mercoledì 28 gennaio 2015

Badanti e Colf - CCNL Anno 2015

Classificazione di Badanti e Colf

Livello A
Collaboratori familiari generici, non addetti all'assistenza di persone, con esperienza professionale (maturata anche presso datori di lavoro diversi) non superiore a 12 mesi.
Livello A Super
Addetto alla compagnia, baby sitter (mansioni occasionali e/o saltuarie).
Livello B
Collaboratori familiari che, in possesso della necessaria esperienza svolgono con specifica competenza le proprie mansioni, ancorchè a livello esecutivo.
Livello B Super
Assistente a persone autosufficenti
Livello C
Collaboratori familiari che, in possesso di specifiche conoscenze di base, sia teoriche che tecniche, relative allo svolgimento dei compiti assegnati, operano con totale autonomia e responsabilità.
Livello C Super
Assistente a persone non autosufficenti (non formato).
Livello D
Collaboratori familiari che, in possesso dei necessari requisiti professionali, ricoprono specifiche posizioni di lavoro caratterizzato da responsabilità, autonomia decisionale e/o coordinamento.
Livello D Super
Assistente a persone non autosufficenti (formato). Svolge mansioni di assitenza a persone non autosufficenti, ivi comprese, se richieste, le attività connesse alle esigenze del vitto e della pulizia della casa ove vivono gli assistiti.


Orario di lavoro

Nel lavoro a tempo pieno l'attuale durata normale dell'orario di lavoro è concordata tra le parti e comunque con un massimo di:
10 ore giornaliere non consecutive, per un totale di 54 ore settimanali per i lavoratori conviventi.-
8 ore giornaliere non consecutive, per un totale di 44 ore settimanali per i lavoratori non conviventi.-
Il lavoratore ha diritto ad un riposo di almeno 8 ore consecutive nella giornata e ad un ulteriore riposo intermedio di almeno 2 ore da fruirsi nelle ore pomeridiane.-


Riposo settimanale

Il riposo settimanale è di 36 ore e deve essere goduto per:
  • 24 ore di domenica (o altra giornata stabilita nel contratto di assunzione). Questo riposo è irrinunciabile. In caso di richiesta di prestazione lavorative per esigenze imprevedibili le ore vanno retribuite con la maggiorazione del 60% sia per i lavoratori non conviventi che per i lavoratori conviventi.-
  • 12 ore in qualsiasi altro giorno della settimana. Qualora fossero richieste prestazioni lavorative nel giorno fissato, il riposo può essere goduto in altro giorno della settimana (in assenza di recupero le ore lavorate vanno retribuite con la maggiorazione del 40% sia per i lavoratori non conviventi che per i lavoratori conviventi).- 

Lavoro straordinario

Personale non convivente:
E' compensato con una maggiorazione del:
  • 10% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno compreso tra le 40 e le 44 ore settimanali.- 
  • 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).- 
  • 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).- 
  • 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo o in giorno festivo infrasettimanale.- 

Personale convivente:
E' compensato con una maggiorazione del:
  • 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).- 
  • 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).- 
  • 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo stabilito e nelle festività infrasettimanali.- 
  • 40% per le ore di lavoro prestate nella mezza giornata di riposo (mancato riposo).- 

Scatti di anzianità

Per ogni biennio di servizio presso lo stesso datore di lavoro spetta al lavoratore un aumento pari al 4% sulla retribuzione minima contrattuale, per un massimo di 7 scatti.-

Festività

1° gennaio - 6 gennaio – lunedì di Pasqua – 25 aprile – 1° maggio – 2 giugno – 15 agosto – 1° novembre – 8 dicembre – 25 dicembre – 26 dicembre – S. Patrono. In queste giornate il lavoratore ha diritto al completo riposo e alla retribuzione normale. Se una delle festività sopra elencate coincide con la domenica o nel giorno di riposo stabilito, il lavoratore ha diritto al recupero del riposo in altra giornata o, in alternativa, al pagamento di 1/26 della retribuzione. Se invece è lavorata è dovuto, oltre alla normale retribuzione giornaliera il pagamento delle ore lavorate maggiorate del 60%.


Ferie

Indipendentemente dalla durata dell'orario di lavoro, per ogni anno di servizio il lavoratore ha diritto a 26 giorni lavorativi di ferie se la distribuzione dell'orario di lavoro settimanale è su 6 giorni (occorre proporzionare se i giorni lavorativi sono inferiori a sei). La retribuzione dei giorni di ferie è maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto se dovuto. Le ferie non possono essere monetizzate (salvo i giorni non goduti che residuano alla cessazione del rapporto di lavoro).-

Malattia

L'art. 26 del C.C.N.L. inerente la retribuzione della malattia delle colf e/o badanti.Come primo dovere, il datore di lavoro, una volta ricevuto il certificato medico entro 2 giorni dall'inizio della malattia fatto emettere dal lavoratore entro il giorno successivo al verificarsi dell'evento, avrà l'obbligo di mantenere il posto di lavoro per un periodo di tempo variabile in base all'anzianità di servizio della colf e /o badante, sia questa convivente che non convivente. Il periodo di conservazione del posto di lavoro è pari a:
  • 10 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica (sia convivente che non convivente) con anzianità inferiore a 6 mesi;
  • 45 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica con anzianità di servizio compreso tra i 6 mesi ed i 2 anni;
  • 180 giorni di calendario (incluse le domeniche) se l'anzianità di servizio della colf è superiore a 2 anni.

Oltre l'obbligo di mantenimento del posto di lavoro, il datore di lavoro è poi obbligato a remunerare la malattia garantendo un salario coincidente al 50% della retribuzione globale di fatto per i primi 3 giorni di calendario e pari al 100% della retribuzione globale di fatto per un numero di giorni pari a:
  • 8 giorni complessivi nell'anno per anzianità di servizio inferiore a 6 mesi;
  • 10 giorni complessivi di calendario nell'anno per anzianità di servizio compresa tra 6 mesi e 2 anni;
  • 15 giorni complessivi di calendario nell'anno per contratti di lavoro con anzianità di servizio superiore a 2 anni.


Tredicesima mensilità

Al lavoratore spetta una mensilità aggiuntiva, pari alla retribuzione maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto. Per colf e badanti conviventi la tredicesima mensilità è pari allo stipendio mensile + vitto e alloggio e per il 2012 è pari a 132,60 euro (5,19 al giorno x 26 giorni).-


TFR (Trattamento di fine rapporto)

Deve essere liquidato al termine del rapporto di lavoro e indicativamente corrisponde ad una mensilità per ogni anno di servizio prestato.-
Una volta stabilità qual è l'anzianità maturata dalla lavoratrice, si passa al calcolo vero e proprio.
  1. Il primo passo consiste nel determinare la somma pagata nel corso dei singoli anni, comprensiva della tredicesima e delle indennità di vitto e alloggio per le colf conviventi o che consumano in casa uno o più pasti. 
  2. L'importo della retribuzione annuale, diviso per 13,5, rappresenta la quota annuale da accantonare per il trattamento di fine rapporto. 
  3. Le singole quote annuali vanno rivalutate con degli appositi coefficienti dati dalla somma di due indici di cui:
    • il primo è pari al 75% dell'aumento del costo della vita accertato dall'Istat per gli operai e gli impiegati;
    • il secondo è dato da una percentuale fissa pari all'1,50% all'anno (0,125% al mese).

Preavviso per Licenziamento o Dimissioni

Il rapporto di lavoro domestico può cessare per libera volontà del lavoratore e del datore di lavoro.

Non c'è necessità di motivare l'interruzione del rapporto di lavoro, ma deve essere concesso un termine di preavviso, che varia a seconda che il rapporto di lavoro sia superiore od inferiore a 24 ore settimanali, ed all’anzianità di servizio presso il datore di lavoro. Le parti possono regolare tra di loro questi termini, che però non possono comunque essere inferiori a quelli stabiliti per legge.
In caso di licenziamento, se il lavoratore è impegnato per oltre 24 ore settimanali e ha maturato fino a cinque anni di anzianità presso lo stesso datore di lavoro, il termine di preavviso deve essere almeno di 15 giorni di calendario. Il termine deve essere di almeno 30 giorni se gli anni di anzianità sono oltre i cinque.

Se invece il rapporto di lavoro è fino a 24 ore settimanali il preavviso dovrà essere pari ad 8 giorni di calendario, fino a due anni di anzianità e 15 giorni di calendario, oltre i due anni di anzianità.
Nel caso di dimissioni da parte del lavoratore i termini sono ridotti del 50%.


Presenza Notturna

I lavoratori assunti per garantire esclusivamente la presenza notturna (e non l’assistenza o cura) rappresentano una categoria a sé.
Le prestazioni di presenza notturna sono quelle effettuate in una fascia oraria notturna interamente ricompresa tra le ore 21.00 e le ore 8.00 e prevedono che il datore di lavoro metta a disposizione del lavoratore un alloggio idoneo per il completo riposo notturno.
Questo tipo di prestazioni vengono inquadrate in una categoria specifica di lavoro domestico, la "presenza notturna", che ha un parametro retributivo specifico (Tabella E, Presenza notturna).
Nel contratto di lavoro dovranno essere indicata la categoria di prestazioni ("prestazioni notturne") e l'ora d'inizio e quella di cessazione dell'assistenza.
Qualora venissero richieste al lavoratore prestazioni diverse dalla mera presenza, queste non saranno considerate lavoro straordinario, bensì retribuite aggiuntivamente sulla base delle retribuzioni previste per i lavoratori non conviventi, come da Tabella C, con le eventuali maggiorazioni contrattuali e limitatamente al tempo effettivamente impiegato.


Assistenza Notturna

È possibile assumere personale non infermieristico perché resti a disposizione durante la notte e presti assistenza in caso di bisogno.
Questo tipo di personale viene inquadrato in una categoria specifica di lavoro domestico, "assistenza notturna", che prevede come mansioni “discontinue prestazioni notturne di cura alla persona”.
La categoria di assistenza notturna viene retribuita secondo dei parametri specifici.
Per essere inquadrata come “discontinue prestazioni notturne di cura alla persona”, l’assistenza prestata deve avere carattere di discontinuità: prevede infatti attesa, ma non sempre assistenza. Il lavoratore si obbliga perciò a garantire al datore di lavoro la propria disponibilità allo svolgimento di prestazioni di assistenza in modo discontinuo o intermittente e in un arco di tempo predefinito: la fascia oraria notturna.
Diverso è invece il caso di prestazioni esclusivamente di attesa - e non di cura, nemmeno discontinua. In questo caso, la prestazione viene inquadrata in una categoria diversa, appunto di "presenza notturna".
Si qualifica come "assistenza notturna" il lavoro prestato in una fascia oraria notturna interamente ricompresa tra le ore 20.00 e le ore 8.00.
Il datore di lavoro dovrà a tal fine provvedere all’assistente un’idonea sistemazione per la notte, qualora non fosse convivente, oltre alla cena e alla colazione.
Al personale convivente dovranno essere in ogni caso garantite undici ore di riposo consecutivo ogni ventiquattro ore.
Nel contratto di lavoro dovranno essere indicate l’ora d’inizio e quella di cessazione dell’assistenza e il suo carattere di prestazione discontinua.
Le “discontinue prestazioni notturne di cura alla persona” hanno dei parametri specifici di remunerazione. Fanno infatti riferimento alla TABELLA D dei minimi retributivi previsti per legge.
In particolare, nel caso in cui l’assistenza notturna riguardi soggetti autosufficienti (bambini, anziani, portatori di handicap o ammalati), la badante verrà inquadrata nel livello B super.
Nel caso in cui l’assistenza TABELLA riguardi soggetti non autosufficienti, la badante verrà inquadrata nel livello C super (se non formata) o D Super (se formata).


MINIMI SALARIALI ANNO 2015

LivelloConviventi - Paga MensileNon Conviventi - Paga Oraria
A620,254,51
AS733,035,32
B789,415,64
BS845,805,98
C902,206,32
CS958,586,63
D1.127,747,67
DS1.184,128,00

Presenza notturna livello unico euro 651,27.-
Assistenza notturna
Livello BS Assistenza a persone autosufficienti euro 972,67.-
Livello CS Assistenza a persone non autosufficienti (non formato) euro 1.102,36.- (7,20 x ora)
Livello DS Assistenza a persone non autosufficienti (formato) euro 1.361,75.- (869 x ora)

Vitto e AlloggioValore GiornalieroValore Mensile
Pranzo e prima colazione1,8956,70
Cena1,8956,70
Alloggio1,6549,50
Totale5,43162,90



CONTRIBUTI ORARI DEL 2015

Rapporti di lavoro a tempo indeterminato:

a) Orario fino a 24 ore settimanali
Retribuzione oraria effettiva fino a 7,86 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,39 (0,35)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,40 (0,35) 
Retribuzione oraria effettiva da 7,87 a 9,57 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,57 (0,39)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,58 (0,39)
Retribuzione oraria effettiva oltre 9,57 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,91 (0,48)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,92 (0,48)
b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,00 (0,25)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,00 (0,25)

*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari

Rapporti di lavoro a tempo determinato:

a) Orario fino a 24 ore settimanali
Retribuzione oraria effettiva fino a 7,86 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,49 (0,35)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,50 (0,35) 
Retribuzione oraria effettiva da 7,87 a 9,57 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,68 (0,39)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,69 (0,39)
Retribuzione oraria effettiva oltre 9,58 
  • con CUAF Contributo orario euro 2,04 (0,48)
  • senza CUAF Contributo orario euro 2,06 (0,48)
b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,08 (0,25)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,09 (0,25)

*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari



Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

170 commenti:

  1. Buonasera gentile avocato Maria , faccio la badante da due ani 24 su 24 con una signora non autosufficiente che sta nel caruzino , il mio contratto è con livello AS E HO UN STIPENDIO DI 1,100euro al messe compreso tutto ho solo due ore al giorno senza un giorno di festività , anzi nemeno queli 2 ore nn esco solo qualche volta , però quando vengono suoi nipoti mi Fano uscire il sabato daLe 14 fine 18 o 19 ..vorrei sapere da lei che contrato di lavoro prevede per questo lavoro: stipendio , livello e tutti altri diritti che mi si aspettano , poi un giorno di festa quanti ore vale? Perché io o visto nella busta paga per mese di dicembre la festività solo 4ore .e possibile ? Grazie mille avocato per la vostra pagina che tanti badanti ci svegliamo ala nostra ragione..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la signora è non autosufficiente, Tu devi essere inquadrata al livello C super che prevede una retribuzione di 958,58 euro mensili + 13/ma + TFR + 26 giorni di ferie + contributi, per un orario di lavoro di 54 ore settimanali, cioè 10 ore al giorno di lavoro dal lunedì al venerdì + 4 ore il sabato mattina, quindi il sabato pomeriggio e la domenica liberi.-
      Ti consiglio eventualmente di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  2. Buongiorno avvocato,
    Lavoro come badante convivente.Non ho la residenza.Il mio datore di lavoro non vuole farmi la residenza.Vorrei sapere se in questo caso sono obligata di fare la dichiarazione di redditi.
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Tu sei obbligata a presentare a presentare la dichiarazione dei redditi a prescindere dalla residenza.-

      Elimina
  3. Buonasera avvocato, le vorrei chiedere un chiarimento. Dovrei assumere una badante per mia madre di 90 anni, invalida con impossibilità di deambulare senza aiuto permanente di un accompagnatore (L.508/88) ma abbastanza autosufficiente grazie ad una carrozzella elettrica che le permette di muoversi autonomamente. E' regolare se la assumo come BS rinunciando a tutti i benefici fiscali previsti per livello CS ? Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco!
      Purtroppo NO!
      Se Tua madre percepisce l'indennità di accompagnamento perché è ritenuta invalida al 100% con impossibilità di deambulare senza l'aiuto permanente di un accompagnatore, devi inquadrare la badante al livello CS.-
      Tieni presente che le badanti accettano quasi sempre di essere inquadrate a un livello inferiore rispetto a quello spettante, ma poi alla cessazione del rapporto di lavoro in molte aprono una vertenza per il recupero della differenza di retribuzione.-

      Elimina
  4. Salve avvocata sono Valentina vorei informarmi cosa devo avere per pensione.Sono rumena ho 5 anni di contribute sono nata 14.03.1951 grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valentina!
      Per la pensione di vecchiaia servono almeno 20 anni di contributi, mentre per l'assegno sociale bisogna rientrare nei limiti di reddito personale e coniugale, bisogna avere 65 anni d'età ed almeno 10 anni di residenza in Italia.-

      Elimina
  5. buonasera avocato prima di tutto voglio ringraziarla per le sue risposte precise, per la sua passienza. Io lavoro come badante, Sono stato 45 giorni nel mio paese di origine. Dovevo rinovare il passaporto. La domanda e per questi giorni il TFR non sara calcolato, e neanche la anzianita sara spostata per esempio al posto di 21 aprile sara spostato 6 giunio 2016 ?grazie anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      Purtroppo SI!
      Se per andare nel tuo Paese di origine hai preso un periodo di aspettativa non retribuita, per i 45 giorni viene sospesa ogni indennità quindi sia la paga che il TFR che gli scatti di anzianità.-

      Elimina
  6. Buongiorno Avvocato,
    in procinto di stipulare un contratto CS con una signora che dovra' fare da badante a mio padre non piu' autosufficiente le chiedo se per accordo delle parti le 12 ore libere possono essere frazionate giornalmente anziche' usufruite tutte insieme... inserendolo in contratto grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      La badante ha diritto a una giornata e mezzo a settimana di riposo, e per legge le 12 ore libere non possono essere frazionate giornalmente.-

      Elimina
  7. Buonasera avocato, vorrei sapere cosa significa , se come mi arriva la busta paga su nel angolo destro e scrito: primo scato dal 01 06 2013, ultimo scato 01 06 2015 vol dire che contrato è solo per questo periodo ? Perché nel contrato non è scrito indeterminato? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è problema!
      Si tratta solo di scatti di anzianità, cioè un aumento del 4% della paga che sono previsti dal contratto ogni due anni di lavoro.-

      Elimina
  8. Salve gentile avocato vorei sapere chi deve trovare la persona sostitutta cioe la badante, io devo andare in ferie in mese di agosto. La mia signora mi chiede sempre se ho trovato la badante? Mi sambra che e compito di datore di lavoro a cercarla. grazie per la risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Trovare la sostituta è compito del datore di lavoro e non della lavoratrice, quindi tu devi solo comunicare alla tua signora quando vuoi andare in ferie con un certo anticipo, in modo che abbia il tempo di trovare eventuali soluzioni alternative.-

      Elimina
  9. BUON GIORNO gentile avocato io lavoro come colf messa in regola da 1anno e mezzo vorei sapere ho il diritto al bonus 80 euro mensile?? che documentazione si deve fare e come arivano i soldi? GRAZIE MILLE per la risposta .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ha diritto al bonus di 80 euro solo se si supera il limite di reddito di 8.000 euro, e nel caso delle colf e delle badanti il recupero può essere effettuato solo con la dichiarazione dei redditi.-

      Elimina
  10. Salve ho CI italiana con matrimonio se un giorno vorei tornare nel mio Paese de origine cosa devo fare.Ho dirito de andarmi e tornare a eta de vechiaea a fare tutte le carte necesario perprindere pensione italiana. Ho 10 anni di contribute e residenta sono nata 22.01,1959. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il diritto alla pensione di vecchiaia sono necessari almeno 20 anni di contributi versati all'INPS.-
      Se raggiungerei il requisito dei 20 anni, la pensione di vecchiaia potrai percepirla sia in Italia che se ritorni nel tuo Paese di origine, senza problemi.-

      Elimina
  11. salve avvocato,
    le provo ad inquadrare la mia situazione, sono infermiera però lavoro in una casa privata/casa di riposo e sono assunta con contratto di lavoro domestico livello ds. a parte il fatto che con la mia qualifica non credo sia il contratto corretto per me, comunque il mio problema è che sono in maternità. il mio datore di lavoro ha fatto richiesta al dtl di lavoro a rischio e sono rimasta a casa da subito. ho inviato al richiesta all'inps di anticipata, sto ancora aspettando risposta ma un'operatrice dell'inps mi ha già comunicato che non mi accetteranno la domanda in quanto secondo il mio contratto io posso avere l'anticipata solo se ho una gravidanza con patologia (possibilità a) e non per lavoro a rischio (b e c). risulta anche a lei? se è così mi può dare un riferimento della legge dove c'è scritto questo o dove nel contratto. la ringrazio molto per l'eventuale risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è problema!
      Se il Tuo datore di lavoro ha attestato che l'attività lavorativa non è compatibile con lo stato di gravidanza, la domanda di maternità anticipata non può essere respinta, e non devi quindi preoccuparti di comunicazioni verbali fatte da persone non sempre competenti in materia.-
      Ti consiglio pertanto di attendere una comunicazione scritta, o se proprio non sei tranquilla di recarti personalmente alla sede INPS di zona per verificare lo stato della Tua pratica, evitando conversazioni telefoniche.-

      Elimina
    2. la ringrazio, pare siano sorti altri problemi. il primo che un consulente mi ha fatto notare che in busta paga sotto mansione c'è il codice YF05 - infermiera, ma mi spiegava che con questo codice sono rappresentati gli operatori socio sanitari e di conseguenza lavoratori dipendenti, invece io ho un contratto da colf. io posso rivalermi su questa cosa? è sbagliata o possono farla? inoltre andando all'inps mi hanno detto che al di la che io ho maturato i 52 contributi negli ultimi due anni in un altro tipo di lavoro per avere la maternità devo per forza avere i 26 contributi di cassa colf. le risulta? mi scuso se la disturbo ancora ma è da mesi che sto cercando di capire quale sia il problema per questa mia maternità.

      la ringrazio

      Elimina
    3. L'indennità di maternità
      Durante il periodo di assenza obbligatoria la lavoratrice ha diritto all'indennità di maternità pagata dall'Inps, pari all'80 % del salario convenzionale sul quale sono versati i contributi orari. Nel calcolo dell'indennità sono considerati solo i periodi di lavoro svolti come lavoratrice domestica. Le lavoratrici domestiche hanno diritto alla tutela economica della maternità solo se:
      - nei 24 mesi precedenti il periodo di astensione obbligatoria risultano versati a loro carico (o dovuti) 52 contributi settimanali, anche se relativi a settori diversi da quello del lavoro domestico;
      o, in alternativa
      - nei 12 mesi precedenti l'inizio dell'astensione obbligatoria risultano versati a loro carico (o dovuti) almeno 26 contributi settimanali, anche in settori diversi da quello del lavoro domestico.

      Elimina
  12. Salve avvocato
    Vorrei sapere se e regolare un contratto di 25 ore settimanali con 800 euro al mese compreso ferie, tfr e tredicesima. La persona e autosufficiente, orario di lavoro dalle 8 alle 17.......ciao victoria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Victoria!
      I conti non mi quadrano!
      Un orario di lavoro dalle 8 alle 17 non è compatibile con un contratto di 25 ore settimanali, a meno che tu non lavori solo 3 giorni alla settimana.-

      Elimina
  13. Quante volte può essere prorogato il contratto di una colf?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna Grazia!
      Purtroppo non c'è un limite di legge per le proroghe di un contratto di una colf o badante.-

      Elimina
  14. Ciao gentile avocato vi voglio fare una domanda da parte di mia amica che non ha il computer .Lei ha conseniato i documente per la citadinanza ha 11 ani lavorati in Italia,aspetta la conferma di due ani, quanto deve ancora aspetare Se secondo la lege uno deve ricevere la citadinanza dopo 10 ani perche la lege non funcziona? A chi si deve rivolgee? Ho de le amici in Irlanda e dopo ani stabiliti dela lege anno conseniatto i documente e dopo 2 mese ano ricevuto la citadinanza. Perche in Italia nesuno non e interesato a rizolvere questa problema respetare la lege?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per legge l'iter burocratico per la concessione della cittadinanza italiana dovrebbe concludersi entro 2 anni, ma purtroppo attualmente sono necessari almeno 3 anni, quindi la Tua amica può solo provare a sollecitare la sua pratica in Questura.-

      Elimina
  15. Ciao,avocato!
    Sono Georgia.ho 24 anni che dal 1 agosto 2010 lavoro per una famiglia che adesso a 3 bambini.quando o iniziato i bambini erano 2 e prendevo 700€ per il primo anno,poi 750 e dopo che e arrivato il terzo bimbo,nel 2013, prendo 850€. Lavoro 11 ore al giorno,dal lunedi al venerdi.guardo i bambini,li porto al nido,li riprendo,lavo ,stiro ,cucino,facio la spesa,pulizie,insomma tutto quello che c'è da fare dentro casa loro.quale sarebe il giusto che mi spetta,dato che vorrei licenziarmi?Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Georgia!
      Per un livello B la paga prevista dal contratto colf e badanti è pari a 5,64 euro all'ora + 13/ma + TFR + 26 giorni di ferie + contributi.-

      Elimina
  16. Ciao avvocato ho trovato un lavoro della 14 alle 8 di matina volio sapere che contracto mi deve fare e con quante ore a septimana lei no camina pure la note mi alzo per cambiare panolone e la matina viene altra ragazza per stare con lei fine allec14 io della 8 fine alle 14 sono libera grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucia!
      Il contratto di colf e badanti prevede un orario massimo di 54 ore settimanali e può essere o solo di giorno o solo di notte.-

      Elimina
  17. CIAO AVVOCATO!IO SONO UNA BADANTE RUMENA CHE LAVORO 24/24 CON UN CONTRATTO DI 30 ORE SETTIMANALI(ASISTENZA PER UNA PERSONA AUTOSUFFICIENTE QUANDO CE BISOGNA),DOVE CE SCRITTO CHE MI SI OFFRE UNA STANZA,VITO E ALLOGGIO,L ANNO SCORSO E VENUTA ANCHE MIA FIGLIA E ABITA INSIEME CON ME,IO CE LO LA REZIDENZA DEFINITIVA,HO UNA CARTA DAL QUESTURA DOVE SONO INSCRITTA COME OSPITE IN QUESTA CASA PER LAVORO,HO CAPITO CHE IO SONO INCLUSA ANCHE IN NUCLEO FAMILIARE DEL NONNO CHE L HO ASISTO..LA MIA DOMANDA E:COME POSSO PRENDERE LA MIA FIGLIA IN CARICO,SONO ANDATA L AGENZIA DE ENTRATE IO FATTO CODICE FISCALE A MIA FIGLIA A QUESTO INDIRIZIO DOVE ABITIAMO,CE LO ANCHE LA CARTA DI IDENTITA ITALIANA CON LO STESSO INDIRIZIO E VOLEVO SAPERE SE POSSO FARE ANCHE PER MIA FIGLIA LA CARTA DI IDENTITA ,LEI NON E MINORENE HA 19 ANNI,NON HA IL MIO COGNOME PERO HA IL CERTIFICATO DI NASCITA DI DOVE RESULTA CHE SONO SUA MADRE...POSSO FARE TUTTE QUESTE COSE O NON POSSO?O BISOGNA PRENDERE UN AFFITTO,CHE MI CONSIGLIATE?O DOVE POSSO ANDARE A CHIEDERE?A COMUNE O DOVE? VI RINGRAZIO E VI AUGURO UNA BUONA SERATA!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Tuo contratto prevede vitto e alloggio, ma non prevede l'estensione dell'alloggio ai familiari, quindi per poter richiedere la carta d'identità per Tua figlia devi trovarti una casa in affitto.-

      Elimina
    2. Grazie mille,dottore!

      Elimina
  18. Buona sera vedo che siete molto gentile con tutti ho deciso a chiedere anche io .quando portro andare in pensione e quae pensione posso ottenere se la ricciesta parte da Italia,io vengo dalla Bulgaria li ne ho 28 anni e 10 mesi con contributi,qui in Italia ne ho 7 anni con contributi (1 anno come disoccupata) sono nata maggio 1952 .Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      Essendo nata a maggio del 1952, con 35 anni di contributi versati complessivamente, potrai andare in pensione di vecchiaia al compimento dei 66 anni + 7 mesi d'età, quindi a gennaio del 2019.-

      Elimina
  19. buon giorno,per la gentileza vostra si mi potteti aiutare a capire una cosa.o lavorato come badante pero in mio contratto era scrita colf superiore C con 25 ore settimanale dal 20.05.2009 fino al 28 .02.2015 quando il mio datore di lavoro e decedutto(106 anni)ho fatto domanda di disocupazione il 3.03.2015 per aspi,e stata respinta,perche?dopo 5 anni di lavoro consecutivi , sempre in questi anni o avuto contrarato con altra ditta per pulire la posta italiana ,per 4 anni con un orario di 6 ore mensile i contributti sono stati pagati del mio datore di lavoro dove o fatto badante di 1350 euro al anno,ce lo le ricevute,che devo fare?posso fare ricorso al inps?vi prego aiutatemi.come che altri che fanno lavoro stagionale hanno diritto di aspi,e io dopo 6 anni giorno e notte,perche ubidire una persona non autosuficiente,in la sedia rottele non e faccile a la eta respettabile che lo fatto arrivare.grazie mille dottore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      Se la domanda di ASPI è stata respinta, nella relativa comunicazione scritta dell'INPS deve essere indicata anche la motivazione, quindi devi ritornare al patronato che ti ha presentato la domanda per verificare se nel Tuo caso ci sono i presupposti per un ricorso.-

      Elimina
  20. Salve sono polaca mi voglio informarmi a quale etta andro in pensione di vecchiaia sono nata il 25.03.1963 .Grazie Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      Essendo nata a marzo del 1963, potrai andare in pensione di vecchiaia al compimento dei 68 anni + 5 mesi d'età, quindi a settembre del 2031.-

      Elimina
  21. Salve gentile avocato grazie tanti per le vostre risposte.Vi porgo una domanda io sono arrivata in Italia con il contratto stagionale ho lavorato legalmente con permesso stagionale poi ho aspettato la legge flucs quindi ho ricevuto il permeso che poi lo rinovatto. Adesso lavoro con il permesso a tempo indeterminato. Quando andro in pensione quelle messe sarano presse in considerazione con il permesso stagionale? perche io prima di legge fluss ho lavorato in nero un ano e mezo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Tua pensione verrà calcolata i base ai contributi versati all'INPS, e questo significa che il periodo che hai lavorato in nero non conterà ai fini pensionistici.-

      Elimina
    2. Grazie mile per la vostra risposta intendevo se ali ani maturati per la pensione sarano prese in considerazione con altri parole contegiati le mese lavorati con contrato stagionale. Io so che lavorando in nero non se ha dirito a nesun calcolo dato che non sono stati pagati i contributi.Comunque grazie mile per la vostra risposta e buon lavoro.

      Elimina
    3. SI!
      Ai fini pensionistici contano anche i contributi versati con contratto di lavoro stagionale.-

      Elimina
  22. Salve avvocato,prima di tutto voglio ringraziarla per tutte le informazioni che ci da e per il tempo che ci dedica!
    Vorrei avere dei chiarimenti...
    Faccio la badante per una signora di 93 anni autosufficiente da circa 5 mesi:
    mi hanno fatto un contratto BS di 30 ore + vitto e alloggio non convivente.
    Proprio su questo sito ho letto che io avrei diritto a 36 ore di riposo più 2 ore tutti i giorni,cosa che fino ad oggi non ho mai fatto visto che sono sempre qua,e faccio 18 ore a settimana di riposo divise in: giovedì dalle 14,00 alle 20,00 e domenica dalle 09,00 alle 21,00.
    Tutto questo è giusto?ED eventualmente posso farmi retribuire le ore in più effettuate?
    A parte questo ho chiesto all'avvocato di sostegno se poteva aggiungere una presenza notturna visto che la signora nella notte si alza spesso ed ha bisogno di aiuto mi hanno detto che ci penseranno...ma nell'eventualità potrebbe illuminarmi su quali sarebbero i miei corretti orari di lavoro e quando la presenza notturna dovrebbe avere riposo perchè sinceramente non ci sto capendo molto!
    Nell'attesa di un suo riscontro cordialmente la saluto!
    Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mary!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Con un contratto di 30 ore a settimana, per legge devi lavorare solo 30 ore settimanali e per il resto sei libera da ogni impegno con il Tuo datore di lavoro, Ti consiglio quindi di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  23. Salve ,,,vorrei sapere le giorni di festività che ci so 12 al ano quanti ore ci sono nel tutti questi giorni,, 48,,,, o 288 ore ,,grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende dalle ore lavorative contrattuali!
      In pratica se si lavora 4 ore al giorno una festività sono 4 ore mentre se si lavora 10 ore al giorno la festività sono 10 ore.-

      Elimina
    2. Salve... Mi sono spiegata malle... Scusa faccio la badante 24 su 24 e nel contrato ho 4 ore e la nipote dela vechia voglia che il giorno di festività di uscire solo 4 ore no 24 ,,,giorno intero,,,grazie

      Elimina
    3. Se il contratto è per 4 ore giornaliere mentre fai la badante 24 ore su 24, vuol dire che lavori in parte in nero, quindi è solo una questione tra te il tuo datore di lavoro, in quanto per legge non hai diritto ad alcun tipo di tutela per le ore di lavoro che non risultano nel contratto.-

      Elimina
  24. Buongiorno Avvocato,
    ho assunto dal 1° Aprile 2015 una badante convivente per mia madre (autosufficiente), che abbiamo inquadrato comunque con contratto CS 54 ore settimanali + riposi spettanti come da contratto, la badante ci ha chiesto di rateizzare TFR e 13° mensilmente. Mi domando se devo specificarlo nel contratto stesso o basta l'accordo tra le parti? Tenendo presente che nel cedolino della busta paga verrà specificato tutto voce per voce...... la ringrazio anticipatamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La normativa prevede che la tredicesima con accordo tra le parti può essere pagata mensilmente, ma il TFR no, perché può essere solo anticipato solo alla fine di ogni anno fino ad un massimo del 70% di quello maturato.-

      Elimina
  25. buongiorno Avvocato.ho bisogno di un chiarimento,se gentilmente mi puo aiutare.lavoro come badante,ho ricevuto la lettera di licenziamento 15 giorni di preaviso li devo lavorare dal primo al ultimo o ho il dirito di avere un po di spazio per cercare un altro lavoro?
    grazie mille in anticipo
    Nina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nina!
      SI!
      Per contratto devi lavorare fino alla scadenza del preavviso, ma hai diritto a delle ore o dei giorni di permesso per cercarti un altro lavoro.-

      Elimina
    2. buongiorno gentillissimo Gianfranco,la ringrazio.
      ho un altra domanda:se io mi trovo un lavoro prima della scadenza del preaviso i giorni che rimangano vengono pagati lo stesso ho sono senza retribuzione,?
      per spiegarmi meglio:la scadenza e il giorno di 3 maggio-si come io vorei andarmi il 1 maggio il datore di lavoro questi tre giorni ha detto che non mi li paga e giusto cosi?
      grazie mille Nina

      Elimina
    3. Ciao Nina!
      SI!
      E' giusto!
      Se il tuo rapporto di lavoro cessa il 30 aprile, hai diritto alla retribuzione solo fino al 30 aprile.-

      Elimina
    4. buongiorno Gianfranco mi fa molto piacere che ci sono ancora delle belle persone come Lei.grazie infinite per le risposte.
      Nina

      Elimina
    5. Ciao Nina!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  26. Buongiorno gentile Gianfranco ho una domanda come funcziona con le buste page? Quanti esemplari deve fare il commercialista,chi deve ricevere in mano la bustaq paga, e perchè io devo firmare ogni mese se non sono d a cordo con i calcoli?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il commercialista deve fare 3 copie di ogni busta paga, delle quali una la trattiene, una va al lavoratore con la firma del datore di lavoro e una resta al datore di lavoro con la firma del lavoratore.-
      Con la firma della busta paga il lavoratore conferma solo di averla ricevuta, quindi se ci sono degli errori può comunque contestarli successivamente senza problemi.-

      Elimina
  27. Salve Signor Censori!
    La mia domanda e questa- spetta noi badanti la liquidazione mensile della quota di TFR maturanda(Art.1,comma 26,legge 23 dicembre 2014,n.190) o si tratta solo di dipendenti in aziende?

    La ringrazio cordialmente !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      La liquidazione mensile del TFR è prevista solo per i dipendenti di aziende e non per i lavoratori domestici, che però possono richiedere a dicembre di ogni anno il 70% del TFR maturato.-

      Elimina
  28. Buonasera, sono un datore di lavoro che purtroppo non ha potuto pagare gli ultimi due trimestri di contributi. Ora la badante licenziata, ha chiesto la disoccupazione e mi ha detto che l'inps non gliela corrisponde in quanto non sono stati versati i contributi. Ma è così?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Fino a quando Tu non provvederai al pagamento dei contributi dovuti all'INPS, la badante non potrà percepire l'indennità di disoccupazione.-

      Elimina
  29. Buona sera,mi chiamo Andrea.Vorrei chiedere:
    dopo licenziamento 23/12/2013 ho avuto disoccupazione per 8 mesi ultima ho preso il:30/09/2014 dopo di che 24/11/2014 sono stato assunto come colf,per il momento mi hanno pagato 4 mesi di contributi dopo licenziamento mi aspettano disoccupazione?oppure dopo 6 mesi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Andrea!
      SI!
      Dopo il licenziamento avrai diritto alla disoccupazione che però durerà solo la metà delle settimane lavorate nell'ultimo anno.-

      Elimina
    2. Ciao Andrea!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  30. Buongiorno,avvocato!Ho una domanda speciffica guardando la legge nuova per disoccupazione.Nell,ultimi quatro anni io ho lavorato come badante 24 su 24 sempre in una famiglia tre anni interi fino a luglio 2014,poi 3 mesi di pausa senza nessun contratto e dall,ottobre 2014 mi hanno cambiato il contratto in trimestrale,cioe per l,ultimo anno dall,luglio 2014 fino luglio 2015 avro solo 6 mesi lavorativi con 54 ore settimanale contribuitivi sempre nella stessa famiglia...la mia domanda e-che diritti ho secondo la nuova legge e come si calcola retribuzione mensile se vado in disoccupazione.Grazie e cordiali saluti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La NASPI potrà durare al massimo fino alla metà delle settimane lavorate negli ultimi 4 anni, e l'importo per i primi 4 mesi è pari al 75% della media delle retribuzioni e verrà ridotta progressivamente nella misura del 3% al mese a partire dal quinto mese.-
      Purtroppo però per i lavoratori domestici i calcolo non viene fatto sulla retribuzione mensile che risulta in busta paga ma in base ai contributi versati all'INPS, e l'indennità è quindi inferiore rispetto ai lavoratori dipendenti di aziende.-

      Elimina
  31. Salve avvocato!!! Io lavoro 8 ore come baby-sitter di lunedì a venerdì, ho un stipendio di 800€. La domanda e quanto sarebbe il pago per il due giorni festivi di aprile??? Vorrei sapere come,si fa queste calcolo??? Grazie mille...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il calcolo da fare nel tuo caso è il seguente:
      Euro 800 : 4,33 = 184,75 : 5 = 36,95 euro che è la retribuzione giornaliera.-
      Euro 36,95 x 160% = euro 59,12 che è la retribuzione per un giorno festivo lavorato.-

      Elimina
  32. Salve,avvocato!lavoro come badante 24/24 e ,,ho un contratto a tempo indeterminato come domestica con ore sett30,, il stipendio di 750eur,!e assisto una signora non sufficiente ,,dal 2007 ,! adesso che vado via ho scoperto che i contributi non sono pagati al inps.solo (01 10 2008,,, 31 12 2008..01 04 2011,,,30 09 2011))e tutti i miei diritti giorni ,liberi ,,ferilai ,,festivi ,,,la tredicesima,,buste paga mai pagati(il sign e comercialista il cugino della sign che assisto che si ocupa di lei ,,con lui ho fatto il contratto )e vorrei sapere come fare per avere qst diritti,la pross sett devo andare via ,non so se ho tempo di andare dal sindicato o ala cgl,,quanto tempo ci vuole ,,come calcolare tutto quello che mi spetta ,,grazie e scusa per l scrittura ,,,,,!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non è così semplice come puoi immaginare!
      Infatti per poter tutelare i tuoi diritti devi avere delle prove e delle testimonianze che devi eventualmente portare in tribunale, quindi i tempi sono lunghi e l'esito è incerto, pertanto se la prossima settimana devi andare via ho paura che dovrai rinunciare ai tuoi diritti.-

      Elimina
  33. Salve da tre anni ho una donna del Ghana con permesso di soggiorno che viene da me per le faccende domestiche solo il venerdì per 4 ore e la pago 25 euro.Quindi in un mese fa 16 ore per un complessivo di 100euro.Adesso l'ho licenziata premetto che non c'era un contratto,perche' mi ha rubato in casa e'diventata aggressiva ed ho paura di lei. Questa signora pretende una liquidazion einoltre e' stata 2 mesi assente perché e' andata in Ghana ed al suo ritorno ha ricominciato a venire da me il venerdi'.iO sono tenuta a darle una liquidazione?e se e' SI in che misura?Come mi devo comportare.Nel ringraziarla per una sua risposta.porgo cordiali saluti.Io mi chiamo RITA B.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rita!
      Quando si fa lavorare una domestica in nero si evadono tasse e contributi, quindi non si ha diritto ad alcuna tutela, ti consiglio pertanto di andare incontro il più possibile alle richieste della domestica per evitare una vertenza che andrebbe a costarti molto sia in termini economici che di tempo da perdere.-

      Elimina
  34. buongiorno gentile avocato Gianfranco una domanda. Io vado in ferie in mese di agosto , siccome 15 di agosto e un giorno festivo ,io ho calcolato che devo finire le ferie a 2 di settembre ,e giusto? Poi come si calcola i 26 giorni di ferie dato che io lavoro mezo giornata di sabato, perche quando vado in ferie si conta una intera giornata? Grazie mile per la vostra risposta. Perchè nella busta paga non e indicato il giorno quando cominciano le ferie e finiscono cosi non avro questi confusioni?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le ferie spettanti sono pari a 26 giorni lavorativi all'anno, quindi sono escluse dal calcolo le domeniche e le festività infrasettimanali, mentre contano per intero anche i sabati anche se di sabato si lavora solo mezza giornata.-

      Elimina
  35. Ciao Gianfranco la mia domanda e un po delicata mi interessa come si calcola le tasse sul reditto anue. Io ano 2013 ho avuto 12000 euro Ho pagatto 1500 euro tasse, poi anticipo per 2014 , 870 euro . Secomdo le mie calcoli dovevo pagare 1200 euro-. Ho pagatto adizionale regionale Lombardia . No so ne anche quanto devo pagare adezionale Lombardia per 2014 Mi potete consiliare un sito dove posso guardare come si calcolano le tasse . Io le pago senza avere la minima idea come si calcola.Grazie mile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'IRPEF è pari al 23% della quota eccedente gli 8.000 euro d reddito che nel tuo caso se l'attività lavorativa era riferita a tutto l'anno 2013 significava il 23% di 4.000 euro + addizionale regionale + addizionale comunale + anticipo anno 2014.-

      Elimina
  36. Buongiorno, per cortesia un chiarimento: in data 2 maggio lei scrive della Naspi riguardo al lavoro domestico, ma tempo fa, navigando, avevo letto che per i lavoratori agricoli e i lavoratori domestici la Naspi era esclusa, e avrebbero continuato a percepire la ASPI. Mi sa dare informazioni in merito?La ringrazio.Cordiali saluti.Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      Non è vero!
      La NASPI spetterà anche ai lavoratori domestici!
      Naspi 2015: beneficiari ed esclusi
      Il nuovo ammortizzatore sociale è destinato a tutti i lavoratori che hanno perso involontariamente il lavoro. Rimangono esclusi dall’indennità:
      - i dipendenti a tempo indeterminato delle pubbliche amministrazioni
      - gli operai agricoli a tempo determinato o indeterminato.

      Elimina
  37. Sono una colf con 30 ore setimana vitta e aloggio con 845.80con 1 giorno e1/2+2 ore tutti giorni sono 2 persone ansiane e uno con alzaimer entre tra le mie responsabilita a fare la nopte a ospedale e si devi esere pagata quanto viene +mi da in busta paga trf+13 quanto viene se e cosi gentile unaltra domanda e quanto devo pagare la mia parte di contributi a messe e che altri diriti ho gratie cordiali saluti elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena!
      Con un contratto di 30 ore a settimana, per legge devi lavorare solo per le 30 ore previste dal contratto, quindi al di fuori del suddetto orario di lavoro sei libera di fare quello che vuoi, e le eventuali ore in più di lavoro dovresti fartele pagare come straordinari.-
      La Tua quota di contributi è pari a 0,25 euro all'ora x 30 x 4,33 = 32,47 euro al mese.-
      Ti consiglio eventualmente di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  38. Egregio Dott. Censori, qua di seguito ho copiato sia la domanda sia la sua risposta che, mi permetto dire, errata, in quanto l'art. 17 del CCNL prevede che i giorni di festività siano retribuiti con la normale retribuzione ragguagliata ad 1/6 dell'orario settimanale. Quindi nel caso sottoindicato non doveva dividere per 5 ma bensì per 6. La ringrazio per la risposta, sempre puntuale e precisa.

    Anonimo30 aprile 2015 17:54
    Salve avvocato!!! Io lavoro 8 ore come baby-sitter di lunedì a venerdì, ho un stipendio di 800€. La domanda e quanto sarebbe il pago per il due giorni festivi di aprile??? Vorrei sapere come,si fa queste calcolo??? Grazie mille...

    RispondiElimina
    RisposteGianfranco Censori2 maggio 2015 09:32
    Il calcolo da fare nel tuo caso è il seguente:
    Euro 800 : 4,33 = 184,75 : 5 = 36,95 euro che è la retribuzione giornaliera.-
    Euro 36,95 x 160% = euro 59,12 che è la retribuzione per un giorno festivo lavorato.-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La retribuzione va divisa per 5 se sono 5 le giornate lavorative settimanali, mentre va divisa per 6 se sono 6 le giornate lavorative settimanali.-

      Elimina
  39. Buongiorno avocato la ringrazio per le sue risposte. Ho ancora una domanda forse che e un po stupida , ma a me mi fa rabiare. Io ricevo il CUD ogni ano al 28 di febraio vado dal CGL, Uil dove ce un comercialista che mi fa questi calcoli dele tasse. La domenda è perche devo andare per questi calcoli in mese di giunio sempre, perche non mi le fano in mese di aprile, maggio? Poi io lascio i tutti documenti dalla comercialista e sono pronti al fine di luglio. Ma e posibile una cosa di genere. Che devo aspetare 3 mese. Mi sembra che sono piu tranquili quelli che non fano la dichiarazione D.R. Grazie mile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiedo scusa che mi intrometto qui!Lei ha ragione,purtroppo per molti colf e badanti funziona proprio cosi....mi chiedo....perche non si puo fare al primo appuntamento tutti i conteggi e chiudere la ,,facenda''?

      Elimina
    2. Di solito le colf e le badanti devono pagare l'IRPEF o una differenza di IRPEF, quindi non avendo un sostituto d'imposta non è possibile presentare il 730 ma va fatto il Modello Unico che può essere presentato solo dal mese di luglio.-

      Elimina
    3. Grazie gentilissimo avocato :)

      Elimina
    4. avvocato...scusa

      Elimina
  40. La rabia mi fa perdere il pensiero. Cè qualche ufficio dove possono farmi i calcoli in m esei marzo, aprile, maggio?Io voglio veloce pagare i essere libera di questo peso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Di solito le colf e le badanti devono pagare l'IRPEF o una differenza di IRPEF, quindi non avendo un sostituto d'imposta non è possibile presentare il 730 ma va fatto il Modello Unico che può essere presentato solo dal mese di luglio.-

      Elimina
  41. Buon giorno seg Gianfranco.ho una comandă la nuova lege dell 1 maggio 2015. NASPI rigoarda solo a chi e desocupato dall primo maggio ho anchetă prima??? Per esempio quelli quale questo mese ho finito la desocupazione e non ho trovato lavoro???? Grazie mile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      La NASPI riguarda solo chi perde il lavoro dopo il 1° maggio 2015 e non chi ha cessato prima della suddetta data.-

      Elimina
  42. Sono rumena lavoro in regione aosta.lei sa perche le tasse sono cosi grande qui .per modelul unico 2013ho pagato 607e.piu266e anticipo con un cud de 14865.non si fa la diferenza fra il mio cud e 8mila che non sono imonibili e pago solo per 6mila.grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco la Tua domanda!
      Con un reddito lordo annuale inferiore e 8.000 euro non si paga IRPEF mentre con un reddito superiore si paga il 23% di IRPEF + addizionali regionale e comunale - detrazione per lavoro dipendente rapportata al reddito.-

      Elimina
  43. Salve Sgnre. Gianfranco..sono badante asunta x 3 ore al giorno, 15 ore setimanale....ma lavoro fissa con 3 ore libera al giorno pero senza giorno di riposo , mi mensilità è 1,200 euro voglio dire che mi pagano le altre ore a lo nero..ora io vorrey sapere quanto mi devono pagare i giorni festivi Aprile secondo mi mensilità 1,200, ...quanti giorni sono e come si fa il càlcolo per carità mi lo spiega cosi io lo dico a mio datore di lavoro...un'altra domanda vorrey sapere si va bene ser asunta per 3 ore o si me conviene x 5 ore quando faccio mi domanda di desocupazione...è secondo le ore asunte che pagano più x la desocupazione?...li ringrazio tantìssimo sua risposta..Salve.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Victoria!
      Quando si lavora in nero si evadono contributi e tasse, quindi non si ha diritto ad alcuna tutela, tipo indennità di disoccupazione in caso di licenziamento e nemmeno alla pensione alla cessazione dell'attività lavorativa.-
      Questo significa che se il tuo contratto di lavoro non viene trasformato da 15 a 54 ore settimanali è solo una questione tra te e il tuo datore di lavoro fino a quando la Guardia di Finanza non se ne accorge.-

      Elimina
  44. Buongiorno Gent.avvocato! Lavoro 54 ore settimanali con CS, mio riposo è domenica e 6 ore durante la settimana,per avere 12 ore di riposo durante la settimana ,devo ridurre il mio orario di lavoro a 48 ore settimanali o 40 ore? Grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti capisco!
      Il Tuo contratto prevede 10 ore di lavoro al giorno per 5 giorni + 4 ore di lavoro per il sesto giorno e il settimo giorno riposo, quindi in base a quelle che sono le tue esigenze devi far modificare il contratto.-

      Elimina
  45. Buongiorno Avocato Io adesso sono in desoccupazione ,e ho trovato un lavoro di badanta volio chedere quanto messe deve lavorare per prendere questa legge di 1 magio 2015 per desoccupazione ho sentito che 6 mese e vero, e quanto tempo grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai trovato un nuovo lavoro da badante penso che devi accettarlo e cercare di mantenerlo, quindi quello che ti spetterà lo vedremo solo se e quando tu venissi eventualmente licenziata.-

      Elimina
  46. Caro avvocato! Sono andata oggi al CAF per la dichiarazione dei redditi con il Cud di 15190- la somma soggetta a tasse ordinarie ,dopo la detrazione(spese mediche e bonus) mi rimasta da pagare la tassa quasi.....2500 euro,più anticipo di 1200 per anno prossimo! Sono rimasta ....scioccata,è possibile che la tassa viene cosi alta? Grazie caro avvocato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La trattenuta IRPEF è pari 23% fino a 15.000 euro + 27% sulla parte eccedente, alla quale vanno aggiunte le addizionali regionale e comunale, tolte le detrazioni per lavoro dipendente che nel Tuo caso sono pari a 1.555 euro.-

      Elimina
    2. Grazie avvocato! Devo precisare che anno precedente, no ho fatto dichiarazione dei redditi,il reddito nel 2013 era basso( 8 mesi di disoccupazione,poi niente),comunque, mi sembra la tassa un po' alta.....grazie mille!

      Elimina
    3. La tassazione IRPEF è uguale per tutti, quindi è la stessa sia per i pensionati, che per i lavoratori autonomi, che per i lavoratori dipendenti da aziende, che per i lavoratori domestici.-

      Elimina
  47. Buonasera Mi chiamo Mariam ho 26...sig avvocato io lavoro da una signora da metà ottobre del 2014 fino a tutto ora oggi...!!
    Mio problema da quando la signora ha iniziato a stare male i suoi figli pretendevano che le stia sia giorno che notte dietro con un stipendio di 783 euro mensile..Quando ho visto che pretendevano tando quando io dall inizio mi concordata ke stavo la mia notte dalla signora come un favore...ho deciso di andare dal patronato dove abbiamo fatto il contratto...Mi ha spiegato ke a me mi tocca come badante 24ore di avere due ore ke nn loro nn vogliano darmi (solo un ora) e 36 ore di riposo io nel giorno festivo esco alle 8 e entro alle ore 20...la signora dichiara ke nel contratto ke ha la compagnamento dall Inps ke a me come badante mi aspetta 958 se anche autosufficiente...Io quando ho saputo questo sono andata dal mio fattore di lavoro una spiegazione....il suo comportamento e diventato aggressivo per averli detto questo ..Ma preso i miei vestiti e la buttati fuori dall armadio e con voce mi scacciato dicendo ke sono licenziata senza nessun preavviso un decisione presa in quel momento nel cuore di notte...Io ovviamente mi sono difesa chiamando i carabinieri..
    spiegando al loro tutto alla fine ha dato la de cisione a me...Io certamente ho risposto di stare...Xke come mi hanno spiegato se vado via nn mi tocca la disoccupazione !! Per favore mi dica che cosa devo fare ??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mariam!
      Per aver diritto all'indennità di disoccupazione devi essere licenziata, Ti consiglio quindi di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  48. Quando abbiamo cambiato il contratto di 902,02 ovviamente ho chiesto ke le miei notte se sono pagati di stare altrimenti dormo a casa xke la lavoro come tutti le notte..ovviamente mi ha risposto ke oltre a 36ore di riposo di nn farne altri e mi tocca il giorno di fare solo un ora e 10minuti di riposo...!! Mi ha chiesto di quando voglio fare le ferie ovviamente le ho dato una data precisa loro mi hanno detto lo faccio quando vogliano loro....Io le ferie mi servano x il mese di Ramadan sicché l avvisati più di 30giorni anche con i suoi parole mi ha detto ke cercava una da mettere al mio posto...Ma quando ll ho risposto mi ha detto quando vogliano loro...Ma vorrei aandarmene via pero loro nn vogliano stipulare il contratto con me ke devo fare x avere la disoccupazione...??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per aver diritto all'indennità di disoccupazione devi essere licenziata, Ti consiglio quindi di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  49. Gentilissimo avvocato. Ho assunto. da circa un anno e mezzo una badante rumena per mia madre. non auto sufficiente. assunta con contratto cs e assicurata con 54ore settimanale. +13°+tfr. riposo giovedì. 1/2 giornata. +domenica festa. convivente. Ora le chiedo : se durante la notte. mia madre ha bisogno di qualcosa (visto che dorme a casa. ) ha diritto di rifiutarsi.??? Se e' si dobbiamo avere un' altra persona per la notte? E io in questo caso posso chiedere alla badante di cercarsi un altro alloggio. per dormire? Grazie mille della sua cortesia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un contratto CS con 54 ore settimanali convivente significa che la lavoratrice deve lavorare solo per le ore previste dal contratto, e al di fuori dell'orario di lavoro non ha alcun dovere verso il suo datore di lavoro, mentre ha diritto comunque a vitto e alloggio.-
      Se Tua madre ha bisogno di un'assistenza notturna dovete assumere un'altra badante solo per l'assistenza notturna.-

      Elimina
    2. Buongiorno! Anche io sono con CS di 54 ore settimanali,i parenti dell mio assistito non sappiano o....non vogliono sapere che dopo 10 ore giornaliere di lavoro, devo essere libera da qualsiasi impegnio,il mio lavoro è 24 ore,perchè anche la notte non dormo,devo guardarlo,vegliarlo, addirittura... dormo in una stanza dove dorme lui,mi pagano anche le domeniche in busta paga(67 euro per mio giorno di riposo 24 ore)ho il giovedi 6 ore libere........

      Elimina
    3. Purtroppo io posso dirti solo quello che prevede la normativa, quindi se non viene rispettata e se Tu non accetti le condizioni che ti vengono imposte, puoi comunque rivolgerti a un sindacato per far valere i tuoi diritti.-

      Elimina
    4. Grazie avvocato,

      Elimina
  50. Salve Avocato...Cycy faccio la badante non so come iniziare ,ma voglio dire che a noi le badante di più Ni impazziscono gli figlioli dele anziane o parenti con tutto quelo che stano facendo con noi sia con le buste paga e contrati di..... Che ci Fano ...la mia domanda sarebbe ,,,perché non si Fano certi controlli ???? DaLe commercialiste? O se no io posso chiamare la guardia di finanza? O di andare da ispettorato di lavoro???perche tutto quelo che si succede con noi le badante non è posibile di essere trattate così ,,,chiedo mille scuse avocato ma siamo arrivate in certi condizioni da urlare pegio di animale ,,,scusa un altra volta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  51. salve Gianfranco lav badante da 6 ani la stessa sgra adesso e quasi arrivata , mi hano pagato contributi 409 euro la 3 messi per favore se mi pottete dire quanto mi aspetta dissocupazione grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'indennità di disoccupazione è pari al 75% della retribuzione convenzionale che nel Tuo caso è pari a circa 409 euro mensili, corrispondente quindi a 306 euro mensili.-

      Elimina
  52. Salve Gianfranco Censori,mi chiamo Pina.Ho un contratto di lavoro24/24 con mensile 700 evro.La mia domanda e per questi 80 evro,ho diritto o no,pero vi devo dire ,che quando sono andata per fare CARTA D'IDENTITA,risposta era che familia mi deve assummere come convivente la dove serve magari in contratto del lavoro mmi scrive ,che sono assunt a questo indirizzio.E ,poi ho capito che devo avere 10 anni con rezidenza italiana per prendere una pensione sociale e questo significa che devo avere vera residenza con iarta identità italiana o anche vale come sono assunta in contratto di lavoro-DOMICILIATA ,CON MANSIONE DI BADANTE.Grazie anticipato ,se sono sbagliata in scritto perdonate mi,sono bulgara e nata 1963.GRAZIE DA CUORE!BUON LAVORO....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pina!
      - Per quanto riguarda gli 80 euro, se il Tuo reddito dello scorso anno è stato superiore a 8.000 euro puoi recuperarli con la dichiarazione dei redditi di quest'anno.-
      - Per il diritto all'assegno sociale sono necessari almeno 10 anni di residenza in Italia, a prescindere quindi dal tipo di contratto di lavoro.-

      Elimina
  53. Bun giorno avocat mi chiar elena
    una mezza giornata quartet ore sono poi și conta anche quele 2 ore o no poi le 2ore libere come și pagano con un stipendio 845.80 con 30ore a settimana gratie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena!
      Con un contratto di 30 ore settimanali Tu devi lavorare solo per le ore previste dal Tuo contratto, quindi per il resto sei libera da ogni impegno nei confronti del Tuo datore di lavoro.-

      Elimina
  54. Salve avvocato ! Sono Daniela, ho 60 anni , U.E.,e lavoro come badante e ho un contratto a tempo indeterminato dal febb.2012. Per motivi di salute voglio licenziarmi. O diritto la disocupazione ? Grazie tanto !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela!
      Purtroppo NO!
      Si ha diritto all'indennità di disoccupazione solo in caso di licenziamento o di scadenza del contratto e non in caso di dimissioni.-

      Elimina
  55. Buona sera gentile avvocato!
    Vorrei chiederLa un informazione.
    Lavoro come badante da 2 novembre 2013 (30 ore settimanali). L'anno scorso luglio-agosto 2014 ho già avuto le ferie (26 giorni lavorativi). Poi da 1 agosto 2014 il contratto è stato ridotto fino 20 ore settimanali. Dunque adesso sto facendo 20 ore settimanali.
    E siccome il passaporto mi sta per scadere fine di maggio 2015 devo andare in ferie. Ma per rifare il passaporto ci vuole di più tempo rispetto alle ferie da me maturate. La mia datore di lavoro mi ha detto che può lasciarmi al massimo un mese e mezzo. Ma siccome vado in Ucraina e non so se mi basteranno un mese e mezzo per ricevere il passaporto nuovo, la mia padrona di lavoro avrà bisogno di qualquno e mi può licenziare assumendo un altra.
    La domanda è: SE la mia datore di lavoro dovesse licenziarmi assumendo un altra (perchè ne avra bisogno) mentre io non sono ancora tornata mi pagherà almeno TFRL e avrò il diritto della disoccupazione?
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se vieni licenziata avrai comunque diritto al TFR maturato e all'indennità di disoccupazione, ma non devi prendertela troppo comoda, perché la domanda di disoccupazione va presentata all'INPS entro 68 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro.-

      Elimina
  56. Buona sera ,io sono gia pensionata in romania prendo 100 euro quando arivo a 67 ani si po fare totalizazione 6 ani contributi in italia e 15 in romania.grazie .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Quando arrivi a 67 anni potrai fare la totalizzazione tra i contributi versati in Italia e quelli versati in Romania, e percepirai quindi 2 pensioni in base ai contributi versati nei due Paesi.-

      Elimina
  57. Dimenticato di dire che ho sentito da qualquno se uno prolunga le ferie per quattro giorni senza dire al dattore di lavoro non avrà ne TFRL ne la disoccupazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se qualcuno prolunga le ferie senza il consenso del datore di lavoro può essere licenziato, ma avrà comunque diritto sia al TFR maturato che all'indennità di disoccupazione.-

      Elimina
  58. Salve. Mi chiamo Maria, e vi chiedo aiuto. Mi interesse a quale età posso prendere la pensione anticipata ,avendo lavorato per 33 anni in Romania, 6 anni e 8 mesi ho lavorato come collaboratrice domestica con contratto da 25 ore settimanale, per altre 6 mesi ho lavorato con contratto di lavoro a progetto subordinato, e da 8 maggio lavoro come badante con contratto di lavoro da 40 ore settimanale. Sono nata in novembre 1960. Vi ringrazio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      Essendo nata a novembre del 1960, con 40 anni circa di contributi versati, potrai andare in pensione con 41 anni + 43 settimane di contributi versati complessivamente.-

      Elimina
  59. Buonasera avvocato!
    Mi serve il suo aiuto.
    Sono la cittadina ucraina che vive e lavora in Italia (non ho la cittadinanza italiana). Sono in possesso del carta di soggiorno a tempo illimitato. Adesso ho rifatto il passaporto , ho ricevuto uno nuovo perchè quello vecchio non era più valido.
    So quando si rifa il passaporto si aggiorna anche il permesso di soggiorno (in questura).
    La chiedo se posso andare in Germania con il mio passaporto e il permesso non ancora aggiornato e stare li 90 giorni?
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Fino a quando il Tuo permesso di soggiorno non verrà aggiornato Tu non puoi andare all'estero.-

      Elimina
  60. Salve dottore Gianfranco sono Elisabeth faccio la badante assunta 40 ore settimanali livello Cs anziano non autosufficiente lavoro de lunedì a sabato mezzogiorno 2 ore liberi al giorno.la mia domanda è el anziano estato in ospedale per 12 giorni ed io facevo la notte dalle ore20 alle ore 11 del giorno dopo quindi tacevo più di 10 ore di lavoro chiarisco che la notte non dormivo per accudire al anziano devo essere pagata le ore in più de lavoro?per 12 giorni ho fatto sempre l'esteso orario.un'altra domanda noi badante abbiamo diritto a permessi retribuiti per andare a fare i documenti e se ci sono quant'è ore al anno?e per andare al Ospedale abbiamo il permesso retribuiti?io sono estata operata sono estata un giorno en dei ospedale e un altro giornata per la operazione ho diritto a permessi retribuiti?grazie mille spetto gentilmente la sua risposta sono lavoratore convivente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elisabeth!
      - Le ore lavorate al di fuori del normale orario di lavoro previsto dal CCNL debbono essere retribuite come straordinari.-
      - NO! Le badanti non hanno diritto a permessi retribuiti per andare a fare i documenti.-
      - Malattia
      L'art. 26 del C.C.N.L. inerente la retribuzione della malattia delle colf e/o badanti.Come primo dovere, il datore di lavoro, una volta ricevuto il certificato medico entro 2 giorni dall'inizio della malattia fatto emettere dal lavoratore entro il giorno successivo al verificarsi dell'evento, avrà l'obbligo di mantenere il posto di lavoro per un periodo di tempo variabile in base all'anzianità di servizio della colf e /o badante, sia questa convivente che non convivente. Il periodo di conservazione del posto di lavoro è pari a:
      10 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica (sia convivente che non convivente) con anzianità inferiore a 6 mesi;
      45 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica con anzianità di servizio compreso tra i 6 mesi ed i 2 anni;
      180 giorni di calendario (incluse le domeniche) se l'anzianità di servizio della colf è superiore a 2 anni.
      Oltre l'obbligo di mantenimento del posto di lavoro, il datore di lavoro è poi obbligato a remunerare la malattia garantendo un salario coincidente al 50% della retribuzione globale di fatto per i primi 3 giorni di calendario e pari al 100% della retribuzione globale di fatto per un numero di giorni pari a:
      8 giorni complessivi nell'anno per anzianità di servizio inferiore a 6 mesi;
      10 giorni complessivi di calendario nell'anno per anzianità di servizio compresa tra 6 mesi e 2 anni;
      15 giorni complessivi di calendario nell'anno per contratti di lavoro con anzianità di servizio superiore a 2 anni.

      Elimina
    2. Grazie mille signor Gianfranco molto gentile

      Elimina
  61. Buon giorno avvocato,
    Mia mamma ha lavorato come badante per cooperativa Umana con contratto BS per 3 messi, è stata 2 settimana al posto fisso con assistenza diurna e notturna
    aveva cura di una signora con Alzheimer, era costretta di non avere nemmeno due ore libere al giorno per la causa che non avevano con chi lasciarla la signora malata, la sorella di signora e suo maria che l'hanno assunta al lavoro, gli dicevano che non ha diritto di rivolgere e non deve essere pagata per ore che devono essere libere, gli dicevano di dormire insieme con la signora malata, non gli permettevano di stare nella sua camera, è stata offesa verbale e fisicamente, ieri sera e successa la cosa più terribile, la mia mamma è arrivata al lavoro con un ritardo di 2 ore perché è andata prima volta fuori dal lavoro e non sapeva ancora bene la località, praticamente non riusciva trovare la casa, quando aveva trovato la casa, il signore ha iniziato offenderla in tutti modi e voleva picchiarla, la mia mamma è spaventata e ha detto che non voglie più lavorare in quella casa, dopo di questo l'hanno mandata fuori insieme con i vestiti alle 23:00, hanno preso la signora malata e sono andati via da casa, A chi rivolgermi o cosa posso fare per aiutare la mia mamma?

    RispondiElimina
  62. La sorella di signora e suo marito*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  63. Salve!sono una ragazza di capo verde è lavoro come colf da un anno è mezzo in nero da lunedi a venerdi per 4ore e mezzo al giorno..... ancora aspetto che lei mi metta in regola. Prendo 500 euro al mese! Volevo chiederle se lavorando in nero mi aspetta la tredicesima e il TFR??grazie mille aspetto una vostra risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo lavorando in nero Tu evadi tasse e contributi quindi non hai diritti da far valere, Ti consiglio pertanto di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  64. Buongiorno,
    è possibile assumere una badante non convivente che lavori sempre e solo 4 ore il sabato e 8 la domenica? (totale: 12 ore settimanali).
    Se sì, la sua retribuzione sarebbe quella normale prevista dal CCNL o andrebbe maggiorata in virtù del lavoro domenicale?
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      E' possibile assumere una badante che lavori solo 4 ore il sabato e 8 ore la domenica, e la retribuzione sarebbe quella normale prevista dal CCNL, ovviamente se la badante non richiede qualcosa in più, in quanto la normativa prevede la retribuzione minima ma le parti possono concordare anche una retribuzione superiore al minimo.-

      Elimina
  65. Buon giorno avvocato. Io ho lavorato come assistente familiare N.F. da 01.07.2008. In 15.05.2015 mia seniora per quale ho lavorato i morta. Contratto i fatto in nome di seniora. Posso andare avanti ancora 3 messe i chiudere allora tutto? La figlia chi si ocupa di tutto acceta, ma acceta anche la legge? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se il contratto era stato stipulato dalla signora deceduta, con la sua morte il contratto è scaduto, quindi se la figlia vuole che lavori ancora per altri 3 mesi deve stipularti un nuovo contratto.-

      Elimina
  66. Buongiorno avvocato, vorrei chiedere un pauo di chiarimenti per la badante di mia nonna. Lei il venerdì dalle 13.30 alle 18 è assente per corso di italiano, il sabato libera dalle 11 alle 18 e la domenica anche. le due ore giornaliere di riposo nn le fa perché non le vuole fare. È giusto questo tempo di riposo , a me sembra un po tanto . In piu è la seconda estate che per le ferie chiede l ultima settimana di luglio tutto agosto e la prima di settembre. Leggendo qua e la mi è sembrato di capire che hanno diritto a 4 settimane. ..grazie buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel lavoro a tempo pieno l'attuale durata normale dell'orario di lavoro è concordata tra le parti e comunque con un massimo di:
      10 ore giornaliere non consecutive, per un totale di 54 ore settimanali per i lavoratori conviventi.-
      8 ore giornaliere non consecutive, per un totale di 44 ore settimanali per i lavoratori non conviventi.-
      Il lavoratore ha diritto ad un riposo di almeno 8 ore consecutive nella giornata e ad un ulteriore riposo intermedio di almeno 2 ore da fruirsi nelle ore pomeridiane.-
      Ferie
      Indipendentemente dalla durata dell'orario di lavoro, per ogni anno di servizio il lavoratore ha diritto a 26 giorni lavorativi di ferie se la distribuzione dell'orario di lavoro settimanale è su 6 giorni (occorre proporzionare se i giorni lavorativi sono inferiori a sei). La retribuzione dei giorni di ferie è maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto se dovuto. Le ferie non possono essere monetizzate (salvo i giorni non goduti che residuano alla cessazione del rapporto di lavoro).-

      Elimina
  67. Buon giorno avvocato, ho un problema in questi giorni da risolvere.
    La badante di mia mamma è assunta da più di due anni. Contratto a tempo indeterminato livello CS. In servizio per 54 ore e con una retribuzione molto al di sopra di quella tabellare - Il lavoro si svolge dal lunedì al sabato mattina sino alle ore 12.
    Il mio commercialista, nel conteggiare la busta del mese di aprile considera la festività del 25 aprile (caduta di sabato) una festività infrasettimanale e quindi NON PAGA alla signora la festività. Preciso che signora ha goduto di questa giornata di festa.
    Il commercialista considera anche UNA GIORNATA INTERA di ferie se questa la si prende di sabato. A me pare che tutto fili ma la signora contesta questa interpretazione della legge. Attendo un suo parere. La ringrazia anticipatamente per la sua cortesia e disponibilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elisabetta!
      L'interpretazione della legge da parte del Tuo commercialista è corretta e quindi non hai di che preoccuparti.-

      Elimina
  68. Buon giorno avvocato. Mio contratto come assistente familiare NF Liv. CSuper incominciato in 01.07.2008 i finitto in 15 maggio 2015 con la morte di datore di lavoro. Quanti giorni di preaviso mi aspetano? I quanti messi di disocupatione? Sono natta in 29.08.1965. Grazie mille per la risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In caso di licenziamento, se il lavoratore è impegnato per oltre 24 ore settimanali e ha maturato fino a cinque anni di anzianità presso lo stesso datore di lavoro, il termine di preavviso deve essere almeno di 15 giorni di calendario. Il termine deve essere di almeno 30 giorni se gli anni di anzianità sono oltre i cinque.-
      La NASPI al massimo può durare fino alla metà delle settimane lavorate negli ultimi 4 anni.-

      Elimina
  69. salve io o un contrato di 24 ore setimanali ma faccio 10 ore al giorno non convivente qualle sarebbe il mio stipendio?mi danno 700 dal lunedi al sabato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La paga oraria è legata al tipo di attività svolta e quindi al livello di inquadramento, pertanto se non mi dici le tue mansioni e il Tuo livello di inquadramento purtroppo non posso esserti d'aiuto.-

      Elimina
  70. Buona sera avvocato!
    Vorrei chiedere gentilmente una informazione.
    Sono cittadina ucraina che vive e lavora in Italia. Sono in possesso di carta di soggiorno a tempo illimitato. (soggiornante di lungo periodo-CE). Mi interessa sapere se ho diritto di prendere l'aereo, bus, treno o altro da Kiev (Ucraina) fino a Berlino (Germania) con il mio documento e il passaporto valido direttamente senza tornare in Italia?
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      La carta di soggiorno italiana è valida in tutti i Paesi dell'area Shengen, quindi con il passaporto in corso di validità e la carta di soggiorno italiana puoi trasferirti in Germania.-

      Elimina
  71. Buonasera avrei da domandarle una cosa, per mia mamma dovrei prendere una persona che mi garantisce la presenza notturna dalle ore 21 del sabato alle ore 8 della domenica ho visto che lo stipendio mensile è di Euro 651,27 ma io quanto le devo dare solo per quella notte? Un solo giorno al mese la domenica anziché smettere alle 8 si dovrebbe fermare sino alle ore 13 se ho ben capito le 5 ore in più le devo pagare con la paga della tabella C nello specifico devo moltiplicare ore 5 x Euro 6,64? Ultima domanda il pagamento dei contributi Inps va fatto sulle 11 ore di notte e quelle che fa in più. La ringrazio infinitamente per le risposte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo stipendio mensile di 651,27 euro è riferito a una badante che svolge questo lavoro per tutta la settimana e non per un solo giorno, quindi nel Tuo caso devi stipulare un contratto con un livello B Super, paga oraria 5,98 euro se Tua madre necessita solo di presenza notturna e non di assistenza, altrimenti va applicato il livello C Super, paga oraria 6,63 ero.-
      Il pagamento dei contributi va effettuato all'INPS in base alle ore lavorate.-

      Elimina
  72. Salve dottore Gianfranco una domanda per favore la tredicesima e una mensilità aggiuntiva pari allo stipendio mensili +vitto e alloggio di 132,60 euro netto in busta? Un altra domanda la disoccupazione per i lavoratori domestico badante i calcoli non viene fatto sulla retribuzione mensili che risulta in busta paga ma in base al contributo inps?grazie mille spetto la sua risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - SI! Al lavoratore spetta una mensilità aggiuntiva, pari alla retribuzione maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto. Per colf e badanti conviventi la tredicesima mensilità è pari allo stipendio mensile + vitto e alloggio e per il 2015 è pari a 162,90 euro (5,43 al giorno x 30 giorni).-
      - SI! L'indennità di disoccupazione per i lavoratori domestici non viene calcolata sulla retribuzione ma sui contributi versati all'INPS.-

      Elimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.