domenica 15 marzo 2015

Adeguamento Annuale delle Pensioni - Minimi Anno 2015

Adeguamento annuale delle pensioni in relazione all'aumento del costo della vita: Valori per l'anno 2015.
La DEFLAZIONE azzera (o quasi) gli aumenti delle pensioni nel 2015: si avrà solo lo 0,2-0,3 più. Gli incrementi si aggireranno al massimo sui 6,50 euro annui per i trattamenti minimi. E le rendite sopra i 3 mila euro subiranno addirittura un taglio per i maggiori importi incassati nell’anno scorso. Tutto a vantaggio delle casse pubbliche e dell’INPS che risparmierà oltre due miliardi. Per il 2015 il meccanismo prevede l’adeguamento al 100% dell’indice ISTAT per le pensioni fino a tre volte il trattamento minimo (1.502,64 euro), mentre per quelle di importo superiore la rivalutazione sarà via via decrescente, fino a scomparire, come si vede dalla tabella di riferimento. Il punto è che per il 2015 l’indice ISTAT utile per la perequazione è solo dello 0,30% e dunque i benefici saranno di conseguenza prossimi allo zero. Non solo! Poiché per il 2014 sono stati corrisposti incrementi superiori dello 0,10 a quanto dovuto, il risultato sarà un aumento ancora più basso: solo 0,20. Per i trattamenti sopra i 3.000 euro mensili lordi, per effetto di ulteriori aggiustamenti e conguagli si arriverà addirittura a un taglio dell’assegno.
Per esempio chi percepisce una pensione minima (sui 500 euro) si dovrà accontentare di non più di 6,50 euro annuali, chi ha un assegno sui mille euro, potrà contare su un incremento di 13 euro circa, chi sta intorno ai 1.600 euro avrà circa 45 euro in più l’anno, ovviamente lordi. Ma chi sta sopra i 3.000 euro dovrà restituire circa 70 euro.

Pertanto l’aumento di gennaio 2015 per le pensioni in questione avrà il seguente andamento:

  • per pensioni fino a 1.502,64 euro mensili, più 0,30 %; pari al 100% ISTAT
  • per pensioni d’importo tra 1.502,64 e 2.003,52 euro mensili, più 0,285 %; pari al 95% indice ISTAT
  • per pensioni d’importo tra 2.003,53 e 2.504,40 euro mensili, più 0,225 %; pari al 75% indice ISTAT
  • per pensioni d’importo tra 2.504,41 e 3.005,28 euro mensili, più 0,15%; pari al 50% indice ISTAT
  • per pensioni superiori a euro 3.005,28 euro mensili, più 0,135%, pari a 45% indice ISTAT

Pensioni integrate al minimo:
Pensioni integrate al minimo                                                euro 502,38.
Pensioni con maggiorazione sociale ultra60enni                    euro 528,22.
Pensioni con maggiorazione sociale ultra65enni                    euro 585,03.
Pensioni con maggiorazione sociale ultra70enni                    euro 626,83.
Per chi non ha diritto alla somma aggiuntiva ultra 70enni        euro 638,83.

Pensioni sociali ed assegni sociali:
Pensione Sociale                                                                 euro 369,63.
Pensione sociale con maggiorazione: 70 anni                         euro 638,82.
Assegno sociale euro 448,51.
Assegno sociale con maggiorazione: 65 anni                         euro 461,90.
Assegno sociale con maggiorazione: 70 anni                         euro 638,82.
Inabili civili totali: 60 anni                                                     euro 638,82.

Invalidità civile: Invalidi totali
Invalidità civile 18 anni                                                         euro 279,75.
Invalidità civile 65 anni                                                         euro 365,42.
Invalidità civile con maggiorazione 18 anni                            euro 290,24.
Invalidità civile con maggiorazione 60 anni                            euro 638,82.

Invalidità civile: Invalidi parziali
Invalidità civile 18 anni                                                          euro 279,75.
Invalidità civile 65 anni                                                          euro 365,42.
Invalidità civile con maggiorazione 18 anni                             euro 290,24.
Invalidità civile con maggiorazione 65 anni                             euro 461,68.
Invalidità civile con maggiorazione 60 anni                             euro 638,82.

Pensione per ciechi assoluti: Pensione 18 anni                       euro 302,53
Pensione con maggiorazione 18 anni                                     euro 313,02.
Pensione con maggiorazione 60 anni                                     euro 638,82.

Indennità di accompagnamento: Invalidi civili totali                    euro 508,55.
Ciechi assoluti                                                                       euro 880,70.
Speciale ciechi parziali ventesimisti                                         euro 203,15.
Indennità di comunicazione per sordomuti                                euro 253,26.


Adeguamento annuale delle pensioni in relazione all'aumento del costo della vita:

Valori per l'anno 2014:

TORNA RIVALUTAZIONE PENSIONE: dopo i due anni di blocco per le prestazioni superiori a tre volte il minimo prevista dal Governo Monti torna la rivalutazione anche se differenziata.
Per i trattamenti pensionistici tra 3 e 4 volte il minimo la rivalutazione sarà al 95% dell'inflazione; tra 4 e 5 volte il minimo la rivalutazione sarà al 75%; per quelli tra 5 e 6 volte il minimo la rivalutazione sarà del 50%; per quanto riguarda i trattamenti pensionistici superiori a 6 volte il trattamento minimo per il 2014 ci sarà una rivalutazione del 40%.

Pertanto l’aumento di gennaio p.v. per le pensioni in questione avrà il seguente andamento:
  • per pensioni fino a 1.486,29 euro mensili, più 1,20 %; pari al 100% ISTAT 
  • per pensioni d’importo tra 1.486,30 e 1.981,72 euro mensili, più 1,14 %; pari al 95% indice ISTAT
  • per pensioni d’importo tra 1.981,73 e 2.477,15 euro mensili, più 0,90 %; pari al 75% indice ISTAT
  • per pensioni d’importo tra 2.477,16 e 2.972,58 euro mensili, più 0,60 %; pari al 50% indice ISTAT
  • per pensioni superiori a euro 2.972,58 euro mensili, più 0,48%, pari a 40% indice ISTAT 


CONTRIBUTO SOLIDARIETÀ PENSIONI ALTE: La legge di stabilità introduce un contributo di solidarietà, per il triennio 2014-2016, sui trattamenti pensionistici obbligatori eccedenti le 14 volte il minimo (circa 7.000 euro al mese).

L’Inps si prepara a liquidare i nuovi importi delle pensioni ,tenendo conto della variazione Istat nel costo della vita, che sarebbe pari all’1,2 %.

Pensioni integrate al minimo:
Pensioni integrate al minimo                                              euro 501,38.-
Pensioni con maggiorazione sociale ultra60enni                 euro 526,74.-
Pensioni con maggiorazione sociale ultra65enni                 euro 583,55.-
Pensioni con maggiorazione sociale ultra70enni                 euro 625,38.-
Per chi non ha diritto alla somma aggiuntiva ultra 70enni    euro 637.82.-

Pensioni sociali ed assegni sociali:
Pensione Sociale                                                              euro 368,37.-
Pensione sociale con maggiorazione: 70 anni                     euro 636,24.-
Assegno sociale                                                               euro 447,60.-
Assegno sociale con maggiorazione: 65 anni                     euro 460,52.-
Assegno sociale con maggiorazione: 70 anni                     euro 637,82.-
Inabili civili totali: 60 anni                                                 euro 637,82.-

Invalidità civile: Invalidi totali
Invalidità civile 18 anni                                                     euro 279,19.-
Invalidità civile 65 anni                                                     euro 364,51.-
Invalidità civile con maggiorazione 18 anni                        euro 289,52.-
Invalidità civile con maggiorazione 60 anni                        euro 637,82.-

Invalidità civile: Invalidi parziali
Invalidità civile 18 anni                                                    euro 279,19.-
Invalidità civile 65 anni                                                    euro 364,51.-
Invalidità civile con maggiorazione 18 anni                       euro 289,52.-
Invalidità civile con maggiorazione 65 anni                       euro 460,53.-
Invalidità civile con maggiorazione 70 anni                       euro 637,82.-

Pensione per ciechi assoluti:
Pensione 18 anni                                                             euro 301,91.-
Pensione con maggiorazione 18 anni                                euro 312,24.-
Pensione con maggiorazione 60 anni                                euro 637,82.-

Indennità di accompagnamento:
Invalidi civili totali                                                            euro 504,07.-
Ciechi assoluti                                                                 euro 863,85.-
Speciale ciechi parziali ventesimisti                                   euro 200,04.-
Indennità di comunicazione per sordomuti                        euro 251,22.-

Per chi fosse interessato a consultare i valori di riferimento in vigore negli anni precedenti, è possibile consultare il nostro articolo con le normative superate sulle Pensioni.

Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it.
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

Gianfranco Censori

82 commenti:

  1. Buonasera dott mio fratello ha 26 anni invalido al 76%con una pensione di 290 euro al mese da gennaio 2015 a carico sempre dei miei genitori .mio padre pensionato inpdapcon una pensione di circa 1200euro al mese invalido al 100%.mio fratello puo lavorare con la legge 68 o perde il diritto alla pensione .?se venisse a mancare mio padre si aggiungera la reversibilita? Mia mamma casalinga cosa le spetta? Grazie mille attendo una sua gentile risposta .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Clarissa!
      - Se Tuo fratello inizia a lavorare non sarà più a carico del padre quindi perderà il diritto alla pensione di reversibilità.-
      - Se venisse a mancare Tuo padre, Tua madre avrebbe diritto alla pensione di reversibilità, mentre Tuo fratello avrebbe diritto alla pensione di reversibilità solo se inabile e a carico del padre al momento del decesso.-

      Elimina
  2. prendo una pensione di vecchiaia di €500 mensili dal 2004 a seguito di tre verbali di invalidità dal 2004 dell'80% poi scesa dopo qualche anno al 74% e con l'ultima revisione a nov.2014 a 65 anni con il 75% con aggiunti altri problemi di salute più o meno gravi. In attesa del verbale, l'ultimo che ho ricevuto dall'inps, mi hanno inviato AP70 da compilare dopo circa 4 mesi e rispedirgli (cosa che ho fatto entro i termini
    richiesti) tramite R.R. ed ho avuto tramite call center l'informazione che l'invalidità è in liquidazione. Allora percepisco come ho detto la pensione inps di vecchiaia, sono separata e prendo il mantenimento di € 3.000 circa l'anno e adesso l'accredito di questa invalidità riconosciuta... leggendo qua e là sembra che due pensioni sono incompatibili… forse me la toglieranno…nn capisco come funziona…gentilmente mi potrebbe spiegare? La ringrazio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non hai diritto all'assegno mensile di assistenza perché con la pensione di vecchiaia e l'assegno di mantenimento superi il limite di reddito di 4.795,97 euro annuali.-

      Elimina
  3. quali sono i diritti per chi prende penzione minima e non ha reddito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco cosa intendi per diritti, perché chi percepisce la pensione minima ha già un diritto in quanto la pensione è di importo pari o superiore ai contributi versati all'INPS nell'arco lavorativo.-

      Elimina
  4. Buona sera ma è vero se una persona e invalida. Può percepire la versibillita,del proprio padre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pensione di reversibilità spetta al coniuge, ai figli minorenni e ai figli maggiorenni che alla data della morte del genitore sono inabili e a suo carico.-

      Elimina
  5. E se non ci sono,minori e avendo visto sempre con i genitori,pero per motivi di salute te ne vai da casa dei genitori, la reversibilità anche se la persona diciamo la figlia invalida un giorno non gli aspetta.?

    RispondiElimina
  6. bunasera,mio marito ha 62 anni invalido al 76%percepisce 290,00 ,nn avendo altro reddito ne contribbuti versati,puo richiedere un aumento?e quando avra 65 anni cosa percepira?grazie in anticipo x la sua disponibbilita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Purtroppo NO! Tuo marito attualmente non può richiedere un aumento della pensione.-
      - Al compimento dei 65 anni d'età l'assegno mensile di assistenza diventa assegno sociale e l'importo salirà a 461,90 euro, in assenza di altri redditi personali e coniugali.-

      Elimina
  7. Buonasera, sono separata e la mia pensione di invalidità civile si è trasformata in pensione sociale dal compimento dei 65 anni e 3 mesi. Percepisco € 365 mensili. Non ho altri redditi. Non avrei diritto alla maggiorazione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importo che percepisci è ridotto quindi ho qualche dubbio sul fatto che non hai altri redditi, tipo assegno di mantenimento, Ti consiglio eventualmente di rivolgerti al più vicino Ufficio INCA - CGIL per una verifica della Tua pensione e della tua situazione reddituale.-

      Elimina
  8. Anonimo .gent.dott. Censori vorrei sapere se con la pensione di€528,22 al mese posso scaricare le spese mediche (che sono tante) facendo il 730 ? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Con una pensione di 528,22 euro al mese non hai trattenute IRPEF quindi non puoi portare in detrazione alcuna spesa, perché per legge si possono portare in detrazione delle spese al massimo fino all'importo dell'IRPEF pagata e non un centesimo di più.-

      Elimina
  9. Gentile dott. Censori, ho 65 anni, invalida civile al 75%. Percepisco da alcuni anni l’assegno di 290 euro. Da un paio di mesi ricevo 365 euro. Non ho altri redditi. Mio marito è titolare di pensione di vecchiaia. Ho ricevuto informazioni contrastanti riguardo al fatto che al compimento dei 65 anni e 3 mesi occorra considerare o meno il reddito del coniuge.
    A suo avviso è corretto l’importo che mi è stato assegnato? Quali sono i requisiti per percepire la maggiorazione?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MAGGIORAZIONI SOCIALI
      Chi vive con una sola pensione o quasi può avere qualcosa in più della pensione minima.
      La legge riconosce, infatti, le cosiddette maggiorazioni sociali, che variano in base all’età del pensionato. La quota aggiuntiva è di 25,83 euro al mese per coloro che hanno dai 60 ai 64 anni, di 82,64 euro per chi ha un’età che si colloca tra 65 e i 69 anni.
      Dai 70 anni in su l’integrazione è di 136,44 euro. I 70 anni richiesti si possono ridurre fino a 65, in ragione di un anno per ogni cinque di contributi versati. Per gli invalidi totali l’età minima è di 60 anni.
      Per i non coniugati il limite di reddito personale è dato dall’ammontare del trattamento minimo, più l’importo annuo della maggiorazione.
      Mentre per i coniugati il reddito della coppia non deve superare il limite personale, maggiorato dell’importo dell’assegno sociale (448,61 euro mensili nel 2015).
      Quali redditi
      Sia per la pensione minima che per la maggiorazione sociale, è il caso di ricordare che l’Inps considera tutti i redditi di qualsiasi natura, compresi quelli esenti o tassati alla fonte come gli interessi bancari e postali, i rendimenti da Bot e altri titoli.
      Nel computo rientrano anche le rendite INAIL e gli assegni assistenziali.
      In altre parole bisogna denunciare tutto con la sola eccezione dei redditi provenienti da:
      - la casa di abitazione;
      - le pensioni di guerra;
      - l’assegno di accompagno;
      - i trattamenti di famiglia;
      - i sussidi erogati da Enti Pubblici senza carattere di continuità
      Limiti di reddito anno 2015:
      da 60 a 64 anni - Personale 6.866,86 - Coniugale 12.697,62.-
      da 65 a 69 anni - Personale 7.605,39 - Coniugale 13.436,15.-
      da 70 anni in poi-Personale 8.291,66 - Coniugale 14.110,19.-

      Elimina
  10. Dott.Censori io ho 47anni e sono invalida civile anch'io percepisco un asegnio 290 non ho reddito,e più va più si aggrava la situazione,cosa mi consiglia lei.grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo fino a 65 anni d'età, a livello economico non sono previste altre indennità, a meno che non si abbia diritto all'indennità di accompagnamento.-

      Elimina
  11. Gentile, Sig Censori ho capito quello che mi ha spiegato,ma avendo visuto in Germania e il mio primo intervento alla gamba e stato fatto in Germania, non ho lavorato molto perché avevo un, aiuto dall'ufficio di lavoro e in più mi pagavano i contributi loro, ho due interventi alla gamba protesi, non deampolo,molto bene ho lomoscdelgia,ho avuto la leucemia, intervento alo stomaco e la poliomielite alle gambe, posso chiedere lacombagniamento.!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho competenze di carattere medico quindi non posso entrare nel merito della Tua domanda, ti consiglio pertanto di rivolgerti al Tuo medico di famiglia per verificare se nel Tuo caso ci sono i requisiti per il diritto all'indennità di accompagnamento, perché dovrà eventualmente emettere la relativa certificazione medica.-

      Elimina
  12. Gentile Sig. Gianfranco Censori,
    mi riferisco al suo recente commento sulle "Maggiorazioni Sociali".
    Sono nato il 31/12/1948, ho quindi 67 anni suonati. Non ho redditi. Percepisco l'Assegno sociale, convertito a settembre 2012 dalla Pensione Invciv, che è pari ad € 461,00 mensili ( € 448,52 + € 12,90 per maggiorazione e con detrazione di € 0,01 per Contributo ex Onpi).
    Le sarei grato di chiarirmi se l'importo di € 12,90 che Inps mi attribuisce sia corretto, perchè sembrebbe in contrasto con quanto da lei indicato quale maggiorazione sociale per gli over 65enni.
    Nel caso non lo fosse, mi dica cortesemente se devo presentare una nuova domanda di ricostituzione tramite il portale internet o sia meglio di persona presso lo sportello Inps locale.
    La ringrazio e saluto cordialmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Infatti l'importo dell'assegno sociale con maggiorazione dai 65 ai 69 anni d'età è pari a 461,90 euro mensili.-

      Elimina
  13. Gentil Sig Gianfranco Censori sono invalido 80% dal anno 2008 Novembre
    Lavoro luglio 1976 quando potrò andare in pensione inserendo la maggiorazione per l'invalidità civile superiore ai 2/3,
    La ringrazio e saluto cordialmente.
    Michele58

    RispondiElimina
    Risposte
    1. CONTRIBUTI FIGURATIVI PER IL PREPENSIONAMENTO:
      La legge 23 dicembre 2000, n. 388 (articolo 80, comma 3) consente ai lavoratori sordomuti e agli invalidi per qualsiasi causa (ai quali sia stata riconosciuta un'invalidità superiore al 74 per cento o assimilabile) di richiedere, per ogni anno di lavoro effettivamente svolto, il beneficio di due mesi di contribuzione figurativa. Il beneficio è riconosciuto fino al limite massimo di cinque anni di contribuzione figurativa utile ai fini del diritto alla pensione e dell'anzianità contributiva.
      Pertanto, usufruendo di questa opportunità, il lavoratore invalido o sordomuto può raggiungere il diritto ad andare in pensione con cinque anni di anticipo. L'entrata in vigore di questa agevolazione è stata fissata al 1 gennaio 2002.-
      Se sei nato nel 1958 potrai andare in pensione anticipata con 43 anni + 13 settimane di contributi, compresi i mesi di maggiorazione.-

      Elimina
  14. Gent,mo DR Censori,mi chiamo Carlo e chiamo da Frattamaggioreed approfitto della SUA grande bonta' e rara competenza per chiderLE una cortese delucidazione:sono un docente in pensione dal settembre 2007e percepisco una pensione mensile lorda di EURO 2.050,51 e una pensione di reversibilta' di euro 1.250,98 lordi
    dopo il decesso di mia moglie avvenuto nel 2002 all'eta' di 48 anni. Ad agosto non ho percepito alcun bonus che mi aspettavo per mancata rivalutazione del biennio 2012/2013.Secondo LEI ci sara' stato un errore amio danno da parte dell'INPS essendo la mia pensione tra euro 1.500 e 3.000 .Grazie in anticipo e cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carlo!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Purtroppo ai fini dell'erogazione del bonus di agosto contava la pensione lorda e non quella netta, quindi Tu non rientravi nei parametri.-

      Elimina
    2. DR Censori Le sono molto grato per la risposta e LE auguro tutto il bene che merita.

      Elimina
    3. Ciao Carlo!
      Ti ringrazio e contraccambio gli auguri!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  15. siamo una coppia monoreddito mio marito ha 76 anni e io 65 è pensionato enpals ma pagato dall'inps perchè da gennaio tolgono regolarmente dai 30 ai 40 euro al mese e la pensione non raggiunge i 1000 euro abbiamo la casa di proprietà posso fare domanda per un aventuale sostegno sociale? grazie per il suo lavoro che ci aiuta un pò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      L'importo della pensione di Tuo marito, superiore al limite di 11.661,26 lordi annui, non ti consente il diritto all'assegno sociale, quindi a livello statale nel vostro caso non sono previste altre indennità.-

      Elimina
  16. Salve Dott.Censori, mia madre percepisce una pensione di reversibilita ' minima, ha 61 anni, ha diritto alla quattordicesima?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuseppina!
      Purtroppo NO!
      La quattordicesima è prevista solo al compimento dei 64 anni d'età.-

      Elimina
  17. Grazie Dott.Censori, la ringrazio per la pronta risposta e le auguro una buona serata.

    RispondiElimina
  18. Gentile dott Censori, le espongo il mio problema con l'INPS, mi chiamo Salvatore
    nato il 20-2-1950. Sono invalido civile al 100% per problemi psichici e malattia tumorale percepisco pensione dall INPS dal 2010 ho percepito una pensione di invalidita di 279 euro fino a giugno di questo anno, al mio compimento dei 65 anni è passata a 365 euro. Il 10 Agosto ho presentato domanda di assegno sociale, aggiungo che non possiedo redditi di alcun genere,oltre a quello derivante dalla pensione di invalidità, e vivo nella abitazione di mia sorella e mio cognato.
    Il 25 INPS mi ha comunicatoche la domanda è stata rigettata con la seguente motivazione:DAL 1 GIUGNO LEI GIA' PERCEPISCE L'INV. CIVILE-365 euro CON IMPORTO ADEGUATO ALL' ASSEGNO SOCIALE.
    Ora le chiedo se mi può consigliare se ci sono gli estremi per fare ricorso .
    La ringrazio moltissimo per l'attenzione datomi.
    Buongiorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Presumo che tu sua stato male informato!
      Infatti la normativa prevede che al compimento dei 65 anni + 3 mesi d'età l'assegno mensile di assistenza viene trasformato automaticamente in assegno sociale, quindi non avresti dovuto presentare alcuna domanda all'INPS.-
      Il problema eventualmente è nell'importo che dovrebbe essere di 461,90 euro mentre tu percepisci solo 365,00 euro, Ti consiglio quindi di rivolgerti a un patronato per una verifica reddituale e per richiedere, se ne esistono i requisiti, la differenza.-

      Elimina
  19. Buongiorno avvocato Censori,
    Io conosco una signora 70enne che abita in una piccola casa di sua proprieta, ha una pensione di 520 euro e un picolo deposito bancario, con questo deposito bancario avrebbe diritto alla maggiorazione sociale e di quanto?
    Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MAGGIORAZIONI SOCIALI
      Chi vive con una sola pensione o quasi può avere qualcosa in più della pensione minima.
      La legge riconosce, infatti, le cosiddette maggiorazioni sociali, che variano in base all’età del pensionato. La quota aggiuntiva è di 25,83 euro al mese per coloro che hanno dai 60 ai 64 anni, di 82,64 euro per chi ha un’età che si colloca tra 65 e i 69 anni.
      Dai 70 anni in su l’integrazione è di 136,44 euro. I 70 anni richiesti si possono ridurre fino a 65, in ragione di un anno per ogni cinque di contributi versati. Per gli invalidi totali l’età minima è di 60 anni.
      Per i non coniugati il limite di reddito personale è dato dall’ammontare del trattamento minimo, più l’importo annuo della maggiorazione.
      Mentre per i coniugati il reddito della coppia non deve superare il limite personale, maggiorato dell’importo dell’assegno sociale (448,61 euro mensili nel 2015).
      Quali redditi
      Sia per la pensione minima che per la maggiorazione sociale, è il caso di ricordare che l’Inps considera tutti i redditi di qualsiasi natura, compresi quelli esenti o tassati alla fonte come gli interessi bancari e postali, i rendimenti da Bot e altri titoli.
      Nel computo rientrano anche le rendite INAIL e gli assegni assistenziali.
      In altre parole bisogna denunciare tutto con la sola eccezione dei redditi provenienti da:
      - la casa di abitazione;
      - le pensioni di guerra;
      - l’assegno di accompagno;
      - i trattamenti di famiglia;
      - i sussidi erogati da Enti Pubblici senza carattere di continuità
      Limiti di reddito anno 2015:
      da 60 a 64 anni - Personale 6.866,86 - Coniugale 12.697,62.-
      da 65 a 69 anni - Personale 7.605,39 - Coniugale 13.436,15.-
      da 70 anni in poi-Personale 8.291,66 - Coniugale 14.110,19.-

      Elimina
  20. sono molto soddisfatto delle risposte sul mio caso specifico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Donato!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  21. Gentile Dott. Censori,
    Torno sull'argomento "maggiorazione sociale" in quanto sono percettore di pensione Categoria 044 (INVCIV/Assegno Sociale) così composta: Pensione Lorda € 448,52, Maggiorazione € 12,92, Detrazione ex ONPI € 0,01, per un totale di € 461,43. Non ho altri redditi rilevanti sui limiti.
    Ho 67 anni e per questa età lei indica una maggiorazione di € 82,64 che appare ben diversa dagli € 12,92 che mi sono riconosciuti oltre all'assegno sociale.
    Cosa c'è di sbagliato e, eventualmente, come risolvere?
    La ringrazio e saluto cordialmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valori per l'anno 2015
      Assegno sociale fino a 64 anni euro 448,51.-
      Assegno sociale con maggiorazione: 65 anni euro 461,90.-
      Assegno sociale con maggiorazione: 70 anni euro 638,82.-

      Elimina
  22. Salve dott. Censori, vorrei un'informazione.
    Mia madre, 67 anni, riceve un assegno sostitutivo dell'invalidità civile (al 75%) pari a 365 euro mensili.
    Mio padre ha una pensione di 990 euro mensili.
    Mia madre può richiedere qualche maggiorazione?
    Al compimento dei 70 anni quanto prenderà?
    La ringrazio sin d'ora per la sua risposta.
    Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Tua madre con i redditi di Tuo padre non ha diritto ad alcuna maggiorazione, nemmeno la compimento dei 70 anni d'età.-

      Elimina
  23. Salve Dott. Censori
    Mia madre ha compiuto il 13 ottobre 2015, 66 anni, dato che al compimento dei 65 anni ha avuto un aumento di pensione, mi chiedevo se ciò valeva anche per ogni anno che compie, ho il prossimo aumento scatterà direttamente a 70 anni...
    In attesa di una sua risposta, distinti saluti
    Enzo Colombo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Enzo!
      Purtroppo il prossimo aumento della pensione di Tua madre, a parte l'eventuale adeguamento ISTAT, scatterà a 70 anni.-

      Elimina
  24. Buona sera, Dott. Censori
    ho 63 anni e percepisco una invalidità inps dal 2007, l'importo mensile è pari ad €2.450,00 lordi.
    Ho diritto al bonus per la rivalutazione.
    Grazie e complimenti per le sue risposte puntuali ed esaustive.
    Pino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pino!
      SI!
      Con una pensione di 2.500 euro lordi mensili hai diritto al bonus per la mancata rivalutazione ISTAT, che dovresti aver percepito con la rata di agosto.-

      Elimina
  25. Egregio dott. Censori,
    le pongo una cortese domanda. Mia moglie è invalida civile e percepisce una pensione di €. 279,75 mensili; il giorno 9 del prossimo mese compirà 65 anni e dovrebbe avere trasformata la pensione di invalidità in pensione sociale.La cosa avverrà automaticamente o deve inoltrare domanda o produrre documenti?
    La ringrazio molto anticipatamente e grazie per questo meritorio servizio.
    Aldino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Aldino!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      L'assegno mensile di assistenza al compimento dei 65 anni d'età viene trasformato automaticamente in assegno sociale, con i limiti di reddito dell'invalidità civile, e l'importo aumenta per diventare quello dell'assegno sociale.-

      Elimina
  26. Salve Avv. Censori, ho 69 anni e percepisco l' assegno sociale di 271,11€ al mese. Mia moglie ultrasettantenne percepisce l'assegno sociale più la maggiorazione di 190,31 al mese quindi per un totale corretto di 638,83 (448,52+190,31). Come reddito abbiamo solo la casa di proprietà.
    Vorrei sapere se è giusto che mi diano soltanto 271,11€ o dovrei percepire anch'io l' importo dell'assegno sociale per intero ovvero 448,52 cosi da raggiungere il limite coniugale annuo max di 14.135,55€.
    Ho chiesto info a vari patronati e ognuno dice la sua: c'è chi dice che il nostro limite coniugale annuo è 11.661,52€ ovvero l'assegno sociale x2 x13 mensilità; chi dice che mi porteranno il limite coniugale a 14.135,55 al mio 70 anno di età; chi sostiene che dovrebbero darmi l'importo intero dell'assegno sociale: insomma ci sono versioni contrastanti. Esiste una norma che spieghi tutto ciò.
    Grazie anticipatamente, l'occasione mi è grata per porgherVi cordiali saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assegno sociale: euro 448,51.
      Assegno sociale con maggiorazione: 65 anni euro 461,90.
      Assegno sociale con maggiorazione: 70 anni euro 638,82.
      Questo significa che Tu e Tua moglie insieme, avete diritto al doppio delle cifre sopra indicate in base alla Vostra età anagrafica.-

      Elimina
  27. Salve dott mia madre ha 55 anni e percepisce la pensione di reversibilità pari a 502 esiste qualche maggiorazione la ringrazio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Tua madre non ha diritto ad alcuna maggiorazione.-

      Elimina
  28. Egregio dottore è possibile che oggi abbiano mandato a mia madre un conguaglio di 700 euro per mio fratello invalido civile al 100 % con accompagno totale pensione + accompagno 700 euro circa .... gli scrivono che hanno fatto un ricalcolo e siamo in debito di 700 euro circa ... la domanda è oltre a capire da dove viene fuori che siamo in debito il recupero di questa somma sarà frazionato oppure in un unica soluzione grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Per capire da dove viene fuori il debito dovete o rivolgervi o a un Patronato o direttamente alla sede INPS di zona.-
      - Riguardo al pagamento, se Tua madre non vuole pagare in un'unica soluzione, può richiedere all'INPS una rateizzazione.-

      Elimina
  29. Buona sera dottor Gianfranco volevo chiedergli un'informazione, mia mamma percepisce l'assegno sociale di cui l'ha ereditato dall'invalidità al 100% e in più percepisce l'indennità di accompagnamento e una assegno di mantenimento pari a 300€ mensili. da questo mese l'Inps gli ha abbassato l'assegno sociale quasi di 1/5 dell'intera somma percepita. Volevo chiedergli se Inps gli può abbassare l'assegno sociale, e se non può farlo cosa devo fare x recuperare l'indebito nato con le somme detrarre in questo mesi? Aspettando una sua risposta, le porgo i miei distinti saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco!
      Se a Tua madre è stato abbassato l'importo dell'assegno sociale è perché o ha superato il limite di reddito (euro 16.449,85) o non ha trasmesso all'INPS il modello RED, Ti consiglio quindi di rivolgerti a un Patronato per verificare cos'è effettivamente successo.-

      Elimina
    2. No dottor Gianfranco mia madre a presentato regolarmente ogni anno il red e non supera il limite previsto dalla legge, anche se a questo limite di superamento del reddito non si dovrebbe calcolare l'indennità di accompagnamento. Lei ke ne pensa?

      Elimina
    3. Ciao Francesco!
      Ti confermo che ai fini del raggiungimento del limite di reddito non conta l'indennità di accompagnamento, e per il resto devi rivolgerti o a un patronato o direttamente alla sede INPS di zona per chiarire la questione.-

      Elimina
    4. Dottore le volevo chiedere un'altra informazione, se Inps mando una ricostruzione di indebito dopo 27 mese dall'accorgersi della dichiarazione dei redditi fatti da parte di mia madre regolarmente ogni anno, volevo sapere i termini x legge ke ha Inps x notificare questo indebito, e se ha superato i termini previsti dalla legge se è decaduto l'indebito?

      Elimina
    5. Ciao Francesco!
      I debiti con l'INPS si prescrivono in 10 anni, quindi se l'indebito è arrivato dopo 27 mesi, Tua madre può solo verificare se è dovuto o meno quanto richiesto, e se è dovuto dovrà pagare, richiedendo eventualmente una rateizzazione.-

      Elimina
  30. Salve Avv. Censori, ho 69 anni e percepisco l' assegno sociale di 271,11€ al mese.
    Mia moglie ultrasettantenne percepisce l'assegno sociale più la maggiorazione di 190,31 (art. 38 legge 448/2001)) al mese quindi per un totale corretto di 638,83 (448,52+190,31).
    Come reddito abbiamo solo la casa di proprietà.
    Vorrei sapere se è giusto che mi diano soltanto 271,11€ o dovrei percepire anch'io l' importo dell'assegno sociale per intero ovvero 448,52 cosi da raggiungere il limite coniugale annuo max di 14.135,55€.
    Ho chiesto info a vari patronati e ognuno dice la sua: c'è chi dice che il nostro limite coniugale annuo è 11.661,52€ ovvero l'assegno sociale x2 x13 mensilità; chi dice che mi porteranno il limite coniugale a 14.135,55 al mio 70 anno di età; chi sostiene che dovrebbero darmi l'importo intero dell'assegno sociale: insomma ci sono versioni contrastanti.
    Esiste una norma che spieghi tutto ciò?
    Al momento ho solo capito che l’INPS arrivano al mio calcolo dell’ assegno sociale in questo modo:
    limite massimo coniugale assegno sociale: 11.661,52€
    si sottrae l’importo dell’ assegno sociale di mia moglie x 13 mensilità : 638,83€ x13 = 8304,79€
    differenza fra i due numeri uguale 3356,73€
    diviso 13 mensilità 3356.73/13 = 258,21
    poi aggiungono art. 70 legge 388/2000: 258,21€+12,92€= 271,13€
    e si arriva al mio assegno sociale di 271,11€
    Ma tutto ciò è corretto?
    Grazie anticipatamente, l'occasione mi è grata per porgherVi cordiali saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco!
      Il calcolo dell'INPS che riporti tu stesso è corretto, e al compimento dei 70 anni il limite coniugale verrà portato a 14.135,55.-

      Elimina
  31. salve dottore voleevo sapere avendo una zia in decadimento cognitivo al 100 x 100 e avendo riconosciuto l'accompagnamento l'imps di quanto è l'assegno? Lei percepisce 1600 euro di pensione paga l'affitto e nn ha propietà. grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Flavia!
      L'indennità di accompagnamento è pari a 508,55 euro mensili, per 12 mensilità all'anno, esenti da tassazione IRPEF.-

      Elimina
    2. grazie dottore la domanda l'ho posta xchè mi era stato detto che sarebbe stata di 190 euro visto la pensione che percepisce la zia:

      Elimina
    3. Ciao Flavia!
      Non è assolutamente vero quello che ti è stato detto!

      Elimina
  32. buonasera io vorrei capire se il modello isee conta per aver diritto alla pensione sociale,mia mamma non fa red quindi ho cud e 730 oltre al modello isee,ho le idee confuse ...da alcuni post letti su internet mi sembrava di aver capito che avrei dovuto considerare l'indice isr dell'isee.... in caso di separazione il fatto di vivere nella stessa casa(due sub diversi)potrebbe influire sulla concessione della pensione ,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ai fini del diritto all'assegno sociale conta solo il reddito personale e coniugale , quindi non conta l'ISEE.-
      Se i coniugi sono separati occorre che uno dei due cambi residenza, altrimenti l'INPS considera la separazione solo fittizia e non riconosce il diritto all'assegno sociale.-

      Elimina
  33. gent. Dott. Censori
    fino allo scorso anno da circa 10 anni percepivo un assegno di invalidità civile di circa 220 euro al mese (non ricordo esattamente),poi compiuto 65 anni e tre mesi si è tramutato in assegno sociale automaticamente oggi dell’importo di 420 euro da quanto mi risulta non dovrebbe essere di 448?
    Oggi poi mi è arrivata una lettera dall’Inps che dice :
    abbiamo provveduto a rideterminare l’importo della Sua pensione n… categoria INVCIV a decorrere da gennaio 2012 sulla base della sua comunicazione dei redditi per l’anno 2013…….

    sulla base dei nuovi calcoli gli importi della pensione relativi al corrente anno , già comunicati col modello ObisM o con un precedente provvedimento di liquidazione o di riquidazione, al lordo delle eventuali addizionali regionali o comunali,sono così variate:
    assegno lordo 418,68 …. ecc ecc
    pertanto dal gennaio 2015 al Novembre 2015 Lei ha ricevuto un pagamento superiore a quanto dovuto per un importo complessivo di 48,18 euro.
    Siamo costretti a recuperare questa somma sulla sua Pensione attraverso una trattenuta……
    ----------------------------------------------
    Da quanto so (se non erro dato che ci capisco poco )il calcolo dei redditi per gli assegni sociali da assegni di invalidità civile deve far riferimento ai redditi di invalidità civile e se non si supera il limite di reddito non deve subire alcuna detrazione dall’assegno sociale.(non mi risulta di avre superato i limiti almeno che il commercialista abbia sbagliato)

    potrebbe gentilmente chiarirmi la situazione che non mi quadra?
    grazie
    Maria Luisa Dolci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria Luisa!
      In effetti se non si supera il limite di reddito la pensione non deve subire alcuna decurtazione, Ti consiglio quindi o di rivolgerti a un patronato o di presentarti direttamente alla sede INPS di zona per verificare cos'è effettivamente successo.-
      L'importo attuale dell'assegno sociale è di 448,51 euro che diventa 461,90 euro con maggiorazione a 65 anni, quindi con l'occasione dovresti verificare anche questo.-

      Elimina
    2. grazie mille !

      Elimina
    3. Ciao Maria Luisa!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  34. Bungiorno, Dr Gianfranco Censori volevo sapere chi prende penzione di invalidità civile aumentano anche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Anche le pensioni di invalidità civile vengono aumentate annualmente in base all'adeguamento ISTAT.-

      Elimina
  35. DOTT. Gianfranco
    volevo chiederle cosa è la dicitura conguaglio da rinnovo sulla pensione..mi spiego meglio, sulla pensione di mia madre nel gennaio 2012 le hanno levato 350 € dove era scritto conguaglio da rinnovo..me ne sono accorto solo ora, per avere chiarimenti dall'inps sono in tempo o è andato tutto in prescrizione..
    LA SALUTO CIAO GREGORIO..COMPLIMENTI PER IL SITO Scusate se mi sono un pò dilungato..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      Una trattenuta chiamata “conguaglio pensione da rinnovo”, è l’effetto della perequazione automatica, vale a dire il meccanismo di rivalutazione annuale delle pensioni.-
      Comunque sei ancora in tempo per richiedere chiarimenti all'INPS.-

      Elimina
  36. Buongiorno , mia mamma percepisce una pensione di 626 data da i contributi di mio padre morto 10 anni fa.A luglio mia mamma compie 70 anni.Ha diritto all'aumento

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vincenzo!
      SI!
      Se Tua madre non dispone di altri redditi, al compimento dei 70 anni avrà diritto alla maggiorazione sociale.-

      Elimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.