venerdì 11 marzo 2016

Badanti e Colf - CCNL Anno 2016

Classificazione di Badanti e Colf

Livello A
Collaboratori familiari generici, non addetti all'assistenza di persone, con esperienza professionale (maturata anche presso datori di lavoro diversi) non superiore a 12 mesi.
Livello A Super
Addetto alla compagnia, baby sitter (mansioni occasionali e/o saltuarie).
Livello B
Collaboratori familiari che, in possesso della necessaria esperienza svolgono con specifica competenza le proprie mansioni, ancorchè a livello esecutivo.
Livello B Super
Assistente a persone autosufficenti
Livello C
Collaboratori familiari che, in possesso di specifiche conoscenze di base, sia teoriche che tecniche, relative allo svolgimento dei compiti assegnati, operano con totale autonomia e responsabilità.
Livello C Super
Assistente a persone non autosufficenti (non formato).
Livello D
Collaboratori familiari che, in possesso dei necessari requisiti professionali, ricoprono specifiche posizioni di lavoro caratterizzato da responsabilità, autonomia decisionale e/o coordinamento.
Livello D Super
Assistente a persone non autosufficenti (formato). Svolge mansioni di assitenza a persone non autosufficenti, ivi comprese, se richieste, le attività connesse alle esigenze del vitto e della pulizia della casa ove vivono gli assistiti.


Orario di lavoro

Nel lavoro a tempo pieno l'attuale durata normale dell'orario di lavoro è concordata tra le parti e comunque con un massimo di:
10 ore giornaliere non consecutive, per un totale di 54 ore settimanali per i lavoratori conviventi.-
8 ore giornaliere non consecutive, per un totale di 44 ore settimanali per i lavoratori non conviventi.-
Il lavoratore ha diritto ad un riposo di almeno 8 ore consecutive nella giornata e ad un ulteriore riposo intermedio di almeno 2 ore da fruirsi nelle ore pomeridiane.-


Riposo settimanale

Il riposo settimanale è di 36 ore e deve essere goduto per:
  • 24 ore di domenica (o altra giornata stabilita nel contratto di assunzione). Questo riposo è irrinunciabile. In caso di richiesta di prestazione lavorative per esigenze imprevedibili le ore vanno retribuite con la maggiorazione del 60% sia per i lavoratori non conviventi che per i lavoratori conviventi.-
  • 12 ore in qualsiasi altro giorno della settimana. Qualora fossero richieste prestazioni lavorative nel giorno fissato, il riposo può essere goduto in altro giorno della settimana (in assenza di recupero le ore lavorate vanno retribuite con la maggiorazione del 40% sia per i lavoratori non conviventi che per i lavoratori conviventi).- 

Lavoro straordinario

Personale non convivente:
E' compensato con una maggiorazione del:
  • 10% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno compreso tra le 40 e le 44 ore settimanali.- 
  • 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).- 
  • 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).- 
  • 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo o in giorno festivo infrasettimanale.- 

Personale convivente:
E' compensato con una maggiorazione del:
  • 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).- 
  • 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).- 
  • 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo stabilito e nelle festività infrasettimanali.- 
  • 40% per le ore di lavoro prestate nella mezza giornata di riposo (mancato riposo).- 

Scatti di anzianità

Per ogni biennio di servizio presso lo stesso datore di lavoro spetta al lavoratore un aumento pari al 4% sulla retribuzione minima contrattuale, per un massimo di 7 scatti.-

Festività

1° gennaio - 6 gennaio – lunedì di Pasqua – 25 aprile – 1° maggio – 2 giugno – 15 agosto – 1° novembre – 8 dicembre – 25 dicembre – 26 dicembre – S. Patrono. In queste giornate il lavoratore ha diritto al completo riposo e alla retribuzione normale. Se una delle festività sopra elencate coincide con la domenica o nel giorno di riposo stabilito, il lavoratore ha diritto al recupero del riposo in altra giornata o, in alternativa, al pagamento di 1/26 della retribuzione. Se invece è lavorata è dovuto, oltre alla normale retribuzione giornaliera il pagamento delle ore lavorate maggiorate del 60%.


Ferie

Indipendentemente dalla durata dell'orario di lavoro, per ogni anno di servizio il lavoratore ha diritto a 26 giorni lavorativi di ferie se la distribuzione dell'orario di lavoro settimanale è su 6 giorni (occorre proporzionare se i giorni lavorativi sono inferiori a sei). La retribuzione dei giorni di ferie è maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto se dovuto. Le ferie non possono essere monetizzate (salvo i giorni non goduti che residuano alla cessazione del rapporto di lavoro).-

Malattia

L'art. 26 del C.C.N.L. inerente la retribuzione della malattia delle colf e/o badanti.Come primo dovere, il datore di lavoro, una volta ricevuto il certificato medico entro 2 giorni dall'inizio della malattia fatto emettere dal lavoratore entro il giorno successivo al verificarsi dell'evento, avrà l'obbligo di mantenere il posto di lavoro per un periodo di tempo variabile in base all'anzianità di servizio della colf e /o badante, sia questa convivente che non convivente. Il periodo di conservazione del posto di lavoro è pari a:
  • 10 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica (sia convivente che non convivente) con anzianità inferiore a 6 mesi;
  • 45 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica con anzianità di servizio compreso tra i 6 mesi ed i 2 anni;
  • 180 giorni di calendario (incluse le domeniche) se l'anzianità di servizio della colf è superiore a 2 anni.

Oltre l'obbligo di mantenimento del posto di lavoro, il datore di lavoro è poi obbligato a remunerare la malattia garantendo un salario coincidente al 50% della retribuzione globale di fatto per i primi 3 giorni di calendario e pari al 100% della retribuzione globale di fatto per un numero di giorni pari a:
  • 8 giorni complessivi nell'anno per anzianità di servizio inferiore a 6 mesi;
  • 10 giorni complessivi di calendario nell'anno per anzianità di servizio compresa tra 6 mesi e 2 anni;
  • 15 giorni complessivi di calendario nell'anno per contratti di lavoro con anzianità di servizio superiore a 2 anni.


Tredicesima mensilità

Al lavoratore spetta una mensilità aggiuntiva, pari alla retribuzione maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto. Per colf e badanti conviventi la tredicesima mensilità è pari allo stipendio mensile + vitto e alloggio e per il 2012 è pari a 132,60 euro (5,19 al giorno x 26 giorni).-


TFR (Trattamento di fine rapporto)

Deve essere liquidato al termine del rapporto di lavoro e indicativamente corrisponde ad una mensilità per ogni anno di servizio prestato.-
Una volta stabilità qual è l'anzianità maturata dalla lavoratrice, si passa al calcolo vero e proprio.
  1. Il primo passo consiste nel determinare la somma pagata nel corso dei singoli anni, comprensiva della tredicesima e delle indennità di vitto e alloggio per le colf conviventi o che consumano in casa uno o più pasti. 
  2. L'importo della retribuzione annuale, diviso per 13,5, rappresenta la quota annuale da accantonare per il trattamento di fine rapporto. 
  3. Le singole quote annuali vanno rivalutate con degli appositi coefficienti dati dalla somma di due indici di cui:
    • il primo è pari al 75% dell'aumento del costo della vita accertato dall'Istat per gli operai e gli impiegati;
    • il secondo è dato da una percentuale fissa pari all'1,50% all'anno (0,125% al mese).

Preavviso per Licenziamento o Dimissioni

Il rapporto di lavoro domestico può cessare per libera volontà del lavoratore e del datore di lavoro.

Non c'è necessità di motivare l'interruzione del rapporto di lavoro, ma deve essere concesso un termine di preavviso, che varia a seconda che il rapporto di lavoro sia superiore od inferiore a 24 ore settimanali, ed all’anzianità di servizio presso il datore di lavoro. Le parti possono regolare tra di loro questi termini, che però non possono comunque essere inferiori a quelli stabiliti per legge.
In caso di licenziamento, se il lavoratore è impegnato per oltre 24 ore settimanali e ha maturato fino a cinque anni di anzianità presso lo stesso datore di lavoro, il termine di preavviso deve essere almeno di 15 giorni di calendario. Il termine deve essere di almeno 30 giorni se gli anni di anzianità sono oltre i cinque.

Se invece il rapporto di lavoro è fino a 24 ore settimanali il preavviso dovrà essere pari ad 8 giorni di calendario, fino a due anni di anzianità e 15 giorni di calendario, oltre i due anni di anzianità.
Nel caso di dimissioni da parte del lavoratore i termini sono ridotti del 50%.


Presenza Notturna

I lavoratori assunti per garantire esclusivamente la presenza notturna (e non l’assistenza o cura) rappresentano una categoria a sé.
Le prestazioni di presenza notturna sono quelle effettuate in una fascia oraria notturna interamente ricompresa tra le ore 21.00 e le ore 8.00 e prevedono che il datore di lavoro metta a disposizione del lavoratore un alloggio idoneo per il completo riposo notturno.
Questo tipo di prestazioni vengono inquadrate in una categoria specifica di lavoro domestico, la "presenza notturna", che ha un parametro retributivo specifico (Tabella E, Presenza notturna).
Nel contratto di lavoro dovranno essere indicata la categoria di prestazioni ("prestazioni notturne") e l'ora d'inizio e quella di cessazione dell'assistenza.
Qualora venissero richieste al lavoratore prestazioni diverse dalla mera presenza, queste non saranno considerate lavoro straordinario, bensì retribuite aggiuntivamente sulla base delle retribuzioni previste per i lavoratori non conviventi, come da Tabella C, con le eventuali maggiorazioni contrattuali e limitatamente al tempo effettivamente impiegato.


Assistenza Notturna

È possibile assumere personale non infermieristico perché resti a disposizione durante la notte e presti assistenza in caso di bisogno.
Questo tipo di personale viene inquadrato in una categoria specifica di lavoro domestico, "assistenza notturna", che prevede come mansioni “discontinue prestazioni notturne di cura alla persona”.
La categoria di assistenza notturna viene retribuita secondo dei parametri specifici.
Per essere inquadrata come “discontinue prestazioni notturne di cura alla persona”, l’assistenza prestata deve avere carattere di discontinuità: prevede infatti attesa, ma non sempre assistenza. Il lavoratore si obbliga perciò a garantire al datore di lavoro la propria disponibilità allo svolgimento di prestazioni di assistenza in modo discontinuo o intermittente e in un arco di tempo predefinito: la fascia oraria notturna.
Diverso è invece il caso di prestazioni esclusivamente di attesa - e non di cura, nemmeno discontinua. In questo caso, la prestazione viene inquadrata in una categoria diversa, appunto di "presenza notturna".
Si qualifica come "assistenza notturna" il lavoro prestato in una fascia oraria notturna interamente ricompresa tra le ore 20.00 e le ore 8.00.
Il datore di lavoro dovrà a tal fine provvedere all’assistente un’idonea sistemazione per la notte, qualora non fosse convivente, oltre alla cena e alla colazione.
Al personale convivente dovranno essere in ogni caso garantite undici ore di riposo consecutivo ogni ventiquattro ore.
Nel contratto di lavoro dovranno essere indicate l’ora d’inizio e quella di cessazione dell’assistenza e il suo carattere di prestazione discontinua.
Le “discontinue prestazioni notturne di cura alla persona” hanno dei parametri specifici di remunerazione. Fanno infatti riferimento alla TABELLA D dei minimi retributivi previsti per legge.
In particolare, nel caso in cui l’assistenza notturna riguardi soggetti autosufficienti (bambini, anziani, portatori di handicap o ammalati), la badante verrà inquadrata nel livello B super.
Nel caso in cui l’assistenza TABELLA riguardi soggetti non autosufficienti, la badante verrà inquadrata nel livello C super (se non formata) o D Super (se formata).
Massimo 10 ore non consecutive al giorno se convivente fino a 54 ore settimanali.-
Massimo 8 ore non consecutive al giorno se non convivente fino a 40 ore settimanali.-


Assegno per il Nucleo Familiare:

I lavoratori domestici hanno diritto alla corresponsione dell’ assegno per il nucleo familiare, ma a differenza dei lavoratori subordinati il pagamento non avviene da parte del datore di lavoro, bensì direttamente dall’INPS. La richiesta va quindi effettuata direttamente all’INPS via internet, tramite accesso alla propria area riservata sul portale www.inps.it o tramite patronato.
L’assegno per il nucleo familiare è pagato direttamente dall’INPS con due rate semestrali posticipate secondo la modalità scelta dall’interessato nel modello di domanda (bonifico presso l’Ufficio Postale, accredito sul conto corrente bancario o postale).
La misura dell’assegno varia oltre che in base al reddito lordo complessivo e al numero dei componenti il nucleo familiare anche in base alle ore di lavoro:
Ai lavoratori domestici spettano tanti assegni giornalieri quanti ne risultano dal quoziente che si ottiene dividendo per quattro il numero delle ore di lavoro risultanti dalla contribuzione complessivamente versata o dovuta nel trimestre, da uno o più datori di lavoro, e per un massimo di sei assegni giornalieri per ogni settimana.-


Minimi salariali anno 2016

LivelloConviventi - Paga MensileNon Conviventi - Paga Oraria
A624,654,54
AS738,235,68
B795,015,68
BS851,806,02
C908,606,35
CS965,386,69
D1.135,737,72
DS1.192,528,06


Presenza notturna livello unico euro 655,89.-
Assistenza notturna
Livello BS Assistenza a persone autosufficienti euro 979,57.-
Livello CS Assistenza a persone non autosufficienti (non formato) euro 1.110,18.- (7,20 x ora)
Livello DS Assistenza a persone non autosufficienti (formato) euro 1.371,42.- (8,68 x ora)

Vitto e AlloggioValore GiornalieroValore Mensile
Pranzo e prima colazione1,9157,30
Cena1,9157,30
Alloggio1,6649,80
Totale5,48164,40



CONTRIBUTI ORARI DEL 2016

Rapporti di lavoro a tempo indeterminato:
a) Orario fino a 24 ore settimanali
Retribuzione oraria effettiva fino a 7,88 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,39 (0,35)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,40 (0,35) 
Retribuzione oraria effettiva da 7,88 a 9,59 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,57 (0,40)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,58 (0,40)
Retribuzione oraria effettiva oltre 9,59 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,91 (0,48)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,93 (0,48)

b) Orario oltre le 24 ore settimanaliQualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,01 (0,25)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,02 (0,25)

*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari


Rapporti di lavoro a tempo determinato:
a) Orario fino a 24 ore settimanaliRetribuzione oraria effettiva fino a 7,88 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,49 (0,35)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,50 (0,35) 
Retribuzione oraria effettiva da 7,88 a 9,59 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,68 (0,40)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,69 (0,40)
Retribuzione oraria effettiva oltre 9,59 
  • con CUAF Contributo orario euro 2,05 (0,48)
  • senza CUAF Contributo orario euro 2,06 (0,48)
b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,08 (0,25)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,09 (0,25)

*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari

Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

175 commenti:

  1. Buonasera Avvocato lavoro da giugno 2015 presso un anziana per 12 ore settimanali livello B da giugno 2016 dovrei percepire assegni famigliari,marito disoccupato ,2 figli minori ed 1 di 19 non riesco a calcolare quanto mi spetterebbe percepisco netti circa €320 mensili grazie in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assegno per il Nucleo Familiare:
      I lavoratori domestici hanno diritto alla corresponsione dell’ assegno per il nucleo familiare, ma a differenza dei lavoratori subordinati il pagamento non avviene da parte del datore di lavoro, bensì direttamente dall’INPS. La richiesta va quindi effettuata direttamente all’INPS via internet, tramite accesso alla propria area riservata sul portale www.inps.it o tramite patronato.
      L’assegno per il nucleo familiare è pagato direttamente dall’INPS con due rate semestrali posticipate secondo la modalità scelta dall’interessato nel modello di domanda (bonifico presso l’Ufficio Postale, accredito sul conto corrente bancario o postale).
      La misura dell’assegno varia oltre che in base al reddito lordo complessivo e al numero dei componenti il nucleo familiare anche in base alle ore di lavoro:
      Ai lavoratori domestici spettano tanti assegni giornalieri quanti ne risultano dal quoziente che si ottiene dividendo per quattro il numero delle ore di lavoro risultanti dalla contribuzione complessivamente versata o dovuta nel trimestre, da uno o più datori di lavoro, e per un massimo di sei assegni giornalieri per ogni settimana.-

      Elimina
    2. Grazie per la risposta...ma non riesco a capire come calcolare gli assegni familiari..Mi puo' spiegare in parole semplici queste parole SCUSI L'IGNORANZA ''Ai lavoratori domestici spettano tanti assegni giornalieri quanti ne risultano dal quoziente che si ottiene dividendo per quattro il numero delle ore di lavoro risultanti dalla contribuzione complessivamente versata o dovuta nel trimestre, da uno o più datori di lavoro, e per un massimo di sei assegni giornalieri per ogni settimana''

      Elimina
    3. N. 12 ore settimanali x 4,33 = 51,96 ore mensili x 3 = 155,88 : 4 = 38,97 giornate retribuite in un trimestre x 8,61 (258,33 : 30) importo giornaliero = euro 335,53 euro a trimestre.-

      Elimina
  2. Semplicemente si approfittano della tua disponibilità, sono casi abbastanza frequenti e sono persone come mandavoche (piattole)
    Cerca di documentare le ore che fai di stiro, € 10,00 all'ora poi vai dai sindacati e chiarisci la cosa con l'ufficio vertenze. Auguri
    Quello descritto è un mia considerazione personale.Sergio

    RispondiElimina
  3. Buona sera dottore. Io lavoro da 7anni e mezzo come badante convivente. Il marzo di 2012 il mio datore di lavoro mi ha cambiato il contratto di lavoro(mancanza di soldi diceva lui) da 40 settimanali a 25 ore. Il novembre 2013 ha messo ancora 5 ore quindi adesso sono 30 ore. La mia domanda e coretto un contratto di 30ore settimanale x badante convivente? Ho riposo solo alla domenica 16-17 ore. Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente NO!
      Con un contratto da badante convivente di 30 ore settimanali, vuol dire che per legge tu devi lavorare solo per le 30 ore settimanali previste dal contratto, quindi le ore lavorate in più dovrebbero essere retribuite come straordinari.-
      La mancanza di soldi come sostiene il tuo datore di lavoro, comporta nel tuo caso un'evasione parziale di tasse e di contributi, e quindi minori tutele e minori garanzie per te.-

      Elimina
  4. Dott. Censori buongiorno, Le pongo il mio problema.
    Nel mese di Luglio precisamente i giorni 21-22-23-24 di cui il 23 era sabato e il 24 domenica, il signore che accudisco è andato al mare con suo figlio.
    Premetto che il mio contratto è badante livello b super data assunzione 16/05/2016 e ore settimanali 25 accordandomi con il figlio anche se lavoro dal lunedì al venerdì 24/24 con due ore pausa dalle 14,00 alle 16,00 sabato fino alle 14,00.
    Controllando la busta paga ho notato che avevo 27 ore di ferie maturate, ma mi hanno tolto le ore di ferie dei giorni in cui il signore è andato al mare.
    Ora vedo in busta che dalle ferie maturate alle attuali sono sotto di 3 ore, praticamente maturate 27 godute 30
    Secondo Lei è giusto che mi vengano tolte, dopotutto loro mi hanno lasciato a casa per andare al mare. io avrei voluto prenderle in agosto.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Le ferie o vengono concordate tutte all'inizio dell'anno o all'inizio del rapporto di lavoro per tutto l'anno, oppure per la metà può decidere il lavoratore e per l'altra metà il datore di lavoro.-

      Elimina
  5. Buongiorno,Dott. Censori!Vorrei fare una domanda.Sono tornata dalla scorsa vacanza e ho iniziato a lavorare 1 settembre 2015.Ora vado in vacanza 14 agosto.Lo stipendio di ferie me lo devono dare prima di partire?Giorno ,quando ricevo stipendio e' giorno 10.In senzo,basta 11 mesi per matturarlo,o ne servono 12?E avrei bisogno di un chiarimento,l'indennita di vitto ed alloggio si aggiunge allo stipendio di vacanza?E poi anche vitto ed alloggio per la 13?Percio' dovrebbe essere pagato 2 volte in anno?Come mai l'ho ricevuto,vorrei essere sicura,che l'ho capito bene. Colf convivente,25 ore sett.Mille grazie inanticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Il periodo di ferie va retribuito come se si lavorasse, quindi il giorno 10 del mese successivo a quello di competenza, ma si può eventualmente richiedere un anticipo.-
      - L'indennità di vitto e alloggio va aggiunta nel periodo di ferie e nella tredicesima.-

      Elimina
    2. Mille grazie,dottore Censori!Ho ricevuta la risposta chiarissima!Non prima volta,che Le scrivo,e Lei sempre e' preciso! E' un grande appoggio per tutti noi!Grazie!

      Elimina
    3. Ti ringrazio per i complimenti!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  6. Buongiorno dotor censori sono una signora moldava lavoro come badante in una famiglia guardo la nona di 86ani ho 5 mesi di lavoro però c'è una problema con la spesa mi dicono che non ho dirito ne de fare la lista della spesa ne de chedere cuelo che ci aspeta a una badante di mangiare al jiorno ho un contratto a tempo indeterminato con 54ore settimanale mi dica lei per favore se ho diritto di chiedere i soldi per mangiare grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai un contratto da convivente, deve esserti garantito vitto e alloggio, quindi i pasti e una camera da letto, e non i soldi per mangiare.-

      Elimina
  7. Buongiorno,

    la ragazza che fa assistenza a mia madre, livello c super, con regolare contratto di convivenza, inizierà una scuola di due anni che la tiene occupata dal martedì al sabato mattina. Quali possibilità ci sono per inserire una seconda persona: con che tipo di contratto? il contratto di convivenza per 54 ore che attualmente ho con la prima ragazza come si modificherebbe? grazie per una risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quanto riguarda la ragazza in servizio devi modificarle il contratto riducendo le ore di lavoro settimanali in base alle ore nelle quali è impegnata per la scuola.-
      Contemporaneamente puoi assumere un'altra badante con contratto da non convivente per le stesse ore di assenza dell'altra.-

      Elimina
  8. Buonasera Dottore!!! Volevo chiederle gentilmente come si calcola la tredicesima. Alla tredicesima della badante convivente di livello CS 40 ore settimanali va aggiunto l'indennizzo di Vito e alloggio? Perché ora mi pagano 80.44 mensilmente quando Al lavoro precedente con le stesse condizioni contrattuali mi pagavano 92.32. Qual'è dei due è corretto? Grazie in anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'indennità di vitto e alloggio da aggiungere alla tredicesima è pari a 164,40 euro.-

      Elimina
  9. salve volglio andare in ferie prima di natale, pero il mio datore di lavoro mi dice che io devo lavorare il 24 o in alternativa i devo portare un altra persona e devo pagare io.E giusto cosi? lavoro come colf. grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La normativa prevede che le ferie o vengono concordate tutte all'inizio dell'anno o per la metà può decidere il lavoratore e per l'altra metà può decidere il datore di lavoro.-
      Il datore di lavoro se non è d'accordo con il tuo programma ferie può richiederti di trovare una sostituta, ma ovviamente a sue spese.-

      Elimina
  10. Buongiorno avvocato.
    sono una donna ucraina e lavoro come badante in italia da 10 anni con regolare permesso di soggiorno, ho una nipotina di tre anni residente in Ucraina e vorrei sapere da Lei la documentazione necessaria per poterla far venire in Italia e per quanti mesi potrà avere il permesso di permanenza.
    Nel ringraziarLa in anticipo per una Sua gradita risposta, colgo l'occasione per porgere i miei più cordiali saluti.
    Ludmilla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ludmilla!
      Una bambina di 3 anni ovviamente non può viaggiare da sola, quindi può venire in Italia solo con almeno un genitore che dovrà richiedere un visto al massimo per 3 mesi all'ambasciata italiana in Ucraina con una tua lettera di invito.-

      Elimina
    2. Gentilissimo avvocato,
      grazie per la sua risposta cosi immediata, forse non ho posto bene la domanda, so anch'io che la bambina non può viaggiare da sola, infatti è mia intenzione di recarmi in Ucraina e portarla insieme a me. Volevo sapere da Lei per quanto tempo di permanenza è consentito in Italia di stare con me in assenza dei suoi genitori.
      Grazie ancora per la sua disponibilità, La saluto cordialmente.
      Ludmilla.

      Elimina
    3. Ciao Ludmilla!
      Si può richiedere per la bambina un visto per l'Italia della durata massima di 3 mesi.-

      Elimina
  11. buongiorno avvocato, è da quasi un anno da fare a fine agosto che lavoro come collaboratrice domestica dal lunedi al sabato dalle 9 alle 13. Vorrei sapere cosa ho diritto di percepire nel mese di agosto andando in ferie due settimane tenendo conto che ciò che percepisco mi viene pagato a settimana. grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La normativa prevede che per il periodo di ferie si ha diritto alla normale retribuzione come se si lavorasse.-

      Elimina
  12. Buongiorno avvocato, sono Nicoleta, badante assunta sette anni fa con contratto B 30 ore convivente indeterminato. La mia assistita (persona non autosufficiente invalidità 100%, vedova senza figli) e anche la mia datrice di lavoro. In febbraio 2015 la mia assistita è caduta e ha battuto la testa. Ha cominciato aver perdite di memoria a volte e aggressiva, e adesso ha davvero bisogno di aiuto per fare tutte le cose (alzarsi, vestirsi, andare in bagno, lavarsi etc). Lei mi sveglia di notte per portarla in bagno.
    Ho una domanda, come si deve fare per cambiare il contratto di lavoro da B 30 a CS 54?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicoleta!
      La modifica del contratto deve essere effettuata dal datore di lavoro, che può essere o l'assistita se in grado di intendere e di volere, o dal tutore in caso di interdizione.-

      Elimina
  13. Buongiorno avocato. Sono badante assunta 4 ani fa con contratto 25 ore settimanali livello BS =800€. A maggio ho maturato secondo scatto di anzianità = 864€ . Adesso dal 01.08.2016. Mi hanno fatto livello CS = 938€ . Vorei sapere è giusto ? Scatti di anzianità dove sono finiti? Grazie ! Cordiali saluti.

    RispondiElimina
  14. Aggiungo che sono covinente (24/24)con 30 ore settimanali adesso . Non ho mai ricevuto vita e alloggio per le ferie. Grazie ancora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La paga mensile per un livello CS Conviventi prevista dal contratto è di 965,38 euro.-
      In caso di passaggio del lavoratore a categoria superiore il valore degli scatti si dovrà adeguare al minimo retributivo della nuova categoria di appartenenza.-

      Elimina
    2. Grazie mille per la risposta, avocato. Cambiando il livello BS con CS mi hanno cancellato il vaolore di scatti . E giusto così? Poi vita e alloggio per periodo di ferie non devo avere? Grazie tante ancora.

      Elimina
    3. - NO! Gli scatti di anzianità maturati non devono essere cancellati con il passaggio di livello.-
      - SI! Si ha diritto all'indennità di vitto e alloggio per i giorni di ferie.-

      Elimina
  15. Buonasera Avvocato. Ho appena assunto per mio papà una badante non convivente (pur vivendo al secondo piano dello stesso civico) a 40 ore settimanali. Non sono però sufficienti. Che differenza economica avrei modificsndo il contratto a 54 ore? Grazie, Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola!
      La paga oraria è la stessa e va quindi rapportata al nuovo orario di lavoro, e lo stesso discorso vale per i contributi da versare all'INPS.-
      Per esempio se attualmente la paga oraria è pari a 6 euro (6 x 40 x 4,33) = euro 1.039,20 mensili.-
      Con 54 ore settimanali diventerà (6 x 54 x 4,33) = 1.402,92 euro mensili.-

      Elimina
  16. Salve Avocato non capisco busta paga luglio sono andata in ferie 70ore, lavorato 33ore a ance stava festività.sulla busta paga scritto-retrib.mensile 727.poi ferie godute 471 .20 poi festivita 33.66 .totale competenze 1232.19 da pagare 700e totale ritenute 532.19e cosi?grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti la retribuzione mensile anche sei è in ferie dovrebbe comunque essere di 727 euro + la festività, quindi non ho idea di cosa significa le ritenute di 532 euro, ti consiglio pertanto di chiarire la questione con il datore di lavoro.-

      Elimina
  17. Buongiorno siniora di mio assistito devi andare in ferie.io devo stare con lui 3domenice, 6giorni da alle 8-19 Piper 6giorni e anche giorno 15 agosto.lavoro come badante va non convivente come mi devi pagare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu devi lavorare solo per le ore previste dal Tuo contratto, quindi le eventuali ore lavorate in più devono essere retribuite come straordinari.-

      Elimina
  18. Gentile Gianfranco,intanto grazie per la sua disponibilita' e le informazioni corrette che sono di un grande aiuto a tutti noi ....Allora io lavoro come badante non convivente per una signora con ALZHEIMER,diciamo che mi hanno proposto 6 mesi fa di lavorare solo di notte,ma vi spiego come funziona...inizio lavoro da lunedi a venerdi dalle 17,00 alle 8 di mattino del giorno successivo,fuori di martedi che inizio il lavoro alle ore 16,00,sabato stacco alle 9 di mattino e rientro alle 16,30 e la domenica stacco alle ore 14,.. e faccio il rientro alle ore 19,00......lo so che non si chiama piu come assitenza notturna....ma sono stata d'accordo ma non e conveniente,che poi mi chiedono di rimanere nei giorni delle feste o di rimanere qualche ore in piu' che non ha chi stare con lei...ma figurati si dimenticano di pagare e vengono con tanto di giustificazioni che hanno dimenticato quando ho lavorato o mi dicono chiaramente che non ci sono piu' soldi....insomma le mie domande sono...e chiaro che ho letto tutte l'informazioni sul vostro sito di informazioni..ma voglio essere sicura di darli a loro informazione corretta e di non avere torto...1)CHE LIVELLO DI INQUADRAMENTO NE HO PER ASSISTENZA NOTTURNA PER UNA PERSONA MALATA DI ALZHEIMER CHE STA SVEGLIA TUTTA LA NOTTE E FA DEI CASINI??
    2)QUANTI ORE SONO PREVISTE DI LAVORO PER QUESTO TIPO DI CONTRATTO?
    3)HO IL DIRITTO DI UNA O DUE NOTTE LIBERE A SETTIMANA??VISTO CHE LAVORO DI CONTINUO MA LORO DICONO CHE NON HO DIRITTO AL RIPOSO SETTIMANALE?GRAZIE in anticipo,

    Cordiali saluti,
    Ginevra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ginevra!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Si qualifica come "assistenza notturna" il lavoro prestato in una fascia oraria notturna interamente ricompresa tra le ore 20.00 e le ore 8.00, quindi 10 ore a notte per un massimo di 54 ore settimanali.-

      Elimina
  19. Buonasera avvocato, avrei bisogno di un chiarimento.... devo assumere una badante convivente per una persona autosufficiente e per questo mi sono rivolta alla cgil della mia zona. Siccome mi è stato detto che la paga mensile ammonta a euro 851 indipendentemente dalle ore lavorate che comunque non possono scendere sotto le trenta e che l'unica differenza la si ha nell'ammontare dei contributi pagati vorrei sapere che questo corrisponde realmente a quanto previsto dalla legge. In attesa di una sua gentile risposta, la ringrazio anticipatamente


    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Confermo!
      Alla CGIL ti hanno correttamente informato su quello che prevede la legge!
      Ovviamente sono possibili delle "scorciatoie" magari concordate anche con la stessa badante, ma in questo caso bisogna mettere in preventivo una possibile futura vertenza da parte della lavoratrice, che potrebbe rivolgersi alla stessa CGIL per farsi tutelare ed assistere.-

      Elimina
  20. Buon giorno.Io sono badante.Lavoro in stessa famiglia guatro anni con contratto 31 ore settimanale.Anno scorso sono stata dal 03.03.2015 al 19.03.2015-giorni di malattia, poi dal 20.03.2015 al 11.04.2015-ferie,e poi dal 12.04.2015 al 15.05.2015-per il conto mio. Il guesto anno ho preso il giorni di ferie dal 16.04.2016.Vorei sapere guanti giorni di ferie dovevi darmi.Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ferie
      Indipendentemente dalla durata dell'orario di lavoro, per ogni anno di servizio il lavoratore ha diritto a 26 giorni lavorativi di ferie se la distribuzione dell'orario di lavoro settimanale è su 6 giorni (occorre proporzionare se i giorni lavorativi sono inferiori a sei). La retribuzione dei giorni di ferie è maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto se dovuto. Le ferie non possono essere monetizzate (salvo i giorni non goduti che residuano alla cessazione del rapporto di lavoro).-

      Elimina
  21. Buongiorno avvocato vorei sapere gentilmente ho lavorato per 8 mese come badante giorno notte ho diritto a desocupazione? Per quanti mese? Ho 60 anni. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il diritto all'indennità di disoccupazione la cessazione del rapporto di lavoro deve avvenire o per licenziamento o per scadenza del contratto, e non per dimissioni.-
      La durata della NASPI è pari alla metà delle settimane lavorate, quindi se si è lavorato per 8 mesi, può durare al massimo per 4 mesi.-

      Elimina
  22. Buongiorno avvocato, ho licenziato la mia badante (contratto 54 ore), cosa le spetta? Le pagherò 15 giorni di preavviso e la lascerò nel nostro alloggio per questo tempo. Per il vitto come mi devo comportare ? Gli alimenti sono compresi nella paga che le do o devo fornirglieli ? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla cessazione del rapporto di lavoro la badante ha diritto al pagamento dell'ultima mensilità, preavviso compreso + 13/ma + TFR + eventuale residue ferie.-
      Per il periodo di preavviso o le fornisci gli alimenti o devi corrisponderle la relativa indennità.-

      Elimina
  23. Buonasera avocato, lavoro come badante convivente contrato di lavoro di 54 ore settimanale livello CS (finalmente dopo 10 anni di lavoro nella steassa famiglia ) primi 5 anni ho curato marito e la moglie con contratto di 25 ore settimanale livello BS dopo 5 anni e morto lui e sono rimasta con la signiora per altri 5 anni mă con un contratto di 40 ore settimanale livello BS,da primo di aprilie 2016 ho chesto di cambiamento contratto con 54 ore settimanale livello CS (e stato fatto dall primo di aprile).Tengo a dire che questa senior non ha figli mă di 3- 4 anni ha una tutore che lavora în banca. Îl mio problema e che di quando ho chesto questa cambiamento di contratto io non mi trovo piu bene con loro,mi hanno gridato anche che pagano tanti cotributi, îl tutore vine sempre per mezza ora maxim un ora di giovedi ho di dumenica pomerigio quando non sono io e ho le prove che lei va sul mio conto corente per vedere I miei movimenti,ho îl conto nella steassa banca dove lavora lei.Come facio a licenziarmi e avere îl dirito alla desocupazione dopo tutti questi anni.Grazie avocato!

    RispondiElimina
  24. Scusatemi Avocato vollevo agingere che îl marito di la seniori era non autosuficientee prima di cambiamento ultima contrato ho lavorato le dumenica la meta e le feste la meta senzația mai păgâni straordinari ,Grazie di nuovo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non è possibile!
      Si ha diritto all'indennità di disoccupazione solo in caso di licenziamento e non in caso di dimissioni, quindi devi trovare il modo di farti licenziare.-

      Elimina
  25. Buon giorno sig.Censori,
    dopo 2 settimane di prova dovrei stipulare contratto di 54 ore come badante .Mi prendo cura di sig. con Parkinson,disabile sulla sedia rotelle,da sola solo mangia.Marito e autosufficente 90%.Gli parenti ho informato delle mie visite mediche 2 volte al mese con specialisti con preavviso di 2 mesi Mia domanda e:
    Le visite mediche devo fare in mio giorno libero?
    In giorno libero 24 ore devo rientrare a casa x la notte?(domenica e libero dalle 8.00-20.00 e giovedi dalle 13.00-20.00).
    Che livello di inqudramento e stipendio di base dovrei avere?
    Devo specificare in contratto mie mansioni da svolgere?(perche piano piano lavoro e mansioni aumentano vivendo in aperta campagna)


    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Trattandosi di persona non autosufficiente, devi essere inquadrata al Livello CS Conviventi che prevede una retribuzione di 965,38 euro mensili + 13/ma + TFR + contributi.-
      - Si possono richiedere dei permessi retribuiti per visite mediche fino ad un massimo di 16 ore all'anno.-
      - Il giorno libero si può anche non rientrare per la notte.-
      - Le mansioni sono quelle previste dal livello di inquadramento.-

      Elimina
  26. Buon giorno avvocato Censori Volevo fare una domanda a lei Io lavoro con tempo indeterminato 1 giugno dovuto fare un intevento e dopo intervento dovuta stare a casa per convalesenza 1 mese e mezzo.io ho certifcato per malattie tutto regole Ma mio dattore di lavoro ho detto che le malattie non vanno pagato cosi per giugno non preso niente stipendio.Oltre questo problema che io lavoro dell 8 di matina fino 12 poi 14 - fino 18 :30 ritorno20:30 fino12 di mezzogiorno lui sul contratto dichiarato 44 ore settimana io 1 giorno lavoro 20 ore e mangio a casa mia mio stipendio 1200 euro la signora non autosufficente ha certificato di accompagnamento

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Malattia:
      Oltre l'obbligo di mantenimento del posto di lavoro, il datore di lavoro è obbligato a remunerare la malattia garantendo un salario coincidente al 50% della retribuzione globale di fatto per i primi 3 giorni di calendario e pari al 100% della retribuzione globale di fatto per un numero di giorni pari a:
      - 8 giorni complessivi nell'anno per anzianità di servizio inferiore a 6 mesi;
      - 10 giorni complessivi di calendario nell'anno per anzianità di servizio compresa tra 6 mesi e 2 anni;
      - 15 giorni complessivi di calendario nell'anno per contratti di lavoro con anzianità di servizio superiore a 2 anni.
      Con un contratto di 44 ore a settimana Tu devi lavorare solo per le 44 ore settimanali previste dal contratto.-
      Per un livello CS non conviventi la paga oraria prevista dal contratto è pari a 6,69 euro all'ora, paria a (6,69 x 44 x 4,33) = 1.274, 58 euro mensili + 13/ma + TFR + contributi.-

      Elimina
  27. Buona sera dottore.Ho un contratto come badante 20 ore settimanali le chiedo se ho diritto ad avere un mese pagato per le ferie e nell eventualità di licenziamento ho diritto al assegno di disoccupazione.cordialmente la saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ferie
      Indipendentemente dalla durata dell'orario di lavoro, per ogni anno di servizio il lavoratore ha diritto a 26 giorni lavorativi di ferie se la distribuzione dell'orario di lavoro settimanale è su 6 giorni (occorre proporzionare se i giorni lavorativi sono inferiori a sei).-
      In caso di licenziamento si ha diritto alla NASPI che può durare al massimo per la metà delle settimane lavorate.-

      Elimina
  28. Grazie avvocato Censori per avermi rispostoQui i problemi con mio dattore di lavoro sono tanti 1: buste paghe e CUD non in regola sulle buste paghe non si legge il livelo che io ho non si capisce quanti giorni di ferie e permessi ho il contratto di lavoro fatto da lui alcomputer all' inps dichariando solo 44 ore a le notte non viene ne anche dicharato.Volevo sapere se io lavoro 20 ore all giorno non convivente quanto mi spetterebbe all mese.Lavoro da 3 anni e non ho mai preso uno scatto di anzianita.premettendo che all inizio ho lavorato per due persone non autosuficenti eta della signore 1 -103e una 95 oggi ancora vive E durante i giorni di feste dell calendario sono costretta andare lavorare anche di notte senca essere pagata.Resto a casa solo dalle 8:00 fino alle 20:30.Grazie per la suo disponibilita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un livello CS Non conviventi prevede una paga di 6,69 euro all'ora, per un massimo di 40 ore settimanali, e le ore lavorate in più dovrebbero essere pagate come straordinari, ti consiglio comunque di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  29. Buongiorno signor Gianfranco vorrei sapere se mi potete aiutare.in mese di agosto sostituisco una persona .la famiglia mi hanno fatto un contratto livello CS con 40 ore settimanali convivente e con un stipendio di 965,38€.se mi potete aiutare vorrei sapere quanto devi prendere al fine mese in totale.stipendio+trf+ tredicesima+ giorno di festa (15 agosto che ho lavorato) + due giorni di fiere che mi hanno detto chi mi aspetta.grazie .un altra cosa che voglio sapere e se loro mi devono dare qualcosa che hanno pagato al Inps.grazie mille .Nicoleta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicoleta!
      A fine mese avrai diritto a 965,38 euro per lo stipendio + 80,44 euro per la tredicesima + 80,44 euro per il TFR + 11,15 euro per i 2 giorni di ferie.-
      Poi una volta effettuato il pagamento dei contributi all'INPS devono rilasciarti una copia del versamento effettuato.-

      Elimina
  30. Buonasera avvocato, avrei bisogno di un chiarimento. La badante che ho licenziato in questi giorni, ed assunta c.ca 7 mesi fa con contratto CS convivente a 54 ore settimanali, durante il periodo di preavvviso di 15 gg, appena iniziato, si rifiuta (solo adesso) di rimanere a dormire nell'abitazione di mia madre che vive da sola, mettendomi in grosse difficoltà. Può fare una cosa del genere, dal momento che è convivente? La ringrazio per la cortese risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Una volta che è stata licenziata, la badante deve del tempo libero necessario per cercarsi un nuovo lavoro, quindi può anche rifiutarsi di dormire in casa durante il periodo di preavviso.-

      Elimina
  31. Salve, complimenti per la chiarezza delle risposte.
    Vorrei sapere se posso assumere una badante convivente, livello CS, a 40 ore settimanali e qual’è la retribuzione corretta, ossia se posso proporzionare la retribuzione mensile, fissata per le 54 ore, all’orario effettivo di 40.

    Grazie e a presto
    Alessandro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessandro!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      La retribuzione per una badante convivente è la stessa sia per per un orario di lavoro di 40 che per 54 ore settimanali, e per un livello CS Conviventi è pari a 965,38 euro mensili; la differenza è solo nei contributi da versare all'INPS.-

      Elimina
  32. Buongiorno Avvocato ,grazie per le risposte.cosa succede guando totale ritenute sono alte per colpa di commercialista e poi lavoro diventato molto pesante -mio assistito non cammina, però devo sembre alzare da letto e portare sulla poltrona anche e banio non mi dano 2 persona,perché pochi soldi.voglio lasciarle lavoro.lavoro come badante non convivente 25ore a settimana.contracto non vogliano cambiare scusa di mancanza soldi.da verità sto lavorando doppio ore a settimana.cosa posso fare per licenziati e avere diritti.grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  33. Buongiorno avvocato, scusi tanto per gli errori di ortografia ; lavoro come badante preso la stessa famiglia; 30 ore a settimana dal 28.01.2008 ;al livello "C" Questo anno le mie ferie sono state programmate a partire dal giorno 18.08 al 18.08 ;sono partita per il mio paese il giorno 18.08 e sono ritornata nel 15.08 in Italia. Solo che al mio ritorno ho avuto la brutta sorpresa:la signora (il mio datore di lavoro ) e venuta mancare (e morta nel giorno 14.08). Io usufruisco con la mia famiglia (marito + figlia di 15 ani) di alloggio indipendente di proprietà del mio datore di lavoro .... La mia domanda è: adesso come si procede con il preavviso avendo oltre 5 ani presso lo stesso datore di lavoro? Come sarò retribuita? Avrò il diritto della disoccupazione? E come? A chi mi devo rivorgere? Quanto tempo mi spetta per liberare l'alloggio sapendo che io abitto li da quando ho iniziato a lavorare presso loro ? Ho anche un contratto di comodato.Se gentilmente mi potrebbe dare delle risposte le sarei molto grata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - Preavviso: Il termine deve essere di almeno 30 giorni se gli anni di anzianità sono oltre i cinque.-
      - Il periodo di preavviso deve essere retribuito come il normale orario di lavoro.-
      - SI! Avrai diritto all'indennità di disoccupazione (NASPI) per richiedere la quale dovrai presentare apposita domanda all'INPS, rivolgendoti eventualmente a un patronato.-
      - Per legge dovresti liberare l'alloggio alla scadenza del preavviso, quindi se non riuscirai a trovare in tempo un'altra soluzione abitativa dovrai richiedere una proroga.-

      Elimina
    2. grazie di cuore siete molto gentile dio vi benedica molte persone si affidano a voi con molta fiducia grazie ancora molto bravo


      Elimina
    3. Ti ringrazio per i complimenti!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  34. Buongiorno,gentile Avvocato !Avrei bisogno di un chiarimento.Settimana scorsa ho parlato con il mio datore di prendere 3 giorni di ferie cominciando da venerdi,sabato e martedi,tenenedo conto che lunedi,15 Agosto non era un giorno lavorativo.Volevo sapere se ho calcolato bene i giorni di ferie(3), come il mio datore sostiene che sono stati 4 giorni di ferie e non 3 .La ringrazio !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I giorni di ferie sono 3 perché domenica e lunedì sono giorni festivi.-

      Elimina
  35. Buongiorno avv.Censori. Gentilmente gli chiedo di aiutarmi in una piccola chiarezza in un dubbio che ho. Io svolgo il lavoro di assistente di livello BS con un stipendio mensile di più o meno 600 euro pero i miei contributi sono di 360 euro ogni tre mesi. la mia domanda : in base a cosa si calcola i contributi e se è giusta questa cifra di contributi al stipendio che ricevo?(informandomi alle altre le mie colleghe, quando sentono questa cifra di contributi si meravigliano e mi dicono che c'è qualcosa di sbagliato) In attesa di una sua gentile risposta, la ringrazio anticipatamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I contributi per colf e badanti non vengono versati all'INPS in base alla retribuzione, ma in base alle ore di lavoro contrattuali, quindi se non mi dici quello che prevede il Tuo contratto purtroppo non posso esserti d'aiuto.-

      Elimina
    2. sono 20 ore settimanale con la retribuzione mensile oraria di 5,98 euro. la ringrazio di nuovo.

      Elimina
    3. CONTRIBUTI ORARI DEL 2016
      Rapporti di lavoro a tempo indeterminato:
      a) Orario fino a 24 ore settimanali
      Retribuzione oraria effettiva fino a 7,88
      con CUAF Contributo orario euro 1,39 (0,35)
      senza CUAF Contributo orario euro 1,40 (0,35)
      Questo significa 1,39 x 20 x 4,33 = 120,37 euro mensili x 3 = 360,00 euro a trimestre.-

      Elimina
  36. Gentile avvocato, avendo avuto un paio di esperienze negative vorrei sapere se è possibile assumere una badante a tempo determinato o si può solo in caso di sostituzione? Il contratto può essere modificato in tempo indeterminato?
    La ringrazio anticipatamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tiziana!
      SI!
      Si può assumere una badante anche con un contratto a tempo determinato, che alla scadenza può essere trasformato in contratto a tempo indeterminato.-

      Elimina
  37. Buongiorno,sono badante non convivente, ho contratto livello CS 30 ore settimanali. Però lavoro mercoledì 9-19,venerdì 9-19,sabato 9 fino martedì alle 9 senza anche un ora di pausa.Lavoro tutte feste senza pagamento o giorno libero. Lavoro con la signora con alzhaimer non autosufficiente.Voglio sapere ché diritti ho e come posso muovermi. Grazie mille per la risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con un contratto livello CS 30 ore settimanali, vuol dire che devi lavorare solo 30 ore a settimana, e che quindi le ore lavorate in più devono esserti retribuite come straordinari.-
      Ti consiglio eventualmente di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  38. Buongiorno Avv,vorrei sapere da Lei un consiglio,faccio la badante,assunta tempo indeterminato convivente 40ore settimanali,livello BS,vorrei essere licenziata ma il mio datore non vuole perché dice che se lo fa Lui non può assumere un'altra badante al mio posto,quindi preferisce che lo faccio io,ma se lo faccio io non ricevo la dissocupazione,quanto è vero di quello che dice il datore di lavoro,grazie di cuore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti se sei Tu che vuoi cessare il rapporto di lavoro, devi presentare le dimissioni, e non pretendere che sia il datore di lavoro a licenziarti.-
      Non puoi obbligare il Tuo datore di lavoro ad effettuare una specie di truffa ai danni dell'INPS a Tuo favore, per farti avere cioè un'indennità di disoccupazione che non ti spetterebbe.-

      Elimina
  39. Buongiorno avvocato,ho una domanda da fare,una donna pensionata a 70anni a voglia a lavorare come badante convivente a 30ora con contratto a diritto o no,Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Anche una donna pensionata a 70 anni può lavorare come badante convivente a 30 ore settimanali con regolare contratto.-

      Elimina
  40. Buon giorno Avvocato!Inizio con un grande ringraziamento per altre volte quando ho avuto bisogno dell suo aiuto e l'ho avoto con tanto esarteza.
    Sono Georgia lavoro come badante dall 22 luglio con contratto di lavoro, 54 ore settimanali e un stipendio di 965 € al mese. La mia richiesta è :
    Nell mese di luglio 2014 ho usufruito de 26 giorni ferie;
    Nell mese di agosto 2015 ho usufruito de 26 giorni ferie;
    Nell mese di marzo 2016 ho usufruito de 10 giorni ferie !
    Ho fatto la domanda a il mio commercialista quante giorni ho ancora, però la verità parlando mi ha dato una cifra che non mi convince! Lo so che ho chiesto tanto però spero che voi mi comprendete e non vedo l'ora di trovarmi davanti alla vostra risposta! Vi ringrazio anticipatamente con tutto il mio cuore Grazie mille!

    RispondiElimina
  41. Mille scuse Avocato perché ho dimenticato a dire, che lavoro a questa famiglia dall 22 luglio 2013.
    Grazie per avermi capito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Georgia!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Il Tuo CCNL prevede 26 giorni di ferie all'anno, quindi se negli anni scorsi hai usufruito di 26 giorni di ferie, non hai ferie arretrate, pertanto se nel 2016 hai già usufruito di 10 giorni ti rimare un residuo di 16 giorni.-

      Elimina
  42. Buon giorno Avvocato, ho assunto una badante con contratto di "presenza notturna" per 5 ore al giorno per 6 giorni. Nel contratto c'è scritto "convivente", anche se non lo è, perchè, mi è stato detto, che in questo tipo di contratto la dicitura "convivente" è obbligatorio. Solo che mi ritrovo a pagare anche vitto e alloggio. E' corretto? La ringrazio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di prassi con un contratto di presenza notturna, l'orario previsto è 9 ore dal lunedì al sabato e la domenica notte riposo per un massimo di 54 ore lavorative.
      Per i non conviventi sussiste comunque l'obbligo della corresponsione della cena, della prima colazione e di un'idonea sistemazione per la notte. Per questo motivo comunque la gestione con webcolf è da considerarsi sempre in regime di convivenza.

      Elimina
  43. Buongiorno.
    Ho trovato un lavoro come badante assistenza notturna a tempo determinato, ciò dal 1 ottobre al 21 ottobre per 3 giorni alla settimana(lunedì, mercoledì venerdi) dalle 20,30 di sera alle 7,30 di mattina e come stipendio mi hanno fatto quello raffigurato nella tabella E (presenza notturna con l'eventuale intervento) Devo sottolineare che comunque l'intervento c'è, perché ogni notte, al una di notte devo cambiare il pannolone ( persona non autosufficiente). Anche se dormo nella mia stanza mi hanno chiesto di stare con le porte aperte, essere abbastanza veglia e stare attenta se per caso l'assistita si sveglia di notte, quindi vorrei sapere se il compenso è quello giusto o mi devono inquadrare nella Tabella C.grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ramona!
      Il discorso è che bisogna capire se parliamo di sola presenza o di assistenza, perché se la persona invalida può svegliarti in caso di necessità è un conto, mentre se devi rimanere comunque sempre sveglia allora il discorso è diverso.
      Infatti se devi cambiare il pannolone una volta a notte non è un problema, mentre non capisco cosa intendi per abbastanza sveglia, perché o dormi e ti sveglia l'assistita in caso di necessità o devi rimanere sveglia perché ha bisogno di assistenza continua.
      Tieni comunque presente che la normativa prevede una retribuzione minima, quindi nel tuo caso puoi richiedere qualcosa in più a prescindere dalla tabella di inquadramento.-

      Elimina
    2. Ho fatto la prima notte di lavoro, e non si tratta proprio di presenza notturna. L'assistita 99 enne chiamava sempre. Ho cominciato il lavoro alle 20,30 e ho smesso alle 7.30 del mattino. Ho riposato dalle 23,30 alle 1,30 di notte, poi ha ricominciato a chiamare e sono stata sveglia un altra ora.Poi riposo fino alle 6 di mattina, quindi mi sono risvegliata perché chiamava e non ho più dormito finché sono uscita alle 7,30.
      A questo punto vorrei sapere dove sono inquadrata con questo tipo di lavoro (compressa la cura igienica della persona)
      Lavoro 33 ore settimanali servizio notturno e 6 ore settimanali di giorno) Non faccio i festivi
      Grazie

      Elimina
    3. Ciao Ramona!
      In questo caso dovresti essere inquadrata al livello CS Assistenza a persona non autosufficiente con una retribuzione mensile di 1.110,18 euro.-

      Elimina
    4. Grazie di cuore, e complimenti per le sue risposte e la sua disponibilità!!!

      Elimina
    5. Ciao Ramona!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  44. Gentile Avvocato,
    la mia dipendente (35 ore settimanali CS non convivente a tempo indeterminato) ha usufruito di 14 giorni di ferie in agosto.

    Il cedolino, preparato dal CAF, per lo stipendio di agosto comprende 13 gg di ferie retribuite + 21 ore di assenza non retribuita.
    Questo perché non "aveva tutti i giorni di ferie usufruiti": è corretto?
    grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Non è corretto!
      Infatti non si possono anticipare le ferie dell'anno prossimo, ma si possono anticipare quelle che si matureranno fino a dicembre, quindi la lavoratrice può pretendere che le vengano retribuite anche le 21 ore detratte in busta paga.-

      Elimina
  45. Grazie x la risposta. Ma come posso far valere il diritto di pagarmi le festività che ricadono anche di sabato? Io nn sono convivente lavoro 8 ore al GG dal lunedi al venerdì e oltre ad assistere questo signore con alzheimer mi occupò anche delle pulizie della casa. Il mio stipendio quale dovrebbe essere? Grazie Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca!
      Ti consiglio di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  46. Buongiorno,
    dal mese di luglio la mia colf è in vacanza al suo paese Filippine, ora sembra sia ancora li ammalata.
    Volevo sapere se io le devo comunque pagare i contributi nei giorni in cui sarà assente. Come ci si comporta in caso di malattia all'estero?
    La ringrazio Buona giornata Cristina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristina!
      Il datore di lavoro deve versare i contributi previdenziali alla colf / badante ogni tre mesi per tutti i giorni retribuiti e anche non lavorati, e quindi comprese le ore di malattia, ferie, festività infrasettimanali, congedo e qualsiasi altra ora non lavorata ma pagata.
      La colf deve comunque trasmettere al datore di lavoro la certificazione medica inerente la malattia rilasciata dal medico del suo Paese di origine.-

      Elimina
  47. Buongiorno avvocato, devo per forza dare la residenza alla badante di mio papa'? ha un contratto da convivente a 25 ore livello BS e se si lo devo fare io o puo andare da sola alla circoscrizione? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Con un contratto da convivente devi dare la residenza alla badante di tuo padre.-
      Per il cambio di residenza in circoscrizione può provvedere da sola la badante; ovviamente dovrete poi confermare la comunicazione della badante in caso di verifica da parte dei vigili urbani.-

      Elimina
  48. Buongiorno avvocato io o 36 ore mensili, e voglio che miei padroni mi metono in regola, adeso mi pagano 11 euro a ora,non son no convivente e vorei sapere che stipendio mi farano e quante tasse Devono pagare loro.Grazzie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il CCNL colf e badanti prevede per un livello CS una paga oraria di 6,69 euro + 13/ma + TFR più contributi pari a 1,02 euro, dei quali 0,25 euro sono a carico della lavoratrice.-

      Elimina
  49. Buna sera avvocato mi chiama Mariana e lavoro come badante in una casa popolare a una sig anziana di 88 anni da 10 mese con un contratto CS 54 ore settimanale. la mia domanda per lei e "SE FACCIO LA NOTTE IN OSPEDALE LORO MI DEVONO PAGARE A PARTE HO FA PARTE DEL MIO STIPENDIO CHE E DI 958€ AL MESE?ho un altra domanda per lei avvocato se mi permette "QUESTI 2 ORE AL GIORNO DEVO RIMANERE IN CASA ANCHE SE IO DEVO ANDARE IN CAMERA DELLA SIG a riposare. volevo la sua conferma se loro possano pagare la mia presenza mi spiego loro sn un può lontane da lora madre quindi tocca a me di stare in casa la figlia della sig mi ha detto che sto in camera sua a riposarmi e che la sua madre nn deve stare da sola volevo la sua conferma se loro mi devono pagare solo per la mia presenza di quelli 2 ore giornaliere. Grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mariana!
      - Se fai la notte in ospedale devono pagarti a parte le ore lavorate come straordinari, perché la tua paga non prevede il lavoro notturno.-
      - Nelle due ore di riposo non sei obbligata a stare insieme alla Tua assistita, altrimenti anche queste ore devono esserti pagate come straordinari.-

      Elimina
  50. Leggendo tutte le sue risposte mi a aiutato abbastanza i miei dubbi, ma quello che non sto capendo in questo momento è la mia agenzia (privata) che non è d'accordo con mio ragionamento. La agência mi ha fatto un contratto di 36 ore settimanali che non o ancora fermato e ne fermerò se non si cambia a 54 ore, io già acenado che la matematica non è una opinione, niente da fare volendo insistere che 36 ore indicato dal contratto nazionale. Io so abbastanza bene che non è così. Prendo cura di un signore di 76 anni in cura di 15 medicina in più devo fare aerosol, ossigeno, misurare pressione etc
    Dal 16/8 non ho mai dormido una notte intera, mi svegliando anche 3 volta alla notte, sendo che vado a letto anche oltre a mezzanotte. In più dottore questo signore è in cura di morfina, tante volta va in confusione, anche per exempio di vestirsi e dire che dovremo andare da qualquer parte. Fa le cose assurda che sendo tante non sto a raccontare. Mi sonno aficionada e curo lui come uno di famiglia, tante volte gli do mangiare in bocca perchè fa capriccio e io mi preocupo perchè lo voglio vedere bene, con forza e coraggio. Lo incentivo in tutto, vado fuori con lui in carrozzina etc.
    Io vorrei che mi inquadrano come cura di un anziano non alto suficiente in più 54 ore, con le mie 2 ore al giorno rigorosamente godute e anche un giorno e mezzo di riposo settimanale, questo ultimo insistono a dire che è un giorno di riposo.
    Io la ringrazio in anticipo della risposta che mi darà e faccio tanti complimenti delle risposta che a dado in precedenza a altri utenti.
    Chiedo scusa della mia gramática, non sendo Italiana ho cercado di fare di mio meglior. Buona giornata

    RispondiElimina
  51. Dr.Graziano mi sarà molto utile la sua risposta da precedente richiesta. Grazie di cuore Per adesso ho 12 ore di riposo al sabato e basta, qualquer volta 2 ora, ma non sempre. In quase un mese diciamo 8 volte. Vado a letto sempre più di mezzanotte e mi sveglia quando va bene alle 5 di mattina. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se devo restare 24 sul 24 senza neanche poter uscire, svegliando me nelle ore notturne per prendere cura di lui, che tipo di contratto posso avere? Sperienza più di 4 anni non formata.? Grazie

      Elimina
    2. Il CCNL colf e badanti prevede un orario di lavoro settimanale al massimo di 54 ore settimanali, quindi 10 ore al giorno (5 ore continuative + 2 ore di riposo + altre 5 ore di lavoro) dal lunedì al venerdì e 4 ore il sabato, e per il resto sei libera da ogni impegno, pertanto le eventuali ore lavorate in più devono essere retribuite come straordinari.-

      Elimina
  52. Buongiorno,contratto livello cs convivente colf badanti in una casa famiglia con 4 persone disabili non autosufficienti.Contratto a 54 ore ma con una clausola dove da tre anni si fanno 34 ore ma all'occorrenza tipo festività e altro possono farci fare più ore.Volevo sapere se queste ore in più che ci chiedono dall'oggi al domani hanno bisogno di un preavviso o siamo obbligate a fare?Con questo contratto non avremo mai ore straordinarie visto che è a 54 ore ma l orario effettivo è sulle 37?Le ore notturne sono considerate straordinarie anche se solo per accompagnare in bagno in pazienti?grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il CCNL colf e badanti non prevede la clausola che hai indicato, quindi l'orario di lavoro deve corrispondere al contratto sottoscritto, e se ci sono variazioni va cambiato il contratto, e le eventuali ore lavorate in più vanno pagate come straordinari.-

      Elimina
  53. Buongiorno dottore!sono nata in 15/12/54.Ho lavorato in Romania 22 ani.In Italia ho lavorato 9 ani con regolare contratto di lavoro cs/40 ore /settimanali.Ho letto questi giorni che c'è la possibilità di andare in pensione anticipata.Vorrei sapere se ho capito bene!grazie mille!

    RispondiElimina
  54. Ho dimenticato dire che sono in disoccupazione dal 1/07/2016

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al momento esistono solo alcune proposte di legge, e solo con l'approvazione da parte del Parlamento della legge di stabilità, presumibilmente nel mese di dicembre, avremo notizie più precise al riguardo.-

      Elimina
  55. Buongiorno avvocato! Sono stata appena assunta come badante livello Bs a 25 ore settimanali. Mi po dire gentilmente i miei diritti e la paga oraria? Grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il CCNL colf e badanti prevede per un livello BS una paga oraria di 6,02 euro + 13/ma + TFR + contributi.-

      Elimina
  56. Buon giorno Avv.to
    Innanzitutto l ringrazio per le risposte precedenti.
    Ora vorrei chiedere se e possibile avere delle ore di permesso non retribuito; se e cosi esiste un tot d'ore al mese? Devo giustificare queste ore.
    Buon lavoro e grazie per la risposta. Patricia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patricia!
      Si possono richiedere delle ore di permessi non retribuiti, ma il datore di lavoro non è obbligato a concederle, quindi sarebbe meglio giustificare la richiesta in modo che non venga respinta.-

      Elimina
  57. Avv.to
    se il mio contratto Cs40 ore ed da parte mio datore di lavoro mi è stato offerto usufruire dei riposi giornalieri tutti in una volta cioè sabato e domenica ed io accetai e al contempo mi e stato anche di tenere come riposo pure i pomeriggi da lun/ven al che acettai soltanto due pomeriggi pensando che cosi la mi retribuzione alla fine mese sarebne bassa e insomma dal punto di vista economico non mi interesabba e cosi siamo rimasti d'accordo di usufruirne di tre pomeriggi i quali vengono detratti dalle ferie.ma col segno di poi capisco che usare in qiesto modo le mie feri e un po uno sprecco perché la volta che vorrei avere anche solo una settimana di ferie mi ritroverò a usare i PNR...e sarei in difficoltà. Quindi per questo chiedo se posso usare questi PERMESSI NON RERIBUITI un po al mese senza intaccare ferie...cemtranil fatto che al posto di 54 ore sull contratto ci siamp 40 ore cs convivente .? Un'altra curiosità vedo che in questo contratto giorno di Pnr sia di €44? 56 centra anche li il fatto delle 40ore?
    Grazie ancora. Patricia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patricia!
      il CCNL colf e badanti non prevede accordi tra le parti sui riposi giornalieri, quindi o vi mettete d'accordo su tutto, o puoi pretendere di attenerti a quello che prevede il contratto stesso senza compensazioni.-

      Elimina
  58. BUONGIORNO AVVOCATO,SONO UNA BADANTE VOLEVO UNA INFORMAZIONE,IO IN 2015 HO LAVORATO 2 MESI IN ITALIA POI IL ANZIANO E DECEDUTO,IN 1026 AGOSTO MI HANNO FATTO UN CONTRATTO DI LAVORO MA LA SENIORA STA MALE DEVE FARE UN INTERVENTO A CEREVELLO E I FIGLI ANNO DETTO CHE FOSSE NON ANNO PIU BISOGNO DI ME,LA MIA DOMANDA E CHE HO DIRITTO A DISOCUPAZIONE.GRAZIE

    RispondiElimina
  59. SCUSATE IN 2016 AGOSTO HO SBAGLIATO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dora!
      SI!
      Se verrai licenziata avrai diritto all'indennità di disoccupazione che potrà durare per la metà delle settimane lavorate.-

      Elimina
  60. BUON GIORNO AVOCATO,SONO UNA BADANTE HO LAVORATO DA UNA SENIORA PER 6 MESI,DOPO DI CHE SENZA AVISARMI I FIGLI DA UN GIORNO AL ALTRO ANNO PORTATO LA SENIORA IN UNA CASA DI CURA,CHE SIGURAMENTE E LA COSA MIGLIORE PER LEI,IL CONTRATTO DI LAVORO IO HO FATTO CON LA ANZIANA CHI ADESSO NON E PIU IN GRADO DI RAGIONARE,I FIGLI NON MI ANNO PAGATO LE FERIE NE LE DOMENICHE E FESTE LAVORATE PERCHE LORO DICONO CHE LA SENIORA E STATA IN OSPEDALE UN MESE COSI NON MI TOCCA NIENTE PIU,ANCHE CHE IO IN OSPEDALE SONO STAT 5 ORE ALL GIORNO CON LA SENIORA TUTTI GIORNI,ADESSO SONO ANDATA DA SINDACATO IL AVVOCATO DI SINDACATO A MANDATO UNA LETTERA DA 4 MESI ANCORA NESSUNA RISPOSTA,E IL AVOCATO MI HA DETTO CHE FORSE LA SENIORA NON E PIU CAPACE DI RAGIONARE COSI I FIGLI NON RISPONDERANNO MAI.MA LA MIA DOMANDA E CHE E POSIBBILE CHE IO HO FATTO IL CONTRATTO CON LA SENIORA MA I FIGLI ERANNO CHI MI PAGAVANO E DOPO TUTTO QUESTO E POSSIBILE CHE NON VEDO PIU I MIEI SOLDI PER QUALLE HO LAVORATO.GRAZIE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se il Tuo datore di lavoro non è più in grado di intendere e di volere è molto difficile recuperare le tue competenze, a meno che non abbia delle proprietà immobiliari intestate sulle quali potersi rivalere, quindi solo l'avvocato può valutare se ci sono o meno i presupposti per una vertenza sindacale.-

      Elimina
    2. grazie avocato,fratempo e uscita che la seniora per la legge e in grado di intendere volere,speriamo bene.VOREI CHIEDERE UN ALTRA COSA UNA MIA PAESANA IN 2014 A LAVORATO 2 MESI CON CONTRATTO,IN 2015 ALTRI DUE MESI PURTROPO LA SFORTUNA CHE LI ANZIANI SONO DECEDUTI,ADESSO A TROVATO UN LAVORO MA LA SENIORA E SEMPRE PEGGIO E ASUNTA SOLO DI UN MESE CHE LO LICENZIANO HA DIRITTO LA DISOCUPAZIONE??GRAZIE

      Elimina
    3. I requisiti necessari per l'indennità di disoccupazione sono i seguenti:
      - Bisogna essere licenziati, o deve essere scaduto il contratto.-
      - Bisogna avere almeno 13 settimane di lavoro negli ultimi 4 anni.-
      - Bisogna avere almeno 30 giornate di lavoro effettivo nei dodici mesi che precedono l'inizio del periodo di disoccupazione.-

      Elimina
  61. Vittoria 15 settembre 2016.
    Sono una badante con livello cs 54 ore sett.
    sono stata operata di sventramento dovuto ad sforzi causa lavoro.
    ho appena scoperto che non mi aspetta la malattia!!!
    come posso tutelare x eventuali altri episodi? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Malattia:
      L'art. 26 del C.C.N.L. inerente la retribuzione della malattia delle colf e/o badanti.Come primo dovere, il datore di lavoro, una volta ricevuto il certificato medico entro 2 giorni dall'inizio della malattia fatto emettere dal lavoratore entro il giorno successivo al verificarsi dell'evento, avrà l'obbligo di mantenere il posto di lavoro per un periodo di tempo variabile in base all'anzianità di servizio della colf e /o badante, sia questa convivente che non convivente. Il periodo di conservazione del posto di lavoro è pari a:
      - 10 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica (sia convivente che non convivente) con anzianità inferiore a 6 mesi;
      - 45 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica con anzianità di servizio compreso tra i 6 mesi ed i 2 anni;
      - 180 giorni di calendario (incluse le domeniche) se l'anzianità di servizio della colf è superiore a 2 anni.
      Oltre l'obbligo di mantenimento del posto di lavoro, il datore di lavoro è poi obbligato a remunerare la malattia garantendo un salario coincidente al 50% della retribuzione globale di fatto per i primi 3 giorni di calendario e pari al 100% della retribuzione globale di fatto per un numero di giorni pari a:
      - 8 giorni complessivi nell'anno per anzianità di servizio inferiore a 6 mesi;
      - 10 giorni complessivi di calendario nell'anno per anzianità di servizio compresa tra 6 mesi e 2 anni;
      - 15 giorni complessivi di calendario nell'anno per contratti di lavoro con anzianità di servizio superiore a 2 anni.-

      Elimina
  62. Buongiorno Avvocato,
    ho bisogno di un suo parere.
    la Badante assunta per mio padre con contratto 25 ore convivente, ha dato le dimissioni e si lamenta che essendo presente in casa anche mia sorella autosufficiente ma con handicap motorio (tengo a precisare autosufficiente) visto che stirava anche le sue cose e cucinava anche per lei doveva avere uno stipendio doppio.
    ma è possibile questo?
    la ringrazio in anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente NO!
      La badante, nell'ambito dell'orario di lavoro contrattuale, deve svolgere tutte le mansioni che le vengono assegnate dal suo datore di lavoro, a prescindere quindi dal numero di persone per le quali cucinare e assistere.-

      Elimina
  63. B. GIORNO Avvocato
    le riassumo brevemente la situazione.
    la mia compagna che da ora in poi nominerò con la lettera D.
    lavora da diversi anni come badante livello CS.
    L'assistita risulta non autosufficiente in quanto ha problemi cognitivi e psicologici e le assicuro che è proprio cosi!

    SUL foglio che le ha dato la sorella dell'assistita risulta che la mia compagna lavora 25 ore alla settimana.
    INVECE lei è presente con l'assistita 6 GIORNI ALLA SETTIMANA.
    usufruisce di 24 ore di riposo settimanale e niente più e non di Domenica.
    la retribuzione NETTA mensile della mia compagna è di
    euro 1.013, come si evince dalla busta paga che riceve mensilmente.
    Le riporto le voci
    retrib. mensile 808
    scatti anzianità 32
    rateo 13 67
    rateo TFR 64
    ferie 67
    quello che vorrei sapere da Lei, come mai è stata inquadrata all'inps con 25 ore settimanali se invece lavora per 6 giorni a tempo pieno?
    non usufruisce delle 2 ore pomeridiane di totale riposo , è sempre in casa con l'assistita ha perciò diritto ad un integrativo monetario?
    inoltre la sua paga base non deve essere rispettando i minimi contrattuali di diverso importo e non certo 808 euro ?
    grazie per sua attenzione e risposta .
    un radioso futuro
    GCQ

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La paga minima prevista dal CCNL colf e badanti per un livello CS non conviventi è pari a 6,69 euro all'ora x 25 x 4,33 = 724,19 euro mensili, ovviamente per un orario di lavoro di 25 ore settimanali.-
      Presumo quindi che alla tua compagna venga corrisposta una paga più o meno rapportata all'orario di lavoro effettivo, ma i contributi versati all'INPS sono più bassi del dovuto, e questo purtroppo inciderà negativamente sia nel caso di indennità di disoccupazione che a livello pensionistico.-

      Elimina
  64. Buongiorno dr.Gianfranco Censore
    La mia agenzia insiste a dirme che mio stpendio mensile è di 965,00 euro cerca. Mio contratto CS 24 ore non autosufficiente, tanto ammalato, impossibile avere una una notte di sonno senza essere svegliata 2 o 3 volta. Oggi sono andata al sindacato per sapere che devo fare se non mi pagano quello che me aspetta, s un mese, unico riposo è stato 3 sabato di 12 ore dal 16/08 a 16/9. La CGL me a detto che è difficile prendere la paga giusta e che devo prendere quello che me da. Ti prego cosa devo fare? dove devo andare per avere mio stipendio d'accordo con quello che dice la lei? Aiutami, oggi mi sono sentita non protetta della legge. Che devo fare? Lasciare l'agenzia fare a modo suo?
    La ringrazio di cuore,e tanto complimenti per suo impegno con tutti noi. Buonasera Denise

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Denise!
      Purtroppo non hai molte alternative!
      Infatti per poter tutelare i tuoi diritti devi rivolgerti o a un sindacato o a un avvocato competente in materia di diritti del lavoro.-

      Elimina
  65. buona sera avv.sono una georgianna.sto lavorando come colf.ho un contrato 40 ora settimanale,ma sono dale 9-18,quindi 9ora ...ho ciesto dattore e la risposta era:un ora libero che do e cuello.mi pare che non e giusto.poi dacapo il livelo mio era cs pero su contrato ce b.ma signiora non e avtosuficente.lei e stotizato cambio io sia la placca sia il sachetto,facio semplici massagi.aiuto vestire e tante picole cose altre.voglio sapere mi speta livelo c o cs? e voglio sapere anche al giorno per il riposo cuanto ora e il mio disposizione? grazie mille in anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la Tua assistita non è autosufficiente il tuo livello di inquadramento deve essere CS.-
      Con un contratto di 40 ore settimanali Tu dovresti lavorare solo 8 ore al giorno per 5 giorni alla settimana, quindi il sabato e la domenica liberi.-
      Ti consiglio eventualmente di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  66. buona sera avv.io ho lavorato 14 ani come colf adesso sonno stata licenziata vorrei sapere la dizocupazione quanti mese saranno? grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La durata dell'indennità di disoccupazione (NASPI) è pari alla metà delle settimane lavorate negli ultimi 4 anni, quindi nel tuo caso potrebbe durare fino a 2 anni.-

      Elimina
  67. buona sera avv.comme colf con 25 ore settimanale potrei avere la pensione? e se le ore diminuiscono a 15ore settimanale? grazie mille in anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con un contratto da colf di 25 ore settimanali la copertura contributiva ai fini pensionistici è totale, mentre con un orario di 15 ore settimanali la copertura contributiva è solo parziale.-

      Elimina
  68. Buona sera avvocato.
    Stiamo cercando una badante per i nostri genitori, uno non autosufficiente in carrozzina ed uno parzialmente autosufficiente ma con cadute ed episodi di agitazione notturna.
    Con loro vive anche un figlio disabile lieve che lavora tutto il giorno e usufruisce dei pasti. Come dovrebbe essere inquadrata la persona e quale sarebbe una retribuzione idonea per questo carico di lavoro? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel vostro caso dovreste assumere una badante da inquadrare al livello CS Conviventi che prevede una retribuzione mensile di 965,38 euro + 13/ma + TFR + contributi per un orario di lavoro di 54 ore settimanali.-
      Se è necessaria un'assistenza notturna, la normativa prevede che dovreste assumere anche un'altra persona per la notte.-

      Elimina
  69. Buonasera dr Gianfranco.
    Sono andata oggi in agenzia, me ha fatto un contratto autonomo, un stipendio netto di euro 965,38 CS non autosufficiente 54 ore settimanali, notte e giorno senza riposo. Perchè autonomo? Lei dice per non pagare tasse, ma che tutto regolare dentro la legge. Strano che non me ha fatto fermare nulla, per me è stato meglio così, perchè fermando non posso difendermi. Mia domanda è? Existe questo tipo di contratto? Grazie ancora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Così non prendo tredicesima, TFR e nem il contributo. Mai visto! Grazie aiutami a risolvere questo pasticcio. Grazie,grazie per tutta la vita.

      Elimina
    2. Il contratto colf e badanti prevede per un livello CS Conviventi una retribuzione mensile pari a 965,38 euro + 13/ma + TFR + contributi, per un orario di lavoro di 54 ore settimanali.-
      Questo significa un lavoro di 10 ore al giorno per 5 giorni + 4 ore il sabato, quindi il sabato pomeriggio e la domenica liberi.-

      Elimina
  70. Buona sera ho un contratto di 15 ore a settimana, per 5 giorni lavoro da 8 anni. Posso sapere a quanti giorni di ferie ho diritto.
    Nel calcolo dei giorni bisogna comprendere anche il sabato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con un contratto di 5 giorni di lavoro a settimana si ha diritto a 22 giorni di ferie all'anno, che comprendono solo le giornate lavorative, quindi esclusi il sabato e la domenica.-

      Elimina
  71. Buonasera dr.avvocato
    La disturbo ancora per una domanda, è legale farmi un contratto Autonomo? Non vole fare il contratto CCNL. Posso fare ricorso? Addirittura non me a fatto fermare questo contratto fasullo. Per aver la certezza sonno andata al INPS, non resulta nulla referente a questo lavoro. Un mese e 5 giorni
    Grazie Denise

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Denise!
      NO!
      Non è legale farti un contratto Autonomo, quindi puoi fare ricorso, rivolgendoti o a un sindacato o a un avvocato competente in materia di diritto del lavoro.-

      Elimina
  72. Salve avvocato
    Ho un contratto di 12 ore settimanali come colf, categoria B ho due figlie minorenni, il nostro reddito famigliare è di 4700 euro l'anno. vorrei sapere se ho diritto all'assegno famigliare. Vi ringrazio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non mi dici se sei nubile o sposata, ed eventualmente che attività svolge tuo marito, purtroppo non posso esserti d'aiuto.-

      Elimina
  73. Buonasera avv. GIANFRANCO

    1.402,52 paga di 54 ore settimanali è compreso tutto? TFR e contributi. Grazie
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che prevede il contratto te l'ho già scritto in precedenza, quindi non ho la più pallida idea di quello che significa l'importo che ti è stato offerto di 1.402,52 euro.-
      L'importante comunque è che versino anche i contributi all'INPS per 54 ore settimanali, altrimenti è una truffa.-

      Elimina
  74. Buongiorno avvocato Censori,
    sono una badante. In precedenza io ho lavorato con contratto di 40 ore settimanali, vitto alloggio dal maggio 2012 fino alla morte del mio datore di lavoro, luglio 2014.
    Mio datore di lavoro ha pagato i bollettini maw 2012 e 2013 e poi nessuno del 2014, oltre a pagarmi i stipendi solo in parte in quanto mi pagava con fondi dalla Provincia e i soldi arrivavano in ritardo e meno del necessario per la busta paga.
    Col suo decesso, a settembre 2014 ho chiesto la disoccupazione. INPS mi ha respinto la domanda col motivo dei ultimi 3 bollettini MAW non pagati. Ho fatto ricorso in quanto la legge dice che io dovevo avere 52 settimane di contributi pagati nel ultimo biennio. Io avevo lavorato con contributi pagati 7 mesi del 2012 e tutto l'anno 2013. Mi hanno risposto che provvederanno a un mini ASPI e che hanno tempo 5 anni per provvedere.
    Prima del decesso, L C. con la dichiarazione 730 ha ricevuto dal INPS un rimborso di 900 euro e sempre INPS ha ripreso e versato alla Regione una volta deceduto lui. INPS rifiuta usare quella cifra per i miei contributi.
    L C non aveva eredi e sono stata dichiarata beneficiario in qualità di lavoratore. La curatrice di eredità mi consiglia di pagare io questi bollettini, per un valore di 1600 euro e di farle sapere. Dice che i soldi dei conti correnti pagano lei per i servizi. Su uno dei conti correnti dovevano essere 2 miei stipendi. Su un altro conto corrente cointestato a me con L C si trovano 900 euro bloccati col suo decesso.
    Adesso ho finito un altro contratto di lavoro di un anno e ho capito che i calcoli vengono fatti sulle cifre dei contributi INPS versati ultimi 4 anni.
    Cosa mi consiglia fare visto che sono passati 2 anni senza nessun aggiornamento?
    La ringrazio per la Sua disponibilità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo a questo punto non puoi fare altro che presentare la domanda di disoccupazione (NASPI), all'INPS che ti pagherà in base ai contributi effettivamente versati.-
      Per il resto, se puoi, ti consiglio anch'io di pagare i bollettini non pagati dal datore di lavoro, magari richiedendo all'INPS una rateizzazione, in attesa degli sviluppi legali ereditari.-

      Elimina
  75. BUONASERA AVOCATO,LAVORO COME BADANTE DA UNA SENIORA NON AUTOSUFICIENTE,SU MIO CONTRATTO DI LAVORO SCRIVE BS E DI 54 ORE SETTIMANALE,MI ANNO FATTO IL CONTRATTO SOLO DI UN MESE PERO IO LAVORO DA TRE MESI DA LORO,SEMPRE ANNO TROVATO QUALCHE SCUSA,ADESSO LA SENIORA E IN OSPEDALE E GIUSTAMENTE DOVEVO ANDARE ANCHE IO,DA SABATO POMERIGGIO FINNO A MARTEDI SERA ALLE 21h SONO STATA IN OSPEDALE MI ANNO LASCIATO 20 EURO PER COMPRARMI DI MANGIARE,IERI MI ANNO DETTO CHE OGGI POMERIGGIO MI PORTANO DI NUOVO PER ALTRE 3 NOTTE E 4 GIORNI,IO HO RIFIUTATO CHE NON CE LA FACCIO PIU SONO STANCA E LORO ANNO DETTO CHE ALLORA CHE STO ACASA NON MI PAGANO PERCHE IO SONO OBLIGATA A STARE CON LA SENIORA,O DETTO CHE NON CE LA FACCIO E CHE NON POSSONO FARE CHE NON MI PAGANO,E LORO ANNO DETTO CHE ALLORA IN DUE GIORNI TI DEVI ANDARE VIA,IO DICEVO CHE NON VADO MI DEVONO LICENZIARE E PAGARE LE ORE CHE SONO STATA IN OSPEDALE,ANNO DETTO CHE IL LORO RAGIONERE MI PO FARE IL LICNZIAMENTO E LORO MI CACCIANO FORI DI CASA CON CARABINIERI,DI PAURA SONO TORNATA IN OSPEDALE ,MA IO VOGLIO SAPERE CHE VERRAMENTE MI POSSONO BUTARE MEZZA LA VIA? NON SO DOVE ANDARE CHEE VENGONO I CARABINIERI MI BUTTANO DI CASA PERCHE HO RIFIUTATO DI ANDARE IN OSPEDALE? IO ADESSO DEVO STARE ALTRE 3 GIORNI MA DOPO NON CE LA FACCIO E DISUMANO TANTI GIORNI SENZA LAVARSI SULLA SEDIA ZDRAIA LA NOTTE MEZZA GIORNATA FORI A CORIDORIO CHE QUOANDO SONO LE VISITE SI STA FORI,AIUTATEMI COME DEVO FARE AVOCATO CHE DIRITTI HO?? GRAZIE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di rivolgerti alla sede più vicina della CGIL per farti tutelare ed assistere per il meglio a livello lavorativo, e ai servizi sociali del Comune della Tua zona di residenza per farti trovare un alloggio nel caso tu venga cacciata via di casa.-

      Elimina
  76. Buon giorno, vorrei sapere se per assumere una badante (con diploma o.s.s.) per mio padre (non autonomo) - sono costretta ad inquadrarla per forza nel livello DS perché formata; quale sono le mansioni che la badante deve/può svolgere in più rispetto ad una persona assunta ad un livello CS? sia il livello cs che dc comportano anche attività inerenti alla pulizia della casa c/o cui viene fatta assistenza? Grazie per la gentile risposta; Buon lavoro

    RispondiElimina
  77. Buongiorno.mio datore di lavoro dato me licenziamento.lavorato 3anni come badante 727euro mensilità.passato 2settimane e ancora non mi fato stipendio.vorei sapere cosa devo fare e cosa mi aspetta .syndacato non mi aiuta so pagato 1349euro al anno contributi.grazie

    RispondiElimina
  78. Buongiorno.mio datore di lavoro dato me licenziamento.lavorato 3anni come badante 727euro mensilità.passato 2settimane e ancora non mi fato stipendio.vorei sapere cosa devo fare e cosa mi aspetta .syndacato non mi aiuta so pagato 1349euro al anno contributi.grazie

    RispondiElimina
  79. Salve si se a un attestato OSS sul contratto badante e decisamente scritto che il badante deve tenere pulita la stanza fare pranzo e cena se non può e tenere pulito,L'attestato di OSS non e infermieristica e solo un modo di imparare come si deve comportare con anziani e non auto sufficiente anche loro prima di eseguire qualsiasi cosa come infermiere devono chiedere a medici o infermieri dell'ASL io sono un uomo e faccio il badante io senza fare nessun corso sono già formato ma mi pagano con CS e se ASL mi da il permesso faccio anche medicazioni saluti

    RispondiElimina
  80. Salve si se a un attestato OSS sul contratto badante e decisamente scritto che il badante deve tenere pulita la stanza fare pranzo e cena se non può e tenere pulito,L'attestato di OSS non e infermieristica e solo un modo di imparare come si deve comportare con anziani e non auto sufficiente anche loro prima di eseguire qualsiasi cosa come infermiere devono chiedere a medici o infermieri dell'ASL io sono un uomo e faccio il badante io senza fare nessun corso sono già formato ma mi pagano con CS e se ASL mi da il permesso faccio anche medicazioni saluti

    RispondiElimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.