domenica 9 febbraio 2014

Pensioni di Invalidità

Le Pensioni di Invalidità possono essere riassunte nei 6 punti seguenti:


1) ASSEGNO MENSILE DI ASSISTENZA Anno 2014:


L'assegno mensile spetta ai mutilati e invalidi civili di età compresa tra i diciotto e i sessantacinque anni, nei cui confronti, in sede di visita medica presso la competente commissione sanitaria, sia stata riconosciuta una riduzione della capacità lavorativa in misura non inferiore al 74% (invalidi parziali), che siano incollocati al lavoro, si trovino in stato di bisogno economico, siano cittadini italiani e abbiano la residenza in Italia.

  • Età compresa fra i 18 e i 65 anni di età;
  • Essere cittadino o UE residente in Italia, o essere cittadino extracomunitario in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;
  • Avere il riconoscimento di un'invalidità dal 74% al 99%;
  • Disporre di un reddito personale che rientri nei limiti
  • Non svolgere attività lavorativa;
  • Importo anno 2014 = euro 279,19 per 13 mensilità; Limite di reddito euro 4.795,97.-
  • Con un'invalidità al 100% il limite di reddito sale a 16.449,85 euro.-

L'assegno è incompatibile con l'erogazione di altre pensioni di invalidità erogate da altri organismi (es. INPS, INPDAP ecc.) . È inoltre incompatibile con pensioni di invalidità di guerra, lavoro e servizio. Al compimento dei 65 anni di età, la pensione viene trasformata automaticamente in assegno sociale, con i limiti di reddito dell'invalidità civile, e l'importo aumenta per diventare quello dell'assegno sociale.-


2) ASSEGNO ORDINARIO DI INVALIDITÀ Anno 2014: 

x Invalidità parziale


È una prestazione previdenziale che spetta ai lavoratori dipendenti e autonomi affetti da un'infermità fisica o mentale.
Si può ottenere quando si verificano le seguenti condizioni:
  • l'infermità fisica o mentale, accertata dal medico dell'INPS, che provochi una riduzione permanente di due terzi della capacità di lavoro, in occupazioni confacenti alle attitudini del lavoratore.
  • un'anzianità contributiva di almeno cinque anni, di cui almeno tre versati nei cinque anni precedenti la domanda di pensione.
  • l'assegno ordinario di invalidità non è cumulabile con la rendita INAIL concessa per lo stesso evento invalidante.
L'assegno ordinario di invalidità non è una pensione definitiva; vale infatti fino ad un massimo di tre anni ed è rinnovabile su domanda del beneficiario che viene quindi sottoposto ad una nuova visita medico-legale.

Dopo due conferme consecutive l'assegno diventa definitivo.

L'assegno ordinario di invalidità viene concesso anche se si continua a lavorare. In questo caso il titolare può essere sottoposto ogni anno a visita medico-legale.

In caso di attività lavorativa l'assegno è soggetto alla trattenuta da lavoro dipendente o autonomo ed, in caso di superamento del reddito di 4 o 5 volte l'importo del trattamento minimo dell'INPS, ad una decurtazione rispettivamente pari al 25% e 50%.-

Non è reversibile ai superstiti aventi diritto.-
Al compimento dell'età pensionabile l'assegno viene trasformato d'ufficio in pensione di vecchiaia.-


3) PENSIONE DI INABILITÀ Anno 2014: 

x Invalidità totale

È una pensione che spetta ai lavoratori dipendenti o autonomi affetti da un'infermità fisica o mentale.
Si può ottenere quando si verificano le seguenti condizioni:
  • un'infermità fisica o mentale, accertata dal medico dell'INPS
  • che provochi una assoluta e permanente impossibilità a svolgere qualsiasi attività lavorativa
  • un'anzianità contributiva di almeno cinque anni, di cui tre versati nei cinque anni precedenti la domanda di pensione.
Per ottenere la pensione di inabilità non si deve svolgere alcuna attività lavorativa. La pensione di inabilità non è definitiva, può essere soggetta a revisione. Non viene trasformata in pensione di vecchiaia, ma in assegno sociale. È reversibile ai superstiti aventi diritto.

La pensione di inabilità non è cumulabile con la rendita INAIL concessa per lo stesso evento invalidante.

Dal 2012 c'è un vantaggio per le donne nel calcolo della pensione di inabilità INPS, alle quali la legge riconosce una maggiorazione convenzionale per tutti gli anni non versati dalla data di decorrenza della pensione al compimento dei 60 anni di età, entro il limite massimo di 40 anni di contributi.

Se il calcolo fosse fatto secondo il vecchio sistema retributivo il bonus si fermerebbe a 60 anni per gli uomini e a 55 anni per le donne. Con la riforma Fornero tutti a 60 anni: le donne recuperano cinque anni. Supponiamo che il lavoratore o la lavoratrice diventano inabili a 50 anni con 28 anni di contributi. Ebbene, le loro pensioni saranno calcolate con 38 anni di contributi. Supponiamo che a 50 anni abbiano già versato 32 anni di contributi. In questo caso il bonus scende a soli 8 anni in quanto non si possono superare i 40 anni nel complesso. La misura del bonus viene calcolata dall'INPS sulla media delle retribuzioni degli ultimi cinque anni, rivalutate secondo gli indici di variazione del PIL. Alla retribuzione media settimanale si applica l'aliquota del 33% (se si tratta di lavoratori dipendenti), o la diversa aliquota prevista per artigiani e commercianti. Poi si moltiplica la contribuzione media per numero delle settimane che stanno tra la data di decorrenza della pensione e i 60 anni di età, fino al limite massimo dello 2.080 settimane. In questo modo si determina la maggiorazione convenzionale contributiva, per cui la pensione viene rivalutata al massimo dell'anzianità. Sul montante contributivo, comprensivo bonus, si applica il relativo coefficiente e si ottiene la pensione.-


4) INDENNITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO Anno 2014:


Si ha diritto all'indennità di accompagnamento se:
  • Non si è in condizione di muoversi senza l'aiuto di un accompagnatore
  • Non si è in condizione di far fronte agli atti quotidiani della vita; mettersi a letto, alzarsi, lavarsi, vestirsi, mangiare ecc.
  • Non si è ricoverato gratuitamente in istituto

Anno 2014: l'importo mensile è di euro 504,07 corrisposto per 12 mensilità, senza limiti di reddito.-


5) LA PENSIONE ANTICIPATA DI VECCHIAIA Anno 2014:


Il Decreto Legislativo 30 dicembre 1992, n. 503 (articolo 1, comma 8) prevede la possibilità per i lavoratori, iscritti all'assicurazione generale obbligatoria, con invalidità non inferiore all’80%, di anticipare l’età pensionabile (pensione di vecchiaia) a 55 anni per le donne e a 60 per gli uomini.

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 13495/2003, ha ribadito che tale opportunità spetta con una invalidità pari o superiore all'80%, comprese le persone con sordità prelinguale, statuendo inoltre che l’invalidità da considerare è quella civile come definita dal Decreto del Ministero della Sanità 5 febbraio 1992.
Diverso il trattamento per i lavoratori non vedenti. Nel loro caso è ancora vigente il limite di età è di 50 anni per le donne e di 55 per gli uomini (art. 9, Legge 218/1952, confermato dall’art. 1, comma 6, Decreto Legislativo n. 503/1992).

Per gli anni 2014 e 2015 la pensione anticipata di  vecchiaia per i lavoratori dipendenti del settore privato viene riconosciuta alle donne con almeno 55 anni + 3 mesi d’età e agli uomini con 60 anni + 3 mesi d’età. Però in questo caso torna in ballo la vecchia finestra mobile di 12 mesi. Questo significa che la pensione di fatto verrà pagata alle donne a 56 anni  + 3 mesi d’età e agli uomini a 61anni  + 3 mesi d’età.-      


6) CONTRIBUTI FIGURATIVI PER IL PREPENSIONAMENTO Anno 2014:


La legge 23 dicembre 2000, n. 388 (articolo 80, comma 3) consente ai lavoratori sordomuti e agli invalidi per qualsiasi causa (ai quali sia stata riconosciuta un'invalidità superiore al 74 per cento o assimilabile) di richiedere, per ogni anno di lavoro effettivamente svolto, il beneficio di due mesi di contribuzione figurativa. Il beneficio è riconosciuto fino al limite massimo di cinque anni di contribuzione figurativa utile ai fini del diritto alla pensione e dell'anzianità contributiva.
Pertanto, usufruendo di questa opportunità, il lavoratore invalido o sordomuto può raggiungere il diritto ad andare in pensione con cinque anni di anticipo. L'entrata in vigore di questa agevolazione è stata fissata al 1 gennaio 2002.


Informazi anteriori possono essere recuperate nel nostro articolo relativo alle normative superate sulle pensioni.


Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it.
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

Gianfranco Censori

172 commenti:

  1. Buonasera. Il mio padre ha la pensione100%con accompagnamento. Aveva62anni il2009.ha compiuto 67 adesso non ha mai lavorato in Italia. In Romania ha la pensione di 2900 € al anno.e giusta la somma di euro 851 (con accompagnamento )al mese?grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importo dell'assegno sociale è pari a 461,90 euro mensili al quale va detratto l'importo della pensione rumena + l'indennità di accompagnamento che è pari a 508,55 euro mensili.-

      Elimina
  2. Gentilissimo Dott. Censori, in questi giorni ho richiesto l'isee per far la domanda del contributo regionale per i non autosufficanti, ieri sono andati a ritirarlo e risulta che il mio reddito è di 15,200 euro dentro ci hanno messo anche l'accompagnamento, ora mi chiedo ma almeno il tetto che era di 10,000 euro per ottenere questo contributo lo hanno alzato, visto che però da quest'anno ho obbligatorio il conteggio dell accompagnamento? ma e mai possibile che se le inventano tutte per non aiutare chi ha bisogno?
    un'altra domanda ma l'accompagnamento bisogna dichiararlo anche nella dichiarazione dei redditi?
    grazie e buona giornata
    Andreina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Andreina!
      - Purtroppo è vero! Se le stanno inventando proprio tutte per non aiutare chi ne ha effettivamente bisogno; infatti non mi risulta che le regioni abbiano alzato il tetto per il diritto al contributo regionale.-
      - NO! L'indennità di accompagnamento non va dichiarata nella dichiarazione dei redditi....almeno per quest'anno!!!

      Elimina
  3. sale dottore volevo un consiglio.... dato che ho avuto un intervento serio al cuore e non posso piu' lavorare ho 64 anni io percepisco un assegno contributivo (io) adesso volevo fare domanda di invalidita' cosa mi consiglia? e poi a quanti anni andro' in pensione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non puoi più lavorare, puoi presentare o la domanda per la pensione di inabilità o per la pensione di vecchiaia anticipata, Ti consiglio quindi di rivolgerti al più vicino ufficio INCA - CGIL per farti seguire per tutto l'iter burocratico necessario.-

      Elimina
  4. Buongiorno dottore volevo un consiglio . sono un invalida inail al 73% mutilata avambraccio sinistro. eta 52 anni con 30 di contributi lavorativi. cosa posso fare per andare in pensione 5 anni prima , le nuove leggi dicono che bisogna superare 80% . E se mi spetta anche la pensione inps x la stessa invalidita inail.
    Grazie buon lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo in base alla normativa attuale con un'invalidità al 73% non hai diritto alla pensione anticipata di vecchiaia, e non hai diritto a una pensione di invalidità dell'INPS per lo stesso evento invalidante riconosciuto dall'INAIL.-

      Elimina
  5. Buongiorno Dottore,
    percepisco un assegno ordinario di invalidità e sono attualmente in Cassa Integrazione. Causa incumulabilità dei due redditi mi viene effettuata una trattenuta di cira 700 euro mensili sulla Cassa Integrazione percependo quindi circa 400 euro anzichè 1100 Euro che mi spetterebbero. Sulla Cassa Integrazione inoltre mi viene effettuata la riduzione L. 41/86 del 5,84% ma tale riduzione mi viene fatta sul lordo ovvero 1100 euro e non su quanto effettivamente pagato ovvero circa 400 euro. Volevo cortesemente sapere da Lei se questo è corretto oppure come ritengo io la riduzione deve farsi su quanto realmente percepito anche perchè, per assurdo, se la trattenuta anzichè di 700 euro fosse maggiore rischierei di andare in negativo e questo ritengo sia contro ogni logica.
    La ringrazio Anticipatamente per la risposta
    Bruno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Bruno!
      Purtroppo è corretto in quanto è quello che prevede la normativa!

      Elimina
  6. buonasera dott. sono invalida al 75% definitiva x malattia rara al cervello CADASIL.
    sono iscritta nella lista x lavorare come invalida. vorrei accettare un contratto di lavoro di 18 ore settimanali (mi assumerebbe con la disoccupazione) e so' gia' che devo chiedere la sospensione della mia misera pensione... giusto? ma se malaguratamente io nn dovessi riuscire a mantenere il mio impegno lavorativo il mio assegno mi verra' ridato con la stessa celerita' con cui me lo sospendono ? saro' motivo di controlli extra da parte dell'inps? grazie anticipatamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende dal tipo di pensione che percepisci!

      Elimina
  7. Buonasera Dott.
    Ho 50 anni e una pensione d'inabilità IO dal 2008 (definitivo) dove percepisco solo l'assegno famigliare perchè non è comulabile con la rendità INAIL. Sono senza lavoro dal 2009, Quando arriva la pensione di vecchiaia questi anni in cui sono stato a casa vanno contati come anni contributivi o no?
    L'altra mia domanda è se posso richiedere la pensione a 60 anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonasera
      Percepisco una PENSIONE DI INVALIDITA' E DI INABILITA' E ASSEGNO DI INVALIDITA' LIQUIDATO, A CARICO DEL FONDO PENSIONI LAVORATORI DIPENDENTI di 576euro (ma non la prendo perchè non è comulabile con la mia rendità INAIL e mi danno solo l'assegno familiare)

      Grazie per la disponibilità

      Elimina
    2. Purtroppo NO!
      Ai fini pensionistici gli anni senza lavoro non contano!
      PENSIONE ANTICIPATA DI VECCHIAIA:
      Il Decreto Legislativo 30 dicembre 1992, n. 503 (articolo 1, comma 8) prevede la possibilità per i lavoratori, iscritti all'assicurazione generale obbligatoria, con invalidità non inferiore all’80%, di anticipare l’età pensionabile (pensione di vecchiaia) a 55 anni per le donne e a 60 per gli uomini.
      La Corte di Cassazione, con sentenza n. 13495/2003, ha ribadito che tale opportunità spetta con una invalidità pari o superiore all'80%, comprese le persone con sordità prelinguale, statuendo inoltre che l’invalidità da considerare è quella civile come definita dal Decreto del Ministero della Sanità 5 febbraio 1992.
      Diverso il trattamento per i lavoratori non vedenti. Nel loro caso è ancora vigente il limite di età è di 50 anni per le donne e di 55 per gli uomini (art. 9, Legge 218/1952, confermato dall’art. 1, comma 6, Decreto Legislativo n. 503/1992).
      Per gli anni 2014 e 2015 la pensione anticipata di vecchiaia per i lavoratori dipendenti del settore privato viene riconosciuta alle donne con almeno 55 anni + 3 mesi d’età e agli uomini con 60 anni + 3 mesi d’età. Però in questo caso torna in ballo la vecchia finestra mobile di 12 mesi. Questo significa che la pensione di fatto verrà pagata alle donne a 56 anni + 3 mesi d’età e agli uomini a 61 anni + 3 mesi d’età.-

      Elimina
  8. buonasera dott sono una signora di 62 anni ho avuto un tumore ho fatto 1 anno di chemio eho il diabete di tipo 2 ho la pressione arteriosa le chiedo un consiglio ho i requisiti per l invalidita ho 13 anni di contributi e non ho nesun redito per cortesia mi dia una risposta la saluto



    RispondiElimina
  9. dimenticavo di scrivere che mi hanno esportato le ovaie ringrazziandola di nuovo spero che mi dia una risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho competenze di carattere medico quindi non posso entrare nel merito della Tua domanda, Ti consiglio pertanto di porre il tuo quesito al tuo medico di famiglia, che emetterà eventualmente idonea certificazione medica con la quale ti presenterai a un patronato per farti seguire per tutto l'iter burocratico necessario.-

      Elimina
  10. 60 anni invalido al 100x100 con accompagno pochi anni di contributi posso chiedere la pensione anticioata di vecchiaia in base decreto dic. 1992 n.503 art.1 comma 8. Grazie per la sua attenzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so cosa intendi per pochi anni di contributi, perché per la pensione di vecchiaia, quindi anche per quella anticipata di vecchiaia, sono necessari almeno 20 anni di contributi versati all'INPS.-

      Elimina
  11. Salve Dr, sono invalido all 80% ed ho percepito per un periodo di tre anni ass ord di invalidità inps (IO) poi revocato. Per il triennio che ho percepito l'assegno ho diritto anche al bonus figurativo di due mesi ai fini pensionistici (legge388/2000) o uno esclude l altro? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Per i tre anni che hai percepito l'assegno ordinario di invalidità hai diritto anche al bonus figurativo di due mesi ai fini pensionistici.-

      Elimina
  12. Salve dr.Censori
    Ho 53 anni 12 anni di contributi e percepiscono anche l'AOI(180€),e la pensione da invalido al 100% (280€).Attualmente lavoro e vorrei arrivare almeno ai vent'anni di contributi.
    A quel punto che succede? Prenderò ,quando sarò in eta pensionabile (60anni mi pare),il trattamento minimo e l'assegno sociale insieme o no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Samuele!
      Con un'invalidità del 100% il limite di reddito per il diritto all'assegno sociale è pari a 16.449,85 euro, quindi sarà compatibile con la pensione di vecchiaia integrata al minimo.-

      Elimina
  13. Salve dottore,vorrei sapere se l'importo dell'assegno mensile invalidi civile con limite di reddito di 4000€ varia a seconda dei contributi lavorativi e se lo stesso invalido ha moglie e figli minori a carico ,o rimane invariato sempre di 279,75?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco!
      L'importo dell'assegno mensile di assistenza di 279,75 euro è uguale per tutti, a prescindere quindi dal fatto che si abbia o meno dei familiari a carico.-

      Elimina
  14. Buonasera Dott.Censori la disturbo per chiederle una delucidazione,mio marito compie 70 anni a novembre ed è titolare di una pensione integrata al minimo essendo prima dei 65 anni titolare di pensione di invalidità ha diritto ad avere l integrazione dopo i 70 anni?la ringrazio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se Tuo marito percepisce solo la pensione integrata al minimo al compimento dei 70 anni avrà diritto alla maggiorazione sociale.-

      Elimina
  15. invalido 100x100 59 anni assegno mensile di 280 euro nonho contributi volevo chiederle se a60 anni l,assegno di invalidita aumenta . Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Solo al compimento dei 65 anni d'età l'assegno mensile di assistenza verrà trasformato in assegno sociale e l'importo aumenterà per diventare quello dell'assegno sociale.-

      Elimina
  16. egreg. dott. Censori. sono un uomo di 52 anni , disoccupato da 5 anni ed invalido civile da 1 anno al 90%. Percepisco un assegno di circa 290 euro al mese.
    Ho rinnovato il consueto esenzione ticket annuale e vedo che da E02 ora sono C03 quindi devo pagare il ticket sui medicinali ora come leggo scritto nella categoria d'esenzione::?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuseppe!
      NO!
      Esenzione C03:
      Invalidi civili con riduzione della capacità lavorativa >2/3- dal 67% al 99% di invalidità (ex art.6 comma 1 lett.d del D.M.01.02.1991)
      Esenzione per tutte le prestazioni di diagnostica strumentale, di laboratorio e le altre prestazioni specialistiche e per tutti i farmaci di classe A.-

      Elimina
    2. Ciao Giuseppe!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  17. Egr. Sig. Censori,
    ho fatto domanda di assegno ordinario di invalidità a carico del FPLD il 3 aprile scorso. Ieri sono stato sottoposto a visita medica dalla commissione medica dell'INPS e sono in attesa del responso.

    Oggi, nel verificare on line lo stato di lavorazione della domanda ho visto che mi è stata liquidata una pensione di categoria IO/ART. Io ho svolto l'attività di artigiano dal 1984 al 1995, ma da allora in poi sono sempre stato lavoratore dipendente. Secondo lei verrà erogata un'altra pensione cat. IO oppure nella pensione attualmente liquidata sono compresi anche i contributi versati per l'attività di lavoro dipendente?

    La ringrazio anticipatamente per la risposta.

    Gaetano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gaetano!
      Nella pensione attualmente liquidata sono compresi sia i contributi versati da lavoratore autonomo che da lavoratore dipendente, perché la gestione è unica e i contributi risultano tutti nella stessa posizione contributiva.-

      Elimina
  18. salve mia zia ha 70 anni e da circa 1 anno ha avuto invalidità al 100% lei attualmente percepisce una pensione di circa quasi 500 euro al mese (pensione contributiva) ha diritto all'assegno di invalidità se si si che domanda deve fare grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Dopo i 65 anni d'età un'invalidità al 100% non comporta alcun beneficio di carattere economico a meno che non venga riconosciuto il diritto all'indennità di accompagnamento.-

      Elimina
  19. Caro Dott, Censori,mi chiamo Angelo, innanzitutto complimenti per la sua competenza. Ho da porle qualche quesito. Sono un dipendente pubblico (Comune) mi hanno riconosciuto una invalidita' dell'85%. Premetto che ad ottobre compio 38 anni di servizio e 59 anni di età. Ho chiesto al mio ente se posso chiedere il pre pensionamento e mi hanno detto di no, hanno aggiunto altresì che se dovessi presentare domanda di aggravamento ed avere una invalidita' del 100% con inabilità assoluta al lavoro, nemmeno in questo caso l'ente mi metterebbe in pensione. Asseriscono che devono essere loro a mandarmi a visita medica dietro mia richiesta.Nutro seri dubbi, anche perche' si rifarebbe la stessa procedura. Infine Le chiedo ho diritto, pur essendo lavoratore dipendente all'assegno triennale?
    La ringrazio e Le porgo, Distinti Saluti....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angelo!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      INPDAP- Pensione per inabilità assoluta e permanente a qualsiasi proficuo lavoro
      La pensione per inabilità assoluta e permanente a qualsiasi proficuo lavoro spetta a quei dipendenti pubblici a cui sia stata accertata una incapacità derivante da infermità fisiche o mentali che impediscano una collocazione lavorativa continuativa e remunerativa. Si tratta di una condizione meno invalidante di quella prevista per la pensione per inabilità assoluta e permanente a qualsiasi attività.
      I requisiti retributivi richiesti sono, infatti, più impegnativi: questa pensione viene erogata se il lavoratore è in possesso di un’anzianità contributiva di almeno 14 anni, 11 mesi e 16 giorni di servizio utile, anche non continuativo.
      La pensione per inabilità assoluta e permanente a qualsiasi proficuo lavoro è calcolata sulla base della effettiva anzianità contributiva maturata. Non viene prevista alcuna maggiorazione.
      La domanda di pensione va inoltrata, tramite il datore di lavoro, alla direzione provinciale dell’INPDAP allegando un certificato rilasciato dal medico curante attestante la permanente ed assoluta inabilità a svolgere qualsiasi proficuo lavoro o le mansioni assegnate. Le condizioni sanitarie vengono valutate dalle Commissioni mediche presso le Aziende Usl.
      INPDAP – Trattamenti pensionistici per Inabilità assoluta e permanente alle mansioni svolte
      I dipendenti pubblici (in modo differente fra dipendenti statali e quegli degli enti locali) possono richiedere il “prepensionamento” nel caso abbiamo un’infermità permanente, fisica o mentale che incide sulle mansioni lavorative assegnate.
      Accertata questa condizione, l’amministrazione deve tentare di collocare il lavoratore in un’altra mansione dello stesso livello, anche retributivo.
      Se non viene trovata un’altra mansione idonea, il lavoratore viene dispensato dal servizio o collocato a riposo.
      La relativa pensione viene erogata solo se sussistono determinati requisiti contributivi.
      I dipendenti degli enti locali devono contare su contributi almeno pari a 19 anni, 11 mesi e 16 giorni di contribuzione.
      I dipendenti delle amministrazioni statali devono contare su contributi almeno pari a 14 anni, 11 mesi e 16 giorni. In entrambi i casi si prescinde dall’età anagrafica.
      La domanda va inoltrata, tramite il datore di lavoro, alla direzione provinciale dell’INPDAP. Le condizioni sanitarie vengono valutate dalle Commissioni mediche presso le Aziende Usl.-

      Elimina
  20. buon giorno volevo chiede che a mio padre e stata accettata la penione di invalidita civile per il seguente motivi : valvulopatia aorto tricuspidalica in 3 classe nyha in soggetto con spondiloartrosi gli hanno dato il 75% ha 63 anni e nessun reddito stiamo aspettando la liquidazione da parte di inps di catania da ben 3 mesi. puo gentilmente dirmi quanto ammonterebbe la mensilit? grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importo dell'assegno mensile di assistenza per il 2015 è pari a 279,75 euro mensili, fino al compimento dei 65 anni d'età.-

      Elimina
  21. Buona sera Dottor censori, ho fatto domanda d'invalidità per vari problemi ma soprattutto per la depressione che non mi fà vivere, se dovessero accettarmela, che reddito non devo superate? io ho 51 anni e ho una iocom di 645 euro mensili
    la rinrgrazio, buona sera
    Antonio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonio!
      Purtroppo nel tuo caso il riconoscimento di un'invalidità civile non comporta alcun beneficio di carattere economico.-
      Limiti di reddito:
      Importo anno 2014 = euro 279,19 per 13 mensilità; Limite di reddito euro 4.795,97.-
      Con un'invalidità al 100% il limite di reddito sale a 16.449,85 euro.-

      Elimina
  22. Buongiorno dr. Censori, una informazione: Invalido all'80 % e percepisco la maggiorazione dal 65 anno e tre mesi a € 360,00. Ai 65 anni ed un mese ho inoltrato aggravamento riconosciutomi al 100% permanente. Ora che compio 66 anni e tre mesi dovrei avere la mia pensione da art. di circa € 460,00 . La brutta notizia è che non mi riconoscono il limite di reditto dell'invalidità del 100%, pertanto mi portano via quanto mi corrispondono ora € 360,00. Le sembra giusto che abbiano spostato l'età pensionabile di tre mesi e non il diritto al riconoscimento dell'età per avere agevolazioni, cioè dai 18 anni ai 65 e tre mesi ? Oppure cè qualche possibilita, qualche strada che mi possa portare a recuperare quei soldi ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      E' una delle tante anomalie della normativa a livello pensionistico.-

      Elimina



    2. --- Maggiorazioni sociali per ultra 70enni, nonché per inabili civili, ciechi assoluti e sordomuti ultra 60enni-----


      Coloro che sono titolari di pensioni modeste e che non hanno altri redditi ma anche coloro che hanno redditi inferiori ai limiti di legge, possono avere diritto alla maggiorazione sociale, ossia ad un aumento dell’assegno pensionistico.

      La legge finanziaria 2002 ha stabilito, a partire dal 1° gennaio 2002, un aumento della maggiorazione sociale tale da garantire un importo di pensione fino a € 516,46 al mese, per tredici mensilità. Per gli anni successivi al 2002 l’importo viene aumentato in misura pari all’incremento del trattamento minimo delle prestazioni a carico del Fondo pensioni lavoratori dipendenti.

      Tale maggiorazione spetta ai titolari di:

      – pensione di vecchiaia, anzianità;

      – invalidità civile;

      – assegno ordinario di invalidità;

      – pensione ai superstiti.

      L’incremento, indipendentemente dai contributi versati, è riconosciuto ai pensionati aventi un’età pari o superiore a 70 anni (ultrasettantenni). Invece, per i pensionati di età compresa fra 65 e 70 anni (infrasettantenni) l’età anagrafica è ridotta in relazione alle settimane di contribuzione versate.

      L’aumento è concesso con un’età pari o superiore a 60 anni per:

      – Invalidi civili totali
      – inabili al lavoro (art. 2, L. 222/84)
      – i ciechi assoluti
      – i sordomuti

      Con il compimento del 70° anno di età, la maggiorazione sociale spetta inoltre ai titolari di:

      – assegno sociale

      – pensione sociale (o della sola maggiorazione della pensione sociale)

      – pensione dei fondi esclusivi e sostitutivi dell’assicurazione generale obbligatoria

      – pensione a carico dell’assicurazione generale obbligatoria dei lavoratori dipendenti e dei lavoratori autonomi (artigiani, commercianti, coltivatori diretti, mezzadri e coloni)

      – pensione della gestione speciale per i lavoratori delle miniere, cave e torbiere.
      Limite di reddito:

      In tutti i casi suesposti la maggiorazione spetta sempre che i beneficiari non superino i seguenti limiti di reddito:

      – se non coniugato: non sia in possesso di un reddito annuo proprio pari o superiore alla somma dell’ammontare annuo del trattamento minimo + l’ammontare annuo dell’incremento.

      – se coniugato: (non legalmente ed effettivamente separato) non possieda un reddito proprio annuo pari o superiore a quello previsto per il pensionato solo e, cumulato con quello del coniuge, un reddito totale pari o superiore alla somma dell’ammontare annuo del limite personale + l’ammontare annuo dell’assegno sociale.

      Nei casi in cui il pensionato abbia redditi, personali o cumulati con il coniuge, inferiori ai limiti massimi previsti, l’incremento viene corrisposto per differenza, fino al raggiungimento di detti limiti.
      Età anagrafica:

      L’età anagrafica, a seconda delle ipotesi sopra indicate, è stabilita rispettivamente in 70 oin 60 anni.

      Per i pensionati di età compresa fra 65 e 70 anni (infrasettantenni) l’età anagrafica può essere ridotta in ragione di un anno di età per ogni 5 anni di contribuzione, o frazione pari o superiore a due anni e mezzo (riduzione di un anno se si è in possesso di un periodo di contribuzione non inferiore a due anni e mezzo).

      Esempi:

      – 69 anni età e contribuzione versata per almeno 5 anni

      – 68 anni età e contribuzione versata per almeno 10 anni

      – 67 anni età e contribuzione versata per almeno 15 anni

      – 66 anni età e contribuzione versata per almeno 20 anni

      – 65 anni età e contribuzione versata per almeno 25 anni

      Per la riduzione del requisito dell’età va bene tutta la contribuzione (obbligatoria, figurativa, volontaria e da riscatto) versata nell’assicurazione generale obbligatoria dei lavoratori dipendenti, nelle gestioni speciali dei lavoratori autonomi, oppure in una forma esclusiva o sostitutiva dell’assicurazione generale obbligatoria, a patto che non ne sia derivato un trattamento pensionistico.




      Elimina
    3. Rag Censori potrebbe essere questa la strada per il precedente messaggio in cui il pensionato invalido al 100% chiedeva un suo consiglio per poter ottenere una pensione più decente? La maggiorazione come inabile ultra 60enne con il calcolo eventuale dei contributi potrebbe essere una soluzione?

      Elimina
    4. La maggiorazione di 516,46 euro è la cifra riferita al 2002 adesso è di circa 637 euro. Comunque sarebbe il caso di andare al patronato per farsi consigliare facendo riferimento alla suddetta legge e vedere se si ha diritto all'aumento in riferimento al reddito personale e dell'eventuale coniuge.

      Elimina
  23. buon giorno dott. censori il 22 gennaio 2015 ho presentato la domanda ap70 all imps di catania per la pensione di invalidita civile di mio padre giorno 22 aprile e arrivato un sms dall imps dove diceva:(la notifica del decreto e avvenuta in data 06/0372015 l ap70 sara quindi lavorato entro i termini previsti dll art.445 bis comma 5 cpc) mi saprebbe dire quanto ancora pultroppo bisogna apettare? cordiali saluti Francesa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I termini fissati dalla legge citata dall'INPSper l'evasione della pratica sono di 90 giorni con decorrenza dalla data di trasmissione della domanda AP70.-

      Elimina
  24. Buongiorno dottor Censori,
    ho fatto domanda accompagamento per mia mamma 88 anni
    Il certificato Geriatrico conteneva dei valori BADL 4/6 -IADL 2/8 -BARTHEL INDESX 55/100 - TINETTI SCALE 7/28 - MMSE 19/30

    Mi hanno chiesto un ulteriore certificato geriatrico.

    Mi chiedo perché? Quali valori devono avere per l'accompagno??

    Graze

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho competenze di carattere medico quindi non posso entrare nel merito della Tua domanda, devi pertanto porre il Tuo quesito al medico che ha trasmesso il certificato all'INPS.-

      Elimina
  25. Buongiorno,
    gentilmente Le chiedo le tempistiche inps perche' sono 3 mesi che ho inoltrato domanda di pensione di inabilita' e in subordine assegno ordinario ma non ho ricevuto nessun verbale visita 11 febbraio.
    Grazie
    Angelo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angelo!
      L'INPS per legge deve evadere una pratica nel termine di 90 giorni, nel tuo caso con decorrenza dalla data della visita medica.-

      Elimina
  26. dott.censori buonasera una domanda,sono titolare di pensione di inv civ al 100 % con accompagno ho 43 anni e volevo sapere ; posso richiedere la maggiorazione sociale? se si! mi dice cosa devo fare? la ringrazio anticipatamente per il suo tempo . Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luca!
      Purtroppo NO!
      Chi vive con una sola pensione o quasi può avere qualcosa in più della pensione minima.
      La legge riconosce, infatti, le cosiddette maggiorazioni sociali, che variano in base all’età del pensionato. La quota aggiuntiva è di 25,83 euro al mese per coloro che hanno dai 60 ai 64 anni, di 82,64 euro per chi ha un’età che si colloca tra 65 e i 69 anni.
      Dai 70 anni in su l’integrazione è di 136,44 euro. I 70 anni richiesti si possono ridurre fino a 65, in ragione di un anno per ogni cinque di contributi versati. Per gli invalidi totali l’età minima è di 60 anni.
      Per i non coniugati il limite di reddito personale è dato dall’ammontare del trattamento minimo, più l’importo annuo della maggiorazione.
      Mentre per i coniugati il reddito della coppia non deve superare il limite personale, maggiorato dell’importo dell’assegno sociale (448,61 euro mensili nel 2015).-

      Elimina
    2. Le pensioni integrate al minimo con maggiorazione, se si rientra cioè nei limiti di reddito, al compimento dei 70 anni d'età sono pari a 640 euro mensili.-

      Elimina
  27. Sig. Censori buon giorno,
    Le chiedevo cortesemente un'informazione, se gli anni della pensione d'inabilità sono validi ai fini contributivi, in breve: se io ho fatto 5 anni con la pensione d'inabilità e poi alla revisione mi hanno dichiarato "abile" al lavoro, io quei 5 anni li perdo, posso richiederli, o mi vanno automaticamente nel conteggio dell'età contributiva lavorativa? Grazie, Giuseppe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuseppe!
      I periodi di fruizione della pensione di inabilità sono considerati utili ai fini del diritto alla pensione, vale a dire che contano come anni di contribuzione, a condizione che durante la fruizione dell'assegno l'interessato non prestasse nessuna attività lavorativa.-

      Elimina
    2. La ringrazio per la risposta. Le volevo far sapere che io fruisco proprio a tutti gli effetti della pensione d'inabilità e non dell'assegno, ma però, a mia richiesta, un operatore INPS mi ha detto che questi anni, in pensione d'inabilità, non sono validi come contribuzione lavorativa..Lei che ne pensa? Grazie e cordiali saluti. Giuseppe

      Elimina
    3. Ciao Giuseppe!
      In ogni caso il problema ti si porrà comunque solo all'atto della presentazione della domanda di pensione di vecchiaia, quindi siccome la normativa nel frattempo potrebbe anche cambiare, non è il caso di cercare ora conferme che non ti servirebbero comunque a nulla.-

      Elimina
  28. Dott.Censori buona sera,
    visto che in questi giorni si parla di rimborso pensioni, la famosa sentenza della Consulta, Le volevo gentilmente chiedere se anche i percettori di pensioni d'inabilità rientrerebbero in questi rimborsi. Grazie ancora, Giuseppe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuseppe!
      SI!
      Se la pensione di inabilità era di importo superiore ai 1.400 euro lordi mensili è rientrata nel blocco totale o parziale dell'indicizzazione, ma ti consiglio di non farti troppe illusioni su eventuali rimborsi, perché metterebbero a rischio la tenuta dei conti pubblici, quindi è probabile che il governo trovi una scappatoia.-

      Elimina
  29. Carissimo Dott. Censori, io percepisco dal 2012 la iocom assegno d'inabilita al lavoro, ho capito bene che quando e se (visto cio' che vuol fare il nostro governo) si trasformerà in pensione di anzianità questi anni di iocom vanno accumulati a i 22 anni che ho lavorato? inoltre volevo chiederle un'altra cosa, se il nostro caro governo dovesse toccare le pensioni, assegni d'invalidità(io finirei sotto i ponti ) si potrebbe scendere in piazza a roma invalidi o no per tenerci ciò che è la nostra sopravvivenza? potremmo organizzarla tutti insieme su questo suo sito una scesa a roma? grazie
    Angela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angela!
      SI!
      Al raggiungimento dei requisiti per la pensione di vecchiaia gli anni di IOCOM andranno accumulati ai 22 anni che hai lavorato.-
      Non mi risulta che il governo abbia in mente di toccare le pensioni basse o gli assegni di invalidità, penso quindi che puoi stare tranquilla sotto questo aspetto.-

      Elimina
    2. Grazie di cuore Dott. Censori,lei è una persona veramente speciale
      Angela

      Elimina
    3. Ciao Angela!
      Ti ringrazio per complimenti!
      Alla prossima!!!

      Elimina
    4. Carissimo Dott. Censori, sono ancora Angela, volevo gentilmente sapere, se dico SE il nostro governo dovesse dare quest'unatantum ad agosto, entrano anche gli assegni Iocom, come il mio? E poi vorrei sapere, ma visto che l'assegno Iocom è come una pensione di lavoro, non dovrebbero aggiungere ogni hanno i contributi dell'anno precedente? Mi spiego meglio, io ho terminato di lavorare nel 2012, non dovrebbero fare l'adeguamento sino al 2014? Grazie infinite e Cari Saluti
      Angela

      Elimina
    5. Ciao Angela!
      Ad agosto dovrebbero dare un'una tantum a fronte del blocco delle indicizzazioni su tutte le pensioni di importo superiore a 1.400 euro mensili.-

      Elimina
    6. Buongiorno Carissimo, io allora non mi aspetto nulla perchè il mio assegno Iocom, al netto è di 645 euro.
      Grazie ancora e cordiali Saluti

      Elimina
    7. Ciao Angela!
      Purtroppo Tu non devi aspettarti nulla!

      Elimina
  30. Carissimo Dottor Censori, Sono Mauro, io in passato avevo fatto domanda di invalidità perchè sono stato operato di stenosi dell'uretra, e in passato mi hanno dato 39% di invalidità, ma dato che era un punteggio basso non è stata riconosciuta per avere la pensione, perchè appunto e poco, io ho 51 anni, e adesso soffro di asma bronchiale, nelle ultime radiografie che ho effettuato tempo fà in ospedale mi risulta anche un isspessimento al torace, da premettere che non riesco a fare l'esame di aspirametria dal mio medico di famiglia, lui mi ha detto che è normale che non la riesco a fare, perchè e l'allergia di cui ne soffro che non me lho permette, l'ispessimento al torace non è in forma grave, ma comunque cè lò, continuo sempre ad avere problemi di respirazione tipo fame d'aria, perchè soffro di allergia da quasi vent'anni dovuto alla paretaria, ora desideravo sapere se lei mi consiglia di ripresentare la domanda di invalidità, e sè posso raggiungere il 74%, per ottenere la pensione minima di 279,75 euro per l'invalidità, io non lavoro e sono disoccupato, mia moglie lavora e messa in regola ma guadagna 500 euro, siamo anche in casa in affitto e non arriviamo più a fine mese, abbiamo un isee con reddito non superiore ai 4,000 euro, posso ottenere qualcosa, desideravo sapere qualche suo consiglio, Grazie in anticipo, attendo una sua risposta.

    Cordiali Saluti, Mauro.

    A Presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mauro!
      Non ho competenze di carattere medico quindi non posso entrare nel merito della Tua domanda, Ti consiglio pertanto di porre il Tuo quesito al Tuo medico di famiglia che dovrà eventualmente emettere la relativa certificazione medica.-

      Elimina
  31. Buongiorno Dott.Censori
    le scrivo da parte di mia moglie,circa quindici anni fa si è ammalata di una malattia severa ed inguaribile ha dovuto abbandonare il lavoro e, dopo tre anni gli è stata riconosciuta una invalidità del 75% e relativa pensione, a seguito di altre visite di controllo la percentuale di invalidità è sempre aumentata e dal 2007 si è attestata al 90%.
    Dal momento che mia moglie ha smesso di lavorare aveva maturato circa 24 anni di contributi, due mesi fa ha fatto domanda di pensione anticipata di vecchiaia (rientrando a maggio nei 55 anni) alcuni giorni fa si è recata all'INPS per la visita medica in relazione alla domanda di pensione portando diversa documentazione medica che la situazione è peggiorativa infatti la dottoressa sembrava impressionata.
    Dopo due giorni è pervenuto il responso che la domanda è stata respinta, le chiedo un consiglio per come agire per una prossima istanza.
    Cordiali saluti
    Angelo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angelo!
      Vi consiglio di rivolgervi al più vicino Ufficio INCA - CGIL per farvi tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  32. Daccordo Dott. Censori, Grazie per i consigli che mi ha descritto, presenterò tutta la relativa documentazione al mio medico di famiglia, Grazie di cuore e alla prossima.

    Saluti, Mauro.

    A Presto.

    RispondiElimina
  33. Buongiorno Dott.Censori,
    la ringrazio per il consiglio, la informo comunque che l'INPS dopo un altro paio di giorni ha scritto sul sito di mia moglie a completamento della domanda respinta la seguente frase:REIEZIONE PER MOTIVI AMMINISTRATIVI bo! ne sappiamo quanto prima, probabilmente sono frasi fatte appositamente per non capire.
    Grazie ancora e saluti
    Angelo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angelo!
      La reiezione è un termine che indica la respinta della domanda per motivi amministrativi.
      Considerata la genericità della respinta probabile che si tratti dal fatto che non si hanno i requisiti contributivi o anagrafici per poter accedere alla pensione.-

      Elimina
    2. Buongiorno Dott.Censori,
      grazie ancora per la gentile risposta, effettivamente ricontrollando i contributi il totale ammonta a settimane 1.162 però gli ultimi 5 anni li faceva in part-time proprio per problemi di salute finchè ha proprio dovuto abbandonare, l'età non si sbaglia sono 55 anni e due settimane.
      Comunque seguendo il suo consiglio ci rivolgiamo al patronato INCA-CGIL Ee speriamo che se dovessero mancare contributi questi si possano integrare pagando.
      Salutissimi
      Angelo

      Elimina
    3. Ciao Angelo!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  34. Buonasera dott. Censori vorrei chiederle un'informazione relativa ai superstiti. Mia madre è deceduta tre anni fa causa tumore. Aveva quasi 40 anni di contributi come dipendente e cinque mesi prima del decesso ha ottenuto la pensione di invalidità. Non ho diritto alla reversibilità ma vorrei sapere se posso chiedere l'indennità una tantum e come fare. la ringrazio anticipatamente. Luigi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luigi!
      Purtroppo NO!
      La pensione di reversibilità o l'indennità una tantum spetta solo al coniuge, ai figli minorenni e ai figli maggiorenni inabili.-

      Elimina
  35. Gentilissimo Dottor, Censori, mia sorella è cieca assoluta da parecchi anni e percepisce pensione d'invalidità per ciechi assoluti e acompagnamento, in più visto i suoi 20 anni di lavoro percepisce un'assegno Iocom, purtroppo ora siamo in un vero guaio perche' oltre la discopatia, e l'altrosi che gli hanno riscontrato, ha perso gradatamente l'udito da un orecchio e dall'altro l'otorino ha detto che possiamo recuperare l'udito con un apparecchio, ora le chiedo, questo apparecchio sarà pagato dall'asl? e poi il medico di base ci ha consigliato di fare domanda di aggravamento, ma mi chiedo mia sorella avrebbe diritto in caso di riconoscenza al 100% per le patologie che le ho esposto, ad un'altra pensione d'invalidita'? ci sarebbe un'altro accompagnamento? la nostra vita purtroppo non è facile perchè io facevo dei lavori nelle case ma con mia sorella cosi' ho dovuto mollare, purtroppo con l'udito cosi' è anche caduta in depressione perchè (e anche io)ha paura di non riuscire più a comunicare con gli altri. Ci dia un consiglio Dottore, possiamo fare questa domanda di aggravamento o porto mia sorella a visita di commissione per nulla?
    La ringrazio e rimango in attesa di una sua gentile risposta
    Marialuna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marialuna!
      Non capisco perché il medico di base voglia far presentare a Tua sorella la domanda di aggravamento quando percepisce già la pensione di invalidità per ciechi e l'indennità di accompagnamento, e quindi non avrebbe comunque diritto ad altre indennità.-
      L'apparecchio acustico può essere pagato dalla ASL ma bisogna seguire la procedura necessaria, cioè bisogna rivolgersi o a un centro acustico convenzionato con la ASL o bisogna rivolgersi direttamente alla ASL per informarsi sull'iter burocratico necessario.-

      Elimina
  36. Gent.mo dott. Censori a luglio di questo anno compio 61 anni , ho versato contributi continuativi all'Inps dal 1975
    Sono ammalato dal 2009 , nel 2012 sono stato riconosciuto invalido al 75% poi dopo un anno ridotto al 67% , nel 2014 riconosciuto invalido al 100% con revisione prevista a settembre 2015. Posso fare domanda di pensione anticipata di vecchiaia ?Scusi una curiosita' i due mesi riconosciuti di anticipo per la pensione si ha solo per gli anni lavorati , anno per anno , con riconoscimento di invalidita' superiore al 75 ? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Il Decreto Legislativo 30 dicembre 1992, n. 503 (articolo 1, comma 8) prevede la possibilità per i lavoratori, iscritti all'assicurazione generale obbligatoria, con invalidità non inferiore all’80%, di anticipare l’età pensionabile (pensione di vecchiaia) a 55 anni per le donne e a 60 per gli uomini.
      La Corte di Cassazione, con sentenza n. 13495/2003, ha ribadito che tale opportunità spetta con una invalidità pari o superiore all'80%, comprese le persone con sordità prelinguale, statuendo inoltre che l’invalidità da considerare è quella civile come definita dal Decreto del Ministero della Sanità 5 febbraio 1992.
      Per gli anni 2014 e 2015 la pensione anticipata di vecchiaia per i lavoratori dipendenti del settore privato viene riconosciuta alle donne con almeno 55 anni + 3 mesi d’età e agli uomini con 60 anni + 3 mesi d’età. Però in questo caso torna in ballo la vecchia finestra mobile di 12 mesi. Questo significa che la pensione di fatto verrà pagata alle donne a 56 anni + 3 mesi d’età e agli uomini a 61 anni + 3 mesi d’età.-
      SI!
      La legge 23 dicembre 2000, n. 388 (articolo 80, comma 3) consente ai lavoratori sordomuti e agli invalidi per qualsiasi causa (ai quali sia stata riconosciuta un'invalidità superiore al 74 per cento o assimilabile) di richiedere, per ogni anno di lavoro effettivamente svolto, il beneficio di due mesi di contribuzione figurativa. Il beneficio è riconosciuto fino al limite massimo di cinque anni di contribuzione figurativa utile ai fini del diritto alla pensione e dell'anzianità contributiva.-

      Elimina
    2. La ringrazio per la celere risposta
      Solo una precisazione , ora sono invalido al 100% quindi posso fare domanda di pensione di vecchiaia anticipata , cosa succede se pero' durante la visita di revisione a settembre 2015 mi dovessero ridurre l'invalidita' a meno del 80% ? Mi eliminano la pensione di vecchiaia ?
      Nel frattempo mi saro' licenziato dal posto di lavoro !

      Grazie

      Elimina
    3. Presumo che nel tuo caso l'INPS verificando che è stata programmata una visita di revisione a settembre terranno in sospeso la pratica, quindi puoi consultare un patronato ma forse è meglio che aspetti l'esito della visita prima di presentare la domanda.-

      Elimina
  37. riprovo a pubblicare per la 3 volta. Innanzitutto buongiorno dottore, ha un sito davvero fantastco. cercherò di essere schematica.Ho invalidità del 75%. nel 2013 non ho superato reddito quindi nel 2014 ho percepito pensione.
    nel 2014 ad ottobre mi hanno assunta part time a tempo indeterminato con la legge 68. Nel 2014 comunque non ho raggiunto reddito limite. Quest'anno sto percependo pensione. Secondo lei me la chiederanno indietro? io basandomi sulle regole per percepirla credo proprio di essere nel giusto. L anno prossimo invece non ne avrò diritto. Ho fatto prima visita nel 2005. Seconda per aggravamento nel 2009 e nel 2014 ulteriore visita di controllo. grazie spero mi rispoinda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      Purtroppo SI!
      Se nel 2015 superi il limite di reddito non hai diritto alla pensione di invalidità, quindi o la fai sospendere subito o l'anno prossimo l'INPS ti richiederà indietro tutto quello che avrai percepito quest'anno.-

      Elimina
  38. A mio marito gli è stata riconosciuto, a decorrere da Maggio 2015 una pensione categoria IO/ART a seguito della domanda dell'assegno ordinario di invalidità perchè vuole continuare ad avere la partita i.v.a. e versare contributi. A quanto potrebbe ammontare l'importo dell'assegno visto che ha 58 anni e 10 mesi di età. Avendo il codice PIN per il collegamento all'IN.P.S. quale è il modo per vederlo da solo?.

    RispondiElimina
  39. Mi sono dimenticata la cosa più importante. La ringrazio cordialmente per la sua risposta.

    RispondiElimina
  40. In riferimento alla precedente mail mio marito ha più di 30 anni di contributi versati. Grazie tante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importo della pensione maturata è legato all'entità dei contributi versati all'INPS, quindi si può calcolare solo in base all'estratto contributivo personale.-
      Purtroppo l'INPS attualmente non da più accesso alla simulazione di calcolo della pensione, quindi devi rivolgerti a un patronato.-

      Elimina
  41. Gentile Dott. Censori, mi è stato riconosciuto un assegno ordinario di invalidità di circa 450,00 euro mensili. A me sembre un poco anche perchè ho più di 33 anni di contributi. Comunque adesso lo farò controllare da un patronato in base alla comunicazione che mi è arrivata a casa. Sono nato il 10 luglio 1956 e la decorrenza dell'assegno è Marzo 2015.
    Quindi se ho capito bene bisogna fare la domanda per la proroga con decorrenza Marzo 2018 e Marzo 2021. Le mie domande sono queste: in caso di errore l'I.N.P.S corregerà l'importo dell'assegno? Dopo Marzo 2021 l'assegno diventa definitivo e quindi sarà pensione di vecchiaia? Che significa che l'importo rimarrà sempre lo stesso? La ringrazio anticipatamente per le sue cortesi risposte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importo dell'assegno ordinario di invalidità è calcolato in base ai contributi versati, quindi solo un patronato in base alla tua specifica situazione contributiva potrà verificare se i conteggi effettuati dall'INPS sono esatti.-
      Solo dopo due conferme consecutive l'assegno diventa definitivo.-
      Anche quando l'assegno ordinario di invalidità diventerà definitivo l'importo rimarrà sempre lo stesso perché è già stato calcolato in base ai contributi versati, a meno che Tu non continui a lavorare e quindi a versare altri contributi.-

      Elimina
  42. Gentile Dott.Censori,
    all'età di 56 anni e 35 anni di contributi sono stato riconosciuto invalido civile al 100% e inabile al lavoro. Dal 2013 sono in pensione d'inabilità e per ottenerla, dopo lunga malattia e come Lei saprà certamente, ho dovuto dare le dimissioni dal lavoro. Io, pur essendo stato costretto dalla malattia a licenziarmi, ho diritto a quella maggiorazione contributiva figurativa dei 5 anni ai fini pensionistici, o spetta solo agli invalidi purchè al lavoro? Grazie e cordialità Alessandro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessandro!
      Nel calcolo della pensione di inabilità INPS, la legge riconosce già una maggiorazione convenzionale per tutti gli anni non versati dalla data di decorrenza della pensione al compimento dei 60 anni di età, entro il limite massimo di 40 anni di contributi.-

      Elimina
  43. Gentilissimo Dottor Censori La ringrazio cordialmente della risposta al mio quesito riguardante l'assegno ordinario di anzianità che diventa assegno di vecchiaia al compimento dell'età prevista per il pensionamento. Si io ho intenzione a voler versare i contributi e quindi se ho capito bene ogni anno l'I.N.P.S. riguarda l'assegno in base ai contributi versati annualmente. E' così? e qual'è l'età prevista per il pensionamento per gli uomini?La ringrazio cordialmente per la risposta.
    Antonio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonio!
      L'età prevista per il pensionamento degli uomini varia in base all'età anagrafica, devi quindi dirmi la tua data di nascita.-
      Per quanto riguarda il ricalcolo della pensione l'INPS provvede ogni 5 anni e solo su richiesta dell'interessato.-

      Elimina
  44. Gentile dott.Censori
    A proposito dell'assegno ordinario di invalidità':esso e' imponibile fiscalmente nella sua totalità o lo e' solo la cifra base e non l'integrazione al minimo?esempio: il mio assegno e' di 180€.Con l'integrazione al minimo arriverei a 506€.Guadagno,lavorando parte time, 9.000€ l'anno.Sul 730 devo cumulare le 9000 a tutte le 508(×13,naturalmente) o solo alle 180€×13?
    RingrAziandovi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Samuele!
      Sul 730 devi comunicare anche l'importo dell'assegno ordinario di invalidità per il totale percepito, e l'importo non devi "inventartelo" ma devi rilevarlo dal CUD che devi scaricarti dal sito dell'INPS.-

      Elimina
  45. buon giorno ,le volevo chiedere dei chiarimenti e la ringrazio in anticipo,nel 2016 compio 65 anni essendo invalido al 100x100 con accompagnamento,percepisco una rendita inail per altra malattia,e percepisco anche avendo fatto domanda anche la maggiorazione sociale (incremento maggiorazione finanziaria 2002) so che a 65 anni mi danno la pensione sociale, e mi levano la pensione di invalidità posso sapere come funziona inerente all accompagno,alla rendità,e alla maggiorazione?per favore mi può spiegare lei il tutto?spero di non aver fatto confusione .grazie .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'assegno mensile di assistenza è incompatibile con l'erogazione di altre pensioni di invalidità erogate da altri organismi (es. INPS, INPDAP ecc.) . È inoltre incompatibile con pensioni di invalidità di guerra, lavoro e servizio. Al compimento dei 65 anni di età, la pensione viene trasformata automaticamente in assegno sociale, con i limiti di reddito dell'invalidità civile, e l'importo aumenta per diventare quello dell'assegno sociale.-

      Elimina
  46. Gentile Dott. Censori,
    a marzo 2015 sono stato chiamato a revisione per la pensione d'inabilità e a tutt'oggi, 18 giugno 2015, dopo oltre 90 gg., non ho ancora ricevuto nessun documento cartaceo da parte dell'INPS riguardante l'esito della suddetta revisione. La pensione mi è stata comunque accreditata nei mesi di aprile, maggio e giugno, quindi ne deduco che mi è stata confermata. Per quanto riguarda la documentazione cartacea che dovrebbero inviarmi di questa visita tutto questo ritardo rientra nella normalità della gestione pratiche INPS, oppure devo chiedere io lumi a loro? Grazie per l'attenzione e cordiali saluti. Beppe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Beppe!
      Di solo l'NPS provvede nel giro di 90 giorni, quindi siamo ancora nei termini, ma se non ti arriva alcuna comunicazione entro fine mese Ti consiglio i primi di luglio di sollecitare l'evasione della Tua pratica.-

      Elimina
  47. Grazie per la risposta. Cordialità, Beppe

    RispondiElimina
  48. ho ottenuto pensione di anzianità gennaio 2010 nella polizia di Stato. Grazie alla legge brunetta ho cumulato dei redditi del 2011 e del 2012 rispettivamente lavoro autonomo e lavoro dipendente presso una pubblica amministrazione. Nel mese di aprile 2015 mi è stata concessa la pensione privilegiata su mia domanda (presentata nel 2011) con decorrenza il giorno dopo il pensionamento. Volevo chiedere:
    Mi faranno dei conteggi per il defalcamento della pensione ed in che misura?
    Per il lavoro dipendente presso pubblica amministrazione, non derivazione di lavoro, vale l'articolo 139 del DPR 1092/73? In caso di defalcamento posso rateizzare? Sono obbligato a comunicare qualcosa all'INDPAD dal momento del riconoscimento della pensione privilegiata? Grazie mille e mi scuso per le mille domande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Tua situazione è piuttosto complessa, e in questa sede potrei darti solo delle risposte generiche che non ti sarebbero di alcuna utilità,Ti consiglio quindi di rivolgerti al più vicino ufficio INCA - CGIL per farti consigliare al meglio sul da farsi.-

      Elimina
  49. salve dottore Censori volevo farle una domanda volevo sapere in numeri qual'è il reddito da non superare per chi percepisce l'assegno ordinario di invalidità IO,e il reddito dell'anno scorso è pari a € 14.000,00 le dico così perchè sul sito dell'inps purtroppo non mi è chiaro grazie attendo sua risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In caso di attività lavorativa l'assegno ordinario di invalidità è soggetto alla trattenuta da lavoro dipendente o autonomo ed, in caso di superamento del reddito di 4 o 5 volte l'importo del trattamento minimo dell'INPS, ad una decurtazione rispettivamente pari al 25% e 50%.-

      Elimina
  50. Buongiorno dottore Censori,
    mi chiamo Giulia le scrivo da Napoli, sono titolare dal 1981 di un assegno ordinario di invalidita' e anche pensione di invalidiata' civile al 75%, quest'ultima eliminata in quanto incompatibile con aoi .Nel 2010 in seguito all'aggravamento delle mie condizioni presentai domanda per invalidita' civile con esito inps 90%di invalidita'.Che poi divento 100% quindi invalido totale in seguito a ricorso legale e definitiva sentenza giuridica .
    Dopo circa 4 anni un amico mi ha consigliato di chiedere se con il 100 % di invalidita' civile diventano compatibili le due pensioni .
    Ammesso che questo sia possibile , io sono stata riconosciuta nel febbraio 2011 ho perso tutto quello che mi sarebbe spettato ?
    Cordiali saluti Giulia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia!
      Con un'invalidità del 100% il limite di reddito per il diritto alla pensione di invalidità civile è pari a 16.449,85, quindi se si rientra nei parametri si può richiedere il riprestino con decorrenza dalla data di riconoscimento del 100% di invalidità.-

      Elimina
    2. Buongiorno dottore ,
      innanzitutto grazie per le sue risposte sempre molto chiare , le volevo chiedere pero' se quindi devo rivolgermi ad un ente di patronato oppure da un avvocato per un eventuale ricorso legale?
      Grazie anticipatamente e complimenti per il suo blog davvero molto efficace e qualificato .

      Elimina
    3. Ciao Giulia!
      Non è necessario ricorrere a un avvocato, ma puoi semplicemente rivolgerti a un patronato, e ti consiglio di rivolgerti al più vicino Ufficio INCA - CGIL.-

      Elimina
  51. Buona sera dottor Censori, io percepisco una iocom dal 2012 di euro 645 mensili, avrò diritto al rimborso che lo stato darà ad agosto? la ringrazio e le invio cordiali saluti
    Giovanni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Le pensioni fino a 1.400 euro mensili negli ultimi anni non sono state bloccate, ma hanno avuto sempre l'adeguamento ISTAT, "si fa per dire", e quindi non sono interessate ai rimborsi di agosto.-

      Elimina
    2. buona sera,ho letto in questa rubrica di una signora di napoli che percepisce l assegno ordinario di invalidità e anche la pensione d invalidità essendo la signora invalida al 75x100,premesso che io sono invalido al 100x100 causa da lavoro in possesso di sentenza e in possesso certificato D.M.2/8/2007 malattia ingravescente,cosa sarebbe assegno ordinario d invalidità,e pensione d invalidità ,a me l inps con questa percenduale percepisco la somma di euro 290,avendo ottenuto la maggiorazione sociale da poco prima prendevo 279 euro in buona sostanza a questo punto non capisco che tipo di assegno percepisco io datos che la signora parla di 2 assegni di invalidità ,spero di non aver fatto confusione mi faccia capire x favore lei ,le sono grato .grazie.

      Elimina
    3. ASSEGNO ORDINARIO DI INVALIDITÀ:
      È una prestazione previdenziale che spetta ai lavoratori dipendenti e autonomi affetti da un'infermità fisica o mentale.
      Si può ottenere quando si verificano le seguenti condizioni:
      - l'infermità fisica o mentale, accertata dal medico dell'INPS, che provochi una riduzione permanente di due terzi della capacità di lavoro, in occupazioni confacenti alle attitudini del lavoratore.
      - un'anzianità contributiva di almeno cinque anni, di cui almeno tre versati nei cinque anni precedenti la domanda di pensione.
      - l'assegno ordinario di invalidità non è cumulabile con la rendita INAIL concessa per lo stesso evento invalidante.

      Elimina
  52. Buonasera Signor Gianfranco mi chiamo Renata e sono nata a luglio 1957. Sono andata in pensione anticipata di vecchiaia circa un anno fa per problemi di salute .Ora visto che ho sempre terapie e visite ricorrenti da fare, se fosse possibile ottenere l' esenzione dal tichet o invalidità civile .La mia pensione al netto è di 800 euro. Lo scorso anno ho avuto spese sanitarie di circa mille euro e tante volte devo rinunciare a curarmi .Sono coniugata e non so se la pensione di mio marito incide. Lui ha una pensione di 1.500 euro .In attesa di una sua risposta la ringrazio e complimenti di moltissime sue rispose esaudienti grazie di tutto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Renata!
      Per il diritto all'esenzione dal ticket è necessario il riconoscimento di un'invalidità civile, devi quindi rivolgerti al tuo medico di famiglia per l'invio del certificato per via telematica all'INPS e successivamente a un patronato per la trasmissione della relativa domanda sempre all'INPS.-
      Per quanto riguarda eventuali indennità, il riconoscimento di un'invalidità civile dopo il pensionamento non comporta alcun beneficio di carattere economico, a meno che non venga riconosciuto il diritto all'indennità di accompagnamento.-

      Elimina
  53. Ciao Gianfranco!
    Mi chiamo Alessandro, ti scrivo da Romania. Complimenti per gli informazioni che ci dai!
    La mia moglie ha lavorato 10 anni in Italia, da 2003 a 2012. No ha potuto continuare il lavoro in Italia da causa che lo stress, la lontananza dalla famiglia ha provocato una malattia, la schizofrenia, pero ha lavorato a casa, in Romania.
    Due anni non ha voluto rivolgersi al medico, perché e stata convinta, che non e malata. Adesso deve compararsi alla commissione medico legale per ottenere la pensione di malattia, pero, ci hanno informato, che alla base di qualche norme europee, probabilmente avrebbe il dritto da ottenere indennità di pensione di malattia, anche da Italia.
    Prego dimmi se e vero, quale sono gli condizioni, e dove posso trovare informazioni completi sul questo soggetto.
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessandro!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Purtroppo NO!
      Ogni indennità in Italia è legata alla residenza, quindi se Tua moglie è ritornata in Romania non ha diritto ad alcuna indennità, ma solo alla pensione di vecchiaia in base ai contributi versati, al raggiungimento dell'età pensionabile.-

      Elimina
  54. Egr. dott. Censori,
    percepisco una pensione cat. IO/ART di 535 euro al mese. Mi spettano gli assegni familiari?
    La ringrazio anticipatamente per la risposta.
    Mario

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mario!
      Assegni familiari:
      QUANTO SPETTA
      - Euro 8,18 mensili ai coltivatori diretti, coloni, mezzadri per i figli ed equiparati;
      - Euro 10,21 mensili ai pensionati delle gestioni speciali per i lavoratori autonomi e ai piccoli coltivatori diretti per il coniuge e i figli ed equiparati;
      - Euro 1,21 mensili ai piccoli coltivatori diretti per i genitori ed equiparati

      Elimina
  55. Buongiorno,
    ho inoltrato domanda di invalidita' e accompagno per una signora 75 anni, nel frattempo la malattia si e' evoluta e la signora e' stata ricoverata in fin di vita e non riuscira' a presentarsi alla visita medico legale.
    Chiedo gentilmente come procedere in questi casi?
    grazie
    Mario

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mario!
      Appena vi arriva la convocazione con l'appuntamento per la visita, nella stessa lettera ci sono dei numeri di telefono da contattare nel caso che la persona invalida non sia trasportabile, comunicherete quindi dove si troverà al momento, e pertanto se sarà o meno ancora in vita.-
      Il seguito si vedrà a suo tempo in base a come si evolverà la situazione.-

      Elimina
  56. Il 29 luglio del 2014, tramite patronato, ho richiesto la maggiorazione sociale per mio fratello ultrasettantenne e invalido con accompagnamento. Durante questi mesi ho sollecitato la pratica sia al patronato e all'inps a cui il patronato mi ha consigliato di rivolgermi. Sono stato all'inps la prima volta il 7 aprile facendo il sollecito e tornato a casa ho controllato con il codice pin la pratica e porta la dicitura trasferimento ad altra sede e trattazione in prima istanza. Ho atteso fino ai primi di luglio e non succedendo ancora niente sono tornato di nuovo all'inps e mi hanno consigliato di rivolgermi nella sede inps provinciale in cui risiede mio fratello perchè ricoverato in una casa di riposo di provincia. Secondo lei è giusto che sia passato oltre un anno e non hanno ancora lavorato la pratica? Non solo il mio parente non ha avuto riconosciuto il diritto già da quando ha compiuto 60 anni e nemmeno i settanta visto che ho presentato la richiesta quando aveva già compiuto 71 anni (per ignoranza della legge di cui nessuno ti mette al corrente) e quindi ha perso più di dieci anni di aumento, ancora adesso nonostante l'inoltro della domanda non lavorano la pratica forse aspettano che passi a miglior vita?
    Quando devono togliere, come nel caso di mia moglie ammalata di cancro da agosto 2010 che in tutti i 5 anni hanno chiamato a vista per ben 4 volte e largamente in anticipo, in aprile con l'ultima visita, hanno redatto il nuovo verbale con l'invalidità scesa dal 76% al 68% ( di cui non ho capito il motivo dato che mia moglie ha subìto l'asportazione della mammella e di tutti i linfonodi del cavo ascellare, chemioterapia, radioterapia e successive cure e controlli di cui non potrà fare a meno sino a che vive), hanno lavorato la pratica e da agosto non avrà più l'assegno, in soli tre mesi hanno compiuto l'iter. Molto bravi per togliere e per dare non sono troppi più di 12 mesi per la lavorazione di una pratica?
    Cosa mi consiglia di fare? La ringrazio per l'attenzione che vorrà dedicarmi e la saluto cordialmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra strano che il patronato ti abbia consigliato di rivolgerti direttamente all'INPS perché è un loro compito sollecitare all'INPS l'evasione delle pratiche da loro presentate.-
      Purtroppo se il patronato se ne sta lavando le mani, l'unica cosa che puoi fare è quella di presentarti periodicamente alla sede INPS di zona per sollecitare lì'evasione della tua pratica.-

      Elimina
  57. Salve avvocato abbiamo ricevuto risposta della domanda di invalidità per mia mamma con punteggio 85% ora lei deve essere aiutata e seguita da o assistenti sociali o presso un centro diurno ma ci aspetta un assegno o cmq un aiuto economico con questo punteggio ora a chi ci dobbiamo rivolgere per essere aiutati ,,,,le chiedo questo perché ne il dott di base ne l geriaTra ci hanno saputo dire che usl ma accompagnamento si può fretta domanda a chi caaf usl dove grazie mille avvocato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo dopo i 65 anni d'età il riconoscimento di un'invalidità civile dell'85% non comporta alcun beneficio di carattere economico, e non è prevista nemmeno l'indennità di accompagnamento.-

      Elimina
  58. Buonasera,

    Il mio padre ha un stadio grave di tumore. E' cittadino straniero con citadinanza italiana. Lui ha lavorato con contratto di lavoro per cca. 13 mesi. Posso fare qualqosa per lui perche' non e' in grado di lavorare. Si puo' fare qualche pensione.

    Grazie mille,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tuo padre può presentare all'INPS la domanda di invalidità civile!
      Il medico di famiglia emetterà un certificato medico che trasmetterà per via telematica all'INPS; poi con una copia del certificato potrete rivolgervi a un patronato che vi seguirà per tutto l'iter burocratico successivo.-

      Elimina
  59. Gentile Dott. Censori riguardo al bonus Renzi ci rientrano solo le persone che percepiscono una pensione al di sopra dei 1400 euro?
    La ringrazio e le invio calorosi saluti
    Giulia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia!
      Se ti riferisci al rimborso per il blocco delle indicizzazioni, in seguito alla sentenza della Cassazione, ne ha diritto solo chi percepisce una pensione che si colloca nella fascia tra 1.500 e 3.000 euro lordi mensili.-

      Elimina
  60. scusi Dott.Censori ma il netto a quanto deve essere? io sono orfana di madre e mia madre percepiva 958 euro netti mensili, ci rientra? e se si cosa devo fare io, mia madre è mancata a febbraio 2014.
    la ringrazio e mi scuso per il tempo che le rubo buona serata
    Giulia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia!
      Purtroppo NO!
      Una pensione netta di 958 euro corrisponde a una pensione lorda di circa 1.100 euro, quindi significa che Tua madre a suo tempo non era rientrata nel blocco delle indicizzazioni.-

      Elimina
  61. Ho 59 anni e nel 2010 sono stata operata (LARINGECSTOMIA TOTALE CON TRACHEOSTOMIA DEFINITIVA) Ho avuto l'invalidita' del 100% Per due anni,alla prima revisione mi hanno dato 85%, La settimana scorsa ho avuto un'altra revisione e mi hanno dato solo il 75%....Percepisco un'assegno ordinario.....L'anno prossimo dovrei rifare domanda e revisione per la terza volta.... verrei sapere se con il 75% ho ancora diritto a percepirLo?
    Distinti saluti
    Elvy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La normativa prevede che si ha diritto all'assegno ordinario di invalidità con un'infermità fisica o mentale, accertata dal medico dell'INPS, che provochi una riduzione permanente di due terzi della capacità di lavoro, in occupazioni confacenti alle attitudini del lavoratore, quindi non è direttamente collegato con la percentuale di invalidità civile.-

      Elimina
  62. buongiorno Dott Censori vorrei porle una domanda..percepisco una pensione di 11 mila euro l"anno,l"irpef del 23% lo pago sul intera cifra o sulle 3500 euro calcolando che 7500 euro dovrebbero essere in no tax grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il criterio di calcolo dell'IRPEF è leggermente diverso, nel senso che prima bisogna calcolare il 23% di IRPEF sul totale del reddito da pensione per togliere poi la detrazione da pensione spettante in base alla fascia di reddito.-

      Elimina
  63. salve dottore, il 13 Gennaio 2016 compio 65 anni e sono invalido dal 2006 al 100%100 e percepisco una pensione categoria IO di 859 euro più 279 euro x la pensione di invalidità, cosa devo fare al compimento dei 65 anni? La pensione di invalidita passa in sociale in aggiunta alla pensione ordinaria? E se è si quanto mi spetterebbe? Premetto che non ho altri redditi in famiglia essendo solo.
    grazie x l'eventuale risposta è le porgo i più distinti saluti
    francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco!
      Al compimento dei 65 anni di età, la pensione di invalidità viene trasformata automaticamente in assegno sociale, con i limiti di reddito dell'invalidità civile, e l'importo aumenta per diventare quello dell'assegno sociale.-

      Elimina
    2. Gentile Dott. Censori, ho fatto domanda di aggravamento è mi è arrivata la raccomandata con invalidità al 85% ma il mio reddito attuale è di 8700. Posso togliermi dalla mente che mi daranno altra pensione?
      grazie
      Marco

      Elimina
    3. Ciao Marco!
      Purtroppo SI!
      Un invalidità dell'85% per chi percepisce un reddito annuale superiore a 4.795,97 euro, non comporta alcun beneficio di carattere economico.-

      Elimina
  64. Salve dottor Censori come le avevo scritto il 13 Gennaio 2016 compio 65 anni e sono invalido dal 2006 al 100% e percepisco una pensione categoria IO di 859 euro più 279 euro x la pensione di invalidità, cosa devo fare al compimento dei 65 anni?
    Lei mi aveva risposto che al compimento dei 65 anni di età, la pensione di invalidità viene trasformata automaticamente in assegno sociale, con i limiti di reddito dell'invalidità civile, e l'importo aumenta per diventare quello dell'assegno sociale.-
    Scusi la mia completa ignoranza , ma la mia pensione di CAT IO di euro 859 rimane ?
    o che fine farà? poi l'assegno di invalidita che attualmente è di 279 euro vengono aggiunti alla pensione di CAT IO Di euro 859 ?
    Secondo lei calcolando che con ho altri redditi quanto mi spetterebbe al compimento dei 65 anni ? Mi scusi x la mia preoccupazione ma il tempo si avvicina e non ho capito ancora bene Cosa mi aspetta.
    le sono grato x la sua risposta è le porgo i piu distinti saluti.
    Francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco!
      Se i tuoi redditi sono solo quelli che mii fornito, al compimento dei 65 anni + 3 mesi d'età, l'assegno di invalidità passerà da 279 a 449 euro, mentre la pensione di CAT IO di 859 euro rimarrà invariata.-

      Elimina
  65. dottor censori buon giorno ,le volevo chiedere essendo invalidi al 100x100 63 anni e 14 anni solo di contributi ,non posso piu lavorare causa la mia malattia ,con solo 14 anni di contributi mi hanno detto che non posso chiedere la pensione di vecchiaia ? e vero se la risposta e si,c e qualche cosa che posso chiedere all inps oltre all assegno d invalidità e all accompagno?in sostanza che fine fanno 14 anni di contributi?grazie del suo tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Purtroppo è vero!
      Se non si versano almeno 20 anni di contributi, i contributi versati all'INPS vanno perduti, quindi al compimento dei 65 anni d'età si avrà diritto solo all'assegno sociale se si rientrerà nei limiti di reddito personale e coniugale.-

      Elimina
  66. Grazie dottor Censoni con la sua risposta mi ha reso l'uomo più felice del mondo. Si i redditi purtroppo sono quelli . Grazie ancora e complimenti e x le informazioni che da ai suoi lettori.
    Francesco

    RispondiElimina
  67. buona sera,sono invalido civile al 100x100 con accompagno,a novembre del 2014 ho fatto domanda tramite patronato (incremento maggiorazione finanziaria 2002
    ) a decorrere dal da gennaio 2013 e cioe dall anno dopo aver compiuto 60 anni, essendo del 1952,praticamente con mio stupore per la bella notizia,perche oltre agli arretrati mi anno aumentato la pensione d invalidità di 10 euro e mi danno anche 183 euro per la maggiorazione per un totale di 473 euro,percepisco una piccola rendita (inail)18 punti mi danno 180 euro,ora approfittanto della sua professionalità nel spiegare le cose le chiedo al compimento dei 65 anni mi daranno la pensione sociale come leggo in questa rubrica al posto della pensione d invalidità,ma mi lascieranno anche la maggiorazione e la rendita inail?per favore mi faccia stare tranquillo nel rispondermi e per questo le sono grato .grazie tanto dimenticavo non posso chiedere la pensione contributiva perche ho poco contrbuti.buona sera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se l'importo attuale della pensione di invalidità è di 473 euro, presumo che si tratti non dell'assegno mensile di assistenza ma dell'assegno ordinario di invalidità, che al compimento dei 65 anni d'età verrà trasformato d'ufficio in pensione di vecchiaia, compatibile con la rendita INAIL, ma non avrai diritto all'assegno sociale.-

      Elimina
  68. Buonasera Dott. Censori, volevo chiederle, percependo una pensione di inabilità lavorativa 100%, fino a quando la percepirò, se fino alla fine o c'è un limite di età. Non percepisco l'assegno di invaidità civile perchè supero il reddito lordo di 16000 euro circa.

    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pensione di inabilità non è definitiva, quindi può essere soggetta a revisione in qualsiasi momento fino al compimento dei 65 anni d'età.-
      Al compimento dei 65 anni d'età non viene trasformata in pensione di vecchiaia, ma in assegno sociale.-

      Elimina
  69. Salve dottor Censori sono sempre io francesco non so se è importante ma mi dimenticavo di dirle che la mia pensione di CAT IO è al Netto di 859 euro più 279 di invalidità civile, vale sempre la risposta che mi ha inviato precedentemente?
    Naturalmente non ho altri redditi. Mi perdoni x il disturbo. Grazie.
    francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco!
      Con un'invalidità del 100% il limite di reddito per il diritto all'assegno sociale da invalidità civile è pari a 16.523,30 euro lordi annuali complessivi, quindi se rientri nel suddetto limite di reddito, vale la risposta precedente.-

      Elimina
  70. dottor censori. buon giorno ,prima di tutto la ringrazio per la risposta e per il suo tempo che dedica a noi,allacciantomi alla mia domanda del 17 agosto ore 19:23,lei mi dice che evidentemente io percepisco l assegno ordinario di invalidità e non l assegno mensile di assistenza questo non lo ancora capito sapevo tramite questo suo forum che esistono le due cose ma siccome a me la cosa non interessava non ci facevo caso,in questo caso mi trovo spiazzato le posso dire che io tramite ricorso al giudice ,sono passato da un invalidità 85x100 (asl)a 100x100,con accompagno e percio in possesso di una sentenza ,e anche del certificato mandatomi dall inps dove si legge che io non sarò piu chiamato a visita di controllo ne a visita di revisione d.m2/8/2007. e prima della maggiorazione prendevo 279 euro mensile con la maggiorazione l assegno e aumentato di 10 euro ,e 183 euro per la maggiorazione il tutto specificato nel certificato che mi a mandato l inps modello t08,lei mi dice pure che al compimento di 65 anni mi spetta la pensione di vecchiaia ma io come le dicevo ho poco contributi (14 anni) non capisco come possono darmi la pensione di vecchiaia sapendo che per ottenerla bisogna avere come minimo 20 anni di contributi in questo caso sono in confusione per favore mi faccia capire meglio le sono molto grato .buon giorno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      Evidentemente non mi sono spiegato bene!
      Al compimento dei 65 anni d'età la Tua pensione cambierà solo nome da pensione di invalidità a pensione di vecchiaia, ma l'importo rimarrà lo stesso.-

      Elimina
  71. Buongiorno dottor censori sono francesco, ma nel limite di reddito di euro 16.523,30
    viene incluso anche l'invalidità che io percepisco di 279 euro al mese ? io prendo 13.013 lordi all'anno , se mi viene incluso anche l'invalidità sarei fuori dal limite di reddito. Speriamo di no , non avendo altri redditi mi troverei in difficoltà.
    Mi spetta anche a me i 2 mesi all'anno di contributi supplementari x l'invalidità civile essendo al 100 x 100 ?
    Mi perdoni se la sto martellando di domande , per me è molto importante sapere cosa mi aspetta prima che avrò compiuto fra pochi mesi i 65 anni .
    mi scusi del disturbo e le porgo i più distinti saluti. Grazie di tutto.
    francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco!
      - NO! Nel limite di reddito di 16.523,30 euro non viene compreso l'importo di 279 euro al mese di invalidità che percepisci.-
      - NO! Non Ti spettano i 2 mesi all'anno di contributi supplementari.-

      Elimina
  72. dotto censori buon giorno , allacciandomi alla mia domanda del 20 agosto ore 12:55 lei mi ha risposto che cambia solo il nome da pensione di invalidità a pensione di vecchiaia,e per questo la ringrazio ,ma quello che ancora non capisco io tuttora come si chiama la mia pensione assegno mensile di assistenza o assegno ordinaio di invalidità c e qualche articolo che io possa leggere nella sentenza o qualche dicitura da leggere sempre nella sentenza .grazie ancora della sua immensa pazienza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tipo di pensione che percepisci puoi verificarlo o consultando il Tuo Obis M o verificando dalla documentazione dell'INPS in Tuo possesso.-

      Elimina
  73. Salve dottor Censori sono sempre francesco, le vorrei fare un'ultima domanda è poi non la disturbo più. Al compimento dei 65 anni che avvera' il 13 Gennaio cosa devo fare al riguardo della mia pensione Cat IO e dell'invalidità civile che poi passerà in assegno sociale ? Visto che rientro nel limite di reddito devo fare qualche domanda o richiedere che le 2 pensioni vengano unite o altro?
    La ringrazio del suo aiuto e la ringrazio anticipatamente.
    Francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco!
      Nel 2016, al compimento dei 65 anni + 7 mesi d'età, la pensione di invalidità civile verrà automaticamente trasformata in assegno sociale, quindi non dovrai presentare alcuna domanda all'INPS.-

      Elimina
  74. Scusi dottor censori perché 65 anni + 7 mesi ? Sono i 7 mesi che non capisco. Grazie
    francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco!
      Purtroppo la legge Fornero ha spostato anche il limite d'età per il diritto all'assegno sociale che aumenterà progressivamente nel tempo:
      Infatti fino al 2012 era a 65 anni
      dal 2013 al 2015 a 65 anni + 3 mesi
      dal 2016 al 2017 a 65 anni + 7 mesi
      nel 2018 a 66 anni + 7 mesi
      e così via di seguito!

      Elimina
    2. ad aprile 2013, mi è stato riconosciuto il diritto all'assegno ordinario d'invalidità. Adesso, come si rinnova? Mi chiamerà l'inps per un controllo se sono ancora idonea........o devo fare io qualcosa ? E cosa. Mi può indicare la procedura? Grazie
      maria

      Elimina
  75. Dott.CENSORI, le chiedo questa informazione, sono invalido all'80% e posso quindi chiedere di andare in pensione al 60° anno di eta' che compiro' il 18/01/2017. quli sono le tappe successive per ottenere la pensione ?. So che devo presentare la domaNda dopo 3 mesi dal compimento dell'eta' anagrafica e aspettare 1 anno per la verifica della commissione INPS...poi quanto tempo serve? a quale data presumibile andro' ?
    Grazie per la possibile risposta. Distinti saluti

    RispondiElimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.