venerdì 11 marzo 2016

Badanti e Colf - CCNL Anno 2016

Classificazione di Badanti e Colf

Livello A
Collaboratori familiari generici, non addetti all'assistenza di persone, con esperienza professionale (maturata anche presso datori di lavoro diversi) non superiore a 12 mesi.
Livello A Super
Addetto alla compagnia, baby sitter (mansioni occasionali e/o saltuarie).
Livello B
Collaboratori familiari che, in possesso della necessaria esperienza svolgono con specifica competenza le proprie mansioni, ancorchè a livello esecutivo.
Livello B Super
Assistente a persone autosufficenti
Livello C
Collaboratori familiari che, in possesso di specifiche conoscenze di base, sia teoriche che tecniche, relative allo svolgimento dei compiti assegnati, operano con totale autonomia e responsabilità.
Livello C Super
Assistente a persone non autosufficenti (non formato).
Livello D
Collaboratori familiari che, in possesso dei necessari requisiti professionali, ricoprono specifiche posizioni di lavoro caratterizzato da responsabilità, autonomia decisionale e/o coordinamento.
Livello D Super
Assistente a persone non autosufficenti (formato). Svolge mansioni di assitenza a persone non autosufficenti, ivi comprese, se richieste, le attività connesse alle esigenze del vitto e della pulizia della casa ove vivono gli assistiti.


Orario di lavoro

Nel lavoro a tempo pieno l'attuale durata normale dell'orario di lavoro è concordata tra le parti e comunque con un massimo di:
10 ore giornaliere non consecutive, per un totale di 54 ore settimanali per i lavoratori conviventi.-
8 ore giornaliere non consecutive, per un totale di 44 ore settimanali per i lavoratori non conviventi.-
Il lavoratore ha diritto ad un riposo di almeno 8 ore consecutive nella giornata e ad un ulteriore riposo intermedio di almeno 2 ore da fruirsi nelle ore pomeridiane.-


Riposo settimanale

Il riposo settimanale è di 36 ore e deve essere goduto per:
  • 24 ore di domenica (o altra giornata stabilita nel contratto di assunzione). Questo riposo è irrinunciabile. In caso di richiesta di prestazione lavorative per esigenze imprevedibili le ore vanno retribuite con la maggiorazione del 60% sia per i lavoratori non conviventi che per i lavoratori conviventi.-
  • 12 ore in qualsiasi altro giorno della settimana. Qualora fossero richieste prestazioni lavorative nel giorno fissato, il riposo può essere goduto in altro giorno della settimana (in assenza di recupero le ore lavorate vanno retribuite con la maggiorazione del 40% sia per i lavoratori non conviventi che per i lavoratori conviventi).- 

Lavoro straordinario

Personale non convivente:
E' compensato con una maggiorazione del:
  • 10% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno compreso tra le 40 e le 44 ore settimanali.- 
  • 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).- 
  • 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).- 
  • 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo o in giorno festivo infrasettimanale.- 

Personale convivente:
E' compensato con una maggiorazione del:
  • 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).- 
  • 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).- 
  • 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo stabilito e nelle festività infrasettimanali.- 
  • 40% per le ore di lavoro prestate nella mezza giornata di riposo (mancato riposo).- 

Scatti di anzianità

Per ogni biennio di servizio presso lo stesso datore di lavoro spetta al lavoratore un aumento pari al 4% sulla retribuzione minima contrattuale, per un massimo di 7 scatti.-

Festività

1° gennaio - 6 gennaio – lunedì di Pasqua – 25 aprile – 1° maggio – 2 giugno – 15 agosto – 1° novembre – 8 dicembre – 25 dicembre – 26 dicembre – S. Patrono. In queste giornate il lavoratore ha diritto al completo riposo e alla retribuzione normale. Se una delle festività sopra elencate coincide con la domenica o nel giorno di riposo stabilito, il lavoratore ha diritto al recupero del riposo in altra giornata o, in alternativa, al pagamento di 1/26 della retribuzione. Se invece è lavorata è dovuto, oltre alla normale retribuzione giornaliera il pagamento delle ore lavorate maggiorate del 60%.


Ferie

Indipendentemente dalla durata dell'orario di lavoro, per ogni anno di servizio il lavoratore ha diritto a 26 giorni lavorativi di ferie se la distribuzione dell'orario di lavoro settimanale è su 6 giorni (occorre proporzionare se i giorni lavorativi sono inferiori a sei). La retribuzione dei giorni di ferie è maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto se dovuto. Le ferie non possono essere monetizzate (salvo i giorni non goduti che residuano alla cessazione del rapporto di lavoro).-

Malattia

L'art. 26 del C.C.N.L. inerente la retribuzione della malattia delle colf e/o badanti.Come primo dovere, il datore di lavoro, una volta ricevuto il certificato medico entro 2 giorni dall'inizio della malattia fatto emettere dal lavoratore entro il giorno successivo al verificarsi dell'evento, avrà l'obbligo di mantenere il posto di lavoro per un periodo di tempo variabile in base all'anzianità di servizio della colf e /o badante, sia questa convivente che non convivente. Il periodo di conservazione del posto di lavoro è pari a:
  • 10 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica (sia convivente che non convivente) con anzianità inferiore a 6 mesi;
  • 45 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica con anzianità di servizio compreso tra i 6 mesi ed i 2 anni;
  • 180 giorni di calendario (incluse le domeniche) se l'anzianità di servizio della colf è superiore a 2 anni.

Oltre l'obbligo di mantenimento del posto di lavoro, il datore di lavoro è poi obbligato a remunerare la malattia garantendo un salario coincidente al 50% della retribuzione globale di fatto per i primi 3 giorni di calendario e pari al 100% della retribuzione globale di fatto per un numero di giorni pari a:
  • 8 giorni complessivi nell'anno per anzianità di servizio inferiore a 6 mesi;
  • 10 giorni complessivi di calendario nell'anno per anzianità di servizio compresa tra 6 mesi e 2 anni;
  • 15 giorni complessivi di calendario nell'anno per contratti di lavoro con anzianità di servizio superiore a 2 anni.


Tredicesima mensilità

Al lavoratore spetta una mensilità aggiuntiva, pari alla retribuzione maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto. Per colf e badanti conviventi la tredicesima mensilità è pari allo stipendio mensile + vitto e alloggio e per il 2012 è pari a 132,60 euro (5,19 al giorno x 26 giorni).-


TFR (Trattamento di fine rapporto)

Deve essere liquidato al termine del rapporto di lavoro e indicativamente corrisponde ad una mensilità per ogni anno di servizio prestato.-
Una volta stabilità qual è l'anzianità maturata dalla lavoratrice, si passa al calcolo vero e proprio.
  1. Il primo passo consiste nel determinare la somma pagata nel corso dei singoli anni, comprensiva della tredicesima e delle indennità di vitto e alloggio per le colf conviventi o che consumano in casa uno o più pasti. 
  2. L'importo della retribuzione annuale, diviso per 13,5, rappresenta la quota annuale da accantonare per il trattamento di fine rapporto. 
  3. Le singole quote annuali vanno rivalutate con degli appositi coefficienti dati dalla somma di due indici di cui:
    • il primo è pari al 75% dell'aumento del costo della vita accertato dall'Istat per gli operai e gli impiegati;
    • il secondo è dato da una percentuale fissa pari all'1,50% all'anno (0,125% al mese).

Preavviso per Licenziamento o Dimissioni

Il rapporto di lavoro domestico può cessare per libera volontà del lavoratore e del datore di lavoro.

Non c'è necessità di motivare l'interruzione del rapporto di lavoro, ma deve essere concesso un termine di preavviso, che varia a seconda che il rapporto di lavoro sia superiore od inferiore a 24 ore settimanali, ed all’anzianità di servizio presso il datore di lavoro. Le parti possono regolare tra di loro questi termini, che però non possono comunque essere inferiori a quelli stabiliti per legge.
In caso di licenziamento, se il lavoratore è impegnato per oltre 24 ore settimanali e ha maturato fino a cinque anni di anzianità presso lo stesso datore di lavoro, il termine di preavviso deve essere almeno di 15 giorni di calendario. Il termine deve essere di almeno 30 giorni se gli anni di anzianità sono oltre i cinque.

Se invece il rapporto di lavoro è fino a 24 ore settimanali il preavviso dovrà essere pari ad 8 giorni di calendario, fino a due anni di anzianità e 15 giorni di calendario, oltre i due anni di anzianità.
Nel caso di dimissioni da parte del lavoratore i termini sono ridotti del 50%.


Presenza Notturna

I lavoratori assunti per garantire esclusivamente la presenza notturna (e non l’assistenza o cura) rappresentano una categoria a sé.
Le prestazioni di presenza notturna sono quelle effettuate in una fascia oraria notturna interamente ricompresa tra le ore 21.00 e le ore 8.00 e prevedono che il datore di lavoro metta a disposizione del lavoratore un alloggio idoneo per il completo riposo notturno.
Questo tipo di prestazioni vengono inquadrate in una categoria specifica di lavoro domestico, la "presenza notturna", che ha un parametro retributivo specifico (Tabella E, Presenza notturna).
Nel contratto di lavoro dovranno essere indicata la categoria di prestazioni ("prestazioni notturne") e l'ora d'inizio e quella di cessazione dell'assistenza.
Qualora venissero richieste al lavoratore prestazioni diverse dalla mera presenza, queste non saranno considerate lavoro straordinario, bensì retribuite aggiuntivamente sulla base delle retribuzioni previste per i lavoratori non conviventi, come da Tabella C, con le eventuali maggiorazioni contrattuali e limitatamente al tempo effettivamente impiegato.


Assistenza Notturna

È possibile assumere personale non infermieristico perché resti a disposizione durante la notte e presti assistenza in caso di bisogno.
Questo tipo di personale viene inquadrato in una categoria specifica di lavoro domestico, "assistenza notturna", che prevede come mansioni “discontinue prestazioni notturne di cura alla persona”.
La categoria di assistenza notturna viene retribuita secondo dei parametri specifici.
Per essere inquadrata come “discontinue prestazioni notturne di cura alla persona”, l’assistenza prestata deve avere carattere di discontinuità: prevede infatti attesa, ma non sempre assistenza. Il lavoratore si obbliga perciò a garantire al datore di lavoro la propria disponibilità allo svolgimento di prestazioni di assistenza in modo discontinuo o intermittente e in un arco di tempo predefinito: la fascia oraria notturna.
Diverso è invece il caso di prestazioni esclusivamente di attesa - e non di cura, nemmeno discontinua. In questo caso, la prestazione viene inquadrata in una categoria diversa, appunto di "presenza notturna".
Si qualifica come "assistenza notturna" il lavoro prestato in una fascia oraria notturna interamente ricompresa tra le ore 20.00 e le ore 8.00.
Il datore di lavoro dovrà a tal fine provvedere all’assistente un’idonea sistemazione per la notte, qualora non fosse convivente, oltre alla cena e alla colazione.
Al personale convivente dovranno essere in ogni caso garantite undici ore di riposo consecutivo ogni ventiquattro ore.
Nel contratto di lavoro dovranno essere indicate l’ora d’inizio e quella di cessazione dell’assistenza e il suo carattere di prestazione discontinua.
Le “discontinue prestazioni notturne di cura alla persona” hanno dei parametri specifici di remunerazione. Fanno infatti riferimento alla TABELLA D dei minimi retributivi previsti per legge.
In particolare, nel caso in cui l’assistenza notturna riguardi soggetti autosufficienti (bambini, anziani, portatori di handicap o ammalati), la badante verrà inquadrata nel livello B super.
Nel caso in cui l’assistenza TABELLA riguardi soggetti non autosufficienti, la badante verrà inquadrata nel livello C super (se non formata) o D Super (se formata).
Massimo 10 ore non consecutive al giorno se convivente fino a 54 ore settimanali.-
Massimo 8 ore non consecutive al giorno se non convivente fino a 40 ore settimanali.-


Assegno per il Nucleo Familiare:

I lavoratori domestici hanno diritto alla corresponsione dell’ assegno per il nucleo familiare, ma a differenza dei lavoratori subordinati il pagamento non avviene da parte del datore di lavoro, bensì direttamente dall’INPS. La richiesta va quindi effettuata direttamente all’INPS via internet, tramite accesso alla propria area riservata sul portale www.inps.it o tramite patronato.
L’assegno per il nucleo familiare è pagato direttamente dall’INPS con due rate semestrali posticipate secondo la modalità scelta dall’interessato nel modello di domanda (bonifico presso l’Ufficio Postale, accredito sul conto corrente bancario o postale).
La misura dell’assegno varia oltre che in base al reddito lordo complessivo e al numero dei componenti il nucleo familiare anche in base alle ore di lavoro:
Ai lavoratori domestici spettano tanti assegni giornalieri quanti ne risultano dal quoziente che si ottiene dividendo per quattro il numero delle ore di lavoro risultanti dalla contribuzione complessivamente versata o dovuta nel trimestre, da uno o più datori di lavoro, e per un massimo di sei assegni giornalieri per ogni settimana.-


Minimi salariali anno 2016

LivelloConviventi - Paga MensileNon Conviventi - Paga Oraria
A624,654,54
AS738,235,68
B795,015,68
BS851,806,02
C908,606,35
CS965,386,69
D1.135,737,72
DS1.192,528,06


Presenza notturna livello unico euro 655,89.-
Assistenza notturna
Livello BS Assistenza a persone autosufficienti euro 979,57.-
Livello CS Assistenza a persone non autosufficienti (non formato) euro 1.110,18.- (7,20 x ora)
Livello DS Assistenza a persone non autosufficienti (formato) euro 1.371,42.- (8,68 x ora)

Vitto e AlloggioValore GiornalieroValore Mensile
Pranzo e prima colazione1,9157,30
Cena1,9157,30
Alloggio1,6649,80
Totale5,48164,40



CONTRIBUTI ORARI DEL 2016

Rapporti di lavoro a tempo indeterminato:
a) Orario fino a 24 ore settimanali
Retribuzione oraria effettiva fino a 7,88 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,39 (0,35)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,40 (0,35) 
Retribuzione oraria effettiva da 7,88 a 9,59 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,57 (0,40)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,58 (0,40)
Retribuzione oraria effettiva oltre 9,59 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,91 (0,48)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,93 (0,48)

b) Orario oltre le 24 ore settimanaliQualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,01 (0,25)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,02 (0,25)

*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari


Rapporti di lavoro a tempo determinato:
a) Orario fino a 24 ore settimanaliRetribuzione oraria effettiva fino a 7,88 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,49 (0,35)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,50 (0,35) 
Retribuzione oraria effettiva da 7,88 a 9,59 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,68 (0,40)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,69 (0,40)
Retribuzione oraria effettiva oltre 9,59 
  • con CUAF Contributo orario euro 2,05 (0,48)
  • senza CUAF Contributo orario euro 2,06 (0,48)
b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,08 (0,25)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,09 (0,25)

*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari

Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

181 commenti:

  1. Buongiorno avvocato, lavoro come badante da 2 anni e mezzo livello CS però con 40 ore settimanale ,ho la tredicesima e il TFR più lo scato di anzianità e con tutto questo il mio stipendio arriva al 1156.E giusto?Grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      La paga prevista per un livello CS conviventi è pari a 965,38 euro + 13/ma euro 80,45 + TFR euro 80,45 + uno scatto anzianità euro 38,61 euro, quindi è giusto.-

      Elimina
    2. Salve avvocato... Mi piacerebbe sapere se il riposo di una badante convivente e di 36 ore.. In questo caso dovrebbe essere il mio.. Perché se io esco sabato a mezzogiorno devo rientrare domenica alle 19.00 ? Non sono 36 ore di riposo.vorrei sapere se sono io quella che sbaglia o magari sono i datori di lavoro.
      Grazie

      Elimina
  2. Buongiorno avvocato la prego di chiarirmi una cosa.Se io ho il TFR nella busta paga vuol dire che e 100% ho solo 70% perché ho capito che si mette solo 70% nella busta paga e il resto di 30% lo devo avere alla fine del rapporto di lavoro.Grazie per il suo tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La normativa non permette il pagamento mensile del TFR ma solo l'anticipo annuale del 70%, salvo diverso e specifico accordo tra le parti, quindi nel tuo caso se il pagamento è mensile è per il totale maturato.-

      Elimina
  3. Buongiorno!io laboro 11 ore al giorno senza 2 ore libere,anche sabato ( come badante) in setimana sono 66 ore,mi sembra che sono tanti?!!!! Mio stependio e di 1000 e

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il CCNL colf e badanti per un livello CS conviventi prevede una retribuzione mensile di 965,38 euro + TFR + 13/MA + contributi per un massimo di 54 ore settimanali, quindi le ore eventualmente lavorate in più devono essere retribuite come straordinari.-

      Elimina
  4. Buonasera signor Censori!Ho bisogno di un chiarimento per conto del mio datore di lavoro: per la notte ha una persona con contratto regolare di presenza notturna,questa persona ha preteso libero stanotte(31 ottobre) e purè domani notte (1 novembre) motivando che lunedì dopo mezzanotte è festivo e martedì fino a mezzanotte è pure festivo.Il mio datore di lavoro invece dice che questa persona dovrebbe lavorare il 31 ottobre ed essere libero il 1 novembre.Secondo lei chi ha ragione? Grazie mille! Elena.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena!
      Il giorno festivo per legge è solo 1 e non 2, quindi ha ragione il datore di lavoro.-

      Elimina
  5. Buongiorno, sono il compagno di una donna che è stata assunta con livello B/super convivente con 54 ore settimanali e libera dal venerdì sera fino alla domenica sera, con inseriti nella busta paga sia la Tredicesima mensilità che il TFR.
    La prima busta paga è stata di 854 Euro tutto compreso.
    E' possibile che possa essere così poco?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dino!
      La paga mensile prevista dal CCNL colf e badanti per un livello BS Conviventi è pari a 851,80 euro +13/ma + TFR - quota contributi a carico della lavoratrice.-

      Elimina
  6. Rosaria 1 novembre 2016
    Buongiorno,
    ho un collaboratore domestico che mi lavora 2 giorni a settimana per 3 ore e 1/2 a giorno (totale 7 ore settimanali) desidero metterlo in regola come devo fare?
    grazie
    Rosaria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosaria!
      Per metterlo in regola devi stipulare un contratto con il collaboratore per le ore di lavoro necessarie, rivolgendoti eventualmente a un CAF per tutte le incombenze di carattere burocratico.-

      Elimina
  7. Buonasera ,Avvoc. sono Elena,ho lavorato prima con una personna autosuff per 4anni con un contratto di lavoro di liv BS.ora da 9 messi lavoro con due perss anziani moglie e marito lui autosuff e lei no.dall inizio lavoro gli o chiesto dell contratto a la una delle figlie e prima mi voleva fare contratto di BS e nell momento dell appuntamento al CGIL loro ci hanno detto che il contratto puo essere di CS no BS ma a la fine loro hanno deciso che io non devo andare piu di lavorare con loro.Per piacere mi puo dire cosa posso fare? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena!
      Purtroppo non puoi farci nulla!
      Infatti il CCNL colf e badanti prevede per l'assistenza a persona non autosufficiente il livello CS mentre se la persona da assistere è autosufficiente il livello di inquadramento può essere anche BS.-
      Il livello BS Conviventi prevede una retribuzione mensile di 851,80 euro, mentre il livello CS Conviventi prevede una retribuzione mensile di 965,38 euro, quindi il problema è tutto qui.-

      Elimina
  8. salve avvocato sono una badante nel contratto ho 25 ore settimanali con tempo indeterminato persona non auto io ho sempre lavorato 24/24 senza prendere neanche le festivita adesso gli ho detto che non faccio piu 24/24 faccio solo quello k c nel contratto ma lui nn vuole cosa devo fare ho lavorato con loro 17 mesi con lui mi vuole fare firmare il licenziamento cosa devo fare mi aspetta la disoccupazione se mi licenza e se nn vuole licenziarmi cosa devo fare grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'indennità di disoccupazione spetta solo in caso di licenziamento e non in caso di dimissioni, quindi devi farti licenziare.-
      Se il datore di lavoro non ti licenzia puoi semplicemente attenerti all'orario di lavoro contrattuale, e puoi rivolgerti eventualmente alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  9. Salve avvocato
    Sono una ragazza albanese senza permesso di soggiorno,I signori desideranno mettermi in regola ma non possono perché ci dovrebbe essere una legge, perché l'Albania non fa parte dell'Unione Europea
    Volevo sapere quando si apre la legge per collaboratrice domestica?
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per assumere un cittadino extracomunitario residente all’estero, il datore di lavoro deve attendere l’emanazione del decreto flussi e procedere alla richiesta di assunzione nominativa con relativo rilascio di permesso di soggiorno per motivi di lavoro.-

      Elimina
  10. Buongiorno avvocato,
    ho una proposta del lavoro come colf per due persone autosufficienti convivente(24/24) con libero di sabato pomeriggio fine domenica sera.
    Vorei sapere che tipo di contratto devo acettare,quale sara la retribuzione mensile e quale sono i miei diritti.
    In attesa di una risposta vi auguro buona giornata.
    Grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il CCNL colf e badanti per l'assistenza a persone autosufficienti prevede l'inquadramento al livello BS Conviventi, che per un orario di lavoro di 54 ore settimanali prevede una retribuzione mensile di 851,80 euro + 13/ma + TFR + contributi + 26 giorni di ferie all'anno.-

      Elimina
  11. Buongiorno avvocato avrei una domanda, io lavoro come badante da 4 anni a lostesa famiglia, la segniora che la stau badando e caduta e poi la hanno ricoverata,quindi i suoi famigliari mi ha detto che per forza io devo prendermi i giorni di ferie quanto lei è ricoverata, per me non mi sembra giusto però non lo so che dice la legge in questo caso, per favore mi po dare lei la risposta. Grazie è buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La normativa prevede che le ferie o vanno concordate tutte all'inizio dell'anno o per la metà può decidere il datore di lavoro e per l'altra metà può decidere la lavoratrice.-

      Elimina
  12. Buona sera avvocato.Mi chiamo Elena e le ho già scritto qlche giorno fa riguardo alla sospensione della paga(ho un contratto di presenza notturna)nel caso assistito è ricoverato e Lei gentilmente mi ha risposto subito.Tornato dal ospedale,i figli mi hanno chiesto la disponibilità anche in giornata,giustamente se riesco avendo un figlio adolescente.Mi hanno proposto tipo di stare intera gg con 2 ore libere nei pomeriggi(12 ore sett.)e la domenica libera (libera intesa dalle 08.00 alle 20.00)(?)..e mi hanno detto che mi danno ancora un contributo economico fino ad arrivare a "quello che prendono tutte le badanti..800-900€"..quindi la diferenza di 200-250 dal presente stipendio.Cosi loro rinunciano alla donna delle pulizie che avevano...e al pranzo che ordinavano al ristorante vicino e dovrò fare tutto io x la differenza su detta.Poi..la cosa che mi ha scioccato è stata quella del contratto. .che può restare quello attuale con 25 ore..soltanto che di giorno..NN HO PIÙ PAROLE.Quello che vorrei sapere da lei è : nelle condizioni descritte,persona autosufficiente,badante non convivente quali sono i miei obblighi e che tipo di contratto e inquadramento dovrei avere.Aspetto cn ansia la sua risposta perche mi hanno datto pochi gioni per pensarci su.GRAZIE.Elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena!
      Un contratto di presenza notturna non prevede il lavoro anche di giorno, come un contratto di 25 ore di giorno non prevede anche la presenza notturna, quindi la soluzione che ti viene proposta è contro legge.-

      Elimina
  13. Buona sera Avvocato, io ho un contratto 54 ore settimanale con vito ed alloggio convivente. Siccome io ho l'alimentazione diverso vorrei sapere se si può modificare il contratto convivente senza vito, solo alloggio? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      La retribuzione mensile prevista dal CCNL colf e badanti conviventi è comprensiva di vitto e alloggio, e non è scorporabile il valore del vitto.-

      Elimina
  14. Buona sera avvocato.Sono Ana. Dupa sei anni di lavoro come badante, quale sarebbe periodo di disoccupazione? Fondamentalmente mi interessa il periodo di disoccupazione che si tenga conto quando vado in pensione.Ho 58 anni.Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ana!
      La normativa prevede che in caso di licenziamento, la durata dell'indennità di disoccupazione (NASPI) è la metà delle settimane lavorate negli ultimi 4 anni, quindi nel tuo caso può durare fino a 2 anni.-
      Il periodo di disoccupazione indennizzato è coperto da contribuzione figurativa, valido quindi ai fini pensionistici.-

      Elimina
  15. Buon giorno Avvocato !
    Sono Georgia è vorrei sapere da voi,se è giusto o no là cosa ché vi racconterò:si tratta di TFR.
    Lavorò com'è badante,e fin'ora ho la somma di 3.600€.
    Avendo bisognò sono messa d'accordo con là famiglia dové sto lavorando per darmi una somma di 1.500€.
    Non so se è giusto, ma loro mi hanno detto che per questa somma, deve tratenermi 23% .
    Voi mi siete stato di un grande aiutò più volte ,quindi anche per questa volta vi ringraziò con tutto il mio cuore ,augurandovi tante belle cose .Grazie mille Avvocato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Georgia!
      Assolutamente NO!
      Il datore di lavoro non è un'azienda ma una famiglia quindi non è autorizzato ad effettuare alcuna trattenuta IRPEF sul TFR maturato.-

      Elimina
  16. Buon giorno Avocato, mi chiamo Liudmila. Sto lavorando come badante giornaliera, faccio 11 ore alla giornata,un giorno libero alla settimana, mangio sul posto di lavoro 3 pasti al giorno. Per la legge quanto sarebbe il mio stipendio? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusatemi, non mi sono spiegato. Ho un contratto da non convivente, la persona ché lo sto assistere e non autosufficiente.

      Elimina
    2. Ciao Liudmila!
      La paga oraria prevista per un livello CS Non convivente è pari a 6,69 euro + 13/ma + TFR + contributi, fino a 40 ore settimanali.-
      Le ore lavorate in più debbono essere retribuite come straordinari, e non è previsto che tu mangi sul posto di lavoro.-

      Elimina
  17. Buongiorno Avv. Volevo farle una domanda, lavoro come badante da poco tempo e adesso la famiglia vuole farmi un contratto di 40 ore CS convivente, però come stipendo vogliono darmi 882 euro.... La mia domanda é Lei sa come sono arrivati a questo stipendio?.. E quanto dovrebbe essere il mio stipendio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l CCNL colf e badanti prevede per un livello CS Conviventi una paga mensile di 965,38 euro + 13/ma + TFR + contributi.-

      Elimina
    2. Grazie della sua risposta.

      Elimina
  18. Grazie per la sua risposta in precedenza volevo sapere anche quanto piu o meno prendero nella disoccupazione nel contratto avevo 25 ore settimanali con la paga fissa di 900 euro a tempo indeterminato e ho lavorato con loro per 17 mesi quato piu o meno prendero e per quanto tempo ? Come posso calcolare e se mi puoi aiutare a sapere piu o meno quanto grazie per il tempo che ci dedica e per il suo aiuto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'indennità di disoccupazione per le badanti non viene calcolata sulla retribuzione ma sui contributi versati all'INPS, e non è quindi semplice calcolarla, e nel Tuo caso per i primi 3 mesi sarà pari circa a un terzo della retribuzione percepita, e la durata sarà per la metà delle settimane lavorate, cioè fino a 8 mesi e mezzo.-

      Elimina
  19. salve,ho pi di 50 anni e sono una colaboratrice familiare BS,lavoro da 7 anni presso lo stesso datore.dopo una verifica del estrato contributivo ho visto che mancavano tanti contributi non pagati,mancavano 20 contributi,ho informato il datore che ha chiesto conteggio a INPS e ha concordato pagamento rateale.Adesso sono in preaviso di licenziamento. Contriburti pagati nei ultimi 4 anii sonno solo 75 settimane.Prederò disoccupazione?Che posso fare per recuperare 2 anni di contributi caduti in prescrizione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo la durata dell'indennità di disoccupazione è rapportata all'entità dei contributi versati all'INPS e i contributi caduti in prescrizione non sono più recuperabili.-

      Elimina
  20. Buona sera lavoro come badante con contratto CS determinato per 1 ano con possibilità di rinovare tramite agenzia Umana .Come giorno libero .o da lunedi mattina dale 7 fino martedì pomeriggio ale 15.30.Vorei sapere se non posso fare domenica come giorno di riposo e giusto che domenica viene pagata come una giornata normale.E se lavoro badante in busta paga e giusto scrivere colaboratore domestico.
    Grazie anticipatamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dorina!
      Il giorno di riposo è normalmente la domenica, ma le parti possono mettersi d'accordo per un giorno diverso, e in questo caso la domenica è giornata lavorativa e quindi pagata senza maggiorazioni.-

      Elimina
  21. Salve avvocato vorrei sapere se posso assumere un ragazzo che fa parte della comunità europea (romeno) con un contratto di 25 ore settimanali a tempo indeterminato a livello ASuper grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Livello A Super
      Addetto alla compagnia, baby sitter (mansioni occasionali e/o saltuarie).-
      Se le mansioni assegnate al ragazzo Romeno sono quelle previste dal contratto, non ci sono problemi.-

      Elimina
  22. Buongiorno avvocato
    Lavoro come badante e in questo momento sono in disoccupazione
    Le chiedo gentilmente se x fare modello unico devo presentare anche ISE e se mi vuole spiegare meglio cos'è l'ISE
    Abito in affitto e non ho nessuno a carico
    Grazie
    Buongiornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - NO! Per fare il 730 o il modello unico non occorre presentare l'ISE.-
      - La certificazione ISE - ISEE è necessaria solo se richiedono delle agevolazioni legate al reddito tipo riduzione tassa iscrizione universitaria o comunque scolastica per i figli o per richiedere altri benefico a livello comunale.-

      Elimina
  23. Gentile Avvocato,
    per risparmiare vorrei portare a vivere con me mio padre 90 anni disabile 100/100. Però io lavoro e quindi devo per forza assumere una badante convivente di categoria CS (sipendio netto base tabellare 965,38). Ovviamente darei 2 ore al giorno libere,la Domenica e tutte le feste previste + le ferie. Potrebbe dirmi per cortesia quanto mi verrebbe a costare al mese inclusi TFR, tredicesima? Vi sono altri costi a parte vitto e alloggio? Purtroppo devo fare i conti col mio stipendio..La ringrazio molto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La paga mensile per un livello CS è pari a 965,38 euro + 13/ma + TFR + contributi + vitto e alloggio.-
      In pratica 965,38 euro mensili + 2 mensilità aggiuntive all'anno per 13/ma e TFR + contributi pari a 1,02 euro all'ora dei quali 0,77 euro a carico del datore di lavoro + vitto e alloggio gratuiti + 26 giorni di ferie + festività.-

      Elimina
  24. Gentile Avvocato,
    ho intenzione di assumere una badante per mia madre disabile. la persona che abbiamo trovato non è preparata. cambia qualcosa nella retribuzione? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Livello B Super
      Assistente a persone autosufficienti
      Livello C Super
      Assistente a persone non autosufficienti (non formato).
      Livello D Super
      Assistente a persone non autosufficienti (formato). Svolge mansioni di assitenza a persone non autosufficenti, ivi comprese, se richieste, le attività connesse alle esigenze del vitto e della pulizia della casa ove vivono gli assistiti.

      Elimina
  25. Salve dottore!ho lavorato per una famiglia 8 ani cs/40.Dopo licenziamento sono andata a cigl dove ho aperto una vertenza per chiedere la differenza fino a 54 ore (ho lavorato 15-16 ore/gg per persone non autosufficienti).il signore da cigl si e messo d'accordo con la datrice di lavoro per pagarmi la differenza.Dopo 2 messi mi ha telefonato da cigl che la famiglia ha cambiato idea e hanno preso un avvocato.Anche a me hanno dato un avvocato convenzionato.Ho portato tutti i documenti al studio legale e da 2 messi non ho ricevuto nessuna notizia.Li chiedo per cortesia se può dirmi come funziona questa faccenda e più ho meno i tempi di attesa!!Grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo con la durata dei processi in Italia non si possono fare previsioni, ma parliamo purtroppo di diversi anni; comunque solo il Tuo avvocato può farti una previsione sui possibili tempi di attesa.-

      Elimina
  26. Buona sera dott Censori
    Vorrei assumere una badante x i miei genitori e ho sentito che se assumo una donna di età oltre i 50 anni oppure che si trova in disoccupazione nel momento del assunzione ci sono delle agevolazioni x il datore di lavoro
    Mi può confermare la cosa?
    E quale sarebbero questi agevolazioni?
    Grazie mille x la disponibilità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non mi risulta niente del genere!
      Eventuali agevolazioni potrebbero esserci per l'assunzione di lavoratori da parte di aziende e non di badanti da parte di famiglie.-

      Elimina
  27. Buongiorno avvocato
    Mi può dire gentilmente se il periodo di disoccupazione di una badante viene calcolato x la pensione
    Molte grazie
    Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Il periodo di disoccupazione indennizzato dall'INPS è coperto da contribuzione figurativa, quindi è utile per la pensione.-

      Elimina
  28. Bongiorno mi può dire per favore a un stipendio di 900€ 40 ore convivenza quato viene pagato il giorno festivo è la mezza Gionata libera. Per esempio sabato pomeriggio e la domenica . Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il CCNL colf e badanti prevede per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo o in giorno festivo infrasettimanale una maggiorazione del 60% della retribuzione oraria.-

      Elimina
  29. Buonasera avvocato

    quanto pagherei per una badante DS assunta a tempo indeterminato per 40 ore settimanali? E quanto pagherei per ogni ora di straordinario? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il livello DS prevede una retribuzione mensile di 1.192,52 euro se convivente + vitto e alloggio gratuiti, o una paga oraria di 8,06 euro se non convivente.-
      La maggiorazione per lo straordinario varia in base all'orario richiesto e al tipo di contratto, cioè se convivente o non convivente.-

      Elimina
  30. Scusate, ma quant'è la paga oraria netta minima di una colf/badante?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paga minima contrattuale:
      1) Colf - Livello A non conviventi paga euro 4,54 all'ora.-
      2) Badante - livello B Super non conviventi paga 6,02 all'ora.-

      Elimina
  31. Buongiorno avvocato.
    Vorrei chiedere per un lavoro di sola presenza notturna quante ore e ul massimo stabilito nel CCNL?
    Sto facendo una prova per un anziano signore e abbiamo parlato di 700 euro tutto compreso anche di contributi. Io sono senza esperienza in campo e quindi mi tengo alla livello uniCo. Vorrei capire se si può stipulare un contratto con 700€ mensili per 6giorni lavorativi in una settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il CCNL colf e badanti prevede per la presenza notturna un unico livello con una retribuzione di 655,89 euro + 13/ma + TFR + contributi, per un massimo di 54 ore settimanali.-

      Elimina
  32. salve,vorrei un chiarimento su un srgomento che nessuno ha saputo dare risposta.mio datotr di lavoro a concordato con inps pagamento rateale dei contributi non pagati,lui a chiesto di pagare anche 2 anni caduti in prescrizione e lui dice che INPS a accetato.nel caso che è vero quei 2 anni li trovo al momento di andare in pensione o INPS prende i soldi e anni sono persi?grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se il datore di lavoro paga i contributi anche per i due anni caduti in prescrizione, i contributi saranno validi per la pensione.-
      Ovviamente a suo tempo dovrai dimostrare l'avvenuto pagamento, quindi dovrai farti rilasciare una copia delle ricevute di versamento degli stessi.-

      Elimina
  33. Buonasera dott. Sono un O.S.S, mi è stato fatto un con tratto come badante per un signore non autosuffic. Faccio qualsiasi cosa mi venga richiesta ( oltre che sistemare lui), pulire casa, spolverare, andare a prendere la figlia a catechismo, giocare con la figlia, aiuto compiti, pulire la lettiera del gatto. Qualunque cosa, anche se credo non mi spetti; giusto?
    Poi un altra cosa, in busta paga mo trovo di volta in volta ferie di cui non usufruisco tolte. Il signore è stato ricoverato e mi hanno tolto giorni di ferie, a detta loro perché era meglio, in più mi hanno dimezzato lo stipendio, perché dicevano che visto che il signore è assistito in ospedale l'INPS non paga. Ora ho chiesto 4 giorni di ferie e sembra non volermeli dare, in quanto dice che non ho ferie. Ma come è possibile se mi spettano 26 giorni di ferie e ne ho usati solo 13 in estate? Si può fare? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Per quanto riguarda le mansioni svolte, nell'ambito dell'orario di lavoro contrattuale tu devi svolgere tutte le mansioni che ti vengono assegnate dal datore di lavoro.-
      - Per quanto riguarda le ferie presumo che in alcuni giorni in cui non hai lavorato ti hanno messo in ferie, ma se ti hanno ridotto anche la paga il discorso non quadra, quindi devi chiarire la questione direttamente con il datore di lavoro o puoi rivolgerti a un sindacato per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  34. Buona sera avvocato!
    Vorrei chiedere gentilmente che differenza ce tra la badante convivente e non convivente?
    Se sono una badante convivente ho le responsabilita? Se io sto li il giorno e notte ma esco di sera divertirmi e se succede qualcosa con la signora anziana avro le responsabilita? Me lo puo spiegare. Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un contratto da badante convivente prevede oltre alla normale retribuzione anche vitto e alloggio gratuiti, vuol dire non un obbligo ma un dovere di dormire in casa, in modo che in caso di emergenza la persona assistita possa svegliarti.-
      Questo significa che se qualche sera vuoi uscire per divertirti puoi metterti d'accordo con il datore di lavoro, ma se intendi farlo sistematicamente allora devi modificare il contratto da convivente a non convivente.-

      Elimina
  35. Buonasera!
    Vorrei chiarire una cosa. Mi devono fare il contratto da una signora anziana che li devo aiutare ad alzarsi, lavarla, imboccarla perche ha due mani rotti. Poi devo anche fare pulizie e preparare da mangiare . Con che livello devo essere assunta e che stipendio devo percepire. Badante convivente e/o non convivente.
    Grazie in anticipo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - La retribuzione è legata all'orario di lavoro settimanale.-
      - Il livello di inquadramento è B super
      - Badante convivente significa paga più bassa + vitto e alloggio
      - Badante non convivente significa paga più alta ma senza vitto e alloggio.-

      Elimina
  36. Buona sera!
    Vorrei chiederLe gentilmente un'informazione!
    Ho guardato la busta paga e ho visto due rige li:
    TFRL 00.00
    Tredicesima 00.00
    E nel cud del reddito annuale non cera la voce del TFRL neanche. Ho l'impressione che non me la daranno alla fine del rapporto del lavoro. Ma nel contratto che ho ce scritto che viene riconosciuto il fondo del quiescenza.
    IL contratto e stato fatto alla fine del 2013.
    Ma il dattore di lavoro può includere la TFRL nella busta paga? E se si ti deve dare firmare qualche foglio oltre il contratto per includere TFRL nella busta paga o dice solo a voce? E se alla fine del rapporto di lavoro mi dira che il TFRL e gia stato sempre incluso nela busta paga, (lo stipendio mi risulta un puo bassino) potro riavere la TFRL ?Mi puo spiegare per favore. Non vorrei che il mio dattore di lavoro un puo furbo.
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se il TFR viene pagato mensilmente deve risultare in busta paga con una voce specifica, quindi se non risulta dovrà esserti corrisposto alla cessazione del rapporto di lavoro.-

      Elimina
  37. Salve
    Mi chiamo Tomas.Ho lavorato 14 mesi come badante CS 25 ore settimana.Ho fatto la domanda per assegnio di disocupazione atraverso patronato 12 07 2016.Dopo due mesi e arivato il primo bonifico per 50 gg Un mese dopo un altro per 10gg.Questo mese non e arivato niente.E normale?E possibile che e stato interotto dopo due mesi?grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomas!
      Se hai lavorato 14 mesi la NASPI durerà fino a 7 mesi e il terzo bonifico arriverà dopo 30 giorni da quando è stato fatto il secondo.-
      Se il termine è trascorso ti consiglio di ritornare al patronato per verificare se c'è un qualche problema.-

      Elimina
    2. grazie avvocato.Il probleme e che il termine e trascorso.Grazie ritornero al patronato

      Elimina
  38. Buongiorno, chiedo scusa ma non mi è chiaro il tipo di "calcolo orario settimanale", contratto (e relativa tariffa) nel caso in cui la badante (per persona anziana ma autosufficiente) sia convivente. Mi spigo: nello specifico la badante sarebbe assunta per assistenza diurna ma, a "chiamata" anche notturna (da qui il senso della convivenza). Per quanto riguarda l'inquadramento (da lettera A fino a DS,come va stabilito in maniera corretta? Dovrò vedere la potenziale badante da assumere a breve e vorrei capire bene cosa sia corretto dire/prevedere. Ringraziando in anticipo, auguro una buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il CCNL colf e badanti non prevede lavoro di giorno + notte, quindi va stipulato o un contratto per assistenza diurna convivente o non convivente o un contratto per sola presenza o assistenza notturna.-

      Elimina
  39. Salve,gentilmente vorrei sapere se livello bs si cambia con livello cs i contribuții imps aumentano? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      I contributi da versare all'INPS per le colf e le badanti sono rapportati all'orario di lavoro settimanali e non al livello di inquadramento.-

      Elimina
  40. Buona sera !
    Vorrei chiederLa per cortesia.
    S Mi dovranno fare il contratto di badante. Ma come faccio a distinguere se il contratto della badante convivente o non convivente?
    Deve esserci qualche riga nel contratto che lo evidenzia?
    Grazie! O un altro foglio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel contratto deve essere precisato oltre al livello di inquadramento anche se è da convivente o non convivente, perché la paga da convivente è più bassa in quanto va aggiunto vitto e alloggio gratuiti.-

      Elimina
  41. Buonasera!
    Posso chiererLe un consiglio.
    Sono una badante convivente.
    La mia signora mi sveglia in continuazione di dotte e li devo aiutare.
    Non ce la faccio più. Sono cotta.
    La Chiedo.
    Se dico al dattore di lavoro che non ho voglia piu dormire li perchè è pesante. se lei rinuncia e mi dira che io dev dare le dimissioni.
    Ma io sono obbligata a dare le dimissioni in questo caso da sola perche sono badante convivente,? o mi deve licenziare il dattore di lavoro? Mi aiuta a capire per favore. Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se presenti le dimissioni non avrai diritto all'indennità di disoccupazione quindi devi farti licenziare.-
      Se il datore di lavoro si rifiuta di licenziarti puoi comunicargli che non sei tenuta all'assistenza notturna e che quindi ti rifiuterai di alzarti la notte.-
      Puoi eventualmente rivolgerti a un sindacato per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  42. Buona sera!
    Se il mio dattore di lavoro non mi da le buste paghe perchè nella busta paga risulta piu che mi da in mano. SE lo chiedo e non mi vuole dare mi può licenziare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricevere le buste paga è un tuoi diritto, quindi il datore di lavoro non può licenziarti se le pretendi; ti consiglio eventualmente di rivolgerti a un sindacato per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  43. Buongiorno e grazie anticipatamente per la sua risposta. Desideriamo assumere una persona che dia una mano in casa ai miei suoceri, inizialmente come colf, quindi credo livello A, perché sono entrambi autosufficienti (83 anni lei e 90 anni lui) ma hanno bisogno di aiuto in casa. Un domani secondo necessita potremmo poi rivedere il contratto, ovviamente, se la persona fosse disponibile. L'orario attualmente sarebbe di 8 ore al giorno dal L/V e magari anche il sabato se possibile, almeno il mattino/pranzo. Abbiamo contattato un'agenzia che ci ha detto che passati gli 80 anni anche se le persone sono autosufficienti deve essere fatto un contratto di badante convivente (seppure fittizia perché non andrebbe a stare da loro) per non autosufficienti perché tali sono comunque considerati. La motivazione e che costa meno. A me non risulta, mi può dare conferma? Grazie infinite,
    Aline

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Aline!
      Mi meraviglia che un'agenzia possa proporre una convivenza fittizia; comunque la normativa prevede una retribuzione più bassa per una colf o badante non convivente perché alla paga vanno aggiunti vitto e alloggio gratuiti.-
      Per quanto riguarda i livelli di inquadramento, essi sono legati alle mansioni che si vogliono assegnare alla lavoratrice, che sono ovviamente diverse tra colf e badante.-

      Elimina
  44. Avv. Salve ho un paio di domande....ho un cantratto cs 40 ore convivente.. sono a casa dell'assistita dalle 17 fino alle 8 del mattino.... la mia datrice di lavoro mi ha detto che posso lavoare solo 5 ore cioé dalle 17 alle 22... solo che dopo le 22 la signora che assisto guarda la televizione e dopo che ha finito loro vogliono che la accompagni a letto, cioé devo aiutarla a cambiarsi...volevo sapere se a sto punto per esempio fino alle 23 finche lei non va a letto mi vengono contate le 6 ore oppure le ore le devo recuperare in mattina quando non ce l'altra signora...(visto che in mattina hanno una signora che fa 4 ore)..... oppure posso andare a letto alle 22? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Diana!
      Con un contratto CS 40 ore convivente, Tu devi devi lavorare per 40 ore settimanali, negli orari previsti dal contratto stesso, che ovviamente non possono essere solo dalle 17 alle 22.-

      Elimina
    2. Avv. Lo so che devo fare le 40 ore... sul contatto ce scritto che devo fare il lun,mer, gio, ven, dom 7 ore e sab 5 per ció fanno 40 ore... la mia domanda é dopo che le 22, l'ora (1)che faccio in più fino alle 23 finche la signora non va a letto mi deve essere contata oppure la devo recuperare in un altro giorno?

      Elimina
    3. Ciao Diana!
      La normativa prevede che per le ore lavorate in più rispetto a quelle contrattuali, ci si può mettere d'accordo con il datore di lavoro o nel farsele pagare come straordinari o nel poterle recuperare successivamente.-

      Elimina
  45. Salve avvocato,sono Rodica voglio uno consiglio.Lavoro come badante convivente ,ho un contratto con una agenzia,il contratto è scritto convenzione per servizi socio assistenziali con soggetto titolare di partita Iva.li ho chiesto di mandarmi una busta paga per fare carta di identità italiano perché io sono rumena mi serve per aprire un conto corrente per mandare denaro a Romania adesso ho una carta prepagata e non posso fare bonifico estero mi arriva solo stipendio .banca mi ha detto che devo fare carta d'identità italiana per aprire conto corrente.sono 20 giorni di quando io chiedo quella busta paga , agenzia mi dice che sono occupati i mi chiama a presto possibile.Come faccio? non posso mandare soldi a casa mia.Grazie mille per la sua disponibilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rodica!
      Senza una busta paga non puoi essere sicura che lavori in regola, devi quindi insistere con il Tuo datore di lavoro per fartela consegnare, e puoi eventualmente rivolgerti a un sindacato per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
    2. Grazie mille per la suo risposta

      Elimina
    3. Ciao Rodica!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  46. Buonasera avvocato!
    Vorrei chederLe gentilmente.
    Mi devono fare il contratto da badante. Ed io vorrei sapere se possono essere inserite TFRL già nella busta paga? Perchè ho sentito che ci stata una nuova legge che lo permette. (Io non vorrei). E se il dattore di lavoro lo vuole deve comunicarmi per scritto o dice solo a voce? Come faccio ad rifiutare?
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se Tu non vuoi il TFR in busta paga non ci sono problemi, perché il datore di lavoro non può inserirlo senza il tuo consenso.-

      Elimina
  47. Buonasera!
    Vorrei chiedere per cortesia!
    Quale livello si dovrebbe applicare nel contratto di una badante se cura una persona non autosufficiente e poi anche fa tutti i lavori di casa? BS, CS o DS?
    Grazie per la Sua risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Livello C Super
      - Assistente a persone non autosufficienti (non formato).
      Livello D Super
      - Assistente a persone non autosufficienti (formato). Svolge mansioni di assistenza a persone non autosufficienti, ivi comprese, se richieste, le attività connesse alle esigenze del vitto e della pulizia della casa ove vivono gli assistiti.-

      Elimina
  48. Buonasera gentile avvocato! Vorrei per cortesia di chiederLe un consiglio.
    Nel caso in qui ad una badante cambiano il contratto di lavoro (per riduzione od aumento delle ore lavorative, ma non cessazione del contratto) non si devodo dare anche il TFRL ?
    Me lo puo spiegare come funziona.?
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Il TFR deve essere corrisposto alla lavoratrice solo alla cessazione del rapporto di lavoro e non in caso di modifica del contratto.-
      Comunque la lavoratrice può concordare con il datore di lavoro un anticipo ogni fine anno del 70% del TFR maturato nell'anno stesso.-

      Elimina
  49. Buona sera!
    Vorrei chiederLe per cortesia. Se sei la badante non convivente nel contratto di lavoro scrivono anche lo stipendio che tu devi prendere al mese, oppure lo mettono solo se sei una badante convivente?
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel contratto deve essere scritto, l'orario di lavoro, il livello di inquadramento e se è da convivente o non convivente, perché con questi dati si può risalire alla retribuzione prevista.-

      Elimina
  50. Sono una badante convivente con 30 ore settimanali nel contratto. Ed pausa pomerediana di due ore. Ma lavoro di piu rispetto che dovrei essere pagata. E dormo li. Domanda? Se mi danno vito ed alloggio io sono obbligata di lavorare di piu ? 24 su 24)? , perchè lavoro più di 30 ore settimanali.
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il contratto da convivente prevede una retribuzione più bassa perché alla paga vanno aggiunti vitto e alloggio gratuiti.-

      Elimina
  51. Buongiorno dottor Censori! Ho bisogno del vostro aiuto! Io lavoro come colf, con un contratto di 40 ore settimanali dal 1 marzo 2007 per lo stesso datore di lavoro. Il mio problema è questo: sul cedolino dei contributi Inps c'è scritto come paga oraria 7,45 €, sul mio contratto c'è scritto 6,88 €, però io percepisco 6,35 €.La mia domanda è: quanto dovrei prendere, dato che mi toccano pure 4 scatti di anzianità? Grazie per la sua disponibilità! Elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena!
      Se non mi dici il livello di inquadramento che risulta in busta paga, purtroppo non posso esserti d'aiuto.-

      Elimina
    2. Non ho mai ricevuto la busta paga,mi è stato sempre detto che non è obbligatoria. Comunque a detta sua(e per le mansioni che svolgo) ho il livello C. Grazie

      Elimina
    3. Ciao Elena!
      La busta paga non è obbligatoria, però se il datore di lavoro non la fa può fare il "furbo".-
      Infatti il livello C non conviventi prevede una paga oraria di 6,35 euro + 13/ma + TFR + contributi + il 4% in più ogni biennio per scatti di anzianità.-

      Elimina
  52. Buonasera Gianfranco!
    Vorrei chiedere per cortesia! Sono una badante convivente. Domaddo. Se io dovessi rifiutare dormire dove lavoro e dormire a casa mia, ma il dattore di lavoro non è d accordo? Quali sono le conseguenze? Cosa potrebe fare il dattore di lavoro in questo caso?
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un contratto da convivente prevede una retribuzione più bassa rispetto a quello da non convivente perché comprende vitto e alloggio gratuiti, quindi non ha senso dormire a casa propria, ed eventualmente va cambiato il contratto.-

      Elimina
  53. Salve Dottore, vorrei sapere qual dovrebbe essere il livello di inquadramento di una colf ? E la retribuzione se lavora 10 ore al giorno tutti i giorni tranne la Domenica. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Classificazione di Badanti e Colf
      - Livello A
      Collaboratori familiari generici, non addetti all'assistenza di persone, con esperienza professionale (maturata anche presso datori di lavoro diversi) non superiore a 12 mesi.
      - Livello B
      Collaboratori familiari che, in possesso della necessaria esperienza svolgono con specifica competenza le proprie mansioni, ancorché a livello esecutivo.
      - Livello C
      Collaboratori familiari che, in possesso di specifiche conoscenze di base, sia teoriche che tecniche, relative allo svolgimento dei compiti assegnati, operano con totale autonomia e responsabilità.
      - Livello D
      Collaboratori familiari che, in possesso dei necessari requisiti professionali, ricoprono specifiche posizioni di lavoro caratterizzato da responsabilità, autonomia decisionale e/o coordinamento.-
      L'orario di lavoro per una colf non convivente non può essere superiore alle 40 ore settimanali.-

      Elimina
  54. anonimo 22 novembre 2016 ore 23.12
    bona sera sig. censori vorrei sapere se la domenica fa parte della festività infrasettimanale il mio giorno di riposo e il venerdì la domenica per me e lavorativa ho il diritto della maggiorazione del 60%100 ? La ringrazio della risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Se il Tuo contratto prevede che la domenica è una giornata lavorativa, non hai diritto ad alcuna maggiorazione per il lavoro di domenica.-

      Elimina
  55. Buonasera ,avocato ,io sono una badante rumena convivente con contratto di40 ore setim.956 euro,tfr e a 13 -ma in busta paga ,e ora o chiesto di pagarmi le ferie ,ormai sono 2 ani ,in questi 2 ani sono andata acasa 4 mese ,e mi a detto che non ci lo diritto ,che a pagato la sustitutta ,il contratto non e stato mai chiuso ,mi dic lei per favore quanto soldi mi devo dare per 2 ani ?, grazie mille !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le ferie debbono essere godute e possono essere pagate solo alla cessazione del rapporto di lavoro.-
      Comunque ti spettano 22 giorni all'anno, quindi i giorni maturati e non goduti devono essere pagati in base alla retribuzione giornaliera prevista dal contratto.-

      Elimina
  56. buon giorno sono un badante e convivente con contratto di 40 ore settimanali e lavoro dalle 9 di mattina fino alle 14 poi 2 ore di riposo per incominciare alle 16 fino alle 22 per un totale di 11 ore giornaliere che vanno sommate a 5 giornate e mezza settimanali che sommano per un totale di oltre 60 ore lavorative secondo lei e giusto avere un contratto di 40 ore s settimanali quando ne lavoro più di 60 ?? Poi il mio giorno libero e venerdì le chiedo ho il diritto del 60%100 lavorando la domenica che e un giorno festivo ?? Poi le due ore di riposo giornaliere fanno parte delle 36 ore di riposo settimanali ?? Sicuro di una sua risposta un anonimo buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Tuo contratto prevede un orario di lavoro di 40 ore settimanali, negli orari previsti dal contratto stesso, quindi le ore lavorate in più devono essere retribuite come straordinari.-

      Elimina
  57. Buonasera signor Gianfranco!
    Posso chiederLe per cortesia?
    Mi devono fare il contratto di badante (convivente o non convivente non so ancora). Mi vogliono mettere nel contratto il livello BS, ma questa signora che io curo deve essere guardata bene, non è autosufficiente , non si puo lasciarla mai da sola. Domanda: se mi metteranno il livello BS, ma la signora dovesse cadere e farsi male io avrò alcuna responsabilita visto che il mio livello BS?
    Me lo puo spiegare. Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il livello di inquadramento non cambia il tipo di responsabilità che si ha rispetto alla persona assistita, nel senso che la badante deve comunque cercare di svolgere comunque al meglio possibile le mansioni che le vengono assegnate.-

      Elimina
  58. Buongiorno avvocato io sono una sig Rumena mi cheamo Maricica e lavoro con categoria colf significa BS per una sig. il raporto di lavoro E'IN REGIME DI CONVIVENZA Assistente ad AUTOSUFFIENTE e pulizia casa L'orario di lavoro e 26,0 ore settimanali con un stipendiu de 8,50E ALL mese io lavoro di 8 ANNI con la sig la mia domanda IL CONTTRATO DI LAVORO E BENE COSI FATTO? E POI IO DI 8 ANNI DI QUANDO LAVORO NON E CAMBIATO IL MIO STIPENDIO NON CE COME LA ALTRI PERSOANE SCATTO O COME SI CHEAMA CHE IO NON SO VI PREGO VOGLIO UNA RISPOSTA DA LEI GRAZIE AVVOCATO .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maricica!
      Il livello BS conviventi prevede una retribuzione di 851,80 euro mensili + 13/ma + TFR + contributi + un aumento del 4% per ogni biennio per scatti di anzianità.-

      Elimina
  59. BUONGIORNO, DOVREI ASSUMERE UNA SIG.RA CONVIVENTE A 35 ORE PER UNA SIG.RA NON AUTOSUFFICIENTE (CS). LE TABELLE DEL CCNL SI RIFERISCONO SOLO SE SI ASSUME A 54 ORE SETTIMANALI, MA SE DEVO ASSUMERE A DI MENO (35 ORE) DEVO RIPROPORZIONARE LA TABELLA IN BASE AL LIVELLO?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      La retribuzione mensile per una badante è la stessa sia per un contratto di 35 che di 54 ore settimanali, e la differenza è solo nei contributi da versare all'INPS.-

      Elimina
  60. Buonasera!
    Vorrei gentilmente di chiederLe due cose che sono molto importanti per me.
    Lavoro come badante gia da piu di un anno ma il dattore di lavoro non mi dava mai le buste paghe (mi pagava in contanti).
    Poi arrivato il momento che io lo chiesto e lui me li ha portati tutte insieme. Ma nelle buste paghe l'importo risulta più alto rispetto di quello che il dattore di lavoro mi dava in mano. Allora mi ha detto di firmare.Ed io non vorrei perdere il posto di lavoro.
    Prima io volevo chiedere un consiglio da Lei.
    Prima domanda. Se io firmo le buste paghe non avro più il diritto alla differenza che mi deve il dattore di lavoro?
    Seconda domanda. Posso scrivere sulla busta paga che ho ricevuto solo la somma che lui mi ha dato in mano, poi mettere data e firma?
    O cosa potrei fare meglio?
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Purtroppo SI! Se firmi le buste paga non avrai più diritto alla differenza che ti deve il datore di lavoro.-
      - Devi firmare le buste paga solo se ti viene data la differenza, altrimenti puoi comunicare al datore di lavoro che sei disposta a firmare solo una ricevuta nella quale è indicato l'importo che effettivamente ti è stato corrisposto.-

      Elimina
  61. Buonasera!
    Posso chiederLa?
    Se io sono badante convivente con 30 ore settimanali nel contratto, livello CS paga circa 850 euro al mese piu tfrl e contributi.
    Ho diritto di lavorare solo 30 ore sett,(sono 5 ore al giorno dal lunedi al sabato ) poi andare per i fatti miei, e poi alla sera tornare per dormire dove lavoro? oppure ho solo diritto di due ore giornaliere come dice il mio dattore di lavoro?
    Grazie in anticipo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con un contratto di 30 ore settimanali hai diritto di lavorare solo 5 ore al giorno dal lunedì al sabato, come previsto dal contratto stesso, per poi andartene per i fatti tuoi e tornare la sera per dormire.-

      Elimina
  62. Buona sera scusatemi per il disturbo volevo chiedere informazione. Io lavoro come dipendente a una casa di famiglia ho contrato di 25 ore settinanale pero facio 73 ore a settimana che stependia o quanti soldi devo avere per 1 ora lavorativa. E che essiste una cose tipo presenza gratis

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con un contratto di 25 ore settimanali tu devi lavorare solo per le 25 ore settimanali previste dal contratto, e le eventuali ore lavorate in più dovrebbero essere pagate come straordinari.-

      Elimina
  63. Buonasera Gianfranco!
    Vorrei chiederLe un consiglio.
    Quando ti portano il cud del tuo reddito che tu hai percepito nel anno lavorativo centra qualcosa con le buste paghe? Le chiedo perche il mio dattore di lavoro non me li da( perche l'importo della busta paga è più alto rispetto quello che mi pagano ogni mese.)Quindi Se il dattore di lavoro mi presenta il cud io lo devo firmare. Domanda. Se io firmo il cud per accetazione potro avere diritto di differenze nelle buste paghe? Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il reddito dichiarato nel CUD deve corrispondere alla somma di tutto quello indicato nelle buste paga dell'anno, quindi non può esserci una differenza, presumo pertanto che la differenza che hai riscontrato riguardi solo la quota di contributi a tuo carico.-

      Elimina
  64. Buonasera Gianfranco!
    Vorrei chiedere gentilmente un'informazione. Io sono badante livello CS sett con paga oraria 6.68. Domando 6.68 sono lordi? E quindi se sono lordi io non prendo in mano 6.68? E quando prendo in mano? Quando mi trattengono? Quando devo prendere netti (ciòè in mano soldi puri? )E poi oltre questo che mi sono trattenute devo anche pagare le tasse perche nel contratto cè scritto che il dattore di lavoro non è sostituto d'imposta. é giusto cosi?
    Me lo può spiegare? Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importo dei 6,68 euro previsto dal contratto è l'importo lordo sul quale devi pagare la tua quota di contributi che ti vengono scalati in busta paga, e nell'anno successivo dovrai pagarci le tasse presentando la dichiarazione dei redditi.-

      Elimina
  65. Buona sera!
    Vorrei chiedere se io sono badante non convivente, quindi non usufruisco il vito e alloggio e quindi non ho neanche il diritto di mangiare al posto di lavoro (e che se mangio mi devono trattenere dallo stipendio?)? Giusto?

    RispondiElimina
  66. Buonasera Gianfranco!
    Volevo chiederLe. Mi hanno fatto il contratto nuovo ed mi hanno scritto il livello , la mansione che devo svolgere, retribuzione oraria (Livello CS 6.68 al ora) ma non mi hanno scritto se sono convivente o no e ne stipendio che devo percepire al mese. E giusto questo contratto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La paga oraria di 6,68 euro per un livello CS è prevista dal contratto per una badante non convivente, quindi per conoscere la paga mensile devi moltiplicare 6,68 x le ore settimanali previste dal contratto x 4,33 che sono le settimane medie per ogni mese.-
      Esempio: con un contratto di 40 ore settimanali il calcolo da fare è (6,68 x 40 x 4,33) = 1.156,97 euro mensili.-

      Elimina
  67. Gentile Avvocato
    sto preparando la 13.ma per la nuova badante CS su 6 mesi di lavoro in quanto assunta a luglio.
    Faccio 965,38 :12 x 6 mesi = 482,69 + vitto e alloggio 142,48=625,17
    oppure 965,38 + 142,48 vitto e alloggio : 12 x 6 =553,92 ?
    Il vitto e alloggio lo faccio su 26 giorni come da contratto lavorativo.
    Il vitto e alloggio va riproporzionato ai 6 mesi pure lui come la quota di stipendio oppure no?
    Grazie molte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angelica!
      SI!
      Nle Tuo caso la quota di vitto e alloggio va riproporzionata ai 6 mesi lavorati come la quota di 13/ma e di TFR.-

      Elimina
  68. Buonasera, una mia amica è stata assunta con un contratto a 25 ore come B super alla paga minima.Tuttavia i padroni hanno sempre preteso che lavorasse tutto il giorno in quanto a dire loro avrebbe avuto diritto alla stessa paga anche se il contratto prevedeva più ore.
    Premetto che la cosa mi sembra strana in ogni caso ritengo che comunque se le parti si sono messe d'accordo su 25 ore quelle devono essere lavorate e il resto deve essere considerato straordinario (la mia amica ben poteva non accettare un contratto diverso). Ho ragione? E come si calcola lo straordinario?
    Con un contratto di questo tipo ha diritto solo al riposo domenicale come scritto nel contratto oppure anche all'altra mezza giornata? E come si calcola?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con un contratto di 25 ore settimanali si è obbligati a lavorare solo per le 25 ore settimanali, e solo negli orari previsti dal contratto stesso, quindi le eventuali ore lavorate in più devono essere retribuite come straordinari.-
      Lavoro straordinario
      Personale non convivente:
      E' compensato con una maggiorazione del:
      10% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno compreso tra le 40 e le 44 ore settimanali.-
      25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).-
      50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).-
      60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo o in giorno festivo infrasettimanale.-
      Personale convivente:
      E' compensato con una maggiorazione del:
      25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).-
      50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).-
      60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo stabilito e nelle festività infrasettimanali.-
      40% per le ore di lavoro prestate nella mezza giornata di riposo (mancato riposo).-

      Elimina
  69. buonasera. Ho assunto una badante per mio papà anziano (93 anni) con demenza senile ma parzialmente autosufficiente dal punto di vista motorio. Con mio papà c'è anche mia madre di 83 anni. Autosufficiente.Il contratto è di convivenza.
    La badante fa riposno ogni giorno di 2 ore, il giovedì pomeriggio ed il sabato. Il sabato esce alla mattina ma rientra per la notte. Mio padre di notte si alza un paio di volte e la badante, con fatica, lo aiuta.

    La badante mi chiede di stare fuori di notte. Dice che il sabato lei non è tenuta a rientrare. Inoltre mi ha chiesto di usufruire del gg 8-9 e 10 dicembre, del 24, 25 e 26 dicembre e del 31 dicembre e 1 gennaio.
    Dice che starà fuori di notte.

    So che ha diritto al gg 8 al 24, al 25 e al gg 1 gennaio. Ci attaccherebbe poi i riposi.

    Ma io sono perplessa.
    Se è convivente significherebbe che rientra la notte? altrimenti quale è la differenza tra una badante che invece fa le ore solo giornaliere?

    non capisco aiutatemi per favore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un contratto da convivente prevede una retribuzione più bassa rispetto a un contratto da non convivente perché la badante ha diritto oltre alla paga anche al vitto ed alloggio gratuiti.-
      Questo significa che la badante può dormire in casa ma non è obbligata a dormire sempre in casa, quindi bisognerebbe cercare di mettersi d'accorso.-

      Elimina
  70. Buonasera Gianfranco!
    Ho già fatto questa domada ma magari mi sono spiegata male.
    Vorrei chiederLe per cortesia. Il mio dattore di lavoro mi ha presentato il cud (reddito del anno 2015) in dupplice coppia. Una ha dato a me e una io ho firmata e dato al dattore di lavoro. Ma le buste paghe non mi dava prima. Mi dava sempre in contanti. E ieri mi ha portato anche le buste paghe e ha detto di firmare (io non ho ancora firmato) .E ho visto che nelle buste paghe l importo è più alto rispetto di quello che mi dava in mano.
    Domanda è questa! Si tratta proprio del cud di reddito. Siccome io ho firmato il CUD del reddito , se ho il diritto di pretendere la differenza di quelli soldi che non mi sono stati pagati? (perchè mi pagavano in contanti , ma dopo ho visto che nelle buste paghe l importo risulta piu alto). Ho paura che firmando il cud del reddito non ho più diritto di pretendere i miei soldi anche se non firmo le buste paghe.
    Proprio quello che voglio capire.
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimenticato di dire che sono una badante

      Elimina
    2. Purtroppo se hai firmato il CUD vuol dire che hai confermato di aver ricevuto l'importo che c'è scritto, quindi credo che sia molto difficile poter dimostrare il contrario.-

      Elimina
  71. Buonasera!
    Lavoro un anno come badante.
    Vorrei chiedere come si calcola la tredicesima mensilità.
    se io prendo al mese 800 euro, per un anno intero.
    Il mio dattore di lavoro mi ha detto che bisogna fare questo calcolo: 800 euro mensili dividere per 13 e poi moltiplicare per dodici 800/13*12.
    è uguale a 738 euro.
    E vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Il calcolo è molto semplice: il datore di lavoro deve moltiplicare la retribuzione mensile per il numero di mesi di servizio della colf, badante o baby sitter e dividere il risultato per 12 (il numero di mesi in un anno). Se il lavoratore è stato assunto da oltre un anno basterà corrispondergli una mensilità aggiuntiva, senza fare nessun calcolo, in tutto e per tutto uguale alla retribuzione mensile concordata.-

      Elimina
  72. Buonasera!
    Potrei chiederLe gentilmente un'informazione.
    Sono una badante con la paga oraria 6.68 lorde.
    Domanda è questa: quanti centesimi sono trattenute da questa soma, siccome 6.68 sono lordi?
    Grazie per la sua gentile risposta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La busta paga di una badante non prevede trattenute fiscali ma solo previdenziali, quindi in busta paga dal lordo vine tolta solo la quota di contributi a carico della lavoratrice.-
      Poi l'anno successivo la badante deve presentare la dichiarazione dei redditi e pagare quindi le tasse all'erario, ovviamente se dovute.-

      Elimina
  73. Ciao Gianfranco vorei pore una domanda Ho lavorato per 44 mese come badante convivente adesso sono in disocupaxione Posso sapere per quanto tempo posso ricevere la dissocupaxione GRAXIE MILLE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La durata della NASPI è pari alla metà delle settimane lavorate negli ultimi 4 anni.-

      Elimina
  74. Buona sera. Mia amica licenziata senza preaviso perché troppo al telefono e loro visto grazie a telecamere di sicuressa, Lei registrato tutto. Si può fare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Presumo che la Tua amica fosse a conoscenza che in casa erano istallate delle telecamere di sicurezza, quindi non può farci nulla, e comunque anche se non fosse stata informata potrebbe comunque farci poco, perché non avrebbe comunque una motivazione valida per impugnare il licenziamento.-

      Elimina
  75. Gianfranco Censori!Grazie mille per il suo tempo.

    RispondiElimina
  76. Salve Dottore. Lavoro badante convivente BS 54/sett. Vorei chiedere come si paga festivita. 1 novemre io ho lavorato, nella bustapaga sono pagata, però soto ce scritto "festivita goduta ".No capisco, si ho lavorato come deve essere bustapaga giusta.Grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la festività è lavorata è dovuto, oltre alla normale retribuzione giornaliera il pagamento delle ore lavorate maggiorate del 60%.-

      Elimina
  77. Buonasera Gianfranco
    Potrei chiederLe gentilmente?
    Lavoro come badante in regola con livello CS.
    Il dattore di lavoro prima non mi dava mai le buste paghe, mi dava sempre in contanti (già da due anni).
    E adesso mi ha presentate tutte anche il cud del anno scorso.
    Ma l'importo delle buste paghe è maggiore rispetto di quello che mi davano in contanti e anche il reddito e maggiore della somma che ho percepito.
    Mi ha detto di firmare . Ho firmato "per ricevuta". sia buste paghe sia il cud.
    Domanda. Se ho firmato "per ricevuta" posso pretendere i soldi che mi devono?
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Firmando le buste paga, tu hai attestato che gli importi percepiti corrispondevano a quello che risultava nelle buste paga stesse, quindi non puoi dimostrare che hai percepito di meno.-

      Elimina
  78. Buonasera
    Vorrei sapere per piacere , se il reddito della badante è 8.200 (otto mille duecento euro) deve pagare le tasse?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Bisogna pagare le tasse sulla parte eccedente gli 8.000 euro di reddito annuale, pari al 23% di IRPEF + addizionali regionale e comunale, ma nel nel Tuo caso si tratta di una cifra irrisoria.-

      Elimina
  79. Buona sera!
    La badante non convivente presta servizio 3 ore giornaliere per 6 giorni alla settimana ad una anziana autosufficiente per un breve periodo.
    Viene pagata con Voucher di €10 lordi/€7,50 netti all´ora per un importo mensile di €810,00.
    Ora pretende un compenso di € 10 netti.
    Cosa sarebbe giusto fare visto che l´anziana vive solo con la pensione di €1100,00 e non ha figli.
    Grazie della RISPOSTA

    RispondiElimina
  80. Salve. Lavoro da dic 2014 9 ore al gg x 5 gg a 750€. Faccio tt in casa e accudisco malato di alzheimer che x fortuna ancora cammina e diciamo mangia x conto suo ma costantemente sotto controllo. A settembre ho ridotto di 5 ore e da allora prendo 700 € per 8 ore giornaliere 40 settimanale. Io sono in regola x 25 ore ma sinceramente sul contratto nn ce scritto il livello ma solo la data del contratto a 25 ore l importo orario che sarebbe 7.50 € e che è a tempo indeterminato. Visto che ora dovrò prendere la tredicesima.. quanto dovrò prendere considerando che da settembre prendo meno di 750?? Grazie.
    Inoltre

    RispondiElimina
  81. Inoltre volevo chiedere. Le ore di permesso sono 12?? Posso scalarle ai gg ferie se nn usufruite?? Vorrei fare un corso da oss.. come faccio a mantenere il lavoro considerando che almeno 3 gg a settimana o mattina o pomeriggio devo fare tirocinio?? Ho diritto ad ore in più di permesso per lo studio?? Il sabato io nn lavoro ..di solito uno si è uno no vado due ore x far dormire la moglie .. possibile che se capita di festivo io ovviamente non vado e lei nn me lo fa recuperare perché dice che mi spettano solo quelle che capitano di domenica. Altra domanda.. scaricare quintali di legna fa parte dei miei compiti obbligatori?? Grazie mille. Francesca.

    RispondiElimina
  82. Buonasera Gianfranco
    Sono una badante in regola con il reddito annuale 8500 (otto mille cinquecento) euro. So che devo pagare gia le tasse perche il mio reddito supera ottomila euro.
    Una domanda. Io devo pagare 23% del irpef + addizionali piu comunali su tutti 8500 euro oppure solo sulla parte che supera 8000 (ottomile euro)? Cioe nel mio caso devo pagare la tassa solo su 500 (cinquecento euro)?
    Mi puo spiegare? Grazie!

    RispondiElimina
  83. Salve...vorrei sapere che stipendio mi viene come colf per 25 ore settimanali... lavoro per una famiglia..faccio pulizie da mangiare anche la spesa con la mia macchina! Grazie

    RispondiElimina
  84. Salve Dottore
    Vorei sapere concorso di spese di recupero di 300,00 euro,per totale suma di 3 330,22 euro,deve esere pagata di lavoratore?
    Datore di lavoro non paga niente per suo erore?
    E giusto ca i lavoratorii che vano in sindacati per esere tutelati pagare loro contributo,pero da pagare tuto loro,i dattore de lavoro niente mi pare exagerato.
    E giusto caricare solo lavoratore a pagare queste spese?
    Buone feste Dottore

    RispondiElimina
  85. Buongiorno, desidero assumere una persona che dovrebbe svolgere attività di 'sola presenza notturna' NON convivente per 6 sere a settimana nell'orario compreso tra le 22 e le 7. Pensavo di offrire il trattamento retributivo previsto dalla tabella E ma vorrei sapere come devo comportarmi per i contributi, ovvero quante ore di contributi occorre dichiarare all'INPS per questo tipo di inquadramento. Grazie

    RispondiElimina
  86. avendo un contracto di lavoro di 54 ore settimanale,per sabato e dumenica lavorate,e giusto ricevere,90,09 euro?

    RispondiElimina
  87. Buongiorno, mi può chiarire quanto mi costerà in totale assumere un collaboratore D super a stipendio di 1192,52? non riesco trovare una tabella comprensiva degli oneri. grazie! Cordialmente, Silvia

    RispondiElimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.