domenica 22 giugno 2014

Assegno per il nucleo familiare a vedova/o 2015/2016

Valori dal 01/07/2015 al 30/06/2016

È previsto che sulla Pensione di reversibilità SO (Fondo lavoratori dipendenti) siano corrisposti gli assegni familiari, ove si tratti di inabile titolare della pensione ai superstiti.

Tale diritto è anche sancito da una sentenza della cassazione (n. 7668/96).

Il beneficio deve essere collegato al solo stato di inabilità della vedova/o superstite.

L'INPS con circ. n. 98/98, nel prenderne atto, ha affermato che l’assegno può essere riconosciuto nei limiti della prescrizione quinquennale.

Successivamente con circ. 11/99 ha chiarito che i richiedenti ultrasessantacinquenni, in possesso di certificazione medica ASL che attesti gravi difficoltà a svolgere compiti e funzioni dell'età, saranno convocati a visita medica; necessario almeno 80% invalidità.

Invece, il riconoscimento del 100% di invalidità civile, può essere ritenuto probante ai fini dell’accoglimento della domanda e quindi del diritto di percepire gli assegni familiari, che per l’anno 2006 sono pari a euro 41,00.- mensili per dodici mensilità annue.

Tab. 19 – Nuclei familiari orfanili composti solo da maggiorenni inabili

Periodo dal 01/07/2015 al 30/06/2016:
Reddito familiare fino a euro 27.899,67 = euro 52,91
Reddito familiare da 27.899,68 fino a euro 31.296,62 = euro 19,59
Reddito familiare da 31.296,63 non spettano assegni familiari

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Periodo dal 01/07/2014 al 30/06/2015:

Reddito familiare fino a euro 27.843,98 = euro 52,91
Reddito familiare da 27.843,99 fino a euro 31.234,15 = euro 19,59
Reddito familiare da 31.234,16 non spettano assegni familiari



Periodo dal 01/07/2013 al 30/06/2014:
Reddito familiare fino a euro 27.541,03 = euro 52,91
Reddito familiare da 27.541,04 fino a euro 30.894,31 = euro 19,59
Reddito familiare da 30.894,32 non spettano assegni familiari

Periodo dal 01/07/2012 al 30/06/2013:
Reddito familiare fino a euro 26.738,86 = euro 52,91
Reddito familiare da 26.738,87 fino a euro 29.994,48 = euro 19,59
Reddito familiare da 29.994,49 non spettano assegni familiari 

Periodo dal 01/07/2011 al 30/06/2012:
Reddito familiare fino a euro 26.035,89 = euro 52,91
Reddito familiare da 26.035,90 fino a euro 29.205,92 = euro 19,59
Reddito familiare da 29.205,93 non spettano assegni familiari

Periodo dal 01/07/2010 al 30/06/2011:
Reddito familiare fino a euro 25.625,88 = euro 52,91
Reddito familiare da 25.625,89 fino a euro 28.745,98 = euro 19,59
Reddito familiare da 28.745,99 non spettano assegni familiari

Periodo dal 01/07/2009 al 30/06/2010:
Reddito familiare fino a euro 25.447,75 = euro 52,91
Reddito familiare da 25.447,76 fino a euro 28.546,16 = euro 19,59
Reddito familiare da 28.546,17 non spettano assegni familiari

Periodo dal 01/07/2008 al 30/06/2009 :
L'importo dell'assegno mensile, per dodici mensilità, per l'anno 2008, è stato elevato a euro 52,91.

Periodo dal 01/07/2007 al 30/06/2008:
L'importo dell'assegno mensile, per dodici mensilità, per l'anno 2007, è stato elevato a euro 52,91.


Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it.
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

60 commenti:

  1. buongiorno, mi aiuterebbe a risolvere un quesito? sono una invalida civile con accompagnamento,percepisco reversibilita' da lavoro dipendente di mio marito,ho a mio carico mia figlia maggiorenne e mio nipote (figlio di figlia)minorenne !mi sono recata in 4 patronati per fare richiesta ANF,E ALL'INPS,nessuno ha saputo indicarmi la tabella di riferimento ,o meglio ognuno dice la sua tab 15,tab 18, tab21 e all'inps mi hanno detto di cercare in internet! aiutoooooooo grazie se vorra' rispondere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tab. 19 – Nuclei familiari orfanili composti solo da maggiorenni inabili
      Periodo dal 01/07/2015 al 30/06/2016:
      Reddito familiare fino a euro 27.899,67 = euro 52,91
      Reddito familiare da 27.899,68 fino a euro 31.296,62 = euro 19,59
      Reddito familiare da 31.296,63 non spettano assegni familiari

      Elimina
  2. Salve Dott censori forte delle spiegazioni in merito ad una reversibilita ex Inpdap.
    I miei 2 bambini minori dal 1 ottobre percepiranno pensione reversibile(decorrenza ottobre 2014) per nipoti a carico di 430 ciascuno ovvero 40% a testa in quanto mio suocero percepiva 1071 ,essendo sia io che mia moglie purtroppo disoccupati. Ora vorrei sapere se i bambini hanno diritto ad qualcuno delle seguenti aiuti al reddito:
    -quattordicesima
    -integrazione al minimo
    -maggiorazione sociale
    -assegno al nucleo familiare
    Ed eventualmente quando e dove fare domanda.
    Grazie mille anticipatemente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vincenzo!
      Purtroppo NO!
      I bambini hanno diritto solo alla loro quota di pensione di reversibilità.-

      Elimina
  3. Buongiorno, scrivo per una informazione a nome della nonna 81enne. Nel corso di quest’anno (con verbale dell’INPS del mese di agosto) è stata riconosciuta invalida al 100% (invalido ultrasessantacinquenne con impossibilità di deambulare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore (L.508/88)) e pertanto, percependo la pensione di reversibilità del marito defunto nel 1987 (superstiti dei lavoratori dipendenti), il Patronato cui ci appoggiamo le ha avviato la pratica per la ricostituzione della pensione per carichi familiari (52,91 €/mese).
    Con verbale dell’INPS dell’aprile 2013 aveva ottenuto il riconoscimento da parte della commissione medica lo status di “invalido ultrasessantacinquenne con difficoltà persistenti a svolgere le funzioni ed i compiti propri della sua età (L. 509/88 L. 124/98) medio-grave 67%-99%”. È possibile richiedere la ricostruzione della pensione già con effetto dalla decorrenza di quest’ultimo riconoscimento o è condizione necessaria il riconoscimento dell’invalidità al 100%?
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La ringrazio per la celerità di risposta. Mi premeva solo sapere se ne avrebbe già avuto diritto con il riconoscimento del 2013 di "invalido ultrasessantacinquenne con difficoltà persistenti a svolgere le funzioni ed i compiti propri della sua età (L. 509/88 L. 124/98) medio-grave 67%-99%" oppure se era necessario il riconoscimento dell'invalidità al 100% avvenuto quest'anno.
      La ringrazio ancora!

      Elimina
    2. SI!
      Se Tua nonna avesse presentato la domanda nel 2013 avrebbe già iniziato a percepire gli assegni familiari da quella data, perché per il diritto agli assegni familiari a vedova è sufficiente un'invalidità dell'80%.-

      Elimina
    3. Ma chi avrebbe stabilito che all'epoca la percentuale di invalidità era effettivamente almeno dell'80% stante il fatto che il verbale di riconoscimento parlava genericamente di "invalido ultrasessantacinquenne medio-grave 67%-99%"? Mi risulta infatti che dopo i 65 anni di età il grado di invalidità è definito come lieve, medio o grave e non con una percentuale definita. Tant'è che allora l'INPS rispose che "la percentuale riconosciuta al soggetto non dà diritto ad alcun beneficio economico"!

      Elimina
    4. La percentuale di invalidità risulta o almeno dovrebbe risultare sempre nel verbale; infatti dovrebbe esserci indicata una percentuale, di seguito alla dicitura che Tu stesso hai indicato.-

      Elimina
    5. No, non è indicata. Dopo i 65 anni, per quanto mi è stato riferito, per legge non si può più attribuire un punteggio all’invalidità, ma si può solo definirne il grado: lieve, medio-grave o grave. Se il grado è grave equivale all’invalidità al 100%. Chi ha questo riconoscimento automaticamente ha diritto all’assegno a nucleo familiare. Lo stesso vale per chi ha l’accompagnamento: questa condizione dà diritto anche al beneficio dell’assegno. Le vedove che non hanno né l’invalidità al 100% (grave) né l’accompagnamento (situazione 2013) possono invece richiedere al proprio medico curante di certificare l’inabilità al proficuo lavoro tramite certificato SS5. Il certificato deve essere chiesto al medico di famiglia perché conosce le condizioni di salute della paziente. Il certificato, poi, deve essere inviato all’Inps. L’istituto, a questo punto, potrebbe chiedere ai propri medici di effettuare un accertamento ma in generale i certificati inviati dai medici di famiglia vengono accolti e confermati. Questa procedura nel 2013 non l'abbiamo fatta. A questo punto l'assegno decorrerà dalla data della recente domanda a fronte del riconoscimento dell'indennità di accompagnamento.

      Elimina
    6. Le informazioni che ti sono state date non sono corrette, ti consiglio quindi di rivolgerti o direttamente alla sede INPS della Tua zona di residenza o a un patronato per ottenere informazioni esatte.-

      Elimina
  4. Buonasera, vorrei esporre un caso pratico relativo agli Assegni al Nucleo Familiare (ANF).

    Situazione familiare:

    Persone conviventi e nello stesso stato di famiglia:

    A) MADRE: più di sessantacinque anni, vedova, inabile al 100% (invalido ultrasessantacinquenne con impossibilità di deambulare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore (L. 508/88)), titolare di pensione di reversibilità del marito superstiti dei lavoratori dipendenti (SO), pensione propria di vecchiaia dei commercianti e indennità di accompagnamento (prestazioni invalidi civili). Fiscalmente non familiari a carico.

    B) FIGLIA di A: meno di sessantacinque anni, divorziata, inabile al 100% (invalido con totale e permanente inabilità lavorativa 100% e con necessità di assistenza continua non essendo in grado di compiere gli atti quotidiani (L. 18/80)), titolare di pensione di invalidità dipendente dello Stato e indennità di accompagnamento (prestazioni invalidi civili). Fiscalmente non familiari a carico.

    Persone non conviventi e non nello stesso stato di famiglia:

    C) Unico figlio di B e nipote di A maggiorenne, non inabile, non convivente, non nello stesso stato di famiglia e non fiscalmente a carico.

    A quali ANF hanno diritto (singolarmente e/o congiuntamente) i soggetti A e B? E quali sono le tabelle (da 11 a 21d) cui fare riferimento per le soglie reddituali?

    Ringraziando, saluto cordialmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel caso da te prospettato ha diritto agli assegni familiari solo la MADRE (A) che ha diritto agli assegni per il nucleo familiare a vedova, e gli assegni sono da calcolare in base alla tabella INPS n. 19.-

      Elimina
  5. salve dovrei fare una domanda anf per lavoratore domestici, per il periodo 01/07/2015 al 30/06/2016, il problema e questo e che il coniuge della lavoratrice dipendete per l'anno 2014 ha avuto come redditi solo fabbricati e terreni, la lavoratrice domestica sia terreni e fabbricati anche il reddito relativo al rapporto di lavoro domestico. non son come comportarmi in quanto il coniuge ha svolto attivita lavoro dipendente per il periodo dal 06/05/2015 al 30/09/2015, gli assegni vengono richiesti per i figli minori. non vorrei che venissero pagati anche x coniuge.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mario!
      Gli assegni sono per il nucleo familiare quindi sia per il coniuge che per i figli minorenni, e per il periodo dal 01/07/2015 al 30/06/2016 fanno fede i redditi di entrambi del 2014, che devono essere almeno del 70% da lavoro dipendente.-

      Elimina
  6. buona sera :vorrei una delucidazione in merito agli anf se possibile grazie
    mia madre prende una pensione ai superstiti so,poiche mio padre aveva una vo.Io e mia moglie siamo attualmente disoccupati e premetto che riceve mia moglie una pensione di inv civ .vorrei sapere se posso mettere mio figlio a carico di mia madre x anf e se si quale modello compilare .grazie anticipatamente della disponibilità e dei chiarimenti che pochi sanno dare .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Una nonna può richiedere gli assegni familiari per i nipoti solo se entrambi i genitori sono senza redditi, e nel tuo caso la pensione di invalidità civile di Tua moglie costituisce reddito.-

      Elimina
  7. Buonasera,
    vorrei esporre la mia situazione.
    Sono dipendente a tempo indeterminato e nel gennaio 2014 sono rimasta vedova con due figli minori. Io e i bambini percepiamo la pensione di mio marito che in vita era dipendente a tempo indeterminato. Preciso che la quota annua di ciascun bambino è inferiore al limite dei 2.840 euro per cui nella mia dichiarazione dei redditi dell'anno 2014 ho inserito i miei redditi da lavoro + quelli da pensione (da mio cud + mio cud inps) con le relative trattenute, e ho considerato i bambini a mio carico senza fare per loro la dichiarazione dei redditi.
    Fino al decesso, il reddito mio e di mio marito superava i limiti per la richiesta degli ANF. Ora considerando il nucleo composto da un solo genitore e due minori, posso richiederli? Nel caso oltre ai redditi dichiarati nella mia dichiarazione devo considerare i redditi anche dei bambini (da cud)? e il TFR e il F.do pensione di mio marito soggetto a tassazione separata percepito nel corso del 2014 da ciascuno di noi tre? Vi sono grata se riuscite a mettere un pò di chiarezza nei tanti dubbi che ho. Cordialmente Carlj

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ai fini del calcolo degli assegni familiari vanno dichiarati i redditi di tutti i componenti il nucleo familiare, quindi nel tuo caso vanno dichiarati anche i redditi dei tuoi figli, mentre non va dichiarato il TFR e il fondo pensione di tuo marito.-

      Elimina
  8. Buonasera,
    volevo sapere una cosa: sulla pensione di reversibilità INPDAP che prendo di mio marito posso chiedere gli assegni familiari di mio figlio? Quest'ultimo prende anche lui una percentuale di reversibilità... Sono comunque dipendente in una ditta, ma non ho mai chiesto gli assegni familiari...
    Grazie
    Elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena!
      SI!
      Se Tuo figlio è minorenne puoi richiedere gli assegni familiari a scelta o sulla pensione di reversibilità o alla tua ditta, dichiarando i redditi di entrambi.-

      Elimina
  9. Salve!! Mia madre è vedova da 2 anni,lei compie 63 anni questo mese. a causa di un tumore ha perso gran parte dell' udito non gli è stata riconosciuta nessun tipo di pensione,assegno familiare neanche reversibilità !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco perché a Tua madre non sia stata riconosciuta la pensione di reversibilità, quindi se non mi spieghi meglio cos'è effettivamente successo, purtroppo non posso esserti d'aiuto.-

      Elimina
  10. Buongiorno, volevo sottoporre un quesito : mis madre, vedova, invalida 100% grave, percepisce una sua pensione INPS da commerciante ed una reversibilità da lavoro dipendente di mio padre defunto. Può richiedere l'assegno familiare a se stessa? Grazie mille in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Essendo titolare di una pensione di reversibilità SO (Fondo lavoratori dipendenti), ed invalida al 100%, Tua madre può richiedere l'assegno familiare per se stessa, anche se percepisce una pensione da commerciante.-

      Elimina
  11. Buongiorno, volevo sottoporrequesto quesito: mio padre è deceduto quest'anno e abbiamo scoperto che, nonostante avesse all'interno del proprio nucleo familiare un invalido civile al 100%, ossia mia madre, non ha mai chiesto gli assegni che spettavano per legge. Possiamo noi eredi chiedere adesso gli assegni non percepiti per gli ultimi 5 anni? Ringraziandovi anticipatamente , distintamente saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Per il diritto agli assegni familiari in presenza di un componente inabile è necessaria un'autorizzazione preventiva dell'INPS, autorizzazione che non possono quindi richiedere gli eredi a posteriori.-

      Elimina
  12. Buona sera, mia madre percepisce una pensione IO e una pensione SO perchè vedova dal 1990, il suo reddito lordo non supera i € 15000 è invalida al 100% dal 2015 senza assegno di accompagnamento e prima invalida all 80% dal 2004, vive con me che sono il figlio e sono lavoratore dipendente con un reddito lordo di € 22000.Spetta a mia madre l assegno di vedovanza che fa riferimento alla circolare inps 98/98?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      A Tua madre spetta l'assegno di vedovanza, Vi consiglio quindi di rivolgervi a un patronato per la presentazione della relativa domanda all'INPS.-

      Elimina
  13. Buongiorno,
    mia madre vedova percepisce la pensione di reversibilità di mio padre e una parte dell'assegno sociale che percepiva prima della vedovanza( questo assegno è stato ridotto alla metà ) è possibile avere anche l'assegno familiare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La normativa prevede che solo sulla Pensione di reversibilità SO (Fondo lavoratori dipendenti) siano corrisposti gli assegni familiari, ove si tratti di inabile titolare della pensione ai superstiti.-

      Elimina
  14. DOTT. CENSORI LE SCRIVO PER SOTTOPORLE IL CASO DI MIA SUOCERA VEDOVA DAL 1997 CON REVERSIBILITA DEL MARITO PENSIONE S.O ED HA PRESENTATO DOMANDA PER IL ASSEGNI FAMIGLIARI AD APRILE 2013 , LA DOMANDA E STATA ACCETTATA E A FATTO LE DOVUTE VISITE MEDICHE , GLI HANNO DATO I 52 EURO MENSILI ED E STATA LIQUIDATA A SETTEMBRE CON LA RICOSTITUZIONE REDDITUALE CON 178 EURO , QUESTO SEMPRE CON IL CAAF, POI L'ABBIAMO RIFATTA LA RICOSTITUZIONE CON UN'ALTRO CAAF E GLI ANNO DATO 211 EURO MA GLI ARRETRATI NON GLI SONO STATI DATI E LEGGENDO UN ARTICOLO IN MERITO PARE CHE SI TRATERREBE DI 3400 EURO. SIAMO STATI ALL'INPS DI CASERTA E CI HANNO RISPOSTO CHE NON GLI TOCCAVANO . MA QUESTI ARRETRATI LI DANNO O NON LI DANNO E SE SDI A CHI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gaetano!
      Gli arretrati spettano solo con decorrenza dalla data di presentazione della domanda, ed ho paura che rivolgendosi prima a un patronato, poi a un altro, ed infine direttamente al'INPS si corre il rischio di inviare delle comunicazioni errate e che magari tra qualche anno si venga chiamati a restituire delle somme percepite in più rispetto a quelle effettivamente spettanti.-

      Elimina
  15. Dott. Censori, buongiorno
    E' possibile recepire gli ANF da INPS anche dalle vedove ultra 80enni che non hanno né l’invalidità al 80% né l’accompagnamento, ma richiedendo al proprio medico curante di certificare la "INABILITA' AL PROFICUO LAVORO" tramite certificato SS-5 per poi inviarlo a INPS.
    Attendo gentile riscontro. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'inabilità al proficuo lavoro è valida solo per chi è in età lavorativa, cioè al di sotto dei 65 anni, mentre per il diritto agli assegni familiari occorre che venga riconosciuta alla vedova ultra/80enne un'invalidità almeno dell'80%.-

      Elimina
  16. Buongiorno,
    vorrei sapere se chi percepisce pensione AS ( ASSEGNO SOCIALE) ha diritto a mantenerlo se a questo si aggiunge una pensione di reversibilità, oppure se una volta acquisita la pensione di reversibilità l'AS viene ridotto o annullato , in pratica sono cumulabili ? o il fatto di percepire una reversibilità annulla il diritto all'assegno sociale ?Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Le due pensioni non sono cumulabili!
      Infatti se l'importo della pensione di reversibilità è inferiore all'assegno sociale si ha diritto all'assegno sociale solo per differenza, mentre se l'importo della pensione di reversibilità è superiore si perde il diritto all'assegno sociale.-

      Elimina
  17. SALVE SIGN.GIANFRANCO VORREI FARLE UNA DOMANDA

    RispondiElimina
  18. ABBIAMO FATTO DOMANDA PER GLI ASSEGNI FAMILIARI PER 3 MINORI SULLA PENSIONE DI REVERSIBILITA DI MIA SUOCERA CI HANNO DATO L AUTORIZZAZZIONE MA MAI I SOLDI ORMAI DA 4 ANNI...VORREI SAPERE MIA SUOCERA PUO CHIEDERE GLI ASSEGNI PER I NIPOTI SULLA PENSIONE DI REVERSIBILITA

    RispondiElimina
  19. ASPETTO PRESTO UNA VOSTRA RISPOSTA DATO CHE SONO 4 ANNI CHE NON CI FANNO CAPIRE VI LASCIO LA MIA MAIL Rosabrun86@outlook.it aspetto una vostra risposta vi ringrazio anticipatamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli assegni familiari sono previsti solo sulla Pensione di reversibilità SO (Fondo lavoratori dipendenti), quindi se Tua suocera ha una pensione di reversibilità SO ha diritto agli assegni familiari.-
      Una nonna può richiedere gli assegni familiari per i nipoti, previa autorizzazione preventiva dell'INPS, solo se entrambi i genitori sono senza redditi, e va presentata una domanda ogni anno alla stessa INPS.-
      Nel Vostro caso se non vi sono stati versati da parte dell'INPS gli arretrati di 4 anni presumo che non avete seguito la procedura corretta, Vi consiglio quindi di rivolgervi a un patronato per far verificare cos'è effettivamente successo.-

      Elimina
  20. salve dott.CENSORI dopo la risposta che mi avete dato sono andata nuovamente al caf e non mi sanno spiegare niente.mia suocera prende una pensione di reversibilità SO di circa 470 euro più una maggiorazione sociale di 124 euro noi abbiamo fatto la domanda per gli assegni famigliari per 3 minori e dal 2012 prima l INPS ci ha dato l autorizzazione ma a noi non ci hanno mai dato niente neanche un euro.poi dato un po di tempo ci hanno detto che non ci spettano gli assegni familiari perché i bambini dovevano essere sullo stato di famiglia quando mio suorero era ancora in vita da premettere che la mia prima bimba e nata 2009 e mio suocero e morto 1985 quindi una cosa impossibile che potevano essere sullo stato di famiglia.che devo fare aiutatemi per favore io e mio marito siamo tutte e 2 disoccupati voglio solo sapere perché non mi danno questi assegni..siete rimasto la mia ultima speranza per sapere se ne ho diritto

    RispondiElimina
  21. aspetto una vostra risposta se volete mi potete contattare sulla mia mail che gia vi avevo dato Rosabrun86@outlook.it vi ringranzio per il tempo che ci dedicate

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il discorso non quadra perché se l'INPS vi ha dato l'autorizzazione doveva poi pagare gli assegni, quindi presumo che il CAF abbia commesso un qualche errore, e successivamente se vi è stato detto che non vi spettano deve esserci una lettera dell'INPS nella quale veniva appunto comunicato il diniego e la relativa motivazione.-
      Purtroppo a distanza non posso esservi di alcun aiuto, quindi o vi rivolgete direttamente alla sede INPS di zona o a un altro patronato, e vi consiglio il più vicino Ufficio INCA - CGIL.-

      Elimina
    2. anche io ho pensato la stessa cosa che qualcosa non va si nascondono dietro a questa scusa della reversibilità e dicono che con la reversibilità gli assegni non ci spettano,ma se voi mi avete detto che con una reversibilità SO ci spettano io vado nuovamente al caf perché l inps non ci ha mandato nessuna lettera con la motivazione del rifiuto..comunque io andro nuovamente al caf e poi vi faro sapere la risposta vi ringrazio del tempo che ci state dedicando.

      Elimina
  22. Gentile Dott.Censori,
    Mio padre e' deceduto il 02/11/2015 vorrei sapere se mia madre nella pensione di reversibilita'avra' diritto anche alla tredicesima.Grazie per il suo aiuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Tua madre oltre alla pensione di reversibilità ha diritto anche alla tredicesima maturata e non riscossa dal marito deceduto.-

      Elimina
  23. Buongiorno Dott. Censori,
    mia madre,invalida 100%, titolare di pensione da commerciante, e titolare di reversibilità Inpdap del mio defunto papà, ha fatto domanda di anf a se stessa ma le è stata bocciata la richiesta dall'ex Inpdap in quanto tale diritto, secondo l'ex Inpdadp appunto, è riconosciuto solo ai titolari di reversibilità Inps. é vera una cosa del genere? e se fosse vera, come è possibile????due pesi e due misure? i contributi versati da mio padre all'Inpdap hanno peso specifico differente rispetto a quelli Inps??? In attesa di chiarimenti, la ringrazio in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo è vero!
      È previsto solo sulla Pensione di reversibilità SO (Fondo lavoratori dipendenti) che siano corrisposti gli assegni familiari, ove si tratti di inabile titolare della pensione ai superstiti.
      Tale diritto è anche sancito da una sentenza della cassazione (n. 7668/96).-

      Elimina
    2. Grazie mille. Certo è che la cosa mi sembra sommamente ingiusta! Forse anche non costituzionale.

      Elimina
    3. In effetti in questo caso c'è una disparità tra dipendenti privati e dipendenti pubblici che non ha una motivazione valida.-

      Elimina
  24. Gentile Dott. Censori,
    Grazie per il suo aiuto.Se non le dispiace avrei bisogno di porle un altra domanda.Mio padre percepiva una pensione di 1470 euro e dopo la morte nel 02/11/15 mia madre ha ricevuto una pensione di 840 euro, potrei sbagliarmi ma non sembra che sia il 60% dovuto al conuige superstite. Mia madre ha ricevuto la pensione di reversibilita' del mese di dicembre 2015 e di gennaio 2016 ma non ha ricevuto la tredicesima.Per chiarimenti dovrei rivolgermi al Caf o all'Inps? La ringrazio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la domanda di pensione di reversibilità è stata presentata tramite un patronato è meglio che ti rivolgi allo stesso patronato, altrimenti puoi rivolgerti direttamente alla sede INPS della Tua zona di residenza.-

      Elimina
  25. SALVE MIA NONNA PERCEPISCE UNA ET UNA PENSIONE DI REVERSIBILITÀ FONDO SPECIALE, MI DOMANDO HA DIRITTO ALLA 7668/96? GRAZIE ANTICIPATAMENTE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Infatti la normativa prevede quanto segue:
      È previsto che solo sulla Pensione di reversibilità SO (Fondo lavoratori dipendenti) siano corrisposti gli assegni familiari, ove si tratti di inabile titolare della pensione ai superstiti.
      Tale diritto è anche sancito da una sentenza della cassazione (n. 7668/96).
      Il beneficio deve essere collegato al solo stato di inabilità della vedova/o superstite.-

      Elimina
  26. Gentile Dottore Censori,
    Mio padre prima che morisse percepiva una pensione di 1475 euro e mia madre ora percepisce la pensione di riversibilita' di 802 euro,non avrebbe dovuto percepire il 60%? Ci sono delle trattenute che noi non siamo a conoscenza?Grazie anticipatamente.
    p.s. Non abbiamo ricevuto nessuna lettera dall"Inps che spieghi il calcolo della pensione di mia madre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La quota di pensione di reversibilità per il coniuge è pari al 60% della pensione lorda percepita dalla persona deceduta.-
      Presumo quindi che nel caso di Tua madre la differenza in meno dipenda da una maggiore tassazione IRPEF o perché tua madre dispone anche di altri redditi, che si sommano quindi alla pensione di reversibilità, o perché non ha richiesto le detrazioni su redditi da pensione.-

      Elimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.