lunedì 20 gennaio 2014

Aliquote e Detrazioni IRPEF anno 2014

IMPOSTA PER SCAGLIONI DI REDDITO ANNO 2014















     N. da euro                fino a     Al.%    Modalità di calcolo
  1. 0.001,00      15.000,00    23%     calcolare la percentuale del 23% sull'intero importo 
  2. 15.001,00    28.000,00    27%       3.450,00 + 27% sulla parte eccedente 15.000,00 
  3. 28.001,00    55.000,00    38%       6.960,00 + 38% sulla parte eccedente 28.000,00 
  4. 55.001,00    75.000,00    41%     17.220,00 + 41% sulla parte eccedente 55.000,00 
  5. 75.001,00                        43%     25.420,00 + 43% sulla parte eccedente 75.000,00



DETRAZIONI PER LAVORO DIPENDENTE ANNO 2014    

Reddito complessivo annuo:
           da euro           sino euro             Importo annuo euro
  1.   0.001,00       8.000,00             1.880
  2.   8.001,00     28.000,00             978 + 902 x (28.000 – RC : 20.000)
  3. 28.001,00     55.000,00             978 x (55.000 – RC : 27.000)


DETRAZIONI PER LAVORO DIPENDENTE ANNO 2014    

Reddito complessivo annuo:
             da euro         sino euro          Importo annuo euro
  1.   0.001,00       8.000,00          1.880
  2.   8.001,00     28.000,00          978 + 902 x (28.000 – RC : 20.000)
  3. 28.001,00     55.000,00          978 x (55.000 – RC : 27.000)

DETRAZIONI PER REDDITI DA PENSIONE FINO A 75 ANNI DI ETÀ

Reddito complessivo annuo
              da euro        sino euro       Importo annuo euro
  1.   0.001,00       7.500,00       1.725
  2.   7.501,00     15.000,00       1.255 + (470 x ((15.000 – RC ) : 7.500))
  3. 15.001,00     55.000,00       1.255 x ((55.000 – RC) : 40.000))

DETRAZIONI PER REDDITI DA PENSIONE OLTRE 75 ANNI DI ETÀ

Reddito complessivo annuo
             da euro         sino euro      Importo annuo euro
  1.   0.001,00       7.750,00      1.783,00.
  2.   7.751,00     15.000,00      1.297 + (486 x ((15.000 – RC) : 7.250))
  3. 15.001,00     55.000,00      1.297 x ((55.000 – RC) : 40.000) 

DETRAZIONI PER REDDITI DA LAVORO AUTONOMO ANNO 2014

Reddito complessivo annuo
            da euro        sino euro       Importo annuo euro
  1. 0.001,00        4.800,00      1.104
  2. 4.801,00      55.000,00      1.225 x ((55.000 – RC) : 50.200)

DETRAZIONI PER IL CONIUGE A CARICO ANNO 2014

Limite annuale di reddito euro 2.840,51.-
Reddito complessivo annuo
da euro sino euro Importo annuo euro
  1. 00.001,00     15.000,00     800 – (110x (RC : 15.000))
  2. 15.001,00     29.000,00     690
  3. 29.001,00     29.200,00     700
  4. 29.201,00     34.700,00     710
  5. 34.701,00     35.000,00     720
  6. 35.001,00     35.100,00     710
  7. 35.101,00     35.200,00     700
  8. 35.201,00     40.000,00     690
  9. 40.001,00     80.000,00     690 x ((80.000 – RC) : 40.000)


DETRAZIONI PER I FIGLI A CARICO - ANNO 2014

Limite annuale di reddito euro 2.840,51.-

A partire dal 1° gennaio 2013 le detrazioni fiscali per i figli a carico aumentano come segue:
  • 1.220 euro per ciascun figlio a carico di età inferiore a 3 anni (900 euro nel 2012)
  • 950 euro per ciascun a carico dai 3 anni in su (800 euro nel 2012)
Le nuove detrazioni familiari per l'anno 2013 riguardano tutti i figli a carico compresi:
  • figli adottivi
  • figli naturali riconosciuti
  • figli affidati o affiliati
La detrazione è riconosciuta a prescindere dalla convivenza con i genitori, dallo status o meno di studente, dall'eventuale residenza all'estero e dallo svolgimento stage/tirocini gratuiti o prestazioni di lavoro retribuite.

Figli con handicap:

Sempre a partire dal 2013 sono state incrementate le agevolazioni fiscali per i figli portatori di handicap secondo il seguente schema:
  • 550 euro aggiuntivi con età inferiore a 3 anni (220 euro nel 2012)
  • 630 euro aggiuntivi con età da 3 anni in su (220 euro nel 2012)


Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

140 commenti:

  1. Buonasera Dottor Censori, intanto grazie anticipatamente per la risposta sicuramente al mio quesito: sono un lavoratore dipendente e volevo sapere quanto mi spetta per l'anno 2013, per quanto riguarda le detrazioni per i figli a carico, il mio nucleo e questo:
    io il dichiarante mia moglie casalinga quattro figli di cui due disabili maggiorenni uno studente di 21 anni ed una bambina di anni 7, grazie e cordiali saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A partire dal 1° gennaio 2013 le detrazioni fiscali per i figli a carico aumentano come segue:
      1.220 euro per ciascun figlio a carico di età inferiore a 3 anni (900 euro nel 2012)
      950 euro per ciascun a carico dai 3 anni in su (800 euro nel 2012)
      Figli con handicap:
      Sempre a partire dal 2013 sono state incrementate le agevolazioni fiscali per i figli portatori di handicap secondo il seguente schema:
      550 euro aggiuntivi con età inferiore a 3 anni (220 euro nel 2012)
      630 euro aggiuntivi con età da 3 anni in su (220 euro nel 2012)

      Elimina
  2. buongiorno signor gianfranco, mi chiamo francesco le volevo chiedere se o diritto a delle agevolazioni inps essendo un commerciante appena iniziato nel dicembre 2013.avendo solo lavorato nell'anno 2013 come dipindente di solo 3 mesi .e avendo a carico 4 persone cioe 3 figli e moglie .il mio redditto del 2013 e di solo 5000 euro grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco!
      Purtroppo non posso esserti d'aiuto perché non sono a conoscenza della normativa INPS inerente le attività autonome.-

      Elimina
  3. Buonasera sig. Censori, volevo un suggerimento, fino a maggio 2013 ho percepito un reddito come co.co.co poi licenziato. Ha gennaio 2014 ho intrapreso un attivita' in proprio con partita iva, Quest'anno devo fare 730 oppure unico, sicuramente a credito anche quest'anno come nel 730 del 2013 avevo un credito irpef. Per poter utilizzare questi crediti in compensazione quale devo fare? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per poter utilizzare quest'anno i crediti in compensazione devi presentare il modello Unico.-

      Elimina
  4. buonasera dott. Censori
    lo scorso anno ero a carico dei miei genitori ma avendo percepito dei redditi occasionali potevo recuperare la ritenuta d'acconto facendo il mod. unico così mi hanno detto, volevo sapere se posso in qualche modo recuperarla quest'anno
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se i redditi occasionali sono stati percepiti lo scorso anno puoi recuperare la ritenuta d'acconto con la dichiarazione dei redditi di quest'anno, se invece sono stati percepiti nel 2012, la ritenuta d'acconto non è più recuperabile.-

      Elimina
  5. Buona giornata Sign. Censori , sono Raffaele ,volevo chiederle una informazione mia figlia non ha lavorato dal 2009 nella sua dichiarazione unico redditi 2008 dichiarata nel 2009 aveva un credito di circa 600 euro da riportare nella dichiarazione successiva ,ma da allora non ha lavorato e non ha fatto nessuna dichiarazione successiva ,ora dalla fine di ottobre 2013 ha un lavoro a tempo determinato che scadrà al 31 luglio 2014 ,Le chiedo se può fare ora il 730 per poter recuperare il credito del 2008 dichiarato nel 2009 ? Inoltre visto che nell'anno 2013 ha avuto spese recupero edili per recupero 50% e pagato una assicurazione vita può mettere in detrazione anche queste valutando che il cud sarà di poca cifra avendo solo il mese novembre e parte di ottobre 2013 dato che dicembre è stato pagato nel gennaio 2014? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Raffaele!
      Purtroppo NO!
      Tua figlia nel 2014 non può più recuperare i crediti del 2008, e per quanto riguarda le spese dello scorso anno, sono recuperabili al massimo fino all'importo dell'IRPEF pagata la scorso anno e non un centesimo di più.-

      Elimina
  6. buona sera Dott. Censori
    sono un artigiano in pensione,però continuo a lavorare e a pagare contributi e tasse regolarmente,vorrei sapere da lei perchè non mi è chiaro il meccanismo,se essendo ancora in attività ho delle trattenute sulla pensione che percepisco e se si in che percentuale.
    grazie,cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensione di vecchiaia:
      Chi è titolare di pensione di vecchiaia non corre il rischio, in caso di svolgimento di un’attività lavorativa alle dipendenze di un'azienda o di un lavoro autonomo , di vedersi sospesa o ridotta la pensione.
      Dal 2001 la sua rendita previdenziale è, infatti, totalmente cumulabile, con i redditi da lavoro dipendente o da lavoro autonomo.-

      Elimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luisa!
      Al momento sono solo dichiarazioni di carattere politico, dovremo quindi attendere che le proposte del governo si traducano in decreti legge e vengano approvate dal parlamento prima di trarre conclusioni.-

      Elimina
  8. buongiorno,mio figlio di 26 anni deve fare un intervento chirurgico a pagamento. è disoccupato , non residente nella casa familiare,posso detrarre le spese che sosterrò per l'intervento?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Tu puoi portare in detrazione solo le spese sostenute per familiari a carico e che hanno la Tua stessa residenza.-

      Elimina
  9. salve, chiedo un quesito, mia moglie ha un reddito lordo annuo di 2.100,00.
    può detrarre gli oneri detraibili e deducibili (in quest'ultimo un piano pensionistico)?
    Inoltre, il reddito di mia moglie non avendo superato i 2840,00 risulta sempre a mio carico, sono pensionato?
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con un reddito lordo annuo di 2.100,00 euro presumo che Tua moglie non abbia trattenute IRPEF quindi non può portare in detrazione o in deduzione alcuna spesa.-
      Comunque non avendo superato il limite di 2.840,51 euro annuali di reddito, puoi richiedere le detrazioni per il coniuge a carico e portare quindi in detrazione anche le sue spese.-

      Elimina
  10. sono un pensionato con pensione lorda di 23.763,22 euro:volevo sapere che limite di reddito deve avere mia moglie(a carico) per avere diritto alle detrazioni di legge.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il limite di reddito da non superare per il diritto alle detrazioni fiscali per il coniuge a carico è pari a 2.840,51 euro annuali.-

      Elimina
  11. salve nel 2013 ho lavorato come operaio agricolo con un contratto a tempo determinato di 101 giornate con reddito complessivo di 6262.00 inoltre ho percepito dall'inps disoccupazione e malattia per un totale di 5797.58 nel 2014 ho due cud uno dell'inps, uno del datore di lavoro
    nel 2014 quanto pagherò di dichiarazione dei redditi (le trattenute irperf sono solo di 289.00 per la malattia);
    mi puo dare pure i valori di imposta lorda e di detrazione lavoro dipendente
    grazie distinti saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fino ad un reddito di 15.000,00 euro lordi annuali l'IRPEF dovuta è pari al 23% + addizionali regionale e comunale.-
      La detrazione per lavoro dipendente per un reddito di 12.059,58 euro è pari a 1.696,98 euro.-

      Elimina
  12. Salve, ho intenzione di realizzare un ampliamento della mia casa che destinerò a garage. Posso usufruire della detrazione per l'intero costo dell'opera? Vuol dire che in 10 anni mi ridaranno il 50% del costo di realizzazione?
    Grazie mille e distinti saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      In caso di ampliamento della casa avrai diritto ad una detrazione del 50% della spesa sostenuta in 10 anni, fino ad un massimo di 96.000,00 euro, ovviamente se c'è capienza, nel senso che ogni anno puoi recuperare al massimo il totale dell'IRPEF pagata, e non un centesimo di più.-

      Elimina
  13. Salve, sono Sonia, volevo chiedere una informazione... Io sono una studentessa di economia aziendale del II anno ed inoltre lavoro part time in una azienda con contratto di somministrazione che mi viene prorogato di mese in mese a seconda delle esigenze aziendali...
    Il cud del 2014 risulta 5.286,01 volevo sapere se devo fare la dichiarazione dei redditi, io attualmente risulto a carico dei miei genitori perchè questo lavoro non è "stabile", dipende dai periodi, in più mi hanno concesso la borsa di studio all'università, devo scrivere per comunicare a loro questo oppure non mi viene revocato il beneficio e vengo ancora considerata come studente?
    Grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sonia!
      Purtroppo avendo superato il limite di 2.840,51 euro annuali, Tu non puoi più essere a carico dei tuoi genitori, che con la prossima dichiarazione dei redditi dovranno restituire all'Erario le detrazioni delle quali hanno usufruito lo scorso anno.-
      Per quanto riguarda la borsa di studio, devi ovviamente comunicare all'università il reddito percepito lo scorso anno, perché l'università è in grado di accertare il Tuo reddito rivolgendosi all'Agenzia delle Entrate.-

      Elimina
  14. Buongiorno
    Mia moglie nel 2013 ha percepito un reddito lordo di 2460 euro, sul quale ha versato il 23% di Irpef.
    Siamo coniugati in regime di comunione dei beni, io sono un lavoratore dipendente e percepisco circa 39000 € lordi annui.
    Nel 730 del 2014 devo/mi conviene inserire anche il reddito di mia moglie?
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la gentile risposta.
      In effetti mi sono espresso male, intendevo chiedere se fosse il caso di fare la dichiarazione congiunta per pagare/recuperare qualcosa.

      Elimina
    2. SI!
      Vi conviene comunque presentare la dichiarazione congiunta per conguagliare eventuali crediti dell'una con debiti dell'altro, o sommare crediti o debiti con l'erario.-

      Elimina
  15. Buongiorno,
    sul CUD 2014 della mini aspi risulta nel rigo 107 611 euro per detrazioni lavoro dipendente. In sede 730 questi soldi saranno a mio debito o a mio credito? Nel rigo 102 relativo a detrazioni per figlio a carico invece non c'è scritto niente, quando ho mio figlio a carico al 100%. ne terranno conto sempre in sede di 730?
    Un ultima domanda: ho compilato da poco on line tramite pin dispositivo inps domanda per detrazioni d'imposta, è previsto sulla prossima busta paga l'accredito degli arretrati (come per gli assegni familiari)
    Grazie mille, Azzurra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per arretrati intendo Gennaio e Febbraio 2014 :)

      Elimina
    2. Ciao Azzurra!
      - L'importo delle detrazioni da lavoro dipendente è l'importo che ti è stato detratto dall'IRPEF da pagare, quindi in sede di presentazione del 730 ti verranno sommati i redditi, le detrazioni effettuate, e ti verrà fatto il conguaglio tra l'IRPEF pagata e quella dovuta, in base alle detrazioni spettanti, considerando quindi sia quelle da lavoro dipendente già effettuate e quelle del figlio a carico non effettuate prima.-
      - SI! Se hai richiesto a marzo una modifica delle detrazioni d'imposta, ti verrà versata la differenza in sede di liquidazione dell'ultima rata di Mini Aspi.-

      Elimina
    3. Salve di nuovo e grazie per la risposta! In realtà io è da Aprile del 2012 che lavoro ininterrottamente, quindi il discorso delle detrazioni d'imposta chiedevo se vale dalla prossima busta paga in poi: avendo fatto domanda per le detrazioni per mio figlio solo a Marzo, deduco che dovrebbero riaccreditare in busta paga quelle per gennaio e febbraio, oppure se ne parlerà direttamente nel 730 del 2015?:) Grazie, Azzurra

      Elimina
    4. Ciao Azzurra!
      Non ti capisco!
      Prima dici che hai ricevuto il CUD per la Mini Aspi, e che hai richiesto le detrazioni all'INPS, poi mi dici che è da aprile del 2012 che lavori ininterrottamente.-
      Comunque la richiesta delle detrazioni va presentata al proprio datore di lavoro nel mese di gennaio, e se viene presentata successivamente, le detrazioni verranno applicate dal mese in cui vengono richieste, e il conguaglio verrà effettuato con la busta paga di dicembre.-

      Elimina
    5. Buongiorno! La mini aspi mi è stata pagata nel 2013 ed era riferita ai mesi di gennaio, febr, e marzo 2012 in cui io non ho lavorato, quindi, ai fini fiscali, l'importo fa parte dei redditi 2013, perchè è appunto a Marzo 2013 che me l'hanno erogata. Giusto? ^_^ Scusa forse mi sono spiegata male..
      Dunque, se ti ho ben capito, lavorando devo comunque presentare domanda cartacea al mio datore di lavoro, non basta la mia richiesta fatta on line per le detrazioni?
      Nel 2013 ho lavorato i primi 6 mesi per una società e i successivi 6 mesi per un'altra (all'interno della stessa azienda..): praticamente col CUD della mini aspi (in cui pero' dovranno tenere conto delle detrazione del bambino..) ne ho 3 in tutto!! O_O spero non sarà un salasso anche se, in realtà, non ho lavorato contemporaneamente nelle due società, ma la seconda è subentrata alla scadenza del contratto della prima.. Usufruirò delle detrazioni per l'affitto (per i giovani fino a 30 anni fino ad Agosto in cui li ho compiuti e i mesi restanti calcolando la normale detrazione).. Non ci voglio guadagnare ma nemmeno rimettere..tu che dici?

      Elimina
    6. - Non capisco come Tu abbia mandato la richiesta di detrazioni fiscali on line al Tuo datore di lavoro, cioè se hai fornito tutte le informazioni necessarie.-
      - Non posso fare previsioni sull'eventuale conguaglio perché è legato al reddito lordo complessivo e alle detrazioni applicate nei singoli CUD.-

      Elimina
  16. Buongiorno signor censori nel 2012 non ho presentato il modello unico del cud del 2011
    come posso recuperare la detrazione dei famigliari cosa devo fare e dove andare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Non è più possibile recuperare detrazioni fiscali per familiari a carico per gli anni precedenti al 2013.-

      Elimina
  17. SALVE,VORREI UN INFORMAZIONE SE E' POSSIBILE.
    SICURAMENTE QUEST' ANNO QUANDO FARO' IL MODELLO UNICO AVRO' DEL CREDITO.
    LA MIA DOMANDA E':POSSO UTILIZZARE QUEL CREDITO PER PAGARE IMU IRPEF O COSE DEL GENERE RISULTANTE DALLA DICHIARAZIONE DI MIO MARITO?PREMETTO CHE MIO MARITO NON E' DIPENDENTE QUINDI FARA' ANCHE LUI IL MODELLO UNICO POICHE' PERCEPISCE L AFFITTO DI UN LOCALE.
    GRAZIE
    AIDA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Aida!
      Purtroppo NO!
      Con il modello unico non si può conguagliare i crediti verso l'erario di uno dei coniugi con i debiti dell'altro.-

      Elimina
  18. Buongiorno Dott. Censori, nel ringraziarLa per i consigli volevo chiederLe un informazione:
    Ho un contratto cococo annuale (24.000 euro Lordi all'anno) mia moglie non lavora e da poco mi è nato un figlio. Non sono proprietario ne di immobili (sono in affitto)ne di auto etc.
    Quali sono le detrazioni a cui ho diritto (sia sulla busta paga che no) ?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. DETRAZIONI PER LAVORO DIPENDENTE ANNO 2014
      Reddito complessivo annuo:
      da euro sino euro Importo annuo euro
      0.001,00 8.000,00 1.880
      8.001,00 28.000,00 978 + 902 x (28.000 – RC : 20.000)
      DETRAZIONI PER IL CONIUGE A CARICO ANNO 2014
      Reddito complessivo annuo
      da euro sino euro Importo annuo euro
      00.001,00 15.000,00 800 – (110x (RC : 15.000))
      15.001,00 29.000,00 690
      DETRAZIONI PER I FIGLI A CARICO - ANNO 2014
      A partire dal 1° gennaio 2013 le detrazioni fiscali per i figli a carico aumentano come segue:
      1.220 euro per ciascun figlio a carico di età inferiore a 3 anni (900 euro nel 2012)
      950 euro per ciascun a carico dai 3 anni in su (800 euro nel 2012).-

      Elimina
    2. Grazie mille,
      volevo chiederLe se mio figlio e mia moglie sono al 100% a mio carico (mia moglie nel 2013 ha preso disoccupazione).
      Inoltre la detrazione è valida da quest'anno o devo calcolare le entrate del 2013.
      Nel ringraziarLa anticipatamente le porgo i miei più cordiali Saluti.

      Elimina
    3. Se Tua moglie nel 2013 ha preso la disoccupazione e l'importo è superiore a 2.840,51 euro, non può essere a Tuo carico, mentre per Tuo figlio puoi richiedere le detrazioni al 100%.-
      Per quanto riguarda invece le detrazioni per il 2014, vanno richieste in base ai redditi presunti di quest'anno.-

      Elimina
    4. Sempre grazie per la risposta,
      ma io intendo chiedere le detrazioni (sullo stipendio) per il 2014.
      Al lavoro mi hanno dato un modulo (dove devo elencare codice fiscale di mia moglie e di mio figlio e percentuale a mio carico (100% o 50%) da compilare per richiedere le detrazioni (nel 2013 non le ho chieste). La mia domanda è: le detrazioni moglie e figlio a carico del 2014 le posso chiedere già ora? o dovrò farlo l'anno prossimo? Abbiamo da poco fatto il cambio di residenza e mia moglie ed io risultiamo nella stessa casa dal 14 Febbraio 2014 (prima avevamo residenze diverse), mio figlio è nato il 7 Marzo 2014....lavoro solo io....le detrazioni fiscali sullo stipendio sono per il 2014? A partire da subito?

      Elimina
    5. SI!
      Se Tua moglie non lavora puoi richiedere le detrazioni per il 2014 per il coniuge a carico e per Tuo figlio a carico al 100%, detrazioni che debbono esserti applicate nelle buste paga di tutto l'anno.-

      Elimina
  19. Ciao per favore volevo sapere quanto devo pagare di irpef all'anno
    oniziato a lavorare dal gennaio 2014
    con uno stipendio al mese di 1000 e all'anno di 12000 euro contratto tra privati mi dice che io devo pagare l'irpef e lui inps grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per un reddito fino a 15.000,00 euro annuali bisogna calcolare la percentuale del 23% sull'intero importo.-

      Elimina
  20. Buongiorno,considerando che esiste una soglia di esenzione pari a 8000 euro per i lavoratori dipendenti e che nella fascia 0-15000 euro, la tassazione è del 23%, allora non capisco:
    è tassato quello che eccede gli 8000, i primi 8000 sono sempre esenti?
    grazie
    Giulia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia!
      l'IRPEF del 23% fino a 15.000,00 euro va calcolata sul totale del reddito, al quale va tolta la detrazione per lavoro dipendente pari a 1.880,00 euro che in pratica annulla la tassazione per i primi 8.000,00 euro di reddito.-

      Elimina
  21. Gentile Gianfranco,
    mi permetto di chiederle alcuni chiarimenti:
    ho percepito nell'anno 2013 solo redditi da lavoro autonomo con ritenuta d'acconto (derivanti da diritto d'autore), per una cifra di circa 9000 euro lordi. A quanto ho capito, non ho diritto a detrazioni e posso presentare la dichiarazione usando l'Unico Mini dichiarando tutto nel quadro RL. E' corretto?
    Un altro dubbio riguarda la contribuzione INPS: mi è stato detto che per i redditi derivanti da diritto d'autore non c'è obbligo contributivo; ma se nell'anno in corso dovessi percepire compensi anche da prestazioni occasionali con altro committente in quale momento e in che misura scatterebbe l'obbligo di versare contributi INPS?
    La ringrazio in anticipo per la sua cortesia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carlo!
      - SI! Puoi presentare il modello unico dichiarando il reddito da lavoro autonomo nel quadro RL, e non hai diritto alle detrazioni.-
      - NO! I due redditi provengono da tipologie diverse di lavoro quindi non sie comunque obbligato a versare contributi all'INPS.-

      Elimina
  22. buonasera, vorrei un informazione perché nessuno sa darmela SOno una pensionata e poiché L'INPS ha commesso piu' errori( pagandomi cio' che non era dovuto ma nello stesso anno 2013 li ho restituiti) AVEndomi fatto il cud per il totale senza togliere quello che ho reso mi e' venuto un conguaglio IRPEF da pagare per €.1600 .poiche' e' aumentata l'aliquota e sono diminuite le detrazioni. mi hanno detto che faranno una rettifica al cud, ma secondo lei l'irpef che mi detraggono x 9 rate sulla pensione come lo recupero? dove deve essere evidenziato?perche' coloro che lavorano in questo baraccone inps non hanno risposte darmi, per prima cosa tolgono i soldi senza dare nessuna spiegazione del resto se ne fregano.secondo me prima si fanno le rettifiche e poi si calcolano le aliquote, ma loro essendo dei fenomeni fanno proprio il giro al contrario.le sono grata se sapra' darmi qualche indicazione perché la vedo dura recuperare quanto mi spetta. grazie di cuore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Franca!
      A prescindere dal fatto che l'INPS ti rettifichi o meno il CUD, Ti consiglio di rivolgerti a un CAF per presentare la dichiarazione dei redditi con la quale porterai in detrazione l'importo che hai percepito in più e che stai restituendo a rate.-

      Elimina
  23. Buonasera, volevo un informazione. Sono in congedo parentale retribuito dall'INPS per figlia disabile e nel mio cud l'irpef è 0. Posso comunque fare il 730 e scaricare le.spese mediche. Grazie Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefania!
      Purtroppo NO!
      Si possono portare in detrazione delle spese al massimo fino all'importo dell'IRPEF pagata, quindi se nel CUD non hai avuto trattenute IRPEF non puoi portare in detrazione alcuna spesa.-

      Elimina
  24. Buonasera Gianfranco,
    avrei bisogno di un suo chiarimento, il 30 dicembre 2013 l'inps mi ha fatto recapitare a casa una comunicazione dove diceva che le addizionali regionali e comunali all'irpef dell'anno d'imposta 2012, certificate nel cud 2013, sono state trattenute in misura inferiore a quella dovuta, analogamente, il conguaglio fiscale, di competenza dell'anno 2012 già certificato come trattenuto nel cud 2013, è stato trattenuto in misura inferiore a quella certificata, pertanto mi invitavano a versare tramite il modello f24 le somme residue non recuperate. La scadenza del versamento era il 31 dicembre ossia il giorno dopo, chiaramente prima di pagare mi sono informata bene e poi ho provveduto al pagamento dell'addizionale regionale e dell'acconto addizionale comunale, il tutto eseguito il 10 gennaio quindi anno solare 2014. Ora, guardando il cud inps 2014 noto che vengono riportate solo le trattenute irpef, mentre per le addizionali regionali e per l'acconto comunale non vi è riportato nulla. Dato che il mio comune di residenza esenta al pagamento dell'addizionale comunale qualora il reddito sia inferiore ai 15000 euro annui e dato che io nel 2013 sono decisamente al di sotto vorrei recuperare almeno l'acconto, ma se l'inps non lo riporta come posso recuperarlo? mi conferma che avrebbero dovuto inserirlo? o forse non l'hanno inserito in quanto ho fatto il versamento quest'anno e quindi lo vedrò solo nel cud del prossimo anno? La ringrazio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Erika!
      Purtroppo fa fede la data del versamento, quindi avendo pagato nel 2014, ritroverai l'importo pagato solo nel CUD del prossimo anno, che si riferirà appunto ai redditi e ai pagamenti dell'anno 2014.-

      Elimina
  25. Salve signor Gianfranco,
    Dato che sono disoccupato ma vivo in una casa popolare insieme a mia moglie e i miei tre figli. Ultimamente ho saputo tramite nel decreto del governo di Renzi per i vantaggi per chi abita in un alloggio di edilizia popolare, ma come si fa a riscuotere i soldi x le detrazioni se non ho la busta paga o indennitá di disoccupazione? Penso che non ho possibilità di avere questi soldi? Aiutami se posso oppure come e dove rivolgersi se posso avere senza essere dipendente o pensionato. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Se non hai redditi e quindi non paghi IRPEF non hai diritto ad alcun tipo di detrazioni.-

      Elimina
  26. Buongiorno,
    ho un reddito di ca 15000€, sulle buste paga non ci sono le detraz lav dip e non risultano nemmeno sul CUD. Posso richiederle in sede di 730?
    Dato che è la prima volta che lo faccio cosa devo portare al CAF? contano i redditi di chi vive con me o solo i miei? Vivo a casa di una mia zia e non pago affitto.
    Grazie, Emanuele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Puoi recuperare le detrazioni fiscali da lavoro dipendente con la prossima dichiarazione dei redditi, e devi portare solo il Tuo CUD.-

      Elimina
  27. Buongiorno Gianfranco
    Ho sentito che si puo fare il 730 anche per chi non ha il sostitutto d'imposta.
    Vorrei delle informazioni in merito.
    In caso di credito chi è che mi da i soldi?
    In caso di debito devo fare gli F24 come nell'unico?
    Grazie Michele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Michele!
      Se devi pagare non serve che ti "precipiti" a presentare il 730 ma puoi attendere e presentare l'UNICO, viceversa se devi richiedere un rimborso puoi presentare comunque il 730 e richiedere il rimborso direttamente all'agenzia delle entrate che dovrebbe effettuare il pagamento entro la fine dell'anno.-

      Elimina
  28. Buongiorno, sono sposato dal 17 luglio, lei non ha ancora preso la residenza da me ed è extracomunitari, posso chiedere detrazioni per lei o devo farle prendere la residenza prima? e come le calcolo considerando è da solo metà anno? Inoltre quando considero il reddito complessivo devo considerare anche la miniaspi? perchè con la miniaspi cambio la fascia da 8000 a tra 8000 e 280000

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo fino a quando Tua moglie non prende la residenza da te non puoi richiedere le detrazioni per il coniuge a carico, mentre per quanto riguarda il Tuo reddito complessivo devi considerare anche l'indennità di Mini Aspi, che è comunque un reddito.-

      Elimina
    2. capisco, ma anche per le detrazioni vale la mini aspi? oppure come detrazioni rimane quella del solo reddito da dipendente contratto a tempo determinato 1380 euro? per quanto riguarda le detrazioni per mia moglie sulle regole del 730/2014 però è scritto questo: Possono essere considerati a carico anche se non conviventi con il contribuente o residenti all’estero:
       il coniuge non legalmente ed effettivamente separato

      Elimina
    3. - SI! Le detrazioni valgono anche per la Mini Aspi.-
      - SI! Confermo che puoi richiedere le detrazioni per il coniuge a carico anche se non siete ancora conviventi.-

      Elimina
    4. La ringrazio avvocato, fa un servizio utilissimo ed è da ammirare per la sua disponibilità. Maurizio

      Elimina
    5. Ciao Maurizio!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  29. buonasera...mio marito dipendente con reddito annuo di 16 525.00 euro non percepisce le detrazioni del coniuge a carico ma solo gli assegni familiari. La ditta inserisce i dati ma dice che io come coniuge non risulto,ho chiesto conferma al comune e risulto sullo stato di famiglia da cosa e' dipeso questo errore della ditta? grazie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Presumo che si tratti di un errore "interno" della ditta, e cioè che vengono inseriti i dati errati in computer da parte del consulente che prepara le paghe, comunque Tuo marito può recuperare le detrazioni per il coniuge a carico con la prossima dichiarazione dei redditi.-

      Elimina
  30. Buongiorno Sig. Censori, Le volevo chiedere:
    premesso che sono stato licenziato a fine Gennaio 2014 e attualmente percepisco assegno di disoccupazione (ASPI) per un importo di 960 € mensili, mia moglie ha lavorato nel 2013 dal 24 Ottobre al 31 dicembre e nel 2014 lavorerà fino ai primi di Giugno con un contrato CO.CO.PRO percependo un mensile di 460 € circa; posso chiedere all'INPS gli assegni per mia moglie e la detrazione per moglie a carico?
    Grazie anticipatamente per la risposta.
    Cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il limite di reddito per poter richiedere le detrazioni per il coniuge a carico è di 2.840,51 euro annuali, quindi per l'anno 2013 ne hai dritto, mentre per il 2014 Tua moglie non rientrerà nei limiti.-

      Elimina
  31. Ipotesi: ho 3 CUD per un totale di circa 3.000 euro, presentando il 730, mi viene restituita la parte di IRPEF pagata dai miei datori di lavoro nella fascia di detrazione dei 1880€?

    cioè il 23% di 3000 = 690 € di tasse pagate dai datori.

    Tenendo conto che ci sono detrazioni di 1880€, mi sono restituiti i 690€ che non dovevo pagare???

    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ringrazio a chi voglia rispondere a questa domanda (ho capito che il forum è maggiormente gestito dal Sig. CEnsori, che ringrazio anticipatamente)

      Elimina
    2. SI!
      Con la prossima dichiarazione dei redditi potrai richiedere il rimborso dell'IRPEF pagata e non dovuta perché da compensare con le detrazioni da lavoro dipendente non effettuate nei 3 CUD.-

      Elimina
  32. Buongiorno,
    avrei bisogno una delucidazione in merito alle detrazioni per lavoro pensione e assimilati.
    E' venuto lo scorso anno a mancare mio padre che era pensionato, e a mia madre è stata attribuita la pensione di reversibilità. Lei è inoltre lavoratrice dipendente. Ad oggi ho due cud nel quale sono state effettuate detrazioni sia per lavoratore dipendente che per la pensione di reversibilità...è giusto o dovrò restituire una delle due detrazioni?
    Grazie
    Francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco!
      Purtroppo in sede di dichiarazione dei redditi Tua madre dovrà restituire una delle due detrazioni, o meglio la quota di entrambe non spettante, in base ala data di decesso di tuo padre.-

      Elimina
    2. Ciao Francesco!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  33. Ciao Gianfranco,
    E' vero che è stata portata al 2014 la cedolare secca al 10%

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il canone concordato.
      I contratti con cedolare ridotta al 10%, sono solo quelli con durata di tre anni più due e canone entro i limiti di quello prefissato dagli accordi territoriali nei comuni ad alta tensione abitativa. Si tratta dei capoluoghi di provincia e dei comuni limitrofi, in tutto 716, nei quali sono state prefissate delle fasce di oscillazione per le locazioni, suddividendo i comuni per singole zone territoriali, all'interno delle quali sono definiti gli importi per metro quadro, in riferimento alla tipologia, e alle caratteristiche interne
      dell'immobile. Fino a prima della crisi la differenza tra canone concordato e canone libero era significativa: oscillava del 20/30%. Negli ultimi due anni invece la forbice si è notevolmente ristretta e le differenze si sono praticamente azzerate per gli immobili di taglia media e medio pregio. Quindi se si ipotizza di mettere sul mercato il proprio immobile la prima cosa da fare è quella di procurarsi le tabelle con gli accordi territoriali, rivolgendosi per questo direttamente al proprio comune. Peraltro le tabelle sono applicabili con una certa elasticità e si presuppone sempre un accordo tra le parti. Per gli appartamenti ammobiliati peraltro è prevista dagli stessi accordi la possibilità di applicare canoni più elevati. Muovendosi con un po' di accortezza, quindi, si può avere un canone vicino a quello di mercato con un consistente risparmio di imposte, con in più il vantaggio che il contratto, compreso il primo periodo di rinnovo obbligatorio, ha la durata complessiva di cinque anni. Scaduto questo termine tutte le condizioni possono essere riviste.-

      Elimina
  34. Salve vorrei un'informazione. Io e mio marito pensionati vorremmo ristrutturare casa ma in che modo ci conviene utilizzare le detrazioni per ristrutturazione? anche se abbiamo solo redditi da pensione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si possono portare in detrazione le spese sostenute per la ristrutturazione, al massimo per l'importo dell'IRPEF pagata nell'anno e non un centesimo di più, quindi dovete verificare dai Vostri CUD se avete delle trattenute IRPEF ed eventualmente l'importo per poter fare le vostre valutazioni.-

      Elimina
  35. Buongiorno Sig. Censori Le volevo chiedere se, alla fine degli otto mesi di ASPI, posso chiederla di nuovo se ho i requisiti delle 52 settimane di contribuzione nell'ultimo biennio?Io sono stato licenziato a Gennaio e nei vent'anni precedenti ho sempre lavorato senza discontinuità.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al termine del periodo di ASPI si può presentare una nuova domanda solo se c'è una ripresa dell'attività lavorativa, anche se per un periodo limitato.-

      Elimina
  36. Buona sera,
    Avrei bisogno un'informazione in merito al richiesta di rimborso per il credito d'imposta.
    Mia moglie ha un credito d'imposta relativo a l'anno 2011 pari a circa 1000 €.Adesso lavora con una borsa di studio esente ai fini Irpef (Cud con Irpef pari a 0 €).
    Mi chiedevo, è possibile recuperare tale credito dal mio 730 considerando che mia moglie risulta a mio carico??
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Tu e Tua moglie potete presentare un 730 congiunto e compensare quindi debiti e crediti con l'erario tra di voi due.-

      Elimina
  37. Salve sig Giacomo, sono un dipendente di una ditta privata monoreddito....mi sta turbando assai la notizia riguardante il blocco delle detrazioni per coniuge a carico che il presidente del consiglio Renzi vuole adottare.....Lei che ne pensa?
    Ci riuscira'?
    Possibile che una detrazione secolare possa un bel giorno per volere di un pesciolino cessare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi risulta niente del genere!
      Probabilmente si tratta di notizie di stampa diffuse solo per aumentare le vendite dei quotidiani, comunque aspettiamo che il governo o il parlamento si pronuncino in merito prima di trarre conclusioni.-

      Elimina
  38. Salve Gianfranco,
    sono sotto contratto fino al 31 maggio e fino a quella data sicuramente non mi diranno se prorogheranno o meno, mi trovo a dover fare il 730 a breve e non saprei quale sostituto d'imposta riferire al caf. So che è possibile avere il rimborso anche dall'agenzia delle entrate, nel mio caso pensa sia più giusto dare al momento come sostituto d'imposta il mio attuale datore di lavoro ed eventualmente poi recarmi nuovamente al caf e cambiarlo con quello dell'agenzia delle entrate? qualora chiaramente mi lasciassero a casa. Che le sappia in che mese l'agenzia delle entrate effettua il rimborso al contribuente? grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Erika!
      - Se in sede di dichiarazione dei redditi metti come sostituto d'imposta il Tuo datore di lavoro, e ti viene rinnovato il contratto, riceverai il rimborso con la busta paga di luglio.-
      - Se metti come sostituto d'imposta il Tuo datore di lavoro e il contratto non ti viene rinnovato dovrai rettificare successivamente il 730 e il rimborso lo riceverai tra 3 o 4 anni.-
      - Se metti come sostituto d'imposta direttamente l'agenzia delle entrate riceverai il rimborso verso la fine dell'anno.-

      Elimina
  39. buongiorno,mia figlia ha lavorato presso una cooperativa sociale nel 2013 percependo uno stipendio totale di 5188,15 euro e dovendo con la relativa imposta irpef di 1193,27 euro che con le detrazioni da lavoro dipendente di 1840 euro "azzerano l'irpef quindi non gli è possibile portare in detrazione le spese universitarie mi conferma?
    se cosi fosse io non posso detrarre perché non è più a mio carico avendo un reddito proprio e lei non le puo detrarre in quanto Irpef azzerata ? possibile che non vi sia modo di detrarre le spese universitarie??????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo debbo confermarti il Tuo ragionamento, e non esistono soluzioni alternative.-

      Elimina
    2. permettimi almeno di esternare tutta la mia indignazione verso chi legifera sempre a discapito della gente comune a favore dei potenti
      come dice una celebre frase del marchese del grillo
      "io so io e voi nun siete un c..zo!"

      Elimina
    3. Ciao Daniele!
      Ovviamente comprendo e condivido la Tua indignazione.-

      Elimina
  40. Da Aprile dovrò usufruire dell' aspi. Ho diritto agli assegni familiari?
    Mia moglie ha un contratto interinale e nel 2013 ha superato la soglia del 2840€. e un figlio minore a carico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - SI! Gli assegni familiari si possono richiedere anche sull'ASPI.-
      - Il limite di reddito di 2.840,51 euro è valido per le detrazioni fiscali per il coniuge a carico, ma è ininfluente per gli assegni familiari che vengono calcolati in base al reddito lordo complessivo di entrambi.-

      Elimina
  41. Buona sera Gianfranco, abito a Milano e sono a carico di mio marito però possiedo una multiproprietà in Trentino volevo sapere se devo fare il 730 per la multiproprietà. Se non sbaglio per le abitazione non locate non si paga l'irpef e quindi forse non devo fare nessun 730. Grazie per la risposta
    Alessia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessia!
      Purtroppo SI!
      Ai fini dell'IRPEF, ogni comproprietario deve presentare il 730 e dichiarare la propria quota di rendita catastale rivalutata del 5%.-

      Elimina
    2. Grazie per la risposta, però mi è rimasto un dubbio: Nelle istruzioni del 730 ho letto che sono esonerati i proprietari con reddito derivante da terreni e/o fabbricati (comprese abitazioni principali e pertinenze) con un limite di 500 euro ed io non lo supero quindi posso non farlo giusto? Resta il fatto che rimango a carico di mio marito non avendo reddito superiore a 2840.51 euro

      Elimina
    3. Ciao Alessia!
      Non mi risulta il limite di 500 euro, dovresti quindi dirmi dove lo hai rilevato!

      Elimina
    4. Ciao, l'ho rilevato nel modello istruzioni per la compilazione del 730/2014, lo da il comune, o lo si può scaricare dall'agenzia delle entrate. L'ho letto a pagina 3 nella tabella "Casi di esonero con reddito". Al primo rigo c'è scritto: Terreni e/o fabbricati(comprese abitazioni principale e sue pertinenze) Limite di reddito 500. Mentre lo sto rileggendo ho notato che nella tabella sopra sempre a pagina tre "Casi di esonero" forse c'è il primo rigo che rispecchia il mio caso:Abitazione principale, relative pertinenze e altri fabbricati non locati con un asterisco che riporta:l'esonero non si applica se il fabbricato non locato è situato nello stesso comune dell'abitazione principale.Proprio il mio caso!!!!! che sono a Milano è la multiproprità è nel Trentino. Quindi non avendo terreni rientrerei nei casi di esonero nella prima tabella della pagina tre e comunque non superando il reddito di 500 anche nella seconda tabella. Se hai possibiltà di leggerla puoi confermarmi se ho capito bene oppure no. Scusami per la lunga lettera ma spero che mi sono spiegata bene e mi aiuterai a togliermi questi dubbi.Grazie per la tua pazienza e ne approfitto per augurati una Buona e serena Pasqua
      Alessia

      Elimina
    5. Ciao Alessia!
      SI!
      E' esonerato dalla presentazione della dichiarazione dei redditi chi possiede solo terreni e/o fabbricati, comprese abitazione principale e sue pertinenze che non superano complessivamente il limite di reddito di 500,00 euro.-

      Elimina
  42. Buona sera Gianfranco, sono la sorella di Alessia del commento precedente.Grazie a mia sorella ho scopreto questo magnifico forum. Sono anch'io a carico di mio marito però ho percepito un reddito di 1900 euro. Volevo sapere se mio marito deve dichiarare nel suo 730 anche il mio reddito di 1900 oppure no. Grazie per la risposta e complimenti per il Forum

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carla!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      NO!
      Il Tuo reddito del 2013 è inferiore al limite di 2.840,51 euro, quindi puoi rimanere fiscalmente a carico di Tuo marito, e Tuo marito nel 730 non deve dichiarare il Tuo reddito.-

      Elimina
  43. Buonasera,
    ho finito la pratica da commercialista dove percepivo una busta paga misera con causale tirocinante.
    Ora nel nuovo studio il mio dominus mi fa un bonifico di circa 1000 euro.
    Ma è possibile? come potrei fare per regolarizzare la mia posizione? è normale che percepisco 1000 euro con bonifico con causale (ad esempio mese gennaio) Gennaio? Help

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo un tirocinio non è un regolare rapporto di lavoro dipendente, quindi hai solo diritto a un rimborso spese come previsto dal contratto che Tu dovresti aver sottoscritto.-

      Elimina
  44. Buongiorno Gianfranco,vorrei domandarle se dovrei effettuare questo anno il modello 730 essendo disoccupato.Nel 2013 ho avuto come redditi dall'INPS tramite disoccupazione ordinaria la somma al paragrafo 1 di 3580 euro,avendo trattenute per circa 820 euro (paragrafo 5).Volevo sapere se tali trattenute sono corrette (mi sembra che sotto gli 8000 euro l'anno non avrei dovuto pagarle) ed eventualmente se avrei diritto ad un rimborso di tale cifra irpef pagata o una sorta di conguaglio.La ringrazio anticipatamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Con un solo CUD non sei obbligato a presentare la dichiarazione dei redditi, ma Ti consiglio di fare il 730 per richiedere il rimborso dell'IRPEF pagata e non dovuta.-

      Elimina
  45. Buonasera,

    volevo sapere se nel 730 di quest'anno bisogna anticipare l'80% delle tasse che si pagheranno l'anno prossimo.

    Grazie

    Buonasera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Nel 730 di quest'anno bisogna anticipare anche l'80% delle tasse pagate lo scorso anno per quest'anno, ma solo se si prevede di avere gli stessi redditi.-

      Elimina
  46. Ciao Gianfranco, ho mia moglie a carico la quale possiede un terreno in un comune montano quindi esente imu e di conseguenza dovrà pagare l'irpef. Ma se deve fare il 730 posso averla ugualmente a mio carico?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuseppe!
      SI!
      Anche se Tua moglie deve fare il 730, se il suo reddito lordo complessivo è inferiore a 2.840,51 euro, può comunque essere fiscalmente a Tuo carico.-

      Elimina
    2. Un'ultima cosa, la rendita del terreno di mia moglie e bassissima, il reddito dominicale è 1 e agrario è zero, e pagherà comunque pochissimo di irpef arrivando ad un saldo finale meno di 10.33, dovrebbe essere esonerata a fare il 730(almeno cosi è scritto nelle istruzioni). Volevo una tua conferma. Ho chiesto al caf ma con mia delusione non me l'hanno detto perchè dovrei fare il 730 assistito e non fanno consulenze(delusione assoluta, cosa non si fa per spillare soldini anche per informazioni). Potevo anche farlo, ma è una questine di principio, non si può costringere un utente a fare il 730 assistito per non dare un'informazione del genere.Complimenti per il forum e grazie per tutto l'aiuto che ci dai.

      Elimina
    3. Ciao Giuseppe!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Confermo!
      E' esonerato dalla presentazione della dichiarazione dei redditi il contribuente, non obbligato alla tenuta delle scritture contabili, che possiede redditi per i quali è dovuta un’imposta non superiore ad euro 10,33.-

      Elimina
  47. Buongiorno GIanfranco volevo un informazione da lei,ho iniziato un progetto formativo e sul contratto c è scritto che ho un indennità complessiva lorda di 800 euro,quanto mi ritroverò sulla mi busta paga di detrazioni ? Grazie per la sua attenzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. DETRAZIONI PER LAVORO DIPENDENTE ANNO 2014
      Reddito complessivo annuo:
      da euro sino euro Importo annuo euro
      0.001,00 - 8.000,00 = 1.880
      8.001,00 - 28.000,00 = 978 + 902 x (28.000 – RC : 20.000)
      28.001,00 - 55.000,00 = 978 x (55.000 – RC : 27.000)

      Elimina
  48. Buonasera, complimenti per questa pagina davvero molto utile! Avrei da porre il seguente quesito: sono dipendente part-time con un reddito lordo annuo di circa 12mila euro, mi è stata fatta una proposta di lavoro per prestazioni occasionali entro i 5mila euro netti, vorrei sapere se ci sono limitazioni essendo dipendente ed eventualmente dovessi effettuare una prestazione di 5mila euro netti quali sarebbero le tasse da pagare e le eventuali dichiarazioni da fare. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      SI!
      Con un rapporto di lavoro part-time puoi aggiungere anche lavori con prestazioni occasionali, ma a quel punto dovrai presentare la dichiarazione dei redditi, cioè dovrai sommare i due redditi e pagare la differenza di IRPEF tra quella dovuta e quella pagata.-

      Elimina
  49. Buonasera Gianfranco,
    mi è sorto un dubbio: con un reddito da prestazioni occasionali di 4000 euro SENZA ritenuta d'acconto (il cliente è estero) come funziona? Dichiaro i 4000 euro e pago l'aliquota irpef 23%) o posso recuperare l'irpef con le detrazioni da redditi di lavoro autonomo 2014? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Sulla prestazione occasionale devi applicare l'IRPEF del 23% ed applicare le detrazioni da lavoro autonomo, rapportate al periodo lavorativo.-

      Elimina
  50. Buonasera, a gennaio 2012 mia madre è mancata, a giugno ho provveduto presso un caaf alla dichiarazione dei suoi redditi con Modello unico. Ora mi sono accorta di un errore, la mamma aveva redditi da lavoro dipendente con Cud pari a 2.500 euro e una pensione di invalidità di 460 euro al mese,nella dichiarazione ho notato sono stati inseriti correttamente i 2.500 euro del cud da lavoratore dipendente ma invece per la pensione di invalidità si è preso in considerazione, erroneamente il cud relativo all'anno 2012 e non quello dell'anno 2011 e quindo invece di dodici mensilità ne è stata inserita solo una,quindi in totale 2500 più 460 per un totale di 2960 al posto di 2500 più 460per 13 quindi 8480. Mi recherò al caaf per far presente l'errore e integrare,anche se dopo due anni, la dichiarazione. Sono però molto preoccupata, in virtù degli 8.480 euro di cui 5.980 esenti da iroef in quanto pensione di invalidità erogata nell'anno 2012, incorrerò nel pagamento comunque di una quota irpef o di una addizionale regionale e comunale e quindi anche alle relative sanzioni oppure ai fini fiscali essendo redditi esenti irpef non cambia nulla?

    RispondiElimina
  51. correggo sopra , pensione di invalidità erogata nell'anno 2011 ovviamente e non 2012, mi scusi e grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' giusto che informi il CAF dell'errore ma trattandosi di un errore solo formale, cioè ininfluente ai fini IRPEF, non avrai problemi.-

      Elimina
    2. Purtroppo il cud inps 2012 redditi 2011 non si riferisce all'invalidità bensì ad una pensione di inabilità e l'inps mi ha informato di aver rilasciato il cud con l'importo di 5980 euro perchè soggetto a tassazione irpef e da conguagliare con eventuali altri cud, nel caso della mamma con il cud da lavoro dipendente di 2.500 euro per un totale di 8.480. A questo punto rimane un errore formale o invece si doveva pagare un irpef e addizionali e quindi l'errore mi costerà?
      Grazie mille di cuore per il servizio.

      Elimina
    3. A questo punto il discorso ambia, nel senso che l'Agenzia delle Entrate alla verifica della dichiarazione dei redditi, Ti ricalcolerà l'IRPEF e ti richiederà la differenza + interessi e sanzioni.-

      Elimina
  52. Salve,
    ho effettuo uno stage da novembre a gennaio dove percepivo il cosiddetto "rimborso spese" fisso al mese, più il rimborso delle spese da me sostenute durante delle trasferte nel limite di una certa somma. Ho richiesto il cud e loro mi hanno risposto che essendo un rimborso spese non sono redditi e quindi non c'è niente da dichiarare! Io ho riportato loro art. 50 co. 1 lett. c del DPR 917/86 relativo ai redditi assimilati a lavoro dipendente, ma mi hanno risposto lo stesso che percepisco un rimborso spese non soggetto a tassazioni irpef.
    E' corretto? Un anno fa ho svolto un altro stage presso un'altra azienda alle stesse condizioni (ad eccezione delle "spese vive" per le trasferte perché non previste) e nei termini di legge mi hanno fatto pervenire il cud.
    Cosa devo fare? Hanno ragione loro? O posso insistere e pretendere che mi rilascino il cud?
    Tra l'altro per il 2013 ho già ricevuto un cud per una borsa di studio.
    Grazie in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti uno stage con un rimborso spese fisso al mese, non prevede un semplice rimborso spese ma un compenso che dovrebbe generare un CUD.-
      Evidentemente l'azienda nel tuo caso ha fatto finta di rimborsarti semplicemente le spese sostenute a piè di lista, ed in tal caso l'importo che ti è stato corrisposto non è soggetto a tassazione IRPEF.-

      Elimina
    2. Dunque non posso insistere affinché mi rilascino il cud?

      Elimina
    3. Purtroppo NO!
      Nel tuo caso non possono comunque rilasciarti il CUD anche se lo volessero.-

      Elimina
  53. Ciao Gianfranco, grazie per tutte le informazioni che ci dai.
    Sul sito del ministero della salute e' consultabile una lista di alimenti destinati ai fini medici speciali (sezione A1) che possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi se prescritti dal medico a scopo curativo.
    Ho acquistato su prescrizione del pediatra latte Humana 0 che risulta presente nella lista sopracitata, posso detrarlo dalla denuncia dei redditi?
    Grazie Milo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Milo!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      SI!
      Puoi detrarre nella dichiarazione dei redditi il latte presente nella lista di alimenti destinati ai fini medici speciali.-

      Elimina
  54. Buongiorno gianfranco,
    Ho ricevuto una borsa regionale di 16800 euro che compre un master partito a meta febbraio e dura fino al 31 dicembre.
    Questa è la cifra lorda che deve essere decurtata in base alle leggi per lavoratori dipendenti e assimilati.
    Assodato che la formula mi è chiara chiedo solo se mi saprebbe dire come dovrei considerare i giorni lavorativi?
    io ho fatto questo calcolo ma non credo sia giustissimo:
    Detrazioni: 978+(902*(28000-16800)/20000) = 1483.12 euro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonio!
      Il calcolo è esatto, poi l'importo va rapportato al periodo lavorativo, cioè da 365 a 320 giorni.-

      Elimina
  55. Gentile Sig. Gianfranco
    sono alle prese con il 730/2014 di mio figlio che convive nella casa della sua compagna. (stessa città) dove è ' proprietario di un unico appartamento, con relative pertinenze) che ha affittato in 2 periodi diversi dell'anno, applicando, in entrambi i casi, il canone concordato e la cedolare secca. A luglio agosto l'appartamento è rimasto sfitto.
    Queste le domande:
    SUL 730 devo dettagliatamente riportare tutte le notizie relative sia al primo che al secondo periodo di affitto (con importi mensili diversi) o posso sommare, in una unica riga, il totale percepito indicando solo i codice 8? Le pertinenze, in questo caso che codice hanno 5 o 8?
    La croce della continuazione dove deve essere apposta?
    Nei casi particolari, ultima colonna della sezione Fabbricati, devo indicare il codice 3 oppure non va trascritto nulla essendo l'unico appartamento che possiede?
    Grazie di cuore. Piera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Piera!
      - Nel 730 devi dettagliatamente riportare i dati dei due periodi di affitto.-
      - Le pertinenze hanno il codice 8.-
      - NO! La croce di continuazione non va apposta.-
      - NO! Nei casi particolari non va trascritto nulla.-

      Elimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.