domenica 12 giugno 2016

Pensione con part-time agevolato

Dal 2 giugno 2016 è diventato operativo il decreto che disciplina le modalità di riconoscimento del part­-time agevolato, introdotto da una norma contenuta nella legge di stabilità 2016.­

Requisiti e condizioni per il part-time agevolato:

Potranno usare questa possibilità i lavoratori del settore privato con contratto a tempo pieno e
indeterminato con almeno 20 anni di contributi, che maturino il requisito anagrafico per la
pensione di vecchiaia entro il 31 dicembre 2018.­

Misura e durata:

Sarà possibile concordare con il datore di lavoro il passaggio al part­-time agevolato, con una riduzione dell’orario di lavoro tra il 40 ed il 60%, fino al raggiungimento del requisito anagrafico per la pensione di vecchiaia, ricevendo ogni mese in busta paga, in aggiunta alla retribuzione per il part-time, una somma esentasse pari ai contributi previdenziali a carico del datore di lavoro sulla retribuzione per l’orario non lavorato.­

Agevolazioni contributive:

Inoltre, per il periodo di riduzione della prestazione lavorativa, lo Stato riconosce al lavoratore la
contribuzione figurativa sulla prestazione non effettuata in modo che non si riduca l’importo della
pensione.

Modalità di erogazione:

Il lavoratore interessato deve richiedere all’INPS per via telematica se è in possesso del pin, o
tramite un patronato, la certificazione che attesta il possesso del requisito contributivo e la
maturazione di quello anagrafico entro il 31 dicembre 2018.­

Stipula nuovo contrato:

Dopo il rilascio della certificazione da parte dell’INPS, il lavoratore ed il datore di lavoro stipulano
un contratto di lavoro a tempo parziale agevolato nel quale viene indicata la misura della riduzione di orario, con comunicazione all'INPS e alla Direzione territoriale del lavoro della stipulazione del contratto e della relativa data di cessazione.­

Requisito anagrafico per la pensione di vecchiaia:

Donne:
Anno 2016 = 65 anni + 7 mesi
Anno 2017 = 65 anni + 7 mesi
Anno 2018 = 66 anni + 7 mesi
Uomini:
Anno 2016 = 66 anni + 7 mesi
Anno 2017 = 66 anni + 7 mesi
Anno 2018 = 66 anni + 7 mesi

Chi può e chi non può accedere:

  • Possono accedere al part­-time pensionistico anche i lavoratori del settore agricolo
  • Possono accedere al part­-time pensionistico anche i dipendenti di enti pubblici economici
  • Possono accedere al part­-time pensionistico anche i dipendenti da datori di lavoro non imprenditori (associazioni culturali, politiche o sindacali, associazioni di volontariato, studi professionali).
  • Non possono accedere al part­-time pensionistico i lavoratori del pubblico impiego
  • Non possono accedere al part­-time pensionistico i lavoratori con contratto di collaborazione a progetto, di lavoro domestico, di lavoro intermittente, di lavoro a domicilio.­

Benefici per il lavoratore e per il datore di lavoro:

Per un lavoratore che sigla un contratto al 50% la retribuzione in busta paga sarà del 78% (mentre l'impresa ha una riduzione del costo del lavoro del 41%) mentre per quel lavoratore che ha un contratto al 60% (24 ore su 40 alla settimana) la retribuzione in busta paga sarà dell'84% (per l'impresa la riduzione del costo del lavoro sarà del 33%). Ciò è possibile perché il decreto prevede che il datore di lavoro paghi in busta paga esentasse la contribuzione per le ore non lavorate. E per il lavoratore non ci sarà alcuna penalizzazione poiché sul fronte dell'assegno pensionistico dato che per il periodo di part-time agevolato è assicurata la contribuzione figurativa.­

Termine entro il quale debbono essere raggiunti i requisiti:

L'agevolazione è riconosciuta ai lavoratori del settore privato con contratto a tempo pieno e
indeterminato con almeno 20 anni di contribuzione già maturati al momento nel quale si esercita
l'opzione e il requisito dell'età di vecchiaia da raggiungere entro il 2018. L'età pensionabile va
raggiunta entro il dicembre 2018, mentre i 20 anni di anzianità contributiva devono essere
posseduti al momento della stipula dell'accordo. Sono invece esclusi dall'incentivo i lavoratori che
maturano nel periodo solo i requisiti per la pensione anticipata (42 anni e 10 mesi di contributi per
gli uomini, 41 e 10 mesi per le donne) dato che nella norma c'è un riferimento esplicito ai requisiti
per il pensionamento di vecchiaia. Quindi potranno chiedere al datore di lavoro di trasformare il
proprio contratto in uno di part-time agevolato solo quei lavoratori che raggiungeranno entro il
2018 i 66 anni e sette mesi e quindi in pratica chi a fine aprile 2016 avrà almeno 63 anni e 11 mesi.

Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito “www.cgil.it
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai
lavoratori.­

10 commenti:

  1. Buonasera dott. Censori da 3 settimane ho avuto un contratto part-time vorrei chiederle quanto percepiro'di assegni x mio marito disoccupato e mia figlia di 15 anni? Grazie

    RispondiElimina
  2. Salve. Io e la mia compagna conviviamo e non siamo sposati. Lavoro soltanto io e stiamo per avere un figlio. Posso avere l assegno familiare di mio figlio e le detrazioni irpef in busta paga? Se sì come devo fare? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco!
      SI!
      Per quanto riguarda gli assegni familiari per tuo figlio, alla sua nascita dovrai richiedere un'autorizzazione preventiva all'INPS, ovviamente con il consenso della madre.-
      Per quanto riguarda le detrazioni potrai richiederle per tuo figlio al 100% presentando la richiesta direttamente al tuo datore di lavoro.-

      Elimina
  3. salve dott. censori, volevo chiedere se il mio licenziamento sia giusto. premetto che, con questa azienda ho lavorato per più di 30 anni, poi, nel 2008 ho avuto un infarto e di conseguenza operato di bypass, da quel momento in poi sono stato sempre umiliato dal mio datore di lavoro e figli per la mia scarsa disponibilità al lavoro.(a loro dire) per arrivare nel 2013 al licenziamento dall'azienda. ora, chiedo a lei dottor censori, se sia giusto il comportamento fatto dalla società e se dopo 3 anni che il datore di lavoro mi rimandava ogni qualvolta il sottoscritto chiedeva di essere integrato nell'azienda. trovava sempre e comunque scuse di ogni genere. chiedo anche se prima che arrivasse a licenziare il sottoscritto, ci sono ancora lavoratori nella stessa azienda con anni di anzianità molto inferiore al sottoscritto. è giusto? cosa posso fare? saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuseppe!
      Purtroppo se sei stato licenziato nel 2013, a tre anni di distanza non puoi più farci nulla, quindi devi metterti il cuore in pace, anche nel senso letterale del termine, e guardare oltre.-

      Elimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.