domenica 18 agosto 2013

Cittadini Stranieri (Comunitari ed Extracomunitari)

A) Cittadini Comunitari

Certificazione Anagrafica:

Per i cittadini appartenenti ad uno stato membro dell'Unione Europea che intendono soggiornare sul territorio nazionale per un periodo superiore a 3 mesi è sufficiente richiedere il certificato di iscrizione anagrafica rilasciato dal Comune dove dimorano.-

Cittadinanza Italiana:

La cittadinanza italiana può essere concessa al cittadino comunitario regolarmente soggiornante da almeno 4 anni in Italia.-

Il coniuge straniero di un cittadino italiano può acquistare la cittadinanza italiana dopo 6 mesi di residenza legale in Italia.-

Il cittadino straniero che sia nato in Italia e residente legalmente fino al compimento della maggiore età, acquista la cittadinanza italiana se entro il diciannovesimo anno di età dichiara di voler acquisire la cittadinanza italiana.-

La cittadinanza italiana può essere richiesta anche dal cittadino straniero che abbia almeno uno dei genitori o un ascendente in linea retta di secondo grado cittadini italiani per nascita, legalmente residente in Italia da almeno 3 anni.-

Il reddito minimo necessario per ottenere la cittadinanza italiana per l'anno 2014 è il seguente:
  • Euro 8500,00 per una sola persona
  • Euro 11.500,00 in caso di coniuge a carico
  • Euro 550,00 in più per ogni figlio a carico

Libera Circolazione:

In attuazione della direttiva 2004/38/CE, i Cittadini dell'Unione e i loro familiari, possono circolare e soggiornare liberamente nel territorio degli stati membri e per soggiorni inferiori ai 3 mesi, in Italia, non è richiesta alcuna formalità.- 
 

Nazioni Unione Europea:

Elenco nazioni che fanno parte della Unione Europea dal I° gennaio 2007:

01 – Austria     15 – Lussemburgo
02 – Belgio      16 – Malta
03 – Bulgaria    17 – Paesi Bassi
04 – Cipro       18 - Polonia
05 – Danimarca   19 - Portogallo
06 – Estonia     20 – Regno Unito
07 – Finlandia   21 – Repubblica Ceca
08 – Francia     22 - Romania
09 – Germania    23 - Slovacchia
10 – Grecia      24 - Slovenia
11 – Irlanda     25 - Spagna
12 – Italia      26 - Svezia
13 – Lettonia    27 - Ungheria
14 – Lituania


Prestazioni Previdenziali:

Le seguenti prestazioni:
  • Indennità di malattia e maternità
  • Indennità di disoccupazione
  • Indennità di mobilità
  • Assegni familiari
  • Pensioni

spettano a tutti i cittadini appartenenti alla Unione Europea


B) Cittadini Extracomunitari


Assistenza Sanitaria:


Se hai un permesso di soggiorno per lavoro subordinato, autonomo o per attesa occupazione, per motivi familiari, per asilo politico o umanitario, per affidamento o per acquisto della cittadinanza italiana hai diritto all'assistenza sanitaria; l'iscrizione deve essere effettuata presso la ASL (Azienda sanitaria locale); l'assistenza è valida per i tuoi familiari a carico regolarmente soggiornanti in Italia.

Se hai ricongiunto in Italia i tuoi genitori e hanno più di 65 anni di età, devono avere un'assicurazione sanitaria che li copra da ogni rischio in Italia e essere iscritti al Servizio Sanitario Nazionale previo pagamento di un contributo.-

Puoi iscriverti volontariamente al Servizio Sanitario Nazionale se sei regolarmente soggiornante ma non rientri nelle categorie precedenti pagando un contributo annuale, valido anche per i familiari a carico (ad esempio se hai un permesso per studio).-

Se sei “irregolare” puoi usufruire delle cure ambulatoriali ed ospedaliere urgenti o in ogni modo essenziali, ancorché continuative, per malattie e infortuni e dei programmi di medicina preventiva utilizzando il codice Stp (Straniero temporaneamente presente).-

Non puoi essere espulsa se sei una donna in stato di gravidanza o nei sei mesi successivi alla nascita di Tuo figlio; potrai avere un permesso di soggiorno per cure mediche (insieme a tuo marito, se convivente).-


Carta d'Identità:

Per avere la carta d'identità devi rivolgerti agli Uffici Anagrafe presentando:
  • n. 3 fotografie uguali e recenti
  • passaporto valido
  • permesso di soggiorno valido
Devi ricordare che la carta d'identità ha la stessa durata del permesso di soggiorno, non è considerato documento valido per l'espatrio e non legittima la tua permanenza in Italia in mancanza o alla scadenza del permesso di soggiorno, salvo che eventuali convenzioni o accordi internazionali dispongano diversamente.-


Carta di Soggiorno per Lavoratori Extracomunitari:

Questo tipo di permesso di soggiorno è a tempo indeterminato e può essere richiesto solo da chi possiede un permesso di soggiorno da almeno 5 anni.-

La documentazione necessaria è la stessa che serve per il rinnovo del permesso di soggiorno, ma in aggiunta, servono anche i certificati storici di residenza e il certificato dei dei carichi pendenti e del casellario giudiziale rilasciati dalla procura competente.-


Carta di Soggiorno per Familiari di Lavoratori Extracomunitari:

La documentazione necessaria è la stessa di quella che serve per i lavoratori extracomunitari ma in aggiunta serve anche il certificato di matrimonio, stato di famiglia o certificato di nascita tradotto e legalizzato dall'ambasciata italiana nel paese straniero.-

Ai fini della determinazione del reddito per il ricongiungimento familiare occorre fare riferimento all'importo annuo dell'assegno sociale.
L'importo dell'assegno sociale per l'anno 2014 è di 447,61 €, pari a 5.818,93 € l'anno.
Richiedente - 5.818,93 € annui
1 familiare - 8.728,39 € annui
2 familiari - 11.637,86 € annui
3 familiari - 14.547,32 € annui
4 familiari - 17.456,79 € annui
2 o più minori di 14 anni - 11.637,86 € annui

2 o più minori di 14 anni e un familiare - 14.547,32 € annui


Carta di Soggiorno per Motivi Familiari/ Parentela:

Chiunque sia legato ad un cittadino italiano da un legame di parentela entro il quarto grado, può richiedere la carta di soggiorno per motivi familiari.-

Cittadinanza:

1) Acquisto per Nascita:


L’acquisto automatico della cittadinanza per nascita nel territorio italiano, da genitori non cittadini italiani, è previsto solo:
- se entrambi i genitori sono ignoti o apolidi;
- se il figlio non segue la cittadinanza dei genitori secondo la legge dello Stato al quale questi appartengono.
Acquista la cittadinanza italiana anche il figlio di genitori italiani nato all'estero.

2) Acquisto per Residenza

Il cittadino straniero nato e residente in Italia senza interruzioni fino alla maggiore età, acquista la cittadinanza italiana se, entro il 19° anno di età, dichiara di volerla acquistare con una dichiarazione all’Ufficiale di Stato civile.
  
3) Acquisto per Naturalizzazione (per i cittadini stranieri residenti in Italia)
La cittadinanza per naturalizzazione viene concessa al cittadino straniero:
- dopo 10 anni di residenza legale in Italia per il cittadino non comunitario;
- dopo 4 anni di residenza legale in Italia per il cittadino comunitario;
- che abbia almeno uno dei genitori od un parente di secondo grado cittadino italiano per nascita, legalmente residente in Italia da almeno 3 anni;
- maggiorenne adottato da un cittadino italiano che risieda legalmente in Italia da almeno 5 anni dopo l'adozione;
- al cittadino straniero in possesso dello status di apolide o di rifugiato, dopo 5 anni di residenza legale in Italia.
Alle domanda di cittadinanza, deve essere allegata la certificazione originale che prova il possesso dei requisiti.
Le domande sono soggette al pagamento di un contributo di importo pari a 200,00 euro.

Il reddito minimo necessario per ottenere la cittadinanza italiana per l'anno 2014 è il seguente:
  • Euro 8.500,00 per una sola persona
  • Euro 11.500,00 in caso di coniuge a carico
  • Euro 550,00 in più per ogni figlio a carico

4) Acquisto per Matrimonio

Il cittadino/a straniero che sposa un cittadino/a italiano può fare domanda per la cittadinanza italiana se, dopo il matrimonio, risiede legalmente da almeno 2 anni in Italia oppure dopo 3 anni dalla data del matrimonio in caso di residenza all'estero.
E' possibile ottenere la cittadinanza qualora al momento dell'adozione della cittadinanza non sia intervenuto lo scioglimento, l'annullamento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio e non sussista la separazione personale dei coniugi.
Quindi se dopo la presentazione dell'istanza interviene lo scioglimento, l'annullamento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio o la separazione personale, la concessione della cittadinanza viene negata.
I termini per ottenere la cittadinanza sono ridotti della metà in presenza di figli, ovviamente nati o adottati dai coniugi: 1 anno in caso di residenza in Italia e 18 mesi in caso di residenza all'estero.
Alle domanda di cittadinanza, deve essere allegata la certificazione originale che prova il possesso dei requisiti.
Le domande sono soggette al pagamento di un contributo di importo pari a 200,00 euro.


5) Acquisto cittadinanza per discendenza di cittadini italiani

Il cittadino straniero discendente fino al IV grado di italiani emigrati all'estero, con cittadinanza italiana, può ottenere il riconoscimento della cittadinanza italiana.

6) Acquisto Automatico

I figli minori di chi acquista o riacquista la cittadinanza italiana, se convivono con esso, acquistano la cittadinanza italiana, ma, divenuti maggiorenni, possono rinunciarvi, se in possesso di altra cittadinanza (art 14 L.91/92).

Codice Fiscale:
Per richiedere il codice fiscale servono, se sei cittadino straniero originale e fotocopia del:
- permesso di soggiorno o carta soggiorno
- passaporto
- se non hai ancora il permesso di soggiorno, va bene anche il visto d'ingresso ancora valido.
- e indicare dove sei residente, via, cap e la città.

Iscrizione all'Anagrafe:

Per iscriverti all'anagrafe devi essere un componente maggiorenne della famiglia. Devi recarti personalmente all'Ufficio Anagrafe del Comune in cui hai la tua abitazione dove ti verrà dato un modulo da compilare e sottoscrivere.

Alla presentazione della domanda dovrai essere in possesso di:
  • Permesso di soggiorno di validità superiore a 3 mesi
  • Passaporto in corso di validità o documento equipollente
  • Codice fiscale
  • Contratto di affitto registrato
  • Autocertificazione dei metri quadrati della tua abitazione
  • Documenti relativi allo stato civile (matrimonio, divorzio ecc.). Tali documenti devono essere alternativamente originali rilasciati dalle competenti autorità del Paese in cui si è verificato l'evento, tradotti in italiano e legalizzati, oppure originali rilasciati dalle Autorità Consolari presenti in Italia del tuo Paese di origine con firma legalizzata presso la competente Prefettura.
Matrimonio:
Secondo il Codice Civile, lo straniero che deve sposarsi con un cittadino o una cittadina di nazionalità italiana deve presentare una serie di documenti:
- Documento d'identità valido sul piano internazionale (passaporto).
- Certificato di nascita proveniente dal proprio paese di provenienza tradotto e autenticato presso l’Ambasciata Italiana del Paese d’origine.
- Nulla osta dal parte del proprio Paese d’origine per contrarre liberamente matrimonio. Dal documento, rilasciato dagli uffici di competenza del Paese di provenienza - che corrispondono in Italia all’ufficio anagrafe -, deve risultare che, secondo la legge del Paese, non ci siano impedimenti al matrimonio. Come nel caso del certificato di nascita, il nulla osta deve essere tradotto e autenticato presso l’Ambasciata Italiana del Paese di provenienza.-

Minori all'estero:
Dal 26 giugno 2012, tutti i minori, dai 0 ai 18 anni, potranno viaggiare in Europa e all'estero soltanto con un documento di viaggio individuale: passaporto o carta d'identità valida per l'espatrio. Non saranno più valide, quindi, le iscrizioni di questi ultimi sul passaporto dei genitori che, però, rimarrà valido fino alla naturale scadenza per il proprio titolare.
Inoltre, si dovrà far inserire il nominativo dei genitori sul documento del figlio minore. Questo permetterà di agevolare e semplificare i controlli alle frontiere. Il Ministero degli Affari Esteri, in attuazione del Regolamento (C.E.) 444/2009 del Parlamento Europeo, ha anche elevato l'età minima per l'espatrio senza accompagnamento, da 10 a 14 anni.
Sino al 26 giugno 2012, infatti, per l'espatrio di un minore di 14 anni era sufficiente il solo documento di identità. Ora, invece, i genitori dovranno sottoscrivere un modulo per l'affidamento del proprio figlio a un accompagnatore da presentare all'ufficio passaporti della Questura per la relativa convalida (tale modulo si potrà ritirare in Comune, in Questura o scaricare dal sito del Comune di residenza).
Sia per il passaporto che per la carta d'identità valida per l'espatrio, la durata varierà a seconda dell'età del minore:
- 3 anni per i minori di 3 anni;
- 5 anni per i minori di 18 anni;
- 10 anni per i maggiori di 18 anni.



Patto Shengen:

Con il permesso di soggiorno o con la carta di soggiorno si può circolare liberamente, per turismo, all'interno dei 24 paesi del Patto Shengen, che sono i seguenti:

01 – Austria       13 – Malta
02 – Belgio        14 – Paesi Bassi
03 – Danimarca     15 – Polonia
04 – Estonia       16 – Portogallo
05 – Finlandia     17 – Repubblica Ceca
06 – Francia       18 – Slovacchia
07 – Germania      19 – Slovenia
08 – Grecia        20 – Spagna
09 – Italia        21 – Svezia
10 – Lettonia      22 – Svizzera
11 – Lituania      23 – Ungheria
12 – Lussemburgo   24 – Islanda (non appartiene all'UE)
                   25 - Norvegia (non appartiene all'UE) 

Irlanda e Regno Unito non hanno sottoscritto l'accordo.-

Per gli altri Paesi, occorre il visto di ingresso in base alle convenzioni esistenti tra il Paese di origine e il Paese che si intende visitare.-

Un cittadino straniero, residente in Italia, può andare a lavorare all'estero, nei paesi dell'area shengen solo se in possesso della carta di soggiorno, da aggiornare poi nel Paese di destinazione dopo tre mesi di permanenza.-


Permesso di Soggiorno per Lavoratori Dipendenti:

Il decreto flussi prevede quanto segue:
  • Le domande, valgono ancora quelle presentate in via telematica , dai datori di lavoro per i lavoratori subordinati e dalle famiglie per domestici o badanti, al Ministero dell'interno.-
  • Il Ministero dell'Interno in base alle quote provinciali assegnate trasmette le domande accolte (le prime arrivate tra quelle in regola), alle Questure.-
  • La Questura convoca i datori di lavoro, o le famiglie richiedenti, per la verifica della documentazione necessaria, e se tutto in regola, trasmette la richiesta all'Ambasciata del Paese di provenienza del lavoratore.- 
  • L'Ambasciata del Paese estero convoca il lavoratore e gli concede il visto per l'espatrio in Italia per motivi di lavoro.-
  • Il lavoratore estero può quindi venire in Italia, ma entro 8 giorni dall'arrivo, deve presentarsi insieme al Datore di Lavoro in Questura per stipulare il contratto di lavoro.-
  • La Questura con il contratto di lavoro sottoscritto rilascia il I° permesso di soggiorno che dura 1 anno con contratto di lavoro a tempo determinato o 2 anni con contratto di lavoro a tempo indeterminato.-
  • A questo punto il lavoratore estero può iscriversi al Comune di Residenza, richiedere il Codice Fiscale, il codice sanitario e tramite il Datore di lavoro, esperire tutte le altre formalità burocratiche necessarie come iscrizione INPS, INAIL ecc..-


Permesso di Soggiorno per NON Lavoratori Dipendenti

Si possono presentare in Questura richieste permesso di soggiorno per affari, Cure Mediche, Gara Sportiva, Motivi Umanitari, Asilo Politico, Minore Età, Giustizia, Stato apolide, Integrazione minore e invito.-


Prestazioni Previdenziali:

Le seguenti prestazioni:
  • Indennità di malattia e maternità
  • Indennità di disoccupazione
  • Indennità di mobilità
  • Assegni familiari
  • Pensioni
spettano a tutti i cittadini extracomunitari purchè siano provvisti di permesso di soggiorno o carta di soggiorno.-

Gli assegni familiari possono essere riconosciuti solo per i familiari che sono a carico del lavoratore, ma già legalmente soggiornanti in Italia. Dunque non è possibile riconoscerli per i familiari che sono ancora nel Paese di origine a meno che non ci sia una specifica Convenzione internazionale che preveda questo beneficio.

In questi casi serve una autorizzazione preventiva dell'INPS, e per ottenerla sono necessari:
  • Stato di famiglia bilingue
  • Certificati redditi dei familiari bilingue

I suddetti certificati debbono essere vidimati dagli enti preposti.

I paesi convenzionati con l'Italia ai fini della corresponsione degli assegni familiari per i familiari residenti nel paese di origine sono i seguenti:

01) Argentina         10) Monaco
02) Australia         11) Norvegia
03) Brasile           12) San Marino
04) Canada            13) Stati Uniti d'America
05) Capoverde         14) Svizzera
06) Islanda           15) Tunisia
07) Isole del Canale  16) Turchia
08) Jugoslavia        17) Uruguay
09) Leichenstein      18) Venezuela


Ricongiungimento del Familiare Residente All'Estero:

Lo straniero regolarmente soggiornante in Italia, titolare di carta di soggiorno o di permesso di soggiorno, di durata non inferiore ad un anno, in corso di validità, può richiedere il ricongiungimento con i sotto indicati familiari residenti all'estero:
  • Coniuge
  • Figli minori
  • Figli maggiorenni a carico, non autonomi o autosufficienti, per causa di salute
  • Genitori a carico che non dispongono di adeguato sostegno nel paese di origine
I requisiti necessari sono: Alloggio adeguato, sufficiente anche per il familiare; reddito sufficiente anche per mantenere il familiare, minimo anno 2014 euro 5.818,93 per un solo familiare, euro 8.728,39 per due familiari, euro 11.637,85 per 3 familiari ; certificazione attestante il rapporto di parentela, tradotta e legalizzata.-


Rinnovo Permesso di Soggiorno per Lavoro Subordinato:

In prossimità della scadenza del permesso di soggiorno, da un massimo di due mesi prima, fino a un massimo di due mesi dopo, si può richiedere il rinnovo del permesso di soggiorno per lavoro subordinato.

Per il rinnovo è necessario che il lavoratore, con passaporto valido, certifichi la residenza, documenti la proprietà, l'affitto o l'ospitalità in un appartamento idoneo ed attesti che il rapporto di lavoro è ancora in corso o certifichi lo stato di disoccupazione.-


Rinnovo Permesso di Soggiorno per Motivi Familiari:

In prossimità della scadenza del permesso di soggiorno anche il familiare del lavoratore extracomunitario (coniuge, genitore o figlio) può chiedere il rinnovo del permesso di soggiorno per motivi familiari.-

Per il rinnovo è necessario che il familiare, con passaporto valido, certifichi la residenza, lo stato di famiglia, documenti la proprietà, l'affitto o l'ospitalità in un appartamento idoneo da parte del familiare lavoratore ed attesti che il rapporto di lavoro sempre del familiare lavoratore è ancora in corso o certifichi lo stato di disoccupazione.-


Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito “http://www.cgil.it/”.
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

(English version: Foreign Citizens in Italy (EU and non-EU))


Gianfranco Censori

170 commenti:

  1. buona sera dottore sono badante ucraina e lavoro con contratto regolare guadagno 711 euro al mese le volevo chiedere ho diritto anche io agli 80 euro di renzi per il mese di maggio la ringrazio tanto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se il Tuo reddito lordo complessivo annuale è superiore agli 8.000,00 euro hai diritto anche Tu agli 80,00 euro, che recupererai in sede di dichiarazione dei redditi.-

      Elimina
  2. salve,gentille avv.vorrei chiedere vostro aiuto,come deve fare,noi viviamo a caserta,mia figlia ANNA,ha un fermessa d,sogg x2 anni,xlavoro subordinato,freguenta 4 anni di scuola,cittadina ucraina,adesso 12 luglio devo andare x1 mese in londra ,x lo studio a presto un colleg,viaggio ,vito-alloggio pago la scuola,non so come deve avere questo visto x londra,quanto costo è il tempo,mi potete consilliarmi,come si procede questo prattica? grazie.veronica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Veronica!
      Per richiedere il visto per Londra Ti consiglio di consultare direttamente il consolato britannico di Napoli
      CONSOLATO BRITANNICO A NAPOLI
      Indirizzo: Via dei Mille 40 - 80121 Napoli
      Orari: 9.30-12.30 e 14.00-16.00 dal lunedì al venerdì
      Telefono: 081 4238911
      Fax: 081 422434
      E-mail: Info.Naples@fco.gov.uk
      Aree di competenza: Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia

      Elimina
  3. Salve a tutti mi chiamo Steven Manners ho 23 anni vorrei il vostro aiuto , sono dal Italia da aprile 2009 ma vorrei sapere se posso fare il Permesso di Soggiorno per lungo periodo! Si come devo aspettare fino al 2015 (Il mio primo permesso é stato nel 2010) per avere questo documento , se magari cé una possibilitá tipo con un certificato di studio o pure essere a carico di mia madre o pure un altra opzione , per favore chiedo il vostro aiuto mi potete conttatare qui :
    Lacuchara_15@hotmail.com
    Facebook : Chepo Renansio
    Grazie!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Steven!
      Purtroppo NO!
      Per il permesso di soggiorno per lungo periodo sono necessari almeno 5 anni di residenza in Italia.-

      Elimina
  4. Buongiorno Avvocato, sono Mariana,cittadina rumena, residente a Milano da 7 anni e spostata con un cittadino italiano da 3 anni e vorrei far venire da me la mamma, che è cittadina rumena, pensionata e residente in Romania, per farle fare delle cure mediche. Potrebbe gentilmente darmi un consiglio per quanto riguarda le pratiche burocratiche che bisogna fare per poter curarla in Italia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mariana!
      Ti consiglio di rivolgerti alla ASL della Tua zona di residenza per richiedere tutte le informazioni necessarie per le cure mediche di Tua madre in Italia.-

      Elimina
  5. Salve dottor Censori.
    Sono una cittadina moldava,residente in italia da più di 6 anni con il permesso di soggiorno per motivi familiari. Ho finito gli studi superiori qua in italia ,ma attualmente sono disoccupata.Siccome risiedo in italia da tanti anni ,ho l'intenzione di fare la domanda per la carta di soggiorno. Mi stavo chiedendo se era possibile fare la richiesta di tale documento ,visto che non ho una busta paga. Preciso che il mio pds e' sempre stato per motivi famigliari.
    Grazie anticipatamente.
    Distinti Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Irene!
      Purtroppo NO!
      Fino a quando non trovi un lavoro in regola non puoi richiedere la carta di soggiorno.-

      Elimina
  6. Buona sera Dott. Censori, vorrei sottoporle una domanda.
    Sono fidanzato con una donna Ucraina, la quale lavora presso una famiglia con regolare contratto.
    Lei è mamma di un ragazzo che il prossimo mese compie 20 anni e finirà una scuola di specializzazione.
    La mamma vorrebbe che suo figlio, terminata la scuola, venisse in Italia per un periodo di vacanza ma purtroppo gli viene negata la possibilità di ottenere un passaporto poichè dovrebbe svolgere il servizio militare.
    Vorrei da Lei sapere se è possibile ottenere un documento per far ricongiungere i due e se possibile come ottenerlo.
    La ringrazio anticipatamente.
    Distinti saluti
    Angelo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angelo!
      Purtroppo non è possibile!
      Si può richiedere un ricongiungimento familiare solo con il coniuge o con un figlio minorenne.-

      Elimina
  7. buona sera avvocato sono sempre Vitalik il ragazzo Ucraino che studia senza documenti si ricorda abbiamo già parlato il 24 di aprile. Mi sono rivolto a due patronati sia cgil che cisl, ma nessuno dei due è riuscito a fare qualcosa. Lei che è più preparato mi faccia sapere se riuscirò a risolvere questo problema. Le posso far sapere che mia madre che è qui in Italia da più di quattro anni ed è in regola con il permesso e tutto ed il suo reddito e di 700 euro netti al mese. Non s'ho se questo potrebbe essere utile come un informazione speriamo che lei mi trovi qualche strada per risolvere il problema la ringrazio tantissimo della sua gentilezza e la saluto VITALIK

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vitalik!
      Purtroppo se nemmeno i patronati sono riusciti a risolvere il tuo problema non posso esserti d'aiuto.-

      Elimina
  8. Buonasera avvocato volevo sapere un informazione per avere il permesso di soggiorno di lungo periodo che documentazione ci vuole in piu in differenza del semplice rinnovo? poi volevo sapere se si puo richiedere losteso il permesso di lungo periodo anche se ho spedito tramite la posta la documentazione per il rinnovo di 2 anni ma non ho fatto ancora le impronte? grazie in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Se hai già presentato la domanda di rinnovo del permesso di soggiorno per 2 anni, non puoi presentare la domanda per il permesso di soggiorno di lungo periodo, fino a quando non sarà concluso l'iter burocratico della prima domanda.-

      Elimina
  9. Buonasera Avvocato io sonno cittadino Italiano e mio Padre e cittadino Albanese ed e invalido permanente in questura mi hanno detto che posso fare la carta di soggiorno per 5 anni. la mia domanda e per fare la domanda di invalidita deve portare qualche documento tradotto e legalizzato dal albania per poter riconoscerci l,invalidita in italia o deve fare tutto qua. Grazie per gli informazioni che fornisci per noi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille per la risposta avvocato mi sai dire che documentazione serve tradotta e legalizzata o mi sai dire dove posso andare per informazioni piu dettagliate a questo? Si come che mio padre non ha nessuno la e volevo far venire ad abitare con me.

      Elimina
    2. La documentazione che deve essere tradotta e legalizzata è quella che attesta l'invalidità di Tuo padre con indicata la relativa patologia.-
      Ti consiglio di rivolgerti eventualmente al più vicino Ufficio INCA - CGIL per farti seguire per tutto l'iter burocratico necessario.-

      Elimina
  10. Gentilissimo Dott. Censori la ringrazio della celere risposta.
    Ho comunicato alla mamma la sua risposta riguardante il figlio e sono venuto a conoscenza che, alla nascita del figlio in questione, gli è stata riscontrata una malformazione cardiaca.
    A tale proposito cortesemente le chiedo se ciò potrebbe essere causa di un esonero dal servizio militare?
    L a ringrazio di nuovo anticipatamante.
    Angelo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angelo!
      SI!
      Se la malformazione cardiaca persiste ancora, il ragazzo può richiedere l'esenzione dal servizio militare per problemi di salute.-

      Elimina
  11. Salve, Av ho fatto una domanda per aver licenca per mercato ambulante di tipo A, e voglio sapere si ho dirito di occupare un posto anche nelle altre mercati d´altre comune,sinon quale la procedura per farle.
    Sono straniero e si ho bisogno di un comercialista o posso fare compti da solo visto che sono laureato in ecnomia aziendale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. COSA FARE PER AVERE L’AUTORIZZAZIONE PER IL COMMERCIO AMBULANTE:
      Il “Commercio Ambulante” o “Commercio su Aree Pubbliche” è disciplinato per lo più da Leggi Regionali ai sensi dei titoli I e X del Decreto Legislativo n. 114 del 31 marzo 1998, che ha portato un radicale cambiamento in tutto il Settore commerciale.
      L'Autorizzazioni su AA.PP. di tipo A:
      Tipo “A” prevede l’uso di posteggio in un’area mercatale e viene rilasciata su richiesta nel Comune in cui sono disponibili dei posti, contemporaneamente al contratto di concessione decennale del posteggio medesimo e consente la vendita in forma itinerante nell’ambito di tutta la Regione in cui viene rilasciata e la partecipazione alle Fiere in tutto il territorio nazionale. Naturalmente, nei Comuni sprovvisti di posteggio, l’unico modo per entrare in possesso di una Autorizzazione di tipo “A” è tramite il SUBINGRESSO nell’Autorizzazione medesima che può essere ottenuto con Atto Notarile di Cessione di Azienda o di Ramo di Azienda o tramite scrittura privata legalizzata sempre da un Notaio.-

      Elimina
  12. Salve avvocato, quali documenti occore per la richiesta di cittadinanza per una coniuge di italiana. Grazie in anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per richiedere la cittadinanza italiana per matrimonio con cittadino italiano è necessaria la seguente documentazione:
      - Atto di nascita tradotto e legalizzato dall'ambasciata italiana del paese di origine.-
      - Certificato penale del paese di origine tradotto e legalizzato.-
      - Stato di famiglia e residenza.-
      - Certificato di matrimonio trascritto nel Comune di residenza.-
      - Copia del permesso/carta di soggiorno.-
      - Denuncia dei redditi degli ultimi 3 anni.-

      Elimina
  13. Salve avvocato. Abbiamo una problema. La signora ucraina, divorziata, madre di un ragazzo di 11 anni con le regolare carte di soggiorno per lei e il suo figlio deve presentare i documenti (Atto di assenso e di affidamento minore di anni 14 ai fini dell'espatrio) per mandare il ragazzo a un Torneo di calcio a Serbia. Il bimbo non possiede il passaporto proprio perché iscritto nel' passaporto di madre. Sapiamo che dal' 2012 i bimbi devono possedere il documento proprio valido per espatrio, ma a prescindere di questo, ha bisogno di consenso di padre? E se la signora viaggerà insieme con il bimbo per Serbia basterà avere il passaporto di madre (con l'iscrizione di bimbo) e due carte di soggiorno (di mamma e di bimbo) senza chiedere il permesso per questo breve viaggio (di 4 giorni) per Torneo da parte del' padre del bambino? Grazie. Alex,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alex!
      - NO! Se c'è una sentenza di affidamento del minore alla madre non è necessario il consenso del padre.-
      - Purtroppo NO! Il ragazzo senza un documento proprio non può uscire dall'Italia.-

      Elimina
  14. Salve avvocato. Sono Irene è ho scritto poco prima per il mio p.d.s (per motivi familiari) di non poter convertirlo in carta di soggiorno per la mancanza di busta paga . Se mi scrivo a università , a questo punto , posso fare domanda per la carta di soggiorno?
    Grazie e buon lavoro.
    Distinti Salutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Irene!
      Purtroppo NO!
      Fino a quando non diventerai autonoma a livello economico, cioè fino a quando non sarai in grado di mantenerti da sola, non potrai richiedere la carta di soggiorno.-

      Elimina
  15. Buon giorno Avvocato sono Fabio un cittadino italiano e convivo con una ragazza Croata che non ha lavoro e quindi nemmeno l'assicurazione sanitaria ora è incinta volevo sapere se ce la possibilità di avere l'assistenza sanitaria per la mia ragazza e il bimbo o se dovrò pagare tutto privatamente.
    Gentilmente se ce possibilità potrebbe indicarmi dove mi devo rivolgere?
    Grazie mille e buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fabio!
      Sul piano del diritto delle donne che lavorano va sottolineato che le lavoratrici straniere residenti in Italia, in regola con le disposizioni di legge, hanno parità di trattamento con le cittadine italiane, per quanto riguarda l'assistenza sanitaria erogata in Italia.
      Le cittadine titolari di permesso di soggiorno per motivi di lavoro, motivi di famiglia, asilo politico, gravidanza, cure mediche, ecc. hanno diritto all'iscrizione al servizio sanitario nazionale (SSN).
      L'iscrizione si può effettuare presso la ASL di residenza o in mancanza di iscrizione anagrafica presso la Asl del luogo di dimora, e termina con la data della scadenza del permesso di soggiorno.
      Le donne titolari del permesso di soggiorno per cure mediche sono iscritte per tutta la durata della gravidanza e per i sei mesi successivi al parto. Alla nascita il bambino verrà iscritto al S.S.N. per la durata di sei mesi. I documenti occorrenti per l'iscrizione sono:
      - Autocertificazione di residenza o una dichiarazione di effettiva dimora,
      - permesso di soggiorno in corso di validità
      - autocertificazione del codice fiscale (se esistente)
      - dichiarazione nella quale lo straniero si impegna a comunicare alla Asl ogni variazione del proprio status
      - in caso di permesso di soggiorno per motivi di gravidanza si dovrà presentare idonea certificazione sanitaria attestante lo stato di gravidanza o l'avvenuto parto.
      Casi di Esenzione:
      Le cittadine straniere in stato di gravidanza hanno diritto all'esenzione dal pagamento del ticket per tutti gli accertamenti di diagnostica strumentale e di laboratorio e per tutte le prestazioni specialistiche ai fini della tutela della maternità.
      Hanno diritto alle prestazioni farmaceutiche, alle analisi e a tutte le prestazioni specialistiche collegate alla gravidanza e possono utilizzare gratuitamente le prestazioni ospedaliere del Ssn.
      Sono gratuiti la prestazione al parto, il parto e le cure per eventuali malattie conseguenti al parto.
      Per le visite ostetrico-ginecologiche e le visite pediatriche non è necessaria la prescrizione del medico curante: basta presentarsi alle strutture ospedaliere con la tessera sanitaria.
      Consultori familiari
      Presso ogni A.S.L. sono presenti i consultori familiari che hanno il compito di assistere gratuitamente tutte le donne incinte, anche sprovviste di permesso di soggiorno, nonché i loro figli fino alla maggiore età.
      Nel consultorio si svolgono attività di assistenza alla salute della donna in gravidanza, alla donna che decide di interrompere la gravidanza, assistenza ginecologica, prevenzione e diagnosi dei tumori dell'apparato genitale femminile, mediazione familiare, informazioni su adozioni e affidamenti, vaccinazioni contro la rosolia nelle donne in età fertile, ecc.
      Si possono richiedere le prestazioni direttamente presso il consultorio fissando un appuntamento e senza la prescrizione del medico di famiglia.
      Permesso di soggiorno per cure mediche
      La cittadina in stato di gravidanza, irregolarmente presente nel territorio italiano, e fino a 6 mesi dopo il parto, per la legge italiana, non può essere espulsa e ha diritto al rilascio di un permesso di soggiorno per motivi di gravidanza.

      Elimina
    2. Grazie mille avvocato, il caso della mia ragazza è l'ultimo anche se lei,essendo croata cioè un paese del U.E., è qui regolarmente ma non avendo un lavoro non può usufruire dell'assistenza sanitaria e quindi devo pagare tutto privatamente ma,se ho capito bene, essendo incinta, può usufruire gratuitamente dell'assistenza sanitaria sia lei che il bimbo presentandosi all' A.S.L. giusto?
      La ringrazio infinitamente avvocato buona serata

      Elimina
    3. Ciao Fabio!
      SI!
      Confermo!
      La Tua ragazza essendo incinta può usufruire gratuitamente dell'assistenza sanitaria, sia lei che il bimbo, rivolgendosi alla ASL.-

      Elimina
    4. Grazie mille avvocato e buona serata

      Elimina
    5. Ciao Fabio!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
    6. Buona sera avvocato sono sempre io che rompo le scatole, abbiamo chiamato il consultorio piu vicino e ci hanno detto che nn possono seguirla e ci hanno mandato in ospedale dove li ci hanno detto che deve pagare tutto ora stimo vedendo se un altro consultorio che lavora in collaborazione con l'ospedale, può assistere la mia ragazza gratuitamente anche se la prima visita che ce l'ha giovedi deve pagarla circa 30 euro non capisco come mai in italia funziona tutto cosi male ognuno dice la sua e ti fanno perdere del gran tempo per niente comunque speriamo che la assistano. in caso contrario cosa posso fare per farla assistere in maniera gratuita?mi creda avvocato sono rimasto male quando l'ostetrica ci ha detto che la croazia essendo entrata in Comunità Europea a luglio 2013 lei deve pagare tutto invece se non era una nazione Europea avrebbe avuto tutte le assistenze gratis.
      Allora qui io dico ma qui in Italia funziona tutto al contrario?
      Mi scusi avvocato per lo sfogo ma è uno schifo.
      Se sa come aiutarmi mi suggerisca cosa posso fare
      Grazie mille
      Fabio.

      Elimina
    7. Ciao Fabio!
      In effetti è assurdo!
      In questi casi bisogna rivolgersi, o alla ASL o ai Servizi Sociali del Comune o a un consultorio che deve risolvere il Vostro problema, e purtroppo non mi vengono in mente altre strade praticabili.-

      Elimina
  16. salve , sig gianfranco , vorrei porle un domanda , ho chiesto tanto, ma ogni uno canta come vuole ,la mia domanda e , k sono extracomunitario con permesso di soggiorno ce e voglio andare e lavorare ed vivere in Svezia , da quello che so io k la Svizzera– Lussemburgo – Islanda- Norvegia- monaco (non appartiene all'UE),
    ma c 'e anche chi dicono k la Svezia (non appartiene all'UE), k penssa lei , posso andare o no grazie....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un cittadino straniero, residente in Italia, può andare a lavorare all'estero, nei paesi dell'area shengen solo se in possesso della carta di soggiorno, da aggiornare poi nel Paese di destinazione dopo tre mesi di permanenza.-
      La Svezia fa parte del patto Shengen quindi in teoria non dovrebbero esserci problemi per andare a lavorare in Svezia, ma in pratica ti consiglio di rivolgerti all'ambasciata svedese di Roma per richiedere un permesso di lavoro all'ambasciata svedese di Roma.-

      Elimina
  17. salve avv,vorrei sapere se mia mamma cittadina moldava dopo 10 anni di contributi versati in italia ha diritto alla pensione?
    quale sono le procedure per avviare questa pratica e quale sono gli uffici per avere piu informazioni?
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Per il diritto alla pensione di vecchiaia sono necessari almeno 20 anni di contributi versati all'INPS, e questo vale per tutti, cioè sia per i cittadini italiani che per quelli stranieri.-

      Elimina
  18. salve, gracie per la risposta, volevo chiedere per avere il SUBINGRESSO nelle autorizzazione medesima cosa mi serve come documenti e quanto ce da pagare e si devo chiederlo presso il notatio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il trasferimento della gestione o della titolarità di un esercizio di somministrazione di alimenti e bevande per atto tra vivi o a causa di morte, comporta la cessione dell'autorizzazione all'avente causa e la decadenza della medesima in capo al cedente, sempre che sia provato l'effettivo trasferimento dell'attività e che il subentrante sia in possesso dei requisiti di cui all'articolo 71 del Decreto Legislativo 59/2010 e articoli 11 e 92 del TULPS approvato con R.D. 18.6.31 N. 773.
      Il subingresso in proprietà o in gestione dell'attività è soggetto a segnalazione certificata di inizio attività ai sensi dell'articolo 19 della legge n. 241 del 1990 al Comune in cui ha sede l'esercizio.
      Il subentrante può continuare l'attività del dante causa dal momento della presentazione della segnalazione certificata di inizio attività utilizzando la modulistica predisposta dal Comune.
      Nel caso di subingresso in attività autorizzate sulla base del vigente regolamento, il subentrante deve dichiarare il permanere dei requisiti obbligatori e dei criteri qualitativi presupposti per il rilascio dell'autorizzazione del dante causa.
      Qualora si ravvisi la necessità di modificare alcune caratteristiche dell'attività che influiscono sui criteri di cui agli artt. 5 e 6 del presente regolamento, dichiarati dal titolare ai fini del rilascio dell'autorizzazione, deve essere presentata apposita autocertificazione nella quale si dimostri il raggiungimento del punteggio minimo dei criteri qualitativi di accesso.
      Nel caso di subingresso per causa di morte, il possesso dei requisiti di cui all'articolo 71 comma 6 del Decreto Legislativo 59/2010, deve essere dimostrato entro sei mesi dalla morte del titolare dell'attività, salvo proroga in comprovati casi di forza maggiore.
      Ti consiglio comunque di rivolgerti o a un commercialista o a un'associazione di categoria perché da solo non ne vieni a capo.-

      Elimina
  19. salve avvocato sono una ragazza rumena abito in Italia da quasi 8 anni....però siccome mamma non ha il contratto di lavoro e non può farmi qui la carta d'identità dobbiamo andare per forza in Romania....è la mi prima carta d'identità....le volevo chiedere se per caso sa quanto tempo si deve aspettare per il rilascio della carta in Romania...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Non ho idea dei tempi necessari per il rilascio della carta d'identità in Romania, ma siccome in Italia se Ti porti le foto in Comune il rilascio è immediato, presumo che anche in Romania i tempi siano veloci.-

      Elimina
  20. Buonasera avvocato sono una ragazza albanese e mi sono sposata con un ragazzo italiano un mese fa. Ora ho il permesso di soggiorno scaduto. Mi hanno detto che posso richiedere gratuitamente in Questura la carta di soggiorno per 5 anni, dico bene? Dopo 2 anni posso richiedere la cittadinanza italiana? Grazie per le sue risposte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Confermo!
      Essendo sposata con un cittadino italiano puoi richiedere subito la carta di soggiorno e tra 2 anni potrai richiedere anche la cittadinanza italiana.-

      Elimina
  21. Buongiorno Avvocato Gianfranco,
    avrei bisogno di qualche chiarimento in merito alla cittadinanza:
    1. sono 13 anni che risiedo in Italia. 18 mesi fa ho fatto la richiesta di cittadinanza quindi per naturalizzazione. Mancano 6 mesi per arrivare ai due anni richiesti per poterla avere. Alcune persone aspettano più di due anni, allora informandomi bene sui i diritti per ottenere la cittadinanza, penso di prendere un avvocato passati i 731 giorni dalla data della richiesta per controllare la mia pratica, visto che sul sito del ministero dell'interno dopo 18 mesi siamo sempre alla stessa frase: in fase di valutazione. E' una buona idea?
    2. Alla prefettura, quando facevo la domanda di cittadinanza, ho chiesto la possibilità di farla congiunta con mio marito, oppure se lui doveva aspettare che l'ottenesse io per poi averla in automatico. Mi è stato risposto NO, deve fare la sua pratica personale. Mi sono sposata con mio marito qui in Italia 6 anni fa. Volevo solo essere sicura che sia così, visto che per 90% dei casi, l'amministrazione non ha lei stessa l'informazione giusta. Comunque anche lui un mese fa ha fatto la sua richiesta di naturalizzazione.
    3. Abbiamo un figlio di due anni, nato qui in Italia. Sempre informandomi, ho letto che il giorno in cui andrò in comune per il giuramento, che lo dovrò portare, e automaticamente acquisterebbe la cittadinanza. E' vero? Dovrà comunque andare tra 18 e 19 anni a rifare richiesta o conferma di cittadinanza, oppure sarà lasciato in pace? Dovrà di nuovo andarla ad acquistare quando il suo padre anche lui andrà per il giuramento per conto suo? Ecco perché mi sembrava strana che la domanda non potesse avvenire congiunta con mio marito.
    4. avendo fatto la richiesta della cittadinanza, sono obbligata a soggiornare sul territorio fino ad ottenerla oppure posso (essendo sempre residente cui, ho comperato anche la casa) viaggiare e anche andare a lavorare in un altro paese? Su questo aspetto non ho tante informazioni, anche sulle tasse, come funziona? Ho ottenuto in realtà un opportunità di lavoro in un altro paese, dovrei licenziarmi cui e andare. Che mi propone di fare?
    Sono stata molto lunga ma ho bisogno di queste informazioni per chiarire un pò la mia vita.
    La ringrazio tanto per la gentile disponibilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Per legge i tempi di concessione della cittadinanza italiana dovrebbero essere di 730 giorni, ma attualmente bisogna attendere almeno 3 anni per difficoltà di carattere burocratico, e quindi prendere un avvocato per accelerare la pratica serve a poco.-
      - Purtroppo SI! La domanda di cittadinanza deve essere personale quindi anche Tuo marito deve presentare la sua domanda.-
      - Purtroppo SI! Tuo figlio tra i 18 e i 19 anni dovrà presentare la richiesta di cittadinanza italiana.-
      - Purtroppo SI! Fino alla concessione della cittadinanza italiana devi restare in Italia e non puoi quindi trasferirti all'estero.-

      Elimina
  22. Grazie mille Avvocato Gianfranco.
    Se ho capito bene, il mio figlio anche se il giorno del mio giuramento avrà anche lui la cittadinanza, dovrà comunque in un secondo tempo, tra 18 e 19 anni richiedere di nuovo qualcosa che ha già, non suona un pò male?
    Ok per il consiglio di non poter andare via, per richiesta in corso. Se prendo il congedo parentale, per stare con mio figlio, posso uscire e andare per esempio in un altro paese per respirare un pò in questi 6 mesi, oppure non devo proprio lasciare il territorio.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Rettifico: I figli minori di chi acquista o riacquista la cittadinanza italiana, se convivono con esso, acquistano la cittadinanza italiana, ma, divenuti maggiorenni, possono rinunciarvi, se in possesso di altra cittadinanza (art 14 L.91/92).-
      - SI! Se prendi un congedo parentale puoi andare anche all'estero, e l'unico problema è che se vieni convocata in Comune per il giuramento dovresti essere o almeno poter ritornare velocemente in Italia.-

      Elimina
  23. Buongiorno avvocato,
    avrei un quesito. Ho un fratello che ha vissuto qua in Italia per circa 10 anni. Per tutto questo periodo ha lavorato fino a perdere il lavoro quando è arrivata la crisi nel 2010. Ha deciso di tornare nel nostro paese di origine in vacanza per pensare un attimo. Solo che per disgrazia è scoppiata la guerra civile e ha perso i suoi documenti e non ha potuto tornare. Sono passati circa 4 anni e adesso vorrebbe ritornare in Italia. Com'è possibile?
    Nel caso l'Italia non li permettesse di ritornare, c'è un modo almeno per lui di recuperare tutti i contribuiti visto che ha lavorato cui per 10 anni, e visto che sta male lì e avrebbe bisogno di soldi almeno per rifarsi la vita?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Tuo fratello senza documenti non può tornare in Italia, e per quanto riguarda i contributi non sono recuperabili e se non si raggiunge almeno i 20 anni sono perduti, e questo vale per tutti quindi sia per italiani che per gli stranieri.-

      Elimina
  24. buona sera avv,sono veronica,da caserta,quel l"indirizzio che avete dato a napoli,nn ce piu,lo hanno chiuso consolato britanico,a roma difficcille,nessuno nn risponde,a publico chiuso,adesso nn so tra me agenzia deve aprire questo visto x 1 mese,quanto costerra?? mi potete aiutare,grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Veronica!
      Purtroppo in questo caso a vai a Roma direttamente o devi ricorrere a un'agenzia specializzata, magari rivolgendoti a un'agenzia di viaggi, informandoti preventivamente sui costi del servizio.-

      Elimina
  25. Salve dottore. Allora io sono cittadina europea, in italia sono da piu5 anni..allora adesso sto lavorando con contratto indeterminato.. pero voglio portare la mia mamma (perche e da sola e ha 73 anni )qui che ha bisogno di me e di cure .. a mia mamma Moldava... però si come adesso la Moldavia dal mese di aprile fine, e già concordata come paese che va in UE. Per qui adesso un cittadino moldavo poi soggiornare qui in Italia per 3 mese..poi ogni tre mese torna in MD. Allora la mia domanda e : come posso fare per lei la tessera sanitaria e tutti documenti in regola , per fare soggiornare lei qui a lungo periodo, visto che io sono cittadino europeo da più 5 anni ??? Grazie mille Dottore!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Eleonora!
      Purtroppo fino a quando la Moldavia non entra ufficialmente nell'unione europea valgono le norme dei cittadini extracomunitari, quindi puoi solo richiedere un ricongiungimento familiare se ne esistono i requisiti di legge.-

      Elimina
  26. salve dottore,,siamo 2 rumeni che ci vogliamo sposare qui,,in italia,,vorrei sapere si lei puo prendere il mio cognome,secondo le legi romeni,,visto il art 24 ,,n. 218 del 31 maggio 1995,,grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      In base alla normativa italiana entrambi i coniugi conservano anche dopo il matrimonio i loro cognomi di nascita.-

      Elimina
  27. salve sottore io sto vivendo in italia da 4.5 anni posso chiedere per carta soggiorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carta di Soggiorno per Lavoratori Extracomunitari:
      Questo tipo di permesso di soggiorno è a tempo indeterminato e può essere richiesto solo da chi possiede un permesso di soggiorno da almeno 5 anni.-
      La documentazione necessaria è la stessa che serve per il rinnovo del permesso di soggiorno, ma in aggiunta, servono anche i certificati storici di residenza e il certificato dei dei carichi pendenti e del casellario giudiziale rilasciati dalla procura competente.-

      Elimina
  28. Salve,sono straniera sposata con cittadino italiano.da poco abbiamo avuto una bimba.ho anche due figli da un altro matrimonio,io non ho lavorato mai con contrato, neanche mio marito dal 2012 lavorato solo 6 mesi,poi a presso la desoccupazione.x 8 mesi.la mia domanda posso fare richiesta di cittadinza ho dobbiamo fare il reddito? Sono residente da 2anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Il reddito minimo necessario per ottenere la cittadinanza italiana per l'anno 2014 è il seguente:
      Euro 8.500,00 per una sola persona
      Euro 11.500,00 in caso di coniuge a carico
      Euro 550,00 in più per ogni figlio a carico

      Elimina
    2. Grazie per la sua risposta,ma cosa serve per fare la denuncia del reddito?lui a lavorato tutta la vita solo per questa crisi a lavorato meno.ma nel 2013 a lavorato 3mesi con contrato,centra qualcosa per la cittadinanza se io non ho lavorato mai?grazie b giornata!

      Elimina
    3. Purtroppo è quello che prevede la legge!

      Elimina
  29. Mimoza,
    sono una cittadina albanese, e tra un po devo fare il giuramento per la cittadinanza, ci è hanno comunicato che bisogna cambiare il cognome, e prendere il cognome da nubile, volevo sapere se si puo andare in albania con il cognome attuale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non posso esserti d'aiuto!
      In base alla normativa italiana una cittadina albanese deve prendere la cittadinanza italiana con il cognome da nubile, ma non sono a conoscenza della normativa albanese in materia.-

      Elimina
  30. Buongiorno, sono una cittadina romena residente a Verona da 10 anni. Vorrei sposare un cittadino americano, militare nella base di Vicenza. Quali sono i documenti richiesti? Possiamo sposarci nel comune di Firenze?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Matrimonio:
      Secondo il Codice Civile, lo straniero che deve sposarsi con un cittadino o una cittadina di nazionalità italiana o straniera deve presentare una serie di documenti:
      - Documento d'identità valido sul piano internazionale (passaporto).
      - Certificato di nascita proveniente dal proprio paese di provenienza tradotto e autenticato presso l’Ambasciata Italiana del Paese d’origine.
      - Nulla osta dal parte del proprio Paese d’origine per contrarre liberamente matrimonio. Dal documento, rilasciato dagli uffici di competenza del Paese di provenienza - che corrispondono in Italia all’ufficio anagrafe -, deve risultare che, secondo la legge del Paese, non ci siano impedimenti al matrimonio. Come nel caso del certificato di nascita, il nulla osta deve essere tradotto e autenticato presso l’Ambasciata Italiana del Paese di provenienza.-

      Elimina
  31. buongiorno
    il mio permesso per motivo famigliare si è trasfomato in attesa occupazione rinnovato pochi mesi fa...
    attualmente, ho trovato un lavoro che è a tempo indeterminato...
    siccome vivo da dieci anni in italia e ho tutti i requisiti... vorrei farmi la carta soggiorno possibilmente prima che scada di nuovo...
    ma ho dei dubbi..
    1. posso trasformare un permesso (att. occupazione) in carta soggiorno... in cosi breve tempo dal rinnovo?
    2. se si alla prima domanda. posso farlo gia presentando contratto e la prima busta paga?
    in attesa di una risposta
    tanti saluti



    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Puoi trasformare il permesso di soggiorno in carta di soggiorno anche subito!
      Alla domanda è necessario allegare:
      - copia del passaporto o documento equipollente, in corso di validità;
      - copia della dichiarazione dei redditi (il reddito deve essere superiore all'importo annuo dell'assegno sociale); per i collaboratori domestici (colf/badanti): esibizione dei bollettini INPS o estratto contributivo analitico rilasciato dall'INPS;
      - certificato casellario giudiziale e certificato delle iscrizioni relative ai procedimenti penali;
      - un alloggio idoneo documentato se la domanda è presentata anche per i familiari;
      - copie delle buste paga relative all'anno in corso;
      - documentazione relativa alla residenza e allo stato di famiglia;

      Elimina
  32. Buongiorno sono una cittadina marocchina nata in Italia. Per 18 anni ho vissuto nella stessa provincia con tanto di residenza. Mia madre ha richiesto la cittadinanza quando ancora ero minorenne ma a lei è stata concessa solo dopo che ho compiuto la maggior eta. Mi ritrovo oggi con la carta di soggiorno avuta circa due anni fa in sostituzione al permesso. La mia domanda è oggi a 23 anni quale ritenete possa essere la scelta piu rapida per ottenere la cittadinanza. Preciso che ho un lavoro part time da un anno che mi porta a raggiungere il reddito minimo per persona singola ma che vivo con mia madre disoccupata da piu di due anni che ribadisco è cittadina italiana dal 2010. Ringrazio in anticipo per l attenzione e considerazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu a questo punto puoi richiedere la cittadinanza italiana solo per residenza, e se rientri nei limiti di reddito non ci sono problemi.-

      Elimina
  33. salve inforamzione per piacere ho il permesso di seggiorno di reconggingemento famgliare che scade 10\10\2015 e mia mogli ha la carta lumgo periodo ilimitata voglio saper se ho dirito di carta di seggiono famlgliare grz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e questo primo permesso che ho fato 20\10\2013grz

      Elimina
    2. SI!
      Anche Tu hai diritto alla carta di soggiorno per motivi familiari, ma a questo punto ti consiglio di attendere la scadenza del permesso di soggiorno.-

      Elimina
    3. grz 1000 per piacere cosa serve per la carta di seggiorno motivo familiare grz ancora adesso solo io che lavoro mia moglie non lavora . cosa posseiamo fare .grz

      Elimina
    4. Per richiedere la carta di soggiorno per motivi familiari è necessaria la seguente documentazione:
      - fotocopia delle pagine del passaporto riportanti i dati anagrafici, i timbri di rinnovo, i visti;
      - fotocopia del permesso di soggiorno in scadenza;
      - Copia del passaporto del familiare (pagine con dati anagrafici);
      - Copia del titolo di soggiorno del familiare;
      - dichiarazione del familiare, che ha esercitato il ricongiungimento familiare o la coesione, di provvedere al sostentamento dell’interessato;
      - Codice fiscale;

      Elimina
  34. Salve avvocato. Volevo darle una domanda se fosse possibile.
    ho 17 anni ne compio 18 a luglio vorrei partire per la romania tra 5 giorni.
    Mi saprebbe dire che documenti avrei bisogno ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimenticavo di specificare ho la cittadinanza rumena.

      Elimina
    2. P.S Se andassi senza i miei genitori o con l' accompagnamento di mia madre che documenti necessito ?
      La ringrazio

      Elimina
    3. Dal 26 giugno 2012, tutti i minori, dai 0 ai 18 anni, potranno viaggiare in Europa e all'estero soltanto con un documento di viaggio individuale: passaporto o carta d'identità valida per l'espatrio. Non saranno più valide, quindi, le iscrizioni di questi ultimi sul passaporto dei genitori che, però, rimarrà valido fino alla naturale scadenza per il proprio titolare.-
      I minori di età superiore ai 14 anni possono viaggiare all'estero anche senza essere accompagnati dai genitori.-

      Elimina
  35. salve, volevo un informazione che non riguarda l'italia. sono un cittadino albanese che risiede dal 2008 per motivi di studi in romania. sono sposato da poco con una cittadina romena, per andare in vacanza nel regnio unito devo chiedere il visto come fanno tutti gli albanezi o in qualita di marito di una cittadina del uniuone europea poso andare anche io senza visto. spero che mi posa dare qualce informazzione utile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo essendo cittadino albanese anche se sei sposato con una cittadina comunitaria per andare in vacanza nel regno unito devi richiedere il visto.-

      Elimina
  36. Buona sera avocato! Volevo sapere se questi 80 euro che governo a dato a tutti lavoratori che anno un contratto, sono per unica volta o per sempre e tutti mese? E per che nella busta paga delle badante con un contratto indeterminato e di 24 su 24 non arrivano? Le badante non anno questo diritto? gratie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le lavoratrici domestiche e le badanti possono recuperare gli 80 euro mensili con la dichiarazione dei redditi del prossimo anno.-

      Elimina
  37. Buongiorno gentile avvocato, io sono iraniana e sposata, noi abbiamo il visto che dura 5 anni. mi piacerebbe aprire un impresa edile a roma ( siamo ingeneri e nostro occupazione e costruzione). ovviamente dobbiamo chiedere permesso con motivo di lavoro autonomo ma non so da dove devo cominciare, gia' mi sono rivolto al'lambasciata italiana qua ma mi hanno detto da qua no posso fare niente, gentilmente vorrei avere indicazioni e se mi po contattare sul mio indirizzo pojhan_azar@yahoo.com sarebbe molto meglio
    grazie infinite

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di rivolgerti a:
      Associazione Costruttori Edili Roma (ACER)
      v. Villa Patrizi 11
      00161 ROMA RM
      Tel. 06440751
      Fax 064403885

      Elimina
  38. Salve dott.
    mia moglie incinta e noi siamo extra comunitari che siamo in italia con motivi di turismo e regolare, vorrei chiedere nostro situazione quando nascera bambino insenso che siamo privati o possiamo usufruire la sanità
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non puoi essere espulsa se sei una donna in stato di gravidanza o nei sei mesi successivi alla nascita di Tuo figlio; potrai avere un permesso di soggiorno per cure mediche (insieme a tuo marito, se convivente).-

      Elimina
  39. Salve,sono una ragazza madre straniera sposata cittadino italiano,abbiamo una bimba da due mesi.io posso viaggiare con la sua carta d'identita' della bimba da sola.qui in europa.perche mio marito non puo' viaggiare.grazie mille per la sua risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per poter portare i figli minorenni all'estero, i genitori dovranno sottoscrivere un modulo per l'affidamento del proprio figlio a un accompagnatore da presentare all'ufficio passaporti della Questura per la relativa convalida (tale modulo si potrà ritirare in Comune, in Questura o scaricare dal sito del Comune di residenza).-

      Elimina
  40. salve,
    non so se questo sia il posto giusto per ricevere queste informazioni ma ci provo lo stesso. Io vivo in Inghilterra da quasi 4 anni e da poco mi sono iscritta all'aire per italiani che vivono nel regno unito e dato che molto presto mi devo sposare in tunisia mi è stato richiesto il certificato di nascita e il nulla osta e vorrei sapere se devo fare la richiesta al mio comune in italia per questi documenti o al consoltato a londra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo devi fare la richiesta del certificato di nascita e il nulla osta al Tuo Comune in Italia.-

      Elimina
  41. Buongiorno avvocato gentile, Io sono indiana e Sposata mio Marito e bengalesi. abbiamo 2 bambini primo tre anni e la seconda due mesi. abbiamo ottenuto il permesso di soggiorno 2009 Status ASILO POLITICO. già abbiamo passato 5 anni in Italia. siamo qui residente regulare. Ora vorremmo chiedere la cittadinanza! potete per favore fatemelo sapere che tipo di documenti ci serve per applicare questa cittadinanza? dopo la richiesta quanti tempo bisogno di ottenere risultato finale? Ringrazio in anticipo per l attenzione e considerazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per richiedere la cittadinanza italiana sono necessari i seguenti documenti:
      - Certificato storico di residenza da richiedersi nei vari comuni in cui si è stato residente.-
      - Stato di famiglia e residenza.-
      - Denuncia dei redditi degli ultimi 3 anni.-
      - Copia del permesso di soggiorno.-
      Purtroppo attualmente i tempi di attesa della cittadinanza italiana si aggirano sui 3/4 anni.-

      Elimina
  42. Buon giorno AVV. Censori, sono italiano e ho l'anno scorso ho spasato una donna marocchina ,la sorella di mia moglie vorrebbe venire in Italia per qualche settimana ospitata a casa mia che documenti occorrono?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La lettera d'invito (dichiarazione di garanzia) è necessaria a dimostrare la disponibilità di un alloggio in Italia per il periodo di soggiorno turistico.
      Tale dichiarazione deve essere inviata allo straniero che intende entrare in Italia il quale dovrà presentarla alla rappresentanza diplomatica italiana nel proprio paese di origine al momento della richiesta del visto di ingresso, ovvero nel caso di esenzione del visto turistico (per i paesi con cui l'Italia ha sottoscritto apposito accordo bilaterale), alla polizia di frontiera al momento dell'ingresso nell'area Schengen.
      Per ottenere il visto è necessario che il cittadino straniero che intende recarsi in Italia dimostri i mezzi di sussistenza per il periodo previsto di permanenza nel territorio italiano. Qualora non possa dimostrare risorse economiche proprie (ad es. tramite travel cheques, disponibilità di una carta di credito, ecc.), tale dimostrazione potrà essere utilmente fornita attraverso una fideiussione bancaria o assicurativa predisposta dall'invitante in Italia in favore dell'invitato.
      Sia nel caso di rilascio del visto per turismo sia nel caso di esenzione il soggiorno in Italia potrà avere una durata massima di tre mesi e va richiesto da parte del cittadino straniero all'Ambasciata italiana nel paese estero.-

      Elimina
  43. Buonasera avvocato,
    da poco sono diventata cittadina italiana, vorrei sapere la procedura per riuscire a portare mio padre (di origini peruviane) qui in italia. Devo comunque fare il ricongiungimento familiare?

    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Per riuscire a portare Tuo padre in Italia devi fare il ricongiungimento familiare.-

      Elimina
  44. Buonasera avvocato,sono cittadina rumena e voglio andare in Romania con mio figlio .Voglio sapere se mi servono degli altri documenti o solo il passaporto del bambino.vado da sola mio marito anche lui e cittadino rumeno.Grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Minori all'estero:
      Dal 26 giugno 2012, tutti i minori, dai 0 ai 18 anni, potranno viaggiare in Europa e all'estero soltanto con un documento di viaggio individuale: passaporto o carta d'identità valida per l'espatrio. Non saranno più valide, quindi, le iscrizioni di questi ultimi sul passaporto dei genitori che, però, rimarrà valido fino alla naturale scadenza per il proprio titolare.
      Inoltre, si dovrà far inserire il nominativo dei genitori sul documento del figlio minore. Questo permetterà di agevolare e semplificare i controlli alle frontiere. Il Ministero degli Affari Esteri, in attuazione del Regolamento (C.E.) 444/2009 del Parlamento Europeo, ha anche elevato l'età minima per l'espatrio senza accompagnamento, da 10 a 14 anni.
      Sino al 26 giugno 2012, infatti, per l'espatrio di un minore di 14 anni era sufficiente il solo documento di identità. Ora, invece, i genitori dovranno sottoscrivere un modulo per l'affidamento del proprio figlio a un accompagnatore da presentare all'ufficio passaporti della Questura per la relativa convalida (tale modulo si potrà ritirare in Comune, in Questura o scaricare dal sito del Comune di residenza).
      Sia per il passaporto che per la carta d'identità valida per l'espatrio, la durata varierà a seconda dell'età del minore:
      - 3 anni per i minori di 3 anni;
      - 5 anni per i minori di 18 anni;
      - 10 anni per i maggiori di 18 anni.-

      Elimina
  45. salve , ginfranco, vorrei porle una domanda ,sono in congedo di paternita , voglio sapere si quella 80 e viene pagata sulla busta paga da parte o viene calcolata con il totale di 30/100 del congedo o viene riemborzzata all rientro dell congedo , per che sulla busta paga nn resulta niente grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il diritto agli 80 euro devi rientrare nella fascia che va da 8.000 euro a 24.000 euro di reddito lordo complessivo annuale, e devi eventualmente richiederli al Tuo datore di lavoro.-

      Elimina
  46. Salve io sono un cittadino straniero sposato con una cittadina italiana da 3 anni io ho inoltrato la richiesta di cittadinanza italiana da 5 mesi adesso x motivi di lavoro volevamo trasferirci in germania. Io ho il permesso di soggiorno valido per 5 anni quello in cartuccia non a lungo periodo mia moglie mi puo chiedere il permesso di soggiorno tedesco per gli stranieri e se si puo come si puo fare?.E poi per la cittadinanza italiana che ho richiesto in Italia quando sono in germania cosa devo fare?.grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - SI! Tua moglie quando si sarà trasferita in Germania potrà richiedere per Te la carta di soggiorno per motivi familiari, seguendo le procedure previste dalla normativa tedesca in materia.-
      - Per quanto riguarda la cittadinanza italiana , prima di trasferirti in Germania dovrai comunicare in Prefettura il Tuo nuovo indirizzo dove farti inviare le relative comunicazioni.-

      Elimina
    2. Salve e poi volevo sapere un altra cosa importante quando saremo in germania io e mia moglie lei deve avere un concontratto di lavoro per far mi avere un permesso di soggiorno tedesco upure una volta che siamo residenti in germania me lo po chiedere subito grazie per la attenzione

      Elimina
    3. Purtroppo SI!
      Per farti avere un permesso di soggiorno Tua moglie dovrà avere un contratto di lavoro in Germania.-

      Elimina
  47. Buonasera Avvocato,sono una dipendente statale in gravidanza.
    Vivo temporaneamente fuori Italia,vorrei chiederle se posso rinunciare al diritto di astensione obbligatoria per mettermi in aspettativa.
    So che è una domanda un po' strana,ma se è possibile vorrei avere una risposta.
    La ringrazio anticipatamente .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      L'astensione si chiama obbligatoria proprio perché è obbligatoria, quindi non è possibile per legge rinunciarci.-

      Elimina
  48. ciao sono nazionalita indianna voglio chiedere la procedura di cittadinanza in dicembre devo chiedere per la cittadinanza ma non sto lavorando ho lavorato per ultimi 2 anni, ma quest'anno non ho trovato alcun lavoro. sto vivendo con la mia famiglia è necessario che l'applicazione per cittadinanza dovrebbe deve avere un lavoro o posso allegare i documenti come il cud di mio padre perché lui ha circa 18000 di reditto?no lo so come farlo se e possibile vorrei avere una risposta . Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Fino a quando non trovi un nuovo lavoro non potrai richiedere la cittadinanza italiana.-

      Elimina
  49. Buonasera avvocato.
    La disturbo per una richiesta.
    Io sono insieme ad una ragazza di nazionalià Ucraina.
    La ragazza è in Italia da oltre 2 anni; era entrata con un visto turistico.
    Visto che è scaduto da un anno e mezzo; in sostanza è rimasta qui in modo irregolare.
    Adesso Lei torna in Ucraina.
    Dopo vorrebbe tornare in Italia.
    Che strade posso scegliere per farla rientrare ?
    Io tra l'altro avrei anche la possiiblità di trovarle un lavoro; ma se non ho capito male non posso sistemare la posiziione (pur trovandole una lavoro) a meno che non arrivi una sanatoria come avvenuto nel 2012.
    Mi può dire che soluzioni ci potrebbero essere ? ; che tipi di visto posso fare ? o se posso trovare il modo di farla entrare per un permesso a scopi di studio o lavorativi.
    La ringrazio per la cortese attenzione
    buona serata
    Luca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luca!
      Per richiedere un permesso di soggiorno per motivi di lavoro la Tua ragazza deve rientrare nelle quote del decreto flussi, mentre potrebbe richiedere un permesso di soggiorno per motivi di studio:
      PERMESSO DI SOGGIORNO PER MOTIVI DI STUDIO:
      (art. 39 Decreto Legislativo n° 286/98 e succ. mod. ; artt. 44 bis, 45 e 46 DPR 394/99 e succ. mod.)
      - Istanza compilata e sottoscritta dall’interessato (Modulo 1);
      - Fotocopia di tutto il passaporto o di altro documento equipollente ;
      - Per il primo rilascio del permesso di soggiorno deve essere prodotta:
      1) fotocopia della certificazione attestante il corso di studio da seguire, vistata dalla Rappresentanza Diplomatica/Consolare Italiana all’atto del rilascio del visto di ingresso;
      2) fotocopia della polizza assicurativa, valida nel territorio nazionale, per il periodo di durata del permesso di soggiorno, contro il rischio di malattia e/o infortuni.

      Elimina
  50. bounasera Avvocato,
    posso andare taiwan con titolo di viaggio per straniera senza visto? se bisogno di visto, dove devo rivolgermi? grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Per andare a Taiwan ti occorre un visto:
      UFFICIO DI RAPPRESENTANZA DI TAIWAN A ROMA
      Indirizzo: Viale Liegi 17 - 00198 Roma
      Telefono: 06 98262800, 06 98262812
      Fax: 06 98262803
      E-mail: economic@taipeieco.it, ita@mofa.gov.tw
      Sito web: www.taipeieco.it

      Elimina
  51. Salve avvocato, vorrei chiedere un informazione, 5 mesi fa ho fatto la richiesta per cittadinanza per residenza, come ho un debito di banca nn pagato, per questo caso mi possono bloccare la cittadinanza? Grazie in anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      La pratica di cittadinanza italiana non può essere bloccata per un debito di banca.-

      Elimina
  52. salve avvocato sono un extracomunitario che vivo qua con mia famiglia e 3 figli ho la cartasoggiorno voglio andare in germani per motivi di lavoro e vivere per sempre la si puo andare e un altra domanda e la carta di soggiorno italiana e valida la si puo fare in quel tedescha grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Puoi andare in Germania per motivi di lavoro, infatti la normativa prevede:
      Un cittadino straniero, residente in Italia, può andare a lavorare all'estero, nei paesi dell'area shengen solo se in possesso della carta di soggiorno, da aggiornare poi nel Paese di destinazione dopo tre mesi di permanenza.-

      Elimina
  53. Salve signor avv,...Mi chiamo Segio e sono studente dall'estero da due anni qua in Italia...Il problema e che il permesso di soggiorno e scaduto il 30 maggio e ho due mesi per rinovarlo(mi manco uno)...Per farlo mi serve accumulare un certo numero di esami,cosa che nn ho riuscito fare.L universita mi offre ancora la possibilita nel mese di settembre.La mia domanda e come procedere per usufruire anche il mese di settembre.perche il contratto io lho pagato per tutto il anno,inlusi gli appeli d''autunno.Grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sergio!
      Per il rinnovo del soggiorno lo straniero deve produrre la seguente documentazione:
      Attestazione del superamento di almeno un esame di profitto per il 1° rinnovo e di almeno 2 esami per i successivi rinnovi, salvo provate cause di forza maggiore.-

      Elimina
  54. Salve ,sono cittadino italiano e convivo con una donna russa con cui ho un bambino di 2 anni , la mia domanda e , puo richiedere la cittadinanza russa per il bambino senza il mio consenso? o pure puo obligarmi ad acconsentire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco il Tuo problema!
      Infatti presumo che Tuo figlio abbia già la cittadinanza italiana quindi siccome sia l'Italia che la Russia ammettono la doppia cittadinanza, la Tua compagna può richiedere per suo figlio anche la cittadinanza russa.-

      Elimina
  55. Salve avvocato!!! Io sono un cittadino albanese, vivo in Italia dal anno 2004 in regola e possedo la carta di soggiorno illimitata dal 2010. Ho lavorato sempre da quando sono entrato in Italia dal 2004 fino a 2012.Nel 2012 ho perso il lavoro e mi sono inscritto dal ufficio di lavoro come disoccupato.Da allora fino ad oggi non ho pottuto trovare lavoro. Lei mi puo dire per favore se io ho diritto di chiedere la cittadinanza italiana anche se non ho un lavoro ormai da 2 anni?? E un altra domanda se ho diritto di avere qualche assistenza sociale visto che sono disoccupato.. Non ho mai preso niente da quando mi sono licensiato??!! La ringrazio di anticipo! Distinti saluti!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Purtroppo NO! Per richiedere la cittadinanza italiana deve esserci un rapporto di lavoro in essere, quindi potrai richiederla appena trovi un nuovo lavoro.-
      - Ti consiglio di rivolgerti ai servizi sociali del tuo Comune di residenza per richiedere un qualche tipo di sostegno di carattere economico.-

      Elimina
  56. Salve avvocato, una badante Polacca puo' lavorare in Italia regolarmente o ha bisogno di un permesso di soggiorno? Ovvero in Italia puo' soggiornarvi solo da turista, ma per altro occorre un permesso di soggiorno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      La Polonia fa parte dell'Unione Europea come l'italia quindi per lavorare in Italia non hai bisogno di un permesso di soggiorno, ma Ti serve solo un contratto di lavoro.-

      Elimina
  57. salve avvocato
    ti devo chiedere per mio figlio ,lui ha fatto la richiesta per la cittadinanza e la pratica e passata per la firma ,solo che lui non e accorto che la carta di soggiorno e scaduto in 23/04/2014 potrebbe essere una problema ,e cosa deve fare ,grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Per la cittadinanza non c'è problema perché la carta di soggiorno non ha scadenza ma scade solo la validità come documento di riconoscimento, quindi Tuo figlio deve semplicemente richiedere un aggiornamento.-

      Elimina
  58. salve dott. volevo chiederla che per fare domanda per avere carta di soggiorno posso fare domanda con un contratto di lavoro con un mese?
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Per richiedere la carta di soggiorno è necessario o un contratto di lavoro a tempo indeterminato o un contratto a termine di almeno 6 mesi.-

      Elimina
  59. Salve avvocato ho la carta di soggiorno illimitato.la mia famiglia dopo aver avuto la cittadinanza si sono trasferiti in inghilterra .io non ho la cittadinanza.con il visto posso raggiungere la mia famiglia e iniziare una vita la` non facendo caso alla scadenza del visto?ovviamente com vita intendo vivere la e

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I documenti richiesti per il visto sono i seguenti:
      un modulo di richiesta per il visto (lo potrai richiedere gratuitamente presso il più vicino ente britannico o scaricarlo da www.ukvisas.gov.uk )
      un passaporto valido o un documento di viaggio
      due (a volte tre) fototessera a colori recenti (45mm x 35mm)
      la tassa per il visto (che sarà pagata nella valuta locale)
      i documenti di supporto necessari per il tipo di richiesta del visto di cui hai bisogno
      Eventuali documenti da allegare possono essere:
      un permesso di lavoro
      una lettera d'ammissione da parte di un'università
      documenti che attestino le tue qualifiche: diplomi, certificati, referenze
      prove che attestino che sarai in grado di sostenere le spese della tua permanenza in Gran Bretagna, come per esempio un estratto conto della tua banca o una loro lettera di garanzia.
      Sebbene un semplice visto può essere ottenuto entro 24 ore, non sempre è così facile conseguirne uno in tempo. Ti suggeriamo quindi di richiederlo con largo anticipo per ritirarlo il prima possibile.
      Se ti viene negato un visto ti sarà notificato per iscritto il motivo del rifiuto. In certi casi, avrai il diritto di fare ricorso. In questo caso, ti verranno consigliate le modalità di procedura. In alternativa, potrai semplicemente riprovare a inoltrare una nuova richiesta, ma se le motivazioni del rifiuto iniziale permangono, la tua domanda probabilmente sarà nuovamente rifiutata.-

      Elimina
  60. buongiorno avvocato sn cittadino italiano ho la mia casa e vivo la mia vita,ma questo nn centra nulla con la domanda che le devo porre.....se io aprissi un contratto luce o gas intestato a mio nome a favore di un cittadino/a extracomunitario sprovvisto di documenti di soggiorno o con gli stessi documenti scaduti che vive in affitto in un appartamento,se le forze dell'ordine o altro gli facessero un controllo o lo trovassero io cosa rischierei....la ringrazio in anticipo per la sua risposta augurandole buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dall'8 agosto 2009 è stato introdotto il reato di ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato italiano. Pertanto, chi entra o soggiorna in maniera irregolare in Italia commette il reato di immigrazione clandestina, punito con un'ammenda da 5.000 a 10.000 euro. Ma anche chi ospita uno straniero privo di permesso di soggiorno può incappare in problemi.
      Secondo il testo unico sull'immigrazione (art . 7, D.lgs. n. 286/98), "chiunque, a qualsiasi titolo, dà alloggio ovvero ospita uno straniero o apolide, anche se parente o affine, ovvero cede allo stesso la proprietà o il godimento di beni immobili, rustici o urbani, posti nel territorio dello Stato, è tenuto a darne comunicazione scritta, entro quarantotto ore, all'autorità locale di pubblica sicurezza".
      Chiunque intende ospitare in casa propria un cittadino immigrato extracomunitario deve quindi presentare una dichiarazione di ospitalità al commissariato. È una dichiarazione con la quale si denuncia l'identità della persona che si ospita e comprende, oltre alle generalità del denunciante, quelle dello straniero o apolide, gli estremi del passaporto o del documento di identificazione che lo riguardano, l'esatta ubicazione dell'immobile ceduto o in cui la persona è alloggiata.
      Accade che nel caso si ospiti una persona senza permesso si decide di non adempiere a questo obbligo legale per evitare che la persona possa incorrere in problemi. Ricordiamo che colui che omette tale comunicazione è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 160 a 1.100 euro.-

      Elimina
  61. salve avvocato !sono una cittadina albanese e volevo chiederlo se posso mandare i mie figli minorenni sotto i 14 anni in Albania con il nonno anche lui in Italia con carta di soggiorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Minori all'estero:
      Dal 26 giugno 2012, tutti i minori, dai 0 ai 18 anni, potranno viaggiare in Europa e all'estero soltanto con un documento di viaggio individuale: passaporto o carta d'identità valida per l'espatrio. Non saranno più valide, quindi, le iscrizioni di questi ultimi sul passaporto dei genitori che, però, rimarrà valido fino alla naturale scadenza per il proprio titolare.
      Inoltre, si dovrà far inserire il nominativo dei genitori sul documento del figlio minore. Questo permetterà di agevolare e semplificare i controlli alle frontiere. Il Ministero degli Affari Esteri, in attuazione del Regolamento (C.E.) 444/2009 del Parlamento Europeo, ha anche elevato l'età minima per l'espatrio senza accompagnamento, da 10 a 14 anni.
      Sino al 26 giugno 2012, infatti, per l'espatrio di un minore di 14 anni era sufficiente il solo documento di identità. Ora, invece, i genitori dovranno sottoscrivere un modulo per l'affidamento del proprio figlio a un accompagnatore da presentare all'ufficio passaporti della Questura per la relativa convalida (tale modulo si potrà ritirare in Comune, in Questura o scaricare dal sito del Comune di residenza).
      Sia per il passaporto che per la carta d'identità valida per l'espatrio, la durata varierà a seconda dell'età del minore:
      - 3 anni per i minori di 3 anni;
      - 5 anni per i minori di 18 anni;
      - 10 anni per i maggiori di 18 anni.

      Elimina
  62. Regolamento (C.E.) 444/2009 del Parlamento Europeo e valido anche se i minori hanno il passaporto biometrico rilasciato dal paese non UE; in questo caso albania; grazie

    RispondiElimina
  63. Salve avvocato,

    sono un cittadino extracomunitario, da 14 anni regolarmente residente in Italia e volevo presentare domanda di cittadinanza. Da più di 2 anni sono beneficiario di una borsa di studio di dottorato di ricerca (della durata di 3 anni e poco più di 13 mila euro lordi all'anno) e come tale non possiedo una dichiarazione dei redditi ma solo un Estratto Conto contributivo dell’INPS che dimostra i contributi INPS versati a mio favore in quanto beneficiario di borsa di dottorato.
    Sapendo che anche altre categorie che non possiedono una dichiarazione dei redditi, come colf e badanti (http://www.colfebadantionline.it/cittadinanza-che-documento-posso-usare-per-dimostrare-il-reddito.html) possono dimostrare il proprio reddito per la domanda di cittadinanza presentando solamente Estratto Conto contributivo dell’INPS, volevo chiederLe se anche io potevo fare allo stesso modo.

    Grazie in anticipo per la Sua disponibilità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Per richiedere la cittadinanza italiana puoi dimostrare il Tuo reddito anche con l'estratto conto contributivo dell'INPS.-

      Elimina
  64. Buongiorno
    Ho fatto la richiesta per la cittadinanza nel novembre del 2011. Fin adesso non ho ricevuto una risposta. I carabinieri sono passati a casa nel marzo del 2013, in seguito ho ricevuto un mail da parte del ministero dell'interno su quale c,era un codice per consultare la pratica. Ma vedo sempre la scrittura seguente :-) siamo in attesa dei pareri necessari per avviare la sua pratica. Vorrei un consiglio su cosa devo fare.
    Grazie per la sua disponibilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo i tempi necessari per la concessione della cittadinanza italiana si stanno allungando dai 2 anni previsti dalla legge a 3 o 4 anni, Ti consiglio quindi di attendere ancora qualche mese prima di procedere con eventuali solleciti.-

      Elimina
  65. salve avv. sono un rgazzo indiano ,ho carta soggiorno illimitato, e sto lavorando in un ristorante, e titolare ha un altro ristorante in Spagna e vole portar mi in Spagna per lavorare. Domanda e che, io posso andare in spagna x lavorare con carta soggiorno? e che documenti me servono essere in regola in spagna ?.la ringrazio in anticipo per la sua risposta augurandole buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Spagna fa parte dell'area Shengen come l'Italia quindi non hai problemi ad andare a lavorare in Spagna, pertanto se continui a lavorare con un contratto Italiano Ti basta il passaporto e la carta di soggiorno italiana, mentre se ti fanno un contratto spagnolo dopo 3 mesi di permanenza in Spagna potrai convertire la carta di soggiorno italiana in quella spagnola.-

      Elimina
  66. Salve Avvocato,avrei una domanda :sono moldava residente in Italia da 8anni ,siccome con i nuovi passaporti i moldavi possono circolare nel spazio shengen ,volevo portare la mia sorellina 15enne in vacanza per 3 settimane ,come posso fare ?ci sarebbe una persona che fa spesso viaggi in Italia e pensavo(facendo una carta dai miei genitori dove dichiarano che puo accompagnare mia sorella per il viaggio andata/ritorno) potrebbe venire in vizita ? ma se arriva accompagnata con questa persona che pero va in un'altra citta come posso fare per ospitarla acasa mia ?(o i miei genitori devono fare un'altra carta dove mi incarricano come responsabile di mia sorella in Italia per il periodo di vacanza?
    grazie infinite

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se Tua sorella può venire in Italia accompagnata da una persona con l'autorizzazione dei tuoi genitori, potrai poi ospitarla a casa Tua senza problemi con una dichiarazione di ospitalità da trasmettere in Questura.-

      Elimina
  67. Salve avvocato sono un ragazzo albanese, possiedo permesso di soggiorno ILLIMITATA,tipo di permesso SOGGIORNANTE DI LUNGO PERIODO-CE vorrei andare in Inghilterra a lavorare! Posso lavorare in Inghilterra con i documenti Italiani? O posso andare solo come turista ?O devo chiedere qualche visto? Come devo fare? Grazie in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo l'Inghilterra non fa parte dell'area Shengen quindi per andare in Inghilterra sia per turismo che per lavoro hai bisogno di un visto da richiedere all'ambasciata inglese di Roma.-

      Elimina
    2. grazie mille avv.invece mia moglie ha il permesso di soggiorno MOTIVI FAMILIARI per 2 anni penso che anche lei po richiedere i visto?un'altra cosa dopo per avere un contratto di lavoro inglese dobbiamo convertire i permessi di soggiorno?grazie ancora

      Elimina
    3. - SI! Anche Tua moglie può richiedere il visto.-
      - NO! I permessi di soggiorno italiani non hanno alcun valore in Inghilterra.-

      Elimina
  68. Buon giorno avvocato- sono una donna ucraina con un permesso di soggiorno illimitato sono via dal italia da 2 anni- adesso vorrei andare a sostituire una amica per un mese ,la domanda e il permesso non e revocato ?non avro dei problemi alla frontiera?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non è possibile!
      Il permesso di soggiorno anche se illimitato viene revocato in caso di assenza di dodici mesi consecutivi dal territorio dell'U.E.-

      Elimina
  69. Buona sera a tutti! Mi chiamo Roxana e ho una domanda per il gentile avv. Io sono rumena e sono residente a Roma da quasi un anno. Vorei sposare un egiziano in egito e voglio sapere se dopo il matrimonio lo posso portare quoi con me o devo per forza andare prima in romania? Unaltra domanda sara se i posso fare un invito per fare il matrimonio quoi. Grazie mille per la sua risposta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roxana!
      Se vi sposate in Egitto:
      I familiari del cittadino UE che si possono ricongiungere:
      Secondo il dettato normativo i familiari del cittadino UE a cui è riconosciuto il diritto di soggiorno ai fini del ricongiungimento familiare in Italia, sono i seguenti:
      a) il coniuge;
      b) i figli, propri o del coniuge, di età inferiore a 21 anni o a carico;
      c) gli ascendenti in linea retta, a carico, proprio o del coniuge (genitori, nonni, bisnonni);
      La qualità di familiare deve essere attestata dagli appositi certificati (di nascita, di matrimonio, ecc.) rilasciati dalle Autorità competenti e, qualora siano prodotti nel Paese di origine, dovranno essere tradotti e legalizzati presso la Rappresentanza diplomatica italiana.
      Se richiesti presso la Rappresentanza diplomatica dello straniero in Italia, qualora lo straniero sia già presente in Italia, dovranno essere tradotti e legalizzati presso la Prefettura.
      Se vi sposate in Italia:
      Il Tuo fidanzato può venire in Italia con una lettera di invito:
      Matrimonio:
      Secondo il Codice Civile, lo straniero che deve sposarsi con un cittadino o una cittadina di nazionalità italiana deve presentare una serie di documenti:
      - Documento d'identità valido sul piano internazionale (passaporto).
      - Certificato di nascita proveniente dal proprio paese di provenienza tradotto e autenticato presso l’Ambasciata Italiana del Paese d’origine.
      - Nulla osta dal parte del proprio Paese d’origine per contrarre liberamente matrimonio. Dal documento, rilasciato dagli uffici di competenza del Paese di provenienza - che corrispondono in Italia all’ufficio anagrafe -, deve risultare che, secondo la legge del Paese, non ci siano impedimenti al matrimonio. Come nel caso del certificato di nascita, il nulla osta deve essere tradotto e autenticato presso l’Ambasciata Italiana del Paese di provenienza.-

      Elimina
  70. Salve grazie per la pagina mi ha chiarito un bel pò di cose ma ho ancora un dubbio...sono partita con il passaporto in scadenza per un progetto leonardo di 3 mesi e mi è naturalmente scaduto mentre ero cui,possiedo regolare permesso di soggiorno di 2 anni rilasciato in Italia e la ricevuta della richiesta di rinnovo del passaporto.... ora finisce il mio progetto e vorrei tornare a casa ma non se con il passaporto marocchino scaduto possono farmi dei problemi....Mi chiarire la situazione perfavore?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *mi può chiarire la situazione..

      Elimina
    2. Se il permesso di soggiorno è ancora valido ed hai richiesto il rinnovo del passaporto, presentando la relativa documentazione non dovresti avere problemi.-

      Elimina
    3. Grazie Mille per la pronta risposta!!
      Ero preocupata perchè proprio non posso premettermi di prenotare un volo per poi essere bloccata in aeroporto!!
      Grazie di nuovo e Buona giornata!

      Elimina
  71. Salve signor avvocato,sono un ragazzo di 22 anni marrocchino,attualmente mi trovo in Italia sono residente dal 98,ho regolarmente il permesso di soggiorno illimitato,è ho avviato la domanda per la cittadinanza,vorrei sapere se potrei andare in inghilterra per un evento sportivo,non ho mai avuto precedenti penali,debiti ecc ecc.le porgo i miei piu grati saluti grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Puoi andare in Inghilterra ma hai bisogno di un visto da richiedere all'ambasciata inglese di Roma.-

      Elimina
    2. quanto costa? e quanto ci vuole per ottenerlo grazie

      Elimina
    3. Queste informazioni puoi richiederle direttamente:
      AMBASCIATA BRITANNICA A ROMA
      Indirizzo: Via XX Settembre 80 - 00187 Roma
      Orari: 9.00-14.00 dal lunedì al venerdì
      Telefono: 06 4220 0001
      Fax: 06 4220 2334
      E-mail: ConsularRome@fco.gov.uk
      Sito web: http://ukinitaly.fco.gov.uk/it/
      Aree di competenza: Lazio, Abruzzo, Molise, Sardegna
      CONSOLATO BRITANNICO A MILANO
      Indirizzo: Via S. Paolo 7 - 20121 Milano
      Orari: 9.15-12.15 e 14.15-15.45 dal lunedì al venerdì
      Telefono: 02 723001
      Fax: 02 86465081
      E-mail: Milan.Consular@fco.gov.uk
      Aree di competenza: Lombardia, Piemonte, Valle d'Aosta, Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche.-

      Elimina
  72. buon giorno avocato sono una rumena e lavoro di 5 anni regolare e convivo con un italiano vorrei -prima domanda:voglio fare la citadinanzza italiana pero si dice che serve un redito minimo purtroppo mio e più piccolo come posso fare -2 domanda la stessa cosa con permesso di soggiorno per tempo illimitato -si non ho il redito minimo come posso fare ?grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo le opzioni possibili sono solo due:
      - O raggiungi il reddito minimo previsto dalla legge per la cittadinanza italiana.-
      - O ti sposi con il Tuo convivente, perché in Italia le convivenze non sono tutelate dalla legge.-
      Non mi risultano altre possibilità.-

      Elimina
  73. Buongiorno, sono una cittadina Albanese ormai residente fuori dallo spazio UE da due anni (prima ho regolarmente soggiornato in Italia per 14 anni).
    Sto per sposarmi con un cittadino italiano che lavora con me nel paese dove viviamo e vorrei spostare la mia residenza nuovamente in Italia anche se non mi sono molto chiare le regole di rientro.
    Quali sono le mie possibilità? Rientrare con visto di ingresso per ricongiungimento familiare e successivamente chiedere il permesso di soggiorno per familiari di cittadini UE? O posso fare richiesta della carta di soggiorno?

    Inoltre, la verifica della convivenza nel caso in cui lui stia lavorando ancora fuori Italia (ma sempre residente in italia) può risultare un problema?

    Infine, con l'eventuale permesso di soggiorno o carta per familiari di cittadini UE posso lavorare solo in italia o in qualsiasi paese Schengen?

    Grazie in anticipo,








    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una volta che ti sarai sposata con un cittadino italiano potrai richiedere la carta di soggiorno per familiari di cittadini UE che ti consentirà di lavorare in qualsiasi paese Schengen.-
      Invece per ottenere la residenza in Italia devi effettivamente trasferirti in Italia, perché l'eventuale Tua residenza verrà verificata.-

      Elimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.