domenica 22 giugno 2014

Assegno per il nucleo familiare a vedova/o 2014/2015

Valori dal 01/07/2014 al 30/06/2015

È previsto che sulla Pensione di reversibilità SO (Fondo lavoratori dipendenti) siano corrisposti gli assegni familiari, ove si tratti di inabile titolare della pensione ai superstiti.

Tale diritto è anche sancito da una sentenza della cassazione (n. 7668/96).

Il beneficio deve essere collegato al solo stato di inabilità della vedova/o superstite.

L'INPS con circ. n. 98/98, nel prenderne atto, ha affermato che l’assegno può essere riconosciuto nei limiti della prescrizione quinquennale.

Successivamente con circ. 11/99 ha chiarito che i richiedenti ultrasessantacinquenni, in possesso di certificazione medica ASL che attesti gravi difficoltà a svolgere compiti e funzioni dell'età, saranno convocati a visita medica; necessario almeno 80% invalidità.

Invece, il riconoscimento del 100% di invalidità civile, può essere ritenuto probante ai fini dell’accoglimento della domanda e quindi del diritto di percepire gli assegni familiari, che per l’anno 2006 sono pari a euro 41,00.- mensili per dodici mensilità annue.

Tab. 19 – Nuclei familiari orfanili composti solo da maggiorenni inabili

Periodo dal 01/07/2014 al 30/06/2015:
Reddito familiare fino a euro 27.843,98 = euro 52,91
Reddito familiare da 27.843,99 fino a euro 31.234,15 = euro 19,59
Reddito familiare da 31.234,16 non spettano assegni familiari



Periodo dal 01/07/2013 al 30/06/2014:
Reddito familiare fino a euro 27.541,03 = euro 52,91
Reddito familiare da 27.541,04 fino a euro 30.894,31 = euro 19,59
Reddito familiare da 30.894,32 non spettano assegni familiari

Periodo dal 01/07/2012 al 30/06/2013:
Reddito familiare fino a euro 26.738,86 = euro 52,91
Reddito familiare da 26.738,87 fino a euro 29.994,48 = euro 19,59
Reddito familiare da 29.994,49 non spettano assegni familiari 

Periodo dal 01/07/2011 al 30/06/2012:
Reddito familiare fino a euro 26.035,89 = euro 52,91
Reddito familiare da 26.035,90 fino a euro 29.205,92 = euro 19,59
Reddito familiare da 29.205,93 non spettano assegni familiari

Periodo dal 01/07/2010 al 30/06/2011:
Reddito familiare fino a euro 25.625,88 = euro 52,91
Reddito familiare da 25.625,89 fino a euro 28.745,98 = euro 19,59
Reddito familiare da 28.745,99 non spettano assegni familiari

Periodo dal 01/07/2009 al 30/06/2010:
Reddito familiare fino a euro 25.447,75 = euro 52,91
Reddito familiare da 25.447,76 fino a euro 28.546,16 = euro 19,59
Reddito familiare da 28.546,17 non spettano assegni familiari

Periodo dal 01/07/2008 al 30/06/2009 :
L'importo dell'assegno mensile, per dodici mensilità, per l'anno 2008, è stato elevato a euro 52,91.

Periodo dal 01/07/2007 al 30/06/2008:
L'importo dell'assegno mensile, per dodici mensilità, per l'anno 2007, è stato elevato a euro 52,91.


Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it.
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

52 commenti:

  1. Salve,sono rumena ho due figli maggiorenni e sono vedova da un anno ,mio marito ha versato contributi per circa tre anni ,volevo sapere se a me spettava qualche aiuto,io ho un reditto di circa 4000 euro all anno..grazie mille della risposta!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Indennità per morte:
      Il superstite del lavoratore assicurato al 31.12.1995 e deceduto senza aver perfezionato i requisiti amministrativi richiesti, può richiedere l'indennità per morte, se:
      il lavoratore deceduto non aveva ottenuto la pensione;
      non sussiste per nessuno dei superstiti il diritto alla pensione indiretta per mancato perfezionamento dei requisiti richiesti;
      nei 5 anni precedenti la data di morte risulta versato almeno un anno di contribuzione.
      La domanda per ottenere l'indennità in parola deve essere presentata, a pena di decadenza, entro un anno dalla data del decesso del lavoratore assicurato.
      Indennità una-tantum:
      Il superstite di lavoratore assicurato dopo il 31.12.1995 e deceduto senza aver perfezionato i requisiti amministrativi richiesti, può richiedere l'indennità una-tantum, se:
      non sussistono i requisiti assicurativi e contributivi per la pensione indiretta;
      non ha diritto a rendite per infortunio sul lavoro o malattia professionale, in conseguenza della morte dell’assicurato;
      è in possesso di redditi non superiori ai limiti previsti per la concessione dell’assegno sociale.
      Il diritto all'importo in questione è soggetto alla prescrizione decennale.

      Elimina
  2. quale modulo bisogna compilare per richiedere l'assegno familiare per il coniuge superstite.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per richiedere l'assegno familiare per il coniuge superstite bisogna inviare all'INPS la relativa domanda per via telematica allegando idonea certificazione medica, Ti consiglio quindi di rivolgerti al più vicino Ufficio INCA - CGIL per farti seguire per tutto l'iter burocratico necessario.-

      Elimina
  3. Buona sera Dottore. Mia madre è rimasta vedova 2 mesi fa. Lei percepisce una pensione di invalidità civile e ora ha fatto domsnda di reversibilità per pensione di mio padre. L inps le ha mandato una lettera in cui la avvisa che non le spetta più la sua pensione di invalidita civile e le chiede indietro i soldi presi da gennaio del corrente anno. É giusto togliere la pensione di invalidità civile? Grazie in anticipo per la Sua cortesia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Si ha diritto all'assegno mensile di assistenza solo in assenza di altri redditi, quindi con la pensione di reversibilità se ne perde il diritto.-

      Elimina
  4. Bongiorno dottore,
    un anno fá ho presentato tramite un caf la domanda di assegno a se stesso per mia nonna vedova con pensione di reversibilità e con invalidità al 100% più accompagno. A distanza di un anno vengo a sapere, dopo aver sollecitato il caf a prendere informazioni in merito, che la pratica non è stata lavorata e che devo farne una nuova online. Adesso mi chiedo facendone una ex novo si perderanno gli arretrati di 1 anno..periodo passato dalla presentazione della domanda? dimenticavo..la domanda è stata presentata in forma cartacea ed è stata protocollata all'Inpdap..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di rivolgerti ancora al CAF che l'anno scorso Ti ha presentato la domanda per far richiedere il riesame della Tua pratica, perché se presenti una nuova domanda la decorrenza sarà immediata, quindi senza diritto agli arretrati.-

      Elimina
  5. Grazie molte per la sua risposta. Offre a tutti noi un servizio rapido ed efficiente.. molto di più di tanti Caf messi insieme!!! purtroppo il Caf che ha preso una seconda volta info all'Inpdap mi ha detto a tutt'oggi che bisogna fare la domanda online mettendo la data di decorrenza di un anno fà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  6. ma in che stato viviamo che discrimina i lavoratori autonomi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so a cosa ti riferisci in concreto!
      Se Ti riferisci alle prestazioni di sostegno al reddito, tipo indennità di disoccupazione o assegni familiari, la logica della legge è che siccome i lavoratori autonomi versano una percentuale di contributi all'INPS inferiore ai lavoratori dipendenti, hanno diritto a minori prestazioni da parte dell'INPS stessa, che poi sia giusto o meno questo è un altro discorso.-

      Elimina
  7. Buonasera, volevo sapere se alla morte della mamma vedova che percepiva la pensione di reversibilità del marito, spetta una quota di detta pensione al figlio adulto disabile al 100% grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Una pensione di reversibilità non è ulteriormente reversibile.-

      Elimina
  8. Buongiorno, vorrei sapere se l'assegno familiare che mio padre percepisce sulla pensione viene revocato d'ufficio o meno, in quanto mia madre è deceduta in questi giorni e non c'è altro membro, oltre a mio padre, nel nucleo familiare. Grazie e complimenti per il supporto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      Purtroppo NO!
      A questo punto Tuo padre deve presentare all'INPS la domanda dei ratei maturati e non riscossi da Tua madre + eventualmente la domanda per la pensione di reversibilità, e richiedere la sospensione del pagamento degli assegni familiari.-

      Elimina
  9. salve
    a mia madre vedova 65enne da 19 anni è stato riconosciuto l'assegno di vedovanza da luglio 2014
    le chiedevo se gli spetta l'arretrato quinquennale oppure c'è la possibilità che la commissione sanitaria possa disporre che l'arretrato non spetti
    (l'arretrato spetta sempre oppure ci sono delle eccezioni)
    la ringrazio anticipatamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo la decorrenza del'assegno di vedovanza viene stabilita dalla commissione sanitaria, quindi se a Tua madre è stato concesso da luglio 2014 non ha diritto agli arretrati.-

      Elimina
  10. Salve, mia madre ha 80 anni e percepisce da 1 anno la reversibilità del marito defunto, l'inps le ha passato l'invalidità al 100% senza accompagnamento, secondo Lei ha i requisiti per avere l'assegno al nucleo familiare? Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Tua madre ha diritto all'assegno per il nucleo familiare a vedova, ovviamente se ha una pensione di reversibilità SO (Fondo lavoratori dipendenti), ma deve presentare apposita domanda all'INPS.-

      Elimina
  11. Salve Dott e complimenti!!
    Volevo sapere se mia sorella che già usufruisce della 104 di nostra madre invalida al 100% con accompagno e pensione sociale, potrebbe chiedere le detrazioni e l'assegno familiare pur non essendo convivente con lei.
    Grazie in anticipo x le info!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Infatti le detrazioni per un familiare a carico si possono richiedere solo se il familiare ha un reddito annuale inferiore a 2.840,51 euro annuali, mentre gli assegni familiari si possono richiedere solo per il coniuge e per i figli minorenni.-

      Elimina
    2. Grazie!!
      Infatti mia madre percepisce accompagnamento e sociale che non fanno reddito...quindi mia sorella anche se non convivente con lei (che già usufruisce della 104) può percepire le detrazioni??

      Elimina
    3. SI!
      Limiti reddituali del familiare
      I familiari, infatti, possono essere considerati a carico solo se non dispongono di un reddito proprio superiore 2.840,51 euro al lordo degli oneri deducibili (sono esclusi alcuni redditi esenti fra i quali le pensioni, indennità e assegni corrisposti agli invalidi civili, ai sordomuti, ai ciechi civili). Va conteggiata invece l'eventuale rendita dell'abitazione principale.

      Elimina
  12. Il mio compagno e' mancato tre mesi fa. Non eravamo sposati, ma abbiamo due figlie minori riconosciute da entrambi. Vivevamo insieme ma con due residenze diverse perche' entrambi prima di conoscersi avevamo ognuno una sua casa di proprietà'.
    Il mio reddito annuale e' inferiore agli 11000 euro, e alle nostre figlie spettano 150€ mensili di reversibilità' a testa. per me non e' previsto nessun tipo di pensione o sostegno economico? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      La pensione di reversibilità spetta solo al coniuge e ai figli minorenni, e non al compagno/a.-

      Elimina
  13. Buon pomeriggio, volevo chiederLe, avendo mia mamma di circa 71 anni che percepisce pensione di reversibilità, può fare domanda di "assegno di vedovanza" solo con la certificazione del medico asl pur non avendo nessuna invalidità solo per il fatto che alla sua età è considerata ormai inabile al lavoro così come è stabilito nella domanda di assegno familiare? Grazie in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Per il diritto all'assegno familiare a vedova i richiedenti ultrasessantacinquenni, devono essere in possesso di certificazione medica ASL che attesti gravi difficoltà a svolgere compiti e funzioni dell'età, saranno convocati a visita medica; necessario almeno 80% invalidità.-

      Elimina
    2. Grazie ancora e complimenti.

      Elimina
  14. Ciao Gianfranco,volevo chiederti mia moglie e' deceduta nel gennaio 1995 impiegata statale nel comparto scuola(inseg. elementari) per pochi mesi non ha potuto far valere il diritto alla pensione per il superstite (marito,cioe il sottoscritto) dato che a mio parere ce' da intentare una causa di lavoro per malattia sono ancora nei termini oppure e' troppo tardi? Mi puo' spettare l'assegno di vedovanza che non ho mai richiesto? Ti ringrazio anticipatamente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Dopo 10 anni dal decesso del de cuius non è possibile avanzare più alcuna richiesta ne intentare una causa, ne si può richiedere l'assegno di vedovanza.-

      Elimina
  15. Buonasera, desideravo sapere cosa mi spetta di diritto a fronte di questa situazione:
    io sono rimasta incinta a novembre del 2012 lo stesso mese in cui sono stata licenziata riuscendo ad ottenere la maternità a rischio(sette mesi)più la maternità regolare(cinque mesi) io ho partorito il 9 agosto del 2013, dopo ho percepito la disoccupazione per otto mesi,non capisco perche la disoccupazione mi sia finita ad aprile del 2014 secondo quello che mi dicono all'inps,adesso sono venuta a conoscenza della mobilità inderoga che mi doveva spettare per due anni se avessi fatto la richiesta entro sessanta giorni, volevo chiederle : è giusto il conteggio dei mesi effettuato dall'inps?da quale giorno eventualmente partirebbero i sessanta giorni per richiedere la mobilità inderoga? è cosa mi consiglia di fare per recuperala dato che siamo a settembre? Grazie per la sua getile risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se Tu avevi diritto all'ASPI, e la maternità obbligatoria è finita il 09/11/2013, l'ASPI doveva durare fino al 09/07/2014, quindi non capisco perché all'INPS Ti hanno detto che è finita ad aprile.-
      Presumo quindi che Tu non avevi diritto all'ASPI ma solo alla Mini Aspi, mentre per quanto riguarda la mobilità in deroga sicuramente non può durare due anni, ma al massimo 6 mesi e solo se è prevista nella Tua regione di residenza.-
      Ti consiglio quindi di rivolgerti al più vicino Ufficio INCA - CGIL per una verifica della Tua situazione contributiva, e per farti eventualmente consigliare al meglio sul da farsi.-

      Elimina
  16. Buongiorno, Vorrei sapere se, a tre anni dalla morte di mio marito che avevo a carico, posso richiedere gli assegni familiari relativi alla sua invalidità, visto che non l'ho mai dichiarata. Se si, può spiegarmi la prassi? Grazie mille per la cortesia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Per il diritto alla maggiorazione degli assegni familiari in presenza di un componente invalido va richiesta un'autorizzazione preventiva all'INPS, autorizzazione che non può essere richiesta dopo il decesso del familiare.-

      Elimina
  17. buona sera dottore vorrei sapere se mia madre che ha 69 anni e percepisce la pensione di reversibilità del marito pari a 600 euro al mese , ha diritto ad usufruire dalla carta acquisti pur avendo a carico me che sono il figlio di 43 anni disoccupato.GRAZIE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      La Carta Acquisti viene concessa agli anziani di età superiore o uguale ai 65 anni o alle famiglie con bambini di età inferiore ai 3 anni in possesso di particolari requisiti oggettivi.
      In particolare i cittadini di età pari o superiore a 65 anni dovranno avere i seguenti requisiti:
      non godere di trattamenti pensionistici, ovvero godere di trattamenti di importo inferiore a euro 6.701,34 nell'anno precedente alla presentazione della domanda, se di età pari o superiore a 65 anni e inferiore a 70 anni;

      Elimina
  18. Salve Dottore vorrei chiederle mio padre e morto da tanti anni, chi prende l'assegno di reversibilità è mia madre. Io sono invalido civile al 75%, sono disoccupato, avrei anch'io il diritto a prendere la metà della pensione di mio padre. Grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      La pensione di reversibilità spetta ai figli che alla data della morte del genitore siano minori, studenti o inabili e a suo carico.-

      Elimina
  19. Salve dottore,
    volevo chiederle un'informazione. Percepisco un assegno di mantenimento dal mio ex marito che ogni mese deve consegnarmi manualmente. C'è la possibilità che questo assegno mi venga corrisposto direttamente in un conto corrente perchè adesso sta male e non è possibile che me lo porti fino a casa. In caso di sua morte cosa mi spetterebbe?
    Grazie in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Il Tuo ex marito può corrisponderti l'assegno di mantenimento anche con un bonifico, ma se è malato per poter inviare il bonifico da casa deve avere un computer con internet in modo che possa collegarsi con la sua banca.-
      La pensione di reversibilità spetta:
      - Al coniuge anche se separato: se il coniuge superstite è separato con addebito, la pensione ai superstiti spetta a condizione che gli sia stato riconosciuto dal Tribunale il diritto agli alimenti
      - Al coniuge divorziato se titolare di assegno divorzile

      Elimina
  20. Volevo sapere dopo quanto tempo mi paga assegni familiare se ho fato la domanda due messi fa .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non mi dici che lavoro fai, e quindi a chi hai presentato la domanda degli assegni familiari, purtroppo non posso esserti d'aiuto.-

      Elimina
  21. Salve Dottore, a fine ottobre ho terminato la mia prestazione lavorativa presso la mia ex azienda con contratto ccnl BE1A artigianato impiantistica. Dopo 10 anni di servizio ho accumulato molte ferie in negativo 250 ore per il 90% da amputare a mancanza di lavoro e quindi ferie obbligate. Il mio ex datore ci ha sempre detto di stare a casa tranquilli che per le ferie non era un problema, a oarte il fatto che ora mi ritrovo decurtato di piu di 1200 euro sull'ultimo cedolino. Si potrebbe far qualcosa per recuperare dei soldi? Il tfr entro quanto mi spetta? E in caso di ritardo gli interessi a quanto ammontano in percentuale? Grazie in anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo è un po tardi per porti il problema!
      Infatti a suo tempo avresti dovuto rifiutarti di andare in ferie se eri consapevole di andare in negativo, perché ora ti sarebbe molto difficile dimostrare che le ferie non sono state richieste ma imposte dall'azienda.-
      Ai fini del calcolo del TFR, nei casi di assenza dal lavoro con diritto all’integrazione salariale (ad esempio per malattia, infortunio, maternità obbligatoria e facoltativa, riposi per allattamento, permessi per handicap, congedo matrimoniale, cassa integrazione guadagni) la retribuzione utile è quella che il dipendente avrebbe maturato se fosse stato presente al lavoro, mentre non matura nel caso di permessi non retribuiti.-

      Elimina
    2. E se potessi dimostrare che le ferie erano indotte con sms che mi diceva di stare a casa e testimoni visto che siamo in 3 dipendenti in questa situazione? Si potrebbe fare qualcosa?

      Elimina
    3. Purtroppo NO!
      Se stai a casa e non poni obiezioni alla richiesta del datore di lavoro le opzioni possibili sono solo 3:
      - Utilizzi il residuo ferie
      - Utilizzi il residuo permessi o ROL
      - Ti prendi dei permessi non retribuiti

      Elimina
  22. mia madre e mio padre erano tutti e due invalidi con indennità di accompagnamento fino al gennaio 2013 data di decesso di mio padre; poi mia madre a chiesto e ottenuto la reversibilità; fino a oggi nessuno dei due aveva chiesto gli assegni famigliari spettanti a famiglie con invalidi.
    Può oggi mia madre chiedere oltre gli l'assegno mensile anche gli arretrati per i 5 anni precedenti compresi quelli di mio padre?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Per il diritto agli assegni familiari in presenza di componenti inabili è necessaria un'autorizzazione preventiva dell'INPS, e non si può quindi richiedere l'autorizzazione dopo il decesso di uno dei familiari.-

      Elimina
  23. Salve dottore , vorrei sapere se mia madre, donna si 70 anni ,vedova( percepisce la reversibilità) con problemi di ansia, insonnia ,pressione e pressione alta ,può fare la domanda per assegni familiari??
    GRAZIE IN ANTICIPO!

    RispondiElimina
  24. Caro dottore, mi chiamo Anna ho 69 anni (vedova da 7 anni) con un minimo di reversibilità. Essendo invalida del 76%, posso io chiedere i 50(?) euro mensili di cui tanto si parla?
    Anticipatamente la ringrazio

    RispondiElimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.