venerdì 21 febbraio 2014

Badanti e Colf - CCNL Anno 2014

Classificazione di Badanti e Colf


Livello A
Collaboratori familiari generici, non addetti all'assistenza di persone, con esperienza professionale (maturata anche presso datori di lavoro diversi) non superiore a 12 mesi.
Livello A Super
Addetto alla compagnia, baby sitter (mansioni occasionali e/o saltuarie).
Livello B
Collaboratori familiari che, in possesso della necessaria esperienza svolgono con specifica competenza le proprie mansioni, ancorchè a livello esecutivo.
Livello B Super
Assistente a persone autosufficenti
Livello C
Collaboratori familiari che, in possesso di specifiche conoscenze di base, sia teoriche che tecniche, relative allo svolgimento dei compiti assegnati, operano con totale autonomia e responsabilità.
Livello C Super
Assistente a persone non autosufficenti (non formato).
Livello D
Collaboratori familiari che, in possesso dei necessari requisiti professionali, ricoprono specifiche posizioni di lavoro caratterizzato da responsabilità, autonomia decisionale e/o coordinamento.
Livello D Super
Assistente a persone non autosufficenti (formato). Svolge mansioni di assitenza a persone non autosufficenti, ivi comprese, se richieste, le attività connesse alle esigenze del vitto e della pulizia della casa ove vivono gli assistiti.

Orario di lavoro


Nel lavoro a tempo pieno l'attuale durata normale dell'orario di lavoro è concordata tra le parti e comunque con un massimo di:
10 ore giornaliere non consecutive, per un totale di 54 ore settimanali per i lavoratori conviventi.-
8 ore giornaliere non consecutive, per un totale di 44 ore settimanali per i lavoratori non conviventi.-
Il lavoratore ha diritto ad un riposo di almeno 8 ore consecutive nella giornata e ad un ulteriore riposo intermedio di almeno 2 ore da fruirsi nelle ore pomeridiane.-

Riposo settimanale


Il riposo settimanale è di 36 ore e deve essere goduto per:
  • 24 ore di domenica (o altra giornata stabilita nel contratto di assunzione). Questo riposo è irrinunciabile. In caso di richiesta di prestazione lavorative per esigenze imprevedibili le ore vanno retribuite con la maggiorazione del 60% sia per i lavoratori non conviventi che per i lavoratori conviventi.-
  • 12 ore in qualsiasi altro giorno della settimana. Qualora fossero richieste prestazioni lavorative nel giorno fissato, il riposo può essere goduto in altro giorno della settimana (in assenza di recupero le ore lavorate vanno retribuite con la maggiorazione del 40% sia per i lavoratori non conviventi che per i lavoratori conviventi).- 

Lavoro straordinario


Personale non convivente:
E' compensato con una maggiorazione del:
  • 10% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno compreso tra le 40 e le 44 ore settimanali.- 
  • 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).- 
  • 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).- 
  • 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo o in giorno festivo infrasettimanale.- 

Personale convivente:
E' compensato con una maggiorazione del:
  • 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).- 
  • 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).- 
  • 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo stabilito e nelle festività infrasettimanali.- 
  • 40% per le ore di lavoro prestate nella mezza giornata di riposo (mancato riposo).- 

Scatti di anzianità


Per ogni biennio di servizio presso lo stesso datore di lavoro spetta al lavoratore un aumento pari al 4% sulla retribuzione minima contrattuale, per un massimo di 7 scatti.-

Festività


1° gennaio - 6 gennaio – lunedì di Pasqua – 25 aprile – 1° maggio – 2 giugno – 15 agosto – 1° novembre – 8 dicembre – 25 dicembre – 26 dicembre – S. Patrono. In queste giornate il lavoratore ha diritto al completo riposo e alla retribuzione normale. Se una delle festività sopra elencate coincide con la domenica o nel giorno di riposo stabilito, il lavoratore ha diritto al recupero del riposo in altra giornata o, in alternativa, al pagamento di 1/26 della retribuzione. Se invece è lavorata è dovuto, oltre alla normale retribuzione giornaliera il pagamento delle ore lavorate maggiorate del 60%.


Ferie


Indipendentemente dalla durata dell'orario di lavoro, per ogni anno di servizio il lavoratore ha diritto a 26 giorni lavorativi di ferie se la distribuzione dell'orario di lavoro settimanale è su 6 giorni (occorre proporzionare se i giorni lavorativi sono inferiori a sei). La retribuzione dei giorni di ferie è maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto se dovuto. Le ferie non possono essere monetizzate (salvo i giorni non goduti che residuano alla cessazione del rapporto di lavoro).-

Malattia


L'art. 26 del C.C.N.L. inerente la retribuzione della malattia delle colf e/o badanti.Come primo dovere, il datore di lavoro, una volta ricevuto il certificato medico entro 2 giorni dall'inizio della malattia fatto emettere dal lavoratore entro il giorno successivo al verificarsi dell'evento, avrà l'obbligo di mantenere il posto di lavoro per un periodo di tempo variabile in base all'anzianità di servizio della colf e /o badante, sia questa convivente che non convivente. Il periodo di conservazione del posto di lavoro è pari a:

  • 10 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica (sia convivente che non convivente) con anzianità inferiore a 6 mesi;
  • 45 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica con anzianità di servizio compreso tra i 6 mesi ed i 2 anni;
  • 180 giorni di calendario (incluse le domeniche) se l'anzianità di servizio della colf è superiore a 2 anni.

Oltre l'obbligo di mantenimento del posto di lavoro, il datore di lavoro è poi obbligato a remunerare la malattia garantendo un salario coincidente al 50% della retribuzione globale di fatto per i primi 3 giorni di calendario e pari al 100% della retribuzione globale di fatto per un numero di giorni pari a:

  • 8 giorni complessivi nell'anno per anzianità di servizio inferiore a 6 mesi;
  • 10 giorni complessivi di calendario nell'anno per anzianità di servizio compresa tra 6 mesi e 2 anni;
  • 15 giorni complessivi di calendario nell'anno per contratti di lavoro con anzianità di servizio superiore a 2 anni.


Tredicesima mensilità


Al lavoratore spetta una mensilità aggiuntiva, pari alla retribuzione maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto. Per colf e badanti conviventi la tredicesima mensilità è pari allo stipendio mensile + vitto e alloggio e per il 2012 è pari a 132,60 euro (5,19 al giorno x 26 giorni).-

TFR (Trattamento di fine rapporto)


Deve essere liquidato al termine del rapporto di lavoro e indicativamente corrisponde ad una mensilità per ogni anno di servizio prestato.-
Una volta stabilità qual è l'anzianità maturata dalla lavoratrice, si passa al calcolo vero e proprio.
  1. Il primo passo consiste nel determinare la somma pagata nel corso dei singoli anni, comprensiva della tredicesima e delle indennità di vitto e alloggio per le colf conviventi o che consumano in casa uno o più pasti. 
  2. L'importo della retribuzione annuale, diviso per 13,5, rappresenta la quota annuale da accantonare per il trattamento di fine rapporto. 
  3. Le singole quote annuali vanno rivalutate con degli appositi coefficienti dati dalla somma di due indici di cui:
    • il primo è pari al 75% dell'aumento del costo della vita accertato dall'Istat per gli operai e gli impiegati;
    • il secondo è dato da una percentuale fissa pari all'1,50% all'anno (0,125% al mese).

Preavviso per Licenziamento o Dimissioni


Il rapporto di lavoro domestico può cessare per libera volontà del lavoratore e del datore di lavoro.

Non c’è necessità di motivare l’interruzione del rapporto di lavoro, ma deve essere concesso un termine di preavviso, che varia a seconda che il rapporto di lavoro sia superiore od inferiore a 24 ore settimanali, ed all’anzianità di servizio presso il datore di lavoro. Le parti possono regolare tra di loro questi termini, che però non possono comunque essere inferiori a quelli stabiliti per legge.
In caso di licenziamento, se il lavoratore è impegnato per oltre 24 ore settimanali e ha maturato fino a cinque anni di anzianità presso lo stesso datore di lavoro, il termine di preavviso deve essere almeno di 15 giorni di calendario. Il termine deve essere di almeno 30 giorni se gli anni di anzianità sono oltre i cinque.

Se invece il rapporto di lavoro è fino a 24 ore settimanali il preavviso dovrà essere pari ad 8 giorni di calendario, fino a due anni di anzianità e 15 giorni di calendario, oltre i due anni di anzianità.
Nel caso di dimissioni da parte del lavoratore i termini sono ridotti del 50%.

Contribuzione


Per i lavoratori domestici ci sono quattro livelli di contribuzione. I primi tre sono agganciati alla retribuzione effettiva oraria, che ai fini contributivi comprende la quota per la tredicesima e quella per le indennità di vitto e alloggio per le colf e le badanti che sono a servizio intero o che consumano in casa uno o più pasti. Il quarto livello di contribuzione, nettamente più basso, prescinde dalla retribuzione oraria e si riferisce alle lavoratrici che hanno presso stessa famiglia un orario di lavoro superiore a 24 ore alla settimana. Tra le 24 ore e le 25 ore c'è un salto notevole. Basta un'ora di lavor in più per far scattare la tariffa ridotta che permette alla famiglia di risparmiare più del 30% sul costo dei contributi.

Il Calcolo


Per i rapporti di lavoro oltre le 24 ore settimanali, per i quali si prescinde dalla retribuzione, il calcolo della cifra da pagare è semplicissimo: basta moltiplicare il contributo orario (0,98 euro) per il numero di ore lavorate nel trimestre. Le operazioni da fare sono invece più d'una se la colf lavora in casa per meno di 25 ore settimanali. In questo caso per sapere in quale delle tre fasce rientra il contributo orario bisogna prima calcolare la retribuzione effettiva alla quale si arriva sommando alla paga oraria:
a) la quota per la tredicesima;
b) un ao più quote per le indennità di vitto e alloggio, per le colf che sono a servizio intero o che consumano in casa uno o più pasti.

La quota per la tredicesima si calcola dividendo la paga oraria per 12. Se questa fosse, ad esempio, di otto eurol'ora bisogna aggiungere 0,67 euro. In questo caso la retribuzione oraria effettiva è di 8,67 (8+0,67) si colloca nella seconda fascia alla quale corrisponde un contributo orario di 1,51 euro.

Conviventi


Per le colf conviventi e per quelle che consumano in casa uno o più pasti, alla retribuzione comprensiva del rateo di tredicesima bisogna aggiungere anche le indennità convenzionali di vitto e alloggio, il cui valore complessivo nel 2010 è di 4,93 euro al giorno, di cui 1,72 per ogni pasto e 1,49 per il pernottamento. L'importo da caricare sulla retribuzione oraria si trova moltiplicando il numero delle giornate in cui il lavoratore ha ricevuto le prestazioni in natura nel corso del mese, per il valore del pasto mensile e dividendo il risultato per il numero di ore lavorate nello stesso periodo. L'indennità vitto e alloggio spetta solo quando il lavoratore non ne usufruisce, cioè quando è in ferie o comunque quando non è in casa.-

Come si versa


Per il pagamento dei contributi vanno utilizzati soltanto i bollettini di conto corrente postale forniti dall'INPS. Per facilitare il pagamento dei contributi nella misura giusta, l'INPS invia ora ai datori di lavoro i bollettini di conto corrente postale già precompilati.
Nei moduli è indicato anche l'importo da versare tenendo conto dei dati commerciali al momento dell'assunzione. Il bollettino precompilato torna utile in quelle situazioni in cui non ci sono nel tempo variazioni nel rapporto di lavoro, in quanto la lavoratrice è sempre la stessa e non sono cambiati il numero delle ore lavorate per ogni trimestre né l'importo orario della retribuzione.
Se invece è cambiato qualcosa il datore di lavoro deve calcolare da solo l'importo da versare e utilizzare i bollettini in bianco che l'INPS manda insieme a quelli precompilati. Con i bollettini di conto corrente i contributi possono essere pagati oltre che alla posta anche presso le tabaccherie del circuito Lottomatica.
C'è inoltre la possibilità di effettuare il pagamento via internet. Chi vuole avvalersi di questo servizio , deve registrarsi sul sito dell'INPS “www.inps.it” seguendo questo percorso: servizi on line – per tipologia di utente – cittadino – lavoratori domestici: pagamenti on line dei contributi. Cliccando su “qui” si apre un tracciato sul quale vanno riportati i dati richiesti per il pagamento via internet dei contributi.
Il servizio costa un euro, per ogni operazione, in caso di addebito su Banco Posta o Postepay; per i pagamenti con carta di credito è previsto un fisso di due euro.

Detrazione d'imposta per i non autosufficienti


I contributi versati all'INPS per la colf e la badante possono essere dedotti dal reddito complessivo fino a un massimo di 1.549,37 euro: valore corrispondente ai tre milioni di vecchie lire, mai adeguato da quando è stato introdotto con il decreto legislativo 347/2000.
La quota deducibile è quella a carico del datore di lavoro. Dall'importo pagato va quindi detratta la quota a carico della lavoratrice, anche se la maggior parte delle famiglie di fatto non la trattiene sulla busta paga.
Può dedurre i contributi dal reddito solo chi è regolarmente registrato all'INPS come datore di lavoro. Non è ammesso quindi il trasferimento del carico contributivo da una persona all'altra.
Al bonus sui contributi previdenziali se ne può aggiungere un altro più specifico, destinato a ridurre le spese sostenute dal contribuente per pagare le persone addette alla sua assistenza personale nel caso in cui non sia autosufficente. In pratica si può usufruire di una detrazione di imposta del 19 per cento su un importo massimo di 2.100 euro per spese sostenute se il reddito familiare di chi la chiede non supera i 40.000 euro all'anno. Se si verificano entrambe queste condizioni con la detrazione si possono recuperare 399 euro.

MINIMI SALARIALI ANNO 2014


LivelloConviventi - Paga MensileNon Conviventi - Paga Oraria
A614,854,47
AS726,665,27
B782,555,59
BS838,455,93
C894,366,26
CS950,256,58
D1.117,937,60
DS1.173,837,93

Presenza notturna livello unico euro 645,61.-

Assistenza notturna
Livello BS Assistenza a persone autosufficienti euro 964,22.-
Livello CS Assistenza a persone non autosufficienti (non formato) euro 1.092,78.-
Livello DS Assistenza a persone non autosufficienti (formato) euro 1.349,92.-

Vitto e AlloggioValore Giornaliero- Valore Mensile
Pranzo e prima colazioneeuro 1,88      euro 56,40.-
Cenaeuro 1,88euro 56,40.-
Alloggioeuro 1,63euro 48,90.-
Totaleeuro 5,39euro 161,70.-


CONTRIBUTI ORARI DEL 2014


Rapporti di lavoro a tempo indeterminato:
a) Orario fino a 24 ore settimanali
Retribuzione oraria effettiva fino a 7,786 con CUAF Contributo orario euro 1,39 (0,35)
senza CUAF Contributo orario euro 1,40 (0,35)
Retribuzione oraria effettiva da 7,87 a 9,57 con CUAF Contributo orario euro 1,57 (0,39)
senza CUAF Contributo orario euro 1,58 (0,39)
Retribuzione oraria effettiva oltre 9,58 con CUAF Contributo orario euro 1,91 (0,48)
senza CUAF Contributo orario euro 1,92 (0,48)
b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,01 (0,25)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,02 (0,25)
*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari
Rapporti di lavoro a tempo determinato:
a) Orario fino a 24 ore settimanali
Retribuzione oraria effettiva fino a 7,86 con CUAF Contributo orario euro 1,49 (0,35)
senza CUAF Contributo orario euro 1,50 (0,35)
Retribuzione oraria effettiva da 7,87 a 9,57 con CUAF Contributo orario euro 1,68 (0,39)
senza CUAF Contributo orario euro 1,69 (0,39)
Retribuzione oraria effettiva oltre 9,58 con CUAF Contributo orario euro 2,04 (0,48)
senza CUAF Contributo orario euro 2,06 (0,48)
b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,08 (0,25)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,09 (0,25)
*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari



MINIMI SALARIALI ANNO 2013


Livello Conviventi - Paga Mensile Non Conviventi - Paga Oraria
A 606,79 4,41
AS 717,12 5,20
B 772,28 5,52
BS 827,44 5,85
C 882,62 6,18
CS 937,786,49
D 1.103,26 7,50
DS 1.158,42 7,83

Presenza notturna livello unico euro 637,14.-

Assistenza notturna
Livello BS Assistenza a persone autosufficenti euro 951,56
Livello CS Assistenza a persone non autosufficenti (non formato) euro 1.078,44
Livello DS Assistenza a persone non autosufficenti (formato) euro 1.332,20

Vitto e Alloggio Valore Giornaliero - Valore Mensile
Pranzo e prima colazione euro 1,85 euro 55,50
Cena euro 1,85 euro 55,50
Alloggio euro 1,61 euro 48,30
Totale euro 5,31 euro 159,30


CONTRIBUTI ORARI DEL 2013



Rapporti di lavoro a tempo indeterminato:
a) Orario fino a 24 ore settimanali
Retribuzione oraria effettiva fino a 7,77 con CUAF Contributo orario euro 1,38 (0,35)
senza CUAF Contributo orario euro 1,37 (0,35)
Retribuzione oraria effettiva da 7,78 a 9,47 con CUAF Contributo orario euro 1,56 (0,39)
senza CUAF Contributo orario euro 1,55 (0,39)
Retribuzione oraria effettiva oltre 9,47 con CUAF Contributo orario euro 1,90 (0,47)
senza CUAF Contributo orario euro 1,89 (0,47)
b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,00 (0,25)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,00(0,25)
*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari
Rapporti di lavoro a tempo determinato:
a) Orario fino a 24 ore settimanali
Retribuzione oraria effettiva fino a 7,77 con CUAF Contributo orario euro 1,48 (0,35)
senza CUAF Contributo orario euro 1,47 (0,35)
Retribuzione oraria effettiva da 7,78 a 9,47 con CUAF Contributo orario euro 1,67 (0,39)
senza CUAF Contributo orario euro 1,66 (0,39)
Retribuzione oraria effettiva oltre 9,47 con CUAF Contributo orario euro 2,03 (0,47)
senza CUAF Contributo orario euro 2,02 (0,47)
b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,07 (0,25)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,07 (0,25)
*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari



MINIMI SALARIALI ANNO 2012


Livello Conviventi - Paga Mensile Non Conviventi - Paga Oraria
A 595,36 4,33
AS 703,61 5,10
B 757,73 5,42
BS 811,85 5,74
C 865,99 6,06
CS 920,11 6,37
D 1.082,48 7,36
DS 1.136,60 7,68

Presenza notturna livello unico euro 625,14.-

Assistenza notturna
Livello BS Assistenza a persone autosufficenti euro 933,63
Livello CS Assistenza a persone non autosufficenti (non formato) euro 1.058,12
Livello DS Assistenza a persone non autosufficenti (formato) euro 1.307,10

Vitto e Alloggio Valore Giornaliero - Valore Mensile
Pranzo e prima colazione euro 1,81 euro 54,30
Cena euro 1,81 euro 54,30
Alloggio euro 1,57 euro 47,10
Totale euro 5,19 euro 155,70


CONTRIBUTI ORARI DEL 2012


a) Orario fino a 24 ore settimanali
Retribuzione oraria effettiva fino a 7,54 con CUAF Contributo orario euro 1,40 (0,34)
senza CUAF Contributo orario euro 1,41 (0,34)
Retribuzione oraria effettiva da 7,54 a 9,19 con CUAF Contributo orario euro 1,58 (0,38)
senza CUAF Contributo orario euro 1,59 (0,38)
Retribuzione oraria effettiva oltre 9,19 con CUAF Contributo orario euro 1,93 (0,46)
senza CUAF Contributo orario euro 1,94 (0,46)

b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,02 (0,24)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,02 (0,24)
*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari

Tredicesima mensilità

Per colf e badanti conviventi la tredicesima mensilità è pari allo stipendio mensile + vitto e alloggio e per il 2012 è pari a 132,60 euro (5,19 al giorno x 26 giorni).-




MINIMI SALARIALI ANNO 2011

Livello Conviventi - Paga Mensile Non Conviventi - Paga Oraria
A 580,50 4,22
AS 686,05 4,97
B 738,82 5,28
BS 791,59 5,60
C 844,37 5,91
CS 897,14 6,21
D 1.055,46 7,18
DS 1.108,23 7,49

Assistenza notturna
Livello BS Assistenza a persone autosufficenti euro 910,33
Livello CS Assistenza a persone non autosufficenti (non formato) euro 1.031,71
Livello DS Assistenza a persone non autosufficenti (formato) euro 1.274,47

Vitto e alloggio (importo giornaliero)
Pranzo e prima colazione euro 1,75
Cena euro 1,75
Alloggio euro 1,52
Totale giornaliero euro 5,02

CONTRIBUTI ORARI DEL 2011
a) Orario fino a 24 ore settimanali
Retribuzione oraria effettiva fino a 7,34 con CUAF Contributo orario euro 1,36 (0,33)
senza CUAF Contributo orario euro 1,37 (0,33)
Retribuzione oraria effettiva da 7,34 a 8,95 con CUAF Contributo orario euro 1,54 (0,37)
senza CUAF Contributo orario euro 1,55 (0,37)
Retribuzione oraria effettiva oltre 8,95 con CUAF Contributo orario euro 1,88 (0,45)
senza CUAF Contributo orario euro 1,89 (0,45)
b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 0,99 (0,24)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,00 (0,24)
*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari




MINIMI SALARIALI ANNO 2010

Livello Conviventi - Paga Mensile Non Conviventi - Paga Oraria
A 572,71 4,16
AS 676,07 4,90
B 728,91 5,21
BS 780,97 5,52
C 833,04 5,83
CS 885,10 6,13
D 1041,30 7,08
DS 1093,36 7,39

Assistenza notturna
Livello BS Assistenza a persone autosufficenti euro 898,12
Livello CS Assistenza a persone non autosufficenti (non formato) euro 1.017,87
Livello DS Assistenza a persone non autosufficenti (formato) euro 1.257,37

Vitto e alloggio (importo giornaliero)
Pranzo e prima colazione euro 1,72
Cena euro 1,72
Alloggio euro 1,49
Totale giornaliero euro 4,93

CONTRIBUTI ORARI DEL 2010
a) Orario fino a 24 ore settimanali
Retribuzione oraria effettiva fino a 7,22 Contributo orario euro 1,34 (0,32)
Retribuzione oraria effettiva da 7,22 a 8,81 Contributo orario euro 1,51 (0,36)
Retribuzione oraria effettiva oltre 8,81 Contributo orario euro 1,85 (0,44)
b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi Retribuzione con CUAF* Contributo orario euro 0,98 (0,23)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 0,97 (0,23)
*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari


Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

Gianfranco Censori

174 commenti:

  1. Salve sono una badante in regola 34 ore setimanale BS convivente dal 04/2013 ( la signora non autosuficenti) lavoro da lunedi al sabato dalle 7h30alle20h20 sto chiusa tutto il giorno in un posto di 25mq .il mio dattore di lavoro il primo giorno mi ha fatto firmare un foglio dove c'era scritto che rinuncio alle 2 ore di reposo e la mezza giornata di sabato perche la sera vado a casa mia.
    Volevo sapere si posso a loro che questo non é giusto anche si ho firmato quel foglio.
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il foglio che hai firmato di rinuncia alle 2 ore di riposo è illegale, come è illegale un orario di lavoro superiore alle 34 ore di lavoro settimanali previste dal contratto, Ti consiglio quindi di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  2. Buongiorno avvocato.

    vorrei chiederLe se io mi dimetto mentre sono in maternità obbligatoria ho diritto alla disoccupazione (lavoro come colf da 2 anni).grazie infinite per la sua disponibilità.Tatiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tatiana!
      SI!
      Se presenti le dimissioni al termine della maternità obbligatoria avrai diritto all'indennità di disoccupazione, ma le dimissioni dovranno essere convalidate dall'Ispettorato del Lavoro.-

      Elimina
  3. Buonasera avvocato sono una badante in regola con 25 ore la settimanale CS convivente lavoro domestico dal 02/05/2011 fino adesso,,voglio sapere e poso prindre e disoccupazione .Gratie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu avrai diritto all'indennità di disoccupazione solo se vieni licenziata, mentre se presenti le dimissioni non avrai diritto ad alcuna indennità.-

      Elimina
  4. Buona sera avvocato!
    Volevo gentilmente chiederLa. Se io do dimissioni prima delle ferie quando le ferie finìscono dovro poi ancora lavorare qualche gìorno?
    Altra domanda. Se ho 20giorni di ferie sono 20 giorni lavorativi o calendarie?
    Lavoro la badante . Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Purtroppo SI! I giorni di ferie non contano come preavviso, quindi dovrai ancora lavorare qualche giorno alla fine delle ferie.-
      - I giorni di ferie maturati sono giorni lavorativi e non di calendario.-

      Elimina
  5. Egg. Dott. Censori,

    Sarrei dall'altra parte, cioè, sono operaia, ma in famiglia c'è una personna non-autosufficiente, per la quale abbiamo dovuto avviare le pratiche per amministratore di sostegno. Ora la personna che vienne al matino per occuparsi dell'ammalata, la "badante", come si può pagare? Non possiamo prendere qualcuno con un contratto, è troppo caro, e non è necessario. Ci serve solo una a due ore al giorno (matino sempre, sera occazionalmente).
    Esistono, come in Francia, degli "assegni" per pagare legalmente il lavoro di qualcuno che viene in casa cosi poche ore???

    La ringrazio per la Sua risposta e la Sua gentile disponibilità

    lisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lisa!
      Purtroppo NO!
      Se hai bisogno di una badante devi metterla in regola e devi pagarla per le ore di lavoro che le vengono richieste, e non ci sono alternative "legali".-

      Elimina
    2. Tipica inerzia del legislatore troppo pagato

      Elimina
  6. Buongiorno Dott.Censori complimenti per il suo lavoro svolto,molto utili,Avrei anchio io una domanda,,Ho il contratto regolare come assistenza famigliare pero come sono donatrice di sangue avrei bisognio di un giorno di permesso, chi paga il giorno assente Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Natalia!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Purtroppo il Tuo CCNL non prevede giorni retribuiti per donatrici di sangue, quindi se hai bisogno di un giorno di permesso devi metterti in ferie.-

      Elimina
  7. Buonasera dottore!
    Lavoro 30 ore settimanali. Ma oltre il mio lavoro qualche sera presto il servizio al ristorante. Alla fìne mi danno il buono. 7.50.
    Volevo chiedere per quante ore circa corrisponde un buono. E quanti servizi (buoni) io posso (ho diritto) a prestare al massimo oltre al 30 ore settimanali di mio altro lavoro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai un contratto per 30 ore settimanali non è prevista un'altra attività lavorativa al di fuori dell'orario di lavoro, quindi devi far modificare il contratto aggiungendo eventualmente le ore di lavoro al ristorante.-

      Elimina
  8. Buongiorno, avrei bisogno di un chiarimento inerente il riposo di 36 ore per badante convivente 54 ore sett inquadramento CS.

    Il riposo è sempre nel luogo di lavoro ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Davide!
      NO!
      Una badante convivente, per contratto ha diritto di riposare nel luogo di lavoro, ma non è obbligata a farlo.-

      Elimina
  9. Buonasera un colf che a lavorato dal 2000 al 2009 in nero per volere del datore di lavoro, poi nel 2010 ad oggi la messa in regola, adesso per esigenze il colf ha chiesto la liquidazione dei anni in nero.ha DIRITTO.?? Lavoro settimanali 8 ore,


    2000

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Con un rapporto di lavoro in nero non si pagano ne tasse ne contributi quindi non si hanno nemmeno diritti da far valere.-

      Elimina
    2. Sono badante convivente,e ho la “OSPITALITA”in casa del signora dove lavoro.Mia residenza in altra regione,in casa di mia proprieta.Mie domande sono:
      1..é leggittimo, che una badante convivente,che residente in altra regione non possa avere medico di base piu di un anno, è per everlo piu di un anno in cita dove lavora,dovra per forza prendere la residenza sul posto di lavoro?
      2..Se cambio la residenza da casa mia a casa dove lavoro,sarro costretta pagare per appartamento in proprietà- IMU(come seconda casa),e non TASI,perche non sono residente la?
      Grazie

      Elimina
    3. - Purtroppo SI! Se hai un contratto da badante convivente devi trasferire la residenza nel luogo di lavoro.-
      - Purtroppo SI! Se trasferisci la residenza dopo dovrai pagare l'IMU in quanto non sarà più la prima casa di residenza.-

      Elimina
    4. Sono andato alla ASL e mi han detto che per avere il medico di base basta la ospitalità gratuita e il contratto di lavoro. Come se lo spiega?

      Elimina
    5. Lo spiego con il fatto che purtroppo ogni ASL fissa autonomamente i requisiti necessari per la concessione della tessera sanitaria.-

      Elimina
  10. Buon giorno.Sono badante 54 ore.Dattore di lavoro,mi paga mese per mese TFR e Ferie(per non avere da pagare dopo, grande somma).Lavoro da 20 agosto 2012,e 20 agosto 2014 sarra 2 anni di contratto.Mia domanda è: Se quando sono in ferie,non pagata(perche ho ricevuto soldi in anticipo),mie 2 ferie ,intrerano in 2 anni di lavoro,perche dopo le ferie di questo anno sarro licenziata(1 settembre),e ho la paura che mie due ferie senza busta paga,non intrerano in 2 anni di lavoro,e dopo licenziamento non avro possibilita di avere disoccupazione –ASPI. Mi scuso di testo confuso,spero che Lei ho capito la mia domanda.Grazie.Anna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna!
      Per legge il Tuo datore di lavoro non deve pagarti mensilmente ne il TFR ne le ferie, Ti consiglio quindi di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
    2. I datori spesso anticipano per soddisfare una richiesta della badante. Consiglio questi a farsi rilasciare una richiesta scritta dalla badante.

      Elimina
    3. Spesso il datore paga in anticipo per richiesta della badante. Se uno ha da pagare farlo prima o dopo non gli fa differenza. Oltre che è gentile gli fa pure vertenza. Consiglio i datori a non anticipare mai nulla. Non esponetevi per bontà a rischi inutili

      Elimina
  11. Ciao.sono nicoleta lavor come badante adesso sono in disocupazione fino 5 luglio. Dal 7 luglio avro un contrato al termine pet un mese.potro prendere di nuovo disocupazione che non trovo lavoro. Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicoleta!
      Dipende dalla Tua precedente situazione lavorativa!
      Infatti per il diritto all'ASPI sono necessarie almeno 52 settimane di lavoro nell'ultimo biennio, mentre per il diritto alla Mini Aspi sono necessarie almeno 13 settimane di lavoro nell'ultimo anno.-

      Elimina
  12. ciao. sono Gemma , la badante di mia madre è andata in ferie in Ucraina dal 13 di Aprile e tornerà alla fine di Giugno. A parte l'arrabbiatura ( aveva detto che si sarebbe trattenuta un poco di più, ma non certo due mesi e mezzo) abbiamo assunto una persona che ci ha presentato lei però in nero. Ora mi ha chiesto alla fine del rapporto di avere anche tredicesima e liquidazione. E' corretto? devo pagarle anche le ferie maturate? grazie mille e davvero bravi per il sito. Gemma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gemma!
      Purtroppo non è corretto assumere persone in nero perché si evadono tasse e contributi, quindi non essendo in regola con la legge devi corrispondere alla lavoratrice quello che ti richiede se non vuoi correre il rischio che ti apra una vertenza sindacale.-

      Elimina
    2. La vertenza te la puo aprire lo stesso, invece di ringraziarti che la fai lavorare ti fa vertenza tanto non le costa nulla, a lei.

      Elimina
  13. Buon giorno avvocato!vorrei chiedere aiuto per un problema che mi e successo.anno scorso mi sono trovata con una carta di credito ricaricabile postepay che io uso da tanto tempo,clonata e con tutti i soldi rubati via online.ho fatto la denuncia alle polizia postale poi alle poste aspttando una risposta.non ho
    ricevuto niente.mi sono informata e o fatto ricorso al arbitro bancario finanziario pagando 20euro..dopo 2mesi arriva la risposta che è così complicata che io non capisco niente.chiedo aiuto a lei gentile avvocato perché non so cosa fare e dove andare.sono straniera e lavoro come badante a Padova.grazie mille in anticipo!Marcella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marcella!
      Ti consiglio di rivolgerti alla sede più vicina della federconsumatori chiamando magari il numero della sede di Roma tel.06/42020755 - fax. 06/47424809 - Mail: federconsmatori@federconsumatori.it - Sito Internet: www.federconsumatori.it.-

      Elimina
  14. Buona sera sono ragazza di 25 anni facio badante da quasi 2 anni ho il contrato indeterminato,54 ore setimanale C,in contrato di lavoro ho dalle 8:30/14:00 e 16:00/20:30,meza giornata e Domenica libero.Io esco solo di domenica,se dopo aver finito lavoro di sera qualche volta esco senza permeso poso esere licenziata tenendo conto che la anziana che bado e tranquila e non ho problemi di notte e non esco mai la mezza giornata e le 2 ore...??? Se no poso prendermi la mezza giornata il sabato pomeriggio e rimanere fuori fini a domenica sera??? Se vengo licenziata e non ho ancora 2 anni lavorati avro dirito lostesso alla disoccupazione???Grazie mille!!! Molto bello e utile il sito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      - Se dopo l'orario di lavoro esci non ci sono problemi, perché non sei obbligata a rimanere in casa, e non puoi quindi essere licenziata con questa motivazione.-
      - Se vieni licenziata prima del compimento dei 2 anni di lavoro non avrai diritto all'ASPI ma avrai diritto alla Mini Aspi che potrà durare al massimo fino a 6 mesi.-

      Elimina
  15. Salve signor Gianfranco voleva chiedervi una informazione sono straniera sto lavorando in nero da 8 messi come badate fissa ho parlato con il mio datore di lavoro per la assunzioni però sempre mi dicono di aspettare io vorrei sapere si ho diritto a le vacanze e la tredicesima lavorando in nero grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo lavorando in nero non paghi ne tasse ne contributi quindi non hai diritti da far valere, Ti consiglio pertanto di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  16. buongiorno, io lavoro come badante(vito e allogio) con il contrato di 26 ore settimanali.se io lavoro la domenica e il giovedi(questi sono i miei giorni di riposo)come straordinari,devo esere messa in regola?chiarisco, lavoro anche i giorni di riposo perche ho bizogno di soldi, non mi costringe nessuno.grazie e buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dina!
      Ovviamente SI!
      Se hai un contratto di 26 ore settimanali ma ne lavori di più devi essere messa in regola in base alle ore effettive di lavoro, perché se la differenza ti viene corrisposta in nero c'è comunque una parziale evasione fiscale e contributiva.-

      Elimina
    2. Incontriamo badanti che vogliono essere pagate in nero per non pagare le tasse sul reddito. Consiglio i datori di non farlo mai neppure per bontà. Se mai doveste accondiscendere fatevi rilasciare richiesta scritta e ricevuta versamento che almeno risulti che vi piegate ad una insistente richiesta del vostro dipendente che una volta pagato il 27% di tasse farà di tutto per evitarle l'anno dopo. Purtroppo questa è la triste realtà.

      Elimina
  17. buon giorno!! sono Ilenia e desidero sapere ; dopo 8 mese di lavoro messa in regola con 24 ore settimanale, poi io facevo doppio,,,,sono stata assunta nel 01.11 2013 e mi ha licenziato 30.07. 2014 quanti giorni di ferie retribuite mi spettano e quale è l'importo del TFR dovutomi . ringraziando anticipatamente porgo distinti saluti.

    RispondiElimina
  18. ho dimenticato dirvi che ;il mio stipendio e di 900 e al messe. grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ilenia!
      Purtroppo per il periodo che hai lavorato in nero non hai pagato ne tasse ne contributi quindi non hai diritti da far valere, a meno che Tu possa dimostrare con prove e testimonianze il Tuo rapporto di lavoro.-
      Questo significa che le ferie e il TFR sono quindi rapportati ai mesi nei quali hai lavorato in regola e calcolati in base alle ore lavorative contrattuali.-

      Elimina
    2. grazie per la sua risposta ... però io ho lavorato con un contratto di lavoro indeterminato , a 24 ore settimanale , quindi non ho lavorato in nero. perciò le tasse li ho pagati .. per questo vi ho chiesto quale sono i miei diritti dopo di che mi a licenziato ?? distinti saluti

      Elimina
    3. Ciao Ilenia!
      Evidentemente non mi sono spiegato bene!
      Per legge vale solo il contratto che hai sottoscritto, quindi con un contratto di 24 ore settimanali tutto quello che ti spetta è rapportato alle 24 ore settimanali e non alla paga che percepivi effettivamente.-

      Elimina
    4. grazie per le sue risposte . vorrei sapere per fare una denuncia quanto tempo può passare da quando mi hanno licenziato senza un motivo valido e non mi hanno dato nulla di quello che avevo il diritto ,,, nulla TFR, nulla 13-sima, nulla soldi per le ferie , nulla di nulla,,, il licenziamento è stato nel 29 di giugno che era domenica , è giusto cosi??sono stata assunta nel 2013 , 29 di ottobre , contrato indeterminato .. grazie !

      Elimina
    5. Ciao Ilenia!
      Tu hai solo 60 giorni di tempo dalla data del licenziamento per reclamare tutte le Tue spettanze, Ti consiglio quindi di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  19. Salve,Dott.,mi chiamo Uliana,Vorrei chiedere se ho diritto uscire dopo alle ore 20.00 per una o due ore fuori.Lavoro come badante,convivente con persona non autosufficiente-aletata,ho 40 ore in contratto lavorativi,libera due ore ogni giorno, dalle14.00 alle 16.00 ,meta sabato e tutta la domenica.Drazie per la risposta....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Uliana!
      SI!
      Tu sei obbligata a rimanere in casa solo per le 40 ore di lavoro contrattuali, quindi al di fuori dell'orario di lavoro puoi fare quello che vuoi, cioè puoi o restare in casa a riposarti o uscire per tutte le ore che ritieni utili.-

      Elimina
  20. un altra domanda che ho per favore ; la disoccupazione si può avere solo se hai lavorato 2 anni ? il mio caso e questo ; quando la fam. dove lavoro va al mare mi licenzia, perché non mi può dare 2 mesi di ferie (questa non me la detto quando abbiamo fatto il contratto) sono sempre ilenia .!! grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ilenia!
      Per il diritto all'ASPI sono necessarie, un'anzianità contributiva di almeno 2 anni, e almeno 52 settimane di lavoro nell'ultimo biennio, mentre per il diritto alla Mini Aspi sono necessarie almeno 13 settimane di lavoro nell'ultimo anno.-

      Elimina
  21. Buona sera.ho lavorato come domestica per 2ani dal 1 novembre 2013 sono in disocupazione .ho avuto problemi di salute e non credo che riusciro a trovare lavoro .ho solo 40 ani e a 1luglio finisco disocupazione.per prendere mini aspl devo per forza avere un contrato di lavoro ho basta che faccio la domanda quanto si prende adesso sto percependo 680 euro. Spero che mi sono fata capire.grazie mille. Anca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anca!
      Purtroppo per il diritto alla Mini Aspi, una volta terminato il periodo indennizzato con l'ASPI, devi riprendere l'attività lavorativa.-

      Elimina
  22. Buon giorno,dott.,mi chiamo Uliana,25 giugno io ho fatto a lei una domanda,e lei mi ha risposto che dopo il lavoro,sarebbe dopo ore 20.00,io posso uscire fuori per ore che ritengo utili,,ma il mio fattore di lavoro,dice che non e cosi,che io obbligata stare a casa,e devo anche alsarmi di notte se serve 2-3 volte.Come posso dimostrare,non ho possibilità rivolgermi alla sede più vicina della CGIL.....mio stipendio 950 euro,scritto 40 ore lavorativi,provincia di Savona,mille grazie per la risposta,mi scuso per il disturbo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Uliana!
      Il Tuo datore di lavoro può dire quello che vuole, ma Tu per per contestarlo hai solo una possibilità e cioè quella di rivolgerti a un sindacato per farti tutelare ed assistere per il meglio, purtroppo ci sono alternative.-

      Elimina
    2. Ma se il rapporto è conflittuale perché non dai le dimissioni?

      Elimina
  23. BUSTA COLF: Come bisogna comportarsi quando una festività cade in un giorno NON è LAVORATIVO?

    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se una festività cade in un giorno non lavorativo la lavoratrice ha diritto a una giornata in più di paga.-

      Elimina
  24. Buona sera Dr Gianfranco,
    Sono Liliana,io era asunta come lavoro golf di 01.07.2013 ora mi vogliano ha chiudere il contratto per la colpa di crisi. Ho fatto giusto un anno di lavoro? Di che ho fatto 52 settimane. Vorrei sapere se ho diritto di prendere disocupazione. Che prima gia e stato piu di un anno sensa lavoro.
    Grezie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Liliana!
      Se hai almeno un anno di lavoro negli ultimi due, e almeno 2 anni di iscrizione all'INPS, avrai diritto all'ASPI, altrimenti avrai diritto alla Mini Aspi.-

      Elimina
    2. Grazie, pero io non riesco ha capire che sinifica almeno 2 anni di iscrizione all'INPS, avrai diritto all'ASPI ? Se io prima lavorato o no? Si sono iscritta prima volta dall mio primo lavoro a 2007 ma poi i miei lavori duravano poco:
      1) lavoro 01.07.2007-31.05.2008
      2) lavoro 1.11.2008-31.03.2008
      3) lavoro 1.05.2009-31.10.1010
      4) lavoro 01.07.2011-31.08.2012
      5) lavoro 0.12.2011-20.03.2012 con partita iva
      6) lavoro 01.07.2013-15.07.2014
      Ma non lo fatto mai la domanda per disocupazione.
      Ora lei vede tutto quello che ho e mi puo dire se ho diritto di prendere la disocupazione? Grazie.

      Elimina
    3. Ciao Liliana!
      SI!
      Se vieni licenziata avrai diritto all'ASPI, l'importante è che non firmi una lettera di dimissioni.-

      Elimina
    4. Ciao Liliana!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  25. Buon pomeriggio ! Il mio nome è Valentina,lavoro come badante convivente da 4 messi,48 ore settimanale ,livello CS con un stipendio basse di 950,25 + TFR+ la tredicesima.Mi è stato detto dal ufficio paga (che non so dove sia o che cosa ) telefonicamente che Il TFR si calcola dividendo la paga basse per 12 ,la tredicesima invece dividendo sempre la paga basse per 13 ,è verò? Per quello che ho letto nella legge non credo affatto ,mi sbaglio?Come si calcola veramente ? Un secondo dubbio- abbiamo diritto a 36 ore libere settimanale ,io mercoledi pomeriggio esco a mezzogiorno e rientro alle 18,00,la domenica dalle 8.00 alle 20.00 + le due ore pomeridiane dalle 14.00 alle 16.00,quindi io usufruisco solo 18 ore di libero ed il resto? Il datore di lavoro vuole che io la sera sono a casa ,allora dovrebbe pagarmi la differenza ?Come sarà fatto il calcolo? Suppongo come ore extra,no? Nel contratto scrive chiaro le 36 ore di riposo....quindi? Come posso fare valere i miei diritti? Se io chiederò questo mi chiuderà il contratto? Un altra cosa-a parte le mie mansioni debbo lavare le scale (3 piani+ piano terra),spazzare le viale +pulire il giardino delle foglie ed'altro,fare la spessa,a volte stirare per i famigliari che abitano nella stessa casa,è giusto che mi chiedono queste cose in più?Cosa dovrei fare?Un consiglio ,per favore ! Siete un vero aiuto per noi, stranieri.Grazie infinite !In attesa di una vostra risposta vi porgo i miei distinsi saluti !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valentina!
      Sia il TFR che la tredicesima corrispondono a una mensilità aggiuntiva per ogni anno di lavoro, quindi si matura mensilmente un dodicesimo della paga sia per l'uno che per l'altra.-
      Con un contratto di 48 ore settimanali Tu sei obbligata a restare in casa solo nelle ore previste dal contratto che hai sottoscritto, quindi per il resto sei libera di fare quello che vuoi.-
      Se il datore di lavoro, oltre alle 48 ore settimanali pretende altre ore di presenza deve pagartele come straordinari.-
      Per quanto riguarda le mansioni, nel normale orario di lavoro Tu devi svolgere tutte le mansioni che ti vengono richieste.-
      Ti consiglio eventualmente di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
    2. Grazie mille per la risposta ! Per quanto riguarda le mansioni - se io sono fuori (lontano dalla mia assistita )succede qualcosa con lei chi è responsabile ? Lavoro come badante non come collaboratrice domestica...questa è la mia paura ,la sig. ha 91 anni perciò non vorrei che avrò qualche problema lasciandola da sola.Parlando di paga per le ore straordinari non se ne parla perchè dicono che già mi danno vitto e alloggio .non so........Ringraziandovi vi auguro una buona serata !

      Elimina
    3. Ciao Valentina!
      - Per quanto riguarda le Tue mansioni, se quando ti allontani dalla tua assistita il Tuo datore di lavoro ne è al corrente, e Tu ti attieni alle sue istruzioni non hai alcuna responsabilità per quello che succede in casa durante la Tua assenza.-
      - Per quanto riguarda la paga, per contratto oltre le 48 ore settimanali hai diritto agli straordinari, poi se riesci a farteli pagare o meno purtroppo è un altro discorso.-

      Elimina
  26. Buonasera,vorrei chiederle per piacere a quanti giorni di ferie ho il diritto se lavoro con un contratto di 30 ore settimanali, 5 ore al giorno dal lunedi al sabato,e come si pagano i giorni feriali.Grazie mille.Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      Ferie
      Indipendentemente dalla durata dell'orario di lavoro, per ogni anno di servizio il lavoratore ha diritto a 26 giorni lavorativi di ferie se la distribuzione dell'orario di lavoro settimanale è su 6 giorni (occorre proporzionare se i giorni lavorativi sono inferiori a sei). La retribuzione dei giorni di ferie è maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto se dovuto. Le ferie non possono essere monetizzate (salvo i giorni non goduti che residuano alla cessazione del rapporto di lavoro).-

      Elimina
  27. Buongiorno Avvocato. Io ho alle mie dipendenze una colf che mi ha chiesto l'astenssione dal lavoro per un mese. come devo segnalare la cosa al INPS?Ho chiamato il call center del INPS però ho ricevuto tre risposte diverse.
    Grazie per il suo lavoro,
    Daniele B.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniele!
      La colf ha chiesto un mese di aspettativa non retribuita, questo significa che resta comunque in servizio, quindi non devi fare alcuna segnalazione all'INPS.-

      Elimina
    2. Ma allora come faccio a giustificare i contributi (che non pagherò) per quel mese?
      Grazie

      Elimina
    3. Ciao Daniele!
      Per essere in regola devi solo fare firmare alla colf una richiesta scritta di aspettativa non retribuita.-

      Elimina
  28. SALVE
    ho un contrato convivente 54 ore settimanale con programa da lunedi a venerdi 9-14 e 19-24 e sabato da 8-12, queli 2 ore dalle 22 alle 24 mi sono pagate con 20% maggiorazione nocturno, mio commercialista dice che è cosi nel'orario ordinario e che si ha maggiorazione nocturno di 50% solo se è in un giorno con orario straordinario(festivo).
    Non capisco quale è giusto.
    Grazie per l'aiuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Straordinario Personale convivente:
      E' compensato con una maggiorazione del:
      - 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).-
      - 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).-
      - 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo stabilito e nelle festività infrasettimanali.-
      - 40% per le ore di lavoro prestate nella mezza giornata di riposo (mancato riposo).-

      Elimina
  29. Buongiorno Avvocato,
    vorrei assumere una badante per mia zia, autosufficente, che frequenta dalle 09 alle 17 dal lun-ven un centro diurno, ma ha bisogno però di essere seguita nella preparazione la mattina 1/2 ora, e dalle 17 alle 20 la sera per la cena e messa a letto.
    Proporrei alla badante un contratto a 15 ore settimanale con extra i fine settimana sab e dom compresi di notte. ( così ho calcolato circa 420 sett.+155 per ogni week-end ) però penso che lei voglia convivere perchè non ha una casa dove stare, e forse vorrebbe venire anche con la figlia di 11 anni. Il posto in casa c'è ma non saprei che contratto proporle senza rimetteci troppo, del resto tutto il giorno mia Zia a casa non c'è. La ringrazio anticipatamente dei consigli che vorra darmi .
    Monica M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Monica!
      La paga prevista dal contratto per una badante convivente è pari a 838,45 euro mensili + 13/ma + TFR + 26 giorni di ferie + contributi e questo sia per un contratto di 15 ore fino a 54 ore settimanali, e la differenza tra i due contratti, anche se può sembrarti assurdo, è solo nei contributi da versare all'INPS.-

      Elimina
  30. buongiorno! ho un contratto di lavoro a tempo indeterminate livello bs ore sett 25 dall 10\10 2012 con retribuzione 811,85 tutoo questo tempo ho lavorato senza avere mai una giornata libera senza essere pagata ho paura di chiedere soldi per domenica non se ne parla di giorno libero ho paura perche subito mi dicono che sonno tante quale voqliono lavorare cosa devo fare


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  31. Buongiorno dottore, lo avevo el contrato indeterminato come badante per 15 ore settimanale e dopo 8 mes si mi han no licenziato, e un tanto sonó asunta 3 ore setimanale da una altra parte come colf, la mía domanda e posso fare la domanda de desocupazione¿

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Se non hai avuto precedenti rapporti di lavoro, alla scadenza del contratto potrai presentare all'INPS la domanda per la Mini Aspi, altrimenti se hai almeno un anno di lavoro negli ultimi due potrai presentare la domanda per l'ASPI.-

      Elimina
  32. Buon giorno avvocato, io lavoro come cameriera da sei ani per lo stesso datore di lavoro, e sono sempre livello 5! Come scata il livello per noi le cameriere e cosa devo fare? ? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Il livello scatta solo nel caso che si cambi mansione, mentre se si svolge sempre la stessa mansione si ha diritto solo agli scatti di anzianità.-

      Elimina
  33. Ciao Gianfranco sono una badante convivente con stipendio di 950,25 livello CS dal mese di magio percepisco scati somma 38,01 .In busta paga ogni mese e inclussa la 13-ma per mese di giunio 94,32 euro .Secondi le mie calcole deve esere calcolata la somma di 97,39 euro. Dato che dal 1 gennaio sono aumentate vitto e allogio . Secondo voi e giusta la soma di 97,39 euro o no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Tredicesima mensilità
      Al lavoratore spetta una mensilità aggiuntiva, pari alla retribuzione maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto. Per colf e badanti conviventi la tredicesima mensilità è pari allo stipendio mensile + vitto e alloggio e per il 2014 è pari a 161,70 euro (5,39 al giorno x 30 giorni).-

      Elimina
    2. buon giorno,potrebbe informarmi circa la retribuzione che dovrei avere..il mio orario è;9,30-14,..17,30-20 dal lunedi al lunedi..il figlio ha chiaramente espresso che più di 800 euro nn può..se voglio fare un giorno di riposo devo preoccuparmi di trovare la persona e trattenere dal mio stipendio il dovuto x chi mi sostituisce...è paranormale..nn fattibile..ma di risposta è ..se ti và è così...sono oss qualificata..sono 2 coniugi,la mogliè è allettata e bisogna aiutarla in tutto,il marito è autosufficiente ma fuori come un campanello..scusi l'espressione..la ringrazio..

      Elimina
    3. Per un livello D Super (Assistente a persone non autosufficienti), formato, non conviventi, la paga oraria prevista dal contratto è di 7,60 euro + 13/ma + TFR + 26 giorni di ferie.-

      Elimina
  34. Buon giorno dottore, lavoro come badante en livello As, 25 ore a settimana dal lunedì al venerdì, con un stipendio di 511€ al mese, lavoro da 5 anni con la stessa persona, il primo anno ha fatto contrato per 1 anno e adesso ho contrato indeterminato, la domanda è: il primo anno lo stipendio era 500€ dopo con il contrato indeterminato continuaba 500€, nel 2012 mi ha dato un aumento di 11 €, per cui sono 511€ che percebisco, quando e quanto mi corrisponde l'aumento di stipendio? Grazie! Katerina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Katerina!
      La paga prevista per un livello AS è pari a 5,27 euro all'ora x 25 = 131,75 euro settimanali x 4,33 = 570,48 euro mensili + 13/ma + TFR + 26 giorni di ferie + contributi.-

      Elimina
    2. Grazie Gianfranco per la risposta, però vorrei sapere si ho diritto a un aumento del stipendio e ogni quanti anni viene dato ho letto qualcosa su scatto di anzianita, che cosa è? Grazie! Katerina

      Elimina
    3. Ciao Katerina!
      Scatti di anzianità
      Per ogni biennio di servizio presso lo stesso datore di lavoro spetta al lavoratore un aumento pari al 4% sulla retribuzione minima contrattuale, per un massimo di 7 scatti.-

      Elimina
  35. Buongiorno Gianfranco , ho una domanda da fare ho 65 ani sono ucraina lavoro in Italia da 10 ani no fatto mai la diciarazione dei reditti .La domanda posso andare in pensione se si che documente devo prezentare? Citadinanza ucraina.Grazie anticipamente per la risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per andare in pensione di vecchiaia sono necessari almeno 20 anni di contributi, quindi nel tuo caso se non disponi di altri redditi con 10 anni di residenza in Italia puoi richiedere l'assegno sociale.-
      Ti consiglio quindi di rivolgerti al più vicino Ufficio INCA - CGIL per farti seguire per tutto l'iter burocratico necessario.-
      Comunque se Tu non hai mai fatto la dichiarazione dei redditi è possibile che l'Agenzia delle Entrate ti richieda il pagamento delle tasse "evase", detraendole magari dalla pensione.-

      Elimina
  36. buonasera.sg Gianfranco ,vorei chidervi un favore??lavoro come badante dal 1.8.2011.la mia domanda e:con i figli minoreni residenti in romania posso prendere asegnio familiare e aretrati da 3 ani ??grazie ,grazie Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela!
      Per richiedere gli assegni per i familiari residenti all'estero è necessaria un'autorizzazione preventiva dell'INPS, per richiedere la quale serve uno stato di famiglia bilingue e certificato dei redditi dei familiari.-

      Elimina
  37. Buon giorno sono una rumena lavoro come badante dal 9 dicembre 2013 assunta dal 27.02.2014 a tempo indeterminato, il mio contratto prevede 30 ore settimanali mia retribuzione mensile sara di 682euro sto lavorando 24 su 24 ore in data di 24 giugnio sono cascata dal scalandrino durante il lavoro voglio sapere se dattori di lavoro mi posono licenziare se ho contrato indeterminato?ho certificazione medica di infortunio lavorativo.e voglio sapere anche quanti giorni ho di ferie grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Malattia
      L'art. 26 del C.C.N.L. inerente la retribuzione della malattia delle colf e/o badanti.Come primo dovere, il datore di lavoro, una volta ricevuto il certificato medico entro 2 giorni dall'inizio della malattia fatto emettere dal lavoratore entro il giorno successivo al verificarsi dell'evento, avrà l'obbligo di mantenere il posto di lavoro per un periodo di tempo variabile in base all'anzianità di servizio della colf e /o badante, sia questa convivente che non convivente. Il periodo di conservazione del posto di lavoro è pari a:
      10 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica (sia convivente che non convivente) con anzianità inferiore a 6 mesi;
      45 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica con anzianità di servizio compreso tra i 6 mesi ed i 2 anni;
      180 giorni di calendario (incluse le domeniche) se l'anzianità di servizio della colf è superiore a 2 anni.
      Oltre l'obbligo di mantenimento del posto di lavoro, il datore di lavoro è poi obbligato a remunerare la malattia garantendo un salario coincidente al 50% della retribuzione globale di fatto per i primi 3 giorni di calendario e pari al 100% della retribuzione globale di fatto per un numero di giorni pari a:
      8 giorni complessivi nell'anno per anzianità di servizio inferiore a 6 mesi;
      10 giorni complessivi di calendario nell'anno per anzianità di servizio compresa tra 6 mesi e 2 anni;
      15 giorni complessivi di calendario nell'anno per contratti di lavoro con anzianità di servizio superiore a 2 anni.
      Ferie
      Indipendentemente dalla durata dell'orario di lavoro, per ogni anno di servizio il lavoratore ha diritto a 26 giorni lavorativi di ferie se la distribuzione dell'orario di lavoro settimanale è su 6 giorni (occorre proporzionare se i giorni lavorativi sono inferiori a sei). La retribuzione dei giorni di ferie è maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto se dovuto. Le ferie non possono essere monetizzate (salvo i giorni non goduti che residuano alla cessazione del rapporto di lavoro).-

      Elimina
    2. Grazie mille

      Elimina
  38. Buongiorno dottorGianfranco ho una domanda da fare .Sono una badante convivente con contrato 46 ore setimanale,988 euro mensile. 2 mesi fa la mia signora ha avutto un malore alla gamba .Di notte mi alzavo sempre per n acompaniarlo in bagnio.Cosi per 10 giorni ance la domenica di notte ,anche sabatto per 4, 5 volte mi alzavo di notte. Mi chemava lei . Ma quando gli ho detto che questi ore sono straordinarie lei subito mi a detto che gia sta bene e che io l.ho aiutata un paio di volte. Voglio saperre quanto mi deve pagare datore di lavoro. In questo casso come si fano le calcole. Mi alzavo dale 11 di serra fino all 6 di matina sempre 4 ho 5 volte come ho detto prima 10 giorni La ringrazio anticipamente per le risposta e voglio dire che la matina mi sveliavo ale 8 anche non riposando bene e lavoravo tuto il giorno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lavoro straordinario!
      Personale convivente:
      E' compensato con una maggiorazione del:
      25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).-
      50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).-
      60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo stabilito e nelle festività infrasettimanali.-
      40% per le ore di lavoro prestate nella mezza giornata di riposo (mancato riposo).-

      Elimina
  39. Buona sera,sig.Gianfranco!Per cortesia aiutatemi con un consiglio.io lavoro con un contratto di 30 ore settimanale con un stipendio di 700€,convivente,volevo sapere se io dopo 2 anni di lavoro ce lo diritto di chiedere di augumentate il mio stipendio e qualle sara ,secondo lei ?e un altra domanda:per un giorno festivo quanto devo essere pagata,la famiglia dove lavoro mi dice che non lo sanno,pero la mia b.paga scrive festività 28,29€...GRAZIE MILLE sig. avvocato e buon lavoro!

    RispondiElimina
  40. Buona sera ,ho dimenticato di dire che lavoro con un contratto di 30 ore settimanale,livello BS,(COLABORATRICE DOMESTICA)pero sinceramente io lavoro 24 sul 24 e mi occupo di tutto io(speza,dottore,infirmiera,fizioterapia)in contratto scrive che anziano e autosuficiente peroooo...e invalido 100%..Vi ringrazio..con molto respetto...MICHELA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Michela!
      Scatti di anzianità
      Per ogni biennio di servizio presso lo stesso datore di lavoro spetta al lavoratore un aumento pari al 4% sulla retribuzione minima contrattuale, per un massimo di 7 scatti.-
      Straordinario Personale convivente:
      E' compensato con una maggiorazione del:
      25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).-
      50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).-
      60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo stabilito e nelle festività infrasettimanali.-
      40% per le ore di lavoro prestate nella mezza giornata di riposo (mancato riposo).-

      Elimina
  41. Patrick e Vasilica09 luglio 2014 22:10

    Salve sig. Gianfranco, sono un datore di lavoro e ho bisogno di un chiarimento riguardo la maggiorazione notturna.
    Ho stipulato un contratto Convivente 54 ore settimanali e abbiamo concordato e sottoscritto il seguente orario: da lunedì a venerdì dalle ore 09 alle ore 14 e dalle ore 19 alle ore 24, il sabato dalle ore 08 alle ore 12.
    Dunque, è sorto il seguente problema, come dev'essere calcolata la maggiorazione notturna dalle ore 22 alle ore 24? Le seguenti considerazioni sono prese dal CCNL del 2007 e del 2013, io prendo come riferimento il CCNL 2013
    Il commercialista che fa le buste paga fa riferimento all'art. 15 - Orario di Lavoro - comma 6, che prevede una maggiorazione del 20% per le ore notturne che rientrano nell'orario stabilito nel contratto.
    Lei sig. Gianfranco, e le specifiche del vostro sito fate riferimento all'art. 16 - Lavoro Straordinario - commi 2 e 3, che prevedono una maggiorazione del 50% per le ore che vanno dalle ore 22 alle ore 06.
    Mi sono rivolto ad un consulente Cisl e ha fatto riferimento all'art. 16 commi 2 e 3, senza però vedere cosa dice l'art. 15 comma 6.
    A questo punto io e il mio badante non sappiamo a quale articolo fare riferimento per essere sicuri di avere il giusto calcolo della busta paga e non vogliamo in futuro incorrere in qualche problema legale o fiscale.
    Quindi, ci troviamo a cercare di capire definitivamente a quale dei due articoli dobbiamo far riferimento....
    Riassumendo, nel contratto è stato concordato un'orario mttutino dalle 09 alle 14 e serale che va dalle ore 19 alle ore 24 quindi dalle ore 22 alle ore 24 dev'essere aggiunta una maggiorazione notturna.
    In questo caso, essendo inserite le due ore dalle 22 alle 24 nell'orario ordinario concordato alla stipula del contratto, va applicato l'Art. 15 comma 6 del CCNL o l'Art. 16 commi 2 e 3 del CCNL?
    Spero che con il suo aiuto si riesca ad arrivare ad una soluzione certa del problema, Grazie per l'aiuto.
    Patrick

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patrick e Vasilica09 luglio 2014 22:26

      Le scrivo i link dove ho scaricato copia del CCNL:
      http://www.colfebadantionline.it/images/ccnllavorodomestico2013-2016.pdf
      http://www.cnel.it/application/xmanager/projects/cnel/attachments/shadow_schede_contratto_corrente_attachment/files/000/626/180/15014.

      Elimina
    2. E' corretto il comportamento del tuo commercialista, che fa riferimento all'art. 15 - Orario di Lavoro - comma 6, che prevede una maggiorazione del 20% per le ore notturne che rientrano nell'orario stabilito nel contratto.-
      Il riferimento all'art. 16 - Lavoro Straordinario - commi 2 e 3, che prevedono una maggiorazione del 50% per le ore che vanno dalle ore 22 alle ore 06, non riguarda il Tuo caso.-
      Infatti un conto è lo straordinario, cioè il lavoro che viene effettuato dopo il normale orario di lavoro, altro conto è il lavoro effettuato di notte in base all'orario di lavoro contrattuale.-

      Elimina
  42. Salve Gianfranco, leggo spesso le risposte che dai, molto utili, ma vorrei un chiarimento.
    Ho due contratti part-time in 2 famiglie diverse, la prima per 12 ore settimanali, la seconda per 6 ore. Ho notato nelle mie buste paga che, nella prima famiglia dove sto da 3 anni il 2 giugno e' pagato come festivita per intero ( come tutte le altre spettanti) mente nella seconda famiglia, dove sono assunta solo da un mese, la festivita del 2 giugno mi viene pagata per la meta, ossia sulla voce festivita, paga oraria anziche' 6,50 come gli altri giorni, c'e' 3,25... e' corretto ? mi sembra strano, perche nel contratto di 12 ore mi sono sempre state pagate per intero, sempre riferendomi alla paga oraria, invece adesso nel nuovo lavoro no
    e' uno sbaglio o e' propri cosi? sono stata appena assunta, non vorrei lamentarmi ma neppure non far valere i miei diritti, se ne ho
    grazie
    saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti il comportamento corretto è quello della prima famiglia, in quanto le festività vanno pagate per intero e non al 50%.-

      Elimina
  43. Buon giorno dottore, lavoro come badante en livello As, 25 ore a settimana dal lunedì al venerdì, con un stipendio di 511€ al mese, lavoro da 5 anni con la stessa persona, il primo anno ha fatto contrato per 1 anno e adesso ho contrato indeterminato, la domanda è: il primo anno lo stipendio era 500€ dopo con il contrato indeterminato continuaba 500€, nel 2012 mi ha dato un aumento di 11 €, per cui sono 511€ che percebisco, quando e quanto mi corrisponde l'aumento di stipendio? Grazie! Katerina.
    Grazie Gianfranco per la risposta, però vorrei sapere si ho diritto a un aumento del stipendio e ogni quanti anni viene dato ho letto qualcosa su scatto di anzianita, che cosa è? Grazie! Katerina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Katerina!
      Scatti di anzianità
      Per ogni biennio di servizio presso lo stesso datore di lavoro spetta al lavoratore un aumento pari al 4% sulla retribuzione minima contrattuale, per un massimo di 7 scatti.-

      Elimina
  44. Gentile Avvocato
    alla badante di mia madre arriv'o a suo tempo una richiesta di pagamento canone tv .Abbiamo risposto che il canone lo paga la mamma e la badante è convivente a tempo indeterminato .
    E' ritornata una richiesta nella quale si dice che la badante non è nucleo famigliare e quindi di nuovo richiede il pagamento canone tv.
    Come dobbiamo fare ? Il lavoro delle badanti dura fino a che dura in vita l'anziano,non è una residenza reale anche se quando facciamo il contratto ci viene richiesto categoricamente di mandare alla polizia la loro residenza.
    I sindacati sanno di queste richieste?
    Ho letto che in alta Italia chiedono alle badanti anche il pagamento della spazzatura.
    Ma come è possibile questo?
    Quando io lavoravo non mi chiedevano di pagare luce,gas,telefono,tv etc. del datore di lavoro,è cambiato qualcosa?La badante si può difendere e come?
    grazie della risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ludovica!
      La legge prevede che è tenuto a pagare l'abbonamento alla Rai chiunque detenga uno o più apparecchi «atti o adattabili alla ricezione dei programmi televisivi». Anche se il televisore viene usato solo sporadicamente e l'utente non guarda mai i programmi della Rai occorre infatti pagare il canone che è quindi un'imposta sul possesso dell'apparecchio televisivo: così, infatti, stabilisce un Regio decreto del 1938, scritto cioè prima dell'inizio delle prime trasmissioni sperimentali. Detto questo, non si capisce perché chiunque non paghi il canone debba essere assimilato a un evasore: c'è chi il televisore non lo ha e c'è chi ce l'ha ma non deve pagare il canone perché in quella casa c'è già un utente che paga l'abbonamento alla Rai. E' il caso delle coppie che convivono, è il caso delle badanti, è il caso di studenti fuori sede che hanno cambiato la residenza. Tutti soggetti che vengono tempestati di lettere e che dovrebbero liberarsi del pressing rispondendo alla lettera indicando la casistica che li riguarda: ad esempio, sono convivente con il signor Rossi (oppure, sono la badante del signor Rossi) e indicando il numero dell'abbonamento del signor Rossi.-
      Ti consiglio quindi di rivolgerti alla sede più vicina della Federconsumatori per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  45. Buongiorno d-r Gianfranco La ringrazio per tutte le risposte che lei mi le ha datto, sarebbe meglio se queste risposte sianno indirizate sul sitto del mio comercialista , nonostante che lei mi a datto le risposte giuste il comercialista vuole un foglio scritto. Ho un altra domanda a chi mi posso rivolgere quello che riguarda i calcoli della diciarazione dei rediti . Il mio reditto per 2013 e 12613 euro .Nella sede CGL mi anno calcolato che devo pagare 2373 euro . Da quale IRPEF 2013 devo pagare 752 euro primo conto IRPEF 2014 557 secondo Irpef per 2014 ,,835 euro Adizionale regionale per 2013 ,,,155euro adizionale comunale per 2013 somma 48 euro Adizionale comunale 2014 somma 19 euro . Anche devo per la compilazione pagare 23 euro poi come tichet membro sindacate 50 euro. Se non pago la tassa sindacale devo pagare in tutto 90 euro mi e statto detto.Voglio saperre se queste calcole sono giusti, perche la mia amica con redito di 10000 euro gli e stato calcolato 1200 euro in tutto no penso se io ho 2000 in piu redito devo pagare 1000 euro in piu. La prego se potete calcolarmi se questq calcole sono giusti. Se sapete dove mi posso rivolgere per controlare queste calcole magari sul qualche sitto internet. La ringrazio anticipamente ancorra una volta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non ti fidi del CAF della CGIL puoi rivolgerti a un altro CAF ma purtroppo la sostanza non cambia, perché è quello che prevede la legge.-
      Infatti il confronto con la Tua amica non ha senso perché la normativa prevede che per un reddito fino a 8.000,00 euro non si paga IRPEF mentre per la parte eccedente si paga il 23% + addizionali regionale e comunale + acconto per l'anno in corso, e questo significa che una differenza di 2.000 euro di reddito incide molto sulle tasse da pagare.-

      Elimina
  46. Chiedo scuse volevo anche quello che riguarda pagamento per la dichiarazione dei rediti.Essista una tassa fissa per la compilazione? Perche non fa calcole per la dichiarazione dei reditti il comercialista che fa le buste paga io sono una badante no specificato prima. nella mia domanda.Ho fatto la domanda alle 19-45 ma mi sono dimenticato di specific .che sono una badante. La mia domanda è perche devo pagare in anticipo queste maledetti primo conto IRPEF ,secondo conto IRPEF se io potrei morire tra qualche mese opure mi ne andro in mio paese i miei soldi come tutti che o fato fino adesso la diciar.... dei rediti finiscono sapete dove.. Poi posso andare dal INPS per controlare questi maledeti calcoli? Io pago dal mio stipendio i mii contributi . La domanda è ( ho pagato per 2013 euro 600) questa somma va tolta dal redito lordo oppure no. ,oppure c"e qualche solo percentuali ? Se il mio redito e 13211 meno questi 600 euro di co0ntributi rimangono 12613 euro che devono esere tassate.Giusto? Perche per 2014 io devo pagare circa 1411 euro? La prego fatemi per favore i calcoli per avere una certeza quanto devo pagare , io di sicuro che li pagero ma volio sapere se sono giusti . Grazie anticipamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo è quello che prevede la legge!
      La legge è uguale per tutti, quindi sia per gli italiani che per gli stranieri e questo vale anche per le badanti.-
      Il problema è che le badanti, a differenza delle lavoratrici dipendenti da aziende, in busta paga non pagano tasse ma solo contributi, e questo vuol dire che sono obbligate per legge a pagare le tasse dovute all'erario per l'anno precedente e il relativo acconto per l'anno in corso che verrà conguagliato con la dichiarazione dei redditi del prossimo anno.-

      Elimina
  47. Egregio Dottor Censori,
    sono margherita,già in anticipo vorrei ringraziarmi per la sua gentile risposta. mille grazie!
    Mia cognata mi propone l'assunzione come colf per l'assistenza di sua mamma,
    offrendomi quanto segue:
    Purtroppo non ho idea, se l'offerta e buona o meno.

    3 giorni con 9,5 ore/giorno ( più mezz'ora di riposo)
    quindi 28,5 ore / settimana
    (tariffa euro 800 netto) invece lei mi offre euro 900 netto/mese, circa 945 euro lordo....
    contribut.trimestr. 1,01 euro/ora oltre 24 ore
    0,03 euro Fondo cassa colf
    ca. 400 euro/trimestr.
    fino 15000 euro 23% tasse

    1) se accetto l'offerta di 900 euro netto/mensile ricevo anche 80euro Governo
    Renzi o sono inclusi?
    2) Questo lavoro "colf" conta per la mia pensione ? (Estratto INPS ca. 28 anni)
    3) Fiscalmente non sono più a carico di mio marito? finora abbiamo fatto
    insieme il Mod. 730, siccome ero a carico, come posso dedurre le mie
    spese med. ecc. la casa è di mia proprietà
    4) Ho pagato i versamenti volontari fino al 30.09.2013!
    quanto tempo dovrei essere assunta per un eventuale richiesta ASPI,ho 59anni


    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Per le COLF non si pagano tasse ma solo contributi, quindi va presentata la dichiarazione dei redditi con la quale si può eventualmente recuperare il bonus degli 80,00 euro.-
      - SI! Il lavoro da COLF conta per la pensione.-
      - Fiscalmente non saresti più a carico di tuo marito, quindi dovresti pagare le tasse ed eventualmente potresti portare in detrazione le spese.-
      - Per il diritto all'ASPI sono necessarie almeno 52 settimane di lavoro.-

      Elimina
  48. Ciao Egregio Gianfranco ho una domanda rapidissima .Sono una badante la 13 -ma mi viene calcolata ogni mese in busta paga. Per esempio vitto deve essere calcolate tutte le domeniche , dato che io no prendo i pasti in casa. Nel mese di giugno il comercialista mi ha calcolato solo 4 domeniche. Sapiamo tutti che mese di giugno a 5 domeniche poi 2 giugno che e giorno festivo infrasetimanale , Sicome sabato sera noncena dal datore dilavoro,poi domenica ne anche, Lei mi doveva calcolare e pagare tutti giorni di sabato solo cena 1,88 euro 5 giorni di domenica, e 2 giuno .Rizulta in totale vito 4 giorni di sabato 7,52 euro, domenica 5 giorni 18,80, e 2 giugno 3.76 euro. Voglio la vostra risposta le mie calcole sono giustu o no? Devo chiedere di rifarmi la busta paga e avere mancato pagamento Grazie?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      SI!
      I Tuoi calcoli sono giusti!

      Elimina
  49. Ciao Gianfranco oh una domanda , il datore di lavoro di mia amica e andato a casa di riposo . La sua figlia a licenziato la mia amica e li a detto che TFR lo ricevera dopo 2 mese, intendo calcole fine raporto di lavoro stipendio ultimo mese. Perche non tra 3 giorni per esempio c"e una lege che deve aspetare 2 mese? Quando lei deve pagare lo stipendio? Grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La legge prevede che il pagamento del TFR e delle altre competenze maturate deve essere corrisposto al lavoratore entro 60 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro.-

      Elimina
  50. Buongiorno, avrei una domanda: se sia dovuta la quattordicesima alla badante. Grazie in anticipo Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luca!
      NO!
      Alla badante è dovuta la tredicesima ma non la quattordicesima.-

      Elimina
  51. Buongiorno avvocato!vorrei sapere se una badante prende pensione in Romania e adesso e in disoccupazione per la morte del suo assistito in Italia può avere problemi o e tutto regolare?grazie mille! Marcella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marcella!
      Non c'è problema!
      E' tutto regolare!

      Elimina
  52. buongiorno avv.Mi chiamo Elena,sono rumena,e ho bisogno della sua risposta.Lavoro dall marzo 2011come colf a tempo indeterminato e fra un po' devo andare in ferie.Vorrei sapere:le ferie quando devono essere pagate?Prima di andare o all ritorno?Io gli vorrei prima,pero il mio dattore di lavoro a detto che se li da prima mi fa un piacere(come un prestito).Cosa dice la legge?Prima o dopo?Deve aggiungere anche altro?Grazie infinite.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena!
      Le ferie per legge non vanno pagate a parte, quindi per il periodo di ferie la colf ha diritto alla normale retribuzione come se lavorasse, che deve percepire all'inizio del mese successivo a quello di competenza.-

      Elimina
  53. Buon giorno Dottor Censori,
    grazie per le sue risposte del 15.luglio 2014, sono margherita
    sul Estratto INPS risultano ca. 28 anni, di cui ho lavorato
    ca. 23 anni come impiegata nel settore privato, 5 anni versamenti
    volontari (assistito un familiare) è vero che per il calcolo della
    mia pensione sarebbe un grande svantaggio se adesso prendo
    questo lavoro come COLF?
    Mi scusi se la disturbo nuovamente, ma neanche il patronato
    poteva darmi una risposta..... grazie mille!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Margherita!
      NO!
      Il calcolo della pensione per il periodo di lavoro successivo al 2012 viene effettuato con il sistema contributivo, quindi la pensione è destinata ad aumentare in base ai contributi che si continuano a versare.-

      Elimina
  54. Egregio Dottor Censori, Buon giorno.Sonno una domestica che lavoro presso la stesa famiglia di 6 anni e adeso vorei fare le demisioni perche ricevo 6 euro a ora e ho cura di 4 persone due adulti e due bambini Il mio contrato e AS e in tutto questa tempo non ho mai ricevuto ne anche una lira in piu ne o scatti di anzianita, e svolgo tutto lavoro in casa da pulire.stirare portare bambini a scuola e preparare da mangiare per tutti.E normale che ho questa tipo di contrato AS doppo tutti questi anni di lavoro ( specificando che ho lavoratto 5 anni in nero sempre per questa famiglia)adeso ho deciso di finire vorei sapere posso recuperare anni lavorati in nerro 2003- 2008 in qualche modo e una volta che facio le mie demisioni cosa deve pagare il datore di lavoro e quando,quanto tempo devo aspetare fino che prendo questi soldi. Io sapevo che in ultimo giorno di preaviso( ho deciso di partire a fine di ottombre percio lavoro solo settembre e ottombre.e lei quando mi consiglia di fare le demisioni quando tornero da ferie, in settembre o in ottobre.perche ho gia prenotato bigleti e non voglio avere una sorpresa da pare loro di non pagarmi e di perdere anche bigleti ) .E una ultima domanda una domestica a dirito a ore di permesso e quanti sono al anno,anche che non li prendereo almeno di sapere per avere una idea dei miei diritti.GRAZZIE MILE DOTTORE.Per fortuna ci sono le persone come lei sul questa mondo che ni aprono gli occhi e ni fano la vita piu legera grazzie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      Livello A Super
      Addetto alla compagnia, baby sitter (mansioni occasionali e/o saltuarie).-
      Questo ovviamente vuol dire che non è normale il Tuo inquadramento in base alle mansioni svolte.-
      Per recuperare i 5 anni che hai lavorato in nero devi aprire una vertenza sindacale ma devi avere delle prove e delle testimonianze che dimostrino il rapporto di lavoro.-
      Una colf ha diritto solo a 26 giorni di ferie all'anno, quindi non ha diritto a permessi aggiuntivi.-
      Per legge il TFR deve essere corrisposto al lavoratore entro 60 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro, quindi devi presentare le dimissioni due mesi prima della partenza.-

      Elimina
  55. Buona sera !Facio badante dal 29.10.2012 ho un contrato 54 ore a setimana,oggi 16.07.2014 sono venuta a sapere senza preaviso che la vecchia che bado andra in casa di riposo fra 3 gg....e giusto che hano fatto cosi senza avisarmi?A cosa ho dirito? Grazie mille!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se verrai licenziata tra 3 giorni, avrai diritto all'indennità di mancato preavviso + ovviamente alla paga, al TFR, e alla quota di tredicesima maturata.-
      Se prima del 29/10/2012 non hai avuto altri rapporti di lavoro dipendente avrai diritto alla Mini Aspi, altrimenti avrai diritto all'ASPI.-

      Elimina
  56. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Tuo datore di lavoro tutela i suoi interessi e non i tuoi, quindi sei Tu che devi rivolgerti a un sindacato per avere informazioni più precise su quelli che sono i tuoi diritti.-

      Elimina
  57. Mi scusi, non ho capito bene se il bonus degli 80 euro spetta anche alle colf, perche riferito ll'irpef che pero' le colf fino agli 8000 euro non pagano....io sono colf e ho un reddito annuo di circa 5000 euro, quindi non pago tasse oltre i contributi. Anche se guadagno poco, circa 400 euro al mese, non posso avere anche io gli 80 euro? o c'e' qualche altro aiuto per chi come me e' in condizioni precarie? perche per una che guadagna 400 euro al mese 80 euro, mi scusi, sono tantissimi....
    grazie del chiarimento

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo NO!
      Il bonus degli 80,00 euro è riservato ai lavoratori che hanno un reddito compreso tra gli 8.000,00 e i 24.000,00 euro, quindi non ne hai diritto.-

      Elimina
  58. Buongiorno sig Gianfranco ho lavorato dal 1 agosto 2012 al 6 dicembre 2013 come badante ...dal 21 dicembre sono in disoccupazione Aspi dal 1 agosto ce lo un lavoro per un mese ...alla fine del contratto posso fare un altra domanda per disoccupazione . Grazie mille Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna!
      SI!
      Alla scadenza del contratto potrai presentare all'INPS una nuova domanda di ASPI.-

      Elimina
    2. Ciao Anna!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  59. Le famiglie non sono imprese e non hanno tanti soldi da spendere consiglio tutti i datori senza soldi ad andare dall'assistenza sociale e se non vi trovano una soluzione dove paga anche il Comune fatevi rilasciare una dichiarazione ufficiale e poi fate ricorso al tar con un buon avvocato. Spesso le assunzioni in nero sono lo specchio della incapacità delle famiglie di pagare i costi troppo alti della assunzione in regola. 270 euro di contributi al mese sono troppi per il servizio sanitario che ci ritroviamo e per una pensione che le badanti non avranno mai. Tanto Più che poi viene data la possibilità alle agenzie di fare Coop e pagare meno contributi. Allora tanto vale pagare una agenzia mal che vada la vertenza la fa all'agenzia. Saluti e complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      In effetti spesso le situazioni familiari sono quelle che descrivi Tu!

      Elimina
  60. Ciao Gianfranco Ho una domanda da fare. Per noi badante straniere quando faceamo la dichiarazione dei redditi abbiamo diritto a questi 80 euro che si parla tanto? Poi Io percepisco scatti di anzianita dal mese di maggio . Mi deve calcolare la 13-ma il commercialista nella busta paga oppure no da la somma di scatti anzzianita?Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      - Il bonus degli 80 euro spetta anche alle badanti, ma potranno recuperarlo solo con la dichiarazione dei redditi del prossimo anno.-
      -Scatti di anzianità:
      Per ogni biennio di servizio presso lo stesso datore di lavoro spetta al lavoratore un aumento pari al 4% sulla retribuzione minima contrattuale, per un massimo di 7 scatti.-

      Elimina
  61. Buongiorno avrei alcune domande : la badante di mio cugino insiste che vuole essere pagata il 20 del mese perché ha un figlio all'estero malato, si puo pagare prima dell'emissione della busta paga? E poi conguagliare la rimanenza. Durante l'orario di lavoro la badante deve fare ciò che decide il datore, giusto? Come tutti gli altri lavoratori. Se il datore decide che la badante deve stare vicino al l'anziano e non deve guardare la TV tutto il tempo la badante non deve dire che Può guardare quello che vuole altrimenti il datore puo fare un richiamo scritto. Giusto? La badante convivente ha diritto a vitto giornaliero per 3. 50 circa quindi non puo dire che mangia quello che gli pare e il datore deve pagare e basta. Giusto? Se mio cugino che già paga contributi per 54 ore paga straordinari alla badante deve pagare altri contributi sullo straordinario? Grazie mille complimenti per il servizio che non ha eguali. Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      - Il datore di lavoro su espressa richiesta può dare alla badante anticipi di stipendio, ma non è obbligato a darli e soprattutto devono essere richieste saltuarie.-
      - SI! La badante deve seguire le istruzioni del suo datore di lavoro, e se non si attiene il datore di lavoro può fare un richiamo scritto, al quale può seguire anche il licenziamento.-
      - Per vitto si intende che la badante deve mangiare quello che c'è in famiglia, salvo esigenze particolari per problemi di salute o per esigenze di carattere religioso.-

      Elimina
    2. Prego, se li merita i complimenti. Scusi se insisto, volevo sapere se sugli straordinari si pagano i contributi oltre a quelli previsti dal contratto di 54 ore, e se la badante insiste che gli straordinari gli vengano pagati fuori busta, perchè dice, vuol pagare meno tasse, cosa si può fare per evitare questa cosa. Purtroppo la badante di mio cugino insiste da settimane per questa cosa, inizialmente voleva essere pagata in parte in nero, e mio cugino giustamente le ha detto di no perchè non vuole esporsi al rischio di una possibile vertenza futura. Ora dice che se c'è da fare qualche straordinario lo fa ma solo se viene pagato fuori busta. A questo punto non ci resta che licenziarla o esiste qualche altra alternativa? Purtroppo da una parte ci dice che ha il figlio malato da mantenere all'estero, e per questo ci dispiace lasciarla a casa, e dall'altro però ci sta mettendo a noi cugini in una posizione non altrimenti risolvibile, noi vogliamo stare nella legalità ma abbiamo bisogno di una persona che accetti di pagare le sue tasse e di fare qualche straordinario ogni tanto. Mica possiamo rischiare di fare gli evasori perchè lei ha il figlio da mantenere. Ci dica lei come fare. Grazie e saluti e ancora complimenti.

      Elimina
    3. Tuo cugino ha perfettamente ragione nel senso che pagare lo straordinario in nero significa evadere contributi e far evadere alla badante contributi e tasse oltre ad esporsi ad eventuali vertenze future.-
      Purtroppo non esistono alternative nel senso che o la badante si "rassegna" ad essere tenuta in regola per tutta la sua attività lavorativa o si cerca un altro lavoro con un altro datore di lavoro disposto a rischiare.-

      Elimina
  62. Buongiorno Dottor Gianfrando. Innanzi tutto complimenti x il blog molto accurato.
    Anche io ho un problema. Vorrei sappere se è legale che il mio datore di lavoro ogni mese mi chiede non presentarmi al posto di lavoro per 3-4 giorni consecutivi,(perdendo cosi 22h) precisando che sono una badante non convivente con un contratto di lavoro di 33h settimanali, per una persona autosufficiente. Il motivo per qui chi chiedono di non presentarmi al lavoro è perchè l'assistia anziana sta via.
    Questa succede ogni mese quindi sono costretta a perdere ogni mese delle ore di lavoro. Lavoro per questa famiglia dal 02/2014 e la regolazione del lavoro e avvenuta nell mese di Giugno 2014.
    Sottolineo che dal febbraio da quando ho iniziato il lavoro, ho fatto notare che ad ottobre 2014 devo parite per il mio paese di origine (Romania) x il matrimonio di mia figlia. Ora vorrei sapere a quanti giorni ho diritto di ferie e se la legge prevede anche giorni di permesso per questo evento.
    La scorsa settimana ricordando a loro che a ottobre parto, gli chiessi se hanno bisogno che trovo una sostituta per quel periodo di circa 20 giorni, rispondendomi che forse porteranno l'assistita ad una casa di riposo definitivamente. In questo caso verò licenziata molto probabilmente.
    Vorei ora sapere come mi tutela la legge x questo licenziamento. E se mi licenziaserò mentre sto via ?
    Grazie anticipamente per la sua risposta. Distinti Saluti ! Elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Con un contratto di lavoro di 33 ore settimanali il datore di lavoro devi garantirti 33 ore di lavoro settimanali quindi per i giorni in cui l'assistita va via di casa o deve metterti in ferie o deve farti recuperare le ore perse.-
      Ferie
      Indipendentemente dalla durata dell'orario di lavoro, per ogni anno di servizio il lavoratore ha diritto a 26 giorni lavorativi di ferie se la distribuzione dell'orario di lavoro settimanale è su 6 giorni (occorre proporzionare se i giorni lavorativi sono inferiori a sei). La retribuzione dei giorni di ferie è maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto se dovuto. Le ferie non possono essere monetizzate (salvo i giorni non goduti che residuano alla cessazione del rapporto di lavoro).-
      Se verrai licenziata avrai diritto all'ASPI ed avrai 60 giorni di tempo dalla data di cessazione del rapporto di lavoro per presentare la relativa domanda all'INPS.-

      Elimina
    2. Vi ringrazio per la risposta molto chiara. Speriamo che serva anche a qualcun altro qua nel blog.
      Se avro altri dubbi non esiterò a contattarla.
      Saluti!

      Elimina
    3. Ciao Elena!
      OK!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  63. Buongiorno, una domanda; su contracto mio di lavoro scrive 48 ore e datore di lavoro paga contribuire ogni tremestro 201.perché cosi poco?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evidentemente il discorso non quadra, nel senso che i contributi vengono pagati in misura minore rispetto a quello che è previsto nel contratto, quindi devi chiarire la questione con il Tuo datore di lavoro.-

      Elimina
  64. Ciao Gianfranco grazie mille per le vostre risposte grazie davvero ,forse che non avette capito la mia domanda ,Io voglio sapere se dalla somma scatti anzianita se calcola la 13-ma.Il comercialista ogni mese in busta paga mi calcola la trdicesima .Ma dal nese di maggio io percepisco scati di anzianita ,la domanda e mi deve calcolare anche tredicezima dalla somma di scttti cioe 4,56 sarebbe ogni mese opure no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      Evidentemente non sono stato abbastanza chiaro!
      Per ogni biennio di servizio presso lo stesso datore di lavoro spetta al lavoratore un aumento pari al 4% sulla retribuzione minima contrattuale, per un massimo di 7 scatti.-
      Retribuzione minima contrattuale significa la paga senza scatti di anzianità.-

      Elimina
  65. Ciao Gianfranco la ringrazio per lavoro che fa tanto utile per noi badante. Ho una domanda da fare penso che anche sarebbe utile la risposta anche per tutti quele badante che ogni ano come me fano la dichiarazione dei redditi. La mia amica esendo una persona esemplara e onesta e andata dal CGL in provincia di Sondrio per compilare la dichiarazione dei redditi. Lei a reddito per 2013 somma di 4200 euro ma a pagato lo stesso le tasse. Io lo fatto vedere le ho detto che non deve pagare perche non ah somma di 8500 euro almeno. Deve lei pagare le tasse avendo reddito lordo 4200 euro per 2013.? Se lei gia le ha pagatto cosa deve fare? La ringrazio molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tatiana!
      Il limite di 8.000 euro di reddito esente da IRPEF vale se il reddito è riferito al lavoro di tutto l'anno, mentre se riguarda solo qualche mese il discorso è diverso, quindi non si può generalizzare.-

      Elimina
  66. Buongiorno Dottor Gianfrando. Io vorei fare le demisioni con preaviso.Lavoro come domestica con 25 ore settimanali di quasi 6 anni vorei sapere quanti giorni devo lavorare per preaviso perche sapevo che in caso di demisioni da parte del lavoratore i giorni di preaviso sono ridotti del 50%. Grazie anticipamente per la sua risposta. Distinti Saluti celi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preavviso per Licenziamento o Dimissioni
      Il rapporto di lavoro domestico può cessare per libera volontà del lavoratore e del datore di lavoro.
      Non c’è necessità di motivare l’interruzione del rapporto di lavoro, ma deve essere concesso un termine di preavviso, che varia a seconda che il rapporto di lavoro sia superiore od inferiore a 24 ore settimanali, ed all’anzianità di servizio presso il datore di lavoro. Le parti possono regolare tra di loro questi termini, che però non possono comunque essere inferiori a quelli stabiliti per legge.
      In caso di licenziamento, se il lavoratore è impegnato per oltre 24 ore settimanali e ha maturato fino a cinque anni di anzianità presso lo stesso datore di lavoro, il termine di preavviso deve essere almeno di 15 giorni di calendario. Il termine deve essere di almeno 30 giorni se gli anni di anzianità sono oltre i cinque.
      Se invece il rapporto di lavoro è fino a 24 ore settimanali il preavviso dovrà essere pari ad 8 giorni di calendario, fino a due anni di anzianità e 15 giorni di calendario, oltre i due anni di anzianità.
      Nel caso di dimissioni da parte del lavoratore i termini sono ridotti del 50%.

      Elimina
  67. Buongiorno avrei una domanda sul calcolo dello straordinario notturno. Deve essere pagato il tempo effettivamente lavorato, pari a 15 minuti, oppure l'intera ora. Se la badante percepisce un netto di 950 euro al mese per 54 ore settimanali in regime di convivenza lo stipendio orario mensile sarebbe uguale a 950/216 = 4.40 euro netti l'ora. Dato che il contratto parla di maggiorazione del 50% allora un'ora di straordinario notturno verrà pagato 4.40 euro + 2.20 di maggiorazione straordinario, totale 6.60 euro, ma dato che lo straordinario lavorato è di 15 minuti, lo straordinario pagato sara' pari a 6.60 euro diviso 4 = 1.65 euro per il lavoro straordinario notturno. Bisogna pagare 1.65 euro per lo straordinario effettivamente lavorato oppure 6.60 euro come se avesse lavorato un'ora? Potrebbe dirmi a quanto ammonta il contributo sullo straordinario notturno? Grazie mille saluti e complimenti per la sua disponibilità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      Ai fini del calcolo degli straordinari, la frazione di ora sino a 29 minuti si arrotonda a 30 minuti, mentre la frazione superiore a 30 minuti si arrotonda ad 1 ora.-
      I contributi si versano all'INPS in base alle ore lavorate, quindi senza maggiorazioni.-

      Elimina
  68. Salve. Io lavoro come badante con 40h settimanale. Mi hanno pagato i contributi dal novembre 2013 fine a giugno 2014 , sono meno di 52 settimane. Se come mi licenziano , posso prendere la dissocupazione? Grazie .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il diritto all'ASPI sono necessarie almeno 52 settimane di lavoro nell'ultimo biennio, mentre per il diritto alla Mini Aspi servono almeno 13 settimane di lavoro nell'ultimo anno.-

      Elimina
  69. Salve.Sono badante-54 ore settimanale.Se ho iniziato lavorare 17 luglio(in mese sono 31 giorni),quanti giorni mi devono essere pagati?Lo so che mesi interi si contano sempre 30….Come si conta 31 del mese,se si lavora non mese intero?Grazie mille!

    RispondiElimina
  70. Buongiorno, avvocato! Avrei una domanda su disoccupazione da fare.Dopo decesso della mia assistita che avvennuto a genaio 2013, ho preso d'idennita di disoccupazione. Come la mia disoccupazione finita a 8 di febraio 2014, da 08.04quest'anno stavo lavorando come badante C Super con 40 ore settimanali presso una persona di 91 anni , che decessa 25 luglio.Come ne ho eta 64 anni, trovare subito lavoro sara dificile- e la mia domanda e - se posso fare la domanda di disoccupazione?

    RispondiElimina
  71. Buonasera!Sono badante.Vorrei chiedervi,quale documenti dovrei avere dopo licenziamento... in senso, quale carte devo avere dal dattore di lavoro?Grazie

    RispondiElimina
  72. Scusa,penso che non ho spiegato bene...sono stata licenziata e vorrei fare la domanda di disoccupazione....cosa devo schiedere dal datore di lavoro???Ecco!Grazie!

    RispondiElimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.