SI!
      Dovete pagare ciascuno sul 50% di 50.017,00.-

      Elimina
  64. Mio padre vuole togliersi dalla successione , dove fanno parte altri fratelli,da tre anni paga le tasse della futura casa e terreno che dovranno dividersi , ma gli e'stato detto che non lo puo' fare perche'ciò passerebbe a noi nipoti ma anche a noi ciò non interessa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo se non vi interessa dovete rinunciare tutti, formalmente, cioè con atto scritto all'eredità, quindi sia tuo padre che voi figli!

      Elimina
    2. Grazie x la risposta.Cordiali saluti

      Elimina
  65. Salve,
    mio marito è defunto lasciando me e due figlie minori. Mio marito non aveva beni immobili. Ma solamente alcuni conti in banca. In particolare in Italia 2 conti in banca cointestati con me con importi inferiori a 10mila euro e un paio di conti in Germania (nei quali anch'io dovrei essere cointestataria) dove aveva anche delle azioni con importi intorno ai 10mila euro. Mi potreste confermare che non è necessario effettuare la successione, data l'esigua entità degli importi? Qual è il limite massimo degli importi per non effettuare successione? Si cumulano gli importi dei conti italiani con quelli tedeschi? Per quanto riguarda la chiusura dei conti mi hanno chiesto l'autocertificazione degli eredi. Posso utilizzarla anche in Germania (naturalmente facendola tradurre ufficialmente)? In questa autocertificazione devo anche inserire le mie figlie come eredi? Dato che sono minorenni devo dichiararle come incapaci? Dato che esercito io la patria potestà è necessario incaricare un giudice tutelare? Non credo... Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Non devono presentare la dichiarazione di successione il coniuge e/o figli e/o genitori e/o altri parenti in linea retta se l’eredità ha valore non superiore a 100.000 euro e non comprende beni immobili o diritti reali immobiliari (come usufrutto, servitù, abitazione, superficie, ecc.).-
      - SI! Si cumulano gli importi dei conti italiani con quelli esteri.-
      - SI! Puoi utilizzare l'autocertificazione anche in Germania, inserendo le figlie anche se minorenni come madre, e quindi automaticamente tutrice delle stesse.-

      Elimina
    2. Grazie mille avvocato.
      Alcune precisazioni alla mia domanda..
      - Posso firmare l'autocertificazione indicando le minorenni come eredi ed indicando con hanno capacità di giuridica di agire ma che ne sono la tutrice in quanto ne esercito la patria potestà?
      -dalla germania mi hanno chiesto il certificato successorio europeo. Questo significa che l'autocertificazione non è sufficiente? chi rilascia il certificato successorio europeo? a chi mi devo rivolgere?
      grazie

      Elimina
    3. In Italia, l’articolo 32 della legge 30 ottobre 2014, n. 161, ha disposto (in esecuzione del Regolamento 650/2012) che il Cse sia rilasciato da un notaio, su richiesta delle persone a ciò legittimate dal medesimo Regolamento 650/2012.-
      Questo purtroppo significa che devi comunque rivolgerti a un notaio, quindi il discorso dell'autocertificazione nel tuo caso è superato.-

      Elimina
  66. Gentile Avvocato ho un quesito da Porle e la ringrazio anticipatamente.
    Sono sposata in comunione dei beni con mio marito ho due figlie, mio marito è deceduto lasciando molti debiti con equitalia e finanziarie.
    Ho dei buoni postali cointestati a me e alle mie due figlie, può equitalia e le finanziarie attaccare i buoni postali e se si in che percentuale. Cosa devo fare per evitare che tutto cio;
    I buoni postali sono intestati solo a me e alle mie figlie, essi sono stati fatti quando mio marito era in vita.
    Grazie per la Sua disponibilità
    La ringrazio e aspetto i suoi consigli.
    Anna Russo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna!
      Con il regime patrimoniale in comunione dei beni, i beni acquistati dai coniugi insieme o individualmente nel corso del matrimonio, entrano automaticamente a far parte di un unico patrimonio comune a entrambi che ne sono proprietari al 50% indipendentemente dall'apporto reale di ognuno.
      Fanno parte del patrimonio comune:
      - i risparmi di ciascun coniuge accantonati durante la vita matrimoniale.-
      - Gli acquisti compiuti dai coniugi dopo il matrimonio.-
      I buoni postali cointestati tra te e le due figlie appartengono per legge un terzo ciascuna.-
      Questo significa che del terzo di tua appartenenza dei titoli, la metà "sarebbe" di tuo marito, quindi eventualmente "attaccabile" dai creditori.-

      Elimina
  67. Gentile Avvocato
    a seguito del decesso di mia madre debbo fare la successione.
    L'appartamento dove abitava aveva una ascensore installato privatamente a proprie spese con autorizzazione del condomino in quando la mamma era invalida.
    Debbo inserirlo nella successione ?
    Se sì dove va iscritto e quale valore debbo inscrivere?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Aurelio!
      NO!
      L'ascensore non va inserito nella successione!

      Elimina
    2. Grazie moltissime!!!!

      Elimina
    3. Ciao Aurelio!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  68. Salve due persone anziane possono vendere la nuda proprietà della loro abitazione con riserva di usufrutto fino alla loro morte anche se hanno degli eredi? Se lo fanno gli eredi possono rivalersi in qualche maniera? Esiste un modo per i genitori di eludere l'eredità ad un figlio? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sabrina!
      Più figli senza coniuge = 66,6% in parti uguali tra i figli + 33,3% quota disponibile.-
      Questo significa che voi due genitori potete disporre liberamente solo del 33,3% della casa, perché il 66,6% che è la parte di legittima, spetta comunque ai figli.-

      Elimina
  69. buona sera..sono PAOLO..............ho questo dilemma, una delle 2 sorelle di mio padre si è sposata ma non ha avuto figli, quindi alla sua morte la sua casa è andata in successione al marito, a mio padre e all'altra sorella, ora mio padre e l'altra zia sono deceduti anche loro, in tutto siamo rimasti 4 nipoti dello zio (affine)che non ha nessun altro parente di sangue che potra' presentarsi per un eventuale successione. insomma se nessunconsanguineo dello zio si presenta alla successione, le restanti quote di casa le ereditiamo noi nipoti, o no ? vanno allo stato ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paolo!
      SI!
      Se Tuo zio non ha altri parenti di sangue, l'eredità andrà divisa tra voi nipoti, ovviamente se non disporrà diversamente con testamento.-

      Elimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.