venerdì 11 marzo 2016

Badanti e Colf - CCNL Anno 2016

Classificazione di Badanti e Colf

Livello A
Collaboratori familiari generici, non addetti all'assistenza di persone, con esperienza professionale (maturata anche presso datori di lavoro diversi) non superiore a 12 mesi.
Livello A Super
Addetto alla compagnia, baby sitter (mansioni occasionali e/o saltuarie).
Livello B
Collaboratori familiari che, in possesso della necessaria esperienza svolgono con specifica competenza le proprie mansioni, ancorchè a livello esecutivo.
Livello B Super
Assistente a persone autosufficenti
Livello C
Collaboratori familiari che, in possesso di specifiche conoscenze di base, sia teoriche che tecniche, relative allo svolgimento dei compiti assegnati, operano con totale autonomia e responsabilità.
Livello C Super
Assistente a persone non autosufficenti (non formato).
Livello D
Collaboratori familiari che, in possesso dei necessari requisiti professionali, ricoprono specifiche posizioni di lavoro caratterizzato da responsabilità, autonomia decisionale e/o coordinamento.
Livello D Super
Assistente a persone non autosufficenti (formato). Svolge mansioni di assitenza a persone non autosufficenti, ivi comprese, se richieste, le attività connesse alle esigenze del vitto e della pulizia della casa ove vivono gli assistiti.


Orario di lavoro

Nel lavoro a tempo pieno l'attuale durata normale dell'orario di lavoro è concordata tra le parti e comunque con un massimo di:
10 ore giornaliere non consecutive, per un totale di 54 ore settimanali per i lavoratori conviventi.-
8 ore giornaliere non consecutive, per un totale di 44 ore settimanali per i lavoratori non conviventi.-
Il lavoratore ha diritto ad un riposo di almeno 8 ore consecutive nella giornata e ad un ulteriore riposo intermedio di almeno 2 ore da fruirsi nelle ore pomeridiane.-


Riposo settimanale

Il riposo settimanale è di 36 ore e deve essere goduto per:
  • 24 ore di domenica (o altra giornata stabilita nel contratto di assunzione). Questo riposo è irrinunciabile. In caso di richiesta di prestazione lavorative per esigenze imprevedibili le ore vanno retribuite con la maggiorazione del 60% sia per i lavoratori non conviventi che per i lavoratori conviventi.-
  • 12 ore in qualsiasi altro giorno della settimana. Qualora fossero richieste prestazioni lavorative nel giorno fissato, il riposo può essere goduto in altro giorno della settimana (in assenza di recupero le ore lavorate vanno retribuite con la maggiorazione del 40% sia per i lavoratori non conviventi che per i lavoratori conviventi).- 

Lavoro straordinario

Personale non convivente:
E' compensato con una maggiorazione del:
  • 10% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno compreso tra le 40 e le 44 ore settimanali.- 
  • 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).- 
  • 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).- 
  • 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo o in giorno festivo infrasettimanale.- 

Personale convivente:
E' compensato con una maggiorazione del:
  • 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).- 
  • 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).- 
  • 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo stabilito e nelle festività infrasettimanali.- 
  • 40% per le ore di lavoro prestate nella mezza giornata di riposo (mancato riposo).- 

Scatti di anzianità

Per ogni biennio di servizio presso lo stesso datore di lavoro spetta al lavoratore un aumento pari al 4% sulla retribuzione minima contrattuale, per un massimo di 7 scatti.-

Festività

1° gennaio - 6 gennaio – lunedì di Pasqua – 25 aprile – 1° maggio – 2 giugno – 15 agosto – 1° novembre – 8 dicembre – 25 dicembre – 26 dicembre – S. Patrono. In queste giornate il lavoratore ha diritto al completo riposo e alla retribuzione normale. Se una delle festività sopra elencate coincide con la domenica o nel giorno di riposo stabilito, il lavoratore ha diritto al recupero del riposo in altra giornata o, in alternativa, al pagamento di 1/26 della retribuzione. Se invece è lavorata è dovuto, oltre alla normale retribuzione giornaliera il pagamento delle ore lavorate maggiorate del 60%.


Ferie

Indipendentemente dalla durata dell'orario di lavoro, per ogni anno di servizio il lavoratore ha diritto a 26 giorni lavorativi di ferie se la distribuzione dell'orario di lavoro settimanale è su 6 giorni (occorre proporzionare se i giorni lavorativi sono inferiori a sei). La retribuzione dei giorni di ferie è maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto se dovuto. Le ferie non possono essere monetizzate (salvo i giorni non goduti che residuano alla cessazione del rapporto di lavoro).-

Malattia

L'art. 26 del C.C.N.L. inerente la retribuzione della malattia delle colf e/o badanti.Come primo dovere, il datore di lavoro, una volta ricevuto il certificato medico entro 2 giorni dall'inizio della malattia fatto emettere dal lavoratore entro il giorno successivo al verificarsi dell'evento, avrà l'obbligo di mantenere il posto di lavoro per un periodo di tempo variabile in base all'anzianità di servizio della colf e /o badante, sia questa convivente che non convivente. Il periodo di conservazione del posto di lavoro è pari a:
  • 10 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica (sia convivente che non convivente) con anzianità inferiore a 6 mesi;
  • 45 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica con anzianità di servizio compreso tra i 6 mesi ed i 2 anni;
  • 180 giorni di calendario (incluse le domeniche) se l'anzianità di servizio della colf è superiore a 2 anni.

Oltre l'obbligo di mantenimento del posto di lavoro, il datore di lavoro è poi obbligato a remunerare la malattia garantendo un salario coincidente al 50% della retribuzione globale di fatto per i primi 3 giorni di calendario e pari al 100% della retribuzione globale di fatto per un numero di giorni pari a:
  • 8 giorni complessivi nell'anno per anzianità di servizio inferiore a 6 mesi;
  • 10 giorni complessivi di calendario nell'anno per anzianità di servizio compresa tra 6 mesi e 2 anni;
  • 15 giorni complessivi di calendario nell'anno per contratti di lavoro con anzianità di servizio superiore a 2 anni.


Tredicesima mensilità

Al lavoratore spetta una mensilità aggiuntiva, pari alla retribuzione maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto. Per colf e badanti conviventi la tredicesima mensilità è pari allo stipendio mensile + vitto e alloggio e per il 2012 è pari a 132,60 euro (5,19 al giorno x 26 giorni).-


TFR (Trattamento di fine rapporto)

Deve essere liquidato al termine del rapporto di lavoro e indicativamente corrisponde ad una mensilità per ogni anno di servizio prestato.-
Una volta stabilità qual è l'anzianità maturata dalla lavoratrice, si passa al calcolo vero e proprio.
  1. Il primo passo consiste nel determinare la somma pagata nel corso dei singoli anni, comprensiva della tredicesima e delle indennità di vitto e alloggio per le colf conviventi o che consumano in casa uno o più pasti. 
  2. L'importo della retribuzione annuale, diviso per 13,5, rappresenta la quota annuale da accantonare per il trattamento di fine rapporto. 
  3. Le singole quote annuali vanno rivalutate con degli appositi coefficienti dati dalla somma di due indici di cui:
    • il primo è pari al 75% dell'aumento del costo della vita accertato dall'Istat per gli operai e gli impiegati;
    • il secondo è dato da una percentuale fissa pari all'1,50% all'anno (0,125% al mese).

Preavviso per Licenziamento o Dimissioni

Il rapporto di lavoro domestico può cessare per libera volontà del lavoratore e del datore di lavoro.

Non c'è necessità di motivare l'interruzione del rapporto di lavoro, ma deve essere concesso un termine di preavviso, che varia a seconda che il rapporto di lavoro sia superiore od inferiore a 24 ore settimanali, ed all’anzianità di servizio presso il datore di lavoro. Le parti possono regolare tra di loro questi termini, che però non possono comunque essere inferiori a quelli stabiliti per legge.
In caso di licenziamento, se il lavoratore è impegnato per oltre 24 ore settimanali e ha maturato fino a cinque anni di anzianità presso lo stesso datore di lavoro, il termine di preavviso deve essere almeno di 15 giorni di calendario. Il termine deve essere di almeno 30 giorni se gli anni di anzianità sono oltre i cinque.

Se invece il rapporto di lavoro è fino a 24 ore settimanali il preavviso dovrà essere pari ad 8 giorni di calendario, fino a due anni di anzianità e 15 giorni di calendario, oltre i due anni di anzianità.
Nel caso di dimissioni da parte del lavoratore i termini sono ridotti del 50%.


Presenza Notturna

I lavoratori assunti per garantire esclusivamente la presenza notturna (e non l’assistenza o cura) rappresentano una categoria a sé.
Le prestazioni di presenza notturna sono quelle effettuate in una fascia oraria notturna interamente ricompresa tra le ore 21.00 e le ore 8.00 e prevedono che il datore di lavoro metta a disposizione del lavoratore un alloggio idoneo per il completo riposo notturno.
Questo tipo di prestazioni vengono inquadrate in una categoria specifica di lavoro domestico, la "presenza notturna", che ha un parametro retributivo specifico (Tabella E, Presenza notturna).
Nel contratto di lavoro dovranno essere indicata la categoria di prestazioni ("prestazioni notturne") e l'ora d'inizio e quella di cessazione dell'assistenza.
Qualora venissero richieste al lavoratore prestazioni diverse dalla mera presenza, queste non saranno considerate lavoro straordinario, bensì retribuite aggiuntivamente sulla base delle retribuzioni previste per i lavoratori non conviventi, come da Tabella C, con le eventuali maggiorazioni contrattuali e limitatamente al tempo effettivamente impiegato.


Assistenza Notturna

È possibile assumere personale non infermieristico perché resti a disposizione durante la notte e presti assistenza in caso di bisogno.
Questo tipo di personale viene inquadrato in una categoria specifica di lavoro domestico, "assistenza notturna", che prevede come mansioni “discontinue prestazioni notturne di cura alla persona”.
La categoria di assistenza notturna viene retribuita secondo dei parametri specifici.
Per essere inquadrata come “discontinue prestazioni notturne di cura alla persona”, l’assistenza prestata deve avere carattere di discontinuità: prevede infatti attesa, ma non sempre assistenza. Il lavoratore si obbliga perciò a garantire al datore di lavoro la propria disponibilità allo svolgimento di prestazioni di assistenza in modo discontinuo o intermittente e in un arco di tempo predefinito: la fascia oraria notturna.
Diverso è invece il caso di prestazioni esclusivamente di attesa - e non di cura, nemmeno discontinua. In questo caso, la prestazione viene inquadrata in una categoria diversa, appunto di "presenza notturna".
Si qualifica come "assistenza notturna" il lavoro prestato in una fascia oraria notturna interamente ricompresa tra le ore 20.00 e le ore 8.00.
Il datore di lavoro dovrà a tal fine provvedere all’assistente un’idonea sistemazione per la notte, qualora non fosse convivente, oltre alla cena e alla colazione.
Al personale convivente dovranno essere in ogni caso garantite undici ore di riposo consecutivo ogni ventiquattro ore.
Nel contratto di lavoro dovranno essere indicate l’ora d’inizio e quella di cessazione dell’assistenza e il suo carattere di prestazione discontinua.
Le “discontinue prestazioni notturne di cura alla persona” hanno dei parametri specifici di remunerazione. Fanno infatti riferimento alla TABELLA D dei minimi retributivi previsti per legge.
In particolare, nel caso in cui l’assistenza notturna riguardi soggetti autosufficienti (bambini, anziani, portatori di handicap o ammalati), la badante verrà inquadrata nel livello B super.
Nel caso in cui l’assistenza TABELLA riguardi soggetti non autosufficienti, la badante verrà inquadrata nel livello C super (se non formata) o D Super (se formata).
Massimo 10 ore non consecutive al giorno se convivente fino a 54 ore settimanali.-
Massimo 8 ore non consecutive al giorno se non convivente fino a 40 ore settimanali.-


Assegno per il Nucleo Familiare:

I lavoratori domestici hanno diritto alla corresponsione dell’ assegno per il nucleo familiare, ma a differenza dei lavoratori subordinati il pagamento non avviene da parte del datore di lavoro, bensì direttamente dall’INPS. La richiesta va quindi effettuata direttamente all’INPS via internet, tramite accesso alla propria area riservata sul portale www.inps.it o tramite patronato.
L’assegno per il nucleo familiare è pagato direttamente dall’INPS con due rate semestrali posticipate secondo la modalità scelta dall’interessato nel modello di domanda (bonifico presso l’Ufficio Postale, accredito sul conto corrente bancario o postale).
La misura dell’assegno varia oltre che in base al reddito lordo complessivo e al numero dei componenti il nucleo familiare anche in base alle ore di lavoro:
Ai lavoratori domestici spettano tanti assegni giornalieri quanti ne risultano dal quoziente che si ottiene dividendo per quattro il numero delle ore di lavoro risultanti dalla contribuzione complessivamente versata o dovuta nel trimestre, da uno o più datori di lavoro, e per un massimo di sei assegni giornalieri per ogni settimana.-


Minimi salariali anno 2016

LivelloConviventi - Paga MensileNon Conviventi - Paga Oraria
A624,654,54
AS738,235,68
B795,015,68
BS851,806,02
C908,606,35
CS965,386,69
D1.135,737,72
DS1.192,528,06


Presenza notturna livello unico euro 655,89.-
Assistenza notturna
Livello BS Assistenza a persone autosufficienti euro 979,57.-
Livello CS Assistenza a persone non autosufficienti (non formato) euro 1.110,18.- (7,20 x ora)
Livello DS Assistenza a persone non autosufficienti (formato) euro 1.371,42.- (8,68 x ora)

Vitto e AlloggioValore GiornalieroValore Mensile
Pranzo e prima colazione1,9157,30
Cena1,9157,30
Alloggio1,6649,80
Totale5,48164,40



CONTRIBUTI ORARI DEL 2016

Rapporti di lavoro a tempo indeterminato:
a) Orario fino a 24 ore settimanali
Retribuzione oraria effettiva fino a 7,88 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,39 (0,35)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,40 (0,35) 
Retribuzione oraria effettiva da 7,88 a 9,59 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,57 (0,40)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,58 (0,40)
Retribuzione oraria effettiva oltre 9,59 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,91 (0,48)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,93 (0,48)

b) Orario oltre le 24 ore settimanaliQualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,01 (0,25)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,02 (0,25)

*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari


Rapporti di lavoro a tempo determinato:
a) Orario fino a 24 ore settimanaliRetribuzione oraria effettiva fino a 7,88 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,49 (0,35)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,50 (0,35) 
Retribuzione oraria effettiva da 7,88 a 9,59 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,68 (0,40)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,69 (0,40)
Retribuzione oraria effettiva oltre 9,59 
  • con CUAF Contributo orario euro 2,05 (0,48)
  • senza CUAF Contributo orario euro 2,06 (0,48)
b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,08 (0,25)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,09 (0,25)

*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari

Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

172 commenti:

  1. buonasera avvovato lavoro come colf 3 ore al giorno per 5 giorni settimanali da poco con i libri categoria b per cui lo stipendio varia dalle in base anche ai giorni del mese al massimo arrivo sulle 550 euro domanda mio marito e pensionato, pensione lorda 1515 ero a suo carico per le detrazioni piu assegno familiare che era il minimo ci tocca ancora il tutto in base al reddito che abbiamo ho devo disdire all'inps qualcosa cosa devo fare spero di essermi espressa bene vorrei capire se ci toccano ancora l'assegno e le detrazioni grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Con una retribuzione di 550 euro mensili si arriva a 7.150 euro annuali, quindi Tuo marito non ha più diritto ne alle detrazioni ne agli assegni familiari, pertanto o trasmette all'INPS le relative comunicazioni o dovrà pagare un conguaglio IRPEF in sede di dichiarazione dei redditi.-

      Elimina
  2. Sono badante CS asunta 9 ore alla settimana paga ogni ora 6.69euros a febbraio mi hanno fatto riduzione per malattia di 47.16 e tropo secondo quello che lei mi ha risposto.perche la contestazione che avuto è il calcolo della malattia in busta paga e correcto la malattia si paga in 30 mi NON 26 mi come hanno fatto patronato.Ma nessuno mi fa un detaglio il calcolo che hanno fatto in busta paga. LA COSA GIUSTA SECONDO LEI AVVOCATO PRIMI TRE GIORNI SONO PAGATI AL 50% LA CIFRA DA TRATTENERE E DI 30.10 MA IN VECE LORO MI HANNO FATTO LA RIDUZIONE PER MALATTIA 47.16EUROS.NON E GIUSTO.grazie per la risposta avvocato.

    RispondiElimina
  3. Sempre io avvocato cosa intende retribuzione globale primi 3 giorni di calendario al 50% sarà questo dove c'è la differenza di 17euro non a favore Mio??? Per piacere sto diventando Mata perché il capo ni patronato sono in grado di fare il detaglio di questo calcolo.grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La paga di riferimento è quella giornaliera, quindi devi calcolare il 50% della retribuzione che ti sarebbe spettata se avessi lavorato nei 3 giorni di malattia.-
      Non conoscendo il tuo orario di lavoro giornaliero non posso dirti di più.-

      Elimina
  4. Buona sera avvocato, per favore mi dica per un lavoro come badante giorno e notte per due anziani non autosuficienti lavorando 3 giorni alla settimana. .una settimana. .da lunedi a mercoledi e un altra settimana da venerdi a lunedi mattina. .Che tipo di contrato si puo fare e quando sara la paga? 3 giorni alla settimana. .una volta al inizio di settimana. .un altra volta alla fine di settimana. .2 anziani non autosuficienti lavorando giorno e notte! vi prego gentilmente mi dica tipo di contracto e la paga mensile. .grazie mille. .molto gentile come di solito! Buona serata avocați!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è possibile lavorare per 24 ore giornaliere su 24; perché nessun contratto lo prevede.-
      Infatti si può lavorare al massimo per 10 ore al giorno fino ad arrivare a 54 ore settimanali, o per 10 ore di notte fino ad un massimo di 54 ore settimanali, ma lo stesso lavoratore non può lavorare sia di giorno che di notte.-

      Elimina
  5. Salve avvocato,

    una badante rumena assunta a tempo indeterminata dal curatore di una ragazza italiana down richiede un periodo di 4 mesi circa di ferie per tornare nella propria casa in romania.Il curatore sostiene che è possibile non licenziare la badante ma interrompere il contratto di lavoro. E' possibile cio'e secondo quale norma contrattuale? Non mi sembra giuridicamente plausibile giustificare una così prolungata assenza dal posto di lavoro considerando inoltre la gravosa e fastidiosa necessità di provvedere alla sostituzione temporanea della badante. Non è corretto provvedere al licenziamento della badante?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti per legge è possibile interrompere il rapporto di lavoro e concedere alla badante un periodo di aspettativa non retribuita per i mesi richiesti, che non comporta alcun onere per il datore di lavoro.-
      Ovviamente però è facoltà del datore di lavoro concederla o meno; quindi se il datore di lavoro non è d'accordo può negarle il periodo di aspettativa richiesto e se la lavoratrice si assenta comunque, può anche licenziarla per assenze ingiustificate.-

      Elimina
  6. Salve avvocato.vero la badante devi fare tutto-portare cane,occupare malato,stirare per tutti,lavare finestre,casa 120m,portare bottiglie.lasciate a camere,lavastoviglie.mettere a posto mutande ,calze persone adulte,stirare per tutti.anche guando voglio andare da medico non posso devo cercare sostituito.come mai ?sono molto arrabbiata.nessuno po controllare case dove lavora bada
    nte.d'aver mi sento come una schiava.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La badante deve svolgere tutte le mansioni che le vengono assegnate dal suo datore di lavoro nell'ambito del suo orario di lavoro contrattuale.-
      Se devi andare dal medico puoi farlo nelle ore di pausa giornaliere o se non compatibili con l'orario dello studio medico puoi richiedere un permesso.-

      Elimina
  7. Buongiorno Avvocato, io sto per lasciare il lavoro come badante(ho dato il pre avviso di 15 giorni)mi hanno offerto un lavoro come colf,ma non so come possono inquadrarmi,vogliono solo 15 ore a settimana,(3 ore giornaliere)da lunedi a venerdi,per 2 persone anziane autosufficienti,quale sarebbe il mio stipendio(giornata o mensile) e che livello mi possono ofrire,ovvio vito alloggio,per favore mi può fare un calcolo aprossimativo con tutto quello che mi puo aspettare,la ringrazio di cuore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena!
      Il livello BS per una badante non convivente prevede una paga oraria di 6,02 euro + 13/ma + TFR + contributi.-

      Elimina
  8. Salve Avocato,non sono d'accordo la badante devi fare lavoro,però guando cane fa la ca... perché devo pulire ca.... e anche scarpe .facoletti piene di mu....lavandino pieno di piatti .Va bene non mi va scrivere tutto guanti giorni di ferie aspetta badante ,lavoro 25ore a settimana/come scrito/6giorni /7grazie
    Grazie.grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo il lavoro da badante contempla anche quello che hai descritto.-
      Ferie:
      Indipendentemente dalla durata dell'orario di lavoro, per ogni anno di servizio il lavoratore ha diritto a 26 giorni lavorativi di ferie se la distribuzione dell'orario di lavoro settimanale è su 6 giorni (occorre proporzionare se i giorni lavorativi sono inferiori a sei). La retribuzione dei giorni di ferie è maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto se dovuto. Le ferie non possono essere monetizzate (salvo i giorni non goduti che residuano alla cessazione del rapporto di lavoro).-

      Elimina
  9. Salve Gentile Sig.Censori! Vorrei chiederle si come sto lavorando 25 ore alla settimana.convivente.liv CS per persona non autosufficiente vorrei sapere quanto devo prendere il stipendio sl mese più tredicesima tfr ogni mese è quanto mi devono pagare festività. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena!
      La paga mensile prevista per un livello CS Conviventi è pari a 965,38 euro mensili + 13/ma + TFR + contributi.-

      Elimina
  10. Buongiorno avvocato, volevo chiederti se ,per cortesia,mi può dire a quanti giorni di ferie ho il diritto, avendo un contratto di lavoro come colf,25 ore settimanali,livello B,assunta il 29 settembre 2015?lo stipendio è di 720€, anche questo va bene al mio inquadramento?Poi, un altra domanda :ho il diritto al bonus di 8€ facendo la dichiarazione dei redditi?
    Grazie mille per la sua disponibilità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Camelia!
      - Ferie: Indipendentemente dalla durata dell'orario di lavoro, per ogni anno di servizio il lavoratore ha diritto a 26 giorni lavorativi di ferie se la distribuzione dell'orario di lavoro settimanale è su 6 giorni (occorre proporzionare se i giorni lavorativi sono inferiori a sei). La retribuzione dei giorni di ferie è maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto se dovuto. Le ferie non possono essere monetizzate (salvo i giorni non goduti che residuano alla cessazione del rapporto di lavoro).-
      - Il livello B Non conviventi prevede una paga oraria di 5,68 euro all'ora pari a (5,68 x 25 x 4,33 ) 614,86 euro + 13/ma + TFR + contributi.-
      - Si ha diritto al Bonus Renzi di 80 euro solo se il reddito lordo complessivo annuale è superiore a 8.000 euro, e si può eventualmente recuperalo con la dichiarazione dei redditi.-

      Elimina
  11. Buongiorno Avvocato, avrei bisogno di un'informazione mi è stato proposto di assistere una signora anziana autosufficiente e la figlia affetta da sclerosi multipla, presumo non grave visto che si muove con il deambulatore, il mio orario sarebbe di 2 ore al giorno feriali (dal martedì al venerdì) + 3 ore il sabato mattina, i miei compiti sono di preparare pranzi/cene assicurarmi dell'assunzione dei farmaci (già predisposti dai parenti) e pulizie generali dell'appartamento. Che tipo di inquadramento posso avere? E che retribuzione? Ho qualche diritto ? Ferie, malattia, TFR ....
    La ringrazio anticipatamente
    Cordiali saluti
    Martina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Martina!
      Il livello B Super Non conviventi prevede una retribuzione oraria di 6,02 euro + 13/ma + TFR + contributi.-

      Elimina
  12. Buongiorno. Avrei bisogno di una informazione:io svolgo lavoro notturno per 8 notti al mese per persona autosufficiente,+45 ore mensili di pulizia,preparazione pasti e compagnia e igiene della persona,adesso vorei sapere che tipo di contratto mi possono fare i famigliari? Grazie infinite.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Possono farti un contratto con inquadramento al livello CS non conviventi che prevede una retribuzione oraria di 6,02 euro + 13/ma + TFR + contributi.-

      Elimina
  13. Salve Avocato! Mi sono licenziata come la badante notte/giorno . Vorrei sapere dopo quanto tempo devo ricevere il TFR. Grazie! Lia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lia!
      Il TFR deve essere corrisposto per legge al lavoratore entro 60 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro.-

      Elimina
  14. Egregio Avvocato,
    sono Nadia e faccio la badante, Le chiedo gentilmente se per la compilazione del modello UNICO o 730, è sufficiente fare un autocertificazione per i familiari a carico o necessitano i documenti provenienti dall' Ucraina?
    In attesa di una Sua gradita risposta, Le porgo cordiali saluti.
    Nadia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nadia!
      Purtroppo per la compilazione del modello UNICO o del 730, per richiedere le detrazioni per familiari a carico, necessitano i documenti provenienti dall'Ucraina.-

      Elimina
  15. Salve avvocato! Belissimo blog! Sono Noemi origine della polonia, e ho un paio di domande. Da due anni sono residente in Italia attualmente disoccupata. Ho lavorato per periodi brevi in tutto superiori 12 mesi preso una impresa di pulizie. Posso comunque essere assunta come colf livelli A. Quanto costero il mio datore di lavoro per 6 ore settimanali di stipendio e contributi da versare? Tale assunzione garantisce accesso al servizio sanitario nazionale ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Noemi!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      La paga oraria per un livello A super è pari a 5,36 euro all'ora + 13/ma + TFR + contributi pari a 1,39 euro all'ora dei quali 0,35 euro a carico della lavoratrice e 1,04 euro a carico del datore di lavoro.-
      Purtroppo tale assunzione non garantisce l'accesso al servizio sanitario nazionale.-

      Elimina
    2. Grazie per la risposta! Mi potrebbe dire che tipo di contratto dovrei avere per avere la copertura medica? Con minime spese ovviamente..

      Elimina
    3. Ciao Noemi!
      Per il diritto alla copertura medica è necessario un contratto di almeno 24 ore settimanali.-

      Elimina
  16. Salve avvocato,avrei due domande da fare: Lavoro come badante 54 ore settimanali convivente da 3 anni, lavoro tutti i giorni compreso sabati e domeniche stipendio pagato regolarmente in busta paga invece ogni sabato e domenica 100 euro in nero e quindi vorrei sapere se ho diritto a 2 ore di riposo nei giorni di sabato e domenica visto che sto lavorando! seconda domanda: persona che assisto 3 volte a settimana va ad un centro diurno per anziani dalle 9.00 fino alle 13.30 queste ore il mio datore di lavoro le considera come ore di riposo settimanali che dovrei usufruire 2 ore giornaliere invece ne usufruisco in 3 giorni e corretta questa procedura delle ore di riposo da me usufruita? La ringrazio in attesa di una sua risposta! Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Quando si lavora con una parte di retribuzione in nero, per le ore lavorate in nero non si hanno diritti da far valere.-
      - NO! Non è corretta la procedura del datore di lavoro perché le 2 ore di riposo giornaliere sono irrinunciabili.-

      Elimina
  17. Salve, mi chiamo Viorica,lavoro come badante per due persone .Il nonno di 102 anni e la al 75 , malatta di tumore cervello.Mi assunto con 7 ore al giorno,40 per la settimana.Tutti i due sono persone non autosufficienti,voglio sapere a che livello devo essere assunta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Viorica!
      Se le due persone sono ancora entrambe autosufficienti puoi essere inquadrata al livello B Super, altrimenti al livello C Super.-

      Elimina
  18. Salve,io ho una semplice domanda. , lavoro 24 su 24 ore per una famiglia di 4 persone, nonno 83, figlio 52 i due bambini 12 e 7 anni.Miei inpegni sono lavare stirare politecnico la casa 200 m.e cucinare 3 volti a giorno.Lavoro la matina alle ore 8 dalla sera alle ore 31 con riposo una mezza ora se posso. Quale sarà il mio stipendio giusto? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il livello C Conviventi prevede una retribuzione mensile di 908,60 euro + 13/ma + TFR + contributi, per un orario di lavoro di 54 ore settimanali, e le ore eventualmente lavorate in più dovranno essere pagate come straordinari.-

      Elimina
  19. Ciao Avocato Mi chiamo Stefania ho una domanda dia 5 anni non è posibile RISCOTERE TRF per anni precedente. Mi sono rivolta a tutti Inspettorato di lavoro. CGL...nulla Dove mi devo rivolgere ancora o ho perso tutto. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefania!
      Di solito quando ci si rivolge a "tutti" vuol dire che non si vuole risolvere il problema, perché ognuno avrà una "ricetta" diversa dall'altro.-
      Nella vita bisogna fidarsi comunque di qualcuno e seguire quindi le sue istruzioni.-
      Comunque per quanto mi riguarda, avrei bisogno di informazioni più dettagliate, e vorrei capire cos'è successo con la CGIL.-

      Elimina
  20. SALVE.HO TROVATO UN LAVORO COME BADANTE 5 ORE AL GIORNO. DATORE DI LAVORO ANDATO DA COMMERCIALISTA PER METTERE LE REGOLA,PERO CONTRATTO LUI NON PORTATO.VORREI SAPERE,COME SI FA CONTRATTO DEL MIO SITUAZIONE. GRAZIE. VALENTYNA.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valentyna!
      Fino a quando non ti verrà consegnato il contratto Tu non potrai avere la certezza di essere assunta in regola, quindi dovrai iniziare a lavorare solo con il contratto in mano sottoscritto dal datore di lavoro.-

      Elimina
  21. Buona sera avvocato sono una badante lavoro per quasi 6 anni.volevo chiedere se potevo richiedere l'anticipo TFR per seconda volta ..Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un anticipo sul TFR può essere versato dal datore di lavoro, su richiesta del lavoratore, nella misura massima del 70% di quanto maturato e per non più di una volta all'anno.-

      Elimina
  22. Buon giorno, avvocato.
    Faccio la badante dalle 8 di mattina alle 22-23 senza ore libere 7 giorni alla settimana. Niente feste! Ho un contratto di 40 ore settimanali, convivente, categoria BS con "retribuzione al netto dei contributi" 950 euro. Cosa devo fare? Grazie anticipatamente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  23. Buon giorno. Volevo sapere se e possibile fare un contratto di lavoro come badante per 4 mesi, ossia a tempo determinato. Per 40 ore a settimana dal lunedi al sabado, e quanto e lo stipendio mensile. Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      E' possibile stipulare un contratto come badante per 4 mesi, e cambia il livello di inquadramento e quindi la retribuzione, se la persona da assistere è o non è autosufficiente.-

      Elimina
    2. Grazie per la sua risposta. La persona e autosufficiente, siccome abito in Liguria vicino al mare, la signora ha bisogno solo per il tempo che viene a stare qui, ossia dal 15 Maggio al 15 Settembre. E lungo orario. Gli ringrazio per la sua risposta.

      Elimina
    3. Livello BS "assistenza a persona autosufficiente":
      Paga oraria 6,02 euro che significa 6,02 x 40 x 4,33 = 1.042,66 euro mensili + 13/ma + TFR + contributi.-

      Elimina
  24. Buongiorno avvocato,
    sono una badante ed ho assistito una persona anziana per la durata di tre anni, in seguito al decesso ho usufruito della indennità di disoccupazione e dopo 2 mesi ho dovuto interromperla in seguito ad una assunzione di un nuovo lavoro.
    Ora a causa delle mie non buone condizioni di salute sono costretta a lasciare questo lavoro.
    Vorrei sapere da Lei se è possibile riprendere l'indennità di disoccupazione che ho interrotto precedentemente a questo lavoro.
    Nel ringraziarla di un suo riscontro, cordiali saluti.
    Alessandra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessandra!
      Purtroppo NO!
      Si ha diritto al ripristino dell'indennità di disoccupazione solo in caso di licenziamento o di scadenza del contratto e non in caso di dimissioni.-

      Elimina
  25. Salve avvocato,
    sono una badante da diversi anni in Italia e non ho mai fatto la dichiarazione del modello unico o 730.
    Quest'anno vorrei fare la dichiarazione dei redditi, vorrei sapere se poi mi faranno pagare anche per gli anni precedenti.Elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena!
      La Tua è una bella domanda!
      Essendo badante, per legge Tu sei tenuta a presentare la dichiarazione dei redditi, ti consiglio quindi di presentarla almeno da quest'anno.-
      Per quanto riguarda gli anni scorsi potresti comunque essere chiamata a pagare un'eventuale IRPEF dovuta all'Erario + interessi e sanzioni, fino a 5 anni indietro, a prescindere quindi dal fatto che quest'anno Tu presenti o meno la dichiarazione dei redditi.-

      Elimina
  26. Buon giorno avvocato!
    BuoLavoro come badante da 1 agosto 2014 con il contratto 20 ore settimanali. La paga 6.24 al ora. Da quando sono assunta non ho mai ricevuta nessuna busta paga. Il 10 di ogni mese mi davano sempre 500 euro senza nessuna busta paga. Finora non ho fatto il caso. Ma dal conteggio da me fatto risulta che dovevo essere pagata di piu.
    Domanda. Se posso in qualche maniera pretendere quelli soldi in piu che mi dovrebbero pagare. ? Basta dire al dattore di lavoro di darmi busta paga e quelli soldi oppure devo rivolgermi ai sindacati?
    Poi volevo chiedere se e giusta la paga 6.24 al ora per la badante? Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marianna!
      La paga oraria per un livello BS non conviventi è pari a 6,02 euro se la persona da assistere è autosufficiente e di 6,69 euro se non autosufficiente + 13/ma + TFR + contributi.-,
      Ti consiglio comunque di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  27. Buon giorno !
    Volevo chiererLa gentilmente. Sono la badante. Tra poco devo andare in ferie. Ho il 26 giorni maturati. La chiedo se prolungo le ferie per 4 giorni senza il consenso del datore di lavoro lui ha il diritto di licenziarmi? Quanti giorni al massimo puoi prolungare le ferie senza il consenso del dattore di lavoro? Grazie mille per la Sua gentile risposta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marianna!
      Purtroppo SI!
      Se prolunghi le ferie senza il consenso del datore di lavoro potresti anche essere licenziata per assenze ingiustificate.-

      Elimina
  28. Salve avvocato.o letto tante domande e risposte, mio contratto 25ore a settimana livello bs.mio assistito non autosuficente lavoro 60ore a settimana,dove devo fare tutto.mi domando badante devi fare cose per tutta famiglia e ancora per andare da dottore devi pregare permesso.guando famiglie vogliano da noi tanto lavoro,perché non vogliano pagare.una cosa giusta ?come scritto una badante devi anche pulire m. Di cane e scarpe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con un contratto da 25 ore a settimana tu devi lavorare solo per 25 ore a settimana come previsto dal contratto, e se la persona da assistere è non autosufficiente devi essere inquadrata al livello CS, Ti consiglio quindi di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  29. Buon pomeriggio avvocato. Dopo la morte di mio padre devo provvedere a trovare una badante per mia madre, parzialmente autosufficiente. Per regolarmi con la cifra mensile che dovrò versare alla signora, mi potrebbe indicare lo stipendio mensile per un contratto da 40 ore settimanali - C super con riposo la domenica? La distribuzione delle ore di lavoro dal lunedì al sabato incidono sulla retribuzione? Grazie in anticipo. Roberto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberto!
      La paga oraria per un livello C Super non conviventi è pari a 6,69 euro quindi (6,69 x 40 x 4,33) = 1.158,70 euro mensili + 13/ma + TFR + contributi.-
      Le parti possono concordare un qualsiasi orario di lavoro giornaliero purché si resti nel limite di 40 ore settimanali.-

      Elimina
  30. Buongiorno avvocato!Sono una badante convivente livello B con 30 ore settimanale un stipendio mensile di 900 euro .Sono in regola con la stesa famiglia dal Marzo del 2013,questo anno ad febbraio mi viene dato una certificazione lavoro domestico ATTESTA :nel 2015 dal 01/01 al 31/12 seguenti compensi : Retribuzione lorda Euro 12.052,80 . Contributi INPS a carico del lavoratrice Euro 389,50 . Netto corrisposto 11.647,80 . La mia domanda e la seguente : io devo fare il 730 ? Devo pagare qualcosa ? io ho il diritto al bonus di 80 euro ? Mi fanno pagare anche per gli anni precedenti visto che non ho mai fatto il 730 fino ad ora ? Nel ringraziarla di un suo riscontro ,cordiali saluti avvocato . Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      Essendo badante, per legge Tu sei tenuta a presentare la dichiarazione dei redditi, ti consiglio quindi di presentarla almeno da quest'anno.-
      Con un reddito superiore a 8.000 euro hai diritto al bonus di 80 euro, quindi il conguaglio IRPEF non dovrebbe essere negativo di molto.-
      Per quanto riguarda gli anni scorsi potresti comunque essere chiamata a pagare un'eventuale IRPEF dovuta all'Erario + interessi e sanzioni, fino a 5 anni indietro, a prescindere quindi dal fatto che quest'anno Tu presenti o meno la dichiarazione dei redditi.-

      Elimina
    2. grazie mille avvocato !

      Elimina
    3. Ciao Maria!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  31. ucraina anni 65 in regola da inizio 2008 quando avro' la pensione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per la pensione di vecchiaia sono necessari almeno 20 anni di contributi all'INPS, mentre per l'assegno sociale sono necessari almeno 10 anni di residenza in Italia.-

      Elimina
  32. Buongiorno avvocato,avrei gentilmente bisogno di sapere quale può essere il costo complessivo sostenuto dal datore di lavoro per una badante convivente per assistere una persona con demenza non allettata (bisogno di somministrare farmaci a ore prestabilite). Dalle 08.00 alle 17.00 la persona da assistere sarebbe ospite di un centro diurno e quindi non a casa....Potrei fare solo contratto per sera/notte? Oppure nelle ore libere del giorno potrei pareggiare con assistenza sabato e domenica? E' un caso un pò complicato e non so che contratto proporre a chi ricerco.....Ho bisogno di sapere cosa ci può venire a costare globalmente tenendo conto che forniremo vitto e alloggio noi. Grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il contratto CS Conviventi per assistenza notturna prevede una retribuzione di 1.110,18 euro mensili per un massimo di 54 ore settimanali, da distribuire su 5 o 6 notti a settimana.-
      Il contratto non prevede la possibilità per la stessa persona di lavorare la sera + la notte.-

      Elimina
  33. Buona seraavvocato!
    Lavoro come badante. Ho il contratto 20 ore sett. Tra un mese devo andare in ferie. Ho maturato 26 giorni. Successo che mi hanno proposto un altro lavoro come cameriera da altri dattori di lavoro. Ma devo passare li il periodo di prova pari a un mese. Non vorrei dimettermi dal lavoro di badante finche non sono sicura che altri mi assumono. La domando se posso fare il periodo di prova da altri dattori di lavoro mentre sono in ferie?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marianna!
      Purtroppo NO!
      Mentre sei in ferie non puoi essere assunta da un altro datore di lavoro, a meno che non si tratti di un orario di lavoro diverso, compatibile con quello attuale visto che lavori part-time, e nel limite massimo delle 40 ore complessive settimanali.-

      Elimina
  34. Buona sera. Lavoro come badante,con un contratto del 05/10/2010-livello B super convivente (750 euro) Non ricevo scatto di anzianità,per le ferie e tredicesima mi pagano 750 E. Sono libera solo un giorno a settimana e 2 ore ogni giorno. Sono rivolta al sede CGIL per consiglio e mi detto che devo parlare con datore di lavoro, quando ho parlato con loro ...hanno detto che non può pagare di più. La signora ora ha bisogno di assistenza notturna. In questo caso che posso fare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena!
      Presumo che alla CGIL ti abbiano consigliato di cercare di metterti d'accordo con il datore di lavoro, ma se ciò non è possibile o accetti di essere sottopagata, cioè che non vengano rispettate le condizioni contrattuali o fai intervenire il sindacato per far rispettare il contratto.-
      Comunque, qualunque sia il tuo orario di lavoro contrattuale ,Tu non sei tenuta all'assistenza notturna.-

      Elimina
  35. Buonasera avvocato!
    Sto per cominciare un lavoro come badante convivente a durata indeterminata per una signora non autosuficiente e mi si propone 3o ore settimanale.Due anni fa per un lavoro simile a INSP mi hanno detto che non sono in regola con 30 ore ma con 40 ore.Vorrei sapere quale e conttrato giusto con quale io posso essere in regola e potrei ussuffrire di tutti miei diritti.Vorrei sapere ancora quale e la retribuione per 30 ore e quale e per 40.Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La retribuzione prevista per un livello CS conviventi è pari a 965,38 euro mensili + 13/ma + TFR + contributi, a prescindere dall'orario di lavoro settimanale, e quindi la differenza tra un contratto di 30, 40, o 54 ore settimanali è solo nei contributi da versare all'INPS.-

      Elimina
  36. buongiorno avrei anche io una domanda se mi pup aiutare sono asunta come badante a una persona non autosuficiente con un contrato di 30 ore setimanali pero io sto con lei 24 su 24 e 7 giorni su 7 o chesto se mi canbia il conteato e mia riferito che mi porta ala comercialista mi puo dire che tipo di contrato i devo chedere grazie sono asunta con cs 3 livelo paga 965 eu ricevo 1250 conpreso tutto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il CCNL colf e badanti prevede per un livello CS Conviventi, per un orario di lavoro massimo di 54 ore settimanali prevede una retribuzione mensile di euro 965,38 + 13/ma + TFR + contributi.-

      Elimina
  37. Buongiorno avvocato, avrei bisogno di chiederle un chiarimento. Mia madre è stata ricoverata per circa tre settimane in ospedale. E' stato chiesto alla badante due ore al giorno escluso sabati e domeniche di farle compagnia in ospedale, paziente assistito da medici ed infermieri. La badante ha fatto circa 34 ore in ospedale per due ore al giorno (Contratto BS convivente), dal giorno delle dimissioni dall'ospedale la badante ha lavorato quattro giorni del mese in casa. Come bisogna comportarsi per essere in regola con la busta paga ed ore relative per il mese da pagare.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco se la badante per i giorni di ricovero in ospedale ha lavorato in casa o è stata messa in ferie, perché nel primo caso le ore di "compagnia" in ospedale devono essere retribuite come straordinari, mentre nel secondo caso le ore lavorate in ospedale vanno tolte dalle ferie.-

      Elimina
    2. Buongiorno avvocato, intanto la ringrazio per la disponibilità, la badante nei giorni di ricovero non ha lavorato in casa ma ha solo svolto le ore in ospedale. SALUTI

      Elimina
    3. Ciao Roberto!
      Evidentemente non mi sono spiegato bene!
      Per i giorni di ricovero la badante viene messa in ferie o viene pagata regolarmente?
      Perché nel primo caso devi detrarre dai giorni di ferie le ore "lavorate" in ospedale, altrimenti non devi fare nulla.-

      Elimina
  38. Buon giorno avvocato. .Lavoro come badante convivente 54 ore alla settimana per una persona non autosuficiente. .vi prego gentilmente. .mi spiega lei meglio una cosa :come io ho il libero alla domenica e come 1del maggio e caduto alla domenica. ..ho cercato da dire ala famiglia che io devo avere un recupero per questa festa se non si puo mi devono pagare. .Invece la famiglia dice che hanno parlato con la comercialista e lui dice che mi sono presa il libero e non mi devono dare nemeno il recupero. .nemeno la paga in caso di non recupero. .secondo me. .io ho preso solo il libero per la domenica. .ma per la festa di 1 maggio come si procede avvocato ? Questa comercialista mi metti sempre in confusione! Gentilmente chiedono il suo aiuto! Grazie mille avvocato !Gentile come di solito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La normativa prevde quanto segue:
      Festività
      1° gennaio - 6 gennaio – lunedì di Pasqua – 25 aprile – 1° maggio – 2 giugno – 15 agosto – 1° novembre – 8 dicembre – 25 dicembre – 26 dicembre – S. Patrono. In queste giornate il lavoratore ha diritto al completo riposo e alla retribuzione normale. Se una delle festività sopra elencate coincide con la domenica o nel giorno di riposo stabilito, il lavoratore ha diritto al recupero del riposo in altra giornata o, in alternativa, al pagamento di 1/26 della retribuzione. Se invece è lavorata è dovuto, oltre alla normale retribuzione giornaliera il pagamento delle ore lavorate maggiorate del 60%.-

      Elimina
  39. Salve avvocato,
    sono una donna ucraina e lavoro come badante in Italia da 10 anni, a giugno di questo anno compio 66 anni; vorrei sapere da Lei se ho i requisiti giusti per poter richiedere l'assegno sociale ed in caso di risposta positiva, se ritorno in Ucraina continuerò a percepire l'assegno o è necessario che sia residente in Italia.
    Grazie e cordiali saluti.
    Tamara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tamara!
      Si ha diritto all'assegno sociale, in assenza di altri redditi, al compimento dei 65 anni d'età e comunque solo dopo 10 anni di residenza in Italia.-
      Si ha diritto all'assegno sociale solo se si è residenti in Italia.-

      Elimina
  40. Buonasera dott.Censori!Ho bisogno di un chiarimento: mia sorella ha lavorato come badante per 4 anni con un contratto di 25 ore settimanali. Si è licenziata il 30 novembre 2015,è stata senza lavoro un mese,e dal 4 gennaio ha un nuovo contratto con un nuovo datore di lavoro, sempre di 25 ore settimanali. A quanto pare vogliono licenziarla.La domanda è: ha il diritto alla disoccupazione? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena!
      SI!
      Si ha diritto all'indennità di disoccupazione (NASPI) in caso di licenziamento o di scadenza del contratto, ma non in caso di dimissioni.-

      Elimina
  41. buonasera avv. lavoro da 5 anni presso una signora anziana con contratto c super come colf assistenza. contratto registrato con 25 ore sett. in realta lavoro 24/24h. con giovedi 6 ore libere e la domenica dalle 08-20:00 e la sera rientro a lavoro.percepisco no stipendio di 700 € al mese e piu 50€ come tfr.dicono che me lo pagano in anticipo per non pagarlo all'ultimo. ho chiesto piu volte di cambiare contratto o almeno la sera di tornare a casa mia ma mi vogliono mettere in condizione di licenziarmi da sola in mono di non aver diritto alla disocupazione. volevo chiederle qualche consiglio su cosa e come fare. grazie in anticipo. cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  42. Gentilissimo Avvocato,
    sono Nadia, lavoro come badante e nel mio contratto ho scelto come giorno libero il SABATO.
    In comune accordo con il mio datore di lavoro abbiamo deciso che una settimana prendo anche la DOMENICA come giorno libero mentre quella successiva non usufruisco di nessun giorno libero, pertanto ho 2 giorni liberi ogni 15 giorni.
    Vorrei sapere da Lei come mi verrà corrisposta la festività del 1° maggio che cade di Domenica proprio nel mio giorno libero.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nadia!
      La normativa prevde quanto segue:
      Festività
      1° gennaio - 6 gennaio – lunedì di Pasqua – 25 aprile – 1° maggio – 2 giugno – 15 agosto – 1° novembre – 8 dicembre – 25 dicembre – 26 dicembre – S. Patrono. In queste giornate il lavoratore ha diritto al completo riposo e alla retribuzione normale. Se una delle festività sopra elencate coincide con la domenica o nel giorno di riposo stabilito, il lavoratore ha diritto al recupero del riposo in altra giornata o, in alternativa, al pagamento di 1/26 della retribuzione. Se invece è lavorata è dovuto, oltre alla normale retribuzione giornaliera il pagamento delle ore lavorate maggiorate del 60%.-

      Elimina
  43. Salve Avvocato,
    sono una badante ed ho bisogno di essere sottoposta ad una visita specialistica.
    Vorrei essere visitata da un dottore di fiducia che si trova a circa 100 km del mio posto di lavoro.
    La mia datrice di lavoro dice che è troppo lontano e preferirebbe che andassi da un dottore del paese in cui lavoro.
    Volevo chiederLe cortesemente se ho diritto di prendermi mezza giornata di permesso per recarmi da un dottore di mia fiducia anche se è un pò distante?
    Nel ringraziarLa i miei più cordiali saluti
    Olga

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Olga!
      SI!
      Puoi richiedere un giorno di ferie per andare quindi dove vuoi.-

      Elimina
  44. Buona sera avvocato
    vorei chiederLe cortesemente come calcolare le ferie della badante CS CONVIVENTE che ha lavorato 8 mesi. ...tempo e paga
    grazie e complimenti per il lavoro che sta facendo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      I giorni di ferie spettanti variano in base alle giornate lavorative settimanali, e la retribuzione varia in base livello di inquadramento, quindi devi comunicarmi se la badante lavorava per 5 o 6 giorni settimanali, il livello di inquadramento e se aveva un contratto da convivente o da non convivente.-

      Elimina
    2. La badante lavorava con CS ..54 ore....badante convivente...9 ore al giorno ...6 giorni a settimana
      Grazie ancora gentile avvocato

      Elimina
    3. Con un contratto di 54 ore settimanali per 6 giorni lavorativi settimanali, le ferie spettanti sono pari e 26 giorni all'anno, che per 8 mesi significa (26 : 12 x 8) = 17 giorni da retribuire in base alla paga oraria prevista dal contratto in base al livello di inquadramento.-

      Elimina
  45. Avvocato buongiorno sono un'infermiara con qualifica di asa e una mi amica mi ha chiesto di sostituirla per dei week end inizio il lavoro dalle 12.00 del sabato e smonto alle 20.00 della domenica, qual'è il costo orario ? ho lavoratoanche il 01/05 come mi deve essere retribuita quella giornata! grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi scusi la nonna è autosufficiente!

      Elimina
    2. Il livello BS non conviventi prevede una paga oraria di 6,02 euro + 13/ma + TFR.-
      Se una delle festività coincide con la domenica o nel giorno di riposo stabilito, il lavoratore ha diritto al recupero del riposo in altra giornata o, in alternativa, al pagamento di 1/26 della retribuzione mensile.-

      Elimina
  46. Buonasera Dott.Censori.lavoro come badante Cs non formata per una persona non autosufficiente..25 ore settimanali..da tre anni..la Domenica e'il mio giorno di riposo..ho diritto nella settimana a mezza giornata di riposo.Inoltre a Marzo mi sono assetata per malattia una settimana...ma non sono stata retribuita. Il mio datore di lavoro dice che la mia malattia retribuita riprendeta'a Ottobre di quest'anno poiche'l'ultima mia malattia risale al mese di ottobre 2014...La ringrazio.Saluti.Anna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna!
      Oltre l'obbligo di mantenimento del posto di lavoro, il datore di lavoro è poi obbligato a remunerare la malattia garantendo un salario coincidente al 50% della retribuzione globale di fatto per i primi 3 giorni di calendario e pari al 100% della retribuzione globale di fatto per un numero di giorni pari a:
      - 8 giorni complessivi nell'anno per anzianità di servizio inferiore a 6 mesi;
      - 10 giorni complessivi di calendario nell'anno per anzianità di servizio compresa tra 6 mesi e 2 anni;
      - 15 giorni complessivi di calendario nell'anno per contratti di lavoro con anzianità di servizio superiore a 2 anni.

      Elimina
  47. Buona sera avocato,, vorei fare una domanda ,faccio la badante e sono a siguranta solo per 3 messe , alla fine del questo messe io finisco ,però la mia sig vole di darmi fere che mi si aspettano ultimi giorni della messata ,,,si po ? Io non sono d'accordo ,,grazie mille Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      Purtroppo se il datore di lavoro ti impone di andare in ferie prima della chiusura del rapporto di lavoro per non dovertele pagare, tu non puoi opporti.-

      Elimina
  48. gentilmente le pongo una domanda io lavoro presso lo stesso datore di lavora quasi 6 anni lavoro 3 volte alle settimana x 4 ore pari a 12 ore settimanali 750 l ora pari a 390 al mese 2 anni fà ho chiesto il rinnovo contratto quest anno la commercialista ha detto che il mio dovuto è più che sufficente e che decide il datore di lavoro se darmi 50 centesim in più ma è vero che le ferie che mi aspettano sono 13 xchè non sono giorni continuativi io ho sempre avuto 26 giorni xchè in precedenza avevo unrapporto di tutti i giorni sarei grata in una sua risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - La paga di 7,50 euro all'ora è superiore a quella minima prevista dal contratto, quindi il datore di lavoro non è obbligato a concederti alcun aumento.-
      - Le ferie spettanti all'anno è di 26 giorni con un contratto di 6 giornate lavorative a settimana, che diventano quindi 13 con un contratto di 3 giornate lavorative a settimana.-

      Elimina
  49. Bongiorno avocato lavoro comelavoratore domestico con contrato di livelo CS del CCNL
    convivente.40 ore setimanali.erogati i ratei 13a e Tfr.Retribuzione/compenso mensile €965,38.IL DATORE MI DA SOLO €950 e basta.Io volio sapere se e coreto di non poter beneficiare di tuto che ce nela busta paga.contributi dice che mi le paga lui(datore del lavoro) mi la deto solo di parola mi devo fidare o no.Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La paga di 965,38 euro è la paga lorda alla quale va tolta la quota di contributi a tuo carico, quindi tu hai diritto a percepire solo l'importo netto che risulta in busta paga.-
      Per quanto riguarda i contributi, il tuo datore di lavoro deve consegnarti ogni trimestre una copia del bollettino dei contributi versati all'INPS.-

      Elimina
  50. Buon giorno Avocato. La mia domanda e:quando una persona si trova in preavviso di 15 giorni, ha il diritto di uscire di casa almeno 2-3 ore/giorno per cercarsi lavoro in un altro posto, oppure deve restare solo in casa a lavorare. Facio l'attenzione che persona in causa, non ha usufruito de due ore libere al giorno. Grazie mille, per la sua risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Durante il periodo di preavviso la lavoratrice ha diritto a delle ore di permesso per cercarsi un altro lavoro, ovviamente se è stata licenziata, ma non in caso di dimissioni.-

      Elimina
    2. Grazie. Gentilissimo,come sempre.

      Elimina
    3. Ciao Elena!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  51. buonasera,la persona che viene a fare le pulizie in casa, per n. 3 ore a settimana non vuole essere regolarizzata perchè già a tempo pieno presso altre famiglie. Con la signora ho stabilito una paga oraria euro 8.50 netti l'ora , superiore alla paga oraria contrattuale. è regolare questa cosa ? perchè non mi fido molto delle parole. grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Pagare una colf in nero significa evasione contributiva per il datore di lavoro, ed evasione fiscale e contributiva per la lavoratrice, anche se si tratta di poche ore di lavoro settimanali.-

      Elimina
  52. Buonasera caro avocato ,,sono di nuovo la Maria ,,vi ringrazio per la risposta ,ma avrò un altra se come sono stata assunta con liv BS 54 ore nel contratto c'è scritto 9 ore al giorno io dopo non sono uscita o svolto lavoro anche per la notte ,,ma le notate entra tutto nel stipendio ? Sono stata 24 su 24 ,,grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le ore lavorate in più oltre le 54 ore settimanali previste dal contratto devono essere retribuite a parte come straordinari.-

      Elimina
  53. Buon giorno avvocato grazie per su aiuta .lavoro come badante convivente per una nonna autosufficiente
    Libero domenica e giovedì pomeriggio senza notte libero .quanto dovrebbe essere il contributo ? . grazie avvocato gentil per informazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per un orario di lavoro superiore alle 24 ore settimanali, l'importo dei contributi da versare all'INPS sono pari a 1,01 euro all'ora, dei quali 0,25 euro a carico della lavoratrice e 0,76 euro a carico del datore di lavoro.-

      Elimina
  54. Distinto Avvocato!Desidero Gentilmente sapere:-|o lavoro come badante da circa 1°anno con una signora di 96:- Io devo andare in Ucraina per le ferie e devo stare un mese-Però la mia signora badante sta malissimo e può morire :- Che devo fare?- Se more quando Io sarò in Ucraina quale responsabilità ciò ? -Qualè la strada da per correre? -Io dovrò rientrare subito? Per sapere la mia posizione riguardo L'INPS -Lei avv. cosa mi consiglia benevolmente fare ? Tanti ossegvi RINGRAZIANNDOLA la Ossecuia.Galyna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Galyna!
      Se le ferie sono autorizzate e la persona da assistere dovesse morire nei periodo in cui sei in Ucraina Tu non hai alcun obbligo e al rientro in Italia gli eredi provvederanno per il licenziamento.-
      Ti consiglio eventualmente di rivolgerti poi al più vicino Ufficio INCA - CGIL per presentare la domanda di disoccupazione (NASPI) all'INPS.-

      Elimina
  55. Buonasera Avvocato, vorrei assumere una collaboratrice domestica per le pulizie di casa per sole 4 ore a settimana. Nessuna competenza specifica ma esperienza di lavoro. Potrebbe cortesemente dirmi quale dovrebbe essere la paga oraria e tutti gli altri oneri (ferie, TFR)? Ho più o meno chiari gli altri adempimenti da svolgere. La ringrazio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria Luisa!
      Una collaboratrice domestica può essere inquadrata al livello A che prevede una retribuzione minima di 4,54 euro + 13/ma + TFR + contributi.-

      Elimina
  56. Buongiorno avvocato,io sto per lasciare il lavoro come badante ho dato il pre avviso 15 giorni.Lavoro 2 anni con contratto 25 ore settimanali.Devo tornare a casa mia in Ucraina per qual che periodo perche ho due figlii.Ho chiesto mio dattore di lavoro per licenziarmi.mi detto si,pero devo firmare un foglio che non facio nessuna causa.No ho per qualle motivo.E che cosa devo fare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alina!
      Purtroppo non ti capisco!
      Infatti se devi tornare a casa tua in Ucraina devi presentare le dimissioni e non serve quindi che tu ti faccia licenziare.-
      Giustamente il datore di lavoro se vuoi essere licenziata, vuole tutelarsi ed evitare che tu possa fare la "furba", contestando magari successivamente il licenziamento, quindi si spiega il motivo per cui voglia farti firmare un foglio in cui ti impegni a non fare una causa.-
      Comunque se vuoi farti licenziare per poter percepire l'indennità di disoccupazione ti informo che se ritorni in Ucraina l'indennità di disoccupazione non ti spetta.-

      Elimina
  57. Buonasera,
    esiste un modo per avere una persona 7 notti su 7 dalle 21 alle 7 come presenza notturna e che dalle 7 alle 11 rimanga a fare piccoli lavori (colazione,letti,compagnia)

    con regolare contratto ovviamente?

    non capisco se la presenza notturna puo essere aggiunta alle ore lavorate diurne

    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Non esiste un contratto che preveda una presenza notturna 7 notti su 7, e non esiste un contratto che preveda un'assistenza notturna + un lavoro diurno.-

      Elimina
  58. salve, sono michela ,avocato ,la vorei chiedere se io che o sostituito una ragaza per 1 mese e 23 giorni,posso chiedere alla datore di lavoro gli dritti che mi aspetano ??cioe...tredicesimea buona uscita,e non so cosa altro,,,se mi la po dire lei gentilmente,,,ho stipendio di 900 euro al mese,alora per un mese e 23 giorni quanto e cosa devo prendere ??la ringrazio molttissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho dimenticato a dire che le feste sono state pagate aparte e le giornate libere pure, cioe giovedi e la domenica ho lavorato senza libero giorno e notte con stipendio di 900 dal 24 marzo fine 17 maggio prossimo,,,

      Elimina
    2. Ciao Michela!
      Se lo stipendio è di 900 euro al mese, per gli ultimi 23 giorni lo stipendio sarà di 690 euro + 130 euro di 13/ma + 130 euro di TFR + un eventuale residuo ferie se non godute.-

      Elimina
  59. Salve .Sono Daniela vorrei sapere cosa devo fare nel mio caso. Sono 2 anni che ho fatto un contratto di lavoro con una agenzia per il lavoro che assisto una signora nn autosufficiente e in carrozzina 24h su 24 senza giorno libero Mi hanno promesso che la domenica mi daranno una ragazza ma niente stipendio e di 900 euro al mese.Ho deciso di andare via per il motivo della salute .Nel mio contratto e scritto che sono come una libera profesionista.Ho avvisato la mia patrona che in mese di agosto lascerò il lavoro La patrona ha detto che interrompe il contratto con la agenzia in questo mese di maggio con la agenzia che io nn riceverò ii soldi dala agenzia e in questi mesi il stipendio riceverò direttamente da lei come fosse che sarà questo lavoro in nero nn legale.come posso procedere in questo caso.? Vi ringrazio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela!
      Ti consiglio di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  60. buongiorno
    e possibile avere badante non convivente in presenza notturna che poi rimanga altre 3 /4 ore la mattina solo per fare compagnia
    quindi dalle 21 alle 7 presenza notturna
    dalle 7 alle10 compagnia (no pulizie, no stiro , solo presenza)
    pagando la notte più straordinari per le 3 ore del mattino?

    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicola!
      Purtroppo NO!
      Non esiste un contratto che preveda la presenza notturna + un lavoro diurno.-

      Elimina
  61. Bongiorno avvocato,vorrei sapere le cose che mi spetta a un contrato badante livello CSuper tempo indeterminato oraria lorda ,lorda convenuta e pari a 6,69 euro,regime di non convienenza,25 ore settimanali da lunedì a venerdì assunta dal 08/02/2016 e ultimo giorno di lavoro e stato 02/05/2016 curando la signora x qualle sono stata assunta.siccome la signora nel 02/05 e stata messa in una casa di cura io sono rimasta al improvviso senza lavoro e mi l'hanno detto a pomeriggio anche se io tutto il gg ero al lavoro e lavoravo pure oltre dalle 9:00-18:00 xo ero pagato solo 5 ore previsti nel contratto.in datta del. 02/05 mi ha fatto firmare un foglio da parte sua della figlia che mi ha assunta x sua mamma una raccomandata a mano con oggetto interruzione rapporto di lavoro nel quale scrive che mi presenta la decisione di interrompere il rapporto di lavoro instaurato il 08/02/2016 nel quale avrà termine in data di 17/05/2016,data in cui cesseranno le miei prestazioni lavorative,con la busta paga di maggio verranno saldate tutte le miei competenze di fine rapporto e ratei accessori.allora io vorrei capire un attimo cosa mi spetta adesso e se dovevo firmare siccome io sapevo qualcosa dei gg del preavviso,avevo chiesto pure a lei ma mi ha risposto che non sono pagati,mi pagherà solo gli gg quando lei mi chiama x fare qualcosa in casa.fine adesso mi ha chiamato solo tre gg e poi quando non c'era nnt da fare in quella casa mi ha chiamato nella sua casa x le pulizie e io sono andata dicendogli che so che x lei e una cosa aparte e di qua li ho fatto capire che so che sti gg sono pagati anche se vado o no al lavoro e se vado x lei e un extra,di qua lei si ha incazzato e mi ha detto che sto gg io li dovrei lavorare...quindi diversamente e se non mi va chiudiamo da domani tutto e basta questo successo il 09/05 cosi lei non paga le tasse inutilmente.io adesso non so se lei ha chiuso io comunque lunedì sn andata e fine a oggi non mi ha più chiamato,non mi ha dato nnt da firmare ma mi ha avvisato che chiudera lei da quell gg tutto.comunque io non ho capito nnt...devo andare non devo ...cosa mi paga...ho diritto a questi gg cosa mi spetta adesso il 17 siccome e il termine dopi pocchi messi lavorative.li faccio presente che la signora dal Caf che cura mio contatto e sua amica e quindi lostesse risp di lei mi li da.grazie mille.gentilmente se mi po rispondere anche su mio e-mail neculairaluca22@yahoo.com perché non so se riesco ad entrare qua a legere in cado se non posso lego su mio email.grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  62. Salve avvocato! Io lavoro da 5 messi sena contratto a una coppia anziani 24 su 24 da lunedì a sabato mattina il stipendio e di 850€ messili ora mi devono fare il contratto che tipo di contratto mi aspetta? Praticamente il lavoro consiste a pulizia cucinare e badare alla coppia il signore ha l'aizzaimer o com si chiama questa malattia badò giorno e notte il contratto come deve essere ii contributi li devo pagare io dall mio stipendio ho il mio d'attore di lavoro E le ferie e la tredicesima mi aspetta a prenderà di diritto ho solo se il mio d'attore di lavolo me la volte dare? Grazie mille anticipati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il contratto prevede per un livello BS Conviventi, per un orario di lavoro al massimo fino a 54 ore settimanali, una paga mensile di 851,80 euro + 13/ma + TFR + 26 giorni di ferie + contributi.-

      Elimina
  63. buona sera.Sono laviniu.lavoro comme badante 54 ore cs con libero mezogiorno giovedi e domenica.Quando in un giorno libero e una festa come si fa/ domenica 1 magio.Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laviniu!
      Quando il giorno libero è una festa, o la giornata libera ti viene fatta recuperare o il giorno di festa deve esserti pagato a parte, cioè in aggiunta alla normale retribuzione.-

      Elimina
  64. Buongiorno avvocato !
    Vorei sapere se ce la pisibilita da parlare con Lei a telefono,per alcuni domande?
    Buona giornata e grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Una consulenza telefonica non sarebbe compatibile con questa attività che svolgo nel blog.-

      Elimina
  65. Buongiorno avocato,io da 2015 1 marzo finno a 30 novembre sono stata in disocupazione,da 1 dicembre ho trovato lavoro dopo un mese purtroppo e morto il senior,ma sono rimasta con la moglie per asistere con un contratto di 25 ore settimanale,la seniora non sta bene i figli stanno valutando di portarlo in una strutura,che loro mi licenziano io dopo 6 mesi di lavoro posso avere una altra volta la disocupazione?(spero di trovare lavoro presto )che altrimenti come mi posso mantenere con affito e tutto?'GRAZIE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se verrai licenziata avrai ancora diritto all'indennità di disoccupazione (NASPI) che però durerà solo per la metà delle settimane lavorate da dicembre 2015 in poi.-

      Elimina
  66. Salve avvocato.lavoro da 2013 come badante non convivente.mio stypendio sempre 700e livello bs 25 ore a settimana.però mie ore sono di più 52,56ore a settimana.assistito da anno 2015 a aprile no fa niente da solo.poi anche devo pulire casa e system are cose di famiglia.domanda voglio lasciare lavoro.Non mi da no di più,come posso fare per avere tutte diritti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  67. Gentile Avvocato,
    mia sorella fa da badante da luglio 2014 con contratto indeterminato, CS convivente, 40 ore settimanali. Non ha mai ricevuto copia del bollettino di contributi versati all'INPS. Il datore di lavoro motivando che non ha un commercialista! E' normale non ricevere questo bollettino? Alla fine del rapporto di lavoro come si giustificherà con le autorità che lei ha lavorato in regola, se di regola si può parlare? Un'altra domanda: Mia sorella vorrebbe pagare allo Stato italiano le tasse essendo badante con contratto di lavoro ma non sa a chi rivolgersi. Dove deve andare e che documenti deve presentare per essere in REGOLA con lo Stato? Grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti non riesco a capire se Tua sorella lavora in regola o in nero!
      Per quanto riguarda i contributi, per verificare se effettivamente vengono pagati, Tua sorella deve rivolgersi all'INPS e richiedere un estratto contributivo.-
      Per quanto riguarda la paga, se non ricorre a un commercialista presumo che il datore di lavoro non le faccia una busta paga, quindi se c'è comunque un contratto, a fine anno deve rilasciare una certificazione nella quale deve risultare la retribuzione percepita dalla lavoratrice, con la quale Tua sorella può presentare la dichiarazione dei redditi.-

      Elimina
  68. Buona sera avvocato!
    Vorrei porLa una domanda. Sono una badante livello cs con il contratto di 20 ore settimanali dal lunedi al venerdi. Dal 16 maggio 2016 devo andare in ferie. So che ho 26 giorni lavorativi maturanti. Ma siccome lavoro dal lunedi a venerdi non riesco a fare il conteggio giusto. Durante il conteggio non devo contare i sabati perche il sabato non sono al servizio? Potrebbe fare gentilmente il conteggio ? Dal 16 di maggio ho 26 giorni lavorativi maturati di ferie. L orario di lavoro e 20 ore settimanali distribuito dal lunedi al venerdi. Grazie in anticipo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marianna!
      Premesso che con un orario di lavoro distribuito su 5 giorni la settimana maturano solo 22 giorni di ferie all'anno.-
      Comunque nel conteggio delle ferie da godere devono essere considerati solo i giorni lavorativi, quindi per una settimana di ferie vengono scaricati solo 5 giorni.-

      Elimina
  69. Buon giorno avvocato!
    Sono una badante con contratto 20 ore sett dal lunedi al venerdi. L anno scorso sono andata in ferie dal 1 maggio 2015. Ma questo anno vado dal 1 luglii 2016. Vero che ho maturato questo anno due giorni in piu di ferie rispetto al anno scorso perche lavorero un mese in piu questo anno? Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco!
      Le ferie che si maturano annualmente sono sempre le stesse, quindi non capisco perché quest'anno lavorerai un mese in più rispetto all'anno scorso, a meno che tu non sia stata assunta nel mese di febbraio 2015.-

      Elimina
  70. Buogiorno,lavoro cat BS convivente 54h setimanali(10h al di) invece abito in affitto ale mie spese(non ho vitto e allogio loro)Se io non usufruisco vitto e alogio ho diritto di lavorare solo 8h al di,l'altri 2h sono proprio per la convivenza,vero? Cosa poso fare? La ringrazio tanto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La paga prevista dal contratto per una badante convivente è più bassa rispetto a quella prevista per una non convivente perché in aggiunta alla paga la lavoratrice può usufruire di vitto e alloggio gratuiti.-
      Nel Tuo caso devi quindi farti modificare il contratto e farti pagare per le ore effettive di lavoro.-

      Elimina
  71. Buona sera avvocato faccio miei complimenti Per tutto che fatte Per noi ...sono una Badante che sono assumata con contrato tempo indeterminate 25ore settimanali dal 15-10-2013 scrive al ora con 5,13 ma io lavoro 24/24 solo un giorno libero a settimana da mattina fino la sera Per 600€ tredicisma e ferie che mi da 26 giorni e mi paga il mese in Corso ...voglio sapere di e giusto calcule come mi paga ?

    RispondiElimina
  72. Ho diminticato dire che io sono separata ho due figli e pago una casa Per loro lavoro Tutte Domenica anche giorni festive solo Di natale e pasqua mi lascia libera asiano ha l'aizzamer e devo rimanere Per Forza anche di notte dice figlia ho piu meno 3anni Di quando lavoro con questa famiglia contributi li paga mi porta bolintine ma no li buste paga ...voglio sapere solo di e giusto e normale che contrato scrive 25setiminale e mi dice Di stare 24su 24 ...cosa poso fare..Grazie anticipati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      Se nel contratto risultano 25 ore settimanali Tu per legge devi lavorare solo per le 25 ore settimanali previste dal contratto, Ti consiglio quindi di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  73. Buona sera avvocato
    Le chiedo gentilmente un chiarimento
    La mia badante è andata in ferie x un mese nel suo paese di origine
    Mi ha chiamato però dicendomi che ha dei problemi e che tornerà fra 4-5mese
    Io non posso aspettare cosa mi consiglia di fare
    come mi devo comportare
    La ringrazio x la risposta che vora darmi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non puoi o comunque non vuoi aspettare, devi comunicare per iscritto alla badante che se non rientra in servizio al termine del periodo di ferie concordato, verrà licenziata per assenza ingiustificata.-

      Elimina
  74. Egregio Avvocato,

    Sono stata assunta a Settembre 2015 con un contratto di lavoro domestico come colf. La signora presso cui presto servizio ha proposto nel mio interesse di pagarmi non ad ore ma a forfait. Lavoro dal Lunedì al Mercoledì dalle 12:30 alle 20:30/21:30 il tempo varia a seconda dell'arrivo a casa della signora, il giovedì spesso non presto servizio perché la signora lavora da casa ma è successo anche che andavo qualche ora tipo dalle 17:00 alle 20:30 e poi lavoro il Venerdì dalle 12:30 alle 16:00 salvo qualche eccezione quando la signora ha bisogno. Molto spesso succede che al mattino presto dovessi recarmi in abitazione per portare la figlia a scuola, oppure in emergenze prenderla da scuola se stava male o anche dormire lì ma essendo forfait non ho mai fatto le pulci sulle ore notturne o mattiniere fatte. La signora però mi ha detto solo ora che al momento in cui manderà la figlia dai nonni verso metà Giugno, il mio orario di lavoro si ridurrà e così anche il mio compenso (prendo 800euro), a Luglio visto che andrò poche ore alla settimana allora abbasserà il compenso e ad Agosto (periodo in cui avrei dovuto maturare dei giorni di ferie) mi pagherà i giorni di ferie che però non so quanti sono. È possibile che anche se abbiamo concordato un forfait, la signora ora mi tratti come se lavorassi ad ore abbassando quindi il compenso a Luglio?La ringrazio in anticipo per la Sua cordiale risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La normativa non contempla accordi forfettari ne sull'orario di lavoro ne sulla paga, perché deve esserci un contratto sottoscritto dalle parti dove deve essere specificato l'orario di lavoro settimanale e la retribuzione prevista.-
      Questo significa che ci si può accordare nel lavorare un'ora in più un giorno da compensare con un'ora in meno magari il giorno successivo, ma l'orario di lavoro settimanale deve essere quello stabilito dal contratto, così come deve essere la paga quella stabilita.-

      Elimina
  75. Buongiorno avvocato! Spero che mi possa aiutare! Ho trovato lavoro come sostituzione maternità per 5 mesi come colf 20 ore settimanali paga netta 6.69 (lordo 9.25) vorrei sapere siccome mio marito è un lavoratore dipendente e ha a carico suo me e i nostri 2 figli, questa opportunità di lavoro influisce sul suo stipendio? Cosa perderebbe?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Con l'opportunità di lavoro che ti è stata offerta, siccome Tu avresti un reddito superiore a 2.840,51 euro, Tuo marito perderebbe le detrazioni fiscali per il coniuge a carico che variano da 690 e 800 euro in base al suo reddito.-

      Elimina
  76. Buongiorno,per favore avvocato mi puo spiegare come si fa i calcoli quando il redito supera 8000E per una badante convivente,se aplica imposta solo per la parte quale supere qesti 8000 ori per tuto,sono impositati anche 13sima e tfr se sono compresi in busta paga mensilmente?Grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      In pratica una badante paga il 23% di IRPEF + addizionali regionale e comunale sulla parte di reddito eccedente gli 8.000 euro, compresi tredicesima e TFR se corrisposto.-

      Elimina
  77. Caro avvocato,lavoro come badante non convivente dziorno .la notte sta altra-mi domando perché devo fare cose di lei-buttare pannolini,mettere scarpe di lei a posto,proprio pulire cosa sporca lei e una cosa giusta.con datore non posso parlare-per lui cose devo fare io e così?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La normativa prevede che nell'ambito dell'orario di lavoro contrattuale Tu devi svolgere le mansioni che ti vengono assegnate dal tuo datore di lavoro.-

      Elimina
  78. Buon giorno dott Censori
    Complimenti per il lavoro che sta facendo
    Vorrei sapere quanto tempo deve passare dal ricevimento(oppure dalla data scritta sulla lettera di licenziamento badante convivente)della lettera di licenziamento badante convivente fino a essere presentata al inps per la disoccupazione
    grazie
    Buon lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      Nella lettera di licenziamento deve essere indicata la data di cessazione del rapporto di lavoro, quindi la domanda di disoccupazione (NASPI> può essere presentata all'INPS già dal giorno successivo e comunque entro 68 giorni dalla suddetta data.-

      Elimina
  79. Buona sera avvocat
    lavoro come badante convivente .......e dopo un conflitto con il datore di lavoro mi ha licenziato scrivendo che sono assentata dal lavoro senza portare la giustificazion
    in questo caso si puo usufruire della disoccupazione?
    Grazie di cuore xla risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      In caso di licenziamento si ha comunque diritto all'indennità di disoccupazione (NASPI), a prescindere quindi dalla causa del licenziamento stesso.-

      Elimina
  80. Buongiorno avvocato..vorrei un consiglio per sapere come giusto fare..come io sono una badante che lavora da un padre da una signiora e lui ha a'lzaimer no è autosufficiente faci o pulizia de casa cucino 3pasti al giorno farmeci a lui lavare ..giardiniere tutto..con contratto di 25ore a settimana 5 ore a giorno ma faccio badare 24/24 solo con libero sabato da8-20 con 600€ mesile con contributi pagati tredicesima e ferie pagate..ma senza busta paga io detto a signiora di rinnovare contratto di lavoro e darmi qualcosa in più lei ha detto che non è possibile..la domanda è devo andare prima denunciare e poi chiedere licenziamento?or chiedere licenziamento giusta causa..e quanti giorni devo stare 8 or15? Sono con contratto dal 15/10-2013..fino in presente come devo fare ? Grazie anticipati ..Nadine

    RispondiElimina
  81. Al età di 61 anni, dopo un lavoro come badante de di più di un anno, quanto tempo ricevo disoccopazione e in quanto percento. Grazie, Viviana

    RispondiElimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.