lunedì 20 gennaio 2014

Aliquote e Detrazioni IRPEF anno 2014

IMPOSTA PER SCAGLIONI DI REDDITO ANNO 2014















     N. da euro                fino a     Al.%    Modalità di calcolo
  1. 0.001,00      15.000,00    23%     calcolare la percentuale del 23% sull'intero importo 
  2. 15.001,00    28.000,00    27%       3.450,00 + 27% sulla parte eccedente 15.000,00 
  3. 28.001,00    55.000,00    38%       6.960,00 + 38% sulla parte eccedente 28.000,00 
  4. 55.001,00    75.000,00    41%     17.220,00 + 41% sulla parte eccedente 55.000,00 
  5. 75.001,00                        43%     25.420,00 + 43% sulla parte eccedente 75.000,00



DETRAZIONI PER LAVORO DIPENDENTE ANNO 2014    

Reddito complessivo annuo:
           da euro           sino euro             Importo annuo euro
  1.   0.001,00       8.000,00             1.880
  2.   8.001,00     28.000,00             978 + 902 x (28.000 – RC : 20.000)
  3. 28.001,00     55.000,00             978 x (55.000 – RC : 27.000)


DETRAZIONI PER LAVORO DIPENDENTE ANNO 2014    

Reddito complessivo annuo:
             da euro         sino euro          Importo annuo euro
  1.   0.001,00       8.000,00          1.880
  2.   8.001,00     28.000,00          978 + 902 x (28.000 – RC : 20.000)
  3. 28.001,00     55.000,00          978 x (55.000 – RC : 27.000)

DETRAZIONI PER REDDITI DA PENSIONE FINO A 75 ANNI DI ETÀ

Reddito complessivo annuo
              da euro        sino euro       Importo annuo euro
  1.   0.001,00       7.500,00       1.725
  2.   7.501,00     15.000,00       1.255 + (470 x ((15.000 – RC ) : 7.500))
  3. 15.001,00     55.000,00       1.255 x ((55.000 – RC) : 40.000))

DETRAZIONI PER REDDITI DA PENSIONE OLTRE 75 ANNI DI ETÀ

Reddito complessivo annuo
             da euro         sino euro      Importo annuo euro
  1.   0.001,00       7.750,00      1.783,00.
  2.   7.751,00     15.000,00      1.297 + (486 x ((15.000 – RC) : 7.250))
  3. 15.001,00     55.000,00      1.297 x ((55.000 – RC) : 40.000) 

DETRAZIONI PER REDDITI DA LAVORO AUTONOMO ANNO 2014

Reddito complessivo annuo
            da euro        sino euro       Importo annuo euro
  1. 0.001,00        4.800,00      1.104
  2. 4.801,00      55.000,00      1.225 x ((55.000 – RC) : 50.200)

DETRAZIONI PER IL CONIUGE A CARICO ANNO 2014

Limite annuale di reddito euro 2.840,51.-
Reddito complessivo annuo
da euro sino euro Importo annuo euro
  1. 00.001,00     15.000,00     800 – (110x (RC : 15.000))
  2. 15.001,00     29.000,00     690
  3. 29.001,00     29.200,00     700
  4. 29.201,00     34.700,00     710
  5. 34.701,00     35.000,00     720
  6. 35.001,00     35.100,00     710
  7. 35.101,00     35.200,00     700
  8. 35.201,00     40.000,00     690
  9. 40.001,00     80.000,00     690 x ((80.000 – RC) : 40.000)


DETRAZIONI PER I FIGLI A CARICO - ANNO 2014

Limite annuale di reddito euro 2.840,51.-

A partire dal 1° gennaio 2013 le detrazioni fiscali per i figli a carico aumentano come segue:
  • 1.220 euro per ciascun figlio a carico di età inferiore a 3 anni (900 euro nel 2012)
  • 950 euro per ciascun a carico dai 3 anni in su (800 euro nel 2012)
Le nuove detrazioni familiari per l'anno 2013 riguardano tutti i figli a carico compresi:
  • figli adottivi
  • figli naturali riconosciuti
  • figli affidati o affiliati
La detrazione è riconosciuta a prescindere dalla convivenza con i genitori, dallo status o meno di studente, dall'eventuale residenza all'estero e dallo svolgimento stage/tirocini gratuiti o prestazioni di lavoro retribuite.

Figli con handicap:

Sempre a partire dal 2013 sono state incrementate le agevolazioni fiscali per i figli portatori di handicap secondo il seguente schema:
  • 550 euro aggiuntivi con età inferiore a 3 anni (220 euro nel 2012)
  • 630 euro aggiuntivi con età da 3 anni in su (220 euro nel 2012)


Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

170 commenti:

  1. Ciao Gianfranco,
    In una tua risposta del 7 maggio a Franco hai detto che che le spese funebri si possono ripartire tra più figli anche se la fattura è intestata ad uno solo se quest'ultimo sottoscrive una dichiarazione nel documento fiscale.
    Volevo chiederti questo: posso ripartire la spesa in due parti 70% e 30% con mio fratello, invece del 50% a testa? Per esempio 1084 per me e 464 per mio fratello.
    Ultima cosa: La spesa totale è stata di 3500 euro, nel 7/30 devo scrivere 3500 come da fattura oppure 1549.37.
    Grazie e complimenti per il forum

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carlo!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      La detrazione spese funebri spetta su un importo che non superi i 1.549,37 euro in relazione a ciascun decesso, a prescindere dal numero delle persone che sostengono l’onere. Quindi il limite massimo di spesa detraibile su cui calcolare la detrazione è sempre lo stesso anche se la spesa è sostenuta da più soggetti.
      La detrazione spese funebri può essere suddivisa tra le diverse persone che le hanno sostenute, anche se la ricevuta o fattura, quindi il documento contabile in cui si attesta la spesa sostenuta, sia intestata ad una sola persona. Per poter fruire in tal caso della detrazione Irpef in oggetto, su tale documento contabile va annotata una dichiarazione di ripartizione delle spese funebri sostenute, sottoscritta dall’unico soggetto a cui è intestato il documento.-
      Anche se la spesa totale sostenuta è superiore al limite, nel 730 la ripartizione va effettuata sull'importo di 1.549,37, quindi sulla fattura potete indicare nel tuo esempio 1.084,00 euro come Tua quota e 465,38 euro come quota di Tuo fratello.-

      Elimina
  2. Salve.
    La mia compagna ha un reddito inferiore a 8 mila euro. Ha figli a carico. Puo' presentare la dichiarazione dei redditi per usufruire delle detrazioni dei figli a carico pur avendo nel CUD 2014 i punti 5, 6, 10, 11 e 13 vuoti?
    Grazie mille per la consulenza. Massimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Massimo!
      Purtroppo NO!
      Se la Tua compagna nel 2013 non ha avuto trattenute IRPEF non ha diritto alle detrazioni per i figli a carico.-

      Elimina
  3. Salve.
    La mia compagna sta facendo un tirocinio ha iniziato ad aprile guadagna 500 euro durata del tirocinio 6 mesi ha diritto alle 80 euro grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Se si ha un reddito annuale inferiore a 8.000,00 euro, non si hanno trattenute IRPEF, quindi non si ha diritto al bonus di 80,00 euro.-

      Elimina
  4. Salve Gianfranco,
    io e mio marito siamo due dipendenti con redditi modesti, entrambi non superiamo i 32.000 euro lordi, percepiamo un canone di locazione di dirca 5000 euro annui come da contratto. Ogni anno al momento della compilazione del 730 ci troviamo sempre una marea di tasse da pagare, il così temuto acconto si ripresenta sempre puntuale, ma com'è possibile che due persone con il nostro reddito che percepisono un canone di 5000 euro annui, debbano pagare sempre anche l'acconto? in fondo non credo che i nostri introiti siano tali da dover anticipare anche delle tasse per l'anno successivo, anche perchè normalmente gli acconti superano i 2000 euro, che seppur frazionati, con i nostri redditi facciamo non poca fatica a vivere con ciò che ci rimane nelle buste paga da luglio a ottobre. Dato che la nostra situazione anche per l'anno in corso rimane la medesima, il calcolo previsonale non lo prendiamo nemmeno in considerazione. Le chiedo come mai lo Stato oltre a farci pagare l'aliquota irpef sul canone percepito, ci chiede l'acconto? in fondo credo che i redditi dichiarati debbano valere qualcosa, e dato che nel nostro caso sono bassi, dovrebbero capire che dover pagare anche l'acconto vuol dire mettere in ginocchio una famiglia. Mi pare di capire che se si ha un introito derivato da canone è praticamente sicuro al 100% che ci sia da pagare anche l'acconto, mi viene da dire: bella fregatura questo canone di affitto? mi dica lei qualcosa, grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve Gianfranco, la ringrazio per la risposta. Io vorrei pagare il giusto ossia l'aliquota del canone che percepisco e non sempre trovarmi almeno mille euro in più da pagare al momento della dichiarazione. Lo stato mi chiede un anticipo ma non guarda che abbiamo redditi bassi e ci chiede più di ciò che potremmo dare. Nel nostro caso quindi, essendo ogni anno la situazione più o meno uguale, lei cosa consiglia? le dico subito che il pagare interamente l'acconto per noi è un suicidio, se decidiamo di pagarlo in misura inferiore e l'anno corrente la situazione del reddito rimane uguale, andiamo lo stesso incontro a sanzioni? non pagare interamente l'acconto ci comporterebbe il prossimo anno dure sanzioni, pagandolo in parte non lo so, mi dica lei. Grazie ancora

      Elimina
    2. Ciao Concetta!
      Io ti consiglio di pagare interamente l'acconto perché se versi meno del dovuto corri il rischio poi di andare incontro a interessi e sanzioni, e sperare quindi di rientrarci.-

      Elimina
  5. Grazie mille Sig. Censori, però ho letto a pag. 7 AGENZIA DELLE ENTRATE che a proposito della detrazione per familiari a carico:
    Il coniuge ed i figli possono essere considerati a carico anche se non convivono con il contribuente o sono residenti all'estero.............come si deve interpretare questa indicazione?...
    Può per favore dirmi cosa significa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara!
      Se Tu sei convivente con il tuo compagno non puoi essere a carico di Tua madre, a prescindere dalla residenza.-

      Elimina
  6. Io e mia moglie compiliamo un 730 comune, volevo chiedere se qualcuno può aiutarmi a risolvere questo quesito, considerando che io ho un cud di circa 28000 euro e mia moglie uno da 2500 relativo all' anno 2013, volevo sapere se la somma di circa euro 500 di irpef versata da mia moglie nell' arco del 2013 le saranno rimborsate sul 730 o no. Saluto ringraziando anticipatamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Anche se si presenta un 730 congiunto la tassazione IRPEF è personale, quindi se Tua moglie ha avuto trattenute IRPEF non dovute, potrà recuperarle con la dichiarazione dei redditi.-

      Elimina
  7. salve!!! devo presentare due cud perchè il mio lavoro è terminato a maggio 2013 e subito è iniziata la mobilità.mio figlio studente di 16 anni ha percepito una borsa di studio per merito dalla provincia,di 700 euro con relativo cud. devo mettere anche queste 700 euro nel 730???quindi devo presentare tutti e tre i cud??? grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Doriana!
      NO!
      La dichiarazione dei redditi è personale e non familiare quindi nel 730 devi dichiarare solo i Tuoi redditi, quindi devi presentare solo i Tuoi due CUD.-

      Elimina
  8. salve, ho una figlia nata nel 2012. Lo scorso anno non sono state percepite le detrazioni figli a carico fino ad agosto, da settembre sono state percepite dal mio compagno (il padre). come posso recuperarle dal 730/2014 ? dove inserisco i dati ?
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela!
      SI!
      Puoi recuperare le detrazioni per la figlia a carico con il 730/2014!
      Vanno inserite nel quadro C "redditi da lavoro dipendente e assimilati" e nel riepilogo "calcolo detrazioni e credito d'imposta" 22 detrazioni per figli a carico.-

      Elimina
  9. SALVE HO UN CUD DI13880..NN MI ESCONO RITENUTE IRPEF XCHE?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco!
      Con un CUD di 13.880 euro debbono esserci trattenute IRPEF, a meno che non si tratti di lavoro da badante o da domestica.-

      Elimina
  10. Buona sera,
    sono un lavoratore dipendente che nel mese di novembre 2013 svolge due part time. I due CUD sommati danno un reddito di € 13158,39, volevo chiedere se per quest'anno fosse necessaria la dichiarazione dei redditi nonostante l' importo non superi € 15000
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Sei obbligato a presentare la dichiarazione dei redditi e pagare l'IRPEF dovuta all'Erario perché la quota esente è 8.000 euro, quindi va pagato il 23% sulla parte eccedente il suddetto limite.-

      Elimina
    2. Grazie infinite per la risposta,
      volevo solo chiedere se dato che il reddito di € 13158 è composto da un cud di 11519.81 mentre l'altro un importo pari a € 1638.58, nonostante nel primo cud abbia pagato il dovuto, l'obbligo resta comunque?
      Grazie ancora per la disponibilità

      Elimina
    3. Purtroppo SI!
      Il calcolo dell'IRPEF va effettuato sul reddito lordo complessivo dell'anno di riferimento.-

      Elimina
  11. Caro dottore, mi chiamo Giulio e sono assegnista di ricerca. Il mio stipendio è di circa 1460 euro al mese. Si tratta di un reddito esente da tassazione IRPEF. Premetto dunque che non effettuo dichiarazione dei redditi. Volevo solo sapere se anche io avrò diritto al bonus di 80 euro mensili corrisposti grazie al nuovo governo. Grazie per il suo meritorio servizio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulio!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Purtroppo NO!
      La normativa attuale prevede il bonus di 80 euro solo per chi ha trattenute IRPEF, quindi un reddito lordo imponibile superiore a 8.000 euro annuali.-

      Elimina
    2. Mi perdoni, dottore, ma non riesco a trovare il riferimento normativo per cui solo per i redditi che hanno trattenute irpef si applica il bonus. Nella circolare diffusa dalla agenzia delle entrate, anzi, leggo che il bonus si applica ai contratti co.co.co. (cui sono equiparati quelli che prevedono assegni di ricerca) e borse di studio (che di sicuro sono esenti irpef).

      Elimina
    3. Ciao Giulio!
      ll decreto “Misure urgenti per la competitività e la giustizia sociale” ha stabilito che i lavoratori dipendenti con redditi annui compresi tra 8mila e 24mila euro lordi, riceveranno mensilmente 80 euro. Non rientrano tra i beneficiari gli incapienti (cioè chi non paga Irpef perché le detrazioni superano il dovuto) e i redditi sopra i 26mila euro. Tra 24 a 26mila euro il bonus decresce fino a zero. Renzi ha poi aggiunto: “Dal 2015 i pensionati saranno dentro la stessa misura” prevista nel decreto Irpef “80 euro”, da concretizzare in “80 giorni”.-

      Elimina
    4. Salve Gianfranco!
      Appunto per questo dico: da quello che mi scrivi non riesco a capire dove si possa escludere che coloro che non pagano irpef (non perchè incapienti, e dunque beneficiari di detrazioni ma) perchè il relativo reddito da lavoro a collaborazione co. e co. (assegno di ricerca nella specie) è semplicemente esentato dalla tassazione irpef. Scusami, sarà una deformazione professionale ma non ho trovato la norma che escluda non solo coloro le cui detrazioni superano l'imposta irpef ma anche coloro il cui reddito da lavoro sia esente per legge da irpef.

      Elimina
    5. Ciao Giulio!
      Purtroppo non ha diritto al bonus di 80 euro chi non paga IRPEF, a prescindere quindi dal motivo per cui non la paga; la normativa può non essere chiara ma la sostanza non cambia.-

      Elimina
  12. Salve
    Cortesemente vorrei sapere,capire in che modo viene fatto il calcolo per chi cpme me 'in mobilita' ordinaria da Aprile 2014.
    In sintesi mi hanno comunicato dall' inps che per il mese (Aprile su 23 giorni) mi spettano 731 euro di cui: importo indennita' 841 euro - trattenuta sindacale di 8,41 euro e - 101 euro di Irpef......mi chiedevo come sono uscite queste 101 euro di Irpef ?????

    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonio!
      La domanda dovrei porla io a te e non tu a me!
      A parte le battute, la tassazione IRPEF è pari al 23% del reddito lordo, alla quale vanno tolte le detrazioni per lavoro dipendente e per eventuali familiari a carico, in base alla richiesta che è stata effettuata all'INPS con la presentazione della domanda di mobilità.-

      Elimina
  13. ciao sono Alexi, ho preso casa in affito (contatto di locazione agevolato) dal 1/08/2013, ho 28 anni ( 7/07/1986). redditto del 2013 euro 21000,00. Posso usufruire della detrazione codice 3 per il canone d'affitto
    grazie ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alexi!
      SI!
      Codice 3: Detrazione per canoni di locazione spettante ai giovani per l'abitazione principale:
      Questo codice va indicato dai giovani di età compresa tra i 20 e i 30 anni, che hanno stipulato un contratto di locazione per l'unità immobiliare da destinare a propria abitazione principale.-

      Elimina
  14. Salve, per la dichiarazione dei redditi del 2013 ho ricevuto da parte dell'inps il cud dell'indennità di disoccupazione percepita e il cud relativo al tfr dalla ditta per cui lavoravo (di cui il rapporto di lavoro si è concluso il 32 dicembre del 2012). Volevo sapere che tipo di dichiarazione dovevo presentare, se c'era la possibilità di recuperare la ritenuta del tfr (circa 460 euro su 2250). Grazie della cortese attenzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se nel 2013 oltre al CUD dell'INPS per la disoccupazione non hai percepito altri redditi non sei tenuto a presentare la dichiarazione dei redditi, e l'IRPEF pagata con il TFR non è recuperabile.-

      Elimina
  15. ciao sono monica, sono un insegnante precaria ho lavorato fino al 30/06/2013 poi ho ripreso il 1 di settembre. Per i due mesi che non lavorato ho percepito la discoccupazione. Posso fare il 730 ? per i redditi dell'anno scorso indicando come sostituto d'imposta la scuola
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Monica!
      SI!
      Puoi fare il 730, e non puoi indicare come sostituto d'imposta la scuola, ma da quest'anno è possibile richiedere il rimborso direttamente all'Agenzia delle Entrate che dovrebbe essere effettuato entro la fine dell'anno.-

      Elimina
  16. scusa gianfranco, ma sulle istruzioni ministeriali c'è scritto che puo fare il 730 l'insegnante precario che finisce la scuola a giugno e ricomincia a settembre, ma non è il caso di mancanza di sostituto d'imposta, scusa se sbaglio
    Monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Monica!
      SI!
      Se sei sicura che a settembre ricominci a lavorare puoi mettere la scuola come sostituto d'imposta.-

      Elimina
  17. Gentilissimo sig Gianfranco, potrebbe rispondermi ad una mia perplessità:
    Sono un lavoratore part-time e il mio reddito è di 12.500 euro.....
    ora la mia domanda è:secondo lei a quanto ammonterebbe il bonus renzi in base alla mia dichiarazione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ll decreto “Misure urgenti per la competitività e la giustizia sociale” ha stabilito che i lavoratori dipendenti con redditi annui compresi tra 8mila e 24mila euro lordi, riceveranno mensilmente 80 euro.-

      Elimina
  18. ciao gianfranco, mi chiedevo se con il nuovo bonus degli 80 euro, le detrazioni del coniuge rimangono sempre o se c'è qualche "trucchetto" x cui conviene usufruire di uno o dell'altra detrazione?...il bonus degli 80 euro và in automatico o lo dobbiamo richiedere noi all'azienda?
    grazie come sempre dei tuoi preziosi interventi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al momento non risultano "trucchetti" e il bonus degli 80 euro, se si rientra nei parametri di legge, andrà automaticamente in busta paga.-

      Elimina
  19. Buonasera,
    nel 2013 ho percepito redditi per lavoro dipendente per € 2671,70 ai quali corrispondono ritenute irpef per € 58,83. Al punto 351 del cud 2014 risultano anche redditi relativi a compensi arretrati per € 393,72 e ritenute relative di € 90,56. Il reddito derivante dall'abitazione principale e di € 340,00. Ho sostenuto spese sanitarie per € 598,00. Mi pare di non poter essere considerata famigliare a carico, è corretto? Cosa posso recuperare di irpef?
    Grazie per l'attenzione e disponibilità.
    Cristina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristina!
      Con la dichiarazione dei redditi su può recuperare al massimo l'importo dell'IRPEF pagata, quindi nel tuo caso puoi recuperare fino a 58,83 euro.-

      Elimina
  20. buogiorno Sig Gianfranco, trascino un credito irpef di 3103€ derivante dal 730 da due anni perchè l'azienda per difficoltà economiche non me lo rimborsa. Ad agosto 2013 ho cambiato azienda e anche questa non sa se me lo rimborsa perchè la cifra è elevata. Vorrei chiederle posso fare l'unico? oppure anche se non supero i 4000€ e un datore di lavoro ce l'ho posso fare il 730 e mettere come sostituto d'imposta l'agenzia delle entrate?
    attendo una risposta distinti saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Puoi fare il 730, e a prescindere dall'importo del credito, puoi mettere come sostituto d'imposta l'Agenzia delle Entrate.-

      Elimina
  21. buon giorno anche io vorrei sapere se con importi inferiori, di 500, o 800 € di credito irpef col 730 posso chiederli alle agenzie delle entrate anzichè al datore di lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Puoi fare il 730, e a prescindere dall'importo del credito, puoi mettere come sostituto d'imposta l'Agenzia delle Entrate.-

      Elimina
  22. Salve dott. Censori, avrei bisogno di un Suo chiarimento in merito alla presentazione del Mod. 730
    - Mio padre è lavoratore dipendente con moglie e 2 figli di cui soltanto uno a carico fiscalmente.
    Io ho lavorato presso 2 call center con reddito totale di circa 5400 euro annui, per cui non sono a carico fiscalmente. Poiché il mio contratto era un Co.Co.Co. non mi è stata applicata alcuna trattenuta IRPEF: avendo spese universitarie da scaricare, queste sono perse? Potrei quindi anche non presentare il Mod. 730?
    Inoltre mio fratello ha redditi per Euro 2830 per cui risulta fiscalmente a carico. Sul suo CUD ci sono trattenute IRPEF per Eur 500 circa: può presentare il Mod. 730 pur essendo fiscalmente a carico di mio padre per il rimborso IRPEF?
    Preciso che entrambi non abbiamo un sostituto d'imposta, per cui dovremmo chiedere il pagamento direttamente all'Agenzia delle Entrate con bonifico Bancario?

    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Purtroppo non avendo avuto trattenute IRPEF non puoi portare in detrazione alcuna spesa, quindi puoi anche non presentare il Mod. 730.-
      - SI! Tuo fratello può presentare il Mod. 730 per richiedere il rimborso dell'IRPEF all'Agenzia delle Entrate anche se è fiscalmente a carico del padre.-

      Elimina
  23. nelle annotazioni del CUD 2014 c'è questa dicitura: ** Si certifica che nell'anno 2013 sono state effettuate trattenute per contributi previdenziali non obbligatori per legge per complessivo € 2500.Tale importo non è stato detratto dall'imponibile fiscale.
    Volevo sapere se i 2500,00 euro devono essere indicati nel 730 come oneri deducibili.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      I 2.500,00 euro possono essere indicati nel 730 come oneri deducibili.-

      Elimina
  24. Un chiarimento sul CUD e relativo reddito. Se il totale reddito è pari a 7529 € ( parte B dati fiscali cassella 1) e il relativo periodo indiccato è 273 giorni ( casella 3 lavoro dipendente) si può richiedere il rimborso dei 355€ di ritenute irpef? (casella 5 ritenute irpef).
    Considerando che a tergo, nelle annotazioni vi è la dicitura collaboratore a progetto tempo determinato: € 7529. Periodo di lavoro dal 01/01/ 2013 al 31/12/2013 - GG. 273.
    Ringrazio e porgo distinti saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Essendo il Tuo reddito lordo complessivo inferiore a 8.000,00 euro puoi richiedere con il Mod. 730 il rimborso dell'IRPEF pagata.-

      Elimina
  25. Buongiorno signor Censori. Le faccio una domanda che mi sta assillando da alcuni giorni. Brevemente nel 2013 ho svolto attività lavorativa fino al 7/6 con un imponibile lordo di circa 9700 euro (parte B 1 del CUD del mio ex datore di lavoro). A questa si è aggiunta una mobilità mini ASPI per un totale di 5900 euro (CUD Inps). Ora mi chiedo, banalmente. Detrando i circa 1700 euro di Irpef già versato dal mio ex datore di lavoro e i quasi 1500 da parte INPS, in teoria io andrei a rientrare nel 1° scaglione Irpef, pagando quindi un'imposta di 1700 euro? E' giusto il calcolo che ho fatto (ovviamente arrotondato)?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gian Carlo!
      Purtroppo NO!
      Con il 730 i due redditi vanno sommati, va applicata l'IRPEF dovuta sul totale, vanno applicate le detrazioni spettanti sul reddito lordo complessivo, va sommata l'IRPEF pagata nei due CUD e va versata all'erario la differenza tra l'IRPEF pagata e quella dovuta.-

      Elimina
  26. Gentilissimo dott Censori Le scrivo perché ho dei dubbi sulla compilazione del 730.
    Mio suocero invalido civile( legge 104) nel 2013 ha sostenuto spese sanitarie che non trovano capienza nella sua dichiarazione dei redditi,
    Le fatture sono intestate a lui ma sono state saldate con assegno firmato da mia moglie su conto intestato alla stessa e al padre.
    Può mia moglie dedurre la parte eccedente la dichiarazione di mio suocero?
    Nel caso in cui non fosse possibile, si possono detrarre come spese sanitarie per famigliari non a carico essendo esentato dal pagamento ticket in quanto invalido?
    Il caf a cui mi sono rivolto dice che le fatture per essere dedotte devono essere intestate a mia moglie ,e che le spese per famigliari non a carico sono detraibili solo per determinate patologie .
    La ringrazio per la cortese attenzione.
    P.S Mio suocero è nel nostro stato di famigliaq

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paolo!
      Purtroppo debbo confermarti quello che Ti è stato detto dal CAF, perché è quello che prevede la legge.-

      Elimina
  27. Salve Gianfranco.
    Nel 2014 ho ricevuto tre cud in riferimento ai redditi 2013, superando i 2840,50 euro. Già l'anno precedente avevo superato la soglia e abbiamo dovuto pagare il conguaglio a debito perché mio padre aveva ricevuto le detrazioni dal datore di lavoro. Onde evitare di pagare ancora e consapevoli che avrei superato la soglia anche l'anno dopo, mio padre, lavoratore dipendente, ha dichiarato agli inizi del 2013 al datore di lavoro e relativo commercialista di non aver diritto alle detrazioni in busta paga per figlio a carico. Oggi però ci hanno comunicato di dover pagare perché non ero stata cancellata dal carico fiscale. Di chi è l'errore? preciso che mio padre ha comunicato solo verbalmente il fatto che non fossi più a suo carico. Inserendo il mio codice fiscale nel sistema, chi di dovere non avrebbe dovuto in automatico scomputarmi dal carico avendo superato la soglia? Spero di essere riuscita a spiegare la mia situazione.La ringrazio in anticipo per la risposta e complimenti per la pagina.
    Cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      Purtroppo l'errore è di tuo padre!
      Infatti in caso di cambio di detrazioni, il lavoratore non deve limitarsi a una comunicazione verbale, ma deve richiedere l'apposito modulo detrazioni al datore di lavoro, da compilare, sottoscrivere e restituire all'azienda.-

      Elimina
  28. Buonasera volevo porle una domanda sul bonus di 80 euro, visto che la mia è una casistica che non trovo affrontata da nessuna parte.
    La mia ragazza ha due cud, ognuno sotto gli 8.000 euro, quindi incapiente per entrambi i datori di lavoro, ma che sommati la portano a 12.000 euro, quindi dentro la fascia degli aventi diritto.
    Cosa succede materialmente ?
    C'è il diritto al bonus e se sì, quale datore di lavoro lo applica in busta paga visto che per ognuno risulterebbe l'incapienza ?

    Grazie per la sua risposta, cordiali saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ai fini del diritto al bonus di 80 euro fanno fede i redditi di quest'anno e non quelli dell'anno scorso.-
      Comunque se la Tua ragazza ha anche quest'anno la stessa situazione lavorativa dello scorso anno, può comunicare a uno dei 2 datori di lavoro il reddito lordo che percepisce con l'altro per farsi applicare il bonus, oppure potrà attendere la dichiarazione dei redditi del prossimo anno per il recupero di tutto quelle che le spetta.-

      Elimina
  29. Buonasera dottore, volevo porle un quesito :
    Nel cud 2014 inviatomi dall inos per mobilita in deroga,di importo inferiore agli 8000 euro con irpef pari a detrazioni poiché esente, mi ritrovo in tassazione separata trattenute IRPEF al 23 % per circa 400 euro per mobilita del 2012, ho possibilità di recuperare queste imposte, ci potrà essere in futuro una autoliquidazione da parte dell agenzia delle entrate, posso optare per una tassazione ordinaria alternativamente?mi sembra una ingiustizia in quanto essendo sotto gli 8000 euro complessivi non dovrei essere tenuta al pagamento delle imposte. Grazie per. I chiarimenti che mi vorrà fornire.saluti nica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nica!
      Se il Tuo reddito lordo complessivo del 2013 è stato inferiore a 8.000 euro non erano dovute trattenute IRPEF quindi puoi recuperare l'IRPEF pagata con la dichiarazione dei redditi, richiedendo quindi il relativo rimborso direttamente all'Agenzia delle Entrate.-

      Elimina
    2. Grazie mille per la risposta, si puov chiedere con un 730 congiunto al sostituto d imposta. Di mio marito, ?
      sarebbe piu veloce come proceduta? Non posso pero detrarre spese. Ma non male se rimborsano intera IRPEF.

      Elimina
    3. Aggiungo un particolare l importo del compenso e stato annotato alla voce 251 del cud, che specifica che non va indicata in dichiarazione come mai?mi confonde po' questa cosa.grazie per chiarimenti nica

      Elimina
    4. Punto 351 mi scusi non 251..scusi

      Elimina
    5. Ciao Nica!
      Purtroppo debbo rettificare la mia precedente risposta!
      Infatti i redditi percepiti nel 2013 ma di pertinenza del 2012 sono soggetti a tassazione separata e quindi l'IRPEF è dovuta e non è recuperabile.-

      Elimina
    6. Come temevo.non posso neanche applicare le detrazioni per spese mediche ad esempio?cmq c' e' stata un IRPEF pagata.grazie

      Elimina
  30. Buongiorno Gianfranco,
    a gennaio 2013 in qualità di comproprietario assieme ai miei fratelli abbiamo venduto un locale garage con regolare atto notarile di compravendita. Va indicato nel 730 e se si in quale riquadro? (non trovato alcun riferimento nelle istruzioni)Grazie e buona giornata.

    RispondiElimina
  31. Sono ancora Antonio,
    dimenticavo di dirle che il garage che abbiamo venduto lo abbiamo ricevuto in eredità con la morte prima del papà nel 2009 e successivamente con la morte della mamma nel 2011. Il locale non è mai stato locato e non è stato utilizzato da nessuno di noi. Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonio!
      Di solito la plusvalenza derivata dalla vendita di immobili è soggetta a tassazione IRPEF, tuttavia esistono dei casi particolari in cui la plusvalenza non viene mai tassata. Questo avviene quando:
      - si vende la prima casa;
      - l'immobile è stato acquistato o costruito da più di 5 anni;
      - si vende un immobile acquisito per successione.

      Elimina
  32. Buongiorno Gianfranco,
    volevo sapere, per favore, se con un reddito di € 17.100 e un figlio a carico ho diritto agli 80 euro di bonus.
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. da normativa il bonus di 80 euro è assegnato per redditi 2014 non superiori a 24000 euro. Oltre i 24.000 l'importo diminuisce proporzionalmente, fino ad annullarsi per redditi pari o superiori a 26.000 euro

      Elimina
    2. Ma le detrazioni per il figlio a carico non incidono?

      Elimina
    3. Ciao Giovanna!
      NO! Le detrazioni per il figlio a carico non incidono.-

      Elimina
  33. Buongiorno, volevo chiederLe:
    io sono lavoratore dipendente indeterminato, mia moglie nel 2013 ha ricevuto un cud di circa 1000 euro senza ritenute irpef, numero giorni 160. Nella dichiarazione dei redditi inserisco mia moglie a carico per 12 mesi? Inoltre come mi comporto con scontrini e fatture intestate a lei?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vincenzo!
      SI!
      Se il reddito lordo complessivo di Tua moglie del 2013 è stato inferiore a 2.840,51 euro, puoi richiedere le detrazioni fiscali per il coniuge a carico e puoi anche portare in detrazione le spese sostenute da Lei.-

      Elimina
  34. buongiorno gianfranco ho un c.u.d. da 27mila euro mia moglie a carico e una bimba a carico...sono obbligato a fare la dichiarazione dei redditi?se no a cosa mi puo servire?la informo che altre al mio cud non abbiamo niente intestato,solo una autovettura..grazie e attendo la sua risposta,un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Con un solo CUD Tu non sei obbligato a presentare la dichiarazione dei redditi, quindi puoi farlo solo se hai delle spese da portare in detrazione, tipo spese mediche, scontrini di medicinali o spese dentistiche.-

      Elimina
  35. salve gianfranco cosa significa il punto 351 del cud?totale compensi arretrati per i quali è possibile fruire delle detrazioni..si possono prendere con il 730?grazie e buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      I compensi arretrati per i quali è possibile fruire delle detrazioni vanno dichiarati nel 730.-

      Elimina
  36. Buongiorno dott. Gianfranco,
    le scrivo per chiederle un chiarimento.
    Sto attualmente svolgendo uno stage con un rimborso spese netto di 800€ al mese, ogni mese mi hanno rilasciato puntualmente un cedolino e a dicembre 2014 mi hanno consegnato il Cud.
    Questo mese nella "busta paga" ho trovato la voce del bonus Irpef di poco più di 80€, il problema è che me lo hanno sommato ad un imponibile più basso!! risultandomi in tasca sempre 800€...
    Per chiarire: nei mesi scorsi avevo nel cedolino un lordo che oscillava da 820 a 840€, e al netto delle imposte e della rata Add. Reg. mi corrispondevano 800€.
    Questo mese, invece, il compenso mensile stage lordo è di soli 724€ e quindi sommando il bonus e trattenendo le imposte il netto a pagare è di soli 802 euro!

    E' uno sbaglio dell'azienda? Devo chiarire la questione con chi redige le buste paga o possono farlo?

    Grazie mille anticipamente per la risposta.
    Saluti.
    Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefania!
      Purtroppo nel Tuo caso l'azienda si è incamerata il bonus di 80 euro e continua quindi a corrisponderti lo stesso importo netto dei mesi scorsi, diminuendo di conseguenza l'imponibile lordo che è il costo aziendale.-
      Uno stage non è regolare rapporto di lavoro dipendente, quindi non ci sono "regole" da rispettare, e se ti era stato garantito un rimborso netto di 800 euro vuol dire che il bonus di 80 euro se lo prende l'azienda anziché versarlo alla lavoratrice.-

      Elimina
    2. Grazie mille, gentilissimo!
      Ho verificato con chi redige le buste paga e mi ha detto che vi è stato uno sbaglio...spero di vedere il bonus nel prossimo cedolino!

      Grazie ancora e buon lavoro,
      Arrivederci
      Stefania

      Elimina
    3. Ciao Stefania!
      Perfetto!
      Vuol dire che hai a che fare con un'azienda seria!

      Elimina
  37. Buonasera Dott. Gianfranco,
    vorrei un' informazione.
    Nel 2013 ho lavorato con un contratto a tempo determinato tramite agenzia interinale percependo un reddito lordo di 2818.66 Euro. Resto comunque a carico di mio padre? Devo presentare la dichiarazione dei redditi? Mi può essere utile per avere qualche rimborso?
    La ringrazio anticipatamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aggiungo che la ritenuta Irpef riportata nella parte B del Cud ammonta a 432.78 Euro.

      Elimina
    2. SI!
      Con un reddito lordo complessivo annuale inferiore a 2.840,51 euro resti fiscalmente a carico di tuo padre, e puoi presentare la dichiarazione dei redditi per richiedere il rimborso dell'IRPEF pagata e non dovuta all'erario.-

      Elimina
  38. Buongiorno, vorrei un'informazione:
    ho fatto richiesta al mio datore di lavoro l'anticipo del TRF, volevo sapere se l'importo si andrà a sommare al mio reddito 2014 da lavoratore dipendente. In questo caso se l'importo va a superare i 26.000 euro lordi dovrò restituire il bonus degli 80 euro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Il TFR e di conseguenza anche l'anticipo del TFR è soggetto a tassazione separata, quindi l'importo percepito non è un reddito e pertanto non va sommato ai redditi conseguiti nell'anno.-

      Elimina
  39. salve, ho un figlio che non ha reddito superiore a 6000 euro nel 2013, attualmente è occupato nello stesso lavoro, però ha spese dentistiche sostenute nel 2013, può presentare il modello 730? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patrizia!
      Tuo figlio può presentare il 730 e richiedere il rimborso delle spese dentistiche solo se lo scorso anno ha avuto una trattenuta IRPEF, e comunque l'importo massimo che potrà portare in detrazione è l'importo dell'IRPEF pagata e non un centesimo di più.-

      Elimina
  40. Salve sono Giuseppe lombardo ho una moglie e due figlie a carico di 5 e 2 anni ed ho un contratto a tempo indeterminato da marzo 2013 e ora nel cud 2014 non ho nessuna trattenuta irpef tanto che mi hanno detto di non poter fare nemmeno il 730 ( dichiarazione dei redditi) quindi non posso recuperare né spese del mutuo ne spese mediche è normale? perché a me sembra un po' strano visto che ho sempre recuperato qualcosa tutti gli anni.....attendo vostra cortese risposta e grazie anticipatamente....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuseppe!
      Purtroppo è vero!
      Tu puoi presentare il 730 e richiedere il rimborso delle spese del mutuo e delle spese mediche sostenute solo se lo scorso anno hai avuto una trattenuta IRPEF, perché l'importo massimo che si può portare in detrazione è l'importo dell'IRPEF pagata e non un centesimo di più.-

      Elimina
  41. Buonasera Dott.Censori, ringrazio in anticipo per gli utilissimi chiarimenti! Ho 2 quesiti rigurdanti la ristrutturazione edilizia:
    - spese di ristrutturazione sostenute nel 2014 da persona che ha perso lavoro e quindi senza capienza fiscale; come deve fare per non perdere il diritto alla detrazione delle rate relative agli anni successivi (nel caso si trovasse nuovo lavoro e quindi capienza fiscale)?
    - bonus arredi: il comproprietario convivente può portare in detrazione spese sostenute per l'acquisto degli arredi a lui intestate, mentre la scia per ristrutturazione edilizia è intestata all'altro proprietario?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elisabetta!
      - Se le spese sono state sostenute nel 2014 il problema si porrà con la dichiarazione dei redditi del prossimo anno, nella quale dovrà comunque indicare la prima rata di detrazioni per spese di ristrutturazione anche se per mancanza di capienza non potrà effettivamente scalare l'importo detraibile.-
      - Il comproprietario convivente può portare in detrazione le spese sostenute per l'acquisto degli arredi solo se le fatture sono intestate a Lui e solo se è un familiare, perché altrimenti la scia doveva essere intestata a entrambi i comproprietari.-

      Elimina
  42. salve dott censori.. mi e' successa una cosa strana ho ancora il contratto fino a luglio e gia mi hanno erogato l aspi... .. c e' da dire che il contratto mi scadeva il 28 aprile che poi mi hanno rifatto fino al 6 luglio.. (non ho mai fatto domande) come puo accadere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di sicuro l'INPS non paga l'ASPI se a monte non c'è una domanda presentata, quindi una delle spiegazioni possibili è che un passato hai richiesto l'ASPI e successivamente non hai comunicato all'INPS la ripresa dell'attività lavorativa.-
      Ti consiglio comunque di presentarti alla sede INPS della Tua zona di residenza per verificare cos'è effettivamente successo perché l'INPS di sicuro rivorrà indietro tutti gli importi che ti sono stati corrisposti e che non ti spettavano.-

      Elimina
  43. Ciao a tutti, volevo un chiarimento riguardante le famose 80 euro, sono un lavoratore a tempo determinato con agenzia interinale, mi chiedevo, se l'azienda decide di assumermi direttamente in ditta e non più cn agenzia, quindi mi pagheranno tfr tredicesima e ferie, queste faranno reddito annuale per cui rischio di nn prendere le 80€? Grazie mille anticipatamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angelo!
      Ai fini del calcolo del reddito lordo complessivo per il diritto al bonus di 80 euro contano le paghe, la tredicesima e le ferie ma non conta i TFR che è soggetto a tassazione separata.-

      Elimina
  44. Buongiorno, avrei un quesito in merito ai famosi 80 euro in busta paga..Lavoro a tempo determinato part time dal 27 gennaio 2014. Il contratto scade il 30 giugno anche se mi hanno già detto che lo rinnoveranno fino a dicembre 2014. Il mio lordo mensile è di circa 930 euro, percepirò qualcosa di questi 80 euro? Grazie mille per l'aiuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se il Tuo reddito lordo complessivo annuale sarà superiore a 8.000 euro hai diritto al bonus di 80 euro.-

      Elimina
  45. buongiorno gianfranco, dall'elaborazione del 730 mi è uscito un notevole secondo acconto da versare a novembre (euro 550), come faccio a regolarmi se è il caso si nn pagarlo, se io ho nell'anno in corso ho un reddito inferiore rispetto al 2013 posso evitare il versamento?
    rimango in attesa di tuo riscontro.
    grazie
    domenico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Domenico!
      Tu hai tempo fino a novembre per pensarci, nel senso che a fine ottobre avrai un'idea più precisa dei redditi dell'anno, perché potrai evitare di pagare il secondo acconto solo se avrai la certezza che non sarà dovuto all'erario, in quanto in caso diverso andresti incontro anche a sanzioni e interessi per il mancato pagamento.-

      Elimina
  46. ciao gianfranco, sono tonino, lavoratore dipendete, mia moglie fà l'avvocato, per recuperare le detrazioni del coniuge nell'elaborazione del 730, devo calcolare il suo reddito al netto di iva o al lordo?
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tonino!
      Vorrei ricordarti che per mettere il coniuge fiscalmente a carico il suo reddito deve essere inferiore a 2.840,51 euro annuali, e si intende reddito lordo complessivo.-

      Elimina
  47. salve dott Censori,avrei bisogno di un chiarimento relativamente all'acconto IRPEF avendo la seguente situazione:
    Nel giugno 2013 e' terminata l'attivita' di lavoro dipendente che svolgevo, mentre gia' percepivo e percepisco tutt'ora una pensione INPS, pertanto sono in possesso dei due CUD. Negli anni precedenti ho effettuato con UNICO il relativo cumulo.Non essendo piu' titolare del reddito da lavoro per il 2014, come posso fare per evitate di pagare l'acconto irpef visto che nel 2014 avro' solo un reddito INPS? Grazie Fernando

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fernando!
      Se sei certo che per il 2014 avrai solo il reddito da pensione non sei tenuto a versare l'acconto IRPEF per il prossimo anno, ma pagherai solo il saldo del 2013.-

      Elimina
  48. Ciao Gianfranco,
    Volevo sapere se mia suocera ha diritto al famoso bonus di 80 euro.
    Le spiego la situazione, lei ha un cud da lavoratore dipendente di 6500 euro e un cud da pensione di reversibilità di 11700.
    Se gli spettano gliele danno mese mese oppure deve farseli rimborsare nel 730 del prossimo anno?
    Gentilissimo grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Andrea!
      Tua suocera o comunica al suo datore di lavoro il reddito presunto da pensione e si fa quindi mettere il bonus di 80 euro in busta paga o se preferisce potrà farseli rimborsare con la dichiarazione dei redditi del prossimo anno.-

      Elimina
  49. Salve.da più parti ho sentito e letto che il bonus di 80 euro andava anche a chi è in mobilità,dall'ultimo pagamento che mi hanno fatto relativo al mese di maggio non mi risulta,e stata una bufalo oppure ho capito male io?Cordiali saluti e sempre grazie per il lavoro da lei svolto.Rosario.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosario!
      SI!
      Il bonus di 80 euro spetta anche a chi è in mobilità, e presumibilmente l'INPS provvederà ad aggiungerlo all'indennità di mobilità dal prossimo mese.-

      Elimina
    2. Salve, io ho in pagamento a giorni l'indennità di mobilità in deroga relativa al mese di agosto 2013. Visualizzando il mandato sul sito dell'Inps non risulta il bonus degli 80 euro......spetta o non spetta il bonus ??

      Elimina
    3. Ciao Patrizia!
      Purtroppo NO!
      Non è previsto il bonus degli 80 euro sugli arretrati dello scorso anno dell'indennità di mobilità in deroga.-

      Elimina
  50. Salve Dott Censori, mio amico e stato artigiano fino in 2012, quest'anno a parlato con sua commercialista in Italia, e vuole fare richiesta x rimborso iva a credito per ditta cessata, cifra e di + - euro 2200
    Problema sua e che lui ha :
    -carta d'identità Italiana scaduta dal 06.2013
    -residenza adesso ce l'ha in Romania
    -da 1 anno e in Francia x ricerca di lavoro
    -non ha un conto corrente o bancario intestato a suo nome
    Cosa deve fare?
    -deve venire in Italia x farsi una residenza ( in stessa provincia x poter chiedere rimborso?)
    -si deve fare cointestare un conto corrente per poter ricevere soldi (se non vuole avere lui ulteriori spese x c.c.)
    -deve fare una delega a un amico per rimborso iva se non può venire lui in Italia
    Cosa dovrebbe fare "lui" in questa situazione?
    Grazie mille anticipatamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per poter ricevere il rimborso IVA il tuo amico deve tornare in Italia con il passaporto e un visto se è cittadino extracomunitario e comunicare all'Agenzia delle Entrate un numero di conto corrente bancario o postale su cui farsi accreditare il rimborso.-

      Elimina
  51. Buonasera Dott. Censori,
    Avrei un quesito da porle in merito al bonus degli 80€:
    percepisco l'aspi dal 22/12/13 e se non dovessi trovare lavoro termino conl'indennità il 22/08/2014, in più percepisco un reddito da locazione con cedolare secca pari a 4000€. Nel mese di maggio l'inps non mi ha erogato il bonus, in questi casi come funziona? Si recupera con il mod. 730 del 2015?
    In attesa di un suo cordiale riscontro le porgo
    Cordiali Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel Tuo caso l'INPS, non essendo a conoscenza degli altri redditi, non ti pagherà il bonus degli 80 euro e potrai recuperare l'importo con il modello 730 del prossimo anno.-

      Elimina
  52. buondì,un dipendente con reddito di circa 11500€ ha diritto per intero al bonus anche se l'irpef che paga è azzerata da detrazioni lav. dip. e 36€ mensili di detrazioni familiari a carico? Oppure il bonus è riparametrato al massimo dei 36€ dell'irpef poi annullata dalla detrazioni familiari a carico?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Eugenio!
      Il bonus di 80 euro spetta ai lavoratori che hanno un reddito compreso tra 8.000 e 26.000 euro, a prescindere quindi dal fatto che abbiano o meno trattenute IRPEF.-

      Elimina
  53. Gentile avvocato, sono un avvocato e l'anno scorso ho percepito 3500 per una prestazione occasionale, non avevo partita e volevo chiederle se è possibile essendo quello il mio unico reddito , fare il 7.30 anzichè il modello unico per la mia dichiarazione. Ho letto che c'è stata per quest'anno questa novità vorrei capire se rientro.
    Grazie
    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco!
      SI!
      Da quest'anno anche in assenza di un sostituto d'Imposta si può fare il 730 anziché il modello unico, richiedendo un eventuale rimborso direttamente all'Agenzia delle Entrate.-

      Elimina
    2. Grazie Avvocato, le chiedo un'ultima cosa: leggevo sempre in merito a questa novità che possono fare il 7.30 chi ha si lavoro autonomo senza partita iva, ma anche senza sostituto di imposta, io sulla ricevuta per la prestazione occasionale ho il nome del sostitutoo che è colui al quale ho svolto la prestazione, Lei dice che posso comunque fare il 7.30? Grazie mille per la tempestività e disponibilità
      Cordialmente

      Elimina
    3. Ciao Marco!
      SI! Confermo!
      Puoi comunque fare il 730.-

      Elimina
  54. Salve,
    ho due cud relativi all'anno 2013 uno da lavoro dipendente e uno inps relativo all'aspi. Nel rigo c5 mi risultano 334 gg di detrazione in quanto il cud inps mi viene considerato fino al 30/11/2013. Posso inserire 365 gg di detrazione?????
    Ps: l'aspi è stata percepita fino a marzo 2014.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Devi inserire solo i giorni che risultano nel CUD che nel tuo caso sono 334.-

      Elimina
  55. Gent.le Dott. Censori, vorrei chiedere se un credito derivante da UNICO 2011 portato in compensazione nel quadro RX e mai chiesto a rimborso negli anni successivi, in quanto esonerata dall'obbligo di presentazione della dichiarazione, possa essere recuperato col 730/2014.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se il credito derivante da UNICO 2011 non Ti è stato ancora rimborsato da parte dell'erario puoi portarlo in detrazione con il 730/2014.-

      Elimina
  56. Salve Gianfranco,

    l'anno scorso nostro figlio ha superato la fatidica soglia dei 2840 euro e così non risulta più a nostro carico, qui le pongo la prima domanda: quando occorre informare il proprio datore di lavoro che il proprio figlio non risulta più a carico? bisogna sommare le buste paga e capire quando supera i 2840 euro? non diventa un calcolo un po' cervellotico per chi come noi non mastica molto queste cose?...da gennaio 2014 nostro figlio non lavora più, quindi quando dobbiamo avvisare il datore di lavoro per poter applicare nuovamente la detrazione in busta paga a mio marito? insomma vorre capire quando l'effettiva modifica va applicata sia quando supera la soglia sia quando invece ritorna al di sotto. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Concetta!
      Il calcolo non è cervellotico perché il reddito lordo complessivo risulta in ogni busta paga quindi basta consultare l'ultima busta mese per mese.-
      Comunque la normativa prevede che si possono richiedere le detrazioni per il figlio a carico all'inizio dell'anno, poi durante l'anno se il figlio supera il limite di reddito si può richiedere che vengano tolte le detrazioni, oppure in alternativa si può rimborsare l'erario delle detrazioni non spettanti con la dichiarazione dei redditi dell'anno successivo.-
      In alternativa, se si prevede che il figlio possa superare il limite di reddito non si richiedono le detrazioni alla ditta, che eventualmente si recuperano con la dichiarazione dei redditi dell'anno successivo.-

      Elimina
  57. Salve mi chiamo Antonio. solitamente ho uno stipendio tra 1350, 1400 euro netti, nello stipendio del mese di maggio ho avuto il premio produzione che mi ha fatto superare i 1500 euro, e dei famosi 80 euro non ce traccia, mi domando se anche in questo stipendio mi sarebbe dovuto aspettare il famoso bonus oppure mi spetta solo quando il mio stipendio è inferiore a i 1500 euro? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonio!
      Il bonus di 80 euro spetta su un reddito lordo complessivo inferiore a 24.000 euro, e in misura ridotta su un reddito compreso tra 24.000 e 26.000 euro, e non conta il premio di produzione, quindi devi verificare dal CUD qual'è stato il Tuo reddito lordo complessivo dello scorso anno, ovviamente se anche per quest'anno prevedi più o meno lo stesso stipendio.-

      Elimina
  58. Buona sera signor Gianfranco.Sono un ex dipendente apprendista ora in mobilità in deroga in puglia la situazione come in molte altre regioni e drammatica al momento stanno liquidando Luglio - Ottobre 2013 e mancano ancora all'appello novembre - dicembre 2013 e tutto il 2014 privo ancora di accordi regionali.

    Il problema è che adesso in dichiarazione dei redditi molti come me si trovano un CUD 2014 con un reddito 2013 che non si capisce da dove sia venuto considerato che ancora ci devovo pagare metà anno ed oltretutto l'Inps sui pagamenti Luglio - Dicembre 2013 sta applicando una ritenuta del 23% considerando i nostri redditi come redditi da lavoro dipendente sui quali dovremmo avere le detrazioni come l'anno scorso in rapporto ai 120 giorni (Luglio - Ottobre 2013 pagati).
    Ora la domanda è se la seconda parte del 2013 in questa dichiarazione dei redditi non viene considerata sicuramente l'anno prossimo nel CUD 2015 questi redditi dove vanno a finire e come dobbiamo fare per ottenere il rimborso?
    L'Inps sta già rispondendo che vuole aggiornate le detrazioni d'imposta online.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo nel Vostro caso c'è la "fregatura"!
      Infatti se la mobilità in deroga viene corrisposta l'anno successivo a quello di competenza, è soggetta a tassazione separata, quindi l'IRPEF del 23% non è recuperabile.-

      Elimina
  59. Salve. Nell'anno 2013 ho percepito solo indennità di disoccupazione (indennità percepita a cavallo di due anni) per un importo pari a circa 6000 euro sui quali sono state effettuate ritenute pari a circa 1400 euro. Posso presentare il 730 per recuperare le ritenute e gli oneri detraibili? Poiché sono ancora senza sostituto quali sono i tempi del rimborso con il 730?
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ilaria!
      SI!
      Puoi presentare il 730 per il recupero dell'IRPEF pagata, richiedendo il rimborso direttamente all'Agenzia delle Entrate che dovrebbe essere effettuato entro la fine dell'anno.-

      Elimina
  60. Gent.le dott. Censori, è apprezzabile la sua disponibilità nel chiarirci i mille dubbi che nascono nel compilare la propria dichiarazione, per questo motivo la disturbo con un questito:
    Un residente all'estero extraue ha redditi in Italia per un immobile in affitto. Chiedevo se può usufruire delle detrazioni per carichi di famiglia per ridurre l'IRPEF che grava sull'affitto.Ringrazio ancora per la sua disponibilità
    Anna Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna Maria!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Purtroppo NO!
      Non possono richiedere detrazioni per carichi di famiglia quando ci sono solo redditi da affitto.-

      Elimina
  61. Dott. Censori, ho trovato quest'articlo:

    L’art. 24, comma 3, D.P.R. 917/1986, prevede l’impossibilità per i soggetti non residenti di usufruire delle detrazioni per carichi di famiglia.

    Tuttavia, in deroga alla citata diposizione normativa, nei confronti del cittadino straniero, comunitario o extracomunitario, che assume una soggettività tributaria in Italia, l’art. 1, comma 1324, della L. 296/2006 ha riconosciuto il diritto alla detrazione per familiari a carico, fra i quali figurano il coniuge e i figli, ancorché residenti all’estero


    Non sembrano escludere dalle detrazione i possessori non residenti di soli redditi da fabbricat
    Le chiedo una conferma.
    Grazie per l'attenzione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Il discorso è valido solo nel caso in cui chi è titolare di immobile è residente in Italia e può quindi richiedere le detrazioni per i suoi familiari che hanno la residenza all'estero e non quando tutti i componenti il nucleo familiare hanno la residenza all'estero.-

      Elimina
  62. ero titolare con mio figlio di una snc che purtroppo è fallita nel 1977 in data 17\6\2014 inps si dice ancora creditrice di una grossa somma che vuole ricuperare sulla mia pensione da 865 euro mensili. io ho 81 anni devo vivere con questa pensione dopo tutti questi anni può ancora pretendere questo credito,e può recuperarlo dalla mia piccola pensione?, grazie giovanni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giovanni!
      Purtroppo SI!
      Non si può pignorare la parte di pensione, di assegno o di indennità necessaria per assicurare al pensionato i mezzi adeguati alle esigenze di vita; tale parte di pensione è attualmente fissata in euro 525,89, importo considerato minimo vitale per la sopravvivenza dell’individuo. -

      Elimina
  63. Ciao!

    Sono una ragazza di 22 anni e nel 2013 ho avuto un reddito totale di 6100 euro ma ho 2 cud perche ho lavorato in albergo presso una cooperativa e quando questa ha perso l'appalto sono stata assunta da un'altra cooperativa , volevo sapere se in questo caso dovrei fare il 730 . Grazie!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Con 2 CUD per legge sei tenuta a presentare il 730 o il Modello Unico, perché fanno sommati i 2 redditi, vanno sommate le detrazioni effettuate dai 2 datori di lavoro e va effettuato il conguaglio tra l'IRPEF eventualmente pagata e quella dovuta all'Erario.-

      Elimina
  64. NEL CUD 2014 NON RISULTA LA DETRAZIONE PER FIGLIO A CARICO PERCHE NON L'HO COMUNICATO POSSO PORTARE IN DETRAZIONE L'IMPORTO NELL'UNICO LO STESSO?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se non risulta nel CUD, puoi richiedere la detrazione per i figli a carico direttamente nel modello unico.-

      Elimina
  65. Grazie Dott. Censori. Il suo forum è molto utile a chi, come me, è in mobilità o altre situazioni simili.Purtroppo devo constatare che l'INPS sulle trattenute IRPEF ci frega sempre. Dobbiamo rassegnarci?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Salvatore!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      E' vero!
      Di solito sull'indennità di disoccupazione o di mobilità non si richiedono detrazioni per evitare conguagli negativi in sede di dichiarazione dei redditi, quindi potrai recuperare l'eventuale l'IRPEF pagata in più con il 730 o il Modello Unico dell'anno successivo.-

      Elimina
  66. Salve dottor Gianfranco vorrei sapere se al calcolo della tasi(prima casa) è prevista una detrazione come nella scorsa imu che era di 200 euro...
    Grazie buon lavoro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo la TASI, a differenza dell'IMU è una tassa solo comunale quindi ogni Comune decide autonomamente le aliquote da applicare e le eventuali detrazioni.-

      Elimina
  67. Egregio dott Gianfranco, secondo lei io che sono un mono reddito riusciro a portare in detrazione mia moglie?
    Ho letto un vecchio annuncio su facebook dove si dice che renzi voglia eliminare la detrazione del coniuge...Grazie...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi risulta niente del genere!
      Al momento non sono previste modifiche alle norme inerenti le detrazioni per i familiari a carico, quindi non ho idea se le voci che circolano hanno un qualche fondamento o se è solo propaganda di qualche partito di opposizione contro il governo.-

      Elimina
  68. Buongiorno, nel caso fossi in malattia, il credito del bonus 80 euro mi spetta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se hai un rapporto di lavoro dipendente e una fascia di reddito compresa tra gli 8.000,00 e i 24.000,00 euro annuali, hai comunque diritto al bonus di 80,00 euro mensili, anche in caso di malattia.-

      Elimina
  69. Buongiorno Gianfranco,
    non so se è questo il posto giusto per la mia domanda, ma ci provo lo stesso.
    Sono una lavoratrice dipendente part-time atempo indeterminato. Non ho mai presentato dichiarazioni in quanto sul mio Cud le detrazioni da lavoro dipendente superavano le imposte lorde. Mi sono appena accorta che quest'anno, invece, le detrazioni sono inferiori all'imposta lorda di circa 60 euro? Cosa avrei dovuto fare? E adesso, posso eventuamente rimediare?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tina!
      SI!
      A questo punto puoi presentare il Modello Unico, ma Ti consiglio di informarti prima presso un CAF del costo di presentazione della dichiarazione dei redditi, per verificare se alla fine ci "guadagni" qualcosa.-

      Elimina
    2. Grazie, Gianfranco!
      Gentilissimo come sempre :)

      Elimina
    3. Scusa di nuovo... domanda a scoppio ritardato...
      a questo punto, quindi, potrei anche portare gli interessi del mutuo e le spese mediche nella dichiarazione per ottenere un rimborso?

      Elimina
    4. Ciao Tina!
      Se nel CUD risulta che Tu hai pagato 60,00 euro di IRPEF, l'importo massimo che puoi portare in detrazione è di 60,00 euro, e purtroppo non un centesimo di più.-

      Elimina
  70. Buongiorno dott.Censori Le sottopongo il mio quesito: mio marito, attualmente disoccupato, ha presentato nel 2014 il mod.730 dove il CAF ha barrato "contribuente senza sostituto d'imposta" in quanto, nell'anno 2013, ha lavorato come dipendente fino al 7.6.2013, dopodichè ha percepito disoccupazione ASPI da INPS da agosto 2013 fino ad aprile 2014. Domanda: ha diritto al bonus di 80 Euro, e in che misura? E, soprattutto, tale bonus, se spettante, gli verrà riconosciuto in via automatica da INPS sul conto corrente indicato a suo tempo per ASPI oppure, dato che sul 730 NON è stato indicato alcun sostituto di imposta, occorre andare all'INPS e fare esplicita richiesta? Oppure gli verrà riconosciuto come credito di imposta da far valere per dichiarazione dei redditi del prossimo anno? Grazie mille e un cordiale saluto. Angela.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angela!
      Purtroppo NO!
      Il bonus degli 80,00 euro decorre da maggio 2014, quindi se Tuo marito ha percepito l'ASPI fino ad aprile 2014, non ne ha diritto.-

      Elimina
  71. Grazie dottore per la precisa risposta e buona giornata. Angela.

    RispondiElimina
  72. Buonasera Gentilissimo Dott. Gianfranco,
    grazie per la Sua cortese disponibilità alle ns. domande.
    Vorrei chiederLe un'informazione. Io sono una lavoratrice part-time a tempo determinato. Lo scorso febbraio 2014 ho terminato un contratto della durata di 18 mesi e a marzo, la stessa ditta mi ha rinnovato altro contratto per altri 18 mesi. Il TFR, non mi è stato pagato perchè dicono che avendomi dato altro contratto di 18 mesi, il TFR verrà pagato alla fine di questo secondo contratto, è vera questa cosa? Avevo 5 giorni di ferie maturate e non godute che ora ritrovo nelle buste paga che sto percependo. Volevo chiederLe: sulla busta paga c'è scritto prossimo scatto di paga ad ottobre 2014, ma avrò diritto ad averlo oppure no? Quando terminerà anche questo contratto potranno solo assumermi a tempo indeterminato o avranno la possibilità di fare altro contratto a tempo determinato? Grazie e mi scusi per le tante domande. Saluti, Mina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      SI!
      Se il contratto ti è stato prorogato il TFR Ti verrà corrisposto per il totale alla scadenza della proroga, quindi anche le ferie andranno in accumulo a quelle che maturerai ed avrai diritto anche allo scatto di anzianità.-
      Alla scadenza della proroga o il rapporto di lavoro verrà interrotto o il contratto verrà trasformato da tempo determinato a tempo indeterminato.-

      Elimina
  73. Buon giorno Gianfranco.
    Sono un dipendente pubblico che ha un reddito di circa 25.500 euro. Per quest'importo non mi sono state date le famose 80 euro. Sono separato e verso ogni mese 250,00 euro a mia moglie e quindi il mio reddito è di meno dei 24.000,00 euro annuali. Mi spettano le 80 euro e nel caso come dovrei fare per everli?
    Grazia
    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco!
      Purtroppo NO!
      Ai fini del diritto al bonus degli 80,00 euro fa fede il reddito lordo, quindi il fatto che versi un assegno di mantenimento a Tua moglie è ininfluente, e comunque se nel 2014 il Tuo reddito sarà inferiore a 26.000,00 euro potrai richiedere la differenza l'anno prossimo in sede di dichiarazione dei redditi.-

      Elimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.