Passa ai contenuti principali

Pensione di vecchiaia - Sistema Retributivo e Misto

È una prestazione economica erogata, a domanda, in favore dei lavoratori dipendenti e autonomi, che hanno:

  • raggiunto l'età stabilita dalla legge;
  • perfezionato l'anzianità contributiva e assicurativa richiesta;
  • cessato il rapporto di lavoro alle dipendenze di terzi alla data di decorrenza della pensione, fermo restando che, qualora la rioccupazione intervenga presso diverso datore di lavoro, non occorre una soluzione di continuità con la precedente attività lavorativa.

La pensione di vecchiaia decorre dal primo giorno del mese successivo a quello nel quale l’assicurato ha compiuto l'età pensionabile. Nel caso in cui a tale data non risultino soddisfatti i previsti requisiti di anzianità assicurativa e contributiva, la pensione decorre dal primo giorno del mese successivo a quello in cui vengono raggiunti tali requisiti. Infine, su richiesta dell’interessato, la pensione decorre dal primo giorno del mese successivo a quello nel quale è stata presentata la domanda.

Ai fini del conseguimento della prestazione pensionistica è richiesta la cessazione del rapporto di lavoro dipendente. La pensione anticipata decorre dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda.

Ai fini del conseguimento della prestazione pensionistica è richiesta la cessazione del rapporto di lavoro dipendente. Non è, invece, richiesta la cessazione dell'attività svolta in qualità di lavoratore autonomo.


Sistema Retributivo


Si applica ai lavoratori e alle lavoratrici che al 31/12/1995 avevano un'anzianità contributiva pari o superiore a 18 anni.Possono richiedere la pensione di vecchiaia gli uomini che abbiano compiuto 65 anni di età e le donne che abbiano compiuto 60 anni ed abbiano un'anzianità contributiva di almeno 20 anni.
Rimangono ancorati al vecchio requisito dei 15 anni di anzianità contributiva coloro che:

  • al 31 dicembre 1992 avevano già raggiunto i 15 anni di contributi
  • al 31 dicembre 1992 avevano già compito l'età pensionabile
  • erano stati autorizzati ai versamenti volontari prima del 31/12/1992
  • con almeno 25 anni di assicurazione, siano stati occupati per almeno 10 anni anche non consecutivi, per periodi inferiori a 52 settimane nell'anno solare

L'importo della pensione viene calcolato in base agli anni e all'entità dei contributi versati; per farsi un'idea sommaria si può calcolare un 2% del proprio stipendio da moltiplicare per gli anni di lavoro; esempio 25 anni di contributi e uno stipendio di euro 1.200,00 la pensione sarà di circa di euro 600,00 mensili (1.200 x 50%).

Sistema Misto o Pro Rata

Si applica ai lavoratori o alle lavoratrici che al 31/12/1995 avevano un'anzianità contributiva inferiore a 18 anni.-Il sistema misto rimane ancorato alle regole del sistema retributivo fatto salvo le modalità di calcolo della pensione che sono in pro rata.-
Ovvero con il sistema retributivo per i contributi versati entro il 31 dicembre 1995 e con il sistema contributivo per il resto dei contributi.-
La legge offre la possibilità a coloro che sono stati assunti prima del 31 dicembre 1995 di scegliere la pensione calcolata esclusivamente con il sistema contributivo a condizione che abbiano una contribuzione pari o superiore a 15 anni di cui almeno 5 versati nel sistema contributivo (e cioè successivi al dicembre 1995). Non possono esercitare l'opzione coloro che al 31 dicembre 1995 avevano già raggiunto i 18 anni di contributi.

Pensioni di vecchiaia dal 2014


Anno    Lavoratrici - Lavoratrici - Lavoratrici -  Lavoratori  - Lavoratori
            pubblico       s. privato      s. privato      s. pubblico    settore
            impiego        dipendenti     autonome     s. privato       autonomo

2014   66+3 mesi     63+9 mesi    64+9 mesi    66+3 mesi     66+9 mesi
2015   66+3 mesi     63+9 mesi    64+9 mesi    66+3 mesi     66+9 mesi
2016   66+7 mesi     65+7 mesi    66+1 mese   66+7 mesi     67+4 mesi
2017   66+7 mesi     65+7 mesi    66+1 mese   66+7 mesi     67+4 mesi
2018   66+7 mesi     66+7 mesi    66+7 mesi    66+7 mesi     67+4 mesi
2019   66+11 mesi   66+11 mesi  66+11 mesi  66+11 mesi   66+11 mesi
2020   66+11 mesi   66+11 mesi  66+11 mesi  66+11 mesi   66+11 mesi
2021   67+2 mesi     67+2 mesi    67+2 mesi    67+2 mesi     67+2 mesi
2022   67+2 mesi     67+2 mesi    67+2 mesi    67+2 mesi     67+2 mesi
2023   67+5 mesi     67+5 mesi    67+5 mesi    67+5 mesi     67+5 mesi
2024   67+5 mesi     67+5 mesi    67+5 mesi    67+5 mesi     67+5 mesi
2025   67+8 mesi     67+8 mesi    67+8 mesi    67+8 mesi     67+8 mesi
2026   67+8 mesi     67+8 mesi    67+8 mesi    67+8 mesi     67+8 mesi
2027   67+11 mesi   67+11 mesi  67+11 mesi  67+11 mesi   67+11 mesi
2028   67+11 mesi   67+11 mesi  67+11 mesi  67+11 mesi   67+11 mesi
2029   68+1 mese    68+1 mese   68+1 mese   68+1 mese    68+1 mese
2030   68+1 mese    68+1 mese   68+1 mese   68+1 mese    68+1 mese
2031   68+3 mesi     68+3 mesi    68+3 mesi    68+3 mesi     68+3 mesi
2032   68+3 mesi     68+3 mesi    68+3 mesi    68+3 mesi     68+3 mesi
2033   68+5 mesi     68+5 mesi    68+5 mesi    68+5 mesi     68+5 mesi
2034   68+5 mesi     68+5 mesi    68+5 mesi    68+5 mesi     68+5 mesi
2035   68+7 mesi     68+7 mesi    68+7 mesi    68+7 mesi     68+7 mesi
2036   68+7 mesi     68+7 mesi    68+7 mesi    68+7 mesi     68+7 mesi
2037   68+9 mesi     68+9 mesi    68+9 mesi    68+9 mesi     68+9 mesi
2038   68+9 mesi     68+9 mesi    68+9 mesi    68+9 mesi     68+9 mesi
2039   68+11 mesi   68+11 mesi  68+11 mesi  68+11 mesi   68+11 mesi
2040   68+11 mesi   68+11 mesi  68+11 mesi  68+11 mesi   68+11 mesi
2041   69+1 mese    69+1 mese   69+1 mese   69+1 mese    69+1 mese
2042   69+1 mese    69+1 mese   69+1 mese   69+1 mese    69+1 mese
2043   69+3 mesi     69+3 mesi    69+3 mesi    69+3 mesi     69+3 mesi
2044   69+3 mesi     69+3 mesi    69+3 mesi    69+3 mesi     69+3 mesi
2045   69+5 mesi     69+5 mesi    69+5 mesi    69+5 mesi     69+5 mesi
2046   69+5 mesi     69+5 mesi    69+5 mesi    69+5 mesi     69+5 mesi
2047   69+7 mesi     69+7 mesi    69+7 mesi    69+7 mesi     69+7 mesi
2048   69+7 mesi     69+7 mesi    69+7 mesi    69+7 mesi     69+7 mesi
2049   69+9 mesi     69+9 mesi    69+9 mesi    69+9 mesi     69+9 mesi
2050   69+9 mesi     69+9 mesi    69+9 mesi    69+9 mesi     69+9 mesi

Su questo articolo possiamo trovare le norme non più in vigore sulle Pensioni di vecchiaia.

Vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

Commenti

  1. Buongiorno, volevo chiedervi una cosa. Il mio papà è un classe 1952 e rientra nella categoria dei cosiddetti " quindicenni " della deroga Amato avendo i 15 anni di contributi versati entro il 31/12/1992.... Avendo solo quei contributi, se l' importo della pansione risultasse, come è ovvio che sia troppo basso, godrebbe dell' integrazione? potrà beneficiare dell' assegno familiare per coniuge a carico? A quale età potrà usufruire di questa pensione? Nel ringraziarvi anticipatamente, vi porgo i miei più cordiali saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tuo padre essendo nato nell'anno 1952, potrà andare in pensione di vecchiaia al compimento dei 66 anni + 7 mesi d'età, e se tua madre è senza redditi avrà diritto all'integrazione al minimo + gli assegni familiari per la moglie.-

      Elimina
    2. Grazie signor Gianfranco,siete stato gentilissimo, buona serata!

      Elimina
    3. Signor Gianfranco sono Diego Moronese di cui sopra, ma poiché sto seguendo molto la situazione di mio padre, a quanto pare quelli con i 15 anni al 31/12/1992 sono esclusi dall' ottava salvaguardia?? Se si come mai? Papà deve aspettare per forza i 66 anni e 11 mese? Grazie ancora e cordiali saluti.

      Elimina
    4. Ciao Diego!
      Chi ha raggiunto i 15 anni di contributi al 31/12/1992 avrà comunque diritto alla pensione di vecchiaia, anche se complessivamente non è arrivato a 20, ma solo al raggiungimento dell'età pensionabile, e non mi risultano ulteriori agevolazioni, perché il poter andare in pensione di vecchiaia con solo 15 anni di contributi è già un'agevolazione.-

      Elimina
    5. In effetti è così signor Gianfranco, solo che pensavo che facevano un' unica soluzione per tutti i quindicenni, quelli più giovani e quelli appartenenti alla deroga Amato....Ad ogni modo, grazie per la sua gentilezza e tempestività nel darci risposte concrete e precise. Cordiali saluti.

      Elimina
    6. Ciao Diego!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  2. Salve,scrivo per la mia compagna lavoratrice del novembre 1952 che al 31.12.1995. e da questa data non ha piu' lavorato, aveva 22 anni di contributi nel privato.al novembre 2016 ,64 anni.Quando pensione?poteva gia' a 60 anni?grazie ,saluti, Quintino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Quintino!
      La Tua compagna essendo nata a novembre del 1952, potrà andare in pensione di vecchiaia al raggiungimento dei 66 anni + 11 mesi d'età, quindi a novembre del 2019.-

      Elimina
  3. Salve signor censori ma leggo che sono stai congelati gli aumenti dell' aspettativa di vita è vero? Mio padre dovrebbe andare il pensione nel 2019 a 66 e 11 mesi, ma se questo fosse vero andrebbe a 66 e 7 mesi? Grazie ancora e buone feste!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Non mi risulta niente del genere, ed immagino quindi che si tratti di una delle tante proposte presentate o da presentare in Parlamento, e dobbiamo quindi attendere gli eventuali sviluppi nei prossimi anni.-

      Elimina
    2. Ok attendiamo, grazie mille.

      Elimina
  4. Signor Gianfranco anche io ho letto di questa cosa delle età, cioè dei 66 e 7 congelati. Buone feste.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. OK!
      Ne riparliamo a gennaio, quando avremo i decreti attuativi inerenti la legge di stabilità approvata dal Parlamento il mese scorso.-

      Elimina
    2. Ok grazie e ne approfitto di farle i miei più sinceri complimenti signor Gianfranco, lei è davvero una persona eccezionale e preparata.Ci riaggiorniamo a gennaio buon anno nuovo!!

      Elimina
    3. Ti ringrazio per i complimenti!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  5. Buona sera, buon anno a tutti e a Lei signor Gianfranco. Mi riallaccio ai commenti precedenti e le chiedo anche io di poterci dare dei chiarimenti sul fatto del congelamento dell' età pensionabile. Io sono nato il 1 luglio del 1952 e appartengo ahimè alla categoria quindicenni della deroga Amato per chi possiede i 15 anni di contributi entro il 31/12/1992 per i quali valgono tutti anche quelli figurativi. Anche se si parla di pochi mesi sarebbe comunque importante.... La ringrazio ancora auguri di buon anno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non appena approvate le norme attuative della legge di stabilità potremo avere informazioni più precise in merito.-

      Elimina
  6. Ha saputo qualcosa signor Censori? In merito al congelamento dell'età pensionabile? Cordiali saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se passasse l'ipotesi dell'adeguamento nullo, i requisiti per il pensionamento nel biennio 2019-2021 resterebbero gli stessi dell'attuale triennio con la pensione di vecchiaia ordinaria conseguibile a 66 anni e 7 mesi e quella anticipata a 42 anni e 10 mesi di contributi a prescindere dall'età anagrafica. Un anticipo di ben cinque mesi rispetto ai requisiti previsti secondo lo scenario del 2011. I requisiti salirebbero di tre mesi a partire dal 2021 (ma di cinque quelli per la vecchiaia per rispettare il minimo di 67 anni richiesto dall'Ue). La scelta ufficiale sarà nota comunque il prossimo anno: alla fine del 2017 il Ministero dell'Economia fisserà con apposito decreto l'adeguamento da attribuire al biennio 2019-2021.-

      Elimina
  7. Buongiorno dott. Gianfranco, sono Claudio e avrei la necessità di porre due semplice quesiti. Vorrei cortesemente sapere quale è la data di decorrenza della mia pensione, tenendo presente che ho iniziato a lavorare regolarmente ( cioè con i contributi versati regolarmente) in data 01 Ottobre 1975. Purtroppo sul sito INPS non c'è la possibilità di inserire la data di inizio dell'attività lavorativa per poi avere, con un calcolo automatico, la data decorrenza della pensione.

    La seconda domanda è: quanti mesi prima della data di decorrenza della pensione devo rivolgermi ad un patronato per inoltrare attraverso di loro la domanda di pensionamento?
    La ringrazio e attendo sua cortese risposta
    Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Claudio!
      - Con 41 anni contributi versati a settembre 2016, potrai andare in pensione anticipata con 42 anni + 43 settimane, quindi ad agosto 2018.-
      - La domanda di pensione andrebbe presentata circa 3 mesi prima della decorrenza, perché sono questi i tempi tecnici di evasione di una pratica da parte dell'INPS.-

      Elimina
  8. Signor Censori, buonasera,mi chiamo Salvatoree sento spesso parlare di integrazione al minimo inps.... ma c'è un nesso con la pensione sociale o conviene quella minima??? Nel senso che decide la persona o l' inps in base ai requisiti? Chiedo scusa per il giro di parole ma spero di avervi reso l' idea del mio dubbio. Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Salvatore!
      La pensione anticipata o di vecchiaia è legata ai contributi versati, mentre chi non ha versato contributi o non ha raggiunto almeno 20 anni, ha diritto all'assegno sociale se rientra nei limiti di reddito personale e coniugale.-
      Integrazione al minimo, significa che se in base ai contributi versati si matura una pensione inferiore al minimo, se si rientra nei limiti di reddito, l'INPS la integra al minimo che attualmente di circa 500 euro.-

      Elimina
    2. Signor Gianfranco, sono Salvatore di cui sopra.... ho fatto fare a mio figlio il calcolo sul sito inps di simulazione ed essendo io un cosiddetto quindicenne della deroga amato, esce una pensione di 380 euro... Essendo l' assegno sociale di 448 e non avendo altri redditi avendo avrò l' integrazione? Vivendo solo io e mia moglie lei al compimento dell'età potrà richiedere la sociale?? Nel ringraziarla per gentilezza e professionalità, vi porgo i miei saluti.

      Elimina
    3. Ciao Salvatore!
      Se al 31/12/1992 avevi versato almeno 15 anni di contributi, al raggiungimento dell'età pensionabile, in assenza di altri redditi, avrai diritto alla pensione di vecchiaia integrata al minimo.-
      Tua moglie invece al raggiungimento dell'età pensionabile avrà diritto all'assegno sociale.-

      Elimina
    4. Si signor Censori in effetti è così, ho maturato i 15 anni di contributi entro il 31/12/1992.... poi col lavoro sono stato un po' sfortunato... Devo comunque aspettare i 66 anni e 11 mesi.. e sono nato l' 1/7/1952.... e ho solo quei 15 anni. Ad ogni modo la ringrazio e la saluto.Salvatore.

      Elimina
    5. Ciao Salvatore!
      Purtroppo SI!
      Essendo nato a luglio del 1952, potrai andare in pensione di vecchiaia solo al compimento dei 66 anni + 11 mesi d'età, quindi a luglio del 2019.-

      Elimina
  9. Buona sera dott. Censori.
    Sono nato il 5,1,1954 e ho maturato al 22/07/1990 13 anni nove mesi e dieci giorni con vari lavori. Da allora ho lavorato ininterrottamente fino a oggi e continuerò fino al giorno del pensionamento nello Stato. Può dirmi quanto andrò in pensione e con quale pensione (retributiva o contributiva)? la ringrazio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco!
      Essendo nato a gennaio del 1954, potrai andare in pensione anticipata, che verrà calcolata con il sistema misto, al raggiungimento dei 43 anni + 8 settimane di contributi.-

      Elimina
    2. Grazie, con molta delusione.
      Marco

      Elimina
    3. Ciao Marco!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  10. buona sera dott. Censori,
    ho 55 anni compiuti ,sono disoccupata da alcuni anni non sono mai riuscita a trovare lavoro .Avendo circa 29 anni di contributi, ci può essere un modo di andare in pensione anche penalizzata? Sarei molto contenta se ci fosse una soluzione. Non sono sposata e devo dipendere da una mia sorella e mamma anziana. In attesa di una sua risposta ringrazio anticipatamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Loredana!
      Purtroppo NO!
      In base alla normativa attuale tu potrai andare in pensione solo con la pensione di vecchiaia, quindi al raggiungimento dei 68 anni d'età.-

      Elimina
  11. Signor Gianfranco buongiorno, una persona nata nel luglio 52, quando potrà prendere la sociale non avendo contributi? Grazie buona giornata!

    RispondiElimina
  12. Buongiorno signor Gianfranco mia zia è nata a luglio 52 , senza contributi quando prenderà assegno sociale? Grazie e cordiali saluti!

    RispondiElimina
  13. Signor Gianfranco i due quesiti di cui sopra sono posti dalla persona pensando che la prima volta non sia stato inviato il commento. Scrivo io a nome di mia zia e mi chiamo Diego. Scusi del disturbo e della ripetitività. Sembra che anche l' assegno sociale lo si si corre dietro...... Ancora cordiali saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Diego!
      Tua zia essendo nata a luglio del 1952, avrà diritto all'assegno sociale al compimento dei 66 anni + 11 mesi d'età, quindi a luglio 2019.-

      Elimina
    2. ok, che peccato per un mese deve aspettare un anno in più......... Cordiali saluti signor Gianfranco. Diego.

      Elimina
    3. Ciao Diego!
      Mi dispiace ma purtroppo è così!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  14. Buona sera, chiedo scusa, mi chiamo Mirella sono nata 27/12/1952 vorrei andare in Pensione con 20 anni di contributi ho questa situazione contributiva:
    contributi agricoli (colt.diretto/col. mezz.) 1967 - 1968 - 1969 - 1970 giorni 104+104+104+104 perciò in base ad un calcolo che in passato mi aveva fatto l'Inps dovrebbero corrispondere a n° 52 settimane all'anno X n° 4 anni = Tot. 208 settimane inoltre dal 1974 al 2016 ho lavorato per un totale di n° 972 settimane di contributi versati (estratto conto Inps) avrei un totale 1.180 settimane pari a (22 anni e sei mesi) Puntualizzo che in data 31/12/2012 (60 anni di età) avevo già raggiunto 20 anni di contributi versati.
    le chiedo cortesemente il suo Gentile e Cordiale seguente parere:
    In base alle ultime normative dell'Inps e governo posso avere diritto alla Pensione subito oppure devo attendere sine die
    Cordiali Saluti Mirella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mirella!
      Essendo nata a dicembre 1952, con 22 anni di contributi versati, potrai andare in pensione di vecchiaia al raggiungimento dei 66 anni + 11 mesi d'età, quindi a dicembre 2019.-

      Elimina
  15. Bongiorno mi chiamo Berciu constantin nato3genaio 1953in Romania,ho lavorato 26ani 4mese 14giorni in Romania e 9ani 19giorni in Italia come dipendente,ache eta potro andare in pensione da Italia ???Cordiali Saluti Constantino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In Italia potrai andare in pensione di vecchiaia al compimento dei 66 anni + 11 mesi d'età, quindi a gennaio 2020.-

      Elimina
    2. Grazie mille.

      Elimina
  16. Bongiorno sig.Censori mi chiamo Deaconu Steliana nata 16 agosto 1957 Romania,ho lavorato 25ani 11mese 23giorni in Romania e 2ani 11mese 23giorni in Italia come dipendente,ache eta potro andare in pensione da Italia ???Cordiali Saluti Steliana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essendo nata ad agosto del 1957, potrai andare in pensione di vecchiaia al compimento dei 67 anni + mesi d'età, quindi a maggio del 2025.-

      Elimina
    2. Grazie mille.

      Elimina
  17. Buonasera sig. Gianfranco,mi chiamo Daniela e sono nata il 7 agosto 1960 a dicembre 2016 ho maturato 1060 settimane di contributi premetto che sto pagando le volontarie dal 20008 la domanda é questa come viene calcolato l'importo della mia pensione e se continuo a pagare ulteriori volontarie fino al raggiungimento di 67 e 11 mesi di età l'importo sarà maggiore del minimo oppure no grazie ped l'attenzione accordatami

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela!
      Se continui a pagare ulteriori contributi volontari, l'importo della pensione sarà superiore al minimo, ma non credo che il gioco non valga la candela, perché la quota di pensione dal 2011 in poi verrà calcolata con il sistema contributivo, quindi in base ai contributi che effettivamente si verseranno.-
      Ti consiglio comunque di rivolgerti a un patronato per una simulazione di calcolo della tua pensione in base alle varie opzioni possibili, in modo che tu possa valutare costi e benefici.-

      Elimina
  18. Buongiorno sig. Censori,sono Michele che le chiedo a nome di mia moglie Franca un quesito . nata nel 1955 incomincio a lavorare il 1° febbraio del 1971 e smetto per motivi famigliari di lavorare il 1/1/ 2000maturando 1431 bollini totale anni 27,6 a maggio compio 62 anni quando potrò percepire qualcosa di pensione?la ringrazio e le auguro buon lavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Michele!
      Tua moglie Franca, essendo nata a maggio del 1955, con 27,6 anni di contributi versati, potrà andare in pensione di vecchiaia al compimento dei 67 anni + 2 mesi d'età, quindi ad agosto del 2022.-

      Elimina
  19. Buongiorno Gianfranco vado in pensione fra pochi mesi da polizia penitenziaria vorrei sapere se mi conviene fare ricongiunzione di settimane lavorate in comune 9 settimane e in albergo 46 settimane. Come si fa procedimento .costa molto.Mi conviene premetto che vado in pensione con 29 anni contributivi.Da polizia penitenziaria grazie e scusa per confusione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In base alla nuova legge di stabilità la ricongiunzione contributiva può essere fatta a titolo gratuito, ti consiglio quindi di rivolgerti al più vicino Ufficio INCA - CGIL per farti seguire per tutto l'iter burocratico necessario.-

      Elimina
  20. salve dott Censore sono Antonio e sono nato ad aprile nel 1951.. violevo delle informazioni sulla mia pensione... ho circa 27 anni di contributi e prendo la pensione (io)... volevo saper quando andra' in pensione dato che non si capisce niente con le nuove norme.. grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un altra domanda ma l assegno contributivo (io) viene unito alla pensione di vecchiaia? grazie

      Elimina
    2. Ciao Antonio!
      L'assegno ordinario di invalidità al compimento dell'età pensionabile viene trasformato d'ufficio in pensione di vecchiaia.-

      Elimina
    3. ma quando andro' in pensione?

      Elimina
    4. Ciao Antonio!
      Evidentemente mi sono spiegato male!
      Tu non hai diritto a un'altra pensione aggiuntiva, perché la tua è già stata calcolata con i contributi versati, quindi al compimento dell'età pensionabile, cioè a dicembre del 2017, cambierà solo il nome.-

      Elimina
  21. Buongiorno Dott.Censore,sono del sett.1953,ho maturato giusto 29 anni di contributi, compresi 3 anni di mobilita',sono stato dal sindacato e mi hanno fatto fare la domanda della " ottava salvaguardia, conoscendo i mie anni contributivi,sono rimasto meravigliato per la partecipazione....e' possibile? Grazie, saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti si tratta di una specie di sorteggio, quindi non bisogna farsi troppe illusioni, ma tentar non nuoce.-

      Elimina
  22. Signor Gianfranco, buon pomeriggio, si è saputo qualcosa sul congelamento dell' età pensionabile? Il caf ha detto a mio padre che nel 2019, causa abbassamento speranza di vita si continuerà ad andare in pensione a 66 anni e 7 mesi, le risulta? Grazie e cordiali saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Per quanto riguarda i requisiti pensionistici per il 2019 legati all'aspettativa di vita presumo che si saprà qualcosa di più preciso solo alla fine del prossimo anno.-

      Elimina
  23. Buongiorno w complimenti per la sua disponibilta'. Mi chiamo Raffaele. Mia sorella è insegnante orma da circa 25 anni. Prima aveva lavorato quale bracciante agricola per circa 10 anni. E’ possibile richiedere la ricongiunzione. Avevo sentito che ora dato che l’INPS e l’EX INPDAP sono un unico Istituto Previdenziale il ricongiungimento è gratuito. E’ vera questa notizia. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Raffaele!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      SI!
      Da quest'anno è possibile la ricongiunzione gratuita dei contributi versati direttamente all'INPS con quelli versati all'INPS ex INPDAP.-

      Elimina
  24. buona sera signor gianfranco volevo sapere del ape sono disoccupato 4 5 anni o 34 anni contributi si puo fare la domanda ,la legge e stata approvata o no ,o anni 62 o bisogna aspettare a 63 anni ,posso fare la domanda lo stesso grazie ,, mi chiamo vittorio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vittorio!
      L’APE può essere chiesta dai lavoratori iscritti all’assicurazione obbligatoria, alle forme sostitutive ed esclusive e alla gestione separata, che soddisfano le seguenti condizioni al moneto della richiesta:
      - Almeno 63 anni d’età;
      - Maturazione del diritto a pensione di vecchiaia entro 3 anni e 7 mesi;
      - Possesso di almeno 20 anni di contribuzione;
      - Importo della pensione maturata, al netto della rata da restituire per l’APE richiesta, di almeno 1,4 volte il trattamento minimo (circa 703 euro mensili);
      - Non titolarità di trattamento pensionistico diretto;

      Elimina
  25. Buon pomeriggio signor Censori. Le ho scritto già in passato ed è stato chiarissimo e gentilissimo, per cui mi affido a lei per un altro dubbio. Papà, classe 1952, luglio, è un cosiddetto quindicenne per aver versato i 15 anni di contributi entro il 1992. Ha solo quelli, è disoccupato ed ha varie patologie: diabete mellito, cardiopatia ischemica pregressa e vari interventi alla vescica. Potrebbe ottenere un anticipo pensionistico??? Grazie e ancora tanti cordiali saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      Purtroppo NO!
      Tuo padre essendo nato a luglio del 1952, potrà andare in pensione di vecchiaia al raggiungimento dei 66 anni + 11 mesi d'età, quindi a luglio del 2019.-
      Potete comunque consultare il medico di famiglia per verificare se in base alle patologie di tuo padre, ci sono i presupposti per richiedere l'indennità di accompagnamento.-

      Elimina
  26. Signor Censori buongiorno,
    approfitterei anch'io della sua gentilezza. Mio padre è nato nel febbraio del 1951, con gli anni figurativi lavorati in Germania maturerebbe 20 anni di contributi, 15 dei quali versati entro il 1992. Da settembre 2016 l'assegno di invalidità si è tramutato in assegno sociale. La mia domanda è: quando avrebbe diritto alla pensione di vecchiaia, lasciando chiaramente l assegno sociale?
    la ringrazio anticipatamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tuo padre, essendo nato a febbraio del 1951, potrà andare in pensione di vecchiaia al compimento dei 66 anni + 7 mesi d'età, quindi a ottobre del 2017.-

      Elimina
  27. Signor Censori buongiorno, si è saputo qualcosa in merito all' adeguamento alla speranza di vita per andare in pensione? come già scritto in precedenza mio padre è nato il primo luglio del 1952 e appartiene ai quindicenni della deroga amato per i 15 anni di contributi entro il 1992... Andrà in pensione a 66 anni e 7 mesi o a 67? Nel ringraziarla per le preziose consulenze le porgo i miei più cordiali saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo adeguamento si è verificato nel 2013 ed è stato pari a 3 mesi (cfr: decreto 6 dicembre 2011) mentre il secondo adeguamento ha avuto luogo nel 2016 ed è stato pari a 4 mesi (cfr: decreto 16 dicembre 2014). Il prossimo adeguamento avverrà il 1° gennaio 2019. Da quella data in poi gli adeguamenti avranno cadenza biennale: 2021, 2023, 2025 e così via (gli aumenti sono stimati in circa 2-3 mesi a biennio).-

      Elimina
  28. SALVE SIG.CENSORI..ho avuto la risposta un paio di mesi fa da parte ITL di LATINA (ho fatto richiesta 8°SALVAGUARDIA) IL TESTO si presenta cosi ACCOGLIMENTO ISTANZA...la presente decisione viene redatta in 3 copie autentiche di cui una inviata all'istante una conservata agli atti della Commissione e una trasmessa all'INPSper la verifica degli ulteriori requisiti per l'accesso al monitoraggio di cui all'articolo1,comma216 della leggen.232/2016...ecco a tutt'ora non ho avuto risposta ,le chiedo il significato e come lei interpreta.GRAZIE ..SALUTI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel tuo caso significa che la pratica è ancora in sospeso in attesa di completare l'iter burocratico.-
      Comunque se la tua pratica è seguita da un patronato, ti consiglio di far sollecitare l'evasione della stessa.-

      Elimina
  29. Sig censori buonasera,vorrei sapere questo se possibile. Sono inv civ 100% con accompagnamento percepisco poco meno di 800 euro al mese.Ho fatto richiesta all'inps per la pensione integrativa ,per salire un po con la pensione minima.l'inps mi ha mandato i mav e di conseguenza accettato la mia richiesta,per un totale di 4.600 euro di mav totali da pagare.Praticamente in 1 anno e mezzo..( quello che volevo sapere sig censori é, mi conviene pagare questa somma per salire alla minima? Perché come ho gia detto percepisco la somma di inv civ + accompagno. Spero di essere stato chiaro! La ringrazio anticipatamente per la risposta! Augurandole una buona serata. Grazie Alessandro.p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessandro!
      Ti consiglio di rivolgerti a un patronato per farti fare una simulazione di calcolo della nuova pensione, in modo da poter valutare costi e benefici.-

      Elimina

Posta un commento

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.

Post popolari in questo blog

Badanti e Colf - CCNL Anno 2017

Classificazione di Badanti e Colf Livello A
Collaboratori familiari generici, non addetti all'assistenza di persone, con esperienza professionale (maturata anche presso datori di lavoro diversi) non superiore a 12 mesi.
Livello A Super
Addetto alla compagnia, baby sitter (mansioni occasionali e/o saltuarie).
Livello B
Collaboratori familiari che, in possesso della necessaria esperienza svolgono con specifica competenza le proprie mansioni, ancorchè a livello esecutivo.
Livello B Super
Assistente a persone autosufficenti
Livello C
Collaboratori familiari che, in possesso di specifiche conoscenze di base, sia teoriche che tecniche, relative allo svolgimento dei compiti assegnati, operano con totale autonomia e responsabilità.
Livello C Super
Assistente a persone non autosufficenti (non formato).
Livello D
Collaboratori familiari che, in possesso dei necessari requisiti professionali, ricoprono specifiche posizioni di lavoro caratterizzato da responsabilità, autonomi…

Assegni familiari

In questo articolo riporteremo informazioni utili sugli assegni familiari, con validità da luglio 2017 a giugno 2018.

Assegni Familiari  L'assegno per il nucleo familiare è previsto per aiutare le famiglie dei lavoratori dipendenti, pubblici e privati e dei pensionati da lavoro dipendente, i cui nuclei familiari sono composti da più persone e i cui redditi sono al di sotto delle fasce di reddito massime stabilite dalla legge.

A chi spetta Spetta ai lavoratori dipendenti in attività, ai disoccupati indennizzati, ai lavoratori cassaintegrati, ai lavoratori in mobilità, ai lavoratori in malattia o in maternità e ai pensionati ex lavoratori dipendenti; spetta anche ai lavoratori con contratto a termine.
Per averne diritto è necessario che il reddito familiare non superi determinati limiti, stabiliti ogni anno dalla legge; è costituito da quello del richiedente e di tutte le persone che compongono il nucleo familiare, prodotto nell'anno solare precedente; decorre dal I° luglio di o…

ISEE anno 2017

RIFORMA ISEE Dal 2015 cambiano le regole sull'ISEE, l'indicatore della situazione economica da produrre per avere accesso a prestazioni legate al reddito (rette per l'università, mense ecc) per evitare che siano favoriti gli evasori. Il nuovo indicatore considera tutte le forme di reddito, comprese quelle fiscalmente esenti. Aumenta il peso della componente patrimoniale considerando il valore degli immobili rivalutati ai fini IMU. Si tiene conto delle famiglie numerose e della presenza nel nucleo di disabili.
Per rilasciare l’attestato ISEE, sulla base del quale il cittadino può chiedere alla pubblica amministrazione prestazioni gratuite o a prezzo agevolato (asilo nido, università trasporti, sussidi, ecc.), L’INPS calcola i redditi di ciascun componente il nucleo familiare. I redditi sono riferiti al secondo anno solare precedente la presentazione della richiesta (dichiarazione sostitutiva unica). Per le spese e le franchigie che si riconoscono in favore del cittadino e …