martedì 19 febbraio 2019

Reddito di Cittadinanza - Pensioni di Cittadinanza

Reddito di Cittadinanza

Di seguito alcune informazioni su come richiedere e quali sono i requisiti per il Reddito di Cittadinaza.

Richiesta:

La richiesta del Reddito di Cittadinanza dovrà essere presentata agli uffici postali utilizzando il modello che verrà messo a disposizione dall’Inps; la domanda potrà essere inviata online o anche rivolgendosi ai centri di assistenza fiscale convenzionati con l’Inps. All’atto della domanda bisognerà presentare anche la DSU a fini ISEE.

Una volta ricevuta la domanda l’Inps ha tempo 5 giorni per valutare il possesso dei requisiti richiesti
utilizzando le banche dati a disposizione; in caso di accettazione della richiesta, il beneficio economico sarà erogato attraverso la carta RdC.
Si tratta di una carta acquisti realizzata da Poste italiane con un limite di prelievi in contanti di 100€ al mese e con l’obbligo di spendere tutto il contributo entro il mese dell’erogazione; sono vietate, inoltre, le spese per beni e servizi riferiti al gioco d’azzardo o che portano alla ludopatia.


Requisiti:

1) essere in possesso della cittadinanza italiana, oppure cittadini di uno Stato membro UE. È riconosciuto anche agli stranieri in possesso di regolare permesso di soggiorno;
2) essere residenti in Italia, in via continuativa, da almeno 10 anni;
3) avere un ISEE inferiore a 9.360€;
4) avere un patrimonio immobiliare (nel quale non è compresa la casa d’abitazione) inferiore a 30.000€;
5) avere un patrimonio mobiliare inferiore a 6.000€. Questo limite è innalzato di 2.000€ per ogni
componente familiare successivo al primo (fino ad un massimo di 10.000€). Vi è poi un incremento di 1.000€ per ogni figlio successivo al primo, e di 5.000€ in caso di presenza di una persona con disabilità nel nucleo familiare;
6) avere un reddito familiare non superiore a 6.000€. Questa soglia è aumentata a 9.360€ qualora il nucleo familiare sia in affitto (clicca qui per la formula per calcolare il reddito familiare);
Non hanno diritto al reddito di cittadinanza, invece:
a) i nuclei familiari dove un componente sia in possesso di auto o moto immatricolati nei 6 mesi
precedenti alla richiesta del RdC, nonché di auto di cilindrata superiore ai 1.600 cc e moto di cilindrata superiore ai 250 cc immatricolati negli ultimi 2 anni (clicca qui per approfondire);
b) i nuclei familiari dove un componente sia in possesso di navi e imbarcazioni da diporto;
c) i soggetti che si trovano in stato detentivo per tutta la durata della pena;
d) nuclei familiari dove uno dei componenti risulti essersi dimesso dal lavoro nei 12 mesi antecedenti al momento della domanda (ad eccezione delle dimissioni per giusta causa).

Gli importi del reddito di cittadinanza 

Il reddito di cittadinanza non ha un importo fisso; varia, infatti, in base alla situazione economica della famiglia che lo richiede. Nel dettaglio, come specificato nell’articolo 3 del decreto, il beneficio economico si compone di due differenti elementi:
integrazione fino a 6.000€ (annui) del reddito familiare;
integrazione pari all’ammontare del canone annuo di locazione (fino ad un massimo di 3.360€ annui) per le famiglie che sono in affitto. È prevista poi un integrazione (ma fino ad un massimo di 1.800€ annui) per i nuclei familiari che risiedono in un’abitazione di proprietà ma per la quale è stato contratto un mutuo.
Per quanto riguarda l’integrazione del reddito familiare in presenza di più componenti questo viene
moltiplicato per il corrispondente parametro della scala di equivalenza, ovvero:
+0,4 per ogni componente familiare maggiorenne successivo al primo;
+0,2 per ogni componente minorenne.
Questo può essere incrementato fino ad un massimo del 2,1.
Il beneficio economico complessivamente non può superare i 9.360€ annui, ossia i famosi 780€ mensili (anche questa soglia va moltiplicata per il corrispondente parametro della scala di equivalenza). Questo, invece, non può essere inferiore ai 480€ annui (clicca qui per le istruzioni per il calcolo del reddito di cittadinanza).

Pensioni di Cittadinanza

Di seguito alcune informazioni su come richiedere e quali sono i requisiti per le Pensioni di Cittadinanza.

Richiesta:

La richiesta - come si legge nell’articolo 5 del decreto - dovrà essere presentata utilizzando il modello di domanda messo a disposizione dall’Inps.
La domanda potrà essere presentata utilizzando la modalità telematica (che verrà specificata in un
secondo momento) oppure rivolgendosi ai centri di assistenza fiscale convenzionati dall’Inps.
Una volta ricevuta la domanda, l’Inps ha cinque giorni di tempo per analizzarla: nel caso la richiesta
venga accolta, la pensione di cittadinanza verrà erogata dal mese successivo su una carta elettronica.
Questa carta può essere utilizzata per gli acquisiti (ma non per qualsiasi tipo di attività che abbia a che fare con il gioco d’azzardo); inoltre, si può prelevare contante ma fino ad un massimo di 100€ al mese.

Requisiti

Partiamo con l’analizzare i requisiti della pensione di cittadinanza. In primis, come anticipato, è
necessario che il nucleo familiare per il quale se ne fa richiesta sia composto esclusivamente da persone Over 67.
1) essere cittadini italiani, o in alternativa di uno Stato membro UE. La pensione di cittadinanza spetta anche agli stranieri, purché in possesso del regolare permesso di soggiorno;
2) essere residenti in Italia, in via continuativa, da almeno 10 anni;
3) ISEE inferiore a 9.360€;
4) patrimonio immobiliare (nel quale non è compresa la casa d’abitazione) inferiore a 30.000€;
5) patrimonio mobiliare inferiore a 6.000€. Questo limite è innalzato di 5.000€ in caso di presenza di una persona con disabilità nel nucleo familiare;
6) reddito familiare non superiore a 7.560€. Questa soglia è aumentata a 9.360€ qualora il nucleo
familiare sia in affitto.

Cosa spetta:

Ai nuclei familiari che soddisfano i suddetti requisiti spetta un beneficio economico che - come descritto dall’articolo 3 del decreto - si compone di due parti:
integrazione del reddito familiare fino al raggiungimento della soglia annua di 7.560€;
integrazione pari all’ammontare annuo del canone di locazione (per i nuclei familiari che vivono in
affitto) fino ad un massimo di 1.800€.
Complessivamente potrebbe spettare un’integrazione del reddito fino al raggiungimento di 9.360€;
mensilmente, quindi, l’interessato ha diritto ad un massimo di 780€. In ogni caso, l’integrazione non può essere inferiore ai 480€ annui.
L’importo dell’integrazione, però, viene aumentato in caso di nuclei familiari numerosi; nel dettaglio, per ogni persona maggiorenne successiva alla prima si applica un parametro della scala di equivalenza pari a 0,4. Quindi, nel caso di una coppia di Over 65, l’importo massimo dell’integrazione è di 1.092€ al mese, 13.104€ l’anno.
È bene sottolineare, comunque, che il parametro di scala di equivalenza complessivo non può essere
superiore a 2,1. Quindi, in caso di nuclei familiari numerosi - purché composti esclusivamente da Over 65
- l’importo massimo della misura è di 1.638€ al mese, 19.656€ l’anno.

Durata e decorrenza

Per quanto riguarda la durata della pensione di cittadinanza, questa viene riconosciuta per tutto il periodo in cui il beneficiario soddisfa i suddetti requisiti, per un massimo di 18 mesi. Scaduto questo termine si può chiedere il rinnovo del beneficio.
Il contributo, invece, è riconosciuto per dodici mensilità e decorre dal mese successivo a quello in cui è stata presentata la domanda.

Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi porre i tuoi quesiti qui di seguito tra i commenti; ti risponderemo appena possibile!

170 commenti:

  1. Dai controlli della documentazione le dico che rientriamo in tutti i requisiti in quanto non possediamo auto ecc...
    Per quanto riguarda l'invalidità civile con indennità di accompagnamento verranno scorporati, quindi detratti dall importo totale del reddito di cittadinanza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non hanno diritto al reddito di cittadinanza:
      a) i nuclei familiari dove un componente sia in possesso di auto o moto immatricolati nei 6 mesi precedenti alla richiesta del RdC, nonché di auto di cilindrata superiore ai 1.600 cc e moto di cilindrata superiore ai 250 cc immatricolati negli ultimi 2 anni (clicca qui per approfondire);
      b) i nuclei familiari dove un componente sia in possesso di navi e imbarcazioni da diporto;
      c) i soggetti che si trovano in stato detentivo per tutta la durata della pena;
      d) nuclei familiari dove uno dei componenti risulti essersi dimesso dal lavoro nei 12 mesi antecedenti al momento della domanda (ad eccezione delle dimissioni per giusta causa).-

      Elimina
    2. Ciao Gianfranco, vorrei farti una domanda, dal mese di Aprile percepisco il reddito di cittadinanza e a Giugno 2020 compiro' 67 anni e avro' diritto alla sociale e sarebbe comunque integrata avendo piu' dic15 anni di contribuzione.
      So che passera' automaticamemte a pensione di cittadinanza ma non ho ben capito se posso optare le scegliere la vecchia sociale, in quanto ho visto per esempio che quella avrebbe la tredicesima, non menzionata invece nella pensione di cittadinanza.
      Posso scegliere io e mi conviene?
      Grazie e saluti.
      Piero Piccolo

      Elimina
    3. Ciao Piero!
      La pensione di cittadinanza è a scadenza nel senso che per ora vale solo fino al 2020 e non si sa quindi se verrà prorogata, mentre l'assegno sociale è a vita, quindi la scelta mi pare ovvia.-

      Elimina
    4. Ciao ho fatto domanda rdc isee corrente il 18 settembre ancora non. Mi è pervenuto. Messaggio...

      Elimina
    5. Di solito bisogna attendere almeno un mese!

      Elimina
  2. Salve Dott. Censori siamo una coppia di pensionati 85enni volevamo sapere se avevamo diritto alla pensione di cittadinanza. Abbiamo un reddito totale di pensione pari a 13.000 euro, (circa 550 a testa) la casa di proprietà valore 50.000 unica abitazione ed un risparmio di circa 35000 euro in banca, niente altro. Cordiali saluti. Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensioni di cittadinanza:
      Requisiti
      Partiamo con l’analizzare i requisiti della pensione di cittadinanza. In primis, come anticipato, è
      necessario che il nucleo familiare per il quale se ne fa richiesta sia composto esclusivamente da persone Over 65.
      1) essere cittadini italiani, o in alternativa di uno Stato membro UE. La pensione di cittadinanza spetta anche agli stranieri, purché in possesso del regolare permesso di soggiorno;
      2) essere residenti in Italia, in via continuativa, da almeno 10 anni;
      3) ISEE inferiore a 9.360€;
      4) patrimonio immobiliare (nel quale non è compresa la casa d’abitazione) inferiore a 30.000€;
      5) patrimonio mobiliare inferiore a 6.000€. Questo limite è innalzato di 5.000€ in caso di presenza di una persona con disabilità nel nucleo familiare;
      6) reddito familiare non superiore a 7.560€. Questa soglia è aumentata a 9.360€ qualora il nucleo familiare sia in affitto.

      Elimina
  3. Salve dottore, gli assegni di invalidità e accompagnamento fanno parte del reddito familiare per il calcolo isee? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Ai fini ISE - ISEE fanno fede tutti i redditi quindi anche gli assegni di invalidità e l'indennità di accompagnamento.-

      Elimina
    2. No dott censori vi sbagliate l indennità di accompagnamento non viene calcolata nel reddito familiare Perchè vengono esclusi i trattamenti non sottoposti
      Alla prova di mezzi......

      Elimina
  4. I trattamenti assistenziali(destinati a persone disabili) non rientrano nel calcolo isee!!!

    RispondiElimina
  5. Lascia perdere cambia mestiere.

    RispondiElimina
  6. Ciao Gianfranco ho un dubbio da farmi chiarire sul reddito di cittadinanza.
    Per avere diritto tra le varie cose bisogna avere un reddito immobiliare escluso l'abitazione principale di 30000 euro.
    Ti espongo la mia posizione il mio reddito della abitazione principale è di 91056 e mentre quello oltre è di 10251(quindi inferiore ai 30000)per un totale di 101307. Però nell'attestato isee è scritto quanto segue:
    Patrimonio immobiliare del nucleo 101307(giusto) detrazione patrimonio immobliare 65352 quindi con un ISP 35955. Qui sorge il mio dubbio nell'attestato Isee è stato tolto la detrazione e potrebbe andare bene per un isee normale tipo universitario però per il RdC devono toglire il valore totale dell'abitazione principale e non la sua detrazione,giusto? Se no risulta che il mio reddito oltre l'abitazione principale è più di 30000 mentre il valore giusto esclusa la totale abitaz. princ. è di 10251. Quindi penso che quando guarderanno le domande non guarderanno solo l'attestato Isee ma tutti i fogli della domanda, giusto.
    Spero di essere stato chiaro e resto in attesa di una risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Franco!
      Tranquillo!
      I parametri per la compilazione della certificazione ISE-ISEE non sono stati cambiati con l'introduzione del reddito di cittadinanza, quindi l'INPS quando andrà a valutare la tua domanda verificherà se il tuo nucleo familiare rientrerà nei limiti ISEE, e per quanto riguarda il valore di altri immobili oltre l'abitazione principale, controllerà la dichiarazione dei redditi o consulterà il catasto.-

      Elimina
  7. Salve Dott Censori mi chiamo Paolo e volevo sapere riguardo al reddito di cittadinanza essendo invalido civile al 46% sono esonerato dall'obbligo di presentare il DID.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paolo!
      Liste di collocamento mirato:
      Possono iscriversi alle liste speciali i lavoratori appartenenti ad una delle seguenti categorie:
      - le persone in età lavorativa affette da minorazioni fisiche, psichiche o sensoriali ed i portatori di handicap intellettivo, in possesso di riduzione della capacità lavorativa (invalidità) superiore al 45%;
      - gli invalidi del lavoro, con un grado di invalidità, accertato dall’Inail, superiore al 33%;
      - i ciechi assoluti o le persone con un residuo visivo non superiore a 1/10 a entrambi gli occhi;
      - i sordomuti, cioè le persone colpite da sordità sin dalla nascita o prima dell’apprendimento della parola;
      - le persone che percepiscono l’assegno di invalidità civile, per accertamento da parte dell’Inps di una riduzione permanente a meno di 1/3 della capacità lavorativa;
      - gli invalidi di guerra, gli invalidi civili di guerra e gli invalidi per servizio con minorazioni ascritte dalla 1° all’8° categoria.-

      Elimina
  8. Dott. Censori buonasera, due quesiti:
    1) Ai fini ISEE gli assegni per il nucleo familiare vanno considerati?
    2) Io sono in Naspi e mio marito lavora, se io chiedo il reddito di cittadinanza la Naspi viene sospesa oppure il Rdc diventa un’integrazione?
    Grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pina!
      - NO! Ai fini ISE-ISEE gli assegni per il nucleo familiare non vanno considerati.-
      - NO! La NASPI non viene sospesa e il RDC diventa un'integrazione.-

      Elimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo chiesto se l'assegno di invalidita', fa reddito per richiedere la pensione di cittadinanza.

      Elimina
    2. Si fa reddito familiare!!

      Elimina
  10. Dott. Censori le volevo chiedere ma se mio marito non è residente a casa mia ma dalla zia ma non ha alcun reddito e quindi abbiamo un idee pari a 0 posso ottenere il reddito di cittadinanza grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Con un ISEE pari a zero puoi ottenere il reddito di cittadinanza.-

      Elimina
  11. Ciao Gianfranco, siamo preoccupati per il tuo silenzio in tutti i dibattiti, spero che sia dovuto perchè sei in ferie o sei in viaggio di piacere e non a qualche raffreddore che ti costringe a letto. Auguroni per ogni bene e ti aspettiamo con gioia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Franco!
      Ti ringrazio per gli auguri!
      In effetti sono stato in vacanza ed ho viaggiato all'estero per un paio di settimane.-

      Elimina
  12. Salve Dottore!
    Vorrei sapere :Se io con 15 anni di contributi e 62 anni di eta potrei chiedere il redito di cittadinanzza?
    Sono di origine Moldava.Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Requisiti necessari per il reddito di cittadinanza:
      1) essere in possesso della cittadinanza italiana, oppure cittadini di uno Stato membro UE. È riconosciuto anche agli stranieri in possesso di regolare permesso di soggiorno;
      2) essere residenti in Italia, in via continuativa, da almeno 10 anni;
      3) avere un ISEE inferiore a 9.360€;
      4) avere un patrimonio immobiliare (nel quale non è compresa la casa d’abitazione) inferiore a 30.000€;
      5) avere un patrimonio mobiliare inferiore a 6.000€. Questo limite è innalzato di 2.000€ per ogni
      componente familiare successivo al primo (fino ad un massimo di 10.000€). Vi è poi un incremento di 1.000€ per ogni figlio successivo al primo, e di 5.000€ in caso di presenza di una persona con disabilità nel nucleo familiare;
      6) avere un reddito familiare non superiore a 6.000€. Questa soglia è aumentata a 9.360€ qualora il nucleo familiare sia in affitto.-

      Elimina
  13. Salve dottore, il mio nucleo famigliare è composto da me, mia nonna e mio figlio di 4 anni almeno per quanto riguarda la compilazione dell'isee, visto che siamo nello stesso stato di famiglia. Noi 3 abbiamo un isee di circa 6000 euro, ho un mezzo immatricolato nel 2007 e possiedo uno scooter 100 del 2004. Siamo in comodato d'uso gratuito, mia nonna è in pensione è invalida al 100 ed io lavoro razionalmente. Ho apparentemente tutti i requisiti per poter richiedere il rdc ma, mi viene un dubbio: cosa è il reddito familiare? È la somma dei redditi assoggettabili ad IRPEF? Se si, non credo di rientrarci, a meno che io non possa richiederlo citando solo me e mio figlio come componenti, come ad esempio succede per gli assegni al nucleo FAM. Tenga conto che non sono né sposata né convivente e sto chiedendo l affido esclusivo di mio figlio. La ringrazio per la gentile risposta che mi darà. Saluti Marcella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marcella!
      La normativa prevede che non bisogna avere un reddito familiare pari o superiore alla soglia dei 6.000€ moltiplicata per il corrispondente parametro di scala di equivalenza. Questa soglia aumenta a 9.360,00€ per i nuclei familiari che vivono in affitto.
      Nel dettaglio, per il primo componente del nucleo familiare si ha un parametro pari ad 1, mentre si aggiunge uno 0,4 per ogni componente maggiorenne successivo e uno 0,2 in caso di minorenne.-

      Elimina
    2. Grazie dottore ������

      Elimina
  14. Dott. Censori ci sono novità per la detenzione domiciliare?
    Mio marito è in detenzione domiciliare e abbiamo un bimbo piccolo se tolgono lui dalla scala di equivalenza come si fa il conteggio? Può farlo lei?
    Siamo 3 con mio marito
    Isee 0
    Casa con comodato d'uso
    E mio marito con invalidità 100% e accompagnamento.
    Quanto verrebbe?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non ci sono novità per la detenzione domiciliare, dobbiamo quindi attendere l'approvazione definitiva della legge e le relative norme attuative.-

      Elimina
  15. Bentornato Dottore. A quanto vedo, non le diamo tregua. Nemmeno una vacanza le ..."concediamo". Scherzo naturalmente. Visto che e' ancora tra noi,(le auguro ancora per tantissimi anni) vorrei chiederle: l'importo per una coppia di coniugi OVER 67 CONCERNENTE LA PENSIONE DI CITTADINANZA, e' di 1030 euro, come dicono gli addetti ai lavori, o di 1170 euro, come invece , affermano sul proprio sito, i 5 stelle? La cosa mi interessa perche'io ( mia moglie non gode di nessun beneficio previdenziale ne assistenziale) perche' riscuoto mensilmente 630 euro per la pensione di vecchiaia+ 373 assegno INVC pER UN TOTALE di poco superiore ai 1000 euro. Quindi se, come le chiedevo, se l'importo della pensione di cittadinanza e' di 1170 euro, dovrei riscuotere la differenza. Che ne pensa, DOTTORE? A proposito, mi pare che lei gia' in passato ha precisato che tutto cio' che si riscuote( assegno sociale, invalidita', etc etc , si cumula) quindi, se l'importo della suddetta pensione di cittadinanza, dovesse essere di 1030, SAREI FUORI GIOCO. Grazie per la disponibilita', ARRIVEDERCI DOTTORE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Renato!
      Ti ringrazio!
      Premesso che la legge deve ancora superare l'ultimo passaggio parlamentare nel senso che deve ritornare al Senato per l'approvazione definitiva che dovrebbe avvenire verso fine mese, al momento per quanto se ne sa l'importo della pensione di cittadinanza per una coppia di coniugi pensionati è di 1.030,00 euro.-
      Comunque trovo assurdo che si possano presentare le domande per il reddito di cittadinanza e per la pensione di cittadinanza prima che la legge sia stata approvata in via definitiva e prima che vengano emanate le relative norme attuative.-

      Elimina
    2. E hanno dato disposizioni ai CAF per la presentazione delle domande dei... possibili beneficiari, senza stabilirne i parametri? Questo e' proprio il paese delle banane! Grazie Dottore. gentilissimo come sempre.

      Elimina
    3. Infatti!
      Solo in Italia può succedere che si può presentare una domanda in relazione a una legge che deve essere ancora approvata dal Parlamento.-
      La mia impressione è che questo Governo vuole accelerare i tempi per presentarsi alle prossime elezioni europee con dei risultati "tangibili", ma c'è un proverbio che dice "la gatta frettolosa fa i gattini ciechi".-

      Elimina
  16. Ciao Gianfranco,siamo una coppia di disoccupati e quindi abbiamo l'esenzione dei tiket sanitari per esami e visite. Abbiamo fatta la richiesta per il reddito di cittadinanza e volevamo sapere se continueremo ad avere la sudetta esenzione se viene accettata la domanda al RdC

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Franco!
      Non c'è problema!
      Anche se vi verrà accettata la domanda per il reddito di cittadinanza non perderete il diritto all'esenzione dal ticket.-

      Elimina
  17. Salve ho fatto richiesta il 14/03/2019 ma non ho ancora ricevuto il messaggio con numero protocollo
    Devo preoccuparmi ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessia!
      NO!
      Non ti devi preoccupare!
      Probabilmente il ritardo è dovuto all'elevato numero di domande inviate all'INPS che fanno allungare i tempi di risposta.-

      Elimina
  18. Ciao Gianfranco, ho letto che anche i possessori della pensione di reversibilità possono fare richiesta della pensione di cittadinanza. Siccome prendo meno di 780 volevo sapere se basta solo questo oppure devo rientrare in tutti gli altri parametri. Avendo 66 anni posso fare la richiesta del reddito e non la pensione di cittadinanza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi rientrare in tutti i parametri e comunque la pensione di cittadinanza è riservata ai nuclei familiari composti esclusivamente da persone Over 65.-

      Elimina
  19. Salve. Prendo una pensione di reversibilità di 680 euro mensili. Ho fatto richiesta di pensione di cittadinanza essendo in fitto se viene accettata dovrei percepire 780 euro mensili. Posso richiedere il trattamento di famiglia/assegno di vedovanza di 52,91 euro mensili? Comunque saranno compresi nei 780 euro oppure percepiro 780 + 52,81?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Massimo!
      Gli assegni familiari non costituiscono reddito quindi sono ininfluenti ai fini del diritto e quindi del calcolo della pensione di cittadinanza.-

      Elimina
  20. Buon giorno Avvocato: ho 69 anni e percepisco la pensione sociale più una maggiorazione per invalidità civile 100%100, per un totale di 636 euro per 13 mensilità. Ho le carte in regola per richiedere la pensione di cittadinanza: Se la domanda inps verrà accettata e quindi incrementata a 780 euro, la maggiorazione per l'invalidità mi sarà erogata comunque? essendo questultima, sommata alla pensione di cittadinanza inferiore a 780? Anticipatamente ringrazio per la cortese risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'incremento avverrà per differenza tra quello che si percepisce tutto compreso, fino a raggiungere l'importo di 780 euro.-

      Elimina
  21. Scusi tanto; mi chiamo Nicola e mi piace assai quello che fai per tutti noi..(allegato alla richiesta precedente)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicola!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  22. SALVE DOTTORE, VOLEVO CHIEDERE RIGUARDO AL REDDITO DI CITTADINANZA.
    HO FATTO DOMANDA ED E STATA ACCOLTA. DAL SITO INPS RISULTA LA COMUNICAZIONE ALLE POSTE GIORNO 16 APRILE CON UN IMPORTO DI 290 EURO.VOLEVO CAPIRE SE TALE IMPORTO SI RIFERISCE AD APRILE (I 15 GIORNI RIMASTI DEL MESE) E POI AVERE A MAGGIO I 500 EURO VISTO CHE NON SONO IN AFFITTO.
    CORDIALI SALUTI. LUCIO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucio!
      La cifra spettante "mensilmente" per Reddito di Cittadinanza o Pensione di Cittadinanza viene elaborata dall'INPS al netto delle prestazioni già spettanti e in applicazione della normativa del RDC votata in Parlamento e illustrata sul sito del Ministero del Lavoro.-

      Elimina
  23. Buonasera signor censori vi volevo chiedere un informazione, ma perché nel rdc nn mi hanno sottratto l invalidità civile come anche nel rei non mi venne sottratta ? la legge dice che devono essere sotratti i trattamenti assistenziali? Sbaglio del inps?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve, anche a me non è stata sottratta l'invalidità civile dal RDC, ho chiamato anche l'inps e mi hanno risposto che le 2 prestazioni sono cumlabili. Dott. Censori lei conferma che é cosi?

      Elimina
    2. Confermo!
      Ai fini del calcolo del reddito di cittadinanza vengono considerati tutti i redditi, ma non l'invalidità civile, perché non costituisce reddito.-

      Elimina
  24. Salve dott Censori, sono un disoccupato con nucleo familiare singolo e con ISEE pari a 1550 euro, non ho proprietà immobiliari, ma solo casa in comodato gratuito dei miei genitori, ho fatto domanda di reddito di cittadinanza che mi è stata accolta a meta aprile come da sms solo che mi aspettavo 500 euro, invece vedo che me ne sono stati accreditati 250. Volevo capire se era una cifra provvisoria ho è quella delle future mensilità. Cordiali saluti
    Matteo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Matteo!
      L'importo che ti è stato accredito è quello delle future mensilità.-

      Elimina
  25. Salve dottore volevo sapere se la pensione attuale che prendo continuerò a prenderla a parte il rdc grazie

    RispondiElimina
  26. Mi scuso dottore la pensione che prendo é la minima di 292,00 euro continuerò a prenderli lo stesso ho no.visto che prendo il rdc ho non lo PRENDERÒ più grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pensione che prendi continuerai a prenderla regolarmente insieme al reddito di cittadinanza.-

      Elimina
  27. Buonasera ho ricevuto la card Rdc con 1090 siamo in 4 persone mi ha fatto prelevare solo 180 ho fatto la spesa presso Auchan ho potuto pagare solo 250.00 con importo superiore diceva superato limite...chi mi dà informazioni al riguardo?grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non risulta da nessuna parte che c'è un limite ai pagamenti giornalieri con la card Rdc, ma è possibile che sia stato stabilito il limite di 250 euro, per consentire una maggiore tracciabilità dei pagamenti che vengono effettuati.-

      Elimina
  28. Buona sera dottor Censori, volevo un informazione, siccome ho un bambino di 2 anni e sono anche in attesa, per fare la domandina RDC devo presentare certificato di gravidanza? (La bambina nascerà fine giugno)
    Il caf mi ha detto che non ci vuole nessun certificato...
    E poi un altra informazione, se faccio la domandina Rdc potrò fare la domandina della maternità appena nasce la bambina e la domandina degli 800€?
    Siccome prendo anche i 160€ al mese del primo figlio mi vengono tolti con questa domandina?
    Aspetto le sue risposte, buona serata...!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - NO! Non serve il certificato di gravidanza per la presentazione della domanda per il reddito di cittadinanza.-
      - Il reddito di cittadinanza è compatibile sia con il premio alla nascita che con l'assegno del Comune che con il bonus bebè.-

      Elimina
  29. Buona sera dottore volevo informazioni,se una ditta cambia nome, posso richiedere gli assegni familiari allinpsa grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si può richiedere il pagamento degli arretrati degli assegni familiari direttamente all'INPS, solo se la ditta per la quale si è lavorato nel frattempo ha cessato l'attività.-

      Elimina
  30. Salve dottore,quando verranno fatti gli accrediti di maggio sulla carta rdc?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli accrediti del reddito di cittadinanza vengono fatti mensilmente, entro ogni fine mese.-

      Elimina
  31. Salve Avvocato volevo porle una domanda riguardo al reddito di cittadinanza. Sono single è ho fatto domanda a marzo con un ISEE di 2000 euro(ottenuto da redditi riferiti al 2017) è mi è stata riconosciuta un integrazione di 200-300 euro mensile. La domanda è: posso far rettificare l'ISEE visto che nel 2018 non ho percepito nessun reddito è in modo da ottenere i 500 euro.
    Cordiali saluti. Enzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Enzo!
      SI!
      Puoi richiedere l'ISEE Corrente:
      Ai fini dell’elaborazione dell’ISEE Corrente è necessario:
      possedere una dichiarazione ISEE in corso di validità;
      - almeno uno dei componenti del nucleo familiare deve aver avuto una variazione della situazione lavorativa nei 18 mesi precedenti al primo gennaio dell’anno di presentazione della DSU originaria (ad esempio per le DSU presentate nel 2018 la variazione della situazione lavorativa deve essere intervenuta dopo il 30 giugno 2016);
      - aver avuto una variazione della situazione reddituale complessiva del nucleo superiore al 25% rispetto alla situazione reddituale dell’ISEE originario.

      Elimina
  32. Salve dottore, in famiglia siamo tre maggiorenni, di cui due disabili. Dall'ultima isee 2019 risulta un isr pari a 3.500 euro : a quanto dovrebbe ammontare l'importo del rdc €

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Leandro!
      Il reddito di cittadinanza non ha un importo fisso; varia, infatti, in base alla situazione economica della famiglia che lo richiede. Nel dettaglio, come specificato nell’articolo 3 del decreto, il beneficio economico si compone di due differenti elementi:
      integrazione fino a 6.000€ (annui) del reddito familiare;
      integrazione pari all’ammontare del canone annuo di locazione (fino ad un massimo di 3.360€ annui) per le famiglie che sono in affitto. È prevista poi un integrazione (ma fino ad un massimo di 1.800€ annui) per i nuclei familiari che risiedono in un’abitazione di proprietà ma per la quale è stato contratto un mutuo.
      Per quanto riguarda l’integrazione del reddito familiare in presenza di più componenti questo viene
      moltiplicato per il corrispondente parametro della scala di equivalenza, ovvero:
      +0,4 per ogni componente familiare maggiorenne successivo al primo;
      +0,2 per ogni componente minorenne.
      Questo può essere incrementato fino ad un massimo del 2,1.
      Il beneficio economico complessivamente non può superare i 9.360€ annui, ossia i famosi 780€ mensili (anche questa soglia va moltiplicata per il corrispondente parametro della scala di equivalenza).-

      Elimina
    2. Quindi, nel mio caso, per trovare l'importo spettante, dovrei moltiplicare 6000*1,8-3.500€?

      Elimina
    3. Ciao Leandro!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  33. sono invalido al 100€ per epilessia e attacchi epilettici e problemi di memoria sono in un centro di accoglienza e non mi fanno uscire perché mi perdo e non ritrovo la strada per il ritorno. prendo 500€ per il reddito di cittadinanza ma il mio problema è che non posso andare alle poste, ho mandato uno a prendere le 100 € ma me li a rubati..dicono che per un invalido totale c'è la possibilità di prendere il denaro per contanti è vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Nell'articolo 5 - comma 7 - del decreto 4/2019 si legge che la Carta RdC permette di effettuare prelievi in contante entro un limite non superiore ad euro 100,00€ per ogni individuo. Questo limite, però, non è valido per tutti visto che va moltiplicato per il parametro di scala di equivalenza relativo al proprio nucleo familiare.
      Nel dettaglio, il parametro di scala di equivalenza si calcola assegnando un valore pari ad 1 per il primo componente del nucleo familiare, aggiungendo poi uno 0,40 per ogni altro maggiorenne e 0,20 per i minorenni. In ogni caso il parametro di scala non può essere superiore a 2,10, o 2,20 qualora nel nucleo familiare ci sia una persona disabile.
      Il massimo importo prelevabile dalla carta, quindi, dipende dal numero - e dall'età - dei componenti del nucleo familiare. Se per la persona sola il limite mensile è di 100,00€, nel caso di una coppia sposata si arriva a 140,00€ (parametro di scala pari a 1,4), o anche a 180,00€ per la coppia sposata con due figli minorenni.
      In ogni caso l’importo prelevabile non può superare i 210,00€ mensili, 220,00€ per i nuclei familiari con una o più persone in condizione di disabilità.-

      Elimina
  34. Buonasera signor censori vi volevo chiedere un informazione, se percepisco il reddito di cittadinanza posso acquistare un auto per disabile con legge 104? O il reddito di cittafinanza viene tolto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Puoi acquistare un'auto per disabile, purché nei limiti di cilindrata, perché l'acquisto di un'auto non è tra i motivi di revoca previsti dalla normativa inerente il reddito di cittadinanza.-

      Elimina
  35. Salve Gianfranco,vorrei fare domanda per il reddito di cittadinanza, possiedo un'abitazione principale con una pertinenza e il 25% di una casa avuta in eredità. Fra le varie regole non bisogna superare i 30.000 euro del patrimonio immobiliare oltre la prima casa, io sono in questa situazione: il valore del 25% della casa avuta in eredità è di 20000 euro però se aggiungo il valore della pertinenza supero il limite dei 30000. Ti chiedo se la pertinenza va esclusa come la prima casa, perchè in caso contrario sarei escluso dal reddito. Tutti gli altri parametri sono nei limiti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Franco!
      Purtroppo SI!
      La pertinenza riferita alla seconda casa costituisce reddito ai fini del calcolo dei requisiti per il reddito di cittadinanza.-

      Elimina
    2. io mi riferisco alla pertinenza della prima casa, va esclusa o fa reddito? Tu invece mi parli di pertinenza di seconda casa. Quindi mi fai capire che per il reddito di cittadinanza la pertinenza della prima casa non fa reddito?

      Elimina
    3. Ciao Franco!
      NO!
      La pertinenza della prima casa non fa reddito!

      Elimina
    4. Grazie Gianfranco, però quando faccio l'isee come viene specificato che si tratta di pertinenza visto che non c'è nessun riferimento nella domanda.

      Elimina
    5. Ciao Franco!
      E' una verifica che l'INPS può fare a prescindere dall'ISEE.-

      Elimina
    6. Grazie per la risposta, però l'inps a mio cognato il box(pertinenza dell'abitazione principale )l'ha considerato come immobile normale e per colpa del quale è fuori parametro. Ha fatto notare che è pertinenza, ma non è servito a nulla.Hanno risposto che la pertinenza fa reddito. Puoi indicarmi qualche legge da sbattere in faccia al tipo dell'inps? Ho guardato tutti gli articoli del reddito di cittadinanza ma non ho trovato niente.

      Elimina
    7. Ciao Franco!
      Purtroppo l'INPS ha tutto l'interesse a ridurre il più possibile il numero dei beneficiari del reddito di cittadinanza, interpretando la normativa in essere a suo favore, in modo che paga di meno senza smentire i partiti che hanno fatto campagna elettorale su questo.-

      Elimina
  36. Buon pomeriggio le chiedo se gentilmente mi puo'dire come mai io ancora non ho ricevuto risposta essendo invalida al 100 per 100 con inabilità lavorativa e vivo con 295 euro al mese ho fatto la domanda il 6 marzo e la domanda è ancora in acquisizione io mi domando ci sono 15 giorni per risponde vero?

    RispondiElimina
  37. mi sono scordata dire che che ho avuto un email con il numero di protocollo dall'INPS

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giovanna!
      Se hai ricevuto una email con il numero di protocollo, vuol dire che l'INPS sta esaminando la tua domanda, e quindi a questo punto è solo una questione di giorni per conoscere l'esito della stessa.-

      Elimina
  38. Salve dottore, ho presentato domanda del RDC il 6 maggio, e giorno 8 ho ricevuto il messaggio all'Inps con numero di protocollo...
    Sta mattina ho chiamato all inps per avere maggiori informazioni sullo stato della domanda, e l'operatore mi ha detto che ce il modulo Red.com risulvata incompleto e che dovevo parlare con il caf dove ho fatto domanda così chiamo al caf e il caf mi ha detto che il modulo è stato completato e gli è stato inviato direttamente dal caf e che l inps lo riceverà i primi di giugno.... Può darmi una risposta riguardo questo modulo?
    Premetto che mio marito è andato a firmare questo modulo, però non capisco perche l inps non l ha ancora ricevuto....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo ci sono dei passaggi burocratici sui quali non possiamo farci nulla.-
      Infatti il CAF trasmette i dati all'INPS per via telematica, quindi l'INPS li riceve subito, ma li lascia "parcheggiati" da qualche parte fino a quando un operatore non li riprende e li collega alla relativa pratica, quindi se ti è stato detto l'INPS li esaminerà i primi di giugno sono più o meno i tempi tecnici necessari.-

      Elimina
  39. L'Inps mi ha detto che il modulo risulta incompleto e il caf mi ha detto che ha inviato tutto e che lo riceveranno per i primi di giugno....
    Ma essendo che ancora non ho la conferma che la domanda è accettata continuerò a prendere la rei fino a quando non ricevo il messaggio che la rdc è stata accettata?

    RispondiElimina
  40. Buonasera qualcuno ha già ricevuto la seconda mensilità del RDC?? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per chi ha già ricevuto accredito per domande Rdc fatte a marzo, la prossima disposizione di pagamento verrà inviata a Poste italiane il 27 maggio.
      Disposizione di pagamento che non va confusa però col pagamento effettivo che spetterà a Poste Italiane che, solo dopo aver ricevuto il via libera dall'Inps, potrà procedere con l'accredito sulla prepagata.
      Dal 27 maggio dovranno passare ulteriori tre o quattro giorni lavorativi affinché la somma in denaro erogata a titolo di integrazione del reddito sia effettivamente a disposizione sulla carta.-

      Elimina
  41. grazie...perché ancora non risulta nessuna lavorazione

    RispondiElimina
  42. Ho 66 e 6 mesi ho ricevuto il reddito adesso che devo fare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A parte che spendere la somma accreditata, al momento non devi fare altro, in attesa di essere convocato dal Centro per l'impiego.-

      Elimina
    2. Ma avendo più di 65 anni sarò convocato?

      Elimina
  43. E allora devo fare qualcosa?

    RispondiElimina
  44. Salve ho presentato domanda rdc il 23 aprile la domanda risulta acquisita ma come mai ad oggi non ho ricevuto notizie?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Presumo che a questo punto sia solo una questione di giorni; comunque puoi presentarti direttamente alla sede INPS di zona con il numero di protocollo per verificare lo stato della tua pratica.-

      Elimina
  45. Salve, dopo aver presentato domanda per la pensione di cittadinanza a seguito di accoglimento deve iscriversi al Centro per l'Impiego?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      La pensione di cittadinanza è riservata a chi ha più di 67 anni d'età, quindi non è necessario iscriversi al Centro per l'Impiego.-

      Elimina
  46. Gentile dottor censori io ho fatto domanda a metà marzo del reditto ed e stata accolta e ormai ho percepito gia tre rate la prima ai primi di maggio la mia domanda e questa ed e al quanto importante inquanto non sono tranquilla non sapendo normative e regole e non sapendo se la domanda venisse accettata io ho avuto un periodo di prova in regola che e andato dal 18.04 al 06.05 purtroppo ad oggi sono venuta a sapere che entro 30 giorni bisognava comunicarlo con rdc.com presso la sede caaf di riferimento cosa che io ho fatto solo oggi al 28.06 ora mi chiedo che succederà? Decadrà il beneficio? Se si avro diritto di poterlo richiedere? O verrà ricalcolato il tutto avendo comunque presentato rdc com in ritardo con tanto di lettera del non superamento di prova? Avendo per lo piu due minori la prego attendo risposta perché non sono tranquilla grazie infinite

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I redditi derivanti dallo svolgimento di attività di lavoro dipendente devono essere comunicati all'INPS entro 30 giorni dall'inizio dell’attività stessa, mediante il modello “Rdc/Pdc – Com Esteso”. Restano, invece, esclusi dall’obbligo di comunicazione comunicati i redditi derivanti da:
      - attività socialmente utili;
      - tirocini;
      - servizio civile;
      - nonché da contratto di prestazione occasionale (CPO) e libretto di famiglia (LF).
      Da notare che il maggior reddito da lavoro dipendente concorre alla determinazione del beneficio nella misura dell’80%, a decorrere dal mese successivo a quello della variazione e fino a quando il maggior reddito non è ordinariamente recepito nell'ISEE per l’intera annualità.-
      Il ritardo di qualche giorno nella trasmissione dei dati all'INPS è ininfluente.-

      Elimina
  47. Avvocato inv 100x100 prendo l assegno è l accompagnodevo presentare la domanda per il reddito di cittadinanza le 2 cose sono comunabili?o nella cifra che mi daranno per il reddito mi vengono detratti la cifra dell invalidità e dell accompagno insomma per favore mi faccia capire per bene come funziona ,anche perchè ho preso la rei per 18 mesi ed essendo il mio nucleo famigliare formato di 2 persone il rei era di 295 euro praticamente la cifra giusta per come si leggeva nel regolamenton praticamente non mi veniva detratto nulla a questo punto penso che con il reddito sia la stessa cosa mi confermi lei grazie infinite.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Reddito di Cittadinanza: regole e agevolazioni per disabili:
      Non solo il reddito di cittadinanza può essere richiesto da persone disabili ma, in caso di invalidità, sono previste regole specifiche e agevolazioni. In particolare:
      - i disabili non sono obbligati a sottoscrivere il patto per il lavoro ed inclusione sociale;
      - i disabili possono anche permettersi di non accettare un’offerta di lavoro congrua e chi ha un disabile grave a casa non è tenuto ad accettare un offerta di lavoro lontana oltre i 250 km da casa;
      - se si perde il diritto al Reddito di cittadinanza, i termini per ripresentare una nuova domanda sono ridotti a 6 mesi
      - la soglia massima del patrimonio di carattere immobiliare viene incrementata ed è pari a 5 mila euro per disabile e 7.500 per ogni disabile grave e non autosufficiente;
      - non ci sono limiti di cilindrata per i veicoli utilizzati dai disabili;
      - con un disabile non autosufficiente o grave, la scala massima di equivalenza sale da 2,1 a 2,2;
      - la somma base prevista dal sussidio passa da 1.050 euro a 1.100 euro mensili per i nuclei familiari composti da 4 o più soggetti.-

      Elimina
    2. AVVOCATO grzie per il suo tempo,ma può essere più speifico per quando riquarda se nella cifra che lei mi scrive noi essendo 2 persone marito è moglie mi dica lei se ho capito bene e per giunta tutti è due invalidi io totale mia moglie parziale 75x100 la cifra sarebbe 1050?aspetto conferma,e qulo che non ho cpto perchè lei non me lo ha spiegato nell sua riposta e cioè nela cifra di 1050 mi tolgono o meglio ci tolgono essendo che io e mia moglie prendiamo l assegno di invalidità e io anche l accompagno perchè se la cosa è cosi facendo i condeggi non spetta niente insomma avvocato per favore mi specifica punto x punto avendo io problemi di ad aprendere,le sono grato buon giorno.

      Elimina
    3. Nel reddito si computano anche le pensioni di invalidità civile, sordità, cecità civile, gli assegni agli invalidi parziali, l’indennità di frequenza e pensioni sociali. Sono escluse invece le indennità di accompagnamento che vengono erogate a prescindere dal reddito personale (la prova dei mezzi appunto) oltre a contributi che prevedono poi rendicontazione (esempio, alcuni contributi per la vita indipendente).-
      Questo significa che dall'importo previsto dal reddito di cittadinanza per 2 persone verrà detratto l'importo delle pensioni di invalidità, mentre non conta l'indennità di accompagnamento.-

      Elimina
  48. Salve dottore ho un problema e non capisco perché.. ho fatto domanda di reddito di cittadinanza e mi è stata concessa quindi ho avuto 3 mesi .. quella di luglio non mi è stata erogata.. dice " domanda decaduta" poiché superato soglia ma come è possibile? Dato che il nostro reddito familiare è quasi sempre lo stesso mio marito fa sempre il 730.. mi può aiutare a capire se cosa posso fare?

    RispondiElimina
  49. Il problema è sui requisiti economici

    RispondiElimina
  50. Il reddito familiare è circa 14.000 la soglia da superare è 20.000 perché hanno fatto decadere la domanda avendo tutti i requisiti avendo 2 figli minori

    RispondiElimina
  51. E l isee è 5400€ quindi rientro in tutto non capisco perché la domanda è decaduta..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E’ prevista la decadenza dal Reddito di cittadinanza quando uno dei componenti il nucleo familiare:
      - Non effettua la dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro (DID), eccezion fatta per i casi di esclusione o esonero;
      - Non sottoscrive il Patto per il lavoro o quello per l’inclusione sociale, eccezion fatta per i casi di esclusione o esonero;
      - Non partecipa alle iniziative formative, di riqualificazione, politica attiva o di attivazione a meno che non sussistano giustificati motivi;
      - Non aderisce ai progetti utili alla collettività in ambito culturale, sociale, artistico, ambientale, formativo e di tutela dei beni comuni, qualora vengano istituiti dal comune di residenza;
      - Non accetta almeno una delle tre offerte di lavoro congrue ovvero, in caso di rinnovo, non accetta la prima che gli viene prospettata;
      - In caso di avvio di un’attività d’impresa o di lavoro autonomo, non effettua le comunicazioni obbligatorie entro 30 giorni dall’inizio della stessa o effettua comunicazioni mendaci;
      - In caso di variazione del nucleo familiare, non presenta una Dichiarazione Sostitutiva (DSU) aggiornata;
      - Svolge attività di lavoro dipendente senza le comunicazioni obbligatorie o attività di lavoro autonomo o di impresa senza averne comunicato l’avvio.

      Elimina
  52. Gentile Avvocato io sono disoccupata da sempre .. a me nessuno mi ha chiamato x il lavoro.. ma qui vedo che è decaduta x superamento soglia.. glielo scritto... Mio marito fa sempre il 730.. potrebbe essere più chiaro.. non ho capito niente..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La normativa prevede la decadenza del reddito di cittadinanza in uno dei casi sopra esposti, quindi se non rientrate in nessuno dei casi suddetti dovete rivolgervi direttamente alla sede INPS di zona per verificare cos'è successo.-

      Elimina
  53. Mia madre di 93 anni ha ricevuto la comunicazione per recarsi alla Posta per ritirare la card per la pensione di cittadinanza , cosa che le sue condizioni di salute non le consentono . Come si può ovviare visto che in ufficio postale non accettano deleghe ? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ruggiero!
      Trovo assurdo che la normativa non preveda la possibilità di ritirare la CARD per la pensione di cittadinanza a un familiare con delega, visto che parliamo di persone anziane e magari anche invalide.-
      L'unico consiglio che posso darti è quello di rivolgerti allo sportello di zona dell'INPS per risolvere il problema, ammesso che ci sia una soluzione al problema, e non si tratti quindi dell'ennesima "fregatura".-

      Elimina
  54. Informazioni sulla ricarica di Agosto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il pagamento del Reddito di cittadinanza nel mese di luglio è arrivato nella giornata del 27, è quindi facile presagire che anche il pagamento di agosto sia in dirittura di arrivo, con data fissata presumibilmente a martedì 27 agosto, al massimo il giorno successivo.
      L’accredito di agosto della card del Reddito di cittadinanza da parte di Poste italiane è previsto in questi giorni. Sul sito dell’Inps è possibile visionare il compito di mandare i flussi perché il procedimento si completi nei tempi previsti ma al momento l’accesso è impossibile.-

      Elimina
  55. Salve Dott. Censori sono un disoccupato percettore di reddito di cittadinanza da maggio, mi sono stati riconosciuti circa 200 euro calcolati sull'ISEE di febbraio che ha tenuto conto del reddito percepito nel 2017 ( ultimo mio contratto lavorativo a termine giugno 2017). Volevo chiederle, non avendo avuto redditi nel 2018 se potevo chiedere un aggiornamento sulla quota assegnatemi. Magari chiedendo un nuovo ISEE, ho sentito parlare di ISEE corrente e se eventualmente posso richiederlo. Cordiali saluti Francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Vista la differenza di reddito tra il 2017 e il 2018 puoi richiedere l'ISEE corrente che ti consentirà automaticamente un aggiornamento dell'importo del reddito di cittadinanza.-

      Elimina
  56. Salve dottor Censori.. volevo farle alcune domande... Io ho percepito x 3 mesi il reddito.. poi a luglio mi è stato sospeso dice domanda decaduta per superamento soglia.. adesso mi è arrivata una mail che dice di presentarmi al collocamento.. ma dato che non lo percepisco più è inutile andarci non crede?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se la domanda di reddito di cittadinanza è decaduta è inutile che ti presenti al collocamento per la suddetta pratica.-

      Elimina
  57. Buongiorno Avvocato Censori, mi hanno rifiutato la pensione di cittadinanza, eppure ci dovrei rientrare, il mio patrimonio mobiliare è inferiore a 30.000€, e possiedo solo una casa a metà con mio nipote, perchè me l'hanno rifiutata? tra l'altro vedo che nei requisiti la prima casa è esclusa.... Grazie, Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefania!
      I requisiti necessari per la pensione di cittadinanza sono i seguenti:
      Partiamo con l’analizzare i requisiti della pensione di cittadinanza. In primis, come anticipato, è necessario che il nucleo familiare per il quale se ne fa richiesta sia composto esclusivamente da persone Over 67.
      1) essere cittadini italiani, o in alternativa di uno Stato membro UE. La pensione di cittadinanza spetta anche agli stranieri, purché in possesso del regolare permesso di soggiorno;
      2) essere residenti in Italia, in via continuativa, da almeno 10 anni;
      3) ISEE inferiore a 9.360€;
      4) patrimonio immobiliare (nel quale non è compresa la casa d’abitazione) inferiore a 30.000€;
      5) patrimonio mobiliare inferiore a 6.000€. Questo limite è innalzato di 5.000€ in caso di presenza di una persona con disabilità nel nucleo familiare;
      6) reddito familiare non superiore a 7.560€. Questa soglia è aumentata a 9.360€ qualora il nucleo
      familiare sia in affitto.-

      Elimina
  58. Ciao a tutti,ho letto che sono iniziate le ricariche del reddito di cittadinanza...a me ancora nulla,a voi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La ricarica del reddito di cittadinanza dovrebbe essere già stata effettuata tra il 24 e il 27 settembre.-

      Elimina
  59. Buonasera Avvocato Censori, volevo chiederle se i detenuti in detenzione domiciliare possono percepire il reddito di cittadinanza. Attualmente mio marito si trova in carcere e quindi lo percepisco solo io, ma attendiamo che gli diano la detenzione.. dopodichè potrà beneficiarne? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberta!
      Purtroppo NO!
      La normativa prevede che non hanno diritto al reddito di cittadinanza i soggetti che si trovano in stato detentivo per tutta la durata della pena.-

      Elimina
  60. A dicembre compio 67 anni posso fare domanďa per l'assegno sociale? Sono separato e non ho redditi percepisco il rdc

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Andrea!
      SI!
      Per l'anno 2019 il limite d'età per il diritto all'assegno sociale è di 66 anni + 11 mesi.-

      Elimina
    2. Quindi che documenti ci vorranno?

      Elimina
    3. Ciao Andrea!
      La domanda va presentata all'INPS per via telematica, ti consiglio quindi di rivolgerti a un patronato per farti seguire per tutto l'iter burocratico necessario.-

      Elimina
    4. Se ai una pensione di invalidità non devi fare nessuna domanda perchè è in automatico,se non percepisci l invalidità allora in questo caso la devi presentare ,il signor Censore le cose non le spiega fino a fondo .

      Elimina
    5. Che io non spiego le cose fino a fondo è possibile, ma non capisco perché il Sig. Andrea dovrebbe avere un pensione di invalidità!

      Elimina
    6. Perchè per me la risposta è più completa,per non ricevere ulteriore domande,è ulteriori risposte.

      Elimina
  61. Buon giorno,mi può spiegare cosa sarebbe la differenza tra le 2 cose,la pensione di cittadinanza viene riconosciuta per 18 mesi,è si può rinnovare per altri 18 mesi se i requisiti rimangono invariati,ma voglio dire il rinnovo non è in automatico? Chiaramente parliamo della PDC,poi dici il contributo viene riconosciuto per 12 mensilità,dal mese successivo alla domanda mi spiechi cosa sarebbe il CONTRIBUTO grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensione di cittadinanza!
      Durata e decorrenza:
      Per quanto riguarda la durata della pensione di cittadinanza, questa viene riconosciuta per tutto il periodo in cui il beneficiario soddisfa i suddetti requisiti, per un massimo di 18 mesi. Scaduto questo termine si può chiedere il rinnovo del beneficio.
      Il contributo, invece, è riconosciuto per dodici mensilità e decorre dal mese successivo a quello in cui è stata presentata la domanda.
      Questo significa che siccome il calcolo è annuale, viene concessa inizialmente per un anno, trascorso il quale se ci sono ancora i requisiti viene ricalcolata e prorogata per altri 6 mesi.-

      Elimina
    2. La ringrazio per le risposte inerente 18 mesi,e per quanto riguarda il contributo,ma non mi à risposto per quanto riquarda il rinnovo come le dicevo mi è stata accettata la PDC il rinnovo alla scadenza mi hanno detto che è in automatico lei dice che alla scadenza si può richiedere il rinnovo del beneficio,allora è in automatico il che vuol dire ci pensa l inps o o debbo rifare la domanda mi faccia capire lei e per questo la ringrazio,le ricordo che sono un disabile 100x100 anni 67 con solo moglie anche lei invalida è a tal proposito un altra cosa che le chiedo in questo caso spetta pure a noi andare al collocamento o nò perchè non ci sto capendo niente e non vorrei riccorrere a sbagliare e vedermi cangellare la PDC.grazie.

      Elimina
    3. - NO! Dopo i 12 mesi non va rifatta la domanda, ma va solo rinnovato l'ISEE se nel frattempo è scaduto.-
      - NO! I disabili non devono andare all'ufficio di collocamento.-

      Elimina
    4. Grazie tate della spiegazione,ora sono più tranquillo.

      Elimina
  62. Salve Sig. Censori volevo sapere se ai fini del reddito di cittadinanza vale anche un regolare contratto di affitto stipulato con un parente, grazie.
    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco!
      SI!
      Un regolare contratto di affitto vale comunque, anche se stipulato con un parente.-

      Elimina
  63. Buongiorno avvocato,
    le scrivo per chiederle se una parsona ad oggi occupata part time e avendo tutti i requisiti richiesti, potrebbe accedere alla fruizione del reddito di cittadinanza. La ringrazio, Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola!
      SI!
      Se la persona ha tutti i requisiti può richiedere il reddito di cittadinanza anche se ha un lavoro part-time.-

      Elimina
  64. Buongiorno sig. Avvocato,
    desideravo sapere qual'è la procedura per quelli che dovranno scontare una pena domiciliare, in questo caso di un mese; decisione che ancora il Giudice di Sorveglianza dovrà prendere. Dovrò comunicare l'evento all'INPS quando mi verrà notificato il provvedimento, o lo devo fare adesso?
    Grazie per la risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrai comunicare l'evento all'INPS quando ti verrà notificato il provvedimento.-

      Elimina
    2. La ringrazio e le auguro un buon weekend.

      Ah, un'altra cosa se non la disturbo, saprebbe dirmi per caso se continuerò a percepire il RDC per questi 30 gg? _ Mi sembra di aver letto che si perde l'indennità solo se si è ricoverati e/o detenuti in strutture a carico dello stato.
      Grazie.

      Elimina
    3. SI!
      Il reddito di cittadinanza spetta anche a chi deve scontare una pena domiciliare.-

      Elimina
  65. Buonasera Avvocato;
    Io ho la residenza nella stessa casa dei miei genitori ma non faccio parte del nucleo famigliare. In pratica ho la residenza in quell'abitazione ma non vivo li da anni. Vorrei capire se posso fare la richiesta del RdC oppure il mio Isee ( che è zero dal 2018 ) si somma con il loro Isee

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      Ai fini della certificazione ISE - ISEE fa fede la residenza, quindi fino a quando non la cambi continuerai a far parte del nucleo familiare dei tuoi genitori.-

      Elimina
  66. Ciao a tutti,ho letto che sono iniziate le ricariche del reddito di cittadinanza...a me ancora nulla,a voi?

    RispondiElimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.