lunedì 20 gennaio 2014

Aliquote e Detrazioni IRPEF anno 2014

IMPOSTA PER SCAGLIONI DI REDDITO ANNO 2014















     N. da euro                fino a     Al.%    Modalità di calcolo
  1. 0.001,00      15.000,00    23%     calcolare la percentuale del 23% sull'intero importo 
  2. 15.001,00    28.000,00    27%       3.450,00 + 27% sulla parte eccedente 15.000,00 
  3. 28.001,00    55.000,00    38%       6.960,00 + 38% sulla parte eccedente 28.000,00 
  4. 55.001,00    75.000,00    41%     17.220,00 + 41% sulla parte eccedente 55.000,00 
  5. 75.001,00                        43%     25.420,00 + 43% sulla parte eccedente 75.000,00



DETRAZIONI PER LAVORO DIPENDENTE ANNO 2014    

Reddito complessivo annuo:
           da euro           sino euro             Importo annuo euro
  1.   0.001,00       8.000,00             1.880
  2.   8.001,00     28.000,00             978 + 902 x (28.000 – RC : 20.000)
  3. 28.001,00     55.000,00             978 x (55.000 – RC : 27.000)


DETRAZIONI PER LAVORO DIPENDENTE ANNO 2014    

Reddito complessivo annuo:
             da euro         sino euro          Importo annuo euro
  1.   0.001,00       8.000,00          1.880
  2.   8.001,00     28.000,00          978 + 902 x (28.000 – RC : 20.000)
  3. 28.001,00     55.000,00          978 x (55.000 – RC : 27.000)

DETRAZIONI PER REDDITI DA PENSIONE FINO A 75 ANNI DI ETÀ

Reddito complessivo annuo
              da euro        sino euro       Importo annuo euro
  1.   0.001,00       7.500,00       1.725
  2.   7.501,00     15.000,00       1.255 + (470 x ((15.000 – RC ) : 7.500))
  3. 15.001,00     55.000,00       1.255 x ((55.000 – RC) : 40.000))

DETRAZIONI PER REDDITI DA PENSIONE OLTRE 75 ANNI DI ETÀ

Reddito complessivo annuo
             da euro         sino euro      Importo annuo euro
  1.   0.001,00       7.750,00      1.783,00.
  2.   7.751,00     15.000,00      1.297 + (486 x ((15.000 – RC) : 7.250))
  3. 15.001,00     55.000,00      1.297 x ((55.000 – RC) : 40.000) 

DETRAZIONI PER REDDITI DA LAVORO AUTONOMO ANNO 2014

Reddito complessivo annuo
            da euro        sino euro       Importo annuo euro
  1. 0.001,00        4.800,00      1.104
  2. 4.801,00      55.000,00      1.225 x ((55.000 – RC) : 50.200)

DETRAZIONI PER IL CONIUGE A CARICO ANNO 2014

Limite annuale di reddito euro 2.840,51.-
Reddito complessivo annuo
da euro sino euro Importo annuo euro
  1. 00.001,00     15.000,00     800 – (110x (RC : 15.000))
  2. 15.001,00     29.000,00     690
  3. 29.001,00     29.200,00     700
  4. 29.201,00     34.700,00     710
  5. 34.701,00     35.000,00     720
  6. 35.001,00     35.100,00     710
  7. 35.101,00     35.200,00     700
  8. 35.201,00     40.000,00     690
  9. 40.001,00     80.000,00     690 x ((80.000 – RC) : 40.000)


DETRAZIONI PER I FIGLI A CARICO - ANNO 2014

Limite annuale di reddito euro 2.840,51.-

A partire dal 1° gennaio 2013 le detrazioni fiscali per i figli a carico aumentano come segue:
  • 1.220 euro per ciascun figlio a carico di età inferiore a 3 anni (900 euro nel 2012)
  • 950 euro per ciascun a carico dai 3 anni in su (800 euro nel 2012)
Le nuove detrazioni familiari per l'anno 2013 riguardano tutti i figli a carico compresi:
  • figli adottivi
  • figli naturali riconosciuti
  • figli affidati o affiliati
La detrazione è riconosciuta a prescindere dalla convivenza con i genitori, dallo status o meno di studente, dall'eventuale residenza all'estero e dallo svolgimento stage/tirocini gratuiti o prestazioni di lavoro retribuite.

Figli con handicap:

Sempre a partire dal 2013 sono state incrementate le agevolazioni fiscali per i figli portatori di handicap secondo il seguente schema:
  • 550 euro aggiuntivi con età inferiore a 3 anni (220 euro nel 2012)
  • 630 euro aggiuntivi con età da 3 anni in su (220 euro nel 2012)


Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

100 commenti:

  1. salve, ho un figlio che non ha reddito superiore a 6000 euro nel 2013, attualmente è occupato nello stesso lavoro, però ha spese dentistiche sostenute nel 2013, può presentare il modello 730? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patrizia!
      Tuo figlio può presentare il 730 e richiedere il rimborso delle spese dentistiche solo se lo scorso anno ha avuto una trattenuta IRPEF, e comunque l'importo massimo che potrà portare in detrazione è l'importo dell'IRPEF pagata e non un centesimo di più.-

      Elimina
  2. Salve sono Giuseppe lombardo ho una moglie e due figlie a carico di 5 e 2 anni ed ho un contratto a tempo indeterminato da marzo 2013 e ora nel cud 2014 non ho nessuna trattenuta irpef tanto che mi hanno detto di non poter fare nemmeno il 730 ( dichiarazione dei redditi) quindi non posso recuperare né spese del mutuo ne spese mediche è normale? perché a me sembra un po' strano visto che ho sempre recuperato qualcosa tutti gli anni.....attendo vostra cortese risposta e grazie anticipatamente....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuseppe!
      Purtroppo è vero!
      Tu puoi presentare il 730 e richiedere il rimborso delle spese del mutuo e delle spese mediche sostenute solo se lo scorso anno hai avuto una trattenuta IRPEF, perché l'importo massimo che si può portare in detrazione è l'importo dell'IRPEF pagata e non un centesimo di più.-

      Elimina
  3. Buonasera Dott.Censori, ringrazio in anticipo per gli utilissimi chiarimenti! Ho 2 quesiti rigurdanti la ristrutturazione edilizia:
    - spese di ristrutturazione sostenute nel 2014 da persona che ha perso lavoro e quindi senza capienza fiscale; come deve fare per non perdere il diritto alla detrazione delle rate relative agli anni successivi (nel caso si trovasse nuovo lavoro e quindi capienza fiscale)?
    - bonus arredi: il comproprietario convivente può portare in detrazione spese sostenute per l'acquisto degli arredi a lui intestate, mentre la scia per ristrutturazione edilizia è intestata all'altro proprietario?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elisabetta!
      - Se le spese sono state sostenute nel 2014 il problema si porrà con la dichiarazione dei redditi del prossimo anno, nella quale dovrà comunque indicare la prima rata di detrazioni per spese di ristrutturazione anche se per mancanza di capienza non potrà effettivamente scalare l'importo detraibile.-
      - Il comproprietario convivente può portare in detrazione le spese sostenute per l'acquisto degli arredi solo se le fatture sono intestate a Lui e solo se è un familiare, perché altrimenti la scia doveva essere intestata a entrambi i comproprietari.-

      Elimina
  4. salve dott censori.. mi e' successa una cosa strana ho ancora il contratto fino a luglio e gia mi hanno erogato l aspi... .. c e' da dire che il contratto mi scadeva il 28 aprile che poi mi hanno rifatto fino al 6 luglio.. (non ho mai fatto domande) come puo accadere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di sicuro l'INPS non paga l'ASPI se a monte non c'è una domanda presentata, quindi una delle spiegazioni possibili è che un passato hai richiesto l'ASPI e successivamente non hai comunicato all'INPS la ripresa dell'attività lavorativa.-
      Ti consiglio comunque di presentarti alla sede INPS della Tua zona di residenza per verificare cos'è effettivamente successo perché l'INPS di sicuro rivorrà indietro tutti gli importi che ti sono stati corrisposti e che non ti spettavano.-

      Elimina
  5. Ciao a tutti, volevo un chiarimento riguardante le famose 80 euro, sono un lavoratore a tempo determinato con agenzia interinale, mi chiedevo, se l'azienda decide di assumermi direttamente in ditta e non più cn agenzia, quindi mi pagheranno tfr tredicesima e ferie, queste faranno reddito annuale per cui rischio di nn prendere le 80€? Grazie mille anticipatamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angelo!
      Ai fini del calcolo del reddito lordo complessivo per il diritto al bonus di 80 euro contano le paghe, la tredicesima e le ferie ma non conta i TFR che è soggetto a tassazione separata.-

      Elimina
  6. Buongiorno, avrei un quesito in merito ai famosi 80 euro in busta paga..Lavoro a tempo determinato part time dal 27 gennaio 2014. Il contratto scade il 30 giugno anche se mi hanno già detto che lo rinnoveranno fino a dicembre 2014. Il mio lordo mensile è di circa 930 euro, percepirò qualcosa di questi 80 euro? Grazie mille per l'aiuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se il Tuo reddito lordo complessivo annuale sarà superiore a 8.000 euro hai diritto al bonus di 80 euro.-

      Elimina
  7. buongiorno gianfranco, dall'elaborazione del 730 mi è uscito un notevole secondo acconto da versare a novembre (euro 550), come faccio a regolarmi se è il caso si nn pagarlo, se io ho nell'anno in corso ho un reddito inferiore rispetto al 2013 posso evitare il versamento?
    rimango in attesa di tuo riscontro.
    grazie
    domenico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Domenico!
      Tu hai tempo fino a novembre per pensarci, nel senso che a fine ottobre avrai un'idea più precisa dei redditi dell'anno, perché potrai evitare di pagare il secondo acconto solo se avrai la certezza che non sarà dovuto all'erario, in quanto in caso diverso andresti incontro anche a sanzioni e interessi per il mancato pagamento.-

      Elimina
  8. ciao gianfranco, sono tonino, lavoratore dipendete, mia moglie fà l'avvocato, per recuperare le detrazioni del coniuge nell'elaborazione del 730, devo calcolare il suo reddito al netto di iva o al lordo?
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tonino!
      Vorrei ricordarti che per mettere il coniuge fiscalmente a carico il suo reddito deve essere inferiore a 2.840,51 euro annuali, e si intende reddito lordo complessivo.-

      Elimina
  9. salve dott Censori,avrei bisogno di un chiarimento relativamente all'acconto IRPEF avendo la seguente situazione:
    Nel giugno 2013 e' terminata l'attivita' di lavoro dipendente che svolgevo, mentre gia' percepivo e percepisco tutt'ora una pensione INPS, pertanto sono in possesso dei due CUD. Negli anni precedenti ho effettuato con UNICO il relativo cumulo.Non essendo piu' titolare del reddito da lavoro per il 2014, come posso fare per evitate di pagare l'acconto irpef visto che nel 2014 avro' solo un reddito INPS? Grazie Fernando

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fernando!
      Se sei certo che per il 2014 avrai solo il reddito da pensione non sei tenuto a versare l'acconto IRPEF per il prossimo anno, ma pagherai solo il saldo del 2013.-

      Elimina
  10. Ciao Gianfranco,
    Volevo sapere se mia suocera ha diritto al famoso bonus di 80 euro.
    Le spiego la situazione, lei ha un cud da lavoratore dipendente di 6500 euro e un cud da pensione di reversibilità di 11700.
    Se gli spettano gliele danno mese mese oppure deve farseli rimborsare nel 730 del prossimo anno?
    Gentilissimo grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Andrea!
      Tua suocera o comunica al suo datore di lavoro il reddito presunto da pensione e si fa quindi mettere il bonus di 80 euro in busta paga o se preferisce potrà farseli rimborsare con la dichiarazione dei redditi del prossimo anno.-

      Elimina
  11. Salve.da più parti ho sentito e letto che il bonus di 80 euro andava anche a chi è in mobilità,dall'ultimo pagamento che mi hanno fatto relativo al mese di maggio non mi risulta,e stata una bufalo oppure ho capito male io?Cordiali saluti e sempre grazie per il lavoro da lei svolto.Rosario.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve, io ho in pagamento a giorni l'indennità di mobilità in deroga relativa al mese di agosto 2013. Visualizzando il mandato sul sito dell'Inps non risulta il bonus degli 80 euro......spetta o non spetta il bonus ??

      Elimina
    2. Ciao Patrizia!
      Purtroppo NO!
      Non è previsto il bonus degli 80 euro sugli arretrati dello scorso anno dell'indennità di mobilità in deroga.-

      Elimina
  12. Salve Dott Censori, mio amico e stato artigiano fino in 2012, quest'anno a parlato con sua commercialista in Italia, e vuole fare richiesta x rimborso iva a credito per ditta cessata, cifra e di + - euro 2200
    Problema sua e che lui ha :
    -carta d'identità Italiana scaduta dal 06.2013
    -residenza adesso ce l'ha in Romania
    -da 1 anno e in Francia x ricerca di lavoro
    -non ha un conto corrente o bancario intestato a suo nome
    Cosa deve fare?
    -deve venire in Italia x farsi una residenza ( in stessa provincia x poter chiedere rimborso?)
    -si deve fare cointestare un conto corrente per poter ricevere soldi (se non vuole avere lui ulteriori spese x c.c.)
    -deve fare una delega a un amico per rimborso iva se non può venire lui in Italia
    Cosa dovrebbe fare "lui" in questa situazione?
    Grazie mille anticipatamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per poter ricevere il rimborso IVA il tuo amico deve tornare in Italia con il passaporto e un visto se è cittadino extracomunitario e comunicare all'Agenzia delle Entrate un numero di conto corrente bancario o postale su cui farsi accreditare il rimborso.-

      Elimina
  13. Buonasera Dott. Censori,
    Avrei un quesito da porle in merito al bonus degli 80€:
    percepisco l'aspi dal 22/12/13 e se non dovessi trovare lavoro termino conl'indennità il 22/08/2014, in più percepisco un reddito da locazione con cedolare secca pari a 4000€. Nel mese di maggio l'inps non mi ha erogato il bonus, in questi casi come funziona? Si recupera con il mod. 730 del 2015?
    In attesa di un suo cordiale riscontro le porgo
    Cordiali Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel Tuo caso l'INPS, non essendo a conoscenza degli altri redditi, non ti pagherà il bonus degli 80 euro e potrai recuperare l'importo con il modello 730 del prossimo anno.-

      Elimina
  14. buondì,un dipendente con reddito di circa 11500€ ha diritto per intero al bonus anche se l'irpef che paga è azzerata da detrazioni lav. dip. e 36€ mensili di detrazioni familiari a carico? Oppure il bonus è riparametrato al massimo dei 36€ dell'irpef poi annullata dalla detrazioni familiari a carico?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Eugenio!
      Il bonus di 80 euro spetta ai lavoratori che hanno un reddito compreso tra 8.000 e 26.000 euro, a prescindere quindi dal fatto che abbiano o meno trattenute IRPEF.-

      Elimina
  15. Gentile avvocato, sono un avvocato e l'anno scorso ho percepito 3500 per una prestazione occasionale, non avevo partita e volevo chiederle se è possibile essendo quello il mio unico reddito , fare il 7.30 anzichè il modello unico per la mia dichiarazione. Ho letto che c'è stata per quest'anno questa novità vorrei capire se rientro.
    Grazie
    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco!
      SI!
      Da quest'anno anche in assenza di un sostituto d'Imposta si può fare il 730 anziché il modello unico, richiedendo un eventuale rimborso direttamente all'Agenzia delle Entrate.-

      Elimina
    2. Grazie Avvocato, le chiedo un'ultima cosa: leggevo sempre in merito a questa novità che possono fare il 7.30 chi ha si lavoro autonomo senza partita iva, ma anche senza sostituto di imposta, io sulla ricevuta per la prestazione occasionale ho il nome del sostitutoo che è colui al quale ho svolto la prestazione, Lei dice che posso comunque fare il 7.30? Grazie mille per la tempestività e disponibilità
      Cordialmente

      Elimina
    3. Ciao Marco!
      SI! Confermo!
      Puoi comunque fare il 730.-

      Elimina
  16. Salve,
    ho due cud relativi all'anno 2013 uno da lavoro dipendente e uno inps relativo all'aspi. Nel rigo c5 mi risultano 334 gg di detrazione in quanto il cud inps mi viene considerato fino al 30/11/2013. Posso inserire 365 gg di detrazione?????
    Ps: l'aspi è stata percepita fino a marzo 2014.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Devi inserire solo i giorni che risultano nel CUD che nel tuo caso sono 334.-

      Elimina
  17. Gent.le Dott. Censori, vorrei chiedere se un credito derivante da UNICO 2011 portato in compensazione nel quadro RX e mai chiesto a rimborso negli anni successivi, in quanto esonerata dall'obbligo di presentazione della dichiarazione, possa essere recuperato col 730/2014.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se il credito derivante da UNICO 2011 non Ti è stato ancora rimborsato da parte dell'erario puoi portarlo in detrazione con il 730/2014.-

      Elimina
  18. Salve Gianfranco,

    l'anno scorso nostro figlio ha superato la fatidica soglia dei 2840 euro e così non risulta più a nostro carico, qui le pongo la prima domanda: quando occorre informare il proprio datore di lavoro che il proprio figlio non risulta più a carico? bisogna sommare le buste paga e capire quando supera i 2840 euro? non diventa un calcolo un po' cervellotico per chi come noi non mastica molto queste cose?...da gennaio 2014 nostro figlio non lavora più, quindi quando dobbiamo avvisare il datore di lavoro per poter applicare nuovamente la detrazione in busta paga a mio marito? insomma vorre capire quando l'effettiva modifica va applicata sia quando supera la soglia sia quando invece ritorna al di sotto. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Concetta!
      Il calcolo non è cervellotico perché il reddito lordo complessivo risulta in ogni busta paga quindi basta consultare l'ultima busta mese per mese.-
      Comunque la normativa prevede che si possono richiedere le detrazioni per il figlio a carico all'inizio dell'anno, poi durante l'anno se il figlio supera il limite di reddito si può richiedere che vengano tolte le detrazioni, oppure in alternativa si può rimborsare l'erario delle detrazioni non spettanti con la dichiarazione dei redditi dell'anno successivo.-
      In alternativa, se si prevede che il figlio possa superare il limite di reddito non si richiedono le detrazioni alla ditta, che eventualmente si recuperano con la dichiarazione dei redditi dell'anno successivo.-

      Elimina
  19. Salve mi chiamo Antonio. solitamente ho uno stipendio tra 1350, 1400 euro netti, nello stipendio del mese di maggio ho avuto il premio produzione che mi ha fatto superare i 1500 euro, e dei famosi 80 euro non ce traccia, mi domando se anche in questo stipendio mi sarebbe dovuto aspettare il famoso bonus oppure mi spetta solo quando il mio stipendio è inferiore a i 1500 euro? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonio!
      Il bonus di 80 euro spetta su un reddito lordo complessivo inferiore a 24.000 euro, e in misura ridotta su un reddito compreso tra 24.000 e 26.000 euro, e non conta il premio di produzione, quindi devi verificare dal CUD qual'è stato il Tuo reddito lordo complessivo dello scorso anno, ovviamente se anche per quest'anno prevedi più o meno lo stesso stipendio.-

      Elimina
  20. Buona sera signor Gianfranco.Sono un ex dipendente apprendista ora in mobilità in deroga in puglia la situazione come in molte altre regioni e drammatica al momento stanno liquidando Luglio - Ottobre 2013 e mancano ancora all'appello novembre - dicembre 2013 e tutto il 2014 privo ancora di accordi regionali.

    Il problema è che adesso in dichiarazione dei redditi molti come me si trovano un CUD 2014 con un reddito 2013 che non si capisce da dove sia venuto considerato che ancora ci devovo pagare metà anno ed oltretutto l'Inps sui pagamenti Luglio - Dicembre 2013 sta applicando una ritenuta del 23% considerando i nostri redditi come redditi da lavoro dipendente sui quali dovremmo avere le detrazioni come l'anno scorso in rapporto ai 120 giorni (Luglio - Ottobre 2013 pagati).
    Ora la domanda è se la seconda parte del 2013 in questa dichiarazione dei redditi non viene considerata sicuramente l'anno prossimo nel CUD 2015 questi redditi dove vanno a finire e come dobbiamo fare per ottenere il rimborso?
    L'Inps sta già rispondendo che vuole aggiornate le detrazioni d'imposta online.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo nel Vostro caso c'è la "fregatura"!
      Infatti se la mobilità in deroga viene corrisposta l'anno successivo a quello di competenza, è soggetta a tassazione separata, quindi l'IRPEF del 23% non è recuperabile.-

      Elimina
  21. Salve. Nell'anno 2013 ho percepito solo indennità di disoccupazione (indennità percepita a cavallo di due anni) per un importo pari a circa 6000 euro sui quali sono state effettuate ritenute pari a circa 1400 euro. Posso presentare il 730 per recuperare le ritenute e gli oneri detraibili? Poiché sono ancora senza sostituto quali sono i tempi del rimborso con il 730?
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ilaria!
      SI!
      Puoi presentare il 730 per il recupero dell'IRPEF pagata, richiedendo il rimborso direttamente all'Agenzia delle Entrate che dovrebbe essere effettuato entro la fine dell'anno.-

      Elimina
  22. Gent.le dott. Censori, è apprezzabile la sua disponibilità nel chiarirci i mille dubbi che nascono nel compilare la propria dichiarazione, per questo motivo la disturbo con un questito:
    Un residente all'estero extraue ha redditi in Italia per un immobile in affitto. Chiedevo se può usufruire delle detrazioni per carichi di famiglia per ridurre l'IRPEF che grava sull'affitto.Ringrazio ancora per la sua disponibilità
    Anna Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna Maria!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Purtroppo NO!
      Non possono richiedere detrazioni per carichi di famiglia quando ci sono solo redditi da affitto.-

      Elimina
  23. Dott. Censori, ho trovato quest'articlo:

    L’art. 24, comma 3, D.P.R. 917/1986, prevede l’impossibilità per i soggetti non residenti di usufruire delle detrazioni per carichi di famiglia.

    Tuttavia, in deroga alla citata diposizione normativa, nei confronti del cittadino straniero, comunitario o extracomunitario, che assume una soggettività tributaria in Italia, l’art. 1, comma 1324, della L. 296/2006 ha riconosciuto il diritto alla detrazione per familiari a carico, fra i quali figurano il coniuge e i figli, ancorché residenti all’estero


    Non sembrano escludere dalle detrazione i possessori non residenti di soli redditi da fabbricat
    Le chiedo una conferma.
    Grazie per l'attenzione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Il discorso è valido solo nel caso in cui chi è titolare di immobile è residente in Italia e può quindi richiedere le detrazioni per i suoi familiari che hanno la residenza all'estero e non quando tutti i componenti il nucleo familiare hanno la residenza all'estero.-

      Elimina
  24. ero titolare con mio figlio di una snc che purtroppo è fallita nel 1977 in data 17\6\2014 inps si dice ancora creditrice di una grossa somma che vuole ricuperare sulla mia pensione da 865 euro mensili. io ho 81 anni devo vivere con questa pensione dopo tutti questi anni può ancora pretendere questo credito,e può recuperarlo dalla mia piccola pensione?, grazie giovanni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giovanni!
      Purtroppo SI!
      Non si può pignorare la parte di pensione, di assegno o di indennità necessaria per assicurare al pensionato i mezzi adeguati alle esigenze di vita; tale parte di pensione è attualmente fissata in euro 525,89, importo considerato minimo vitale per la sopravvivenza dell’individuo. -

      Elimina
  25. Ciao!

    Sono una ragazza di 22 anni e nel 2013 ho avuto un reddito totale di 6100 euro ma ho 2 cud perche ho lavorato in albergo presso una cooperativa e quando questa ha perso l'appalto sono stata assunta da un'altra cooperativa , volevo sapere se in questo caso dovrei fare il 730 . Grazie!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Con 2 CUD per legge sei tenuta a presentare il 730 o il Modello Unico, perché fanno sommati i 2 redditi, vanno sommate le detrazioni effettuate dai 2 datori di lavoro e va effettuato il conguaglio tra l'IRPEF eventualmente pagata e quella dovuta all'Erario.-

      Elimina
  26. NEL CUD 2014 NON RISULTA LA DETRAZIONE PER FIGLIO A CARICO PERCHE NON L'HO COMUNICATO POSSO PORTARE IN DETRAZIONE L'IMPORTO NELL'UNICO LO STESSO?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se non risulta nel CUD, puoi richiedere la detrazione per i figli a carico direttamente nel modello unico.-

      Elimina
  27. Grazie Dott. Censori. Il suo forum è molto utile a chi, come me, è in mobilità o altre situazioni simili.Purtroppo devo constatare che l'INPS sulle trattenute IRPEF ci frega sempre. Dobbiamo rassegnarci?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Salvatore!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      E' vero!
      Di solito sull'indennità di disoccupazione o di mobilità non si richiedono detrazioni per evitare conguagli negativi in sede di dichiarazione dei redditi, quindi potrai recuperare l'eventuale l'IRPEF pagata in più con il 730 o il Modello Unico dell'anno successivo.-

      Elimina
  28. Salve dottor Gianfranco vorrei sapere se al calcolo della tasi(prima casa) è prevista una detrazione come nella scorsa imu che era di 200 euro...
    Grazie buon lavoro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo la TASI, a differenza dell'IMU è una tassa solo comunale quindi ogni Comune decide autonomamente le aliquote da applicare e le eventuali detrazioni.-

      Elimina
  29. Egregio dott Gianfranco, secondo lei io che sono un mono reddito riusciro a portare in detrazione mia moglie?
    Ho letto un vecchio annuncio su facebook dove si dice che renzi voglia eliminare la detrazione del coniuge...Grazie...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi risulta niente del genere!
      Al momento non sono previste modifiche alle norme inerenti le detrazioni per i familiari a carico, quindi non ho idea se le voci che circolano hanno un qualche fondamento o se è solo propaganda di qualche partito di opposizione contro il governo.-

      Elimina
  30. Buongiorno, nel caso fossi in malattia, il credito del bonus 80 euro mi spetta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se hai un rapporto di lavoro dipendente e una fascia di reddito compresa tra gli 8.000,00 e i 24.000,00 euro annuali, hai comunque diritto al bonus di 80,00 euro mensili, anche in caso di malattia.-

      Elimina
  31. Buongiorno Gianfranco,
    non so se è questo il posto giusto per la mia domanda, ma ci provo lo stesso.
    Sono una lavoratrice dipendente part-time atempo indeterminato. Non ho mai presentato dichiarazioni in quanto sul mio Cud le detrazioni da lavoro dipendente superavano le imposte lorde. Mi sono appena accorta che quest'anno, invece, le detrazioni sono inferiori all'imposta lorda di circa 60 euro? Cosa avrei dovuto fare? E adesso, posso eventuamente rimediare?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tina!
      SI!
      A questo punto puoi presentare il Modello Unico, ma Ti consiglio di informarti prima presso un CAF del costo di presentazione della dichiarazione dei redditi, per verificare se alla fine ci "guadagni" qualcosa.-

      Elimina
    2. Grazie, Gianfranco!
      Gentilissimo come sempre :)

      Elimina
    3. Scusa di nuovo... domanda a scoppio ritardato...
      a questo punto, quindi, potrei anche portare gli interessi del mutuo e le spese mediche nella dichiarazione per ottenere un rimborso?

      Elimina
    4. Ciao Tina!
      Se nel CUD risulta che Tu hai pagato 60,00 euro di IRPEF, l'importo massimo che puoi portare in detrazione è di 60,00 euro, e purtroppo non un centesimo di più.-

      Elimina
  32. Buongiorno dott.Censori Le sottopongo il mio quesito: mio marito, attualmente disoccupato, ha presentato nel 2014 il mod.730 dove il CAF ha barrato "contribuente senza sostituto d'imposta" in quanto, nell'anno 2013, ha lavorato come dipendente fino al 7.6.2013, dopodichè ha percepito disoccupazione ASPI da INPS da agosto 2013 fino ad aprile 2014. Domanda: ha diritto al bonus di 80 Euro, e in che misura? E, soprattutto, tale bonus, se spettante, gli verrà riconosciuto in via automatica da INPS sul conto corrente indicato a suo tempo per ASPI oppure, dato che sul 730 NON è stato indicato alcun sostituto di imposta, occorre andare all'INPS e fare esplicita richiesta? Oppure gli verrà riconosciuto come credito di imposta da far valere per dichiarazione dei redditi del prossimo anno? Grazie mille e un cordiale saluto. Angela.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angela!
      Purtroppo NO!
      Il bonus degli 80,00 euro decorre da maggio 2014, quindi se Tuo marito ha percepito l'ASPI fino ad aprile 2014, non ne ha diritto.-

      Elimina
  33. Grazie dottore per la precisa risposta e buona giornata. Angela.

    RispondiElimina
  34. Buonasera Gentilissimo Dott. Gianfranco,
    grazie per la Sua cortese disponibilità alle ns. domande.
    Vorrei chiederLe un'informazione. Io sono una lavoratrice part-time a tempo determinato. Lo scorso febbraio 2014 ho terminato un contratto della durata di 18 mesi e a marzo, la stessa ditta mi ha rinnovato altro contratto per altri 18 mesi. Il TFR, non mi è stato pagato perchè dicono che avendomi dato altro contratto di 18 mesi, il TFR verrà pagato alla fine di questo secondo contratto, è vera questa cosa? Avevo 5 giorni di ferie maturate e non godute che ora ritrovo nelle buste paga che sto percependo. Volevo chiederLe: sulla busta paga c'è scritto prossimo scatto di paga ad ottobre 2014, ma avrò diritto ad averlo oppure no? Quando terminerà anche questo contratto potranno solo assumermi a tempo indeterminato o avranno la possibilità di fare altro contratto a tempo determinato? Grazie e mi scusi per le tante domande. Saluti, Mina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      SI!
      Se il contratto ti è stato prorogato il TFR Ti verrà corrisposto per il totale alla scadenza della proroga, quindi anche le ferie andranno in accumulo a quelle che maturerai ed avrai diritto anche allo scatto di anzianità.-
      Alla scadenza della proroga o il rapporto di lavoro verrà interrotto o il contratto verrà trasformato da tempo determinato a tempo indeterminato.-

      Elimina
  35. Buon giorno Gianfranco.
    Sono un dipendente pubblico che ha un reddito di circa 25.500 euro. Per quest'importo non mi sono state date le famose 80 euro. Sono separato e verso ogni mese 250,00 euro a mia moglie e quindi il mio reddito è di meno dei 24.000,00 euro annuali. Mi spettano le 80 euro e nel caso come dovrei fare per everli?
    Grazia
    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco!
      Purtroppo NO!
      Ai fini del diritto al bonus degli 80,00 euro fa fede il reddito lordo, quindi il fatto che versi un assegno di mantenimento a Tua moglie è ininfluente, e comunque se nel 2014 il Tuo reddito sarà inferiore a 26.000,00 euro potrai richiedere la differenza l'anno prossimo in sede di dichiarazione dei redditi.-

      Elimina
  36. Salve Sig.Gianfranco mio marito lavora in svizzera e non fa 730 invece io non supero gli 8.000 annui ma abbiamo da scaricare le spese di ristrutturazione x la casa non c'è un altro modo x recuperare questi soldi che sono circa 1.900 annui .........
    Grazie mille x l'attenzione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      L'importo massimo che si può portare in detrazione con la dichiarazione dei redditi è l'importo dell'IRPEF pagata l'anno precedente, quindi se non si è pagata IRPEF non si può portare in detrazione alcuna spesa.-

      Elimina
  37. Buongiorno, un pensionato di 72 anni con reddito lordi di 15.328 e irpeef di 2.440 può chiedere il rimborso irpeef con il 730 e quanto sarebbe il rimborso.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco la Tua domanda!
      Con un reddito lordo di 15.328 euro è corretto che Tu abbia pagato 2.440 euro di IRPEF, quindi puoi richiedere un rimborso con la dichiarazione dei redditi solo se hai sostenuto delle spese da portare in detrazione.-

      Elimina
  38. Gentilissimo Gianfranco, le chiedo un'informazione riguardo i figli a carico.
    Mio figlio 22 anni studente, a mio carico, a settembre inizierà il lavoro.
    Avrò diritto nel 730/2015, alle detrazioni delle spese universitarie e sanitarie che fino ad ora ho sostenuto nell'anno 2014 oppure nel momento che lui percepirà reddito perderò tale possibilità?
    Le detrazioni figlio a carico, che fino ad ora ho mi verranno addebitate nel prossimo anno o devo comunicare tempestivamente al mio datore di lavoro che mio figlio da settembre avrà reddito.
    La ringrazio, anticipatamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il limite di reddito per il diritto alle detrazioni per i figli a carico è pari a 2.840,51 euro, quindi se Tuo figlio nel 2014 supererà il suddetto limite dovrai comunicarlo al tuo datore di lavoro per farti togliere le detrazioni per tutto l'anno o dovrai restituire all'erario l'importo percepito in più con la dichiarazione dei redditi del prossimo anno.-
      Lo stesso discorso vale per le spese universitarie e sanitarie, nel senso che se Tuo figlio supererà il suddetto limite di reddito, non sarà più a tuo carico e non potrai quindi portare in detrazione nessuna spesa sostenuta per suo conto.-

      Elimina
  39. Ciao Gianfranco,
    Ti ringrazio per le tue risposte sempre precise e chiare e approfitto di te per esporti un dubbio. A maggio sono stata all'agenzia entrate a fare l'unico per mio figlio che nel 2013 aveva avuto una borsa di studio di 3600 euro (con relativo cud e zero imposte) e una prestazione occasionale di 3500 euro con 700 di ritenute . Io pensavo che andasse a credito per 700 euro,invece ha dovuto pagare addizionale regionale sul totale dei redditi. A quel punto mi é venuto in mente che l'altra figlia ha lo stesso tipo di borsa di studio ma per 6000 euro con cud e imposte zero. Ho chiesto all'impiegato cosa doveva fare lei per l'addizionale regionale e mi ha detto che devo fare F24 e pagarla. Ti risulta? Io sapevo che chi ha un solo cud non deve fare niente...ma ora ho qualche dubbio!! Scusa per la lunghezza!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      Presumo che l'addizionale regionale per Tuo figlio sia dovuta al fatto che ha percepito due redditi, mentre Tua figlia con un solo CUD non dove presentare la dichiarazione dei redditi e pertanto non deve pagare alcuna imposta.-
      Trovo comunque strano che all'Agenzia delle Entrate ti abbiano dato un'informazione errata, presumo quindi che c'è qualcosa che ci sfugge, Ti consiglio pertanto di rivolgerti a un CAF con il CUD di Tua figlia, per verificare se c'è una qualche anomalia.-

      Elimina
    2. Che velocità nel rispondere!!!! A dire il vero sono già 4 anni che mia figlia riceve quella borsa di studio ed io non ho mai fatto niente se non indicarla nell'Isee e icef.Seguiró comunque il tuo consiglio! Grazie ancora!!

      Elimina
    3. In effetti la normativa prevede che in presenza di un solo CUD non si è tenuti a presentare la dichiarazione dei redditi, quindi non capisco perché l'impiegato dell'Agenzia delle Entrate Ti ha detto di fare F24 e pagare, ecco perché mi è venuto il dubbio.-

      Elimina
  40. Gentilissimo Gianfranco, sono dipendente a tempo determinato. Nel 2013 però sono passata da un datore di lavoro ad un'altro con interruzione del rapporto di lavoro pertanto mi sono ritrovata con 2 CUD da presentare per la dichiarazione 2014. Vorrei chiederle se il mio rimborso delle spese sostenute nel 2013 (quello che mi ritrovo nello stipendio di luglio) cambia in base al numero di cud presentati e in che rapporto. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il rimborso delle spese sostenute non 2013 non è legato al numero dei CUD, ma alla capienza, nel senso che si possono portare in detrazione le spese sostenute nel limite dell'IRPEF pagata, a prescindere quindi dal numero dei rapporti di lavoro avuti nell'anno precedente.-

      Elimina
  41. Salve Dottor Gianfranco Censori....mi sta succedendo una cosa strana riguardo il bonus Renzi: All'inizio si era detto che sarebbe spettato a tutti coloro il proprio reddito superasse gli 8000 euro...infatti il mio è stato di 12500 euro anno 2013..(.CUD 2014)...ho solo mia moglie a carico...sono PART TIME....
    E il cosi tanto amato bonus non esce sulla mia busta Paga....
    neanche l'ufficio del personale mi sa spiegare la cosa, dicendomi che forse la mia irpef prodotta è bassissima...quindi incapiente...
    Ma scusate: non era dagli 8000 ai 26000 euro che se ne aveva diritto?
    Grazie....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il diritto al bonus Renzi il reddito di riferimento è quello di quest'anno e non quello dell'anno scorso.-
      Con un lavoro part-time forse quest'anno non arrivi agli 8.000 euro di reddito, e comunque se supererai il suddetto limite potrai recuperare l'importo con la dichiarazione dei redditi del prossimo anno.-

      Elimina
    2. Egregio Dott.Censori, il mio reddito ormai da 15 anni purtroppo è e sara' sampre di 12500 euro....
      non cambia mai...
      ma la mia domanda è: perche no mese mese sulla busta paga?
      Grazie ancora.....

      Elimina
    3. Se il Tuo reddito è fisso, e sarà quindi anche quest'anno di 12.500 euro, non c'è motivo per cui Tu non debba avere il bonus di 80 euro in busta paga, quindi l'ufficio del personale deve darti una motivazione valida.-

      Elimina
  42. Egregio Dott.Censori, mio padre nell'anno 2013 ha lavorato solo due mesi per un reddito di 6.746 €. L'imposta lorda (23%) è 1.504€ in seguito a deduzione prima casa. Due figli e coniuge a carico per un totale detrazioni (compresa quella da lavoro) di 3.229 €. Posso ugualmente applicare la detrazione d'imposta del 19% sul canone annuo di locazione del figlio studente universitario fuori sede e anche sulle tasse dell'università? Grazie per l'eventuale risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      L'importo massimo delle detrazioni non può essere superiore all'importo dell'IRPEF pagata nell'anno di riferimento.-

      Elimina
  43. gentilissimo Dott.Censori, dal 2015 potro' recuperare in busta paga le detrazioni per la ristrutturazione, e' vero che se l'importo rimborsabile supera i 4000 € non verrebbero rimborsati in busta paga? nel caso di un lavoratore in mobilita' senza busta paga come si possono recuperare le detrazioni fiscali? grazie, buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - SI! Se l'importo del credito IRPEF è superiore a 4.000 euro non può essere rimborsato in busta paga ma va richiesto in sede di dichiarazione dei redditi il pagamento diretto all'Agenzia delle Entrate.-
      - Se il lavoratore è in mobilità indennizzata il rimborso, sempre con la dichiarazione dei redditi, va richiesto all'INPS, che lo aggiunge all'indennità di mobilità.-

      Elimina
  44. buonasera sono marilena, ho un quesito da porle: posso proporre al mio datore di lavoro di nn mettere in busta paga il bonus di renzi e recuperare tutte le detrazioni un' altr anno in fase di 730.
    grazie per la risposta. saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marilena!
      SI!
      Non capisco la motivazione perché la sostanza non cambia, comunque puoi richiedere per iscritto all'azienda che non ti venga aggiunto in busta paga il bonus di 80 euro.-

      Elimina
  45. Buonasera, vorrei un'informazione. Dal mese di maggio sono in mobilita', percepisco mensilmente una cifra pari a 650.00 euro +-. Parte dei miei colleghi percepisce 850.00 euro. Mi e' stato detto che mensilmente ho delle detrazioni di 200.00 di IRPEF. Grazie avrei bisogno di qualche chiarimento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando si presenta all'INPS la domanda di mobilità si può scegliere se richiedere le detrazioni, per non avere trattenute IRPEF, o non richiedere detrazioni per pagare l'IRPEF.-
      Comunque l'anno prossimo dovrai presentare la dichiarazione dei redditi, quindi farai il conguaglio tra l'IRPEF pagata e quella dovuta all'erario.-

      Elimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.