venerdì 21 febbraio 2014

Assegni familiari 2013-2014

ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE dal 01/07/2013 al 30/06/2014

L'assegno per il nucleo familiare è previsto per aiutare le famiglie dei lavoratori dipendenti, pubblici e privati e dei pensionati da lavoro dipendente, i cui nuclei familiari sono composti da più persone e i cui redditi sono al di sotto delle fasce di reddito massime stabilite dalla legge.-

A chi spetta:
Spetta ai lavoratori dipendenti in attività, ai disoccupati indennizzati, ai lavoratori cassaintegrati, ai lavoratori in mobilità, ai lavoratori in malattia o in maternità e ai pensionati ex lavoratori dipendenti; spetta anche ai lavoratori con contratto a termine.-
Per averne diritto è necessario che il reddito familiare non superi determinati limiti, stabiliti ogni anno dalla legge; è costituito da quello del richiedente e di tutte le persone che compongono il nucleo familiare, prodotto nell'anno solare precedente; decorre dal I° luglio di ogni anno ed ha valore fino al 30 giugno dell'anno successivo.-

Redditi:
Ai fini del diritto all'assegno si considera la somma dei redditi complessivi assoggettati all'IRPEF di tutti i componenti, compresa la casa di abitazione, gli assegni periodici corrisposti dal coniuge separato o divorziato, i redditi i redditi esenti da imposta, e quelli soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d'imposta o imposta sostitutiva, (ad esempio, le borse di studio, la pensione e l'assegno sociale, indennità per ciechi, sordomuti, invalidi civili, Interessi dei depositi e dei c/c bancari e postali,interessi di CCT, BOT e i proventi da investimento).-
Rientrano tra i redditi soggetti ad imposta sostitutiva e pertanto vanno computati nel reddito familiare i premi alla produttività solo qualora il loro ammontare superi complessivamente il limite di 1.032,91 euro al lordo delle ritenute, riferito all'intero nucleo.-
In caso di perdite d'esercizio derivanti dalla partecipazione ad una società di persone in contabilità ordinaria o semplificata è possibile detrarre, ai fini dell'assegno per il nucleo familiare, dal reddito di lavoro dipendente di uno dei componenti il nucleo le perdite di esercizio derivanti dalla sua partecipazione ad imprese in contabilità semplificata, ma non quelle provenienti da imprese in contabilità ordinaria.-
Invece non si computano:
Il trattamento di fine rapporto, i trattamenti di famiglia, le rendite vitalizie erogate dall'INAIL, le pensioni di guerra, le pensioni tabellari ai militari di leva vittime di infortunio, le indennità di accompagnamento, le indennità di trasferta, l'assegno di mantenimento dei figli.- 

Dichiarazione del reddito del nucleo familiare:
Il soggetto interessato deve consegnare al proprio datore di lavoro una specifica domanda utilizzando l'apposito mod. ANF/DIP contenente una specifica sezione denominata “Redditi conseguiti dal richiedente e dai componenti il nucleo familiare”.-

Periodo di riferimento del reddito:
Il reddito familiare da considerare ai fini della corresponsione degli assegni per il nucleo familiare è quello conseguito nell'anno solare precedente il 1° luglio di ogni anno e rimarrà in vigore fino al 30 giugno dell'anno successivo (esempio per il periodo dal 01/07/2013 al 30/06/2014 fanno fede i redditi dell'anno 2012).-

Per chi spetta:
Fanno parte del nucleo familiare: il coniuge anche se non convivente, i figli minorenni, i figli maggiorenni inabili, fratelli sorelle e nipoti inabili e familiari residenti all'estero di cittadino straniero
(solo se esiste un rapporto di reciprocità con lo Stato di provenienza o sia stata stipulata una convenzione in materia di ANF).-
Per i nuclei familiari numerosi, composti cioè da almeno 4 figli o equiparati di età inferiore a 26 anni, si avrà diritto all'assegno al nucleo familiare oltre che per i figli minori anche per i maggiori di anni 18 (compiuti) ed inferiore a 21 anni purché studenti o apprendisti.-

Incidenza in percentuale del reddito da lavoro dipendente:
L'assegno per il nucleo familiare non spetta se la somma dei redditi da lavoro dipendente e/o assimilati, da pensione o da altra prestazione previdenziale derivante da lavoro dipendente è inferiore al 70% del reddito familiare complessivo.-

Chi paga:
Ai lavoratori in attività l'assegno viene pagato dal datore di lavoro in occasione del pagamento della retribuzione. Il datore di lavoro chiede poi all'INPS il rimborso delle somme pagate. Per colf, operai agricoli dipendenti, disoccupati ecc., l'assegno viene pagato direttamente dall'INPS.-
Ai pensionati l'assegno viene pagato direttamente dall'INPS insieme alla rata di pensione.-

L'autorizzazione dell'INPS:
In generale, il datore di lavoro corrisponde l'assegno al nucleo familiare al dipendente che ne fa richiesta e che dimostra di averne diritto.-
Però in alcuni casi particolari la corresponsione dell' assegno per il nucleo familiare è subordinata ad una preventiva autorizzazione da parte dell'INPS, da richiedere esclusivamente per via telematica con il mod. ANF42 (l'autorizzazione è necessaria ad esempio in caso di figli di divorziati o separati legalmente o del coniuge già divorziato, figli dell'altro coniuge nati da precedente matrimonio sciolto per divorzio, fratelli, sorelle e nipoti, soggetti maggiorenni inabili, o per i nipoti intesi come i figli dei figli se i genitori sono senza redditi).- 


ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE AI LAVORATORI PARASUBORDINATI

E' una prestazione istituita per aiutare le famiglie dei lavoratori parasubordinati iscritti alla Gestione Separata, di cui all'art.2, comma 26, legge 335/95, che non siano iscritti ad altre forme pensionistiche obbligatorie e non siano pensionati.
L’importo dell’assegno varia, come per i lavoratori dipendenti, in base al numero dei componenti, alla tipologia e al reddito complessivo percepito dal nucleo stesso, secondo quanto stabilito nelle tabelle reddituali pubblicate ogni anno.
I redditi da dichiarare sono, oltre quelli la cui dichiarazione è già prevista per i lavoratori dipendenti, anche quelli derivanti dalle attività indicate all’art. 2, c. 26, L.335/95.
Pertanto, in questo caso, il reddito complessivo del nucleo familiare deve essere composto, per almeno il 70%, da reddito derivante da lavoro dipendente ed assimilato o da reddito derivante dalle attività indicate all’art. 2, c. 26, L.335/95. In caso di nuclei a composizione reddituale mista, è data la possibilità di considerare realizzato il requisito del 70% di redditi da lavoro dipendente ed assimilato con la somma dei redditi da lavoro dipendente e dei redditi derivanti da attività di lavoro parasubordinato.

Ai lavoratori in questione l'assegno sarà corrisposto per tutto il periodo che, ai fini previdenziali, risulti coperto dalla specifica contribuzione, comprensiva dell’aliquota contributiva aggiuntiva dello 0,72% (0,50% fino al 6/11/07), specificamente introdotta dalla legge 449/97, art. 59, comma 16,  per il finanziamento delle prestazioni di maternità e degli assegni per il nucleo familiare.
La domanda deve essere presentata esclusivamente attraverso uno dei seguenti canali:
  • WEB – servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino munito di PIN attraverso il portale dell’Istituto  - servizio di “Invio OnLine di Domande di prestazioni a Sostegno del reddito”, funzione ANF Gestione Separata;
  • Patronati – attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi;
  • Contact - Center attraverso il numero 803164 gratuito da rete fissa o il numero 06164164 da rete mobile a pagamento secondo la tariffa del proprio gestore telefonico.
a decorrere dal 1° febbraio dell’anno successivo a quello per il quale vengono richiesti gli assegni. 
Qualora la domanda venga presentata per un periodo pregresso, gli arretrati spettanti vengono corrisposti nel limite massimo di 5 anni (prescrizione quinquennale).


Assegni Familiari dal 01/07/2013 al 30/06/2014 (circ. 84 del 23/05/2013 INPS)

Tab. 11 – Nuclei familiari con entrambi i genitori e almeno un figlio minore, in cui non siano presenti componenti inabili.-

Della tabella  n. 11 vengono riportati solo alcuni esempi, per dare un'idea di massima, perchè l'importo esatto viene calcolato in base alla fascia specifica di appartenenza che varia  ogni 113,57 euro.-

tabella assegni familiari 2013-2014



Tab. 21A – Nuclei familiari con entrambi i genitori, senza figli, assenza di inabili.-  
Reddito familiare annuo da euro 00.000,00 a euro 13.418,75 = euro 46,48
Reddito familiare annuo da euro 13.418,76 a euro 16.772,71 = euro 36,15
Reddito familiare annuo da euro 16.772,72 a euro 20.126,65 = euro 25,82
Reddito familiare annuo da euro 20.126,66 a euro 23.479,30 = euro 10,33
Reddito familiare annuo da euro 23.479,31 non spettano assegni familiari  



Assegni Familiari dal 01/07/2012 al 30/06/2013 (circ. 79 del 08/06/2012 INPS)

Tab. 11 – Nuclei familiari con entrambi i genitori e almeno un figlio minore, in cui non siano presenti componenti inabili.-

Della tabella  n. 11 vengono riportati solo alcuni esempi, per dare un'idea di massima, perchè l'importo esatto viene calcolato in base alla fascia specifica di appartenenza che varia  ogni 110,27 euro.-


tabella assegni familiari 2012-2013



Tab. 21A – Nuclei familiari con entrambi i genitori, senza figli, assenza di inabili.-
Reddito familiare annuo da euro 00.000,00 a euro 13.027,91 = euro 46,48
Reddito familiare annuo da euro 13.027,92 a euro 16.284,18 = euro 36,15
Reddito familiare annuo da euro 16.284,19 a euro 19.540,44 = euro 25,82
Reddito familiare annuo da euro 19.540,45 a euro 22.795,44 = euro 10,33
Reddito familiare annuo da euro 22.795,45 non spettano assegni familiari



Assegni Familiari dal 01/07/2011 al 30/06/2012 (circ. 83 del 13/06/2011 INPS)

Tab. 11 – Nuclei familiari con entrambi i genitori e almeno un figlio minore, in cui non siano presenti componenti inabili.-

Della tabella n. 11 vengono riportati solo alcuni esempi, per dare un'idea di massima, perchè l'importo esatto viene calcolato in base alla fascia specifica di appartenenza che varia ogni 105,68 euro.-

tabella assegni familiari 2011-2012



Tab. 21A – Nuclei familiari con entrambi i genitori, senza figli, assenza di inabili.-
  • Reddito familiare annuo da euro 00.000,00 a euro 12.685,40 = euro 46,48 
  • Reddito familiare annuo da euro 12.685,41 a euro 15.856,07 = euro 36,15 
  • Reddito familiare annuo da euro 15.856,08 a euro 19.026,72 = euro 25,82 
  • Reddito familiare annuo da euro 19.026,73 a euro 22.196,14 = euro 10,33 
  • Reddito familiare annuo da euro 22.196,15 non spettano assegni familiari



Assegni Familiari dal 01/07/2010 al 30/06/2011

Tab. 11 – Nuclei familiari con entrambi i genitori e almeno un figlio minore, in cui non siano presenti componenti inabili.-

Della tabella n. 11 vengono riportati solo alcuni esempi, per dare un'idea di massima, perchè l'importo esatto viene calcolato in base alla fascia specifica di appartenenza che varia ogni 105,68 euro.-


tabella assegni familiari 2010-2011

Tab. 21A – Nuclei familiari con entrambi i genitori, senza figli, assenza di inabili.-
  • Reddito familiare annuo da euro 00.000,00 a euro 12.485,63 = euro 46,48
  • Reddito familiare annuo da euro 12.485,64 a euro 15.606,37 = euro 36,15
  • Reddito familiare unnuo da euro 15.606,38 a euro 18.727,09 = euro 25,82
  • Reddito familiare annuo da euro 18.727,10 a euro 21.846,59 = euro 10,33
  • Reddito familiare annuo da euro 21.846,60 non spettano assegni familiari 



Assegni Familiari dal 01/07/2009 al 30/06/2010

Tab. 11 – Nuclei familiari con entrambi i genitori e almeno un figlio minore, in cui non siano presenti componenti inabili.-

Della tabella n. 11 vengono riportati solo alcuni esempi, per dare un'idea di massima, perchè l'importo esatto viene calcolato in base alla fascia specifica di appartenenza che varia ogni 104,94 euro.-



tabella assegni familiari 2009-2010

Tab. 21A – Nuclei familiari con entrambi i genitori, senza figli, assenza di inabili.-
  • Reddito familiare annuo da euro 00.000,00 a euro 12.398,84 = euro 46,48
  • Reddito familiare annuo da euro 12.398,85 a euro 15.497,88 = euro 36,15
  • Reddito familiare unnuo da euro 15.497,89 a euro 18.596,91 = euro 25,82
  • Reddito familiare annuo da euro 18.596,92 a euro 21.694,73 = euro 10,33
  • Reddito familiare annuo da euro 21.694,74 non spettano assegni familiari

Assegni Familiari dal 01/07/2008 al 30/06/2009

Tab. 11 - Nuclei familiari con entrambi i genitori e almeno un figlio minore, in cui non siano presenti componenti inabili.-

Della tabella n. 11 vengono riportati solo alcuni esempi, per dare un’idea di massima, perché l’importo esatto viene calcolato in base alla fascia specifica di appartenenza che varia ogni 100 euro circa.-

tabella assegni familiari 2008-2009
Tab. 21A – Nuclei familiari con entrambi i genitori, senza figli, assenza di inabili.-

  • Reddito familiare annuo da euro 00.000,00 a euro 12.014,38 = euro 46,48
  • Reddito familiare annuo da euro 12.014,39 a euro 15.017,33 = euro 36,15
  • Reddito familiare unnuo da euro 15.017,34 a euro 18.020,26 = euro 25,82
  • Reddito familiare annuo da euro 18.020,27 a euro 21.022,03 = euro 10,33
  • Reddito familiare annuo da euro 21.022,04 non spettano assegni familiari


Assegni Familiari dal 01/07/2007 al 30/06/2008

Tab. 11 - Nuclei familiari con entrambi i genitori e almeno un figlio minore, in cui non siano presenti componenti inabili.-

Della tabella n. 11 vengono riportati solo alcuni esempi, per dare un’idea di massima, perché l’importo esatto viene calcolato in base alla fascia specifica di appartenenza che varia ogni 100 euro.-

tabella assegni familiari 2007-2008


Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito "www.cgil.it"

Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.



Gianfranco Censori

177 commenti:

  1. Salve Sig. Gianfranco io e mia moglie siamo sposati da luglio 2012 e abbiamo una figlia da luglio 2013... lei è lavoratrice dipendente a tempo indeterminato a 40 ore settimanali ed io sono libero professionista... C'è possibilità di ottenere gli assegni familiari??? In che modo???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Leonardo!
      Purtroppo NO!
      Infatti uno dei requisiti per il diritto agli assegni familiari è che almeno il 70% del reddito lordo complessivo di entrambi i coniugi sia costituito da redditi da lavoro dipendente.-

      Elimina
  2. Buongiorno sig. Gianfranco.
    Il mio papà, pensionato, coniugato (nucleo famigliare composto solo da lui e mia madre) ha diritto agli ANF?
    La ringrazio anticipatamente per l'attenzione.
    Cordiali saluti.
    Cristiana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristiana!
      Tab. 21A:
      Nuclei familiari con entrambi i genitori, senza figli, assenza di inabili.-
      Reddito familiare annuo da euro 00.000,00 a euro 13.418,75 = euro 46,48
      Reddito familiare annuo da euro 13.418,76 a euro 16.772,71 = euro 36,15
      Reddito familiare annuo da euro 16.772,72 a euro 20.126,65 = euro 25,82
      Reddito familiare annuo da euro 20.126,66 a euro 23.479,30 = euro 10,33
      Reddito familiare annuo da euro 23.479,31 non spettano assegni familiari

      Elimina
  3. Buongiorno sig.Gianfranco.
    Mio figlio è nato a settembre 2013, mio marito lavorato in un restaurante fino a dicembre 2013 ma non abbiamo fatto la domanda per assegno familiare..lui ha trovato un altro lavoro è abbiamo fatto la domanda il nuovo datore di lavoro ha pagato assegno familiare da quando lui è stato assunto(gennaio 2014)...volevo sapere come possiamo avere l'assegno per le altri 3 mese precedente?grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tuo marito può richiedere gli arretrati degli assegni familiari presentando la domanda al vecchio datore di lavoro, che dovrà emettere apposita busta paga anche se non è più in servizio.-

      Elimina
  4. gentilmente vorrei sapere se nel caso di figlio nato da coppia convivente ma non sposata, spetta l'assegno per il nucleo familiare. In caso di risposta affermativa quale tabella devo consultare per conoscere l'importo, la 12?Devo richiedere autorizzazione all'Inps?

    Grazie mille per la disponibilità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Nei casi di figlio nato da coppia convivente uno dei genitori devi richiedere un'autorizzazione preventiva all'INPS per poter percepire gli assegni familiari per il figlio.-
      L'importo degli assegni familiari nel tuo caso si può verificare dalla tabella n. 12 INPS.-

      Elimina
  5. buona sera...complimenti per questo sito, stasera casualmente ho letto tutte queste domande e risposte e mi sono anche io posta una domanda, ho lavorato per circa tre anni con un contratto a chiamata ma non ho fatto mai domanda di assegno familiare xchè non sapevo se ne avessi diritto ho due bambini minorenni e mio marito disoccupato, posso richiedere l'assegno di questo periodo che ho lavorato?

    Grazie.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      SI!
      Si possono richiedere gli arretrati degli assegni familiari fino ad un massimo di 5 anni indietro, e l'unico problema nel tuo caso è che l'importo degli assegni familiari è ridotto e rapportato mese per mese alle giornate effettivamente lavorate.-

      Elimina
  6. Salve dottor Censori, vorrei porle questa domanda:
    Ho un lavoro a tempo indeterminato, abito con entrambi i genitori disoccupati...
    Per di più è da anni che sono disoccupati;
    Ho diritto agli assegni familiari? Posso chiedere anche gli arretrati?
    Grazie, buon giorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Gli assegni familiari spettano solo per il coniuge e per i figli minorenni, e non per altri familiari.-

      Elimina
  7. Buona sera, le volevo chiedere :sono separato da marzo 2012, il 20 gennaio 2014 e' nata mia figlia con la mia nuova compagna lavoratrice a tempo ind. (non sposati residenti insieme) quali redditi devo considerare?
    Grazie FrANCESCO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco!
      Essendo separato, per poter richiedere gli assegni familiari per Tua figlia avuta con la Tua nuova compagna è necessaria un'autorizzazione preventiva dell'INPS e il consenso della madre.-
      Comunque se la madre è una lavoratrice dipendente dovrebbe richiedere Lei l'autorizzazione preventiva all'INPS.-
      I redditi da considerare ai fini del calcolo degli assegni familiari sono quelli del genitore che richiede l'autorizzazione.-

      Elimina
  8. Buon giorno, volevo sapere cortesemente delle informazioni.
    sono una mamma di un bimbo di 4 anni compiuti a febbraio. Prementto che lavoro come dipendente part time da circa 7 anni. e io e il mio bimbo siamo in un solo stato di famiglia. Volevo sapere, ho diritto agli assegni familiari? e posso chiedere gli arretrati? grazie anticipatamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se sei nubile, separata o divorziata, per poter percepire gli assegni familiari per Tuo figlio hai bisogno di un'autorizzazione preventiva dell'INPS, con decorrenza dalla data di nascita di tuo figlio.-

      Elimina
  9. Salve, volevo un informazione. Marito e moglie a reddito 0, ancora senza figli, hanno diritto a ricevere l'assegno per il nucleo familiare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paolo!
      Gli assegni familiari sono legati a un'attività lavorativa quindi se non lavora ne la moglie ne il marito, non hanno diritto agli assegni familiari.-

      Elimina
    2. Grazie per aver risposto, certo che è una bella fregatura, una famiglia a reddito 0 non riceve nessun aiuto? booh

      Elimina
    3. Ciao Paolo!
      In effetti è un'assurdità ma è quello che prevede la legge!

      Elimina
  10. Grazie per la risposta sono Francesco, la mia domanda era sapere se fra i redditi devo inserire anche quelli della mia ex separata dovendo presentare io per forzala domanda grazie Francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco!
      NO!
      Non devi inserire i redditi della Tua ex moglie.-

      Elimina
  11. Buonaserata ..vorrei un informazione.Ho 2 figli di cui il primo figlio avuto da una precedente relazione senza nessun legame matrimoniale. A giugno sposerò il padre del secondo mio figlio. La mia domanda è. .Il reddito mio e del mio compagno modificherà anche l 'importo del primo figlio?? ? dimenticavo di dire che del primo figlio sono genitore esclusiva! ..grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una volta che sarete sposati, ai fini del calcolo degli assegni familiari dovrete sommare i redditi di entrambi e il nucleo familiare sarà di 4 componenti, quindi incluso anche il Tuo primo figlio.-

      Elimina
  12. Buongiorno! Volevo sapere se con la tipologia di contratto a progetto sono previsto gli assegni famigliari per il coniuge a carico. Sul sito dell'inps parlano di gestione separata ma non riesco a capire cosa io debba fare. Grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Eleonora!
      SI!
      Anche per i contratti a progetto sono previsti gli assegni familiari, e la domanda va presentata per via telematica direttamente all'INPS.-

      Elimina
  13. Salve, avrei bisogno di un'informazione.
    sono insegnante e vorrei richiedere gli assegni familiari. dato che non ho mai presentato la domanda posso richiedere gli arretrati? il reddito da inserire negli arretrati è sempre quello precedente all'anno per cui faccio la domanda (tipo per l'anno 2011 il reddito 2010)? inoltre a settembre è nata la mia seconda figlia, devo quindi presentare due domande - una dal 1/7/2013 fino alla data di nascita della bambina e una dalla nascita al 30/6/2014- o solo una in cui non è inserita la bambina?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ai fini del calcolo degli assegni familiari i redditi da dichiarare sono i seguenti:
      - Per il periodo dal 01/07/2013 al 30/06/2014 vanno dichiarati i redditi del 2012.-
      - Per il periodo dal 01/07/2012 al 30/06/2013 vanno dichiarati i redditi del 2011.-
      - E così via a ritroso.-
      - SI! Nel tuo caso devi presentare una domanda dal 01/07/2013 fino alla data di nascita della seconda figlia, e un'altra domanda dalla data di nascita della seconda figlia fino al 30/06/2014.-

      Elimina
  14. salve, volevo sapere se nella compilazione del modello ANF/DIP sr16 devo includere anche i redditi di mia madre percepiti nell'anno 2012, siamo nello stesso nucleo familiare con i miei due ragazzi, uno dei quali ha svolto il servizio civile, è da mettere anche questo di reddito? considerando che non è lavoro... 1000 grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ai fini del calcolo degli assegni, fanno parte del nucleo familiare la moglie, il marito e i figli minorenni, quindi non devi includere il reddito di Tua madre, mentre devi includere il reddito di Tuo figlio anche se non è da lavoro dipendente.-

      Elimina
  15. Buon giorno devo compilare la domanda per gli anf/dip, sono alquanto confusa perchè non so se devo comprendere anche i redditi di mia madre del 2012, pensionata e convivente con noi, tra l'altro deceduta nel mese di agosto 2012, la signorina del call center dell'inps mi ha detto di si, mentre nelle domande presentate negli anni precedenti mia madre non era compresa, che devo fare? forse è cambiato qualcosa e non lo so, grazie in anticipo. Emma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Emma!
      Ai fini del calcolo degli assegni, fanno parte del nucleo familiare solo la moglie, il marito e i figli minorenni, a prescindere quindi dalla presenza di altri componenti il nucleo familiare.-
      Per quanto riguarda le signorine dei call center dell'INPS "diciamo" che non sempre forniscono informazioni esatte, probabilmente perché non sono state sufficientemente addestrate e fermiamoci qui.-

      Elimina
  16. b.giorno, volevo un informazione, io ho 21 anni lavoro part-time a tempo determinato, mia madre non lavora da circa 2 anni, potrei richiedere l'assegno famigliare perlei??
    nel nostro nucleo famigliare siamo solo noi due.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Gli assegni familiari possono essere richiesti solo per il coniuge e per i figli minorenni, e non per altri componenti il nucleo familiare.-

      Elimina
  17. Salve avrei bisogno di un'informazione sul calcolo dell'importo dell' a.n.f. arretrati:
    il mio dubbio è se per il calcolo basta moltiplicare l'importo per i mesi non percepiti o devo verificare se l'importo mesile spetta per intero mese per mese. La questione è che ho circa 3 anni e mezzo da recuperare e volevo capire se deve prendermi le buste paga di ogni mese (cosa difficile in quanto diverse le ho buttate).
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti stai ponendo un problema che non è Tuo!
      Tu per richiedere gli arretrati degli assegni familiari devi presentare al tuo datore di lavoro una domanda per ogni anno, dichiarando i redditi del periodo corrispondente, e sarà l'azienda ad effettuare i relativi conteggi.-

      Elimina
  18. Salve

    La mia situazione schematica è la seguente:

    Lavoratoro autonomo fino al 05/2013 (reddito prevalente in ambito familiare), a progetto sino ad oggi
    Moglie lavoratrice dipendente dal 2011
    Figlia nata a 09/2013

    In base alla prevalenza dei redditied agli anni da considerare a luglio avrò diritto agli assegni?

    Grazie

    Matteo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Matteo!
      Uno dei requisiti per il diritto agli assegni familiari è che almeno il 70% del reddito lordo complessivo di entrambi, sia costituito da redditi da lavoro dipendente/progetto, e per il periodo dal 01/07/2014 al 30/06/2015 fanno fede i redditi del 2013.-

      Elimina
  19. Salve Gianfranco,
    avrei anche io una domanda...
    Nel corso del 2013 ho percepito assegni familiari dall'INPS in due blocchi cumulativi.
    Il primo riguardava una mia vecchia disoccupazione a cavallo tra il 2010 ed il 2011, il secondo riguardava gli ANF in gestione separata dell'anno 2012.
    Devo ricevere un CUD 2014 dall'INPS, relativo a queste prestazioni?
    Grazie per l'attenzione e cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Gli assegni familiari sono esenti da tassazione IRPEF quindi non è previsto il rilascio di un CUD.-

      Elimina
    2. La ringrazio per la sua risposta; ciò significa che gli importi che ho percepito non vanno cumulati nella somma dei miei redditi 2013?
      Ancora grazie e buona serata

      Elimina
    3. SI! Confermo!
      Gli importi che hai percepito come arretrati di assegni familiari non vanno cumulati nella somma dei redditi del 2013.-

      Elimina
  20. Prendo dalla Germania 450 euro al mese e 432 in Italia,perchè devo pagare le tasse di quello che prendo della pensione tedesca ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Saverio!
      La Tua è una bella domanda!
      Siccome in Italia ci sono troppi "furbi" cioè troppe persone che non pagano le tasse, i governi per andare sul sicuro tassano i lavoratori dipendenti e i pensionati, e dispongono così di entrate certe.-

      Elimina
  21. Buongiorno, ho lavorato come ag di commercio con partita IVA per tutto il 2013 così anche nel 2012,2011,2010. Da Aprile lavorerò come dipendente Full time....vi chiedo ho diritto agli assegni familiari?

    Grazie

    tommaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tommaso!
      Ai fini del diritto agli assegni familiari almeno il 70% del reddito lordo complessivo dell'intero nucleo familiare deve essere costituito da redditi da lavoro dipendente.-
      Per il periodo dal 01/07/2013 al 30/06/2014 fanno fede i redditi del 2012.-
      Per il periodo dal 01/07/2014 al 30/06/2015 fanno fede i redditi del 2013.-
      Nel tuo caso quindi non diritto agli assegni familiari con decorrenza da luglio 2015, e senza arretrati.-

      Elimina
  22. salve..le spiego un po la mia situazione..ho un contratto a tempo determinato fino il 31 agosto..sono assunta da un agenzia rumena trovata tramite l.internet ( io sono rumena ma abito qui da 5 anni ),pero svolgo la mia attivita presso una societa di servizi come cameriera ai piani..ho un contratto fulltime 8 ore al giorno con un giorno di riposo..(40 ore settimanali).e lo stipendio e fisso 1000 al mese.le mie domande sono 2..in caso in cui non viene rispettato il mio contratto,tipo non ci fanno fare le nostre ore oppure qualsiasi cosa possa succedere posso rivolgermi a qualcuno qui oppure all agenzia che mi ha assunto? un altra domanda posso chiedere gli assegni familiari ?grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela!
      - Purtroppo NO! Se il contratto l'hai sottoscritto con l'agenzia rumena, per ogni controversia puoi rivolgerti solo all'agenzia che ti ha assunto.-
      - SI! Hai comunque diritto agli assegni familiari per tutta la durata del contratto.-

      Elimina
  23. Salve.. Sono separata con tre figli.. Quando il più grande avrà compiuto 18 anni..nn avrò più diritto agli assegni x lui..anche se è studente? Grazie infinite..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristina!
      Purtroppo NO!
      Gli assegni familiari spettano solo per il coniuge e per i figli minorenni, e il diritto cessa quindi al compimento della maggiore età, anche se sono studenti, e fanno eccezione solo i nuclei familiari "numerosi", cioè con almeno 4 figli.-

      Elimina
  24. Buongiorno Sig. Gianfranco. Vorrei porle un quesito vista la mancanza di risposta anche dalle istituzioni: io attualmente sono in regime matrimoniale, da quasi un anno non vivo più con mia moglie con la quale stiamo definendo un accordo per la separazione consensuale. Bene, nelle more, con la mia nuova compagna, abbiamo avuto uno splendido bimbo. Io, la mia compagna ed il bimbo abbiamo la stessa residenza, siamo entrambi dipendenti pubblici, il mio CUD 2013 è di circa € 26.000.000, il suo è di circa € 24.000.00. Non abbiamo alcun legame giuridico se non l'essere genitori dello stesso bimbo. La domanda è: le detrazioni vanno al CUD superiore o al 50/50? L'assegno per il bimbo ci spetta? Se si chi ne farà richiesta? In ultimo: l'esenzione ticket sanitario spettante fino ai 6 anni lo possiamo richiedere? In pratica i due redditi si cumulano sebbene non vi sia legame giuridico? Scusi delle troppe domande ma siamo disperati nel non ricevere risposte da nessuno. Infinitamente grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vincenzo!
      - Le detrazioni per i figli a carico possono essere richieste o al 100% dal genitore con il reddito più elevato, o al 50% ciascuno, ma essendo a scalare nel vostro caso è più conveniente che le richiediate entrambi al 50% ciascuno.-
      - SI! L'assegno per il figlio può richiederlo però uno solo dei genitori, quindi nel Vostro caso è meglio che li richieda la madre.-
      - Purtroppo NO! Ai fini del diritto all'esenzione dal ticket i redditi dei due genitori vanno sommati anche se non sono sposati.-

      Elimina
  25. Buongiorno dottore e complimenti innanzitutto! Volevo farle cortesemente una domanda. Sono sposato con una figlia nata a marzo 2013 e io è mia moglie abbiamo sempre avuto redditi da lavoro dipendente. Siamo proprietari di casa più garage dal 2011 e da ottobre 2013 anche di altri 2 posti auto. Cosa devo considerare ai fini del Anf sul 730 per il reddito da abitazione e fabbricati vari,cioè da patrimoniale?le chiedo questo perché ho appena fatto L ISE e L Isee relativo al 2013. Come reddito totale da patrimonio (ISP) abbiamo 14000 euro che è dato dal 20% del totale patrimoni cioè 70000 euro. Mentre sui 730 del 2011 e 2012 nelle voci da considerare nel reddito da patrimonio,abitazioni fabbricati ecc... c'è solo rispettivamente 105 euro per 2011 e 530 per 2012.. E vero che non avevamo i due posti auto acquistati nel 2013 ma c'è una differenza enorme tra reddito patrimoniale sui 730 e sull ISE e non riesco a spiegarlo. Se conta il 730 ovviamente con un reddito lordo totale di circa 25000 euro avremmo più del 70% da lavoro dipendente e quindi avremmo gli assegni, se conta L Isee non rientriamo nel 70% da lavoro dipendente.. Grazie in anticipo e complimenti ancora per la chiarezza e precisione nelle sue risposte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefano!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Ai fini del calcolo degli assegni familiari, per quanto riguarda il reddito da fabbricati va indicata la rendita catastale rivalutata del 5%, quindi l'importo che risulta nella dichiarazione dei redditi.-

      Elimina
  26. Buongiorno sig. Giancarlo, sono separato consensualmente,nei riguardi di mia figlia c'è una separazione condivisa da parte del Giudice.
    Dal 2010 all'età di 14 anni mia figlia è venuta a vivere nella mia abitazione, , sono un dipendente pubblico, posso richiedere gli arretrati, dato che lei vive ancora con me? con tanto di stato di famiglia che lo dimostra?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gaetano!
      SI!
      Se Tua figlia ha la residenza con te puoi richiedere gli assegni familiari ed anche gli arretrati, ma è necessaria una dichiarazione della madre con la quale attesta che Lei non li percepisce e non li ha percepiti da quando la figlia vive con te.-

      Elimina
  27. Buongiorno,
    sono un lavoratore dipendente con una figlia di 10 anni a luglio del 2013 ho presentato la domanda per l'assegno familiare e ho inserito i redditi miei e di mia moglie. Da febbraio del 2014 mia moglie e' senza lavoro e non percepisce piu nessuna retribuzione, non riesco a capire se devo comunicare qualcosa o devo aspettare il 2015 per avere diritto ad un assegno piu alto.
    grazie

    daniele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniele!
      Ai fini del calcolo degli assegni familiari vanno dichiarati i seguenti redditi:
      - Per il periodo dal 01/07/2013 al 30/06/2014 fanno fede i redditi del 2012.-
      - Per il periodo dal 01/07/2014 al 30/06/2015 fanno fede i redditi del 2013.-
      Questo purtroppo nel tuo caso significa che i redditi del 2014 faranno fede solo da luglio 2015 in poi senza arretrati.-

      Elimina
  28. buongiorno sono una mamma sola con due binbi minorenni a carico vorrei sapere quanto devo prendere fisso al mese di assegni famigliari x tutti e due visto che o un contratto part time di 22 ore mensili...mi anno detto che non vale la tabella fissa n12 di inporto 258 euro ma varia assecondo del tipo di contratto e delle ore e possibile?io ne prendo ora 200 euro ma come reddito rientro a 2548 euro e vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per un nucleo familiare di 3 componenti e un reddito annuale inferiore a 14.198,48 euro, in base alla tabella INPS n. 12 l'importo degli assegni familiari spettante è pari a 258,33 euro mensili, ma con un contratto part-time inferiore alle 24 ore settimanali l'importo degli assegni viene ridotto e rapportato mese per mese alle effettive giornate lavorate.-

      Elimina
  29. Buongiorno: Il mio nucleo familiare è composto da mio marito (contratto temp indeterminato) io ( contratto part time a tempo determinato) e mia madre (argentina) che a causa di una malattia da un anno è in italia (con minima pensione). Abbiamo un reddito di 20000 in totale vorrei sapere se posso metterla a carico?? e cosa devo fare? La ringrazio. Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura!
      Se Tua madre ha un reddito annuale inferiore a 2.840,51 euro puoi metterla a carico, compilando l'apposito modulo che ti deve fornire il Tuo datore di lavoro.-

      Elimina
  30. salve..grazie per la sua risposta..pero adesso voglio chiedere ancora una cosa magari non mi sono spiegata bene.allora il mio datore di lavoro e un agenzia dalla Romania mettiamo il nome X.Nel mio contratto scrive cosi:il lavoratore sara assunto da X e svolgera la sua attivita durante lo svolgimento del presente contratto presso la societa VELOX VERONA..che e una cooperativa italiana..il presente contratto ha per oggetto i raporti di lavoro determinato fra il datore di lavoro X ,rapporti conessi alla missione di lavoro determinato svolto presso la VELOX.il mio datore di lavoro si trova in Romania quindi anche il contratto sara iscritto li con il minimo dalla Romania ,ma noi prendiamo 1000.euro..lei aveva detto che posso prendere gli assegni familiari,ho chiesto a loro e mi hanno detto di non poter prendere perche la legge
    rumena non prevede..ma se io lavoro qui ?allora si possono chiedere o meno?grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela!
      Purtroppo un contratto stipulato con un'agenzia della Romania è soggetto alla normativa della Romania, con tutto quello che ne consegue, anche se il lavoro viene svolto in Italia.-

      Elimina
  31. Salve,
    avrei una doamanda. Percepisco la pensione ai superstiti di mio marito deceduto nel 2001 (cat SO). Nel 2010 ho avuto un altro figlio,ma riconosciuto dal padre,ma non ci siamo sposati e subito dopo lui ha lasciato sia me che suo figlio. Qualche mese fa mia figlia ha avuto una bambina,che adesso ha 8 mesi,e vive con me. Posso richiedere gli assegni familiari di mio figlio di 3 anni e di mia nipote di 8 mesi? sono entrambi nel mio nucleo familiare. grazie in anticipo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quanto riguarda Tuo figlio non ci sono problemi, mentre per quanto riguarda Tua nipote puoi richiedere gli assegni familiari solo se entrambi i i suoi genitori sono senza redditi.-

      Elimina
    2. Grazie della risposta sign. Gianfranco, ma mi sono recata in 3 patronati e mi hanno detto che nn posso richiedere gli assegni familiari di mio figlio in quanto io percepisco la pensione ai superstiti e il mio bambino non e' figlio di mio marito! come mi comporto???

      Elimina
    3. La Tua è una situazione familiare particolare non prevista esplicitamente dalla normativa, quindi l'interpretazione è affidata ai funzionari di turno dell'INPS, Ti consiglio pertanto di presentarti direttamente alla sede INPS della Tua zona di residenza, per capire qual'è la loro interpretazione della normativa.-

      Elimina
  32. Buon giorno Sig. Gianfranco,
    volevo chiederle un aiuto: io e mio marito siamo entrambe lavoratori dipendenti ed abbiamo una bambina di 4 anni. Non abbiamo mai richiesto gli assegni familiari poiché il datore di lavoro di mio marito ha sempre affermato che non li avrebbe corrisposti. Ora vorrei prenderli io e vorrei chiedere anche gli arretrati dato che sono stata assunta nel 2013. Premetto che io ha il reddito maggiore del nucleo familiare. Posso richiedere gli assegni familiari anche se siamo regolarmente (e felicemente) sposati?
    Grazie
    Sara

    RispondiElimina
  33. Chiedo scusa ma ho dimenticato di dirle che io ho due contratti part time con due ditte diverse, devo presentare due domande in caso possa percepire io l'assegno di mia figlia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara!
      Purtroppo non è possibile!
      Tu puoi richiedere gli assegni familiari solo con decorrenza dalla data di assunzione, ed eventualmente devi presentare la domanda a uno dei due datori di lavoro comunicando gli estremi anche dell'altro.-
      Comunque vi consiglio di insistere con il datore di lavoro di tuo marito, perché non c'è motivo per cui non debba corrisponderli dato che per l'azienda sono solo una partita di giro, in quanto da una parte li mette in busta paga ma dall'altra detrae l'importo dai contributi che deve versare all'INPS.-

      Elimina
  34. Buongiorno.La mia problema e questa:con due mesi fa inps mi ha rilasciato autorizzazione per mia figlia che vive in Romania,per poter prendere assegni familiari,sempre aretratti.Dopo questi mesi ,tempo in qoalle sono stato da loro,li ho fatto mail,mi dicevano di aspetare soldi,oggi dicono che hanno sbgliato l autorizazione perche mia figlia non ha codice fiscale,che devo andare da ambasada di prenderlo.qoando li ho detto che e colpa loro mi hanno detto che anche possono anulare autorizazione.Questi assegni mi devono pagare inps per 2013 ,anno qoando ho preso aspi.E come tutti anni non ho avuto bisogno di codice fiscale per mia figlia,e cambiato qoalcosa questi messi come dicono loro?Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi pare strano che in passato tu abbia percepito gli assegni familiari per Tua figlia residente in Romania senza aver mai richiesto il suo codice fiscale, perché in Italia è necessario per identificare una persona, comunque devi provvedere come ti è stato richiesto dall'INPS.-

      Elimina
    2. Grazie per la risposta,Sig Gianfranco.In passato ho prenso due autorizzazioni ,questa e terza,e fatta da inps con due messi fa e io ho questa autorizzazione.Non possono dopo due messi da qoando mi hanno datto l autorizzazione dire che hanno sbgliato e come chiedi codice fiscale a un bambino che non e stato mai in Italia.Modulo 401 e per comunitari .ma in tutte queste autorizzazioni mia figlia ha un codice fiscale e qoando li ho detto mi hanno spiegato che e un codice di riferimento che l anno datto loro.La mia opinione e ,mi scusa sig Gianfranco,che non serve per noi citadini comunitari da estero codice fiscale per bambini,conosco rumeni che prendono assegni familiari senza questo codice e poi anche sull site inps scrive solo di modulo 401.Grazie

      Elimina
    3. Non so cos'è successo in passato e non so come possono altri cittadini rumeni a percepire gli assegni familiari senza il codice fiscale dei familiari, ma posso solo ribadirti che si può richiedere il codice fiscale anche per familiari non residenti in Italia, e senza il codice fiscale non si ha diritto ne agli assegni familiari ne alle detrazioni fiscali per i familiari a carico.-

      Elimina
  35. Buona sera,
    Lavoro come una colf dal 01 luglio 2013, con un contratto regolare (25 ore settimanale), e uno stipendio di 700 euro al mese. Sono divorziata e ho una figlia di 11 anni, che abita con i miei genitori in Romania. Voglio sapere se posso richedere gli assegni familiari per la mia figlia e come devo fare.
    Se ho capito bene devo prendere da Romania un documento che mostra che mio ex marito non prende soldi per la nostra figlia. Questo documento non lo posso prendere perche mio ex marito non lavora e non e iscrito all'agenzia di disoccupazione (il corispondente romeno per INPS).
    Voglio pure sapere se posso prendere i soldi per gli assegni familiari dall'inizio del mio contratto (01 luglio 2013), quale e la scadenza per la richesta all'INPS e dopo quanto tempo dalla richesta arriveranno i soldi.
    Si ringrazio per l'aiuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo senza un documento che attesti che il Tuo ex marito non percepisce gli assegni familiari per la figlia, Tu non puoi richiedere l'autorizzazione all'INPS per poterli percepire in Italia.-

      Elimina
  36. Salve, ho fatto domanda per AF. Adesso sono in attesa di autorizzazione INPS da 4 mesi. I tempi cosi lunghi sono normali o meglio andare controllare se e tutto a posto? Grazie Petar

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Strano!
      Di solito l'INPS provvede a spedire l'autorizzazione per gli assegni familiari nel giro di 15/20 giorni dalla data di presentazione della domanda, Ti consiglio quindi di verificare direttamente se c'è un qualche problema sulla Tua domanda.-

      Elimina
  37. Grazie della tua risposta Gianfranco, offri un servizio che nessuno altro dà.
    Purtroppo è più di un anno che mio marito prova con il suo datore di lavoro senza ottenere nulla. Quindi tu mi confermi che io non posso farmi carico degli assegni per mia figlia. Ci sarà un modo, in futuro per recuperarli, magari tramite l'inps? Grazie ancora per la disponibilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Con un rapporto di lavoro in essere l'INPS non provvede al pagamento diretto degli assegni familiari, quindi Tuo marito potrebbe presentare la domanda degli assegni familiari ed eventuali solleciti di pagamento a mezzo raccomandata A/R al suo datore di lavoro e se non provvederà potrà poi comunicare il diniego alla sede INPS di competenza.-
      Comunque si possono richiedere gli arretrati degli assegni familiari fino ad un massimo di 5 anni indietro.-

      Elimina
  38. salve, devo essere assunta per 4 mesi, mio figlio compirà 18 anni ad agosto, mentre l'altro figlio è gia maggiorenne, volevo sapere se è possibile fare richiesta per gli assegni familiari nei periodi in cui sono rimasta a casa senza lavoro, ho l'autorizzazione da quando loro sono piccoli, e sono sempre stata io a prenderli dal momento che mi sono lasciata con il padre. grazie Antonietta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonietta!
      Purtroppo NO!
      Gli assegni familiari sono legati a un'attività lavorativa quindi non se ne ha diritto per il periodo in cui si è disoccupati, a meno che la disoccupazione non sia indennizzata.-

      Elimina
  39. salve la ringrazio anticipatamente della risposta le spiego il mio problema , mio marito lavora come operario presso il comune di palermo due anni fà mia figlia rimasta incinta a avuto un bambino quindi mio marito percepisce gli assegni famigliari adesso mia figlia sta con un altro ragazzo quest'ultimo può percepire gli assegni a nostra insaputa con l'accordo di mia figlia ah premetto che il bambino sta nel nostro stato di famiglia oppure ci vuole la firma di chi percepisce gli assegni . spero di essere stata chiara grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente NO!
      Il compagno di tua figlia non ha titolo per percepire gli assegni per il figlio di Tua figlia se non è suo figlio, a meno che non si sposi con Tua figlia.-

      Elimina
  40. Buongiorno : essendo il nonno di due minori, mi sono stati affidati consensualmente dai genitori per un periodo di sei mesi solo con attestazione dell'assistente sociale, la sentenza avverrà tra sei mesi volevo sapere se posso percepire gli assegni familiari grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu puoi richiedere gli assegni familiari per i minorenni solo sei entrambi i genitori sono senza redditi, ed è necessaria un'autorizzazione preventiva dell'INPS.-

      Elimina
  41. Buon pomeriggio, vorrei porle un quesito: ho letto che per fare richiesta per gli ANF, relativi al coniuge, per il periodo che va dal 01/07/2013 al 30/06/2014 occorre dichiarare i redditi percepiti nell'anno 2012. Noi però abbiamo contratto matrimonio l'1/09/2012, come ci si comporta?
    Grazie
    Giuseppa Munafo'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuseppa!
      Non c'è problema!
      La decorrenza degli assegni familiari per il coniuge è dalla data del matrimonio, mentre i redditi da dichiarare sono quelli dell'anno precedente, anche se non si erano ancora sposati.-

      Elimina
  42. Buona sera,
    ho un quesito riguardo gli assegni familiari. Ho divorziato da una settimana e la mia ex vive in Ungheria con i due figli di cui ha ottenuto il completo affidamento. La mia ex adesso che e' divorziata, disoccupata e con due filgi di cui una e' gravemente inabile, ha diritto dallo stato Ungherese ad ottenere degli assegni familiari, per un totale di 200 euro. Il giudice ha stabilito che io, solo io, devo versare alla ex coniuge 500 euro in TOTALE. La ex coniuge per poter cumulare i miei alimenti con gli assegni Ungheresi, non vuole chiedere gli assegni familiari all'INPS. Questo crea dei grossi problemi per me che invece di pagare 200 euro come differenza tra assegni mi trovo a pagare 500 euro e perdere gli assegni familiari dell'INPS che mi sarebbero spettati. Il mio avvocato mi ha detto che io devo notificare ufficilamente alla ex che lei deve richiedere gli assegni familiari all'INPS, tramite il mio datore di lavoro.Io devo versare a lei la differenza tra l'importo pattuito e l'importo degli assegni familiari. Alla fine in ogni caso avra' 500 euro in Totale, se poi riesce ad ottenere, in modo legale, altri contributi dallo Stato Ungherese, meglio per lei.
    Volevo sapere se e' corretto che la ex debba chiedere gli assegni familiari Italiani e rinunciare a quelli dello Stato Ungherese? Grazie per la cortese attenzione. Davide

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Davide!
      La Tua ex moglie ovviamente può richiedere gli assegni familiari o all'INPS o all'Ente previdenziale ungherese, e quindi non ad entrambi gli enti.-
      La scelta purtroppo dipende da lei e non da te, e non credo che Tu possa imporla, in quanto eventualmente è il Tuo avvocato che dovrebbe notificare ufficialmente l'obbligo di rivolgersi all'INPS.-

      Elimina
  43. Dott. Censori buonasera sono una mamma di un bambino di 5 anni e ho a carico mia sorella di 14. Il comune mi ha riconosciuto un sussidio per mia sorella, io lavoro in una cooperativa sociale, la mia domanda è semplicemente se in tali condizioni posso usufruire dell'assegno per nucleo familiare ( siamo in 3 compresa me) o alternativamente se posso usufruirne per mio figlio minore. Grazie dottore della risposta e cordiali saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli assegni familiari si possono richiedere solo per il coniuge e per i figli minorenni e non per altri familiari, quindi Tu puoi richiedere gli assegni per Tuo figlio ma non per Tua sorella.-

      Elimina
    2. ultime delucidazioni: l'importo lo percepisco sempre per nucleo familiare (cioè 3 io mio figlio e mia sorella) o solo per il mio bambino e poi posso presentare domanda quando voglio o ci sono delle scadenze per la presentazione.Grazie anticipatamente della risposta. Dottore siete un grande aiuto e ringrazio internet per fornirci professionisti come lei disposti ad aiutarci.Cordiali saluti

      Elimina
    3. Ti ringrazio per i complimenti!
      L'importo degli assegni familiari che ti spetta è per un nucleo familiare di 2 persone, cioè Tu e Tuo figlio, e la domanda si può presentare in qualsiasi momento, tenendo conto però che gli arretrati degli assegni familiari si possono richiedere fino ad un massimo di 5 anni indietro.-

      Elimina
  44. Buonasera,
    avendo percepito nel 2013 dall'INPS una somma relativa agli assegni familiari per un contratto di lavoro parasubordinato, credevo di avere un CUD ma nel mio cassetto previdenziale non c'è nulla. Al contrario, l'anno precedente l'Inps mi aveva inviato un CUD per un'indennità di disoccupazione.
    Mi conferma che per gli assegni familiari dei parasubordinati l'Inps non emette alcun cud e che quanto percepito non si dichiara nella dichiarazione dei redditi?
    Grazie. Vittoria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vittoria!
      SI! Confermo!
      Gli assegni familiari non costituiscono reddito, e quindi non generano un CUD, pertanto l'importo percepito non va inserito nella dichiarazione dei redditi.-

      Elimina
  45. Buonasera Dottore,sempre inerente al discorso assegni familiari,quanti anni retroattivi posso recuperare?La ringrazio anticipatamente...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si possono richiedere gli arretrati degli assegni familiari fino ad un massimo di 5 anni indietro.-

      Elimina
  46. Salve Dottore, questo sito è di grande aiuto, volevo farle 2 domande, devo compilare la richiesta per gli assegni e devo mettere i redditi conseguiti per il 2012 e per il 2013, mia figlia ha svolto il servizio civile ma era già maggiorenne, devo mettere anche questi? e per mia madre non posso chiederli? vive con me e non percepisce pensione di nessun genere, o potrei solo metterla a carico?grazie in anticipo. Marella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marella!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Gli assegni familiari spettano solo per il coniuge e per i figli minorenni e non per altri componenti il nucleo familiare, e per il periodo dal 01/07/2013 al 30/06/2014 vanno dichiarati i redditi del 2012.-

      Elimina
  47. Buon giorno.
    Egregio sig. Censori, vorrei con gentilezza una sua consulenza alla mia domanda.
    Da dicembre, il 21 sono mamma di una bambina. Da premettere che non sono sposata, però vivo da gennaio con il mio compagno sotto lo stesso tetto, con la stessa residenza. La mia domanda è per richiedere gli assegni familiari da dicembre 2013, con la data di nascita della bambina, il reddito da inserire, cioè quello del 2012, deve essere solo il mio, o anche quello del mio compagno essendo nel nucleo familiare, anche non sposati? Sono una dipendente pubblica con un reddito uguale/ superiore ai 21000€. LA RINGRAZIO DELLA SUA CORTESIA.LA SALUTO CORDIALMENTE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Romano!
      Non essendo sposati, ai fini del calcolo degli assegni familiari per Tua figlia, devi dichiarare solo i Tuoi redditi e quindi non quelli del tuo convivente.-

      Elimina
  48. Buon giorno egregio sig.Censori. Il mio convivente disoccupato vive con il nostro figlio minore di 9 anni. Adesso io lavoro come badante in un'altra regione. Abbiamo le residenze diverse e non siamo nello stesso stato di famiglia. Posso percepire gli assegni familiari per figlio? Posso chiedere un'autorizzazione preventiva dell'INPS? Il consenso del padre ho ricevuto.Grazie mille. Tamara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tamara!
      Purtroppo NO!
      Non avendo la stessa residenza di tuo figlio, non puoi richiedere un'autorizzazione preventiva all'INPS per poter percepire gli assegni familiari per Tuo figlio.-

      Elimina
  49. Sig. Censori, la Sua chiarezza è più unica che rara. Aiuti anche me per favore. Sono portatore di handicap (inv. 70%) e dipendente statale dal 97. Solo nel periodo 09/2009 - 08/2013 ho svolto la doppia attività con part-time. Ritengo di non aver usufruito degli assegni familiari (moglie e figlio) a partire dal 1.7.2010 fino al 30.6.2011, nonostante il reddito da lav. dipendente fosse superiore al 70%. Ho detto ritengo in quanto la P.A. inviava cedolino on line, ed ora non è più reperibile. Posso consultare l'INPS per verifica? e come? On line è possibile?
    Inoltre il mio nucleo familiare può essere considerato con un inabile?
    Condivido l'abitazione di famiglia con mia sorella sposata e la sua famiglia che ha stessa residenza, ma di fatto è un nucleo familiare a parte. Come devo considerarlo?
    Grazie per l'attenzione.

    RispondiElimina
  50. Negli anni in cui ho usufruito degli assegni familiari, ho percepito somme relative a nucleo familiare composto da tre componenti di cui nessuno inabile. Il sottoscritto invece è inabile al 70%. Posso chiedere la differenza? e come? entro quanto tempo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      - Per quanto riguarda la verifica dei redditi degli anni scorsi non servono i cedolini ma i CUD e le dichiarazioni dei redditi.-
      - Purtroppo NO! Un'invalidità al 70% è cosa diversa dall'inabilità, e per il diritto alla maggiorazione degli assegni familiari in presenza di un componente inabile è necessaria un'autorizzazione preventiva dell'INPS.-
      - Ai fini del calcolo degli assegni fanno parte del nucleo familiare solo il coniuge e i figli minorenni, a prescindere quindi dalla presenza di altri componenti il nucleo familiare.-

      Elimina
  51. Buongiorno sig. Gianfranco.
    Io lavoro ed ho moglie e figlia (6 mesi di età) a carico.
    Mia moglie, appunto, non lavora. Può comunque richiedere l'esenzione al ticket, essendo disoccupata?
    Non so se ci sia legame tra moglie a carico e diritto all'esenzione da parte sua.

    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vittorio!
      Purtroppo NO!
      Tu lavori, quindi ne Tu ne Tua moglie avete diritto all'esenzione dal ticket.-

      Elimina
  52. Buongiorno Sig.Censori, volevo esporle la mia situazione per capire se posso presentare ricorso all'Inps.
    Ho due bambine per le quali percepisco gli assegni familiari, mi sono separta legalmente a luglio del 2011, il mio ex marito quindi non vive più con noi da quella data, la residenza però la tolta ad agosto del 2012, io ho sempre percepito gli assegni familiari, tra l'altro sempre autorizzati dall'Inps con modello ANF43.
    Adesso l'Inps mi dice che per l'anno 2011/2012 non avevo diritto agli assegni perchè dovevo inserire nella domanda anche il reddito del mio ex marito (lavoratore autonomo), visto che lui aveva ancora la residenza lì...Mi sono già informata da un consulente del lavoro che mi dice che quello che fa fede è l'atto di separazione, mi conferma questa cosa?
    Grazie
    Cordiali Saluti
    Serena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Serena!
      Confermo!
      Fa fede l'atto di separazione, quindi con decorrenza dalla data di separazione ai fini del calcolo degli assegni familiari non dovevi più dichiarare i redditi del Tuo ex marito.-

      Elimina
  53. Buongiorno, io e la mia compagna a settembre 2013 abbiamo avuta una bimba.
    Ora la situazione è la seguente; dobbiamo chiedere gli assegni familiari:
    la bimba attualmente è residente con il padre
    La madre risiede sempre nella stessa città ma non con il nucleo familiare padre/figlia)
    le detrazioni al 50% le abbiamo chieste entrambi
    Gli assegni familiari li vorrebbe chiedere la mia compagna (madre) al 100% (stipendio dipendente più basso)
    Reddito isee 32000 euro
    La madre della bimba ha diritto a chiedere assegni familiari al 100% (rinunciando io)?'
    grazie mille per la risposta.
    Saluti

    Mauro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mauro!
      Purtroppo NO!
      Nei casi di genitori non coniugati e non conviventi solo il genitore con il quale i figli convivono ha titolo per richiedere gli assegni familiari per i figli.-

      Elimina
  54. salve,avrei una domanda-sono disocupata dal 6 aprile 2012 ,sposata con figlia nata il 16 marzo 2013 lavora solo mio marito 2013 era part time adesso a tempo pieno ,redito 2012 e di 14999 euro chidevo quale e la soma del assegno familiare che deve percepire mensilmente.fino adesso li danno 70 euro mensile e giusto cosi???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per un nucleo familiare di 3 componenti e un reddito lordo complessivo di 14.999,00 euro l'importo degli assegni familiari spettanti è pari a 131,30 euro mensili.-
      Ho però un dubbio, in quanto se Tu sei disoccupata dal 6 aprile 2012, dovresti comunque aver percepito un reddito nel 2012 da aggiungere a quello di Tuo marito, ai fini del calcolo degli assegni familiari.-

      Elimina
  55. Salve, mia moglie ha percepito gli anf periodo 01-07-2013/30-06-2014 fino a dicembre 2013 in quanto è stata licenziata. Per continuare ad usufruire degli anf arretrati (gennnaio e febbraio 2014) più i restanti (fino a giugno 2014) posso far richiesta al mio datore di lavoro o il periodo deve essere completato da mia moglie chiedendo il pagamento diretto all'inps?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se anche Tu hai un rapporto di lavoro dipendente puoi richiedere gli assegni familiari con decorrenza dal mese successivo a quello in cui li ha percepiti Tua moglie.-

      Elimina
  56. Buongiorno dottore noi siamo 4 in famiglia 2 genitori sposati un figlio con una disabilità ritardo cognitivo mediograve e poi un'altro figlio senza disabilità.
    La ditta per cui lavoro vorrebbe che andassi all'inps per farmi dare un certificato che attesti il mio diritto agli assegni famigliari con un'invalidità inferiore al 100% altrimenti secondo loro non avrei diritto per il figlio disabile, fino ad ora non mi era stato chiesto niente bastava fare il modulo con la richiesta di assegni come ogni anno! E' cambiata la legge ? Mi può dare un consiglio? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo è giusto quello che ti hanno detto in azienda!
      Infatti per il diritto alla maggiorazione degli assegni familiari in presenza di un componente inabile è necessaria un'autorizzazione preventiva dell'INPS, Ti consiglio eventualmente di rivolgerti al più vicino Ufficio INCA - CGIL per farti seguire per tutto l'iter burocratico necessario.-

      Elimina
  57. nella domanda che le avevo posto il 3 aprile mi sono dimenticado di dirle che il figlio disadile è minorenne ed ho letto che per quello che riguarda la percentuale di invalidità al 100% riguarda solo se il figlio è maggiorenne ma per quello minorenne non ha percentuale deve avere un certificato che prova la sua incapacità di esprimersi per un ragazzo della sua età . Cosi mi è sembrato di capire dal modulo sr03-anf42.
    poi con questo modulo deppo andare al patronato per fare richiesta oppure basta compilarlo e dare la documentazione al datore di lavoro?
    Intanto grazie per la prima risposta. Saluti Mauro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mauro!
      Tu devi richiedere un'autorizzazione preventiva con il modello ANF42 che va inviato per via telematica all'INPS, poi l'INPS ti rilascerà il modello ANF43 che dovrai consegnare al tuo datore di lavoro insieme alla domanda degli assegni familiari.-

      Elimina
    2. Grazie mille sig. Gianfranco
      Mauro

      Elimina
    3. Ciao Mauro!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  58. Egr. Sig. Censori,approfitto della sua competenza per avere alcuni chiarimenti in merito alla denuncia dei redditi.
    Siamo in 3,unica casa di proprietà in cui viviamo.
    Marito dipendente metalmeccanico 26000 netti anno.
    Moglie contratto da lavoro domestico ( 25 ore sett. x 12 mesi ) 7.800 al netto delle trattenute c/ dipend. previdenziale e c/ dipend. cassa colf. Il reddito non è stato assoggettato ad IRPEF dal datore di lavoro.
    Figlio 30enne disoccupato, nel 2013 ha ricevuto circa 6500/7000 di miniAspi più 3000 euro ( rimborso spese !!) per 6 mesi di stage di cui ha ricevuto un CUD.
    Come dobbiamo dichiarare ?
    Grazie per la gentile risposta e cordiali saluti
    Tina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tina!
      La dichiarazione dei redditi è personale non familiare, quindi il marito e il figlio con un solo CUD non sono obbligati a presentare la dichiarazione dei redditi, a meno che non abbiano spese da portare in detrazione.-
      La moglie invece con contratto da lavoro domestico è obbligata per legge a presentare la dichiarazione dei redditi.-

      Elimina
    2. Occavolo ! Ero preoccupata per il cumulo di famiglia ! Invece devo preoccuparmi solo per me stessa.
      Dunque su un'entrata di 7.800 ( netti che ho ricevuto ) ci dovrò pagare l'IRPEF ? Ma non c'è un tetto di 8.000 al di sotto del quale non occorre dichiarare,neanche fare l'unico ???
      Io non avrei nulla da detrarre nel 2013 ,mentre questo anno ho già avuto circa 150 di spese mediche ,immagino che nel 2015 mi converrà anche per detrarre queste e altre spese che purtroppo seguiranno.
      Grazie ancora moltissime
      Cordialmente tina

      Elimina
    3. Ciao Tina!
      Con un rapporto di lavoro domestico sei obbligata a presentare comunque la dichiarazione dei redditi a prescindere quindi dal fatto che tu debba o meno pagare IRPEF.-
      Per quanto riguarda le spese mediche potrai portarle in detrazione solo se avrai dell'IRPEF da pagare.-

      Elimina
  59. Salve Gianfranco, sono Elena potrebbe dirmi a quanto ammonta l'assegno familiare con un solo genitore e 3 figli minori? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena!
      Per un nucleo familiare di 4 componenti e un reddito lordo complessivo inferiore a 14.198,49 euro, l'importo degli assegni familiari spettanti è pari a 458,33 euro mensili.-

      Elimina
  60. Buongiorno egregio sig.Censori. Il mio convivente è disoccupato e vive con il nostro figlio. Io invece lavoro come badante in un' altra regione. Abbiamo le residenze diverse e non siamo nello stesso stato di famiglia. Il mio compagno che vive con il nostro figlio può richiedere l'autorizzazione preventiva dal INPS? Può percepire gli assegni famigliari? Grazie mille. Tamara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tamara!
      SI!
      Il Tuo compagno essendo convivente con il figlio può richiedere gli assegni familiari per il figlio e la domanda va presentata direttamente all'INPS ovviamente se Tu lavori in regola, perché gli assegni saranno legati alla Tua attività lavorativa.-

      Elimina
  61. salve sono una ragazza madre disoccupata oltre ad aver percepito il bonus bebe, vorrei sapere se posso ricevere un assegno mensile x mia figlia dato che non ho reddito.
    grazie
    Jessica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jessica!
      Purtroppo NO!
      Gli assegni familiari sono legati a un'attività lavorativa, quindi non spettano se si è disoccupati.-

      Elimina
  62. Salve sono una ragazza madre libero professionista ho una partita iva ma il mio reddito è al di sotto delle fasce stabiliti dalla legge. Non ho mai ricevuto assegni famigliari. Vorrei sapere se posso ricevere un assegno mensile x mia figlia. Grazie.
    Gloria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Gli assegni per il nucleo familiare sono legati a un'attività lavorativa di lavoro dipendente, quindi non spettano ai lavoratori autonomi.-

      Elimina
  63. Buongiorno, ho un lavoro dipendente a tempo indeterminato dal 2011 e un bimbo di un anno. Convivo con il mio compagno e non siamo sposati. lui ha una piccola attività commerciale. posso richiedere assegni familiari? il reddito del mio compagno fa cumulo con il mio? che tabella considerare? Grazie per il suo gentile impegno. Le auguro una buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Avendo un lavoro dipendente hai diritto agli assegni familiari per Tuo figlio, ma non essendo sposata hai bisogno di un'autorizzazione preventiva dell'INPS.-
      Gli assegni familiari verranno calcolati con il solo tuo reddito in base alla tabella n. 12 INPS.-

      Elimina
  64. Buon pomeriggio, io sono 5 anni che non presento più la domanda per anf dato che i miei 2 figli sono a turno diventati maggiorenni, pero' mia moglie è sempre rimasta a mio carico da sempre, premetto che un figlio lavora con qualifica di apprendista.Chiedo gentilmente se mi spetta l'assegno per il coniuge, se concorre con il reddito il figlio e in ultimo che tabella eventualmente guardare.Grazie infinite.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'assegno per il coniuge ti spetta solo se rientri nei limiti di reddito, cioè il reddito lordo complessivo di entrambi deve essere inferiore a 23.479,31 euro, in base alla tabella INPS n. 21A.-
      Il reddito del figlio maggiorenne è ininfluente.-

      Elimina
  65. Buona pomeriggio, ho un lavoro dipendente part-time orizzontale, ho una figlia di 14 anni. Convivo con il mio compagno (non siamo sposati). Fino a qualche anno fa ha percepito lui l'asseggno familiare, ora vorrei percepirli io. Per sentito dire io dovrei prendere qualcosa in più perchè ho un reddito più basso! Sarà vero? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importo degli assegni familiari è legato al reddito, quindi è più elevato con un reddito più basso, però in caso di lavoro part-time inferiore alle 24 ore settimanali, l'importo è ridotto ed è rapportato mese per mese alle giornate effettivamente lavorate.-

      Elimina
  66. Buonasera Signor Censori,
    ho fatto richiesta di autorizzazione ANF42 per via telematica il 30 gennaio e ad oggi nulla. Non e' che, per quanto assurdo possa sembrare, dovevo inviare la stessa richiesta anche per posta?
    La ringrazio. Roberto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberto!
      Alla richiesta di autorizzazione ANF42 doveva seguire la relativa documentazione a corredo, tipo autocertificazione dello stato di famiglia e dichiarazione di rinuncia dell'altro genitore, Ti consiglio quindi di presentarti direttamente alla sede INPS di zona per verificare lo stato della Tua pratica.-

      Elimina
  67. buongiorno vorrei sapere se io figlio che lavora posso mettere a carico mia mamma disoccupata, grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se siete conviventi e Tua madre ha un reddito annuale inferiore a 2.840,51 euro, puoi metterla fiscalmente a Tuo carico.-

      Elimina
  68. La ringrazio per una sua cortese risposta: mio marito ga diritto agli assegni familiari per coniuge a carici per i 4 anni di "esodo" in cui ha percepito l'assegno ( per 3 anni e mezzo assegno di esodo e per 6 mesi assegno di sostegno al reddito) ? Gli esodati sono stati martirizzati in ogni campo (come non poter fare il 730 e conseguenti detrazioni...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Teresa!
      Gli assegni familiari sono legati a un'attività lavorativa quindi se ne ha diritto con un rapporto di lavoro in corso e per i periodi indennizzati con mobilità o disoccupazione.-

      Elimina
    2. Buongiorno, vorrei sapere se a mia madre spetta Anf per se stessa ,è vedova e prende la pensione So di reversibilità. Grazie.

      Elimina
    3. Ciao Carmela!
      I requisiti necessari per il diritto agli assegni familiari per se stessi sono i seguenti:
      - Bisogna essere vedovo/a
      - Bisogna avere una pensione di reversibilità SO
      - Bisogna avere un'invalidità almeno dell'80%

      Elimina
  69. Buongiorno dovrei chiedere gli assegni familiari per mio figlio nato a novembre 2013. non sono sposata, convivo, e leggendo devo chiedere prima autorizzazione all' inps giusto?? e dopo di ciò che bisogna fare? tra i fogli che mi ha consegnato il datore di lavoro mi richedono il 730, ma io non l'ho mai fatto! devo iniziare a farlo???? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena!
      Non essendo sposata, per prima cosa devi richiedere l'autorizzazione preventiva all'INPS, per poter percepire gli assegni familiari per Tuo figlio.-
      Poi una volta che avrai ottenuto l'autorizzazione dovrai presentare la domanda al tuo datore di lavoro, o se te la prepara Lui, dovrai comunicare i Tuoi redditi del 2012 che rileverai dal 730 o dal CUD.-

      Elimina
  70. Buongiorno, mi sono accorta che sia io sia il mio compagno abbiamo avuto le detrazioni per figlio a carico al 100% questo dovuto ad un errore del datore di lavoro che non ha dato comunucazione al suo commercialista! Cosa devo fare? Posso rivalermi su qualcuno? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se i redditi si riferiscono allo scorso o entrambi presentate la dichiarazione dei redditi rettificando al 50% ciascuno le detrazioni spettanti per il figlio a carico, o presenta la dichiarazione dei redditi il genitore che ha il reddito più basso restituendo il 100% delle detrazioni applicate.-

      Elimina
  71. Buona sera,
    lavoratore extracomunitario con residenza in Italia e coniuge domiciliata presso altro comune con figlio (non hanno ancora la residenza in Italia) può percepire ANF? Deve richiedere autorizzazione? e per le detrazioni d'imposta?
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Fino a quando Tua moglie e Tuo figlio non avranno la residenza in Italia, Tu non potrai richiedere ne gli assegni familiari ne le detrazioni fiscali.-

      Elimina
  72. Salve volevo chiederle ma se il figlio dl mio attuale marito compie 18anni deve pagargli amcora gli alimenti grazie da ginevra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      I Giudici hanno provveduto, mediante numerose pronunce, ad assimilare la posizione del figlio ormai maggiorenne, ma ancora, involontariamente, dipendente dai genitori, a quella del figlio minore. Nell'analogia si evince la necessità di assicurare il momento in cui ritenere cessato l'obbligo al mantenimento; lo scopo della legge è quello di consentire ai figli di iniziare in modo autonomo la propria vita svolgendo l'attività lavorativa più consona alle proprie possibilità e alla propria scelta (articolo 4 della Costituzione). La Suprema Corte ha appoggiato colui che, raggiunta la maggiore età e che in possesso di diploma di laurea, ha diritto ad ottenere l'assegno di mantenimento finché non trovi un'occupazione adeguata alla sua condizione sociale, purché si attivi a reperirla e non vi sia una sua inoperosità.-

      Elimina
  73. Buona sera, intanto complimenti x il servizio fantastico che da. E' cosi' difficile trovare persone che sanno rispondere chiare e precise come lei. Quindi grazie a priori. In
    Noi siamo una famiglia composta da 3 persone io mio marito e un figlio di 3 anni. Io sono disoccupata ed. Ho terminato la disoccupazione inps a maggio del 2013. Ho fatto domanda x coniuge a carico a mio marito a gennaio. Pensando che ilmio reddito del 2013 superasse gli 8.000€. Ma stampando ora il cud riporta circa 7.000€. X chiedere gli arretrati la domanda va fatta al datore di lavoro o all'inps?
    Un ultimo chiarimento come cogniuge a carico spettano solo detrazioni, l'assegno famigliare e' uno solo, che varia in base a reddito famigliare giusto? VIRNA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Virna!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      - Non capisco il discorso di 7.000 o di 8.000 euro perché il limite di reddito per il coniuge a carico è di 2.840,51 euro annuali.-
      - SI! Gli assegni per il nucleo familiare sono legati al reddito lordo complessivo di entrambi i coniugi.-

      Elimina
    2. Per riasumere.. Se ho. Un reddito fino a 2.840,51 annuiposso essere a carico altrimenti no. Gli 8000,00 e' solo il tetto entro il. Quale non si è obbligati a fare dichiarazione dei redditi… ?!?!
      Ma il reddito (mio e di mio marito) x gli assegni familiari a chi va comunicato e come?
      Grazie ancora VIRNA

      Elimina
  74. buongiorno. Convivo con la mia compagna e i miei 2 figli. La mia compagna non lavora e non percepisce assegni familiari. Ho però una residenza diversa da loro e per questo mi è stata respinta la richiesta di assegni familiari per il 2° figlio. (per il 1° mi è stata data regolarmente nel 2010) Mi dicono che visto che non sono inseriti nel mio stato di famiglia in quanto residenti altrove non mi possono accettare la domanda e sicuramente non mi rinnoveranno quella del 1 figlio. Ma è possibile che non posso avere un'altra residenza? che cosa devo fare per avere l'autorizzazione? mi può dare un consiglio? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non ci sono alternative!
      Nei casi di genitori non coniugati la normativa prevede che solo il genitore con il quale i figli convivono può richiedere gli assegni familiari per i figli, e fa fede la residenza, quindi se Voi siete già conviventi dovete regolarizzare la Vostra posizione in Comune.-

      Elimina
  75. Nel 2013 ho percepito gli anf con un reddito da lavoratore dipendente in cig in deroga, raggiungendo il 70% (€ 7050,00) su un reddito complessivo di (€ 10.000). Il reddito di mia moglie è un reddito da locazione. Quest'anno 2014 il reddito da lavoratore dipendente ancora in cig in deroga è di € 6.900 su un reddito complessivo mio e di mia moglie di (€ 10.000). Questo comporta la perdita degli assegni familiari.
    Rispetto a l'anno scorso, mia moglie dal 1 aprile 2014 è stata assunta come lavoratrice dipendente. Cosa posso fare per non perdere gli assegni familiari?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Franco!
      La normativa in merito agli assegni per il nucleo familiare prevede quanto segue:
      - Per il periodo dal 01/07/2013 al 30/06/2014 fanno fede i redditi del 2012.-
      - Per il periodo dal 01/07/2014 al 30/06/2015 fanno fede i redditi del 2013.-
      - E così via di seguito.-

      Elimina
  76. Buonasera Gianfranco.
    Avrei la necessità di un chiarimento in merito agli assegni familiari. La mia compagna è una lavoratrice a tempo indeterminato, con un contratto di 24 ore settimanali per un totale di 26 giorni lavorativi mensili. E' l'unico genitore con due bambini minori, di cui uno disabile al 100%, regolarmente riconosciuto dall'Inps. Ultimamente, lei è a casa in malattia e l'azienda per cui lavora sta facendo un calcolo stranissimo dell'importo degli assegni familiari. Lei rientra nella Tab. 15 INPS con un importo da percepire pari ad Euro 326.67 ma, non capisco come mai, la sua azienda non le corrisponde l'importo totale. Da un calcolo effettuato, l'azienda calcola l'importo mensile suddividendo l'importo riportato nella tabella 15 INPS, lo divide per 26 e lo moltiplica per i giorni effettivamente lavorati!! Inoltre, per i giorni usufruiti per la legge 104, in busta paga ritrova la voce corretta ma, appena sotto, si ritrova anche la voce con le trattenute pari all'importo erogato per i tre giorni. Può cortesemente darmi delucidazioni in merito?? Grazie e scusi per il disturbo. Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luca!
      Il fattore determinante da considerare per stabilire la misura dell’assegno spettante è rappresentato dal numero delle ore settimanali previste dal contratto.
      Se il lavoratore part-time presta la propria opera per almeno 24 ore nella settimana, egli ha diritto agli assegni nella misura intera.
      Se, invece, il lavoratore part-time presta la propria opera per meno di 24 ore settimanali, gli spettano tanti assegni giornalieri quante sono le giornate di lavoro effettivamente prestate qualunque sia il numero delle ore lavorate nella giornata.-
      Per quanto riguarda i permessi per la legge 104, se la retribuzione è piena si tratta solo di una questione di carattere contabile.-

      Elimina
  77. Ciao Gianfranco e grazie per la risposta ma non mi è chiara una cosa: la mia compagna è in malattia ormai da mesi a causa di un problema al ginocchio e quindi non sta prestando attività lavorativa ma, in alcuni mesi, dopo la problematica occorsa, gli è stato riconosciuto l'importo intero e in altri no sino all'ultima busta paga del mese scorso, pur essendo comunque sempre in malattia. Scusami per la richiesta e grazie per il tuo pronto interessamento ma voglio riuscire a chiarire questo problema.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luca!
      L’assegno familiare spetta anche nel caso di determinate assenze:
      - Per congedo matrimoniale, cure termali, ferie e festività, infortunio e malattia professionale (in questo caso fino ad un massimo di 3 mesi), integrazioni salariali, malattia, maternità (anche nel periodo di astensione facoltativa), permessi per aspettative.-

      Elimina
    2. Prefetto. Quindi lei ha diritto ad avere l'intero importo a questo punto?? Grazie Gianfranco. Sei un grande. Auguri di Buona Pasqua

      Elimina
    3. Ciao Luca!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Tanti auguri di Buona Pasqua anche a te!!!

      Elimina
  78. Salve, volevo gentilmente chiedere se esiste un limite di tempo in cui il datore di lavoro deve liquidare ad ex dipendenti degli anf arretrati...
    Grazie mille!

    RispondiElimina
  79. Buongiorno dottore Gianfranco , ho un contratto di lavoro part- time ,per una dita di pulizie. con data 03-08-2010. Per un anno non ho percepito gli assegni familiare perchè non avevo redditi de lavoro dipendente 2009, il primo assegno che ho dentro en busta paga e de luglio 2011. E corretto ? Anche vi chiedo in data 22-08-2013 mio figlio de 7 anno ha ottenuta la invalidità civile ai sensi della L.P.15-06-1998,N.7. Questo reddito va dichiarato come altri redditi ? Grazie in anteprima della vostra risposta.

    RispondiElimina
  80. salve sono un pensionato ior da 18 mesi ho moglie disoccupata e 3 figli minorenni quanto mi aspetterebbe di assegno familiare al mese?
    grazie per la risposta

    RispondiElimina
  81. salve, io ho un figlio di 10 mesi e mia moglie che non lavora, vorrei sapere quanto dovrei prendere di assegni famigliare al mese per entrambi?? grazie

    RispondiElimina
  82. Buonasera dott.Censori, vorrei conoscere l'importo massimo dei redditi che dà diritto all'assegno per la moglie cieca ventesimista con relativa pensione di invalidità. e se questa venga inclusa o meno nei redditi dei coniugi. Grazie. Elio

    RispondiElimina
  83. Salve dott. Censori sono ancora anna in merito a quell anf/55 dell ex del mio compagno che ha fatto richiesta per gli assegni familiari del figlio... alloraomi puo spiegare una cosa innanzitutto lei all imps nnaha presentato la sentenza di separazione che e avvenuta pochi mesi fa e stata una separazione giudizile durata5anni e poi ha fatto richiesta per gli arretrati xal 2008ad a adesso il mio compagnio come dice l azienda li ha percepiti fino al2009 quando il bimbo era a coraa carico del padre loro hanno detto di informarci bene xke primo se la sentenza di separazione e avvenuta pochi mesi fa la ex nn ha diritto a qst arretrati xke era ancora un nucleo familiare se ondo di onfrollare bene per he se poi hanno sbavliato qualcosa l imps rivuole i soldi e come hanno detto ce li rimette il mio compagno e i fine he il bam ino gli esce cmq sulla busta paga l imps invece aveva detto di no xke le face ano un pagamento diretto a lei... come pozso risolvere qst situazione grazie ancora

    RispondiElimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.