venerdì 23 agosto 2013

Maternità

La tutela della maternità


DECRETO LEGISLATIVO 26 marzo 2001, n. 151 - TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITÀ E DELLA PATERNITÀ

Diritti sanciti:

  • Divieto di licenziamento: dall’inizio della gestazione e fino ad un anno di vita del bambino, (salvo colpa grave della lavoratrice, cessazione dell’attività aziendale o mancato superamento del periodo di prova).
  • Divieto di adibire le lavoratrici a lavorazioni gravose e/o insalubri: dall’inizio della gestazione fino ad un anno di età del bambino.
  • Divieto di adibire le lavoratrici a lavoro notturno: dall’inizio della gestazione fino ad un anno di vita del bambino.
  • Diritto di rientrare nella stessa unità produttiva: in cui erano occupate prima dell’evento o in un’altra ubicata nello stesso comune (salvo rinuncia della lavoratrice).
  • Divieto di discriminazione

Madre Lavoratrice:

  • Permessi retribuiti: per esami prenatali e accertamenti clinici
  • Congedo di maternità: due mesi prima del parto e tre mesi dopo il parto (massimo 5 mesi).-
  • Congedo di maternità flessibile: 1 mese prima del parto e 4 mesi dopo il parto (massimo 5 mesi)
  • Congedo di maternità anticipata: per problemi nella gestazione o per attività gravose e/o insalubri. In questo ultimo caso può essere concessa fin dall’inizio della gestazione fino al settimo mese dopo il parto.-
  • Parto prematuro: I giorni di congedo di maternità non goduti prima del parto possono essere utilizzati in aggiunta ai 3 mesi dopo il parto sempre fino ad un massimo di 5 mesi totali
  • Riposi per allattamento: Due ore di permesso giornaliere anche cumulabili da utilizzare entro il primo anno di vita del bambino (quando l’orario di lavoro è inferiore a 6 ore giornaliere il riposo è di una sola ora), in caso di parto gemellare i permessi raddoppiano.-
  • Congedo per malattia del figlio: senza limiti temporali per figli di età inferiore a 3 anni da usufruire alternativamente all’altro genitore; 5 giorni di permesso per ciascun genitore dal 3° all’ottavo anno di vita del bambino.-
  • Congedo parentale: Può essere fruito fino all’ottavo anno di vita del bambino per un periodo massimo di 6 mesi (cumulati con quello del coniuge massimo 10 mesi), in caso di parto gemellare il periodo si raddoppia (6 mesi per ciascun figlio).-

Padre Lavoratore:

  • Congedo di paternità: limitatamente ai 3 mesi dopo il parto e solo in caso di morte della madre, grave infermità della stessa e/o abbandono del figlio.-
  • Riposi per allattamento: Due ore di riposo giornaliero anche cumulabili da utilizzare entro il 1° anno di vita del bambino (Quando l’orario di lavoro è inferiore a 6 ore giornaliere il riposo è di un’ora). In caso di parto gemellare i riposi si raddoppiano. Possono essere utilizzati in alternativa alla madre.-
  • Congedo per malattia del figlio: Senza limite temporale per figli di età inferiore a tre anni da fruire alternativamente all’altro genitore, 5 giorni di permesso all’anno per ciascun genitore dal 3° all’ottavo mese di vita del bambino.-
  • Congedo parentale: può essere fruito fino all’ottavo anno di vita del bambino per un massimo di 6 mesi (cumulati con quello del coniuge, massimo 10 mesi). Se il padre lavoratore usufruisce di almeno tre mesi (anche frazionati) ha diritto ad un ulteriore mese di congedo parentale (7 mesi): In questo caso può arrivare a 11 mesi.-

Trattamento economico:

  • Permessi per esami prenatali e/o accertamenti: Retribuiti al 100%
  • Congedo di maternità: Retribuito all’80% della retribuzione media percepita nel mese immediatamente precedente l’inizio dell’astensione obbligatoria (salvo migliore trattamento previsto dal CCNL).-
  • Congedo di maternità flessibile: Retribuito all’80% della retribuzione media percepita nel mese immediatamente precedente l’inizio dell’astensione obbligatoria (salvo migliore trattamento previsto dal CCNL).-
  • Congedo di maternità anticipata: Retribuito all’80% della retribuzione media percepita nel mese immediatamente precedente l’inizio dell’astensione obbligatoria (salvo migliore trattamento previsto dal CCNL).-
  • Congedo di paternità: Retribuito all’80% della retribuzione media percepita nel mese immediatamente precedente l’inizio dell’astensione obbligatoria (salvo migliore trattamento previsto dal CCNL).-
  • Riposi per allattamento: Retribuiti al 100%
  • Congedo per malattia del figlio: Fino al compimento del terzo anno del figlio entrambi i genitori possono alternativamente astenersi dal lavoro per la malattia del figlio, senza limiti temporali.
    Dai tre agli otto anni, ciascun genitore ha diritto a 5 giorni lavorativi ogni anno per le malattie del figlio.
    Il ricovero ospedaliero del figlio interrompe, su richiesta , la eventuale fruizione delle ferie da parte del genitore.
  • Trattamento previdenziale 
    Questi congedi nel settore privato non sono retribuiti
    fino a tre anni del figlio le assenze dal lavoro sono coperte da contribuzione figurativa 
    i 5 giorni annui previsti per malattie del figlio dai tre agli otto anni sono accreditati figurativamente limitatamente ad una retribuzione convenzionale pari al:200% dell'assegno sociale (per il 2006:  €. 9.924,72), con possibilità di integrazione con riscatto o con versamenti volontari dei contributi.
    Per fruire di questa agevolazione è necessario presentare un certificato rilasciato da un medico specialista del Servizio Sanitario Nazionale o con esso convenzionato, oltre ad un'autocertificazione in cui si dichiari che l'altro genitore non si è assentato dal lavoro negli stessi giorni per il medesimo motivo.
  • Congedo parentale: Retribuito al 30% della retribuzione media percepita nel mese immediatamente precedente l’inizio dell’astensione obbligatoria senza rateo di 13° o 14° mensilità per un massimo di 6 mesi cumulati con quelli del coniuge e fino al 3° anno di vita del bambino. Per i periodi successivi ai sei mesi e dal 3° all’8° anno l’indennità economica spetta solo se non si supera un reddito imponibile IRPEF pari a due volte e mezza l’importo annuo del trattamento minimo INPS. Complessivamente i due genitori non possono superare il massimo di 10 mesi.

Maternità dopo scadenza contratto:

Entro 60 giorni tra scadenza contratto e inizio ottavo mese di maternità, si ha diritto a 5 mesi di indennità di maternità.- 

Maternità anticipata dopo scadenza contratto:

L'INPS in base ad un parere del Consiglio di stato, riconosce il diritto all'indennità di maternità anche alla lavoratrice che, entro 60 giorni dalla sospensione o cessazione del rapporto di lavoro, ottenga dalla direzione provinciale del lavoro l'interdizione anticipata dal lavoro.

Maternità e lavoro notturno:

E' vietato adibire le donne al lavoro dalle ore 24 alle ore 6, dall'accertamento della gravidanza fino al compimento di un anno di età del bambino.-
Il lavoro notturno non deve essere obbligatoriamente prestato (cioè la dipendente può rifiutarsi):
  • dalla lavoratrice madre di un figlio di età inferiore a tre anni o alternativamente dal padre convivente con la stessa.-
  • dalla lavoratrice o dal lavoratore che sia l'unico genitore affidatario di un figlio convivente di età inferiore a 12 anni.-
  • dalla lavoratrice o dal lavoratore che abbia a proprio carico un soggetto disabile
    Proroga astensione obbligatoria da lavoro:
    L’astensione obbligatoria può essere prorogata fino a 7 mesi dopo il  parto, quando la lavoratrice addetta a lavori pericolosi, faticosi e insalubri non possa essere spostata ad altre mansioni. Quindi in questo caso la proroga estende di almeno 4 mesi l’astensione che normalmente è di 5 mesi. Il provvedimento è adottato anche in questo caso dalla Direzione provinciale del lavoro (DPL), anche su richiesta della lavoratrice. 
     

    Assegno del Comune:

    Aventi Diritto:
    • Madri cittadine italiane; residenti casalinghe o disoccupate che non percepiscono alcun trattamento a titolo di maternità
    • Madri comunitarie; residenti casalinghe o disoccupate che non percepiscono alcun trattamento a titolo di maternità
    • Madri non comunitarie; titolari di carta di soggiorno casalinghe o disoccupate che non percepiscono alcun trattamento a titolo di maternità
    • Padre cittadino italiano residente; solo nel caso di abbandono del figlio, affidamento esclusivo o madre minorenne che fa parte della famiglia anagrafica del padre.-

    L’assegno del comune viene erogato per un massimo di 5 mensilità. La domanda va presentata entro il termine perentorio di 6 mesi dalla nascita del figlio o dalla data di ingresso del minore in famiglia.-
    Il reddito della famiglia anagrafica e dei soggetti fiscalmente a carico di essi, non deve essere superiore al valore dell’Indicatore della Situazione Economica (ISE).
    Anno 2013 – Importo mensile euro 334,53 – Limite ISE per 3 componenti euro 34.873,24.-
    Per nuclei di 3 persone l'ISE deve essere inferiore o pari a  euro  34.873,24 ; per i nuclei con un numero di persone diverso, il requisito economico è riparametrato sulla base della scala di equivalenza prevista dal DLgs n° 108/98 – rif. Comma l, art. 65 legge n° 448/1998 .-

    Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it
    Iscriviti alla CGIL. Perchè? Perchè è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.


    Gianfranco Censori

    175 commenti:

    1. Gentillissimo Avvocato
      Io sono in maternità obbligatoria dal 21 Luglio fino al 21 dicembre e nella busta paga vedo che ho già 1 mese di ferie e ho l'intenzione di prendere anche la maternità facoltativa. Volevo chiederLe se devo prendere le ferie prima della maternità facoltativa o dopo. E se dopo questi mi dimetto perchè voglio stare col bimbo, posso prendere la disoccupazione? Grazie!

      RispondiElimina
      Risposte
      1. - Puoi prendere le ferie a Tua scelta, sia subito dopo la maternità obbligatoria che al termine di quella facoltativa.-
        - Per aver diritto all'indennità di disoccupazione bisogna presentare le dimissioni entro l'anno di vita del bambino, e le dimissioni devono essere convalidate dall'Ispettorato del lavoro.-

        Elimina
    2. Sono all'ottavo mese di gravidanza. Il 30 luglio mi è scaduto un contratto di 11 mesi e mezzo. Mi è stata accettata dall'Inps la miniAspi per la disoccupazione ma non l'Aspi della disoccupazione. Vorrei sapere,l'Aspi coincide con assegno di maternità ? ho comunque diritto a questo assegno di maternità pur percependo la mini-aspi? Grazie .

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Se il periodo di Mini Aspi non è ancora concluso puoi presentare all'INPS la domanda per i 5 mesi di maternità obbligatoria, al termine dei quali completerai il periodo di Mini Aspi residuo.-

        Elimina
    3. Salve, io prendo la disoccupazione da luglio 2014, adesso sono incinta di 4 messi, sono andata dal INPS e mi hanno detto che ho diritto di solo due mesi di maternità, se come la data presunta del parto e 7 aprile e io dovrei prendere la disoccupazione fino a marzo 2015, per febbraio e marzo 2015 si stoppa la disoccupazione e prenderò la maternità e poi riprenderò aprile e maggio di disoccupazione, menzionando che ho 32 anni e o lavorato più di 2 anni con contratto indeterminato al ultimo posto di lavoro. La mia domanda e se e cosi che funziona? Adesso prendo una disoccupazione di 900,00 avevo un stipendio di 1000,00-1100,00, qual'e la percentuale che scade la disoccupazione? Dopo che finisco anche la disoccupazione cosa succede, menzionando che lavora solo mio marito? Ce qualche aiuto del comune?

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Allora perché al INPS mi hanno detto che mi danno solo due mesi di maternità anzi che 5 mesi?

        Elimina
      2. Presumo che Tu abbia capito male!
        Forse Ti hanno detto che avrai diritto a 2 mesi di maternità prima del parto, e dopo il parto dovrai presentare una nuova domanda per richiedere i 3 mesi dopo il parto.-

        Elimina
    4. Buongiorno, sono in maternità facoltativa fino a gennaio. Ho scoperto da un paio di settimane di essere incinta di un secondo figlio. Sono una lavoratrice a tempo indeterminato e sono stata in maternità anticipata per lavoro a rischio. Un altro dipendente che svolge solo mansioni di segreteria ora è in mutua per un grave problema di salute, che non si sa quanto tempo possa richiedere. Sto per presentare la nuova domanda di maternità. C'è la possibilità che, anche se l'azienda ha firmato i fogli precedentemente con l'impossibilità a rimansionarmi, ora con questa nuova situazione possano cambiarmi di ruolo e tenermi comunque a lavoro? In tal caso, potrei scegliere di finire prima il congedo parentale della mia bimba che ha solo 5 mesi e che devo ancora svezzare e poi nel caso tornare a lavoro i mesi che mancano prima dell'obbligatoria? Grazie infinite

      RispondiElimina
      Risposte
      1. L'azienda non può in alcun modo obbligarti a rientrare in servizio!
        Tu invece se presenti una nuova domanda di maternità a rischio, vuol dire che se ti viene accettata la maternità facoltativa decade, e Tu vai in maternità anticipata.-
        Se invece non presenti la domanda di maternità a rischio, alla scadenza della maternità facoltativa, o eventualmente anche prima, puoi rientrare in servizio fino all'inizio della maternità obbligatoria.-

        Elimina
      2. Grazie per la risposta! Solo un chiarimento. Io presenterò la nuova domanda per maternità anticipata da Lavoro a rischio, ma essendo loro a dover compilare la parte relativa ai rischi inerenti al lavoro, come nella precedente gravidanza, non possono decidere di Non compilarmela stavolta,vero?

        Elimina
      3. Questo è un altro discorso!
        Infatti il datore di lavoro non può decidere di non compilare la parte inerente ai rischi inerenti al lavoro, solo se non può assegnarti a una mansione che eviti i rischi per la Tua gravidanza.-

        Elimina
    5. Salve la mia ragazza e incinta partendo dal presupposto che lei quest anno nn a lavorato quindi nn a i requisiti ASPI. Ora a un contratto di un mese in scadenza e gravidanza a rischio puo chiedere la maternita entro il termine di 60 giorni o deve avere cmq l aspi

      RispondiElimina
      Risposte
      1. La maternità a rischio viene accettata dall'INPS solo se viene riconosciuta prima della scadenza del contratto.-
        Comunque se la Tua ragazza alla scadenza del contratto avrà diritto all'ASPI potrà presentare all'INPS la domanda per l'ASPI che si interromperà per i 5 mesi della maternità obbligatoria e si concluderà al termine della maternità obbligatoria.-

        Elimina
    6. bona sera avvocato io sono una lavoratrice agricola da 8 anni adesso mi trovo licenziata dal 15 10 14 dal datore di lavoro e o scoperto di essere incinta in 4 set posso chiedere il anulamento di licenziamento?e si non posso o il diritto ala disocupazione agricola e dopo chidere la maternita anticipata?? grazie mille

      RispondiElimina
    7. Buongiorno, io sono una mamma di un bambino di 1 anno e sono dinuovo incinta.Sono mamma a tempo pieno e non ricevo piu la disoccupazione.Volevo chiederle se ho diritto di fare la domanda per la maternita? Grazie mille

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Purtroppo NO!
        Senza un rapporto di lavoro in essere non si ha diritto all'indennità di maternità, quindi avrai diritto solo all'assegno del Comune alla nascita del bambino/a.-

        Elimina
    8. per completare licenziamento con giusta causa ..grazie

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Il licenziamento per giusta causa scatta quando si verifica una circostanza così grave da non consentire la prosecuzione, nemmeno provvisoria, del rapporto lavorativo (art. 2119 c.c.). In tal caso il datore di lavoro può recedere dal contratto senza l'obbligo di dare il preavviso, né l’indennità di mancato preavviso. Si tratta di casi così gravi da provocare l’interruzione immediata del rapporto di lavoro (licenziamento in tronco).-
        Nel tuo caso quindi puoi impugnare il licenziamento solo se riesci a contestare la giusta causa e Ti consiglio di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

        Elimina
    9. Buongiorno
      ho una domanda a cui non riesco a trovare una risposta
      dal gennaio 2015 fino ad Agosto 2015 percepirò l Aspi, in quanto non mi rinnoveranno il contratto di Apprendistato dopo 6 anni di duro lavoro.
      Avendo giò deciso di mettere in cantiere un bambino con il mio compagno vorrei sapere entro quando devo rimanere incinta/partorire per poter poi ricevere la maternità dall inps (viste tutte le tasse versate negli anni per nulla)
      io devo essere al settimo mese di gravidanza entro Agosto 2015 quando mi si sospende l'Aspi o basta che io sia incinta durante il periodo in cui la percepisco?
      Sperando comunque di trovar un lavoro, in questo difficile periodo la ringrazio molto per l'eventuale risposta

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Per aver diritto all'indennità di maternità devi arrivare all'inizio dell'ottavo mese di gravidanza prima che termini il periodo di ASPI indennizzato.-

        Elimina
    10. Buona sera,
      mi chiamo Francesca e sono lavoratrice dipendente in a ditta di infissi e serramenti in ferro ed alluminio. Ametà dicembre 2014 entrerò in maternità obbligatoria. Dato che sospetto già da ora che con la scusa di mancanza di liquidità il datore di lavoro non mi corrisponderà l'indennità di maternità (pur facendosela rimborsare dall'inps successivamente come ha fatto ultimamente con gli ANF), vorrei sapere se ci fosse un modo per farmela arrivare direttamente dall'inps, magari attraverso il sostituto d'imposta di mio marito che essendo disoccupato (anche se ha finito di percepire l'ASPI a febbraio e adesso è in attesa di mobilità) è l'inps stesso.
      Non vorrei aprire una vertenza sindacale, nè fare rapporto all'inps, in quanto trattasi di una situazione delicata poichè il datore di lavoro è un mio stretto parente....Vorrei evitare tante storie ma nello stesso tempo non vorrei perdere ciò che mi spetta
      La ringrazio tanto per l'attenzione e confido in un suo consiglio.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Francesca!
        Purtroppo non è possibile!
        Con un rapporto di lavoro in essere l'INPS non paga mai direttamente l'indennità di maternità alla lavoratrice.-
        Comunque l'indennità di maternità per il datore di lavoro è solo una partita di giro, in quanto da una parte paga la lavoratrice ma contemporaneamente detrae l'importo dai contributi che deve versare all'INPS, quindi non dovrebbe "scaricare" i suoi problemi di carattere finanziario su una dipendente in maternità.-

        Elimina
      2. Grazie per la risposta! Un pò me l'aspettavo da quel che avevo letto ma volevo essere sicura di non aver tralasciato nulla.
        Secondo me dovrebbero abolire la figura del "sostituto d'imposta" o quanto meno dare al lavoratore dipendente la posibilità di scegliere da "chi" ricevere le indennità che gli spettano anche slittando un po' più in là con i pagamenti come succede attraverso il modello unico per la dichiazione dei redditi. Anche se dopo più di un anno, ma almeno il rimborso arriva!
        Comunque grazie ancora per le preziose informazioni che fornisce poichè a volte anche leggendo e rileggendo non si capisce bene come comportarsi perchè molte cose vanno "interpretate".

        Elimina
      3. Ciao Francesca!
        In effetti visto che è comunque l'INPS che alla fine deve pagare, se ci fossero meno complicazioni per i lavoratori sicuramente sarebbe meglio.-
        Ti ringrazio per i complimenti!
        Alla prossima!!!

        Elimina
      4. Buona sera Sig. Gianfranco mi scusi se la disturbo ancora ma con una bimba in arrivo sto cercando di capire come meglio comportarmi. Stavo pensando di chiedere al datore di lavoro di licenziarmi per far richiesta dell'aspi e poi inoltrare la richiesta della maternità, solo che non so se sono ancora in tempo per farmi licenziare, richiedere l'aspi e la maternità visto che la comunicazione per quest'ultima va fatta prima dell'inizio dell'ottavo mese e martedì prossimo 28 ottobre entro nella 28 esima settimana e termino il settimo mese. Data presunta del parto 22 gennaio 2015. Secondo lei è sensato il mio ragionamento vista anche la situazione in cui verso, e cioè che per mancanza di liquidità la ditta non mi paga? Rientro nei tempi giusti per far tutto ciò? La ringrazio infinitamente per la gentilezza, l'aiuto e la pazienza... Attendo un suo parere. Grazie ancora

        Elimina
      5. Sono sempre Franceca... Non capisco perché è spuntato anonimo...

        Elimina
      6. Ciao Francesca!
        Purtroppo non è una strada praticabile!
        Infatti è vietato dalla legge il licenziamento di una lavoratrice in maternità!
        Riguardo alla liquidità aziendale ti faccio rilevare che una lavoratrice in maternità non è un costo per l'azienda in quanto da una parte paga la lavoratrice ma contemporaneamente detrae l'importo dai contributi che deve versare all'INPS.-
        Questo significa che se il datore di lavoro non dimostra abbastanza sensibilità nel dare la precedenza al pagamento di una lavoratrice in maternità, non merita troppi scrupoli da parte della lavoratrice, a prescindere quindi dai legami di parentela.-

        Elimina
      7. Buon giorno Sig. Gianfranco, ancora non ho presentato domanda per il congedo di maternità (dovrei fare domanda all'inps prima del 22/11) per questo pensavo che il licenziamento fosse possibile..avrei preso Aspi e maternità e poi forse mi avrebbero riassunta...non so più cosa pensare. Il fatto è che vorrebbero pagarmi ma non trovano liquidità perchè il lavoro è diminuito, per questo presumo che ciò che mi spetta forse lo vedrò molto dilazionato e con la bimba in arrivo ogni euro mi servirà adesso..Scusi le mie continue preoccupazioni e grazie per la pazienza

        Elimina
      8. Ciao Francesca!
        La legge vieta al datore di lavoro di licenziare la lavoratrice madre dall’inizio del periodo di gravidanza fino al compimento di un anno di età del bambino. Il divieto di licenziamento opera anche nel caso in cui il datore di lavoro, al momento del licenziamento, non conosceva lo stato di gravidanza della lavoratrice.
        In tal caso, la lavoratrice ha diritto al ripristino del rapporto di lavoro sulla base del certificato medico dal quale risulti che essa, all’epoca del licenziamento, era già in stato di gravidanza (Corte di Cassazione 6593/2000).-

        Elimina
    11. Buonasera sono Beatrice avrei da farle una domanda.. il 30 di novembre mi scade il contratto nell'azienda dove lavoro e sono incinta di 3 sett.se ho capito bene dalle risposte date alle altre domande non ho dirito la maternita ma una volta finito il contratto posso richiedere la disoccupazione dopodichè la posso sospendere per prendere le 5 mesi di maternità.E corretto o sbaglio.La ringrazio per l'attenzione e confido in un suo consiglio.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Beatrice!
        SI!
        L'unico problema per aver diritto all'indennità di maternità è che devi arrivare all'inizio dell'ottavo mese di gravidanza prima che scada il periodo indennizzato con l'ASPI.-

        Elimina
    12. Buonasera avvocato
      sono in maternità anticipata ed ho un contratto a tempo.indet. del commercio. Nel seguente contratto è riportato che in maternità obbligatoria mi spetta il 100% della retribuzione. Essendo in anticipata per gravidanza a rischio e quindi obbligata a fermarmi, non mi spetta la stessa retribuzione? La mia azienda sostiene che mi spetta solo l'80% da parte dell'inps. Mi può aoutare a rigurdo? Esiste una normativa che specifica la questione?

      La ringrazio per la disponibilità e resto in attesa di un suo riscontro.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Il contratto del commercio prevede che alla dipendente in maternità anticipata sia garantita la piena retribuzione. Dal punto di vista della retribuzione, valgono quindi le stesse regole della maternità obbligatoria, e cioè che alla lavoratrice spetta il 100% della retribuzione.-

        Elimina
    13. Buongiorno,
      ho un contratto a tempo determinato fino al 31 dicembre,l'azienda mi ha detto che alla scadenza il contratto viene rinnovato a tempo indeterminato.Ho scoperto di essere incinta, adesso non so cosa fare, se informare subito l'azienda del mio stato,rischiando di perdere il lavoro a fine contratto, oppure aspettare la scadenza del contratto per farmi fare l'indeterminato e poi andare in maternità con tutta tranquillità. ma il mio è un lavoro abbastanza faticoso e non so se facendo finta di nulla potrei mettere in pericolo la mia gravidanza.
      Quello che vorrei sapere è questo: se l'azienda viene conoscenza del mio stato di gravidanza, probabilmente non mi rinnoverà il contratto, ed a questo punto io che diritti ho? L'azienda deve comunque darmi la maternità? Cosa mi consiglia di fare?

      GRAZIE anticipatamente
      L.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Se il contratto alla scadenza non ti verrà rinnovato, se hai i requisiti per l'ASPI (almeno 52 settimane di lavoro negli ultimi due anni) potrai presentare all'INPS la domanda di ASPI, che interromperai all'inizio dell'ottavo mese di gravidanza per i 5 mesi di maternità obbligatoria, per completare poi il periodo di ASPI al termine della maternità.-
        E' difficile dare consigli in questi casi!
        Posso dirti che "ingannare" il datore di lavoro per farsi rinnovare il contratto potrebbe esporti a "a ripicche se non addirittura a ricatti", e questo nel periodo di gravidanza non è sicuramente il massimo, quindi la scelta sta solo a Te e non puoi delegarla ad altri.-

        Elimina
      2. Grazie per la risposta,
        se dovessi avvisare l'azienda al terzo mese, che sarebbe metà novembre ed andare in maternità anticipata, loro mi pagherebbero la maternità fino alla fine del contratto?Essendo un'azienda grande e molto precisa esiste possibilità che il contratto mi venga rinnovato anche se sto in maternità?

        Elimina
      3. Non c'è problema!
        Se riesci ad andare in maternità anticipata prima della scadenza del contratto, l'azienda ti paga la maternità fino alla scadenza e successivamente richiederai il pagamento diretto all'INPS sia della maternità anticipata residua, che di quella obbligatoria, che dell'ASPI.-

        Elimina
    14. Buonasera, sono Ciro, approfitto della sua gentilezza, e la mia domanda è: se la mia compagna, ( agente di commercio) che a breve partorirà, e sua intenzione di non chiedere nessuna maternità ne facoltativa ne obbligatoria, Io come padre(lavoratore dipendente) posso SUBITO DOPO IL PARTO chiedere la maternità facoltativa e obbligatoria? e se posso per quanti mesi? oppure ho diritto ad altri permessi? La ringrazio anticipatamente per la sua risposta competente.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Ciro!
        Padre Lavoratore:
        Congedo di paternità: limitatamente ai 3 mesi dopo il parto e solo in caso di morte della madre, grave infermità della stessa e/o abbandono del figlio.-
        Riposi per allattamento: Due ore di riposo giornaliero anche cumulabili da utilizzare entro il 1° anno di vita del bambino (Quando l’orario di lavoro è inferiore a 6 ore giornaliere il riposo è di un’ora). In caso di parto gemellare i riposi si raddoppiano. Possono essere utilizzati in alternativa alla madre.-
        Congedo per malattia del figlio: Senza limite temporale per figli di età inferiore a tre anni da fruire alternativamente all’altro genitore, 5 giorni di permesso all’anno per ciascun genitore dal 3° all’ottavo mese di vita del bambino.-
        Congedo parentale: può essere fruito fino all’ottavo anno di vita del bambino per un massimo di 6 mesi (cumulati con quello del coniuge, massimo 10 mesi). Se il padre lavoratore usufruisce di almeno tre mesi (anche frazionati) ha diritto ad un ulteriore mese di congedo parentale (7 mesi): In questo caso può arrivare a 11 mesi.-

        Elimina
    15. Buongiorno.
      Potrebbe chiarirmi a chi dovrei rivolgermi per controllare il calcolo della mia busta paga in maternità?
      A luglio sono entrata in maternità. Ho un lavoro a tempo indeterminato.
      All'arrivo della prima busta paga completamente in maternità, l'importo è superiore al mio normale stipendio.
      Consultato il datore di lavoro, mi spiega che è stata presa la busta paga di giugno, dov'è inclusa la quattordicesima e quindi l'importo non è quello di una normale mensilità.
      Nonostante abbiano consultato e spiegato tutto allo studio paghe, come all'INPS, come all'associazione industriali.... tutti ritengono che il calcolo è stato fatto correttamente.
      Ne' io ne' il datore di lavoro siamo convinti che sia un calcolo giusto ma non possiamo fare diversamente. Io devo aspettare che chi di dovere si renda conto dell'errore e mi chieda il rimborso dei soldi "extra"?
      Dove potrei rivolgermi per chiarire questo calcolo?
      Grazie

      RispondiElimina
      Risposte
      1. In generale l'indennità di maternità è pari all'80% della retribuzione dell'ultimo mese di lavoro prima della maternità, ma alcuni contratti prevedono l'integrazione al 100%, nel Tuo caso bisogna quindi vedere quello che prevede il Tuo contratto, Ti consiglio eventualmente di consultare la sede più vicina della CGIL per una verifica.-

        Elimina
    16. Buona sera Sig. Gianfranco, ho letto che una donna lavoratrice in gravidanza non può essere licenziata ma può dare le dimissioni confermate dalla direzione provinciale del lavoro ed avere lo stesso diritto alle indennità di maternità e di ASPI. E' vero? In questo caso sarà l'INPS a pagare direttamente la lavoratrice? Grazie per la sua attenzione e gentilezza nel rispondere

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Francesca!
        SI!
        La legge vieta al datore di lavoro di licenziare la lavoratrice madre dall’inizio del periodo di gravidanza fino al compimento di un anno di età del bambino. La legge interviene a tutelare la lavoratrice riconoscendole l’indennità di maternità anche nel caso in cui la stessa presenti le dimissioni volontarie nel periodo che va dall’inizio della gestazione fino al compimento di un anno di vita del bambino.

        Elimina
    17. Buanasera Sig. Censori. Il mio contratto a tempo determinato (circa 4 mesi ) e finito il 14 settembre. Percepisco Mini-Aspi da Ottobre 2014 (ho gia ricevuto i primo pagamento).Se io rimanessi incinta in un periodo breve potrei percepire la maternità. Grazie

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Purtroppo NO!
        Si ha diritto all'indennità di maternità solo se arriva all'inizio dell'ottavo mese di gravidanza prima che cessi il periodo indennizzato con l'ASPI o con la Mini Aspi.-

        Elimina
    18. salve vorrei una informazione.
      Il caso che vorrei sottoporvi è quello di una donna lavoratrice dipendente, che usufruisce della maternità anticipata e percepisce da diversi mesi l'intero stipendio.
      Se nel corso della gravidanza dovessero insorgere ulteriori problemi tali da comportare una grave infermità e bisogno di assistenza da parte del marito, si potrebbe optare per chiedere un congedo del coniuge? cosa succederebbe però in concreto alle due posizioni lavorative e retributive?
      la normativa sembra parlare di congedo di paternità in luogo della donna con gravi infermità, questo vuol dire che la donna perderebbe il diritto allo stipendio? come verrebbe qualificata la sua assenza dal lavoro, specie per la parte precedente la maternità obbligatoria? si potrebbe optare per far usufruire di un semplice congedo per assistenza il coniuge anche senza retribuzione, conservando quella della donna?
      grazie

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Sabrina!
        In effetti il congedo di paternità è alternativo all'indennità di maternità, quindi se la donna ha dei problemi è più conveniente che il marito richieda un periodo di congedo non retribuito per assistenza al coniuge.-

        Elimina
      2. la ringrazio, ma non esiste nessuna disposizione che possa consentire al marito un congedo retribuito anche solo in parte per fornire assistenza all moglie negli ultimi mesi di gravidanza se questa si trova in particolari e gravi condizioni di salute? se la donna continua ad usufruire del congedo di maternità, il marito potrebbe avere un congedo retribuito ex dlgs 18.07.2011 n 119? purtroppo anche in situazioni del genere non è possibile far a meno di uno stipendio anche perchè le spese, anche sanitarie, aumentano, quindi prima di valutare il congedo non retribuito mi domandavo se esiste una norma che magari ora ignoro e che sarebbe calzante con il caso concreto
        grazie
        Sabrina

        Elimina
      3. Ciao Sabrina!
        Non so cosa intendi per "grave infermità" comunque il marito può richiedere o 3 giorni di permesso retribuiti al mese o un periodo di congedo straordinario fino ad un massimo di 2 anni per l'assistenza a un familiare, solo se al familiare vengono concessi i benefici della legge 104.-

        Elimina
    19. Salve Signor! Ho una domanda. Sono Gravidanza nella 22 setimana, lavoro di badante, el mio capo no volé piu mi lavoro Perche e una persona Malata quindi devo alzarlo e tropo pesante , Volvo sapere si posso pedir la richiesta Per. La maternita anticipada ? Cosa devo fare?

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Per il riconoscimento della maternità anticipata è necessaria una certificazione medica rilasciata dalla ASL da inviare successivamente all'INPS insieme alla richiesta di pagamento diretto dell'indennità sia anticipata che obbligatoria.-
        Ti consiglio eventualmente di rivolgerti al più vicino Ufficio INCA - CGIL per farti assistere per tutto l'iter burocratico necessario.-

        Elimina
    20. Salve , ho un contratto di apprendista e sto cercando di avere un bimbo. Volevo capire come viene erogata la maternita sia obbligatoria che anticipata e se restassi a casa dopo quella obnligatoria quanto mi spetterebbe. Grazie mille

      RispondiElimina
      Risposte
      1. L'indennità di maternità, sia quella anticipata che quella obbligatoria viene retribuita all'80% mentre quella facoltativa, che può durare fino ad un massimo di 6 mesi viene retribuita al 30%.-

        Elimina
    21. Salve,ho lavorato con una agenzia interinale dal 11-4-2014 al 07-8-2014 e dal 15-9-2014 al 24-10-2014,stessa agenzia e stessa impresa utilizzatrice.Durante l'ultima settimana di lavoro ho scoperto di essere incinta ed ovviamente nel saperlo non mi hanno piu' rinnovato.Il 27-10,ho presentato all'inps la domanda per percepire aspi,che mi verra' erogata per 8 mesi nei quali posso richiedere anche la maternita' obbligatoria,come ho potuto intuire nei commenti precedenti,o mi sbaglio? Ma io ho anche una domanda da farle,l'agenzia con cui ho lavorato a fine contratto mi ha rilasciato un opuscolo,perche' avendo lavorato con loro,posso richiedere ebitemp per maternita',ma se richiedo questo poi non mi spetta piu' l'obbligatoria per 5 mesi?P.S spero di essere stata chiara...Grazie mille

      RispondiElimina
      Risposte
      1. L'Ebitemp è riservata solo a chi non ha diritto all'indennità di maternità, quindi non è il Tuo caso.-
        Nel tuo caso invece prima dell'inizio dell'ottavo mese di gravidanza, dovrai presentare all'INPS la domanda di pagamento diretto dell'indennità di maternità per i 5 mesi di maternità obbligatoria, quindi l'ASPI si interromperà per completare il periodo residuo al termine della maternità.-

        Elimina
    22. salve io ho un contratto solo un mese ma il medico me ha dato una maternita' anticipata per rischio parto adesso che me paga la maternita' anticipata visto che ho solo un mese di contratto . grazie

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Purtroppo con un solo mese di contratto non hai diritto ne alla maternità anticipata ne a quella obbligatoria, ma solo all'assegno del Comune alla nascita del bambino.-

        Elimina
    23. salve,avrei bisogno di una informazione.
      Sono apprendista in un discount alimentare,sono in maternità facoltativa e lo sarò fino ad aprile.ho scoperto di essere nuovamente in dolce attesa...in questo caso,essendo il mio,un lavoro a rischio,rientrerei in maternità anticipata...quindi il mio compagno potrebbe richiedere un periodo di congedo parentale,visto che io non ne usufruirò più?

      RispondiElimina
      Risposte
      1. SI!
        Il Tuo compagno potrà richiedere un periodo di congedo parentale per il primo figlio solo se Tu non hai usufruito di tutti i 6 mesi, quindi per l'eventuale differenza.-

        Elimina
    24. Buongiorno,
      Ho letto nel presente articolo la possibilità di richiedere una proroga di astensione dal lavoro fino a 7 mesi dopo la maternità obbligatoria per insalubrità delle mansioni lavorative a cui il datore di lavoro non abbia saputo riparare con un cambio di mansione atto a migliorare le condizioni di lavoro.
      Attualmente sono in maternità anticipata in quanto già al 6 mese presentavo alcune contrazioni e la distanza dal luogo di lavoro (50km in condizioni di traffico intenso) non mi permettevano di recarmi al lavoro in modo sicuro.
      Potrei in qualche modo rientrare nella possibilità di richiesta di proroga della maternità obbligatoria?
      Grazie della cortese risposta.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. SI!
        Puoi richiedere la proroga dell'astensione obbligatoria, ma è necessaria una dichiarazione del datore di lavoro che attesti che sei addetta a un lavoro insalubre e che non puoi essere spostata ad altra mansione.-

        Elimina
    25. Buongiorno! Mi chiamo Ana,e sono Moldava..lavoro da 6 anni come badante e ho il contratto inedeterminato..adeso ho scoperto che sono incinta..come faccio..devo andare a L,inps..ho il mio datore di lavoro mi deve pagare la maternità..La ringrazio tanto!

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Ana!
        La domanda di maternità va presentata direttamente all'INPS, per i 5 mesi di maternità obbligatoria, cioè 2 mesi prima del parto e 3 mesi dopo il parto, a meno che non ci siano i requisiti per la maternità anticipata.-

        Elimina
    26. Buongiorno Avvocato,
      sono al quinto mese di gravidanza e lavoro per un'impresa di costruzioni italiana con sede in Italia e cantieri in tutto il mondo. Io lavoro in Romania, sono residente in Italia con contratto italiano, appartenente alla categoria di CCNL per edili e affini, ed inquadramento come impiegata di VI livello. Considerando che nel mio cedolino il salario e' composto dalle seguenti voci: minimo, superminimo, indennita' estero, indennita' funzione, piu' un "pocket money" mensile come benefit aziendale, vorrei sapere in che modo verra' calcolata la mia indennita' di maternita'. Si terra' conto dell'intera retribuzione che percepisco? Nel caso del congedo matrimoniale, l'indennita' e' stata calcolata solo sullo stipendio minimo escludendo tutte le altre componenti, non vorrei che si ripetesse anche nel caso dei 5 mesi di congedo per maternita'. Purtroppo non sono riuscita a trovare informazioni nella legislazione attinente. La ringrazio per la cortese risposta. Silvia.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Silvia!
        La Tua indennità di maternità verrà calcolata sul minimo + superminimo, escluse quindi l'indennità estero, l'indennità funzione e il pocket money.-

        Elimina
      2. Buongiorno Avvocato,
        La ringrazio per la risposta,
        posso sapere come mai non si terra' conto delle altre componenti? c'e' un riferimento legislativo al riguardo?
        Grazie ancora,
        Silvia

        Elimina
      3. Ciao Silvia!
        Sono escluse le componenti legate alla effettiva presenza nel luogo di lavoro, presenza che ovviamente non c'è durante il periodo di maternità.-
        Per esempio l'indennità estero è legata alle effettive trasferte all'estero.-

        Elimina
    27. Buongiorno Avvocato, avrei bisogno di un Suo parere sulla mia situazione che brevemente Le espongo. Sono alla 19° settimana di gravidanza (5° mese) e dal 27/10/2014 sono in maternita' anticipata rilasciata dall' ASL di mia competenza. Lavoro presso un'azienda commerciale con contratto part.time,a tempo indeterminato da quasi due anni. Se dovessi presentare le dimissioni per gravi problemi familiari mi toccherebbe comunque la maternità anticipata? E quella obbligatoria? Ed eventualmente avrei diritto anche alla disoccupazione??? La ringrazio in anticipo.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. NO!
        Non puoi presentare le dimissioni essendo in maternità anticipata, ma non avrebbe nemmeno senso presentarle ora, quindi rimani in maternità anticipata, Ti farai quella obbligatoria al termine della quale presenterai le dimissioni ed avrai anche diritto all'ASPI.-

        Elimina
    28. Buona sera,avrai una domanda anch'io,avevo contratto a termine fino a fine ottobre pero all' inizio del mese ho scoperto che sono incinta,e dato che ho già avuto un aborto spontaneo sono rimasta subito acasa,andando in malattia, in 15 di ottobre ho avuto il certificato medico per astensione dal lavoro,lo mandato al datore di lavoro e anche alla Direzione Provinciale Del Lavoro,sono passate 4 settimane e ancora non ho nessuna risposta,nel frattempo finito il contratto sono andata a richiedere la disoccupazione pero credo che prenderò mini Aspi e non arriverò al 7-mese di gravindanza,per poter prendere quella obbligatoria.La mia domanda e, ho diritto di prendere la maternità anticipata anche se ho finito il contratto, la richiesta lo fatto quando ancora avevo il contratto cioè in 15 di ottobre e contratto ho finito in 31 ottobre

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Non so se Tu hai seguito la procedura corretta!
        Infatti nel tuo caso, essendo a rischio di aborto il certificato del ginecologo andava presentato alla ASL che doveva autorizzare la maternità anticipata e non all'Ispettorato del Lavoro.-
        Se hai seguito la procedura corretta e la ASL Ti ha autorizzato la maternità anticipata prima della scadenza del contratto, avrai diritto alla maternità anticipata, a quella obbligatoria e alla Mini Aspi, altrimenti purtroppo avrai diritto solo alla Mini Aspi.-

        Elimina
    29. Buongiorno Avvocato, avrei bisogno di un suo parere.
      Sono dipendente a tempo indeterminato dal 2005.
      Sono rientrata a fine settembre dopo 7 mesi di maternità anticipata + obbligatoria + facoltativa ed ora che il bimbo ha compiuto 1 anno il datore di lavoro mi ha comunicato l'intenzione di licenziarmi.
      Poiché ho letto che l'Aspi viene calcolata sulla retribuzione media mensile imponibile ai fini previdenziali degli ultimi due anni e la maternità facoltativa è pagata al 30%... mi chiedo se l'importo Aspi verrà calcolato prendendo a riferimento questi 6 mesi al 30% o si calcolerà considerando anche per quei 6 mesi come se avessi percepito lo stipendio pieno?
      Grazie

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Tranquilla!
        L'importo dell'ASPI verrà calcolato sulla media delle retribuzioni degli ultimi 2 anni considerando il periodo di maternità facoltativa come se tu avessi percepito lo stipendio pieno.-

        Elimina
    30. Gent.mo Avvocato,
      sono una ricercatrice non occupata da 19 mesi, che a suo tempo ha goduto dell'ASPI. Ora sono al 7° mese di gravidanza, iscritta al concorso per docenti di terza fascia, e ricevo spesso convocazioni per supplenze. Finora non me ne è stata assegnata nessuna e quindi la mia situazione di non occupata non è cambiata. La mia domanda è: se mi dovessero assegnare una supplenza quando sarò al nono mese,non avendo potuto fare domanda di maternità obbligatoria all'INPS (non avendo avuto un datore di lavoro in essere entro il 7°mese) cosa succede?perdo la supplenza? posso accettare supplenza e fare domanda di congendo obbligatorio in ritardo? Sarebbe proprio uno spreco perdere la possibilità di uno stipendio avendone diritto per graduatoria...

      spero possa aiutarmi così da sapere come comportarmi.
      grazie

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Purtroppo NO!
        Nei 5 mesi di maternità obbligatoria, cioè nel periodo che va da 2 mesi prima del parto a 3 mesi dopo il parto, Tu non puoi accettare alcuna supplenza, quindi non avrai diritto all'indennità di maternità ma eventualmente avrai diritto all'assegno del Comune alla nascita del bambino/a.-

        Elimina
    31. Buongiorno avvocato, nell'azienda per cui sto lavorando sono inquadrata con un contratto di assunzione a tempo determinato full-time per sostituzione ai sensi dell'art. 188 del CCNL Commercio.
      Nella stesura del contratto è riportato l'oggetto come sostituzione della Sig.ra...... assente per maternità a partire dalla data comunicata al centro per l'impiego.
      Il presente contratto cesserà senza necessità di ulteriore comunicazione al rientro della suddetta lavoratrice.
      La mia collega è andata in maternità anticipata, ha partorito nel mese di maggio e resterà assente fino all'inizio di febbraio avendo richiesto anche la maternità facoltativa ( ulteriori 6 mesi ).
      Siccome voglio capire cosa ne sarà del mio futuro, volevo porle alcune domande.
      Qualcuno in ufficio mi dice che forse la collega non rientrerà a febbraio ma a maggio in quanto può rimanere assente fino ad un anno del bambino, ma è vero?
      Maternità anticipata, maternità obbligatoria e maternità facoltativa di ulteriori 6 mesi, poi come fa a restare a casa per altri 4 mesi?
      O meglio se resta a casa, per ferie o aspettativa, il mio contratto comunque decade non essendo lei più in maternità?
      Inoltre le volevo chiedere, vista la sua immensa gentilezza, cosa succede se si oltrepassano mesi 36 di contratto a tempo determinato ( sostituzione maternità )
      In pratica negli ultimi 4 anni, ho lavorato per la stessa azienda, considerando il contratto in essere fino all'ipotetica scadenza dei primi di febbraio, per 36 mesi ( forse anche qualche giorno in più), tutti con contratti per sostituzione maternità di varie colleghe.
      Grazie per le sue risposte

      RispondiElimina
      Risposte
      1. - In effetti al termine della maternità facoltativa la lavoratrice o presenta le dimissioni o deve rientrare in servizio, a meno che abbia ferie arretrate o richieda un'aspettativa non retribuita.-
        - Comunque fino a quando la lavoratrice non rientra in servizio il Tuo contratto rimane in essere perché la sua assenza sarà comunque legata alla maternità.-
        - La durata del contratto è ininfluente perché non andrà a sommarsi ai precedenti in quanto legati tutti alla sostituzione di diverse maternità.-

        Elimina
      2. Qualora la mia collega decidesse di prendere le ferie ( sempre se ne abbia di arretrate ), il mio contratto non decade? Anche le ferie rientrano nella sostituzione maternità ?
        Se trovo un'altra occupazione, posso rassegnare le dimissioni con un preavviso di 30 giorni senza incorrere nel pagamento di una "penale"?

        Elimina
      3. - No! Fino a quando la Tua collega non rientra in servizio il Tuo contratto non decade.-
        - SI! Se trovi un'altra occupazione puoi rassegnare le dimissioni con un preavviso di 30 giorni, senza incorrere in penali.-

        Elimina
    32. Buongiorno avvocato,volevo un informazione...ho lavorato da 11/04/14 al 07/08/14 e dal 15/09/14 al 24/10/14 stessa agenzia interinale e stessa ditta.In data 27/10/14 presso l'ufficio inca ho presentato la domanda di disoccupazione ed e' stata accolta la mini-aspi.Sono in attesa ed ho il termine il 02/06,mi spetta cmq la maternita' obbligatoria ho non ho diritto a nulla,premetto che sempre lavorato a tempo determinato dal 2001...l'agenzia con cui ho lavorato mi ha rilasciato un opuscolo per richiedere il sostegno alla maternita' ebitemp,la posso richiedere o mi spetta quella dell'inps...grazie per l'informazione.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Si ha diritto all'indennità di maternità solo se arriva all'ottavo mese di gravidanza prima della scadenza del periodo indennizzato dell'ASPI o della Mini Aspi, quindi nel tuo caso potrai richiedere solo il sostegno di maternità ebitemp.-

        Elimina
    33. Buongiorno Avvocato,
      sono una lavoratrice con contratto a progetto, con iscrizione alla gestione separata. La data presunta del parto è il 27 marzo, di conseguenza verso la fine di gennaio comincerò la maternità obbligatoria: quello che non è chiaro, neanche ai dipendenti INPS, è se l'indennizzo di maternità erogata dall'INPS è mensile o avviene dopo il parto. Mi preoccupo perché essendo una ragazza madre, l'unica entrata è effettivo il mio stipendio e se per cinque mesi non ricevo nessuna retribuzione diventerebbe una situazione alquanto incresciosa.
      Inoltre, un lavoratore a progetto può usufruire della maternità facoltativa ad ore?
      La ringrazio anticipatamente per le sue risposte.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. In caso di gravidanza il co.co.pro. segue i criteri sanciti dal DM del 4 aprile 2002 per i co.co.co.
        Tale normativa prevede che le collaboratrici iscritte alla gestione separata dell'Inps abbiano diritto (facoltativo) a una indennità per i 2 mesi antecedenti la data del parto e per i 3 mesi successivi alla nascita del bambino.
        Assicurazione e maternità
        Sotto l’aspetto assicurativo, le tutele delle lavoratrici dipendenti e delle lavoratrici con contratto a progetto coincidono. La differenza tra i due tipi di contratto emerge sotto l’aspetto retributivo, poiché le lavoratrici con contratto co.co.pro. hanno diritto a un indennizzo non superiore al 80 % del compenso complessivamente ricevuto nei 365 giorni precedenti il periodo di maternità, solo a condizione che la lavoratrice abbia versato contributi per almeno 3 mesi nell'anno precedente.-
        L'indennità ti verrà corrisposta solo dopo il parto quindi "probabilmente" al termine del periodo indennizzabile, e non potrai usufruire della maternità facoltativa perché non prevista per i contratti a progetto.-

        Elimina
    34. buonasera,
      porvo ad esporle la mia situazione, contratto a tempo determinato part time 25% in scadenza 01/05/2015, data presunto parto 8 marzo 2015.
      andro' in dicembre al CAF per inoltrare domanda di congedo maternità e dall'8 di gennaio iniziero' quindi la maternità obbligatoria ma il mio contratto terminerà prima della scadenza dei 5 mesi di maternità obbligatoria che mi spettano... dovro' fare qualche particolare domanda inps/caf alla scadenza del contratto per arrivare alla fine dei 5 mesi o già di default mi saarnno corrisposti tutti e 5 i mesi all'80%? terminato il contratto avro' poi diritto alla disoccupazione? per quanto tempo? cosa dovro' fare? inoltrare domanda INPS? grazie x l'attenzione, Lorenza

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Lorenza!
        L'indennità di maternità ti verrà corrisposta dall'azienda fino alla scadenza del contratto e successivamente, fino al termine dei 5 mesi indennizzabili, direttamente dall'INPS.-
        Per quanto riguarda l'ASPI o la Mini Aspi, con un contratto part-time al 25% la copertura contributiva è solo parziale, quindi solo il CAF esaminando la tua situazione contributiva potrà verificare a che tipo di indennità avrai diritto.-

        Elimina
    35. Buonasera dott. Censori,
      complimenti per l'utilissimo e prezioso sito!
      Ho una domanda sulla mia ultima busta paga. Sono una lavoratrice dipendente, impiegata, a tempo indeterminato. Da settembre sono in maternità anticipata, e da allora ho percepito 2 buste paga mensili; nella prima, erano indicate chiaramente le voci " indennità di maternità c/o INPS " e "indennità di maternità c/o ditta" (rispettivamente retribuite all' 80% e al 20%). Nell'ultima busta paga, invece, il mio netto in busta non è cambiato, è il mio stipendio intero al 100%, ma è mancante la voce relativa all'indennità di maternità c/o la ditta ( è presente solo quella relativa all'Inps). Secondo lei, è un dettaglio irrilevante, o devo farlo presente all'Ufficio personale?
      Grazie in anticipo per la sua attenzione, saluti
      Valentina

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Valentina!
        Ti ringrazio per i complimenti!
        E' un dettaglio irrilevante!
        Infatti in busta paga per tutto il periodo di maternità anticipata e di maternità obbligatoria deve risultare la retribuzione intera cioè al 100% come previsto dal tuo contratto, quindi che una quota sia a carico dell'INPS e un'altra a carico dell'azienda è una questione che riguarda solo la contabilità dell'azienda.-

        Elimina
    36. Salve
      Ho un contratto per un mese, volevo chiedere se posso chiedere la maternità anticipata al termine del contratto?
      Grazie

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Purtroppo NO!
        Una volta che è scaduto il contratto non si ha più diritto all'indennità di maternità anticipata.-

        Elimina
    37. Buona sera! Un informazione. .sono assunta come cameriera /aiuto cucinacon un contratto indeterminato di 40 ore settimanali divise per sei giorni in due turni. Nel caso rimango incinta....ho diritto alla maternità anticipata? Grazie

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Si ha diritto al congedo di maternità anticipata o per problemi nella gestazione o per attività gravose e/o insalubri. In questo ultimo caso può essere concessa fin dall’inizio della gestazione fino al settimo mese dopo il parto.-

        Elimina
    38. Salve ho una domanda. Ho appena scoperto di essere incinta e attualmente usufruisco dell'indennità aspi. Dalle comunicazioni del inps risulta che devo dare comunicazione in caso di maternità. Sono confusa può gentilmente spiegarmi se posso usufruire dell'aspi durante il periodo di gravidanza? grazie Sara

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Sara!
        Purtroppo si ha diritto all'indennità di maternità solo se si arriva all'inizio dell'ottavo mese di gravidanza prima che termini il periodo indennizzato con l'ASPI.-

        Elimina
    39. Buongiorno , ho una domanda per una lavoratrice che ha cessato di lavorare il 15 settembre e che sta percependo l'ASPI in teoria fino al 15 Maggio.Adesso si trova alla 9°settimana e quindi è assodato che ha diritto al congedo di maternità obbligatoria e che poi riprenderà l'ASPI.Adesso mi chiedo se verrà riconosciuta dall'ASL la sua gravidanza come a rischio potrà regolarmente presentare domanda di astensione anticipata nonostante sia in ASPI ? In tal caso ci sarà solo un riconoscimento di trattamento piu favorevole dal 75 al 80% senza sospensione dell'ASPI o ci sarà la sospensione e poi potrà riprenderla a temine del congedo obbligatorio?Saluti ANNA

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Anna!
        Se verrà riconosciuta alla lavoratrice dalla ASL la gravidanza a rischio potrà sospendere l'ASPI, andare in maternità anticipata, alla quale seguirà quella obbligatoria, al termine della quale farà ripartire l'ASPI per il periodo residuo.-

        Elimina
    40. Salve, mi chiamo Giulia. ..vorei farle una domanda...lavoro presso un bar dentreo un centro commerciale..sono messa in regola part time di 5 ore al giorno tempo indeterminato ma usufruisco della legge 407 così che il mio titolare paga meno contributi. ..il fatto é che ne lavoro 10 ore al giorno...ho scoperto di essere incinta circa due mesi fa ma ho continuato a lavorare ....ieri ho avuto un malore é la dottoressa mi ha fatto un certificato per 30 giorni e cosi sono in interdizione anticipata...volevo chiederle come faccio a sapere quanto paga di contributi miei il mio titolare e se nn mi dà più lo stipendio che devo fare ? Un ultima cosa ieri il mio titolare mi ha chiamato dicendomi che vuole incontrarmi e srcondo me vuole chiedermi di pagarmi io i miei contributi. ...cosa devo fare? Saluti Giulia

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Giulia!
        Il certificato di 30 giorni della dottoressa serve per metterti in malattia, mentre l'interdizione anticipata deve essere riconosciuta dalla ASL.-
        Una volta riconosciuta la maternità anticipata il datore di lavoro deve corrisponderti l'80% della retribuzione per il periodo di maternità anticipata e per quella obbligatoria, indennità che sarà completamente a carico dell'INPS, anche se ti verrà corrisposta dal datore di lavoro.-

        Elimina
    41. Buonasera sono una dipendente di uno studio commercialista a milano e sono incinta al 6mese il mio datore di lavoro ha deciso che per insufficienza di clienti ci licenzia tutte al 15/12 in questo caso cosa mi succede?
      perché lei ha intenzione di chiudere questa attività e sicuramente aprirne un altra per poter far lavorare il figlio, in questo caso noi dipendenti e soprattutto io non possiamo fare niente???

      RispondiElimina
    42. perfavore avrei bisogno della risposta in tempi brevi per poter agire nel caso in cui si possa fare qualcosa

      RispondiElimina
      Risposte
      1. In caso di licenziamento per chiusura dell'attività l'indennità di maternità ti verrà corrisposta direttamente dall'INPS alla quale seguirà l'ASPI.-
        Ti consiglio comunque di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per valutare se nel tuo caso ci sono i presupposti per impugnare il licenziamento.-

        Elimina
    43. Buonasera,
      vorreti info sulla maternità. Sono disoccupata ed ho avuto un bimbo da meno di un mese, mio marito lavora regolarmente da dipendente. Io ho diritto ad un assegno di maternità? Se sì...quale domanda devo presentare, dove e quali documenti devo consegnare? Grazie.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Luisa!
        Se rientri nei limiti di reddito hai diritto all'assegno del Comune, Ti consiglio quindi di rivolgerti ai servizi sociali del tuo Comune di residenza per la presentazione della relativa domanda all'INPS.-

        Elimina
    44. Salve avvocato per la categoria dei baristi a tempo indeterminato ,ho sentito parlare di paternita, quanti giorni potrò prendere indipendentemente dalla maternità di mia moglie?? Grazie infinite saluti

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Marco!
        ASTENSIONE DEL PADRE LAVORATORE
        La legge 28 giugno 2012, n.92 ha introdotto in via sperimentale, per il triennio 2013-2015, la seguenti misure a sostegno della genitorialità:
        Il padre lavoratore dipendente, entro i cinque mesi dalla nascita del figlio, ha l'obbligo di astenersi dal lavoro per un periodo di un giorno. Tale diritto si configura come un diritto autonomo rispetto a quello della madre e può essere fruito dal padre lavoratore anche durante il periodo di astensione obbligatoria post partum della madre. Per la fruizione dello stesso, al padre è riconosciuta un'indennità pari al 100 per cento della retribuzione.
        Il padre lavoratore dipendente, entro i cinque mesi dalla nascita del figlio può astenersi per un ulteriore periodo di due giorni, anche continuativi, previo accordo con la madre e in sua sostituzione in relazione al periodo di astensione obbligatoria spettante a quest'ultima. Al padre è riconosciuta un'indennità pari al 100 per cento della retribuzione in relazione al periodo di astensione.-

        Elimina
    45. Buonasera, in riferimento alla sua risposta riguardante l'indennità di maternità durante la disoccupazione, che si ottiene solo se si arriva all'inizio dell'ottavo mese nel periodo in cui si percepisce l'indennità aspi...ecco, vorrei sapere come viene calcolato questo periodo? Da quale data? Dalla data in cui viene accettata la domanda? La ringrazio anticipatamente.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. L'indennità di maternità durante il periodo di disoccupazione indennizzata viene corrisposta per i 5 mesi di maternità obbligatoria, cioè per i 2 mesi prima del parto e per i 3 mesi dopo il parto, ed è pari all'80% della retribuzione percepita prima della cessazione dell'attività lavorativa.-

        Elimina
    46. Buonasera avvocato. Le illustro la mia situazione: sono impiegata con contratto a tempo indet full time. A luglio mi hanno ridotto l'orario lavorativo a part time fino al 30 settembre. Dal 20 settembre sono stata in malattia per complicazioni della gravidanza. Il 29 novembre sono entrata in maternità anticipata. Ho ricevuto la busta paga di ottobre con retribuzione part time e non ho ancora ricevuto quella di novembre. Ho fatto presente l'errore in azienda e chiesto la correzione delle buste, non ho ricevuto risposta. Nella domanda di maternità anticipata presentata all'asl ho barrato la casella full time, è corretto? Come dovrei procedere? Grazie

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Congedo di maternità anticipata:
        Retribuito all’80% della retribuzione media percepita nel mese immediatamente precedente l’inizio dell’astensione obbligatoria (salvo migliore trattamento previsto dal CCNL).-
        Purtroppo se l'azienda non ti ha ripristinato il tempo pieno l'indennità di maternità sarà rapportata al part-time.-

        Elimina
    47. Buonasera Avvocato.
      Ho una domanda io sono incinta all'ottava settimana e attualmente percepisco l'aspi, sto cercando lavoro, nel caso in cui venissi assunta devo far presente al mio datore di lavoro il mio stato? la comunicazione avviene prima o dopo l'assunzione? C'è il rischio di non venire assunta per questo motivo?
      Grazie Roberta

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Roberta!
        Il Tuo eventuale datore di lavoro dovrà essere informato che sei incinta solo se la Tua attività lavorativa dovesse creare dei problemi per la Tua gravidanza.-
        Il fatto di informarlo prima o dopo l'assunzione è una scelta Tua, nel senso che se ti viene proposto un contratto a tempo indeterminato se lo informi prima probabilmente ti verrà revocata l'offerta mentre se lo informi dopo è possibile che ti venga "rinfacciato" successivamente.-
        Se Ti viene invece proposto un contratto a termine che si concluda magari prima dell'inizio dell'ottavo mese di gravidanza, Tu non sei tenuta a fornire alcuna informazione al tuo datore di lavoro.-

        Elimina
    48. Buongiorno,
      Secondo i calcoli del mio medico in data 19 dicembre risulto incinta di 8 settimane, percepisco l'aspi dal 26 settembre fino al 26 maggio. So che se all'inizio dell'ottavo mese si percepisce l'indennità si può sospendere e fare richiesta di maternità. Come posso sapere se rientro nei termini previsti? a chi posso chiedere? Grazie Nadia

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Nadia!
        Purtroppo NO!
        Quando si è in ASPI si ha diritto all'indennità di maternità solo se la data presunta parto viene prima della scadenza del periodo indennizzabile con l'ASPI, e non è il Tuo caso.-

        Elimina
    49. Buongiorno ho un contratto fino al 31 luglio presso una scuola paritaria. Sono incinta e la data presunta del parto è il 19 luglio. La mia domanda è la seguente: potrei andare in maternità obbligatoria all'8 mese e al 2 mese dopo il parto (nel caso in cui mi rinnovassero il contratto) passare la maternità obbligatoria restante a mio marito che ha un contratto a tempo indeterminato. ? Grazie

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Nel periodo di maternità obbligatoria, cioè i 2 mesi prima del parto e i 3 mesi successivi al parto non si può svolgere alcuna attività lavorativa.-

        Elimina
    50. Buon giorno avvocato
      Avevo un lavoro stagionale ero incinta al 3 mese ho fatto la maternità anticipata e stata accolta e poi ho fatto quella obligatoria e da quasi 50 giorni cHe no mi hanno mandato niente adesso sono al 36 settimana di gravidanza no lo so cosa devo fare?

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Se hai presentato la domanda di maternità obbligatoria tramite un patronato devi rivolgerti allo stesso patronato per far verificare lo stato della Tua pratica, altrimenti devi rivolgerti direttamente alla sede INPS di zona.-

        Elimina
      2. Ok grazie Avvocato, MA per quella obligatoria ho il diritto anche si avevo un lavoro stagionale ?

        Elimina
      3. SI!
        Se ti era stata riconosciuta la maternità anticipata deve esserti riconosciuta anche la maternità obbligatoria.-

        Elimina
      4. Buona sera Avvocato
        Sono andata dal patronato per chiedere che punte e la mia domanda di maternità obbligatoria mi hanno detto che la domanda in lavorazione perché manca la firma del medico del inps, s come mi manca 15 giorni per il parto ,voglio sapere se possono mandare quetsi 2 mesi in ritardo sul un colpo ho vanno avanti mese per mese..?

        Elimina
      5. SI!
        Una volta che la Tua pratica sarà a posto ti pagheranno gli arretrati maturati di indennità di maternità tutti insieme.-

        Elimina
    51. Salve vorrei un suo consiglio sono una adetta alle pulizie in ospedale da due mesi con contratto a tempo determinato di un anno .ho scoperto di essere incinta , vorrei mettermi in maternita posso ? O perdo il mio lavoro e come lo devo comunicare.o posso semplicemente dire che voglio stare a casa e cmq poi fino alla scadenza del contratto saro in maternità ed una volta scaduto il contratto mettermi in disoccupazione.mi chiarisca gentilmente grazie

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Il congedo di maternità anticipata può essere richiesto o per problemi nella gestazione o per attività gravose e/o insalubri. In questo ultimo caso può essere concessa fin dall’inizio della gestazione fino al settimo mese dopo il parto.-
        Se il Tuo ginecologo riterrà che nel tuo caso esistano i presupposti per la maternità anticipata emetterà idonea certificazione medica che dovrà essere convalidata dalla ASL della Tua zona di residenza.-
        In tal caso per la maternità anticipata e per quella obbligatoria, fino alla scadenza del contratto, provvederà il datore di lavoro.-
        Successivamente presenterai all'INPS la domanda di pagamento diretto della maternità per il periodo residuo e la domanda di indennità di disoccupazione con decorrenza dal giorno successivo a quello di scadenza della maternità obbligatoria.-

        Elimina
    52. Buonasera vorrei farle una domanda che riguarda il bonus per baby sitter o asili nido. Siccome non usufruisco della maternità facoltativa vorrei sapere se posso richiedere questi voucher anche se la baby sitter la fa mia suocera quindi non c'è nessun contratto scritto. Grazie Valentina

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Valentina!
        Purtroppo NO!
        La normativa prevede infatti che la madre lavoratrice potrà spendere detti voucher entro la scadenza degli stessi purché, prima dell’inizio della prestazione lavorativa del servizio di baby sitting, effettui (attraverso i consueti canali INPS/INAIL) la comunicazione preventiva di inizio prestazione, indicando oltre al proprio codice fiscale, il codice fiscale della prestatrice, il luogo di svolgimento della prestazione e le date presunte di inizio e di fine dell’attività lavorativa.-

        Elimina
    53. Buongiorno avvocato, sono in disoccupazione aspi da agosto 2014, ho scoperto di essere in cinta di due mesi,la maternità e a rischio, volevo chiederle se posso sospendere la disoccupazione e percepire la maternità a rischio, al patronato del lavoro mi hanno detto che l inps non rilascia maternità anticipate solo obbligatorie se sono ancora in disoccupazione nell ottavo mese di gravidanza cosa che io non sarò perché la data del presunto parto è agosto la disoccupazione termina ad aprile . grazie

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Purtroppo quello che Ti hanno detto al patronato è vero!
        Infatti essendo in disoccupazione non hai diritto alla maternità anticipata, mentre per il diritto a quella obbligatoria bisogna arrivare all'inizio dell'ottavo mese di gravidanza prima della scadenza dell'ASPI.-

        Elimina
    54. Bounasera avvocato,volevo chiedere un informazione. Sono incinta di 7 mesi, e sono in maternita anticipata già dal secondo mese (luglio) perchè lavoravo in una lavanderia industriale enon stavo bene e non riuscivo più a stare li dentro. Però avevvo il contrato a termine che è scaduto a fine settembre. Ora sto ancora prendendo la anticipata e a gennaio devo fare la domanda di maternità obbligatoria. E quindi mi interessava solo quanto percento sarà la obbligatoria? Sempre 80% o 100%? Grazie

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Sia la maternità anticipata che quella obbligatoria è pari all'80% della retribuzione percepita nell'ultimo mese lavorato.-

        Elimina
    55. Buongiorno avvocato,volevo chiedere un informazione.Ho terminato il contratto di lavoro il 24-10-14,il 27-10 ho presentato all'inps,tramite ufficio inca,la domanda di disoccupazione.Mi e' stata accolta la Mini-Aspi che percepiro' fino al 15-01-15.Sono in attesa ed il termine e' il 02-06-15.Dato i requisiti,non arrivavo all'inizio dell'ottavo mese per percepire la maternita' obbligatoria,ho presentato la domanda Ebitemp per Maternita',avendo lavorato presso un agenzia interinale,e' stata accolta e mi e' stata pure gia' liquidata.Volevo sapere pero' entro 6 mesi dalla nascita del bimbo/a posso richiedere la maternita' inps o dello stato.Grazie

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Purtroppo NO!
        L'indennità che hai percepito dall'Ebitemp sostituisce l'indennità di maternità obbligatoria, quindi non hai diritto ne all'assegno di maternità del Comune ne all'assegno di maternità dello stato.-

        Elimina
    56. Buongiorno Avvocato e Buone feste
      Io sono Farmacista e ho appena iniziato la maternità facoltativa dopo avere fatto maternità a rischio e maternità obbligatoria.
      Ho scoperto di essere incinta. Chiedevo se devo chiedere di nuovo la maternità a rischio e se devo fare tutto sempre con la mia titolare oppure se posso gestire direttamente con l'INPS.
      Grazie!
      Buon Capodanno!

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Purtroppo la procedura è sempre la stessa, quindi devi seguire lo stesso iter burocratico che hai seguito per la prima gravidanza.-

        Elimina
    57. Bounasera Avvocato e Buone feste
      Quali sono i diritti per lavoratore con moglie incinta?
      Mio marito lavora saldatore in officina metalmeccanica con meno di 15 dipendenti, ha 6 anni maturati di lavoro contratto indeterminato.Io sono incinta al 3 mese (casalinga), marito può ricevere lettera di licenziamento per motivi economici aziendale visto che ha la moglie incinta?
      Grazie!
      Buon Capodanno!


      RispondiElimina
      Risposte
      1. La scelta dei lavoratori da licenziare non è libera; il datore di lavoro si deve attenere ai criteri di scelta indicati nei contratti collettivi o, in mancanza, ad una valutazione comparata dei criteri indicati nell'art. 5 L. 233//91, quali:
        - Carichi di famiglia
        - Esigenze tecnico-produttive
        - Anzianità di servizio presso l'azienda

        Elimina
    58. Gentile avvocato ho una piccola azienda, un asilo nido con 4 educatrici ora due sono incinte e sono rimaste a casa in maternità anticipate dalla terza settimana di gravidanza...felice per loro ma ora io inizio ad avere qualche problema...esistono dei fonti o aiuti alle aziende che hanno il 50% delle dipendenti in maternità? La ringrazio per la sua rusposta

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Non capisco il Tuo problema!
        Per il periodo di maternità anticipata ed obbligatoria l'indennità è carico dell'INPS quindi puoi assumere altre 2 educatrici con contratto a termine in sostituzione delle 2 lavoratrici in maternità, senza costi aggiuntivi.-

        Elimina
    59. Gentile Avvocato
      Le auguro prima di tutto Buon Anno 2015.
      Volevo chiederle. Sono in maternità facoltativa e ho scoperto di essere di nuovo incinta. Per il momento sono via dall'italia perchè mio marito essendo all'estero non era facile per me col Bimbo piccolo stare da sola di conseguenza sono venuta via per qualche mese. Il mio problema adesso è che ho paura che la mia titolare prenda male la seconda gravidanza e mi vorrei dimettere a fine maternità facoltativa. Chiedevo se in quel caso avrei diritto alla disoccupazione perchè ho un contratto di apprendistato che è iniziato il 10 aprile 2012 et sono entrata in maternità anticipata il 13 marzo 2014.
      Grazie in anticipo per la sua risposta.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Purtroppo NO!
        Se presenti le dimissioni non avrai diritto all'ASPI quindi devi farti licenziare, omettendo magari di comunicare "formalmente" al datore di lavoro che sei di nuovo incinta, perché altrimenti non potrebbe nemmeno licenziarti.-

        Elimina
      2. Grazie per la Sua risposta.

        Elimina
      3. Mi scusa Avvocato
        chiedevo qual'è il motivo per il quale non avrei diritto all'ASPI. perchè non ho maturato la contribuzione o per un altro motivo.
        Grazie!

        Elimina
      4. La normativa prevede che si ha diritto all'ASPI solo in caso di licenziamento o di scadenza del contratto e non in caso di dimissioni.-

        Elimina
    60. Buona sera avvocat!
      Sono in maternita facoltativa,ultimo mese,e mi vorei licenziare x motivo che non ho nessunno che mi guardi il bambino.
      Ho un contrato di aprendista,il bimbo ha 10 mesi ,e volevo sapere se ho dirito dopo la mia dimisione alla idennita di disoccupazione?

      RispondiElimina
      Risposte
      1. SI!
        Ai fini del diritto all'indennità di disoccupazione, le dimissioni presentate prima del compimento dell'anno d'età del bambino equivalgono al licenziamento, ma le dimissioni devono essere convalidate dall'Ispettorato del Lavoro.-

        Elimina
    61. Buonasera, volevo avere un chiarimento, sono una neo mamma, impiegata presso uno studio, volevo sapere se potevo fare domanda dell'assegno statale e se ho i requisiti per riceverlo.
      Grazie

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Il bonus bebè spetterà ai nuovi nati a partire dal 1° gennaio 2015 che rientreranno nei limiti di reddito ISEE.-
        Ne riparliamo comunque tra qualche giorno, quando la normativa sarà più chiara e quando andrà in vigore il nuovo ISEE.-

        Elimina
    62. Salve, sono un infermiera che a dicembre 2013 e stata assunta con contratto a tempo indeterminato previo periodo di prova di 6 mesi nell azienda ausl. A marzo 2014 sono rimasta incinta del secondo bimbo e ho lavorato in ufficio fino a Giugno.poi mi hanno dato l interdizione anticipata. Chiedevo se il periodo di prova includeva anche il periodo trascorso in ufficio. Inoltre volevo chiederle se essendo gia stata assunta a tempo indeterminato 6 anni fa in altra azienda sanitaria privata eaccreditata e avendo gia passato il periodo di prova in tale azienda dovevo rifare unaltro periodo di prova. LA RINGRAZIO dell attenzione. ELISA

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Elisa!
        Il periodo di prova effettuato nel tuo caso è da dicembre 2013 a marzo 2014, quindi dovrai completare i 6 mesi al rientro in servizio, e purtroppo non conta il precedente periodo di prova effettuato in altra azienda sanitaria.-

        Elimina
    63. Salve avvocato,
      Ho fatto domanda per la mini aspi, ho ricevuto risp che è andata a buon fine adesso aspetto che mi arrivano i soldi però ho scoperto di essere incinta del terzo figlio e sn a due mesi .cosa devo fare?? Grazie per l attenzione:)

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Al momento non devi fare nulla!
        Per il diritto all'indennità di maternità devi trovare un nuovo lavoro che si concluda non prima dell'inizio del sesto mese di gravidanza.-

        Elimina
    64. Buongiorno avvocato,mi scuso per il disturbo ma non mi sembra di aver trovato risposta alle mie domande nelle conversazioni precedenti.
      Io sono stata sempre libera professionista e nella mia gravidanza ho goduto dei cinque mesi di maternità obbligatoria grazie alla mia cassa previdenziale.
      La maternità obbligatoria scade questa settimana e sembra che al lavoro abbiamo finalmente deciso di assumermi:mi chiedevo da neo-assunta quali sono i miei diritti.
      Posso prendere subito un mese di congedo parentale?Se sì, come verrà retribuito visto che il mese precedente non ero assunta?E con quanto preavviso devo chiederlo, sempre 15 giorni?Per quanto riguarda l'allattamento invece come funziona?Anche in questo caso è necessario un preavviso all'azienda?E qualora fossi in allattamento posso prendere anche Il congedo parentale eventualmente frazionabile tipo un giorno a settimana?
      Il fatto che mi trovi nel periodo di prova eventualmente come influisce sui miei diritti?
      La ringrazio molto se potrà rispondere alle mie domande.
      Cordiali saluti,
      Elena Andreucci

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Elena!
        Purtroppo NO!
        Tutte le agevolazioni che hai elencato sono legate a un rapporto di lavoro da dipendente in essere durante il periodo di maternità obbligatoria e non è il Tuo caso, e comunque anche se fosse stato possibile presumo che con le Tue "pretese" saresti stata licenziata durante il periodo di prova.-

        Elimina
      2. Gentile Avvocato, innanzitutto grazie della pronta risposta. Approfitterei della sua gentilezza per un ulteriore chiarimento: da quello che leggo, infatti, risulterebbe che essendo stata assunta pochi giorni dopo la scadenza della maternità obbligatoria io non potrò godere mai, neanche dopo il periodo di prova, di nessuno dei diritti legati alla mia maternità pur avendo oggi un bimbo di 4 mesi. Ho capito bene, ho perso così i diritti di 8 anni? E pensare che il concorso dalla cui graduatoria sono stata chiamata è del 2008 e che la mail in cui mi viene chiesta la disponibilità a farmi assumere (finalmente,dopo anni di lavoro precario e finti contratti libero professionali) è di più di un mese fa..e brave le nostre aziende pubbliche!
        Cordiali saluti,
        Elena Andreucci

        Elimina
      3. Ciao Elena!
        Purtroppo è vero!
        Diciamo che i diritti si maturano con l'attività lavorativa, quindi se prima della maternità obbligatoria Tu eri una libera professionista Tu hai versato all'INPS una contribuzione inferiore a quella delle lavoratrici dipendenti, con la conseguenza che non hai diritto ai "diritti" a cui fai riferimento.-

        Elimina
    65. Buongiorno Avvocato, attualmente sono in maternità facoltativa poiché non ho nessuno da poter lasciare il bimbo, ma avendo lo stipendio molto ridotto sto cercando un lavoretto da fare a casa, tipo call. Center ...ho avuto qualche proposta con CTr a progetto . Posso o rischio qualcosa ? Grazie saluti

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Silvia!
        Purtroppo SI!
        Il congedo parentale ti viene pagato dall'NPS per assistere Tuo figlio e non per svolgere un'altra attività, quindi con un contratto a progetto rischi che l'INPS ti revochi ogni indennità e che il datore di lavoro ti licenzi.-

        Elimina
    66. Buonasera.Io sono al settimo mese,sto ricevendo ancora la mini aspi da ottobre ma non so fino a quando.(ultimo contratto determinato è stato di 16 settimane).Entro in maternita obligatoria il 5 febbraio.La data presunta del parto è 5 aprile.Ho fatto qualche giorno fa la domanda di maternita telematicamente.Avrei diritto?In tutti due i casi cioè sia si che no,cosa succede dopo o cosa dovrei fare siccome in queste momento sono fuori d'italia per vacanze.Grazie Viola.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Viola!
        Se la Mini Aspi terminerà primo dell'inizio dell'ottavo mese di gravidanza purtroppo non avrai diritto all'indennità di maternità.-

        Elimina
    67. Buongiorno Avvocato,

      sono una mamma che da Agosto 2014 percepisce la mini AspI per aver lavorato dal 5 Settembre 2013 al 31 Luglio 2014, Ad oggi, 14 gennaio, sono incinta di 19 Settimane. Il ginecologo mi ha certificato una gravidanza a rischio. Posso chiedere l'indennità di maternità?
      Grazie e buona Giornata
      Claudia

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Claudia!
        Purtroppo NO!
        Si ha diritto all'indennità di maternità anticipata solo con un rapporto di lavoro in essere e non quando si è in disoccupazione.-

        Elimina
    68. Buongiorno avvocato..
      Vorrei avere spiegazioni più dettagliate su come funziona l'indennità di maternità..
      Io non ho mai pagato contributi e dal 13 gennaio ho stipulato un contratto per un anno, come lavoratrice domestica (babysitter) ,40 ore settimanali, 1000 euro al mese.
      Se in questo anno dovessi rimanere incinta, mi spetta la maternità? E se è si, in quale percentuale?
      Ho cercato un po su internet ma non ho trovato risposte esaustive..
      Suppongo che per avere diritto alla maternità necessita un tot di contributi pagati in precedenza... È così?
      E poi se fra un anno mi scade il contratto, mi spetta la disoccupazione?
      Attendo spiegazioni...

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Vera!
        Informazioni generali
        Quando la lavoratrice domestica è in gravidanza scattano le garanzie a tutela della maternità.
        Durante il periodo di astensione obbligatoria previsto dalla legge la lavoratrice ha diritto a conservare il posto di lavoro, all’astensione dal lavoro e ad una indennità sostitutiva della retribuzione.
        Dall'inizio della gestazione fino al momento della astensione obbligatoria dal lavoro, la lavoratrice può essere licenziata solo per mancanze gravi che non consentono la prosecuzione del rapporto, nemmeno in via provvisoria.
        La tutela non è imposta dalla legge ma dal contratto collettivo. Periodo in cui vige il divieto:
        - durante i due mesi precedenti la data presunta del parto;
        - durante il periodo che va dalla data presunta a quella effettiva del parto;
        - durante i tre mesi successivi al parto.
        Anche per colf e badanti è stata introdotta la cosiddetta flessibilità dell’astensione obbligatoria che consente alla lavoratrice di ritardare il periodo di assenza obbligatoria fino a un mese prima della data presunta del parto, e fino a quattro mesi dopo la nascita del bambino.
        L'indennità di maternità
        Durante il periodo di assenza obbligatoria la lavoratrice ha diritto all'indennità di maternità pagata dall'Inps, pari all'80 % del salario convenzionale sul quale sono versati i contributi orari. Nel calcolo dell'indennità sono considerati solo i periodi di lavoro svolti come lavoratrice domestica. Le lavoratrici domestiche hanno diritto alla tutela economica della maternità solo se:
        - nei 24 mesi precedenti il periodo di astensione obbligatoria risultano versati a loro carico (o dovuti) 52 contributi settimanali, anche se relativi a settori diversi da quello del lavoro domestico;
        o, in alternativa
        - nei 12 mesi precedenti l'inizio dell'astensione obbligatoria risultano versati a loro carico (o dovuti) almeno 26 contributi settimanali, anche in settori diversi da quello del lavoro domestico.-
        Con un contratto di un anno si ha diritto all'indennità di disoccupazione che può durare fino a 6 mesi.-

        Elimina
    69. Buongiorno avvocato! Sto per prendere un attività di tabacchi in società con un altra persona. Da 5 mesi sto provando ad avere un bambino...se dovessi rimanere incinta come mi devo comportare? E che diritti ho sulla società e la maternità? Saluti martina

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Martina!
        I REQUISITI
        la lavoratrice autonoma, se iscritta nella rispettiva gestione previdenziale (*), in regola con il versamento dei contributi (**) ha diritto:
        ad un periodo indennizzabile di 2 mesi prima della data del parto e 3 mesi successivi la stessa data per un periodo complessivo di 5 mesi (non è richiesta l'astensione obbligatoria dal lavoro);
        (nel caso di adozione o affidamento) ad un periodo indennizzabile di 3 mesi successivi alla data di ingresso del bambino nella famiglia purché il bambino stesso non abbia superato, all’atto dell’adozione o affidamento:
        i 6 anni di età nel caso di adozione o affidamento preadottivo e non preadottivo di bambini italiani;
        i 18 anni di età nel caso di adozione o affidamento preadottivo di minori stranieri;
        ad un periodo indennizzabile di 30 giorni nel caso di interruzione di gravidanza spontanea o volontaria verificatasi non prima del terzo mese.
        N.B: È da escludere l’indennizzabilità nei casi in cui l’interruzione volontaria costituisca reato.
        IL CALCOLO DELL'INDENNITÀ
        L'indennità è pari all'80% delle retribuzioni convenzionali giornaliere, stabilite anno per anno per legge.
        Per le lavoratrici artigiane la retribuzione convenzionale giornaliera , con riferimento agli eventi per i quali il periodo indennizzabile abbia inizio nel 2010 ,è pari ad Euro 38,99 (circ. 37/2010 sezione A punto 6).
        Per le lavoratrici commercianti la retribuzione convenzionale giornaliera , con riferimento agli eventi per i quali il periodo indennizzabile abbia inizio nel 2010, è pari ad Euro 34,17 (circ. 37/2010sezione A punto 6).
        Per le coltivatrici dirette, colone, mezzadre, imprenditrici agricole professionali la retribuzione convenzionale giornaliera ,per le nascite avvenute nel 2010 anche quando il periodo indennizzabile abbia avuto inizio nel 2009, è pari ad Euro 38,69 (circ. 37/2010sezione A punto 6).
        Pagamento
        L'indennità viene pagata direttamente dall'Inps e non è liquidabile prima che il parto sia avvenuto
        Note
        (*) Per gli artigiani e gli esercenti attività commerciali è previsto il termine di 30 giorni dall’inizio del periodo indennizzabile la presentazione della domanda di iscrizione, variazione e cessazione dell’attività.

        Elimina
    70. Buongiorno Avvocato,
      Mia moglie lavora per un'azienda che ha due punti vendita in due città diverse.
      L'azienda ha deciso di chiudere o vendere il punto vendita dove lavora mia moglie che al momento è al 6° mese di gravidanza.
      Mia moglie rischia il licenziamento oppure potrà conservare il posto di lavoro visto che l'azienda ha ancora l'altro punto vendita?
      Inoltre, in caso di licenziamento, avrà comunque diritto alla maternità obbligatoria/facoltativa?
      Grazie mille per la sua consulenza.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Alessandro!
        Chiudere o vendere sono due questioni diverse, e le opzioni possibili sono quindi diverse, è inutile pertanto formulare ipotesi, e comunque Tua moglie anche in caso di licenziamento avrebbe diritto all'indennità di maternità, oltre all'ASPI o alla Mini Aspi.-

        Elimina
    71. Gent.ssimo Avvocato,
      Sono Chiara e da due mesi e mezzo sono in maternità anticipata per gravidanza a rischio.
      Il 31 dicembre è scaduto il mio contratto di lavoro e, ovviamente, non mi è stato rinnovato.
      Vorrei chiederle se dal 1° gennaio fino al 3° mese di vita di mia figlia sarà direttamente l'Inps a pagare la maternità oppure se i soldi passeranno sempre attraverso il mio ex datore di lavoro.
      Il problema è che la Cooperativa per la quale lavoravo è in crisi economica e non mi ha ancora "girato" i soldi che le sono arrivati dall'Inps per i 2 mesi e mezzo di maternità, per questo motivo, visto che il contratto di lavoro è scaduto, da gennaio in poi vorrei cercare di farmi pagare direttamente dall'Inps.
      La ringrazio moltissimo per la sua risposta

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Chiara!
        Non c'è problema!
        Una volta scaduto il contratto devi presentare la domanda di maternità direttamente all'INPS, per il periodo residuo della maternità anticipata e per quella obbligatoria.-

        Elimina
    72. Buongiorno Avvocato,volevo chiederLe un informazione.Dal 9 dicembre 2014 percepisco la disoccupazione Aspi.Ho scoperto di essere incinta e la data presunta del parto é il 12 settembre 2015.Ho diritto alla maternitá? Se si entro quale mese posso richiederla? Inoltre se chiedo la maternità perdo la disoccupazione? Grazie in anticipo per la risposta! Laura

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Laura!
        Tu avrai diritto all'indennità di maternità solo se arriverai all'inizio dell'ottavo mese di gravidanza prima della scadenza dell'ASPI.-

        Elimina
    73. Bona sera avvocato .Vorrei chiedere io lavoro come golf contato indeterminato il mio datore del lavoro mia licenziato ma io non sapevo de essere incita e sono andata alla ggel e o fatto la domanda dizocupazio e poi fra una settimana o saputo ca sono incinta celo anche certificato gravidanza a rischio .coza devo fare chiedere la maternità o pure vado avanti con dizocupazio io loso ca datore del lavoro non a drito di lecentiarme lui mea licenziato il 03012015 però o saputo de esere incinta dopo e o fatto la disoccupazione però mia aspetto il maternità? Grazie

      RispondiElimina
    74. Avvocato posso andare e disdire la dizocupazioni cozza devo fare aiutatemi Non conosco le leggi Gratie

      RispondiElimina
    75. quant soldi si prende in totale per maternita agricola è alatamento

      RispondiElimina
    76. Buonasera volevo chiederle dove mi devo rivolgere per fare la domanda per la maternità obbligatoria..grazie

      RispondiElimina

    I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.

    Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.