domenica 15 marzo 2015

Adeguamento Annuale delle Pensioni - Minimi Anno 2015

Adeguamento annuale delle pensioni in relazione all'aumento del costo della vita: Valori per l'anno 2015.
La DEFLAZIONE azzera (o quasi) gli aumenti delle pensioni nel 2015: si avrà solo lo 0,2-0,3 più. Gli incrementi si aggireranno al massimo sui 6,50 euro annui per i trattamenti minimi. E le rendite sopra i 3 mila euro subiranno addirittura un taglio per i maggiori importi incassati nell’anno scorso. Tutto a vantaggio delle casse pubbliche e dell’INPS che risparmierà oltre due miliardi. Per il 2015 il meccanismo prevede l’adeguamento al 100% dell’indice ISTAT per le pensioni fino a tre volte il trattamento minimo (1.502,64 euro), mentre per quelle di importo superiore la rivalutazione sarà via via decrescente, fino a scomparire, come si vede dalla tabella di riferimento. Il punto è che per il 2015 l’indice ISTAT utile per la perequazione è solo dello 0,30% e dunque i benefici saranno di conseguenza prossimi allo zero. Non solo! Poiché per il 2014 sono stati corrisposti incrementi superiori dello 0,10 a quanto dovuto, il risultato sarà un aumento ancora più basso: solo 0,20. Per i trattamenti sopra i 3.000 euro mensili lordi, per effetto di ulteriori aggiustamenti e conguagli si arriverà addirittura a un taglio dell’assegno.
Per esempio chi percepisce una pensione minima (sui 500 euro) si dovrà accontentare di non più di 6,50 euro annuali, chi ha un assegno sui mille euro, potrà contare su un incremento di 13 euro circa, chi sta intorno ai 1.600 euro avrà circa 45 euro in più l’anno, ovviamente lordi. Ma chi sta sopra i 3.000 euro dovrà restituire circa 70 euro.

Pertanto l’aumento di gennaio 2015 per le pensioni in questione avrà il seguente andamento:

  • per pensioni fino a 1.502,64 euro mensili, più 0,30 %; pari al 100% ISTAT
  • per pensioni d’importo tra 1.502,64 e 2.003,52 euro mensili, più 0,285 %; pari al 95% indice ISTAT
  • per pensioni d’importo tra 2.003,53 e 2.504,40 euro mensili, più 0,225 %; pari al 75% indice ISTAT
  • per pensioni d’importo tra 2.504,41 e 3.005,28 euro mensili, più 0,15%; pari al 50% indice ISTAT
  • per pensioni superiori a euro 3.005,28 euro mensili, più 0,135%, pari a 45% indice ISTAT

Pensioni integrate al minimo:
Pensioni integrate al minimo                                                euro 502,38.
Pensioni con maggiorazione sociale ultra60enni                    euro 528,22.
Pensioni con maggiorazione sociale ultra65enni                    euro 585,03.
Pensioni con maggiorazione sociale ultra70enni                    euro 626,83.
Per chi non ha diritto alla somma aggiuntiva ultra 70enni        euro 638,83.

Pensioni sociali ed assegni sociali:
Pensione Sociale                                                                 euro 369,63.
Pensione sociale con maggiorazione: 70 anni                         euro 638,82.
Assegno sociale euro 448,51.
Assegno sociale con maggiorazione: 65 anni                         euro 461,90.
Assegno sociale con maggiorazione: 70 anni                         euro 638,82.
Inabili civili totali: 60 anni                                                     euro 638,82.

Invalidità civile: Invalidi totali
Invalidità civile 18 anni                                                         euro 279,75.
Invalidità civile 65 anni                                                         euro 365,42.
Invalidità civile con maggiorazione 18 anni                            euro 290,24.
Invalidità civile con maggiorazione 60 anni                            euro 638,82.

Invalidità civile: Invalidi parziali
Invalidità civile 18 anni                                                          euro 279,75.
Invalidità civile 65 anni                                                          euro 365,42.
Invalidità civile con maggiorazione 18 anni                             euro 290,24.
Invalidità civile con maggiorazione 65 anni                             euro 461,68.
Invalidità civile con maggiorazione 60 anni                             euro 638,82.

Pensione per ciechi assoluti: Pensione 18 anni                       euro 302,53
Pensione con maggiorazione 18 anni                                     euro 313,02.
Pensione con maggiorazione 60 anni                                     euro 638,82.

Indennità di accompagnamento: Invalidi civili totali                    euro 508,55.
Ciechi assoluti                                                                       euro 880,70.
Speciale ciechi parziali ventesimisti                                         euro 203,15.
Indennità di comunicazione per sordomuti                                euro 253,26.


Adeguamento annuale delle pensioni in relazione all'aumento del costo della vita:

Valori per l'anno 2014:

TORNA RIVALUTAZIONE PENSIONE: dopo i due anni di blocco per le prestazioni superiori a tre volte il minimo prevista dal Governo Monti torna la rivalutazione anche se differenziata.
Per i trattamenti pensionistici tra 3 e 4 volte il minimo la rivalutazione sarà al 95% dell'inflazione; tra 4 e 5 volte il minimo la rivalutazione sarà al 75%; per quelli tra 5 e 6 volte il minimo la rivalutazione sarà del 50%; per quanto riguarda i trattamenti pensionistici superiori a 6 volte il trattamento minimo per il 2014 ci sarà una rivalutazione del 40%.

Pertanto l’aumento di gennaio p.v. per le pensioni in questione avrà il seguente andamento:
  • per pensioni fino a 1.486,29 euro mensili, più 1,20 %; pari al 100% ISTAT 
  • per pensioni d’importo tra 1.486,30 e 1.981,72 euro mensili, più 1,14 %; pari al 95% indice ISTAT
  • per pensioni d’importo tra 1.981,73 e 2.477,15 euro mensili, più 0,90 %; pari al 75% indice ISTAT
  • per pensioni d’importo tra 2.477,16 e 2.972,58 euro mensili, più 0,60 %; pari al 50% indice ISTAT
  • per pensioni superiori a euro 2.972,58 euro mensili, più 0,48%, pari a 40% indice ISTAT 


CONTRIBUTO SOLIDARIETÀ PENSIONI ALTE: La legge di stabilità introduce un contributo di solidarietà, per il triennio 2014-2016, sui trattamenti pensionistici obbligatori eccedenti le 14 volte il minimo (circa 7.000 euro al mese).

L’Inps si prepara a liquidare i nuovi importi delle pensioni ,tenendo conto della variazione Istat nel costo della vita, che sarebbe pari all’1,2 %.

Pensioni integrate al minimo:
Pensioni integrate al minimo                                              euro 501,38.-
Pensioni con maggiorazione sociale ultra60enni                 euro 526,74.-
Pensioni con maggiorazione sociale ultra65enni                 euro 583,55.-
Pensioni con maggiorazione sociale ultra70enni                 euro 625,38.-
Per chi non ha diritto alla somma aggiuntiva ultra 70enni    euro 637.82.-

Pensioni sociali ed assegni sociali:
Pensione Sociale                                                              euro 368,37.-
Pensione sociale con maggiorazione: 70 anni                     euro 636,24.-
Assegno sociale                                                               euro 447,60.-
Assegno sociale con maggiorazione: 65 anni                     euro 460,52.-
Assegno sociale con maggiorazione: 70 anni                     euro 637,82.-
Inabili civili totali: 60 anni                                                 euro 637,82.-

Invalidità civile: Invalidi totali
Invalidità civile 18 anni                                                     euro 279,19.-
Invalidità civile 65 anni                                                     euro 364,51.-
Invalidità civile con maggiorazione 18 anni                        euro 289,52.-
Invalidità civile con maggiorazione 60 anni                        euro 637,82.-

Invalidità civile: Invalidi parziali
Invalidità civile 18 anni                                                    euro 279,19.-
Invalidità civile 65 anni                                                    euro 364,51.-
Invalidità civile con maggiorazione 18 anni                       euro 289,52.-
Invalidità civile con maggiorazione 65 anni                       euro 460,53.-
Invalidità civile con maggiorazione 70 anni                       euro 637,82.-

Pensione per ciechi assoluti:
Pensione 18 anni                                                             euro 301,91.-
Pensione con maggiorazione 18 anni                                euro 312,24.-
Pensione con maggiorazione 60 anni                                euro 637,82.-

Indennità di accompagnamento:
Invalidi civili totali                                                            euro 504,07.-
Ciechi assoluti                                                                 euro 863,85.-
Speciale ciechi parziali ventesimisti                                   euro 200,04.-
Indennità di comunicazione per sordomuti                        euro 251,22.-

Per chi fosse interessato a consultare i valori di riferimento in vigore negli anni precedenti, è possibile consultare il nostro articolo con le normative superate sulle Pensioni.

Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it.
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

Gianfranco Censori

50 commenti:

  1. GENTILE DR. CENSORI, LE SCRIVO POICHE' VORREI DEI CHIARIMENTI IN MERITO AD UNA QUESTIONE CHE RIGUARDA MIO PADRE. DAL 2007 PERCEPISCE UNA PENSIONE CIVILE PER RICONOSCIUTA INVALIDITA' PARI AL 67%(PER DIVERSE PATOLOGIE DI CUI SOFFRE DIABETE - CIRCOLAZIONE - SOGGETTO INFARTUATO).HA LAVORATO PRESSO UN'AZIENDA DALLA QUALE E' STATO LICENZIATO PER CESSATA ATTIVITA' DELLA STESSA NEL MARZO 2014.HA PRESENTATO DOMANDA DI ASPI (DISOCCUPAZIONE GIUSTO?), E IL NS. CONSULENTE DEL LAVORO GLI HA PRESENTATO ANCHE UNA DOMANDA PER MIGLIOR PRESTAZIONE(CHE SE HO BEN CAPITO SAREBBE UN PLUS CHE DOVREBBE PERCEPIRE COME DIFFERENZA TRA LA PENSIONE CIVILE E LA DISOCCUPAZIONE).AD OGGI, DAL MOMENTO CHE NON HA ANCORA PERCEPITO NESSUNA DISOCCUPAZIONE, CHIESTO AL CONSULENTE DEL LAVORO COME MAI QUESTO RITARDO, SE DI SOLITO DOPO QUARANTA GIORNI SI HA UN RISCONTRO, QUESTI GLI HA RISPOSTO CHE O PERCEPISCE LA PENSIONE CIVILE O LA DISOCCUPAZIONE NON ENTRAMBE. E' GIUSTO? E SE E' COSI' COME MAI QUANDO LAVORAVA E QUINDI PRODUCEVA REDDITO PERCEPIVA SIA LO STIPENDIO CHE LA PENSIONE?MR DA AV

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo è vero!
      Quando si presenta la domanda di ASPI la procedura prevede che chi percepisce una pensione di invalidità deve scegliere se optare per l'una o per l'altra, quindi il consulente avrebbe dovuto dirti al momento che le due indennità sono alternative.-
      Il confronto con il periodo lavorativo non calza perché durante l'attività lavorativa l'INPS eroga la pensione di invalidità mentre lo stipendio è a carico del datore di lavoro, viceversa durante il periodo di disoccupazione entrambe le indennità sarebbero a carico dell'INPS.-

      Elimina
  2. Io ho sempre saputo che se la pensione di ivalidità civile viene concessa prima dei 65 anni di età,conta solo il proprio reddito anche quando diventa assegno sociale(65 e 3 mesi). è cosi?
    .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Confermo!
      Se la pensione di invalidità viene concessa prima dei 65 anni d'età, al compimento dei 65 anni d'età la pensione di invalidità viene trasformata in assegno sociale, e in questo caso conta solo il proprio reddito.-

      Elimina
  3. Gentile Dott. Censori, Le vorrei chiedere un parere per quanto riguarda la pensione di mio padre. Ha appena compiuto il 66° anno di età e quest'anno avrebbe dovuto ricevere una pensione mensile di 1200 lordi nella cat VOART; ora è un dipendente e lavora regolarmente presso un'azienda. Nel 2013 sono stati fatti degli errori per quanto riguarda il calcolo della pensione con conseguente detrazione per i mesi del 2014 e sta ricevendo un importo netto per questi sei mesi di soli 500 eu. Ora, invece, il dettaglio mensile del pagamento pensionile per il mese di ottobre risulta essere 0,00 eu e sono indicati nelle detrazioni sia il primo sia il secondo acconto dell'irpef. Volevo chiederLe se ciò è possibile o potrebbe esserci qualche errore o a chi eventualmente rivolgersi per avere un controllo maggiore sulle variazioni dell'importo della pensione. La ringrazio in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quanto riguarda le detrazioni IRPEF effettuate dall'INPS la normativa prevede che se è stato effettuato un conguaglio lo scorso anno bisogna pagare anche gli acconti per quest'anno, e comunque con la dichiarazione dei redditi del prossimo anno Tuo padre potrà effettuare il conguaglio tra l'IRPEF pagata e quella dovuta all'erario.-
      Vi consiglio eventualmente di rivolgervi o a un patronato o direttamente alla sede INPS di zona per una verifica dei calcoli effettuati dall'INPS.-

      Elimina
  4. Salve vorrei avere delle informazioni sulla pensione;Ho 60 anni,appena compiuti,sono disoccupato da 3 anni,e vorrei sapere se posso percepire la pensione, ho 34 anni di contributi più 3 perduti!Ci sono delle agevolazioni o sono obbligato a percepirla a 65 anni!!!Grazie della sua attenzione!!Distinti Saluti,Vittorio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vittorio!
      Essendo nato nel 1954, con 34 anni di contributi versati, potrai andare in pensione di vecchiaia al compimento dei 67 anni + 3 mesi d'età, quindi solo nell'anno 2021.-

      Elimina
  5. Buongiorno,le volevo esporre il mio problema .Sono disabile 85% ho 61 anni percepisco l'assegno mensile di assistenza (quello da E 279,00 per capirci) sul sito Inps viene descitto che .Dall'1.1.2002 i soggetti di età pari o superiore a 60 anni, in condizioni particolari di reddito, possono avere l'integrazione dell'importo mensile fino a € 631,87.Come posso richiedere l'adeguamento visto che Inps risponde sbrigativamente di farlo x via telematica ma non viene spiegato come.
    Mi sa dire se questa norma è in vigore?
    Grazie per la cortese risposta Saluti Giovanni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giovanni!
      Purtroppo NO!
      Solo al compimento dei 65 anni di età, l'assegno mensile di assistenza viene trasformato automaticamente in assegno sociale, con i limiti di reddito dell'invalidità civile, e l'importo aumenta per diventare quello dell'assegno sociale.-

      Elimina
  6. Buongiorno, le espongo il mio caso: invalido 80% al compimento dei 65 anni e tre mesi percepisco 366 euro di pensione INCIV. La mia domanda è questa al compimento dei 66 anni e tre mesi posso richiedere la pensione di vecchiaia come artigiano con 20 anni di contributi versati ? Le due pensioni sono compatibili ? Io non ho altri redditi ( solo casa abitazione ) mia moglie ha la pensione di circa 1500,00 mensili . Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Il limite di reddito per il diritto all'assegno mensile di assistenza, che al compimento dei 65 anni d'età diventa assegno sociale, è pari a 4.795,97 euro annuali, mentre l'importo della pensione di vecchiaia dovrebbe essere superiore.-

      Elimina
  7. salve sono nato ad aprile del 49 al patronato mi anno detto che andro in pensione ad agisto 2015 che sarebbero 66 ann e tre mesi volevo sapere se mi darebbero gli arretrati dato che dovevo andarci ad aprile 2014 grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Essendo nato ad aprile del 1949 potrai andare in pensione di vecchiaia al compimento dei 66 anni + 3 mesi d'età, quindi ad agosto 2015 senza arretrati.-

      Elimina
  8. Buongiorno, caro dr. Censori, desidererei avere alcune delucidazioni in merito ai redditi che devo essere dichiarati nella domanda per il mantenimento dell’assegno di adeguamento della pensione al minimo (red). Mia madre, a seguito di domanda di adeguamento al minimo, percepisce una pensione INPS categoria IO di circa 500,00 Euro (mensili) . Mio padre percepisce una pensione estera di circa 14.750,00 euro. La domanda che le porgo, nel comunicare i redditi all’INPS per il mantenimento dei requisiti, oltre a quelli di mio padre, devo comunicare anche la pensione di mia madre? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      NO!
      Se la pensione di Tua madre è una pensione erogata dall'INPS non devi dichiararla sul RED perché la rilevano d'ufficio.-

      Elimina
  9. Mia cognata fino a gennaio 2015 percepito euro 447,,60 di pensione sociale e da febbraio hanno detto che percepirà 366,60 vive da sola é invalida e non ha alcun reddito vive in casa propria di cui la metà è di mia moglie ora vogliono decurtare ancora in 30 rate da giugno 2015 perché in debito con inps. Cosa dobbiam0 fare se loro hanno sbagliato. Grazie da Luigi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luigi!
      Vi consiglio di rivolgervi al più vicino Ufficio INCA - CGIL per una verifica della situazione reddituale e della pensione di Tua cognata.-

      Elimina
  10. Gentile Sig Gianfranco, vorrei sapere se ho diritto a chiedere l'assegno sociale, dunque, sono vedova da 5 anni e mi è stata erogata la pensione di reversibilità di 495 euro, sono nata il 31-01-52 e i mio dubbio nasce proprio da questo, devo aspettare i 65 anni? ed eventualmente a quanto ammonterebbe l'importo? non ho nessun altra entrata, grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Si ha diritto all'assegno sociale al compimento dei 65 anni d'età, solo se non si possiedono altri redditi, quindi con una pensione di reversibilità di 495 euro non hai diritto ad altre pensioni.-

      Elimina
  11. Buongiorno dottor Censori.Premetto che martedi' jo appuntamento presso l'inps di olbia per porre fine alla vicenda.
    Mia madre percepiva l'assegno di invalidita' civile di circa 350 euro ,con invalidita' del 90% in seguito a malattia cronica inguaribile (preciso inguaribile e permanente ,perche'ho capito che fa differenza in seguito agli accertamenti),che al 65 anno di eta' si e' trasformata in assegno sociale e da un mese e' atato aumentato a 447 euro.
    Nel frattempo 7 mesi fa mio padre e' morto purtroppo ed era pensionato inpdap 1200 euro netti al mese,di conseguenza a mia madre e' spettato il 60% di quella pensione cioe' circa 800 euro.
    Ora,nessuno ,ma proprio nessuno ,ne sindacati,ne consulenti ,ne avvocati ne dipendenti inps ,riesce a darci una risposta certa,ovvero: questo benedetto assegno sociale di mia madre lo revocano (ricordo che si tratta di malattia permanente e che al momento del decesso di mio padre ammontava ad un importo annuale di 4600 euro circa) oppure continueranno ad erogare giustamente la prestazione insieme alla reversibilita'?(dal giorno del decesso percepisce tutte e due le prestazioni,nessuna comunicazione di revoca dal giorno della.convalida della reversibilita').Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al compimento dei 65 anni di età, la pensione la pensione di invalidità viene trasformata automaticamente in assegno sociale, con i limiti di reddito dell'invalidità civile, e l'importo aumenta per diventare quello dell'assegno sociale.-
      Importo anno 2014 = euro 279,19 per 13 mensilità; Limite di reddito euro 4.795,97.-
      Con un'invalidità al 100% il limite di reddito sale a 16.449,85 euro.-
      Purtroppo questo significa che Tua madre non ha più diritto all'assegno sociale e dovrà quindi restituire all'INPS quanto percepito.-

      Elimina
  12. Stimato Dott. Gianfranco Censori,

    Sono un dipendente privato e il mio nucleo familiare è composto oltre che dallo scrivente anche da mia moglie non legalmente ed effettivamente separata e un figlio minore.

    Mia moglie casalinga è stata riconosciuta nel 2009 invalida civile nella misura del 76% e quindi percepisce l'assegno spettante.

    Il mio quesito è il seguente:
    Nelle varie tabelle degli ANF è presente la voce "soggetto inabile" eventualmente presente nel nucleo familiare che dà diritto a una maggiorazione dell'assegno stesso. Ora, mia moglie è da considerarsi rientrante nella voce "soggetto inabile"? Oppure occorre un altro requisito ovvero: Invalido 100% con totale e permanente inabilità lavorativa?

    Nel ringraziarLa per l'attenzione che mi concederà Le invio le mie più vive cordialità.

    Sig. Pierluigi Spaventa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pierluigi!
      Per il diritto alla maggiorazione degli assegni familiari in presenza di un componente del nucleo familiare inabile, è necessaria un'autorizzazione preventiva dell'INPS, alla quale occorre quindi presentare apposita domanda.-

      Elimina
  13. vorrei sapere come mai a mio madre nullatente gli è stata diminuita la pensione sociale minima,quando mio padre ,nullatenente , avendo compiuto i 70 anni,. ha chiesto l'aggiornamento della sua pensione sociale che gli è stata concessa. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti è una specie di presa in giro!
      Infatti siccome i nostri governanti dicono che con 11.637,86 euro all'anno si può vivere in due, se un coniuge ha diritto alla maggiorazione lo stesso importo che gli viene dato viene tolto all'altro coniuge.-

      Elimina
  14. Gentile dottore, mio suocero non ha reddito alcuno tuttavia possiede il 50% di una unità immobiliare che è riuscito a locare il mese scorso. Da tale rapporto locatizio percepisce 500 euro mensili. Possiede altresi il 25% di un piccolo appartamento in Calabria abbandonato. AI fini pensionistici tali proprietà incidono sul reddito?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sia la proprietà dell'unità immobiliare che la quota di affitto influiscono ai fini del diritto all'assegno sociale.-
      Se invece ti riferisci a una pensione da contributi versati, cioè di anzianità o di vecchiaia, il patrimonio immobiliare e il reddito da affitto sono ininfluenti ai fini del calcolo della pensione.-

      Elimina
  15. Gentile Dottore,
    Ho un’ anziana amica di quasi 84 anni, vedova e con una figlia disoccupata a carico, e sto cercando di aiutarla per quanto riguarda la sua pensione. Recentemente l’Inps le ha addebitato la somma complessiva di circa 3000 euro, a causa di un errore nella dichiarazione dei redditi protrattosi nel tempo; la somma le viene rateizzata con una trattenuta mensile di 80 euro. La responsabilità dell’errore, purtroppo, ricade sulla commercialista che ha sempre curato le sue pratiche, che adesso si è tirata indietro, dicendo che la sua assistita non ha subito alcun danno sostanziale (ma ovviamente non è così).
    Ciò che Le volevo chiedere, tuttavia, è questo: la mia amica è attualmente titolare di una pensione CAT. VOART, dell’importo netto di euro 344,54 (calcolando anche la ritenuta di 80 euro), e di una seconda pensione CAT. SOART, dell’importo netto di euro 349,46. A tale reddito si aggiungono circa 5.382 euro annuali, derivanti da un appartamento e da un terreno. In tali condizioni, la mia amica avrebbe diritto a chiedere una maggiorazione, a qualsivoglia titolo (le situazioni sono talmente tante che c’è da perderci la testa).
    La ringrazio infinitamente per la cortese attenzione
    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna:
      MAGGIORAZIONI SOCIALI
      Chi vive con una sola pensione o quasi può avere qualcosa in più della pensione minima.
      La legge riconosce, infatti, le cosiddette maggiorazioni sociali, che variano in base all’età del pensionato. La quota aggiuntiva è di 25,83 euro al mese per coloro che hanno dai 60 ai 64 anni, di 82,64 euro per chi ha un’età che si colloca tra 65 e i 69 anni.
      Dai 70 anni in su l’integrazione è di 136,44 euro. I 70 anni richiesti si possono ridurre fino a 65, in ragione di un anno per ogni cinque di contributi versati. Per gli invalidi totali l’età minima è di 60 anni.
      Per i non coniugati il limite di reddito personale è dato dall’ammontare del trattamento minimo, più l’importo annuo della maggiorazione.
      Mentre per i coniugati il reddito della coppia non deve superare il limite personale, maggiorato dell’importo dell’assegno sociale (447,61 euro mensili nel 2014).
      Quali redditi
      Sia per la pensione minima che per la maggiorazione sociale, è il caso di ricordare che l’Inps considera tutti i redditi di qualsiasi natura, compresi quelli esenti o tassati alla fonte come gli interessi bancari e postali, i rendimenti da Bot e altri titoli.
      Nel computo rientrano anche le rendite INAIL e gli assegni assistenziali.
      In altre parole bisogna denunciare tutto con la sola eccezione dei redditi provenienti da:
      - la casa di abitazione;
      - le pensioni di guerra;
      - l’assegno di accompagno;
      - i trattamenti di famiglia;
      - i sussidi erogati da Enti Pubblici senza carattere di continuità
      Limiti di reddito:
      da 60 a 64 anni - Personale 6.853,73 - Coniugale 12.672,66.-
      da 65 a 69 anni - Personale 7.592,26 - Coniugale 13.411,19.-
      da 70 anni in poi- Personale 8.291,66 - Coniugale 14.110,19.-
      Vi consiglio comunque di rivolgervi al più vicino Ufficio INCA - CGIL per una verifica della situazione reddituale della Tua amica.-

      Elimina
  16. buon una domanda:ricevo una pensione di reversibilita'di euro 460,perche alla morte di mio marito mia suocera e riuscita ad avere gli altri 2terzi.(avevo poco piu' di 20 anni,non so il perche' e stato deciso cosi)ma l'avvocato mi aveva detta che quando la suocera veniva a mancare i 2terzi sarebbero tornati a me. cosa mai successa!che fare?...grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pensione di reversibilità spetta al coniuge e ai figli minorenni, e non ai genitori, quindi non capisco cosa percepiva Tua suocera.-

      Elimina
  17. Gentile dottore,
    mio padre e stato colpito da un leggero ictus ha 61anni ora è disoccupato ha 3 anni di contributi negli ultimi 5 e 21 anni in totale... ha diritto alla pensione di vecchiaia anticipata per invalidità? E che percentuale di invalidità si deve avere.?grazie...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. LA PENSIONE ANTICIPATA DI VECCHIAIA:
      Il Decreto Legislativo 30 dicembre 1992, n. 503 (articolo 1, comma 8) prevede la possibilità per i lavoratori, iscritti all'assicurazione generale obbligatoria, con invalidità non inferiore all’80%, di anticipare l’età pensionabile (pensione di vecchiaia) a 55 anni per le donne e a 60 per gli uomini.
      La Corte di Cassazione, con sentenza n. 13495/2003, ha ribadito che tale opportunità spetta con una invalidità pari o superiore all'80%, comprese le persone con sordità prelinguale, statuendo inoltre che l’invalidità da considerare è quella civile come definita dal Decreto del Ministero della Sanità 5 febbraio 1992.
      Diverso il trattamento per i lavoratori non vedenti. Nel loro caso è ancora vigente il limite di età è di 50 anni per le donne e di 55 per gli uomini (art. 9, Legge 218/1952, confermato dall’art. 1, comma 6, Decreto Legislativo n. 503/1992).
      Per gli anni 2014 e 2015 la pensione anticipata di vecchiaia per i lavoratori dipendenti del settore privato viene riconosciuta alle donne con almeno 55 anni + 3 mesi d’età e agli uomini con 60 anni + 3 mesi d’età. Però in questo caso torna in ballo la vecchia finestra mobile di 12 mesi. Questo significa che la pensione di fatto verrà pagata alle donne a 56 anni + 3 mesi d’età e agli uomini a 61 anni + 3 mesi d’età.-

      Elimina
  18. Sono nato il 22/10/1948. Ero titolare di pensione di invalidità versatami sino a dicembre 2014.
    Ho avuto un problema col RED, in quanto quello del 2011 (solo quello, gli altri precedenti e successivi sono stato presentati regolarmente. Io non camminando e avendo gravi problemi cardiologici ed altro, ho sempre pregato mia sorella di presentarlo per me, solo che quello del 2011 (E SOLO QUELLO) è andato nel dimenticatoio.
    N.B. IO NON HO ALCUNTIPO DI REDDITO DI QUALSIVOGLIA REDDITO e vivo con una mamma 87enne non autosufficiente che percepisce reversibilità di mio padre, anche lei con quel solo unico reddito.
    Anche il sollecito di presentazione arrivatomi in ottobre e passato a mia sorella è stato presentato in ritardo di una decina di giorni sul tempo utile massimo tollerato, in ragione della interpretazione sbagliata del termine ultimo di presentazione, poichè era convinta che sarebbe scaduto a fine marzo.
    Comunque nella prima decina di Marzo era stato presentato e pareva tutto ok.
    Controllando poi in banca ho notato che da gennaio 2015 non avevo avuto nessun accredito della pensione minima di cui avevo diritto appunto dal gennaio, essendo trascorsi i 3 mesi dal compimento dei 65 anni.
    Pensando che tutto il resto fosse a posto, mia sorella si è rivolta al caf dove non le hanno fatta presente ulteriore anomalia, e cio' neppure dopo incontro personale di ella alla sede inps di reggio emilia.
    EBBENE, ieri A SORPRESA mi è arrivata una lettera da INPS datata 28 febbraio in cui mi si chiede la RESTITUZIONE DI OLTRE 15MILA EURO a loro dire percepiti indebitamente a causa della mancata presentazione del famoso RED del 2011 (e solo quello).
    Mi è cascato il mondo addosso, io non ho redditi, ed ora mi trovo senza pensione di vecchiaia perchè da Gennaio 2015 non mi è stata versata una lira, ed in più l'intimazione alla restituzione di 15mila euro. E' MAI POSSIBILE QUESTO? COSA C'è DA FARE PER RISOLVERE QUESTA COSA?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A questo punto dovete ritornare al CAF per presentare un ricorso, in base ai redditi effettivi, e per richiedere l'annullamento dell'addebito e il ripristino della pensione sospesa.-

      Elimina
    2. mi hanno ripristinato la pensione, ma solo dal primo di maggio (448 euro circa), e si sono trattenuti gennaio, febbraio, marzo e aprile: è giusto che con una pensione cosi' bassa mi siano state tolte 4 m4nsilità? io purtroppo non cammino ew le pratiche le devo far fare per procura da altri, ma non so se questi altri sappiano ben spiegare i miei problemi. non esiste modo di parlare a voce con qualche funzionario al telefono?

      Elimina
    3. Purtroppo per telefono non credo che riuscirai a risolvere il Tuo problema, perché spesso rispondono dei call-center che non conoscono la materia e si limitano quindi a rispondere in base a quello che riescono a visualizzare via internet, pertanto non puoi fare altro che continuare ad affidare le pratiche a qualcuno di tua fiducia.-

      Elimina
  19. Stimato Dott. Gianfranco Censori,ho 66 anni sono vedova,senza reddito e percepisco un'assegno sociale di 461€ pochi giorni fa mi è stata riconosciuta un'invalidità civile del 50%,vorrei sapere se percepirò qualcosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Un'invalidità civile del 50% con comporta alcun beneficio di carattere economico.-

      Elimina
  20. Buona sera, mia madre 68 anni compiuti da due mesi percepisce l' assegno sociale ma da marzo ha trovato un aumento con causale "legge finanziaria 2002", l'inps non sa spiegare la maggiorazione. Non vorrei che fra poco ce li chiedano indietro mettendoci in serie difficoltà, mi sa aiutare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se l'INPS non sa spiegare la maggiorazione dell'assegno sociale di Tua madre, vuol dire che probabilmente si tratta di un errore, e che quindi quando se ne accorgeranno le richiederanno indietro la differenza che non le spettava.-

      Elimina
  21. Risposte
    1. Ciao Maurizio!
      Purtroppo SI!
      Fino a 65 anni hai diritto solo all'assegno mensile di assistenza e all'indennità di accompagnamento, poi al compimento dei 65 anni l'assegno mensile di assistenza verrà trasformato automaticamente in assegno sociale e l'importo aumenterà per diventare quello dell'assegno sociale.-
      Ti consiglio comunque di rivolgerti ai servizi sociali del Tuo Comune di residenza per richiedere un qualche tipo di sostegno di carattere economico.-

      Elimina
  22. Ciao,
    mio padre è titolare di pensione VO di € 704, sul cedolino di maggio gli hanno trattenuto 200 € con dicitura debito aumento pensioni basse 2007-2008-2009-2010-2011, non ha avuto alcuna comunicazione, è normale trattenere 200 € in unica soluzione? e poi l'aumento nei vari anni lo hanno calcolato loro...posso fare qualcosa? Grazie Giulia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia!
      Questa è l'INPS che toglie ai poveri per dare ai ricchi!
      A parte le battute Ti consiglio di rivolgerti al più vicino Ufficio INCA - CGIL per una verifica della Tua situazione reddituale dei periodi in contestazione.-

      Elimina
  23. dottor gianfranco sono invalido civile 100x100 con indennità,percepisco 473,30 compreso di maggiorazione sociale la mia età 63 anni,chiaramente escluso l accompagno,tale pensione verra aumentata ogni anno? mi spiechi lei per favore come funziona ,le sono grato .buon giorno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi vive con una sola pensione o quasi può avere qualcosa in più della pensione minima.
      La legge riconosce, infatti, le cosiddette maggiorazioni sociali, che variano in base all’età del pensionato. La quota aggiuntiva è di 25,83 euro al mese per coloro che hanno dai 60 ai 64 anni, di 82,64 euro per chi ha un’età che si colloca tra 65 e i 69 anni.
      Dai 70 anni in su l’integrazione è di 136,44 euro. I 70 anni richiesti si possono ridurre fino a 65, in ragione di un anno per ogni cinque di contributi versati. Per gli invalidi totali l’età minima è di 60 anni.-

      Elimina
  24. Dott. Censori saluti
    Ho un questo: i miei genitori ultra settantenni, ancora sposati, ma di fatto separati, perchè uno vive e risiede in toscana da solo, l'altro vive e risiede in campania da solo (portatore di handicap al 100% senza accompagnamento), percepiscono una pensione sociale ciascuno di 524€. Non hanno altri redditi, sono però proprietari di casa e di terreno agricolo abbandonato, sono titolari di libretto postale dove gli viene accreditata la pensione con residuo di poche centinaia di €. Vorrebbero presentare domanda per l'integrazione al minimo della pensione sociale ma non sanno se ne hanno diritto, nel caso quanto tempo devono aspettare per la risposta dall'inps? Ammesso che risponda! Grazie per il tempo concesso e per il servizio che fa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      MAGGIORAZIONI SOCIALI
      Chi vive con una sola pensione o quasi può avere qualcosa in più della pensione minima.
      La legge riconosce, infatti, le cosiddette maggiorazioni sociali, che variano in base all’età del pensionato. La quota aggiuntiva è di 25,83 euro al mese per coloro che hanno dai 60 ai 64 anni, di 82,64 euro per chi ha un’età che si colloca tra 65 e i 69 anni.
      Dai 70 anni in su l’integrazione è di 136,44 euro. I 70 anni richiesti si possono ridurre fino a 65, in ragione di un anno per ogni cinque di contributi versati. Per gli invalidi totali l’età minima è di 60 anni.
      Per i non coniugati il limite di reddito personale è dato dall’ammontare del trattamento minimo, più l’importo annuo della maggiorazione.
      Mentre per i coniugati il reddito della coppia non deve superare il limite personale, maggiorato dell’importo dell’assegno sociale (448,61 euro mensili nel 2015).
      Quali redditi
      Sia per la pensione minima che per la maggiorazione sociale, è il caso di ricordare che l’Inps considera tutti i redditi di qualsiasi natura, compresi quelli esenti o tassati alla fonte come gli interessi bancari e postali, i rendimenti da Bot e altri titoli.
      Nel computo rientrano anche le rendite INAIL e gli assegni assistenziali.
      In altre parole bisogna denunciare tutto con la sola eccezione dei redditi provenienti da:
      - la casa di abitazione;
      - le pensioni di guerra;
      - l’assegno di accompagno;
      - i trattamenti di famiglia;
      - i sussidi erogati da Enti Pubblici senza carattere di continuità
      Limiti di reddito anno 2015:
      da 60 a 64 anni - Personale 6.866,86 - Coniugale 12.697,62.-
      da 65 a 69 anni - Personale 7.605,39 - Coniugale 13.436,15.-
      da 70 anni in poi-Personale 8.291,66 - Coniugale 14.110,19.-

      Elimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.