venerdì 16 marzo 2018

Badanti e Colf - CCNL Anni 2017 e 2018

Classificazione di Badanti e Colf

Livello A
Collaboratori familiari generici, non addetti all'assistenza di persone, con esperienza professionale (maturata anche presso datori di lavoro diversi) non superiore a 12 mesi.
Livello A Super
Addetto alla compagnia, baby sitter (mansioni occasionali e/o saltuarie).
Livello B
Collaboratori familiari che, in possesso della necessaria esperienza svolgono con specifica competenza le proprie mansioni, ancorchè a livello esecutivo.
Livello B Super
Assistente a persone autosufficenti
Livello C
Collaboratori familiari che, in possesso di specifiche conoscenze di base, sia teoriche che tecniche, relative allo svolgimento dei compiti assegnati, operano con totale autonomia e responsabilità.
Livello C Super
Assistente a persone non autosufficenti (non formato).
Livello D
Collaboratori familiari che, in possesso dei necessari requisiti professionali, ricoprono specifiche posizioni di lavoro caratterizzato da responsabilità, autonomia decisionale e/o coordinamento.
Livello D Super
Assistente a persone non autosufficenti (formato). Svolge mansioni di assitenza a persone non autosufficenti, ivi comprese, se richieste, le attività connesse alle esigenze del vitto e della pulizia della casa ove vivono gli assistiti.


Orario di lavoro

Nel lavoro a tempo pieno l'attuale durata normale dell'orario di lavoro è concordata tra le parti e comunque con un massimo di:
10 ore giornaliere non consecutive, per un totale di 54 ore settimanali per i lavoratori conviventi.-
8 ore giornaliere non consecutive, per un totale di 44 ore settimanali per i lavoratori non conviventi.-
Il lavoratore ha diritto ad un riposo di almeno 8 ore consecutive nella giornata e ad un ulteriore riposo intermedio di almeno 2 ore da fruirsi nelle ore pomeridiane.-


Riposo settimanale

Il riposo settimanale è di 36 ore e deve essere goduto per:
  • 24 ore di domenica (o altra giornata stabilita nel contratto di assunzione). Questo riposo è irrinunciabile. In caso di richiesta di prestazione lavorative per esigenze imprevedibili le ore vanno retribuite con la maggiorazione del 60% sia per i lavoratori non conviventi che per i lavoratori conviventi.-
  • 12 ore in qualsiasi altro giorno della settimana. Qualora fossero richieste prestazioni lavorative nel giorno fissato, il riposo può essere goduto in altro giorno della settimana (in assenza di recupero le ore lavorate vanno retribuite con la maggiorazione del 40% sia per i lavoratori non conviventi che per i lavoratori conviventi).- 

Lavoro straordinario

Personale non convivente:
E' compensato con una maggiorazione del:
  • 10% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno compreso tra le 40 e le 44 ore settimanali.- 
  • 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).- 
  • 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).- 
  • 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo o in giorno festivo infrasettimanale.- 

Personale convivente:
E' compensato con una maggiorazione del:
  • 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).- 
  • 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).- 
  • 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo stabilito e nelle festività infrasettimanali.- 
  • 40% per le ore di lavoro prestate nella mezza giornata di riposo (mancato riposo).- 

Scatti di anzianità

Per ogni biennio di servizio presso lo stesso datore di lavoro spetta al lavoratore un aumento pari al 4% sulla retribuzione minima contrattuale, per un massimo di 7 scatti.-

Festività

1° gennaio - 6 gennaio – lunedì di Pasqua – 25 aprile – 1° maggio – 2 giugno – 15 agosto – 1° novembre – 8 dicembre – 25 dicembre – 26 dicembre – S. Patrono. In queste giornate il lavoratore ha diritto al completo riposo e alla retribuzione normale. Se una delle festività sopra elencate coincide con la domenica o nel giorno di riposo stabilito, il lavoratore ha diritto al recupero del riposo in altra giornata o, in alternativa, al pagamento di 1/26 della retribuzione. Se invece è lavorata è dovuto, oltre alla normale retribuzione giornaliera il pagamento delle ore lavorate maggiorate del 60%.


Ferie

Indipendentemente dalla durata dell'orario di lavoro, per ogni anno di servizio il lavoratore ha diritto a 26 giorni lavorativi di ferie se la distribuzione dell'orario di lavoro settimanale è su 6 giorni (occorre proporzionare se i giorni lavorativi sono inferiori a sei). La retribuzione dei giorni di ferie è maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto se dovuto. Le ferie non possono essere monetizzate (salvo i giorni non goduti che residuano alla cessazione del rapporto di lavoro).-

Malattia

L'art. 26 del C.C.N.L. inerente la retribuzione della malattia delle colf e/o badanti.Come primo dovere, il datore di lavoro, una volta ricevuto il certificato medico entro 2 giorni dall'inizio della malattia fatto emettere dal lavoratore entro il giorno successivo al verificarsi dell'evento, avrà l'obbligo di mantenere il posto di lavoro per un periodo di tempo variabile in base all'anzianità di servizio della colf e /o badante, sia questa convivente che non convivente. Il periodo di conservazione del posto di lavoro è pari a:
  • 10 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica (sia convivente che non convivente) con anzianità inferiore a 6 mesi;
  • 45 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica con anzianità di servizio compreso tra i 6 mesi ed i 2 anni;
  • 180 giorni di calendario (incluse le domeniche) se l'anzianità di servizio della colf è superiore a 2 anni.

Oltre l'obbligo di mantenimento del posto di lavoro, il datore di lavoro è poi obbligato a remunerare la malattia garantendo un salario coincidente al 50% della retribuzione globale di fatto per i primi 3 giorni di calendario e pari al 100% della retribuzione globale di fatto per un numero di giorni pari a:
  • 8 giorni complessivi nell'anno per anzianità di servizio inferiore a 6 mesi;
  • 10 giorni complessivi di calendario nell'anno per anzianità di servizio compresa tra 6 mesi e 2 anni;
  • 15 giorni complessivi di calendario nell'anno per contratti di lavoro con anzianità di servizio superiore a 2 anni.


Tredicesima mensilità

Al lavoratore spetta una mensilità aggiuntiva, pari alla retribuzione maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto. Per colf e badanti conviventi la tredicesima mensilità è pari allo stipendio mensile + vitto e alloggio e per il 2012 è pari a 132,60 euro (5,19 al giorno x 26 giorni).-


TFR (Trattamento di fine rapporto)

Deve essere liquidato al termine del rapporto di lavoro e indicativamente corrisponde ad una mensilità per ogni anno di servizio prestato.-
Una volta stabilità qual è l'anzianità maturata dalla lavoratrice, si passa al calcolo vero e proprio.
  1. Il primo passo consiste nel determinare la somma pagata nel corso dei singoli anni, comprensiva della tredicesima e delle indennità di vitto e alloggio per le colf conviventi o che consumano in casa uno o più pasti. 
  2. L'importo della retribuzione annuale, diviso per 13,5, rappresenta la quota annuale da accantonare per il trattamento di fine rapporto. 
  3. Le singole quote annuali vanno rivalutate con degli appositi coefficienti dati dalla somma di due indici di cui:
    • il primo è pari al 75% dell'aumento del costo della vita accertato dall'Istat per gli operai e gli impiegati;
    • il secondo è dato da una percentuale fissa pari all'1,50% all'anno (0,125% al mese).

Preavviso per Licenziamento o Dimissioni

Il rapporto di lavoro domestico può cessare per libera volontà del lavoratore e del datore di lavoro.

Non c'è necessità di motivare l'interruzione del rapporto di lavoro, ma deve essere concesso un termine di preavviso, che varia a seconda che il rapporto di lavoro sia superiore od inferiore a 24 ore settimanali, ed all’anzianità di servizio presso il datore di lavoro. Le parti possono regolare tra di loro questi termini, che però non possono comunque essere inferiori a quelli stabiliti per legge.
In caso di licenziamento, se il lavoratore è impegnato per oltre 24 ore settimanali e ha maturato fino a cinque anni di anzianità presso lo stesso datore di lavoro, il termine di preavviso deve essere almeno di 15 giorni di calendario. Il termine deve essere di almeno 30 giorni se gli anni di anzianità sono oltre i cinque.

Se invece il rapporto di lavoro è fino a 24 ore settimanali il preavviso dovrà essere pari ad 8 giorni di calendario, fino a due anni di anzianità e 15 giorni di calendario, oltre i due anni di anzianità.
Nel caso di dimissioni da parte del lavoratore i termini sono ridotti del 50%.


Presenza Notturna

I lavoratori assunti per garantire esclusivamente la presenza notturna (e non l’assistenza o cura) rappresentano una categoria a sé.
Le prestazioni di presenza notturna sono quelle effettuate in una fascia oraria notturna interamente ricompresa tra le ore 21.00 e le ore 8.00 e prevedono che il datore di lavoro metta a disposizione del lavoratore un alloggio idoneo per il completo riposo notturno.
Questo tipo di prestazioni vengono inquadrate in una categoria specifica di lavoro domestico, la "presenza notturna", che ha un parametro retributivo specifico (Tabella E, Presenza notturna).
Nel contratto di lavoro dovranno essere indicata la categoria di prestazioni ("prestazioni notturne") e l'ora d'inizio e quella di cessazione dell'assistenza.
Qualora venissero richieste al lavoratore prestazioni diverse dalla mera presenza, queste non saranno considerate lavoro straordinario, bensì retribuite aggiuntivamente sulla base delle retribuzioni previste per i lavoratori non conviventi, come da Tabella C, con le eventuali maggiorazioni contrattuali e limitatamente al tempo effettivamente impiegato.


Assistenza Notturna

È possibile assumere personale non infermieristico perché resti a disposizione durante la notte e presti assistenza in caso di bisogno.
Questo tipo di personale viene inquadrato in una categoria specifica di lavoro domestico, "assistenza notturna", che prevede come mansioni “discontinue prestazioni notturne di cura alla persona”.
La categoria di assistenza notturna viene retribuita secondo dei parametri specifici.
Per essere inquadrata come “discontinue prestazioni notturne di cura alla persona”, l’assistenza prestata deve avere carattere di discontinuità: prevede infatti attesa, ma non sempre assistenza. Il lavoratore si obbliga perciò a garantire al datore di lavoro la propria disponibilità allo svolgimento di prestazioni di assistenza in modo discontinuo o intermittente e in un arco di tempo predefinito: la fascia oraria notturna.
Diverso è invece il caso di prestazioni esclusivamente di attesa - e non di cura, nemmeno discontinua. In questo caso, la prestazione viene inquadrata in una categoria diversa, appunto di "presenza notturna".
Si qualifica come "assistenza notturna" il lavoro prestato in una fascia oraria notturna interamente ricompresa tra le ore 20.00 e le ore 8.00.
Il datore di lavoro dovrà a tal fine provvedere all’assistente un’idonea sistemazione per la notte, qualora non fosse convivente, oltre alla cena e alla colazione.
Al personale convivente dovranno essere in ogni caso garantite undici ore di riposo consecutivo ogni ventiquattro ore.
Nel contratto di lavoro dovranno essere indicate l’ora d’inizio e quella di cessazione dell’assistenza e il suo carattere di prestazione discontinua.
Le “discontinue prestazioni notturne di cura alla persona” hanno dei parametri specifici di remunerazione. Fanno infatti riferimento alla TABELLA D dei minimi retributivi previsti per legge.
In particolare, nel caso in cui l’assistenza notturna riguardi soggetti autosufficienti (bambini, anziani, portatori di handicap o ammalati), la badante verrà inquadrata nel livello B super.
Nel caso in cui l’assistenza TABELLA riguardi soggetti non autosufficienti, la badante verrà inquadrata nel livello C super (se non formata) o D Super (se formata).
Massimo 10 ore non consecutive al giorno se convivente fino a 54 ore settimanali.-
Massimo 8 ore non consecutive al giorno se non convivente fino a 40 ore settimanali.-


Assegno per il Nucleo Familiare:

I lavoratori domestici hanno diritto alla corresponsione dell’ assegno per il nucleo familiare, ma a differenza dei lavoratori subordinati il pagamento non avviene da parte del datore di lavoro, bensì direttamente dall’INPS. La richiesta va quindi effettuata direttamente all’INPS via internet, tramite accesso alla propria area riservata sul portale www.inps.it o tramite patronato.
L’assegno per il nucleo familiare è pagato direttamente dall’INPS con due rate semestrali posticipate secondo la modalità scelta dall’interessato nel modello di domanda (bonifico presso l’Ufficio Postale, accredito sul conto corrente bancario o postale).
La misura dell’assegno varia oltre che in base al reddito lordo complessivo e al numero dei componenti il nucleo familiare anche in base alle ore di lavoro:
Ai lavoratori domestici spettano tanti assegni giornalieri quanti ne risultano dal quoziente che si ottiene dividendo per quattro il numero delle ore di lavoro risultanti dalla contribuzione complessivamente versata o dovuta nel trimestre, da uno o più datori di lavoro, e per un massimo di sei assegni giornalieri per ogni settimana.-


Minimi salariali anni 2018


LivelloConviventi - Paga MensileNon Conviventi - Paga Oraria
A629,154,57
AS743,555,39
B800,745,72
BS857,946,06
C915,466,40
CS972,336,74
D1.143,917,78
DS1.201,118,12

Presenza notturna livello unico euro 660,61
Assistenza notturna
Livello BS Assistenza a persone autosufficienti euro 986,62
Livello CS Assistenza a persone non autosufficienti (non formato) euro 1.118,18 - (7,26 x ora)
Livello DS Assistenza a persone non autosufficienti (formato) euro 1.381,30 - (8,75 x ora)

Vitto e AlloggioValore GiornalieroValore Mensile
Pranzo e prima colazione1,93 x 2650,18
Cena1,93 x 2650,18
Alloggio1,67 x 2643,42
Totale5,53 x 26143,78



Minimi salariali anni 2017

LivelloConviventi - Paga MensileNon Conviventi - Paga Oraria
A625,154,54
AS738,825,36
B795,655,68
BS852,486,02
C909,336,36
CS966,156,70
D1.136,647,73
DS1.193,478,07


Presenza notturna livello unico euro 656,41
Assistenza notturna
Livello BS Assistenza a persone autosufficienti euro 980,35
Livello CS Assistenza a persone non autosufficienti (non formato) euro 1.111,07 - (7,21 x ora)
Livello DS Assistenza a persone non autosufficienti (formato) euro 1.375,52 - (8,69 x ora)

Vitto e AlloggioValore GiornalieroValore Mensile
Pranzo e prima colazione1,9157,30
Cena1,9157,30
Alloggio1,6649,80
Totale5,48164,40

CONTRIBUTI ORARI DEL 2018

Rapporti di lavoro a tempo indeterminato:

a) Orario fino a 24 ore settimanali
Retribuzione oraria effettiva fino a 7,97 

  • con CUAF Contributo orario euro 1,41 (0,35)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,42 (0,35)

Retribuzione oraria effettiva da 7,97 a 9,70

  • con CUAF Contributo orario euro 1,59 (0,40)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,60 (0,40)

Retribuzione oraria effettiva oltre 9,71

  • con CUAF Contributo orario euro 1,94 (0,49)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,95 (0,49)


b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,02 (0,26)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,03 (0,26)  
*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari

Rapporti di lavoro a tempo determinato:

a) Orario fino a 24 ore settimanali
Retribuzione oraria effettiva fino a 7,97 

  • con CUAF Contributo orario euro 1,51 (0,35)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,51 (0,35)

Retribuzione oraria effettiva da 7,97 a 9,70

  • con CUAF Contributo orario euro 1,70 (0,40)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,71 (0,40)

Retribuzione oraria effettiva oltre 9,70

  • con CUAF Contributo orario euro 2,07 (0,49)
  • senza CUAF Contributo orario euro 2,08 (0,49)

b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,10 (0,26)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,10 (0,26)  
*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari

CONTRIBUTI ORARI DEL 2017

Rapporti di lavoro a tempo indeterminato:
a) Orario fino a 24 ore settimanali
Retribuzione oraria effettiva fino a 7,88 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,39 (0,35)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,40 (0,35) 
Retribuzione oraria effettiva da 7,88 a 9,59 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,57 (0,40)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,58 (0,40)
Retribuzione oraria effettiva oltre 9,59 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,91 (0,48)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,93 (0,48)

b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,01 (0,25)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,02 (0,25)

*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari


Rapporti di lavoro a tempo determinato:
a) Orario fino a 24 ore settimanaliRetribuzione oraria effettiva fino a 7,88 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,49 (0,35)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,50 (0,35) 
Retribuzione oraria effettiva da 7,88 a 9,59 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,68 (0,40)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,69 (0,40)
Retribuzione oraria effettiva oltre 9,59 
  • con CUAF Contributo orario euro 2,05 (0,48)
  • senza CUAF Contributo orario euro 2,06 (0,48)
b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,08 (0,25)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,09 (0,25)

*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari


Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

171 commenti:

  1. Buonasera, chiedo cortesemente un'informazione. Una badante convivente CS 54 ore settimanali ha libero sabato pomeriggio e domenica. La sostituisce badante CS non convivente. E' possibile farle contratto di 15 ore? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se la badante è d'accordo è possibile farle un contratto di 15 ore settimanali.-

      Elimina
  2. Ciao.

    Conosco un metodo semplice per assistere i propri genitori... magari non piu' autonomi, pero' per tenerli a casa loro, senza rischiare di affidarsi alla persona sbagliata.

    questo metodo permette di trovare la BADANTE AFFIDABILE in 48 ore: https://www.badante-noproblem.com/

    Se vuoi trovare la persona giusta, puoi chiedere consigli senza impegno.

    L'assistenza continuativa e' garantita da esperti in selezione badanti e gestione amministrativa del personale.


    A presto,

    RispondiElimina
  3. Buongiorno avvocato .Sono una badante rumena e lavoro da 5 anni con una seniora .O un contratto CSUPER di 40 ore setimanale,questa seniora non ha figli,a dei nipoti che si occupano di lei.Sono bravi mi trattano bene niente da dire,La mia domanda è giusto il contratto visto che io sto con lei giorno e notte perche la signora non po stare un minuto da sola??grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente NO!
      Con un contratto CSUPER di 40 ore settimanali tu ricevi una paga e ti vengono versati dei contributi all'INPS solo per 40 ore settimanali.-

      Elimina
  4. Salve il vorrei un po’ di informazione la mia mamma che sta lavora da una signora che autosufficiente e che si deve occupare per la casa pulitzia comunque si prende al mensile 700 +50€ per bus comunque si lavora tutti giorni tranne la domenica lei ha riposo di 12 ore e il giovedì ha 6 ore comunque il datore di lavoro non piace dare i giorni riposo regolamente ed se si deve andare a fare suo documento lei non ci vuole dare un po’ di stacco per andare a farlo anche la mia mamma comunque non ci sta mai a casa a dormire anche comunque che sta lavorando da lei 5 mesi anche in questa periodo noi avevamo una problema della famiglia quindi ci volevamo partire dal nostro paese comunque pure questa non ci voleva dare tanto con questi tutti problemi che cosa possiamo fare e vorrei sapere che dietro che deve avere. La mia mamma e stipendio e le ferie e le ore di lavoro e i giorni riposo come deve avere aspetto il vostro risposto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non mi dici il tipo di contratto e il livello di inquadramento di tua madre, purtroppo non posso esserti d'aiuto.-

      Elimina
  5. Buongiorno, avrei bisogno di un chiarimento
    Ho un contratto convivente tempo pieno livello BS tempo indeterminato, 40 ore settimanali a 7 ore per 5 giorni e uno a 5 ore,2 ore riposo giornaliero ma le ore fatte alla fine sono di più….Come mi devo regolare in questo caso? e, nei riposi, si calcola un giorno a 24 ore e la mezza giornata a 12 ore ??
    che io non faccio nel fine settimana, per necessita del datore di lavoro…..
    La ringrazio, se vorrà darmi risposta su come agire….

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lavoro straordinario:
      Personale convivente:
      E' compensato con una maggiorazione del:
      - 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).-
      - 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).-
      - 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo stabilito e nelle festività infrasettimanali.-
      - 40% per le ore di lavoro prestate nella mezza giornata di riposo (mancato riposo).-

      Elimina
    2. ok grazie
      Ma per i riposi, si calcolano 24 ore per la giornata intera e 12 per la mezza ? con le ore segnate su contratto…
      La ringrazio, se vorrà chiarirmi anche questo punto !

      Elimina
  6. Salve avvocato volevo un'informazione, io dovrei essere assunta per 25 ore settimanali da lunedì al venerdì per aiuto domestico e assistere una signora anziana autosuffiente, ho la qualifica ASA. Vorrei sapere visto che la signora è andata a informarsi sulla paga ma le hanno detto che doveva mettersi d' accordo con me. Ora io sto andando 1 volta a settimana x 3 ore e mi da 10 euro l' ora. Vorrei mi aiutassi a capire quanto dovrei prendere, grazie dell'attenzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il CCNL colf e badanti per un livello BS (assistente a persona autosufficiente) prevede una paga oraria di 6,06 euro + 13/ma + TFR + festività + contributi.-

      Elimina
    2. Buongiorno, grazie della risposta :) buona giornata!

      Elimina
  7. Buonasera signor Censori,
    mia sorella da 6 mesi riceve pensione di anzianità di circa 900 euro mensili. Per integrare vorrebbe trovare lavoro come colf per alcune ore la settimana. Teme però di dover fare dichiarazione dei redditi per questi eventuali introiti o peggio che gli venga decurtata la pensione. Esiste un limite di reddito sotto il quale non deve fare dichiarazione e che non incida sulla pensione? grazie. Ste

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un lavoro da COLF per alcune ore la settimana è ininfluente per la pensione, mentre incide ai fini IRPEF nel senso che tua sorella sarebbe obbligata a presentare la dichiarazione dei redditi e pagare le tasse anche sul reddito da COLF, in aggiunta a quelle che paga già sulla pensione.-

      Elimina
  8. Buongiorno Gianfranco Censori mia suocera lavora con un contratto di lavoro indeterminato con 54 ore persona non autosufficiente la figlia li chiede di lavorare anche le 2 ore che dovrebbe essere libera vorrei sapere quanto dovrebbe essere pagata per queste 2 ore ?la figlia li da 3,50 al ora e giusto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lavoro straordinario
      Personale non convivente:
      E' compensato con una maggiorazione del:
      - 10% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno compreso tra le 40 e le 44 ore settimanali.-
      - 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).-
      - 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).-
      - 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo o in giorno festivo infrasettimanale.-
      Personale convivente:
      E' compensato con una maggiorazione del:
      - 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).-
      - 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).-
      - 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo stabilito e nelle festività infrasettimanali.-
      - 40% per le ore di lavoro prestate nella mezza giornata di riposo (mancato riposo).-

      Elimina
  9. Buongiorno!Ho lavorato come badante per 11 ani.puoi sono andata in disoccupazione per 2 ani.Adesso ho finito.Sono nata nell 1954 e ho lavorato 22 ani anche in Romania.Fino quando andro in pensione devo asspetare ancora.Ho sentito di reddito di cittadinanza e non so se e valido anche per la mia situazione.Grazie per la vostra disponibilita!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al momento ci sono solo delle proposte di legge in discussione in Parlamento, quindi avremo notizie certe solo quando verranno approvate da entrambe le Camere, presumo verso fine anno.-

      Elimina
  10. Buongiorno,ho una badante per m ia sorella disabile.Loro vivono in un appartamento indipendente assieme al marito e alla figlia della badante.Tutte le spese sono a mio carico.Considero questa situazione (uso appartamento e relative spese)a compensazione del vitto per mia sorella e badante.E' possibile?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      E' possibile, ma vi consiglio di mettere comunque per iscritto l'accordo con una scrittura privata, per evitare possibili contestazioni future.-

      Elimina
  11. Buona sera avvocato. Sono assunta ad assistere una signora con il contratto CS a tempo indeterminato. Di 36 ore di riposo settimanale ne faccio 20,per quanto la signora non può rimanere sola. Come vengono retribuite ore di riposo non godute? Precisamente -quanto è al ora. Grazie in anticipo, cordiali saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lavoro straordinario
      Personale non convivente:
      E' compensato con una maggiorazione del:
      - 10% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno compreso tra le 40 e le 44 ore settimanali.-
      - 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).-
      - 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).-
      - 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo o in giorno festivo infrasettimanale.-
      Personale convivente:
      E' compensato con una maggiorazione del:
      - 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).-
      - 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).-
      - 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo stabilito e nelle festività infrasettimanali.-
      - 40% per le ore di lavoro prestate nella mezza giornata di riposo (mancato riposo).-

      Elimina
  12. Salve avvocato. Un mio amico sta essendo assunto come badante Livello CS paga mensile 972,33. Essendo straniero vorrebbe sabere quale dovrebbe esssere il suo netto mensile e quanto ammonterebbero i contributi che deve bersare. Il contratto Badante debe essere registrato? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importo dei contributi da versare all'INPS è legato all'orario di lavoro, e comunque la parte di competenza del lavoratore è di 0,26 euro all'ora.-
      Per il contratto e le relative incombenze di carattere burocratico deve provvedere il datore di lavoro.-

      Elimina
  13. Buon giorno avvocato o un contratto domestico come lavoratrice convivente sono assunta alla categoria CS a tempo indeterminato a tempo pieno con 54 ore settimanali con un stipendio di 972,33 nell mio contratto non scrive le mie ore di riposo e non e scrito neanche vito solo alloggio e normale e la persona che lo asissto non autosuficiente e mi zvelia anche di notte grazie avvocatto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un contratto di 54 ore settimanali significa 10 ore al giorno di lavoro x 5 giorni, con 2 ore di riposo intermedio + 4 ore il sesto giorno, quindi liberi mezza giornata del 6 giorno + il settimo, che di solito è la domenica.-
      Con un contratto da convivente è automatico che sia incluso vitto e alloggio gratuiti.-

      Elimina
    2. Quindi Avvocato io mi poso prendere il mio riposo dal sabato sera fino Domenica,sera e un altra meza giornata in un altro giorno i vorrei sapere quali sarano i miei contributi versati per questo stipendio e quanto mi rimara netto,grazie Avvocato.

      Elimina
    3. I contributi a tuo carico sono pari a 0,26 ero all'ora, quindi 0,26 x 54 x 4,33 = 60,79 euro al mese.-

      Elimina
  14. Salve avvocato. Mi chiamo Viktor e sto per essere assunto come badante ( du due signore anziane di cui una non autossuficiaente) Livello CS (convivente) paga mensile 972,33 - 54 ore. Essendo straniero vorrebbe sabere quale dovrebbe esssere il mio netto mensile ( anche se devo badare a duie signore la paga deve essere sempre di €.972,33) e quanto ammonterebbero i contributi che dovrei pagare. Il contratto Badante debe essere registrato? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Viktor!
      I contributi a tuo carico sono pari a 60,79 euro al mese, quindi la tua paga netta sarà 972,33 - 60,79 = 911,54 euro.-

      Elimina
  15. Buon giorno avvocato. Ho chiesto disoccupazione a fine agosto, quando il rapporto del mio lavoro finito per causa di decesso del assistito. Per fortuna ho trovato altro lavoro e facciamo partire il contratto dal 15 ottobre. Dovrò comunicare al INPS la nuova assunzione e in che modo? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      In caso di ripresa dell'attività lavorativa durante il periodo indennizzato con la NASPI, devi comunicarlo all'INPS per via telematica con il mod. NASPICOM, rivolgendoti eventualmente al patronato che ti ha presentato la domanda di NASPI.-

      Elimina
  16. Buongiorno!Ho fatto le ore di straordinario.Si paga dei contributi Inps? E di ferie si paga contributi? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Si pagano i contributi sia sulle ore di straordinario che sui giorni di ferie.-

      Elimina
  17. Buona sera!da qualche mese ho finito la disoccupazione.Ho 64 ani e sono senza lavoro.In 2019 mi scade la tessera sanitara e fino a la pensione ho ancora da aspetare.Cosa si po fare per avere la tessera aggiornata?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo per poter rinnovare la tessera sanitaria devi trovarti un nuovo lavoro.-

      Elimina
  18. Buona sera un contratto di sei ore a la.settimana come.colf e possibile che il datore di lavoro ti toglie la.paga di un.giorno solo perche il datore quel giorno era fuori e la.lavoratrici non poteva ricuperare en.una altra data

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Se un giorno non lavori, o ti metti in ferie, o recuperi la giornata, o è un permesso non retribuito, anche se è per assenza del datore di lavoro.-

      Elimina
    2. Grazie quindi si puo fare tutte le.volte che il datore manca come in.questo caso non c'è un numero.di volte.

      Elimina
  19. Buonasera,
    la badante convivente di mia madre, regolarmente assunta, ha avuto un infortunio sul lavoro (è scivolata nel cortile mentre era da sola e in quel momento non stava neanche assistendo mia madre) infortunio denunciato all'INAIL. Vorrei sapere some devo comportarmi: la badante ha subito una frattura e fra operazione e tutto passeranno circa 2 mesi nei quali non potrà lavorare ed avrà bisogno di assistenza. Lei ha chiamato un'amica che dovrebbe arrivare a sostituirla. Noi pagheremo la nuova badante, quella attualmente assunta dopo avergli pagato i primi 3 giorni dopo l'infortunio dovrebbe riscuotere il 60% direttamente dall'INAIL. Vorrei sapere quali sono i nostri obblighi/diritti. L'incidente stesso ci ha causato un'infinità di problemi, io fino all'arrivo della nuova signora devo fare da badante alla badante stessa e alla mamma. Altri familiari l'hanno dovuta accompagnare in ospedale, visite, dottore con un dispendio economico e soprattutto di tempo notevole. Lei, anche quando potrà viaggiare (ma non lavorare) pare non abbia intenzione di tornare a casa sua perchè non ha nessuno che la aiuti. Dobbiamo tenerla per tutto dell'infortunio e fornire vitto e alloggio?
    Inoltre vorrei sapere se nel periodo di infortunio maturano ferie, TFR e tredicesima, spero di no perchè sarebbe davvero assurdo. La ringrazio per la risposta che vorrà darmi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. RETRIBUZIONE SPETTANTE: INFORTUNIO
      In caso di infortunio o malattia professionale, il datore di lavoro è tenuto a retribuire il lavoratore domestico al 100% per i primi tre giorni, dopodiché dal quarto giorno fino al termine del periodo di infortunio la retribuzione è interamente a carico dell’INAIL.
      Al personale domestico che ne usufruisca normalmente per contratto, spetta la quota sostitutiva convenzionale di vitto e alloggio ma solo nel caso in cui non sia degente in ospedale o presso il domicilio del datore di lavoro.
      CONSERVAZIONE DEL POSTO : PERIODO DI COMPORTO
      In caso di malattia o infortunio, il lavoratore domestico ha diritto alla conservazione del posto di lavoro per un numero di giorni che varia in base all'anzianità di servizio:
      - per anzianità fino a sei mesi, superato il periodo di prova, tale periodo è di 10 giorni di calendario;
      - da sei mesi a due anni è di 45 giorni di calendario;
      - mentre per in lavoratori in servizio da oltre i due anni, 180 giorni di calendario.-
      La tredicesima matura anche durante le assenze per malattia, infortunio sul lavoro e maternità per la parte non liquidata dagli enti.-

      Elimina
    2. Grazie mille per la risposta, gentilissimo. Quindi solo se la badante rientra a casa sua ha diritto ai 5,53 (di pranzo cene alloggi giornalieri) e se rimane a casa nostra niente. E quindi la tredicesima matura anche nel periodo di infortunio?

      Elimina
  20. Buon giorno avvocato sano badanta per due petsone non autosufficienti tuti due con contrato predeterminato 54 ore set.e la paga di 973 eur la domanda è come devo essere pagata per due persone come la stipendia GRAZIE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il CCNL colf e badanti prevede per un livello CS Conviventi una paga mensile di 972,33 euro per un orario di lavoro di 54 ore settimanali, a prescindere quindi dal numero di persone da assistere.-

      Elimina
  21. Salve, pago sempre la badante regolarmente assunta in contanti per sua specifica richiesta, facendomi firmare la busta paga per ricevuta. Non ha conto corrente bancario ma solo la postapay. E'corretto o ci sono delle novità da luglio 2018 per le quali neanche il caf che elabora le buste paghe mi ha informata? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lavoro domestico: consentito il pagamento stipendi in contanti a colf e badanti
      La normativa introduce al comma 913 dell'art. 1 della Legge di Bilancio 2018 delle esclusioni per il pubblico impiego e per il lavoro domestico: "Le disposizioni di cui ai commi 910 e 911 non si applicano ai rapporti di lavoro instaurati con le pubbliche amministrazioni di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, a quelli di cui alla legge 2 aprile 1958, n. 339, né a quelli comunque rientranti nell'ambito di applicazione dei contratti collettivi nazionali per gli addetti a servizi familiari e domestici, stipulati dalle associazioni sindacali comparativamente più rappresentative a livello nazionale".
      Quindi le famiglie italiane che pagano la colf o la badante o qualsiasi lavoratore del settore domestico, al quale viene applicato il CCNL del lavoro domestico, possono continuare ad erogare la retribuzione al lavoratore in contanti.-

      Elimina
  22. Buonasera Sig.Censori. Sono assunta come badante convivente ,tempo determinato. Non so il perche,cs. A questo punto sono senza residenza. L'agenzia mi spiega che il datore di lavoro non e obligato a farla. Io invece faccio la badante convivente proprio per la residenza. Sarebbe la causa giusta per fsre la domanda di disoccupazione in caso di dimissioni? Posso fare una denuncia? Mi chiamo Daria . Grazie per la Sua disponibilita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daria!
      In effetti con un contratto a tempo determinato il datore di lavoro non è obbligato a dare la residenza alla badante anche se convivente.-

      Elimina
    2. Buonasera Sig Censori. Grazie per la risposta. Allora l'agenzia lo fa apposta:contratto determinato,io c'e lo per 6 mesi anche se la famiglia,una coppia lei con Alzheimer lui con un tumore avranno bisogna per sempre,pure io cercavo lavoro indeterminato tuttavia lo fanno determinato,tanto per non pagare contributi per le ferie,la spesa per la residenza...? Grazie molto e buona serata. Daria

      Elimina
    3. Ciao Daria!
      Purtroppo è vero!!!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  23. Salve, vorrei sapere se alla data di cessazione del contratto a tempo determinato va pagata anche l'indennità di preavviso e va fatta firmare la lettera di licenziamento
    Grazie

    RispondiElimina
  24. No non occorre far firmare nulla e nessuna indenmita di preavviso, lo dice il contratto stesso che il rapporto di lavoro e' terminato in quella data, immagino per cpntratto lei intenda anche la denuncia che e' stata fatta all INPS e anche in questa denuncia risulta lavoro tempo determ da ... a...
    Unica cosa si ricordi di pagare I contributi INPS entro 10gg dal termine del contratto. Buonanotte

    RispondiElimina
  25. Buongiorno, un contratto C super convivente fino a 54 ore settimanali con assunzione a 40 ore, le ore lavorate in più vengono considerate straordinari oppure se non superano le 54 ore, rientrano nella paga mensile,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gianna!
      La paga mensile è la stessa tra 40 e 54 ore settimanali, e la differenza è solo nei contributi da versare all'INPS.-

      Elimina
  26. Salve avvocato, vorrei un informazione, mio suocero è Invalido al 100% e già percepisce l accompagnamento, vorrebbe assumermi come badante, se mi assume toglieranno l accompagnamento? E come funziona a con il pagamento dello stipendio deve pagare tutto lui o l Inps? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tuo suocero può assumerti come badante, e la sua indennità di accompagnamento non è in discussione, ma può farlo solo a sue spese, cioè deve provvedere lui sia per la tua paga che per i tuoi contributi.-

      Elimina
  27. Buona sera avvocato se io ho inziato lavorare dal 1 di otombre fino a 8 otombre sono stata in prova dall 9 sono stata assunta oggi 19 abiamo chiuso il contratto perche non siamo mesi dacordo con le mie giornate di riposo e con il vito. firmato il preavvizo di 15 giorni e agenzia miha deto che devo lavorare fino mercoledi 23 il preavizo e pagato e con quanto e per quele 8 giorni di preavvizi miha fato un bonifico dicendomi che viene pagato dell agenzia firmando il contratto miha messo di firmare anche nel posto del datore di lavoro non essendo con me ho fato qulche zbalio scuzaate il Contratto di 54C super indeterminato tempo pieno convivente grazi Avvocato buona notte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non riesco a capire qual'è la tua domanda!

      Elimina
    2. Buon giorno Avvocato la mia domanda le 8giorni di prova entra nel contrrato o si paga dell agenzia e con quanto viene pagate i giorni di prova se o firmato anche nell posto dell datore di lavoro perche cozi mi chesto o zbaliato grazie avvocato.

      Elimina
    3. IL periodo di prova è previsto dal contratto, quindi se sei stata assunta dopo il periodo di prova vuol dire che i primi 8 giorni hai lavorato in nero, e devi pertanto essere pagata a parte dal datore di lavoro, a meno che tu non voglia denunciarlo per averti fatto lavorare in nero.-

      Elimina
  28. Buongiorno avvocato! Per favore..chiedo un informazione! Lavoro come badante convivente con un contrato di lavoro livello cs super..54 ore alla settimana con una persona non autosufficiente da 3 anni e 2messi Adesso che mi licenziano vorrei sapere se ho diritto ha desocupazione e per quanto tempo! La paga di disocupazione quanto sara se i contributi sono stati pagati per 54 ore alla settimana per quanto ho lavorato 3 anni e 2messi? E poi..il preaviso di 15 giorni si paga aparte dell stipendio opure prendero uguale 9ani paga mensile incluso il preaviso? Grazie tanto di cuore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scuza..intendevo dire prendero uguale 976euro paga mensile incluso il preaviso?Grazie

      Elimina
    2. - La durata massima dell'indennità di disoccupazione (NASPI) è pari alla metà delle settimane lavorate negli 4 anni.-
      - L'importo della NASPI per i primi 3 mesi è pari al 75% della media delle retribuzioni, ma per quanto riguarda colf e badanti i contributi versati all'INPS sono inferiori rispetto ai lavoratori dipendenti, quindi anche l'importo della NASPI è inferiore scendendo al 50% circa.-
      - Per il periodo di preavviso prenderai lo stesso stipendio.-

      Elimina
  29. Grazie tanto avvocato..cordiali saluti!

    RispondiElimina
  30. Buongiorno avvocato ho una domanda si come questo anno 1 novembre cade giovedì si sovrappone con mezza giornata libera come se fa?Si recupera mezza giornata?Se paga?Grazie e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Festività
      1° gennaio - 6 gennaio – lunedì di Pasqua – 25 aprile – 1° maggio – 2 giugno – 15 agosto – 1° novembre – 8 dicembre – 25 dicembre – 26 dicembre – S. Patrono. In queste giornate il lavoratore ha diritto al completo riposo e alla retribuzione normale. Se una delle festività sopra elencate coincide con la domenica o nel giorno di riposo stabilito, il lavoratore ha diritto al recupero del riposo in altra giornata o, in alternativa, al pagamento di 1/26 della retribuzione. Se invece è lavorata è dovuto, oltre alla normale retribuzione giornaliera il pagamento delle ore lavorate maggiorate del 60%.-

      Elimina
    2. Grazie mille avvocato!

      Elimina
  31. Buongiorno avvocato Gianfranco censori vorrei chiederle gentilmente un informazione io lavoro da un anziano che ha 92 ed è malato con la demenza vascolare ultimamente sta diventando molto violento mi picchia e un giorno a preso il cortello e mi ha detto che mi ammazza io non ne posso piu ho paura non vorrei licenziarmi perché seno dopo non posso avere la disoccupazione come posso fare la prego di aiutarmi ho bisogno del suo aiuto grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel tuo caso puoi presentare le dimissioni per giusta causa ed avere diritto all'indennità di disoccupazione, ma la giusta causa va dimostrata; ti consiglio quindi di rivolgerti a un sindacato per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
    2. Grazie mille avvocato Gianfranco molto gentile

      Elimina
  32. Buon giorno.avocato sono lavoratrice badante mio.contrato e per 36 ore setimanale mio orario lavoro e 7matino.7 cera con due persone de curare no autosuficente mi orario pausa de due ore e al mattino nla.segnora no vogle darme 5 minuti de pausa per prendere cafe pomeriggio me.a.detto. che no e casa de diriti mi urla cosa devo fare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di rivolgerti a un sindacato per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  33. Mi chiamo Ana lavoro da 8 ani come badante con contratto CSuper 40 ore per lo stesso datore di lavoro.la mia domanda è quanti giorni di licenziamento mi spetta.. perché la signora che badava la porta in una casa di riposo.. grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In caso di licenziamento, se il lavoratore è impegnato per oltre 24 ore settimanali e ha maturato fino a cinque anni di anzianità presso lo stesso datore di lavoro, il termine di preavviso deve essere almeno di 15 giorni di calendario. Il termine deve essere di almeno 30 giorni se gli anni di anzianità sono oltre i cinque.-

      Elimina
    2. Buon giorno avvocato a me a detto che o diritto a 15 giorni chiedo ha Lei.. è giusto?Sona Ana

      Elimina
    3. Ho ricevuto la lettera di licenziamento... preavviso di 15 giorni chiedo a Lei se e giusto

      Elimina
    4. NO!
      Con 8 anni di servizio il preavviso da dare in caso di licenziamento è di 30 giorni.-

      Elimina
  34. È possibile licenziare la domestica con rapporto di lavoro a tempo determinato senza giusta causa se questa era in stato di gravidanza già prima dell'inizio del rapporto di lavoro? Posso avere i riferimenti di legge? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Non è possibile licenziare una lavoratrice prima della scadenza del contratto, anche e soprattutto se è in stato di gravidanza.-

      Elimina
  35. Salve, vorrei assumere una badante c super convivente 54 ore con pomeriggio libero il sabato e giorno libero la domenica
    Per i giorni in cun non lavora vorrei assumere un altra persona che dorma in casa dell'assistito il sabato sera lavorando sabato pomeriggio e domenica, che contratto posso fargli?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo il CCNL colf e badanti non prevede un orario di lavoro misto tra diurno e notturno.-

      Elimina
  36. Buonasera, vorrei sapere se in caso di decesso del datore di lavoro il contratto si chiude alla data del decesso pagando il mancato preavviso oppure si devono dare i giorni di preavviso e la cessazione viene fatta successivamente allo scadere dei 15 gg.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gianna!
      Per contratto sono possibili entrambe le opzioni, e la scelta sta al datore di lavoro o ai suoi eredi.-

      Elimina
  37. Buon giorno Avvocato una mia sorella che lavora come badante BS autosuficiente convivente e familiaari no vuole farli la rezidenza lei a bizonio di un dotore perche non sta molto bene come deve procedere grazie Avvocato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le consiglio di rivolgersi a un sindacato per farsi tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  38. Buonasera, avvocato."Terminando il rapporto di lavoro terminerà anche l'ospitalità (come comunicato in Commissariato di Pubblica Sicurezza da Sanremo con raccomandata n.13733764799 il 25/09/2009) presso l'abitazione di mia madre in. Sanremo via Volta ..." Cosi e scritto nella lettera di licenziamento. Che siniffica? Non ho piu la residenza? E giusto cosi?
    Ho sentito, che io ho diritto di avere la residenza entro un anno dal licenziamento. Il mio datore di lavoro mi ha detto di No. Chi ha ragione? Cosa devo fare? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo significa che terminato il rapporto di lavoro non avrai più la residenza presso l'abitazione dell'assistita, e dovrai quindi lasciare la casa e cambiare residenza.-

      Elimina
  39. Egregio avvocato,­

    sono la sig.ra Nadia ­di nazionalità Ucrain­a e sono in italia da­ circa 10 anni per la­voro come badante.

    Ho conseguito la pate­nte in Ucraina, ma i­n Italia non ho mai g­uidato. Adesso per ra­gione di lavoro ho bi­sogno di usare la mac­china, mi è stato det­to che se almeno una ­volta all'anno mi rec­o in Ucraina e poi ri­torno con la macchin­a in Italia, non nece­ssita di conseguire l­a patente in Italia.

    Le risulta anche a ­Lei?

    In attesa di una Sua ­gradita risposta, por­go cordiali saluti e ­La ringrazio in antic­ipo.

    Nadia.­

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nadia!
      NO!
      Questo è uno stratagemma che puoi usare una volta, ma che non ti risolve il problema, ti consiglio quindi di richiedere la patente di guida anche in Italia.-

      Elimina
  40. Salve: infortunio badante convivente avvenuto il 15 del mese con prognosi maggiore 30 gg. regolarmente denunciato all'INAIL. La badante continua a vivere nell'abitazione dell'assistito e NON lavora, anzi deve essere aiutata. Nella busta paga del mese il CAF (oltre ai 3 gg. post infortunio pagati regolarmente) mi ha calcolato sia la retribuzione PIENA utile al TFR, oltre alla maturazione delle ferie (i soliti 2,17 gg). Nel post poco sopra rispondeva che matura solo il rateo 13a. Mi conferma, in base a quale norma?
    Inoltre l'indennità di pranzo, cena, alloggio è stata riconosciuta fino alla data dell'infortunio; successivamente no poichè la badante è degente presso il domicilio del datore di lavoro e ne usufruisce direttamente. Corretto? Grazie del chiarimento che vorrà darmi e lo girerò alla persona che elabora le buste paga e non ha molta pratica sugli infortuni che mi ha detto aver gestito pochissime volte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tredicesima mensilità matura durante le assenze per malattia, infortunio sul lavoro, malattia professionale e maternità.
      Il trattamento di fine rapporto matura anche durante i periodi di assenza per ferie, malattia, infortunio, maternità e concedo matrimoniale.
      Si ha diritto all'indennità sostitutiva di vitto e alloggio solo quando non se ne usufruisce.-

      Elimina
    2. Grazie mille, non mi ha risposto solo all'ultimo dubbio. Le ferie (2,17 gg al mese) maturano lo stesso durante l'infortunio? E se no in base a quale articolo, nel contratto non lo trovo da nessuna parte...

      Elimina
    3. SI!
      Anche le ferie maturano durante l'infortunio, e non è precisato nel CCNL colf e badanti perché rientra nella normativa di carattere generale valida per tutti i lavoratori dipendenti.-

      Elimina
    4. Grazie ancora, tutto chiaro

      Elimina
  41. Buongiorno, è cessato il rapporto di lavoro e la badante non toglie la residenza, come posso fare per non farla risultare più residente a casa mia?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la badante non toglie la residenza dalla casa occorre effettuare una comunicazione scritta in Questura e in Comune all'Ufficio anagrafe.-

      Elimina
    2. Per esperienza personale, ho dovuto trattenere il tfr fino a che la mia non si è decisa a togliere le residenza, 4 mesi di lotta.....e le comunicazioni non servono se non è lei che la toglie, ho girato tutti gli uffici....

      Elimina
  42. Buona sera Avocato e mancata la segniora e adesso io deve lasciare la casa e deve fare la domanda per dezocopazione e adesso come puo fare io perche rimango senza rezidenza e cosa succede

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti una volta terminato il periodo di preavviso devi lasciare la casa e trovarti un nuovo alloggio nel quale trasferire la residenza, e subito dopo, e comunque entro 68 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro, dovrai presentare all'INPS la domanda di indennità di disoccupazione.-

      Elimina
  43. Buongiorno
    Io ho un contratto di lavoro bs,36 ore settimanali e l,orario di lavoro 8,00--21,00.Ho chiesto a cisl , che mi ha fatto il contratto, se questa cosa va bene e mi hanno detto SÌ!! Tu devi lavorare dalla mattina alla sera e il datore di lavoro ti paga i contributi per quante ore vuole. Vorrei sapere se ccnl specifica qualcosa di preciso, io non ho trovato.Voglio solo sapere, non voglio farmi tutelare dal sindacato, se cisl ha ragione probabilmente mi cercherò un altro lavoro.
    Ho anche un grande dubio riguarda la mezza giornata libera:24 ore sono 8.00domenica- 8.00 lunedì. Come si contano 12 ore?
    La ringrazio
    ,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Non è assolutamente vero!
      Il tuo contratto di lavoro prevede solo 36 ore di lavoro settimanali e l'orario di lavoro dovrebbe essere indicato nello stesso, quindi non sei tenuta a lavorare di più rispetto alle ore previste.-

      Elimina
  44. Buongiorno avvocato, io lavoro come badante Cs con 36 ore settimanali e paga mensile di 972 euro di qui mi ritiene i contributi 35 euro mensili. Vorrei sapere se è giusto così. Poi,per le feste ,se resto al lavoro,ho chiesto 60 euro ma la figlia non è d'accordo, dicendomi che mi calcola sulla busta paga. Ma se sono 6ore al giorno sul contratto, allora quanto mi pagherebe ? E giusto accettare o no? Grazie, cordiali saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI! la quota dei contributi a tuo carico è giusta!
      Straordinario:
      Personale convivente:
      E' compensato con una maggiorazione del:
      - 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).-
      - 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).-
      - 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo stabilito e nelle festività infrasettimanali.-
      - 40% per le ore di lavoro prestate nella mezza giornata di riposo (mancato riposo).-

      Elimina
  45. Buon giorno Avocato e posibile a un contracto di lavoro ca badanta con 40 ore a septimane tfr essere 73.79 un mese un altro mese 74.61 io non capisco ,non prendo ogni messe ho parlato con lui perprendere a fine di lavoro a me mi pare ca non va bene il datore di lavoro dice che celo 40 ore a setimane .Lei si vuole mi dica quanto deve prendere tfr anche 13 stipendio grazie

    RispondiElimina
  46. Buongiorno, avrei bisogno di alcune informazioni.
    Lavoro come assistente ad una persona disabile non autosufficiente, con inquadramento Cs. Il mio contratto prevede 54 ore settimanali, vitto e alloggio, riposo il sabato pomeriggio e la domenica.
    Vorrei sapere se, finito il mio orario di lavoro (che va dalle 8.00 alle 20.00, con due ore di riposo pomeridiano) posso lasciare la casa dove vivo e lavoro.
    Dopo le 20 vengo regolarmente chiamata dal mio assistito per assisterlo nella minzione (eseguo cateterismi vescicali estemporanei), per metterlo a letto, etc. Di regola, vengo chiamata almeno due volte durante la notte, a volte di più. Tutto ciò è legale? Io vorrei poter lasciare il posto di lavoro dopo le 20, o ridefinire il mio orario di modo da non dover stare qui 24 ore su 24.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se un datore di lavoro assume una badante convivente è perché la notte può svegliare la badante in caso di necessità impellenti, quindi qualche volta puoi dormire fuori casa ma devi informare preventivamente il datore di lavoro.-
      Se vuoi lasciare il posto di lavoro dopo le 20 devi far modificare il contratto da convivente a non convivente, con tutto quello che ne consegue.-

      Elimina
  47. Ho dementicato per dire che un stipendio di 857.97 per persoane autosufficiente quanto e tfr e al 13 con 40 ore sono sempre ii quale ho scrito alle 11.45 grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Sia il TFR che la tredicesima sono pari a una mensilità aggiuntiva ogni anno, quindi a fine anno verrà eventualmente effettuato il conguaglio tra quello percepito mensilmente con quello spettante.-

      Elimina
  48. Buona sera Avocato volio dire io prendo tutto tfr la fine di raporto di lavoro non ogni mese e adesso in busta paga vedo solo tfr quale e 73.61 ma ogni mese si cambia grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importo del TFR viene calcolato automaticamente sulla paga, quindi se l'importo non è sempre lo stesso vuol dire che la paga mensile non è sempre la stessa, quindi è giusto che sia così.-

      Elimina
  49. Buongiorno ho un contratto da colf non convivente di 25 ore settimanali livelli Bs, se la signora che assisto e' ricoverata in ospedale io sono pagata comunque ? Come funziona ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sarai pagata comunque se presterai assistenza in ospedale per le ore di lavoro contrattuale, altrimenti presumo che verrai messa in ferie.-

      Elimina
  50. Bbuon giorno sono flavio vorrei da parte sua un informazione al inizio ho fatto un contratto per 40 ore come collaboratote domestico poi visto che facevo piu fi 40 ore ho chiedto la variazione contratto portarlo a 54 fino qui tutto bene primo contratto dice : oggetto contratto fi lavoro tempo indeterminato comma 3 art.9 bis etc etc l orario di laboro e di 40 ore settimanali in regime di lavoratore convivente questo e il primo contratto l altro contratto dice oggetto : lettera di variazione orario lavoro , il nuovo orario di lavoro e di 54 ore in regime di lavoratore non convivente ecco gli ho spiegato la differenza oggetto vorrei sapere se e regolare gli oggetti indicati l ultimo oggetto si riferisce alle 54 ore e regolare come contratto che dice variazione orario di lavoro o è una fregatura ?? Voglio dire il mio contratto e di 54 ore o è rimasto a 40 ore riferendomi al oggetto variazione orario di lavoro �� punto secondo primo contratto dice 40 settimanali in regime convivente presso il datore ��secondo contratto di 54 dice in regime NON convivente presso datore �� per adesso hò sempre convissuto con datore facendo le 54 ore sett. Mi può spiegare se può essere regolare senza un timbro inps dei due contratti �� in mano hò solo la denuncia rapporto di lavoro domestico fatta dal datore di lavoro a inizio lavoro con timbro inps vorrei sapere anche se quando hà fatto la variazione di orario di 54 ore dovevo avere una seconda denuncia di rapporto di lavoro domestico a 54 ore mi spiace sono stato un po lunghetto spero in una sua eventuale risposta saluti flavio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Flavio!
      Presumo che ci sia un errore che devi chiarire con il tuo datore di lavoro!
      Infatti La paga mensile in caso di non convivenza è superiore a quella da convivente perché in caso di convivenza nella paga sono compresi vitto e alloggio che sono quindi gratuiti.-
      Nel tuo caso dubito quindi che ti paghino di più e ti conservino vitto e alloggio gratuiti.-

      Elimina
  51. Buonasera, una badante convivente Cs 54 ore settimanali, in accordo con il datore di lavoro, talvolta lavora nelle due ore di pausa pomeridiana. A quanto ammonta l'importo orario delle ore straordinarie? Ho sentito parlare di paga globale di fatto. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Straordinario!
      Personale convivente:
      E' compensato con una maggiorazione del:
      - 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).-
      - 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).-
      - 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo stabilito e nelle festività infrasettimanali.-
      - 40% per le ore di lavoro prestate nella mezza giornata di riposo (mancato riposo).-

      Elimina
  52. buona sera vorrei chiedere un informazioni io ho assunto una collaboratrice domestica e avendole fatto il contratto lei dice di volere la V super ma io si sono disabile ma autosufficiente cosa cambia nel pavimento fa C normale A V Super grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Classificazione di Badanti e Colf
      Livello A
      Collaboratori familiari generici, non addetti all'assistenza di persone, con esperienza professionale (maturata anche presso datori di lavoro diversi) non superiore a 12 mesi.
      Livello A Super
      Addetto alla compagnia, baby sitter (mansioni occasionali e/o saltuarie).
      Livello B
      Collaboratori familiari che, in possesso della necessaria esperienza svolgono con specifica competenza le proprie mansioni, ancorché a livello esecutivo.
      Livello B Super
      Assistente a persone autosufficienti
      Livello C
      Collaboratori familiari che, in possesso di specifiche conoscenze di base, sia teoriche che tecniche, relative allo svolgimento dei compiti assegnati, operano con totale autonomia e responsabilità.
      Livello C Super
      Assistente a persone non autosufficienti (non formato).
      Livello D
      Collaboratori familiari che, in possesso dei necessari requisiti professionali, ricoprono specifiche posizioni di lavoro caratterizzato da responsabilità, autonomia decisionale e/o coordinamento.
      Livello D Super
      Assistente a persone non autosufficienti (formato). Svolge mansioni di assistenza a persone non autosufficienti, ivi comprese, se richieste, le attività connesse alle esigenze del vitto e della pulizia della casa ove vivono gli assistiti.-

      Elimina
  53. Buongiorno Avvocato, abbiamo da poco assunto una badante con contratto BS convivente a 30 ore settimanali. Per le esigenze della mamma autosufficiente , dovrebbe prestare servizio 5 GG. alla settimana per 5 Ore/giorno e 2 Giorni (Sabato e Domenica) per 2,5 ore. E' fattibile o devo pagare straordinari o altro?? Grazie per la risposta. Giuseppe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuseppe!
      SI!
      E' fattibile ovviamente se la badante è d'accordo!

      Elimina
  54. Buonasera, lavoro come badante convivente Cs 40 ore settimanali, in accordo con il datore di lavoro, talvolta lavora nelle due ore di pausa pomeridiana. A quanto mi devono pagare. Mi pagano 5 euro a ora. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Straordinario:
      Personale convivente:
      E' compensato con una maggiorazione del:
      - 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).-
      - 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).-
      - 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo stabilito e nelle festività infrasettimanali.-
      - 40% per le ore di lavoro prestate nella mezza giornata di riposo (mancato riposo).-

      Elimina
  55. Buonasera, una info per favore. Che calcolo devo fare per determinare la paga oraria sulla quale applicare la maggiorazione del 25% per lavoro straordinario lavorato da una badante CS 54 ore settimanali a eur 972,33 mensili. Grazie tante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Paga euro 972,33 : 4,33 = 224,55 : 54 = 4,16 euro all'ora
      - Vitto e alloggio euro 143,78 : 4,33 = 33,20 : 54 = euro 0,61 all'ora
      - Paga di fatto euro 4,16 + 0,61 = euro 4,77 sulla quale va applicata la maggiorazione.-

      Elimina
  56. Salve per un contratto di colf per 25 ore alla settimana il stipendio con il CCNL quanto sarebbe grazie mille.
    Colf si intende pulire casa y portare fuori cane per fare bisogni è questo dq fare in quela family.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il livello A prevede una paga oraria di 4,57 euro + 13/ma + TFR + festività + contributi.-

      Elimina
    2. Grazie mille per.un raporto di lavoro cosi di 25 ore il.lavoratore non ha diritto al pasto è giusto vero... grazie ancora

      Elimina
    3. Purtroppo NO!
      Con un contratto da colf non si ha diritto al pasto.-

      Elimina
  57. Buongiorno avvocato,
    Sono Anastasia, lavoro come badante con cotratto a 54 ore settimanali; secondo contratto dovrei essere libera da sabato a mezzoggiorno fino alle 8 del lunedi mattina. Ma purtroppo il mio datore di lavoro mi obbliga a lavorare anche la domenica sera, perchè la persona che assisto non dorme di notte e sono obbligata a lavorare. È giusto cosí? Inoltre la notte di domanica (in cui dovrei essere libera) non mi viene retribuita!!! Chiedo gentilmente se puó indicarmi cosa potrei fare per uscire da questa situazione...
    Grazie in anticipo.
    07/11/2018

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anastasia!
      Ti consiglio di rivolgerti a un sindacato per fati tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
    2. Grazie,avv.,ma sabato notte devo essere per forza presso posto di lavoro,o da 12 di sabato fino alle 8 di lunedi sono libera,certamente se non capita qualcosa.grazie anticipamente

      Elimina
    3. Buona sera per favore una domanda io sono assunta da febbraio 2017 si domani porto la mia lettera dimissioni con data 06 novembre 2018 perché lavoro solo due volte alla settimana voglio dire solo lunedì e venerdì quindi assunta per 24ore settimanale. Fino quando dovrei lavorare per chiudere bene il rapporto.grazie mille.sono otto giorni di preavviso quindi fino quando. Non sono sicura fino quando devo andare lì.grazie ancora

      Elimina
    4. Il preavviso è di 8 giorni di calendario e decorre da quando presenti la lettera di dimissioni al tuo datore di lavoro, e non dalla data della lettera.-

      Elimina
  58. gentile avvocato,
    sono stata assunta come badante CS per 10 ore alla settimana dal 1 ottobre 2018. Le chiedo quanti giorni di ferie mi spettano annualmente e dal 1 ottobre fino a tutto dicembre. Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le ferie vengono calcolate non in base alle ore, ma in base alle giornate lavorate settimanalmente.-

      Elimina
  59. Gentile Gianfranco sono assunta come badante 24/24 nivelo CS ,54 ore settimanali quelli 36 ore ce dovrei essere libera che sono sabato e domenica miano chiesto un favore di lavorare .Quate ore se calcola sabato visto che sono 12 ore e domenica 24.Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lavoro straordinario:
      Personale convivente:
      E' compensato con una maggiorazione del:
      - 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).-
      - 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).-
      - 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo stabilito e nelle festività infrasettimanali.-
      - 40% per le ore di lavoro prestate nella mezza giornata di riposo (mancato riposo).-

      Elimina
  60. Salve io lavora da un bar che prendo al mese 600€ euro quindi vorrei sapere quanto contributo devo pagare e le tasse e anche generalmente si calcolano 35%?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se lavori in un bar non sei una lavoratrice domestica, presumo quindi che hai un contratto e una busta paga dove risulta la paga e le trattenute effettuate.-

      Elimina
  61. Buongiorno avvocato, mi chiamo Angela e lavoro come badante livello ds 1200€ mensili. Ho 13 giorni di ferie non godute nel 2018 e il mio datore di lavoro mi ha detto che li vuole pagare. Quanto mi dovrebbe dare al giorno di ferie maturate?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angela!
      Non è possibile!
      Per legge le ferie vanno godute e non pagate, quindi se non vengono godute nel corso dell'anno di maturazione vanno in accumulo negli anni successivi, e solo alla cessazione del rapporto di lavoro possono essere pagate le giornate residue.-

      Elimina
  62. BUONGIORNO GIANFRANCO ,HO UNA DOMANDA ,DEVO RINOVARE LA CARTA DI IDENTITA IN MESE DI FEBRAIO MA COSI COME IO MI TROVO CON IL MIO ASSISTITTO IN ALTRA CITA NON IN QUELLA DOVR HO LA RESIDENZA. NON POSSO ANDARE IN MESE DI FEBRAIO , POSSO RINOVARE LA CARTA DI ID. IN MESE DI GIUGNO?LA RINGRAZIO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      Purtroppo NO!
      La carta d'identità va rinnovata alla scadenza e non quando vuoi tu, quindi nel mese di febbraio ti devi prendere un giorno di ferie e provvedere per il rinnovo.-

      Elimina
  63. Buonasera Ho un contratto da convivente cg super 54 ore convivente e sono stata assunta x 36 ore settimanali
    Tenuto conto che lo stipendio non cambia sia che il contratto sia a 54 che a 36, Io sono tenuta a lavorare 54 ore o 36 ore?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo stipendio non cambia, ma i contributi da versare all'INPS cambiano perché sono rapportati all'orario di lavoro, quindi per legge il contratto deve corrispondere alle ore effettive di lavoro, a parte ovviamente eventuali ore di straordinario.-

      Elimina
  64. Buona sera avvocato! Vorrei un informazione gentilmente..lavoro come badante 24 su 24 mi ha assunto una cooperativa che mi ha fatto un contratto di collaborazione coordinata e continuativa non ricevo la tredicesima, le ferie non sono pagate e ricevo una busta paga con 370 euro al mese però io praticamente ho 900 euro. Sono libera solo 6 ore giovedì e 12 ore la domenica. Che potrei fare secondo lei? Che consigli mi da? Grazie mile aspetto la sua risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  65. Buongiorno gentile sig. Gianfranco secondo il contratto di colf per fare una asunsione in che livello si deve fare a una signora con experiencia di 16anni come colf tata per fare lavorare 24 ore alla settimana y la paga oraria che corrisponde quanto equivale sempre come colf partirebe contratto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La colf potrebbe essere assunta al livello B che prevede una paga oraria di euro 5,72 + 13/ma + TFR + festività + contributi.-

      Elimina
  66. Salve avvocato. Mi chiamo Viktor e sto per essere assunto come badante ( du due signore anziane di cui una non autossuficiaente) Livello CS (convivente) paga mensile 972,33 - 54 ore. Essendo straniero vorrebbe sabere quale dovrebbe esssere il mio netto mensile ( anche se devo badare a duie signore la paga deve essere sempre di €.972,33) e quanto ammonterebbero i contributi che dovrei pagare. Il contratto Badante debe essere registrato? Mi hanno dato la busta paga ed ho al cod. tributo Z00600= euro 8,40 e cod. Z00603= euro 53,56. Dovrai pagare ancora qualcoisa io? Grazioe Viktor

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Viktor!
      L'importo dei contributi a tuo carico corrisponde più o meno a quello che ti viene trattenuto in busta paga, ma non ci sono trattenute fiscali perché ogni anno dovrai presentare la dichiarazione dei redditi e pagare il dovuto all'erario in base al reddito lordo complessivo.-

      Elimina
  67. Buona sera dottor Censori
    Mi interessa sapere quanti giorni di malattia pagate a diritto una badante durante un anno e se deve essere pagata dal datore di lavoro oppure dal inps

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oltre l'obbligo di mantenimento del posto di lavoro, il datore di lavoro è poi obbligato a remunerare la malattia garantendo un salario coincidente al 50% della retribuzione globale di fatto per i primi 3 giorni di calendario e pari al 100% della retribuzione globale di fatto per un numero di giorni pari a:
      - 8 giorni complessivi nell'anno per anzianità di servizio inferiore a 6 mesi;
      - 10 giorni complessivi di calendario nell'anno per anzianità di servizio compresa tra 6 mesi e 2 anni;
      - 15 giorni complessivi di calendario nell'anno per contratti di lavoro con anzianità di servizio superiore a 2 anni.-

      Elimina
  68. Buongiorno Avocato ho una domanda le feste se cadano in giornata libera giovedi come 1 di novembre posso prendere in altra giornata libera oppure la domenica se e una festa deve prendere altra giornata grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      Festività
      1° gennaio - 6 gennaio – lunedì di Pasqua – 25 aprile – 1° maggio – 2 giugno – 15 agosto – 1° novembre – 8 dicembre – 25 dicembre – 26 dicembre – S. Patrono. In queste giornate il lavoratore ha diritto al completo riposo e alla retribuzione normale. Se una delle festività sopra elencate coincide con la domenica o nel giorno di riposo stabilito, il lavoratore ha diritto al recupero del riposo in altra giornata o, in alternativa, al pagamento di 1/26 della retribuzione. Se invece è lavorata è dovuto, oltre alla normale retribuzione giornaliera il pagamento delle ore lavorate maggiorate del 60%.-

      Elimina
  69. Buongiorno Avvocato.Per favore rispondi, in che caso sarà concessa la quattordicesima? Questa legge è la stessa per tutti i Badani?Grazie.Grazie.

    RispondiElimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.