mercoledì 10 settembre 2014

Pensione Anticipata

La pensione anticipata è una prestazione economica a domanda, erogata ai lavoratori dipendenti e autonomi iscritti all’assicurazione generale obbligatoria (AGO) ed alle forme sostitutive, esonerative ed integrative, la cui pensione è liquidata con il sistema di calcolo retributivo, misto o contributivo.

Spetta ai soggetti in possesso di anzianità contributiva al 31 dicembre 1995.

Dal 1° gennaio 2014, i soggetti con anzianità contributiva al 31 dicembre 1995, possono conseguire il diritto alla pensione anticipata se in possesso delle seguenti anzianità contributive:

Anno  -  Lavoratrici dipendenti pubbliche  -  Lavoratori dipendenti pubblici
             private e autonome                          privati e autonomi

2014      41 anni + 6 mesi                                 42 anni + 6 mesi
2015      41 anni + 6 mesi                                 42 anni + 6 mesi
2016      41 anni + 10 mesi                               42 anni + 10 mesi
2017      41 anni + 10 mesi                               42 anni + 10 mesi
2018      41 anni + 10 mesi                               42 anni + 10 mesi
2019      42 anni + 2 mesi                                 43 anni + 2 mesi
2020      42 anni + 2 mesi                                 43 anni + 2 mesi
2021      42 anni + 5 mesi                                 43 anni + 5 mesi
2022      42 anni + 5 mesi                                 43 anni + 5 mesi
2023      42 anni + 8 mesi                                 43 anni + 8 mesi
2024      42 anni + 8 mesi                                 43 anni + 8 mesi
2025      42 anni + 11 mesi                               43 anni + 11 mesi
2026      42 anni + 11 mesi                               43 anni + 11 mesi
2027      43 anni + 2 mesi                                 44 anni + 2 mesi
2028      43 anni + 2 mesi                                 44 anni + 2 mesi
2029      43 anni + 4 mesi                                 44 anni + 4 mesi
2030      43 anni + 4 mesi                                 44 anni + 4 mesi
2031      43 anni + 6 mesi                                 44 anni + 6 mesi
2032      43 anni + 6 mesi                                 44 anni + 6 mesi
2033      43 anni + 8 mesi                                 44 anni + 8 mesi
2034      43 anni + 8 mesi                                 44 anni + 8 mesi
2035      43 anni + 10 mesi                               44 anni + 10 mesi
2036      43 anni + 10 mesi                               44 anni + 10 mesi
2037      44 anni                                               45 anni
2038      44 anni                                               45 anni
2039      44 anni + 2 mesi                                 45 anni + 2 mesi
2040      44 anni + 2 mesi                                 45 anni + 2 mesi
2041      44 anni + 4 mesi                                 45 anni + 4 mesi
2042      44 anni + 4 mesi                                 45 anni + 4 mesi
2043      44 anni + 6 mesi                                 45 anni + 6 mesi
2044      44 anni + 6 mesi                                 45 anni + 6 mesi
2045      44 anni + 8 mesi                                 45 anni + 8 mesi
2046      44 anni + 8 mesi                                 45 anni + 8 mesi
2047      44 anni + 10 mesi                               45 anni + 10 mesi
2048      44 anni + 10 mesi                               45 anni + 10 mesi
2049      45 anni                                               46 anni
2050      45 anni                                               46 anni

Se il requisito contributivo sarà raggiunto prima dei 62 anni di età la quota di pensione anteriore al 2012 subirà una decurtazione: 1 per cento per ogni anno di distanza da questo riferimento, 2 per cento per gli anni oltre i due.
 


Calcolo della Pensione


La pensione viene calcolata in base alla situazione contributiva al 1/1/1996

Sistema retributivo:
Il sistema retributivo si applica ai lavoratori e alle lavoratrici che al 1/1/1996 avevano un’anzianità contributiva pari o superiore a 18 anni.-
La retribuzione annua pensionabile viene determinata prendendo a base le ultime 520 settimane di contribuzione (10 anni) precedenti la decorrenza della pensione.-
Per diminuire gli effetti dell’inflazione, la legge rivaluta ogni anno le retribuzioni ed i redditi presi a base per il calcolo della pensione.-
La percentuale di calcolo della pensione rispetto alla retribuzione, è del 2% della media della retribuzione annuale, per ogni anno di contributi versati.-
Esempio:
Età lavoratore anni 60 – Anni di versamento contributi 35 – Media annuale retribuzione lorda euro 15.600 – Media mensile retribuzione lorda euro 1.200.-
Euro 15.600 retribuzione lorda annuale x 70% = euro 10.920 pensione lorda annuale : 13 = euro 840
pensione lorda mensile.-

Sistema misto:
Il sistema misto si applica ai lavoratori o alle lavoratrici che al 1/1/1996 avevano un’anzianità contributiva inferiore a 18 anni.-
In questo caso la pensione viene calcolata con il sistema retributivo per l’anzianità maturata fino al 31 dicembre 1995 e con il sistema contributivo per l’anzianità maturata dal 1° gennaio 1996. Se però si possiede un’anzianità contributiva pari o superiore a 15 anni, di cui almeno 5 successivi al 1995, è possibile utilizzare l’opzione per avere la pensione calcolata interamente con il sistema contributivo.-

Sistema contributivo:
Il sistema contributivo si applica ai lavoratori o lavoratrici che hanno iniziato a lavorare dal 1/1/1996 in poi. Il sistema contributivo prevede il calcolo della pensione effettuato sull’insieme dei contributi versati durante l’intera vita assicurativa.-
Al termine della vita lavorativa, i contributi versati vengono sommati per dare luogo alla base contributiva complessiva – il montante individuale – sulla quale si calcola la pensione. I contributi vengono rivalutati ogni anno in base al prodotto interno lordo (PIL) per consentire al lavoratore di recuperare in parte la diminuzione del potere di acquisto della moneta. Il montante viene moltiplicato per il coefficente di trasformazione stabilito dalla legge in base all’età del lavoratore, ottenendo così la misura della pensione lorda annua.

Coefficienti di trasformazione:
Anno                         2009        2010                   
Età     anni 57            4,720%    4,419%
Età     anni 58            4,860%    4,538%
Età    anni 59             5,006%    4,664%
Età     anni 60            5,163%    4,798%
Età     anni 61            5,334%    4,940%
Età     anni 62            5,514%    5,093%
Età     anni 63            5,706%    5,257%
Età    anni 64             5,911%    5,432%
Età     anni 65            6,136%    5,620%         

Esempio:
Età lavoratore anni 60 – Anni di versamento contributi 35 - Media mensile rivalutata contributi versati (quota lavoratore + quota datore di lavoro) euro 400,00.-
400 x 13 x 35 = euro 182.000 x 5,163% = euro 9.396 lordi annuali : 13 = euro 722 lordi mensili.-

Manovra finanziaria 2011


Rivalutazione tagliata:
Cambia il sistema di adeguamento delle pensioni all'inflazione, per gli anni 2012-2013. Il nuovo testo stabilisce che la rivalutazione sia drasticamente ridotta per i trattamenti previdenziali superiori a 5 volte il minimo INPS (circa 2.380 euro lordi mensili). Questi soggetti riceveranno l'adeguamento solo per la quota di pensione inferiore a 1.430 euro al mese circa, nella misura del 70% . Sono così sostanzialmente salvi coloro che sono al di sotto dei 2.380 euro mensili, i quali però solo per la quota oltre i 1.430 euro al mese, in forza di una normativa già in vigore prima del decreto, si vedranno riconoscere la rivalutazione al 90%. Viene anche introdotto un contributo di solidarietà sulle pensioni più alte. In questo caso non si tratta di una minore rivalutazione ma di una decurtazione secca: sarà tagliato il 5 % della quota di pensione tra 90.000 e 150.000 euro annui, e il 10% di quella oltre i 150.000. Non sarà toccata la parte di pensione fino a 90.000 euro.

Cambiano ancora le finestre:
Dal 2013 tutti i requisiti pensionistici relativi ad età e quote, saranno incrementati di 3 mesi: dunque ad esempio per conseguire il diritto pensione di vecchiaia serviranno per gli uomini 65 anni e 3 mesi (cui si aggiungeranno 12 o 18 mesi di ulteriore attesa). Scatta così con 2 anni di anticipo rispetto a quanto previsto dalla legge del 2010, il meccanismo che lega i requisiti per la pensione alla crescita dell'aspettativa di vita. I successivi incrementi saranno decisi in base alle rilevazioni demografiche dell'Istat: secondo le stime attuali è previsto per il 2050 un innalzamento cumulato di 3 anni e 10 mesi.

40 anni di contributi:
Un'altra novità riguarda coloro che vanno in pensione di anzianità con 40 anni di contributi. Per loro si allungherà di un mese dal 2012, di due nel 2013 e di tre nel 2014 il periodo di attesa per la pensione una volta conseguito il diritto, che non viene messo in discussione. Attualmente questo periodo di attesa, la cosiddetta finestra mobile, è pari a dodici mesi per i lavoratori dipendenti e diciotto per gli autonomi.-

Su questo articolo riportiamo alcune delle normative superate sulle Pensioni di anzianità.

Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

110 commenti:

  1. Egr. Dott. Censori
    Ho fatto 56 anni ad aprile ero disoccupata da 5 anni
    Ho 28 anni e 9 mesi di contributi da dipendente
    Ho 6 anni e 7 mesi in gestione separata ( co.co.co )
    Per poter raggiungere i 40 anni necessari alla pensione in totalizzazione ho accettato un lavoro domestico già dal giugno 2013 dove mi vengono pagati
    contributi per 25 ore settimanali ( 338 euro trim. )
    So che non conteranno molto ai fini della quantità della pensione ma vorrei da lei conferma che raggiunti i 40 anni ( a fine 2017 circa ) potrò accedere alla pensione.
    Grazie e cordiali saluti, Tinazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tinazia!
      Purtroppo NO!
      Se a fine 2017 raggiungerai i 40 anni di contributi, per la pensione anticipata con la totalizzazione dovrai raggiungere i 42 anni + 13 settimane, quindi andrai in pensione alla fine dell'anno 2019.-

      Elimina
  2. Buongiorno Sig. Gianfranco,
    sono nata in aprile 1956 e lavoro come impiegata settore privato dal settembre 1973. Ad oggi ho maturato circa 41 anni lavorativi con 2110 settimane di contribuzione. Quando potrò andare in pensione ? ovviamente sarò penalizzata, del 2% vero? Grazie e cordiali saluti.
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura!
      Essendo nata ad aprile 1956 con 2110 settimane di contributi versati a settembre 2014, potrai andare in pensione anticipata con 41 anni + 26 settimane di contributi, quindi a ottobre 2015, senza penalizzazioni.-

      Elimina
  3. Buongiorno dr.Censori
    sono nata nel 1954.Al 31.12.2014 avro' 2051 settimane lavorate.
    Quando posso andare in pensione? Secondo i miei calcoli a ottobre 2017.
    Grazie e cordialita'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi scusi
      ho dimenticato di dirLe che lavoro nel settore privato.
      A mio avviso rientro nel sistema retributivo.
      Nuovamente grazie.

      Elimina
    2. Essendo nata nel 1954, con 2051 settimane di contributi versati al 31/12/2014 , potrai andare in pensione anticipata con 41 anni + 43 settimane di contributi, quindi a giugno del 2017.-

      Elimina
  4. Salve,
    sono un ex dipendente pubblico nato il 07.01.1948 in pensione dal 01.05.2014. Vorrei sapere cortesemente quando potrò percepire il TFR.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il blocco del TFR è di un anno (cui si aggiungono i 3 mesi per lavorare la pratica; nel complesso 15 mesi per raggiungimento dei limiti di età o dei limiti di servizio, per cessazione del lavoro a tempo determinato o per risoluzioni unilaterali dell’amministrazione (esempio per gli esuberi).-

      Elimina
  5. Buon giorno Dott. Censori, essendo nato agosto 1962 ad ottobre 2014 ho maturato 36 anni di lavoro nel settore privato quando potro' andare in pensione? la ringrazio anticipatamente Roberto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberto!
      Essendo nato ad agosto del 1962, con 36 anni di contributi versati a ottobre 2014, potrai andare in pensione anticipata con 43 anni più 26 settimane, quindi a giungo del 2022.-

      Elimina
  6. Buon giorno dr. Cesaroni,
    sono nata nel 1956.Ho lavorato sempre nel settore privato, all'infuori di un periodo di 91 settimane nel commercio. Al 31/12/2014 avrò maturato 1926 settimane lavorative di cui 91 come anticipato sopra nel commercio. Quando posso andare in pensione? Posso rientrare nell'opzione donna? Inoltre mi conviene riscattare/congiungere il periodo da commerciante?
    grazie e cordiali saluti
    Emy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Emy!
      - SI! Puoi rientrare nell'opzione donna!
      - Essendo nata nel 1956, con 1926 settimane di contributi versati al 31/12/2014, potrai andare in pensione anticipata con 42 anni + 13 settimane di contribuiti, quindi ad aprile 2020.-

      Elimina
  7. Buon giorno sono Pier ho 58 anni dipendente logistica trasporti sono in malattia ed ho 42 anni e 6 mesi al 30 Novembre 2014 dopo che chiudo la malattia è vero come si dice devo fare almeno una settimana da lavoro per non avere penalizzazioni grazie cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pier!
      SI!
      Alla chiusura della malattia devi riprende servizio per almeno una settimana per poter andare in pensione senza penalizzazioni.-

      Elimina
  8. Gentile Dott. sono Giovanni del 1971 ho 998 settimane lavorativi per il momento ho diritto al'ASPI e dopo a 36 mesi di mobilità. Quando mi toccherebbe andare in pensione anche quella anticipata pagandomi i contributi mancanti.GRAZIE anticipatamente per la risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giovanni!
      Con 998 settimane di contributi versati, in base alla normativa attuale, potrai andare in pensione di vecchiaia al compimento dei 69 anni + 2 mesi d'età.-

      Elimina
    2. Gentile Dottore
      sono nata a giugno 1954. Al 31.12.2014 avro' 1958 settimane lavorate nel settore privato .
      Quando posso andare in pensione? posso rientrare nell'opzione donna e quindi lasciare il lavoro per fine 2015 ?

      Elimina
    3. SI!
      Essendo nata a giugno del 1954, con 1958 settimane di contributi al 31/12/2014 puoi rientrare nell'opzione donna e puoi quindi lasciare il lavoro anche subito, e comunque entro il 2015, ma verresti penalizzata a livello economico in quanto la pensione verrebbe calcolata con il sistema contributivo.-
      In alternativa potrai andare in pensione anticipata con 42 anni + 13 settimane di di contributi, quindi a settembre del 2019.-

      Elimina
  9. Dr Censori buonasera,
    sono Carlo,sono nato il 25/03/1957 attualmente ho 39 anni di contributi versati
    mi saprebbe dire quanto potro'andare in pensione? grazie
    attendo un suo gentile riscontro.
    attualmente quante settimane necessitano per il raggiungimento del calcolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carlo!
      Essendo nato a marzo del 1957, con 39 anni di contributi versati al 31 ottobre 2014, potrai andare in pensione anticipata con 42 anni + 43 settimane di contributi, quindi a settembre del 2018.-

      Elimina
    2. buonasera dottore anchio sono della stessa situazione di Carlo, pero io sono in possesso della legge 104, volevo sapere se posso usufruire del congedo di 2 anni ? grazie Carlo, 09/07/1960

      Elimina
    3. Ciao Carlo!
      Il congedo di 2 anni è possibile per l'assistenza a un familiare convivente, ma non per se stessi, quindi nel Tuo caso bisogna vedere chi è la persona invalida.-

      Elimina
  10. Buonasera dott. Censori,
    mi chiamo Giuseppe, sono nato il 19.05.1962 e a dicembre 2014 avrò versato 26 anni e 6 mesi di contributi (12 anni da artigiano, 12 anni da lavoro dipendente e 2 anni e 6 mesi di versamenti volontari).
    Quando potrò andare in pensione?
    Se da gennaio 2015 restassi disoccupato, mi converrebbe riprendere con i versamenti volontari?
    La ringrazio in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuseppe!
      Essendo nato a maggio del 1962, con 26 anni di contributi versati al 30/06/2014, potrai andare in pensione di vecchiaia al compimento 68 anni + 2 mesi d'età, quindi ad agosto del 2030.-
      Nel tuo caso se resti disoccupato, riprendere il versamento dei contributi volontari Ti servirebbe solo per aumentare l'importo della pensione, in quanto non servirebbe per anticipare la data di pensionamento.-

      Elimina
  11. Buon pomeriggio dott. Censori,
    sono nata ad ottobre del 1956- al 31/12/2014 avrò maturato 1857 settimane nel settore privato, di cui 90 settimane nel settore commercio.
    Quando posso andare in pensione? Posso rientrare nell'opzione donna?
    Mi conviene congiungere il periodo da commerciante?
    La ringrazio in anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essendo nata ad ottobre del 1956, con 1857 settimane di contributi versati al 31/12/2014, potrai andare in pensione anticipata con 42 anni + 26 settimane di contributi versati, quindi a novembre del 2021.-
      Se la normativa non verrà prorogata purtroppo non rientri nell'opzione donna, mentre per i contributi da commerciante non ci sono problemi nel senso che verranno automaticamente sommati agli altri.-

      Elimina
  12. Buongiorno Dott. Censori,
    ho 61 anni nato il 20/05/1953 e 41 anni di contributi, di cui i primi anni dal '69 al '76 come lavoratore dipendente privato ( 209 settimane in totale) dal 1977 al 1998 come lavoratore agricolo e dal 1999 ad oggi come lavoratore dipendente.
    Quando potrò andare in pensione? E con quale sistema retributivo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essendo nato a maggio del 1953, con 41 anni di contributi versati al 31/10/2014, potrai andare in pensione anticipata con 42 anni + 43 settimane di contributi, quindi a settembre del 2016.-
      La Tua pensione verrà calcolata con il sistema retributivo per la quota maturata fino al 31/12/2011, e con il sistema contributivo per la quota maturata successivamente.-

      Elimina
  13. Gentile dott. Censori,
    sono Anna con 60 anni di età, 20 di contributi da commerciante e 15 da gestione separata, senza sovrapposizioni, per un totale di 35 anni maturati a giugno 2014. E' possibile operare una totalizzazione e accedere alla pensione con l'opzione donna? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna!
      Purtroppo NO!
      Se i 35 anni di contributi versati fossero stati tutti da lavoro dipendente avresti potuto rientrare nell'opzione donna, ma con contribuzione mista non rientri più nei parametri, a meno che la normativa in scadenza l'anno prossimo non venga prorogata.-

      Elimina
  14. Dottore buongiorno, sono Romano, ho 4 anni dove nello stesso anno sono stato sia dipendente che collaboratore inscritto alla gestione separata, si possono totalizzare le settimane ? essendo del 1967 e rientrando nel sistema misto, se totalizzo divento tutto contributivo ? Grazie Romano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Romano!
      Purtroppo NO!
      Non si possono totalizzare i contribuiti versati in gestioni diverse se si riferiscono allo stesso periodo lavorativo.-

      Elimina
  15. Gentile Dott.Censori,
    sono Simona, tutt'ora dipendente di una ditta privata, ho 56 anni appena compiuti (1958).
    La mia posizione contributiva è 2127 settimane al 30/09/14.
    ipoteticamente mi hanno detto che potrei andare in pensione dal 1/06/2015, è cosi?
    Ci sarebbero delle penalizzazioni in termini remunerativi?
    Sarebbe ad ora possibile terminare l'anno e proseguire fino a fine 2015 senza rischiare, in seguito a nuovi ed eventuali cambiamenti, di dover proseguire anche oltre?

    Grazie

    Cordialmente
    Simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simona!
      SI!
      Essendo nata nel 1958, con 2127 settimane di contributi versati al 30/09/2014 potrai andare in pensione anticipata con 41 anni + 26 settimane di contributi, quindi a giugno del 2015, senza penalizzazioni.-
      Teoricamente una volta che hai raggiunto i requisiti pensionistici puoi andare in pensione quando vuoi in quanto è un diritto acquisito, ma non credo che qualcuno possa darti delle certezze in merito.-

      Elimina
    2. Egregio dott. Censori,ho compiuto 64 anni neli'ottobre 2014, in pensione con fondo trasporti pubblici, da aprile 2012,con solo anni 31 +8 mesi di versamenti,per non aver raggiunto nel 2011 il requisito con i 35 anni
      Ho fuori come lavoratore dipendente3 anni e 6 mesi,a che eta' potro'
      prendere l'equivalente per questi anni di versamenti?

      Elimina
    3. Ciao Sergio!
      Potrai richiedere il ricalcolo della Tua pensione dopo 5 anni dalla data di pensionamento.-

      Elimina
    4. Grazie sig.Gianfranco,dott.Censori , temo pero'che con il ricalcolo saro' penalizzato,perche' con la modalita'del ricalcolo se tutto all'ago,per ogni anno versato il coefficente e'al 2%,con il fondo dei soli anni del pubblico trasporto era stato calcolato il2,5%per ognuno dei quasi32 anni lavorati presso quell'istituto,Grazie,Sergio

      Elimina
    5. Ciao Sergio!
      Ti consiglio di rivolgerti al più vicino Ufficio INCA - CGIL per una simulazione di calcolo dell'eventuale ricalcolo, per evitare ovviamente di rimetterci.-

      Elimina
  16. Sono nato il 17/09/1968 lavoro come dipendente nel settore privato dal 12/07/1985 ho fatto 2 e mezzo anni di cassaintegrazione 1di CIGO + 1 e mezzo di CIGS contigui ho penalizzazioni ? quando andrò in pensione ? Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essendo nato a settembre del 1968, con 29 anni di contributi versati a luglio del 2014, potrai andare in pensione anticipata con 44 anni + 21 settimane di contributi, quindi a gennaio del 2030.-
      Mi pare un po presto per pensare ad eventuali penalizzazioni perché la normativa potrebbe cambiare nei prossimi anni.-

      Elimina
  17. Egregio dott. Censori, ho compiuto 58 anni nell'Aprile 2014 e avendo matturato 40 anni di contributi al 16 Novembre, ( impiegato statale università) quando andrò in pensioni con o senza penalizzazioni? Un Grazie anticipatamente Antonio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonio!
      Essendo nato ad aprile del 1956, con 40 anni di contributi versati a novembre del 2014, potrai andare in pensione anticipata con 42 anni + 43 settimane di contributi, quindi a ottobre del 2017, senza penalizzazioni.-

      Elimina
  18. Buongiorno Dott. Censori, sono nata nel marzo '59' e avendo maturato 33 anni di contributi, ( impieg. statale) quando potrò andare in pensione con l'opzione donna ?
    Grazie Mille Gabriela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gabriela!
      L'opzione donna richiede almeno 35 anni di contributi + 57 anni dì'età, requisiti che debbono essere raggiunti entro quest'anno, se la legge non verrà prorogata.-

      Elimina
  19. Egregio dot. Censori sono nato il 7/10/1957 ad oggi ho 40 e 2 mesi di contributi versati pari a 2089 settimane quando potro usufruire della pensione anticipata?nel frattempo la ringrazio anticipatamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essendo nato a ottobre del 1957, con 2089 settimane di contributi versati a novembre del 2014, potrai andare in pensione anticipata con 42 anni + 43 settimane di contributi, quindi ad agosto del 2017.-

      Elimina
  20. Salve dott. Censori ,
    ho richiesto all'Inps l'ecocert in quanto la società vuol procedere con la mobilità per 4 anni (settore privato) da definire entro il 31 dicembre . Al 30 settembre risultano 1978 settimana di contributi , e considerando al 31 dicembre dovrebbero aggiungere 12 settimane quindi 1990 totali. Qual è la decorrenza della pensione ? Occorre prendere in considerazione 1978 o 1990 per fare oggi il calcolo ?
    Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. aggiungo che sono nato in novembre del 1954. grazie mille

      Elimina
    2. Essendo nato a novembre del 1954, con 1990 settimane di contribuiti versati a dicembre 2014, potrai andare in pensione anticipata con 43 anni + 13 settimane di contributi, quindi a gennaio del 2020.-

      Elimina
    3. Grazie mille ma scusi l'ignoranza , solo per capire: suddividendo le 1990 settimane in 52 ottengo 38,26 . Ponendo che si arrivi ai 43 anni a dicembre 2019 (5 anni) non capisco con le tredici settimane come si arrivi a gennaio 2020!. Da un primo calcolo di un patronato mi hanno detto dicembre 2019. Mi aiuta a fare un po' di chiarezza! HELP!
      grazie mille

      Elimina
    4. mi scusi ancora ma io ero convinto che occorressero 42 anni e 10 mesi! grazie ancora

      Elimina
    5. Buongiorno dott. Censori, un ultimo chiarimento :si arriva ai 43 anni + 13 settimane attraverso qualche tabella? Quindi lei mi conferma che i 42 anni e 10 mesi per me sono errati? Grazie

      Elimina
    6. Stiamo facendo solo dei discorsi teorici!
      Infatti la normativa a livello pensionistico è in continua evoluzione quindi nessuno oggi è in grado di darti delle certezze su quello che succederà tra tra 5 o 6 anni, bisogna pertanto che ti metti il cuore in pace per ritornare sull'argomento solo quando sarai vicino al pensionamento.-

      Elimina
    7. Certo dott. Censori sono solo discorsi teorici, ma volevo capire perché la società presso cui lavoro vuol procedere con la mobilità per 4 anni e ci ha chiesto di verificare se io che ho quei contributi al 31/12/2014 ed altri potremmo andare in pensione fra 4 anni , per non rischiare di rimanere con periodi senza stipendio e senza pensione. Volevo solo sapere se io vado oltre i 4 anni . Tutto qui! grazie mille

      Elimina
    8. Ti consiglio di rivolgerti al più vicino Ufficio INCA - CGIL per una verifica della tua situazione contributiva e per poter quindi stabilire la data di pensionamento, ovviamente in base alla normativa attuale.-

      Elimina
    9. ok grazie mille! buona giornata

      Elimina
    10. Prego!
      Buona giornata anche a Te!!!

      Elimina
  21. egregio dott. censori ho 58 anni di eta' e 32 anni di contributi lavoro publico e 4 anni commerciante come coodiuvante con mio marito posso usufruire oppzione donna ?se non entro in oppzione donna quando potro andare in pensione?grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - SI! Con 58 anni d'età e 36 anni di contributi versati complessivamente puoi usufruire dell'opzione donna.-
      - Se non entri nell'opzione donna potrai andare in pensione anticipata con 42 anni + 25 settimane di contributi versati, quindi a giugno del 2021.-

      Elimina
  22. buon giorno sono nato il 20 10 1964 ho incominciato a lavorare da dipendente privato il 14 novembre 1978 quando potrò andare in pensione grazie,,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essendo nato a ottobre del 1964, con 36 anni di contributi versati a novembre 2014, potrai andare in pensione anticipata con 43 anni + 26 settimane di contributi, quindi a giugno del 2022.-

      Elimina
  23. buongiorno, sono nata ad aprile 1958 e a settembre 2014 avevo 2167 settimane di contributi versati. Posso andare in pensione ora senza penalizzazioni?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Essendo nata ad aprile 1958, con 2167 settimane di contributi versati a settembre 2014, avendo raggiunto i requisiti a settembre 2014, puoi andare in pensione anticipata quando vuoi senza penalizzazioni.-

      Elimina
    2. Attenzione che gli anni fatti siano tutti lavorativi e aver compiuto 62 anni, altrimenti avrai la penalità

      Elimina
    3. Confermo!
      Ovviamente prima di presentare la domanda di pensione Ti consiglio di rivolgerti a un patronato per verificare se effettivamente hai raggiunto tutti i requisiti pensionistici necessari.-

      Elimina
  24. buonasera dott.censore io ho 61anni di eta con 44anni contributi a febraio2015 pero a giugno devo fare la terza rivisione della i.o. se me la bocciano posso andare in pensione anticipata subito io spero che me la rinnovano cosi non perdo qualche mese di assegno aspetto una risposta tanti auguri da gennaro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se alla terza visita di revisione non ti viene riconosciuta la I.O. in via definiva potrai andare in pensione anticipata.-

      Elimina
  25. Salve, io sono nato nel 27/06/1964 dal 1979 fino ad oggi ho sempre lavorato come dipendente nel settore privato quando potrò andare in pensione ?
    Grazie mille,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essendo nato a giugno del 1979, con 35 anni di contributi versati a novembre del 2014, potrai andare in pensione anticipata con 43 anni + 34 settimane di contributi, quindi ad agosto del 2023.-

      Elimina
  26. Buonasera Sig, Gianfranco, io sono nato il 16/10/1958, ai primi di ottobre 2014 ho fatto 40 anni di contributi, quando potrebbe essere la prima uscita per me? Poi un' altra domanda, siccome nel posto dove lavoro la situazione è insostenibile e non ce la faccio più ad andare avanti mi può dire se c'è qualche alternativa per raggiungere la pensione anticipata magari versando dei contributi o riscattando? Se così mi può dire a che cifra vado incontro? Grazie mille , molto gentile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essendo nato a ottobre del 1958, con 40 anni di contributi versati a ottobre 2014, potrai andare in pensione anticipata con 42 anni + 43 settimane di contributi, quindi a settembre del 2017.-
      L'unica alternativa è quella di farti licenziare, ed in tal caso avresti diritto a 14/16 mesi di ASPI alla quale dovrebbe seguire il versamento di contributi volontari per il periodo residuo.-

      Elimina
  27. Buon giorno, sono nato nel 1956 e nel 2014 ho maturato 38 anni di contributi (mese più mese meno). Quando potrò andare in pensione? E con quale percentuale sull'attuale stipendio? Ringrazio d'anticipo per l'auspicata risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essendo nato nel 1956, con 38 anni di contributi versati, potrai andare in pensione anticipata con 43 anni + 13 settimane di contributi.-
      L'importo della pensione spettante è legato ai contributi versati in tutta l'attività lavorativa, quindi non è rapportato all'attuale stipendio.-

      Elimina
  28. Buonasera sig. Gianfranco, sono Marco di milano e pensionato di 58 anni da luglio 2014 con la pensione anticipata con una penalità del 6.5'/,
    Ora che è passata la legge di stabilità che toglie le penalità, dovrei avere i soldi che mi hanno tolto e aumentarmi la pensione? ?.
    La ringrazio e vi porgo i saluti e buon e feste.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco!
      Purtroppo NO!
      Con la legge di stabilità verranno tolte le penali solo a chi andrà in pensione dal 2015 in poi, e non a chi è già in pensione.-

      Elimina
    2. In un articolo scrivono che verrà tolta a tutti la penalità.
      Se si voleva andare prima dei 62 anni anagrafici si doveva accettare un taglio all’assegno pari all’1 per cento per ciascuno dei primi due anni e del 2 per cento per i successivi (per 4 anni di anticipo si «pagava» il 6 per cento). Con l’emendamento approvato ieri si torna alla situazione pre Fornero, rimasta in vigore dal 1° gennaio del 2012 al 1° gennaio del 2015: con 42 anni e 1 mese di contributi si va liberamente in pensione e senza penalità. 

      Elimina
    3. Mi scusi mi ero dimenticato di
      chiederle per il TFR quando lo prendetei ??
      Grazie

      Elimina
    4. Ciao Marco!
      E' vero !
      Con l'emendamento approvato il 23 dicembre, a livello di penalizzazioni, si torna alla situazione pre Fornero, ma la legge non è retroattiva e riguarda quindi solo i futuri pensionamenti.-
      Il TFR per legge va corrisposto al lavoratore entro 60 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro.-

      Elimina
  29. Sono marco dott. Gianfranco, volevo chiederle io sono già in pensione con la penalizzazione, con la niova legge, mi verrà tolta la penalita.
    Grazie e auguri di buone feste.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco!
      Purtroppo NO!
      La nuova legge non sarà retroattiva quindi sarà valida solo per chi andrà in pensione anticipata dall'anno 2015 in poi.-

      Elimina
  30. Gent.mo Sig. Censori,
    innanzitutto auguri per queste festività.

    Sono un precario LSU senza contratto con sussidio di disoccupazione. Non scarico nulla perchè non ho Irpef. Mia moglie ha un contratto a tempo indeterminato con regolare busta paga. Su delega di mia moglie percepisco io assieme al sussidio gli ANF. Facciamo 730 congiunto con io dichiarante e l'eventuale "credito" lo percepisco io assieme al mio sussidio.
    A luglio 2015 arriverà il nostro secondo figlio. Volevo chiedeeLE se il bonus bebè posso percepirlo sempre io assieme al sussidio mensilmente o in un'unica soluzione col 730. E se il bonus Irpef degli 80 euro che mia moglie percepisce posso percepirlo sempre io.
    La ringrazio per la Sua gentile e preziosa risposta.
    Antonio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonio!
      Non capisco cosa cambia se determinati importi li percepisci Tu invece di Tua moglie, comunque sia il bonus bebè che il bonus di 80 euro spettano a Tua moglie e quindi non puoi richiederli Tu.-

      Elimina
  31. Buonasera Dott. Gianfranco sono Giuseppe fi torino, sono andato in pensione a maggio 2014 a 59 anni con la penalità. Volevo chiedere da gennaio 2015 mi toglieranno la penalità, la ringrazio e la saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuseppe!
      Purtroppo NO!
      Non ci saranno più penalità per chi andrà in pensione dal 2015 in poi, mentre per chi è già andato in pensione prima non è previsto niente.-

      Elimina
  32. Buongiorno sono Marco , al 1 gennaio 2015 ho maturato 2035 settimane di lavoro comprensive di 39 settimane di disoccupazione registrata come tale anche sull' ECO CERT . Quando posso andare in pensione anticipata ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco!
      Con 2035 settimane di contributi versati al 31/12/2014 potrai andare in pensione anticipata con 42 anni + 43 settimane di contributi, quindi a ottobre del 2018.-

      Elimina
  33. buonasera, nato nel 59, a 31 dic 2014 ,maturato 2075 contributi, potro andare in pensione, quando? e la penalita viene calcolata sul lordo della pensione o sul netto????grazie infinite,sera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pippo!
      Essendo nato nel 1959, con 2075 settimane di contributi versati al 31/12/2014, potrai andare in pensione anticipata con 42 anni + 43 settimane di contributi, quindi a gennaio del 2018, senza penalizzazioni.-

      Elimina
  34. Buona sera Dott. Censori, Mi chiamo Ciro e sono nato a febbraio del 1954, compirò 61 anni fra un mese ed ho contributi versati dal 76 al 2008 misti tra titolare di impresa artigiana e commerciante, per un totale di 905 settimane (pochini) inoltre dal 2005 sono iscritto come libero professionista, alla gestione separata con contributi versati regolarmente sino al 31-12-2014. (quasi 10 anni) Per la pensione, di che morte devo morire? Grazie per la risposta che vorrà darmi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ciro!
      Essendo nato a febbraio del 1954, con 27 anni di contributi versati complessivamente all'INPS potrai andare in pensione di vecchiaia con la totalizzazione al compimento dei 67 anni + 3 mesi d'età, quindi a giugno del 2021.-

      Elimina
  35. senza penalizzazioni!!!!! non credo, sono in mobilita, mi sono espresso male, mi scuso......ok gennaio 2018!!!!.volevo sapere,la penalita viene calcolata sul lordo della pensione o sul netto????grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pippo!
      Non capisco a quale penalità ti riferisci!
      L'unico problema è che devi arrivare a 42 anni + 43 settimane di contributi o con la mobilità o con il lavoro o con il versamento di contributi volontari.-

      Elimina
    2. mi scusi ma.......L'unico problema è che devi arrivare a 42 anni + 43 settimane di contributi o con la mobilità o con il lavoro o con il versamento di contributi volontari............fin qui ci siamo..........faccio notare, se posso... che nel 2018(gennaio) avro 58 anni..quindi avro la penalita del 6% non avendo 62 anni...( pensione anticipata)........sbaglio???se non sbaglio volevo sapere semplicemente,la penalita viene calcolata sul lordo della pensione o sul netto????grazie e mi scusi!!!!!!!!!!!!!

      Elimina
    3. Ciao Pippo!
      Confermo!
      Nel tuo caso non è prevista alcuna penalizzazione legata all'età!

      Elimina
  36. Buonasera Sig. Censori sono Giuseppe ,percepisco la pensione da 10 anni (ho 74 anni) per un importo annuo di 14650 euro, sono coniugato mia moglie è a mio carico ossia senza reddito, casa di proprietà con una rendita di 390 euro ho diritto agli assegni famigliari ?
    La mia pensione è una VO/ART.
    Grazie per la sua risposta Giuseppe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuseppe!
      Purtroppo NO!
      Non sono previsti gli assegni per il nucleo familiare su una pensione VO/ART.-

      Elimina
  37. buongiorno,sono nato gennaio 1967 e ho iniziato a lavorare a 15 anni.A luglio 2015 sono 33 che lavoro con regolari contributi.Quando andrò in pensione anticipata?Grazie dott.Censori e buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essendo nato a gennaio del 1967, con 33 anni di contributi a luglio 2015, potrai andare in pensione anticipata con 44 anni di contributi, quindi ad agosto del 2026.-

      Elimina
  38. Buona sera Dott. Censori, mi chiamo Luigi sono nato agosto 1958 ed ho iniziato a lavorare nel settembre 1973 a 15 anni. Dipendente universitario dal gennaio 1982, con ricongiunzione all'INPS già effettuata. Quando potrò andare in pensione anticipata? Se prima del 2017 con penalizzazioni? La ringrazio e le auguro buon lavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luigi!
      Essendo nato ad agosto del 1958, con 41 anni di contributi versati a settembre 2014, potrai andare in pensione anticipata con 42 anni + 43 settimane di contributi, quindi ad agosto del 2016, senza penalizzazioni.-

      Elimina
  39. Buon giorno Dott.Censoni,mi chiamo Luigi sono nato a marzo 1955 con 36 anni di contributi, avendo i requisiti per i lavori usuranti perché svolgo lavoro su tre turni con più di68 notti lavorati in un anno,quando potrei andare in pensione.Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luigi!
      Essendo nato a marzo del 1955, potrai andare in pensione anticipata con 43 anni + 13 settimane di contributi, e il calcolo preciso nel Tuo caso potrà essere effettuato solo in base alla durata e quindi all'incidenza del periodo dei lavori usuranti, e solo un patronato in base al Tuo estratto contributivo potrà farti una simulazione di calcolo precisa.-

      Elimina
  40. Buongiorno sig. Gianfranco, intanto tanti complimenti per il blog molto utile, mi chiamo Giovanni sono nato a ottobre 1958 e ho fatto 41 anni di contributi nel 2014 sempre nella stessa azienda. Da febbraio mi metteranno in cassa integrazione in deroga regione Veneto, 32 ore pagate dalla ditta e 8 ore pagate direttamente dall'inps, settimanali, dovrei andare in pensione settembre 2016 ma la ditta non va' per niente bene e io sono stanchissimo, cosa mi conviene fare o proporre per non lavorare più fino ad arrivare alla pensione? Con questa cassa integrazione in deroga vengono compromessi i contributi per la pensione? tante grazie, buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giovanni!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Con la cassa integrazione in deroga i contributi valgono comunque per la pensione!
      In alternativa potresti farti licenziare ed andare in ASPI che potrebbe durare fino a 16 mesi e ti accompagnerebbe quasi fino alla pensione.-

      Elimina
  41. Gent.mo Sig. Censori.

    Mia moglie assunta in una ditta privata nel settembre 1999, ha presentato lettera di dimissioni a far data 1-gen-2015.
    Ha ricevuto il TFR maturato quantificato in 23500 lordi al netto della ritenuta fiscale del 23% circa ha percepito 19000 netti circa.
    DesideraVo chiderLe: riceverà il CUD anche per il TFR?
    Potrà scaricare qualcosa dal 730 sempre relativamente al TFR?
    L'eventuale CUD del TFR farà cumulo col CUD dei normali redditi da lavoro?

    La ringrazio come sempre per la Sua gentile risposta.
    Cordialità

    Antonio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonio!
      Il TFR è soggetto a tassazione separata, quindi l'IRPEF pagata, che risulterà comunque nel CUD, non è recuperabile e l'importo non farà cumulo con i normali redditi da lavoro.-

      Elimina
  42. Gentile Sig. Censori io sono nato nel 1957 ho i contributi versate dal 1973 ad oggi volevo sapere quando potrò andare in pensione tenendo presente che sono tutti consecutivi. siccome ho sentito dire che con la nuova riforma hanno abbassato la finestra mentre prima era 42 anni e 6 mesi adesso sarebbe 42 e un 1 mese è vero . La Ringrazio Anticipatamente e Cordiali Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non mi risulta alcun abbassamento della finestra, quindi in base alla normativa attuale ti confermo che devi arrivare a 42 anni + 26 settimane di contributi.-

      Elimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.