venerdì 11 marzo 2016

Badanti e Colf - CCNL Anno 2016

Classificazione di Badanti e Colf

Livello A
Collaboratori familiari generici, non addetti all'assistenza di persone, con esperienza professionale (maturata anche presso datori di lavoro diversi) non superiore a 12 mesi.
Livello A Super
Addetto alla compagnia, baby sitter (mansioni occasionali e/o saltuarie).
Livello B
Collaboratori familiari che, in possesso della necessaria esperienza svolgono con specifica competenza le proprie mansioni, ancorchè a livello esecutivo.
Livello B Super
Assistente a persone autosufficenti
Livello C
Collaboratori familiari che, in possesso di specifiche conoscenze di base, sia teoriche che tecniche, relative allo svolgimento dei compiti assegnati, operano con totale autonomia e responsabilità.
Livello C Super
Assistente a persone non autosufficenti (non formato).
Livello D
Collaboratori familiari che, in possesso dei necessari requisiti professionali, ricoprono specifiche posizioni di lavoro caratterizzato da responsabilità, autonomia decisionale e/o coordinamento.
Livello D Super
Assistente a persone non autosufficenti (formato). Svolge mansioni di assitenza a persone non autosufficenti, ivi comprese, se richieste, le attività connesse alle esigenze del vitto e della pulizia della casa ove vivono gli assistiti.


Orario di lavoro

Nel lavoro a tempo pieno l'attuale durata normale dell'orario di lavoro è concordata tra le parti e comunque con un massimo di:
10 ore giornaliere non consecutive, per un totale di 54 ore settimanali per i lavoratori conviventi.-
8 ore giornaliere non consecutive, per un totale di 44 ore settimanali per i lavoratori non conviventi.-
Il lavoratore ha diritto ad un riposo di almeno 8 ore consecutive nella giornata e ad un ulteriore riposo intermedio di almeno 2 ore da fruirsi nelle ore pomeridiane.-


Riposo settimanale

Il riposo settimanale è di 36 ore e deve essere goduto per:
  • 24 ore di domenica (o altra giornata stabilita nel contratto di assunzione). Questo riposo è irrinunciabile. In caso di richiesta di prestazione lavorative per esigenze imprevedibili le ore vanno retribuite con la maggiorazione del 60% sia per i lavoratori non conviventi che per i lavoratori conviventi.-
  • 12 ore in qualsiasi altro giorno della settimana. Qualora fossero richieste prestazioni lavorative nel giorno fissato, il riposo può essere goduto in altro giorno della settimana (in assenza di recupero le ore lavorate vanno retribuite con la maggiorazione del 40% sia per i lavoratori non conviventi che per i lavoratori conviventi).- 

Lavoro straordinario

Personale non convivente:
E' compensato con una maggiorazione del:
  • 10% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno compreso tra le 40 e le 44 ore settimanali.- 
  • 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).- 
  • 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).- 
  • 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo o in giorno festivo infrasettimanale.- 

Personale convivente:
E' compensato con una maggiorazione del:
  • 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).- 
  • 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).- 
  • 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo stabilito e nelle festività infrasettimanali.- 
  • 40% per le ore di lavoro prestate nella mezza giornata di riposo (mancato riposo).- 

Scatti di anzianità

Per ogni biennio di servizio presso lo stesso datore di lavoro spetta al lavoratore un aumento pari al 4% sulla retribuzione minima contrattuale, per un massimo di 7 scatti.-

Festività

1° gennaio - 6 gennaio – lunedì di Pasqua – 25 aprile – 1° maggio – 2 giugno – 15 agosto – 1° novembre – 8 dicembre – 25 dicembre – 26 dicembre – S. Patrono. In queste giornate il lavoratore ha diritto al completo riposo e alla retribuzione normale. Se una delle festività sopra elencate coincide con la domenica o nel giorno di riposo stabilito, il lavoratore ha diritto al recupero del riposo in altra giornata o, in alternativa, al pagamento di 1/26 della retribuzione. Se invece è lavorata è dovuto, oltre alla normale retribuzione giornaliera il pagamento delle ore lavorate maggiorate del 60%.


Ferie

Indipendentemente dalla durata dell'orario di lavoro, per ogni anno di servizio il lavoratore ha diritto a 26 giorni lavorativi di ferie se la distribuzione dell'orario di lavoro settimanale è su 6 giorni (occorre proporzionare se i giorni lavorativi sono inferiori a sei). La retribuzione dei giorni di ferie è maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto se dovuto. Le ferie non possono essere monetizzate (salvo i giorni non goduti che residuano alla cessazione del rapporto di lavoro).-

Malattia

L'art. 26 del C.C.N.L. inerente la retribuzione della malattia delle colf e/o badanti.Come primo dovere, il datore di lavoro, una volta ricevuto il certificato medico entro 2 giorni dall'inizio della malattia fatto emettere dal lavoratore entro il giorno successivo al verificarsi dell'evento, avrà l'obbligo di mantenere il posto di lavoro per un periodo di tempo variabile in base all'anzianità di servizio della colf e /o badante, sia questa convivente che non convivente. Il periodo di conservazione del posto di lavoro è pari a:
  • 10 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica (sia convivente che non convivente) con anzianità inferiore a 6 mesi;
  • 45 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica con anzianità di servizio compreso tra i 6 mesi ed i 2 anni;
  • 180 giorni di calendario (incluse le domeniche) se l'anzianità di servizio della colf è superiore a 2 anni.

Oltre l'obbligo di mantenimento del posto di lavoro, il datore di lavoro è poi obbligato a remunerare la malattia garantendo un salario coincidente al 50% della retribuzione globale di fatto per i primi 3 giorni di calendario e pari al 100% della retribuzione globale di fatto per un numero di giorni pari a:
  • 8 giorni complessivi nell'anno per anzianità di servizio inferiore a 6 mesi;
  • 10 giorni complessivi di calendario nell'anno per anzianità di servizio compresa tra 6 mesi e 2 anni;
  • 15 giorni complessivi di calendario nell'anno per contratti di lavoro con anzianità di servizio superiore a 2 anni.


Tredicesima mensilità

Al lavoratore spetta una mensilità aggiuntiva, pari alla retribuzione maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto. Per colf e badanti conviventi la tredicesima mensilità è pari allo stipendio mensile + vitto e alloggio e per il 2012 è pari a 132,60 euro (5,19 al giorno x 26 giorni).-


TFR (Trattamento di fine rapporto)

Deve essere liquidato al termine del rapporto di lavoro e indicativamente corrisponde ad una mensilità per ogni anno di servizio prestato.-
Una volta stabilità qual è l'anzianità maturata dalla lavoratrice, si passa al calcolo vero e proprio.
  1. Il primo passo consiste nel determinare la somma pagata nel corso dei singoli anni, comprensiva della tredicesima e delle indennità di vitto e alloggio per le colf conviventi o che consumano in casa uno o più pasti. 
  2. L'importo della retribuzione annuale, diviso per 13,5, rappresenta la quota annuale da accantonare per il trattamento di fine rapporto. 
  3. Le singole quote annuali vanno rivalutate con degli appositi coefficienti dati dalla somma di due indici di cui:
    • il primo è pari al 75% dell'aumento del costo della vita accertato dall'Istat per gli operai e gli impiegati;
    • il secondo è dato da una percentuale fissa pari all'1,50% all'anno (0,125% al mese).

Preavviso per Licenziamento o Dimissioni

Il rapporto di lavoro domestico può cessare per libera volontà del lavoratore e del datore di lavoro.

Non c'è necessità di motivare l'interruzione del rapporto di lavoro, ma deve essere concesso un termine di preavviso, che varia a seconda che il rapporto di lavoro sia superiore od inferiore a 24 ore settimanali, ed all’anzianità di servizio presso il datore di lavoro. Le parti possono regolare tra di loro questi termini, che però non possono comunque essere inferiori a quelli stabiliti per legge.
In caso di licenziamento, se il lavoratore è impegnato per oltre 24 ore settimanali e ha maturato fino a cinque anni di anzianità presso lo stesso datore di lavoro, il termine di preavviso deve essere almeno di 15 giorni di calendario. Il termine deve essere di almeno 30 giorni se gli anni di anzianità sono oltre i cinque.

Se invece il rapporto di lavoro è fino a 24 ore settimanali il preavviso dovrà essere pari ad 8 giorni di calendario, fino a due anni di anzianità e 15 giorni di calendario, oltre i due anni di anzianità.
Nel caso di dimissioni da parte del lavoratore i termini sono ridotti del 50%.


Presenza Notturna

I lavoratori assunti per garantire esclusivamente la presenza notturna (e non l’assistenza o cura) rappresentano una categoria a sé.
Le prestazioni di presenza notturna sono quelle effettuate in una fascia oraria notturna interamente ricompresa tra le ore 21.00 e le ore 8.00 e prevedono che il datore di lavoro metta a disposizione del lavoratore un alloggio idoneo per il completo riposo notturno.
Questo tipo di prestazioni vengono inquadrate in una categoria specifica di lavoro domestico, la "presenza notturna", che ha un parametro retributivo specifico (Tabella E, Presenza notturna).
Nel contratto di lavoro dovranno essere indicata la categoria di prestazioni ("prestazioni notturne") e l'ora d'inizio e quella di cessazione dell'assistenza.
Qualora venissero richieste al lavoratore prestazioni diverse dalla mera presenza, queste non saranno considerate lavoro straordinario, bensì retribuite aggiuntivamente sulla base delle retribuzioni previste per i lavoratori non conviventi, come da Tabella C, con le eventuali maggiorazioni contrattuali e limitatamente al tempo effettivamente impiegato.


Assistenza Notturna

È possibile assumere personale non infermieristico perché resti a disposizione durante la notte e presti assistenza in caso di bisogno.
Questo tipo di personale viene inquadrato in una categoria specifica di lavoro domestico, "assistenza notturna", che prevede come mansioni “discontinue prestazioni notturne di cura alla persona”.
La categoria di assistenza notturna viene retribuita secondo dei parametri specifici.
Per essere inquadrata come “discontinue prestazioni notturne di cura alla persona”, l’assistenza prestata deve avere carattere di discontinuità: prevede infatti attesa, ma non sempre assistenza. Il lavoratore si obbliga perciò a garantire al datore di lavoro la propria disponibilità allo svolgimento di prestazioni di assistenza in modo discontinuo o intermittente e in un arco di tempo predefinito: la fascia oraria notturna.
Diverso è invece il caso di prestazioni esclusivamente di attesa - e non di cura, nemmeno discontinua. In questo caso, la prestazione viene inquadrata in una categoria diversa, appunto di "presenza notturna".
Si qualifica come "assistenza notturna" il lavoro prestato in una fascia oraria notturna interamente ricompresa tra le ore 20.00 e le ore 8.00.
Il datore di lavoro dovrà a tal fine provvedere all’assistente un’idonea sistemazione per la notte, qualora non fosse convivente, oltre alla cena e alla colazione.
Al personale convivente dovranno essere in ogni caso garantite undici ore di riposo consecutivo ogni ventiquattro ore.
Nel contratto di lavoro dovranno essere indicate l’ora d’inizio e quella di cessazione dell’assistenza e il suo carattere di prestazione discontinua.
Le “discontinue prestazioni notturne di cura alla persona” hanno dei parametri specifici di remunerazione. Fanno infatti riferimento alla TABELLA D dei minimi retributivi previsti per legge.
In particolare, nel caso in cui l’assistenza notturna riguardi soggetti autosufficienti (bambini, anziani, portatori di handicap o ammalati), la badante verrà inquadrata nel livello B super.
Nel caso in cui l’assistenza TABELLA riguardi soggetti non autosufficienti, la badante verrà inquadrata nel livello C super (se non formata) o D Super (se formata).
Massimo 10 ore non consecutive al giorno se convivente fino a 54 ore settimanali.-
Massimo 8 ore non consecutive al giorno se non convivente fino a 40 ore settimanali.-


Assegno per il Nucleo Familiare:

I lavoratori domestici hanno diritto alla corresponsione dell’ assegno per il nucleo familiare, ma a differenza dei lavoratori subordinati il pagamento non avviene da parte del datore di lavoro, bensì direttamente dall’INPS. La richiesta va quindi effettuata direttamente all’INPS via internet, tramite accesso alla propria area riservata sul portale www.inps.it o tramite patronato.
L’assegno per il nucleo familiare è pagato direttamente dall’INPS con due rate semestrali posticipate secondo la modalità scelta dall’interessato nel modello di domanda (bonifico presso l’Ufficio Postale, accredito sul conto corrente bancario o postale).
La misura dell’assegno varia oltre che in base al reddito lordo complessivo e al numero dei componenti il nucleo familiare anche in base alle ore di lavoro:
Ai lavoratori domestici spettano tanti assegni giornalieri quanti ne risultano dal quoziente che si ottiene dividendo per quattro il numero delle ore di lavoro risultanti dalla contribuzione complessivamente versata o dovuta nel trimestre, da uno o più datori di lavoro, e per un massimo di sei assegni giornalieri per ogni settimana.-


Minimi salariali anno 2016

LivelloConviventi - Paga MensileNon Conviventi - Paga Oraria
A624,654,54
AS738,235,68
B795,015,68
BS851,806,02
C908,606,35
CS965,386,69
D1.135,737,72
DS1.192,528,06


Presenza notturna livello unico euro 655,89.-
Assistenza notturna
Livello BS Assistenza a persone autosufficienti euro 979,57.-
Livello CS Assistenza a persone non autosufficienti (non formato) euro 1.110,18.- (7,20 x ora)
Livello DS Assistenza a persone non autosufficienti (formato) euro 1.371,42.- (8,68 x ora)

Vitto e AlloggioValore GiornalieroValore Mensile
Pranzo e prima colazione1,9157,30
Cena1,9157,30
Alloggio1,6649,80
Totale5,48164,40



CONTRIBUTI ORARI DEL 2016

Rapporti di lavoro a tempo indeterminato:
a) Orario fino a 24 ore settimanali
Retribuzione oraria effettiva fino a 7,88 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,39 (0,35)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,40 (0,35) 
Retribuzione oraria effettiva da 7,88 a 9,59 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,57 (0,40)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,58 (0,40)
Retribuzione oraria effettiva oltre 9,59 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,91 (0,48)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,93 (0,48)

b) Orario oltre le 24 ore settimanaliQualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,01 (0,25)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,02 (0,25)

*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari


Rapporti di lavoro a tempo determinato:
a) Orario fino a 24 ore settimanaliRetribuzione oraria effettiva fino a 7,88 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,49 (0,35)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,50 (0,35) 
Retribuzione oraria effettiva da 7,88 a 9,59 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,68 (0,40)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,69 (0,40)
Retribuzione oraria effettiva oltre 9,59 
  • con CUAF Contributo orario euro 2,05 (0,48)
  • senza CUAF Contributo orario euro 2,06 (0,48)
b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,08 (0,25)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,09 (0,25)

*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari

Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

174 commenti:

  1. buongiorno! lavoro preso una famiglia 11 anni ,vorei sapere quanti giorni di ferii mi spettanno,quanti giorni di anzianita ho diritto.grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scatti di anzianità
      Per ogni biennio di servizio presso lo stesso datore di lavoro spetta al lavoratore un aumento pari al 4% sulla retribuzione minima contrattuale, per un massimo di 7 scatti.-
      Ferie
      Indipendentemente dalla durata dell'orario di lavoro, per ogni anno di servizio il lavoratore ha diritto a 26 giorni lavorativi di ferie se la distribuzione dell'orario di lavoro settimanale è su 6 giorni (occorre proporzionare se i giorni lavorativi sono inferiori a sei). La retribuzione dei giorni di ferie è maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto se dovuto. Le ferie non possono essere monetizzate (salvo i giorni non goduti che residuano alla cessazione del rapporto di lavoro).-

      Elimina
  2. Buongiorno. Volevo chiedere una cosa x favore : Siccome la badante che avevi assunto x mia mamma si e' comportata con noi molto male e ha poi abbandonato il lavoro da un giorno non vorrei che se la licenzio io lei abbia diritto alla disoccupazione. Lei xro' non vuole dimettersi ma qui e' da giovedì scorso che se ne e' andata. C'e' un modo x chiudere il contratto con lei senza doverla x forza licenziare ? Mi scoccia che dopo tutto il male che ha fatto possa pure aver diritto x un qualche mese alla disoccupazione. In questo caso lei andrebbe magari a lavorare in nero e in piu' prenderebbe 6/700 € di disoccupazione. Con devo procedere ? Grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Si può chiudere un contratto di lavoro a tempo indeterminato solo o con le dimissioni o con il licenziamento.-

      Elimina
  3. Buona sera avvocato....per favore spiegatimi com'è procedere?io sto per fare la domanda della cittadinanza ,ma dal primo di settembre sarò senza lavoro in disoccupazione la famiglia non ne in grado da tenere la badante ,dopo le estate dicono che prenderanno solo un aiuto in casa resto lo faranno le figlie...la domanda e questa :com'è posso procedere io in questa famiglia ho ultimi tre anni e il redito che richiede la legge.....ma non posso fare la domanda prima di essere licenziata perché non ho il certificato penale dal mio paese di origine ...potrò averlo solo a ottobre ...e anche cambio la regione passo da Lombardii nelle Marche...potrò registrare la disoccupazione e fare la domanda per la cittadinanza la?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Potrai presentare la domanda di cittadinanza solo quando avrai trovato un nuovo lavoro.-

      Elimina
  4. Buonasera
    Volevo chiedere una cosa.. si come ho sostituita mio amico per lavoro badante mese di dicembre. mi ha pagato solo 850 euro.. ho lavorato anche dei giorni 8 dic e 26 dic.. volevo chiedere se quel giorno che ho lavorato si paga a parte o compreso dal 850 euro? perche prima mi ha detto mio amico che quello non e stata pagata per non ci credo.. perche per un mese mi fa 900 visto che non sono entrata 2 giorni 25 dicember e 1 gennaio.. allora mi ha tolto 50 euro.. volevo chiedere se giusto o no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per contratto i giorni festivi lavorati devono essere pagati a parte, in aggiunta quindi alla normale retribuzione mensile.-

      Elimina
  5. Salve, dovrei assumere per 1 mese una badante per la notte, per mia madre non autosufficiente. Generalmente dorme tutta la notte,o di aiutarla a sedersi sulla comoda per i propri bisogni. La cura e l'igiene della persona è affidata alla badante che viene alle ore 9. Mi sono state richieste cifre assurde e in nero(80 euro a notte), quanto mi viene a costare il mensile compreso di tutte le spettanze e i contributi? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Presenza notturna:
      Retribuzione mensile euro 655,89 + 13/ma + TFR + contributi.-

      Elimina
  6. Salve avocato, sono una colf convivente con un contratto di 25 ore settimanali livello BS con un stipendio di 850 euro, premetto che cuccino a annaffio aiuta la sig (autosuficiente) a lavarsi vestirsi massaggi medicine la accompagno dal dottore faccio autista per tutta la famiglia anche quelli che nn vivono in casa la portò a bingo e devo stare lì con lei fino alle 2 notte, voglio chiedere è giusto così? Se no avocato mi dica lei cosa devo fare? Sono qui da 2 anni e un altra cosa sono libera mercoledì dalle 14.00 alle 20.00 e sabato dalle 8.00 alle 20 più le 2 ore al giorno. Nella mia giornata libera è giusto che io torno acasa e faccio le faccende? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicoleta!
      Con un contratto di 25 ore settimanali tu devi lavorare solo per le 25 ore settimanali previste dal contratto, quindi al di fuori dell'orario di lavoro Tu non hai alcun obbligo con il datore di lavoro.-
      Ti consiglio di rivolgerti eventualmente alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
    2. chi è responsabile di questo tipo di contratto?

      Elimina
    3. I contratti vengono sottoscritti sia dal datore di lavoro che dalla lavoratrice, quindi la responsabilità è di ambo le parti.-

      Elimina
  7. e diritto di fare contratti lavoro senza questo dipendente? Perché sono autorizzati a stipulare contratti lavoro come badante 40 ore per le persone non autosufficienti? è comprensibile che le persone sono sfrutana e sono nulle nel loro tempo libero? alcuni controlli come i dipendenti sono contratti sindacali? proposte da fare contratti meno ore provengono da loro, in modo che siano evazorii e sfrutatorii di Lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se i contratti non vengono rispettati dal datore di lavoro, ci si può rivolgere a un sindacato per farsi tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  8. Come tutela della CISL Internazionale, quando i contratti possono essere fatte senza questo? se i membri della famiglia non vogliono sedersi con la persona nonautosuficiente almeno un'ora, come badanti può essere presente al sorteggio che contratto? Dove si trova le badanti giusto in questi casi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se i contratti non vengono rispettati dal datore di lavoro, ci si può rivolgere a un sindacato per farsi tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  9. Gentile Avvocato, sono appena stato nominato amministratore di sostegno e devo assumere una badante con il contratto più giusto possibile. Nel mio caso l'anziano da assistere non è autosufficiente e VIVE ufficialmente NELLA CASA DELLA BADANTE(non formata), di conseguenza, bisogna considerare anche la presenza notturna. In questo caso quale sarebbe il tipo di contratto giusto da applicare. Come si possono gestire i giorni di riposo e le ferie? Si possono pagare vitto e alloggio (164,40) fuori dalla busta paga oltre che un contributo per le spese luce, gas e riscaldamento? E' vero che la badante dovrà pagare a fine d'anno con il 730, 6000 euro di tasse se supera le 25 ore di contratto alla settimana? Grazie della sua gentile e professionale risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessun contratto prevede che una persona possa lavorare sia di giorno che di notte, perché una badante può lavorare al massimo per 54 ore settimanali, o di giorno o di notte.-
      E' vero che la badante è obbligata per legge a presentare la dichiarazione dei redditi, perché deve pagare le tasse sui suoi redditi come tutti gli altri contribuenti.-
      Ovviamente la cifra hai indicato non è corretta perché si deve pagare il 23% di IRPEF solo sulla parte eccedente gli 8.000 euro di reddito annuale.-
      Per quanto riguarda eventuali cifre fuori busta, Ti faccio rilevare che si tratta di evasione contributiva per il datore di lavoro ed evasione fiscale per la lavoratrice, con tutto quello che ne consegue.-

      Elimina
    2. Mille grazie Avvocato! Lei è stato molto chiaro, preciso e utile. Credevo che soldi fuori busta paga destinati alle spese di cibo, luce, gas e riscaldamento non potevano essere considerati evasione visto che sono facilmente giustificabili avendo l'assistita il domicilio in casa della badante, e che io avrei contribuito soltanto con la sua percentuale d'uso. Inoltre pensavo che le tasse incluse nelle bollette e/o scontrini fossero più che sufficienti. La mia intenzione è quella di fare il meglio per la badante in modo completamente legale, però dopo la sua risposta ho capito che le 2 cose, nel mio caso, non siano molto compatibile. Ho paura che l'unico modo per risolvere questo dilemma sia quello di portare la mia parente in una casa per anziani. La ringrazio di cuore nuovamente e complementi per la sua gentilezza e disponibilità ad aiutarci con la sua ottima preparazione.

      Elimina
    3. Ti ringrazio per i complimenti e in effetti concordo con la soluzione che hai mente, perché magari puoi trovare pure una badante disponibile giorno e notte, ma corri sempre il rischio che prima o poi ti presenti il "conto", e in questi casi sarebbe piuttosto "salato".-

      Elimina
  10. Buon giorno avocato! Due domande avrei da fare! Assunta come badante nonconvivente contratto indeterminato dal dicembre 2015, 40 ore settimanali con 6.64 tariffa oraria. Con 2016 la tariffa non è aumentata a 6.69. E giusto o doveva cambiare? Inizialmente sono assunta per la signora con Alzheimer severo che deve essere sorvegliata ogni minuto. Nel frattempo anche il marito e arrivato nella stessa situazione. Praticamente il mio lavoro e radoppiato. Come mi devo comportare dal punto di vista contrattuale? Grazie per il suo lavoro, siete di un grande aiuto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      - In effetti dal 1° gennaio di quest'anno la tariffa è aumentata, quindi devi richiedere al Tuo datore di lavoro che venga rispettato il contratto.-
      - Il Tuo contratto prevede che nell'ambito dell'orario di lavoro contrattuale tu debba svolgere le mansioni che ti vengono assegnate, a prescindere quindi dal numero delle persone da assistere.-

      Elimina
  11. Buonasera avvocato ho iniziato a lavorare in una famiglia con un anziano non autosufficiente non ho una busta paga non mi danno la domenica libera mi danno solo l'accompagno di 490 al mese ma a tratti non usufruisco del vitto ma solo un alloggio di loro proprietà come devo comportarmi lavoro dalle otto di mattina alle otto di sera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  12. Gentile avvocato faccio la badante da aprile senza una busta paga e un contratto e nemmeno la domenica di riposo lavoro dalle otto di mattina alle otto di sera senza il vitto che non voglio usufruisco solo dell alloggio perché ho tre figli minori come devo comportarmi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  13. Egregio Avvocato,
    sono una badante convivente orario settimanale 54 ore livello C super.
    Volevo chiederle un informazione io ho diritto alla 14esima?
    La ringrazio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Il CCNL colf e badanti prevede solo 13 mensilità all'anno, oltre ovviamente al TFR.-

      Elimina
  14. Buongiorno,avocato,lavoro badante dal 02/01/2015,con contrato indeterminato 25 ore,livello C supe
    r,stipendio 950,25 conviventi,quanto mi aspetta per disucupazione,Perche entro 15 agosto mi licenzia per suo motivo di soldi,e come se calcola licenziamento,tutto quanto fine de raporto piu me no quanto prendo fine de raporto? E se posso fare la domanda do disucupazione grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valentina!
      SI!
      Se verrai licenziata avrai diritto all'indennità di disoccupazione (NASPI) che potrà durare al massimo per la metà delle settimane lavorate.-
      L'importo dell'indennità per le badanti non è legato alla retribuzione ma all'entità dei contributi versati all'INPS, e nel tuo caso per i primi 3 mesi sarà pari a circa la metà dello stipendio.-

      Elimina
  15. Buongiorno avvocato.Lavoro come badante convivente con contrato BS, 54h set.(9 ore al gg), 1 giorno libero,facio: cucinare,stirare,pulizia (casa 2 piani), punture insulina (signora con diabete),farmaci.Sto facendo pulizie intorno di casa,in giardino.Una domanda:sono tute mansioni di badante? Anche fuori di casa? La ringrazio. Nadia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nadia!
      Purtroppo SI!
      All'interno dell'orario di lavoro contrattuale, Tu devi svolgere tutte le mansioni che ti vengono assegnate dal datore di lavoro.-

      Elimina
  16. Buongiorno,
    sto cercando una badante per i miei suoceri, 2 persone autosufficienti di 75 e 80. Vorremmo assumere con contratto a 54 ore settimanali offrendo vitto e alloggio.
    Molte delle badanti che abbiamo incontrato, dicono che se ci sono due persone, anche se le ore rimangono 54 hanno diritto ad uno stipendio più alto (1.200 euro).
    Mi conferma che indipendentemente dal numero di persone il minimo contrattuale dipende da livello e numero di ore settimanali?
    Grazie in anticipo.

    Alfredo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alfredo!
      Confermo!
      La normativa prevede per le badanti una retribuzione legata alle mansioni che svolgono e all'orario di lavoro previsto dal contratto, a prescindere quindi dal numero di persone da assistere.-
      Ovviamente le parti possono anche concordare una retribuzione più elevata rispetto a quella minima prevista dal contratto.-

      Elimina
  17. Buona sera avvocato, sto lavorando come badante ad una signora autosuficiente e no, gli serve un po piu di aiuto, penso che sono nella categoria BS, comunque vorrei dire che io giovedi di pomerigio sono libera 4 ore e mezzo, e la domenica 8 ore e mezzo, e le ore che sto în casa non mi vengono pagate, opure io ho il contrato di lavoro dal 1 maggio 2015, e sono andata în paese mio un mese al dicembre, pero le ferie sono state pagate per îl periodic 1 maggio-31 dicembre.Adesso in agosto devo andare un altra volta în mio paese come ferie di questo anno, 2016, per il signore duce che non si pui, io gli lascio un altra ragaza nel mio posto per quanti tempo non ci sto.Vorrei sapere se mi deve pagare le ore che sto în casa visto che non sono libera 12 ore la domenica e 6 ore îl giovedi, e se ce un problema che prendo le ferie în agosto per anno în corso visto che lascio la ragaza nel mio posto? Grazie anticipate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La normativa prevede che le ferie o vengono concordate tutte all'inizio dell'anno o per la metà può decidere il datore di lavoro e per l'altra metà può decidere il lavoratore.-
      Le ore che stai in casa al di fuori dell'orario di lavoro devono esserti pagate come straordinari.-

      Elimina
  18. Buonasera Dott. Censori. Mi chiamo Nadia. Lavoro come COLF da sei anni (20 ore settimanali). Da circa un anno e quattro mesi la mia datore di lavoro e la sua famiglia si sono trasferiti in altro comune di residenza. Adesso faccio 11 km ad andare e 11 km. di ritorno. Lavoro con il contratto sul indirizzo vecchio. Perché gli dico questo? Perché prima era una casa a due piani in campagna con le scale ad interno. Adesso e un appartamento in condominio. Oltre il lavoro che faccio in appartamento , mi fano pulire le scale del condomino, quando e il turno della sig.ra e quando e il turno della sua figlia, dicendomi che nella vecchia casa erano le scale ed io le pulivo…e per forza …erano le scale dentro la casa.. Da poco mi sono accorta che hanno messo la videocamera e non sono stata avvisata. Quando mi sono accorta mi hanno detto che e stata messa per spiare i gatti .Mi sono accorta perché la videocamera reagisce al movimento – cosi arrivano i messaggi sul telefono cellulare del loro figlio. Quando e lo detto che telefono “fischia” da tanto tempo pensando che lui non sente – lui mi ha risposto che e una cosa sua e lui lo sa perché… non mi la detto mica che ce la videocamera. Mi ha detto dopo un può suo padre quando io mi sono accorta. Adesso che e molto caldo sudavo tantissimo e mi cambiavo li. E non sapevo che ce la videocamera. Io soffro di ansia e loro lo sano. Mi sento osservata e non sto tanto bene. Poi…ogni mattina quando arrivo io spengono l’aria condizionata… e questi gg e molto caldo… Loro escono , figlio ho fa dei giri in paese o va a lavorare… Questi 4 ore io sono in movimento….dopo le pulizie stiro e cosi e tutti i giorni… venerdì faccio delle pulizie più profonde…accendono solo quando cominciano a sentire caldo loro ed io in quel momento sono tutta bagnata di sudore. Martedì gli ho chiesto di accendere l’aria condizionata magare al livello più basso che veramente non si respirava e la loro risposta e stata :” Io alla tua età con il caldo lavoravo nei campi”… Mi sono sentita male. Quando hanno visto che ero bianca come il muro - hanno accesso l’aria condizionata a manetta. Adesso sono in malattia. E questo non e la prima volta che per colpa di loro io sto male. Tempo fa la loro figlia non lo so cosa voleva … mi aveva detto che da tanto tempo mi supporta, che la pulizie le faccio malissimo… che ogni volta alla sera trova la casa sporca…e tante altre cose. Io pulisco tutti i giorni e tutti i gg al mattino la casa e sporca….e normale… In casa ce una dona che non riesce a fare nulla perché e disabile e ci sono due maschi, gatti che gli devo stare sempre dietro, ma io sono li solo 4 ore. Sono andata dai sindacati perché la figlia della sig.ra diceva che mi volgeva ridurre l’orario di lavoro da 20 ore a 10 … ma cosi io manco per il biglietto del pullman non guadagnerò … Sono stata dentro 5 minuti, di quale la sig.ra quasi a meta a parlato al telefono . ala fine mi aveva detto (in parole povere) che per la mia tranquillità devo piegare la testa e andare avanti… e che io non devo firmare la faccenda delle diminuzione del orario del lavoro. E che le può fare una lettera in quale li farà nottare che il figlio (47-enne) della sig.ra non dovrà più camminare d’avanti a me in mutande. La lettera non e stata mai mandata perché lui continua a girare in mutande… Non so dove andare e cosa fare. Mio marito e rimasto senza lavoro. Lavoro un mese ..due… poi di nuovo e in ricerca di lavoro…se anche io rimango a casa…non so cosa fare…

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nadia!
      Spero che il sindacato al quale ti sei già rivolta non sia la CGIL, Ti consiglio quindi di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
    2. Buongiorno Dott. Censori. Vi ringrazio tantissimo per la vostra risposta. Io circa un anno fa ho preso l'appuntamento a CGIL di San Giovanni in Persiceto. All’appuntamento e venuta la Sig.ra Danila Zivieri che fa parte di FILCAMS - CGIL di Bologna. Sul un libricino che lei mi aveva dato la sig.ra Danila mi ha lasciato il suo nome/cognome e sotto ce l'indirizzo di FILCAMS-CGIL di Bologna...numeri di telefono e gg in quali io la posso contattare. E come abbiamo capito che solo lei viene agli appuntamenti di San Giovanni. E cosi come non abbiamo capito niente e non abbiamo risolto niente con lei - abbiamo deciso con mio marito di non rivolgermi da loro. E possibile di andare da un altro sindacato? Io vivo a Crevalcore e la sede più vicina e san Giovanni. Ma li non ho risolto quasi niente.. Mi aveva detto solo di non firmare la lettera dove la figlia della mia datore di lavoro mi diminuiva l’orario di lavoro. Tutto sommato da li sono uscita con più domande di quando sona entrata.

      Elimina
    3. OK!
      Se volete rivolgervi a un altro sindacato non c'è problema, l'importante è che ne scegliate uno di vostra fiducia e che vi atteniate a quello che verrà detto, senza prendere quindi iniziative personali che potrebbero danneggiarvi successivamente.-

      Elimina
    4. Vi ringrazio tantissimo per la Vostra disponibilità.

      Elimina
  19. Buongiorno avvocato
    Vorrei solo sapere un informazione per cortesie si come sto lavorando com'è un badante qualificata con un contratto indeterminato (to ore alla settimana )
    Però qualche volta il mio dattore di lavoro mi chiede :julia domani non viene perché divo uscire, o pomeriggio non deve venire perché ho qualcosa da fare .......ho viene la figlia. ....
    Ho viene la parrucchiera. ..tante volta in soma nel mesi e non mi pago questi ore o mi chiede sabato o Dominica per ricuperare questi ore vorrei sapere sé questo è giusto? Io assisto due persone :il mio dattore di lavoro è una persona non autosufficiente e la sua figlia dawn (6,76) €/ora.
    Grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Non è giusto!
      Tu devi lavorare nelle ore previste dal Tuo contratto, quindi un cambio d'orario per qualche giornata è possibile, ma deve essere concordato, quindi non ti può essere richiesto per esempio di non andare a lavorare il venerdì e recuperare di domenica.-

      Elimina
  20. Salve!Ho lavorato per una famiglia cs/40 ore /sett 1000€/mese per 5 ani.sono stata licenziata e ho visto che la disoccupazione e più bassa di quello che mi aspettavo perché loro hanno fatto cosi per non pagare più contributi.Ho aperto una vertenza con cigl per la differenza da 40 ore a 54 come era normale senza dire niente di 15 ore di lavoro/giorno e altre 2-3 volte svegliata di notte per fare massaggi e altre cose alla nonna che soffriva di inssonie.La figlia della sig per quale ho lavorato ha offerto 6000€ e sindacato ha chiesto 9000€ per i straordinario fatto.Ho domandato gentilmente che conteggio hanno fatto i sindacati e hanno evitato di dirmi.Non so cosa fare perché mi sembra poco e ho l'alternativa di andare avanti in tribunale.Ho 2 testimoni che hanno lavorato in quella casa per 10-12 ani in nero.Lei che mi ha sempre consigliato il meglio ,cosa mi raccomanda di fare?grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dalle mie parti c'è un proverbio che dice "è meglio un uovo oggi che una gallina domani", questo per dirti che se non trovate un accordo l'alternativa è una causa che può durare diversi anni, dall'esito incerto, e con spese legali che in parte saranno comunque a tuo carico.-

      Elimina
    2. Grazie mille!

      Elimina
  21. buona sera avocato sono una badante che lavoro da 6 ani per una donna di 90 ene ,ors sono in malatia da 2 mesi operata a un piede sono in gesso datore di lavoro mi ha mandato la litera di licenziamento senza firmare e normale essere licenziata mentre ho ancora la malattia ? ho il contratto da 30 ore ,liv cs ma io lavoravo di piu grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio...
      Impugna il licenziamento ! C'è un termine.
      Vai dal sindacato.
      Ti devono aspettare e pagare 180 giorni se non sbaglio.

      Elimina
    2. L'art. 26 del C.C.N.L. inerente la retribuzione della malattia delle colf e/o badanti.Come primo dovere, il datore di lavoro, una volta ricevuto il certificato medico entro 2 giorni dall'inizio della malattia fatto emettere dal lavoratore entro il giorno successivo al verificarsi dell'evento, avrà l'obbligo di mantenere il posto di lavoro per un periodo di tempo variabile in base all'anzianità di servizio della colf e /o badante, sia questa convivente che non convivente. Il periodo di conservazione del posto di lavoro è pari a:
      10 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica (sia convivente che non convivente) con anzianità inferiore a 6 mesi;
      45 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica con anzianità di servizio compreso tra i 6 mesi ed i 2 anni;
      180 giorni di calendario (incluse le domeniche) se l'anzianità di servizio della colf è superiore a 2 anni.

      Elimina
  22. Salve Avvocato. .lavoro da 1anno e 5 mesi con una persona malata 24/24 nessun contratto. .anno scorso ferie un mese non pagate, niente tredicesime.
    Quest anno ho chiesto dì pagarmi le ferie e invece loro fanno i problemi.
    Vorrei sapere i miei diritti. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando si lavora in nero, si evadono tasse e contributi, quindi non si hanno nemmeno diritti da far valere, pertanto l'unico consiglio che posso darti è quello di cercare di farti mettere in regola.-

      Elimina
  23. Salve avocato, io ho una domanda, quale è il mio pagamento, sto lavorando per una famiglia 24 su 24 ore.la famiglia e di nonno 83 anni , suo figlio 50 anni e suoi due figli 13 e 8 anni . devo lavare fare polizie stirare cucinare e speso inpegiarmi con il ragazi. La matina comincio alle ore 8 spesso 7 fino 22 la sera, sabato alle 8 da 14. Grazie mille per la risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il livello BS Conviventi, per un orario di lavoro di 54 ore settimanali, prevede una retribuzione di 851,80 euro + 13/ma + TFR + 26 giorni di ferie + contributi.-

      Elimina
  24. Buin pomeriggio Sg.r Censori
    complimenti e grazie del vostro utilissimo blog
    ho un quesito.sono stara assunta come badante con contratto A CS 40 o conviventi.ma leggendo commenti precedenti mi sembra di capire che dovrebbero essere 54 ore cosi no sarei penalizzata un domani al mimenti di usufruire della Naspi e di conseguenza nella pensione.in oiu chiedo quali effetivamente sono le mie mansioni? Oltre a dare compagnia e badare al anziano signore? Un'ultima cosa i giorni festivi vanno goduti per tutte le 24 ore?
    Cordiaku saluti e grazie . Patricia
    i

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patricia!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      In effetti con un contratto di 40 ore invece di 54 ore settimanali, si pagano meno contributi all'INPS, e questo vuol dire un'indennità più bassa in caso di NASPI e una pensione più bassa.-
      Nell'ambito delle 40 ore settimanali di lavoro, tu devi svolgere tutte le mansioni che ti vengono assegnate dal tuo datore di lavoro.-
      Non capisco che significa 24 ore, nel senso che la giornata festiva non si deve lavorare.-

      Elimina
  25. Buona sera Sigr. Censori
    grazie per l'informazione fornita me.
    chiedo se è corretto inserire due livelli nel contratto e che la retribuzione sia sempre quella del cs? Cioè €965?
    Ancora grazie
    buon lavoro
    Patricia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patricia!
      NO!
      Nel contratto deve risultare solo un livello che deve corrispondere alle mansioni svolte (livello CS = Assistente a persone non autosufficienti).-

      Elimina
  26. Buongiorno Avvocato, nell' agosto 2014 ho dato le dimissioni per giusta causa, mi è stata riconosciuta la disoccupazione e ho iniziato a percepirla da settembre 2014 a sett. 2015.
    Ora dal 16/05 sono stato assunto come badante per persona autosufficiente, il lavoro è a tempo indeterminato ma purtroppo il signore che curo probabilmente visto i costi vuole rifare il contratto con mansione colf pulizie con qualche ora alla settimana.
    A questo punto venendomi a mancare lo stipendio pieno volevo sapere se posso chiedere la disoccupazione.
    Ora ho compiuto i 55 anni, sono nato nel novembre 1960, so che per chi ha compiuto i 55 anni la disoccupazione dovrebbe essere erogata per due anni.
    A fine mese luglio 2016 verrò licenziato, ora non so che fare. Bastano questi mesi che ho lavorato per avere diritto o devo farmi assumere per le eventuali pulizie come colf?
    Grazie per una Sua cortese risposta. Sergio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sergio!
      Purtroppo la normativa è cambiata!
      La nuova indennità di disoccupazione (NASPI) potrà durare al massimo per la metà delle settimane lavorate, quindi per 3 mesi di lavoro durerà fino a un mese e mezzo.-

      Elimina
  27. Buon giorno Sgr. Censori
    Chiedevo se nel contratto potevano essere inseriti più livelli e giustamente lei mi conferma che non è possibile e cosi scrivo cosa ce di preciso:

    Le mansioni sono quelle di: Ass.za-cura casa.
    Il collaboratore familiare viene inquadrato nella:tabella A-CS
    ecco forze io interpreto male?
    Grazie ancora
    Buon lavoro
    Patricia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patricia!
      Il Tuo inquadramento è:
      Tabella A - Livello CS

      Elimina
  28. Salve Avocato.no capisco mio contracto:scritto -contracto -lav.domestici,mansione badante,qualifica 1collaboratore,settore contrib 300 lav.domestici.profilo contrib. 100 CTR C/DIP.altro sono andata in ferie dove 5 luglio stava festa patronale,anno scorso scritto festività grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la festa del patrono capita in una giornata lavorativa e non si lavora, si ha diritto alla normale retribuzione mensile come se si lavorasse.-

      Elimina
  29. Grazie Avvocato. Lei prendendosi l'impegno di aiutare chi brancola nel buio su questioni così burocratiche dà un grande aiuto e un senso di fiducia che aiuta tutti noi, comuni mortali nel capire con parole chiare e precise come comportarsi e agire.
    Ho postato la mia richiesta il giorno 27 Luglio e Lei gentilmente mi ha risposto il giorno successivo.
    Grazie e complimenti vivissimi.
    Sergio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sergio!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  30. Buongiorno avvocato,
    sono Nadia, lavoro come badante in Italia da più di 10 anni ed in tutti questi anni ho fatto regolarmente il modello Unico ed ho usufruito delle detrazioni dei miei figli a carico.
    Quest'anno il Patronato sostiene che per beneficiare delle detrazioni necessitano i codici fiscali, purtroppo sono impossibilitata a fornirli perchè i miei figli sono residenti in Ucraina e non corrispondono con i documenti fiscali italiani..
    Volevo sapere gentilmente da Lei se tutto ciò è vero e se è cosi come posso risolvere.
    Inoltre vorrei sapere, essendo stata assunta attualmente da un anno e mezzo, quanti mesi di aspettativa posso chiedere al mio datore di lavoro per recarmi in Ucraina senza correre il rischio di essere licenziata.
    In attesa di una Sua gradita risposta colgo l'occasione per ringraziarLa e salutarLa cordialmente.
    Nadia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nadia!
      - Purtroppo è vero! Per poter richiedere le detrazioni fiscali per i figli a carico è necessario richiedere i codici fiscali, anche se non sono residenti in Italia, occorre quindi risolvere il problema rivolgendosi all'Agenzia delle Entrate.-
      - Per legge il datore di lavoro non è obbligato a concederti un periodo di aspettativa non retribuita, quindi se vuoi evitare di essere licenziata devi fornire una motivazione valida e concordarne la durata.-

      Elimina
  31. Buongiorno sg.avocato.Con permesso chiedo a Lei una risposta ,io lavoro come badante 24/24con la nonna non autosouficente,i n piu ce sono anche il nonno di 90 enne,e loro figlia con la famiglia.Eri d'accordo che faccio come badante solo con la nonna,e preparo da mangiare per due.A fine il nonno a dementia senile e devo curare anche lui,e in piu stiro per tutta la famiglia di figlia.la mia paga mensile e 900€,con due ore liberi al giorno,e 12 ore a domenica.Ancora non ho contratto.Sto lavorando qui 4 mese.Vorrei chiedere Lei e giusta questa paga,se la nonna ha bisogo e mi svegla anche a notte o mattina presto(alle 5-7),e dopo durante tutta la giornata io sto con loro ,faccio lavori Domestici e cosa hanno bisogno,fine alle 22.00,stiro per tutti e a fine curo due personi anziani.Grazie mille .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo se non hai un contratto vuol dire che lavori in nero, quindi non paghi ne tasse ne contributi, e questo vuol dire che non hai nemmeno diritti da far valere, ti consiglio pertanto di farti mettere in regola prima possibile, e di rivolgerti eventualmente alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  32. Buongiorno avv.Censori
    Sono una mamma italiana, che per guadagnare soldi faccio la badante a una signora anziana non autosufficiente. Lavoro 7gg su 7 ,
    Tutti i giorni dell anno.
    Le mie uniche ore libere sono:dalle 7 alle 8, dalle 13 alle 17, dalle 20 alle 21.
    Devo cucinare sempre x due ( anche x il figlio), lavare e stirare x entrambi. Se viene la figlia devo cucinare e pulire tutto io. una volta al mese devo pulire la casa al figlio che abita a fianco.tutte le notti dormo su un divano scomodissimo, dentro la stanza della cucina.mangio e mi lavo a casa mia. Tutto x 800 euro al mese.senza assunzione.
    Io vorrei chiederle quali sono i miei diritti?
    E se li pretendo e lui mi caccia via, cosa posso fare?
    Spero mi risponda
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo se non hai un contratto vuol dire che lavori in nero, quindi non paghi ne tasse ne contributi, e questo vuol dire che non hai nemmeno diritti da far valere, ti consiglio pertanto di farti mettere in regola prima possibile, e di rivolgerti eventualmente alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  33. Buonasera avvocato Censori, ho bisogno di un chiarimento. La badante che assiste mio padre, convivente CS da 6 mesi, mi ha annunciato che vuole lasciare immediatamente il lavoro senza preavviso. Come mi devo regolare per chiudere il rapporto di lavoro correttamente?
    La ringrazio per la risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preavviso per Licenziamento o Dimissioni
      Il rapporto di lavoro domestico può cessare per libera volontà del lavoratore e del datore di lavoro.
      Non c'è necessità di motivare l'interruzione del rapporto di lavoro, ma deve essere concesso un termine di preavviso, che varia a seconda che il rapporto di lavoro sia superiore od inferiore a 24 ore settimanali, ed all’anzianità di servizio presso il datore di lavoro. Le parti possono regolare tra di loro questi termini, che però non possono comunque essere inferiori a quelli stabiliti per legge.
      In caso di licenziamento, se il lavoratore è impegnato per oltre 24 ore settimanali e ha maturato fino a cinque anni di anzianità presso lo stesso datore di lavoro, il termine di preavviso deve essere almeno di 15 giorni di calendario. Il termine deve essere di almeno 30 giorni se gli anni di anzianità sono oltre i cinque.
      Se invece il rapporto di lavoro è fino a 24 ore settimanali il preavviso dovrà essere pari ad 8 giorni di calendario, fino a due anni di anzianità e 15 giorni di calendario, oltre i due anni di anzianità.
      Nel caso di dimissioni da parte del lavoratore i termini sono ridotti del 50%.-
      Questo significa che se la lavoratrice vuole lasciare immediatamente il lavoro, andranno detratti dalle sue competenze maturate, tanti giorni di paga quanti saranno i giorni di mancato preavviso.-

      Elimina
  34. Buon giorno avvocato sono una badante da poco licenziata mi dice x cortesia cosa devo fare x avere la disoccupazione ho lavorato otto mesi e ho più di cinquant'anni mi hanno licenziato due gg fa grazie di cuore e buon lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per prima cosa devi rivolgerti al Centro per l'Impiego della Tua zona di residenza per iscriverti nella lista dei disoccupati, poi con una copia dell'iscrizione, la lettera di licenziamento, una busta paga ed eventualmente il codice IBAN per un eventuale accredito in conto corrente bancario o postale, potrai rivolgerti al più vicino Ufficio INCA - CGIL per presentare la domanda di NASPI all'INPS.-

      Elimina
  35. Buona sera avocato,ho la storia un po complicata(scuzate per ortografia) dall 1 novembre 2015 ho iniziato a lavorare da un segnior non autosuficiente 8 ore tutti giorni e due volte la settimana anche di notte,ma non ho fatto solo asistenza ma anche autista che portavo la moglie di segnior a fare le visite in farmacia,etc.loro mi anno fatto il contratto solo da 2 dicembre pero il senio e morto in 12 dicembre,non anno pagato ne buone uscite ne niente perche anno detto che comunque resto con la moglie devo asistere lei e mi pagano tutto insieme la fine anno di 2016,io ho continuato il lavoro certo la seniora e stata in ospedale ,pero io andavo da lei tutti giorni,poi ho avuto bisogno di 8 giorni ferie per problemi personli,la seniora fra tempo e stata di pasqua da figlio per 15 giorni,poi ritornata,fratempo sie agravata la sua salute pero continuavo 8 ore all giorno 7 giorni su 7 che con i figli ci siamo messi dacordo che le domeniche lavorate mi danno libero quoando e uno di loro viene da madre,in maggio la seniora e stata in ospedale 5 giorni emoragie all stomaco sono venuti i figli poco la volta stavano con lei e anche io ho fatto una notte poi altre 4 giorni ma solo 3 ore,pero acasa di seniora andavo pulire tutti giorni laavo stiravo le cose suoi,a ritorno dall ospedale i figli mi hanno chiesto di fare 12 giorni 24h-su 24h finno che trovano una soluzione e io o acetato.E vero che su contratto ho 24h settimanale e domenica libera ma io credevo che quelle domeniche mi danno libere,poi in questi 12 giorni che stavo giorno notte mi anno pagato solo notte il resto ci siamo messi dacordo sempre giorni liberi.E arrivato ill figlio di seniora e mia detto che ti ringrazio ma noi ci siamo decisi non prendiamo una altra badante che non ce posibilita lo vogliamo portare a un instituto o detto va bene.Il problema a iniziato quoando ho chiesto di essere pagata per quell giorni di domeniche piu le ore straordinarie la loro risposta e stata che ( nostra madre e stata in ospedale,e stata da uno dei figli cosi non ti toca niente piu nemeno le ferie)si parla di 20 domeniche e di 457 ore straordinarie e 7 giorni di ferie.Io sono andata da sindacato a mandato la letera ma ill problema inizia che io il contratto ho con la seniora e lei e in un instituto non capisce piu niente,il figlio e finanziere il genero in ministero dalle finanze e mi hanno avertito telefonicamente che meglio che mi ritiro che a fine pago io.A questo punto ho messo un registratore sull cellulare adesso quoando mia chiamato la figlia ho registrato tutto.SCUZATE DI QUESTA LUNGA LETTERA MA CON QUESTA GENTE CHE DITE AVOCATO HO LA POSIBILITA DI ESSERE PAGATA O MI DEVO RITIRARE.GRAZIE

    RispondiElimina
  36. SCUZATE AVOCATO MI SONO DIMENTICATA DIIRE CHE IO ILL CONTRATTO DI LAVORO NON HO FIRMATO NE LA DIMISIONE CHE ANNO DETTO CHE SI FA TUTTO ONLINE E SOLO ADESSO HO VISTO CHE AVEVO SCRITO SU CONTRATTO SEMPLICE(BADANTE),IL AVOCATO DA SINDACATO A MANDATO LA LETTERA MA CREDO CHE FARANO LA CAUSA,CHE HO DA FARE?? :( GRAZIE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Tu non ti devi assolutamente ritirare!
      Ti consiglio quindi di ritornare al sindacato che ti aveva preparato la lettera, per aprire una vertenza sindacale per il recupero di tutto quello che ti spetta.-

      Elimina
    2. GRAZIE AVOCATO MI SIETE STATO I GRAN AIUTO NON AVRO PAURA DI ANDARE AVANTI,GRAZIE CHE SIETE SEMPRE DISPONIBILE A AIUTARE LA GENTE.DIO VI BENEDICA

      Elimina
    3. Ti ringrazio per i complimenti!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  37. BUONGIORNO AVOCATO SONO UN RAGAZZO DI 23 ANI LAVORATO COME BADANTE PER 4 MESI MA SONO DA PRIMA VOLTA IN ITALIA,SONO LICENZIATO CHE NON HANO BISONA DI ME PIU POSSO AVERE DESOCUPAZIONE,SONO PRIMA VOLTA IN ITALIA.GRAZIE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se sei stato licenziato hai diritto all'indennità di disoccupazione (NASPI), e la durata sarà pari alla metà delle settimane lavorate.-

      Elimina
  38. Buonasera Avvocato lavoro da giugno 2015 presso un anziana per 12 ore settimanali livello B da giugno 2016 dovrei percepire assegni famigliari,marito disoccupato ,2 figli minori ed 1 di 19 non riesco a calcolare quanto mi spetterebbe percepisco netti circa €320 mensili grazie in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assegno per il Nucleo Familiare:
      I lavoratori domestici hanno diritto alla corresponsione dell’ assegno per il nucleo familiare, ma a differenza dei lavoratori subordinati il pagamento non avviene da parte del datore di lavoro, bensì direttamente dall’INPS. La richiesta va quindi effettuata direttamente all’INPS via internet, tramite accesso alla propria area riservata sul portale www.inps.it o tramite patronato.
      L’assegno per il nucleo familiare è pagato direttamente dall’INPS con due rate semestrali posticipate secondo la modalità scelta dall’interessato nel modello di domanda (bonifico presso l’Ufficio Postale, accredito sul conto corrente bancario o postale).
      La misura dell’assegno varia oltre che in base al reddito lordo complessivo e al numero dei componenti il nucleo familiare anche in base alle ore di lavoro:
      Ai lavoratori domestici spettano tanti assegni giornalieri quanti ne risultano dal quoziente che si ottiene dividendo per quattro il numero delle ore di lavoro risultanti dalla contribuzione complessivamente versata o dovuta nel trimestre, da uno o più datori di lavoro, e per un massimo di sei assegni giornalieri per ogni settimana.-

      Elimina
    2. Grazie per la risposta...ma non riesco a capire come calcolare gli assegni familiari..Mi puo' spiegare in parole semplici queste parole SCUSI L'IGNORANZA ''Ai lavoratori domestici spettano tanti assegni giornalieri quanti ne risultano dal quoziente che si ottiene dividendo per quattro il numero delle ore di lavoro risultanti dalla contribuzione complessivamente versata o dovuta nel trimestre, da uno o più datori di lavoro, e per un massimo di sei assegni giornalieri per ogni settimana''

      Elimina
    3. N. 12 ore settimanali x 4,33 = 51,96 ore mensili x 3 = 155,88 : 4 = 38,97 giornate retribuite in un trimestre x 8,61 (258,33 : 30) importo giornaliero = euro 335,53 euro a trimestre.-

      Elimina
    4. Grazie mille per la risposta Avvocato...

      Elimina
  39. Semplicemente si approfittano della tua disponibilità, sono casi abbastanza frequenti e sono persone come mandavoche (piattole)
    Cerca di documentare le ore che fai di stiro, € 10,00 all'ora poi vai dai sindacati e chiarisci la cosa con l'ufficio vertenze. Auguri
    Quello descritto è un mia considerazione personale.Sergio

    RispondiElimina
  40. Buona sera dottore. Io lavoro da 7anni e mezzo come badante convivente. Il marzo di 2012 il mio datore di lavoro mi ha cambiato il contratto di lavoro(mancanza di soldi diceva lui) da 40 settimanali a 25 ore. Il novembre 2013 ha messo ancora 5 ore quindi adesso sono 30 ore. La mia domanda e coretto un contratto di 30ore settimanale x badante convivente? Ho riposo solo alla domenica 16-17 ore. Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente NO!
      Con un contratto da badante convivente di 30 ore settimanali, vuol dire che per legge tu devi lavorare solo per le 30 ore settimanali previste dal contratto, quindi le ore lavorate in più dovrebbero essere retribuite come straordinari.-
      La mancanza di soldi come sostiene il tuo datore di lavoro, comporta nel tuo caso un'evasione parziale di tasse e di contributi, e quindi minori tutele e minori garanzie per te.-

      Elimina
  41. Dott. Censori buongiorno, Le pongo il mio problema.
    Nel mese di Luglio precisamente i giorni 21-22-23-24 di cui il 23 era sabato e il 24 domenica, il signore che accudisco è andato al mare con suo figlio.
    Premetto che il mio contratto è badante livello b super data assunzione 16/05/2016 e ore settimanali 25 accordandomi con il figlio anche se lavoro dal lunedì al venerdì 24/24 con due ore pausa dalle 14,00 alle 16,00 sabato fino alle 14,00.
    Controllando la busta paga ho notato che avevo 27 ore di ferie maturate, ma mi hanno tolto le ore di ferie dei giorni in cui il signore è andato al mare.
    Ora vedo in busta che dalle ferie maturate alle attuali sono sotto di 3 ore, praticamente maturate 27 godute 30
    Secondo Lei è giusto che mi vengano tolte, dopotutto loro mi hanno lasciato a casa per andare al mare. io avrei voluto prenderle in agosto.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Le ferie o vengono concordate tutte all'inizio dell'anno o all'inizio del rapporto di lavoro per tutto l'anno, oppure per la metà può decidere il lavoratore e per l'altra metà il datore di lavoro.-

      Elimina
  42. Buongiorno,Dott. Censori!Vorrei fare una domanda.Sono tornata dalla scorsa vacanza e ho iniziato a lavorare 1 settembre 2015.Ora vado in vacanza 14 agosto.Lo stipendio di ferie me lo devono dare prima di partire?Giorno ,quando ricevo stipendio e' giorno 10.In senzo,basta 11 mesi per matturarlo,o ne servono 12?E avrei bisogno di un chiarimento,l'indennita di vitto ed alloggio si aggiunge allo stipendio di vacanza?E poi anche vitto ed alloggio per la 13?Percio' dovrebbe essere pagato 2 volte in anno?Come mai l'ho ricevuto,vorrei essere sicura,che l'ho capito bene. Colf convivente,25 ore sett.Mille grazie inanticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Il periodo di ferie va retribuito come se si lavorasse, quindi il giorno 10 del mese successivo a quello di competenza, ma si può eventualmente richiedere un anticipo.-
      - L'indennità di vitto e alloggio va aggiunta nel periodo di ferie e nella tredicesima.-

      Elimina
    2. Mille grazie,dottore Censori!Ho ricevuta la risposta chiarissima!Non prima volta,che Le scrivo,e Lei sempre e' preciso! E' un grande appoggio per tutti noi!Grazie!

      Elimina
    3. Ti ringrazio per i complimenti!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  43. Buongiorno dotor censori sono una signora moldava lavoro come badante in una famiglia guardo la nona di 86ani ho 5 mesi di lavoro però c'è una problema con la spesa mi dicono che non ho dirito ne de fare la lista della spesa ne de chedere cuelo che ci aspeta a una badante di mangiare al jiorno ho un contratto a tempo indeterminato con 54ore settimanale mi dica lei per favore se ho diritto di chiedere i soldi per mangiare grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai un contratto da convivente, deve esserti garantito vitto e alloggio, quindi i pasti e una camera da letto, e non i soldi per mangiare.-

      Elimina
  44. Buongiorno,

    la ragazza che fa assistenza a mia madre, livello c super, con regolare contratto di convivenza, inizierà una scuola di due anni che la tiene occupata dal martedì al sabato mattina. Quali possibilità ci sono per inserire una seconda persona: con che tipo di contratto? il contratto di convivenza per 54 ore che attualmente ho con la prima ragazza come si modificherebbe? grazie per una risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quanto riguarda la ragazza in servizio devi modificarle il contratto riducendo le ore di lavoro settimanali in base alle ore nelle quali è impegnata per la scuola.-
      Contemporaneamente puoi assumere un'altra badante con contratto da non convivente per le stesse ore di assenza dell'altra.-

      Elimina
  45. Buonasera Dottore!!! Volevo chiederle gentilmente come si calcola la tredicesima. Alla tredicesima della badante convivente di livello CS 40 ore settimanali va aggiunto l'indennizzo di Vito e alloggio? Perché ora mi pagano 80.44 mensilmente quando Al lavoro precedente con le stesse condizioni contrattuali mi pagavano 92.32. Qual'è dei due è corretto? Grazie in anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'indennità di vitto e alloggio da aggiungere alla tredicesima è pari a 164,40 euro.-

      Elimina
  46. salve volglio andare in ferie prima di natale, pero il mio datore di lavoro mi dice che io devo lavorare il 24 o in alternativa i devo portare un altra persona e devo pagare io.E giusto cosi? lavoro come colf. grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La normativa prevede che le ferie o vengono concordate tutte all'inizio dell'anno o per la metà può decidere il lavoratore e per l'altra metà può decidere il datore di lavoro.-
      Il datore di lavoro se non è d'accordo con il tuo programma ferie può richiederti di trovare una sostituta, ma ovviamente a sue spese.-

      Elimina
  47. Buongiorno avvocato.
    sono una donna ucraina e lavoro come badante in italia da 10 anni con regolare permesso di soggiorno, ho una nipotina di tre anni residente in Ucraina e vorrei sapere da Lei la documentazione necessaria per poterla far venire in Italia e per quanti mesi potrà avere il permesso di permanenza.
    Nel ringraziarLa in anticipo per una Sua gradita risposta, colgo l'occasione per porgere i miei più cordiali saluti.
    Ludmilla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ludmilla!
      Una bambina di 3 anni ovviamente non può viaggiare da sola, quindi può venire in Italia solo con almeno un genitore che dovrà richiedere un visto al massimo per 3 mesi all'ambasciata italiana in Ucraina con una tua lettera di invito.-

      Elimina
    2. Gentilissimo avvocato,
      grazie per la sua risposta cosi immediata, forse non ho posto bene la domanda, so anch'io che la bambina non può viaggiare da sola, infatti è mia intenzione di recarmi in Ucraina e portarla insieme a me. Volevo sapere da Lei per quanto tempo di permanenza è consentito in Italia di stare con me in assenza dei suoi genitori.
      Grazie ancora per la sua disponibilità, La saluto cordialmente.
      Ludmilla.

      Elimina
    3. Ciao Ludmilla!
      Si può richiedere per la bambina un visto per l'Italia della durata massima di 3 mesi.-

      Elimina
  48. buongiorno avvocato, è da quasi un anno da fare a fine agosto che lavoro come collaboratrice domestica dal lunedi al sabato dalle 9 alle 13. Vorrei sapere cosa ho diritto di percepire nel mese di agosto andando in ferie due settimane tenendo conto che ciò che percepisco mi viene pagato a settimana. grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La normativa prevede che per il periodo di ferie si ha diritto alla normale retribuzione come se si lavorasse.-

      Elimina
  49. Buongiorno avvocato, sono Nicoleta, badante assunta sette anni fa con contratto B 30 ore convivente indeterminato. La mia assistita (persona non autosufficiente invalidità 100%, vedova senza figli) e anche la mia datrice di lavoro. In febbraio 2015 la mia assistita è caduta e ha battuto la testa. Ha cominciato aver perdite di memoria a volte e aggressiva, e adesso ha davvero bisogno di aiuto per fare tutte le cose (alzarsi, vestirsi, andare in bagno, lavarsi etc). Lei mi sveglia di notte per portarla in bagno.
    Ho una domanda, come si deve fare per cambiare il contratto di lavoro da B 30 a CS 54?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicoleta!
      La modifica del contratto deve essere effettuata dal datore di lavoro, che può essere o l'assistita se in grado di intendere e di volere, o dal tutore in caso di interdizione.-

      Elimina
  50. Buongiorno avocato. Sono badante assunta 4 ani fa con contratto 25 ore settimanali livello BS =800€. A maggio ho maturato secondo scatto di anzianità = 864€ . Adesso dal 01.08.2016. Mi hanno fatto livello CS = 938€ . Vorei sapere è giusto ? Scatti di anzianità dove sono finiti? Grazie ! Cordiali saluti.

    RispondiElimina
  51. Aggiungo che sono covinente (24/24)con 30 ore settimanali adesso . Non ho mai ricevuto vita e alloggio per le ferie. Grazie ancora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La paga mensile per un livello CS Conviventi prevista dal contratto è di 965,38 euro.-
      In caso di passaggio del lavoratore a categoria superiore il valore degli scatti si dovrà adeguare al minimo retributivo della nuova categoria di appartenenza.-

      Elimina
    2. Grazie mille per la risposta, avocato. Cambiando il livello BS con CS mi hanno cancellato il vaolore di scatti . E giusto così? Poi vita e alloggio per periodo di ferie non devo avere? Grazie tante ancora.

      Elimina
    3. - NO! Gli scatti di anzianità maturati non devono essere cancellati con il passaggio di livello.-
      - SI! Si ha diritto all'indennità di vitto e alloggio per i giorni di ferie.-

      Elimina
  52. Buonasera Avvocato. Ho appena assunto per mio papà una badante non convivente (pur vivendo al secondo piano dello stesso civico) a 40 ore settimanali. Non sono però sufficienti. Che differenza economica avrei modificsndo il contratto a 54 ore? Grazie, Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola!
      La paga oraria è la stessa e va quindi rapportata al nuovo orario di lavoro, e lo stesso discorso vale per i contributi da versare all'INPS.-
      Per esempio se attualmente la paga oraria è pari a 6 euro (6 x 40 x 4,33) = euro 1.039,20 mensili.-
      Con 54 ore settimanali diventerà (6 x 54 x 4,33) = 1.402,92 euro mensili.-

      Elimina
  53. Salve Avocato non capisco busta paga luglio sono andata in ferie 70ore, lavorato 33ore a ance stava festività.sulla busta paga scritto-retrib.mensile 727.poi ferie godute 471 .20 poi festivita 33.66 .totale competenze 1232.19 da pagare 700e totale ritenute 532.19e cosi?grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti la retribuzione mensile anche sei è in ferie dovrebbe comunque essere di 727 euro + la festività, quindi non ho idea di cosa significa le ritenute di 532 euro, ti consiglio pertanto di chiarire la questione con il datore di lavoro.-

      Elimina
  54. Buongiorno siniora di mio assistito devi andare in ferie.io devo stare con lui 3domenice, 6giorni da alle 8-19 Piper 6giorni e anche giorno 15 agosto.lavoro come badante va non convivente come mi devi pagare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu devi lavorare solo per le ore previste dal Tuo contratto, quindi le eventuali ore lavorate in più devono essere retribuite come straordinari.-

      Elimina
  55. Gentile Gianfranco,intanto grazie per la sua disponibilita' e le informazioni corrette che sono di un grande aiuto a tutti noi ....Allora io lavoro come badante non convivente per una signora con ALZHEIMER,diciamo che mi hanno proposto 6 mesi fa di lavorare solo di notte,ma vi spiego come funziona...inizio lavoro da lunedi a venerdi dalle 17,00 alle 8 di mattino del giorno successivo,fuori di martedi che inizio il lavoro alle ore 16,00,sabato stacco alle 9 di mattino e rientro alle 16,30 e la domenica stacco alle ore 14,.. e faccio il rientro alle ore 19,00......lo so che non si chiama piu come assitenza notturna....ma sono stata d'accordo ma non e conveniente,che poi mi chiedono di rimanere nei giorni delle feste o di rimanere qualche ore in piu' che non ha chi stare con lei...ma figurati si dimenticano di pagare e vengono con tanto di giustificazioni che hanno dimenticato quando ho lavorato o mi dicono chiaramente che non ci sono piu' soldi....insomma le mie domande sono...e chiaro che ho letto tutte l'informazioni sul vostro sito di informazioni..ma voglio essere sicura di darli a loro informazione corretta e di non avere torto...1)CHE LIVELLO DI INQUADRAMENTO NE HO PER ASSISTENZA NOTTURNA PER UNA PERSONA MALATA DI ALZHEIMER CHE STA SVEGLIA TUTTA LA NOTTE E FA DEI CASINI??
    2)QUANTI ORE SONO PREVISTE DI LAVORO PER QUESTO TIPO DI CONTRATTO?
    3)HO IL DIRITTO DI UNA O DUE NOTTE LIBERE A SETTIMANA??VISTO CHE LAVORO DI CONTINUO MA LORO DICONO CHE NON HO DIRITTO AL RIPOSO SETTIMANALE?GRAZIE in anticipo,

    Cordiali saluti,
    Ginevra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ginevra!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Si qualifica come "assistenza notturna" il lavoro prestato in una fascia oraria notturna interamente ricompresa tra le ore 20.00 e le ore 8.00, quindi 10 ore a notte per un massimo di 54 ore settimanali.-

      Elimina
  56. Buonasera avvocato, avrei bisogno di un chiarimento.... devo assumere una badante convivente per una persona autosufficiente e per questo mi sono rivolta alla cgil della mia zona. Siccome mi è stato detto che la paga mensile ammonta a euro 851 indipendentemente dalle ore lavorate che comunque non possono scendere sotto le trenta e che l'unica differenza la si ha nell'ammontare dei contributi pagati vorrei sapere che questo corrisponde realmente a quanto previsto dalla legge. In attesa di una sua gentile risposta, la ringrazio anticipatamente


    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Confermo!
      Alla CGIL ti hanno correttamente informato su quello che prevede la legge!
      Ovviamente sono possibili delle "scorciatoie" magari concordate anche con la stessa badante, ma in questo caso bisogna mettere in preventivo una possibile futura vertenza da parte della lavoratrice, che potrebbe rivolgersi alla stessa CGIL per farsi tutelare ed assistere.-

      Elimina
  57. Buon giorno.Io sono badante.Lavoro in stessa famiglia guatro anni con contratto 31 ore settimanale.Anno scorso sono stata dal 03.03.2015 al 19.03.2015-giorni di malattia, poi dal 20.03.2015 al 11.04.2015-ferie,e poi dal 12.04.2015 al 15.05.2015-per il conto mio. Il guesto anno ho preso il giorni di ferie dal 16.04.2016.Vorei sapere guanti giorni di ferie dovevi darmi.Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ferie
      Indipendentemente dalla durata dell'orario di lavoro, per ogni anno di servizio il lavoratore ha diritto a 26 giorni lavorativi di ferie se la distribuzione dell'orario di lavoro settimanale è su 6 giorni (occorre proporzionare se i giorni lavorativi sono inferiori a sei). La retribuzione dei giorni di ferie è maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto se dovuto. Le ferie non possono essere monetizzate (salvo i giorni non goduti che residuano alla cessazione del rapporto di lavoro).-

      Elimina
  58. Buongiorno avvocato vorei sapere gentilmente ho lavorato per 8 mese come badante giorno notte ho diritto a desocupazione? Per quanti mese? Ho 60 anni. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il diritto all'indennità di disoccupazione la cessazione del rapporto di lavoro deve avvenire o per licenziamento o per scadenza del contratto, e non per dimissioni.-
      La durata della NASPI è pari alla metà delle settimane lavorate, quindi se si è lavorato per 8 mesi, può durare al massimo per 4 mesi.-

      Elimina
  59. Buongiorno avvocato, ho licenziato la mia badante (contratto 54 ore), cosa le spetta? Le pagherò 15 giorni di preavviso e la lascerò nel nostro alloggio per questo tempo. Per il vitto come mi devo comportare ? Gli alimenti sono compresi nella paga che le do o devo fornirglieli ? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla cessazione del rapporto di lavoro la badante ha diritto al pagamento dell'ultima mensilità, preavviso compreso + 13/ma + TFR + eventuale residue ferie.-
      Per il periodo di preavviso o le fornisci gli alimenti o devi corrisponderle la relativa indennità.-

      Elimina
  60. Buonasera avocato, lavoro come badante convivente contrato di lavoro di 54 ore settimanale livello CS (finalmente dopo 10 anni di lavoro nella steassa famiglia ) primi 5 anni ho curato marito e la moglie con contratto di 25 ore settimanale livello BS dopo 5 anni e morto lui e sono rimasta con la signiora per altri 5 anni mă con un contratto di 40 ore settimanale livello BS,da primo di aprilie 2016 ho chesto di cambiamento contratto con 54 ore settimanale livello CS (e stato fatto dall primo di aprile).Tengo a dire che questa senior non ha figli mă di 3- 4 anni ha una tutore che lavora în banca. Îl mio problema e che di quando ho chesto questa cambiamento di contratto io non mi trovo piu bene con loro,mi hanno gridato anche che pagano tanti cotributi, îl tutore vine sempre per mezza ora maxim un ora di giovedi ho di dumenica pomerigio quando non sono io e ho le prove che lei va sul mio conto corente per vedere I miei movimenti,ho îl conto nella steassa banca dove lavora lei.Come facio a licenziarmi e avere îl dirito alla desocupazione dopo tutti questi anni.Grazie avocato!

    RispondiElimina
  61. Scusatemi Avocato vollevo agingere che îl marito di la seniori era non autosuficientee prima di cambiamento ultima contrato ho lavorato le dumenica la meta e le feste la meta senzația mai păgâni straordinari ,Grazie di nuovo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non è possibile!
      Si ha diritto all'indennità di disoccupazione solo in caso di licenziamento e non in caso di dimissioni, quindi devi trovare il modo di farti licenziare.-

      Elimina
  62. Buon giorno sig.Censori,
    dopo 2 settimane di prova dovrei stipulare contratto di 54 ore come badante .Mi prendo cura di sig. con Parkinson,disabile sulla sedia rotelle,da sola solo mangia.Marito e autosufficente 90%.Gli parenti ho informato delle mie visite mediche 2 volte al mese con specialisti con preavviso di 2 mesi Mia domanda e:
    Le visite mediche devo fare in mio giorno libero?
    In giorno libero 24 ore devo rientrare a casa x la notte?(domenica e libero dalle 8.00-20.00 e giovedi dalle 13.00-20.00).
    Che livello di inqudramento e stipendio di base dovrei avere?
    Devo specificare in contratto mie mansioni da svolgere?(perche piano piano lavoro e mansioni aumentano vivendo in aperta campagna)


    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Trattandosi di persona non autosufficiente, devi essere inquadrata al Livello CS Conviventi che prevede una retribuzione di 965,38 euro mensili + 13/ma + TFR + contributi.-
      - Si possono richiedere dei permessi retribuiti per visite mediche fino ad un massimo di 16 ore all'anno.-
      - Il giorno libero si può anche non rientrare per la notte.-
      - Le mansioni sono quelle previste dal livello di inquadramento.-

      Elimina
  63. Buon giorno avvocato Censori Volevo fare una domanda a lei Io lavoro con tempo indeterminato 1 giugno dovuto fare un intevento e dopo intervento dovuta stare a casa per convalesenza 1 mese e mezzo.io ho certifcato per malattie tutto regole Ma mio dattore di lavoro ho detto che le malattie non vanno pagato cosi per giugno non preso niente stipendio.Oltre questo problema che io lavoro dell 8 di matina fino 12 poi 14 - fino 18 :30 ritorno20:30 fino12 di mezzogiorno lui sul contratto dichiarato 44 ore settimana io 1 giorno lavoro 20 ore e mangio a casa mia mio stipendio 1200 euro la signora non autosufficente ha certificato di accompagnamento

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Malattia:
      Oltre l'obbligo di mantenimento del posto di lavoro, il datore di lavoro è obbligato a remunerare la malattia garantendo un salario coincidente al 50% della retribuzione globale di fatto per i primi 3 giorni di calendario e pari al 100% della retribuzione globale di fatto per un numero di giorni pari a:
      - 8 giorni complessivi nell'anno per anzianità di servizio inferiore a 6 mesi;
      - 10 giorni complessivi di calendario nell'anno per anzianità di servizio compresa tra 6 mesi e 2 anni;
      - 15 giorni complessivi di calendario nell'anno per contratti di lavoro con anzianità di servizio superiore a 2 anni.
      Con un contratto di 44 ore a settimana Tu devi lavorare solo per le 44 ore settimanali previste dal contratto.-
      Per un livello CS non conviventi la paga oraria prevista dal contratto è pari a 6,69 euro all'ora, paria a (6,69 x 44 x 4,33) = 1.274, 58 euro mensili + 13/ma + TFR + contributi.-

      Elimina
  64. Buona sera dottore.Ho un contratto come badante 20 ore settimanali le chiedo se ho diritto ad avere un mese pagato per le ferie e nell eventualità di licenziamento ho diritto al assegno di disoccupazione.cordialmente la saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ferie
      Indipendentemente dalla durata dell'orario di lavoro, per ogni anno di servizio il lavoratore ha diritto a 26 giorni lavorativi di ferie se la distribuzione dell'orario di lavoro settimanale è su 6 giorni (occorre proporzionare se i giorni lavorativi sono inferiori a sei).-
      In caso di licenziamento si ha diritto alla NASPI che può durare al massimo per la metà delle settimane lavorate.-

      Elimina
  65. Grazie avvocato Censori per avermi rispostoQui i problemi con mio dattore di lavoro sono tanti 1: buste paghe e CUD non in regola sulle buste paghe non si legge il livelo che io ho non si capisce quanti giorni di ferie e permessi ho il contratto di lavoro fatto da lui alcomputer all' inps dichariando solo 44 ore a le notte non viene ne anche dicharato.Volevo sapere se io lavoro 20 ore all giorno non convivente quanto mi spetterebbe all mese.Lavoro da 3 anni e non ho mai preso uno scatto di anzianita.premettendo che all inizio ho lavorato per due persone non autosuficenti eta della signore 1 -103e una 95 oggi ancora vive E durante i giorni di feste dell calendario sono costretta andare lavorare anche di notte senca essere pagata.Resto a casa solo dalle 8:00 fino alle 20:30.Grazie per la suo disponibilita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un livello CS Non conviventi prevede una paga di 6,69 euro all'ora, per un massimo di 40 ore settimanali, e le ore lavorate in più dovrebbero essere pagate come straordinari, ti consiglio comunque di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  66. Buongiorno signor Gianfranco vorrei sapere se mi potete aiutare.in mese di agosto sostituisco una persona .la famiglia mi hanno fatto un contratto livello CS con 40 ore settimanali convivente e con un stipendio di 965,38€.se mi potete aiutare vorrei sapere quanto devi prendere al fine mese in totale.stipendio+trf+ tredicesima+ giorno di festa (15 agosto che ho lavorato) + due giorni di fiere che mi hanno detto chi mi aspetta.grazie .un altra cosa che voglio sapere e se loro mi devono dare qualcosa che hanno pagato al Inps.grazie mille .Nicoleta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicoleta!
      A fine mese avrai diritto a 965,38 euro per lo stipendio + 80,44 euro per la tredicesima + 80,44 euro per il TFR + 11,15 euro per i 2 giorni di ferie.-
      Poi una volta effettuato il pagamento dei contributi all'INPS devono rilasciarti una copia del versamento effettuato.-

      Elimina
  67. Buonasera avvocato, avrei bisogno di un chiarimento. La badante che ho licenziato in questi giorni, ed assunta c.ca 7 mesi fa con contratto CS convivente a 54 ore settimanali, durante il periodo di preavvviso di 15 gg, appena iniziato, si rifiuta (solo adesso) di rimanere a dormire nell'abitazione di mia madre che vive da sola, mettendomi in grosse difficoltà. Può fare una cosa del genere, dal momento che è convivente? La ringrazio per la cortese risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Una volta che è stata licenziata, la badante deve del tempo libero necessario per cercarsi un nuovo lavoro, quindi può anche rifiutarsi di dormire in casa durante il periodo di preavviso.-

      Elimina
  68. Salve, complimenti per la chiarezza delle risposte.
    Vorrei sapere se posso assumere una badante convivente, livello CS, a 40 ore settimanali e qual’è la retribuzione corretta, ossia se posso proporzionare la retribuzione mensile, fissata per le 54 ore, all’orario effettivo di 40.

    Grazie e a presto
    Alessandro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessandro!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      La retribuzione per una badante convivente è la stessa sia per per un orario di lavoro di 40 che per 54 ore settimanali, e per un livello CS Conviventi è pari a 965,38 euro mensili; la differenza è solo nei contributi da versare all'INPS.-

      Elimina
  69. Buongiorno Avvocato ,grazie per le risposte.cosa succede guando totale ritenute sono alte per colpa di commercialista e poi lavoro diventato molto pesante -mio assistito non cammina, però devo sembre alzare da letto e portare sulla poltrona anche e banio non mi dano 2 persona,perché pochi soldi.voglio lasciarle lavoro.lavoro come badante non convivente 25ore a settimana.contracto non vogliano cambiare scusa di mancanza soldi.da verità sto lavorando doppio ore a settimana.cosa posso fare per licenziati e avere diritti.grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  70. Buongiorno avvocato, scusi tanto per gli errori di ortografia ; lavoro come badante preso la stessa famiglia; 30 ore a settimana dal 28.01.2008 ;al livello "C" Questo anno le mie ferie sono state programmate a partire dal giorno 18.08 al 18.08 ;sono partita per il mio paese il giorno 18.08 e sono ritornata nel 15.08 in Italia. Solo che al mio ritorno ho avuto la brutta sorpresa:la signora (il mio datore di lavoro ) e venuta mancare (e morta nel giorno 14.08). Io usufruisco con la mia famiglia (marito + figlia di 15 ani) di alloggio indipendente di proprietà del mio datore di lavoro .... La mia domanda è: adesso come si procede con il preavviso avendo oltre 5 ani presso lo stesso datore di lavoro? Come sarò retribuita? Avrò il diritto della disoccupazione? E come? A chi mi devo rivorgere? Quanto tempo mi spetta per liberare l'alloggio sapendo che io abitto li da quando ho iniziato a lavorare presso loro ? Ho anche un contratto di comodato.Se gentilmente mi potrebbe dare delle risposte le sarei molto grata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Preavviso: Il termine deve essere di almeno 30 giorni se gli anni di anzianità sono oltre i cinque.-
      - Il periodo di preavviso deve essere retribuito come il normale orario di lavoro.-
      - SI! Avrai diritto all'indennità di disoccupazione (NASPI) per richiedere la quale dovrai presentare apposita domanda all'INPS, rivolgendoti eventualmente a un patronato.-
      - Per legge dovresti liberare l'alloggio alla scadenza del preavviso, quindi se non riuscirai a trovare in tempo un'altra soluzione abitativa dovrai richiedere una proroga.-

      Elimina
    2. grazie di cuore siete molto gentile dio vi benedica molte persone si affidano a voi con molta fiducia grazie ancora molto bravo


      Elimina
    3. Ti ringrazio per i complimenti!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  71. Buongiorno,gentile Avvocato !Avrei bisogno di un chiarimento.Settimana scorsa ho parlato con il mio datore di prendere 3 giorni di ferie cominciando da venerdi,sabato e martedi,tenenedo conto che lunedi,15 Agosto non era un giorno lavorativo.Volevo sapere se ho calcolato bene i giorni di ferie(3), come il mio datore sostiene che sono stati 4 giorni di ferie e non 3 .La ringrazio !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I giorni di ferie sono 3 perché domenica e lunedì sono giorni festivi.-

      Elimina
  72. Buongiorno avv.Censori. Gentilmente gli chiedo di aiutarmi in una piccola chiarezza in un dubbio che ho. Io svolgo il lavoro di assistente di livello BS con un stipendio mensile di più o meno 600 euro pero i miei contributi sono di 360 euro ogni tre mesi. la mia domanda : in base a cosa si calcola i contributi e se è giusta questa cifra di contributi al stipendio che ricevo?(informandomi alle altre le mie colleghe, quando sentono questa cifra di contributi si meravigliano e mi dicono che c'è qualcosa di sbagliato) In attesa di una sua gentile risposta, la ringrazio anticipatamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I contributi per colf e badanti non vengono versati all'INPS in base alla retribuzione, ma in base alle ore di lavoro contrattuali, quindi se non mi dici quello che prevede il Tuo contratto purtroppo non posso esserti d'aiuto.-

      Elimina
    2. sono 20 ore settimanale con la retribuzione mensile oraria di 5,98 euro. la ringrazio di nuovo.

      Elimina
  73. Gentile avvocato, avendo avuto un paio di esperienze negative vorrei sapere se è possibile assumere una badante a tempo determinato o si può solo in caso di sostituzione? Il contratto può essere modificato in tempo indeterminato?
    La ringrazio anticipatamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tiziana!
      SI!
      Si può assumere una badante anche con un contratto a tempo determinato, che alla scadenza può essere trasformato in contratto a tempo indeterminato.-

      Elimina
  74. Buongiorno,sono badante non convivente, ho contratto livello CS 30 ore settimanali. Però lavoro mercoledì 9-19,venerdì 9-19,sabato 9 fino martedì alle 9 senza anche un ora di pausa.Lavoro tutte feste senza pagamento o giorno libero. Lavoro con la signora con alzhaimer non autosufficiente.Voglio sapere ché diritti ho e come posso muovermi. Grazie mille per la risposta.

    RispondiElimina
  75. Buongiorno Avv,vorrei sapere da Lei un consiglio,faccio la badante,assunta tempo indeterminato convivente 40ore settimanali,livello BS,vorrei essere licenziata ma il mio datore non vuole perché dice che se lo fa Lui non può assumere un'altra badante al mio posto,quindi preferisce che lo faccio io,ma se lo faccio io non ricevo la dissocupazione,quanto è vero di quello che dice il datore di lavoro,grazie di cuore

    RispondiElimina
  76. Buongiorno avvocato,ho una domanda da fare,una donna pensionata a 70anni a voglia a lavorare come badante convivente a 30ora con contratto a diritto o no,Grazie.

    RispondiElimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.