mercoledì 20 agosto 2014

Pensione di Reversibilità e Pensione ai Superstiti

PENSIONE DI REVERSIBILITÀ

Anche conosciuta come Reversibilità, è la pensione che, alla morte del pensionato, spetta ai componenti del suo nucleo familiare.

A chi spetta

  • Al coniuge anche se separato: se il coniuge superstite è separato con addebito, la pensione ai superstiti spetta a condizione che gli sia stato riconosciuto dal Tribunale il diritto agli alimenti 
  • Al coniuge divorziato se titolare di assegno divorzile
  • Ai figli: che alla data della morte del genitore siano minori, studenti o inabili e a suo carico
  • Ai nipoti minori: che erano a carico del parente defunto (nonno o nonna)
  • Ai genitori inabili; in caso di mancanza del coniuge, dei figli e dei nipoti
  • Ai fratelli celibi e alle sorelle nubili inabili; in mancanza degli altri precedenti
La pensione di reversibilità spetta ai figli maggiorenni iscritti all'università fino a 26 anni di età purché non vadano fuori corso, perché viene riconosciuta solo per la durata del corso legale, e non possono svolgere alcuna attività lavorativa neanche saltuaria.

    Quanto spetta:

    • 60% al coniuge
    • 70% solo un figlio 
    • 20% a ciascun figlio minorenne se c’è anche il coniuge
    • 40% a ciascun figlio minorenne, se sono solo i figli ad averne diritto
    • 15% a ciascun genitore, fratello e sorella inabili
    In ogni caso la somma delle quote non può superare il 100% della pensione che sarebbe spettata al lavoratore.

    Norma Antibadanti:

    La norma antibadanti che poi finisce per colpire anche i cittadini italiani, prevede che se un pensionato con più di 70 anni di età, convola a giuste nozze con una signora (il discorso può essere invertito) di età inferiore di venti o più anni, se dovesse morire prima che siano trascorsi dieci anni di matrimonio l'assegno di reversibilità si ridurrebbe del 10 per cento per ogni anno in meno. Invece nessun taglio è previsto alla reversibilità a favore di figli minori, studenti, inabili.
    N.B.: ora la sentenza del 14 luglio 2016, n. 174 della Corte costituzionale ha dichiarato incostituzionale tale norma).-

    PENSIONE AI SUPERSTITI

    È la pensione che spetta ai componenti del suo nucleo familiare, se la persona, al momento del decesso, svolgeva attività lavorativa.
    La pensione ai superstiti spetta solo se il deceduto aveva accumulato, in qualsiasi epoca, almeno 15 anni di contributi oppure se era assicurato da almeno 5 anni, di cui almeno 3 versati nel quinquennio precedente la data di morte.

    Incomulabilità con redditi del beneficiario:

    • Con un reddito superiore a 3 volte il trattamento minimo annuo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti, calcolato in misura pari a 13 volte l'importo mensile  in vigore al 1° gennaio è prevista una riduzione del 25% dell'importo della pensione di reversibilità.
    • Con un reddito superiore a 4 volte il trattamento minimo annuo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti, calcolato in misura pari a 13 volte l'importo mensile  in vigore al 1° gennaio è prevista una riduzione del 40% dell'importo della pensione di reversibilità.
    • Con un reddito superiore a 5 volte il trattamento minimo annuo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti, calcolato in misura pari a 13 volte l'importo mensile  in vigore al 1° gennaio è prevista una riduzione del 50% dell'importo della pensione di reversibilità.-


    Indennità per morte:

    Il superstite del lavoratore assicurato al 31.12.1995 e deceduto senza aver perfezionato i requisiti amministrativi richiesti, può richiedere l'indennità per morte, se:
    • il lavoratore deceduto non aveva ottenuto la pensione;
    • non sussiste per nessuno dei superstiti il diritto alla pensione indiretta per mancato perfezionamento dei requisiti richiesti;
    • nei 5 anni precedenti la data di morte risulta versato almeno un anno di contribuzione.
    La domanda per ottenere l'indennità in parola deve essere presentata, a pena di decadenza, entro un anno dalla data del decesso del lavoratore assicurato.


    Indennità una-tantum:

    Il superstite di lavoratore assicurato dopo il 31.12.1995 e deceduto senza aver perfezionato i requisiti amministrativi richiesti, può richiedere l'indennità una-tantum, se:
    • non sussistono i requisiti assicurativi e contributivi per la pensione indiretta;
    • non ha diritto a rendite per infortunio sul lavoro o malattia professionale, in conseguenza della morte dell’assicurato;
    • è in possesso di redditi non superiori ai limiti previsti per la concessione dell’assegno sociale.
    Il diritto all'importo in questione è soggetto alla prescrizione decennale.


    Suddivisione della pensione di reversibilità fra più coniugi superstiti:

    Se il coniuge defunto non si era risposato, la pensione di reversibilità spetta solamente al coniuge divorziato superstite (ovviamente, se sussistono tutti i presupposti di legge e nei limiti dell’arco di durata del matrimonio poi conclusosi con il divorzio). Anche se dopo il divorzio il coniuge defunto aveva intrapreso una convivenza con un soggetto terzo, l’intera pensione di reversibilità spetta comunque all’ex coniuge divorziato.

    Se invece, dopo il divorzio, il defunto aveva contratto nuove nozze, allora la pensione di reversibilità spetta in parte all’ex coniuge divorziato e in parte al nuovo coniuge superstite, ossia al/la vedovo/a.

    Secondo la Legge sul Divorzio la ripartizione delle quote viene fatta dal Tribunale in considerazione della durata dei rispettivi matrimoni: tuttavia, si è stabilito che il Tribunale non può basarsi soltanto sul numero di anni di durata di ciascun matrimonio, ma deve tenere in debita considerazione lo stato di bisogno dei singoli superstiti (divorziato e vedovo), ossia le relative condizioni economiche e reddituali.


    Come si richiede la pensione di reversibilità da divorziati:

    In caso di decesso dell'ex coniuge divorziato, l'ex coniuge superstite interessato alla pensione di reversibilità dovrà avanzare un apposito ricorso al Tribunale affinché il suo diritto sia accertato e riconosciuto.

    In tal caso il Tribunale valuta se, al momento della richiesta, il divorziato richiedente rispetta i tre presupposti richiesti dalla Legge sul Divorzio, ossia se già percepisce un assegno divorzile periodico dall’ex coniuge defunto, se il suo stato civile è rimasto libero e se il rapporto da cui trae origine il trattamento pensionistico è anteriore alla data in cui è stata pronunciata la sentenza di divorzio.

    Al ricorso diretto al conseguimento della pensione di reversibilità deve essere allegato un atto notorio (è una dichiarazione sottoscritta dal cittadino per comprovare stati - es: celibe/nubile, fatti e qualità personali dei quali ha diretta conoscenza) dal quale risultino tutti gli aventi diritto.

    Cosa significa “a carico”:
    È importante sottolineare che, per le pensioni ai superstiti, il concetto di “a carico” è diverso che in ambito strettamente fiscale ai fini IRPEF secondo cui, per essere a carico, i familiari non devono disporre di un reddito proprio superiore 2.840,51 euro, al lordo degli oneri deducibili.
    Nel caso della pensione ai superstiti la definizione è più ampia.
    La normativa vigente prevede che “ai fini del diritto alla pensione ai superstiti, i figli di età superiore ai 18 anni e inabili al lavoro … si considerano a carico dell’assicurato o del pensionato se questi, prima del decesso, provvedeva al loro sostentamento in maniera continuativa”. (Riferimento: articolo 13 del Regio decreto legge 14 aprile 1939, n. 636 come modificato dalla Legge 903 del 21 luglio 1965 art. 22 comma 7)
    Il termine “sostentamento” implica sia la non autosufficienza economica dell’interessato, sia il mantenimento da parte del lavoratore o pensionato deceduto.
    La “non autosufficienza economica” si verifica con modalità diverse; sono considerati non autosufficienti economicamente:
    -          i figli maggiorenni (con le precisazioni esposte sopra) che hanno un reddito che non supera l'importo del trattamento minimo maggiorato del 30% (cioè 595,66 euro mensili per il 2009);
    -          i figli maggiorenni inabili che hanno un reddito non superiore a fissato annualmente per il diritto alla pensione di invalido civile totale (cioè 1.240,52 euro mensili per il 2009);

    -          i figli maggiorenni inabili, titolari dell'indennità di accompagnamento, che hanno un reddito non superiore a quello fissato annualmente per la concessione della pensione di invalido civile totale aumentato dell'importo dell'indennità di accompagnamento (e cioè 1.712,56 euro mensili per il 2009).


    Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it
    Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

    170 commenti:

    1. Salve, mio padre pensionato della finanza prendeva 1300+iis 570 lordi ,mamma casalinga no prende pensione.Adesso dopo il decesso di papa che cosa aspetta mia madre di pensione/sono sposati in regime di separazione dei beni/La indenita integrativa speciale entra in calcolo di pensione di reversibilita o no?
      Grazie

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Adesso, dopo il decesso di tuo padre, a Tua madre spetta il 60% della sua pensione totale, quindi anche l'indennità integrativa speciale entra nel calcolo.-

        Elimina
    2. Salve Dott Censori sono sara ho 16 anni e sono orfana,percepiscono reversibilità mio padre deceduto 2014 di 750,,frequento il 3 anno del ginnasio,volevo sapere fino a quanto mi spetta la pensione in virtù anche di un possibile iscrizione alla università. Grazie anticipatamente per la risposta

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Sara!
        La pensione di reversibilità spetta ai figli maggiorenni iscritti all'università fino a 26 anni di età purché non vadano fuori corso, perché viene riconosciuta solo per la durata del corso legale, e non possono svolgere alcuna attività lavorativa neanche saltuaria.-

        Elimina
      2. Grazie dott. Censori quindi la mantengo fino a 26 anni e non cessa quando avrò compiuto 18 anni.
        Sempre che vada all'Università... Ho capito bene?

        Elimina
    3. Buongiorno Dott. Censori, il mio quesito si collega a quello della Sig.na Sara; ma al compimento dei 18 anni bisogna inoltrare una comunicazione all'inps indicando gli estremi dell'iscrizione ad una scuola superiore o all'università? Avevo sentito che al compimento della maggiore età il diritto decadeva e bisogna inviare una comunicazione all'inps per far proseguire l'erogazione della pensione.
      La ringrazio molto.
      Saluti.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Federica!
        S!
        La normativa prevede che si ha diritto "automaticamente" alla pensione di reversibilità fino al compimento della maggiore età.-
        Questo significa che se a 18 anni si studia ancora occorre trasmettere all'INPS apposita comunicazione per poterla percepire ancora.-

        Elimina
      2. La ringrazio.
        Che comunicazione sarebbe? Sa se esiste un modulo da compilare e in che maniere deve essere trasmesso?
        Grazie ancora.
        Saluti.

        Elimina
      3. Ciao Federica!
        La trasmissione all'INPS va fatta per via telematica, allegando "scannerizzato" un certificato di iscrizione all'università; puoi rivolgerti eventualmente a un patronato per l'invio.-

        Elimina
    4. Buon giorno. Mio padre è morto lo scorso mese, dopo aver versato 27 anni di contributi.
      Mia madre,io e mio fratello(entrambi minori) siamo a suo carico.
      Vorremmo sapere,naturalmente se è possibile, più o meno quanto dovremmo ricevere mensilmente
      Dalle bustapaghe non si capisce quanto versasse: a volte 500,altre 400 e altre ancora 700.
      Grazie

      RispondiElimina
      Risposte
      1. L'importo della pensione di reversibilità spettante è pari al 60% per il coniuge + al 20% ciascuno per i due figli minorenni, della pensione maturata dal defunto in base ai contributi versati all'INPS.-
        Siccome l'importo della pensione è legato all'entità dei contributi versati, solo un patronato o l'INPS stessa, in base all'estratto contributivo di Tuo padre possono darti informazioni precise in merito.-

        Elimina
    5. ciao ,mio compagno di 10 anni prende la pensione di vedovo ,io che sono la sua compagna resta a me quella pensione o non ho nessun diricto dopo

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Purtroppo NO!
        La pensione di reversibilità spetta solo al coniuge e ai figli minorenni.-

        Elimina
    6. buongiorno,scrivo di nuovo perchè il mio quesito sembra sparito...ho 49 anni ,vedova dal 2002 con pensione di reversibilita e un lavoro partime,vorrei sapere se posso cumulare i miei contributi con quelli di mio marito e se i miei anni da casalinga,dal 90 al 2002 sono recuperabili pagando...spero in una risposta e la ringrazio..

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Rita!
        - NO! I tuoi contributi non sono cumulabili con quelli di tuo marito.-
        - NO! Gli anni da casalinga non sono recuperabili a livello contributivo.-

        Elimina
    7. ciao mi chiamo matteo ,il mio fratello è invalido di sordomuto 80 per cento e prende la sua pensione (invalida'),lavora part time presso ha una cooperativa .vorrei chiedere se è possibile avere anche la reversibilita dal padre ?
      Grazie.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Matteo!
        Purtroppo NO"!
        La pensione di reversibilità spetta ai figli che alla data della morte del genitore siano minori, studenti o inabili e a suo carico, e non è il caso di Tuo fratello.-

        Elimina
    8. Buonasera volevo un informazione mia suocera deceduta a settembre prendeva la pensione di reversibilità a carico aveva il figlio e la sua famiglia con due figli minorenni è possibile che ai nipoti spetta parte della pensione in quanto i genitori disoccupati?
      Grazie cosa fare?

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Purtroppo NO!
        Una pensione di reversibilità non è ulteriormente reversibile.-

        Elimina
    9. Salve ni chiamo Raffaele e le faccio innanzi tutto i complimenti. Mia mamma ha una pensione da lavoratrice dipendente (15 anni di contributi) non integrata al minimo. La sua pensione senza integrazione sarebbe di € 397,00. Ora da qualche giorno è vedova. Mio padre aveva una pensione Svizzera e la reversibilità sarà di circa 350,00 €uro mensili. Mio padre poi non avendo contributi in Italia aveva versato circa sei anni di contributi volontari ed aveva una pensione italiana parzialmente integrata di € 350,00 mensili ( € 60,00 circa senza integrazione). Ho letto che verrà integrata una sola pensione. Secondo lei dovrà essere integrata la reversibilità di mio padre o la sua? Oppure come funzionerà il sistema?. Grazie della sua disponibilità.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Raffale!
        Ti ringrazio per i complimenti!
        Verrà integrata al minimo la sua pensione, mentre quella di reversibilità no.-

        Elimina
    10. sono invalido 100% un domani posso chiedere reversibilita' mamma ho assegno ordinario + invalidita' di circa 1200€ totali sono separato.
      grazie
      mario

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Mario!
        Purtroppo NO!
        La pensione di reversibilità spetta ai figli che alla data della morte del genitore siano minori, studenti o inabili e a suo carico, e purtroppo non è il tuo caso, perché hai una tua pensione e quindi non sei a carico di tua madre.-

        Elimina
    11. buonasera dottore volevo un informazione mio cognato vedovo da 6 anni con un figlio minore allora di 10 anni ora di 16 la moglie aveva maturato 16 anni di contributoi come dipendente lui o il figlio possono avere la pensione di reversibilità? non ha mai fatto richiesta perché le e' stato detto che servivano almeno 20 anni di contribuzione della moglie grazie mille

      RispondiElimina
      Risposte
      1. PENSIONE AI SUPERSTITI
        È la pensione che spetta ai componenti del suo nucleo familiare, se la persona, al momento del decesso, svolgeva attività lavorativa.
        La pensione ai superstiti spetta solo se il deceduto aveva accumulato, in qualsiasi epoca, almeno 15 anni di contributi oppure se era assicurato da almeno 5 anni, di cui almeno 3 versati nel quinquennio precedente la data di morte.-
        Vi consiglio quindi di rivolgervi a un patronato per una verifica della situazione contributiva della moglie deceduta di tuo cognato.-

        Elimina
    12. Buonasera Dott. Censori,
      Per quanto riguarda l incumulabilità con i redditi del beneficiario, le percentuali di riduzione vanno applicate sull importo della pensione totale o sull importo corrisposto in misura, per esempio, del 60% se il beneficiario è il solo coniuge superstite? Un figlio maggiorenne, non studente e non detentore di reddito, perde in automatico il diritto alla sua percentuale di pensione di reversibilità al compimento dei 18 anni, anche se rimasto senza genitore da minorenne? La ringrazio. Lucia

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Lucia!
        - Le percentuali di riduzione vanno applicate sull'importo corrisposto in misura.-
        - SI! Il figlio maggiorenne perde in automatico il diritto alla sua percentuale di pensione di reversibilità al compimento dei 18 anni.-

        Elimina
    13. Buonasera,Dott. Censori ,
      Sono una donna di 49 anni separata con 2 figli maggiorenni senza reddito e Sono a carico di mio padre vedovo ,volevo chiederle,se un domani viene a mancare mio padre ho diritto alla reversibilità .?

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Purtroppo NO!
        La pensione di reversibilità spetta:
        - Al coniuge anche se separato: se il coniuge superstite è separato con addebito, la pensione ai superstiti spetta a condizione che gli sia stato riconosciuto dal Tribunale il diritto agli alimenti
        - Al coniuge divorziato se titolare di assegno divorzile
        - Ai figli: che alla data della morte del genitore siano minori, studenti o inabili e a suo carico
        - Ai nipoti minori: che erano a carico del parente defunto (nonno o nonna)
        - Ai genitori inabili; in caso di mancanza del coniuge, dei figli e dei nipoti
        - Ai fratelli celibi e alle sorelle nubili inabili; in mancanza degli altri precedenti.-

        Elimina
    14. Dott Censori.!buonasera
      !volevo chiederla avendo la reversibilità di mia madre..posso lavorare all'estero..?.grazie..

      RispondiElimina
      Risposte
      1. La pensione di reversibilità spetta ai figli che alla data della morte del genitore siano minori, studenti o inabili e a suo carico, quindi se non mi spieghi meglio la tua situazione purtroppo non posso esserti d'aiuto.-

        Elimina
      2. Attualmente prendo la reversibilità di mia madre...in Italia posso lavorare 25 ore settimanali..nelle categorie protette...se vado all'estero posso lavorare ...?...visto che il Regno Unito nn ha le stesse leggi..!!..grazie....

        Elimina
      3. Se vai all'estero vale lo stesso discorso dell'Italia, perché altrimenti perdi il diritto alla pensione di reversibilità, in quanto valgono le regole italiane.-

        Elimina
    15. Buongiorno dott. Censori
      in un post precedente c'era una dichiarazione di incostituzionalità, sulla legge che prevedeva una decurtazione della reversibiltà, se non si raggiungevano i 10 anni di matrimonio. E la decurtazione andava a scalare a seconda degli anni. Ora le chiedo , è in vigore questa norma oppure no ?
      Grazie per l'attenzione e saluti
      Alessandro

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Alessandro!
        Torna a importo pieno la pensione delle giovani superstiti. Dopo che lo scorso luglio la sentenza della Corte costituzionale ha dichiarato illegittima la norma “anti badanti” – introdotta dal governo Berlusconi nel 2011 per mettere un freno al fenomeno dei matrimoni di comodo, tagliando al coniuge superstite la pensione del 10% per ogni anno di matrimonio contratto dopo i 70 anni d’età con l’altro sposo di un’età inferiore di almeno 20 anni – ora l’Inps comunica che pagherà tutti gli arretrati degli assegni che sono stati sforbiciati.-

        Elimina
    16. Buongiorno Dottore,
      Sono iscritta al 3 anno fuori corso e mi hanno bloccato la reversibilità. Ho scoperto che con il fuori corso non ho più diritto. Si può cambiare facoltà e ricominciare da capo? E quindi usufruire della reversibilità fino a 26 anni?
      Se non è possibile quest'anno perché sono già iniziati i corsi, posso fare domanda per il prossimo anno?

      Paola

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Dimenticavo che ho fatto domanda all'INPS il 30 settembre, se riuscissi a ri iscrivermi in questi giorni, posso rifare la domanda per la reversibilità? O per quest'anno non ho più diritto? Eventualmente entro che data devo consegnare la domanda?

        Elimina
      2. Ciao Paola!
        La domanda di ripristino della pensione di reversibilità va presentata all'INPS dopo l'iscrizione a una nuova facoltà.-

        Elimina
    17. Gentile dr Censori
      Sono Bruno Crimella, ci siamo sentiti su queste pagine diverse volte, io avevo fatto richiesta di reversibilità della pensione di mia madre deceduta nel 2007 e poi mi hanno rigettato in prima istanza, ho fatto ricorso ma anche questo è stato nuovamente respinto, io vorrei aprire contenzioso con INPS, ho motivi per farlo, come posso agire?

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Bruno!
        Se non mi aggiorni sulla questione, cioè sulla motivazione del rigetto da parte dell'INPS purtroppo non posso esserti d'aiuto.-

        Elimina
      2. Il rigetto era motivato per la mancanza di documenti cartacei che mia madre mi aiutava, ma prima cosa non ho mai dovuto dare una ricevuta a mia mamma e secondo, una persona che aveva gli stessi miei requisiti ha avuto le reversibilità di entrambi i genitori solo sulle parole che ha detto in un caaf... Altra provincia ma sempre in Italia

        Elimina
      3. Ciao Bruno!
        Purtroppo quando la normativa non è chiara ogni sede INPS è autorizzata ad interpretarla a modo suo, quindi si spiegano le interpretazioni a volte contrastanti tra di loro.-
        Nel tuo caso, fare una causa all'INPS senza supporto cartaceo e con la sola giustificazione dell'accoglimento di istanze simili da parte di qualche sede INPS, a mio avviso hai poche probabilità di spuntarla, quindi non ti consiglierei di imbarcarti in altre spese.-

        Elimina
    18. Mia mamma ha 80 anni ed è titolare di pensione quale lavoratrice dipendente. E' vedova da poco tempo e percepisce una pensione di Reversibilità SVIZZERA in quanto mio pdre era stato lavoratore dipendente in tale nazione. In Italia non ha contributi ha solo tre anni di contribuzione volontaria. Può richiedere l?assegno Familiare per le "Vedove" Tab. 19?. Grazie della sua disponibilità. Raffaele

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Raffaele!
        Purtroppo NO!
        Gli assegni familiari a vedove spettano solo sulla pensione di reversibilità italiana SO (Fondo lavoratori dipendenti), alle vedove che hanno un'invalidità almeno dell'80%.-

        Elimina
    19. Salve complimenti, mi chiamo Mariateresa. Mio Padre è morto qualche mese fa all'età di 85 anni aveva lavorato in all'estero, precisamente in Svizzera ed in Italia era titolare di pensione IO/S ed era maturata con i contributi Svizzeri e tre anni di contribuzione volontaria in Italia. Non so se tale pensione avrebbe dovuto trasformarsi direttamente in pensione di Vecchiaia comunque sul modello OBIS è riportata la suddetta categoria. Volevo sapere se tale pensione sia reversibile o meno. Grazie ancora

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Maria Teresa!
        Purtroppo NO!
        L'assegno ordinario di invalidità non è reversibile ai superstiti aventi diritto.-

        Elimina
      2. Salve avocato
        Sono un cittadino kosovaro da un anno vivo in Germania ho il permesso di soggiorno illimitato ho anche un permesso tedesco per un anno insieme a questo mi e stato laschiato una carta che dice che dovevo stare un anno in quella azienda a lavorare ma io sono stato licenziato dopo mi hanno detto trovi un altro lavoro però non mi hanno accettato tutto 2 nuovi lavori negativo prima di fare un anno mi hanno preso il permesso tedesco adesso ho solo quello italiano pds illimitato voglio sapere ci sono i tempi perché io ritorno ma dopo quando secondo te posso rivenire e trovare lavorare e avere le cose come al inizio ???o pure c'è un minimo per restare fuori Germania se lo sai ???grazie mille

        Elimina
      3. salve avocato
        Mi chiamo
        Alex

        Volevo sapere ma il pds illimitato dopo quanti anni senza essere residenti in (UE)viene revocato e se pure bisogna consegnare noi personalmente o viene cancellato automaticamente ?

        Elimina
      4. Un'ipotesi di revoca del permesso di soggiorno CE, è l’assenza dal territorio per un lungo periodo. In particolare, è previsto che l’assenza per dodici mesi consecutivi determina la revoca del titolo di soggiorno.-
        Infine, il permesso è revocato qualora lo straniero acquisisca un analogo titolo in un altro Paese dell’Unione Europea.-

        Elimina
    20. Salve dott. Censori volevo chiederle un chiarimento in quanto a dei ratei pensioni rimasti fermi all'inps. Tengo presente che mia mamma percepisce da circa 7 anni un assegno sociale, in quanto separata legalmente, non ha alcun tipo reddito e vive con me (che sono suo figlio) perciò è stata messa a carico mio. Successivamente è venuto a mancare mio papà, il quale percepiva una pensione di artigiano di circa 600 euro. Parlando con un patronato si è convenuto di non chiedere la reversibilità ( a meno che non cambiassero alcune cose nel tempo), poiché non era conveniente fiscalmente , in quanto facendo richiesta mia mamma doveva rinunciare giustamente all'assegno sociale e io avrei perso la detrazione che mi spetta in busta paga(essendo a carico mio),in più non avrebbe più potuto scaricare le spese mediche. Ora che sono passati quasi 5 anni dalla morte di mio papà, avevamo deciso(i tre famigliari rimasti, mamma io e mia sorella) di riscuotere almeno il rateo della sua tredicesima rimasto fermo , però ho avuto versioni diverse in vari uffici , sia patronati ,sia inps. La prima versione è stata che richiedendo i ratei si rischiava disvegliare cane che dorme (testuali parole)essendoci una buona probabilità di passare in automatico con la reversibilità. La seconda versione è che tutti e tre avevemo diritto di chiedere un terzo del rateo anche indistintamente senza nessun pericolo della reversibilità, in quanto sono due cose diverse(in pratica anche se mi presentavo io da solo avevo diritto di riscuotere il mio terzo).La terza versione è stata che l'unica che poteva fare richiesta dei ratei , è mia mamma (e ne ha diritto solo lei e senza rischiare la reversibilità) però non conviene ,perché in un secondo momento tale importo le verrebbe decurtato dall' assegno sociale(tengo presente che è rimasta dentro quasi una pensione intera, essendo mio papà deceduto a fine novembre). Gradirei tanto la sua versione, essendo io a questo punto in confusione totale. Spero di aver fatto una panoramica totale, comunque se avesse bisogno di altre delucidazioni, sono pronto a dargliele . Intanto la ringrazio e le porgo i miei saluti.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Purtroppo è la terza versione quella corretta, nel senso che solo la moglie può richiedere il rateo di tredicesima, insieme alla pensione di reversibilità, che però inciderebbe sull'assegno sociale, quindi alla fine senza alcun beneficio di carattere economico.-

        Elimina
    21. Buonasera, vorrei sapere se è vero che chi assiste una sorella disabile, può domani avere diritto alla reversibilità della pensione dell'assistita. grazie per l'attenzione

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Paola!
        Purtroppo NO!
        La pensione di reversibilità spetta ai fratelli celibi e alle sorelle nubili inabili, in mancanza di altri familiari.-

        Elimina
    22. Salve,vorrei chiedere per cortesia che tempistica ha l'inps per erogare la pensione di reversibilita,dato che la domanda a novembre risulta accolta e completata il 16dicembre, ma non disposta nel
      pagamento a gennaio 2017. Grazie distinti saluti Adele

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Adele!
        Di solito l'INPS provvede al pagamento di una pensione dopo circa 90 giorni dalla data di presentazione della domanda.-

        Elimina
    23. Salve , le chiedo se un figlio inabile ha un modesto lavoro che non supera i 16500 euro perde la reversibilita'

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Incomulabilità con redditi del beneficiario:
        - Con un reddito superiore a 3 volte il trattamento minimo annuo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti, calcolato in misura pari a 13 volte l'importo mensile in vigore al 1° gennaio è prevista una riduzione del 25% dell'importo della pensione di reversibilità.
        - Con un reddito superiore a 4 volte il trattamento minimo annuo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti, calcolato in misura pari a 13 volte l'importo mensile in vigore al 1° gennaio è prevista una riduzione del 40% dell'importo della pensione di reversibilità.
        - Con un reddito superiore a 5 volte il trattamento minimo annuo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti, calcolato in misura pari a 13 volte l'importo mensile in vigore al 1° gennaio è prevista una riduzione del 50% dell'importo della pensione di reversibilità.-

        Elimina
      2. allora il figlio inabile puo' lavorare senza perdere la reversibilita' se non supera i limiti di reddito?

        Elimina
      3. Presumo che quando parli di figlio inabile tu intendi figlio invalido perché una persona inabile non può lavorare, quindi ti confermo che un figlio invalido può lavorare senza perdere la reversibilità se non supera i limiti di reddito.-

        Elimina
      4. Buongiorno,
        non mi è chiaro se un figlio (maggiorenne) con invalidità civile (all'80%) a carico del genitore abbia diritto alla reversibilità, pur non avendo pensione di "inabilità", ma solo "invalidità". Di fatto, non può lavorare e non lavora da 30 anni. Grazie! Michele

        Elimina
      5. Purtroppo NO!
        Un figlio con invalidità civile all'80% per legge non è inabile, quindi non ha diritto alla pensione di reversibilità.-

        Elimina
      6. Grazie mille della risposta! Michel

        Elimina
      7. Ciao Michel!
        Prego!
        Alla prossima!!!

        Elimina
    24. Si puo chiedere oggi la reversibilita' del padre morto nel 92?

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Pensione di reversibilità
        Il diritto all'importo in questione è soggetto alla prescrizione decennale.

        Elimina
    25. Buongiorno Dott. Censori,

      Io e mio fratello, rispettivamente di 55 e 60 anni, a causa della perdita del lavoro risultiamo a carico di nostra mamma a partire dal 2015. La sua pensione ammonta a circa 740 euro (500 euro di pensione + la reversibilità di 240 euro per la morte di nostro padre) alla quale si aggiunge l'accompagnamento riconosciuto in seguito ad un'invalidità del 100%. La nostra situazione economica è molto difficile (ISEE pari a 930) e siamo tuttora seguiti dagli assistenti sociali. Volevo chiederle se un indomani, voglia il Signore il più tardi possibile, alla scomparsa di nostra mamma avremmo diritto ad una qualche forma di reversibilità. Purtroppo né io che mio fratello abbiamo maturato i contributi necessari per una nostra pensione di vecchiaia. La ringrazio anticipatamente e la saluto cordialmente. Giancarlo (TO)

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Giancarlo!
        Purtroppo NO!
        La pensione di reversibilità spetta solo ai figli minorenni o ai figli maggiorenni inabili, quindi nel vostro caso al raggiungimento dell'età pensionabile avrete dritto in assenza di altri redditi all'assegno sociale.-

        Elimina
    26. Buongiorno, le pongo il mio quesito dopo un breve riassunto.
      Nel 2016 è venuta a mancare mia suocera.io e il mio compagno entrambi disoccupati con un bimbo abbiamo fatto domanda di reversibilità a favore di nostro figlio. Dopo la prima bocciatura, la seconda con ricorso è stata accettata. Oggi non vedendo arrivare la consueta pensione ci siamo informati all'inps dicendoci che è stata bloccata da gennaio di quest'anno. Ora ci chiediamo ma come è possibile tutto ciò se io e il padre del bambino non abbiamo ancora un lavoro? Va rifatta la domanda? Questo nessuno mai ce lo ha detto ne tanto meno il patronato dove abbiamo fatto domanda. Ma poi, la reversibilità non dura fino al compimento del 18 esimo anno di età. Per favore ci dica come possiamo muoverci perché veramente non sappiamo più come fare.grazie

      RispondiElimina
      Risposte
      1. E' vero che la reversibilità dura fino al 18 anno d'età del bambino, ma la domanda nel vostro caso va rinnovata ogni anno, perché ogni anno i genitori devono confermare all'INPS di essere ancora entrambi senza redditi.-
        Vi consiglio quindi di ritornare al patronato dove avete a suo tempo presentato la domanda, per far richiedere il rinnovo per un altro anno, ovviamente se ne avere ancora i requisiti.-

        Elimina
      2. Le volevo anche dire che mio marito si presta occasionalmente per il comune con i voucher (pulizie stradali) senza contratto e quindi senza versare contributi solo poche ore al mese, secondo lei può influire con la reversibilità? grazie mille delle sue risposte.

        Elimina
      3. I voucher sono esenti da tassazione IRPEF quindi non costituiscono reddito.-

        Elimina
    27. BUONGIORNO CHIEDEVO UN'INFORMAZIONE, MIA MAMMA è TITOLARE DI UNA PENSIONE DI REVERSIBILITA' PER IL DECESSO DI MIO PADRE, IO LAVORO E VIVO NELLO STESSO NUCLEO FAMILIARE MA NON SONO A SUO CARICO NEL SENSO CHE LE NON PERCEPISCE NESSUNA DETRAZIONE PER FIGLI A CARICO...CHIEDEVO MA IL MIO REDDITO PUO' RIDURRE LA SUA PENSIONE DI REVERSIBILITA'? GRAZIE MILLE PER L'AIUTO

      RispondiElimina
      Risposte
      1. NO!
        Il tuo reddito è ininfluente ai fini del calcolo della pensione di reversibilità di tua madre.-

        Elimina
    28. Buongiorno, sono una vedova con la pensione di reversibilità. Questo mese, gennaio, non vedendo l'accredito in banca ho contattato l'inps e mi hanno detto che per un qualche motivo era bloccata all'inps della mia città. Mi sono recata all'inps della mia città e mi hanno saputo solo dire che per qualche motivo il sistema la aveva bloccata?? ma cosa intendono per sistema? ci sarà qlcuno che inserisce i dati, o i computer sono diventati pensanti ora, vorrei capire e sapere cosa possa essere successo, in quanto la mia situazione non è cambiata ed essendo disoccupata, la pensione è l'unica mia fonte di reddito. Ringrazio e saluto

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Purtroppo non posso esserti d'aiuto!
        Infatti i motivi per cui viene bloccata una pensione di reversibilità possono essere diversi, è quindi inutile formulare ipotesi, e l'importante comunque è che venga sbloccata in tempi strettissimi, e solo l'ufficio INPS di zona può farlo.-

        Elimina
      2. La ringrazio per avermi risposto, infatti non ho ben capito la risposta che mi hanno dato perché secondo me anche loro non hanno ben capito che è successo, infatti non capivano perché era stata bloccata perché nel frattempo era stata sbloccata e di conseguenza non riuscivano più a risalire al motivo...ora la devono solo rimandare in pagamento. Che dire, grazie alla tecnologia non si viene più informati.

        Elimina
      3. Mi raccomando!
        Solo l'ufficio INPS di zona può sbloccare il pagamento, quindi se non risolvono il problema in tempi brevi devi ripresentarti alla sede INPS per sollecitare l'evasione della pratica, senza accettare un eventuale "scaricabarile".-

        Elimina
    29. Salve dott Censori le volevo chiedere una informazione visto che nessun caf e nessun commercialista o avvacato mi ha saputo dare
      le spiego:
      Mio padre è deceduto nel mese di dicembre 2016 era invalido è percepiva la pensione di invalidità che attualmente per ovvie ragioni non percepisce più ma allo stesso tempo percepiva anche la pensione enasarco che gli veniva accreditata bimestralmente essendo stato un agente di commercio. La situazione è questa mia mamma attualmente percepisce una pensione di 230 euro da quando ha compiuto i 65 anni di età , il caf dove mi sono recato mi ha detto che può fare richiesta per farla arrivare a 450 euro mensili praticamente la classica pensione sociale che eroga lo stato, quello che non riesco a comprendere è la pensione enasarco che non capisco se rientra o meno nella reversibilità per mia madre. Il caf mi ha detto che probabilmente se le accettano la pensione sociale quella dell'enasarco verrà cessata ma per saperlo con certezza bisogna o telefonare oppure recarsi direttamente lì, visto che posso anche fare una delle due cose prima volevo sapere da lei se la reversibilità enasarco cammina pari passo con quella sociale dell inps e se ci sono i presupposti giusti per richiederla ed accodarla ad essa in caso contrario può essere corrisposta ad uno dei figli che risultano disoccupati? la ringrazio per la eventuale risposta grazie...

      RispondiElimina
      Risposte
      1. SI!
        Tua madre ha diritto alla pensione di reversibilità enasarco, che però viene corrisposta solo se richiesta.-
        Il problema però è che se le viene riconosciuto l'assegno sociale, l'eventuale importo della pensione di reversibilità enasarco verrebbe portato in detrazione dall'INPS, quindi forse è inutile che ti poni il problema.-

        Elimina
      2. Grazie per la tempestiva risposta dott Censori.. quindi lei mi sta dicendo che se a mia madre gli verrà riconosciuto l'assegno sociale verrà fatto un calcolo tra enasarco e inps? per cui per arrivare a prendere ciò che lo stato eroga alle famiglie con basso reddito bisogna attendere questi calcoli!! lei cosa mi consiglia di fare.... faccio la richiesta di reversibilità oppure visto che alla fine tra enasarco e inps i soldi sono sempre quelli, ma giusto a titolo informativo stamane ho chiamato direttamente al call center dell enasarco e mi hanno detto che la pensione enasarco è una pensione integrativa per cui non ha nulla a che vedere con le pensioni erogate dall'inps quindi non capisco se conviene o meno fare questa richiesta lei cosa ne pensa? la ringrazio Daniele..

        Elimina
      3. Ciao Daniele!
        La domanda per la pensione di reversibilità enasarco io la presenterei comunque, anche se ininfluente a livello economico, perché in futuro la normativa potrebbe anche cambiare.-

        Elimina
    30. Buongiorno. !dott Censori..vorrei chiederle se posso svolgere lavoro all'esteroa tempo pieno o anche part time percependo in Italia la pensione di reversibilità di mia madre.Grazie dell'informazione.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Moreno!
        La pensione di reversibilità spetta ai figli maggiorenni iscritti all'università fino a 26 anni di età purché non vadano fuori corso, perché viene riconosciuta solo per la durata del corso legale, e non possono svolgere alcuna attività lavorativa neanche saltuaria.-

        Elimina
      2. Si. !!certo..mha io sono invalido..inabile a qualsiasi attività lavorativa..!!.in italia posso lavorare 25 ore settimanali..nelle categorie protette...all'estero?..

        Elimina
      3. Mi scusi.!!Dott Censori..!!.mha la reversibilità è di mia madre..mi hanno detto che posso lavorare all'estero...essendo una reversibilità di mia madre..!!..

        Elimina
      4. Ciao Moreno!
        La pensione di reversibilità "normale", che spetta quindi anche se ci si trasferisce all'estero spetta solo al coniuge e ai figli minorenni, mentre la pensione di reversibilità a un figlio maggiorenne inabile non è una normale pensione di reversibilità, ma è un diverso tipo di sostegno legato alla residenza in Italia.-

        Elimina
    31. Buonasera,
      io e mio fratello siamo invalidi civili totali per patologia, e per lavoro io ho una 104 art. 3 c. 3; mio fratello è ancor oggi a carico di mia madre e non lavora, mentre io insegno a part time 50 % per salute. Nel gennaio 2012 venne a mancare mio padre. Io e mio fratello entrambi domanda di pensione di reversibilità del nostro padre: a lui venne concessa perché alla morte del genitore non svolgeva alcuna attività lavorativa, né mai l'ha svolta, mentre a me non giunse mai un diniego formale - pur richiesto in tempi recenti per iscritto - però oralmente mi fu detto che detta reversibilità, in percentuale pari al 20%, non mi spettava perché il mio lavoro pur essendo un lavoro concettuale è egualmente un lavoro. Ora...io ho la capacità di muovermi da solo, pur con limitazioni, ma non posso fare a meno di osservare che svolgo, a un livello inferiore, la stessa professione dell'illustre Stephen Hawking che, pur completamente paralizzato, è professore ordinario di fisica teorica e, oltre all'attività di docenza, è impegnato pure in quella di ricerca. Mi chiedo dunque cosa si intenda per inabilità assoluta, quando in questo e altri casi (come quello dello scrittore affetto da SLA che ha scritto un libro muovendo i soli occhi) mostrano che il concetto non ha pressoché riscontro nella realtà. Che poi alcuni siano disoccupati questo è una questione che trascende l'invalidità. Il problema si è già posto per persone che svolgono un lavoro concettuale come l'insegnamento a scuola? Come si è espressa la giurisprudenza in merito? Grazie, cordiali saluti.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. L’inabilità e il lavoro:
        Ai fini della concessione della pensione ai superstiti, si considerano inabili “le persone che si trovino nell'assoluta e permanente impossibilità di svolgere qualsiasi attività lavorativa.” (art. 8, comma 1, Legge 222/1984).-

        Elimina
      2. CIAO SONO MILLY ,GRAZIE GIANFRANCO COME SEMPRE SEI VERAMENTE IN GAMBA NEL TUO LAVORO , PERTANTO RIFERIRO' A MIA CUGINA QUANTO MI HAI DETTO CIAO

        Elimina
      3. Ciao Milly!
        Ti ringrazio per i complimenti!
        Alla prossima!!!

        Elimina
    32. Va bene grazie, cordiali saluti.

      RispondiElimina
    33. sono Milly ,ciao Gianfranco spero tutto ok, e da tanto che non ti scrivo e grazie sempre alle tue pronte risposte,leggo sempre il tuo blog , in passato ho avuto la certezza ' che purtroppo anche certe persone che si dichiarano competenti non lo sono, cosa che non posso dire di te , oggi ti scrivo per una informazione il problema è purtroppo appena sorto : ho 1 cugino ,anzi avevo 2 cugini inabili e gemelli poi il 9 gennaio 2017 uno dei miei cugini e' morto infarto, come ti dicevo il primo gennaio 2017 avevano iniziato a percepire la pensione di mia zia ossia la loro madre che e' deceduta a novembre 2016 , la pensione di reversibilità e' stata suddivisa al 50% per ognuno di loro, io penso per una logica , ma non certo per competenza , che la pensione della parte di reversibilità' di mia zia data al gemello defunto debba essere ripristinata e data all'unico gemello rimasto sempre inabile e con accompagnamento, la sorella ossia mia cugina che li segue e hanno abitato con lei e di cui uno abita ancora con lei , cosa dovrebbe fare, va in automatico il ripristino , certo portando il certificato di morte oppure deve fare diversamente, certo sempre tramite caf grazie so che tu mi illuminerai, prima che qualcuno possa dirle il contrario di quello che io penso sia un diritto , grazie e Buon Anno 2017

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Milly!
        Purtroppo in Italia c'è poco di automatico, quindi tua cugina deve rivolgersi a un patronato per far comunicare all'INPS il decesso di uno dei gemelli e il conseguente passaggio della sua quota di pensione di reversibilità all'altro gemello in vita.-

        Elimina
    34. Se sposo una pensionata da lavoro Inps, vedova con una figlia maggiorenne del primo marito disabile al 100% con indennità di accompagnamento, cosa potrebbe perdere lei e la figlia ?
      Grazie per la cortese risposta

      RispondiElimina
      Risposte
      1. In caso di nuovo matrimonio la vedova perde la sua quota di pensione di reversibilità, mentre rimane in essere la quota della figlia disabile.-

        Elimina
    35. sono un trentenne, se sposo mia nonna novantenne mi spetta la reversibilità ?

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Per legge non possono sposarsi tra di loro gli ascendenti e i discendenti in linea retta, legittimi o naturali.-

        Elimina
    36. Salve,
      Dopo il decesso nel 2003 di mio padre è stata fatta domanda di Reversibilità per mia mamma (deceduta nel 2004 e non avendo nipoti a carico) e mio fratello (Figlio inabile) che percepisce dalla data del decesso di mio padre la quota spettante.
      Si può fare domanda di Reversibilità per i nipoti, essendo a carico del nonno prima del decesso? O bisognava metterli anche a carico della nonna?
      Consultando i requisiti imposti dal sito Inps e le rispettive Circolari risultano a norma, essendo studenti e non percependo nessun reddito per il mantenimento da parte dei genitori.
      Grazie mille.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Il diritto all'assegno si estingue per prescrizione con il decorso di dieci anni.-

        Elimina
    37. Ciao Gianfranco sono Milly, per non ripetermi e di conseguenza non pretendere da te che tu possa ricordarti mi riferisco alla mia domanda del 11 gennaio 2017 ed alla tua risposta immediata del 13 gennaio , tutto e' stato fatto e mia cugino gemello a preso la parte del fratello gemello morto il 9 febbraio, la lettera e' pervenuta ieri le riconoscono il 70% , mentre prima essendo in due era il 100% diviso 2 persone, e tutto e' giusto, pero' a me come sempre vengono i dubbi , dubbi che tu mi hai sempre risolto il quesito e' questo: mi sembra di avere letto e di averne parlato anche con te anni addietro , MA SE IL REDDITO IRPEF PERCHE' LA REVERSIBILITA' E UN REDDITO IRPEF , "LO RIPETO PERCHE' CI SONO PERSONE CHE CONTINUANO A CONTESTARMI QUESTO" SUPERA EURO 2841,00 ANNUO NON VIENE TOLTA LA QUOTA DI INVALIDITA' mensile di euro 289,00 circa , "non parlo di accompagnamento questo non lo dico a te perchè tu mi hai capito perfettamente) quello a mio cugino rimane , ma la quota di invalidita' non viene tolta? grazie per la tua risposta . MENTRE PER NON SCRIVERE ALTRI MESSAGGI POSSO CHIEDERTI MA AD UN FIGLIO INVALIDO AL 100% SENZA ACCOMPAGNAMENTO, MA SOLO CON LE 289,00 ed A CARICO DEL GENITORE SIA COME ASSEGNO NUCLEO FAMIGLIARE CHE COME DETRAZIONE , "IN QUESTO CASO E' MIO FIGLIO, TU CONOSCI TUTTO DEI MIEI PROBLEMI , MA CI SIAMO SEMPRE RELAZIONATI TRAMITE BLOG DIVERSI ANNI FA PERTANTO NON PUOI RICORDARTI, LA REVERSIBILITA' MIA ED ANCHE DEL PADRE CHE LO MANTIENE PUR NOI ESSENDO DIVORZIATI ED IL PADRE SI E' RISPOSATO , VA A NOSTRO FIGLIO ? GIUSTO A PARTE LA QUOTA DELLA MOGLIE DEL MIO EX MARITO A CUI ANDRA' PER DIRITTO, IN BREVE ANCHE SENZA ACCOMPAGNAMENTO LA REVERSIBILITA' A SUO TEMPO MI AVEVI DETTO CHE LE SPETTAVA IN OGNI CASO L'IMPORTANTE ERA CHE FOSSE A CARICO MIO, MA LE LEGGI SONO CAMBIATE PER CASO, ANCHE PERCHE' E' UNA MALATTIA MENTALE , E NON HO MAI RITENUTO OPPORTUNO FARE RICHIESTA DI ACCOMPAGNAMENTO , IN QUANTO MI FIDO DEL FATTO CHE SIA A MIO CARICO . GRAZIE SE PUOI RISPONDERMI TI RINGRAZIO UN SALUTO E BUON LAVORO MILLY

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Milly!
        Il limite di reddito da non superare per il diritto all'assegno mensile di assistenza è pari a 4.795,97 euro, quindi non ha niente a che fare con il requisito dell'essere fiscalmente a carico per il quale il limite è invece di 2.840,51 euro.-
        - La pensione di reversibilità spetta ai figli che alla data della morte del genitore siano minori, studenti o inabili e a suo carico.-

        Elimina
      2. sono Milly grazie Gianfranco non so come ringraziarti per come sai anche anche comprendere chi non capisce , nel dubbio chiedo e ti ringrazio , come sempre te ed il tuo staff siete veramente bravi sempre auguri per il tuo blog

        Elimina
      3. Ciao Milly!
        Ti ringrazio per i complimenti!

        Elimina
    38. Buongiorno Dott.Censori, mio suocero vive con noi da quando e' vedovo, 12 anni, prende 570,00 euro pensione di lavoro, ha 83 anni , puo' chiedere la pensione sociale?, inoltre mio marito puo' metterselo a carico essendo dipendente privato , come detrazioni o altro, grazie tutto questo perchè sto leggendo il suo blog e mi vengono domande da porle .grazie e distinti saluti

      RispondiElimina
      Risposte
      1. - NO! Si ha diritto alla pensione sociale solo se non si hanno altri redditi o altre pensioni, mentre tuo suocero ha la pensione di vecchiaia.-
        - NO! Si possono richiedere le detrazioni per i familiari a carico solo se non hanno redditi o hanno un reddito inferiore a 2.840,51 euro all'anno.-

        Elimina
      2. buonasera, la ringrazio pensavo si potesse .

        buonasera

        Elimina
    39. Gentile Gianfranco..vorrei sapere se spetta la pensione di reversibilità a un minorenne riconosciuto tramite esame del DNA del defunto..deceduto sette anni fa e riconosciuto dal tribunale ...so che, se non era a carico, e non riconosciuto dal defunto non potrebbe percepirla. mi puo dare delle delucidazioni a riguardo? grazie mille

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Mariella!
        Purtroppo NO!
        Infatti la pensione di reversibilità spetta ai figli che alla data della morte del genitore siano minori, studenti o inabili e a suo carico.-

        Elimina
    40. Gentile Dott. Censori,
      in seguito alla morte di mio padre nel settembre del 2016, il quale aveva una pensione militare inclusiva di IIS per un totale di circa 1.700 euro netti al mese a mia madre è stata concessa una pensione di reversibilità pari al 60%, circa 1140 euro netti. Mia madre al momento della morte di mio padre era titolare di una pensione di vecchiaia pari a euro 249 erogata dall'anno 1995. Dal mese di Dicembre 2016 tale pensione è stata integrata al minimo di 501,89 con comunicazione ricevuta direttamente dall'Inps senza da parte nostra alcuna domanda al riguardo. Mia madre non percepiva altri redditi. La mia domanda è l'integrazione al minimo era dovuta o si tratta di un errore. La ringrazio per la sua preparazione e professionalità. Marco

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Marco!
        Ti ringrazio per i complimenti!
        Si ha diritto all'integrazione al minimo per il totale se il proprio reddito personale è inferiore a 6.530,94 euro, si ha diritto a un'integrazione parziale se il proprio reddito si colloca tra 6.530,94 e 13.061,88 euro, e non si ha diritto ad alcuna integrazione se il proprio reddito personale supera il suddetto limite.-

        Elimina
    41. ciao Gianfranco sono Milly, grazie per la tua risposta solo una precisazione , siccome ho scritto sia per me che per mio cugino gemello, HO CAPITO QUESTO:CORREGGIMI SE SBAGLIO ? LA QUOTA DI ASSISTENZA CHE TU DICI E' L'ASSEGNO DI INVALIDITA? SE E' COSI ALLORA MIO CUGINO SE NON SUPERA LA QUOTA DI 4795,97 DI PENSIONE DI REVERSIBILITA' NON LE VIENE TOLTA LA QUOTA DI EURO 289,OO OSSIA LA QUOTA CHE SPETTA ALL'INVALIDO SENZA ACCOMPAGNAMENTO , OPPURE PER ASSISTENZA DI RIFERISCI ALL'ACCOMPAGNAMENTO? SCUSA MA REALMENTE NON SO SE HO CAPITO BENE. MENTRE PER QUANTO CONCERNE MIO FIGLIO INVALIDO AL 100% SOLO CON LA PENSIONE DI INVALIDITA DI EURO 289,00 ED INABILE AL LAVORO , MA SENZA ACCOMPAGNAMENTO ,LA PENSIONE DI REVERSIBILITA' MIA GLI SPETTA GIUSTO? ANCHE SE NON HA ACCOMPAGNAMENTO "LUI E' INVALIDO AL 100% MALATTIA MENTALE SCHIZOFRENIA , SCUSAMI E GRAZIE ANCORA DEL DISTURBO CHE IN QUESTO MOMENTO TI ARRECO , MA QUANDO HO DEI DUBBI DI NON PERCEPIRE BENE PREFERISCO RICHIEDERE. SE NON SONO STATA CHIARA ED E' FACILE DIMMELO SENZA PROBLEMI CIAO GIANFRANCO MILLY

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Milly!
        - SI! L'assegno mensile di assistenza è l'assegno di invalidità civile che ha il limite di reddito di 4.795,97 euro.-
        - SI! Tuo figlio invalido al 100% ha comunque diritto alla pensione di reversibilità.-

        Elimina
    42. Gianfranco..la ragazza di cui ti ho parlato nel post sopra..è stata riconosciuta dal tribunale ..la sua mamma ha fatto riesumare la salma e ha fatto fare l'esame del dna..poi ha fatto richiesta all'imps e gliel'hanno concessa. Allora come mai? e quando si dice a carico in parole povere mi puoi dire gentilmente cosa significa?

      RispondiElimina
    43. insomma di questa ragazza il decuius non ne sapeva niente...perché è stata riconosciuta dopo la sua morte..come ha fatto a prendere la reversibilità?

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Mariella!
        Evidentemente non sono stato chiaro!
        Infatti la pensione di reversibilità spetta ai figli che alla data della morte del genitore siano minori, studenti o inabili e a suo carico.-
        A carico significa che in vita il padre avrebbe dovuto percepire le detrazioni fiscali per la figlia, cosa che evidentemente non è successo.-
        Ora si può intentare una nuova causa contro l'INPS ma con poche probabilità di spuntarla.-

        Elimina
    44. Salve Gianfranco, mio padre e' deceduto lo scorso febbraio e a quella data io ed i miei figli minori risiedavamo con lui e mia madre. Dato che io e mio marito siamo disoccupati vorrei chiedere se la reversibilita' va anche ai miei figli. Premetto che l'unico reddito da me percepito e' l'assegno 3 figli minori, motivo per cui l'inps non concedeva gli assegni per il nucleo familiare a mio padre sulla pensione. Sul 730 noi eravamo a suo carico e mio padre prendeva le detrazioni per familiari carico, lei ritiene che la reversibilita' ai nipoti puo' essere concessa? Spero di essere stata chiara, attendo una sua risposta grazie.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. SI!
        La pensione di reversibilità spetta ai nipoti minori che erano a carico del parente defunto (nonno o nonna).-

        Elimina
      2. Grazie per la risposta,quindi l'assegno comunale 3 figli minori non e' considerato un reddito per la reversibilita'? Grazie perche' all'inps erano stati poco chiari.

        Elimina
      3. NO!
        L'assegno comunale x 3 figli minori non è considerato un reddito, quindi non può pregiudicare il diritto alla pensione di reversibilità.-

        Elimina
      4. Grazie per l'informazione, volevo chiederle un ulteriore chiarimento. Qualora io o mio marito troviamo un lavoro il diritto acquisito dai miei figli viene meno oppure la reversibilita' gli spetta comunque fino al 18 anno di eta'. Leggendo la circolare mi sembra che diventi un diritto acquisito, aspetto la sua risposta. Grazie

        Elimina
      5. Si procede alla revoca della pensione di reversibilità nei confronti dei nipoti quando cessa la vivenza a carico anche se prima del compimento del 18° anno di età.-

        Elimina
    45. Salve avocato scusa se la disturbo siccome è venuto a mancare mia moglie in agosto 2015.per una grave malattia, e percepisco una pensione di riversibilita di 502,00, e vivo in affitto e pago 200,00 al mese,,,posso chiedere un aumento aumento l'impis? Grazie

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Purtroppo NO!
        Non puoi richiedere alcun aumento all'INPS, ti consiglio quindi di rivolgerti ai servizi sociali del tuo Comune di residenza per richiedere un qualche tipo di sostegno di carattere economico.-

        Elimina
    46. ciao Gianfranco , sono Milly, sono prossima alla compilazione del 730/2017 (redd.2016) ma quest'anno mi hanno detto che la lettera " oggetto: detrazione per assegnatari di alloggi sociali non possono mettermela sul mio 730, come per gli ultimi due anni precedenti , ossia non posso beneficiare della quota di euro 450,00 nelle voci detraibili, premetto che il contratto e' intestato a mio figlio disabile al 100% ed io vivo con lui, ed ho mio figlio a carico , (questo gia' il caf lo sapeva anche gli anni precedenti ma non mi avevano detto niente , giustificano il fatto che neppure loro sapevano questo e se fossi messa a sorteggio per un eventuale controllo dovrei ridare la somma che mi e' stata benificiata. io dico e chiedo a te per conferma perchè sono titubante per il motivo che : se io posso detrarre farmaci e spese di mio figlio perchè non posso beneficiare di questa lettera che l'aler mi ha mandato come sempre anche quest' anno , alla mia richiesta elementare mi hanno risposto che se il componente intestatario dell'affitto e' a mio carico e logicamente non ha altri redditi fuorche' l'invalidita' di euro 289,00 io mamma non posso, spero solo che a questo punto non mi vengano a richiedere i soldi indietro, loro come caf. pagherebbero solo e giustamente la sanzione, mentre io dovrei rendere il tutto. ma quello che mi preme adesso visto che devo fare la dichiarazione se è valido quello che mi hanno detto. chiedo scusa per non fidarmi degli altri, ma se me lo dici te sono sicura al 100%. grazie un caro saluto Milly

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Milly!
        In riferimento al quesito proposto si evidenzia che il D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 (in seguito Tuir), art. 16, disciplinante la materia delle detrazioni in presenza di canoni d'affitto sostenuti per l'abitazione principale prevede che: "Ai soggetti titolari di contratti di locazione di unità immobiliari adibite ad abitazione principale, stipulati o rinnovati ai sensi della legge 9 dicembre 1998, n. 431, spetta una detrazione complessivamente pari a...". L'articolo in esame, a differenza dell'articolo 15 del Tuir, non effettua alcun esplicito richiamo alla situazione dei famigliari fiscalmente a carico, ne consegue che, non essendo disposto diversamente, la detrazione prevista dall'articolo 16 possa essere usufruita esclusivamente da parte del soggetto intestatario del contratto. Tale conclusione, nel caso in esame, comporterà la perdita della detrazione stessa in considerazione del fatto che i soggetti fiscalmente a carico, non essendo tenuti a versare imposte non sono, parimenti, soggetti fruitori delle relative detrazioni. Si evidenzia, infine, che nella situazione in esame non risulterà applicabile nemmeno quanto previsto dal comma 1-sexies dell'articolo in tema di rimborso della detrazione per canoni in capo a soggetti cd "incapienti" in quanto la Circolare del''agenzia delle entrate 4 aprile 2008, n. 34/E, punto 9.5 ha esplicitamente evidenziato come " un soggetto che non possiede redditi non può essere definito incapiente ai fini del riconoscimento dell'ammontare corrispondente alla detrazione per canoni di locazione non fruita, previsto dall'articolo 16, comma 1-sexies del Tuir".-

        Elimina
      2. sono Milly -Grazie, Gianfranco pertanto e' come mi hanno detto , speravo diversamente, ma quando lo dici te non ho più dubbi, spero soltanto di non dover rendere i precedenti , un'ultima domanda se potrai rispondermi questa settimana ti ringrazio altrimenti ( fai e fate già tanto per tutti noi che non abbiamo possibilità di spendere soldi) che aspetterò : la domanda e' questa dove posso verificare tutto quello che POSSO DETRARRE DAL 730 ESSENDO CONVIVENTE CON MIO FIGLIO "LUI INTESTATARIO " A MIO CARICO INVALIDO COME TI HO DETTO AL 100%, A PARTE LA LETTERA CANONE SOCIALE CHE MI HAI DETTO, PERCHE' NON VORREI CHE VENERDì QUANDO VADO LI TROVO QUALCHE SORPRESA ANCORA UN ABBRACCIO CIAO

        Elimina
      3. Ciao Milly!
        Alcune spese sono detraibili se sostenute per i familiari che sono considerati a carico.
        L’elenco delle spese che danno diritto alla detrazione del 19% sia se sostenute per sé che per i propri familiari a carico sono:
        – spese sanitarie
        – spese per i mezzi necessari per l’accompagnamento, la deambulazione, la locomozione, il sollevamento e i sussidi tecnici informatici dei disabili
        – spese per l’acquisto e la riparazione di veicoli per disabili
        – spese per l’acquisto di cani guida
        – premi per assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni derivanti da contratti stipulati o rinnovati sino al 31 dicembre
        – premi per assicurazioni sul rischio morte, invalidità permanente superiore al 5%, non autosufficienza nel compimento degli atti quotidiani, derivanti da contratti stipulati o rinnovati dal 1 gennaio 2001
        – spese per l’istruzione secondaria e universitaria
        – spese per attività sportive praticate da ragazzi
        – spese per canoni di locazione sostenute da studenti universitari fuori sede
        – spese sostenute per gli addetti all’assistenza personale nell’interesse del contribuente o di altri familiari non autosufficienti
        – contributi versati per il riscatto del corso di laurea del soggetto fiscalmente a carico, il quale non ha iniziato ancora l’attività lavorativa e non è iscritto ad alcuna forma obbligatoria di previdenza
        – spese sostenute dai genitori per la frequenza di asili nido da parte dei figli.-

        Elimina
      4. sono Milly , ciao Gianfranco ,grazie scusa il ritardo nel risponderti, sono stupita dalla celerità' e dalle informazioni esaudienti che dai a tutti noi un abbraccio

        Elimina
      5. Ciao Milly!
        Ti ringrazio per i complimenti!
        Alla prossima!!!

        Elimina
    47. Salve sono Eugenio. Mia zia è deceduta ed era titolare di Pensione Superstiti, Pensione di anzianità ed accompagnamento. Ha lasciato tre figli tutti maggiorenni, 26 - 24 e 22 anni. Sono tutti disoccupati. Hanno qualche diritto? Uno di loro ha una piccola invalidità ... hanno diritto sulla pensione oltre alla riscossione dei ratei? Grazie

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Eugenio!
        Purtroppo NO!
        La pensione di reversibilità spetta solo al coniuge e ai figli minorenni, e non ai figli maggiorenni.-

        Elimina
    48. Buongiorno,
      sono vedova da quattro anni con una figlia minore a carico poiché la reversibilità che lei percepisce annualmente è di ca. 2.400,00 euro. Per questa somma le viene rilasciato un CUD così come avviene per la mia parte. Ho uno stipendio annuo di ca. 15.300,00 euro che va sommato al reddito di due piccole abitazioni (non l'abitazione principale che è esente) ma non supero i 19.573,71 euro per cui percepisco per intero la reversibilità. Dal 2017 sono riuscita ad affittare uno dei due immobili e, con l'affitto, il mio reddito supererà, anche se di poco, i 19.500 euro (soglia 2017 da non superare per avere l'intero importo di reversibilità).
      E' vero che, avendo una figlia minore a carico, non mi verrà ridotta la pensione? Oppure, avendo due CUD sparati io e mia figlia, mi ridurrano la pensione?

      Grazie infinite.

      Michela

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Michela!
        Purtroppo la normativa prevede quanto segue:
        Con un reddito superiore a 3 volte il trattamento minimo annuo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti, calcolato in misura pari a 13 volte l'importo mensile in vigore al 1° gennaio è prevista una riduzione del 25% dell'importo della pensione di reversibilità.-

        Elimina
    49. Buonasera Gentile Sig. Censori,
      mi è capitato il caso di un amico che ha il papà gravemente malato e sta iniziando (purtroppo) ad interessarsi della posizione contributiva di quest'ultimo ai fini della pensione di reversibilità per il coniuge superstite.
      Il padre è del 02/03/1958, a Novembre 2016 ha maturato 31 anni di contributi presso una s.r.l. cooperativa di cui è tutt'ora dipendente (in malattia), ed in piu' da Marzo 2016 percepisce pensione Cat. I\O (Invalidità dei lavoratori dipendenti).
      Ora vorrei chiederLe:
      - Come si fa a sapere a quanto ammonterà la reversibilità, volendo calcolarla?
      - La pensione I\O dà diritto ad una maggiorazione sul calcolo finale della reversibilità?
      -

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Raffaele!
        PENSIONE AI SUPERSTITI
        È la pensione che spetta ai componenti del suo nucleo familiare, se la persona, al momento del decesso, svolgeva attività lavorativa.
        La pensione ai superstiti spetta solo se il deceduto aveva accumulato, in qualsiasi epoca, almeno 15 anni di contributi oppure se era assicurato da almeno 5 anni, di cui almeno 3 versati nel quinquennio precedente la data di morte.
        La pensione al coniuge superstite sarà pari al 60% della pensione maturata dalla persona deceduta, e la pensione di invalidità è ininfluente.-

        Elimina
      2. Mi scusi, ciò vuol dire che il coniuge superstite percepirà il 60% di ciò che avrebbe percepito la persona defunta se avesse raggiunto l'età prevista per il pensionamento e i contributi versati? vorrei capire come si determina l'importo.. grazie intanto

        Elimina
      3. Ciao Raffaele!
        Il criterio di calcolo della pensione è uguale per tutti ma l'importo varia da persona a persona, perché è legato alla situazione contributiva personale, quindi solo l'INPS o un patronato può fare una simulazione di calcolo in base all'estratto contributivo del lavoratore interessato.-

        Elimina
    50. Salve Dott. Censori, volevo chiederle come si calcola la pensione di reversibilità. Cioè mia mamma ha presentato domanda dopo aver perso il marito che aveva 33 anni di lavoro dipendente. Quale può essere l'importo della pensione? come si calcola? mi scusi, grazie...Delia

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Delia!
        PENSIONE AI SUPERSTITI
        È la pensione che spetta ai componenti del suo nucleo familiare, se la persona, al momento del decesso, svolgeva attività lavorativa.
        La pensione ai superstiti spetta solo se il deceduto aveva accumulato, in qualsiasi epoca, almeno 15 anni di contributi oppure se era assicurato da almeno 5 anni, di cui almeno 3 versati nel quinquennio precedente la data di morte.
        La pensione al coniuge superstite sarà pari al 60% della pensione maturata dalla persona deceduta.-

        Elimina
    51. Gentile Dott. Censori, sono pensionato Inpadap. Stamattina, dando uno sguardo più approfondito ai cedolini di pensione, ho notato una voce che non so spiegarmi ossia "Arretrato Anticipo Imposta A.C." di 16,35 euro e mi compare in 8 cedolini da maggio a dicembre dunque 16,35x8. Inizialmente ho pensato ad Addizionale Comunale però la relativa voce la trovo già a parte computata sul cedolino. Che può essere? Grazie

      RispondiElimina
    52. preciso anche che negli anni passati questa voce non era mai comparsa nei cedolini come invece normalmente avviene per l'addizionale comunale e regionale

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Ferdinando!
        All'inizio dell'anno non si può conoscere quelle che saranno le addizionali regionale e comunale dell'anno in corso, quindi vengono calcolate in modo presuntivo basandosi sull'anno precedente.-
        Questo significa che se ci sono variazioni, i conguagli vengono effettuati l'anno successivo, nel quale si paga quindi un anticipo presunto per l'anno in corso e un eventuale conguaglio inerente l'anno precedente, come arretrato.-

        Elimina
    53. Avv. buongiorno e buone fatte feste,mi chiamo Claudio e la seguente domanda da porle:ioconvivo con una donna separata che percepisce la reversibilità;cambiando la mia residenza presso ella,la stessa potrebbe perdere la reversibilità? Grazie in anticipo e buon prosieguo
      Claudio

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Claudio!
        NO!
        La tua compagna perderebbe la pensione di reversibilità solo in caso di un nuovo matrimonio, quindi il tuo cambio di residenza sarebbe ininfluente.-

        Elimina
    54. Salve avvocato, ho percepito la pensione indiretta ai superstiti fino alla maturità, ora se dovessi iscrivermi all università riacquisterei il diritto di pensione? Anche se è passato un anno "sabbatico"?

      Grazie

      RispondiElimina
      Risposte
      1. SI!
        In caso di iscrizione all'università avresti diritto al ripristino della tua quota di pensione di reversibilità.-

        Elimina
      2. Mi sono recato nella sede inps per chiedere informazioni sullo stato della domanda e mi hanno detto che forse sarà reiettata in quanto manca la continuità tra la fine delle scuole superiori e l'università, è parso subito molto strano anche a me, ma mi hanno anche detto che si potrà fare ricorso tramite patronato, che ne pensa?
        Grazie

        Elimina
      3. A questo punto devi attendere l'esito della domanda, perché non è detto che venga respinta, e se verrà respinta in base alla motivazione addotta da parte dell'INPS, potrai eventualmente rivolgerti a un patronato per presentare un ricorso.-

        Elimina
    55. Salve dottor Censori, mia madre percepisce rendita INAIL per morte infortunio sul lavoro di mio padre, ora vorrebbe acquistare la prima casa , non si puo' avere una tot somma? Nemmeno in casi particolari ?
      Il caso è del 2005 purtroppo ho letto su internet che solo per i casi avvenuti dal 2007 c'è questa possibilità...non si può fare proprio nulla?

      RispondiElimina
    56. Salve dott.censori la prego cortesemente un informazione
      Mi chiamo Marco ho 17 anni e percepisco pensione reversibilità ai superstiti per nipoti a carico da quando avevo 5 anni.
      Ora frequento il 4 anno di ragioneria e volevo chiederle a l compimento del 18 anno perdo la pensione o ci sarebbe possibilità di proroga continuando gli studi universitari.
      Grazie mille anticipatamente
      Marco

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Marco!
        SI!
        C'è possibilità di proroga continuando gli studi universitari, fino a quando risulterai in regola con gli esami, cioè fino a quando non andrai fuori corso.-

        Elimina
    57. Salve dottor Censori, si puo' stipulate un mutuo con rendita inail marito deceduto per causa di servizio?
      La ringrazio anticipatamente per la risposta

      RispondiElimina
      Risposte
      1. SI!
        Si può stipulare un mutuo anche su una rendita INAIL ai superstiti.-

        Elimina
    58. Buongiorno dottor Censori,la mia seconda moglie è slovacca e dopo il matrimonio ha scelto di prendere il mio cognome, premesso che abbiamo 2 figli minori e vivono in slovacchia insieme alla mamma, pertanto sui documenti slovacchi risulta il cognome da sposata mentre su quelli italiani risulta il cognome da nubile. Come può documentare il riconoscimento dei due cognomi nella stessa persona? Immagino in una futura richiesta di reversibilità. La ringrazio in anticipo per la risposta.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Purtroppo se la tua seconda moglie non provvede a uniformare i cognomi tra Italia e Slovacchia, in futuro potrebbe avere problemi in entrambi i Paesi.-

        Elimina
    59. Gentile Avvocato
      mia madre pensionata inps ex inpdap con quota reversibilità papà è deceduta il giorno 8 aprile
      Non so cosa debbo fare.
      La pensione era stata già accreditata in banca da Inps in conto cointestato con i figli eredi.
      Domande:
      1 - Si deve restituire l'intera pensione o spetta agli eredi ?
      2- le quote 13.ma fino a tutto marzo le dobbiamo chiedere noi o Inps fa da sola?
      3- i ratei delle le addizionali reg.li e comunali del 2016 da restituire a inps possono andare a compensare le quote di 13.ma che inps ci deve rimborsare?
      Chi si può occupare di tutto per quanto riguarda Inps?
      Debbo andare al Caf o a Inps?
      Che altro bisogna fare?
      Mi scusi ma sono disorientata.
      Grazie se mi risponde

      RispondiElimina
      Risposte
      1. - Essendo tua madre deceduta il giorno 8 aprile, la rata di pensione di aprile non va restituita all'INPS, ma va agli eredi che devono estinguere il conto in banca.-
        - I ratei di pensione maturati e non riscossi devono essere richiesti dagli eredi, e va presentata apposita domanda all'INPS per via telematica.-
        - Uno degli eredi deve presentare la dichiarazione dei redditi per conto della persona deceduta sia quest'anno per i redditi del 2016, che l'anno prossimo per i redditi del 2017.-
        Vi consiglio comunque di rivolgervi a un patronato per farvi seguire per tutto l'iter burocratico necessario.-

        Elimina
    60. Franco buongiorno
      mia madre percepisce la pensione di reversibilità di mio padre deceduto e l'ulteriore rendita ai superstiti INAIL susseguente alla sua morte per infortunio sul lavoro.
      Le chiedo se ha diritto alla XIV per il 2017 erogata dall'INPS

      RispondiElimina
      Risposte
      1. QUATTORDICESIMA anno 2017
        Per i pensionati che hanno compiuto i 64 anni di età, ed hanno un reddito personale non superiore per il 2017 a 9.786,86 euro annui, spetta una somma aggiuntiva per i pensionati residenti in Italia che varia in base all'anzianità contributiva:
        Anzianità contributiva fino a 15 anni euro 437
        Anzianità contributiva da 15 a 25 anni euro 546
        Anzianità contributiva oltre 25 anni euro 655
        Per i pensionati che hanno compiuto i 64 anni d’età ed hanno un reddito personale per il 2017 compreso tra 9.786,87 e 13.049,14, spetta una somma aggiuntiva per i pensionati residenti in Italia che varia in base all'anzianità contributiva:
        Anzianità contributiva fino a 15 anni euro 336
        Anzianità contributiva da 15 a 25 anni euro 420
        Anzianità contributiva oltre 25 anni euro 504
        Lavoratori autonomi, servono 3 anni in più, quindi scaglioni da 0 a 18, da 18 a 28 e oltre 28 anni
        Nel caso in cui i 64 anni siano raggiunti nel corso dell'anno, la somma aggiuntiva viene corrisposta in proporzione ai mesi di possesso del requisito anagrafico (il mese di compimento dell'età si valuta per intero). La stessa regola vale per le pensioni spettanti per un numero di mesi inferiore all'anno, in quanto la decorrenza è successiva al 1° gennaio.-
        Redditi da considerare e quelli esclusi. Sono da considerare nel computo i redditi assoggettabili all'IRPEF, nonché i redditi esenti da imposte e quelli soggetti a ritenuta alla fonte o ad imposta sostitutiva, compresi i redditi conseguiti all'estero o in Italia presso Enti ed organismi internazionali. Sono invece, per espressa previsione normativa, esclusi:
        i trattamenti di famiglia comunque denominati;
        le indennità di accompagnamento;
        il reddito della casa di abitazione;
        i trattamenti di fine rapporto comunque denominati;
        le competenze arretrate sottoposte a tassazione separata.
        Sono altresì da non considerare i redditi:
        delle pensioni di guerra;
        delle indennità per i ciechi parziali e dell’indennità di comunicazione per i sordi prelinguali;
        dell’indennizzo previsto dalla L. 210 del 25 febbraio 1992 in favore dei soggetti danneggiati da complicanze di tipo irreversibile a causa di vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni e somministrazione di emoderivati;
        della somma di 154,94 euro di importo aggiuntivo previsto dalla Legge n. 388 del 2000;
        dei sussidi economici che i Comuni ed altri Enti erogano agli anziani per bisogni strettamente connessi a situazioni contingenti e che non abbiano caratteristica di continuità.
        In linea generale la somma aggiuntiva viene attribuita automaticamente dall'Inps sulla mensilità di pensione di luglio ai pensionati che sono risultati in possesso dei requisiti reddituali sopra previsti e che alla data del 31 luglio hanno un’età maggiore o uguale a 64 anni. Chi matura il requisito anagrafico richiesto dal 1° agosto in poi, la corresponsione viene attribuita in occasione del pagamento della pensione di dicembre.-

        Elimina
    61. Gianfranco, grazie per la risposta dettagliata ma il mio dubbio rimane.
      Essendo la pensione (minima...) di reversibilità più la rendita INAIL ai superstiti, volevo sapere se quest'ultima concorre a formare il reddito massimo di 9.786,86 euro annui citata da te sopra.

      Grazie

      RispondiElimina
      Risposte
      1. NO!
        La rendita INAIL non concorre a formare il reddito ai fini del diritto alla quattordicesima del 2017.-

        Elimina
    62. preg.mo dott. GIANFRANCO CENSORI, le pongo in breve il mio quesito:
      sono un 72enne imprenditore attivo con contabilità aziendale in CONFESERCENTI BERGAMO, percepisco la pensione e comunque lavoro e faccio il cumulo dichiarazione redditi. essendo la mia un'età avanzata ho pensato di convolare a nozze con la persona con cui condivido parte della vita da oltre 10 anni, non c'è bisogno di un matrimonio per la parte affettiva, c'è bisogno dello stesso per lasciarle "penso" parte di quanto ho versato e sto versando. La persona in questione è slovacca a 55 anni, lavora stiamo bene di salute entrambi. Questo quesito è solo prevenire eventuali complicanze se potesse usufruire della reversibilità di quanto percepisco. ringrazio per la sua risposta e disponibilità.
      ( non chiedo in CONFESERCENTI perchè non voglio che ne parlino tutte )

      ora335@yahoo.it

      RispondiElimina
      Risposte
      1. La normativa attuale prevede che in caso di matrimonio, a prescindere dalla durata e alla differenza d'età, alla morte di uno dei due coniugi, l'altro ha diritto a una pensione di reversibilità pari al 60% della pensione percepita dal coniuge deceduto.-

        Elimina
    63. Salve, percepisco pensione minima di reversibilità di mio marito deceduto sul lavoro circa 450 euro in più rendita inail siccome è morto per causa di servizio , all'età di 65 anni percepirò la differenza della pensione sociale? Grazie

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Valori per l'anno 2017:
        Assegno sociale fino a 64 anni = euro 448,51.-
        Assegno sociale con maggiorazione: 65 anni = euro 460,99.-
        Assegno sociale con maggiorazione: 70 anni = euro 628,95.-

        Elimina

    I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.

    Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.