mercoledì 28 gennaio 2015

Badanti e Colf - CCNL Anno 2015

Classificazione di Badanti e Colf

Livello A
Collaboratori familiari generici, non addetti all'assistenza di persone, con esperienza professionale (maturata anche presso datori di lavoro diversi) non superiore a 12 mesi.
Livello A Super
Addetto alla compagnia, baby sitter (mansioni occasionali e/o saltuarie).
Livello B
Collaboratori familiari che, in possesso della necessaria esperienza svolgono con specifica competenza le proprie mansioni, ancorchè a livello esecutivo.
Livello B Super
Assistente a persone autosufficenti
Livello C
Collaboratori familiari che, in possesso di specifiche conoscenze di base, sia teoriche che tecniche, relative allo svolgimento dei compiti assegnati, operano con totale autonomia e responsabilità.
Livello C Super
Assistente a persone non autosufficenti (non formato).
Livello D
Collaboratori familiari che, in possesso dei necessari requisiti professionali, ricoprono specifiche posizioni di lavoro caratterizzato da responsabilità, autonomia decisionale e/o coordinamento.
Livello D Super
Assistente a persone non autosufficenti (formato). Svolge mansioni di assitenza a persone non autosufficenti, ivi comprese, se richieste, le attività connesse alle esigenze del vitto e della pulizia della casa ove vivono gli assistiti.


Orario di lavoro

Nel lavoro a tempo pieno l'attuale durata normale dell'orario di lavoro è concordata tra le parti e comunque con un massimo di:
10 ore giornaliere non consecutive, per un totale di 54 ore settimanali per i lavoratori conviventi.-
8 ore giornaliere non consecutive, per un totale di 44 ore settimanali per i lavoratori non conviventi.-
Il lavoratore ha diritto ad un riposo di almeno 8 ore consecutive nella giornata e ad un ulteriore riposo intermedio di almeno 2 ore da fruirsi nelle ore pomeridiane.-


Riposo settimanale

Il riposo settimanale è di 36 ore e deve essere goduto per:
  • 24 ore di domenica (o altra giornata stabilita nel contratto di assunzione). Questo riposo è irrinunciabile. In caso di richiesta di prestazione lavorative per esigenze imprevedibili le ore vanno retribuite con la maggiorazione del 60% sia per i lavoratori non conviventi che per i lavoratori conviventi.-
  • 12 ore in qualsiasi altro giorno della settimana. Qualora fossero richieste prestazioni lavorative nel giorno fissato, il riposo può essere goduto in altro giorno della settimana (in assenza di recupero le ore lavorate vanno retribuite con la maggiorazione del 40% sia per i lavoratori non conviventi che per i lavoratori conviventi).- 

Lavoro straordinario

Personale non convivente:
E' compensato con una maggiorazione del:
  • 10% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno compreso tra le 40 e le 44 ore settimanali.- 
  • 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).- 
  • 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).- 
  • 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo o in giorno festivo infrasettimanale.- 

Personale convivente:
E' compensato con una maggiorazione del:
  • 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).- 
  • 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).- 
  • 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo stabilito e nelle festività infrasettimanali.- 
  • 40% per le ore di lavoro prestate nella mezza giornata di riposo (mancato riposo).- 

Scatti di anzianità

Per ogni biennio di servizio presso lo stesso datore di lavoro spetta al lavoratore un aumento pari al 4% sulla retribuzione minima contrattuale, per un massimo di 7 scatti.-

Festività

1° gennaio - 6 gennaio – lunedì di Pasqua – 25 aprile – 1° maggio – 2 giugno – 15 agosto – 1° novembre – 8 dicembre – 25 dicembre – 26 dicembre – S. Patrono. In queste giornate il lavoratore ha diritto al completo riposo e alla retribuzione normale. Se una delle festività sopra elencate coincide con la domenica o nel giorno di riposo stabilito, il lavoratore ha diritto al recupero del riposo in altra giornata o, in alternativa, al pagamento di 1/26 della retribuzione. Se invece è lavorata è dovuto, oltre alla normale retribuzione giornaliera il pagamento delle ore lavorate maggiorate del 60%.


Ferie

Indipendentemente dalla durata dell'orario di lavoro, per ogni anno di servizio il lavoratore ha diritto a 26 giorni lavorativi di ferie se la distribuzione dell'orario di lavoro settimanale è su 6 giorni (occorre proporzionare se i giorni lavorativi sono inferiori a sei). La retribuzione dei giorni di ferie è maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto se dovuto. Le ferie non possono essere monetizzate (salvo i giorni non goduti che residuano alla cessazione del rapporto di lavoro).-

Malattia

L'art. 26 del C.C.N.L. inerente la retribuzione della malattia delle colf e/o badanti.Come primo dovere, il datore di lavoro, una volta ricevuto il certificato medico entro 2 giorni dall'inizio della malattia fatto emettere dal lavoratore entro il giorno successivo al verificarsi dell'evento, avrà l'obbligo di mantenere il posto di lavoro per un periodo di tempo variabile in base all'anzianità di servizio della colf e /o badante, sia questa convivente che non convivente. Il periodo di conservazione del posto di lavoro è pari a:
  • 10 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica (sia convivente che non convivente) con anzianità inferiore a 6 mesi;
  • 45 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica con anzianità di servizio compreso tra i 6 mesi ed i 2 anni;
  • 180 giorni di calendario (incluse le domeniche) se l'anzianità di servizio della colf è superiore a 2 anni.

Oltre l'obbligo di mantenimento del posto di lavoro, il datore di lavoro è poi obbligato a remunerare la malattia garantendo un salario coincidente al 50% della retribuzione globale di fatto per i primi 3 giorni di calendario e pari al 100% della retribuzione globale di fatto per un numero di giorni pari a:
  • 8 giorni complessivi nell'anno per anzianità di servizio inferiore a 6 mesi;
  • 10 giorni complessivi di calendario nell'anno per anzianità di servizio compresa tra 6 mesi e 2 anni;
  • 15 giorni complessivi di calendario nell'anno per contratti di lavoro con anzianità di servizio superiore a 2 anni.


Tredicesima mensilità

Al lavoratore spetta una mensilità aggiuntiva, pari alla retribuzione maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto. Per colf e badanti conviventi la tredicesima mensilità è pari allo stipendio mensile + vitto e alloggio e per il 2012 è pari a 132,60 euro (5,19 al giorno x 26 giorni).-


TFR (Trattamento di fine rapporto)

Deve essere liquidato al termine del rapporto di lavoro e indicativamente corrisponde ad una mensilità per ogni anno di servizio prestato.-
Una volta stabilità qual è l'anzianità maturata dalla lavoratrice, si passa al calcolo vero e proprio.
  1. Il primo passo consiste nel determinare la somma pagata nel corso dei singoli anni, comprensiva della tredicesima e delle indennità di vitto e alloggio per le colf conviventi o che consumano in casa uno o più pasti. 
  2. L'importo della retribuzione annuale, diviso per 13,5, rappresenta la quota annuale da accantonare per il trattamento di fine rapporto. 
  3. Le singole quote annuali vanno rivalutate con degli appositi coefficienti dati dalla somma di due indici di cui:
    • il primo è pari al 75% dell'aumento del costo della vita accertato dall'Istat per gli operai e gli impiegati;
    • il secondo è dato da una percentuale fissa pari all'1,50% all'anno (0,125% al mese).

Preavviso per Licenziamento o Dimissioni

Il rapporto di lavoro domestico può cessare per libera volontà del lavoratore e del datore di lavoro.

Non c'è necessità di motivare l'interruzione del rapporto di lavoro, ma deve essere concesso un termine di preavviso, che varia a seconda che il rapporto di lavoro sia superiore od inferiore a 24 ore settimanali, ed all’anzianità di servizio presso il datore di lavoro. Le parti possono regolare tra di loro questi termini, che però non possono comunque essere inferiori a quelli stabiliti per legge.
In caso di licenziamento, se il lavoratore è impegnato per oltre 24 ore settimanali e ha maturato fino a cinque anni di anzianità presso lo stesso datore di lavoro, il termine di preavviso deve essere almeno di 15 giorni di calendario. Il termine deve essere di almeno 30 giorni se gli anni di anzianità sono oltre i cinque.

Se invece il rapporto di lavoro è fino a 24 ore settimanali il preavviso dovrà essere pari ad 8 giorni di calendario, fino a due anni di anzianità e 15 giorni di calendario, oltre i due anni di anzianità.
Nel caso di dimissioni da parte del lavoratore i termini sono ridotti del 50%.


Presenza Notturna

I lavoratori assunti per garantire esclusivamente la presenza notturna (e non l’assistenza o cura) rappresentano una categoria a sé.
Le prestazioni di presenza notturna sono quelle effettuate in una fascia oraria notturna interamente ricompresa tra le ore 21.00 e le ore 8.00 e prevedono che il datore di lavoro metta a disposizione del lavoratore un alloggio idoneo per il completo riposo notturno.
Questo tipo di prestazioni vengono inquadrate in una categoria specifica di lavoro domestico, la "presenza notturna", che ha un parametro retributivo specifico (Tabella E, Presenza notturna).
Nel contratto di lavoro dovranno essere indicata la categoria di prestazioni ("prestazioni notturne") e l'ora d'inizio e quella di cessazione dell'assistenza.
Qualora venissero richieste al lavoratore prestazioni diverse dalla mera presenza, queste non saranno considerate lavoro straordinario, bensì retribuite aggiuntivamente sulla base delle retribuzioni previste per i lavoratori non conviventi, come da Tabella C, con le eventuali maggiorazioni contrattuali e limitatamente al tempo effettivamente impiegato.


Assistenza Notturna

È possibile assumere personale non infermieristico perché resti a disposizione durante la notte e presti assistenza in caso di bisogno.
Questo tipo di personale viene inquadrato in una categoria specifica di lavoro domestico, "assistenza notturna", che prevede come mansioni “discontinue prestazioni notturne di cura alla persona”.
La categoria di assistenza notturna viene retribuita secondo dei parametri specifici.
Per essere inquadrata come “discontinue prestazioni notturne di cura alla persona”, l’assistenza prestata deve avere carattere di discontinuità: prevede infatti attesa, ma non sempre assistenza. Il lavoratore si obbliga perciò a garantire al datore di lavoro la propria disponibilità allo svolgimento di prestazioni di assistenza in modo discontinuo o intermittente e in un arco di tempo predefinito: la fascia oraria notturna.
Diverso è invece il caso di prestazioni esclusivamente di attesa - e non di cura, nemmeno discontinua. In questo caso, la prestazione viene inquadrata in una categoria diversa, appunto di "presenza notturna".
Si qualifica come "assistenza notturna" il lavoro prestato in una fascia oraria notturna interamente ricompresa tra le ore 20.00 e le ore 8.00.
Il datore di lavoro dovrà a tal fine provvedere all’assistente un’idonea sistemazione per la notte, qualora non fosse convivente, oltre alla cena e alla colazione.
Al personale convivente dovranno essere in ogni caso garantite undici ore di riposo consecutivo ogni ventiquattro ore.
Nel contratto di lavoro dovranno essere indicate l’ora d’inizio e quella di cessazione dell’assistenza e il suo carattere di prestazione discontinua.
Le “discontinue prestazioni notturne di cura alla persona” hanno dei parametri specifici di remunerazione. Fanno infatti riferimento alla TABELLA D dei minimi retributivi previsti per legge.
In particolare, nel caso in cui l’assistenza notturna riguardi soggetti autosufficienti (bambini, anziani, portatori di handicap o ammalati), la badante verrà inquadrata nel livello B super.
Nel caso in cui l’assistenza TABELLA riguardi soggetti non autosufficienti, la badante verrà inquadrata nel livello C super (se non formata) o D Super (se formata).


MINIMI SALARIALI ANNO 2015

LivelloConviventi - Paga MensileNon Conviventi - Paga Oraria
A620,254,51
AS733,035,32
B789,415,64
BS845,805,98
C902,206,32
CS958,586,63
D1.127,747,67
DS1.184,128,00

Presenza notturna livello unico euro 651,27.-
Assistenza notturna
Livello BS Assistenza a persone autosufficienti euro 972,67.-
Livello CS Assistenza a persone non autosufficienti (non formato) euro 1.102,36.- (7,20 x ora)
Livello DS Assistenza a persone non autosufficienti (formato) euro 1.361,75.- (869 x ora)

Vitto e AlloggioValore GiornalieroValore Mensile
Pranzo e prima colazione1,8956,70
Cena1,8956,70
Alloggio1,6549,50
Totale5,43162,90



CONTRIBUTI ORARI DEL 2015

Rapporti di lavoro a tempo indeterminato:

a) Orario fino a 24 ore settimanali
Retribuzione oraria effettiva fino a 7,86 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,39 (0,35)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,40 (0,35) 
Retribuzione oraria effettiva da 7,87 a 9,57 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,57 (0,39)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,58 (0,39)
Retribuzione oraria effettiva oltre 9,57 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,91 (0,48)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,92 (0,48)
b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,00 (0,25)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,00 (0,25)

*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari

Rapporti di lavoro a tempo determinato:

a) Orario fino a 24 ore settimanali
Retribuzione oraria effettiva fino a 7,86 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,49 (0,35)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,50 (0,35) 
Retribuzione oraria effettiva da 7,87 a 9,57 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,68 (0,39)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,69 (0,39)
Retribuzione oraria effettiva oltre 9,58 
  • con CUAF Contributo orario euro 2,04 (0,48)
  • senza CUAF Contributo orario euro 2,06 (0,48)
b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,08 (0,25)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,09 (0,25)

*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari



Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

179 commenti:

  1. Grazie mille per la sua risposta. sono nella è vorrei sapere perché la mia busta paga ogni mese e 860 euro mese prossimo viene alto stupendio e possibile che con contratto cs della mesè ha mese il stupendio non mi viene quanto è scritto in contratto? e mio datore di lavoro e il cognato di là mia seniora ma infatti vieni il nipote di là sig e mi ordina di quale di loro 2 devo dare ascolto?mi dice sempre che io lavoro ore forfetario e che il contratto e 54ore ma che io un può lavoro un può mi riposo e che devo dormire qui.avocato io ho solo anno mezzo in questo paese è non cunosco niente di queste regole e per questo vi disturbo con le mie domande ma ho bisogno di aiuto per sapere come faccio e ha qui devo dare asculto.quante ore devo lavorare?cosa c'è ore forfetari sono confusa.io vengo ha lavoro ogni giorno della 7mezo fino alle 21sera un giorno dormo con la siniora un giorno acasa.quando dormo qui lavoro della 7 fino alle19 sera.sabato mi sveglio alle 7 e esco alle 12.come devo fare grazie eeee mille eee.





    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nella!
      La paga mensile prevista dal Tuo contratto per un livello CS Conviventi è pari a 950,25 euro mensili + 13/ma + TFR + 26 giorni di ferie + contributi x 54 ore settimanali, quindi le eventuali ore in più di lavoro vanno pagate come straordinari, e Tu devi seguire solo le indicazioni del Tuo datore di lavoro.-
      Ti consiglio ancora di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
    2. Buongiorno ho un contratto a tempo indeterminato come badante per 25 ore settimanali ma in realtà ne faccio 8-9-10-e anche 11 al giorno e premetto che le mie mansioni sono autista accompagnatore domestico a volte giardiniere poi faccio la spesa e servizi di vario genere tipo pagare bollette alla posta ecc.ecc.e a volte anche il baby sitter a un ragazzino e tutto ciò per 800 euro al mese , il mio datore di lavoro non intende ne aumentarmi lo stipendio ne pagarmi le ore di straordinario ,cosa posso fare per far valere i miei diritti senza essere licenziato?

      Elimina
    3. Ti consiglio di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  2. Bunasera avvocato io voglio un informazione se e possibile lavoro 38 ore la settimana da lunedi a sabato come colf asistente a anziana autosuficiente senza un contrato ...stipendio de 800 euro mensile .lavoro da 11mesi da oggi alla mia richiesta di mettere in regola mi hanno risposto o cosi a altrimenti perdi lavoro. li dico oltre che mia avevano promeso la suntione dopo primu mese di prova.
    li chedo cosa poso fare per avere miei diriti..mi po anticipare cosa mi speterebe per lege.salute buna serata.Giovana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giovana!
      Il contratto colf e badanti prevede per un livello B Super una paga oraria di 5,93 euro + 13/ma + TFR + 26 giorni di ferie + contributi.-
      Ti consiglio quindi di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  3. Buonasera dottor Censori,
    abbiamo assunto per i miei genitori una signora per 6 giorni a settimana a 6 ore al giorno, che si occupa della casa e di aiutare mia mamma a vestirsi (ha il morbo di Parkinson). L’abbiamo inquadrata con il livello B. Ora abbiamo la necessità di assumere un’altra signora che presti assistenza notturna e che stia in casa con i miei tutti i giorni dalle 14 alle 8 della mattina dopo, con il giovedì libero dalle 8 alle 19 e la domenica dalle 9 alle 18. Abbiamo chiaro solo l’inquadramento per l’assistenza notturna (deve accompagnare mia mamma in bagno quando si sveglia), livello BS con paga mensile di 964 euro. Ora dobbiamo capire come pagarle le altre ore in cui comunque le è richiesto di stare in casa e soprattutto che contratto farle (cioè quante ore dobbiamo dichiarare, con quale livello e paga). Mi potrebbe gentilmente dare una mano? La ringrazio anticipatamente Elisabetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elisabetta!
      Non è possibile assumere una persona che lavori sia di giorno che di notte, quindi devi assumere una persona per la sola assistenza notturna e un'altra o più persone per il giorno.-

      Elimina
  4. Ciao avocato Buon anno2015.io voglio sapere dopo 1 anno e 6mese ho diritto di scati di anzianità.il mio stupendio e 950 scritto in contratto ma ogni mese prendo di meno.vorrei sapere quanto è mio stipendio ogni mese?il mio contrattoe 54ore settimanale.e quanto mi aspetta in caso chi ho diritto di scati di anzianità quanto devo avere i busta paga ogni mese grazie mille avocato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scatti di anzianità
      Per ogni biennio di servizio presso lo stesso datore di lavoro spetta al lavoratore un aumento pari al 4% sulla retribuzione minima contrattuale, per un massimo di 7 scatti.-
      Per quanto riguarda lo stipendio previsto dal Tuo CCNL devi dirmi le Tue mansioni e il Tuo livello di inquadramento.-

      Elimina
  5. BuongiornoDot. Gianfranco voglio sapere ce la legge per le badante per laumente dello stipendio per 2015 se si quando sara publicato e dove posiamo legerlo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le tabelle del 2015 non sono state ancora pubblicate, quindi non appena ne saremo in possesso provvederemo ad aggiornarvi.-

      Elimina
  6. salve, la mia compagna Brasiliana svolge mansioni di colf , il suo datore di lavoro gli ha detto che da settembre non avrà più bisogno della sua collaborazione. Ha un contratto a tempo indeterminato di 25 ore settimanali con vitto e alloggio. Lavora da questa persona da un'anno esatto (quindi a febbraio), ma in questo periodo è stata a casa 2 mesi per problemi di salute. E' in regola sia con il permesso di soggiorno che con tutto il resto. Negli anni passati ha lavorato come colf per latri 4 o 5 anni (sempre in regola e sempre versando i contributi che sono stati verificati dall'ufficio immigrazione), l'unico anno in cui non ha trovato lavoro e non ha versato i contributi è stato il 2013. Ha diritto all'indennità di disoccupazione ? Se si, in quale forma e cosa deve fare per ottenerla ?
    Molte grazie
    Massimiliano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Massimiliano!
      A maggio andrà in vigore la NASPI e le regole saranno diverse rispetto all'ASPI e alla Mini Aspi, quindi ne riparliamo a suo tempo.-

      Elimina
  7. Buongiorno. La ringrazio tantissimo della risposta al quesito che Le avevo posto il 5 u.s. relativamente alla possibilità di assumere per presenza notturna solo per quattro notti. La sua risposta è stata affermativa. Mi è stato però riferito che indipendentemente dalle notti lavorate lo stipendio di chi presta presenza notturna resta invariato e si possono soltanto ricalcolare i contributi da versare e le quote di tfr e tredicesima mensilità proporzionandole alle effettive prestazioni. In pratica il risparmio con riduzione delle notti per me, datore di lavoro, sarebbe trascurabile. Le chiedo cortesemente se ciò che mi è stato riferito corrisponde al vero. La ringrazio tantissimo della gentilezza e disponibilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Purtroppo è tutto vero e mi scuso con te per non averlo precisato nella precedente risposta.-

      Elimina
  8. Salve dott.Gianfranco
    Con un contratto di 25 ore settimanale colf, nn convivente,ma parzialmente autoficiente (80enne,camina bennissimo, anzi direi...ma e 60% cecca). Quanto sarebbe la mia paga oraria,e la categoria? Tengo a dire che faccio tutte le cose anche in orto,frutteto,villa2 pianni. 500 metri di terreno che ho cura di lui,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il CCNL colf e badanti prevede:
      Livello B
      Collaboratori familiari che, in possesso della necessaria esperienza svolgono con specifica competenza le proprie mansioni, ancorchè a livello esecutivo.
      Paga oraria euro 5,59 + 13/ma + TFR + 26 giorni di ferie + contributi.-

      Elimina
  9. Buonasera Gianfranco ! Lavoro come la badante notte/giorno di una signora autosufficiente da 3 anni. Dal 01.01,2015 il mio lavoro è cambiato la signora è già allettata con i pannoloni . Il datore di lavoro mi ha detto che cambiamo il contratto.La mia domanda è il contratto di lavoro si può fare con la data già passata, per esempio dal 1.01.2015. Grazie! ANNA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna!
      Purtroppo NO!
      La modifica di un contratto di lavoro non può essere retro datata perché altrimenti il datore di lavoro andrebbe incontro a multe e sanzioni.-
      Comunque una modifica può essere fatta in qualsiasi giorno del mese con decorrenza dal giorno successivo.-

      Elimina
  10. Gentile Avvocato
    la badante va in ferie dal 19.01.2015 e verrà retribuita secondo i calcolo ccnl
    il 18 è domenica
    Come debbo pagare la quota di mese gennaio fino all'inizio ferie?
    il 18 lo debbo pagare ?
    dal 1 gennaio al 17 oppure dal 1 al 18 compreso?
    divido lo stipendio per 26 e moltiplico per 17 o per 18 ?
    contratto cs 950,25
    Grazie dell'aiuto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Assunta!
      Non capisco il Tuo problema!
      Se la badante va in ferie ha diritto comunque alla retribuzione intera mensile di 950,25 euro, quindi devi solo distinguere le giornate lavorate dalle giornate di ferie.-

      Elimina
  11. Buongiorno avocato io lavoro come badante contratto 54ore settimana. Le mie domande sono il mio datore mi da 200euro pe me è la Sig per fare la spesa. Di questi soldi per noi 2 devo fare tutta la spesa più di comprare le cose di pulire la casa non solo per cibo .la fine di mese mi chiede di scontrini ha ragione lui? E perché in mio contratto e scritto 950 e poi io prendo di meno .e giusto che il mio stipendio scade ogni mese.anche le busta paga e diferente ogni mese. Io non capisco .grazie avocato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo stipendio previsto dal contratto colf e badanti per un livello CS è pari a 950,25 euro lordi, al quale va tolta la quota dei contributi a carico del lavoratore, e comunque l'importo che deve darti il Tuo datore di lavoro deve corrispondere all'importo netto che risulta in busta paga.-
      Riguardo alla spesa è giusto che ti vengano richiesti gli scontrini perché Tu hai diritto a vitto e alloggio mentre per le Tue altre eventuali spese personali devi provvedere da sola.-

      Elimina
  12. Buonasera avvocato io lavoro come asistenzza notturna 7 giorni su 7 dalle 19 fino alle 08.20 seconda giornata con un stipendio di 650 e un contratto da 30 ore settimanale. E giusto come mi ha fatto il contratto ? E giusto il stipendio? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il CCNL colf e badanti prevede:
      Presenza notturna livello unico euro 645,61.-
      Assistenza notturna
      Livello BS Assistenza a persone autosufficienti euro 964,22.-
      Livello CS Assistenza a persone non autosufficienti (non formato) euro 1.092,78.-
      Livello DS Assistenza a persone non autosufficienti (formato) euro 1.349,92.-

      Elimina
  13. buona sera avvocato,mi chiamo jolanda e lavoro come la badante.ho contratto cs, 54 ore settimanale.stipendio 950,85 mensili.bado una signora di 92 anni. una casa in compania dove sono obligata anche fare autista.portare con me la signora fare la speza.pio cucinare, pulizzie,anche devo badare il cane..volevo sapere quali sono le mie compiti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jolanda!
      Nel limite delle 54 ore di lavoro settimanali Tu devi svolgere tutte le mansioni che ti vengono richieste dal tuo datore di lavoro, che sono poi quelle che hai elencato, a parte il badare al cane se per te è un problema.-

      Elimina
  14. Buongiorno! Lavoro come la badante notte/giorno di una signora autosufficiente da 3 anni. Dal due messi si è ammalata e dal l'inizio di gennaio già è completamente allettata . Dal momento il mio datore di lavoro è stata lei. Adesso lei non è in grado da firmare. I nipoti di lei sono hanno dritto sul suo contocorente. La mia domanda è loro possono cambiarmi il contratto di lavoro da livello BS a CS? Anche da chi devo ricevere il mio stipendio e i miei liqudizioni. Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna!
      Se la signora non è più in grado di firmare i suoi familiari devono nominare un tutore che possa cambiarti il contratto e provvedere al pagamento delle Tue competenze.-

      Elimina
  15. Buon giorno dottore!Io avrei una domanda in quello che riguarda il pagamento della tredicesima..Il datore di lavoro la può frazionare in piccole rate mensili incluse nella busta paga o dovrebbe pagarla tutta intera ogni fine del anno,prima delle ferie natalizie?..Il datore di lavoro dice che e tutto incluso nella busta paga (Tredicesima,TFR)...esiste veramente questa possibilità? Nel caso del TFR so che esiste la possibilità di anticiparlo in una percentuale di 70% pero in seguito alla richiesta del lavoratore..Lui dice che e tutto stipulato nel contratto.Si tratta per caso di un tentativo di imbroglio? Grazie anticipatamente! Bob

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per contratto la 13/ma va pagata a dicembre e il TFR alla cessazione del rapporto di lavoro, ma le parti possono concordare il pagamento mensile della 13/ma e il 70% del TFR annualmente, Ti consiglio quindi di consultare il contratto che hai sottoscritto all'atto dell'assunzione perché magari avevi dato il Tuo consenso.-

      Elimina
  16. Buongiorno! Ho ha poco fatto 1anno di lavoro inizialmente come collaboratrice famigliar (convivente )la mia retribuzione giornagliere era di 31,82 e la retribuzione mensile 827,44 totale 789,38 e si sono resi conto che le bustapaghe non erano correte e le hanno rifattr tutte da capo cambiando da collaboratrice famigliare a badante 54 sett-B super(il dattore di lavoro e la persona che io assisto,ma la figlia si occupa delle bustapaghe ma non vive nella casa ) e ormai sono 5 mesi che ho queste busta paghe nuove in cui mi contano le ore di lavoro ma non mi è mai stato riferito il mio orario e non mi è mai stato chiesto se facevo più ore di quello che segnavano loro ma se facevo ore si assenza mi chiedevano .nella tredicesima non mi è stata segnata il vitto è alloggio ,cosa posso fare? E se è normale che mi cambino le bustapaghe e la mansione senza che venga coinvolto il contratto? La ringarzio in anticipo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il livello BS conviventi prevedeva per l'anno 2014 una retribuzione pari a 838,45 euro mensili + 13/ma +TFR + 26 giorni di ferie per 54 ore di lavoro settimanali.-
      Ti consiglio eventualmente di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  17. Buon giorno , avvocato! Per piacere mi puo chiarire cosa cè la dichiarazione di reditti e piu o meno quanta sara da pagare con un contratto di lavoro per badante livello CS , con 54 ore settimanale. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le colf e le badanti avendo un rapporto di lavoro con una famiglia e non con un'azienda non hanno trattenute fiscali in busta paga, quindi per legge sono obbligate a presentare la dichiarazione dei redditi e pagare l'IRPEF dovuta all'erario che è pari al 23% della parte eccedente gli 8.000 euro di reddito lordo annuale.-

      Elimina
  18. Buon giorno: siamo in trattativa per assumere una badante ucraina convivente per mia zia non autosufficiente. Questa badante ha da pochi giorni chiuso un altro contratto con un'altra signora che è deceduta. Ora ha quindi fatto richiesta di disoccupazione. La mia domanda è questa: è possibile per un breve periodo di "prova" di un mese assumerla con i voucher Inps oppure facendo un contratto a tempo determinato ?
    Se la prova va bene poi verrebbe convertito in contratto a tempo indeterminato.
    In tale periodo la signora continuerebbe a ricevere la indennità di disoccupazione ?

    Grazie per le sue preziose risposte !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Non si può assumere una badante e retribuirla con i voucher!
      Potete assumere la badante con un contratto a tempo indeterminato e il periodo di prova è previsto nel contratto stesso, oppure potete assumerla con un contratto a tempo determinato da trasformare eventualmente successivamente in contatto a tempo indeterminato.-
      Ovviamente una volta che sarà assunta l'indennità di disoccupazione le verrà sospesa, per ripartire nel caso che non superi la prova, o la pratica verrà chiusa in caso di conferma in servizio.-

      Elimina
  19. Buonasera

    Lavoro come badante CS.Ho vitto e alloggio.Con me sta anche la mia figlia piccola di tre anni.La mia domanda è:ho diritto di qualche ora in più(essendo unico genitore) e non solo due ore giornaliere? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      La normativa non prevede "agevolazioni" al lavoratore genitore unico per l'assistenza ai figli piccoli.-

      Elimina
  20. Buonasera.
    Sono la badante part time.faccio 4 ore per 5 giorni guadagno 700 euro al mese.ho sentito che quanto si supera la soglia di 8000 annui bisogna fare la dichiarazione dei redditi. ? Ma lo devo fare anche io visto che superò di 400 euro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Nel tuo caso devi presentare la dichiarazione dei redditi e pagare il 23% di IRPEF su 400 euro + addizionali regionale e comunale.-

      Elimina
  21. Avvocato
    Sono badante CS 54 ore conviventr ho una domanda.quando andro in ferie ad agosto ho diritto di indennità per vitto e alloggio o solo la paga mensile di 950.lavoro da due mesi.un altra cosa.io posso dopo che la signora va al letto (verso le 20)uscire di casa o sono oblighata stare qui essendo convivente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - SI Per il periodo di ferie hai diritto all'indennità di vitto e alloggio.-
      - SI! Al di fuori dell'orario di lavoro contrattuale Tu puoi fare quello che vuoi, quindi puoi anche uscire di casa.-

      Elimina
  22. Buongiorno avvocato.sono ex badante..attualmente in disoccupazione. Sono in Italia da12 anni.....ho 2 domande: 1-e vero che l'indennità di disoccupazionee è aumentata con sei mesi oltre l'anno gia in corso? E la seconda domanda: cosa devo fare per ottenere la citadinanza italiana.?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - La durata dell'indennità di disoccupazione dipende dall'età anagrafica e dalla data di cessazione del rapporto di lavoro.-
      - Per la pratica di cittadinanza italiana ti consiglio di rivolgerti al più vicino Ufficio INCA - CGIL per farti seguire per tutto l'iter burocratico necessario.-

      Elimina
  23. buona sera, avrei due domande:
    - la paga prevista per contratto in categoria CS di 950 euro al mese, si intende la cirfra netta che prenderebbe la badante ?
    - in caso di badante convivente a 54 ore settimanali, che è in malattia per tre mesi per frattura al piede, oltre ad avere la conservazione del posto vuole continuare ad abitare con la assistita e avere assistenza per la sua malattia. Come possiamo fare noi figli: abbiamo il papà disabile, la badante da accudire e dovremmo assumere una seconda badante per accudire entrambi? MI sembra una follia !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - La paga prevista per una badante da inquadrare nel livello CS Conviventi è per il 2015 pari a 958,58 euro mensili, ed è la paga lorda, alla quale va tolta la parte di contributi a carico della lavoratrice per ottenere la paga netta.-
      - Malattia
      L'art. 26 del C.C.N.L. inerente la retribuzione della malattia delle colf e/o badanti.Come primo dovere, il datore di lavoro, una volta ricevuto il certificato medico entro 2 giorni dall'inizio della malattia fatto emettere dal lavoratore entro il giorno successivo al verificarsi dell'evento, avrà l'obbligo di mantenere il posto di lavoro per un periodo di tempo variabile in base all'anzianità di servizio della colf e /o badante, sia questa convivente che non convivente. Il periodo di conservazione del posto di lavoro è pari a:
      - 10 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica (sia convivente che non convivente) con anzianità inferiore a 6 mesi;
      - 45 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica con anzianità di servizio compreso tra i 6 mesi ed i 2 anni;
      - 180 giorni di calendario (incluse le domeniche) se l'anzianità di servizio della colf è superiore a 2 anni.
      Oltre l'obbligo di mantenimento del posto di lavoro, il datore di lavoro è poi obbligato a remunerare la malattia garantendo un salario coincidente al 50% della retribuzione globale di fatto per i primi 3 giorni di calendario e pari al 100% della retribuzione globale di fatto per un numero di giorni pari a:
      - 8 giorni complessivi nell'anno per anzianità di servizio inferiore a 6 mesi;
      - 10 giorni complessivi di calendario nell'anno per anzianità di servizio compresa tra 6 mesi e 2 anni;
      - 15 giorni complessivi di calendario nell'anno per contratti di lavoro con anzianità di servizio superiore a 2 anni.

      Elimina
  24. Gent.Avvocato, ho letto che per le badanti conviventi il riposo normalmente inizia alle 12 di sabato + tutta la domenica. Quindi la badante può uscire alle 12 del sabato e rientrare alle 24 della domenica ? oppure la notte tra sabato e domenica deve dormire a casa del vecchietto ? Grazie mille !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il riposo della badante inizia alle 12 di sabato + tutta la domenica; questo significa che la notte tra sabato e domenica può anche dormire a casa del vecchietto, ma non è obbligata a farlo.-

      Elimina
  25. Buongiorno e innanzi tutto grazie dell'aiuto!
    Mio padre ha una badante part time (4 ore per 6 giorni), assunta da fine settembre 2014.
    Oggi mi ha informato che dal 1 Agosto intende prendere un mese di ferie. Già tempo fa l'avevo avvisata che le ferie vanno concordate e che non le avrebbe potute prendere nei mesi di Luglio e Agosto quando non ho la possibilità di stare a casa per sostituirla.
    Ha il diritto di assentarsi anche senza il mio accordo per la data delle ferie?
    Grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Per legge le ferie o vanno concordate tutte all'inizio dell'anno o per la metà può decidere il datore di lavoro e per l'altra metà può decidere la lavoratrice.-
      La lavoratrice quindi non può decidere per tutto il periodo di ferie spettanti e in caso contrario può anche essere licenziata.-

      Elimina
  26. Buonasera avocato....vorrei sapere con un contratto di 4 ore al giorno quando arrivo a prendere la pensione vale un anno intero ..o la metta ...grazie..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se il Tuo è un contratto da colf o badante, con un contratto di 4 ore al giorno la copertura contributiva è solo parziale, legata cioè alla retribuzione dichiarata all'INPS e comunque al massimo è al 50%.-

      Elimina
  27. Buongiorno avvocato ! Sono una badante e vorrei sapere se sei in malattia e giorni di malattia coincidono con un giorno di festa e di riposo questi giorni si possono recuperare in un altro giorno o no. Grazie mille per il suo aiuto . Cordiali saluti !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      I giorni di malattia che coincidono con un giorno di festa o di riposo non si possono recuperare in un altro giorno.-

      Elimina
  28. BuonA sera.mi chiamo elena e lavoro con due anziani.uno e malato con la testa e lei è sana non ha niente.ho un contrato C super.indeterminato.ma lei mi tratta mele mi nasconde le cose di mangiare mi parla male vuole che lavo piati Con acqua Freda.sto in freddo.mi sgrida sempre mi alza le voci vuole che lascio aperta la mia camera da Leto quando mi cambio...oggi mi sono permessa di chiederlli la note libera quando vado nel mio giorno libero.che lei mi dava solo dala mattina alla sera.vorei chiedervi sei li mi violè mandare via mi po mandare quando vuole ?e se io mi licenzio che dirti avrò.il contrato e dal unico di ducembrè.

    RispondiElimina
  29. Risposte
    1. Ciao Elena!
      Se lavori solo dal 3 dicembre 2014 non hai diritto ad alcuna indennità
      Ti consiglio comunque di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  30. Buongiorno avocato.Queto mese o compiuto 2 anni di lavoro come colf per una famiglia con un contratto indeterminato da 25 ore settimanali.In casa ce una signora di 90 anni e il figlio di 60.il figlio e malatto di schizofrenia che ultimamente e diventato pericoloso e violento e io non posso svolgere il mio lavoro per paura.Da due giorni sono a casa e non so cosa e meglio fare.Se mi licenzio o diritto di ricevere la disocupazione?Anno scorso non o fatto il 730.Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Se presenti le dimissioni non avrai diritto ad alcuna indennità, a meno che non si tratti di dimissioni per giusta causa, Ti consiglio quindi di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  31. Buongiorno.ho una domanda. A fine marzo devo operarsi e starò a riposo più meno due settimane.se porto il foglio della mutua all inps chi mi paga.? Mio d'attore di lavoro o inps.?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Malattia
      L'art. 26 del C.C.N.L. inerente la retribuzione della malattia delle colf e/o badanti.Come primo dovere, il datore di lavoro, una volta ricevuto il certificato medico entro 2 giorni dall'inizio della malattia fatto emettere dal lavoratore entro il giorno successivo al verificarsi dell'evento, avrà l'obbligo di mantenere il posto di lavoro per un periodo di tempo variabile in base all'anzianità di servizio della colf e /o badante, sia questa convivente che non convivente. Il periodo di conservazione del posto di lavoro è pari a:
      10 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica (sia convivente che non convivente) con anzianità inferiore a 6 mesi;
      45 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica con anzianità di servizio compreso tra i 6 mesi ed i 2 anni;
      180 giorni di calendario (incluse le domeniche) se l'anzianità di servizio della colf è superiore a 2 anni.
      Oltre l'obbligo di mantenimento del posto di lavoro, il datore di lavoro è poi obbligato a remunerare la malattia garantendo un salario coincidente al 50% della retribuzione globale di fatto per i primi 3 giorni di calendario e pari al 100% della retribuzione globale di fatto per un numero di giorni pari a:
      - 8 giorni complessivi nell'anno per anzianità di servizio inferiore a 6 mesi;
      - 10 giorni complessivi di calendario nell'anno per anzianità di servizio compresa tra 6 mesi e 2 anni;
      - 15 giorni complessivi di calendario nell'anno per contratti di lavoro con anzianità di servizio superiore a 2 anni.

      Elimina
  32. Buonasera
    leggendo alcuni commenti mi stanno venendo i seri dubbi sul mio lavoro.
    Sono la badante della nonnina (quale non crea problemi), non autosufficiente.
    Sono in nero e il figlio mi paga 950€ al mese come livello CS 54 ore convivente.
    ma è giusto.? Mi spiego non ho nessun diploma ma anni di esperienza, mi occupo della spesa delle pulizie cosa cucinare e gestisco tutta la casa, il figlio viene ogni giorno per quelle due ore di riposo e nel weekend quando vado a casa.
    Un altra cosa, lui dice che per contratto (quale non abbiamo mai fatto) mio orario di lavoro e 24/24 quindi anche di notte (solo presenz anotturna) e io non lo so cosa dire perché lui non ha mai sentito queste cose.
    ho cercato su internet il testo del contratto quale dice che non sono obbligata restare qui di notte ma non ho trovato...allora ha ragione lui? Perche quando dice 54 settimanali lui capisde che sono di giorno ma essendo che ci abito di notte devo restare qui con la nonna.La prego mi aiuti perché non ci capisco più niente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trovo piuttosto strano parlare di diritti quando si lavora in nero!
      Infatti lavorando in nero si evadono contributi e tasse, quindi non si ha diritto ad alcun tipo di tutela da parte della legge, semplicemente perché per legge il rapporto di lavoro non esiste.-

      Elimina
    2. Ma lei non ha risposto alla mia domanda?forse non ha capito..io ho obbligo di stare di notte o no?e non mi dica che sono in nero perché questo lo so già. Se può darmi risposta netta , grazie

      Elimina
    3. Evidentemente parliamo due lingue diverse!
      Che significa "ho obbligo di stare di notte o no"?
      Se lavori in nero non hai alcun obbligo perché non hai firmato alcun contratto quindi è solo una questione tra te e chi ti paga!

      Elimina
  33. Buonasera e vivissimi complimenti per la chiarezza delle risposte. Sono una signora 53enne assunta con contratto CS nel settembre 2013 e concluso nel dicembre 2014. Ora percepisco la disoccupazione e vorrei sapere, in caso di nuovo lavoro, come funziona esattamente questo sussidio. Ho saputo che: se fossi assunta per meno di sei mesi l'importo andrebbe a sommarsi a quello precedente nel caso venissi licenziata, mentre rimarrebbe invariato in caso di mie spontanee dimissioni. Verrebbe annullato qualora il nuovo contratto fosse a tempo indeterminato. È vero tutto questo? Il dubbio è: il biennio viene inteso dalla data di assunzione per due anni o calcolano l'anno solare, ovvero il 2013 (anche se son stata assunta a settembre) e il 2014? Ringrazio e porgo cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      Se ci mettiamo a simulare tutte le varie opzioni possibili non ne veniamo fuori!
      L'unica cosa che posso dirti è che si ha diritto all'ASPI o alla Mini Aspi solo se il rapporto di lavoro cessa o per licenziamento o per scadenza del contratto e non in caso di dimissioni.-
      Per il resto ne riparliamo se trovi un lavoro, alla successiva cessazione del rapporto di lavoro.-

      Elimina
  34. Buona sera sono michela.Lavoro come colf cs a personne non autosufficiente convivente si anche in denuncia rapporto di lavoro sono iscrita che non habito con il datore la nonna ha 106 anni e in la sedia rotelle 24 ore disponibila,mai un giorno libero,il mio stipendiu e di 770 per 25 ore settimanale e con le domeniche arrivo a 930(40 euro di domenica /4 domeniche),sono assunta a un contratto indeterminato dall 15.05.2009 fino adesso mi hanno pagato la 13 di 770 euro,le ferrie 770,quindi il tfr mi li paga ogni anno.E normale pagare cosi?Quando ho letto la legge e ho chiesto al nipote che e avocato i diritti(per intero 2009 non ho ricevutto 13,ferrie,feste,niente) ma sforzato(con il motivo che non mi conviene trova un altra) davanti a un sindicato di firmare un verbale di conciliazione per somma di 500 euro di non avere nulla a pretendere per le richieste avansate,fatte salve le competenze di legge che continueranno a maturare normalmente durante il vigente rapporto di lavoro 13,ferie e tfr.che significa?lo stesso sindacato mi stanno facendo le buste paga.allora il sindicato conosce la legge?il mio contratto e paga oraria,quindi perché prendo solo 770?che posso fare?mi asspeta la dissocupatione quando la nonna e decedata?per quanti messi e quanto?grazzie per la pacienta,molto gentile aiutatemi a capire,buon lavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Michela!
      La paga prevista per un livello CS conviventi è pari a 958,58 euro mensili + 13/ma + TFR + 26 giorni di ferie per un orario di lavoro di 54 ore settimanali.-

      Elimina
  35. Buona sera Dottore! La mia domanda si tratta delle paghe mensili. A mia mamma oggi hanno portato la busta paga per il gennaio 2015. Lei lavora come badante a livello CS, 54 ore settimanale. Nella busta paga c'e' scritto retribuzione base 950.25 (la base di l'anno scorso) euro invece 958.58 euro.. E' giusto o no e' ? E dove' posso leggere di pui per il moi caso? Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La retribuzione di 950,25 euro per un livello CS conviventi era quella in vigore lo scorso anno, presumo quindi che a Tua madre verrà data la differenza con la busta paga di febbraio.-

      Elimina
  36. Buona sera avvocato ! Sono Lucia .Lavoro con una persona anziana con malattia Alzheimer. Mi anno assunto con il livello C super. Io in Italia ho fatto corso OSS di 1000 ore. Il mio attestato di qualifica non vogliono prendere in considerazione. Io assolutamente non sono d'accordo, perché la persona assolutamente non dorme di notte.E anche le pastiglie non fanno più effetto.Mi dica LEI per favore , chi ha ragione? ?? Grazie mille. E quale livello giusto per me? ??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucia!
      Livello C Super
      Assistente a persone non autosufficienti (non formato).
      Livello D Super
      Assistente a persone non autosufficienti (formato). Svolge mansioni di assistenza a persone non autosufficienti, ivi comprese, se richieste, le attività connesse alle esigenze del vitto e della pulizia della casa ove vivono gli assistiti.
      Il livello giusto per te è quindi il livello D Super.-

      Elimina
  37. Buona sera Dottore! mi chiamo Anna lavoro come badante convivente a livello CS,54 ore settimanale.volevo sapere se nel pagamento del le ferie arretrate (del anno 2014) mi spetta pagamento identità vitto e alloggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna!
      NO!
      Le ferie arretrate per contratto non vanno pagate e comunque sulle ferie arretrate non si ha diritto a vitto e alloggio.-

      Elimina
  38. Buona sera Avvocato.Lavoro come badante a livello CS, 54 ore settimanale.La mia domanda e questa.lavoro nel le mie ore di riposo( 12 ore di giovedì) volevo sapere come sono retribuite le ore straordinarie.(quanto devo chiedere il datore di lavoro).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lavoro straordinario!
      Personale convivente:
      E' compensato con una maggiorazione del:
      - 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).-
      - 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).-
      - 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo stabilito e nelle festività infrasettimanali.-
      - 40% per le ore di lavoro prestate nella mezza giornata di riposo (mancato riposo).-

      Elimina
  39. Buongiorno sr. Gianfranco prima di tutto la ringrazio per il lavoro che svolgete per no badante. La mia domanda è se dal 1 gennaio 2015 lo stipendio SC e di 958.58 euro perche il comercialista in busta paga a stampato nero su bianco 954,03 euro? Cosa devo fare? Poi io sabato e la domenica non prendo pasti in casa lo deto al comercialista che lei mi deve calcolare cena sabato e colazione domenica, pranzo, cena anche giorni infrasetimanale che io non lavoro. Lei sicome esorda continue a non pagarmi perche? Qui in questo vilagio non ce sindacato per le badante. Io non poso andare in cita. Ho giorni libere solo sabato e domenica sapiamo che il sindacato in questi giorni e qiuso.Cosa devo fare anche per 2014 non mi a fatto i calcoli giusti per vito.Grazie mile in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo l'unica soluzione è che devi prenderti una giornata di ferie ed andare nella città più vicina e rivolgerti a un sindacato per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
    2. Salve dott ho un contratto di 54 ore alla settimana per persona nn autosufficiente volevo sapere miei diritti per ore di riposo perché loro mi danno 4ore mercoledì e la domenica .
      Grazie

      Elimina
  40. Ciao Sr. Gianfranco sono arivata in Italia in salute cxento per cento .Adeso facxio la badante da 8 ani dato che sono una persona responsabile sempre premurosa , mia gito per oni cosa e poi la persona che lo curo non e un angelo percio mi ha fato di tutto adeso ho la presione alta . Dato che sono malata e no per colpa mia ma per colpa di datore di lavoro forse che non arivero a andare in pensione on Italia. Pago regolarmente i contributi, le tasse , se per caso dovrei tornare nel paese di origine non potrai detrae nasun centesimo dato che pago le tase.Ho sentito che in tanti paese restituiscono qualche percentuale dale tase pagate. Come stano le cose in Italia? Dove andrano finire le mie some di tasse pagate questi ani, sono un bel po di soldi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In Italia non è prevista alcuna restituzione di tasse a lavoratori stranieri che decidono di ritornare nel loro Paese di origine.-

      Elimina
  41. Buonasera Sig. Gianfranco,
    io dovrei assumere per mia nonna non autosufficiente una badante convivente con cui ho accordato un orario di lavoro di 25 ore settimanali.
    Come la devo inquadrare visto che il CCNL non prevede il part-time per il livello CS?
    Alcuni affermano che si può comunque inquadrare a 25 ore settimanale ma erogando alla badante la retribuzione del livello CS per intero. Ma è mai possibile una cosa del genere? Cioè se una badante convivente livello CS lavora 25 ore o 54 ore settimanali percepisce lo stesso stipendio? Mi pare alquanto assurda come cosa. Nell'attesa di un Suo riscontro porgo distinti saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Domenico!
      Purtroppo è vero!
      La retribuzione per una badante convivente è la stessa tra un orario di lavoro di 25 ore e di 54 ore, e la differenza è solo nei contributi da versare all'INPS.-

      Elimina
    2. Gent.mo Dott.Gianfranco grazie mille per il Suo cordiale e sollecito riscontro. Io comunque resto del mio parere in quanto è assurdo e non sarebbe corretto verso le badanti che lavorano 54 ore. Ok i contributi da versare sono differenti ma pagare un part-time come se fosse un full-time è davvero qualcosa di infondato.
      Distinti saluti

      Elimina
    3. Ciao Domenico!
      Concordo con Te!
      In effetti qualche datore di lavoro ricalcola l'indennità della badante riparametrandola all'effettivo orario di lavoro, ma corre il rischio di una vertenza sindacale all'atto della cessazione del rapporto di lavoro.-

      Elimina
  42. Buongiorno dottore !!! La ringrazio tanto per la sua risposta. E vorrei sapere ancora se i minimi sindacali di 2015 sono già in vigore e se sono in lordo ho in netto ? Perché mi hanno risposto a Cuaf , dove siamo stati con il datore di lavoro, che dovevano incontrarci a Roma 4 febbraio sindacati. Io non credo, perché se in internet poi vedere , significa che già in vigore, ho mi sbaglio? ?? Grazie tante, per quello che fa per noi stranieri. Lucia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucia!
      E' vero che per avere la conferma ufficiale era necessario attendere l'incontro del 4 febbraio al ministero del lavoro tra rappresentanti dei datori di lavoro e le organizzazioni sindacali ma la sostanza non cambia perché i parametri erano già stati fissati precedentemente.-
      Comunque non c'è problema nel senso che se a gennaio 2015 ti pagano in base ai minimi del 2014 vorrà dire che a febbraio dovranno darti anche gli arretrati in base ai nuovi minimi del 2015.-

      Elimina
  43. BUONA SERA DOTTORE,LA RINGRAZIO TANTO PER TUTTO QUELLO CHE FACETI PER NOI.HO ANCHE IO UNA PROBLEMA,LAVORO COME BADANTE24 SU 24,HO LIBERO DA SABATO DA MESOGIORNO ALLA DOMENICA SERA,DEVO DORMIRE PER FORZA SABATO SERA FUORI,O POSO RETURNARMIA DORMIRE LI IN MIA STANZA?MIO DATORE MI HA DETTO CHE DEVO DORMIRE FUORI E NON MI SEMBRE GIUSTO
    .GRAZIE PER LA PASSIENZA CON NOI,ANCA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      Per contratto tu non sei obbligata a dormire in casa il sabato sera, ma il datore di lavoro non può impedirti di dormire in casa, visto che potresti anche non avere un altro posto in cui dormire se vi hai trasferito la residenza.-

      Elimina
  44. Buonasera avvocato sono Andrea
    Ho assunto una badante i categoria cs il 9 gennaio terminato il periodo di prova a partire dal 19 gennaio la signora è andata in malattia ( regolarmente certificata)
    Premettendo che a fine gennaio ho corrisposto comunque per intero lo stipendio
    Le chiedo a) posso licenziarla, b) devo darle preavviso remunerato c) cosa altro devo corrisponderle eventualmente la licenzi????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Andrea!
      Malattia
      L'art. 26 del C.C.N.L. inerente la retribuzione della malattia delle colf e/o badanti.Come primo dovere, il datore di lavoro, una volta ricevuto il certificato medico entro 2 giorni dall'inizio della malattia fatto emettere dal lavoratore entro il giorno successivo al verificarsi dell'evento, avrà l'obbligo di mantenere il posto di lavoro per un periodo di tempo variabile in base all'anzianità di servizio della colf e /o badante, sia questa convivente che non convivente. Il periodo di conservazione del posto di lavoro è pari a:
      - 10 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica (sia convivente che non convivente) con anzianità inferiore a 6 mesi;
      In caso di licenziamento devi dare il preavviso di 15 giorni, quindi la retribuzione maturata + quota 13/ma + quota TFR + eventuale residuo ferie.-

      Elimina
  45. Buon giorno Avvocato, ho licenziato una badante che era stata regolarmente assunta con contratto di 40 ore a tempo indeterminato, con regolare lettera di preavviso: L'ultimo giorno di lavoro è stato il 23.01.2015, vorrei sapere quanti giorni le devo corrispondere in busta paga: ?

    RispondiElimina
  46. p.s.il preavviso era di 15 gg. che ha regolarmente lavorato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se alla badante hai dato i 15 giorni di preavviso che ha regolarmente lavorato devi pagarle i 23 giorni di lavoro di gennaio, cioè la retribuzione mensile : 30 x 23.-

      Elimina
  47. Buon giorno avocato! Vorei sapere se datore di lavoro mi vuole fare contratto di lavoro con 25 ore setimanale,con vita e alogio, per quale lui deve pagare contributti pari a 175 euro per trimestre ,io avro diritti di asistenzza medica gratuita e di disocupazione in casa che rimango senza lavoro? Grazie !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Con un contratto di 25 ore settimanali avrai comunque diritto all'assistenza medica gratuita e all'indennità di disoccupazione in caso di licenziamento, ma l'indennità sarà ovviamente ridotta e rapportata ai contributi che il Tuo datore di lavoro verserà all'INPS.-

      Elimina
  48. Lavoro da 4 anni come badante , sono in ferie di malatia , ho fatto l'intervento (hernia ombilicala ) questa famiglia mi puo fare la disocupazione con il diritto di ingagiare un altra persona ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco la Tua domanda!
      Per aver diritto all'indennità di disoccupazione devi essere licenziata, quindi il datore di lavoro o ti licenzia ed assume un'altra persona o rimani sospesa e il datore di lavoro può assumere un'altra persona con contratto a termine che scada al termine della Tua malattia.-

      Elimina
  49. Salve,avvocato!Io lavoro come badante 24/24 pero con un contratto di 30 ore settimanale dal 1 dic.2012.In 2013 ho presso solo 2 giorni di ferie pero ho firmato la busta paga agosto 2013 come il mese di ferie(26 GIORNI).In 2014 ho presso solo 7 giorni a settembre,mi hanno portato la busta paga di dicembre con una settimana di ferie pressa 23-31 dic.,ho firmato anche quella,poi questo anno in busta paga di gennaio 2015 mi hanno scritto di nuovo una settimana di ferie 1-7 gen.,ho firmato anche questa.Ho detto all figlio di mio datore di lavoro di parlare con mio consulente e di dire di non mi scalare più giorni di ferie,perche io mi devo prendere le ferie,due messe compresse questo anno novembre e dicembre.La mia domanda e:mi posso prendere due mesi di ferie tutto una volta per questi 3 anni(fine a 2015) e farmi la busta paga la fine di anno con i giorni di ferie?La mia seconda domanda:io l anno scorso non ho fatto la dichiarazione di reditti(il mio stipendio e di 700)per 2013,veramente no non saputo che bisogna fare fine adesso,per 2014 lo posso fare?e per fatto che non lo mai fatto devo pagare qualche multa?Vi ringrazio tanto e una buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Per quanto riguarda le ferie se Tu hai firmato che hai preso dei giorni di ferie anche se non era vero non puoi più farci nulla nel senso che non puoi "rimangiarti" quello che hai firmato, quindi se ti prenderai due mesi di ferie corri il rischio di essere licenziata.-
      - Per quanto riguarda invece la dichiarazione dei redditi, come badante non avendo trattenute IRPEF in busta paga per legge sei obbligata a presentare la dichiarazione dei redditi ogni anno.-
      Per quanto riguarda il passato, l'Agenzia delle Entrate tra qualche anno ti richiederà l'importo dell'IRPEF dovuta ma non pagata + interessi e sanzioni .-

      Elimina
  50. salve avvocato,mi chiamo anna,ho lavorato come badante,3 mesi in nero(12/2011-02/2012),poi(giorno 24/02/2012) mi hanno fatto contratto 30 ore settimanali con livello bs(nonostante che dovrei avere cs).il giorno 03/01/2015 mi hanno dato preaviso di licenziamento e giorno 18/01/2015 mi hanno licenziato.adesso il mio ex datore di lavoro,non vuole pagarmi niente di quello che mi spetta (tfr,ferie non effettuate +giorni di preaviso di licenziamento).non so neanche quanto mi dovrebbe pagare xche anche la busta paga non vuole neanche farmi vedere.so,che dovrebbe essere qualcosa di circa 3,500-3,600 euro.lui mi ha minacciato dicendo,che o prendo 2000 euro e "chiudo la bocca" o non mi paga niente.sono anche venuta sapere che "signori" in tutto anno 2014 non versavano contributi inps,trattenendomi soldi ogni mese dalla busta paga. ultima cosa,nel giorni di preaviso di licenziaamento mi hanno fato lavorare solo 4,poi mi anno detto di non venire piu xche hanno gia altra persona e non hanno piu bisogno di me,capitava anche prima che stesso datore di lavoro mi chiamava, dicendo di non venire un giorno o un altro.e adesso nega tutto,dice che "conteggio finale" e sbagliato,che patronato che faceva le buste paga (acli) sono tutti ladri,che io sono imbroglione etc.e di prendere questi 2000 euro e stare zita,altrimenti "mi rovina".carissimo avvocato,cosa devo fare? non posso permettermi a prendere un legale e fare causa.ho fatto anche domanda all inps per idennita di disoccupazione,ma non so se otengo qualcosa,visto che "signori"non hanno pagato contributi....mi consiglii qualcosa per favore,non so cosa fare,grazie per la risposta,cordiali saluti. anna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna!
      Ti consiglio di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  51. Buongiorno Gianfranco la ringrazio tanto per le sue risposte .Voglio sapere TFR se calcola solo lo stipendio fisso per esempio 958 euro livelo CS oppure se deve agiungere anche super minimo , scati di anzianita? POi per la dichiarazione dei reditti quest ano 80 euro per le badante sarano prense in cosiderazione? Buon lavoro!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importo della retribuzione annuale diviso per 13,5 è la quota annuale da accantonare per il trattamento di fine rapporto, quindi vengono considerati sia l'eventuale super minimo che gli scatti di anzianità.-
      Se il reddito lordo complessivo dell'anno 2014 è compreso tra gli 8.000 e i 24.000 euro si ha diritto al bonus di 80 euro che si può recuperare con la dichiarazione dei redditi di quest'anno.-

      Elimina
  52. cordiali saluti. mi chiamo elena sono una badante convivente 40 h settimanale. vorrei cominciare un corso rec che pour troppo comincia alle 19 -23. ho il permesso del figlio ma x la legge cello? una badante potrebbe studiare visto che orari di lavoro si soprapongono con quelli x studio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena!
      Ovviamente NO!
      Non puoi nello stesso orario lavorare e frequentare un corso di studi, quindi o ti fai cambiare l'orario di lavoro, o ti prendi dei giorni di ferie o delle ore di permesso per frequentare il corso.-

      Elimina
  53. Salve, per una colf assunta presso una signora anziana (orario di lavoro, 5 ore al giorno, dal lunedì al sabato), ho bisogno a volte di far fare alla colf delle ore in più rispetto a quelle accordate in sede di assunzione, anche a volte la domenica. Come posso fare? E soprattutto come devo comunicarlo all'inps (tempi e modi)? Se invece faccio una compensazione delle ore nelle quali la colf manca per motivi suoi personali,con delle ore al di fuori dell'orario stabilito, posso farlo e come devo fare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lavoro straordinario
      Personale non convivente:
      E' compensato con una maggiorazione del:
      - 10% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno compreso tra le 40 e le 44 ore settimanali.-
      - 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).-
      - 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).-
      - 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo o in giorno festivo infrasettimanale.-
      Per il lavoro straordinario non va effettuata alcuna comunicazione preventiva all'INPS e un'eventuale compensazione è possibile solo se concordata tra le parti, perché la colf a livello economico ci rimette la maggiorazione.-

      Elimina
    2. Ma se poi capita un infortunio al di fuori dell'orario di lavoro stabilito in fase di assunzione, poi come si fa a dimostrare che si trattava di straordinario o di compensazione?

      Elimina
    3. La normativa non prevede alcuna compensazione ma solo straordinari per le ore lavorate in più e ferie per le ore lavorate in meno.-

      Elimina
    4. Quindi se ho ben capito se domani ho bisogno di far fare 3 ore di straordinario alla colf, le chiedo alla colf in forma scritta, poi a fine mese vengono aggiunte alle ore lavorate normali e gliele pago come straordinario; mi sbaglio o è così? Inoltre mi rimangono due dubbi: 1. La colf durante le ore di straordinario è tutelata dall'assicurazione contro gli infortuni? 2. Lei ha detto in una risposta precedente che la compensazione si può concordare tra le parti; poi nell'ultima risposta ha scritto che la compensazione non è prevista dalla normativa; può esplicitare meglio il concetto. La ringrazio anticipatamente. Saluti.

      Elimina
    5. Una compensazione non è prevista dalla normativa, nel senso che non può risultare in busta paga, quindi se vuoi essere in regola con legge per le ore di lavoro in più rispetto a quelle contrattuali devi retribuirle come straordinari , e a quel punto la lavoratrice è tutelata contro gli infortuni.-
      Viceversa se concordate tra di voi una compensazione sono solo affari vostri, nel senso che potete farlo ma in busta paga deve risultare solo il normale orario di lavoro.-

      Elimina
    6. Un'altra cosa Le chiedo di precisarmi, anche perché è meglio prevenire che poi trovarsi in situazioni molto difficili.
      1. Se il lavoro straordinario non è stato menzionato nella lettera di assunzione si può far fare lo stesso?
      2. Esempio: ho bisogno di far fare 3 ore di straordinario alla colf il giorno 15 aprile e quindi il giorno prima lo concordo con la colf anche se necessario in forma scritta; durante queste ore di lavoro la colf si fa male: io faccio la denuncia dell'infortunio e dico che stava facendo 3 ore di straordinario. E' così che si fa? Saluti

      Elimina
  54. bUONGIORNO DR. gIANFRANCO HO UNA DOMANDA IO SONO UNA BADANTE, PAGO REGOLERMENTE LE TASSE, I CONTRIBUTI(LAVORATRICE) POI OGNI ANO PAGO LA TASSA COME MEMBRO SINDACATE .HO SENTITO CHE PER APRIRE UNA VERTENZA SINDACALE IO DEVO PAGARE UNA SOMA AL SINDACATO E VERO OPURE NO? LA RINGRAZIO IN ANTICIPO PER LA RISPOSTA BUON LAVORO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco il senso della Tua domanda!
      Se sei iscritta a un sindacato la Tua domanda devi porla al sindacato alla quale sei iscritta.-
      In genere per aprire una vertenza sindacale gli iscritti al sindacato non pagano nulla, ma ovviamente se sono necessari degli atti giudiziari per il recupero delle competenze la lavoratrice deve contribuire alle spese in percentuale alle somme che incasserà.-
      Comunque prima di accettare l'incarico il sindacato per legge deve informare la lavoratrice delle eventuali spese a cui andrà incontro.-

      Elimina
  55. CIAO Avocato Gianfranco ho una domanda cosa sinifica giorni di ferie aretrati .Grazie per la risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I giorni di ferie arretrati sono i giorni di ferie maturati gli anni scorsi e non goduti nell'anno di maturazione.-

      Elimina
  56. Buon giorno avvocato, innanzi tutto complimenti per le risposte puntuali e molto comprensibili che fornisce. Sono la figlia di una coppia di anziani che gestisce gli stipendi della badante convivente assunta a termpo indeterminato dal 01.01.2013.
    Avendo stipulato un contratto con l'allora tariffa 937,78 prevista per il livello CS, nel 2014 non ho effettuato nessun aggiornamento tariffario né dell'importo minimo, né delle indennità di vitto e alloggio. Vorrei cortesemente sapere se devo provvedere all'aggiornamento delle tariffe e, se si, se tale modifica deve essere riportata anche nel sito Inps. Lo scatto di anzianità del 4% deve essere poi corrisposto a partire dal mese di settembre 2015? Grazie per la sua cortese risposta e cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per complimenti!
      Se non vuoi correre il rischio di un'eventuale futura vertenza sindacale devi corrispondere alla badante come arretrati la differenza di retribuzione spettante + la differenza di vitto e alloggio.-
      Scatti di anzianità:
      Per ogni biennio di servizio presso lo stesso datore di lavoro spetta al lavoratore un aumento pari al 4% sulla retribuzione minima contrattuale, per un massimo di 7 scatti.-
      Se la badante è stata assunta in data 01/01/2013 il primo scatto di anzianità decorre da gennaio 2015.-

      Elimina
  57. Buonasera avvocato, sono una colf con 16 ore alla settimana (lunedì,mercoledì,giovedì e venerdì) livello B.
    Nel Prospetto paga di Genaio mi hanno messo due festività godute: il primo ed il 6 gennaio. Volevo chiederle se il 6 gennaio può essere considerato una festività goduta, seppure è caduto nel giorno libero, o doveva essere una festività non goduta.
    In attesa di una sua risposta la ringrazio calorosamente.
    Cordiali Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se il 6 gennaio non hai lavorato per legge è una festività goduta anche se caduta nel giorno libero.-

      Elimina
  58. Buongiorno
    lavoro come badante Cs convivente...volevo sapere la indennità di vitto e alloggio viene pagata solo quando sono in ferie o va aggiunta anche nella 13^ a fine anno?
    un'altra domanda, sul mio stipendio di 958,58 e già netto o bisogna ancora togliere la mia parte dei contributi e se si alla fine quale sarebbe mio Stipendio? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando spetta l'indennità di vitto e alloggio
      Tale indennità spetta al lavoratore nei seguenti casi:
      - Ferie: se durante il periodo di ferie il lavoratore non usufruisce dell’alloggio dato in dotazione dal datore di lavoro, quest’ultimo deve pagare al lavoratore l’indennità sostitutiva dell’alloggio.
      - Congedo matrimoniale: per il periodo del congedo, se il lavoratore non usufruisce dell’alloggio dato in dotazione dal datore di lavoro, quest’ultimo deve corrispondere al lavoratore l’indennità sostitutiva dell’alloggio.
      - Malattia e infortunio sul lavoro: nel caso in cui il lavoratore non si trovi in degenza presso l’ospedale oppure presso l’alloggio del datore di lavoro, quest’ultimo deve corrispondere al lavoratore l’indennità sostitutiva dell’alloggio.
      - Permessi retribuiti: nel caso in cui il lavoratore fruisca delle giornate di permessi retribuiti ma non usufruisca dell’alloggio dato in dotazione dal datore di lavoro, quest’ultimo deve corrispondere al lavoratore l’indennità sostitutiva dell’alloggio.
      Nel caso in cui al lavoratore venga concesso un permesso non retribuito, non ha diritto né alla retribuzione, né all’indennità sostitutiva dell’alloggio.-
      Il Tuo stipendio di 958,58 euro è l'importo lordo al quale devi togliere la quota di contributi a Tuo carico rapportata alle ore di lavoro settimanali.-

      Elimina
  59. Buon giorno Avv. sono stata licenziata il 19-12.2014 senza preavviso, lavoravo dal 10-01-2010 con contratto 25 ore settimanali, contratto indeterminato, voglio sapere quanto tempo devo aspettare per il TFR fino ad adesso ho ricevutto stipendio dicembre e 13ma. Ho fatto anche la domanda de mini Aspi, dopo quanto tempo mi danno i soldi e per quanti mesi? Grazie mille per l'aiuto. Caterina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Caterina
      Il TFR per legge dovrebbe essere corrisposto al lavoratore entro 60 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro.-
      Per quanto riguarda la Mini Aspi il pagamento della prima rata di solito viene effettuato dall'INPS dopo circa 60 giorni dalla data di presentazione della domanda e può durare al massimo fino a 6 mesi.-

      Elimina
  60. buona sera lavoro come badante 24:24 con una persona malatta (demenza senile) lavoro con ina agenzia sono pagato stipendio da loro con bonifico bancario oni messe dall lunedi -domenica sensa libero pomerigio da 2 anni quando o parlato que mi devi pagare soldi di ferie tredecesima tfr mi dice che prendo tutto in stipendio anche che lavoro giovedi e le domenica 1200 euro all mese con 25 ore settimanalli practiqamene se no scrive mio che a lavorato 35 ore settimanali no mi da bonifico per prendere stipendio questo faciamo tutte le badante che lavoriamo con questa agenzia nessun giorno de festa no mi a pagato che posso fare vorei un consilio grazie per amabilita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  61. Salve,
    esiste un termine di scadenza per la presentazione dei contributi versati da parte del datore di lavoro per l'intero anno 2014 per la colf ? Per intenderci totale anno 2014 di quello che ha speso il datore non per la COLF (CUD) ma proprio per il datore. (Dichiarazione dei redditi)
    Spero di essere stata chiara.
    La ringrazio in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il datore di lavoro per legge deve versare i contributi ogni trimestre, quindi entro il 10 di gennaio deve aver pagato tutti i contributi dell'anno precedente, e dovrebbe consegnare al lavoratore una copia della ricevuta di versamento effettuato ogni trimestre.-
      Per quanto riguarda invece le retribuzioni corrisposte nell'anno, il datore di lavoro deve consegnare al lavoratore il CUD entro il mese di febbraio dell'anno successivo a quello di competenza.-

      Elimina
  62. Buonasera! Sono una badante rumena, e vorrei anche io un chiarimento, ho avuto per un anno contrato di 25 ore, adesso hanno cambiato convivente livello CS,pero ancora niente firma,la busta paga e arivata per il messe di genaio,892.
    Sara valido,siamo a 13febraio e contrato non e firmato .
    Scuse per disturbo,grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Camelia!
      Se non hai ancora firmato il contratto probabilmente sia per gennaio che per febbraio è ancora in vigore il vecchio, devi quindi chiarire la questione con il Tuo datore di lavoro.-

      Elimina
  63. Buongiorno, dovrei fare assistenza ad un anziano svolgendo lavoro di compagnia, spesa, preparazione pasti e qualche piccolo lavoro domestico. Il livello di inquadramento è il BS? Inoltre, a quanto ammonta lo stipendio netto per un part time 30 o 36 ore a settimana (6 ore al giorno a seconda se il sabato è compreso o meno)? Grazie in anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco!
      SI!
      Livello B Super
      Assistente a persone autosufficienti
      Per i conviventi lo stipendio mensile previsto è pari a 845,80 euro mensili.-
      Per i non conviventi la paga è pari a 5,98 euro all'ora.-
      Dalla paga lorda va detratta solo la quota di contributi a carico del lavoratore.-

      Elimina
  64. Salve, Avvocato. Anche io ho una domanda. sono stata assunta da gennaio 2015 con un contratto di 54 h settimanale a tempo indeterminato, Vorrei sapere come calcolare lo stipendio, in base alle ore lavorati(7,15) oppure i giorni(36.548)? nella busta paga e scritto 950,25 euro paga base, ma ho trovato che per il 2015 e 958,58 e giusto? a quanto ammonta lo stipendio netto? grazie per la sua collaborazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per un livello CS Conviventi con un orario di lavoro di 54 ore settimanali, la paga prevista per il 2015 è pari a 958,58 euro mensili.-
      Dall'importo lordo va detratta solo la quota di contributi a carico del lavoratore.-

      Elimina
  65. Gent.mo avvocato Censori,
    Vorrei sapere, se possibile, se ci sono diversi tipi di contratto tra cui scegliere per quanto riguada l'assunzione di una badante per una persona non autosufficiente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Livello C Super
      Assistente a persone non autosufficienti (non formato).
      Livello D Super
      Assistente a persone non autosufficienti (formato). Svolge mansioni di assistenza a persone non autosufficienti, ivi comprese, se richieste, le attività connesse alle esigenze del vitto e della pulizia della casa ove vivono gli assistiti.

      Elimina
  66. Salve avvocato. Sono una badante rumena . Ho 50 anni e lavoro da 3 anni per un anziano . Ho avuto un contratto con 30 ore settimanale e adesso l'hanno cambiato in 40 ore settimanale , sempre liverlo cs convivente. Non so quanto viene busta paga e se dopo devo fare la dichiarazione dei redditi. Se mi licentiano ( per che cambiano la citta) io ho il dirito all'indennita di disoccupazione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Per un livello CS Conviventi, la paga prevista per il 2015 è pari a 958,58 euro mensili.-
      - SI! Per legge devi comunque presentare la dichiarazione dei redditi a prescindere dalle ore di lavoro contrattuali.-
      - SI! Se vieni licenziata avrai diritto all'indennità di disoccupazione.-

      Elimina
  67. Salve avvocato. Sono una badante rumena ho 65 anni lavoro da 6 ani, contributi pagati. La mia domanda e -- poso andare in pensione.In Romania gia ricevo la pensione dopo 23 ani di lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se hai compiuto i 65 anni d'età, puoi presentare la domanda per la pensione di vecchiaia anche in Italia, e la pensione sarà ovviamente rapportata ai contributi versati all'INPS.-
      Ti consiglio quindi di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  68. Buon giorno avvocato. Mi interessa sapere in che livello viene collocata una perssona Down.grazie mille. Buon lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Livello C Super
      Assistente a persone non autosufficienti (non formato).
      Livello D Super
      Assistente a persone non autosufficienti (formato). Svolge mansioni di assistenza a persone non autosufficienti, ivi comprese, se richieste, le attività connesse alle esigenze del vitto e della pulizia della casa ove vivono gli assistiti.-

      Elimina
  69. Complimenti per il servizio.
    Salve lavoro presso uno studio come impiegata dalle ore 15.30 alle ore 18.30 per 15 ore settimanali.
    Mi hanno proposto un lavoro come badante che mi terrebbe impegnata la mattina per 4/5 ore posso essere assunta In entrambi i settori per un Totale di 8 ore giornaliere?
    Se si potrei sapere le fonti normative?
    Grazie
    Mariateresa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mariateresa!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      SI!
      Con due part-time con orario di lavoro complessivo fino a 40 ore settimanali non ci sono problemi.-

      Elimina
  70. Buongiorno avv.to.
    Le chiedo un'informazione. Ho una zia con una badante Romena (con CI italiana) assunta regolarmente con contratto a 36ore. Ora, per esigenze dobbiamo trasformare il contratto a 54ore convivente. La badante ha già richiesto di fare la residenza c/o la casa di mia zia. Siamo obbligati o basta fare una dichiarazione di ospitalità ai vigili e all'anagrafe?.
    Ringrazio anticipatamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un contratto a 54 ore convivente prevede che la badante sposti la sua residenza nella casa dell'assistita.-

      Elimina
  71. Buongiorno Gentile avocato Gianfranco la ringrazio per la sua risposta ma per calcolare TFR se calcola dalla retribuzione lorda oppure retribuzione netta anuale. Grazie mille e buon lavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il TFR si calcola sulla retribuzione lorda annuale.-

      Elimina
  72. Buonasera, gentile avvocato Le chiedo un'informazione. Mia zia ha una badante per 54 ore settimanali, livello CS convivente, da quasi due anni. La signora si è ammalata per una settimana. Come va retribuita la sua assenza? E' vero che i primi tre giorni di malattia sono da pagare al 50 per cento? Il conteggio come avviene? Oltre alla paga base che è 950,25 la zia le aveva concordato una maggiorazione che compare in busta alla casella ACC.FUT.AU (?). La ringraziamo sin da ora. Elisabetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elisabetta!
      Oltre l'obbligo di mantenimento del posto di lavoro, il datore di lavoro è poi obbligato a remunerare la malattia garantendo un salario coincidente al 50% della retribuzione globale di fatto per i primi 3 giorni di calendario e pari al 100% della retribuzione globale di fatto per un numero di giorni pari a:
      - 8 giorni complessivi nell'anno per anzianità di servizio inferiore a 6 mesi;
      - 10 giorni complessivi di calendario nell'anno per anzianità di servizio compresa tra 6 mesi e 2 anni;
      - 15 giorni complessivi di calendario nell'anno per contratti di lavoro con anzianità di servizio superiore a 2 anni.-

      Elimina
    2. La ringrazio moltissimo per la sua disponibilità.
      Per retribuzione globale però che cosa intende? La paga base + quell'extra di circa 200 euro (ma sempre in busta di cui Le avevo già accennato) ? Per intenderci da che cifra parto per determinare l'importo giornaliero al fine di individuare la retribuzione dei primi tre giorni di assenza malattia retribuiti al 50% ? Grazie Elisabetta.

      Elimina
    3. Ciao Elisabetta!
      Per retribuzione globale si intende la retribuzione lorda effettivamente percepita, quindi la paga base + l'extra che risulta in busta paga.-

      Elimina
    4. La ringrazio moltissimo.

      Elisabetta.

      Elimina
  73. buongiorno gentile avvocato , le chiedo un informazione , lavoro di quatro messi come badante a un uomo sulla carozina , non autosoficiente, ho un stipendio di 900 euro ai messe , lavoro tutta settimana , mi paga 50 euro per domenica , lavoro senza contratto , dopo queste 4 messi voglio finire lavoro . voglio sapere che diritti cello e come si calcola . vi ringrazio !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo se si lavora in nero, vuol dire che si evadono tasse e contributi, non si ha quindi diritto ad alcuna tutela da parte della legge.-
      Non avendo alcun impegno scritto puoi smettere di lavorare quando vuoi, e puoi eventualmente rivolgerti a un sindacato per aprire una vertenza sindacale nei confronti del tuo datore di lavoro, ma devi essere in grado di dimostrare con prove e testimonianze l'esistenza del rapporto di lavoro.-

      Elimina
  74. Buongiorno,gentile avvocato....sono rumena,badante a due anziani,lei non autosufficiente,lui autosufficiente...con un stipendio di 800 euro al mese..senza contrato....il mio datore di lavoro non vuole farmi contrato....i ho deto che 800 e poco per due persone..lui non vuole mettere nulla in piu...e giusto???che stipendio devo prendere io??grazie 1000.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicoleta!
      Il CCNL colf e badanti prevede per un livello CS conviventi una paga mensile di 958,58 euro mensili + 13/ma + TFR + 26 giorni di ferie + contributi, per un orario di lavoro di 54 ore settimanali.-
      Questo però significa che devi farti mettere in regola, perché se si lavora in nero si evadono tasse e contributi, e non si ha quindi diritto ad alcuna tutela da parte della legge.-

      Elimina
  75. Salve Avvocato , vorrei chiedere gentilmente se una badante quando non ha voglia di uscire per le 2 ore di riposo al giorno potrebbe rimanere dentro casa o per legge deve uscire, visto che il datore di lavoro la fanno uscire proprio per le ore di pranzo cosi deve mangiare fuori casa in bar qualche panino o altro ????
    Ringraziando per la sua disponibilità porgo distinti saluti !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la badante ha un contratto da convivente ha diritto a vitto e alloggio, altrimenti nelle ore di riposo non c'è motivo per cui resti in casa.-

      Elimina
  76. Buongiorno gentile avvocato
    Sono una badante romena,assunta da tre anni,regolarmente con contratto a 40 ore setiimanali,convivente per una signora nonautosuficiente.La mia datrice di lavoro,la figlia a fatto una dichiarazione di ospitalita ma non vuole farmi la residenza.Dice che non mi serve a niente.Vorrei sapere se e giusto cosi o e obligata di farmi la residenza?Senza la residenza avro problemmi in futuro? ex. per la disocupazione o per altre cose?
    Vi ringrazio anticipamente..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un contratto da badante convivente prevede la residenza in casa della persona invalida, quindi o ti fai dare la residenza o ti fai cambiare il contratto da convivente e a non convivente, in modo che al di fuori delle 40 ore settimanali Tu puoi andare dove vuoi.-

      Elimina
  77. Buonasera avvocato e grazie mille per le risposte! Volevo sapere come si calcola l'indennita di disoccupatione per le badande ? Che ho sentito diversi modi e non so quale e la modalita giusta. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'indennità di disoccupazione è pari al 75% della media delle retribuzioni degli ultimi 2 anni, ma per le badanti è più bassa perché è legata ai contributi versati all'INPS che sono inferiori a quelli degli altri lavoratori dipendenti.-

      Elimina
  78. Salve avvocato complimenti per il lavoro che fa voleva sapere io sto rinnovando il permesso di soggiorno il fatto e che il soggiorno me lo hanno dato a marzo 2014 per attesa occupazione dopo sono stata assunta a settembre sono state versate 2 beletine al inps ho un contratto indeterminato sono assunta per 30 ore a settimana sono andato al patronato per rinnovare il soggiorno e mi hanno detto che il soggiorno mi daranno solo per un anno e così o cosa devo fare ?la ringrazio tanto Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Purtroppo non puoi fare nulla!
      Per ora devi accontentarti del permesso di soggiorno della durata di un anno, e alla scadenza probabilmente ti verrà rinnovato per un periodo più lungo.-

      Elimina
  79. Buonasera avvocato, la mia domanda e: ho il diritto a permesso non retribuito? Quanti giorni? Lavoro badante convivente da 2 anni e 2 messi con contratto indeterminato tipo CS 30 ore settimanali. Grazie mille per la risposta e per tutto quello che fa lei per noi! Buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      Il Tuo contratto prevede 26 giorni di ferie all'anno ma non prevede dei permessi ne retribuiti ne non retribuiti, quindi se hai bisogno di alcuni giorni di permessi non retribuiti devi motivarli e quindi concordarli con il datore di lavoro.-

      Elimina
    2. Grazie mille!

      Elimina
  80. Buonasera Avvocato. Sono una colf convivente con una famiglia che ce un bimbo di due mesi. Sono 4mesi qua in lavoro e non trovo piu bene a lavorare di qua. Sono gia sotto al contratto. Vorrei essere precisa come si fa il preavviso scritta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se vuoi presentare le dimissioni è meglio che lo fari per iscritto, dando il preavviso previsto dal Tuo CCNL, ma tieni presente che in caso di dimissioni non si ha diritto ad alcun tipo di ammortizzatori sociali quindi neanche all'indennità di disoccupazione.-

      Elimina
    2. Buona sera avvocato.Vorrei sapere quanto è lo stipendio per assistenza a2 persone non autosufficienti.Grazie.

      Elimina
  81. Salve avvocato sono Maria mi scusi lì aveva già scritto prima per il permesso di soggiorno voleva chiedergli come io sono assunta da settembre 2014 e il permesso di soggiorno mi scade 18 marzo 2015 posso farlo il rinnovo a aprile o ce un rischio io ho capito che il rinnovo si può fare 60 giorni prima e poi 60 giorni dopo la scadenza voglio essere sicura no posso farlo prima per motivi di lavoro grazie mille

    RispondiElimina
  82. Salve dott io ho contratto di tre mese 54ore per persone nn autosufficiente volevo sapere quando ho dietro per riposo mio e si posso andare fuori al mio riposo vedendo loro mi danno il mercoledì 4ore e la domenica .e in più la signora e malata tanto mi sveglio tre quatro volti al notti per aiutarla a fare sue cosi mi viennni qualcosa vedendo che sto li 24 per 24 .grazie mille

    RispondiElimina
  83. Buonasera Avvocato,volevo gentilmente sapere se esiste un qualche nuovo provvedimento nella compilazione buste paga per il saldo giorni ferie. Le chiedo perché a dicembre 2014 nella mia busta paga figuravano 18,5 giorni come saldo ferie e nella busta paga di gennaio 2015 figurano 137,77416 ORE!. ((compreso 14,44416 ore di ferie per gennaio 2015)) ANCHE SE COSI DOVREBBE ESSERE pensavo che fosse giusto 18,5 x 8 ore= 148 più il maturato per gennaio . La ringrazio anticipatamente per la sua risposta, prima che ci vado a farmi vedere le buste paga da un sindacato,cordiali saluti,Viola.

    RispondiElimina
  84. Salve dott gentilmente ti chiedevo ti chiarimento riguarda si la signora va al ricovero per una settimana ce l obbligo di stare con lei come il mio contratto e devo anche dormire al ospedale con lei .ho un contratto di 54ore nn autosufficiente.e la mia busta paga e menu e come. Mi spiga per favore come e come ultima domanda per il permesso di qualche ore di chiedo a loro pagato oppure no mai il miei ore lo faccio lo stesso come previsto dal contratto .
    Grazie dott .

    RispondiElimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.