martedì 29 luglio 2014

Cittadini Stranieri (Comunitari ed Extracomunitari)

Abbiamo aggiornato il nostro articolo sui Cittadini Stranieri con l'obiettivo di riepilogare le questioni più ricercate e renderle più facilmente consultabili:
  1. Aggiornamento permesso/permesso C.E.
  2. Assistenza sanitaria
  3. Carta d'Identità
  4. Carta di soggiorno per lungo periodo
  5. Carta di soggiorno per familiari di lavoratori extracomunitari
  6. Carta di soggiorno per motivi familiari/parentela
  7. Certificazione Anagrafica
  8. Cittadinanza Italiana
  9. Codice fiscale
  10. Iscrizione all'anagrafe
  11. Libera circolazione
  12. Matrimonio
  13. Minori all'estero
  14. Nazioni Unione Europea
  15. Paesi Patto Schengen
  16. Permesso di soggiorno per lavoratori dipendenti
  17. Permesso di soggiorno per non lavoratori dipendenti
  18. Prestazioni previdenziali
  19. Ricongiungimento del familiare residente all'estero
  20. Rinnovo del permesso di soggiorno in attesa occupazione
  21. Rinnovo del permesso di soggiorno per lavoro subordinato
  22. Rinnovo del permesso di soggiorno per motivi familiari
  23. Visti per area Schengen

1) Aggiornamento permesso/permesso C.E.:

La carta di soggiorno o permesso C.E. per soggiornanti di lungo periodo non ha scadenza, non deve essere rinnovato ma solo aggiornato e attribuisce allo straniero una serie di diritti "in più" rispetto al permesso di soggiorno "ordinario".
Il permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo è valido come documento di identificazione personale per 5 anni.
Il permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo non riporta data di scadenza ma la dicitura "illimitata"
Documentazione necessaria:
A) Marca da bollo da 14,62 euro - B) 4 foto - C) Originale + copia del permesso di soggiorno in scadenza e codice fiscale - D) Copia del passaporto in corso di validità (solo pagine con timbri) - E) Autocertificazione del certificato di residenza e stato di famiglia - F) Ricevuta del bollettino di c/c postale premarcato di 27,50 euro.-


2) Assistenza Sanitaria:

Se hai un permesso di soggiorno per lavoro subordinato, autonomo o per attesa occupazione, per motivi familiari, per asilo politico o umanitario, per affidamento o per acquisto della cittadinanza italiana hai diritto all'assistenza sanitaria; l'iscrizione deve essere effettuata presso la ASL (Azienda sanitaria locale); l'assistenza è valida per i tuoi familiari a carico regolarmente soggiornanti in Italia.
Se hai ricongiunto in Italia i tuoi genitori e hanno più di 65 anni di età, devono avere un'assicurazione sanitaria che li copra da ogni rischio in Italia e essere iscritti al Servizio Sanitario Nazionale previo pagamento di un contributo.-
Puoi iscriverti volontariamente al Servizio Sanitario Nazionale se sei regolarmente soggiornante ma non rientri nelle categorie precedenti pagando un contributo annuale, valido anche per i familiari a carico (ad esempio se hai un permesso per studio).-
Se sei “irregolare” puoi usufruire delle cure ambulatoriali ed ospedaliere urgenti o in ogni modo essenziali, ancorché continuative, per malattie e infortuni e dei programmi di medicina preventiva utilizzando il codice Stp (Straniero temporaneamente presente).-
Non puoi essere espulsa se sei una donna in stato di gravidanza o nei sei mesi successivi alla nascita di Tuo figlio; potrai avere un permesso di soggiorno per cure mediche (insieme a tuo marito, se convivente).-


3) Carta d'Identità:

Per avere la carta d'identità devi rivolgerti agli Uffici Anagrafe presentando:
- n. 3 fotografie uguali e recenti
- passaporto valido
- permesso di soggiorno validoDevi ricordare che la carta d'identità ha la stessa durata del permesso di soggiorno, non è considerato documento valido per l'espatrio e non legittima la tua permanenza in Italia in mancanza o alla scadenza del permesso di soggiorno, salvo che eventuali convenzioni o accordi internazionali dispongano diversamente.-


4) Carta di Soggiorno per Lavoratori Extracomunitari (Permesso C.E. Sogg. Lungo Periodo):

Questo tipo di permesso di soggiorno è a tempo indeterminato e può essere richiesto solo da chi possiede un permesso di soggiorno da almeno 5 anni.-
La documentazione necessaria è la seguente:
A) Bollo euro 14,62 - B) n. 4 foto tessera - C) originale + copia permesso di soggiorno in scadenza + codice fiscale - D) Fotocopia del passaporto (solo pagine con timbri) - E) Copia del contratto di affitto o rogito in caso di proprietà dell’alloggio o dichiarazione di ospitalità - F) Certificato comunale che attesti l’idoneità dell’alloggio - G) Modello CUD o 730 o UNICO relativo ai redditi percepito nell’anno precedente - H) Copia delle ultime tre buste paga - I) Contratto di lavoro e dichiarazione del datore di lavoro attestante che il rapporto di lavoro è ancora in essere - L) Superamento del test di italiano o diploma di scuola media o superiore - M) Autocertificazione dello stato di famiglia - N) Certificato dei carichi pendenti e del casellario giudiziale rilasciati dalla procura competente - O) Ricevuta del bollettino di c/c postale premarcato di 227,50 euro - P) Modello UNILAV o copia del contratto di soggiorno con allegata ricevuta di ritorno.-


5) Carta di Soggiorno per Familiari di Lavoratori Extracomunitari:

La documentazione necessaria è la stessa di quella che serve per i lavoratori extracomunitari ma in aggiunta serve anche il certificato di matrimonio, stato di famiglia o certificato di nascita tradotto e legalizzato dall'ambasciata italiana nel paese straniero.-
Ai fini della determinazione del reddito per il ricongiungimento familiare occorre fare riferimento all'importo annuo dell'assegno sociale.
L'importo dell'assegno sociale per l'anno 2014 è di 447,61 €, pari a 5.818,93 € l'anno.
Richiedente - 5.818,93 € annui
1 familiare - 8.728,39 € annui
2 familiari - 11.637,86 € annui
3 familiari - 14.547,32 € annui
4 familiari - 17.456,79 € annui
2 o più minori di 14 anni - 11.637,86 € annui
2 o più minori di 14 anni e un familiare - 14.547,32 € annui


6) Carta di Soggiorno per Motivi Familiari/ Parentela:

Chiunque sia legato ad un cittadino italiano da un legame di parentela entro il quarto grado, può richiedere la carta di soggiorno per motivi familiari.-


7) Certificazione Anagrafica:

Per i cittadini appartenenti ad uno stato membro dell'Unione Europea che intendono soggiornare sul territorio nazionale per un periodo superiore a 3 mesi è sufficiente richiedere il certificato di iscrizione anagrafica rilasciato dal Comune dove dimorano.-


8) Cittadinanza Italiana:

A) Acquisto per nascita:

L'acquisto automatico della cittadinanza per nascita nel territorio italiano, da genitori non cittadini italiani, è previsto solo:
- se entrambi i genitori sono ignoti o apolidi;
- se il figlio non segue la cittadinanza dei genitori secondo la legge dello Stato al quale questi appartengono.
Acquista la cittadinanza italiana anche il figlio di genitori italiani nato all'estero.

B) Acquisto per Residenza

Il cittadino straniero nato e residente in Italia senza interruzioni fino alla maggiore età, acquista la cittadinanza italiana se, entro il 19° anno di età, dichiara di volerla acquistare con una dichiarazione all’Ufficiale di Stato civile.

C) Acquisto per Naturalizzazione (per i cittadini stranieri residenti in Italia)

La cittadinanza per naturalizzazione viene concessa al cittadino straniero:
- dopo 10 anni di residenza legale in Italia per il cittadino non comunitario;
- dopo 4 anni di residenza legale in Italia per il cittadino comunitario;
- che abbia almeno uno dei genitori od un parente di secondo grado cittadino italiano per nascita, legalmente residente in Italia da almeno 3 anni;
- maggiorenne adottato da un cittadino italiano che risieda legalmente in Italia da almeno 5 anni dopo l'adozione;
- al cittadino straniero in possesso dello status di apolide o di rifugiato, dopo 5 anni di residenza legale in Italia.
Alle domanda di cittadinanza, deve essere allegata la certificazione originale che prova il possesso dei requisiti.
Elenco documenti:
A) Atto di nascita tradotto e legalizzato dall’ambasciata italiana nel paese di origine - B) Certificato penale del paese di origine tradotto e legalizzato - C) Certificato storico di residenza (da richiedersi nei vari comuni in cui è stato residente) - D) Stato di famiglia e residenza - E) Denuncia dei redditi degli ultimi 3 anni - F) Copia del permesso/carta soggiorno - G) Marca da bollo da 14,62 euro.-
Le domande sono soggette al pagamento di un contributo di importo pari a 200,00 euro.
Il reddito minimo necessario per ottenere la cittadinanza italiana per l'anno 2014 è il seguente:
- Euro 8.500,00 per una sola persona
- Euro 11.500,00 in caso di coniuge a carico
- Euro 550,00 in più per ogni figlio a carico
Per le richieste di cittadinanza per residenza, in pendenza di istruttoria e fino alla conclusione del procedimento, NON è consentito il trasferimento della residenza all'estero pena la dichiarazione di inammissibilità dell'istanza.-

D) Acquisto per Matrimonio

Il cittadino/a straniero che sposa un cittadino/a italiano può fare domanda per la cittadinanza italiana se, dopo il matrimonio, risiede legalmente da almeno 2 anni in Italia oppure dopo 3 anni dalla data del matrimonio in caso di residenza all'estero.
E' possibile ottenere la cittadinanza qualora al momento dell'adozione della cittadinanza non sia intervenuto lo scioglimento, l'annullamento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio e non sussista la separazione personale dei coniugi.
Quindi se dopo la presentazione dell'istanza interviene lo scioglimento, l'annullamento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio o la separazione personale, la concessione della cittadinanza viene negata.
I termini per ottenere la cittadinanza sono ridotti della metà in presenza di figli, ovviamente nati o adottati dai coniugi: 1 anno in caso di residenza in Italia e 18 mesi in caso di residenza all'estero.
Alle domanda di cittadinanza, deve essere allegata la certificazione originale che prova il possesso dei requisiti.
Elenco documenti:
A) Atto di nascita tradotto e legalizzato dall’ambasciata italiana nel paese di origine - B) Certificato penale del paese di origine tradotto e legalizzato C) Stato di famiglia e residenza - D) Certificato di matrimonio trascritto nel comune di residenza - E) Copia del permesso/carta soggiorno - F) Denuncia redditi ultimi 3 anni - G) Marca da bollo di 14,62 euro.-
Le domande sono soggette al pagamento di un contributo di importo pari a 200,00 euro.

E) Acquisto cittadinanza per discendenza di cittadini italiani

Il cittadino straniero discendente fino al IV grado di italiani emigrati all'estero, con cittadinanza italiana, può ottenere il riconoscimento della cittadinanza italiana.

F) Acquisto Automatico

I figli minori di chi acquista o riacquista la cittadinanza italiana, se convivono con esso, acquistano la cittadinanza italiana, ma, divenuti maggiorenni, possono rinunciarvi, se in possesso di altra cittadinanza (art 14 L.91/92).


9) Codice Fiscale:

Per richiedere il codice fiscale servono, se sei cittadino straniero originale e fotocopia del:
- permesso di soggiorno o carta soggiorno
- passaporto
- se non hai ancora il permesso di soggiorno, va bene anche il visto d'ingresso ancora valido.
- e indicare dove sei residente, via, cap e la città.


10) Iscrizione all'Anagrafe:

Per iscriverti all'anagrafe devi essere un componente maggiorenne della famiglia. Devi recarti personalmente all'Ufficio Anagrafe del Comune in cui hai la tua abitazione dove ti verrà dato un modulo da compilare e sottoscrivere.
Alla presentazione della domanda dovrai essere in possesso di:
- Permesso di soggiorno di validità superiore a 3 mesi
- Passaporto in corso di validità o documento equipollente
- Codice fiscale
- Contratto di affitto registrato
- Autocertificazione dei metri quadrati della tua abitazione
- Documenti relativi allo stato civile (matrimonio, divorzio ecc.). Tali documenti devono essere alternativamente originali rilasciati dalle competenti autorità del Paese in cui si è verificato l'evento, tradotti in italiano e legalizzati, oppure originali rilasciati dalle Autorità Consolari presenti in Italia del tuo Paese di origine con firma legalizzata presso la competente Prefettura.


11) Libera Circolazione:

In attuazione della direttiva 2004/38/CE, i Cittadini dell'Unione e i loro familiari, possono circolare e soggiornare liberamente nel territorio degli stati membri e per soggiorni inferiori ai 3 mesi, in Italia, non è richiesta alcuna formalità.-


12) Matrimonio:

Secondo il Codice Civile, lo straniero che deve sposarsi con un cittadino o una cittadina di nazionalità italiana deve presentare una serie di documenti:
- Documento d'identità valido sul piano internazionale (passaporto).
- Certificato di nascita proveniente dal proprio paese di provenienza tradotto e autenticato presso l'Ambasciata Italiana del Paese d’origine.
- Nulla osta dal parte del proprio Paese d’origine per contrarre liberamente matrimonio. Dal documento, rilasciato dagli uffici di competenza del Paese di provenienza - che corrispondono in Italia all’ufficio anagrafe -, deve risultare che, secondo la legge del Paese, non ci siano impedimenti al matrimonio. Come nel caso del certificato di nascita, il nulla osta deve essere tradotto e autenticato presso l’Ambasciata Italiana del Paese di provenienza.-


13) Minori all'estero:

Dal 26 giugno 2012, tutti i minori, dai 0 ai 18 anni, potranno viaggiare in Europa e all'estero soltanto con un documento di viaggio individuale: passaporto o carta d'identità valida per l'espatrio. Non saranno più valide, quindi, le iscrizioni di questi ultimi sul passaporto dei genitori che, però, rimarrà valido fino alla naturale scadenza per il proprio titolare.

Inoltre, si dovrà far inserire il nominativo dei genitori sul documento del figlio minore. Questo permetterà di agevolare e semplificare i controlli alle frontiere. Il Ministero degli Affari Esteri, in attuazione del Regolamento (C.E.) 444/2009 del Parlamento Europeo, ha anche elevato l'età minima per l'espatrio senza accompagnamento, da 10 a 14 anni.

Sino al 26 giugno 2012, infatti, per l'espatrio di un minore di 14 anni era sufficiente il solo documento di identità. Ora, invece, i genitori dovranno sottoscrivere un modulo per l'affidamento del proprio figlio a un accompagnatore da presentare all'ufficio passaporti della Questura per la relativa convalida (tale modulo si potrà ritirare in Comune, in Questura o scaricare dal sito del Comune di residenza).

Sia per il passaporto che per la carta d'identità valida per l'espatrio, la durata varierà a seconda dell'età del minore:
- 3 anni per i minori di 3 anni;
- 5 anni per i minori di 18 anni;
- 10 anni per i maggiori di 18 anni.


14) Nazioni Unione Europea:

Elenco nazioni che fanno parte della Unione Europea:

01 - Austria
02 - Belgio
03 - Bulgaria
04 - Cipro
05 - Croazia
06 - Danimarca
07 - Estonia
08 - Finlandia
09 - Francia
10 - Germania
11 - Grecia
12 - Irlanda
13 - Italia
14 - Lettonia
15 - Lituania
16 - Lussemburgo
17 - Malta
18 - Paesi Bassi
19 - Polonia
20 - Portogallo
21 - Regno Unito
22 - Repubblica Ceca
23 - Romania
24 - Slovacchia
25 - Slovenia
26 - Spagna
27 - Svezia
28 - Ungheria


15) Paesi Patto Schengen:

Con il permesso di soggiorno o con la carta di soggiorno si può circolare liberamente, per turismo, all'interno dei 24 paesi del Patto Schengen, che sono i seguenti:

01 - Austria
02 - Belgio
03 - Bulgaria
04 - Danimarca
05 - Estonia
06 - Finlandia
07 - Francia
08 - Germania
09 - Grecia
10 - Islanda (non appartiene all’UE)
11 - Italia
12 - Lettonia
13 - Liechtenstein
14 - Lituania
15 - Lussemburgo
16 - Malta
17 - Norvegia (non appartiene all'UE)
18 - Paesi Bassi
19 - Polonia
20 - Portogallo
21 - Repubblica Ceca
22 - Romania
23 - Slovacchia
24 - Slovenia
25 - Spagna
26 - Svezia
27 - Svizzera
28 - Ungheria



Irlanda e Regno Unito non hanno sottoscritto l'accordo.-
Per gli altri Paesi, occorre il visto di ingresso in base alle convenzioni esistenti tra il Paese di origine e il Paese che si intende visitare.-
Un cittadino straniero, residente in Italia, può andare a lavorare all'estero, nei paesi dell'area schengen solo se in possesso della carta di soggiorno, da aggiornare poi nel Paese di destinazione dopo tre mesi di permanenza.-


16) Permesso di Soggiorno per Lavoratori Dipendenti:

Il decreto flussi prevede quanto segue:
- Le domande, valgono ancora quelle presentate in via telematica , dai datori di lavoro per i lavoratori subordinati e dalle famiglie per domestici o badanti, al Ministero dell'interno.-
- Il Ministero dell'Interno in base alle quote provinciali assegnate trasmette le domande accolte (le prime arrivate tra quelle in regola), alle Questure.-
- La Questura convoca i datori di lavoro, o le famiglie richiedenti, per la verifica della documentazione necessaria, e se tutto in regola, trasmette la richiesta all'Ambasciata del Paese di provenienza del lavoratore.-
- L'Ambasciata del Paese estero convoca il lavoratore e gli concede il visto per l'espatrio in Italia per motivi di lavoro.-
- Il lavoratore estero può quindi venire in Italia, ma entro 8 giorni dall'arrivo, deve presentarsi insieme al Datore di Lavoro in Questura per stipulare il contratto di lavoro.-
- La Questura con il contratto di lavoro sottoscritto rilascia il I° permesso di soggiorno che dura 1 anno con contratto di lavoro a tempo determinato o 2 anni con contratto di lavoro a tempo indeterminato.-
- A questo punto il lavoratore estero può iscriversi al Comune di Residenza, richiedere il Codice Fiscale, il codice sanitario e tramite il Datore di lavoro, esperire tutte le altre formalità burocratiche necessarie come iscrizione INPS, INAIL ecc..-

17) Permesso di Soggiorno per non Lavoratori Dipendenti:

Si possono presentare in Questura richieste permesso di soggiorno per affari, Cure Mediche, Gara Sportiva, Motivi Umanitari, Asilo Politico, Minore Età, Giustizia, Stato apolide, Integrazione minore e invito.-


18) Prestazioni Previdenziali:

Le seguenti prestazioni:
- Indennità di malattia e maternità
- Indennità di disoccupazione
- Indennità di mobilità
- Assegni familiari
- Pensioni
spettano a tutti i cittadini appartenenti all’Unione Europea e a tutti i cittadini extracomunitari purché siano provvisti di permesso di soggiorno o carta di soggiorno.-
Gli assegni familiari possono essere riconosciuti solo per i familiari che sono a carico del lavoratore, ma già legalmente soggiornanti in Italia. Dunque non è possibile riconoscerli per i familiari che sono ancora nel Paese di origine a meno che non ci sia una specifica Convenzione internazionale che preveda questo beneficio.
In questi casi serve una autorizzazione preventiva dell'INPS, e per ottenerla sono necessari:
- Stato di famiglia bilingue
- Certificati redditi dei familiari bilingue
I suddetti certificati debbono essere vidimati dagli enti preposti.
I paesi convenzionati con l'Italia ai fini della corresponsione degli assegni familiari per i familiari residenti nel paese di origine sono i seguenti:

01) Argentina
02) Australia
03) Brasile
04) Canada
05) Capoverde
06) Islanda
07) Isole del Canale
08) Jugoslavia
09) Liechtenstein
10) Monaco
11) Norvegia
12) San Marino
13) Stati Uniti d'America
14) Svizzera
15) Tunisia
16) Turchia
17) Uruguay
18) Venezuela


19) Ricongiungimento del Familiare Residente All'Estero:

Lo straniero regolarmente soggiornante in Italia, titolare di carta di soggiorno o di permesso di soggiorno, di durata non inferiore ad un anno, in corso di validità, può richiedere il ricongiungimento con i sotto indicati familiari residenti all'estero:
- Coniuge
- Figli minori
- Figli maggiorenni a carico, non autonomi o autosufficienti, per causa di salute
- Genitori a carico che non dispongono di adeguato sostegno nel paese di origine
I requisiti necessari sono: Alloggio adeguato, sufficiente anche per il familiare; reddito sufficiente anche per mantenere il familiare, minimo anno 2014 euro 5.818,93 per un solo familiare, euro 8.728,39 per due familiari, euro 11.637,85 per 3 familiari ; certificazione attestante il rapporto di parentela, tradotta e legalizzata.-
Documentazione necessaria:
A) Marca da bollo di 14,62 euro - B) Permesso di soggiorno del richiedente - C) Ricevuta postale della richiesta di rinnovo (se il permesso è scaduto) - D) Passaporto del richiedente (solo pagina con dati della persona) - E) Passaporto della persona da ricongiungere (solo pagina con dati della persona) - F) Contratto di affitto o atto di acquisto dell’abitazione - G) Certificato di idoneità alloggiativa - H) Autocertificazione dello stato di famiglia - I) Contratto di lavoro - L) Ultima busta paga - M) Ultima dichiarazione dei redditi (CUD o UNICO o 730).-


20) Rinnovo Permesso di Soggiorno in attesa occupazione:

Documentazione necessaria:
A) Marca da bollo da 14,62 euro - B) n. 4 foto - C) Originale + copia del permesso di soggiorno in scadenza e codice fiscale - D) Copia del passaporto in corso di validità - E) Autocertificazione del certificato di residenza e stato di famiglia - F) Copia del contratto di affitto o rogito in caso di proprietà dell’alloggio o dichiarazione di ospitalità - G) Copia dell’ultima dichiarazione dei redditi (Mod. CUD o Unico o 730 - H) Copia delle ultime 3 buste paga - I) Iscrizione al centro per l’impiego - L) Ricevuta del bollettino di c/c postale premarcato di 107,50 euro.-


21) Rinnovo Permesso di Soggiorno per Lavoro Subordinato:

In prossimità della scadenza del permesso di soggiorno, da un massimo di due mesi prima, fino a un massimo di due mesi dopo, si può richiedere il rinnovo del permesso di soggiorno per lavoro subordinato.
Documentazione necessaria:
A) Marca da bollo da 14,62 euro - B) n. 4 foto - C) Originale + copia del permesso di soggiorno in scadenza e codice fiscale - D) Copia del passaporto in corso di validità - E) Autocertificazione del certificato di residenza e stato di famiglia - F) Copia del contratto di affitto o rogito in caso di proprietà dell’alloggio o dichiarazione di ospitalità - G) Copia dell’ultima dichiarazione dei redditi (Mod. CUD o Unico o 730 - H) Copia delle ultime 3 buste paga - Contratto di lavoro o dichiarazione del datore di lavoro attestante che il rapporto di lavoro è ancora in essere - I) Modello UNILAV o copia del contratto di soggiorno con allegata ricevuta di ritorno - L) Ricevuta del bollettino di c/c postale premarcato di 107,50 euro (fino a un anno di 127,50 euro fino a due anni.-


22) Rinnovo Permesso di Soggiorno per Motivi Familiari:

In prossimità della scadenza del permesso di soggiorno anche il familiare del lavoratore extracomunitario (coniuge, genitore o figlio) può chiedere il rinnovo del permesso di soggiorno per motivi familiari.-
Documentazione necessaria:
A) Marca da bollo da 14,62 euro - B) n. 4 foto - C) Originale + copia del permesso di soggiorno in scadenza e codice fiscale - D) Copia del passaporto in corso di validità - E) Autocertificazione del certificato di residenza e stato di famiglia - F) Copia del contratto di affitto o rogito in caso di proprietà dell’alloggio o dichiarazione di ospitalità - G) Copia del permesso di soggiorno del coniuge o del figlio del quale si è carico - H) Copia dell’ultima dichiarazione dei redditi (Mod. CUD o Unico o 730 dei familiari che svolgono attività lavorativa - I) Contratto di lavoro o dichiarazione del datore di lavoro attestante che il rapporto di lavoro è ancora in essere - L) In caso di coniuge oppure padre/madre di cittadino italiano produrre documentazione relativa al rapporto di parentela con i suddetti- M) Ricevuta del bollettino di c/c postale premarcato di 107,50 euro (fino a un anno di 127,50 euro fino a due anni.-


23) Visti per area Schengen:

A) Le seguenti nazionalità hanno bisogno di un visto per visitare i paesi dell’area Schengen per qualsiasi motivo:
Afghanistan, Algeria, Angola, Arabia Saudita, Armenia, Azerbaijan, Bahrain, Bangladesh, Belize, Benin, Bhutan, Bielorussia, Bolivia, Burkina Faso, Burundi, Cambogia, Camerun, Capo Verde, Repubblica Centrafricana, Ciad, Cina, Colombia, Comore, Congo, Repubblica Democratica del Congo, Corea del Nord, Costa d'Avorio, Cuba, Dominica, Repubblica Dominicana, Egitto, Emirati Arabi Uniti, Eritrea, Etiopia, Fiji, Filippine, Gabon, Gambia, Georgia, Ghana, Giamaica, Gibuti, Giordania, Grenada, Guinea, Guinea Bissau, Guinea Equatoriale, Guyana, Haiti, India, Indonesia, Iran, Iraq, Kazakistan, Kenya, Kirghizistan, Kiribati, Kuwait, Laos, Lesotho, Libano, Liberia, Libia, Madagascar, Malawi, Maldive, Mali, Marianne del Nord, Marocco, Marshall, Mauritania, Micronesia, Moldova, Mongolia, Mozambico, Namibia, Nauru, Nepal, Niger, Nigeria, Oman, Pakistan, Palau, Papua- Nuova Guinea, Perù, Qatar, Ruanda, Russia, Saint Lucia, Saint Vincent e Grenadine, Salomone, Samoa Occidentali, Sao Tomé e Principe, Senegal, Sierra Leone, Siria, Somalia, Sri Lanka, Sud Africa, Sudan, Suriname, Swaziland, Tagikistan, Tanzania, Thailandia, Timor Est, Togo, Tonga, Trinidad e Tobago, Tunisia, Turchia, Turkmenistan, Tuvalu, Ucraina, Uganda, Uzbekistan, Vanuatu, Vietnam, Yemen, Zambia, Zimbabwe.

B) Le seguenti nazionalità non hanno bisogno di visto d’ingresso per visitare i paesi dell’area Schengen per un massimo di 90 giorni per motivi di turismo, affari, invito e gara sportiva:
Albania, Andorra, Antigua e Barbuda, Argentina, Australia, Bahamas, Barbados, Brasile, Bosnia-Erzegovina, Botswana, Brunei, Bulgaria, Canada, Cile, Cipro, Corea del Sud, Costa Rica, Croazia, Ecuador, El Salvador, Estonia, Giappone, Guatemala, Honduras, Israele, Lettonia, Lituania, Macedonia, Malesia, Malta, Mauritius, Messico, Monaco, Montenegro, Nicaragua, Nuova Zelanda, Panama, Paraguay, Polonia, Repubblica Ceca, Romania, Saint Kitts e Nevis, Serbia, Seychelles, Singapore, Slovacchia, Slovenia, Stati Uniti, Taiwan, Ungheria, Uruguay, Venezuela.


Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it.
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

175 commenti:

  1. MI SCUSI MIO MARITO E' BRASILIANO SPOSATO CON ME ITALIANA DA 15 ANNI ED HA SEMPRE FATTO IL PERMESSO DI SOGGIORNO PER FAMIGLIA.ORA A LUI E' SCADUTO IL PERMESSO,VORREI SAPERE SE PUO' LO STESSO CHIEDERE LA CITTADINANZA COL PERMESSO SCADUTO DA IN MESE CIRCA .GRAZIE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco perché Tuo marito non ha mai richiesto la carta di soggiorno, comunque prima di richiedere la cittadinanza deve rinnovare il permesso di soggiorno, perché per ottenere la cittadinanza dovrà attendere due o tre anni.-

      Elimina
  2. Buona sera Avvocato. Vorrei chiedere una domanda importante. Mia nonna e' filippina che ha 79 anni , percepisce la pensione sociale perche' ha avuto solo 15 anni di contributi e vive piu' di 25 anni in italia puo' chiedere/ fare la domanda per la cittadinanza Italiana. Grazie di anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Tua nonna con più di 25 anni di residenza in Italia può richiedere la cittadinanza italiana.-

      Elimina
  3. salve avvocato le volevo chiedere le commissioni come sono orientati per le persone ucraine che chiedono asilo positivo o negativo la ringrazio a priore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non posso esserti d'aiuto perché non sono a conoscenza dei criteri che vengono adottati per la concessione di asilo politico a cittadini extra comunitari.-

      Elimina
  4. buongiorno avvocato, io sono italiano e la mia compagna è argentina, vorremmo sposarci: io abito in italia, lei attualmente risiede in argentina... volevo sapere quale tipo di visto è necessario che faccia per poter venire in italia per sposarsi e qual è la documentazione necessaria, per me e per la mia compagna, richiesta qua in italia per potersi sposare. grazie infinite

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo il Codice Civile, lo straniero che deve sposarsi con un cittadino o una cittadina di nazionalità italiana deve presentare una serie di documenti:
      - Documento d'identità valido sul piano internazionale (passaporto).
      - Certificato di nascita proveniente dal proprio paese di provenienza tradotto e autenticato presso l'Ambasciata Italiana del Paese d’origine.
      - Nulla osta dal parte del proprio Paese d’origine per contrarre liberamente matrimonio. Dal documento, rilasciato dagli uffici di competenza del Paese di provenienza - che corrispondono in Italia all’ufficio anagrafe -, deve risultare che, secondo la legge del Paese, non ci siano impedimenti al matrimonio. Come nel caso del certificato di nascita, il nulla osta deve essere tradotto e autenticato presso l’Ambasciata Italiana del Paese di provenienza.-

      Elimina
  5. Buongiorno sig. Censori, volevo chiedere un'informazione riguardo l'acquisizione della cittadinanza italiana dopo due anni di matrimonio con un cittadino italiano residente in Italia. Ho sentito dire che i tempi di attesa per la concessione della cittadinanza per residenza ( cioè dopo 10 anni di residenza legale in Italia) vanno da 3 a 5 anni, ma vale anche per quella per matrimonio? Perché avevo capito che la cittadinanza per matrimonio è un diritto e quindi dopo i 730 giorni di attesa dalla domanda per la cittadinanza si poteva avere praticamente subito rivolgendosi ad un tribunale civile. È vera questa cosa? E se si, come funziona? A questo punto in teoria dopo 4 anni di matrimonio si può essere quasi certi di avere la cittadinanza italiana giusto? Grazie in anticipo sig. Censori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cesare!
      Dopo 4 anni di matrimonio si può essere certi di avere la cittadinanza italiana, ma i tempi di concessione della cittadinanza italiana sono gli stessi sia se richiede per residenza che per matrimonio con cittadino italiano.-

      Elimina
  6. Buongiorno Avvocato. Io sono una cittadina moldava. Da 4 anni convivo con un italiano e abbiamo un figlio in comune. Io ho anche una figlia di 13 anni dalla precedente relazione che vive con noi. Adesso stiamo per sposarsi. La mia domanda è se io prendo la citadinanza italiana per matrimonio lo prende anche mia figlia? E come si fa la pratica? Grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu potrai richiedere la cittadinanza italiana solo dopo due anni dal matrimonio e una volta che l'avrai ottenuta potrai richiederla anche per la Tua figlia di 13 anni.-

      Elimina
  7. Salve Avvocato.
    Sono residente italiano, e mi voglio sposare con una ragazza filippina che ha il permesso di residenza (comunitario) definitivo in spagna e risiede in spagna.
    Per sposarmi in Italia, per la mia ragazza, saranno sufficienti solamente il certificato di nascita e quello dello stato civile (dove dice che è nubile) rilasciati in Filippine?
    Il documento di identità spagnolo definitivo gli permette di circolare in tutta la comunità europea, quindi non dovrebbe servire nessun tipo di visto, giusto?
    Una volta sposati, dopo quanto tempo potrà ottenere la cittadinanza italiana?
    La ringrazio anticipatamente per la Sua cortese riposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Filippo!
      Secondo il Codice Civile, lo straniero che deve sposarsi con un cittadino o una cittadina di nazionalità italiana deve presentare una serie di documenti:
      - Documento d'identità valido sul piano internazionale (passaporto).
      - Certificato di nascita proveniente dal proprio paese di provenienza tradotto e autenticato presso l'Ambasciata Italiana del Paese d’origine.
      - Nulla osta dal parte del proprio Paese d’origine per contrarre liberamente matrimonio. Dal documento, rilasciato dagli uffici di competenza del Paese di provenienza - che corrispondono in Italia all’ufficio anagrafe -, deve risultare che, secondo la legge del Paese, non ci siano impedimenti al matrimonio. Come nel caso del certificato di nascita, il nulla osta deve essere tradotto e autenticato presso l’Ambasciata Italiana del Paese di provenienza.-
      - Il documento d'identità spagnolo non è valido in Italia mentre è valido il permesso di soggiorno rilasciato in Spagna.-
      - Il cittadino/a straniero che sposa un cittadino/a italiano può fare domanda per la cittadinanza italiana se, dopo il matrimonio, risiede legalmente da almeno 2 anni in Italia oppure dopo 3 anni dalla data del matrimonio in caso di residenza all'estero.-

      Elimina
    2. Grazie Avvocato per la esauriente e chiara risposta.
      Avevo il dubbio perché avevo letto in altri siti che il cittadino straniero per sposarsi in Italia doveva essere in possesso di permesso di soggiorno, cosa che mi sembrava strana e sarebbe un controsenso.
      Riguardo il documento di identità spagnolo, è il corrispondente al permesso di soggiorno italiano permanente che in Spagna di ottiene dopo 5 anni di residenza e diventa, appunto, permesso di residenza definitivo.
      Questo lo dico per evitare di chiedere il visto come Filippina per entrare in Italia, già che è in possesso del permesso di soggiorno spagnolo comunitario, o deve comunque chieder il visto per entrare in Italia?
      Grazie in anticipo per l'ulteriore chiarimento a questo ultimo quesito.
      Cordiali saluti.

      Elimina
    3. Ciao Filippo!
      Con un permesso di soggiorno spagnolo la Tua ragazza può venire tranquillamente in Italia senza visto, ma come documento d'identità necessario per il matrimonio dovrà presentare il passaporto.-

      Elimina
  8. Salve, sono una cittadina ucraina in possesso del permesso di soggiorno definitivo in Italia. Vorrei recarmi in Inghilterra. Mi serve il visto? Per quanto tempo posso soggiornare in Inghilterra? Grazie di anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Per andare in Inghilterra hai bisogno di un visto turistico da richiedere all'ambasciata inglese di Roma ed è valido per 3 mesi.-

      Elimina
    2. Grazie!!! Se arrivassi in Inghilterra con il visto turistico,mi potrebbero assumere al lavoro lì? Per aprire il visto dovrei avere un conto in banca oppure un invito da Inghilterra? Grazie per l'attenzione!

      Elimina
    3. Come richiedere un visto per la Gran Bretagna
      I documenti richiesti sono i seguenti:
      - un modulo di richiesta per il visto (lo potrai richiedere gratuitamente presso il più vicino ente britannico o scaricarlo da www.ukvisas.gov.uk )
      - un passaporto valido o un documento di viaggio
      - due (a volte tre) fototessera a colori recenti (45mm x 35mm)
      - la tassa per il visto (che sarà pagata nella valuta locale)
      i documenti di supporto necessari per il tipo di richiesta del visto di cui hai bisogno
      Eventuali documenti da allegare possono essere:
      - un permesso di lavoro
      - una lettera d'ammissione da parte di un'università
      - documenti che attestino le tue qualifiche: diplomi, certificati, referenze
      - prove che attestino che sarai in grado di sostenere le spese della tua permanenza in Gran Bretagna, come per esempio un estratto conto della tua banca o una loro lettera di garanzia.

      Elimina
  9. Buonasera avvocato,
    per prima cosa mi complimento con lei per l'aiuto che da a tante persone in difficoltà.
    Le espongo il nostro caso: la mia ragazza è cittadina ucraina venuta in italia 3 anni fa con permesso di lavoro fittizio (non per l'Italia ma per la Polonia), ha provato a fare la sanatoria 2012 (emersione dal lavoro nero) ma è stata respinta perchè non aveva la prova di essere in Italia entro il 31/12/2011 (lei era qui ma con il visto di entrata in Polonia che non vale). Qualche settimana è stata fermata e condotta all'ufficio stranieri della questura dove volevano espellerla così in quel momento ha richiesto asilo politico. Domani deve tornare alla questura per formalizzare la richiesta di asilo politico e le ritireranno il passaporto ucraino. Nel frattempo ci siamo attivati per sposarci qui in italia (io sono italiano) e stiamo aspettando dall'ucraina il certificato di residenza ( che attraverso una delega ci ha procurato sua cugina) per poi andare al consolato ucraino in italia per avere il nulla osta al matrimonio. La mia domanda è la seguente (mi scuso per essermi dilungato ma era necessario chiarire la situazione): per avere il nulla osta dal consolato ucraino è necessario presentare il certificato di residenza in ucraina (che dovrebbe arrivarci nei prossimi giorni) ed il passaporto, che però la questura le ritirerà domani...come possiamo fare in questo caso?
    La ringrazio e le auguro buona serata.
    Massimiliano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Massimiliano!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Prima di consegnare il passaporto in questura fatene una fotocopia di tutte le pagine e fatevi rilasciare dalla questura una ricevuta del ritiro del passaporto, e consegnerete al consolato ucraino le fotocopie e la ricevuta.-

      Elimina
  10. buonasera! sono una ragazza ucraina di 16 anni , quali documenti dovrei avere per andare in irlanda per una settimana?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per andare in Irlanda in vacanza hai bisogno del passaporto e di un visto da richiedere all'ambasciata irlandese di Roma.-

      Elimina
  11. buongiorno,
    sono cittadino georgiano, redidente in Italia dal 2008. Ho il permesso di soggiorno di tipo familiare in quanto padre di due cittadini italiani (la mia compagna è italiana e i miei figli sono nati in Italia). Con questo tipo di permesso posso andare in un paese area shengen per cercare lavoro? Per quanto riguarda la ricerca di lavoro nel Regno Unito ho bisogno del visto dell'ambasciata britannica in Italia? Non avendo avuto in questi anni un reddito (ho lavorato spesso a nero) continuativo posso acquisire la cittadinanza solo con il matrimonio?
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - SI! Con la carta di soggiorno, anche se rilasciata per motivi familiari, puoi andare a cercare lavoro in un paese dell'area schengen.-
      - SI! Per la ricerca di lavoro nel Regno Unito hai bisogno di un visto dell'ambasciata britannica in Italia.-
      - SI! Se non hai redditi puoi acquisire la cittadinanza italiana solo con il matrimonio.-

      Elimina
    2. grazie per la cèlere risposta

      Elimina
  12. Salve avvocato,
    Sono una cittadina venezuela che risiede legalmente da 4 anni nel territorio italiano.
    Sto per fare la richiesta di cittadinanza per naturalizzazione, anche se i miei genitori non hanno la cittadinanza italiana,il mio nonno era nato nel territorio.
    Quindi: ( C) Acquisto per Naturalizzazione (per i cittadini stranieri residenti in Italia)
    "- che abbia almeno uno dei genitori od un parente di secondo grado cittadino italiano per nascita".

    Volevo sapere, quale permesso di soggiorno viene rilasciato una volta che si inoltra la domanda? Quanto tempo ci vuole per averlo? É inmediato ?

    La ringrazio in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ai sensi dell’art. 11, comma 1, lett. c) del D.P.R. n. 394/99, lo straniero che è in possesso di valido permesso di soggiorno per altri motivi può richiedere il rilascio del permesso di soggiorno per acquisto della cittadinanza per la durata del procedimento di concessione.-
      Per ottenere la cittadinanza italiana ci vogliono almeno 2 anni.-

      Elimina
    2. Si avvocato io sono in possesso di un permesso d soggiorno per motivi di studio, il mio dubbio è , la tempistica per ottenere il pds per attessa di cittadinanza?
      Un'altro dubbio, io con il pds x attessa cittadinanza posso uscire dall'italia x vacanze per un periodo minore di 2 mesi? Grazie mille davvero

      Elimina
    3. - Il rilascio e il rinnovo del permesso di soggiorno elettronico avviene, in media, in 60 giorni dalla data di presentazione della domanda-
      - SI! Con il pds in attesa cittadinanza puoi uscire dall'Italia x vacanze per un periodo fino a 3 mesi in uno dei Paesi dell'area Schengen.-

      Elimina
    4. Avvocato sarebbe x viaggiare in venezuela, sarebbe un problema?

      Comunque avrei anche da chiederle altre informazioni, Dove potrei contattarLa? Io sono della provincia di Salerno

      Elimina
    5. - SI! Con il permesso di soggiorno in attesa di cittadinanza puoi anche tornare in Venezuela.-
      - Per ulteriori informazioni puoi rivolgerti al più vicino Ufficio INCA - CGIL.-

      Elimina
  13. Salve,

    vi spiego un pò la mia situazione, sono residente in italia da 3 anni con un pds x motivi di studio, adesso sto facendo la richiesta di cittadinanza secondo la Legge 5 febbraio 1992, n.91 , Art. 9

    1. La cittadinanza italiana può essere concessa con decreto del Presidente della Repubblica,
    a) allo straniero del quale il padre o la madre o uno degli ascendenti in linea retta di secondo grado sono stati cittadini per nascita, o che è nato nel territorio della Repubblica e, in entrambi i casi, vi risiede legalmente da almeno tre anni.

    per avviare questa richiesta è stato necessario dimostrare il mio reddito e quindi ho dovuto trovare un lavoro e su questo non ci sono problemi.

    adesso intendo richiedere il permesso di soggiorno in attesa di cittadinanza, nel quale mi chiedono dimostrare i mezzi di sostentamento, ho letto da molti siti che chi fa questa richiesta NON può lavorare, quindi io dovrei licenziarmi giusto?

    per dimostrare di avere le adeguate risorse economiche quanti soldi devo dimostrare di avere sul mio conto bancario? mi sapete dire una cifra?

    grazie attendo le vostre risposte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Confermo che con il permesso di soggiorno in attesa di cittadinanza non si può svolgere alcuna attività lavorativa e bisogna dimostrare di avere i mezzi di sostentamento, in pratica bisogna dimostrare di avere in banca per il 2014 la somma minima di € 5.818,93).-

      Elimina
    2. Vi ringrazio per la vostra disponibilitá,
      Allora Sono necessari i seguenti documenti:

      fotocopia del passaporto (tutte le pagine);
      fotocopia del permesso di soggiorno precedente;
      dichiarazione rilasciata dal Comune di residenza o dall'autorità consolare italiana in cui si afferma che è iniziato il procedimento di concessione o riconoscimento della cittadinanza italiana;
      marca da bollo da euro 16,00 documenti sull'alloggio (atto di proprità, contratto di affitto o dichiarazione di ospitalità);
      documenti sui mezzi di sostentamento.
      Giusto?
      Quando compilo il modulo delle poste devo barrare l'opzione di "attesa riacquisto cittadinanza "?
      Riguardo la durata del permesso devo barrare l'opzione (1) o (2) anni ?
      Saranno necesari succesivi rinnovi?

      Grazie in anticipo

      Elimina
    3. Giusto!
      La durata del permesso è 2 anni!
      Comunque per evitare errori nella compilazione della domanda ti consiglio di rivolgerti al più vicino Ufficio INCA - CGIL; l'assistenza del patronato è gratuita.-

      Elimina
    4. Un'ultima domanda, quando mi chiedono dichiarazione rilasciata dal comune di residenza dell'avvenuta richiesta, mi chiedo, loro sono tenuti a rilasciarmi una dichiarazione?
      Vi chiedo questo perche ,io ,come ricevuta della richiesta ho soltanto una fotocopia della prima pagina del modulo che ho consegnato a loro ,timbrata dalla prefettura con la fotocopia del versamento, solo questo mi hanno rilasciato (é soltanto una fotocopia) ,penso questo basta allora?
      Grazie

      Elimina
    5. SI!
      Basta la fotocopia della prima pagina del modulo timbrata dalla prefettura con la fotocopia del versamento.-

      Elimina
  14. Salve, sono una cittadina ucraina, ho la carta di soggiorno, sono 12 anni residente in Italia.Ho studiato dalla 5°elementare in Italia e mi sono diplomata. La mia mamma ha due figli da un italiano. Io non ho un reddito. Potrei richiedere la cittadinanza italiana, magari essendo a carico del compagno di mamma(non sono sposati), dato che facciamo parte dello stesso stato di famiglia? Se sì quanto tempo ci vuole per averlo? Grazie mille per l'attenzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      In base alla normativa italiana Tu non hai alcun rapporto di parentela con il compagno di Tua madre.-

      Elimina
  15. Salve io italiano lei, rumena di 28 anni in italia da 6 anni lavoratrice come colf da 5 anni puo fare un ricongiungimento con sua madre? E come ho capito al raggiongimento dei 65 anni mia suocera ha diritto ad un pensione ho capito bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Lo straniero regolarmente soggiornante in Italia, può richiedere il ricongiungimento con i sotto indicati familiari residenti all'estero:
      - Coniuge
      - Figli minori
      - Figli maggiorenni a carico, non autonomi o autosufficienti, per causa di salute
      - Genitori a carico che non dispongono di adeguato sostegno nel paese di origine
      I requisiti necessari sono: Alloggio adeguato, sufficiente anche per il familiare; reddito sufficiente anche per mantenere il familiare, minimo anno 2014 euro 5.818,93 per un solo familiare, euro 8.728,39 per due familiari, euro 11.637,85 per 3 familiari ; certificazione attestante il rapporto di parentela, tradotta e legalizzata.-
      Per il diritto all'assegno sociale al compimento dei 65 anni d'età, sono necessari almeno 10 anni di residenza in Italia.-

      Elimina
  16. Salve. Io e il mio compagno siamo peruviani. Nostro figlio di quasi un anno è natto in italia ma registrato nel comune e consulato peruano.lui ha il suo permesso di soggiorno legato al padre e ha il passaporto peruviano.
    la mia domanda è mio fihlio ha bisogmo di qualche permesso x us c ire della italia verso Perù con la zia? Dove devo darlo? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dal 26 giugno 2012, tutti i minori, dai 0 ai 18 anni, potranno viaggiare in Europa e all'estero soltanto con un documento di viaggio individuale: passaporto o carta d'identità valida per l'espatrio. Non saranno più valide, quindi, le iscrizioni di questi ultimi sul passaporto dei genitori che, però, rimarrà valido fino alla naturale scadenza per il proprio titolare.
      Inoltre, si dovrà far inserire il nominativo dei genitori sul documento del figlio minore. Questo permetterà di agevolare e semplificare i controlli alle frontiere. Il Ministero degli Affari Esteri, in attuazione del Regolamento (C.E.) 444/2009 del Parlamento Europeo, ha anche elevato l'età minima per l'espatrio senza accompagnamento, da 10 a 14 anni.
      Sino al 26 giugno 2012, infatti, per l'espatrio di un minore di 14 anni era sufficiente il solo documento di identità. Ora, invece, i genitori dovranno sottoscrivere un modulo per l'affidamento del proprio figlio a un accompagnatore da presentare all'ufficio passaporti della Questura per la relativa convalida (tale modulo si potrà ritirare in Comune, in Questura o scaricare dal sito del Comune di residenza).
      Sia per il passaporto che per la carta d'identità valida per l'espatrio, la durata varierà a seconda dell'età del minore:
      - 3 anni per i minori di 3 anni;
      - 5 anni per i minori di 18 anni;
      - 10 anni per i maggiori di 18 anni.

      Elimina
  17. Buonasera Avvocato, sono italiana e mio marito è uruguaiano, ha ottenuto il permesso di soggiorno per motivi familiari per 5 anni dopo esserci sposati (marzo 2014) ed è residente in Italia. Poichè in Italia non troviamo lavoro vorremmo andare in Spagna dove mio marito ha vissuto e lavorato per 12 anni (aveva il NIE, ora scaduto). Vorremmo sapere se questo è possibile (ovviamente senza perdere il permesso di soggiorno in Italia!), che permessi bisogna richiedere e a chi, che documenti dobbiamo produrre. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia!
      Con il permesso di soggiorno di lunga durata e il passaporto in corso di validità Tuo marito può trasferirsi in Spagna per lavoro senza problemi.-

      Elimina
  18. Salve.Io sono moldava con carta di soggiorno illimitato.Adesso prendo soldi per dissocupazione,e non riesco trovare un lavoro.Avro dissocupazione ancora per 7 mese,come sono pocchi non riesco mantenere me e mio figlio.Ho pensato andare lavorare in Germania.A quale rischio vado incontro se lavorero in germania con regolare contrato di lavoro e prendero dissocupazione in italia?Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non è possibile!
      Per poter continuare a percepire l'indennità di disoccupazione devi rimanere in Italia, perché nel momento in ti trasferirai all'estero non avrai più diritto ad alcuna indennità.-

      Elimina
  19. Salve mi chiamo viktoriya. Sono una ragazza ucraina. Io lavoro come domestica ha anche contrato di lavoro x 25ore settimanali ma lavoro da lunedì -venerdi 8:30-17:00 e anche sabato 8:30-13. Come vede lavoro molto di più. Io vorrei convincere il mio di lavoro se possibile non venire a sabato XCHE non ha molto bisogno di me. Sulla base di questi informazioni mio contrari ed ore lavorative che sto facendo potrebbe essere qualche disporsi x fare con il mio fattore di lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Viktoriya!
      Se il Tuo contratto prevede 24 ore settimanali di lavoro, Tu devi lavorare solo per le ore previste dal Tuo contratto, quindi devi rifiutarti a lavorare di più, a meno che o non Ti modificano il contratto o non ti paghino le ore in più come straordinari.-
      Ti consiglio eventualmente di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  20. Buongiorno,
    sono americana e dal 2011 sono entrata in italia con un visto per studio e subito dopo l'ho convertito in permesso di soggiorno (studio), il quale ha una durata di un anno.
    Ad agosto scorso mi è scaduto il permesso e ho avviato la procedura per il rinnovo come negli anni precedenti. A settembre mi sono sposata con un cittadino italiano. Ho comprato un biglietto aereo per andare in Germania la prossima settimana, ma il mio permesso di soggiorno (per studio) non arriverà prima di quindici giorni e per richiedere il permesso come coniuge di cittadino italiano occorrono più di 30 giorni.
    Posso comunque entrare in Germania, presentando il mio passaporto, certificato di matrimonio con cittadino italiano, permesso di soggiorno (scaduto) e ricevuta che attesta che sono in attesa di ricevere il nuovo permesso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      La ricevuta della domanda di rinnovo del permesso di soggiorno da sola non ha alcun valore all'estero, però se presentata insieme al certificato di matrimonio con cittadino italiano il discorso cambia ed è quindi sufficiente a dimostrare che possiedi i requisiti per poter viaggiare per turismo all'interno dei Paesi dell'area Shengen.-

      Elimina
  21. Buona sera!Sono citadina Ucraina.Per chiedere la citadinanza Italiana,mi serve ancora 7 mese.per avere 3 anni di lavoro interrotto,quale serve per presentare la domanda.Dopo che ho perso il lavoro,per non perdere possibilita di avere redito anuale di 8500 ho fatto un contratto di lavoro alterato(nonh lavoro,pero pago contributi io da sola).Adesso ho la possibilita di andare lavorare in Austria,con contratto regolare,e non voglio lecenziarmi da lavoro in italia,che cosi perdo la possibilita di avere la citadinanza Italiana che asspetto da 16 anni!!!!mia domanda,possono intracciare o no che io lavoro per altro stato...o cè qualche possibilita di rimanere non scoperta e avere finalmente cosi aspetata Citadinanza.Andato in Austria;perche non trovo lavoro gia da un quasi anno.Grazie.Mi scuso di mio italiano,non perfetto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Infatti se vai a lavorare in Austria devi cessare ogni attività lavorativa in Italia, quindi perdi la residenza e il diritto a richiedere la cittadinanza italiana.-

      Elimina
  22. Salve....visto che il 9novembre mi scade il permesso ho mandato la pratica per la carta di soggiorno pero ho paura che non me lo diano visto che ho un contratto per 18mesi e di 2ore al giorno...ma per il resto sono apposta...quindi le volevo chiedere se me la daranno illimitata o normale??grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo con un contratto per 18 mesi e di sole 2 ore al giorno ti rinnoveranno solo il permesso di soggiorno, in quanto non hai i requisiti per la carta di soggiorno.-

      Elimina
  23. Salve!sono un ragazzo argentino con permesso di soggiorno CE a tempo indeterminato per motivi familiari e sono in attesa di cittadinanza..Le mie domande sono:
    Potrei andare a lavorare in Spagna mentre sono in attesa di cittadinanza?
    Perderei il diritto alla cittadinanza?
    In Italia abitano i miei genitori potrei lasciare la residenza con loro?
    Grazie per la risposta!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Miguel!
      Il cambio di residenza si deve comunicare con raccomandata con ricevuta di ritorno (o con PEC) sia alla prefettura che al ministero dell'interno (così uno non può dire che l'altro ha dimenticato di avvisarli!!!).
      I tempi si allungano ovviamente, ma la pratica va avanti comunque.-
      Dopo 6 mesi di assenza ininterrotta dall'Italia la residenza si perde.-

      Elimina
  24. salve vorrei chiedere posso rinnovare permesso a mia figlia 20anni disocupata ,io lavoro con un contratto regolare, sono madre di cittadina italiana.Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena!
      Purtroppo NO!
      Tu non puoi rinnovare il permesso di soggiorno a Tua figlia in quanto è maggiorenne.-

      Elimina
    2. Ciao Elena!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  25. Salve avvocato, vorrei sapere se con una carta di soggiorno illimitata e un titolo di studio italiana si può trovare un lavoro in Francia. In attesa di una vostra risposta. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Con la carta di soggiorno illimitata italiana si può lavorare anche in Francia.-

      Elimina
    2. Salve avvocato, grazie per la tua risposta ma come procedere, dov'è posso chiedere un'informazione . Ho la qualifica professionale di operatore socio sanitario e vorrei lavorare in una struttura per anziani. Io parlo benissimo il francese ma non conosco nessuno in francia. Ho bisogno di un suo aiuto per favore

      Elimina
    3. AMBASCIATA FRANCESE A ROMA
      Indirizzo: Piazza Farnese 67 - 00186 Roma
      Telefono: 06 686011
      Fax: 06 68601460
      Sito web: www.ambafrance-it.org
      CONSOLATO FRANCESE A ROMA
      Indirizzo: Via Giulia, 251 - 00186 Roma
      Telefono: 06 686011
      Fax: 06 68601260
      E-mail: consulat-rome@france-italia.it
      Sito web: www.ambafrance-it.org/spip.php?rubrique354
      Aree di competenza: Lazio, Toscana, Umbria, Marche, Abruzzo, Sardegna
      CONSOLATO FRANCESE A MILANO
      Indirizzo: Via della Moscova, 12 - 20121 Milano
      Telefono: 02 6559141
      Fax: 02 65591436
      E-mail: cogefrmi@tin.it
      Sito web: www.ambafrance-it.org/spip.php?rubrique442
      Aree di competenza: Lombardia, Emilia-Romagna, Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia
      CONSOLATO FRANCESE A TORINO
      Indirizzo: Via Roma, 366 - 10121 Torino
      Telefono: 011 5732311
      Fax: 011 538762
      Sito web: www.ambafrance-it.org/spip.php?rubrique353
      Aree di competenza: Piemonte, Liguria, Valle d'Aosta
      CONSOLATO FRANCESE A NAPOLI
      Indirizzo: Via Crispi, 86 - 80121 Napoli
      Orari: 8.30-12.30 dal lunedì al venerdì
      Telefono: 081 5980711
      Fax: 081 5980730
      Sito web: www.ambafrance-it.org/spip.php?rubrique445
      Aree di competenza: Campania, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia

      Elimina
  26. Salve avvocato,
    Sono una ragazza Kossovara vivo in italia da 8 anni con i miei genitori e sono sposata con un ragazzo Kossovaro. Ho la carta di soggiorno illimitata. Nel 2012 ho avuto il cancro... per fortuna sono guarita però adesso devo fare un intervento neurochirurgico nella testa dopo che finisco questo devo fare un intervento all'anca, mi hanno detto che devo stare sei mesi in gessata per una gamba e sei per l'altra, ho chiesto al medico di famiglia se po fare un certificato per poter venire il mio marito durante l'intervento e mi ha detto di si ma lui può stare solo 1 mese ma vorrei sapere se è possibile fare qualcosa per restare lui più a lungo qui è prendersi cura di me? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara!
      Purtroppo NO!
      Un visto per far venire Tuo marito in Italia durante il Tuo intervento chirurgico può durare al massimo per 3 mesi.-

      Elimina
  27. Ho la carta di soggiorno illimitata...Posso andare in USA? Non dico per lavorare ma almeno per le vacanze.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per andare in USA in vacanza hai bisogno di un visto da richiedere all'ambasciata USA di Roma.-

      Elimina
    2. Gazie mille avvocato.

      Elimina
  28. Salve Avv...sono una ragazza ucraina ho avuto una bambina dal mio ex compagno rumeno la bambina ha il suo cognome e in Italia e registrata come rumena però non abbiamo fatto ancora il suo passaporto individuale..vorrei andare in ucraina con mia figlia ma lui non vuole dare il suo permesso...come potrei uscire dal Italia e che documenti mi servono??? A è mia figlia e registrata nel ambasciata ucraina e inserita nel mio passaporto grazie in anticipo cordiali saluti la prego mi aiuti sono disperata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dal 26 giugno 2012, tutti i minori, dai 0 ai 18 anni, potranno viaggiare in Europa e all'estero soltanto con un documento di viaggio individuale: passaporto o carta d'identità valida per l'espatrio. Non saranno più valide, quindi, le iscrizioni di questi ultimi sul passaporto dei genitori che, però, rimarrà valido fino alla naturale scadenza per il proprio titolare.
      Inoltre, si dovrà far inserire il nominativo dei genitori sul documento del figlio minore. Questo permetterà di agevolare e semplificare i controlli alle frontiere. Il Ministero degli Affari Esteri, in attuazione del Regolamento (C.E.) 444/2009 del Parlamento Europeo, ha anche elevato l'età minima per l'espatrio senza accompagnamento, da 10 a 14 anni.
      Sino al 26 giugno 2012, infatti, per l'espatrio di un minore di 14 anni era sufficiente il solo documento di identità. Ora, invece, i genitori dovranno sottoscrivere un modulo per l'affidamento del proprio figlio a un accompagnatore da presentare all'ufficio passaporti della Questura per la relativa convalida (tale modulo si potrà ritirare in Comune, in Questura o scaricare dal sito del Comune di residenza).
      Sia per il passaporto che per la carta d'identità valida per l'espatrio, la durata varierà a seconda dell'età del minore:
      - 3 anni per i minori di 3 anni;
      - 5 anni per i minori di 18 anni;
      - 10 anni per i maggiori di 18 anni.

      Elimina
  29. Salve Avvocato.sono una ragazza argentina e risiedo in Italia da 11 anni con permesso di soggiono indeterminato e tra poco presenterò le carte per avere la cittadinanza Italiana, sono senza lavoro,, vorrei andare a cercarlo in Spagna..è possibile? Alcuni mi dicono di sì altri di no!grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Se sei senza lavoro e quindi senza reddito non puoi presentare la domanda di cittadinanza italiana.-
      Il reddito minimo necessario per ottenere la cittadinanza italiana per l'anno 2014 è il seguente:
      - Euro 8.500,00 per una sola persona
      - Euro 11.500,00 in caso di coniuge a carico
      - Euro 550,00 in più per ogni figlio a carico

      Elimina
  30. Salve avvocato, vorrei sapere se con una carta di soggiorno illimitata italiana si può lavorare in francia e qual'è la procedura. Dov'è si può chiedere tutte le informazioni necessarie perché io parlo benissimo il francese ma non conosco nessuno in francia. Ho una qualifica professionale di operatore socio sanitario vorrei lavorare in una casa di riposo. Un'aiuto per favore. Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Con la carta di soggiorno italiana si può lavorare in Francia:
      AMBASCIATA FRANCESE A ROMA
      Indirizzo: Piazza Farnese 67 - 00186 Roma
      Telefono: 06 686011
      Fax: 06 68601460
      Sito web: www.ambafrance-it.org
      CONSOLATO FRANCESE A ROMA
      Indirizzo: Via Giulia, 251 - 00186 Roma
      Telefono: 06 686011
      Fax: 06 68601260
      E-mail: consulat-rome@france-italia.it
      Sito web: www.ambafrance-it.org/spip.php?rubrique354
      Aree di competenza: Lazio, Toscana, Umbria, Marche, Abruzzo, Sardegna
      CONSOLATO FRANCESE A MILANO
      Indirizzo: Via della Moscova, 12 - 20121 Milano
      Telefono: 02 6559141
      Fax: 02 65591436
      E-mail: cogefrmi@tin.it
      Sito web: www.ambafrance-it.org/spip.php?rubrique442
      Aree di competenza: Lombardia, Emilia-Romagna, Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia
      CONSOLATO FRANCESE A TORINO
      Indirizzo: Via Roma, 366 - 10121 Torino
      Telefono: 011 5732311
      Fax: 011 538762
      Sito web: www.ambafrance-it.org/spip.php?rubrique353
      Aree di competenza: Piemonte, Liguria, Valle d'Aosta
      CONSOLATO FRANCESE A NAPOLI
      Indirizzo: Via Crispi, 86 - 80121 Napoli
      Orari: 8.30-12.30 dal lunedì al venerdì
      Telefono: 081 5980711
      Fax: 081 5980730
      Sito web: www.ambafrance-it.org/spip.php?rubrique445
      Aree di competenza: Campania, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia

      Elimina
  31. Salve,io sono una studentessa universitaria ho la cittadinanza italiana e volevo chiedere se potevo portare il mio amico dal Marocco .Io però non lavoro studio ancora.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se per portare in un amico in Italia dal Marocco intendi richiedere il permesso di soggiorno per Lui purtroppo non è possibile, in quanto un ricongiungimento familiare è possibile solo con il coniuge e con i figli minorenni, e comunque bisogna avere un reddito sufficiente anche per mantenere la persona con cui ci si vuol ricongiungere.-

      Elimina
  32. Salve,mia moglie e' Polacca,aquisendo la cittadinanza Italiana,poi perdera' quella polacca?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO! E' possibile mantenere la doppia cittadinanza!
      Ma per le autorità polacche Tua moglie rimarrà comunque la cittadina polacca (per esempio essendo in Polonia dovrà mostrare il documento d'identità polacco).-

      Elimina
  33. Buona sera avvocato
    Sono un ragazzo albanese,ho la carta di soggiorno illimitata (C.E) le volevo chiedere se posso andare a lavorare all estero (Norvegia Svezia o Danimarca)per quest ultima ho dei parenti che vivono da anni li..e hanno chiesto nelle agenzie di lavoro e li e stato detto che non mi e possibile lavorare con la carta di soggiorno illimitata!!mi può aiutare in qualche modo??
    Colgo l'occasione per porgere cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sia la Norvegia che la Svezia che la Danimarca fanno parte dell'area Schengen che prevedono con la carta di soggiorno la libera circolazione e la possibilità di lavorare in uno qualsiasi dei Paesi aderenti.-
      Presumo quindi che le agenzie di lavoro consultate dal Tuoi parenti abbiano delle pregiudiziali nei confronti degli stranieri extracomunitari e che non vogliano quindi rispettare le leggi del loro Paese.-

      Elimina
    2. Grazie mille è stato chiarissimo..vivo in Italia da 12 anni sono in attesa della cittadinanza italiana..se andassi a lavorare all estero ne perdo il diritto??

      Elimina
    3. Ciao Mario!
      NO!
      Se vai a lavorare all'estero non perdi il diritto alla cittadinanza italiana, ma devi solo comunicare la nuova residenza.-

      Elimina
    4. Buona sera avvocato
      Oggi pomeriggio ho chiamato l'ambasciata Danese ,che si trova a Roma, per quanto riguarda la possibilità di lavorare, mi hanno ribadito che non mi è possibile lavorare con la carta di soggiorno illimitata(C.E) mi può aiutare in qualche modo??

      Elimina
    5. Ciao Mario!
      La Danimarca come l'Italia fa parte dell'Area Shengen e la normativa internazionale prevede la libera circolazione con il permesso di soggiorno rilasciato da uno qualsiasi dei Paesi aderenti e la possibilità di lavorare in uno qualsiasi dei Paesi aderenti con la carta di soggiorno, presumo quindi che ci sia stato solo un malinteso.-

      Elimina
  34. Buongiorno,ho fato la domanda per Carta acquisti per minore.Le poste si rifiutano a farmela dicendo che mio figlio e nato in Polonia.Vivo in italia da 20 anni con regolare permesso indeterminato anche miio figlio e in regola e residente.Permetto che nato fuori Italia perche era un parto prematuro.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo è quello che prevede la normativa!
      La carta acquisti per minore spetta per i bambini figli di genitori italiani e per i bambini nati in Italia, e non per i bambini nati all'estero anche se entrati in Italia subito dopo la nascita.-

      Elimina
  35. salve sono cittadina cilena,invalida civile dal 80% da 42 anni residente in italia con regolare carta soggiorno,vorrei sapere se posso chiedere la cittadinanza italiana,e'quali documenti sono necesari.la ringrazio e saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carmen!
      SI!
      Puoi richiedere la cittadinanza italiana:
      Acquisto per Naturalizzazione (per i cittadini stranieri residenti in Italia)
      La cittadinanza per naturalizzazione viene concessa al cittadino straniero:
      - dopo 10 anni di residenza legale in Italia per il cittadino non comunitario;
      - dopo 4 anni di residenza legale in Italia per il cittadino comunitario;
      - che abbia almeno uno dei genitori od un parente di secondo grado cittadino italiano per nascita, legalmente residente in Italia da almeno 3 anni;
      - maggiorenne adottato da un cittadino italiano che risieda legalmente in Italia da almeno 5 anni dopo l'adozione;
      - al cittadino straniero in possesso dello status di apolide o di rifugiato, dopo 5 anni di residenza legale in Italia.
      Alle domanda di cittadinanza, deve essere allegata la certificazione originale che prova il possesso dei requisiti.
      Elenco documenti:
      A) Atto di nascita tradotto e legalizzato dall’ambasciata italiana nel paese di origine - B) Certificato penale del paese di origine tradotto e legalizzato - C) Certificato storico di residenza (da richiedersi nei vari comuni in cui è stato residente) - D) Stato di famiglia e residenza - E) Denuncia dei redditi degli ultimi 3 anni - F) Copia del permesso/carta soggiorno - G) Marca da bollo da 14,62 euro.-
      Le domande sono soggette al pagamento di un contributo di importo pari a 200,00 euro.
      Il reddito minimo necessario per ottenere la cittadinanza italiana per l'anno 2014 è il seguente:
      - Euro 8.500,00 per una sola persona
      - Euro 11.500,00 in caso di coniuge a carico
      - Euro 550,00 in più per ogni figlio a carico

      Elimina
  36. Buona sera!
    Grazie infinite per la Sua gentile assistenza informativa per tutti noi bisognosi.
    Sono cittadina ucraina regolamene soggiornata in Italia da 9 anni con il permesso di soggiorno (motivi famigliari) che mi scade giugno prossimo. Mi troverò in difficoltà per il prossimo rinnovo perché sono in fase di divorzio (il mio marito è extracomunitario) e di recente sono rimasta senza la residenza.
    Ora sono in attesa di bambino. Il padre è italiano ma abita in Svizzera (passaporto italiano). Vorrei sapere quali requisiti dovrei avere per presentare i documenti per la ex carta di soggiorno in caso di riconoscimento del bambino da parte del padre però con mancata convivenza e assenza della mia residenza.
    Grazie anticipatamente.
    Cordiali saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      Carta di soggiorno:
      Questo tipo di permesso di soggiorno è a tempo indeterminato e può essere richiesto solo da chi possiede un permesso di soggiorno da almeno 5 anni.-
      La documentazione necessaria è la seguente:
      A) Bollo euro 14,62 - B) n. 4 foto tessera - C) originale + copia permesso di soggiorno in scadenza + codice fiscale - D) Fotocopia del passaporto (solo pagine con timbri) - E) Copia del contratto di affitto o rogito in caso di proprietà dell’alloggio o dichiarazione di ospitalità - F) Certificato comunale che attesti l’idoneità dell’alloggio - G) Modello CUD o 730 o UNICO relativo ai redditi percepito nell’anno precedente - H) Copia delle ultime tre buste paga - I) Contratto di lavoro e dichiarazione del datore di lavoro attestante che il rapporto di lavoro è ancora in essere - L) Superamento del test di italiano o diploma di scuola media o superiore - M) Autocertificazione dello stato di famiglia - N) Certificato dei carichi pendenti e del casellario giudiziale rilasciati dalla procura competente - O) Ricevuta del bollettino di c/c postale premarcato di 227,50 euro - P) Modello UNILAV o copia del contratto di soggiorno con allegata ricevuta di ritorno.-

      Elimina
  37. Salve avvocato, Sono residente in italia da 10 anni e quest'anno ho il diritto di richiedere la cittadinanza. Vorrei sapere se mi è permesso andare a lavorare negli stati uniti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per le richieste di cittadinanza per residenza, in pendenza di istruttoria e fino alla conclusione del procedimento, NON è consentito il trasferimento della residenza all'estero pena la dichiarazione di inammissibilità dell'istanza.

      Elimina
  38. buongiorno avvocato, sono la moglie italiana di un cittadino marocchino e abbiamo due figlie di 7 e 2 anni, fianlmente abbiamo deciso di fare richeista di cittadinanza italiana ma ci troviamo in difficoltà in quanto, essendo mio marito entrato in Italia dall'Olanda (seppur non sia rimasto in Olanda per un periodo tale da ottenere la residenza) ci viene richiesto il certificato penale olandese.
    Ora ottenere il certificato penale è semplicissimo (lo inviano per posta in 4/6 settimane ) ma non è così semplice l'applicazione dell' apostille o la legalizzazione in quanto sarebbe necessario recarsi alla corte dell'Aia e la nostra situazioen economica e famigliare non ci permette questo tipo di spesa ( mio marito si occcupa a tempo pieno delle bambine essendo disoccupato e io turnista). Cosa rischiamo presentando la domanda senza questo documento?
    Consiglia inoltre di appoggiarsi a un legale per la presentazine della domanda visto che a mio marito ogni volta che si presenta in prefettura creano problemi o aggiungono richieste di documenti e non vorrei che visto ceh mio marito in treno ha viaggiato attrraverso la Germania per arrivare in Italia ci chiedano anche il certificato penale dalla Germania.

    §Grazie per l'attenzione
    PS
    Il passaporto con il visto d'ingresso in Olanda non è più in possesso di mio marito ma del consolato essendo un pasaporto scaduto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simona!
      Nel Vostro caso potete presentare la domanda di cittadinanza italiana con il certificato penale olandese senza legalizzazione, e vi consiglio comunque di rivolgervi al più vicino Ufficio INCA - CGIL per farvi seguire per tutto l'iter burocratico necessario.-
      L'assistenza del patronato è gratuita.-

      Elimina
  39. Salve avvocato, mi chiamo Cristian. Sono un cittadino moldavo in possesso della carta di soggiorno (circa un anno fa ho fatto richiesta di cittadinanza e mi hanno detto che dovrei aspettare circa 3 anni per ottenerla). In questi 2/3 anni mi piacerebbe andare a vivere a Malta.
    Le mie domande:
    1) Posso avere qualche agevolazione nel ottenere il permesso di soggiorno maltese avendo già quello italiano?
    2) Non perdo il diritto sulla richiesta di cittadinanza se mi sposto con la residenza in un'altro paese UE?

    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristian!
      - SI! Con la carta di soggiorno italiana puoi trasferirti a Malta sia per turismo che per lavoro, e potrai eventualmente anche convertire la carta di soggiorno italiana in quella maltese.-
      - NO! Non perdi il diritto alla cittadinanza italiana in caso di trasferimento all'estero, ma dovrai solo comunicare la Tua nuova residenza.-

      Elimina
  40. Salve avvocato, vorrei chiedere l'informazione io sto qui in Italia da 7 anni ,primo ho avuto il permesso di soggiorno tipo studio ma ora ho un permesso di soggiorno tipo attesa occupazione e ho appena trovato un lavoro. È possibile che converte il permesso di soggiorno tipo lavoro?

    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Con l'iscrizione presso le liste di collocamento al Centro per l’Impiego, il migrante può ottenere un Permesso per Attesa Occupazione di 12 mesi.
      Nell’arco dei 12 mesi, se il migrante è in grado di dimostrare di possedere un regolare rapporto di lavoro tramite la stesura di un CONTRATTO DI LAVORO, il MODELLO UNIFICATO LAV e tramite la dimostrazione dell’ULTIMA BUSTA PAGA, può chiedere il rinnovo del suo Permesso in Lavoro Subordinato. Permesso quest’ultimo che avrà una durata di un anno se il contratto è a tempo determinato e ha una scadenza inferiore all’anno, altrimenti di due anni se il contratto di lavoro è a tempo indeterminato.-

      Elimina
    2. Grazie mille, lei è molto gentilissimo

      Elimina
    3. Ti ringrazio per i complimenti!
      Alla prossima!!!

      Elimina



  41. Buongiorno,

    Mi chiamo Carlotta Comello, sono residente a torino.

    Ho parecchia confusione sul da farsi, mi sono affidata a diversi patronati ma ho avuto diverse

    Ecco la mia situazione.
    Il 9 novembre mi sono sposata in Sudafrica con un cittadino sudafricano.

    Il giorno stesso del matrimonio abbiamo ottenuto il certificato di matrimonio rilasciato dal marriage officer che ci ha sposato e il gg dopo abbiamo effettuato la registrazione del matrimonio presso ilministero degli affari di cape town per rendere valido il matrimonio.

    Ci e' stato detto che per la trascrizione del matrimonio presso il mio comune di residenza dovevamo richiere presso lo stesso istituto un certificato di nome" unabridged certificate"  che dara' " l accesso" alla trascrizione in italia.

    Abbiamo richiesto questo documento e ci han detto che potrebbe metterci comunque piu di tre mesi ad arrivare.

    Una volta arrivato dovremmo procedere con la traduzione ovviamente.

    arrivati a questo punto ho diverse domande da fare.
    Non potendo ancora trascrivere il matrimonio nel mio comune, posso comunque richiedere il permesso di soggiorno per familiare di cittadino ue?

    Noi ora viviamo insieme in italia e comunque abbiamo un certificato di matrimonio e la registrazione effettuata in sudafrica. Ovviamente procederemo alla traduzione qualora fosse necessario.

    Il patronato ci ha detto che nn e' un problema  se il matrimonio non E' ancora stato trascritto .. ( qui di seguito.le riporto la mail del patronato Acli.



    Gentile Signora Carlotta

    diamo seguito al quesito da Lei inviato alla segreteria del Patronato Acli in data 2 ottobre 2014.

    Suo marito è già in possesso di un visto con il quale farà ingresso normalmente.
    Successivamente potrete recarvi direttamente in Questura per richiedere la Carta di soggiorno per familiare di cittadino UE con la quale suo marito ha diritto a soggiornare per la durata di 5 anni, trascorsi i quali può richiedere la carta di soggiorno permanente.

    Per farne domanda saranno sufficienti:


    -             passaporto valido


    -             autocertificazione o certificazione (se non ancora trascritto al comune) relativa al matrimonio


    -             4 fototessere


    -             Marca da bollo da 16 €


    Tenga conto che la Questura potrà anche richiedere documentazione relativa al reddito del cittadino italiano.



    Per eventuali ulteriori informazioni e assistenza può rivolgersi alla nostra sede di Torino presso lo Sportello Immigrati:


    Patronato ACLI di Torino - Social Point


    Via dei Quartieri, 6/L - CAP 10122


    Tel     +39 011 76 50 499

    Avvocato, Come devo procedere?
    Inoltre  mio marito ora e' in italia con un visto per lavoratori marittimi che scadra' il 9 gennaio 2015.
    Dovra' quindi tornare.in sudafrica dato che non ho ancora I documenti pronti che attestano che e' legato a me?
    Mi auguro che possa aiutarmi presto.

    grazie per la collaborazione

    Carlotta Comello

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carlotta!
      A questo punto direi di attendere la documentazione attestante il vostro matrimonio dal Sudafrica fino alla fine dell'anno, e se non arriva, i primi di gennaio presenterete comunque la domanda per la carta di soggiorno per familiare di cittadino UE allegando un'autocertificazione del vostro matrimonio.-

      Elimina
  42. Salve avvocato,sono una cittadina moldava,figlia di cittadina italiana con permesso di soggiorno a tempo indeterminato,in attesa della cittadinanza italiana da quasi 3 anni.sposandomi con un citttadino italiano prima di acquisire la cittadinanza a cosa vado incontro?perdo il diritto alla cittadinanza?una volta sposata come devo procedere,?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tanya!
      Tranquilla!
      Non cambia nulla!
      Se sei in attesa della cittadinanza italiana da quasi 3 anni vuol dire che a questo punto dovrebbe essere in arrivo, quindi se ti sposi con un cittadino italiano è ininfluente e una volta sposata non dovrai fare nulla.-

      Elimina
    2. Grazie mille e complimenti per la sua dedizione e professionalità!

      Elimina
    3. Ciao Tanya!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  43. gentile avvocato un mio amico cittadino marocchino di recente ha ottenuto la cittadinanza italiana anche per la moglie e per i figli minori . Purtroppo l'altra figlia presente nello stato di famiglia al momento della presentazione dell'istanza avvenuta nel lontano 2007 e nel frattempo divenuta maggiorenne non è stata data la cittadinanza. LE CHIEDO se ciò e giusto o se si è incorsi in qualche errore. a mio avviso le sarebbe spettato pure a lei il riconoscimento della cittadinanza italiana in quanto all'epoca era minorenne. la ringrazio e mi complimento con lei per la sua professionalità e disponibilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      Non so se ha senso a questo punto porsi il quesito perché purtroppo a questo punto il Tuo amico marocchino non può più farci nulla.-
      Comunque è possible che a suo tempo ci sia stato un errore all'atto della presentazione della domanda di cittadinanza, oppure magari il reddito non era sufficiente per tutti i familiari, il tuo amico deve quindi verificare dalla documentazione in suo possesso cos'è effettivamente successo, rivolgendosi eventualmente al patronato che a suo tempo ha seguito la sua pratica.-

      Elimina
    2. Buon giorno.
      Voglio chiedere un informazione.
      Siamo una famiglia rumena, abbiamo già fatto la richiesta di cittadinanza per residenza da 20 mesi.Adesso io voglio andare a lavorare in Inghilterra per un anno.Vorrei sapere se questo può provocare problemi per la cittadinanza italiana.
      Grazie mille.

      Elimina
    3. Per le richieste di cittadinanza per residenza, in pendenza di istruttoria e fino alla conclusione del procedimento, NON è consentito il trasferimento della residenza all'estero pena la dichiarazione di inammissibilità dell'istanza.

      Elimina
  44. Salve avvocato, sono cittadino europeo, non italiano. Ho lavorato per molti anni in Italia come dipendente, perfettamente in regola. Da 2 anni mi sono trasferito in un terzo paese europeo, ma non ho cancellato la mia residenza dal comune italiano. In quella residenza ho una casa di proprieta', ora data in affitto con regolare contratto. Pero' pago tutte le tasse al comune, come prima, a nome mio. (IMU seconda casa, Rifiuti, etc.). Da 2 anni faccio il Modello Unico on-line dichiarando esclusivamente l'ammontare dell'affitto percepito in Italia. Pero' non so se sono del tutto in regola, se ignoro dei diritti, e se corro dei rischi. Come dovrei comportarmi in futuro? (dato che restero' qui' per molti anni).
    Grazie per la sua gentile disponibilita'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Se da 2 anni ti sei trasferito in un altro Paese europeo devi togliere la residenza dal Comune italiano e comunicare la nuova residenza e pagare la tasse previste dalla normativa italiana per i non residenti proprietari di immobili.-

      Elimina
    2. Grazie ! Molto interessante. non sapevo che esiste una normativa specifica.
      Faro' cosi' allora. Spero che il Modello Unico sia ancora adatto al caso mio.

      Elimina
  45. Buona sera, gentilmente vorrei sapere la differenza tra permesso di soggiorno permanente e carta di soggiorno. grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' la stessa cosa!
      Infatti la carta di soggiorno non esiste più, ma continuiamo a chiamare impropriamente carta di soggiorno il permesso di soggiorno permanente.-

      Elimina
  46. Salve Avvocato, sono un ragazzo urugayano e risiedo in Italia da 11 anni, appena ho tutti i documenti presenterei la richiesta di cittadinanza..la mia domanda è posso andare a lavorare in spagna nel frattempo? la questura mi ha detto di no e che devo rimanere nel suolo italiano con lavoro finchè nn mi arriva la cittadinanza..altrimenti viene cancellata la richiesta! Grazie per la sua risposta e disponibilità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per le richieste di cittadinanza per residenza, in pendenza di istruttoria e fino alla conclusione del procedimento, NON è consentito il trasferimento della residenza all'estero pena la dichiarazione di inammissibilità dell'istanza.-

      Elimina
  47. bongiorno Avocato io avrei bisogno di un consiglio !!!sono una ragazza italiana che vive in Austria ..mia nonna a 91 anni percepisce la pensione minima in sardegna e non li e stata aprovata la domanda d accompagnamento sanitario ma e sola e io avendo famiglia e figli Piccoli non posso andar giu spesso .vorrei portarla su ma non so come fare con le leggi italiane mi puo aiutare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sia l'Italia che l'Austria fanno parte della Comunità Europea quindi Tua nonna può trasferirsi in Austria senza alcuna formalità particolare, ma deve semplicemente cambiare la propria residenza.-

      Elimina
  48. Buona sera avvocato, sono una ragazza Filippina di 24 anni e ho la carta di soggiorno ma sono ancora carica della mia madre perche purtroppo i lavori che ho avuto erano sempre a tempo determinato e per adesso sono disoccupata.Alcuni mi dicono che la mia madre non mi deve caricarmi piu.Avremo problemi per questo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      La carta di soggiorno è di durata illimitata quindi non hai problemi di scadenza in quanto non è necessario il rinnovo.-

      Elimina
  49. Buon giorno Avvocato,sono ragaza rumena sposata con italiano incinta e voglio partorire in Romania.Che diriti ha mio marito per bambino?Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I figli di cittadini italiani, anche se nati all’estero ed eventualmente in possesso di un’altra cittadinanza, sono cittadini italiani.
      La loro nascita deve, pertanto, essere trascritta in Italia.
      Per richiedere la trascrizione di una nascita, il connazionale può rivolgersi alla Rappresentanza diplomatica o consolare competente, munito dei seguenti documenti:
      - atto di nascita (in originale o copia conforme all’originale) emesso dall’Ufficio di Stato Civile del Paese estero, debitamente legalizzato e tradotto (v. sezione Traduzione e Legalizzazione dei documenti);
      - dichiarazione sostitutiva comprovante la cittadinanza italiana di almeno uno dei genitori (se non iscritto nello schedario consolare).
      In alternativa il connazionale potrà presentare l’atto, debitamente legalizzato e tradotto, direttamente al Comune italiano di appartenenza (vedi art. 12, comma 11, DPR 396/2000).
      Gli atti rilasciati dai Paesi che hanno aderito alla Convenzione di Vienna dell’8 settembre 1976, che prevede il rilascio di un modulo plurilingue, sono esenti da legalizzazione e da traduzione. Tali Paesi sono: Austria, Belgio, Bosnia e Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Estonia, Francia, Germania, Italia, Lituania, Lussemburgo, Macedonia, Moldova, Montenegro, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, Serbia, Slovenia, Spagna, Svizzera e Turchia. Si segnala che la predetta Convenzione di Vienna non può essere attualmente applicata per la Grecia che, sebbene Paese firmatario, non ha ancora provveduto alla relativa ratifica.-

      Elimina
  50. Buona sera, avvocato, sono una ventitreenne di nazionalità moldava, in possesso del permesso di soggiorno di lunga durata, vorrei sapere se posso recarmi in Albania con questo tipo di documento.
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      L'Albania non fa parte dell'area Shengen quindi il permesso di soggiorno italiano non ti è di alcuna utilità, ma ti serve il passaporto e un visto da richiedere all'ambasciata albanese di Roma.-

      Elimina
    2. Ciao avv.io sono straniero del Marocco anche mi miglia veve in italia ho preso la cittadinanza mia miglia posso portare genitore in italia

      Elimina
    3. E' possibile un ricongiungimento familiare con i genitori a carico che non dispongono di adeguato sostegno nel paese di origine
      I requisiti necessari sono: Alloggio adeguato, sufficiente anche per il familiare; reddito sufficiente anche per mantenere il familiare, minimo anno 2014 euro 5.818,93 per un solo familiare, euro 8.728,39 per due familiari, euro 11.637,85 per 3 familiari ; certificazione attestante il rapporto di parentela, tradotta e legalizzata.-

      Elimina
  51. Salve avvocato, per ricongiungimento del coniuge quanto deve essere il reddito annuale grazie in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo straniero regolarmente soggiornante in Italia, titolare di carta di soggiorno o di permesso di soggiorno, di durata non inferiore ad un anno, in corso di validità, può richiedere il ricongiungimento con i sotto indicati familiari residenti all'estero:
      - Coniuge
      - Figli minori
      - Figli maggiorenni a carico, non autonomi o autosufficienti, per causa di salute
      - Genitori a carico che non dispongono di adeguato sostegno nel paese di origine
      I requisiti necessari sono: Alloggio adeguato, sufficiente anche per il familiare; reddito sufficiente anche per mantenere il familiare, minimo anno 2014 euro 5.818,93 per un solo familiare, euro 8.728,39 per due familiari, euro 11.637,85 per 3 familiari ; certificazione attestante il rapporto di parentela, tradotta e legalizzata.-

      Elimina
  52. Buonasera avvocato. Sono una studentessa Albanese,che vivo in Italia da 5 anni. I primi giorni di Gennaio devo partire per la Finlandia per un programma erasmus di 5 mesi, per poi rientrare in Italia. Sono in possesso di permesso di soggiorno valido fino a Marzo 2015, e ho fatto anche la richiesta di rinnovo per avere la ricevuta al momento di rientro in Italia a giugno 2015. Ora ho applicato online anche per il permesso di soggiorno diretamente in Finlandia, la quale si puo verificare solo con la mia presenza alla questura finlandese, e non all'Ambasciata Finlandese a Roma, a causa del tempo limitato.
    Visto che l'Albania fa parte delle nazionalità che non hanno bisogno di visto d’ingresso, mi chiedevo se il fatto di risiedere in Italia implica la mia entrata in Finlandia anche senza un concreto permesso di soggiorno Finlandese!
    In attesa di una sua risposta!

    Cordiali Saluti

    Angela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angela!
      SI!
      Con il permesso di soggiorno italiano puoi entrare in Finlandia senza che sia necessario un permesso di soggiorno finlandese.-

      Elimina
  53. salve avvocato,il mio permesso di soggiorno finisce 28 gennaio 2015, e da 5 anni che sto in italia,e dovevo fare domanda per il carta soggiorno,pero dove lavoravo quel ristorante fallito a 7 novembre 2014 ,e hanno dato licenziamento e io non ho ancora firmato,e non ho più contratto di lavoro ,avevo contratto apprendistato tempo pieno fino 2018. Mo cosa devo fare per fare domanda per carta soggiorno ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo fino a quando non trovi un nuovo lavoro non potrai presentare la domanda per la carta di soggiorno.-

      Elimina
  54. Slave avv. Sono straniero ho preso la cittadinanza mia moglia veve in Italia posso fare arrivare genitore dal Marocco con visto e poi chiedere permesso. Grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Lo straniero regolarmente soggiornante in Italia, titolare di carta di soggiorno o di permesso di soggiorno, di durata non inferiore ad un anno, in corso di validità, può richiedere il ricongiungimento con i sotto indicati familiari residenti all'estero:
      - Coniuge
      - Figli minori
      - Figli maggiorenni a carico, non autonomi o autosufficienti, per causa di salute
      - Genitori a carico che non dispongono di adeguato sostegno nel paese di origine
      I requisiti necessari sono: Alloggio adeguato, sufficiente anche per il familiare; reddito sufficiente anche per mantenere il familiare, minimo anno 2014 euro 5.818,93 per un solo familiare, euro 8.728,39 per due familiari, euro 11.637,85 per 3 familiari ; certificazione attestante il rapporto di parentela, tradotta e legalizzata.-

      Elimina
  55. Buongiorno Avvocato vorrei sottoporle una domanda,la mia compagna e ucraina e risiede in italia con un permesso di soggiorno valido un anno per attesa occupazione..in italia non ha trovato niente ma in germania si! ora il permesso e in scadenza a gennaio 2015..in germania sono disposti ad assumerla cosa si puo fare in merito?la ringrazio,aspetto una sua risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con il permesso di soggiorno italiano valido per un anno, la Tua compagna può circolare liberamente per turismo nei Paesi del patto Shengen, ma non può lavorare all'estero, quindi se ha trovato lavoro in Germania deve richiedere un permesso di soggiorno tedesco.-

      Elimina
  56. Salve avv. Sono un cittadino italiano mia miglia e marocchina ha un permesso valido come io cittadino posso portare genitore di mia moglia con visto famigliare ha anche un fratello 11 anni
    cosa si po fare come DOC.il mio reditto 27000€ grazie mille avv.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo straniero regolarmente soggiornante in Italia, titolare di carta di soggiorno o di permesso di soggiorno, di durata non inferiore ad un anno, in corso di validità, può richiedere il ricongiungimento con i sotto indicati familiari residenti all'estero:
      - Coniuge
      - Figli minori
      - Figli maggiorenni a carico, non autonomi o autosufficienti, per causa di salute
      - Genitori a carico che non dispongono di adeguato sostegno nel paese di origine

      Elimina
  57. Buongiorno avv. Ho preso cittadinanza ITA. Mia moglia ha un permesso di 2 anni possiamo chiedere la carta di soggiorno sensa fare test ITA. Sono cittadino. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Non è possibile richiedere la carta di soggiorno senza aver superato il test di italiano.-

      Elimina
  58. Buongiorno avvocato,
    Mi chiamo Anna, sono cittadina Israeliana. mi sono laureata da poco in Italia e il mio permesso di soggiorno per motivi di studio scade ad agosto. Da qualche mese ho preso anche la cittadinanza Rumena perché è in mio diritto in quanto mio nonno a causa della guerra ha perso la sua cittadinanza Rumena ed e stato espulso. Quindi sono riuscita ad avere la cittadinanza Rumena con l’aiuto di un avvocato, e ho già fatto il giuramento. Ho avuto l’idea di fare la cittadinanza Rumena per evitare problemi burocratici legati al lavoro in Europa. Nel giorno del giuramente mi hanno lasciato un certificato in cui e scritto che ho riacquistato la cittadinanza Rumena, ma il mio avvocato mi ha comunicato che per avere il passaporto devo ancora aspettare circa 9 mesi, per registrare i miei dati e e prendere un numero di identità rumeno. Siccome ho paura di non avere il passaporto rumeno entro la scadenza del permesso di soggiorno per studio in Italia, e nel caso non riuscissi a trovare un lavoro entro la scadenza... volevo capire se nel fra tempo questo certificato di cittadinanza può sostituire il passaporto Rumeno? e se questo documento non e sufficiente, è possibile chiedere un permesso di soggiorno per attesa di cittadinanza anche se di un altro paese UN cioè rumeno o solo se si tratta della cittadinanza Italiana? In attesa di una sua risposta.
    La ringrazio,
    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna!
      SI
      Il certificato di cittadinanza potrà sostituire provvisoriamente il passaporto rumeno fino a quando non ti arriverà.-

      Elimina
  59. Salve avvocato, sono del Ecuador ho il permesso di soggiorno illimitato che avrei dovuto aggiornare a novembre di quest' anno ma ancora non lo ho fatto, sono residente in Italia di piu di 10 anni e ho bisogno dil suo aiuto. Ecco la mia situazione.
    A junio del 2011 sono tornata al mio paese insieme a mia figlia e non sono ancora ritornata in Italia, ma adesso vorrei farlo lei cosa mi consiglia che posso fare anche perche me e' stato detto che a questo punto mi sara gia stato rivocato il permesso di soggiorno pero so di persone che dopo qualche anno sono ritornati in Italia e adesso sono la senza problemi, mi aiuti per favore non so che fare non voglio perdere i miei documenti italiani e voglio tornare da voi, sono disperata mi aiuti a risolvere questo problema. Grazie in anticipo per la sua attenzione e mi scusi per la mia ortografia non perfetta, tanti saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo nel Tuo caso non c'è più niente da fare:
      Il Permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo può essere revocato:
      - se acquisito fraudolentemente;
      - quando lo straniero diventi un pericolo per l’ordine pubblico e la sicurezza dello stato;
      - in caso di assenza dall’UE per 12 mesi consecutivi;
      - in caso di rilascio di Pds UE da altro stato UE
      - in caso di assenza dal territorio Nazionale per 6 anni
      - in caso di revoca o cessazione dello status di rifugiato o dello status di titolare della protezione sussidiaria

      Elimina
  60. Buonasera avvocato,
    Vi spiego la situazione,io cittadino italiano voglio costituire una azienda di distribuzione di materiali industriali col mio suocero cittadino venezuelano residente in venezuela,
    Lui intende venire come un "turista" per la costituzione dell'azienda, ma, sucessivamente come occorre procedere per il suo permesso di soggiorno?
    Ho letto che per richiederlo come lavoro automono l'azienda deve essere operativa da 3 anni, É cosi?
    Se si contempla la possibilitá di pds per lavoro subordito quale sarebbe la procedura?

    Grazie per il Suo aiuto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jessica!
      Lavoro autonomo:
      Per lavoro autonomo si intende un'attività industriale, professionale, artigianale o commerciale, inclusa la costituzione di società di capitali o di persone o l'assunzione di cariche societarie.
      L'ambasciata o il consolato italiano rilasciano il visto di ingresso per lavoro autonomo con l'indicazione dell'attività che si intende svolgere.
      Tale visto deve essere rilasciato o negato entro 120 giorni dalla data di presentazione della domanda e deve essere utilizzato entro 180 giorni dalla data del rilascio.
      Entro 8 giorni dall'arrivo in Italia, è necessario fare richiesta del permesso di soggiorno, presentando la seguente documentazione:
      - domanda compilata e sottoscritta dall'interessato;
      - fotocopia di tutto il passaporto o altro documento di viaggio (pdf 20 KB)
      - risorse adeguate per l'esercizio dell'attività che si intende intraprendere in Italia;
      - possesso dell'eventuale iscrizione in albi e registri;
      - attestazione dell'autorità competente che non ci sono motivi ostativi al rilascio di autorizzazioni o licenze per tale attività;
      - dimostrare di disporre di idonea sistemazione abitativa;
      - possesso di un reddito annuo comunque superiore al livello minimo previsto dalla legge per l'esenzione alla spesa sanitaria. In sostituzione del reddito, anche di una garanzia da parte di enti o cittadini italiani o stranieri regolarmente soggiornanti in Italia.

      Elimina
    2. Grazie avvocato per la vostra disponibilitá,
      Una domanda, questo permesso deve essere regolato tramite il decreto flussi?
      Secondo voi é una cosa fattibile oppure come leggo da molti siti si tratta di una "lotteria"? Nel senso che é difficile rientrare?

      Elimina
    3. Ciao Jessica!
      NO!
      Il permesso di soggiorno per lavoro autonomo non è legato al decreto flussi.-

      Elimina
    4. Grazie per aver chiarito questo dubbio dato che mi dicevano che anche in caso di lavoro autonomo era necesario il decreto flussi.

      Allora lui come cittadino extracomunitario può entrare in italia come turista, aprire la societá e poi tornare in venezuela per richiedere il visto all'ambasciata giusto?

      Elimina
  61. gentile avvocato un mio amico kosovaro, titolare da oltre 15 anni di permesso di soggiorno per asilo politico, ha richiesto in giugno di quest'anno il rilascio del permesso di soggiorno CE per soggiornanti lungo periodo, ex carta di soggiorno, avendo la possibilità di recarsi in germania per lavoro, unitamente alla moglie e ai figli anch'essi titolari di permesso per motivi di asilo politico. la questura gli ha richiesto a completamento dell'istanza il contributo di 200 euro per entrambi i coniugi e per il figlio oltre ai certificati del casellario giudiziale e carichi pendenti e la visura camerale. a tale richiesta è rimasto piuttosto perplesso e mi ha chiesto un aiuto. io ho cercato inutilmente un riferimento normativo che prevede il pagamento di tale contributo anche da parte di chi è stato riconosciuto rifugiato politico e per tale motivo da sempre titolare di permesso di soggiorno per motivo di asilo politico. per quanto a mia conoscenza l'ufficio non avrebbe dovuto chiedere il certificato del casellario giudiziale e dei carichi pendenti stante che la verifica dei requisiti in tal senso viene effettuata d'Ufficio. Gradirei sapere cortesemente a quale norma o circolare o direttiva ministeriale si attiene l'Ufficio Immigrazione il quale Ufficio nella nota di avvio del procedimento amministrativo non ha per nulla indicato salvo il riferimento generico all'art.9 comma 1 del D.L.286/98. La ringrazio per la sua cortesia e disponibilità. nell'attesa le invio un saluto particolare da Marsala.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il 24 febbraio scorso è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Legislativo 13 febbraio 2014 n. 12 che recepisce la Direttiva 2011/51/UE.
      La direttiva contiene delle novità per i titolare di protezione sussidiaria e i rifugiati politici. In particolare per quanto riguarda l’accesso al permesso di soggiorno UE ( ex carta di soggiorno ) , mentre prima era necessaria la conversione in lavoro subordinato prima di poter effettuare la richiesta , ora è possibile richiedere la carta direttamente dal permesso per asilo politico o protezione sussidiaria. I requisiti:
      - Il requisito del reddito viene richiesto al pari delle altre tipologie di permesso
      - Non viene richiesta l’idoneità alloggiativa
      - Non viene richiesto superamento del test di lingua italiana
      - Il requisito dei 5 anni viene richiesto a partire dalla PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA PER LA PROTEZIONE INTERNAZIONALE.
      - La richiesta è esente dal pagamento della tassa sul rinnovo ( il bollettino sarà di 27,50 euro ).-
      Ti consiglio eventualmente di rivolgerti al più vicino Ufficio INCA - CGIL per farvi seguire per tutto l'iter burocratico necessario.-

      Elimina
  62. Buongiorno Avvocato! Sono una ragazza indiana. Sono sposata con un ragazzo indiano che sta in India. Io ho già fatto la richiesta di cittadinanza italiana. Fra qualche mese dovrei laurearmi. Ma vorrei che alla proclamazione mio marito sia qua. Per la festa della laurea. Come potrei fare? Ha qualche consiglio che mi potrebbe dare? Se è possibile far aprire visto per questo motivo? La ringrazio tanto... R.K.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cittadino italiano o straniero regolarmente residente in Italia che vuole invitare un cittadino extracomunitario in Italia e ospitarlo nella propria abitazione, deve, compilare una "dichiarazione di ospitalità" e inviarla allo straniero.
      Alla dichiarazione di ospitalità, con la quale l’invitante afferma di voler ospitare il cittadino straniero, è necessario allegare una fotocopia del documento di identità dell'invitante.
      La dichiarazione di ospitalità deve essere fatta dalla persona titolare del contratto di affitto o di proprietà e deve comprendere, tra le altre cose, l’esatta ubicazione dell’immobile in cui la persona alloggerà.-

      Elimina
    2. E quindi dopo è possibile che la persona potrebbe rimanere qua in qual che modo. Cioè se trovasse qualche lavoro potrebbe fare il p.s.. Oppure dovrà comunque ritornare e dovrò fare il ricongiungimento famigliare?

      Elimina
    3. Tuo marito se viene in Italia con visto turistico può rimanere in Italia al massimo per 3 mesi, quindi alla scadenza del visto deve ritornare in India e potrà ritornare in Italia per rimanerci tramite ricongiungimento familiare.-

      Elimina
    4. Grazie mille!

      Elimina
  63. Chiarissimo Avv. Sono cittadina Bulgara e ho 2 figli di cui uno citt.italiano e'altro di nazionalita BG rezidente in Italia da 6 anni.nel caso in cui io e il padre IT del genito nato in italia ci sposiamo.sarebbe possibile estendere la citadinanza IT al figlio BG che tra un po compie 18anni,attualmente in carico fiscale mio e dovra frequentare per almeno anni 2 la scuola superiore? nel caso che non riesce a prendere la cittadinanza IT con il mio matrimonio, come potrebbe partecipare al concorso per vigile del fuoco?grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Acquista la cittadinanza italiana anche il figlio di genitori italiani nato all'estero.-
      Requisiti per accedere al concorso per vigile del fuoco!
      I requisiti generali richiesti sono quelli per la partecipazione ai pubblici concorsi per l'accesso ai pubblici impieghi (cittadinanza italiana, godimento dei diritti politici, regolare condotta civile e morale...)

      Elimina
    2. io come cittadina bulgara contraggo matrimonio con italiano dopo che il figlio bulgaro diventa maggiorenne, sarebbe possibile estendere anche a lui la citadinanza?grazie

      Elimina
    3. Purtroppo NO!
      Dovresti richiedere prima Tu la cittadinanza italiana per estenderla poi a Tuo figlio, perché Tuo marito non può estendere la cittadinanza italiana a un figlio non suo.-

      Elimina
  64. salve avvocato informazione per piacere ,io sono straniera titolare di p.s illimitata e vedove con 2 figlie 4\8 anni ho pensione di mio marito e lavoro con contrato e ho reditto questi giorni lo ho fatto entrare mia mamma come ospitalita per 24 giorni che scadano 27\12\2014 .io non ho nessuno per guardare le bambini la domamda cosa posso fare per rimanere piu tempo lungo con me.se si po far ducomente come p.s consiglio per favore grz ''''

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo straniero regolarmente soggiornante in Italia, titolare di carta di soggiorno o di permesso di soggiorno, di durata non inferiore ad un anno, in corso di validità, può richiedere il ricongiungimento con i sotto indicati familiari residenti all'estero:
      - Coniuge
      - Figli minori
      - Figli maggiorenni a carico, non autonomi o autosufficienti, per causa di salute
      - Genitori a carico che non dispongono di adeguato sostegno nel paese di origine
      I requisiti necessari sono: Alloggio adeguato, sufficiente anche per il familiare; reddito sufficiente anche per mantenere il familiare, minimo anno 2014 euro 5.818,93 per un solo familiare, euro 8.728,39 per due familiari, euro 11.637,85 per 3 familiari ; certificazione attestante il rapporto di parentela, tradotta e legalizzata.-
      Documentazione necessaria:
      A) Marca da bollo di 14,62 euro - B) Permesso di soggiorno del richiedente - C) Ricevuta postale della richiesta di rinnovo (se il permesso è scaduto) - D) Passaporto del richiedente (solo pagina con dati della persona) - E) Passaporto della persona da ricongiungere (solo pagina con dati della persona) - F) Contratto di affitto o atto di acquisto dell’abitazione - G) Certificato di idoneità alloggiativa - H) Autocertificazione dello stato di famiglia - I) Contratto di lavoro - L) Ultima busta paga - M) Ultima dichiarazione dei redditi (CUD o UNICO o 730).-

      Elimina
    2. Grz 1000 questi regole lo'so già me mia mamma adesso qui in Italia ospitalita 24 giorni e lei malata problemi di cuori volevo mia mamma remani con me .Grz

      Elimina
  65. salve avv.faccio i complimenti per la disponibilita,sonno un citad. albanese da anni in italia con p.s illim.EU ,ho fatto domanda per la cittadinanza da 3 anni e mezzo ormai, ma la risposta che mi danno e in fase di valutazione si la pref. che sul sito ,come mi devo comportare,la ringrazio anticipamente

    RispondiElimina
  66. Salve! Sono brasiliana e circa 2 anni fa o iniziato la pratica per la cittadinanza italiana, adesso che sono in Brasile da pochi giorni, la mia suocera italiana mi ha appena detto che `arrivata la lettera della prefettura dicendo che la pratica per la cittadinanza `andata a buon fine e che posso andare a Via Ostienese a prendere la cittadinanza. La mia domanda è: Posso andara li dopo 3 mesi che la lettera è arrivata? Purtroppo devo rimanere qui in Brasile per 3 mesi,

    RispondiElimina
  67. Bungiorno
    Sono cittadina italiana sposata in sudafrica con un cittadino sudafricano.
    Vorremmo trasferirci a dubai i in qualche paese in europa..ma non sicuramente risiedere in italia.
    Che tipo di visto devo richiedere per lui per farlo entrare ed uscire dall italia quando vuoleM credo che essendo marito di cittadina italiana possa averne il diritto? E con quel tipo di vjsto puo viaggaire in europaed eventualmente lavorare?
    Grazie! Carly

    RispondiElimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.