sabato 10 febbraio 2018

Pensione di vecchiaia - Sistema Retributivo e Misto

La pensione di vecchiaia è una prestazione economica erogata, a domanda, in favore dei lavoratori dipendenti e autonomi, che hanno:
  • raggiunto l'età stabilita dalla legge;
  • perfezionato l'anzianità contributiva e assicurativa richiesta;
  • cessato il rapporto di lavoro alle dipendenze di terzi alla data di decorrenza della pensione, fermo restando che, qualora la rioccupazione intervenga presso diverso datore di lavoro, non occorre una soluzione di continuità con la precedente attività lavorativa.
La pensione di vecchiaia decorre dal primo giorno del mese successivo a quello nel quale l’assicurato ha compiuto l'età pensionabile. Nel caso in cui a tale data non risultino soddisfatti i previsti requisiti di anzianità assicurativa e contributiva, la pensione decorre dal primo giorno del mese successivo a quello in cui vengono raggiunti tali requisiti. Infine, su richiesta dell’interessato, la pensione decorre dal primo giorno del mese successivo a quello nel quale è stata presentata la domanda.

Ai fini del conseguimento della prestazione pensionistica è richiesta la cessazione del rapporto di lavoro dipendente. La pensione anticipata decorre dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda.

Ai fini del conseguimento della prestazione pensionistica è richiesta la cessazione del rapporto di lavoro dipendente. Non è, invece, richiesta la cessazione dell'attività svolta in qualità di lavoratore autonomo.


Sistema Retributivo


Si applica ai lavoratori e alle lavoratrici che al 31/12/1995 avevano un'anzianità contributiva pari o superiore a 18 anni.Possono richiedere la pensione di vecchiaia gli uomini che abbiano compiuto 65 anni di età e le donne che abbiano compiuto 60 anni ed abbiano un'anzianità contributiva di almeno 20 anni.
Rimangono ancorati al vecchio requisito dei 15 anni di anzianità contributiva coloro che:

  • al 31 dicembre 1992 avevano già raggiunto i 15 anni di contributi
  • al 31 dicembre 1992 avevano già compito l'età pensionabile
  • erano stati autorizzati ai versamenti volontari prima del 31/12/1992
  • con almeno 25 anni di assicurazione, siano stati occupati per almeno 10 anni anche non consecutivi, per periodi inferiori a 52 settimane nell'anno solare

L'importo della pensione viene calcolato in base agli anni e all'entità dei contributi versati; per farsi un'idea sommaria si può calcolare un 2% del proprio stipendio da moltiplicare per gli anni di lavoro; esempio 25 anni di contributi e uno stipendio di euro 1.200,00 la pensione sarà di circa di euro 600,00 mensili (1.200 x 50%).

Sistema Misto o Pro Rata

Si applica ai lavoratori o alle lavoratrici che al 31/12/1995 avevano un'anzianità contributiva inferiore a 18 anni.-Il sistema misto rimane ancorato alle regole del sistema retributivo fatto salvo le modalità di calcolo della pensione che sono in pro rata.-
Ovvero con il sistema retributivo per i contributi versati entro il 31 dicembre 1995 e con il sistema contributivo per il resto dei contributi.-
La legge offre la possibilità a coloro che sono stati assunti prima del 31 dicembre 1995 di scegliere la pensione calcolata esclusivamente con il sistema contributivo a condizione che abbiano una contribuzione pari o superiore a 15 anni di cui almeno 5 versati nel sistema contributivo (e cioè successivi al dicembre 1995). Non possono esercitare l'opzione coloro che al 31 dicembre 1995 avevano già raggiunto i 18 anni di contributi.

Pensioni di vecchiaia dal 2018 in poi


Anno    Lavoratrici  -   Lavoratrici   -   Lavoratrici  -   Lavoratori  -    Lavoratori
        pubblico         s. privato        s. privato       s. pubblico      settore
        impiego          dipendenti        autonome         s. privato       autonomo

2018  66+7  mesi   66+7  mesi   66+7  mesi   66+7  mesi   67+4  mesi
2019  66+11 mesi   66+11 mesi   66+11 mesi   66+11 mesi   66+11 mesi
2020  66+11 mesi   66+11 mesi   66+11 mesi   66+11 mesi   66+11 mesi
2021  67+2  mesi   67+2  mesi   67+2  mesi   67+2  mesi   67+2  mesi
2022  67+2  mesi   67+2  mesi   67+2  mesi   67+2  mesi   67+2  mesi
2023  67+5  mesi   67+5  mesi   67+5  mesi   67+5  mesi   67+5  mesi
2024  67+5  mesi   67+5  mesi   67+5  mesi   67+5  mesi   67+5  mesi
2025  67+8  mesi   67+8  mesi   67+8  mesi   67+8  mesi   67+8  mesi
2026  67+8  mesi   67+8  mesi   67+8  mesi   67+8  mesi   67+8  mesi
2027  67+11 mesi   67+11 mesi   67+11 mesi   67+11 mesi   67+11 mesi
2028  67+11 mesi   67+11 mesi   67+11 mesi   67+11 mesi   67+11 mesi
2029  68+1  mese   68+1  mese   68+1  mese   68+1  mese   68+1  mese
2030  68+1  mese   68+1  mese   68+1  mese   68+1  mese   68+1  mese
2031  68+3  mesi   68+3  mesi   68+3  mesi   68+3  mesi   68+3  mesi
2032  68+3  mesi   68+3  mesi   68+3  mesi   68+3  mesi   68+3  mesi
2033  68+5  mesi   68+5  mesi   68+5  mesi   68+5  mesi   68+5  mesi
2034  68+5  mesi   68+5  mesi   68+5  mesi   68+5  mesi   68+5  mesi
2035  68+7  mesi   68+7  mesi   68+7  mesi   68+7  mesi   68+7  mesi
2036  68+7  mesi   68+7  mesi   68+7  mesi   68+7  mesi   68+7  mesi
2037  68+9  mesi   68+9  mesi   68+9  mesi   68+9  mesi   68+9  mesi
2038  68+9  mesi   68+9  mesi   68+9  mesi   68+9  mesi   68+9  mesi
2039  68+11 mesi   68+11 mesi   68+11 mesi   68+11 mesi   68+11 mesi
2040  68+11 mesi   68+11 mesi   68+11 mesi   68+11 mesi   68+11 mesi
2041  69+1  mese   69+1  mese   69+1  mese   69+1  mese   69+1  mese
2042  69+1  mese   69+1  mese   69+1  mese   69+1  mese   69+1  mese
2043  69+3  mesi   69+3  mesi   69+3  mesi   69+3  mesi   69+3  mesi
2044  69+3  mesi   69+3  mesi   69+3  mesi   69+3  mesi   69+3  mesi
2045  69+5  mesi   69+5  mesi   69+5  mesi   69+5  mesi   69+5  mesi
2046  69+5  mesi   69+5  mesi   69+5  mesi   69+5  mesi   69+5  mesi
2047  69+7  mesi   69+7  mesi   69+7  mesi   69+7  mesi   69+7  mesi
2048  69+7  mesi   69+7  mesi   69+7  mesi   69+7  mesi   69+7  mesi
2049  69+9  mesi   69+9  mesi   69+9  mesi   69+9  mesi   69+9  mesi
2050  69+9  mesi   69+9  mesi   69+9  mesi   69+9  mesi   69+9  mesi



Pensioni di vecchiaia dal 2014 al 2017

Anno    Lavoratrici - Lavoratrici - Lavoratrici -  Lavoratori  - Lavoratori
            pubblico       s. privato      s. privato      s. pubblico    settore
            impiego        dipendenti     autonome     s. privato       autonomo

2014   66+3 mesi     63+9 mesi    64+9 mesi    66+3 mesi     66+9 mesi
2015   66+3 mesi     63+9 mesi    64+9 mesi    66+3 mesi     66+9 mesi
2016   66+7 mesi     65+7 mesi    66+1 mese   66+7 mesi     67+4 mesi
2017   66+7 mesi     65+7 mesi    66+1 mese   66+7 mesi     67+4 mesi

Su questo articolo possiamo trovare le norme non più in vigore sulle Pensioni di vecchiaia.

Vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

170 commenti:

  1. Buongiorno avvocato volevo chiedere una cosa. Alla tenera età di 66 anni mio figlio mi sta insegnando a usare il pc e andando sul sito dell' inps alla voce la mia pensione mi dà un importo di 387 euro con decorrenza agosto 2019...io sono nato il primo luglio del 1952 e posseggo 785 settimane di contributi entro il 1992..Ma le chiedo: avendo l' anno prossimo 67 compiuti potrò richiedere anche la maggiorazione? Fin dove può arrivare la mia pensione? Nel rispetto della sua competenza e professionalità la ringrazio e la saluto con affetto, Salvatore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Salvatore!
      PENSIONE INTEGRATA AL MINIMO anno 2018
      Il trattamento minimo è un'integrazione che lo Stato, tramite l'Inps, corrisponde al pensionato quando la pensione, che deriva dal calcolo dei contributi, è di importo inferiore a quello che viene considerato il minimo vitale. In tal caso l'importo della pensione viene aumentato fino a raggiungere la cifra stabilita, di anno in anno, dalla legge.
      Per verificare se si ha diritto all’integrazione al minimo bisogna considerare il proprio reddito personale, e per le pensioni con decorrenza successiva al 1994 bisogna considerare anche i redditi del coniuge. Se si ha un reddito personale annuo inferiore a 6.530,94 euro e di coppia inferiore a 19.592,82 euro l’integrazione spetta sempre. Non spetta se il proprio reddito personale supera i 13.061,88 euro o se quello di coppia eccede i 26.123,76 euro all’anno. Se si hanno redditi intermedi tra il limite basso e il limite alto, l’integrazione spetta in misura parziale. L’integrazione non spetta in alcun caso a chi percepisce una pensione supplementare o una pensione calcolata esclusivamente con le regole del sistema contributivo.-
      Valori per l'anno 2018
      Pensione integrata al minimo euro 501,89.-
      Pensione con maggiorazione sociale ultra60enni euro 528,22.-
      Pensione con maggiorazione sociale ultra65enni euro 585,03.-
      Pensione con maggiorazione sociale ultra70enni euro 626,83.-

      Elimina
  2. ok signor Censori quindi se i valori non cambieranno andrò a prendere grosso modo sui 585 avendo 67 anni? Io devo comunque aspettare il 2019 credo che non cambierà nulla? Cordiali saluti da Salvatore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Salvatore!
      In base alla normativa attuale devi comunque aspettare il 2019, e purtroppo nessuno può dirti oggi se sarà ancora valida l'anno prossimo.-

      Elimina
    2. Perché mi dice questo? Potrebbe saltare questa deroga? Sarebbe uno sgarro enorme... Vabbe incrocio le dita...buone e meritate ferie dottor Censori. Salvatore.

      Elimina
  3. Dr. Censori buongiorno.
    Ammesso che a settembre andrà in porto una delle tante deroghe propagandate, nel caso dei 36 anni di contributi per i 64enni e 41 o 42, questi anni sarebbero considerati come recita il cumulo gradito da tutti gli anni contributivi comprese le gestioni separate o solo la gestione dipendenti o commercianti e con i calcoli separati come attualmente è la normativa?
    So che è sempre un "se" ma se la disposizione del cumulo è legge non penso sarà cambiata non crede?
    La ringrazio della sua sempre gentile disponibilità a darci risposte.
    Cari saluti
    Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luca!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Purtroppo non sono in grado di darti una risposta su una legge che non c'è, e che non si sa quindi se ci sarà e quello che prevederà.-

      Elimina
  4. Buonasera avvocato Censori, sono Domenico, Sono nato a settembre del 52 e avendo solo 16 anni di contributi al 1992 il patronato ha detto che andrò in pensione ad ottobre 2019 e la mia pensione potrà essere integrata al minomo e avere la maggiorazione sociale in quanto sarà calcolata interamente col sistema retributivo. È così? Un cordiale saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Domenico!
      SI!
      Confermo!
      Ovviamente avrai diritto all'integrazione al minimo e alla maggiorazione sociale se rientrerai nei limiti di reddito personale e coniugale.-

      Elimina
    2. ok grazie, per noi la sua parola è legge e speriamo che non ci combinino qualche scherzetto... Le auguro un felice mese di agosto e la saluto cordialmente! Domenico Di Luca

      Elimina
    3. Ciao Domenico!
      Ti ringrazio per la fiducia e per gli auguri che contraccambio!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  5. Buon pomeriggio Avvocato sono Biagio la seguo sempre e forse le farò una domanda banale sciocca ma mi perdoni stiamo al caldo e senza certezze. Le chiedo: secondo Lei cosa realmente cambierà su queste benedette o maledette pensioni? Ci sarà un iter? Mi scusi di nuovo e la saluto cordialmente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Biagio!
      Premetto di non considerarmi molto obiettivo, ma credo che alla fine della campagna elettorale ancora in corso, o "la montagna partorirà un topolino" o questo nuovo Governo "farà saltare i conti pubblici" o salterà il Governo!
      A parte i commenti politici di parte, penso che già a settembre con la manovra finanziaria vedremo in che direzione si muoverà il Governo.-

      Elimina
  6. Buongiorno e complimenti. Mi chiamo Alberto. Mio fratello è residente negli USA ed ha la doppia cittadinanza è nato nel 1962. Ha lavorato negli anni 70 ed 80 per circa 10 anni in Italia. e dal 1986 al 2012 negli USA. Da Novembre 2018 in seguito ad infortunio che lo ha dichiarato inabile al lavoro con invaliditaà al 100% è pensionato negli USA percependo una pensione d'invalidità. Lui vorrebbe ritornare in ITALIA. Ha diritto a percepire qualche forma di pensione in ITALIA qualora decidesse di venire ad abitare qui. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alberto!
      Purtroppo NO!
      Per il diritto all'assegno sociale sono necessari almeno 10 anni di residenza in Italia, e bisogna rientrare nei limiti di reddito personale e coniugale, e non avrebbe diritto nemmeno alla pensione di invalidità visto che la percepisce negli USA.-

      Elimina
  7. Buona sera Avvocato, ci sono notizie per cosa cambierà l' anno prossimo? Ci saranno sorrisi o ulteriori lacrime? Questi parlano parlano ma non si capisce niente. Il caf a cui mi rivolgo spesso diche sostanzialmente faranno quota 100 con paletti senza intaccare il resto... troppo costoso e presto per superare la legge fornero..... la premetto che io sono un nato nel luglio 52 appartenente alla deroga amato e sto inseguendo la pensione da due anni a causa degli aumenti dell'età pensionabile. Un saluto, da Aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Aldo!
      Purtroppo al momento non ci sono novità, e non mi azzardo nemmeno di fare previsioni, direi quindi di attendere fino al mese di ottobre in quanto con la legge di stabilità dovremmo saperne di più.-

      Elimina
    2. Avvocato buonasera, sono Aldo di cuo sopra, ci sono novità? Leggevo vari articoli da cui si dice che quota 100 non eliminerà le deroga amato ma sarà principalmente legata all' uscita anticipata dal lavoro, a Lei risulta? La ringrazio e mi scuso per ul fastidio, cordiali saluti, Aldo.

      Elimina
    3. Ciao Aldo!
      Penso che la prossima settimana sia quella decisiva, perché il governo dovrebbe presentare la legge di stabilità, quindi dovremmo saperne qualcosa di più.-

      Elimina
  8. Buona sera avvocato sono Bruno, seguo molto i suoi blog e vedo che parecchie persone si trovano nella situazione di mio zio..
    Lui è un ottobre 1952 e possiede 811 settimane di contributi al 1991.... Rientra come alcuni signori sopra nella legge amato. Cosa cambierà per loro che avevano la possibilità dell' integrazione a 507 euro? La saluto cordialmente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Bruno!
      Il nuovo governo vuole portare i minimi di pensione a 780 euro mensili, quindi in teoria non dovrebbero esserci problemi sulla conferma della legge Amato, ma in pratica fino a quando non verrà pubblicata in dettaglio la manovra finanziaria nessuno potrà darti delle certezze.-

      Elimina
    2. Ok la ringrazio dottore ma quando si avrà l' ufficialità del tutto? un saluto da Bruno

      Elimina
    3. I prossimi giorni la manovra verrà presentata in Parlamento dove potrebbero esserci delle modifiche, quindi verso fine anno quando verrà approvata definitivamente da entrambe le Camere avremo dei dati ufficiali.-

      Elimina
  9. Buona sera avvocato, sono Biagio, ieri mi sono recato al caf per fare una cosa e ne ho approfittato per chiedere anche lumi sulla pensione vecchiaia nel 2019 con le relative deroghe. Io come tanti utenti del blog sono un cosiddetto quindicenne di deroga amato e mi hanno detto che rimarrà tutto invariato nel senso che quota 100 riguarda una misura per agevolare l' uscita anticipata dl lavoro. Io me lo auguro, a lei risulta tutto questo? La ringrazio e la saluto cordialmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fino a quando la nuova legge non verrà approvata in via definitiva dalle due Camere non possiamo avere delle certezze assolute, ma a quanto ci risulta al momento le deroghe previste dai precedenti governi non dovrebbero essere messe in discussione.-

      Elimina
    2. Buona sera avvocato sono Biagio di cui sopra... quando sarà approvata la legge di bilancio in.via definitiva per essere certi che noi destinatari della deroga amato possiamo stare tranquilli? Un saluto e buona serata.

      Elimina
    3. La finanziaria dovrebbe essere votata dal Parlamento entro fine anno, quindi presumibilmente avremo tutti i dettagli a novembre o dicembre.-

      Elimina
  10. Buongiorno sig. Censori, gentilmente vorrei sapere come mai negli estratti contributivi dei dipendenti pubblici non vengono riportati i periodi e le retribuzioni dei periodi prima del 1993. Grazie e cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi risulta una cosa del genere, ti consiglio quindi di chiarire la questione o direttamente con l'INPS o tramite un patronato di tua fiducia.-

      Elimina
  11. Grazie mille, in realtà lavoro presso un Patronato. Mi sono espresso male, chiedo scusa. Gli anni di servizio relativi ai periodi prima del 1993 risultano negli estratti contributivi ma nelle colonne relative ad anni, mesi e giorni degli estratti contributivi dei dipendenti pubblici trovo sempre zero come dato. Inoltre, negli estratti contributivi che mi sono capitati non viene riportata la retribuzione ai fini pensionistici per gli anni prima del 1993.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se lavori presso un Patronato dovresti saperne più di me di queste questioni; presumo comunque che ci sia stato un qualche problema a livello di passaggio dei dati dalla gestione INPDAP alla gestione INPS e che quindi verranno inseriti i dati mancanti solo individualmente all'atto della presentazione della domanda di pensione.-

      Elimina
  12. Signor Censori buongiorno, mi chiamo Giacomo, a me non riguarda ne quota 100 ne quota 41...almeno fino ad oggi sto appeso alla legge dei quindicenni perché posseggo 15 anni e otto mesi di contributi versati entro il 1989....Sono un ottobre '52.... Andrò in pensione? Un cordiale saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giacomo!
      Al momento non mi risultano modifiche in merito, quindi dovresti andare in pensione di vecchiaia al raggiungimento dei 67 anni d'età, quindi a novembre 2019.-

      Elimina
  13. Buona sera ancora avvocato sono Giacomo di cui sopra ma pur ritenendo assurdo come stanno gestendo queste riforme ma secondo lei siamo a rischio noi destinatari della deroga amato? Ricordo nel 2012 fu fatto tanto per salvaguardarla...speriamo bene. La saluto cordialmente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giacomo!
      A mio avviso non dovrebbero esserci problemi, ma ovviamente non possiamo prevedere il futuro e quindi nessuno al momento può darti delle certezze assolute.-

      Elimina
  14. Buongiorno,sono una donna di 62 anni compiuti, negli ultimi 5 anni ho lavorato part time, allo stato attuale nell'estratto conto inps risultano 1835 settimane per la misura e 1985 settimane al diritto. Se passa la quota 100 riesco ad andare in pensione con le settimane al diritto che attualmente corrispondono a più di 38 anni,
    La ringrazio per la risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al momento siamo ancora nella fase degli annunci, non essendoci ancora un testo scritto, quindi è inutile fare previsioni su quelli che saranno i requisiti necessari.-

      Elimina
    2. la ringrazio per l'immediata risposta, allo stato attuale per andare in pensione vengono conteggiate le settimane al diritto o quelle per la misura.

      Elimina
    3. Purtroppo nessuna delle due!
      Con un contratto part-time potrebbero esserci delle contrazioni, cioè una riduzione delle settimane utili, ti consiglio quindi di rivolgerti eventualmente a un patronato per una verifica della tua situazione contributiva.-

      Elimina
  15. Signor Censori buonasera sono Giacomo le ho scritto recentemente... Mi recai al patronato per una pratica di mia figlia e chiesi anche a loro se questa riforma potesse intaccare la deroga amato... Mi hanno detto di stare tranquillo, in quanto io con quella legge dovrei andare in pensione.. Glielo dico così magari anche lei può dirci qualcosa di più certo anche perchè stiamo ormai al 10 novembre. Per me la sua parola è legge insieme alla sua immensa competenza. La saluto e speriamo bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      Al momento non mi risulta che qualcuno abbia chiesto di mettere in discussione la deroga Amato, quindi anche se non possiamo esserne certi al 100% credo puoi stare ragionevolmente tranquillo.-

      Elimina
  16. Buona sera Sig. Censori , mi tolga un dubbio per favore , sono nato il 12 gennaio '62 inserito al lavoro al 1 gennaio 1977 ,ad oggi ho perso solo una settimana di lavoro nel 1982 quando ho finito il militare , vorrei sapere se anche quella settimana incide sui 18 anni prima del 1992 per essere considerato operaio precoce e avere la pensione calcolata sulla retribuzione e non sul misto, Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sistema Retributivo:
      Si applica ai lavoratori e alle lavoratrici che al 31/12/1995 avevano un'anzianità contributiva pari o superiore a 18 anni.-
      Il periodo di servizio militare è coperto da contribuzione figurativa, utile quindi al raggiungimento dei suddetti requisiti.-

      Elimina
    2. Grazie , come sempre molto gentile

      Elimina
    3. Ti ringrazio per i complimenti!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  17. Buonasera , vorrei chiedere una cosa , se un operaio raggiunge a 58 anni i 42 anni e 10 mesi per andare in pensione e però vuole ugualmente lavorare fino a 62 anni gli anni che fa in più aumenteranno la sua pensione oppure verrà conteggiata ugualmente fino a 42 e 10 mesi ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se l'operaio continua a lavorare anche dopo aver raggiunto i 42 anni di contributi la sua pensione aumenterà, anche se non di molto, perché la quota maturata dal 2011 in poi verrà calcolata con il sistema contributivo.-

      Elimina
  18. Egregio avvocato sono Marco non scrivo dà parecchio ma seguo sempre i suoi blog e vedo paradossalmente un clima incerto quasi ai limiti della vergogna visto che oggi stiamo al 14 novembre....A quando un quadro più chiaro? Io vivo la stessa situazione del signor Giacomo solo che al posto di 785 settimane di contributi ne ho 846, ma sempre appartenete alla deroga amato....Ammesso che questa deroga come sembra sia salvaguardata cambierà il meccanismo dell' integrazione al minimo? sarà sempre sul reddito o andrà sull' isee?? Un saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco!
      La finanziaria è già stata presentata in Parlamento ma non c'è niente che riguarda le pensioni, e sembra che verrà presentato un apposito decreto entro dicembre, quindi non possiamo fare altro che attendere, nella speranza di saperne qualcosa di più entro la fine dell'anno.-

      Elimina
    2. Ok Avvocato grazie, il caf mi ha detto che la deroga amato è sempre valida , il punto è vedere se cambierà l' integrazione al minimo e i relativi parametri. Un cordiale saluto Marco.

      Elimina
    3. Ciao Marco!
      SI!
      E' vero!
      Una legge è sempre valida, a meno che non viene modificata o abrogata da un'altra emanata successivamente.-
      Siamo quindi ancora al punto di partenza!

      Elimina
  19. Buonasera Avvocato sono Salvatore, le ho scritto varie volte e spero che sia la volta di risposte certe. Ormai è il 4 dicembre e da una simulazione dal sito inps mi dice che andrò in pensione ad agosto 2019 con 15 anni di contributi al 1992. io sono nato a luglio 52 pensa che possa cambiare la mia situazione? o la discussione è solo su quota 100? Scusi del fastidio, della ripetitività ma è molto snervante questa situazione. La ringrazio come sempre e la saluto con tanto affetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Salvatore!
      Purtroppo nessuno può darti delle certezze assolute fino a quando non andrai effettivamente in pensione, ma ti consiglio di non preoccuparti perché direi che a questo punto ci sono il 99% di probabilità che nulla cambi nel tuo caso, visto che nessuno ha sollevato ancora il problema.-

      Elimina
    2. Buongiorno avvocato sono sempre Salvatore di cui sopra, quindi quell' 1% di probabilità entro quando ancora può rimanere in bilico? Entro fine anno avrò la certezza assoluta visto che la manovra penso debba per forza diventare ufficiale? Grazie ancora avvocato delle sue consulenze Lei è veramente una persona squisita e un puto di riferimento per noi. Un saluto di vero cuore.

      Elimina
    3. Ciao Salvatore!
      La certezza assoluta ce l'avrai solo quando a suo tempo avrai presentato la domanda di pensione e ti verrà accolta dall'INPS!

      Elimina
  20. Buongiorno avvocato e buona Immacolata.
    Sono Giustino e lavoro per un caf.
    In merito alla deroga Amato mie ricerche danno per certo che non verrà toccata soprattutto leggendo un articolo della dott. Secci della legge per tutti. Come il signor Salvatore di cui sopra anche a me lo chiedono....
    Anche perché è una platea che finirà in automatico nel tempo. Spero stiano più tranquilli. A presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giustino!
      C'è un proverbio che recita "non dire gatto se non ce l'hai nel sacco", ma fondamentalmente credo che tu abbia ragione, anche se non mi fido molto degli attuali governanti.-

      Elimina
    2. Buongiorno ancora avvocato, con tutta onestà nemmeno io mi fido, anche se negli ultimi anni ce stato poco da gioire con chiunque, però in merito a questa deroga credo che per quei destinatari che si riducono sempre di più la cosa sia tranquilla perché come mi disse un esponente dell' inps la cifra non è eccessiva ma soprattutto fu fatto tanto per salvaguardarla e parliamo di persone che con tutta probabilità avranno una pensione integrata al minimo. Per loro, giustamente è importante perché è comunque una pensione di vecchiaia, reversibile ecc.... Ad ogni modo la saluto e complimenti, vedo che il suo blog è molto seguito. Un caro saluto, Giustino.

      Elimina
    3. Ciao Giustino!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Ovviamente sono perfettamente d'accordo con te!

      Elimina
  21. Salve al 31/12/92 avevo 15 anni e 4 mesi di lavoro
    Ho sempre lavorato e sono in pensione dal 1/11/2018 vecchiaia, nato 21/02/1952
    Ci sono alcuni errori nel calcolo, ma alla fine io dovrei essere nel retributivo pieno e FORSE dovevo essere in pensione dal 1/11/2017 o sbaglio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Sbagli!
      E' giusto così e comunque non ha senso porsi il problema perché non avresti comunque diritto agli arretrati!

      Elimina
    2. Non mi è chiaro il senso del "NO"
      Con 15 anni e 4 msi al 31/12/92 dovrei essere nel retributivo, ma mi hanno messo erroneamente un anno in meno e alla data risultava a loro 14 anni e 4 mesi.
      E mi hanno inserito nel sistema misto.
      Sul fatto che avrei probabilmente dovuto essere in pensione ds un anno, così mi risulta dai testi che ho letto.
      Non ho chiesto nulla circa la restituzione o arretrati.
      Quindi il NO si riferisce solo ad arretrati (non richiesti) o a cosa?
      In corso la revisione.
      Grazie per l'attenzione

      Elimina
    3. Mi pare strano che possa esserci stato un errore da parte dell'INPS perché i conteggi vengono effettuati automaticamente in base alla situazione contributiva; comunque se un errore c'è stato puoi rivolgerti al patronato che ti ha presentato la domanda di pensione per richiedere un riesame della tua pratica.-

      Elimina
    4. I conteggi li hanno fatti corretti, credo, ma con un anno in meno di contributi. Quindi al 31 12 1992 ho oltre 15 anni e dovrei passare dal misto che mi hanno attribuitoo contanto 14 anni e rotti, a 15 anni e oltre, passare al retributivo.

      Elimina
    5. Ovviamente saranno da rifare i conteggi

      Elimina
    6. Ritorniamo la punto di partenza!
      Perché manca un anno di contributi?
      Hai verificato da un estratto contributivo che non risulta un anno di contributi e quindi sai l'anno?
      Puoi eventualmente dimostrare il rapporto di lavoro per il periodo mancante con buste paga o altra documentazione equivalente?

      Elimina
    7. Manca un anno di contributi (credo poco meno di 11 mesi) per un errore di trasmissione (credo) da parte della amministrazione, ma nel contempo all'INPS avevano la documentazione sulla quale hanno fatto la ricostruzione carriera a suo tempo e la rivalutazione onerosa dei periodi tra un contratto precario e l'altro. Esattamente manca l'anno della immissione in ruolo, ed ho data precisa di inizio e di fine, ho i docuenti amministrazione e copia l'hanno all'INPS. Non ho problemi a dimostrare io tutto, ma a quanto mi risulta all'INPS si sono resi conto dell'errore e stanno correggendo, a quanto mi risulta.

      Elimina
    8. Ho qualche dubbio sul fatto che l'INPS provveda d'ufficio perché mi pare di capire che c'è un problema nel calcolo complessivo dei contributi tra INPS ed ex INPDAP, ti consiglio quindi di rivolgerti comunque a un patronato per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
    9. Diciamo che la parte che precede il ruolo statale, è abbastanza corretta,mancanoalcuni mesi ma non credo mi cambierebbero nulla (un versamento INPS per il quale ho la dichiarazione della scuola mentre all'INPS non risulta...).
      Il periodo mancante è il primo anno del lavoro statale, dalla immissione in ruolo,svolto poi senza interruzione, quindi nella stessa gestione di tutti gli altri seguenti sino alla pensione (e si tratterà di vedere se mi hanno fatto lavorare un anno in più o no, ma la cosa potrebbe cambiare poco), q. Mi risulta che all'INPS abbiano accertato l'errore e stiano correggendo. Aspetto di vedere. Le farò sapere novità, quando ci saranno.

      Elimina
    10. OK!
      Perfetto!
      Fammi sapere quando ci saranno novità!

      Elimina
  22. Buon pomeriggio avvocato sono Aldo e vivo la situazione del signor Salvatore... sono un " quindicenne " e stamattina ho letto questo : " la legge per tutti"
    Con 15 anni di contributi, come abbiamo detto, è possibile ottenere la pensione di vecchiaia, anche nel 2019, usufruendo di una delle tre deroghe Amato [1] attualmente ancora valide.

    Secondo la prima deroga Amato, nel dettaglio, è possibile pensionarsi con 15 anni di contributi se si possiedono 15 anni di contribuzione (780 settimane) accreditate prima del 31 dicembre 1992; sono utili tutti i contributi: volontari, obbligatori, figurativi, da riscatto e ricongiunzione, anche quelli versati all’estero, in Paesi europei o convenzionati con l’Italia.

    Per beneficiare della deroga è necessario essere iscritti al Fondo pensione lavoratori dipendenti o alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi dell’Inps. La deroga si applica anche agli iscritti ex Inpdap, ex Enpals, ex Ipost.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo quanto già detto a Salvatore, perché purtroppo a tutt'oggi il Governo non ha ancora presentato al Parlamento il decreto inerente le pensioni per il 2019.-

      Elimina
    2. Capisco la sua prudenza avvocato ma perché il suo dubbio qual è? Nel senso che cosa le fa pensare che questa deroga potrebbe essere messa in discussione? Dal sito la legge per tutti parlano di una possibilità certa con i 15 anni...
      Ad ogni modo speriamo bene. La saluto.

      Elimina
    3. Io veramente non ho alcun dubbio, ma mi attengo a un proverbio che recita: "non dire gatto se non ce l'hai nel sacco", quindi la mia è solo prudenza!

      Elimina
    4. Ah ok signor Gianfranco così mi sento più tranquillo... ma ad ogni modo è una situazione che sta andando oltre ogni limite e credo che però se stiamo così rovinati è anche frutto dei governi precedenti. Detto questo auguro a voi e a tutti i cosiddetti " quindicenni dubbiosi " un buon natale e un 2019 sereno. Saluti da Aldo e famiglia

      Elimina
    5. Buon Natale anche e te e a tutti i visitatori e le visitatrici del blog!

      Elimina
  23. Buona sera Avv.to Censori,
    nel tentativo di capire e districarmi in questo ginepraio previdenziale, sono arrivato al Suo sito. Mi permetto di sottoporLe il mio quesito: mia mamma ha versato per 20 anni i contributi (negli anni 70 come dipendente e successivamente come contributi volontari). E' nata nel 1948 e da qualche anno percepisce la pensione per aver raggiunto i limiti previsti. Il problema è che la pensione percepita è di 100€ (una miseria rispetto ai contributi e agli sforzi fatti per pagarli) perchè dicono che fa cumulo con quella di mio padre. Ma dove sta scritto che uno che versa i contributi non debba percepire la pensione che è maturata. Non che ci si aspettino cifre mirabolanti ma nemmeno questo "schiaffo" pensando a chi di contributi non ne ha mai versati. La ringrazio se potrà darmi qualche indicazione e con l'occasione Le auguro buone feste. M Lettieri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Presumo che la pensione di tua madre è già rapportata ai contributi versati, e non viene integrata al minimo perché fa cumulo con la pensione di tuo padre.-
      Potete rivolgervi a un patronato per verificare se c'è stato un qualche errore, ma senza farsi troppe illusioni.-

      Elimina
  24. Signor Censori buongiorno, alla luce della manovra come avverrà l' integrazione al minimo della pensione? leggo che passa da 507 a 513 euro quindi l' ulteriore integrazione a 780 sarà a parte? Nell' occasione le auguro anche un meraviglioso 2019 e grazie per tutto ciò che fa per noi del blog, le sue informazioni sono un tesoro puro. Con affetto Attilio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Attilio!
      Al momento si sa solo che con la finanziaria è previsto un certo stanziamento di fondi, ma una legge specifica ancora non c'è, quindi dobbiamo attendere ancora, e forse nel mese di gennaio ne sapremo qualcosa di più.-

      Elimina
  25. Buonasera avvocato io sono Mario ci siamo sentiti giorni fa, ioe chiedo semplicemente se la deroga amato è salva, il resto ce lo siamo detti in precedenza..... Buon anno a Lei e tutta la sua famiglia e a tutti i militanti del blog. Mario.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mario!
      Al momento si sa solo che con la finanziaria è previsto un certo stanziamento di fondi, ma una legge specifica sulle nuove pensioni ancora non c'è, quindi dobbiamo attendere ancora, e forse nel mese di gennaio ne sapremo qualcosa di più.-

      Elimina
  26. Buongiorno avvocato e buon anno, sono il primo rompiscatole del 2019, santo Lei. Avvocato io le ho scritto molti mesi fa sono Aldo e sono anche io un cosiddetto " quindicenne "...Mio figlio mi ha fatto vedere un po' come si fa ul sito dell'Inps anche se io non ci capisco un tubo. Dalla voce la mia pensione con 785 settimane di contributi mi da un importo di 391 con data pensionamento 1/8/ 2019...che iter devo seguire? Un cordiale saluto e auguri ancora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Aldo!
      Ti consiglio di rivolgerti a un patronato per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
    2. In che senso? Starei già nei tempi giusti per rivolgermi?grazie ancora, Aldo.

      Elimina
    3. Ciao Aldo!
      Ti consiglio di rivolgerti a un patronato per una verifica della tua situazione contributiva perché bastano 15 anni di contributi se sono tutti antecedenti al 1992.-
      La domanda di pensione va presentata all'INPS circa 3 mesi prima della decorrenza.-

      Elimina
    4. Ok grazie avvocato seguirò il suo consiglio. Un caro saluto Aldo

      Elimina
    5. Ciao Aldo!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  27. Avvocato buonasera sono Aldo, in pratica l' ultimo rompiscatole ahahah... ho seguito il suo consiglio e la signora del patronato mi ha confermato che andrò in pensione il primo agosto con la prima deroga amato, in quanto resta tutto come prima a prescindere da quota 100 che sarà, come ha detto la signora Giulia del patronato un'opzione in più per chi ne avrà i requisiti. Mi ha detto di recarmi a maggio e mi dirà i documenti da presentare per integrazione e maggiorazione. Grazie del consiglio e volevo un suo parere sull' iter che mi è stato presentato. La saluto e grazie di tutto, Aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caio Aldo!
      Tutto OK!
      E' corretto avviare la procedura circa 3 mesi della decorrenza della pensione, perché mediamente sono i tempi tecnici dell'INPS per evadere una pratica di pensione.-

      Elimina
  28. Grazie mille avvocato, le confesso che mi sento più rilassato anche perché nonostante le rassicurazioni temevo qualche brutto sorpresa sulla deroga Amato che da come ha detto la signora Giulia non è mai stata messa in discussione perché si annullerà nel tempo da sola per esaurimento destinatari. A lei avvocato invece posso solo ringraziarvi e farvi i complimenti per come ci aiuta e ci supporta, gratis tra l' altro ahahah, scherzi a parte grazie, grazie e grazie di tutto, Aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Aldo!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  29. Buongiorno avvocato e buon anno,sono Cnstantino nato 3gennaio 1953in Romania.ho lavorato 26 ani-4messi-14 giorni in Romania e 9 anni e 19 giorni in Italia con contributi,quando posso fare domanda per andare in pensione da Italia? Cordialissimi saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essendo nato a gennaio del 1953, potrai andare in pensione di vecchiaia al raggiungimento del 67 anni d'età, quindi a febbraio del 2020.-

      Elimina
    2. Grazie , come sempre molto gentile

      Elimina
    3. Ti ringrazio per i complimenti!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  30. Buon pomeriggio egregio avvocato,l' ultima volta che le ho scritto ci dovevamo aggiornare dopo l' ufficialità del decreto..sono Nunzio con 912 settimane di versamenti al 1992, è tutto come prima per me? io sono nato il 27 settembre del 1952...vi saluto

    RispondiElimina
  31. Buonasera Dr Censori.
    Quant'è il minimo contributivo utile a percepire una pensione di lavoro?
    Ad esempio se un soggetto inizia a lavorare all età di 60 anni ha possibilità di usufruire della pensione e con quale minimo di anni di lavoro? Oppure i contributi saranno versati invano?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luca!
      La pensione di vecchiaia contributiva riguarda lavoratori che quando raggiungono l’età pensionabile (anno 2017 = 66 anni e 7 mesi per lavoratori dipendenti del privato) non hanno perfezionato i requisiti contributivi (20 anni di contributi versati, e un assegno pari ad almeno 1,5 volte il minimo). Se hanno 5 anni di contributivi versati, nel 2017 accedono comunque a una pensione di vecchiaia con 70 anni e 7 mesi di età.-

      Elimina
    2. E nel caso dovesse smettere di lavorare prima di raggiungere i 70 anni prenderebbe la reversibilità del marito?
      Grazie della risposta.

      Elimina
    3. Ciao Luca!
      La pensione di reversibilità del coniuge spetta comunque, quindi a prescindere dalla propria situazione contributiva.-

      Elimina
    4. Grazie dr Censori.
      Sempre gentile.

      Elimina
    5. Ciao Luca!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  32. Buongiorno Sig. Censori,
    sono nata l'11\05\1955 a Maggio dunque compirò 64 anni di età, ed ho attualmente quasi 2100 settimane di contributi svolti nella scuola come impiegata segreteria.
    Quando potrò andare in pensione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se passa alle Camere "quota 100", potrai andare in pensione anche a settembre del 2019.-

      Elimina
  33. Salve avvocato, ho letto il quesito del signor Nunzio sopra...se ho capito bene la deroga amato è percorribile come prima? non è stata toccata? Mi interessa per mio zio, grazie in anticipo, Luigi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luigi!
      Confermo!
      La deroga Amato è percorribile come prima!

      Elimina
  34. Buongiorno avvocato...le chiedo cortesemente ,per aderire ad Ape Sociale disoccupati..ho 65 anni e 4 mesi,ho raggiunto oltre 30 di contributi di cui i figurativi sono: militare/ 3 anni di mobilità e.. 6 mesi di disoccupazione scaduto il 20 /01/2019.Posso andare al CAAF e fare richiesta ? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      L'Ape Social è stata confermata anche dal nuovo Governo, quindi puoi presentarti a un Patronato per presentare la relativa domanda all'INPS.-

      Elimina
  35. Avvocato buongiorno e buona domenica...Io seguo tutti i suoi blog, tutti e vorrei trovare una conferma ad un mio dubbio...Questa deroga amato che permette il pensionamento con 15 anni di contributi al 1992, al di là che può essere integrata al minimo, ma è a tutti gli effetti una pensione di vecchiaia? Nel senso che sarà un giorno anche reversibile eventualmente? cioè gode di tutto ciò che fa parte di una pensione di vecchiaia? Forse sono stato ripetitivo e banale ma mi scuso e la saluto con affetto. Giovanni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giovanni!
      SI!
      Confermo!
      Con 15 anni di contributi versati al 31/12/1992 si ha diritto alla "normale" pensione di vecchiaia, che potrà eventualmente essere anche reversibile.-

      Elimina
  36. Buon pomeriggio dottore sono Fausto e sono nato nel dicembre del 1952..
    La mia vita lavorativa non è stata delle migliori e mi ritrovo 794 settimane di contributi fino al 1990..
    poi ho due anni dal 2000 al 2002...totale quasi 18 anni...
    Ho diritto a qualcosa con questi versamenti o sono buttati?
    Grazie un saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai effettivamente versato almeno 780 settimane di contributi al 31/12/1992, potrai andare in pensione di vecchiaia al compimento dei 67 anni d'età, cioè a gennaio 2020.-

      Elimina
  37. Buongiorno
    nata ad aprile 52 andrò i pensione di vecchiaia il 31 agosto 2019 (ovviamente noi docenti di scuola pubblica non possiamo abbandonare a metà anno) de era il mio obiettivo per andare in pensione con un mensile netto il più alto possibile.
    Ora ho tre domande:
    1) il provveditorato, dopo la mia richiesta di pensione di vecchiaia all'INPS) mi ha inviato la proposta di richeista di riscatto cui dovrei rispondere molto velocemente. Mi sono rivolta a dun patronato per capire se mi conveniva riscattare gli anni di laurea ed altri periodi di supplenze che chissà come mai risultano senza contributi.
    Quello che ho capito è che tutto sommato mi conviene per un paio di motivi ovvero per raggiungere i 18 anni al 96 per rientrare nel retributivo e le chiedo se è vero che il riscatto degli anni (70-75 di laurea) contribuiscono al raggiungimento dei 18 anni.
    2) la situaine contributiva che ho scaricato dal sito INPS nn mi convince in quanto mancano parecchi periodi e le tabelle sono confuse efanno riferimento ad una fantomatica nota 18. Le risulta qualcosa del genere? Come e dove posso cercare di capire perché l'amministrazione delle varie scuole a volte non ha versato i contributi oppur ese lo ha fatto ma non risultano all'INPS? E quali documenti potrei portare (in mio possesso) oppur se è obbligo dell'inps o delle scuole provvedere?
    3) Esiste sempre la buonuscita? Dicono che una parte la avrò subito ( termine generico quanto e quando?) e altra metà dopo uno o due anni? A lei cosa risulta? Come si calcola grossomodo?

    Grazie per la risposta ma sono settimane che mi tormento poiché non ci capisco nulla di problemi amministrativi/pensionistici/riscatto ecc..senza arrivare a risposte soddisfacenti. Mi piacerebbe programmarmi al vita sapendo quanto prenderò dopo il 31 agosto 2019 e quando mi arriverà il primo assegno pensionistico (spero sempre accreditato in banca):)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per la serie "a ognuno il suo mestiere", non credo che riuscirai a trovare in rete delle risposte soddisfacenti alle tue domande, perché le questioni sono diverse e piuttosto complesse, quindi nel tuo caso bisogna assolutamente rivolgersi a persone competenti in materia, cioè devi rivolgerti a un patronato per farti seguire per tutto l'iter burocratico necessario.-

      Elimina
  38. Buonasera Sig. Censori, complimenti per le sue risposte.
    Sono Carla nata il 16/06/1952, alla data del 31/10/1999 avevo 28 anni di contributi e non ho più lavorato. E' vero che potevo già andare in pensione a febbraio del 2017? Se non sarebbe cosi quando andrei? Grazie per la risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carla!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Essendo nata a giugno del 1952, con 28 anni di contributi versati, potrai andare in pensione di vecchiaia al raggiungimento dei 67 anni d'età, quindi a luglio 2019.-

      Elimina
  39. Dott. Censori mi dia una sua opinione su quello che mi è capitato , 31 gennaio 2018 faccio domanda di pensione come operaio precoce con familiare invalido al 100% (in questo caso mia madre) e con 41 anni di contributi , mia madre al 11 aprile viene a mancare , il giorno dopo vado al patronato Acli per dire del decesso e avvisare l'Inps , al 5 giugno l'Inps mi manda una lettera dove dice che non è accolta la domanda di pensione perché non assistevo mia madre da almeno 6 mesi , però io assistevo mia madre da quasi 4 anni con la 104 attivata , al 23 dicembre mi arriva altra lettera dal Inps dove mi dicono che posso accedere alla pensione anticipata con decorrenza 1 luglio sempre del 2018 , vado di nuovo alle Acli e chiedo spiegazioni , secondo il responsabile è un errore del Inps e mi consiglia di non fare domanda di pensione perchè se è un errore e dopo qualche mese fanno una revisione vado a rischi che mi tolgono la pensione e essere senza lavoro . Lei cosa pensa di questa situazione ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che purtroppo aveva ragione il patronato, nel senso che la seconda lettera dell'INPS ti è stata inviata per errore, perché non avevi più i requisiti per la pensione anticipata e correvi effettivamente il rischio di una successiva revoca della stessa.-

      Elimina
  40. Dottore buonasera sono Attilio ho avuto un piccolo intervento e ora sto guardando di nuovo il blog Volevo sapere se la deroga amato per il 2019 era stata salvaguardata. La ringrazio e la saluto con affetto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Attilio!
      SI!
      Confermo!
      La deroga Amato non è stata messa in discussione dalla nuova normativa!

      Elimina
  41. Buona sera dottore sono angelo e volevo domandare. Io ho lavorato in germania dal 1973 al1977 e dal 1980 ad oggi che ancora lavoro se mi spetta la pensione retributiva o contributiva. La mia eta e 65 anni.grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angelo!
      Sistema Misto o Pro Rata:
      Si applica ai lavoratori o alle lavoratrici che al 31/12/1995 avevano un'anzianità contributiva inferiore a 18 anni.-Il sistema misto rimane ancorato alle regole del sistema retributivo fatto salvo le modalità di calcolo della pensione che sono in pro rata.-
      Ovvero con il sistema retributivo per i contributi versati entro il 31 dicembre 1995 e con il sistema contributivo per il resto dei contributi.-
      La legge offre la possibilità a coloro che sono stati assunti prima del 31 dicembre 1995 di scegliere la pensione calcolata esclusivamente con il sistema contributivo a condizione che abbiano una contribuzione pari o superiore a 15 anni di cui almeno 5 versati nel sistema contributivo (e cioè successivi al dicembre 1995). Non possono esercitare l'opzione coloro che al 31 dicembre 1995 avevano già raggiunto i 18 anni di contributi.-

      Elimina
  42. Sono nato il 2 ottobre 2951 raggiungo 16 anni di contribuzione sommando 4 anniversari in Portogallo alla data di oggi non mi r stata ancora notificata messi a risposta la mia domanda di pensione e stata presentata da un caf cgl ad ogni mia richiesta sollecito mi viene risposto ancora non abbiamo siamo avuto risposta dal Portogallo io sono stato in Portogallo ed ho allegato alla mia richiesta un estratto dei miei anni versati in Portogallo documento rilasciato dalla casa de pensao portogese cosa posso fare per accedere a quel poco che mi aspetta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per poterti liquidare la pensione l'INPS ha bisogno della conferma da parte dell'Ente previdenziale del Portogallo, quindi si può solo far sollecitare dal patronato l'evasione della pratica ad entrambi gli enti previdenziali.-

      Elimina
  43. Avvocato buongiorno io dal sito inps ho visto che la mia pensione di vecchiaia decorre dal 1/8/2019....sto già nei tempi per andare al caf e fare domanda? sono Salvatore nato 1/7/1952, e mi pensionerò con la prima deroga amato... un cordiale saluto, grazie in anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      La domanda di pensione andrebbe presentata all'INPS circa 3 mesi prima della decorrenza, in quanto sono i tempi medi di evasione della pratica da parte dell'INPS stessa.-

      Elimina
  44. Avvocato buon pomeriggio sono ancora Salvatore di cui sopra....nato il primo luglio 52...785 settimane contributi al 1992... sono andato ieri al caf per domanda di pensione mi ha detto che è presto la respingono devo andare a giugno....è sfaticatezza o è cambiato qualcosa? Lei mi disse che da tre mesi prima si poteva fare...è una curiosità.
    Un saluto buon pomeriggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Salvatore!
      Di solito ci si può rivolgere anche prima a un patronato, nel senso che il patronato prepara per tempo la domanda di pensione per trasmetterla telematicamente all'INPS il primo giorno utile, ma evidentemente ognuno ha i suoi metodi di lavoro, e comunque la sostanza non cambia.-

      Elimina
  45. Buongiorno, ho fatto richiesta all'ACLI dell'Ecocert internazionale, in quanto ho lavorato 11 anni in Brasile. Saprebbe dire quanto tempo ci mette per arrivare questo documento? L'Acli ha già fatto la domanda all'INPS italiano un mese fa. Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo devi avere pazienza perché per questo tipo di pratiche bisogna mettere i preventivo almeno un periodo di 5/6 mesi.-

      Elimina
  46. Buon pomeriggio avvocato sono Salvatore, le ho scritto tante volte.
    Il 4/6 ho fatto tramite caf ovviamente, domanda di pensione vecchiaia con 785 settimane al 1992...la pensione decorre dal 1/8 in quanto compio 67 anni il primo luglio....Le chiedevo ma i redditi con voce b fanno parte del red? quando avrò l' esito? se andrà oltre il 1/8 avrò gli arretrati? Un cordiale saluto e ringraziamento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Salvatore!
      - SI! La quota di integrazione della pensione faranno parte del RED.-
      - SI! Se la pensione ti verrà liquidata in data successiva al 1° agosto ti verranno corrisposti gli arretrati.-

      Elimina
  47. Carissimo avv. Gianfranco, ho un dubbio che espongo e sono certo mi darai risposta esaudiente come è tuo solito.
    Una casalinga sessantenne rileva una attività commerciale ed inizia questa professione con apertura partita Iva ed iscrizione alla camera di commercio.
    Conta di fare questa nuova attività finché dura ma avendo un'età un po' avanzata non sa se i versamenti all'INPS, obbligatori, saranno ricompensati da un assegno pensionistico.
    Credo che con le normative oggi in vigore occorrono minimo 20 anni per la pensione oppure 70 anni di età con un minimo di 5 anni lavorativi.
    Chiedo, essendo il soggetto donna, se ci sono dei particolari vantaggi ad usufruire di sconti sugli anni di lavoro o norme particolari in aggiunta a quelle su menzionate se corrispondono al vero.
    Un caro saluto ed in attesa di risposta auguro buon proseguimento di giornata.
    Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luca!
      La pensione di vecchiaia ha anche un’opzione contributiva riservata, come si può facilmente intuire dal nome, solamente a coloro che avendo iniziato a lavorare dopo il 1° gennaio 1996 hanno la pensione calcolata interamente con il sistema contributivo.
      La pensione di vecchiaia contributiva permette di andare in pensione con soli 5 anni di contributi: per farlo, però, bisogna aver compiuto i 71 anni di età (il requisito anagrafico è stato aumentato di 5 mesi dal 1° gennaio scorso per effetto dell’adeguamento con le aspettative di vita).
      Questa, quindi, è la misura con la quale si va in pensione più tardi: tuttavia rappresenta comunque una buona soluzione per coloro che hanno lavorato solamente per pochi anni e non hanno possibilità di accedere alle altre opzioni previdenziali. Bisogna ricordare, infatti, che per la tradizionale pensione di vecchiaia sono necessari 20 anni di contributi.-

      Elimina
  48. Buon pomeriggio avvocato sono Salvatore ho fatto domanda di pensione di vecchiaia come " quindicenne" il 4/6/2019...il primo luglio ho compiuto 67 anni...la decorrenza porta il primo agosto ma la domanda risulta ancora in elaborazione? Slitterà la mia prima pensione? o posso fare qualcosa per sollecitare? un cordiale saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Salvatore!
      Di solito l'INPS provvede ad evadere un pratica di pensione nel giro di 90 gironi dalla data di presentazione della domanda, ed ovviamente corrisponde anche gli arretrati se la pratica viene evasa dopo la decorrenza.-

      Elimina
  49. Buongiorno avvocato sono Salvatore di cui sopra.... sul sito inps mi compare domanda accolta e nei dettagli non mi da l' importo ma dice calcolo nuova liquidazione passante....che vuol dire? la decorrenza è il primo agosto ce la faranno a darmi la mia prima pensione?? grazie la saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Salvatore!
      Purtroppo devi avere pazienza, nel senso che la tua pratica è ancora in fase di lavorazione, quindi la pensione ti verrà liquidata forse a settembre ma più probabilmente ad ottobre.-

      Elimina
  50. Avvocato buon pomeriggio, io invece sono Aldo e mi hanno comunicato che la domanda è accolta con cedolino di euro 513....io ho 67 anni e reddito zero non avevo diritto a maggiorazione sociale? ha sbagliato il caf è devo fare domanda in secondo momento? Grazie infinitamente la saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Aldo!
      SI!
      Se rientri nei limiti di reddito personale e coniugale hai diritto anche alla maggiorazione sociale, quindi se il patronato non aveva inserito i dati nella domanda di pensione potrai presentare un'apposita domanda in un secondo momento.-

      Elimina
  51. Signor Censori buon pomeriggio sono Lucio. Ho maturato i requisiti per la pensione il 1 luglio a 67 anni e il mio primo cedolino ha valuta 7 agosto... come mai? E ancora le chiedo: trattandosi di una minima di vecchiaia avrei anche diritto alla 14esima??? Se si si fa domanda a parte o avviene in automatico? O se ne parla a luglio prossimo? La ringrazio in anticipo. Saluti e buone ferie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucio!
      - La decorrenza della pensione è sempre dal mese successivo a quello del raggiungimento dei requisiti.-
      - La quota di quattordicesima maturata, per chi va in pensione dopo il mese di giugno viene corrisposta a dicembre in automatico.-

      Elimina
    2. Buongiorno e buona domenica avvocato. Sono Lucio di cui sopra....quindi in automatico a dicembre prenderò 13 e 14 esima????? Un cordiale saluto e grazie di tutto.

      Elimina
  52. Avvocato buon pomeriggio sono diego. il mio papà dal 1 agosto percepisce la pensione di vecchiaia integrata al minimo e con maggiorazione sociale. deve fare il red entro febbraio o il 730 a giugno? Quali sono i suoi adempimenti? il caf non è stato chiaro.....grazie e le auguro buon proseguimento di estate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Diego!
      Tranquillo!
      Se tuo padre l'anno prossimo presenterà il 730 non saranno necessari altri adempimenti, altrimenti dovrà presentare il RED, ma solo a seguito di richiesta dell'INPS.-

      Elimina
  53. Avvocato buon pomeriggio ho fatto domanda per maggiorazione sociale, che vuol dire domanda trasferita ad altra sede? perché? Sono Matteo, la ringrazio e la saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Matteo!
      Domanda trasferita ad altra sede significa che la tua pratica viene girata da una sede INPS a un'altra, presumo perché tu hai cambiato città di residenza di recente.-

      Elimina
  54. Avvocato sono Matteo di cui sopra, non ho cambiato residenza perciò mi sembra strano... vabbè ci saranno altri motivi. Grazie mille un cordiale saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Matteo!
      Di solito è questa la dicitura adottata dall'INPS quando si è cambiata la provincia di residenza, quindi nel tuo caso ti consiglio di presentarti direttamente alla sede INPS di zona per verificare cos'è effettivamente successo, evitando consultazioni telefoniche che probabilmente non ti porterebbero da nessuna parte.-

      Elimina
  55. Avvocato buon pomeriggio sono Eugenio...ho preso la mia prima pensione di vecchiaia il primo agosto....pari a 880...mio unico reddito oltre alla casa di abitazione. Mi toccherà anche la 14esima? Se si devo farlo domanda? La saluto e la ringrazio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Eugenio!
      La quattordicesima spetta ai pensionati che hanno compiuto i 64 anni d’età ed hanno un reddito personale annuale inferiore a 13.049,14 euro, e di solito l'INPS la eroga d'ufficio.-

      Elimina
  56. Egregio avvocato sono Marco e vivo la stessa situazione del papà di Diego sopra.... sono pensionato da luglio con integrazione al minimo e maggiorazione sociale per un totale di 545.... ma esattamente a gennaio ci daranno comunque questa pensione? O mi daranno solo i 387 al calcolo? Per poi rifare la ricostituzione reddituale? Spero di aver reso l' idea... la saluto cordialmente e la ringrazio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      A gennaio ti daranno comunque questa pensione, e ti richiederanno eventualmente nel corso dell'anno prossimo il RED con il quale dovrai confermare la mancanza di altri redditi.-

      Elimina
    2. Salve signor Censori grazie della risposta esaustiva ma come ce lo chiederanno il red? Ci chiameranno? La saluto Marco.

      Elimina
    3. Ciao Marco!
      Se l'INPS avrà bisogno di conoscere la tua situazione reddituale ti farà un'apposita richiesta scritta.-

      Elimina
  57. Gentile sig Censori,
    le riscrivo per dire come vanno le cose, anche a seguito di mia vecchia mail.
    A novembre 2018 vado in pensione dal Conservatorio di Genova,
    INPS di Genova mi calcola la pensione che ricevo subito, ma dai documenti noto che si sono dimenticati un intero anno di servizio che però viene indicato nel prospetto della pensione.
    Io mi trovo al momento con sistema Misto, conseguenza dell'anno mancante, mentre con l'anno dimenticato sarei nel sistema retributivo.
    Segnalo la cosa al Conservatorio che contatta INPS Genova e visto il banale errore, per vie brevi rispondono che metteranno tutto a posto in breve. L'errore viene corretto, mi si dice dal Conservatorio, in cinque giorni...
    Risposta indiretta INPS (tramite conservatorio) sarebbe tutto regolare entro marzo-aprile.
    Arrivato a fine aprime senza risposte contatto via mail INPS di genova e una funzionaria mi risponde che la pratica sarebbe stata evasa nelle prossime settimane e tutto sarebbe risolto entro mese settembre.
    Arriva settembre e nulla di fatto
    Contatto la funzionaria INPS di Genova via mail, un paio di volte e oggi mi arriva risposta
    "Buongiorno Prof. (cognome), per la riliquidazione della sua pratica la invitiamo a rivolgersi alla sede di Alessandria, in quanto Lei risiede ad Ovada.
    Cordialmente "
    Sono tra l'allibito, l'incavolato e lo sconcertato.
    Cosa posso fare?
    brubert

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo in questi casi da soli non è facile venirne a capo, quindi se la tua pratica è stata seguita da un patronato ti consiglio di rivolgerti allo stesso, altrimenti ti consiglio di presentarti direttamente alla sede INPS della tua zona di residenza, perché i solleciti telefonici o via mail lasciano spesso il tempo che trovano.-

      Elimina
  58. Dal Patronato mi dicono che non si tratta di ricostruzione ma di correzione di errore fatta da Genova, che la mia pensione è stata calcolata da Genova ed ancora oggi sono a carico di Genova, quindi dovrebbe essere Genova che corregge l'errore di Genova. Lunedì o martedì provo a prendere appuntamento direi con Genova e vediamo il da farsi, poi lascio al patronato o all'avvocato. Certo che un errore cretino, un errore di somma, diventa un caso da manuale delle giovani marmotte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo oggi che quasi tutte le domande vengono trasmesse per via telematica, se tutto fila liscio all'INPS sono puntuali ed efficienti, ma se è necessario un intervento manuale di un impiegato allora i tempi diventano "biblici".-
      L'unica soluzione in questi casi è quindi quella di recarsi personalmente alla sede INPS di competenza e farsi rilasciare il nome della persona con cui si interloquisce, mettendo in conto l'eventualità di successivi solleciti magari telefonici.-

      Elimina
  59. Avvocato sono Mirko....
    Percepisco una pensione di vecchiaia con decorrenza 1/8/2019...ho fatto domanda di maggiorazione sociale e integrazione al milione e mi arriva il nuovo prospetto di 613 euro.... perché come arretrati considerano solo settembre? Il 100 euro di agosto come devo recuperarlo? Perché agosto e settembre ho preso 513 euro di pensione. Grazie un abbraccio e cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mirko!
      Per gli arretrati di solito l'INPS fa un pagamento a parte dopo 2 o 3 mesi.-

      Elimina
  60. Avvocato buonasera sono Salvatore ho 67 anni e da agosto percepisco una pensione di vecchiaia integrata e maggiorata al milione con 15 anni di contributi al 92 di 613 euro per il calcolo dei redditi. Mia moglie ha 62 anni e caf mi ha detto posso fare domanda di assegno sociale anticipato per lei ma sempre io sarei il titolare perché lei non ha l'età... ma le risulta sta cosa? Mi ha detto anche che un domani poi il cumulo sarà reversibile per lei! La ringrazio e la saluto cordialmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Salvatore!
      Purtroppo a me non risulta niente del genere, nel senso che la normativa attuale prevede che tua moglie avrà diritto all'assegno sociale solo quando anche lei avrà raggiunto i 67 anni d'età.-

      Elimina
  61. Buongiorno sono Riccardo, ho inoltrato l'anno scorso richiesta di maggiorazione sociale per il compimento del 70esimo anno di età.
    Stessa cosa ho fatto quest'anno per mia moglie che ha compiuto anche lei 70.
    Siamo titolari di pensione sociale tutti e due. Come mai non vengono evase? ho fatto diversi solleciti. Cosa ne pensa?
    grazie, mi scusi. La seguo sempre. Grazie mille. Riccardo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Riccardo!
      Purtroppo in pratica solo uno dei coniugi ha diritto alla maggiorazione sociale perché insieme superate il limite di reddito personale o coniugale.-

      Elimina
  62. Avvocato buon pomeriggio sono Vincenzo.....ho 67 anni e percepisco da agosto una pensione di vecchiaia integrata e maggiorata di 618 euro mensili....il caf mi ha fatto fare anche domanda di assegno sociale, ha detto che posso prenderle entrambe in misura del reddito...mia moglie è casalinga e ha 64 anni...Le risulta questa cosa? sono compatibili pensione vecchiaia e assegno sociale? La ringrazio e la saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vincenzo!
      Purtroppo NO!
      L'assegno sociale spetta attualmente a 67 anni d'età a chi non dispone ne di altri redditi ne di altre pensioni, quindi non spetta a chi percepisce la pensione di vecchiaia.-

      Elimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.