martedì 29 luglio 2014

Cittadini Stranieri (Comunitari ed Extracomunitari)

Abbiamo aggiornato il nostro articolo sui Cittadini Stranieri con l'obiettivo di riepilogare le questioni più ricercate e renderle più facilmente consultabili:
  1. Aggiornamento permesso/permesso C.E.
  2. Assistenza sanitaria
  3. Carta d'Identità
  4. Carta di soggiorno per lungo periodo
  5. Carta di soggiorno per familiari di lavoratori extracomunitari
  6. Carta di soggiorno per motivi familiari/parentela
  7. Certificazione Anagrafica
  8. Cittadinanza Italiana
  9. Codice fiscale
  10. Iscrizione all'anagrafe
  11. Libera circolazione
  12. Matrimonio
  13. Minori all'estero
  14. Nazioni Unione Europea
  15. Paesi Patto Schengen
  16. Permesso di soggiorno per lavoratori dipendenti
  17. Permesso di soggiorno per non lavoratori dipendenti
  18. Prestazioni previdenziali
  19. Ricongiungimento del familiare residente all'estero
  20. Rinnovo del permesso di soggiorno in attesa occupazione
  21. Rinnovo del permesso di soggiorno per lavoro subordinato
  22. Rinnovo del permesso di soggiorno per motivi familiari
  23. Visti per area Schengen

1) Aggiornamento permesso/permesso C.E.:

La carta di soggiorno o permesso C.E. per soggiornanti di lungo periodo non ha scadenza, non deve essere rinnovato ma solo aggiornato e attribuisce allo straniero una serie di diritti "in più" rispetto al permesso di soggiorno "ordinario".
Il permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo è valido come documento di identificazione personale per 5 anni.
Il permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo non riporta data di scadenza ma la dicitura "illimitata"
Documentazione necessaria:
A) Marca da bollo da 14,62 euro - B) 4 foto - C) Originale + copia del permesso di soggiorno in scadenza e codice fiscale - D) Copia del passaporto in corso di validità (solo pagine con timbri) - E) Autocertificazione del certificato di residenza e stato di famiglia - F) Ricevuta del bollettino di c/c postale premarcato di 27,50 euro.-


2) Assistenza Sanitaria:

Se hai un permesso di soggiorno per lavoro subordinato, autonomo o per attesa occupazione, per motivi familiari, per asilo politico o umanitario, per affidamento o per acquisto della cittadinanza italiana hai diritto all'assistenza sanitaria; l'iscrizione deve essere effettuata presso la ASL (Azienda sanitaria locale); l'assistenza è valida per i tuoi familiari a carico regolarmente soggiornanti in Italia.
Se hai ricongiunto in Italia i tuoi genitori e hanno più di 65 anni di età, devono avere un'assicurazione sanitaria che li copra da ogni rischio in Italia e essere iscritti al Servizio Sanitario Nazionale previo pagamento di un contributo.-
Puoi iscriverti volontariamente al Servizio Sanitario Nazionale se sei regolarmente soggiornante ma non rientri nelle categorie precedenti pagando un contributo annuale, valido anche per i familiari a carico (ad esempio se hai un permesso per studio).-
Se sei “irregolare” puoi usufruire delle cure ambulatoriali ed ospedaliere urgenti o in ogni modo essenziali, ancorché continuative, per malattie e infortuni e dei programmi di medicina preventiva utilizzando il codice Stp (Straniero temporaneamente presente).-
Non puoi essere espulsa se sei una donna in stato di gravidanza o nei sei mesi successivi alla nascita di Tuo figlio; potrai avere un permesso di soggiorno per cure mediche (insieme a tuo marito, se convivente).-


3) Carta d'Identità:

Per avere la carta d'identità devi rivolgerti agli Uffici Anagrafe presentando:
- n. 3 fotografie uguali e recenti
- passaporto valido
- permesso di soggiorno validoDevi ricordare che la carta d'identità ha la stessa durata del permesso di soggiorno, non è considerato documento valido per l'espatrio e non legittima la tua permanenza in Italia in mancanza o alla scadenza del permesso di soggiorno, salvo che eventuali convenzioni o accordi internazionali dispongano diversamente.-


4) Carta di Soggiorno per Lavoratori Extracomunitari (Permesso C.E. Sogg. Lungo Periodo):

Questo tipo di permesso di soggiorno è a tempo indeterminato e può essere richiesto solo da chi possiede un permesso di soggiorno da almeno 5 anni.-
La documentazione necessaria è la seguente:
A) Bollo euro 14,62 - B) n. 4 foto tessera - C) originale + copia permesso di soggiorno in scadenza + codice fiscale - D) Fotocopia del passaporto (solo pagine con timbri) - E) Copia del contratto di affitto o rogito in caso di proprietà dell’alloggio o dichiarazione di ospitalità - F) Certificato comunale che attesti l’idoneità dell’alloggio - G) Modello CUD o 730 o UNICO relativo ai redditi percepito nell’anno precedente - H) Copia delle ultime tre buste paga - I) Contratto di lavoro e dichiarazione del datore di lavoro attestante che il rapporto di lavoro è ancora in essere - L) Superamento del test di italiano o diploma di scuola media o superiore - M) Autocertificazione dello stato di famiglia - N) Certificato dei carichi pendenti e del casellario giudiziale rilasciati dalla procura competente - O) Ricevuta del bollettino di c/c postale premarcato di 227,50 euro - P) Modello UNILAV o copia del contratto di soggiorno con allegata ricevuta di ritorno.-


5) Carta di Soggiorno per Familiari di Lavoratori Extracomunitari:

La documentazione necessaria è la stessa di quella che serve per i lavoratori extracomunitari ma in aggiunta serve anche il certificato di matrimonio, stato di famiglia o certificato di nascita tradotto e legalizzato dall'ambasciata italiana nel paese straniero.-
Ai fini della determinazione del reddito per il ricongiungimento familiare occorre fare riferimento all'importo annuo dell'assegno sociale.
L'importo dell'assegno sociale per l'anno 2014 è di 447,61 €, pari a 5.818,93 € l'anno.
Richiedente - 5.818,93 € annui
1 familiare - 8.728,39 € annui
2 familiari - 11.637,86 € annui
3 familiari - 14.547,32 € annui
4 familiari - 17.456,79 € annui
2 o più minori di 14 anni - 11.637,86 € annui
2 o più minori di 14 anni e un familiare - 14.547,32 € annui


6) Carta di Soggiorno per Motivi Familiari/ Parentela:

Chiunque sia legato ad un cittadino italiano da un legame di parentela entro il quarto grado, può richiedere la carta di soggiorno per motivi familiari.-


7) Certificazione Anagrafica:

Per i cittadini appartenenti ad uno stato membro dell'Unione Europea che intendono soggiornare sul territorio nazionale per un periodo superiore a 3 mesi è sufficiente richiedere il certificato di iscrizione anagrafica rilasciato dal Comune dove dimorano.-


8) Cittadinanza Italiana:

A) Acquisto per nascita:

L'acquisto automatico della cittadinanza per nascita nel territorio italiano, da genitori non cittadini italiani, è previsto solo:
- se entrambi i genitori sono ignoti o apolidi;
- se il figlio non segue la cittadinanza dei genitori secondo la legge dello Stato al quale questi appartengono.
Acquista la cittadinanza italiana anche il figlio di genitori italiani nato all'estero.

B) Acquisto per Residenza

Il cittadino straniero nato e residente in Italia senza interruzioni fino alla maggiore età, acquista la cittadinanza italiana se, entro il 19° anno di età, dichiara di volerla acquistare con una dichiarazione all’Ufficiale di Stato civile.

C) Acquisto per Naturalizzazione (per i cittadini stranieri residenti in Italia)

La cittadinanza per naturalizzazione viene concessa al cittadino straniero:
- dopo 10 anni di residenza legale in Italia per il cittadino non comunitario;
- dopo 4 anni di residenza legale in Italia per il cittadino comunitario;
- che abbia almeno uno dei genitori od un parente di secondo grado cittadino italiano per nascita, legalmente residente in Italia da almeno 3 anni;
- maggiorenne adottato da un cittadino italiano che risieda legalmente in Italia da almeno 5 anni dopo l'adozione;
- al cittadino straniero in possesso dello status di apolide o di rifugiato, dopo 5 anni di residenza legale in Italia.
Alle domanda di cittadinanza, deve essere allegata la certificazione originale che prova il possesso dei requisiti.
Elenco documenti:
A) Atto di nascita tradotto e legalizzato dall’ambasciata italiana nel paese di origine - B) Certificato penale del paese di origine tradotto e legalizzato - C) Certificato storico di residenza (da richiedersi nei vari comuni in cui è stato residente) - D) Stato di famiglia e residenza - E) Denuncia dei redditi degli ultimi 3 anni - F) Copia del permesso/carta soggiorno - G) Marca da bollo da 14,62 euro.-
Le domande sono soggette al pagamento di un contributo di importo pari a 200,00 euro.
Il reddito minimo necessario per ottenere la cittadinanza italiana per l'anno 2014 è il seguente:
- Euro 8.500,00 per una sola persona
- Euro 11.500,00 in caso di coniuge a carico
- Euro 550,00 in più per ogni figlio a carico
Per le richieste di cittadinanza per residenza, in pendenza di istruttoria e fino alla conclusione del procedimento, NON è consentito il trasferimento della residenza all'estero pena la dichiarazione di inammissibilità dell'istanza.-

D) Acquisto per Matrimonio

Il cittadino/a straniero che sposa un cittadino/a italiano può fare domanda per la cittadinanza italiana se, dopo il matrimonio, risiede legalmente da almeno 2 anni in Italia oppure dopo 3 anni dalla data del matrimonio in caso di residenza all'estero.
E' possibile ottenere la cittadinanza qualora al momento dell'adozione della cittadinanza non sia intervenuto lo scioglimento, l'annullamento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio e non sussista la separazione personale dei coniugi.
Quindi se dopo la presentazione dell'istanza interviene lo scioglimento, l'annullamento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio o la separazione personale, la concessione della cittadinanza viene negata.
I termini per ottenere la cittadinanza sono ridotti della metà in presenza di figli, ovviamente nati o adottati dai coniugi: 1 anno in caso di residenza in Italia e 18 mesi in caso di residenza all'estero.
Alle domanda di cittadinanza, deve essere allegata la certificazione originale che prova il possesso dei requisiti.
Elenco documenti:
A) Atto di nascita tradotto e legalizzato dall’ambasciata italiana nel paese di origine - B) Certificato penale del paese di origine tradotto e legalizzato C) Stato di famiglia e residenza - D) Certificato di matrimonio trascritto nel comune di residenza - E) Copia del permesso/carta soggiorno - F) Denuncia redditi ultimi 3 anni - G) Marca da bollo di 14,62 euro.-
Le domande sono soggette al pagamento di un contributo di importo pari a 200,00 euro.

E) Acquisto cittadinanza per discendenza di cittadini italiani

Il cittadino straniero discendente fino al IV grado di italiani emigrati all'estero, con cittadinanza italiana, può ottenere il riconoscimento della cittadinanza italiana.

F) Acquisto Automatico

I figli minori di chi acquista o riacquista la cittadinanza italiana, se convivono con esso, acquistano la cittadinanza italiana, ma, divenuti maggiorenni, possono rinunciarvi, se in possesso di altra cittadinanza (art 14 L.91/92).


9) Codice Fiscale:

Per richiedere il codice fiscale servono, se sei cittadino straniero originale e fotocopia del:
- permesso di soggiorno o carta soggiorno
- passaporto
- se non hai ancora il permesso di soggiorno, va bene anche il visto d'ingresso ancora valido.
- e indicare dove sei residente, via, cap e la città.


10) Iscrizione all'Anagrafe:

Per iscriverti all'anagrafe devi essere un componente maggiorenne della famiglia. Devi recarti personalmente all'Ufficio Anagrafe del Comune in cui hai la tua abitazione dove ti verrà dato un modulo da compilare e sottoscrivere.
Alla presentazione della domanda dovrai essere in possesso di:
- Permesso di soggiorno di validità superiore a 3 mesi
- Passaporto in corso di validità o documento equipollente
- Codice fiscale
- Contratto di affitto registrato
- Autocertificazione dei metri quadrati della tua abitazione
- Documenti relativi allo stato civile (matrimonio, divorzio ecc.). Tali documenti devono essere alternativamente originali rilasciati dalle competenti autorità del Paese in cui si è verificato l'evento, tradotti in italiano e legalizzati, oppure originali rilasciati dalle Autorità Consolari presenti in Italia del tuo Paese di origine con firma legalizzata presso la competente Prefettura.


11) Libera Circolazione:

In attuazione della direttiva 2004/38/CE, i Cittadini dell'Unione e i loro familiari, possono circolare e soggiornare liberamente nel territorio degli stati membri e per soggiorni inferiori ai 3 mesi, in Italia, non è richiesta alcuna formalità.-


12) Matrimonio:

Secondo il Codice Civile, lo straniero che deve sposarsi con un cittadino o una cittadina di nazionalità italiana deve presentare una serie di documenti:
- Documento d'identità valido sul piano internazionale (passaporto).
- Certificato di nascita proveniente dal proprio paese di provenienza tradotto e autenticato presso l'Ambasciata Italiana del Paese d’origine.
- Nulla osta dal parte del proprio Paese d’origine per contrarre liberamente matrimonio. Dal documento, rilasciato dagli uffici di competenza del Paese di provenienza - che corrispondono in Italia all’ufficio anagrafe -, deve risultare che, secondo la legge del Paese, non ci siano impedimenti al matrimonio. Come nel caso del certificato di nascita, il nulla osta deve essere tradotto e autenticato presso l’Ambasciata Italiana del Paese di provenienza.-


13) Minori all'estero:

Dal 26 giugno 2012, tutti i minori, dai 0 ai 18 anni, potranno viaggiare in Europa e all'estero soltanto con un documento di viaggio individuale: passaporto o carta d'identità valida per l'espatrio. Non saranno più valide, quindi, le iscrizioni di questi ultimi sul passaporto dei genitori che, però, rimarrà valido fino alla naturale scadenza per il proprio titolare.

Inoltre, si dovrà far inserire il nominativo dei genitori sul documento del figlio minore. Questo permetterà di agevolare e semplificare i controlli alle frontiere. Il Ministero degli Affari Esteri, in attuazione del Regolamento (C.E.) 444/2009 del Parlamento Europeo, ha anche elevato l'età minima per l'espatrio senza accompagnamento, da 10 a 14 anni.

Sino al 26 giugno 2012, infatti, per l'espatrio di un minore di 14 anni era sufficiente il solo documento di identità. Ora, invece, i genitori dovranno sottoscrivere un modulo per l'affidamento del proprio figlio a un accompagnatore da presentare all'ufficio passaporti della Questura per la relativa convalida (tale modulo si potrà ritirare in Comune, in Questura o scaricare dal sito del Comune di residenza).

Sia per il passaporto che per la carta d'identità valida per l'espatrio, la durata varierà a seconda dell'età del minore:
- 3 anni per i minori di 3 anni;
- 5 anni per i minori di 18 anni;
- 10 anni per i maggiori di 18 anni.


14) Nazioni Unione Europea:

Elenco nazioni che fanno parte della Unione Europea:

01 - Austria
02 - Belgio
03 - Bulgaria
04 - Cipro
05 - Croazia
06 - Danimarca
07 - Estonia
08 - Finlandia
09 - Francia
10 - Germania
11 - Grecia
12 - Irlanda
13 - Italia
14 - Lettonia
15 - Lituania
16 - Lussemburgo
17 - Malta
18 - Paesi Bassi
19 - Polonia
20 - Portogallo
21 - Regno Unito
22 - Repubblica Ceca
23 - Romania
24 - Slovacchia
25 - Slovenia
26 - Spagna
27 - Svezia
28 - Ungheria


15) Paesi Patto Schengen:

Con il permesso di soggiorno o con la carta di soggiorno si può circolare liberamente, per turismo, all'interno dei 24 paesi del Patto Schengen, che sono i seguenti:

01 - Austria
02 - Belgio
03 - Bulgaria
04 - Danimarca
05 - Estonia
06 - Finlandia
07 - Francia
08 - Germania
09 - Grecia
10 - Islanda (non appartiene all’UE)
11 - Italia
12 - Lettonia
13 - Liechtenstein
14 - Lituania
15 - Lussemburgo
16 - Malta
17 - Norvegia (non appartiene all'UE)
18 - Paesi Bassi
19 - Polonia
20 - Portogallo
21 - Repubblica Ceca
22 - Romania
23 - Slovacchia
24 - Slovenia
25 - Spagna
26 - Svezia
27 - Svizzera
28 - Ungheria



Irlanda e Regno Unito non hanno sottoscritto l'accordo.-
Per gli altri Paesi, occorre il visto di ingresso in base alle convenzioni esistenti tra il Paese di origine e il Paese che si intende visitare.-
Un cittadino straniero, residente in Italia, può andare a lavorare all'estero, nei paesi dell'area schengen solo se in possesso della carta di soggiorno, da aggiornare poi nel Paese di destinazione dopo tre mesi di permanenza.-


16) Permesso di Soggiorno per Lavoratori Dipendenti:

Il decreto flussi prevede quanto segue:
- Le domande, valgono ancora quelle presentate in via telematica , dai datori di lavoro per i lavoratori subordinati e dalle famiglie per domestici o badanti, al Ministero dell'interno.-
- Il Ministero dell'Interno in base alle quote provinciali assegnate trasmette le domande accolte (le prime arrivate tra quelle in regola), alle Questure.-
- La Questura convoca i datori di lavoro, o le famiglie richiedenti, per la verifica della documentazione necessaria, e se tutto in regola, trasmette la richiesta all'Ambasciata del Paese di provenienza del lavoratore.-
- L'Ambasciata del Paese estero convoca il lavoratore e gli concede il visto per l'espatrio in Italia per motivi di lavoro.-
- Il lavoratore estero può quindi venire in Italia, ma entro 8 giorni dall'arrivo, deve presentarsi insieme al Datore di Lavoro in Questura per stipulare il contratto di lavoro.-
- La Questura con il contratto di lavoro sottoscritto rilascia il I° permesso di soggiorno che dura 1 anno con contratto di lavoro a tempo determinato o 2 anni con contratto di lavoro a tempo indeterminato.-
- A questo punto il lavoratore estero può iscriversi al Comune di Residenza, richiedere il Codice Fiscale, il codice sanitario e tramite il Datore di lavoro, esperire tutte le altre formalità burocratiche necessarie come iscrizione INPS, INAIL ecc..-

17) Permesso di Soggiorno per non Lavoratori Dipendenti:

Si possono presentare in Questura richieste permesso di soggiorno per affari, Cure Mediche, Gara Sportiva, Motivi Umanitari, Asilo Politico, Minore Età, Giustizia, Stato apolide, Integrazione minore e invito.-


18) Prestazioni Previdenziali:

Le seguenti prestazioni:
- Indennità di malattia e maternità
- Indennità di disoccupazione
- Indennità di mobilità
- Assegni familiari
- Pensioni
spettano a tutti i cittadini appartenenti all’Unione Europea e a tutti i cittadini extracomunitari purché siano provvisti di permesso di soggiorno o carta di soggiorno.-
Gli assegni familiari possono essere riconosciuti solo per i familiari che sono a carico del lavoratore, ma già legalmente soggiornanti in Italia. Dunque non è possibile riconoscerli per i familiari che sono ancora nel Paese di origine a meno che non ci sia una specifica Convenzione internazionale che preveda questo beneficio.
In questi casi serve una autorizzazione preventiva dell'INPS, e per ottenerla sono necessari:
- Stato di famiglia bilingue
- Certificati redditi dei familiari bilingue
I suddetti certificati debbono essere vidimati dagli enti preposti.
I paesi convenzionati con l'Italia ai fini della corresponsione degli assegni familiari per i familiari residenti nel paese di origine sono i seguenti:

01) Argentina
02) Australia
03) Brasile
04) Canada
05) Capoverde
06) Islanda
07) Isole del Canale
08) Jugoslavia
09) Liechtenstein
10) Monaco
11) Norvegia
12) San Marino
13) Stati Uniti d'America
14) Svizzera
15) Tunisia
16) Turchia
17) Uruguay
18) Venezuela


19) Ricongiungimento del Familiare Residente All'Estero:

Lo straniero regolarmente soggiornante in Italia, titolare di carta di soggiorno o di permesso di soggiorno, di durata non inferiore ad un anno, in corso di validità, può richiedere il ricongiungimento con i sotto indicati familiari residenti all'estero:
- Coniuge
- Figli minori
- Figli maggiorenni a carico, non autonomi o autosufficienti, per causa di salute
- Genitori a carico che non dispongono di adeguato sostegno nel paese di origine
I requisiti necessari sono: Alloggio adeguato, sufficiente anche per il familiare; reddito sufficiente anche per mantenere il familiare, minimo anno 2014 euro 5.818,93 per un solo familiare, euro 8.728,39 per due familiari, euro 11.637,85 per 3 familiari ; certificazione attestante il rapporto di parentela, tradotta e legalizzata.-
Documentazione necessaria:
A) Marca da bollo di 14,62 euro - B) Permesso di soggiorno del richiedente - C) Ricevuta postale della richiesta di rinnovo (se il permesso è scaduto) - D) Passaporto del richiedente (solo pagina con dati della persona) - E) Passaporto della persona da ricongiungere (solo pagina con dati della persona) - F) Contratto di affitto o atto di acquisto dell’abitazione - G) Certificato di idoneità alloggiativa - H) Autocertificazione dello stato di famiglia - I) Contratto di lavoro - L) Ultima busta paga - M) Ultima dichiarazione dei redditi (CUD o UNICO o 730).-


20) Rinnovo Permesso di Soggiorno in attesa occupazione:

Documentazione necessaria:
A) Marca da bollo da 14,62 euro - B) n. 4 foto - C) Originale + copia del permesso di soggiorno in scadenza e codice fiscale - D) Copia del passaporto in corso di validità - E) Autocertificazione del certificato di residenza e stato di famiglia - F) Copia del contratto di affitto o rogito in caso di proprietà dell’alloggio o dichiarazione di ospitalità - G) Copia dell’ultima dichiarazione dei redditi (Mod. CUD o Unico o 730 - H) Copia delle ultime 3 buste paga - I) Iscrizione al centro per l’impiego - L) Ricevuta del bollettino di c/c postale premarcato di 107,50 euro.-


21) Rinnovo Permesso di Soggiorno per Lavoro Subordinato:

In prossimità della scadenza del permesso di soggiorno, da un massimo di due mesi prima, fino a un massimo di due mesi dopo, si può richiedere il rinnovo del permesso di soggiorno per lavoro subordinato.
Documentazione necessaria:
A) Marca da bollo da 14,62 euro - B) n. 4 foto - C) Originale + copia del permesso di soggiorno in scadenza e codice fiscale - D) Copia del passaporto in corso di validità - E) Autocertificazione del certificato di residenza e stato di famiglia - F) Copia del contratto di affitto o rogito in caso di proprietà dell’alloggio o dichiarazione di ospitalità - G) Copia dell’ultima dichiarazione dei redditi (Mod. CUD o Unico o 730 - H) Copia delle ultime 3 buste paga - Contratto di lavoro o dichiarazione del datore di lavoro attestante che il rapporto di lavoro è ancora in essere - I) Modello UNILAV o copia del contratto di soggiorno con allegata ricevuta di ritorno - L) Ricevuta del bollettino di c/c postale premarcato di 107,50 euro (fino a un anno di 127,50 euro fino a due anni.-


22) Rinnovo Permesso di Soggiorno per Motivi Familiari:

In prossimità della scadenza del permesso di soggiorno anche il familiare del lavoratore extracomunitario (coniuge, genitore o figlio) può chiedere il rinnovo del permesso di soggiorno per motivi familiari.-
Documentazione necessaria:
A) Marca da bollo da 14,62 euro - B) n. 4 foto - C) Originale + copia del permesso di soggiorno in scadenza e codice fiscale - D) Copia del passaporto in corso di validità - E) Autocertificazione del certificato di residenza e stato di famiglia - F) Copia del contratto di affitto o rogito in caso di proprietà dell’alloggio o dichiarazione di ospitalità - G) Copia del permesso di soggiorno del coniuge o del figlio del quale si è carico - H) Copia dell’ultima dichiarazione dei redditi (Mod. CUD o Unico o 730 dei familiari che svolgono attività lavorativa - I) Contratto di lavoro o dichiarazione del datore di lavoro attestante che il rapporto di lavoro è ancora in essere - L) In caso di coniuge oppure padre/madre di cittadino italiano produrre documentazione relativa al rapporto di parentela con i suddetti- M) Ricevuta del bollettino di c/c postale premarcato di 107,50 euro (fino a un anno di 127,50 euro fino a due anni.-


23) Visti per area Schengen:

A) Le seguenti nazionalità hanno bisogno di un visto per visitare i paesi dell’area Schengen per qualsiasi motivo:
Afghanistan, Algeria, Angola, Arabia Saudita, Armenia, Azerbaijan, Bahrain, Bangladesh, Belize, Benin, Bhutan, Bielorussia, Bolivia, Burkina Faso, Burundi, Cambogia, Camerun, Capo Verde, Repubblica Centrafricana, Ciad, Cina, Colombia, Comore, Congo, Repubblica Democratica del Congo, Corea del Nord, Costa d'Avorio, Cuba, Dominica, Repubblica Dominicana, Egitto, Emirati Arabi Uniti, Eritrea, Etiopia, Fiji, Filippine, Gabon, Gambia, Georgia, Ghana, Giamaica, Gibuti, Giordania, Grenada, Guinea, Guinea Bissau, Guinea Equatoriale, Guyana, Haiti, India, Indonesia, Iran, Iraq, Kazakistan, Kenya, Kirghizistan, Kiribati, Kuwait, Laos, Lesotho, Libano, Liberia, Libia, Madagascar, Malawi, Maldive, Mali, Marianne del Nord, Marocco, Marshall, Mauritania, Micronesia, Moldova, Mongolia, Mozambico, Namibia, Nauru, Nepal, Niger, Nigeria, Oman, Pakistan, Palau, Papua- Nuova Guinea, Perù, Qatar, Ruanda, Russia, Saint Lucia, Saint Vincent e Grenadine, Salomone, Samoa Occidentali, Sao Tomé e Principe, Senegal, Sierra Leone, Siria, Somalia, Sri Lanka, Sud Africa, Sudan, Suriname, Swaziland, Tagikistan, Tanzania, Thailandia, Timor Est, Togo, Tonga, Trinidad e Tobago, Tunisia, Turchia, Turkmenistan, Tuvalu, Ucraina, Uganda, Uzbekistan, Vanuatu, Vietnam, Yemen, Zambia, Zimbabwe.

B) Le seguenti nazionalità non hanno bisogno di visto d’ingresso per visitare i paesi dell’area Schengen per un massimo di 90 giorni per motivi di turismo, affari, invito e gara sportiva:
Albania, Andorra, Antigua e Barbuda, Argentina, Australia, Bahamas, Barbados, Brasile, Bosnia-Erzegovina, Botswana, Brunei, Bulgaria, Canada, Cile, Cipro, Corea del Sud, Costa Rica, Croazia, Ecuador, El Salvador, Estonia, Giappone, Guatemala, Honduras, Israele, Lettonia, Lituania, Macedonia, Malesia, Malta, Mauritius, Messico, Monaco, Montenegro, Nicaragua, Nuova Zelanda, Panama, Paraguay, Polonia, Repubblica Ceca, Romania, Saint Kitts e Nevis, Serbia, Seychelles, Singapore, Slovacchia, Slovenia, Stati Uniti, Taiwan, Ungheria, Uruguay, Venezuela.


Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it.
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

170 commenti:

  1. Aggiungo che attualmente abbiamo la cittadinanza dello Sri Lanka

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con il permesso di soggiorno si può circolare liberamente, per turismo, all'interno dei Paesi dell'area Schengen, quindi per andare in Polonia non avete bisogno di alcun visto, ma dovete portare solo il passaporto e il permesso di soggiorno.-

      Elimina
  2. Buonasera.volevo chiedere moi che siamo stranieri extracomunitari e abbiamo tutti carta di soggiorno.io mio marito e nostri tre bambini.volevo sapere se si puo andare in zviccera con carta di soggiorno UE lavorare e abitare la.grazie come funcsiona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Con la carta di soggiorno italiana potete andare a lavorare in Svizzera, ed eventualmente aggiornarla in Svizzera dopo tre mesi di permanenza.-

      Elimina
  3. Buonasera avvocato, vorrei sapere se un ragazzo di 13 anni albanese ma residente in Italia con la mamma può andare in gita scolastica a Budapest. Quali documenti servono? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con il permesso di soggiorno si può circolare liberamente, per turismo, all'interno dei Paesi dell'area Schengen, quindi per andare in Ungheria non c'è bisogno di alcun visto, ma bisogna portare solo il passaporto e il permesso di soggiorno.-

      Elimina
  4. Salve avvocato, mi chiamo Nicoleta e vorrei sapere come devo procedere dopo avermi sposata in Romania e ho acquisito il cognome dell marito, i documenti rumemi sono già cambiati,specifico che entrambi lavoriamo legalmente in Italia,devo aggiornare tutti i miei documenti con il cognome acquisito dopo il matrimonio? Come procedere con inps, datore di lavoro, conto bancario? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicoleta!
      Per prima cosa devi rivolgerti all'Agenzia delle Entrate del Tuo Comune di residenza per richiedere un nuovo codice fiscale, con il quale provvederai successivamente a trasmetterlo al Tuo datore di lavoro, al Comune, all'INPS, alla ASL, e alla Tua banca.-

      Elimina
  5. Buongiorno dottore volevo chiederla che posso partire da budapest a Copenhagen con aereo. Ho permesso di soggiorno illimitata. Mia ragazza abita in ungheria quindi per vacanza Vorremo andare a Copenhagen. Con mio permesso di soggiorno illimitata posso andare ? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Con la carta di soggiorno e il passaporto in corso di validità puoi circolare liberamente, per turismo, all'interno dei Paesi dell'Area Schengen.-

      Elimina
  6. Buonasera.Sono una cittadina italiana. Come si può fare per prolungare la rimanenza in Italia a mia nonna (albanese di 84 anni)per 1 altro mese? I 90 giorni scadono il 10 aprile. Ma sicome sta facendo vari accertamenti a livello di salute allora ho bisogno di tenerla almeno fino alle fino a metà maggio. Grazie in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Documentazione richiesta per il rilascio e rinnovo del permesso di soggiorno per cure mediche
      Il permesso di soggiorno per cure mediche ha una durata pari alla durata presunta del trattamento terapeutico ed è rinnovabile finchè durano le necessità terapeutiche
      documentate.
      - Istanza compilata e sottoscritta dall’interessato;
      - Marca da bollo da euro 14,62;
      - Fotografie formato tessera avente posa uguale;
      - Copia fotostatica del passaporto (pagine relative a dati anagrafici, foto, date di rilascio e scadenza, visto di ingresso e timbri frontiera Schengen;
      - Dichiarazione della struttura sanitaria prescelta, pubblica o privata accreditata, che indichi il tipo di cura, la data di inizio e la durata presumibile della stessa la durata dell’eventuale degenza prevista;
      in caso di rinnovo allegare la certificazione medica
      attestante la necessità di continuare le cure;
      - Documentazione comprovante la disponibilità in Italia di risorse sufficienti per l’integrale pagamento delle spese sanitarie e di quelle di vitto e alloggio fuori dalla
      struttura sanitaria e il rimpatrio per l’assistito e per l’eventuale accompagnatore;
      - Certificazione sanitaria, attestante la patologia del richiedente nel rispetto delle disposizioni in materia di tutela dei dati personali. La certificazione rilasciata
      all’estero deve essere corredata di traduzione in lingua italiana;
      - Attestazione dell’avvenuto deposito di una somma a titolo cauzionale sulla base del costo presumibile delle prestazioni richieste. Il deposito cauzionale, in euro o in
      dollari statunitensi, dovrà corrispondere al 30% del costo complessivo presumibile delle prestazioni richieste e dovrà essere versato alla struttura prescelta;
      - Autocertificazione o certificato di residenza o altrimenti copia della comunicazione, ai sensi dell’art.7 D.L.vo 286/98, da parte del soggetto ospitante, corredata dalla copia del documento di identità di quest’ultimo e del documento che attesti la disponibilità dell’alloggio (contratto di affitto o rogito);

      Elimina
  7. salve sono un ragazzo italiano sposato con una ragazza colombiana, con 2 figli minorenni , lei ha il permesso di soggiorno con scadenza nel 2017 , volevamo trasferirci in Inghilterra . le mie domande sono :
    abbiamo bisogno di un visto ? lei di che documenti ha bisogno ?
    mia moglie ha la sorella che vive in Inghilterra , e possibile il ricongiungimento familiare ? grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. IL visto serve solo a Tua moglie!
      La procedura da seguire per fare richiesta dall’Italia non è cambiata: come in passato, dovrete riempire il modulo di domanda, pagare la commissione e prenotare un appuntamento, seguendo la procedura online. Una volta ottenuto l’appuntamento, dovrete presentarvi al Centro Visti della UK Visas and Immigration (UKVI) a Roma, per consegnare il modulo di domanda, il passaporto e tutta la documentazione necessaria, e per registrare i dati biometrici.
      Domanda, documentazione e passaporto saranno inoltrate con corriere privato a Londra all’ufficio visti della UKVI, che deciderà se approvarla o respingerla. Una volta presa la decisione, i documenti saranno inviati nuovamente a Roma, dove potrete ritirarli dal Centro Visti UKVI.
      Non ci sono costi aggiuntivi per l’invio della domanda a Londra, nè dovrete andare a Londra voi stessi per presentarla. Le tempistiche per l’evasione delle domande rimangono invariate: UKVI si impegna ad evadere il 90% delle domande di visto, ad eccezione di quelle per i permessi di soggiorno a tempo indeterminato, entro 15 giorni lavorativi dalla loro presentazione presso il Centro di UKVI a Roma, nel rispetto dei termini pubblicati.
      Per tutte le informazioni su come fare domanda dall’Italia, visitate il sito www.ukba.homeoffice.gov.uk/countries/italy.
      Per richiedere informazioni su una domanda di visto, già presentata o ancora da presentare, visitate la pagina Enquiries in Italy sul sito della UKVI per l’Italia. Se avete già presentato domanda, verificate su questa pagina a che punto è la pratica e dove si trovano i vostri documenti, con il numero di riferimento unico che avete ricevuto al momento della presentazione presso il Centro UKVI di Roma.
      Insieme alla domanda, dovrete includere l’originale e una fotocopia facilmente leggibile e di buona qualità di ciascun documento, pena la mancata restituzione dei documenti originali.
      Non dimenticate di includere anche una fotocopia della pagina del passaporto che riporta i dati personali (quella con la fotografia).
      I documenti in lingue diverse dall’inglese o dal gallese devono essere accompagnati da una traduzione integrale, che potremmo sottoporre a verifica in modo indipendente. Tutti i documenti tradotti devono recare una dichiarazione con cui il traduttore conferma di aver effettuato una traduzione accurata dell’originale, con la data della traduzione, nome, cognome, firma e contatti del traduttore.
      Il mancato invio di queste traduzioni potrebbe comportare ritardi o il respingimento della richiesta.

      Elimina
  8. Buongiorno Avvocato, sono una cittadina rumena e lavoro regolarmente in italia. Devo mettere a mio carico mia madre pensionata (68 anni) anche lei cittadina rumena, ho fatto già la richiesta di iscrizione anagrafica per lei. devo metterla a mio carico per poter farle la tessera sanitaria ,avere medico di familia (specifico che ho aquistato per lei una polizza per un anno che però vale solo per imprevisti)chiedo cortesemente la documentazione cecessaria e i passi da seguire per riuscire a metterla a mio carico e se devo comunicare al mio datore di lavoro. grazie cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I cittadini stranieri con regolare permesso di soggiorno possono iscriversi al SSN rivolgendosi alla ASL del Comune di residenza anagrafica, o se non ancora residenti, di domicilio effettivo indicato nel permesso di soggiorno.
      L'iscrizione al SSN consente la scelta del medico di base iscritto nei registri ASL con conseguente attribuzione di 4 crediti riconoscibili ai fini dell'accordo di integrazione.
      L'assistenza sanitaria è estesa ai familiari a carico regolarmente soggiornanti in Italia.-
      Nel Tuo caso quindi, Tua madre deve essere iscritta all'anagrafe, deve avere il codice fiscale, e devi richiedere al Tuo datore di lavoro un nuovo modulo di detrazioni fiscali dove inserirai Tua madre tra le persone a carico, e con questa documentazione Tua madre potrà presentarsi alla ASL per richiedere la tessera sanitaria.-

      Elimina
  9. salve,

    sono filippina e ho rinnovato il permesso di soggiorno. sono stata alla questura il 5 febbraio e mi aspettavo che i primi di aprile avrei potuto avere il permesso.

    oggi sono passata e mi hanno detto di ritornare a fine aprile, il problema è che il 14 parto per gli emirati perché mi sono presa il visto lí l'anno scorso per ricongiugimento. essendo stata solo lí per 8 mesi sono rientrata in italia dicembre per rinnovare il soggiorno e dovrei ritornare negli emirati solo per vacanza per 2 settimane visto che mio marito sta lí e per adesso lavoro qui a roma con un contratto in un albergo come adetta alla receptionist.

    il fatto è che partirei in un paese che non è il mio paese di origine.
    all'ufficio immigrazione mi hanno detto che non ci "dovrebbero" essere problemi (è quel "dovrebbero" che non mi convince)

    potrebbe confermarmi se davvero non ci sarebbero problemi partire con il cedolino e rientrare dagli emirati? (pur non essendo il mio paese di origine visto che sono filippina?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo nessuno può darti delle certezze!
      Infatti il cedolino della richiesta di rinnovo del permesso di soggiorno ha valore in italia ma non ha alcun valore all'estero, quindi Tu viaggeresti in pratica con un permesso di soggiorno scaduto.-
      Questo significa che se trovi all'estero un funzionario particolarmente "pignolo" può rimandarti indietro in Italia.-

      Elimina
  10. Salve avvocato ho trovato questo articulo molto interessaante e di grande aiuto, sono un ragazzo extracomunitario (equadoriano) residente in italia da piu o meno 5 anni, questo estate parto per la spagna (Canarie)ho il passaporto, carta d'indentità, permesso di soggiorno, tutti questi in corso di validità, però mi sono sorti alcuni dubbi e volevo chierderli se riuscisse rispondermi.
    1) Mi serve il visto per andare in spagna se sono di nazionalità ecuadoregna? perche non sono sicuro se lo chiedono oppure no, se c'è stato alcun cambiamento.
    2) il visto dove lo chiedono, prima della partenza in aeroporto o una volta arrivato in spagna?
    3)Posso viaggiare tranquilamente con i documenti italiani senza alcuna preoccupazione che mi chiedano il visto una volta atterrato o prima di partire?
    Le mie domande sono piu rovolte al visto, perche non spono sicuro se c'è stata alcuna riforma, se me lo chiedono per la mia nazionalita, se posso comunque viaggiare con i documenti italiani.
    Grazie e arrivederci avvocato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'altra cosa, mi serve alcun documento dove mi alloggerò? non so, ad esempio la ricevuta della prenotazione? basterebbe solo quello?

      Elimina
    2. Mi scuso nuovamente per il disturbo avvocato, io ho la carta d'indentita non valida ai fini dell'espatrio, ci sarà alcun problema al momento di viaggiare oppure basta il passaporto?
      è meglio rifare la carta d'identita al comune però questa volta valida per l'espatrio?

      Elimina
    3. Ti ringrazio per i complimenti!
      - NO! Con il passaporto e il permesso di soggiorno in corso di validità puoi andare in Spagna per turismo senza formalità, quindi non devi richiedere alcun visto.-
      - SI! Per andare in Spagna per turismo potrebbero richiederti dove alloggerai, quindi è meglio che ti porti ricevuta di prenotazione.-
      - La carta d'identità dei cittadini stranieri è valida solo per l'Italia quindi non ti serve per andare in Spagna.-

      Elimina
  11. buongiorno avvocato.scusi il disturbo,sono una ragazza polacca residende in italia da 17 anni.e vorrei sposarmi con un ragazzo albanese che è senza permesso di soggiorno.se lo sposo qua in italia puo ottenere il permesso di soggiorno? cordiali saluti katerina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Katerina!
      Purtroppo NO!
      Possono richiedere il permesso di soggiorno i cittadini stranieri che si sposano con un cittadino italiano e non con un cittadino polacco anche se comunitario.-

      Elimina
    2. Il permesso di soggiorno per motivi familiari è rilasciato:

      al cittadino straniero che ha un visto d'ingresso per "ricongiungimento familiare", oppure un visto d'ingresso per "familiare al seguito", o ancora un visto per "ricongiungimento al figlo minore";
      al cittadino straniero che risiede sul suolo italiano da almeno un anno e si è sposato, in Italia, con un cittadino italiano, oppure con uno di uno Stato membro dell'Unione Europea, o ancora con altro cittadino straniero regolarmente soggiornante;

      Elimina
  12. Buongiorno avvocato!mi scusi per il disturbo,sono la citadina ucraina sposata con citadino Italiano e se come ce qui la mia mamma mio marito vole fare ricongiungimento di parentela (socera )in questura di Milano hanno chiesto il certificato Presa a carico da mia mamma fatto in Ucraina, però in Ucraina non c'è questo tipo di documento. Vorrei sapere che cosa si specifica in questo certificato cosa si deve dichiarare?La ringrazio anticipatamente. Cordiali saluti. Svetlana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Svetlana!
      L'essere a carico si può' dimostrare in più modi portando la prova che al suo sostentamento, totale o parziale, provvedete voi dall'Italia (esempi: ricevute di bonifici o di trasferimenti di denaro). La dichiarazione di "presa in carico", cioè dichiarare che Tu e tuo marito provvederete al mantenimento della mamma potrebbe non essere sufficiente poiché si tratterebbe di una dichiarazione per il futuro, e non per il passato. La legge infatti consente l'ingresso di chi è a carico, così presupponendo che il mantenimento preesista all'ingresso in Italia.
      Per il visto dovrà seguire le indicazioni del d.lgs. 30 del 2007, chiedendo il visto di ingresso specifico, che viene rilasciato con priorità sugli altri. Tua madre in quanto familiare di cittadino UE potrà chiedere il visto di ingresso specifico, avrà un diritto di soggiorno iniziale di tre mesi e per rimanere ulteriormente in Italia dovrà chiedere la carta di soggiorno (non il permesso) allegando tutta la documentazione che già conosci.-
      Ti consiglio eventualmente di rivolgerti a un patronato per farti assistere per tutto l'iter burocratico necessario.-

      Elimina
  13. Buona sera,
    volevo chiedere un consiglio da lei se e possibile sapere: mio redditto per anno 2015 con pensione di superstiti e: 7959.45 Eur. Devo fare Dichiarazione dei redditti?
    Grazie in anticipo.
    Elisabetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elisabetta!
      Se il Tuo reddito è solo da pensione a superstiti non devi presentare la dichiarazione dei redditi, invece se oltre alla pensione hai anche altri redditi, devi comunque presentare la dichiarazione dei redditi anche se non dovrai pagare tasse.-

      Elimina
  14. Buongiorno avvocato.
    sono una cittadina italiana sposata con un cittadino sudafricano.
    lui dopo il nostro matrimonio ha la residenza in italia con permesso di soggiorno per matrimonio.
    ora è via per lavoro. dopo quanto tempo fuori dall italia (mantenendo pero la residenza qui) c e il rischio di annullamento del permesso di soggiorno? ora è fuori dal paese da 8 mesi...
    può rischiare?
    grazie

    RispondiElimina
  15. ..le preciso che siamo sposati solo da un anno. ha il permesso di soggiorno da aprile 2015. grazie. carlotta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carlotta!
      I cittadini extracomunitari, titolari di un permesso di soggiorno in corso di validità, possono lasciare temporaneamente il territorio italiano, ma la legge ne precisa le condizioni.
      Prima di tutto occorre verificare la durata del permesso di soggiorno che si possiede.
      L'art. 13 del D.P.R. 394/99, il regolamento di attuazione del testo Unico sull'Immigrazione, stabilisce infatti che il permesso di soggiorno non può essere rinnovato se il cittadino ha interrotto il suo soggiorno in Italia per un periodo continuativo di oltre sei mesi. Questo vale solo per i permessi di soggiorno di durata annuale.
      Se, invece, il permesso di soggiorno ha una durata almeno biennale, il tempo massimo di allontanamento dal territorio italiano è pari alla metà del periodo di validità del permesso di soggiorno (quindi un anno).
      Solo se il cittadino extracomunitario è stato "costretto" a rimanere all'estero oltre il periodo stabilito dalla legge, per gravi motivi comprovati, come ad esempio ricoveri in ospedali o cure riabilitative, o per adempiere agli obblighi militari, ha diritto al rinnovo del permesso di soggiorno. La legge riconosce che può ottenere il rinnovo del permesso anche se l'allontanamento è dipeso da gravi motivi di salute del coniuge o di un parente di primo grado. Sarà importante, in ogni caso, conservare tutti i documenti che dimostrino le ragioni del soggiorno all'estero ed eventualmente farli tradurre e legalizzare/apostillare nei Consolati italiani.
      Se il permesso di soggiorno scade quando il cittadino straniero si trova all'estero, è possibile rientrare in Italia purchè richieda il visto di reingresso presso il Consolato italiano del Paese estero nel quale si trova. Il permesso di soggiorno non deve, però, essere scaduto da oltre 60 giorni. Questo termine non conta per lo straniero che abbia adempiuto agli obblighi militari. Per chi ha, invece, avuto gravi motivi di salute il permesso di soggiorno non deve essere scaduto da oltre un anno.
      Per la domanda del visto occorrerà presentare il permesso di soggiorno scaduto e il Consolato provvederà a richiedere l'autorizzazione alla Questura che ha rilasciato il permesso.

      Elimina
  16. Grazie mille avvocato!! Finalmente qualcuno che mi ha chiarito le idee! Il suo permesso di soggiorno e' per 5 anni quindi a sto punto capisco che puo' restare fuori 2 anni e mezzo al massimo, senza rientrare. Questa e' una Buona notizia! Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carlotta!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
    2. Salve avvocato, vorrei chiedere un pò informazioni. Sono da Bulgaria, abito in Italia da 9 anni. 2007 mio marito(bulgaro) ha cominciato lavorare con contratto a tempo indeterminato e il 2088 quando e nato mio figlio, hanno rilasciato permesso di soggirno per motivi di lavoro a tempo indeterminato.Noi siamo stati in suo carico. Il 2010 lo hanno licenziato e è stato iscritto nell collocamento in conservazione ordinaria. E andato solo due volte là a prendere certificato che e disoccupato. Non lo chiamano, niente... Mia
      domanda è: il permesso è gia scaduto? Se è SI, non c'è modo di rinovarlo? Io lavoro ma non in regola e mio capo disse che non mi puo fare contratto perchè in permesso è scaduto. Non si puo rilasciare permesso intestato a me e mia famiflia a mio carico? Ma quale tipo di permesso mi serve, sono cittadina UE...Quali sono i opzioni...vorrei lavorare e vivere in Italia in regola. Non e che posso andare in altra parte d'Italia e comincerò di nuovo...con residenza, lavoro...permesso intestato a me stessa se trovo lavoro?

      Grazie in anticipo, Avvocato!

      Elimina
    3. La Bulgaria fa parte delle nazioni dell'Unione Europea, nelle quali c'è la libera circolazione, e quindi non è necessario alcun permesso di soggiorno per lavorare e vivere in Italia.-
      Il primo problema che devi risolvere è quello di essere messa in regola, e il datore di lavoro non ha alcun motivo per non farlo, perché una volta messa in regola risolvi tutti gli altri problemi, tipo residenza, contratto di affitto e assistenza sanitaria, mentre se continui a lavorare in nero puoi comunque essere espulsa come clandestina.-

      Elimina
    4. Grazie, Avvocato...Io residenza c'è l'ho da 2007, anche il contratto per affito....per ASL - siamo iscritti come "ENI"....
      Sig. Gianfranco, ma esiste un documento che mostra quanto tempo il mio marito ha ricevuto assegni familiari per me(come casalinga... in passato quando lavorava con contratto) e nostro figlio e se è "SI" da dove posso richiedelo...dal INPS?

      Grazie di nuovo, Sig. Censori.

      Elimina
    5. Non capisco la Tua domanda!
      Infatti se Tuo marito ha percepito gli assegni familiari lo ha fatto con il tuo consenso perché aveva bisogno anche della tua firma, e comunque può verificarlo lui direttamente dalle buste paga.-

      Elimina
    6. Avete raggione...sulla busta paga era scritto per me e mio figlio)Ho sbagliato la domanda - Dal 2010 è iscritto nel collocamento. Mi interessa se dal questo periodo(2010) fine adesso 2016(escluso disoccupazione che prendeva per qualche mese)si puo avere documento che dice che noi non abbiamo presso nessun assegno familiare( fino oggi)Grazie!

      Elimina
    7. SI!
      Potete rivolgervi alla sede INPS della vostra zona di residenza per verificare fino ma quando Tuo marito ha percepito gli assegni familiari.-

      Elimina
    8. Fino quando stava lavorando. Poi lo hanno licenziato e ha percepito disoccupazione per un periodo. Poi - niente. Sto parlando per periodo dal 09.2007 - 04.2010.

      Elimina
    9. Non riesco a capire cosa vuoi effettivamente sapere e il perché della Tua domanda, visto che comunque si possono richiedere gli arretrati degli assegni familiari al massimo fino a 5 anni indietro.-

      Elimina
  17. Buon Giorno ,sig GIANFRANCO VORREI CHIEDERE GENTILMENTE UNA INFORMAZIONI SONO STRANIERA REPUBLICA DOMINICANA,HO PORTATO MIEI FIGLI MINORENNIA GENNAIO SCADDE IL NOSTRO PERMESSO DI SOGGIORNO,A CON CITTADINO ITALIANO ABBIAMO ANCHE UNA BAMBINA DI 2 ANNI,VORREI SAPERE COSA DEVO FARE PER RINNOVARE LA CARTA DI SOGGIORNO? POI HO FATTO DA 13 MESI LA RICHIESTA COMUNQUE AGGIORNARE LA CARTA DI SOGGIONO? LA RINGRAZIO IN ANTICIPO,BUONA GIORNATA!

    RispondiElimina
  18. mi scusi volevo dire ,che ho fatto la domanda di cittadinanza da 13 mesi ,sono sposata con un cittadino italiano.quello che intendevo dire si mi arrivasse prima la cittadinanza devo cmq fare il rinnovo della carta di soggiorno? poi mi scade anche il passaporto,anche di miei figli devo rinnovare anche quello per poter fare la carta di soggiorno? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I tempi di concessione della cittadinanza italiana sono di almeno 3 anni, quindi per prima cosa devi rinnovare il passaporto e alla scadenza dovrai aggiornare la carta di soggiorno, rivolgendoti magari a un patronato per la presentazione della relativa domanda.-

      Elimina
  19. buongiorno,grazie per sua cordiale risposta.,volevo precisare per quanto riguarda la cittadinanza che sono sposata da 4 anni e mezzo,ho una bambina da 2 anni.residente in italia quasi da 5 anni. cmq ho chiamato alla prefettura e mi hanno detto che sono 730 giorni,che forze mi poteva arrivare prima la cittadinanza.quindi sè dovesse arrivare prima che mi scada la carta di soggiorno non devo rinnovare.,grazie ancora.buona giornata!

    RispondiElimina
  20. Buongiorno caro avvocato.
    Sono titolare di un permesso di soggiorno lungo periodo ce con la dicitura "illimitata ".
    Come mia moglie e miei figli hanno fatto ingresso in Italia due anni fa tramite ricongiungimento familiare. E ha mia moglie nella richiesta del permesso di soggiorno, abbiamo compilato il modulo per due anni di soggiorno.
    Così è stato rilasciato suo PDS.
    Adesso che dobbiamo richiedere il rinnovo fra un mese :::
    Possiamo richiedere la carta di soggiorno illimitata per mia moglie ???? Visto che ho quel titolo di soggiorno???
    Per i miei figli , fino a quale étà si può trasmettere suo titolo di soggiorno ai propri figli ????

    Un'altra domanda per favore .
    Mio figlio maggiore arriverà in Italia tramite ricongiungimento familiare ma come vedo le convocazione della prefettura, è possibile che arriva quando la scuola sarà a metà percorso.
    Lo potrò iscrivere lo stesso a liceo ???
    Mio figlio a anni 16 adesso.
    Potrò richiedere PDS illimitata per lui????
    Quando io aggiornerò il mio permesso di soggiorno lungo periodo ce illimitato,, mi rilasceranno sempre lo stesso con la dicitura "illimitata "?????

    Grazie infinite.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - SI! Tua moglie potrà richiedere la carta di soggiorno.-
      - Si può trasmettere il permesso di soggiorno ai figli ma solo se minorenni, cioè di età inferiore ai 18 anni.-
      - L'iscrizione al liceo potete farla subito a prescindere quindi da quando potrà effettivamente frequentarlo.-
      - SI! Potrai richiedere il PDS illimitato anche per Tuo figlio.-
      - SI! Quando aggiornerai il tuo permesso di soggiorno ci sarà sempre la dicitura "illimitata".-

      Elimina
  21. Grazie mille avvocato. Molto gentile

    RispondiElimina
  22. buongiorno,abbiamo una disputa familiare nella nostra casa con mio fratello da febbraio egli non vive con noi ho un errore ho cancellato la sua residenza dal sottoscritto falso con il suo nome ora lui si vendica da me dicendo Ci vediamo in tribunale ho anche chiesto la cittadinanza italiana. fa questo effetto sul mio processo di cittadinanza o è qualsiasi altra soluzione ??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Se Tuo fratello ti denuncia per aver falsificato la sua firma, la denuncia può avere effetti anche sulla cittadinanza, vi consiglio quindi di cercare di mettervi d'accordo nell'interesse di entrambi.-

      Elimina
  23. Buongiorno avvocato
    Sono residence in Italia dal 2003 fino al 7. 10. 2010 che sono stato cancelato senza sapere io perché ero in transferta per il lavoro in Italia.
    Poi il 21.4.2011 ho preso la residenza di nuovo fino adesso. In pratica mi mancano quei 6 mesi e qualcosa in mezzo per fare la domanda di citadinanza.
    La mia domanda e ho qualche possibilità di ricuperare tramite un avvocato .?!!
    Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Edmond!
      Ti consiglio di rivolgerti a un avvocato solo se puoi dimostrare in qualche modo, per esempio con delle buste paga o altra documentazione valida, che sei sempre rimasto in Italia anche nel periodo in cui ti è stata cancellata la residenza, altrimenti spenderesti dei soldi inutilmente.-

      Elimina
  24. Buon giorno Avvocato vorrei chiarire una cosa io sono sposata con un cittadino italiano ed ho già fatto la domanda di cittadinanza,vorrei fare il ricongiungimento famigliare con mia madre che sta con me in Italia e che è entrata con visto turistico da tempo scaduto dunque mi interessa se divento cittadina italiana lei può avere la carta di soggiorno anche se io ho il reddito basso?

    RispondiElimina
  25. Visto che mi ero rivolta da CGIL ufficio migrazione e mi hanno detto chae causa del mio reddito basso e che non un contratto di lavoro avrei potuto fare il permesso di soggiorno solo acquisendo la cittadinanza italiana,e visto che è in corso la pratica potrei avviare quella di mia madre?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sofia!
      SI!
      Se Tu diventi cittadina italiana tua madre potrà ottenere la carta di soggiorno, a prescindere dal tuo reddito.-

      Elimina
  26. Salve
    Se uno straniero entra con un visto di affari in italia ed ha un familare straniero ma con cittadinanza italiana che vive già in italia ,può richiedere un ricongiungimento con lo stesso ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricongiungimento del Familiare Residente All'Estero:
      Lo straniero regolarmente soggiornante in Italia, titolare di carta di soggiorno o di permesso di soggiorno, di durata non inferiore ad un anno, in corso di validità, può richiedere il ricongiungimento con i sotto indicati familiari residenti all'estero:
      - Coniuge
      - Figli minori
      - Figli maggiorenni a carico, non autonomi o autosufficienti, per causa di salute
      - Genitori a carico che non dispongono di adeguato sostegno nel paese di origine.-

      Elimina
  27. Buon giorno avvocato,
    sono un cittadino marocchino ho spostato 10 mese fa. Mi hanno lasciato la ricevuta del permesso di soggiorno e mi hanno detto che deve aspettare il controllo della residenza.
    son passati 2 mese e non arrivato nessuno.
    Dopo ho dovuto partire a un altra città per lavorare. Dopo sono venuti i carabinieri ma non ero a casa .dopo quando sono andato a chiedere in questura mi hanno detto che devo aspettare ancora 25 giorni in casa proprio .... adesso con i 25 giorni che devo aspettare rischio ad perdere il lavoro.
    lì in questura non ascoltano a nessuno ...posso fare una lettera con sotto scritto il mio nome e la mia residenzia scrivo che mi trovate domicilio al indirizzo del lavoro e lo mando al questura o pure devo stare a casa finché arriva il controllo
    grazie mile avvocato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Se non vuoi correre altri rischi, devi attenerti alle disposizioni che ti sono state date in questura.-

      Elimina
  28. Salve,Io sono Rony.Io ho 15 hanni 8 mesi e sono venuto un hanno fa dal Bangladesh.Voglio sapere una informazione.Possimma mese io vorrei viaggare da solo in Germania per 5-6 giorni anche mia cugina abita in america che e' maggiorenne anche lei arrivera' in Germania direttamente qiundi io voglio aggiungere con lei.io posso andare e' ducomento mi serve.per favore mi dia la risoosta.grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per andare in Germania da solo hai bisogno del passaporto, del permesso di soggiorno e di una dichiarazione dei tuoi genitori che puoi viaggiare da solo, autenticata in Comune.-

      Elimina
  29. salve egregio avvocato
    la contatto per conto di una amica moldava senza documenti sposata con un moldavo che ha anche cittadinanza rumena e che ovviamente è regolare in italia ma che ora non lavora. hanno avuta un bimbo 8 mesi fa in italia. come può regolarizzare la sua posizione? grazie al figlio nato in italia? o solo se il marito lavora?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Tua amica moldava potrà regolarizzare la sua posizione solo quando suo marito troverà un lavoro stabile.-

      Elimina
  30. Grazie mille per darmi la risposta anche una domanda adesso ho 15 hanni 8 hanni quando avro' completato 16 hanni io potro' lavorare?Ancira grazie lei

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Dal 1° settembre 2007 decorre l'innalzamento a 16 anni dell'età di ingresso al lavoro per i minori.-

      Elimina
  31. Salve avvocato!!! Mi chiamo Katia, sono una cittadina extracomunitaria residente in italia da 9 anni a giugno. A giugno però dopo aver compiuto 9 anni dovrei partire x l'Australia a studiare la lingua. Ho il permesso di soggiono con data di scadenza (ILLIMITATA) se non sbaglio posso restare fuori dal territorio italiano 12 mesi, ma x non perdere i 9 anni maturati, devo ritornare in Italia vero?
    Se sì, x quanto tempo dovrei restare in Italia prima di ripartire?
    - un'altra domanda mia madte è stata residente in italia per 9 anni poi e ritornata nel nostro paese ed è stata fuori x quasi 1 anno ma poi e ritornata ckme x vacanze a trovarmi ed è rimasta 4/5 mesi, lei può richiedere la cittadinanza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per ottenere la cittadinanza italiana per naturalizzazione si deve principalmente:
      - essere risieduti continuativamente per dieci anni in Italia
      - non essere stati condannati per taluni reati di particolare gravità
      - avere un reddito più che sufficiente.

      Elimina
  32. Buonasera Avvocato,
    Mi chiamo Ilaria e sono italiana; mio marito, è cittadino peruviano ed ha chiesto la cittadinanza italiana l'anno scorso regolarmente dopo 2 anni dal matrimonio.
    Avremmo un quesito: se ci volessimo trasferire in un paese dell'UE per motivi lavorativi e/o personali, quali accortezze dovremmo adottare? In particolare:
    - Quanto tempo può restare fuori dall'Italia finché è in possesso solo della Carta di Soggiorno?
    - Io mi dovrei iscrivere all'AIRE, lui cosa dovrebbe fare per dichiarare che si è trasferito (sempre che si possa fare)?
    - Il trasferimento in altro Paese UE (in un immobile già di mia proprietà) influirebbe sulla durata del periodo di attesa della concessione della cittadinanza?

    La ringrazio anticipatamente per la sua cortesia ed attenzione,
    Cordialmente,
    Ilaria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ilaria!
      Il titolare di un permesso di soggiorno CE per lungo soggiornante (la cosiddetta "carta di soggiorno") può assentarsi dal territorio UE, e quindi dall’Italia, per un periodo massimo di 12 mesi consecutivi. Ciò vuol dire che se il cittadino extracomunitario, in possesso del permesso di soggiorno CE per lungo soggiornante, torna nel proprio Paese o esce dal territorio UE, può restare massimo un anno senza che gli venga revocato il titolo di soggiorno.
      Nel caso in cui il titolare del permesso di soggiorno CE si rechi in un altro Paese UE e si assenta dall’Italia per un periodo superiore a sei anni, perde il titolo di soggiorno italiano. Anche nel caso in cui gli venga rilasciato un permesso di soggiorno CE per lungo soggiornante da un altro Stato membro dell’UE, il documento di soggiorno italiano viene revocato.-

      Elimina
  33. Buon giorno avvocato vorrei chiedere gentilmente che se potrei cancellare la prima residenza in Italia ? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cittadino italiano che si trasferisce all’estero per un periodo superiore ad un anno può iscriversi all’Aire - Anagrafe degli italiani residenti all’estero.
      I cittadini dell'Unione Europea (comunitari) o appartenenti a Stato terzo (extracomunitari) che intendono trasferirsi all’estero o rientrare nel proprio paese di origine, devono dichiarare l’indirizzo di nuova residenza.
      Il procedimento di cancellazione viene concluso entro 2 giorni lavorativi dal ricevimento della dichiarazione presentata dal cittadino.

      Elimina
  34. Salve avvocato, grazie per il tuo consiglio di prima, Sono amin che ti ho già scritto a lei prima del fatto di aspettare che passano il 25 giorni che mi hanno dato in questura per passare il controllo. Adesso son già passati il tempo che mi hanno dato lì in questura è non sono passati il carabinieri ..cosa devo fare adesso se aspetto ancora qualche giorni rischio ad perdere il lavoro e non so cosa devo fare .. grazie avvocato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Amin!
      Ti consiglio di ritornare in questura per richiedere disposizioni sul da farsi.-

      Elimina
  35. Grazie avvocato io sono residente qua in Italia però vorrei cancellare la prima residenza così potrei convertire la patente. Perché ho una patente marocchina e volevo convertirla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco cosa intendi per prima residenza!
      Infatti se hai cambiato residenza restando sempre in Italia, la residenza precedente viene cancellata automaticamente quando se ne richiede una nuova in un'altra città o in un'altra zona.-

      Elimina
  36. Buona notte avocato Censori! Mi chiamo Elena, sono ucraina e ho una figlia rumena. Il passaporto di mia figlia scade a settembre 2016. Mi piacerebbe rispondere cortesemente, io posso fare alla mia figlia il permesso di soggiorno? Grazie mille per la sua risposta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena!
      SI!
      Se Tua figlia è minorenne, e tu sei in regola con il permesso di soggiorno, puoi richiedere un permesso di soggiorno per ricongiungimento familiare con tua figlia.-

      Elimina
    2. Buona notte Avocato Censori! Sono ancora con le domande di pds per mia figlia. Oggi sono stata all'ufficio immigrazione con la mia domanda, su quale la risposta è stata " no, non si può fare perché a la cittadinanza rumena e in comune è registrata come rumena". La domanda : è possibile fare qua a lei la mia cittadinanza? Tutto perché il padre l'ha abbandonata è non vorrà rinnovare il suo passaporto. Grazie mille per la sua disponibilità!

      Elimina
    3. E ancora una cortesia.. Potrebbe essere così gentile di indicare la legge che prevede il ricongiungimento nel mio caso. La ringrazio molto!

      Elimina
    4. Ciao Elena!
      Purtroppo è vero!
      La normativa italiana non prevede casi di ricongiungimento familiare di cittadini extracomunitari con figli cittadini comunitari.-

      Elimina
  37. Salve avvocato,Io mi chiamo Rony e ho quasi 16 hanni.Io abito a roma da 2 hanni con padre.Quando sono venuto qua mi ha lasciato permesso di soggiorno per 2 hanni invese mio madre ha permesso di soggiorno UE.io vorrei ottenere permesso dI soggiorno UE.quindi come posso penderlo e che cose serve.grazie avvocato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se Tua madre è residente in Italia puoi richiedere il permesso di soggiorno UE, altrimenti puoi richiederlo solo se ti trasferisci nel Paese di residenza di Tua madre.-

      Elimina
  38. Mi scusi avvocato se la disturbo ancora,ma nell'ultimo messaggio che le ho inviato ho errato dicendo che mia madre aveva il permesso di soggiorno UE,ma non e' cosi.perche' mia padre risiede in Bangladesh e solo mio madre che e' risiede a roma solo lui ha permesso di soggiorno UE.grazie di nuovo e attendo risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se Tuo padre è residente in Italia puoi richiedere il permesso di soggiorno UE.-

      Elimina
  39. Salve avvocato vorrei chiederle, ho un permesso di soggiorno motivo Att.occupazione e vorrei fare una partita Iva, le mie domande :
    1.Possibile aver una partita Iva con permesso di soggiorno motivo Att.occupazione?
    2. Possibile fare un permesso di soggiorno per mio padre ricongiungimento familiare ? Grazie mille
    Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - SI! Puoi richiedere una partita IVA con permesso di soggiorno motivo attesa di occupazione.-
      - NO! Senza un lavoro o comunque senza un reddito stabile non puoi richiedere un ricongiungimento familiare con tuo padre.-

      Elimina
  40. Salve sono io di nuovo scusi per il disturbo ma vorrei dirle che la partita IVA che intendo è di commercio quindi avrò ben un reddito e secondo me se ho un reddito potrei chiedere ricongiungimento familiare con mio padre. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il ricongiungimento familiare potrai richiederlo solo dopo aver iniziato l'attività e presentato almeno una dichiarazione dei redditi e non prima.-

      Elimina
  41. Salve avvocato,
    Sono sposato un anno fa in comune e vorrei sposarmi un altra volta in comune con una persona diversa. É possibile sposarsi ? E quanto tempo devo aspettare dopo la separazione ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In Italia per legge non è ammessa la bigamia, quindi per sposarti con una seconda persona devi prima divorziare dalla prima.-

      Elimina
  42. Buongiorno avvocato.
    Sono titolare del permesso di soggiorno ce luongo periodo illimitata.
    Adesso devo richiedere lo stesso titolo di soggiorno mia moglie .( carta di soggiorno per motivi familiari) lavora da novembre 2015 con scadenza contratto di lavoro a settembre 2016.
    Come io ho un reddito sufficiente è necessario dichiarare anche quello che ha percepito mia moglie da novembre 2015 ad oggi ??? Anche se richiederà la carta di soggiorno per motivi familiari???lei ha un contratto regolare ma suo cud per l'anno 2015 è meno di 4000 euro e da gennaio 2016 ad oggi a solo ricevuto buste paghe...
    Come procedere per fare la richiesta ???? Tramite poste italiane??? Cosa mettiamo in busta ??? Che modulo dobbiamo compilare??? Alla richiesta i figli potranno essere inseriti sulla carta di soggiorno di mia moglie ??? Come fare l'inserimento dei figli???
    Mi scusi per la lunghezza .
    Grazie mille .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di rivolgerti al più vicino Ufficio INCA - CGIL per farti assistere per tutto l'iter burocratico necessario.-
      L'assistenza del patronato è gratuita!

      Elimina
  43. Buon giorno avvocato ma mi hanno detto che non posso chiedere il raggiungimento familiare con un permesso di soggiorno motivo attesa occupazione.
    E vorrei chiedere per cortesia se posso cambiare il permesso di soggiorno da motivo attesa occupazione a un permesso di soggiorno di studio? Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco cosa vuoi fare, cioè sei senza lavoro vuoi far venire Tuo padre in Italia, vuoi richiedere la partita IVA e vuoi studiare, ma anche per il permesso di soggiorno per studio devi dimostrare di essere in grado di mantenerti agli studi.-

      Elimina
  44. Buongiorno avvocato. Una domanda io ho la carta di soggiorno ma devo aggiornare la foto ho l'appuntamento a ottobre, posso cmq and in spagna in vacanza o devo aspettare avere quello nuovo grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è problema!
      La carta di soggiorno è ancora valida, ma non è più valida come documento d'identità, quindi puoi andare in vacanza in Spagna ma dovrai portare anche il passaporto.-

      Elimina
  45. buonasera avocato ho una domanda ho un amica che è stata mandata in costa d'avorio da suo padre per motivi di salute pero adesso lei sta bene e vuole rientrare in italia perchè andava a scuola ma suo padre non la rivuole è da 3 anni che li con i documenti scaduti volevo sapere se c'è una posibilita per lei di rientrare in italia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Con i documenti scaduti la Tua amica non può rientrare in Italia dalla Costa d'avorio.-

      Elimina
  46. Buongiorno Avvocato la ringrazio molto per la sua disponibilità volevo chiederle una cosa io sono sposata con cittadino italiano dal 2012,nel dicembre 2015 ho fatto la domanda per la cittadinanza e la mia pratica è già in acquisizione dei pareri..ma le cose tra di noi non vanno bene quindi se ci dovessimo lasciare o procedessimo con separazione o potrebbe fare un annullamento?rischio di non acquisire più la cittadinanza o che succederà?rimane il permesso?la ringrazio in anticipo per la riposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se sono già scaduti i due anni previsti dalla legge per il riscontro della cittadinanza presentata a seguito di matrimonio, si dovrebbe ritenere che l’interessata abbia comunque acquisito un diritto alla concessione della cittadinanza italiana perché, è precluso il rigetto della domanda una volta che siano già decorsi due anni.-
      Se la separazione avverrà prima dei due anni, la domanda di cittadinanza verrà respinta e rimarrà valido il permesso di soggiorno.-

      Elimina
  47. Egregio Avvocato,
    sono marocchino, ho la residenza a Torino da dieci anni, ma negli ultimi due anni ho lavorato in Germania come cuoco internazionale.
    Posso richiedere la cittadinanza per residenza, avendo lavorato gli ultimi tre anni (uno a Torino e gli ultimi due in Germania), quantificando un reddito superiore a 8.500 all'anno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Per il diritto alla cittadinanza italiana sono necessari almeno 10 anni residenza ininterrotta in Italia.-

      Elimina
  48. Buongiorno avvocato, sono cittadino svizzero (genitore) nato in Italia, sposato con un'italiana e residente in Italia. Vorrei sapere se è necessario che io abbia un permesso di soggiorno e se posso ottenere il passaporto Italiano.

    Grazie per la risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gianni!
      Con i bilaterali per i cittadini svizzeri in Italia valgono le medesime condizioni di soggiorno e di residenza dei cittadini dell’Unione europea. Non occorre quindi un permesso di soggiorno o di dimora. Bisogna semplicemente iscriversi all’ufficio dell’anagrafe del comune in cui si intende risiedere, presentando l’atto di origine, il certificato di partenza dalla Svizzera ed eventualmente altri documenti, come per esempio l’attestato della copertura sanitaria valida per il territorio italiano e la documentazione che attesti lo svolgimento di un’attività lavorativa, di studio o di formazione professionale.
      Se non si svolge nessuna attività occorre la dichiarazione dei redditi che dimostra la disponibilità di risorse economiche sufficienti. Chi è a carico del coniuge, del genitore, dei figli, devi portare un certificato tradotto e legalizzato che dimostra la relazione di parentela (per es. certificato di matrimonio o di nascita); e l’ultima dichiarazione dei redditi della persona di cui si è a carico.-
      Per ottenere il passaporto italiano occorre richiedere la cittadinanza italiana, che tu potrai richiedere come coniuge di cittadina italiana.-

      Elimina
  49. BUONGIORNO AVVOCATO
    SONO DISPERATO HO FATTO LA DOMANDA DI RINNOVO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO IL 17/05 PER MOTIVI FAMILIARE E FINO ADESSO NON CI HANNO CHIAMATO
    IERI SONO STATO DA LORO PER SOLLECITARE LA PRATICA IN QUANTO AVEVO PRENOTATO L'AEREO PER TORNARE A CASA PER LE FERIE IN META'LUGLIO
    VORREI SAPERE QUANTO TEMPO HANNO A DISPOSIZIONE PER IL RINNOVO?
    E IN QUESTI CASI COSA MI CONSIGLIA ?
    CORDIALI SALUTI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. VORREI PRECISARE CHE IL PERMESSO E' PER MIA MOGLIE

      Elimina
    2. Per quanto riguarda i tempi di evasione di una pratica di rinnovo del permesso di soggiorno, purtroppo la normativa non prevede un limite; però Tua moglie può viaggiare comunque con volo diretto o comunque senza uscire dall'aeroporto in caso di scali intermedi, informando la questura del viaggio.-

      Elimina
  50. Salve avvocato mi scusi per il disturbo vorrei chiederle, mia zia fa la sarta ha la residenza in Milano e ha partita IVA adesso è andata a Roma, se vuole chiedere il rinnovo del permesso di soggiorno deve tornare a Milano o può chiedere anche a Roma. Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simo!
      La domanda di rinnovo del permesso di soggiorno va presentata al Ministero dell'Interno tramite ufficio postale utilizzando l'apposito kit, quindi può essere presentata in qualsiasi Città italiana.-

      Elimina
  51. buonasera avvocato.
    se tolgo la residenza in italia perche voglio lavorare alle steor ed iscrivermi all aire, a mio marito verra' sottratto il permesso di soggiorno italiano ? io sono italiana, lui sudafricano attualmente residenti in italia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carlotta!
      Dipende dal tipo di permesso di soggiorno che ha Tuo marito, quindi se lavora o meno, e se intende trasferirsi all'estero insieme a te, ed eventualmente per quanto tempo o se intende rimanere in Italia.-
      Senza queste informazioni purtroppo non posso esserti d'aiuto.-

      Elimina
    2. ..mio marito ha il peremsso di soggiorno per famiglia valido 5 anni. non ha alcuna proprieta' ne' lavoro, risulta inoccupato. sta lavorando all estero ma vorrebbe mantenere la residenza in italia; ovviament eil mio dubbio e' che se m iscrivo all aire, il suo permesso di soggiorno venga richiesto indietro. ho intenzione di tornare a vivere in itaia ma fra 2 anni circa.

      Elimina
    3. Ciao Carlotta!
      Purtroppo SI!
      Se Tu togli la residenza in Italia, il permesso di soggiorno di Tuo marito non è più valido, e tuo marito non avendo redditi perderebbe anche la residenza.-
      Probabilmente c'è qualcosa che mi sfugge, ma trovo strano che una moglie italiana voglia togliere la residenza in Italia perché si trasferisce all'estero per lavoro, mentre il marito extracomunitario che già lavora all'estero voglia conservare la residenza in Italia, perché questo ovviamente crea dei problemi di carattere burocratico.-

      Elimina
  52. Salve, vorrei gentilmente sapere se una persona extra comunitaria titolare di una carta di soggiorno per familiare di cittadino ue con la dicitura illimitata (quindi il rinnovo dopo i primi 5 anni) puo' seguire il coniuge in ue, nel caso specifico Germania, per lavorare senza dover passare per una pratica di ricongiungimento familiare, grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Con la carta di soggiorno italiana, anche se è stata rilasciata come familiare di cittadino USE, si può andare a lavorare in Germania senza problemi.-

      Elimina
  53. buongiorno avvocato,
    io ho il permesso id residenza in tanzania e il permesso di lavoro in italia ma voglio mantenere la mia residenza in italia.
    in tanzania pago le tasse.
    devo pagare le tasse anche in italia e quali tipo di tasse?
    non ho alcuna propieta' in italia e risulto inoccupata.
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..mi scusi volevo dire permesso di lavoro in tanzania!!

      Elimina
    2. In Italia le tasse si pagano sul reddito e sul patrimonio, quindi se non hai proprietà e non lavori non devi pagare alcuna tassa.-
      Il problema però è il permesso di soggiorno, che alla scadenza presumo non ti verrà rinnovato, e in tal caso con il permesso di soggiorno scaduto perderesti anche la residenza in Italia.-

      Elimina
  54. Buona sera avvocato per cortesia, vorrei sapere se c'è una lagge dice che per avere la residenza a Palagonia (CT) dovrei rinnovare il permesso di soggiorno anche se ancora valido per un anno ? Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Iscrizione all'Anagrafe:
      Per iscriverti all'anagrafe devi essere un componente maggiorenne della famiglia. Devi recarti personalmente all'Ufficio Anagrafe del Comune in cui hai la tua abitazione dove ti verrà dato un modulo da compilare e sottoscrivere.
      Alla presentazione della domanda dovrai essere in possesso di:
      - Permesso di soggiorno di validità superiore a 3 mesi
      - Passaporto in corso di validità o documento equipollente
      - Codice fiscale
      - Contratto di affitto registrato
      - Autocertificazione dei metri quadrati della tua abitazione
      - Documenti relativi allo stato civile (matrimonio, divorzio ecc.). Tali documenti devono essere alternativamente originali rilasciati dalle competenti autorità del Paese in cui si è verificato l'evento, tradotti in italiano e legalizzati, oppure originali rilasciati dalle Autorità Consolari presenti in Italia del tuo Paese di origine con firma legalizzata presso la competente Prefettura.-
      Un permesso di soggiorno che è ancora valido per un anno, non è al momento nemmeno rinnovabile, quindi la richiesta del Comune è ingiustificata, Ti consiglio quindi di verificare se la motivazione è un'altra e di rivolgerti eventualmente in Questura per ulteriori chiarimenti.-

      Elimina
  55. Egreggio avvocato,

    Sono extracomunitario con permesso di soggiorno illimitato in Italia e sono sposato (unione civile) con cittadino norvegese a Oslo .
    vorrei sapere se essendo mio marito e io vivo qui in italia questo gli da il diritto di iscriversi l anagrafe e di avere codice fiscale e assistanza sanitaria in italia.
    cordiali saluti .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo al momento ancora NO!
      Infatti la legge sulle unioni civile è già stata approvata dal Parlamento italiano, ma mancano le norme attuative, quindi non è ancora applicabile.-

      Elimina
  56. Buongiorno Avvocato , mi sono rivolta a lei tempo fa per la situazione del mio compagno , ho fatto delle ricerche su Shengen ma ancora i dubbi mi assillano , Lui e' cittadino venezolano entrato in Eu ( Portogallo) a gennaio 2016 , essendo esente da visto di ingresso a marzo e' stato in Italia 20 giorni , ad Aprile tornato in Portogallo ha fatto richiesta di cittadinanza essendo figlio di Portoghesi , ora e' in attesa e proprio per questa eccezione gli hanno rinnovato il visto C in portogallo ora per la seconda volta , quindi 3 mesi da Gennaio a aprile + visto C aprile - luglio e ora Luglio altri 3 mesi senza tornare in venezuela , le domande sono due:
    Puo' venire in Italia a farmi visita per un mese con quel visto fatto per il portogallo? Ovviamente con biglietto a/r e mia lettera informale di ospitalita'
    Potrebbe avere problemi dato che ha questo visto rinnovato in via del tutto eccezionale ?la ringrazio per la cortesia !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I cittadini dei seguenti Paesi sono esenti dall'obbligo di visto d’ingresso per soggiorni di durata massima di 90 giorni, per turismo, missione, affari, invito, gara sportiva e studio:
      Albania, Andorra, Antigua e Barbuda, Argentina, Australia, Bahamas, Barbados, Bosnia-Erzegovina, Brasile, Brunei, Canada, Cile, Colombia, Corea del Sud, Costa Rica, Croazia, Dominica, El Salvador, Ex-Repubblica Iugoslava di Macedonia (FYROM), Emirati Arabi Uniti, Giappone, Grenada, Guatemala, Honduras, Hong Kong, Israele, Malesia, Macao, Marianne del Nord, Mauritius, Messico, Monaco, Montenegro, Nicaragua, Nuova Zelanda, Palau, Panama, Paraguay, Saint Kitts e Nevis, Samoa, Santa Lucia, Serbia, Seychelles, Singapore, Stati Uniti, St. Vincent e Grenadine, Taiwan, Timor Est, Tonga, Trinidad, e Tobago, Uruguay, Vanatu, Venezuela.-

      Elimina
  57. Anche se e' su territorio europeo da piu' di 6 mesi senza tornare in venezuela ? E con visto prorogato ? Era questa la domanda mi scusi forse mi sono spiegata male , il dubbio mi sorgeva in quanto e' ininterrottamente qui innEU da gennaio e dopo 90 giorni gli hanno prolungato il visto perche' e' in corso acquisizione cittadinanza e non capisco se puo' soggiornare in italia per agosto grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      La normativa italiana, adeguandosi alla normativa comunitaria, consente anch’essa che un cittadino extracomunitario in possesso di visto turistico rilasciato da uno Stato Schengen, possa fare ingresso per brevi soggiorni in Italia ad esclusivo scopo turistico.
      In Italia, il decreto del Ministero dell’Interno del 26 luglio 2007 ha esplicitamente previsto che se lo straniero proviene da Paesi che non applicano l'Accordo di Schengen, l'obbligo di rendere la dichiarazione di presenza è soddisfatto con l'apposizione del timbro uniforme Schengen sul documento di viaggio al momento del controllo di frontiera. Se invece il cittadino extracomunitario proviene da uno Stato Schengen, dovrà, entro 8 giorni dall’ingresso effettuare la dichiarazione di presenza presso gli Uffici stranieri della Questura competente per territorio indicando le finalità del viaggio, la durata prevista del soggiorno, l’alloggio nel quale è ospitato, dare dimostrazione dei mezzi finanziari per periodo in cui si tratterrà in Italia (sono indicati dalla Direttiva del Ministero dell’Interno del 1 marzo del 2000), e fornire la documentazione per la copertura sanitaria.-

      Elimina
  58. Buongiorno Dottore,
    io dovrei fare la richiesta per la cittadinanza, ho tutti i requisiti ma ho il lavoro precario.. possiedo due redditi (Cud) 2015 e 2016.. posso integrare il reddito di mio fratello ed inoltrare a domanda? oppure devo aspettare anche il reddito del 2016. Grazie, come sempre molto gentile. Maryam

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maryam!
      Purtroppo NO!
      A questo punto devi aspettare anche il reddito del 2016, se non vuoi correre il rischio che la Tua domanda di cittadinanza venga respinta.-

      Elimina
  59. Egregio Avvocato
    Mi scusi il disturbo avrei una domanda quando prendo la cittadinanza italiana che tipo di permesso potrei fare per mio fratello (30anni) se venisse in Italia,oltre a quello turistico ha il diritto al permesso di lunga durata?, in caso Sì potrebbe lavorare in altro paese europeo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sofia!
      Purtroppo NO!
      Un ricongiungimento familiare è possibile solo con il coniuge, i figli o i genitori, ma non con i fratelli o le sorelle.-

      Elimina
  60. Scusate, ma mi inserisco per una domanda. Devo fare una domanda per un permesso di soggiorno per una badante mi hanno detto secondo il decreto flussi 2016 .... sapete dirmi se ci sono limiti di redito per l'assunzione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende dal tipo di contratto che intendi stipulare con la badante!
      Infatti per poter assumere una badante extra comunitaria, tu devi dimostrare di avere un reddito sufficiente per te, per la tua famiglia, e per retribuire la badante.-

      Elimina
  61. Buonasera avvocato
    Sono una ragazza ucraina, ho 26 anni e sono in Italia da 10 anni con PDS per motivi familiari. Mi sono diplomata ma purtroppo lavoro e difficile a trovare.Vivo insieme alla mia mamma e suo marito, cittadino italiano, pure lei cittadina italiana per via del matrimonio . La mia domanda : posso fare la domanda per la cittadinanza visto la mia situazione? Quale sono i documenti che servono per la pratica ?
    Entro un anno mi scade il permesso di soggiorno e vorrei sapere come comportarmi.
    Grazie mille per la sua risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Fino a quando non trovi un lavoro stabile non potrai richiedere la cittadinanza italiana.-

      Elimina
  62. Salve avvocato
    Sono sempre io , la ragazza ucraina, Inna.
    Avrei ancora qualche domanda. Se trovo lavoro , serve avere un determinato periodo per fare domanda di cittadinanza ,o non importa, che sia un mese o un anno di lavoro ?
    E se marito di mia mamma mi vole adottare , e possibile per la mia eta , e se si conquista in questo caso la cittadinanza??
    Grazie infinite per la pazienza e Le auguro buon lavoro e buon ferragosto .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Per richiedere la cittadinanza devi avere un contratto di lavoro e un reddito sufficiente per mantenerti.-
      - Possono chiedere di adottare un maggiorenne le persone (coniugate o meno) che:
      - non hanno discendenti legittimi o legittimati
      - hanno compiuto i 35 anni d'età
      - superano di almeno 18 anni l'età di coloro che intendono adottare.

      Elimina
  63. Salve avvocato.
    ho il permesso di soggiorno per soggiornanti di lungo periodo ce con la dicittura illimitata .
    Ho richiesto l'aggiornamento...la questura di milano mi rilascerà lo stesso permesso con la dicittura illimitata??? O no

    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      La questura ti rilascerà lo stesso permesso con la dicitura illimitata.-

      Elimina
  64. Salve Avvocato .
    Mio figlio di anni 16, entrerà in italia con un visto motivi familiari al seguito di un ricongiungimento familiare.
    ho l'appuntamento a novembre per il nulla osta, quindi potrà entrare a fino novembre o a dicembre.
    La mia domanda è : Mio figlio a quel periodo potrà iscriversi in un liceo pubblico ed iniziare a frequentare anche se sono passati quattro mesi di scuola?
    siamo residenti a milano . grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Teoricamente si può iscriversi a un liceo pubblico entro l’ultimo giorno di scuola prima della sospensione natalizia, ma dipende dalla disponibilità di posti e dalla volontà del dirigente scolastico.-

      Elimina
  65. Buongiorno Avvocato
    sono una ragazza Italiana e scrivo per avere un'informazione per quanto riguarda il mio ragazzo. Lui è di origini del Sud Africa e per due anni ha studiato un Master in Svizzera e a luglio avendo finito gli studi ed essendo scaduto il permesso di soggiorno è dovuto tornare in Sud Africa. Il suo sogno sarebbe quello di venire a lavorare qui in Italia in quanto avrebbe grandissime opportunità di lavoro.
    Sicuramente farà il visto di 3 mesi, ma nel caso lui volesse rimanere qui come funziona? Dovrebbe trovare un posto di lavoro e fare tutte le carte? Oppure l'unica soluzione è quella di doversi sposare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola!
      Il Tuo ragazzo per poter rimanere in Italia dovrebbe, o trovare un lavoro e richiedere quindi il permesso di soggiorno, o sposarsi con una cittadina italiana.-

      Elimina
  66. Buona sera,sig Gianfranco volevo sapere se io posso fare domanda per la carta sia 2016, avendo un nucleo famigliare composto di 5 persone 3 bambini 1)-14 anni ,2)-12 anni ,3)-2 anni e 3 mesi.persibisco la carta acquisti ordinaria,sino a maggio 2017,assegno famigliari x 3 figli.i.s.e.e 2016 e di 996 euro.nessuna pensione,indenitá dissocupazione ecc ecc.in affito .grazie porgo distinti saluti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I cittadini e le famiglie per ottenere il SIA, Sostegno inclusione attiva, devono essere in possesso dei seguiti requisiti Carta SIA 2016:
      - Essere cittadini italiani o comunitari, oppure familiari con diritto di soggiorno, stranieri con permesso di soggiorno CE, residenti in Italia da almeno 2 anni;
      - Deve essere presente un minore, un disabile o una donna in gravidanza. Nel caso in cui lo stato di gravidanza, sia l’unico requisito SIA, in possesso del nucleo familiare, la domanda carta SIA 2016, può essere presentata non prima di 4 mesi dalla data presunta del parto, allegando la relativa certificazione medica rilasciata da una struttura pubblica;
      - Non essere in possesso di autoveicoli immatricolati nei 12 mesi prima della domanda;
      - Non avere auto superiori a 1.300 cc o motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc immatricolati nei 3 anni antecedenti la domanda;
      - Limite reddito ISEE carta SIA: avere un ISEE 2016 non superiore a 3000 euro;
      - Non avere aiuti economici sopra a 600 euro al mese;
      - Nel nucleo familiare non ci devono essere persone che percepiscono indennità a sostegno al reddito per i disoccupati quali ad esempio la disoccupazione Naspi 2016/2017 o l'Asdi.

      Elimina
  67. Buonasera avvocato. Sono un cittadino egiziano. il mio primo permesso di soggiorno è appena scaduto. ho già fatto richiesta di rinnovo. ho il cedolino delle poste ma il nuovo permesso sarà pronto a metà ottobre.vorrei andare a trovare mia mamma che è gravemente malata ma temo di aver problemi a rientrare in italia. inoltre sto aspettando il duplicato del passaporto che ho smarrito. sono in possesso di carta di identità valida e permesso appena scaduto. Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se se tratta di viaggio aereo diretto, anche con il permesso di soggiorno scaduto e la ricevuta della domanda di rinnovo puoi partire, ma devi comunque attendere il duplicato del passaporto, perché senza passaporto non puoi andare da nessuna parte.-

      Elimina
  68. Salve avvocato
    Per la pratica di adozione,siccome che sono maggiorenne , dove dovremo andare, a chi rivolgersi, e quali documenti servono .
    Quanto tempo ci vuole per portare a buon fine la pratica?
    Grazie infinite

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È possibile adottare un ragazzo maggiorenne purché sussistano i requisiti previsti dalla legge: età di almeno 35 anni della persona adottante e differenza di almeno 18 anni di età tra adottante e adottato.
      La procedura per l’adozione ha inizio con un ricorso che deve essere presentato al Tribunale Ordinario del luogo di residenza, attraverso l’assistenza obbligatoria di un legale.
      A quel punto il Tribunale provvederà ad accertare l’esistenza dei requisiti previsti dalla legge.
      Oltre al requisito anagrafico, già menzionato, occorre il consenso di entrambe le parti. Da un lato, cioè, serve il consenso dell’adottante ed eventualmente, quello della moglie e dei figli; dall’altro lato, il consenso della persona da adottare, dei suoi genitori (se ancora in vita) e del suo eventuale coniuge.
      La richiesta di adozione andrà, poi, motivata, indicando per quale ragione si intenda creare questo vincolo familiare (può essere, ad esempio, il fatto di avere trascorso molto tempo insieme e di avere instaurato una relazione affettiva significativa).
      Assieme al ricorso andranno prodotti i seguenti documenti:
      – copia integrale dell’atto di nascita dell’adottando, da richiedere al Comune di nascita;
      – estratto dell’atto di nascita dell’adottante;
      – certificato di matrimonio (se coniugato) o di stato libero (se celibe o nubile) dell’adottante e dell’adottando;
      – certificato di morte dei genitori dell’adottando (se deceduti) (se viventi presenteranno il loro assenso nelle forme dell’art. 311 c.c.);
      – certificato di stato di famiglia dell’adottante in bollo;
      – certificato di residenza adottante e adottando in bollo.
      Per quanto riguarda i costi, il deposito del ricorso richiede il pagamento di un contributo unificato pari a €.98,00 nonché di una marca da bollo pari ad €.27,00.
      A queste spese di giustizia, occorre aggiungere le spese legate ai summenzionati documenti, alcuni dei quali – come sopra specificato – sono da produrre in bollo (l’imposta di bollo è pari ad €.16,00).
      In seguito alla sentenza di adozione (decreto motivato) l’adottante assumerà il cognome dell’adottato e lo anteporrà a quello dei genitori biologici.

      Elimina
  69. Buongiorno avvocato
    La ringrazio di cuore per la chiarissima spiegazione riguardo mia domanda
    Buona settimana

    RispondiElimina
  70. Sig. Censori
    Mi scuso ma sono ancora io,Inna
    A tutti i certificati necessari per l'adozione dal mio paese di origine tradotti in italiano , ci penso io.Dovrò solo consegnarli al avvocato,quindi,non l'ho metto in dubbio,ma sicuramente avrà da fare anche lui la sua parte .In questo caso, più o meno,quanto può costare l^avvocato ?? una minima idea mi darebbe una mano.
    Grazie mille


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se trovi un avvocato "onesto" e competente in materia, la sua parcella dovrebbe aggirarsi sui 450/500 euro.-

      Elimina
  71. Salve avvocatp
    sono Brasiliana in attesa del rinnovo del permesso di soggiorno.
    Ho un viaggio programmato per il 13/09/2016 al 21/09/2016.
    volevo sapere se posso viaggiare con la ricevuta di rinnovo della posta, permesso di soggiorno scaduto e passaporte brasiliano.
    ho spiegato la situazione al consolato della repubblica Caca a Roma, e mi hanno informato che mi serviva soltatnto il passaporte, ho scritto anche alla Questura di Firenze e somno in attesa di risposta.
    Grazie
    Grazie

    RispondiElimina
  72. Il viaggio è per la Repubblica Ceca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La ricevuta della domanda di rinnovo del permesso di soggiorno, è valida in Italia ma non ha alcun valore all'estero, perché non offre la garanzia che il permesso di soggiorno verrà effettivamente rinnovato, quindi se nella Repubblica Ceca trovi dei funzionari comprensivi e a conoscenza delle lungaggini burocratiche italiane non ci saranno problemi, ma se trovi un funzionario particolarmente "pignolo" potrebbero anche rimandarti subito indietro in Italia.-

      Elimina
  73. BUONGIORNO AVV
    IO SONO EXTRACOMUNITARE SPOSATO CON ITALIANA E ABBIAMO UN FIGLIO .POSSIEDO UNA PERMESSO DI SOGGIORNO A LUNGO TERMINE VOGLIAMO ANDARE IN VACANZA A LONDRA . PER ENTRARE IN INGHILTERRA MI SERVE VISTO ? O BASTA SOLO PRESENTARE LA CARTA DI SOGGIORNO CON IL CERTIFICATO DI MATRIMONIO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Anche se sei sposato con una cittadina italiana, per andare in vacanza a Londra hai bisogno di un visto da richiedere all'ambasciata inglese di Roma.-

      Elimina

  74. Salve avvocato,sono cittadino italiano, ho sposato da poco con un cittadina indiana, che per ricongiungimento serve il reddito? Nn ho lavoro, ho reddito di idennita di dissoccupazione 750€ al mese, può essere sufficiente per ricongiungimento di mia moglie, grazie per la risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco!
      Tua moglie, essendo sposata con un cittadino italiano, può richiedere la carta di soggiorno per motivi familiari a prescindere dal tuo reddito, che è quindi ininfluente.-

      Elimina
  75. Salve avvocato .
    Sono un cittadino extracomunitario,con carta di soggiorno con la dicitura illimitata.
    Vorrei chiederla un favore se possibile.
    Ho qualche domande che riguardano le assegnazione alloggi di edilizia residenziale pubblica (ERP) Comunamente chiamate case comunale.

    - quando viene assegnato una casa comunale a una famiglia con figli.è possibile fare un ricongiungimento di un mio familiare in una casa comunale?
    - posso fare tutto quello che faccio se fosse in un affitto normale e regolare?
    Cosa cambia tra vivere in una casa comunale (erp ) e vivere in un affitto tutto regolare? Esiste una differenza?
    - nell'assegnazione delle case comunali, la famiglia più numerosa ha più possibilità di avere la casa prima di una famiglia con solo un figlio?

    Grazie mille .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. DIRITTI DEGLI ASSEGNATARI
      Accanto ai doveri l’assegnatario ha, naturalmente, i suoi diritti, che sono molto importanti e che si possono così riassumere:
      1) Abitare nell’alloggio praticamente a tempo indeterminato.
      2) Subentro nel contratto per i familiari conviventi
      3) Poter cambiare alloggio se quello ottenuto non è più adeguato alle attuali condizioni familiari o di salute, semprechè vi sia la disponbibilità
      4) Avere un canone in funzione anche del reddito del proprio nucleo familiare
      5) Votare e decidere sulla gestione dei servizi e delle parti comuni
      6) Ospitare altre persone
      7) Recedere dal contratto di locazione con preavviso di tre mesi
      8) Usufruire dei servizi forniti dall’ATER:

      Elimina
  76. Salve avvocato vorrei chiederle, ho un permesso di soggiorno motivo att.occupazione che se scade in dicembre. La mia ragazza è italiana ma non lavora, se sposo con lei posso chiedere la carta di soggiorno (illimitata) ? Grazie e buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Un cittadino extracomunitario che sposa una cittadina italiana ha diritto alla carta di soggiorno illimitata.-

      Elimina
  77. Buonasera Avvocato!

    Prima di tutto mi piacerebbe dire Grazie mille per prendersi il tempo di leggere i nostri commenti e di rispondere :). Io ho 2 dubbi, sono colombiana sposata con un cittadino italiano e ho il mio permesso di soggiorno di lunga durata, adesso ho una offerta di lavoro in Portogallo ma mi hanno detto che senza il permesso fi lavoro rilasciato per un entità portoghesa nn mi possono fare il contratto, lei ne sa qualcosa su i requisiti per chiedere questo permesso? E poi a gennaio faccio 2 anni di sposata, ma residiendo in Italia con mio marito ho già fatto i 2 anni, sarebbe possibile fare adesso la richiesta per la cittadinanza o devo aspettare a gennaio? Di nuovo grazie mille!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un cittadino straniero, residente in Italia, può andare a lavorare all'estero, nei paesi dell'area schengen solo se in possesso della carta di soggiorno, da aggiornare poi nel Paese di destinazione dopo tre mesi di permanenza.-

      Elimina
  78. Buonasera.
    Una domanda cortesemente.
    Io sono cittadina albanese residente in Italia da quasi 11 anni ho il permesso di Soggiorno Illimitato. Volevo sapere se per andare in Canada mi serve il Visto?! Grazie mille in anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Per andare in Canada è necessario un visto da richiedere all'ambasciata canadese di Roma.-

      Elimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.