martedì 29 luglio 2014

Cittadini Stranieri (Comunitari ed Extracomunitari)

Abbiamo aggiornato il nostro articolo sui Cittadini Stranieri con l'obiettivo di riepilogare le questioni più ricercate e renderle più facilmente consultabili:
  1. Aggiornamento permesso/permesso C.E.
  2. Assistenza sanitaria
  3. Carta d'Identità
  4. Carta di soggiorno per lungo periodo
  5. Carta di soggiorno per familiari di lavoratori extracomunitari
  6. Carta di soggiorno per motivi familiari/parentela
  7. Certificazione Anagrafica
  8. Cittadinanza Italiana
  9. Codice fiscale
  10. Iscrizione all'anagrafe
  11. Libera circolazione
  12. Matrimonio
  13. Minori all'estero
  14. Nazioni Unione Europea
  15. Paesi Patto Schengen
  16. Permesso di soggiorno per lavoratori dipendenti
  17. Permesso di soggiorno per non lavoratori dipendenti
  18. Prestazioni previdenziali
  19. Ricongiungimento del familiare residente all'estero
  20. Rinnovo del permesso di soggiorno in attesa occupazione
  21. Rinnovo del permesso di soggiorno per lavoro subordinato
  22. Rinnovo del permesso di soggiorno per motivi familiari
  23. Visti per area Schengen

1) Aggiornamento permesso/permesso C.E.:

La carta di soggiorno o permesso C.E. per soggiornanti di lungo periodo non ha scadenza, non deve essere rinnovato ma solo aggiornato e attribuisce allo straniero una serie di diritti "in più" rispetto al permesso di soggiorno "ordinario".
Il permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo è valido come documento di identificazione personale per 5 anni.
Il permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo non riporta data di scadenza ma la dicitura "illimitata"
Documentazione necessaria:
A) Marca da bollo da 14,62 euro - B) 4 foto - C) Originale + copia del permesso di soggiorno in scadenza e codice fiscale - D) Copia del passaporto in corso di validità (solo pagine con timbri) - E) Autocertificazione del certificato di residenza e stato di famiglia - F) Ricevuta del bollettino di c/c postale premarcato di 27,50 euro.-


2) Assistenza Sanitaria:

Se hai un permesso di soggiorno per lavoro subordinato, autonomo o per attesa occupazione, per motivi familiari, per asilo politico o umanitario, per affidamento o per acquisto della cittadinanza italiana hai diritto all'assistenza sanitaria; l'iscrizione deve essere effettuata presso la ASL (Azienda sanitaria locale); l'assistenza è valida per i tuoi familiari a carico regolarmente soggiornanti in Italia.
Se hai ricongiunto in Italia i tuoi genitori e hanno più di 65 anni di età, devono avere un'assicurazione sanitaria che li copra da ogni rischio in Italia e essere iscritti al Servizio Sanitario Nazionale previo pagamento di un contributo.-
Puoi iscriverti volontariamente al Servizio Sanitario Nazionale se sei regolarmente soggiornante ma non rientri nelle categorie precedenti pagando un contributo annuale, valido anche per i familiari a carico (ad esempio se hai un permesso per studio).-
Se sei “irregolare” puoi usufruire delle cure ambulatoriali ed ospedaliere urgenti o in ogni modo essenziali, ancorché continuative, per malattie e infortuni e dei programmi di medicina preventiva utilizzando il codice Stp (Straniero temporaneamente presente).-
Non puoi essere espulsa se sei una donna in stato di gravidanza o nei sei mesi successivi alla nascita di Tuo figlio; potrai avere un permesso di soggiorno per cure mediche (insieme a tuo marito, se convivente).-


3) Carta d'Identità:

Per avere la carta d'identità devi rivolgerti agli Uffici Anagrafe presentando:
- n. 3 fotografie uguali e recenti
- passaporto valido
- permesso di soggiorno validoDevi ricordare che la carta d'identità ha la stessa durata del permesso di soggiorno, non è considerato documento valido per l'espatrio e non legittima la tua permanenza in Italia in mancanza o alla scadenza del permesso di soggiorno, salvo che eventuali convenzioni o accordi internazionali dispongano diversamente.-


4) Carta di Soggiorno per Lavoratori Extracomunitari (Permesso C.E. Sogg. Lungo Periodo):

Questo tipo di permesso di soggiorno è a tempo indeterminato e può essere richiesto solo da chi possiede un permesso di soggiorno da almeno 5 anni.-
La documentazione necessaria è la seguente:
A) Bollo euro 14,62 - B) n. 4 foto tessera - C) originale + copia permesso di soggiorno in scadenza + codice fiscale - D) Fotocopia del passaporto (solo pagine con timbri) - E) Copia del contratto di affitto o rogito in caso di proprietà dell’alloggio o dichiarazione di ospitalità - F) Certificato comunale che attesti l’idoneità dell’alloggio - G) Modello CUD o 730 o UNICO relativo ai redditi percepito nell’anno precedente - H) Copia delle ultime tre buste paga - I) Contratto di lavoro e dichiarazione del datore di lavoro attestante che il rapporto di lavoro è ancora in essere - L) Superamento del test di italiano o diploma di scuola media o superiore - M) Autocertificazione dello stato di famiglia - N) Certificato dei carichi pendenti e del casellario giudiziale rilasciati dalla procura competente - O) Ricevuta del bollettino di c/c postale premarcato di 227,50 euro - P) Modello UNILAV o copia del contratto di soggiorno con allegata ricevuta di ritorno.-


5) Carta di Soggiorno per Familiari di Lavoratori Extracomunitari:

La documentazione necessaria è la stessa di quella che serve per i lavoratori extracomunitari ma in aggiunta serve anche il certificato di matrimonio, stato di famiglia o certificato di nascita tradotto e legalizzato dall'ambasciata italiana nel paese straniero.-
Ai fini della determinazione del reddito per il ricongiungimento familiare occorre fare riferimento all'importo annuo dell'assegno sociale.
L'importo dell'assegno sociale per l'anno 2014 è di 447,61 €, pari a 5.818,93 € l'anno.
Richiedente - 5.818,93 € annui
1 familiare - 8.728,39 € annui
2 familiari - 11.637,86 € annui
3 familiari - 14.547,32 € annui
4 familiari - 17.456,79 € annui
2 o più minori di 14 anni - 11.637,86 € annui
2 o più minori di 14 anni e un familiare - 14.547,32 € annui


6) Carta di Soggiorno per Motivi Familiari/ Parentela:

Chiunque sia legato ad un cittadino italiano da un legame di parentela entro il quarto grado, può richiedere la carta di soggiorno per motivi familiari.-


7) Certificazione Anagrafica:

Per i cittadini appartenenti ad uno stato membro dell'Unione Europea che intendono soggiornare sul territorio nazionale per un periodo superiore a 3 mesi è sufficiente richiedere il certificato di iscrizione anagrafica rilasciato dal Comune dove dimorano.-


8) Cittadinanza Italiana:

A) Acquisto per nascita:

L'acquisto automatico della cittadinanza per nascita nel territorio italiano, da genitori non cittadini italiani, è previsto solo:
- se entrambi i genitori sono ignoti o apolidi;
- se il figlio non segue la cittadinanza dei genitori secondo la legge dello Stato al quale questi appartengono.
Acquista la cittadinanza italiana anche il figlio di genitori italiani nato all'estero.

B) Acquisto per Residenza

Il cittadino straniero nato e residente in Italia senza interruzioni fino alla maggiore età, acquista la cittadinanza italiana se, entro il 19° anno di età, dichiara di volerla acquistare con una dichiarazione all’Ufficiale di Stato civile.

C) Acquisto per Naturalizzazione (per i cittadini stranieri residenti in Italia)

La cittadinanza per naturalizzazione viene concessa al cittadino straniero:
- dopo 10 anni di residenza legale in Italia per il cittadino non comunitario;
- dopo 4 anni di residenza legale in Italia per il cittadino comunitario;
- che abbia almeno uno dei genitori od un parente di secondo grado cittadino italiano per nascita, legalmente residente in Italia da almeno 3 anni;
- maggiorenne adottato da un cittadino italiano che risieda legalmente in Italia da almeno 5 anni dopo l'adozione;
- al cittadino straniero in possesso dello status di apolide o di rifugiato, dopo 5 anni di residenza legale in Italia.
Alle domanda di cittadinanza, deve essere allegata la certificazione originale che prova il possesso dei requisiti.
Elenco documenti:
A) Atto di nascita tradotto e legalizzato dall’ambasciata italiana nel paese di origine - B) Certificato penale del paese di origine tradotto e legalizzato - C) Certificato storico di residenza (da richiedersi nei vari comuni in cui è stato residente) - D) Stato di famiglia e residenza - E) Denuncia dei redditi degli ultimi 3 anni - F) Copia del permesso/carta soggiorno - G) Marca da bollo da 14,62 euro.-
Le domande sono soggette al pagamento di un contributo di importo pari a 200,00 euro.
Il reddito minimo necessario per ottenere la cittadinanza italiana per l'anno 2014 è il seguente:
- Euro 8.500,00 per una sola persona
- Euro 11.500,00 in caso di coniuge a carico
- Euro 550,00 in più per ogni figlio a carico
Per le richieste di cittadinanza per residenza, in pendenza di istruttoria e fino alla conclusione del procedimento, NON è consentito il trasferimento della residenza all'estero pena la dichiarazione di inammissibilità dell'istanza.-

D) Acquisto per Matrimonio

Il cittadino/a straniero che sposa un cittadino/a italiano può fare domanda per la cittadinanza italiana se, dopo il matrimonio, risiede legalmente da almeno 2 anni in Italia oppure dopo 3 anni dalla data del matrimonio in caso di residenza all'estero.
E' possibile ottenere la cittadinanza qualora al momento dell'adozione della cittadinanza non sia intervenuto lo scioglimento, l'annullamento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio e non sussista la separazione personale dei coniugi.
Quindi se dopo la presentazione dell'istanza interviene lo scioglimento, l'annullamento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio o la separazione personale, la concessione della cittadinanza viene negata.
I termini per ottenere la cittadinanza sono ridotti della metà in presenza di figli, ovviamente nati o adottati dai coniugi: 1 anno in caso di residenza in Italia e 18 mesi in caso di residenza all'estero.
Alle domanda di cittadinanza, deve essere allegata la certificazione originale che prova il possesso dei requisiti.
Elenco documenti:
A) Atto di nascita tradotto e legalizzato dall’ambasciata italiana nel paese di origine - B) Certificato penale del paese di origine tradotto e legalizzato C) Stato di famiglia e residenza - D) Certificato di matrimonio trascritto nel comune di residenza - E) Copia del permesso/carta soggiorno - F) Denuncia redditi ultimi 3 anni - G) Marca da bollo di 14,62 euro.-
Le domande sono soggette al pagamento di un contributo di importo pari a 200,00 euro.

E) Acquisto cittadinanza per discendenza di cittadini italiani

Il cittadino straniero discendente fino al IV grado di italiani emigrati all'estero, con cittadinanza italiana, può ottenere il riconoscimento della cittadinanza italiana.

F) Acquisto Automatico

I figli minori di chi acquista o riacquista la cittadinanza italiana, se convivono con esso, acquistano la cittadinanza italiana, ma, divenuti maggiorenni, possono rinunciarvi, se in possesso di altra cittadinanza (art 14 L.91/92).


9) Codice Fiscale:

Per richiedere il codice fiscale servono, se sei cittadino straniero originale e fotocopia del:
- permesso di soggiorno o carta soggiorno
- passaporto
- se non hai ancora il permesso di soggiorno, va bene anche il visto d'ingresso ancora valido.
- e indicare dove sei residente, via, cap e la città.


10) Iscrizione all'Anagrafe:

Per iscriverti all'anagrafe devi essere un componente maggiorenne della famiglia. Devi recarti personalmente all'Ufficio Anagrafe del Comune in cui hai la tua abitazione dove ti verrà dato un modulo da compilare e sottoscrivere.
Alla presentazione della domanda dovrai essere in possesso di:
- Permesso di soggiorno di validità superiore a 3 mesi
- Passaporto in corso di validità o documento equipollente
- Codice fiscale
- Contratto di affitto registrato
- Autocertificazione dei metri quadrati della tua abitazione
- Documenti relativi allo stato civile (matrimonio, divorzio ecc.). Tali documenti devono essere alternativamente originali rilasciati dalle competenti autorità del Paese in cui si è verificato l'evento, tradotti in italiano e legalizzati, oppure originali rilasciati dalle Autorità Consolari presenti in Italia del tuo Paese di origine con firma legalizzata presso la competente Prefettura.


11) Libera Circolazione:

In attuazione della direttiva 2004/38/CE, i Cittadini dell'Unione e i loro familiari, possono circolare e soggiornare liberamente nel territorio degli stati membri e per soggiorni inferiori ai 3 mesi, in Italia, non è richiesta alcuna formalità.-


12) Matrimonio:

Secondo il Codice Civile, lo straniero che deve sposarsi con un cittadino o una cittadina di nazionalità italiana deve presentare una serie di documenti:
- Documento d'identità valido sul piano internazionale (passaporto).
- Certificato di nascita proveniente dal proprio paese di provenienza tradotto e autenticato presso l'Ambasciata Italiana del Paese d’origine.
- Nulla osta dal parte del proprio Paese d’origine per contrarre liberamente matrimonio. Dal documento, rilasciato dagli uffici di competenza del Paese di provenienza - che corrispondono in Italia all’ufficio anagrafe -, deve risultare che, secondo la legge del Paese, non ci siano impedimenti al matrimonio. Come nel caso del certificato di nascita, il nulla osta deve essere tradotto e autenticato presso l’Ambasciata Italiana del Paese di provenienza.-


13) Minori all'estero:

Dal 26 giugno 2012, tutti i minori, dai 0 ai 18 anni, potranno viaggiare in Europa e all'estero soltanto con un documento di viaggio individuale: passaporto o carta d'identità valida per l'espatrio. Non saranno più valide, quindi, le iscrizioni di questi ultimi sul passaporto dei genitori che, però, rimarrà valido fino alla naturale scadenza per il proprio titolare.

Inoltre, si dovrà far inserire il nominativo dei genitori sul documento del figlio minore. Questo permetterà di agevolare e semplificare i controlli alle frontiere. Il Ministero degli Affari Esteri, in attuazione del Regolamento (C.E.) 444/2009 del Parlamento Europeo, ha anche elevato l'età minima per l'espatrio senza accompagnamento, da 10 a 14 anni.

Sino al 26 giugno 2012, infatti, per l'espatrio di un minore di 14 anni era sufficiente il solo documento di identità. Ora, invece, i genitori dovranno sottoscrivere un modulo per l'affidamento del proprio figlio a un accompagnatore da presentare all'ufficio passaporti della Questura per la relativa convalida (tale modulo si potrà ritirare in Comune, in Questura o scaricare dal sito del Comune di residenza).

Sia per il passaporto che per la carta d'identità valida per l'espatrio, la durata varierà a seconda dell'età del minore:
- 3 anni per i minori di 3 anni;
- 5 anni per i minori di 18 anni;
- 10 anni per i maggiori di 18 anni.


14) Nazioni Unione Europea:

Elenco nazioni che fanno parte della Unione Europea:

01 - Austria
02 - Belgio
03 - Bulgaria
04 - Cipro
05 - Croazia
06 - Danimarca
07 - Estonia
08 - Finlandia
09 - Francia
10 - Germania
11 - Grecia
12 - Irlanda
13 - Italia
14 - Lettonia
15 - Lituania
16 - Lussemburgo
17 - Malta
18 - Paesi Bassi
19 - Polonia
20 - Portogallo
21 - Regno Unito
22 - Repubblica Ceca
23 - Romania
24 - Slovacchia
25 - Slovenia
26 - Spagna
27 - Svezia
28 - Ungheria


15) Paesi Patto Schengen:

Con il permesso di soggiorno o con la carta di soggiorno si può circolare liberamente, per turismo, all'interno dei 24 paesi del Patto Schengen, che sono i seguenti:

01 - Austria
02 - Belgio
03 - Bulgaria
04 - Danimarca
05 - Estonia
06 - Finlandia
07 - Francia
08 - Germania
09 - Grecia
10 - Islanda (non appartiene all’UE)
11 - Italia
12 - Lettonia
13 - Liechtenstein
14 - Lituania
15 - Lussemburgo
16 - Malta
17 - Norvegia (non appartiene all'UE)
18 - Paesi Bassi
19 - Polonia
20 - Portogallo
21 - Repubblica Ceca
22 - Romania
23 - Slovacchia
24 - Slovenia
25 - Spagna
26 - Svezia
27 - Svizzera
28 - Ungheria



Irlanda e Regno Unito non hanno sottoscritto l'accordo.-
Per gli altri Paesi, occorre il visto di ingresso in base alle convenzioni esistenti tra il Paese di origine e il Paese che si intende visitare.-
Un cittadino straniero, residente in Italia, può andare a lavorare all'estero, nei paesi dell'area schengen solo se in possesso della carta di soggiorno, da aggiornare poi nel Paese di destinazione dopo tre mesi di permanenza.-


16) Permesso di Soggiorno per Lavoratori Dipendenti:

Il decreto flussi prevede quanto segue:
- Le domande, valgono ancora quelle presentate in via telematica , dai datori di lavoro per i lavoratori subordinati e dalle famiglie per domestici o badanti, al Ministero dell'interno.-
- Il Ministero dell'Interno in base alle quote provinciali assegnate trasmette le domande accolte (le prime arrivate tra quelle in regola), alle Questure.-
- La Questura convoca i datori di lavoro, o le famiglie richiedenti, per la verifica della documentazione necessaria, e se tutto in regola, trasmette la richiesta all'Ambasciata del Paese di provenienza del lavoratore.-
- L'Ambasciata del Paese estero convoca il lavoratore e gli concede il visto per l'espatrio in Italia per motivi di lavoro.-
- Il lavoratore estero può quindi venire in Italia, ma entro 8 giorni dall'arrivo, deve presentarsi insieme al Datore di Lavoro in Questura per stipulare il contratto di lavoro.-
- La Questura con il contratto di lavoro sottoscritto rilascia il I° permesso di soggiorno che dura 1 anno con contratto di lavoro a tempo determinato o 2 anni con contratto di lavoro a tempo indeterminato.-
- A questo punto il lavoratore estero può iscriversi al Comune di Residenza, richiedere il Codice Fiscale, il codice sanitario e tramite il Datore di lavoro, esperire tutte le altre formalità burocratiche necessarie come iscrizione INPS, INAIL ecc..-

17) Permesso di Soggiorno per non Lavoratori Dipendenti:

Si possono presentare in Questura richieste permesso di soggiorno per affari, Cure Mediche, Gara Sportiva, Motivi Umanitari, Asilo Politico, Minore Età, Giustizia, Stato apolide, Integrazione minore e invito.-


18) Prestazioni Previdenziali:

Le seguenti prestazioni:
- Indennità di malattia e maternità
- Indennità di disoccupazione
- Indennità di mobilità
- Assegni familiari
- Pensioni
spettano a tutti i cittadini appartenenti all’Unione Europea e a tutti i cittadini extracomunitari purché siano provvisti di permesso di soggiorno o carta di soggiorno.-
Gli assegni familiari possono essere riconosciuti solo per i familiari che sono a carico del lavoratore, ma già legalmente soggiornanti in Italia. Dunque non è possibile riconoscerli per i familiari che sono ancora nel Paese di origine a meno che non ci sia una specifica Convenzione internazionale che preveda questo beneficio.
In questi casi serve una autorizzazione preventiva dell'INPS, e per ottenerla sono necessari:
- Stato di famiglia bilingue
- Certificati redditi dei familiari bilingue
I suddetti certificati debbono essere vidimati dagli enti preposti.
I paesi convenzionati con l'Italia ai fini della corresponsione degli assegni familiari per i familiari residenti nel paese di origine sono i seguenti:

01) Argentina
02) Australia
03) Brasile
04) Canada
05) Capoverde
06) Islanda
07) Isole del Canale
08) Jugoslavia
09) Liechtenstein
10) Monaco
11) Norvegia
12) San Marino
13) Stati Uniti d'America
14) Svizzera
15) Tunisia
16) Turchia
17) Uruguay
18) Venezuela


19) Ricongiungimento del Familiare Residente All'Estero:

Lo straniero regolarmente soggiornante in Italia, titolare di carta di soggiorno o di permesso di soggiorno, di durata non inferiore ad un anno, in corso di validità, può richiedere il ricongiungimento con i sotto indicati familiari residenti all'estero:
- Coniuge
- Figli minori
- Figli maggiorenni a carico, non autonomi o autosufficienti, per causa di salute
- Genitori a carico che non dispongono di adeguato sostegno nel paese di origine
I requisiti necessari sono: Alloggio adeguato, sufficiente anche per il familiare; reddito sufficiente anche per mantenere il familiare, minimo anno 2014 euro 5.818,93 per un solo familiare, euro 8.728,39 per due familiari, euro 11.637,85 per 3 familiari ; certificazione attestante il rapporto di parentela, tradotta e legalizzata.-
Documentazione necessaria:
A) Marca da bollo di 14,62 euro - B) Permesso di soggiorno del richiedente - C) Ricevuta postale della richiesta di rinnovo (se il permesso è scaduto) - D) Passaporto del richiedente (solo pagina con dati della persona) - E) Passaporto della persona da ricongiungere (solo pagina con dati della persona) - F) Contratto di affitto o atto di acquisto dell’abitazione - G) Certificato di idoneità alloggiativa - H) Autocertificazione dello stato di famiglia - I) Contratto di lavoro - L) Ultima busta paga - M) Ultima dichiarazione dei redditi (CUD o UNICO o 730).-


20) Rinnovo Permesso di Soggiorno in attesa occupazione:

Documentazione necessaria:
A) Marca da bollo da 14,62 euro - B) n. 4 foto - C) Originale + copia del permesso di soggiorno in scadenza e codice fiscale - D) Copia del passaporto in corso di validità - E) Autocertificazione del certificato di residenza e stato di famiglia - F) Copia del contratto di affitto o rogito in caso di proprietà dell’alloggio o dichiarazione di ospitalità - G) Copia dell’ultima dichiarazione dei redditi (Mod. CUD o Unico o 730 - H) Copia delle ultime 3 buste paga - I) Iscrizione al centro per l’impiego - L) Ricevuta del bollettino di c/c postale premarcato di 107,50 euro.-


21) Rinnovo Permesso di Soggiorno per Lavoro Subordinato:

In prossimità della scadenza del permesso di soggiorno, da un massimo di due mesi prima, fino a un massimo di due mesi dopo, si può richiedere il rinnovo del permesso di soggiorno per lavoro subordinato.
Documentazione necessaria:
A) Marca da bollo da 14,62 euro - B) n. 4 foto - C) Originale + copia del permesso di soggiorno in scadenza e codice fiscale - D) Copia del passaporto in corso di validità - E) Autocertificazione del certificato di residenza e stato di famiglia - F) Copia del contratto di affitto o rogito in caso di proprietà dell’alloggio o dichiarazione di ospitalità - G) Copia dell’ultima dichiarazione dei redditi (Mod. CUD o Unico o 730 - H) Copia delle ultime 3 buste paga - Contratto di lavoro o dichiarazione del datore di lavoro attestante che il rapporto di lavoro è ancora in essere - I) Modello UNILAV o copia del contratto di soggiorno con allegata ricevuta di ritorno - L) Ricevuta del bollettino di c/c postale premarcato di 107,50 euro (fino a un anno di 127,50 euro fino a due anni.-


22) Rinnovo Permesso di Soggiorno per Motivi Familiari:

In prossimità della scadenza del permesso di soggiorno anche il familiare del lavoratore extracomunitario (coniuge, genitore o figlio) può chiedere il rinnovo del permesso di soggiorno per motivi familiari.-
Documentazione necessaria:
A) Marca da bollo da 14,62 euro - B) n. 4 foto - C) Originale + copia del permesso di soggiorno in scadenza e codice fiscale - D) Copia del passaporto in corso di validità - E) Autocertificazione del certificato di residenza e stato di famiglia - F) Copia del contratto di affitto o rogito in caso di proprietà dell’alloggio o dichiarazione di ospitalità - G) Copia del permesso di soggiorno del coniuge o del figlio del quale si è carico - H) Copia dell’ultima dichiarazione dei redditi (Mod. CUD o Unico o 730 dei familiari che svolgono attività lavorativa - I) Contratto di lavoro o dichiarazione del datore di lavoro attestante che il rapporto di lavoro è ancora in essere - L) In caso di coniuge oppure padre/madre di cittadino italiano produrre documentazione relativa al rapporto di parentela con i suddetti- M) Ricevuta del bollettino di c/c postale premarcato di 107,50 euro (fino a un anno di 127,50 euro fino a due anni.-


23) Visti per area Schengen:

A) Le seguenti nazionalità hanno bisogno di un visto per visitare i paesi dell’area Schengen per qualsiasi motivo:
Afghanistan, Algeria, Angola, Arabia Saudita, Armenia, Azerbaijan, Bahrain, Bangladesh, Belize, Benin, Bhutan, Bielorussia, Bolivia, Burkina Faso, Burundi, Cambogia, Camerun, Capo Verde, Repubblica Centrafricana, Ciad, Cina, Colombia, Comore, Congo, Repubblica Democratica del Congo, Corea del Nord, Costa d'Avorio, Cuba, Dominica, Repubblica Dominicana, Egitto, Emirati Arabi Uniti, Eritrea, Etiopia, Fiji, Filippine, Gabon, Gambia, Georgia, Ghana, Giamaica, Gibuti, Giordania, Grenada, Guinea, Guinea Bissau, Guinea Equatoriale, Guyana, Haiti, India, Indonesia, Iran, Iraq, Kazakistan, Kenya, Kirghizistan, Kiribati, Kuwait, Laos, Lesotho, Libano, Liberia, Libia, Madagascar, Malawi, Maldive, Mali, Marianne del Nord, Marocco, Marshall, Mauritania, Micronesia, Moldova, Mongolia, Mozambico, Namibia, Nauru, Nepal, Niger, Nigeria, Oman, Pakistan, Palau, Papua- Nuova Guinea, Perù, Qatar, Ruanda, Russia, Saint Lucia, Saint Vincent e Grenadine, Salomone, Samoa Occidentali, Sao Tomé e Principe, Senegal, Sierra Leone, Siria, Somalia, Sri Lanka, Sud Africa, Sudan, Suriname, Swaziland, Tagikistan, Tanzania, Thailandia, Timor Est, Togo, Tonga, Trinidad e Tobago, Tunisia, Turchia, Turkmenistan, Tuvalu, Ucraina, Uganda, Uzbekistan, Vanuatu, Vietnam, Yemen, Zambia, Zimbabwe.

B) Le seguenti nazionalità non hanno bisogno di visto d’ingresso per visitare i paesi dell’area Schengen per un massimo di 90 giorni per motivi di turismo, affari, invito e gara sportiva:
Albania, Andorra, Antigua e Barbuda, Argentina, Australia, Bahamas, Barbados, Brasile, Bosnia-Erzegovina, Botswana, Brunei, Bulgaria, Canada, Cile, Cipro, Corea del Sud, Costa Rica, Croazia, Ecuador, El Salvador, Estonia, Giappone, Guatemala, Honduras, Israele, Lettonia, Lituania, Macedonia, Malesia, Malta, Mauritius, Messico, Monaco, Montenegro, Nicaragua, Nuova Zelanda, Panama, Paraguay, Polonia, Repubblica Ceca, Romania, Saint Kitts e Nevis, Serbia, Seychelles, Singapore, Slovacchia, Slovenia, Stati Uniti, Taiwan, Ungheria, Uruguay, Venezuela.


Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it.
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

170 commenti:

  1. Gentile avvocato,
    da pochi giorni ho fatto giuramento per la cittadinanza italiana.
    Purtroppo ho saputo in gran ritardo che con acquisizione della cittadinanza italiana perdo automaticamente la mia ucraina perche la legge ucraina vieta di avere la doppia cittadinanza. Vorrei sapere se posso tornare indietro rimanendo con la carta di soggiorno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La legge prevede la rinuncia alla cittadinanza italiana da parte del cittadino italiano in possesso della cittadinanza di un altro Paese e che risieda o stabilisca la propria residenza all'estero. L’interessato deve presentare istanza di rinuncia all'autorità diplomatica o consolare italiana nel Paese di residenza perché l’acquisto volontario di una cittadinanza straniera e il trasferimento della residenza all'estero non producono la perdita automatica della cittadinanza italiana, salvo in forza di accordi internazionali.

      Elimina
  2. Grazie per la risposta,
    Pero vorrei anche sapere se tornando indietro e diventando di nuovo la cittadina extracomunitaria
    la mia carta di soggiorno e/o permesso di soggiorno devo richiede nuovamente ricominciando tutto da capo o posso rivalere quella mia che ero gia in posseso da tanti anni?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo se rinunci alla cittadinanza italiana perdi anche la carta di soggiorno, quindi dovrai ricominciare tutto da capo.-

      Elimina
  3. Grazie avvocato.
    Sono contenta di diventare cittadina italiana pero e frustrante sapere che sono diventata una straniera per il mio paese d'origine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo avresti dovuto sapere, o avrebbero dovuto informarti che l'Ucraina non ammette la doppia cittadinanza.-

      Elimina
  4. Salve avvocato sono un ragazzo ucraino sono in possesso di un permesso di soggiorno soggiornante di lungo periodo-CE ILLIMITATA VORREI CHIEDERE SONO SPOSATO DA POCO CON UNA RAGAZZA MOLDAVA CHE IN POSSESSO DI UN PASSAPORTO RUMENO DELLO STATO UE NON VOGLIAMO ANDARE IN IRLANDA PER CERCARE LAVORO IO PER ENTRARE IN IRLANDA DEVO CHIEDERE IL VISTO O POSSO CIRCOLARE TRANQUILLAMENTE CON LA MIA MOGLIE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I cittadini dell’Unione Europea non necessitano di alcun documento speciale per entrare in Irlanda, ma solo la carta d’identità nazionale o il passaporto.
      Per chi non possiede una nazionalità di un paese dell’Unione Europea, l’ingresso in Irlanda si può effettuare esclusivamente in presenza di un passaporto valido e di un visto, il cui tipo può variare a seconda dei motivi di ingresso al paese. Esistono eccezioni, con paesi per i quali non si richiede un visto, anche se, in tal caso, la permanenza sarà limitata a 90 giorni e potrà essere motivata esclusivamente da ragioni turistiche.-

      Elimina
  5. Salve Avvocato.
    sono entrato in italia con un visto studente, per studiare turismo.
    mi hanno dato un foglio per studiare e stare qua in italia per una stagione.
    adesso mi ha scaduto il foglio.
    ho mio fratello che vive in italia e ha la carta di soggiorno.
    voglio sapere se lui può farmi un contratto domestico per chiedere il permesso di soggiorno.

    la ringrazio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cittadino straniero, titolare di un permesso di soggiorno per studio o per formazione professionale in corso di validità, può richiedere la conversione di tale titolo in permesso di soggiorno per lavoro subordinato.-

      Elimina
  6. Buona sera Avvocato Censori,vorrei fare una domanda : come che abiamo cambiato la residenza,io e il mio marito entrambi siamo moldavi,il marito a il permesso di soggiorno illimitato,e il mio permesso di soggiorno e scaduto,e come che io ho la seconda citadinanza rumena sono una comunitaria,e io e i nostri figli siamo nel ricarico del marito,abiamo portato tutte le carte per inscrizione d'ufficio all'anagrafe,mi ano fatto la residenza,però la practica e ancora aperta,non vogliano chiuderla peche chiedano la busta paga e passaporto de la neonata,ho portato la bustapaga però non mi lo anno accetta perché è bassa...ma da quando ci vole il contratto di lavoro ed la busta paga per fare la residenza? E come la bimba e pena nata non riesco così facile a fare il passaporto dal consulato,e non riesco a fare le tessere sanitaria per me è i nostri figli senza atesstato citadino comunitaria perché la pratica e ancora aperta....cosa dobbiamo fare ?grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti se Tuo marito ha il permesso di soggiorno illimitato Tu avresti dovuto richiedere la carta di soggiorno per familiari, perché per far valere la cittadinanza rumena devi dimostrare di essere in grado di mantenerti da sola in Italia, quindi devi avere un reddito di almeno 5.818,93 euro all'anno.-

      Elimina
  7. Buonasera Avvocato
    Mi chiamo Paola avrei bisogno di chiederLe informazioni riguardanti il mio ragazzo.
    Il mio ragazzo è giunto in Italia con un visto da turista dal Sud Africa.
    Vorrebbe poter trovare un lavoro in Italia e ovviamente con un visto da turista non è possibile.
    Per cambiare il visto è necessario che lui debba ritornare in Sud Africa? Oppure tramite il consolato è possibile fare qualcosa?
    Perché facendo delle ricerche ho visto che lui dovrebbe ritornare in sud Africa e ripreparare la documentazione per il visto da lavoro. Un'altra domanda nel caso volessimo fare l'unione civile in Comune sono sufficienti i suoi documenti: certificato di nascita, police clearance e dichiarazione che lui è celibe?
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola!
      - Purtroppo debbo confermarti quello che verificato tu stessa e cioè che il Tuo ragazzo deve ritornare in Sud Africa e preparare la documentazione per il visto da lavoro.-
      - L'unione civile non ha effetto ai fini del permesso di soggiorno, perché è necessario il matrimonio, per il quale serve in effetti il certificato di nascita e il certificato di stato libero.-

      Elimina
  8. Buon giorno avvocato mi chiamo Miguel
    Ho la mia mamma pensionata da 3 anni eavvita con me circa 1 anno sotto carico mio ,ma prende 214.00 £ mese con un redito da 2.789.00 £ al anno per la pensione
    Vorrei sapere si per lei fare la richiesta della cittadinanza sono validi el ultimo 3 CUD di lavoro ,o il ultimi 3 CUD di pensione?, visto che queste ultimo (pensione) no rientra dentro dei parametri redituale previsti per la cittadinaza e che da un anno fa parte dei nucleo familiare
    Gradirei una vostra risposta
    distinti saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo per la cittadinanza italiana contano i redditi degli ultimi 3 anni, a prescindere quindi dal fatto che siano da lavoro o da pensione.-

      Elimina
  9. Ciao avvocato,la mia domande e che io e la mia moglie siamo qui a marocco quasi 10 mesi,e vogliamo andare in italia questo mese,e abbiamo 3 figlie minorenne.la piu piccola ha 1 anno, che la portiamo con noi in questo viaggio,ma voliamo lasciare le altre 2 perche fanno l'asilo qui in marocco.Ma le voglio portarli in italia in vacanze estive che Sara a giugno,in questo caso le mie 2 figlie depassano un anno fuori italia.e io ho paura, che la polizia italiana all'aeroporto mi prendono le carte di soggiorno delle mie 2 figlie.

    mi puo dire avvocato cosa devo fare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo un'ipotesi di revoca del permesso di soggiorno CE, è l’assenza dal territorio per un lungo periodo. In particolare, è previsto che l’assenza per dodici mesi consecutivi determina la revoca del titolo di soggiorno.-

      Elimina
  10. Buongiorno. Sono nato nel 1989 in Ucraina (città Ivano-Frankivsk) ex URSS, ho vissuto li fino al mese di dicembre del 2004, sempre a dicembre sono entrato in Italia e residente ininterrottamente dal mese di maggio del 2005 fino ad oggi. Nel frattempo, e precisamente a marzo del 2007 ho cambiato la città di residenza, ora è Evpatoriya (Crimea). Di recente, Crimea si è annessa alla Russia, dunque tutti i cittadini della Crimea sono diventati cittadini russi, io compreso, quindi ora sono un cittadino russo. Ora, vorrei chiedere la cittadinanza italiana, ma non capisco bene quale certificato penale devo produrre. Alla prefettura basterà quello rilasciato dalle autorità locali russe oppure potrebbero chiedermi anche quello ucraino?
    Ricapitolando, fino all'età di 18 anni nato e residente in Ucraina (ex URSS) città Ivano-Frankivsk,
    dai 18 anni fino ad oggi residente in Crimea (ex Ucraina, dal 2014 Federazione Russa).
    Grazie in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi, alla prefettura non importa del fatto che fino al 2014 ero un cittadino Ucraino?
      Secondo la legge italiana devo produrre il certificato penale del paese d'origine (nel mio caso è URSS, ma dal 1991 Ucraina) o di eventuali paesi terzi di residenza (nel mio caso è sempre Ucraina, dal momento che solo dal 2014 sono formalmente un cittadino russo).

      Elimina
    2. Se le autorità locali russe ti rilasciano il certificato penale valido anche per il periodo precedente l'anno 2014 va bene solo quello, altrimenti devi richiedere il certificato penale anche in Ucraina.-

      Elimina
    3. Infatti, le autorità russe possono rilasciarmi il certificato penale valido solo per il periodo 2007-2017, mentre per farmi rilasciare il certificato relativo al periodo 1989-2006 sono costretto a rivolgermi alle autorità ucraine, temo che la prefettura potrebbe richiedermelo.
      Grazie mille della risposta avvocato.

      Elimina
  11. Buonasera,
    io e mio marito stiamo per procedere all'iscrizione all'AIRE (Germania). Qui a roma lasciamo una casa che sarà custodita dalla nostra colf regolarmente assunta alle mie dipendenze. E' necessario fare qualche comunicazione all'INPS o all'AIRE?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ilaria!
      Se la colf viene licenziata perché voi vi trasferite all'estero, e la colf dovrà dovrà solo fare da custode, quindi senza retribuzione e senza residenza, non dovete fare alcuna comunicazione ne all'INPS ne all'AIRE.-

      Elimina
  12. Buonasera Avvocato, grazie per la rapida risposta. Dunque, la colf rimarrà in regolare servizio, le verrà pagato lo stipendio e relativi contributi. Rimarrà a Roma a condurre la casa mentre noi saremo in Germania. Spero di essere stata più chiara. Grazie ancora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ilaria!
      Se la colf rimarrà in regolare sevizio, e le verranno quindi pagati lo stipendio e i relativi contributi, non ci sono problemi ne con l'INPS ne con l'AIRE, e l'unico problema è con il Comune e con le autorità, nel senso che deve risultare o il domicilio o la residenza della colf a casa vostra.-

      Elimina
  13. Salve Avvocato,

    Prima di tutto vorrei ringraziarla per tutta l'informazione messa a disposizione di tutti, mi é venuta benissimo per togliermi tanti dubbi. Ma dopo leggere vorrei chiederle, sono italiano e voglio sposarmi in Venezuela per dopo andare a vivere in Italia.

    Lei (venezuelana senza cittadinanza UE)dovrebbe prendere un visto prima di partire, o puó ingressare con visto di turismo, e dopo fare la richiesta della carta di soggiorno in Italia?

    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      Un matrimonio contratto all'estero per avere effetto in Italia deve essere trascritto nel Comune di residenza, quindi nel tuo caso Tua moglie dovrà venire in Italia con visto turistico, e una volta che avrai trascritto il matrimonio lei potrà richiedere la carta di soggiorno.-

      Elimina
  14. Salve avvocato vorrei chiederle gentilmente io lavoravo in una pizzeria da un 1 anno e mezzo avevo un contratto indeterminato mi hanno licenziato e non so il perché comunque sono andato a chiedere disoccupazione e fino adesso sto aspettando che mi danno una risposta perché stanno facendo i calcoli ed adesso ho trovato un lavoro per 3 ore al giorno posso ancora ricevere i soldi di disoccupazione o no ? E cosa devo fare grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Devi comunicare all'INPS per via telematica la data di inizio dell'attività lavorativa e la data di scadenza del contratto, e l'INPS sospenderà il pagamento dell'indennità di disoccupazione per il periodo di durata del contratto.-

      Elimina
  15. Buongiorno avvocato...Sono una moldava con cittadinanza rumena.... Convivo con un italiano con quale ho una figlia... Io ne ho altri due figli con cittadinanza Moldava....Per fare il permesso di soggiorno mi è servito il consenso del padre tradotto e legalizzato....In questura mi hanno preso quel consenso.... mi può dire per piacere se quel consenso tradotto e legalizzato mi potrà servire per altre cose? Grazie mille...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Al momento il consenso del padre non ti serve per altre pratiche, anche se spero che Tu abbia conservato una copia da esibire ad eventuali richieste.-

      Elimina
  16. salve avvocato
    le vorrei fare una domanda un po' particolare
    sono un lavoratore extracomunitario lavoro con contratto a tempo inde con 19 anni di contributi pagati
    la mia domanda e' il seguente se un giorno decido di tornare nel mio paese di origine questi contributi che fine faranno oppure se ce' una possibilita' di trasferirli a qualche ente pensionistica nel mio paese di origine
    quale soluzione esiste per questi contributi?
    cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una volta che avrai versato almeno 20 anni di contributi all'INPS, al raggiungimento dei requisiti pensionistici, avrai diritto alla pensione di vecchiaia calcolata in base ai contributi versati, anche se ritornerai nel tuo Paese di origine.-

      Elimina
  17. salve avvocato e complimenti per il blog
    mio figlio nascera' in maggio nel mio paese
    oltre alle detrazione per figlio a carico che cosa ce' chiedere come agevolazione?
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      Purtroppo non avrai diritto ad altre agevolazioni!
      Infatti le altre agevolazioni sono previste solo per i bambini nati in Italia.-

      Elimina
  18. salve avvocato
    per mio figlio che nasce all'estero io posso avere il congedo parentale?
    se mi spiega cosa e' questo congedo e come viene retribuito?
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Il congedo parentale è previsto anche per i figli nati all'estero, fino ad un massimo di 6 mesi, ed è retribuito al 30%.-

      Elimina
  19. Buonasera dott.censori
    sono iscritto alla cgil ed ogni mese loro prendono 1% del mio stipendio
    solo questa volta( busta paga di dicembre) hanno preso il 2% mi sai dire il perché?
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La trattenuta sindacale è sempre la stessa, quindi se a dicembre è stata doppia, presumo che sia stata calcolata sia sulla 13/ma che sulla paga di dicembre.-

      Elimina
  20. Buonasera Dott.Censori. Scorsa settimana ho spedito domanda di cittadinanza in prefettura tramite internet...Lei per caso non sa come si procede dopo...scrivono un e-mail o fanno una telefonata e quanto tempo si devi aspettare...???Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A questo punto devi attendere una qualche comunicazione via mail, ma purtroppo i tempi sono molto lunghi.-

      Elimina
  21. Buon giorno.Vorrei farvi una domanda...Io vorrei andare per lavoro in uno paese di Schengen.(sono in possesso di carta di soggiorno illimitato)...pero mi preoccupa,se perdo il permesso di soggiorno Italiano,cosa sarra con mio appartamento in proprieta,avrò qualche problemi???
    Vi ringrazio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se vai a lavorare all'estero, in uno dei Paesi del'area Schengen, dovrai convertire la carta di soggiorno italiana in quella del nuovo Paese.-
      In questo caso però perderai anche la residenza in Italia, quindi per quanto riguarda il Tuo appartamento dovrai rivolgerti a un commercialista che ti curi l'aspetto fiscale.-

      Elimina
  22. Salve avvocato,le voglio chiedere gentilmente una cosa unamia cugina che abitanei pressi di roma ha avuto dei problemi con il marito(violenza),e mentre stava in ospedale i servizi siciali le hanno tolto i bimbi,è passato già un anno da quando i 3 bimbi si trovano in una casa famiglia ma adesso si sono aggiustate le cose e vuole in dietro i propri figli ma le hanno detto che non è ancora possibile le devono affidare a qualcuno ma lei non ha nessuno,e mi ha chiesto se io e la mia piccola famiglia ci trasferiamo da lei così per affidarci i bimbi voglio sapere se è possibile dato chr noi abbiamo reddito 0 e un bambino di 3 anni a carico,e cosa lei potrebbe fare.cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Presumo di NO!
      Non mi pare che voi siate nelle condizioni per ottenere l'affidamento dei 3 bimbi di tua cugina, visto che non siete parenti stretti e non avete redditi, comunque per avere informazioni più precise tua cugina deve rivolgersi ai servizi sociali del suo Comune di residenza.-

      Elimina
    2. La ringrazio di cuore carissimo avvocato,lei ha la possibilità di avere i figli in dietro lei li vuole perché sta bene sia economicamente che a livello morale le cose vanno bene e non ha problemi e sta continuando a seguire lo psivologo che le hanno proposto i servizi sociali ha la possibilità di riavere i figli la ringrazio di cuore lei ha paura che la famigkia a cui i servizi sociali affidi i bambini non vorranno più ristituirli.cosa potrebbe fare lei ha incaricato un avvocato ma non sta risolvendo nulla.cordiali saluti

      Elimina
    3. Se Tua cugina ha incaricato un avvocato, deve seguire le indicazioni del suo avvocato, senza rivolgersi a terzi che come me non a conoscenza della situazione specifica possono solo crearle confusione e portarla magari fuori strada.-

      Elimina
  23. buona sera avvocato
    le vorrei chieder questo nella mia busta paga di dicembre e' scritto credito fiscale dl66/14 cng 78,92
    visto che dicembre 31 giorni non doveva essere 81,53?
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con la busta paga di dicembre va effettuato il conguaglio dell'IRPEF di tutto l'anno e lo scorso discorso vale per il bonus di 80 euro.-

      Elimina
  24. Salve dottore , mi scusi se la disturbo . Inanzitutto vorrei complimentarmi con Lei per il suo lavoro molto professionale e di grande aiuto a tutti noi. Sono un cittadino argentino residente in Italia con pds per motivo di studio. Già da qualche mese (settembre per la precisione ) stiamo pensando di andare nel mio paese con amici italiani . Abbiamo infatti già comprato i biglietti qualche mese fa con data di partenza il 3 marzo, volendo pure risparmiare abbiamo deciso di farli con la compagnia Iberia passando da madrid , finqui tutto liscio . Il primo gennaio però mi scadeva il permesso di soggiorno alchè consapevole della faccenda ho iniziato le pratiche a riguardo ad inizio dicembre. Mai fidarsi della burocrazia!!! Ciò che è sempre stato risolto in due mesi, quest'anno pare che ci metteranno di più. Molto di più . Quindi ho appuntamento in questura il 9 marzo. La domanda è se c'è qualche possibilità di realizzare il viaggio passando da madrid, considerando che il viaggio è stato prenotato da molto tempo prima. Posso chiedere un visto in questura provvisorio ? ... Mi conviene parlare con l'ambasciata spagnola ? Magari loro possono darmi farmi un visto di transito? Ed infine l'altro ieri sono stato a Londra (23 gennaio ) al rientro col timbro non scattano 90 giorni che mi consentirebbero di spostarmi in Schengen? giacché come cittadino argentino non mi serve visto da turismo. Mi scuso ancora e la ringrazio in anticipo in attesa di un cordiale riscontro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      Con il passaporto, il permesso di soggiorno scaduto e la ricevuta della domanda di rinnovo puoi ritornare in Argentina in vacanza senza problemi.-
      Il problema dello scalo intermedio di Madrid si pone solo se intendi uscire dalla zona internazionale dell'aeroporto, altrimenti essendo uno scalo intermedio nessuno ti creerà problemi in Spagna.-

      Elimina
  25. Salve,le spiego mia situazione, sono cittadina Egiziana,nel 2015 mi sono sposata con un Italiano.non mi ha fatto mancare mai niente.Andavamo d'amore e d'accordo malgrado le piccole divergenze culturali.ho avuto una bimba il 10/01/17.da li si e scatenato l'inferno,durante la gravidanza ho sentito qualche allarme riguardante il rapporto tra lui e sua madre.Prima non voleva avere rapporti con lei,mi diceva che era troppo invadente e che ci poteva creare problemi,mi ha confidato che per colpa sua ha perso la fede In tante cose.(genitori separati). da un punto in bianco,hanno iniziato a sentirci quasi in tutte le ore.ho scoperto che le raccontava qualsiasi cosa della nostra vita.premetto che lei a casa nostra non e mai venuta.sono stata ricoverata al 8 mese di gravidanza e ho avuto un parto prematuro.prima e dopo il parto,stando in un ospedale lontano 60km dal paesino dove abitiamo,lui era sempre assente,in 10gg di ricovero si e presentato due volte ed era in compagnia della madre,addirittura e ripartito dopo nemmeno 2 ore che e nata sua figlia con la scusa del lavoro e ritornato 4 giorni dopo solo per riportarci a casa.Prima della nascita della nostra bimba eravamo d’accordo di far venire mia madre per poter accudire me e la bimba.E cosi e stato,ma già dal primo giorno l’ha offesa senza un motivo apparente,non ha rispettato ne me ne lei ne la sacralità del legame della famiglia e genitori nel quale io credo tantissimo. Ha continuato i giorni avvenire, non le ha rivolto la parole, io che vedevo e non riuscivo a reagire. Dopo qualche giorno,in una visita presso casa di mia sorella,c'e stata una discussione su chi farà il primo bagnetto alla figlia, lui con prepotenza ha detto lo fa sua madre,senza nemmeno averne parlato con me, a quel punto ho detto che decido io per mia figlia.lui,ha iniziato a minacciarci dicendo che la figlia non vedrà mai l’Egitto e che da quel momento sarà una guerra.ci ha abbandonato li portandosi tutte le cose nostre che erano in macchina.il giorno dopo mi sono fatta accompagnare da mia sorella a casa,l ho chiamato per venire ad aprire visto che la chiave l ha portata via,mi ha lasciato aspettare per piu di tre ore,all’arrivo,ci ha aggredito verbalmente,ha continuato a offenderci dandoci delle straniere incivili( mi sto laureando in farmacia, lui ha il diploma di maturità)e morti di fame.Non sono riuscita a rimanere dentro casa,sono tornata via a casa di mia sorella con il cuore infranto.Non riuscivo a realizzare l’accaduto.l'ho avvisato tramite email che ho l intenzione di rimanere li per un po’ avendo ancora dolori del dopo parto e l’aiuto di loro con la bimba che richiede tante attenzioni che lui non e stato capace di dare anzi ha preferito dormire sul divano piuttosto di darmi una mano con lei nei giorni precedenti.La situazione continua cosi per qualche giorno,nel frattempo sia lui che sua madre sono venuti a vedere la nipote portando del latte e dei pannoloni(ha bloccato il bancomat che mi aveva dato).Fino a sabato scorso, quando mi ha inviato un messaggio dicendomi che vuole formalizzare la separazione.Non ha mai chiesto delle scuse,non ha mai giustificato per come si e comportato. Mi ha rovinato il periodo piu bello della mia vita.Sono caduta in depressione.sono disoccupata con una neonata,ora ospite da mia sorella insieme a mamma.
    le mie domande sono:
    -posso chiedere cmq la cittadinanza non essendo ancora divorziata?Posso obbligarlo a darmi la dichiarazione dei redditi sua?
    -Posso avere il mantenimento mio e di mia figlia anche non ritorno a vivere a casa sua? Ho paura per nostra incolumità,perche lui ha dei disturbi di ansia e depressione e alimentari,a volte ha dei scatti d’ira se non mangia e assume dei antidepressivi giornalieri anche se in forma leggera.
    -Potrei avere in consenso per viaggiare in egitto?Come fare il passaporto anche a mia figlia, lui melo può impedire?
    -Lui può vietarmi di iscrivere mia figlia come cittadina egiziana, se e no? Tra i documenti servirebbe anche l’atto di nascita suo, quale il modo per averlo?
    grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Purtroppo NO! Se Tuo marito ha avviato la pratica di separazione non puoi più richiedere la cittadinanza italiana come coniuge di cittadino italiano.-
      - SI! Puoi richiedere il mantenimento per te e per tua figlia.-
      - Purtroppo NO! Senza il consenso di Tuo marito non puoi portare la bambina in Egitto.-
      - La bambina ha già la cittadinanza italiana, e non so se l'Egitto ammette la doppia cittadinanza, e se richiede anche il consenso del padre.-
      L'atto di nascita della bambina puoi richiederlo in Comune anche senza il consenso di Tuo marito.-
      Ti consiglio comunque di rivolgerti ai servizi sociali del Tuo Comune di residenza per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
    2. la ringrazio per la risposta tempestiva, volevo un ulteriore chiarimento riguarda la richiesta della cittadinanza. in tutti i casi non mi verrebbe concessa nemmeno se la data della richiesta e antecedente alla richiesta della separazione sopratutto con una bimba in mezzo in quanto ho letto che si dimezzano i tempi. ?poi mi servono dei documenti di lui per chiedere il bonus bambino,la dichiarazione dei redditi e per iscrivere la fignla nel registro al consolato egiziano mi serve l'atto di nascita di lui, come posso fare?

      Elimina
    3. - Purtroppo la data della richiesta della cittadinanza italiana per matrimonio con cittadino italiano è ininfluente, in quanto conta lo stato civile al momento della concessione.-
      - Purtroppo non puoi richiedere ne la dichiarazione dei redditi di Tuo marito ne il suo atto di nascita.-

      Elimina
    4. Mille grazie per le sue informazioni, se non chiedo tanto vorrei sapere cosa spetta a me e a mia figlia di mantenimento, casa, ufficialmente guadagna su 1600.00€ e casa e di sua proprietà. non vorrei tornare a vivere con lui, sto ancora presso mia sorella. posso scegliere di vivere in un posto che non e casa sua? come funzionano le orari di visita? sono costretta a ricevere anche i suoi genitori? grazie.

      Elimina
    5. Su tutte le questioni che stai sollevando sarà il giudice nella sentenza di separazione a stabilire tutti i dettagli, quindi calcolerà l'assegno di mantenimento in base al reddito di tuo marito e deciderà sul resto tenendo conto delle esigenze di entrambi e soprattutto nell'interesse della bambina, Tu devi quindi cercarti solo un buon avvocato che ti tuteli ed assista per il meglio.-

      Elimina
  26. Salve avvocato, prima di tutto la ringrazio per il suo aiuto.
    Sono cittadino italiano che abita fouri l'Italia, ma adesso dopo 10 anni di lavoro (come ingegnere) fuori UE, vorrei tornare in Italia, ho letto che per gli italiani che rimpatriano c'è il diritto di avere "l'indennità per lavoratori rimpatriati", io pur non avendo mai lavorato in Italia, ho questo diritto?
    Come ho detto prima, ho lavorato fuori l'Italia per gli ultimi dieci anni, ed il mio contratto di lavoro nel estero finisce il prossimo mese. Cosa devo fare per chiedere questo diritto?

    Mille grazie per il suo aiuto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Indennità di disoccupazione per rimpatriati:
      E' una prestazione economica il cui importo è calcolato sulla base delle retribuzioni convenzionali stabilite con decreti ministeriali annuali.
      Spetta ai cittadini italiani che abbiano lavorato all'estero (sia in Stati non convenzionati che in Stati comunitari o convenzionati in base ad accordi e convenzioni bilaterali) rimasti disoccupati per effetto del licenziamento o del mancato rinnovo del contratto di lavoro stagionale da parte del datore di lavoro all'estero (straniero ovvero italiano, operante o residente all'estero), che siano rimpatriati successivamente al 1° novembre 1974.
      Per accedere alla prestazione il lavoratore italiano rimasto disoccupato deve soddisfare i seguenti requisiti:
      - essere rimpatriato entro 180 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro;
      - aver reso la dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro entro 30 giorni dalla data del rimpatrio.
      Le persone disoccupate, rimpatriate da uno Stato estero non convenzionato, dovranno allegare alla domanda apposita dichiarazione, attestante il licenziamento o il mancato rinnovo del contratto, rilasciata dal datore di lavoro all'estero o dalla competente autorità consolare.-

      Elimina
    2. Grazie mille avvocato... ho tutti i requisiti, ma il mio dubbio è, posso godere questo diritto anche se non ho mai lavorato in Italia? Grazie

      Elimina
    3. SI!
      Puoi richiedere l'indennità di disoccupazione per rimpatriati anche se non hai mai lavorato in Italia.-

      Elimina
  27. Buongiorno,
    sono un cittadino italiano residente all'Estero e iscritto all'AIRE . Mia moglie, straniera extra UE, risulta residente con me all'estero. Mi serve avere un permesso a lunga scadenza per mia moglie necessario quando viaggiamo per vacanze in Europa e senza dovere ogni volta richiedere un un visto di ingresso. Potrebbe cortesemente consigliare quale tipo di permesso richiedere (es. carta/permesso di soggiorno) e se posso richiederlo presso il mio consolato italiano di riferimento ? Grazie in anticipo . Cordiali saluti Fabrizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fabrizio!
      Purtroppo non è possibile!
      Il permesso di soggiorno o la carta di soggiorno per il coniuge straniero extra UE di cittadino italiano, può essere richiesto solo se entrambi risiedono in Italia e non se risiedono all'estero.-

      Elimina
  28. Gentile Avvocato,

    Innanzitutto grazie per il suo servizio, utilissimo. Sono un cittadino italiano residente in Inghilterra (iscritto all'AIRE) e con contratto di lavoro permanente. Sto per sposarmi con una cittadina indiana che poi mi raggiungerebbe qui dopo il matrimonio. Che tipo di documento occorre fare per lei? Esiste un visto dipendente che possiamo fare all'ambasciata italiana oppure dobbiamo passare per il governo inglese?

    Grazie anticipatamente.

    Francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Purtroppo, essendo residenti in Inghilterra, dovete passare per il governo inglese.-

      Elimina
  29. Salve dott.censori volevo chiederle un informazione.
    I miei 2 figli di 3 e 6 anni percepiscono reversibilità per nipoti a carico di mio.suocero defunto di anni 77.
    La cifra è di 429 ciascuno.
    Volevo chiederle ma con i nuovi criteri per la quattordicesima a loro spetterebbe?
    Grazie per la risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simona!
      Purtroppo NO!
      La quattordicesima spetta solo a chi ha più di 64 anni d'età.-

      Elimina
  30. Buongiorno Avvocato
    Volevo chiederle un'informazione. Io sono una cittadina residente all'estero, in Svizzera. Il 15 io e il mio ragazzo ci siamo sposati dopo aver fatto tutti i documenti con il consolato italiano. Il comune mi ha rilasciato il certificato di Matrimonio. Sono abbastanza in crisi in quanto nessuno sa darmi delle risposte. Oggi siamo andati presso l'ufficio stranieri e mi hanno detto che per poter stare insieme il mio ragazzo deve tornare in sud Africa per farsi fare le carte di ricongiungimento presso l'ambasciata Svizzera per poi avere il loro nulla osta.
    È così? Oppure lui tramite il consolato africano a Berna ha la possibilità di farsi fare le carte senza dover tornare in Sud Africa?
    spero lei mi possa dare delle risposte soddisfacenti in quanto nessuno ora sa dirmi qualcosa.
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola!
      Ci sono dei consolati abilitati dai loro Paesi di origine al disbrigo di pratiche di ricongiungimento familiare, ed altri invece no, quindi dovete contattare il consolato del Paese di origine di Tuo marito a Berna per verificare se sono abilitati o meno.-

      Elimina
  31. buongiorno avvocato io avrei un problema per fare la legalizzazione di un certificato penale di mio marito proveniente dalla libia purtroppo li non e' stato possibile legalizzarlo le ambasciate italiane non funzionano per guerra come posso fare? avrei appuntamento per la cittadinanza il 3 marzo senza questa legalizzazione verra' bocciata ringrazio in anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non è stato possibile fare la legalizzazione del certificato penale all'ambasciata italiana in Libia, puoi o presentarlo comunque senza legalizzazione con autocertificazione, o puoi rivolgerti al consolato libico in Italia.-

      Elimina
  32. Buongiorno avocato sono una dona di 36 ani e vivo in Italia ormai da 10 anni,quest anno mi piacerebbe fare la richiesta per la citadinanza,convivo e ho 2 figli nati qui,ho redito del 2014 2015 2016 ho anche 2 fratelli che sono citadini Italiani ma purtroppo non arivoal redito richiesto posso chiedere ai miei fratelli un qualqosa, e se si ,cosa, che mi possa aggevolare la domanda e cosi a prendere la cidadinanza GRAZIE e buon lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ai fini del raggiungimento del limite di reddito necessario per la cittadinanza italiana, al proprio reddito si può aggiungere il reddito del coniuge e di altri familiari quindi anche i fratelli purché conviventi, cioè solo se iscritti nello stesso stato di famiglia.-

      Elimina
  33. Ciao avvocato,io sono Rony ho 16 anni. Abito in italia da 2 anni col mio padre che abita gia 8 anni e ha carta di soggiorno illimitati. il mio permesso di soggiorno scade a marzo.prima volta mi hanno lasciato il permesso di soggiorno per 2 anni.questa volta posso chiedere per la carta di soggiorno e che cosa serve per farlo????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rony!
      Al compimento della maggiore età allo straniero titolare di un permesso di soggiorno per famiglia è rilasciato un permesso di soggiorno per motivi di studio, di accesso al lavoro, di lavoro a seconda dell’attività svolta. Quando il giovane non studia e non lavora, allora gli può essere rilasciato un permesso di soggiorno per motivi familiari se risulta ancora a carico dei suoi genitori.
      Questo significa che alla scadenza del permesso di soggiorno potrai richiedere il rinnovo per altri 2 anni, cioè fino a 18 anni d'età.-

      Elimina
  34. Buongiorno Avvocato,
    Avrei bisogno di un informazione: sono una cittadina rumena sposata con cittadino albanese; 4 mesi fa è nata il nostro figlio ; la domanda è : per far la carta d'identità al piccolo è obbligatorio che anche lui abbia il permesso di soggiorno ? Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se siete sposati e il bambino porta il cognome del padre, per richiedere la carta d'identità del bambino è obbligatorio che anche lui abbia il permesso di soggiorno.-

      Elimina
  35. Salve sig.r gianfranco, ho una domanda per lui...sono diventata cittadina italiana vorrei sapere sé e possibile portare del mio paese di origine Rep.dominicana un mio parente, compagno di madre con Diabetes? Poi ho visto che si può chiedere una autorizzazione da parte del ministero della salute o della Regione ,per cure umanitarie,come si può ottenere questo certificato? La ringrazio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Tra te e il compagno di tua madre, in base alla normativa italiana non esiste alcun legame di parentela, quindi non puoi richiedere un visto per cure mediche.-

      Elimina
  36. Buonasera avvocato, dopo la nascita di un bambino fino a 6 mesi il padre può chiedere un permesso di soggiorno per assistenza, madre ha la carta di soggiorno e sono anche sposati in comune dopo la nascita. L'appuntamento che ha dato la questura per chiedere questo permesso è oltre il compimento di 6 mesi del bambino. In questo caso come funziona, cosa possiamo fare?

    La ringrazio
    Sonny

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo straniero regolarmente soggiornante nel territorio nazionale, titolare di carta di soggiorno o di un permesso di soggiorno, in corso di validità, per lavoro subordinato, per lavoro autonomo, per motivi familiari, per asilo, per protezione sussidiaria, per studio o per motivi religiosi, di durata non inferiore a un anno, può presentare istanza per il rilascio del nulla osta al ricongiungimento familiare per i seguenti congiunti:
      - Coniuge maggiorenne non legalmente separato
      - Figli minori non coniugati (anche del coniuge o nati fuori del matrimonio), a condizione che l’altro genitore, qualora esista, abbia dato il suo consenso).
      - Figli maggiorenni a carico, qualora per ragioni oggettive non possano provvedere alle proprie indispensabili esigenze di vita in ragione del loro stato di salute che comporti invalidità totale.
      - Genitore a carico, qualora non abbiano altri figli nel Paese di origine o di provenienza, ovvero genitori ultra sessantacinque anni, qualora gli altri figli siano impossibilitati al loro sostentamento per gravi documenti motivi di salute.-

      Elimina
    2. Grazie per la sua risposta. Con ricongiungimento lui deve tornare in suo paese d'origine e si separa dalla moglie e bambino. Se c'è un'alternativa che si può fare tutto rimanendo in Italia?

      Elimina
    3. Purtroppo deve ritornare nel suo Paese di origine, e non mi risultano altre alternative.-

      Elimina
  37. Buongiorno, voglio porle una domanda.
    Ho fatto la domanda per la cittadinanza un anno fa. E con problemi debiti x mutuo casa chiedo gentilmente di dermi se questi debiti fanno problemi per la cittadinanza ? Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      I debiti x mutuo non ti creeranno problemi per la cittadinanza italiana.-

      Elimina
  38. Buona sera,dottore..per favore ho una domanda per mia figlia ... per la CITTADINANZA...Lei ha un figlio italiano da 7 ani.,ma non arriva al reddito di 8500 euro/anno per ultimi tre anni..e possibile fare la domanda.Lei ha il figlio in carico,suo papa sta in altra casa,e non sono sposati.Siamo dalla ROMANIA...Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Se Tua figlia non raggiunge il limite di reddito non può richiedere la cittadinanza italiana.-

      Elimina
  39. Salve avocato per cortesia ho una domanda mio padre non ha il permesso di soggiorno è scaduto e gli hanno dato foglio di via e da come io ho iniziato a lavorare con un contratto determinato di un anno e guadagno 950€ al mese, potrei farlo entrare sul mio carico così riesce a chiedere un permesso di soggiorno motivo familiare e la ringrazio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Si può richiedere un ricongiungimento familiare di un genitore a carico che non dispone di adeguato reddito nel Paese di origine, e non quindi quando è già in Italia con un permesso di soggiorno scaduto.-

      Elimina
  40. Buonasera Avvocato, sono cittadino del bangladesh con un permesso di soggiorno greco di residenza permanente di durata di 10 anni, posso lavorare in Italia e chiedere in questura il permesso di soggiorno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Con il permesso di soggiorno greco permanente puoi lavorare in Italia e richiedere eventualmente dopo tre mesi di permanenza l'aggiornamento del permesso di soggiorno.-

      Elimina
  41. Buongiorno avvocato,un informazione gentilmente. Un cittadino europeo con residenza in Italia,può viaggiare nei stati del Unione con la carta di identita italiana?GRAZIE per la cortese attenzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Con la carta d'identità italiana, ovviamente se valida per l'espatrio, si può viaggiare liberamente in tutti gli stati dell'unione europea.-

      Elimina
  42. Buongiorno, signor gianfranco.vorrei per favore uma informazioni.ho dei parenti nella Svizzera, io e miei figli abbiamo cittadinanza italiana,la bambina più piccola nata qui Italia.come possiamo fare x trasferirci li? Poi x quanto riguarda la mia figlia di 3 anni nata qui in itali, sono separata del padre?lui e d'accordo, ma serve qualche documento speciali? La ringrazio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PERMESSI DI SOGGIORNO
      È indispensabile trovare un impiego prima di entrare in Svizzera? No, se il soggiorno dura meno di 3 mesi, non serve alcun permesso, bastano carta d’identità o un passaporto valido. Se la ricerca di un impiego si protrae oltre i tre mesi, l’autorità comunale o cantonale rilascia un permesso di soggiorno di breve durata (permesso L/UE-EFTA) valido altri tre mesi durante i quali ci si impegna a cercare lavoro. Qualora dopo la scadenza di questo permesso la ricerca di un impiego non abbia avuto un esito positivo, dietro richiesta, il permesso potrà essere prolungato fino ad 1 anno. Il permesso di soggiorno di breve durata è il tipo di permesso viene rilasciato anche ai lavoratori dipendenti che esercitano un’attività di durata inferiore a un anno. In quel caso, la durata di validità del permesso equivarrà a quella del contratto di lavoro.
      Una volta ottenuto un contratto di lavoro, si acquisisce il diritto di soggiornare e di svolgere un’attività lucrativa in Svizzera. Il permesso di soggiorno è valido per la durata del contratto lavorativo, se quest’ultimo è stato concluso per un periodo inferiore a un anno (permesso L/UE-EFTA); negli altri casi la sua validità è di cinque anni (permesso B/UE-EFTA).
      Dopo 5 anni di dimora regolare e ininterrotta i cittadini di Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Liechtenstein, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Spagna e Svezia ottengono un permesso di domicilio (permesso C UE/AELS) in base agli accordi bilaterali stipulati con tali Paesi. Questo permesso di durata illimitata sottostà tuttavia a un termine di controllo di cinque anni.
      Gli Italiani che desiderano lavorare in Svizzera e risiedono vicino alla frontiera possono richiedere il permesso per frontalieri (permesso G UE/AELS). Questo tipo di permesso viene rilasciato ai lavoratori dipendenti e indipendenti cittadini dell’Unione europea che lavorano in Svizzera (posto di lavoro oppure sede dell’impresa). Il permesso prevede che almeno una volta alla settimana il lavoratore debba ritornare al luogo di domicilio all’estero. Se il contratto di lavoro dura meno di un anno, la durata di validità del permesso equivale alla durata di validità del contratto. Se il contratto di lavoro ha una validità superiore a un anno, il permesso vale 5 anni.

      Elimina
    2. La ringrazio ancora.ma possiamo partire tutti anche miei figli? E fare ricongiungimento li?volevo sapere x quanto riguarda mia figlia di 3 anni, come possiamo fare anche siamo d"accordi io e il padre( siamo separati)?? Pero nn sappiamo che pratica fare?Grazie

      Elimina
    3. Mi ero dimenticata di chiedere ma nel periodo che il cantone mi rilascia il permesso x soggiornare x quel periodo di 3 /6mesi o 1anni.devo dimostrare mezzi economici?grazie

      Elimina
    4. Per poter portare i bambini in Svizzera è necessario il passaporto!
      Per richiedere il passaporto per il figlio minore è necessario l'assenso di entrambi i genitori (coniugati,conviventi, separati, divorziati o genitori naturali.) e che il minore sia cittadino italiano.-
      Per poter portare i figli in Svizzera è necessario che tu trovi un lavoro, quindi la procedura più corretta è che vai in Svizzera come turista dai parenti, ti cerchi un lavoro e successivamente richiedi il permesso di soggiorno e di seguito il ricongiungimento familiare.-

      Elimina
    5. B giorno Dott Censori , volevo un Po avere la conferma d parte sua adesso quando finiscono le scuole a giugno, mi rilasciano il nulla osta e pagelle della scuola ok.ma quest documenti lo dovrei tradurre? Vado in svizzera nella parte tedesca? Poi dovrei portare il vaccini dei bambini ( devo tradurre anche queste) x ultimo volevo sapere.siccome mi faranno un contratto di lavoro prima di andare posso portare già con Me , miei figli? O il padrone di lavoro mi può fare il raggiungimento x Loro? In modo che possiamo partire tutti.perché qui nn ho parenti x lasciare loro.grazie!

      Elimina
    6. Se uno dei due genitori è extracomunitario e non è presente in Italia, quindi non può recarsi presso una Questura per l'assenso, allora si deve recare presso l'Ambasciata italiana nel Paese estero dove si trova e firmare l'assenso che in questo modo è legalizzato e spedito poi in Italia dall'Ufficio diplomatico.cioè x il fare il passaporti di miei figli cosa devo fare abbiamo acquistato la citt italiana.x il piccolo dichiarato solo x me, x il più grandi il padre mi a rilasciato il suo consenso firmato da un notaio, poi legalizzato nel mio paese di residenza, portato alla ambasciata italiana e tradotto in italiani?? Cosa devo fare x il passaporti.grazie

      Elimina
    7. Ti consiglio di rivolgerti a un patronato per farti seguire per tutto l'iter burocratico necessario.-

      Elimina
    8. B giorno dott censori, sono andata al patronato purtroppo loro nn sanno niente di queste cose , solo di pensioni, disoccupazione,ecc ecc.mi trovo in una piccola provincia in Sardegna .li chiedo solo cortesemente si mi può dire sé il contratto di lavoro mi viene fatto prima posso andare con miei figli???grazie

      Elimina
    9. Ti consiglio allora di rivolgerti direttamente all'Ambasciata Svizzera!
      AMBASCIATA SVIZZERA A ROMA
      Indirizzo: Via Barnaba Oriani 61 - 00197 Roma
      Orari: 9.00-12.00 dal lunedì al venerdì
      Telefono: 06 809571, 06 809571
      Fax: 06 8088510, 06 8080871
      E-mail: rom.vertretung@eda.admin.ch
      Sito web: www.eda.admin.ch/roma
      Aree di competenza: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Marche, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria.-
      CONSOLATO SVIZZERO A MILANO
      Indirizzo: Via Palestro 2 - 20121 Milano
      Orari: 9.00-12.00 dal lunedì al venerdì
      Telefono: 02 7779161
      Fax: 02 76014296
      E-mail: mil.vertretung@eda.admin.ch
      Sito web: www.eda.admin.ch/milano
      Aree di competenza: Lombardia, Emilia Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Liguria, Piemonte, Trentino-Alto Adige, Valle d'Aosta, Veneto.-

      Elimina
    10. Grazie.chiamerò purtroppo nn posso andare.grazie

      Elimina
    11. Salve vorrei chiedere gentilmente un quesito mio figlio x il momento potrà solo andare in svizzera con la carta d identità italiana .quindi senza passaporto italiano...questo potrebbe essere un problema li per il rilascio del permesso di permanenza?? O va bene con la carta d identità? La ringrazio!

      Elimina
    12. SI!
      va bene la carta d'identità purché valida per l'espatrio!

      Elimina
    13. Buona sera signor censori, volevo sapere gentilmente come posso fare, x assenso passaporti : in commissariato mi hanno detto che potevo chiedere al giudice tutelare l assenso x l passaporti per me è mio figlo, però la avvocata a detto che Nn si può chiedere perché la risposta sarebbe negativa visto che il padre e in vita e so dove si trova. Ok volevo farlo in santo domingo solo che il tempi sono più lunghi li e Nn ho tempo perché dovremmo partire inizio agosto. La ambasciata italiana in santo domingo e chiusa. Aprirà a fine luglio Nn mi basta il tempo x fare tutto il procedimento.. Come posso fare per questo consenso /assenso del padre che si trova li in santo domingo.???? Ho solo un documento rilasciato a me però è generico. Nn per passaporti?? La prego di aiutarmi come posso muovermi x ottenere questo assenso. Grazie e buonanotte!

      Elimina
    14. Purtroppo non mi risultano altre strade percorribili, quindi non posso esserti d'aiuto!

      Elimina
  43. salve avvocato
    ho bisogno di una sua risposta entro oggi perche'mi serve per domani
    io ho mia madre a carico e lavoravo con una ditta dove ho presentato dei documenti legalizati
    adesso che e' venuta una nuova azienda mi stanno chiedendo carte aggiornate pero' la mia situazione non e' cambiata le mie carte di prima sono valide oppure devo tornare nel mio paese di origine per fare altre e questo non e' semplice ?
    grazie

    RispondiElimina
  44. loro mi hanno detto che le carte che ho presentato sono del 2014 e loro hanno bisogno di carte del 2017
    pero' io ho letto nei diversi siti dove dicono che se lo status e' invariato allora non serve nuove carte ed ho fatto leggere a loro la circolare e loro mi hanno detto che questo e' valido per il recupero delle detrazioni nel 730 mentre per avere in busta paga bisogna avere documenti del 2017
    per favore mi risponde al mio quisito
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ai sensi dell’art. 1 comma 1326 della Legge n. 296/2006 viene stabilito che se successivamente alla presentazione della prima dichiarazione dei redditi la situazione dei carichi di famiglia del cittadino extracomunitario non risulta modificata, non sarà necessario presentare una nuova documentazione, essendo sufficiente una mera autocertificazione con cui il contribuente attesti, confermandola, che la situazione familiare precedentemente indicata è rimasta invariata. In caso contrario, dovrà essere presentata una nuova ed aggiornata documentazione.-
      Nel tuo caso quindi se la nuova azienda non accetta l'autocertificazione o ritorni al tuo Paese di origine per richiedere una nuova documentazione o richiedi le detrazioni con la dichiarazione dei redditi.-

      Elimina
  45. ciao,vorrei una informazione k ho fatto la domanda di cittadinanza 2 anni fa gia passati 2 anni e neanche una volta cambiato stato e nessuno si risponde cosa possiamo fare??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dalla data in cui è stata depositata la richiesta della cittadinanza, le autorità hanno 730 giorni per concludere la procedura per la concessione o il diniego in base alla valutazione fatta. (art. 3 del D.P.R. n.362/1994)
      Una volta trascorsi i 730 giorni, lo straniero può inviare dei solleciti alla Pubblica Amministrazione per richiedere la conclusione della propria pratica. Infatti, in base alla legge 241/90 sulle norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi, entro l’anno da quando sono decorsi i 2 anni senza una risposta, l’interessato può inviare una lettera di diffida alla pubblica amministrazione per avere un riscontro. Questa procedura non implica la necessità di rivolgersi ad un avvocato, obbligatorio invece nel caso in cui si decida di rivolgersi al Tribunale.-

      Elimina
  46. Salve Avocato sono una ragazza rumena disoccupata mio futuro marito ha problemi con ii fegato ha hepatite B e io devo fare il vaccino per la hepatite ma devo fare il rinovo per medico di famiglia ma sono disocupata cosa devo fare per avere assistenza medica ?
    Se ci sposiamo a agosto questo anno 2017 e sono sul suo carico avro diritto di assistenza medica subito dopo il matrimonio.
    Io sono sana ma solo per questo vaccino che devo fare
    Grazie e aspetto la sua rispsta .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di rivolgerti ai servizi sociali del tuo Comune di residenza per poter richiedere l'iscrizione al SSN o almeno per ottenere il vaccino di cui hai bisogno.-

      Elimina
  47. sono cittadino ucraino ho chiesto asilo ho saputo che dopo due mesi che sono stato in questura posso lavorare con contratto vero o no se si come funziona la procedura la ringrazio yuri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Yuri!
      SI!
      Il permesso di soggiorno per richiesta asilo consente di svolgere attività lavorativa ma solo se sono trascorsi sessanta giorni dalla presentazione della domanda e sempre che il procedimento di esame della domanda non sia ancora concluso. Inoltre, il ritardo non deve essere imputabile al richiedente. (art. 22 del decreto legislativo 18 agosto 2015, n. 142).-

      Elimina
  48. Salve sig.avvocato
    Sono un cittadino albanese con psg di lungo periodo e a ottobre 2016 ho applicato per la cittadinanza italiana.
    Nel frattempo ho una opportunità di essere assunto da una ditta austriaca in austria. Se io mantengo la residenza in Italia dove poi ciò anche la mia famiglia moglie e le due bambine quindi sono in italia nei fine settimana.
    Quindi la domanda e se e possibile lavorare in austria e nn perdere la possibilità di prendere la cittadinanza italiana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Puoi lavorare in Austria senza perdere il diritto alla cittadinanza italiana, ma devi mantenere la residenza in Italia.-

      Elimina
    2. Grazie per la risposta avvocato.
      Ho ancora un dubbio.
      Allora io la residenza in Italia lo mantengo. Pero se in austria vengo assunto dovro prendere una casa quindi anche un domicilio o residenza e dopo nn so se mi crea problemi quest ultima.?
      Poi per quanto riguarda la carta di sg sono obbligato a convertirla dopo i tre mesi di domicilio o residenza. o pure se ce un limite massimo prima di convertirla.?
      Poi se tutto questo mio dubbio è reale e mi crea problemi per la cittadinanza. Avrei una ide Sempre per nn perdere neanche il lavoro visto che la azienda si trova al confine con la Germania - Austria
      Potrei secondo te fare tre mesi o più in Austria e via così in Germania fin che avrò la cittadinanza italiana?
      Grazie mille ancora e Dio ti benedica.

      Elimina
    3. - Se prendi la residenza in Austria perdi quella in Italia, quindi dovrai richiedere solo un domicilio in Austria.-
      - NO! Non sei obbligato a convertire la carta di soggiorno dopo 3 mesi di permanenza in Austria.-
      - SI! Puoi lavorare qualche mese sia in Austria che in Germania, senza perdere la residenza in Italia, fino a quando non ti verrà concessa la cittadinanza italiana.-

      Elimina
  49. Gentile Avvocato , ho bisogno di un consiglio. Quest'estate andrò in vacanza al sud qui in Italia con un mio carissimo amico. Lui è filippino e purtroppo da circa 3 anni vive da irregolare, essendo rimasto in Italia dopo la scadenza del visto. Pensa che quando saremo in albergo sorgeranno problemi al momento della registrazione ,vista la sua situazione ? Il suo passaporto è in regola e non è ancora scaduto, ma temo che la situazione del suo visto possa in qualche modo mettere in allarme la questura a cui arriverà la registrazione dell'albergo. Che ne pensa?
    Spero in una sua pronta risposta.
    Cordiali saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Un albergatore è obbligato per legge a segnalare alla Questura l'ingresso di cittadini extra comunitari, quindi è probabile che venga accertato tramite il passaporto che il tuo amico è irregolare.-

      Elimina
  50. buongiorno avvocato sono di macedonia ho cittadinanza italiana ho chiesto permesso di soggiorno per motivi famigliari per mia madre. con la ricevuta e codice fiscale di mia madre sono andato a fare la tessera sanitare asl non lo fa mi chiedono obr 12 mia madre ha meno di 65 anni .da poco prende una pensione in macedonia.non ho capito perché non lo fanno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Presumo che non facciano la tessera sanitaria a tua madre fino a quando non le verrà concesso il permesso di soggiorno, e comunque devono fornirti un motivazione del rifiuto.-

      Elimina
  51. Buongiorno Avvocato, intanto complimenti per dare risposte a tante persone.

    Sono un cittadino italiano e mi sono sposato da pochi mesi con una donna africana.

    A breve mia moglie avrà dall'Ambasciata italiana il visto per arrivare in italia e quindi poter richiedere in Questura la carta di soggiorno della validità di 5 anni.

    Le chiedo : è possibile per mia moglie andare a studiare in una Università della comunità europea (ad es. Belgio o Francia) senza dover richiedere il visto ma con la semplice iscrizione universitaria? In questo caso potrebbe perdere il diritto alla carta di soggiorno italiana?

    Grazie per la risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Massimo!
      Tua moglie fino a quando non otterrà la carta di soggiorno italiana non potrà andare a studiare in un'università della comunità europea.-
      Poi con la carta di soggiorno tua moglie potrà andare a studiare all'estero senza perdere il diritto alla carta di soggiorno italiana.-

      Elimina
    2. Mi scusi Avvocato se la disturbo ..
      ma ho letto che con la carta di soggiorno che rilascerà la Questura mia moglie potrà andare in un Paese UE per un massimo di tre mesi.

      Se così fosse, come fa l'Università ad accettare l'iscrizione?

      Ancora grazie e buona serata.

      Elimina
    3. Ciao Massimo!
      Un visto turistico può essere richiesto per un massimo di tre mesi, mentre con la carta di soggiorno si può andare in uno qualsiasi dei Paesi dell'Area Schengen e restarci per lavoro o per studio per tutto il tempo che è necessario.-

      Elimina
  52. Buongiorno! Mi chiamo Stelian e sono un cittadino romeno residente in Italia dal 2004. Ho un lavoro stabile sin da quando mi sono trasferito in questo paese. Nei primi anni, essendo la Romania ancora extra UE, ho continuato a rinnovare periodicamente il permesso di soggiorno, fino a quando nel 2007 mi sono sposato con una cittadina italiana acquisendo di conseguenza il permesso definitivo. Con mia moglie dopo due anni ci siamo separati e, non avendo figli, abbiamo continuato ognuno a vivere la sua vita. Ora ho una nuova compagna,quindi in accordo con la mia (quasi) ex moglie abbiamo avviato le pratiche per il divorzio, che essendo consensuale sarà piuttosto rapido. La mia domanda é: cambierà qualcosa per me ,dal punto di vista del permesso di soggiorno,dopo l'avvenuto divorzio?io non ho mai chiesto ufficialmente la cittadinanza italiana. Potró comunque continuare la mia vita in Italia come ho fatto fino ad ora o dovró fare qualcosa? Qual'é il percorso per continuare a vivere regolarmente la mia vita lavorativa e affettiva in questo paese? La ringrazio in anticipo per l'aiuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stelian!
      Nessun problema!
      Tu attualmente sei un cittadino comunitario, quindi se hai un lavoro e una residenza stabile sei perfettamente in regola, e con il divorzio cambierà solo in Comune il tuo stato civile che passerà da coniugato a divorziato.-

      Elimina
  53. salve dott. gianfranco grazie e auguri per questo servizio gratuito. volevo chiedere alcuni chiarimenti. sono un cittadino extracommunitario. abito in italia da 8 anni manca ancora due anni per fare domanda avere cittadinanza italiana.ho permesso di soggiorno illimitata(ex carta di soggiorno). trasferisco per ungheria per lavorare. avendo mia residenza in italia posso lavorare in ungheria senza cambiare mia residenza in italia? cambiando solo domicilio in ungheria? devo informare comune anagrafiche o qualche altro ufficio su questo discorso in italia prima di partire per ungheria per lavorare? perche manca ancora due anni per cittadinaza quindi non voglio perdere mia residenza in italia. e poi fino a aprile ho lavorato in italia pero da luglio in poi lavorero in ungheria quindi questo caso posso fare dichiarazioni dei redditti(730) prossimo anno? e obbligo? ci sono vantaggi per me ? o devo pagare doppio tasse? sia in italia e ungheria. poi ultima domanda e se prossimi due anni lavoro in ungheria posso dimostare il cud (ungheria) quando faccio domanda per avere cittadinanza in italia? cud presso estero vale questo caso). grazie per sua pazienza. grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In caso di trasferimento all'estero, dopo un anno di assenza si perde la residenza in Italia, e quindi si perde anche il diritto alla cittadinanza italiana.-

      Elimina
  54. Buongiorno avvocato Censori,
    la contatto per porle un quesito.
    Sono un cittadino italiano che vuole sposare nel proprio comune di residenza una cittadina macedone.
    Abbiamo fornito tutti i documenti necessari e fatto le registrazioni in comune.
    Tuttavia ho da poco trovato un lavoro a tempo indeterminato in Francia dove mi sono trasferito e ho
    fatto un contratto di locazione per il mio appartamento.
    Il mio dubbio é questo: posso sposarmi con ma mia ragazza in Italia e poi portarla assieme a me in Francia?
    Che cosa dobbiamo fare dopo il matrimonio?Andare in questura per fare il permesso di soggiorno per lei oppure fare la carte de
    sejour per familiare ue in francia?
    Per favore mi faccia avere sue risposte.
    Grazie e distinti saluti.
    David

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao David!
      Per poter portare la tua ragazza in Francia, dopo esserti sposato in Italia, subito dopo il matrimonio devi richiedere in Questura il permesso di soggiorno per Lei come coniuge di cittadino italiano.-

      Elimina
    2. Buonasera gentilissimo Sig. Censori,
      ti ringrazio per la precedente risposta al mio quesito.
      Ti volevo richiedere un'ultima informazione:
      subito dopo il matrimonio con la mia ragazza macedone richiedo alla Questura di Viterbo il permesso di soggiorno per Lei come coniuge di cittadino italiano.
      Quali sono i documenti necessari da presentare in questura? e il permesso verrà rilasciato immediatamente o dovremmo aspettare un po' di tempo?
      In questo modo lei ottiene la carta di soggiorno italiana e puo' andare in uno qualsiasi dei Paesi dell'Area Schengen e restarci per lavoro o per studio per tutto il tempo che è necessario.
      Mi confermi?
      Grazie mille e buona giornata.
      David

      Elimina
    3. Ciao David!
      Subito dopo il matrimonio tua moglie dovrà presentare in Questura il passaporto e il certificato di matrimonio, ma per ottenere la carta di soggiorno dovrà attendere qualche mese, e una volta ottenuta potrà andare in uno qualsiasi dei paesi dell'area Schengen e restarci sia per lavoro che per studio.-

      Elimina
    4. Buongiorno Gianfranco,
      mentre attendiamo la carta di soggiorno é possibile per mia moglie seguirmi in francia con il visto turistico di 3 mesi?
      In questura è necessario le 4 fototessera e la marca da bollo da 16 euro?
      Grazie mille.
      David

      Elimina
    5. Ciao David!
      SI!
      Nel frattempo Tua moglie può seguirti in Francia con un visto turistico di 3 mesi!

      Elimina
    6. Buongiorno e scusi ancora Gianfranco,
      ho trovato nel sito della polizia di stato questo avviso:
      Lo straniero che ha presentato la richiesta di permesso di soggiorno per lavoro subordinato o lavoro autonomo o ricongiungimento coniugale, può uscire e fare rientro nel territorio nazionale, a condizione che:
      1. l'uscita e il rientro avvengano attraverso lo stesso valico di frontiera;
      2. lo straniero esibisca il passaporto o altro documento equipollente, unitamente al visto di ingresso dal quale desumere i motivi del soggiorno, e la ricevuta di Poste Italiane S.p.A.;
      3. il viaggio non preveda il transito in altri paesi Schengen.
      Questa norma è valida anche nel nostro caso?
      Grazie mille.

      Elimina
    7. Ciao David!
      SI!
      La norma vale anche per il vostro caso!

      Elimina
    8. Quindi ,per capirci bene, la mia futura moglie dovrebbe attendere il rilascio della carta di soggiorno in italia e le sarebbe vietato avvalersi del permesso turistico per venire in francia?
      Sono un po' confuso...
      Tuttavia lei ha chiesto all'ambasciata italiana a Skopje e non le hanno sollevato problemi a riguardo (solo quello di non oltrepassare i 90 giorni come permesso turistico).
      Mi puo' chiarire la situazione per favore?
      La ringrazio ancora.

      Elimina
    9. Ciao David!
      Non capisco dove hai dedotto che la tua futura moglie deve attendere il rilascio della carta di soggiorno in Italia, perché non è vero, quindi deve solo attenersi a quello che le hanno detto all'ambasciata italiana di Skopje.-

      Elimina
  55. Salve avvocato vorrei chiedere gentilmente una domanda. Mio padre ha fatto la richiesta per il rinnovo del permesso di soggiorno e l'hanno rifiuti e abita con me e mia madre che fa la sarta e ha un reddito e io lavoro e ho un contratto indeterminato full-time possiamo aiutarlo ? Potrebbe dirmi per cortesia una soluzione.
    La ringrazio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di rivolgerti al più vicino Ufficio INCA - CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina


  56. Buongiorno Avvocato gentilmente un'informazione fra un po mia madre prende il permesso di soggiorno per 2 anni (motivi familiari parentela con cittadino italiano) dopo di che dovrebbe andare al comune e richiedere la carta d'identità la mia domanda è questa mia madre  da un po di tempo  che ha iniziato a lavorare come colf h24 e ora la famiglia vorrebbe fare l'assunzione con contratto e dunque dove dovrebbe fare la residenza con me o dove svolgerà il lavoro?La ringrazio per la risposta in anticipo 




    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sofia!
      Sono possibili entrambe le opzioni!
      Infatti se tua madre stipula un contratto da convivente potrà trasferire la residenza presso la famiglia dove svolgerà il lavoro, se invece il contratto sarà da non convivente dovrà fare la residenza da te.-

      Elimina
  57. salve avvocato
    le vorrei porre una domanda, mi e' appena nata una bimba e ho iniziato a fare la pratica per richiedere il passaporto tramite la nostra ambasciata a Roma
    una volta fatto il passaporto dovrei iniziare a fare la pratica per richiedere il permesso di soggiorno
    la mia domanda e' questa la pratica per il p.d.s e' lunga circa 3 mesi se non di più
    la mia bambina con la ricevuta del permesso puo' partire e rientrare in Italia?
    cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con il passaporto e la ricevuta della domanda di permesso di soggiorno potete portare la bambina solo nel vostro Paese di origine, senza fermarvi in altri Paesi, perché all'estero la ricevuta non ha alcun valore.-

      Elimina
    2. quindi con la ricevuta la bambina puo' entrare in italia?
      un'altra domanda possiamo fare scalo nei paesi tipo turchia o greccia?
      grazie

      Elimina
    3. - SI! Con la ricevuta la bambina può rientrare in Italia.-
      - SI! Potete fare scalo in altri Paesi tipo Turchia o Grecia, ma senza uscire dalla zona internazionale dell'aeroporto.-

      Elimina
    4. salve avvocato
      lei vorrei chiedere se lei e' sicuro che un bambino di 3 mesi con la ricevuta del permesso puo' rientrare in italia dopo il viaggio per il nostro paese di origine?
      perche' mi sono informato e mi hanno detto che non si puo perche' non c'e' foto sulla ricevuta?
      cosa mi dice a proposito

      cordiali saluti

      Elimina
    5. In effetti non ci avevo pensato!
      Senza un documento con una foto un bambino non può viaggiare all'estero, perché non è identificabile.-

      Elimina
  58. Salve Avvocato!
    Le spiego la mia situazione: mia madre (signora anziana) era in attesa del rilascio del primo permesso di soggiorno quando è tornata nel suo paese natio (Marocco) con in mano solo la ricevuta e il visto scaduto.
    Questa mattina controllato su internet ho scoperto che gli è uscito il permesso di soggiorno. Ora, se mia madre vorrebbe tornare in Italia, potrebbe farlo con solo la ricevuta per il primo permesso di soggiorno e il visto scaduto o dovrebbe fare qualcos'altro?

    Grazie in anticipo per la risposta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Tua madre può tornare in Italia con solo la ricevuta di per il primo permesso di soggiorno, anche se il visto è scaduto.-

      Elimina
  59. Buonasera gentilissimo Sig. Censori;
    Le spiego io cittadina italiana vorrei far venire in italia i miei genitori e fratelli venezuelani dal venezuela (adesso si vive una guerra lì), c'è la possibilità che una volta arrivati in italia possano chiedere un PDS per motivi familiari? ( parente entro il secondo grado di cittadino italiano (pds per motivi familiari ex art 19, 286/98 - ex art 28, 394/99)) e successivamente trasformarlo in PDS per lavoro?
    Grazie mille spero mi possa aiutare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Procedura per la richiesta di:
      Permesso per famiglia parenti di cittadino italiano entro il II° grado e conviventi (ex art. 19, comma 2, lett.c d.lgs. 286/1998) (senza reddito)
      I familiari di cittadino italiano entro il II° grado e conviventi con lo stesso presentano domanda di rilascio del primo permesso per famiglia direttamente in Questura fissando un appuntamento presso il Cinformi, ad esclusione di coloro che vivono nella zona dell'Alto Garda e Ledro i quali dovranno presentarsi direttamente al commissariato di Polizia di Riva del Garda. Qualora lo straniero sia già in possesso di un permesso per famiglia o di altro tipo dovrà sempre richiederne il rinnovo mediante kit postale.
      RILASCIO (Permesso elettronico di 2 anni- appuntamento con la Questura solo dopo la scadenza del visto di ingresso, o se esente, dopo 90 giorni dall'ingresso in area Schengen)
      Familiari stranieri conviventi che possono richiedere il permesso senza dimostrazione del reddito:
      • genitore • nonno • figlio maggiore di anno 21 • nipote diretto maggiore di anni 21 • fratello/sorella
      Documenti necessari:
      • 1 marca da bollo 16 euro
      • 5 foto tessera (per il primo rilascio) – 2 foto tessera per ogni figlio
      • il bollettino di 30,46 euro per permesso elettronico + il contributo di 50 euro (permesso con la durata di due anni)
      • fotocopia passaporto – no pagine bianche - (originale in visione)
      • comunicazione di ospitalità (cessione di fabbricato) - la comunicazione scritta ai sensi dell'art. 7 del D. Lgs. 286/1998, si deve effettuare entro quarantotto ore, all'autorità locale di pubblica sicurezza: per il comune di Trento alla Questura, per quelli di Rovereto e Riva del Garda ai rispettivi Commissariati di Polizia. (originale + fotocopia)
      • eventuale permesso di soggiorno o dichiarazione di presenza in possesso del cittadino straniero
      • dichiarazione di ospitalità e mantenimento e autocertificazione di residenza e stato famiglia da parte del parente italiano
      • fotocopia carta identità o passaporto del cittadino italiano
      • certificati che attestano il legame di parentela
      - in originale + la fotocopia se rilasciati da un comune italiano
      - se prodotti all’estero, i certificati di parentela (certificato di nascita o di matrimonio) devono essere tradotti in italiano e apostillati o legalizzati dall’ambasciata italiana, salvo accordi internazionali diversi. La traduzione del certificato legalizzato o apostillato nel paese d’origine si può fare anche in Italia e asseverare poi presso il Giudice di Pace. (originale + fotocopia)
      - se il certificato di nascita viene richiesto al Consolato straniero in Italia, l’Attestazione o la Dichiarazione rilasciata deve riportare le generalità del richiedente e dei genitori. E’ necessario poi asseverare il documento dal Commissariato del Governo (originale + fotocopia)
      • nel caso in cui la coesione avviene con il minore italiano è necessaria l’autocertificazione di cittadinanza

      Elimina
    2. Grazie mille della celere risposta,
      Quindi capisco che dovrebbero venire come turisti anche senza un visto o un nulla osta?? E una volta qui regolarizzarsi giusto?
      Inoltre, questi documenti legalizzati per dimostrare la parentela c'e l'hanno ma sono Stati rilasciati nel 2011, mancherebbe la traduzione, questo comporterebbe un problema? Oppure non hanno un limite di validità?

      Elimina
    3. - SI! I tuoi genitori dovrebbero venire in Italia come turisti e presentare la domanda per il rilascio del primo permesso di soggiorno per famiglia.-
      - Secondo la normativa italiana, i certificati rilasciati dalle pubbliche amministrazioni che attestano stati, qualità personali e fatti non soggetti a modificazioni hanno una validità illimitata.-

      Elimina
  60. salve avvocato
    ho la carta di soggiorno ottenuta nel 2003 e non l'ho mai aggiornata mi faranno problemi se la aggiorno adesso?

    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      La carta di soggiorno ha una durata illimitata, quindi l'aggiornamento serve solo per renderla valida come documento di riconoscimento, pertanto si può aggiornare quando si vuole.-

      Elimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.