venerdì 16 marzo 2018

Badanti e Colf - CCNL Anni 2017 e 2018

Classificazione di Badanti e Colf

Livello A
Collaboratori familiari generici, non addetti all'assistenza di persone, con esperienza professionale (maturata anche presso datori di lavoro diversi) non superiore a 12 mesi.
Livello A Super
Addetto alla compagnia, baby sitter (mansioni occasionali e/o saltuarie).
Livello B
Collaboratori familiari che, in possesso della necessaria esperienza svolgono con specifica competenza le proprie mansioni, ancorchè a livello esecutivo.
Livello B Super
Assistente a persone autosufficenti
Livello C
Collaboratori familiari che, in possesso di specifiche conoscenze di base, sia teoriche che tecniche, relative allo svolgimento dei compiti assegnati, operano con totale autonomia e responsabilità.
Livello C Super
Assistente a persone non autosufficenti (non formato).
Livello D
Collaboratori familiari che, in possesso dei necessari requisiti professionali, ricoprono specifiche posizioni di lavoro caratterizzato da responsabilità, autonomia decisionale e/o coordinamento.
Livello D Super
Assistente a persone non autosufficenti (formato). Svolge mansioni di assitenza a persone non autosufficenti, ivi comprese, se richieste, le attività connesse alle esigenze del vitto e della pulizia della casa ove vivono gli assistiti.


Orario di lavoro

Nel lavoro a tempo pieno l'attuale durata normale dell'orario di lavoro è concordata tra le parti e comunque con un massimo di:
10 ore giornaliere non consecutive, per un totale di 54 ore settimanali per i lavoratori conviventi.-
8 ore giornaliere non consecutive, per un totale di 44 ore settimanali per i lavoratori non conviventi.-
Il lavoratore ha diritto ad un riposo di almeno 8 ore consecutive nella giornata e ad un ulteriore riposo intermedio di almeno 2 ore da fruirsi nelle ore pomeridiane.-


Riposo settimanale

Il riposo settimanale è di 36 ore e deve essere goduto per:
  • 24 ore di domenica (o altra giornata stabilita nel contratto di assunzione). Questo riposo è irrinunciabile. In caso di richiesta di prestazione lavorative per esigenze imprevedibili le ore vanno retribuite con la maggiorazione del 60% sia per i lavoratori non conviventi che per i lavoratori conviventi.-
  • 12 ore in qualsiasi altro giorno della settimana. Qualora fossero richieste prestazioni lavorative nel giorno fissato, il riposo può essere goduto in altro giorno della settimana (in assenza di recupero le ore lavorate vanno retribuite con la maggiorazione del 40% sia per i lavoratori non conviventi che per i lavoratori conviventi).- 

Lavoro straordinario

Personale non convivente:
E' compensato con una maggiorazione del:
  • 10% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno compreso tra le 40 e le 44 ore settimanali.- 
  • 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).- 
  • 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).- 
  • 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo o in giorno festivo infrasettimanale.- 

Personale convivente:
E' compensato con una maggiorazione del:
  • 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).- 
  • 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).- 
  • 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo stabilito e nelle festività infrasettimanali.- 
  • 40% per le ore di lavoro prestate nella mezza giornata di riposo (mancato riposo).- 

Scatti di anzianità

Per ogni biennio di servizio presso lo stesso datore di lavoro spetta al lavoratore un aumento pari al 4% sulla retribuzione minima contrattuale, per un massimo di 7 scatti.-

Festività

1° gennaio - 6 gennaio – lunedì di Pasqua – 25 aprile – 1° maggio – 2 giugno – 15 agosto – 1° novembre – 8 dicembre – 25 dicembre – 26 dicembre – S. Patrono. In queste giornate il lavoratore ha diritto al completo riposo e alla retribuzione normale. Se una delle festività sopra elencate coincide con la domenica o nel giorno di riposo stabilito, il lavoratore ha diritto al recupero del riposo in altra giornata o, in alternativa, al pagamento di 1/26 della retribuzione. Se invece è lavorata è dovuto, oltre alla normale retribuzione giornaliera il pagamento delle ore lavorate maggiorate del 60%.


Ferie

Indipendentemente dalla durata dell'orario di lavoro, per ogni anno di servizio il lavoratore ha diritto a 26 giorni lavorativi di ferie se la distribuzione dell'orario di lavoro settimanale è su 6 giorni (occorre proporzionare se i giorni lavorativi sono inferiori a sei). La retribuzione dei giorni di ferie è maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto se dovuto. Le ferie non possono essere monetizzate (salvo i giorni non goduti che residuano alla cessazione del rapporto di lavoro).-

Malattia

L'art. 26 del C.C.N.L. inerente la retribuzione della malattia delle colf e/o badanti.Come primo dovere, il datore di lavoro, una volta ricevuto il certificato medico entro 2 giorni dall'inizio della malattia fatto emettere dal lavoratore entro il giorno successivo al verificarsi dell'evento, avrà l'obbligo di mantenere il posto di lavoro per un periodo di tempo variabile in base all'anzianità di servizio della colf e /o badante, sia questa convivente che non convivente. Il periodo di conservazione del posto di lavoro è pari a:
  • 10 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica (sia convivente che non convivente) con anzianità inferiore a 6 mesi;
  • 45 giorni di calendario (incluse le domeniche) in caso di contratto di collaborazione domestica con anzianità di servizio compreso tra i 6 mesi ed i 2 anni;
  • 180 giorni di calendario (incluse le domeniche) se l'anzianità di servizio della colf è superiore a 2 anni.

Oltre l'obbligo di mantenimento del posto di lavoro, il datore di lavoro è poi obbligato a remunerare la malattia garantendo un salario coincidente al 50% della retribuzione globale di fatto per i primi 3 giorni di calendario e pari al 100% della retribuzione globale di fatto per un numero di giorni pari a:
  • 8 giorni complessivi nell'anno per anzianità di servizio inferiore a 6 mesi;
  • 10 giorni complessivi di calendario nell'anno per anzianità di servizio compresa tra 6 mesi e 2 anni;
  • 15 giorni complessivi di calendario nell'anno per contratti di lavoro con anzianità di servizio superiore a 2 anni.


Tredicesima mensilità

Al lavoratore spetta una mensilità aggiuntiva, pari alla retribuzione maggiorata dell'indennità sostitutiva di vitto. Per colf e badanti conviventi la tredicesima mensilità è pari allo stipendio mensile + vitto e alloggio e per il 2012 è pari a 132,60 euro (5,19 al giorno x 26 giorni).-


TFR (Trattamento di fine rapporto)

Deve essere liquidato al termine del rapporto di lavoro e indicativamente corrisponde ad una mensilità per ogni anno di servizio prestato.-
Una volta stabilità qual è l'anzianità maturata dalla lavoratrice, si passa al calcolo vero e proprio.
  1. Il primo passo consiste nel determinare la somma pagata nel corso dei singoli anni, comprensiva della tredicesima e delle indennità di vitto e alloggio per le colf conviventi o che consumano in casa uno o più pasti. 
  2. L'importo della retribuzione annuale, diviso per 13,5, rappresenta la quota annuale da accantonare per il trattamento di fine rapporto. 
  3. Le singole quote annuali vanno rivalutate con degli appositi coefficienti dati dalla somma di due indici di cui:
    • il primo è pari al 75% dell'aumento del costo della vita accertato dall'Istat per gli operai e gli impiegati;
    • il secondo è dato da una percentuale fissa pari all'1,50% all'anno (0,125% al mese).

Preavviso per Licenziamento o Dimissioni

Il rapporto di lavoro domestico può cessare per libera volontà del lavoratore e del datore di lavoro.

Non c'è necessità di motivare l'interruzione del rapporto di lavoro, ma deve essere concesso un termine di preavviso, che varia a seconda che il rapporto di lavoro sia superiore od inferiore a 24 ore settimanali, ed all’anzianità di servizio presso il datore di lavoro. Le parti possono regolare tra di loro questi termini, che però non possono comunque essere inferiori a quelli stabiliti per legge.
In caso di licenziamento, se il lavoratore è impegnato per oltre 24 ore settimanali e ha maturato fino a cinque anni di anzianità presso lo stesso datore di lavoro, il termine di preavviso deve essere almeno di 15 giorni di calendario. Il termine deve essere di almeno 30 giorni se gli anni di anzianità sono oltre i cinque.

Se invece il rapporto di lavoro è fino a 24 ore settimanali il preavviso dovrà essere pari ad 8 giorni di calendario, fino a due anni di anzianità e 15 giorni di calendario, oltre i due anni di anzianità.
Nel caso di dimissioni da parte del lavoratore i termini sono ridotti del 50%.


Presenza Notturna

I lavoratori assunti per garantire esclusivamente la presenza notturna (e non l’assistenza o cura) rappresentano una categoria a sé.
Le prestazioni di presenza notturna sono quelle effettuate in una fascia oraria notturna interamente ricompresa tra le ore 21.00 e le ore 8.00 e prevedono che il datore di lavoro metta a disposizione del lavoratore un alloggio idoneo per il completo riposo notturno.
Questo tipo di prestazioni vengono inquadrate in una categoria specifica di lavoro domestico, la "presenza notturna", che ha un parametro retributivo specifico (Tabella E, Presenza notturna).
Nel contratto di lavoro dovranno essere indicata la categoria di prestazioni ("prestazioni notturne") e l'ora d'inizio e quella di cessazione dell'assistenza.
Qualora venissero richieste al lavoratore prestazioni diverse dalla mera presenza, queste non saranno considerate lavoro straordinario, bensì retribuite aggiuntivamente sulla base delle retribuzioni previste per i lavoratori non conviventi, come da Tabella C, con le eventuali maggiorazioni contrattuali e limitatamente al tempo effettivamente impiegato.


Assistenza Notturna

È possibile assumere personale non infermieristico perché resti a disposizione durante la notte e presti assistenza in caso di bisogno.
Questo tipo di personale viene inquadrato in una categoria specifica di lavoro domestico, "assistenza notturna", che prevede come mansioni “discontinue prestazioni notturne di cura alla persona”.
La categoria di assistenza notturna viene retribuita secondo dei parametri specifici.
Per essere inquadrata come “discontinue prestazioni notturne di cura alla persona”, l’assistenza prestata deve avere carattere di discontinuità: prevede infatti attesa, ma non sempre assistenza. Il lavoratore si obbliga perciò a garantire al datore di lavoro la propria disponibilità allo svolgimento di prestazioni di assistenza in modo discontinuo o intermittente e in un arco di tempo predefinito: la fascia oraria notturna.
Diverso è invece il caso di prestazioni esclusivamente di attesa - e non di cura, nemmeno discontinua. In questo caso, la prestazione viene inquadrata in una categoria diversa, appunto di "presenza notturna".
Si qualifica come "assistenza notturna" il lavoro prestato in una fascia oraria notturna interamente ricompresa tra le ore 20.00 e le ore 8.00.
Il datore di lavoro dovrà a tal fine provvedere all’assistente un’idonea sistemazione per la notte, qualora non fosse convivente, oltre alla cena e alla colazione.
Al personale convivente dovranno essere in ogni caso garantite undici ore di riposo consecutivo ogni ventiquattro ore.
Nel contratto di lavoro dovranno essere indicate l’ora d’inizio e quella di cessazione dell’assistenza e il suo carattere di prestazione discontinua.
Le “discontinue prestazioni notturne di cura alla persona” hanno dei parametri specifici di remunerazione. Fanno infatti riferimento alla TABELLA D dei minimi retributivi previsti per legge.
In particolare, nel caso in cui l’assistenza notturna riguardi soggetti autosufficienti (bambini, anziani, portatori di handicap o ammalati), la badante verrà inquadrata nel livello B super.
Nel caso in cui l’assistenza TABELLA riguardi soggetti non autosufficienti, la badante verrà inquadrata nel livello C super (se non formata) o D Super (se formata).
Massimo 10 ore non consecutive al giorno se convivente fino a 54 ore settimanali.-
Massimo 8 ore non consecutive al giorno se non convivente fino a 40 ore settimanali.-


Assegno per il Nucleo Familiare:

I lavoratori domestici hanno diritto alla corresponsione dell’ assegno per il nucleo familiare, ma a differenza dei lavoratori subordinati il pagamento non avviene da parte del datore di lavoro, bensì direttamente dall’INPS. La richiesta va quindi effettuata direttamente all’INPS via internet, tramite accesso alla propria area riservata sul portale www.inps.it o tramite patronato.
L’assegno per il nucleo familiare è pagato direttamente dall’INPS con due rate semestrali posticipate secondo la modalità scelta dall’interessato nel modello di domanda (bonifico presso l’Ufficio Postale, accredito sul conto corrente bancario o postale).
La misura dell’assegno varia oltre che in base al reddito lordo complessivo e al numero dei componenti il nucleo familiare anche in base alle ore di lavoro:
Ai lavoratori domestici spettano tanti assegni giornalieri quanti ne risultano dal quoziente che si ottiene dividendo per quattro il numero delle ore di lavoro risultanti dalla contribuzione complessivamente versata o dovuta nel trimestre, da uno o più datori di lavoro, e per un massimo di sei assegni giornalieri per ogni settimana.-


Minimi salariali anni 2018


LivelloConviventi - Paga MensileNon Conviventi - Paga Oraria
A629,154,57
AS743,555,39
B800,745,72
BS857,946,06
C915,466,40
CS972,336,74
D1.143,917,78
DS1.201,118,12

Presenza notturna livello unico euro 660,61
Assistenza notturna
Livello BS Assistenza a persone autosufficienti euro 986,62
Livello CS Assistenza a persone non autosufficienti (non formato) euro 1.118,18 - (7,26 x ora)
Livello DS Assistenza a persone non autosufficienti (formato) euro 1.381,30 - (8,75 x ora)

Vitto e AlloggioValore GiornalieroValore Mensile
Pranzo e prima colazione1,93 x 2650,18
Cena1,93 x 2650,18
Alloggio1,67 x 2643,42
Totale5,53 x 26143,78



Minimi salariali anni 2017

LivelloConviventi - Paga MensileNon Conviventi - Paga Oraria
A625,154,54
AS738,825,36
B795,655,68
BS852,486,02
C909,336,36
CS966,156,70
D1.136,647,73
DS1.193,478,07


Presenza notturna livello unico euro 656,41
Assistenza notturna
Livello BS Assistenza a persone autosufficienti euro 980,35
Livello CS Assistenza a persone non autosufficienti (non formato) euro 1.111,07 - (7,21 x ora)
Livello DS Assistenza a persone non autosufficienti (formato) euro 1.375,52 - (8,69 x ora)

Vitto e AlloggioValore GiornalieroValore Mensile
Pranzo e prima colazione1,9157,30
Cena1,9157,30
Alloggio1,6649,80
Totale5,48164,40

CONTRIBUTI ORARI DEL 2018

Rapporti di lavoro a tempo indeterminato:

a) Orario fino a 24 ore settimanali
Retribuzione oraria effettiva fino a 7,97 

  • con CUAF Contributo orario euro 1,41 (0,35)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,42 (0,35)

Retribuzione oraria effettiva da 7,97 a 9,70

  • con CUAF Contributo orario euro 1,59 (0,40)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,60 (0,40)

Retribuzione oraria effettiva oltre 9,71

  • con CUAF Contributo orario euro 1,94 (0,49)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,95 (0,49)


b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,02 (0,26)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,03 (0,26)  
*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari

Rapporti di lavoro a tempo determinato:

a) Orario fino a 24 ore settimanali
Retribuzione oraria effettiva fino a 7,97 

  • con CUAF Contributo orario euro 1,51 (0,35)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,51 (0,35)

Retribuzione oraria effettiva da 7,97 a 9,70

  • con CUAF Contributo orario euro 1,70 (0,40)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,71 (0,40)

Retribuzione oraria effettiva oltre 9,70

  • con CUAF Contributo orario euro 2,07 (0,49)
  • senza CUAF Contributo orario euro 2,08 (0,49)

b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,10 (0,26)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,10 (0,26)  
*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari

CONTRIBUTI ORARI DEL 2017

Rapporti di lavoro a tempo indeterminato:
a) Orario fino a 24 ore settimanali
Retribuzione oraria effettiva fino a 7,88 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,39 (0,35)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,40 (0,35) 
Retribuzione oraria effettiva da 7,88 a 9,59 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,57 (0,40)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,58 (0,40)
Retribuzione oraria effettiva oltre 9,59 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,91 (0,48)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,93 (0,48)

b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,01 (0,25)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,02 (0,25)

*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari


Rapporti di lavoro a tempo determinato:
a) Orario fino a 24 ore settimanaliRetribuzione oraria effettiva fino a 7,88 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,49 (0,35)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,50 (0,35) 
Retribuzione oraria effettiva da 7,88 a 9,59 
  • con CUAF Contributo orario euro 1,68 (0,40)
  • senza CUAF Contributo orario euro 1,69 (0,40)
Retribuzione oraria effettiva oltre 9,59 
  • con CUAF Contributo orario euro 2,05 (0,48)
  • senza CUAF Contributo orario euro 2,06 (0,48)
b) Orario oltre le 24 ore settimanali
Qualsiasi Retribuzione con CUAF * Contributo orario euro 1,08 (0,25)
Qualsiasi Retribuzione senza CUAF* Contributo orario euro 1,09 (0,25)

*CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari


Se vuoi avere informazioni più dettagliate e personalizzate puoi rivolgerti alla sede CGIL più vicina; troverai indirizzi e numeri di telefono sul sito www.cgil.it
Iscriviti alla CGIL. Perché? Perché è sempre dalla tua parte per dare voce al lavoro e ai diritti.

172 commenti:

  1. Voglio ringraziarla, e' veramente gentile e anche veloce nel rispondere complimenti! Per la sua disponibilita'al servizio di chi lavora, le auguro tutto il bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per i complimenti!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  2. buongiorno la badante di mia madre BS convivente con contratto martedì urlando telefonicamente diceva di voler finire il rapporto la fine del mese ( dice che ci sono gli spiriti dentro casa !!). ho preparato la lettera di dimissioni mandato un messaggio per la firma e la consegna delle chiavi ma, prima di avera una risposta mercoledì la vicina mi avvertiva di urla da casa di mia madre, mi recavo da lei e la trovavo piangente con la badante che era andata del parrucchiere (!!) ho atteso fino alle 17 (doveva rientrare alle 16) mandato messaggi per la firma e le chiavi e chiamato ma nulla ho preso mia madre e mi sono allontanata. Non risulta essere tornata a casa di mia
    madre. cosa faccio ? denuncia cautelativa e cambio le chiavi?? Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Ti consiglio di sporgere una denuncia cautelativa e a seguire il licenziamento immediato della badante per abbandono ingiustificato del posto di lavoro.-
      E' anche opportuno provvedere al cambio delle chiavi di casa, per evitare ogni possibile sorpresa negativa.-

      Elimina
    2. grazie ...provvederò

      Elimina
  3. Buona sera avvocato lavoro come badante notturno dal novembre 2017, ora il nostro rapporto e finito il 31 maggio vorrei sapere cosa dovrei ricevere in busta paga oltre lo stipendio di maggio, lavoro in regola . Grazie per la sua risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oltre allo stipendio di maggio hai diritto alla tredicesima e al TFR rapportati al periodo lavorato + l'eventuale residuo ferie maturate e non godute.-

      Elimina
  4. Buona sera...per un contratto da badante qualle e la diferenza tra 36ore ho 40 ore alla settimana...ho capito che se sei solo con 36ore prendi solo metta dei soldi se vai in disocipazione..e vero?e se hai minimo 40prendi intera? E se hai solo un contratto determinato da 3mesi puoi rinovarti di nuovo la carta di identità e tessera sanitaria...ho devi avere contratto determinato?... grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa ...ho devi avere contratto indeterminato?

      Elimina
    2. Ciao Maria!
      La differenza tra un contratto da 36 e uno da 40 ore di lavoro settimanali è sia nell'importo della paga che dei contributi e di conseguenza di un'eventuale indennità di disoccupazione che è rapportata ai contributi versati all'INPS.-
      Per quanto riguarda la carta d'identità e la tessera sanitaria è necessario un contratto a tempo indeterminato o a tempo determinato della durata almeno di 6 mesi.-

      Elimina
  5. Buona sera ho una badante convivente a 54 ore settimanali. Il contratto prevede 10 ore lavorative non consecutive + 11 ore di riposo notturno + 2 ore di riposo giornaliero la somma risulta 23 ore l'ora mancante mi hanno detto sia una pausa non retribuita per i pasti chiedo se questo corrisponde alla verità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non capisco la tua domanda!
      Il contratto di 54 ore settimanali prevede 10 ore di lavoro non consecutive, cioè con 2 ore di riposo intermedie per 5 giorni + 4 ore di lavoro il sesto giorno e di conseguenza mezza giornata del sesto giorno + il settimo liberi.-
      Le altre 12 ore giornaliere la badante può utilizzarle come crede.-

      Elimina
  6. Gent.mo Dott Censori
    La ditta dove lavora mia figlia le ha stipulato un'assicurazione dove le vengono rimborsate le fatture, per tutte le visite specialistiche ed analisi cliniche, per tutti i componenti della sua famiglia. La mia domanda è la seguente, poichè fa il 730 precompilato on-line, le fatture rimborsate vanno inserite? Se no quelle inserite in automatico deve defalcarle? In attesa di una Sua risposta La ringrazio e La saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le fatture rimborsate non vanno inserite nella dichiarazione dei redditi e quelle inserite in automatico nel 730 precompilato vanno defalcate.-

      Elimina
    2. Buongiorno Dott. Censori,
      mi scuso se la disturbo ancora, ma controllando le fatture ha notato che c'è una franchigia a carico suo, adesso le chiedo la franchigia va inserita come spesa medica nel 730? La ringrazio e La saluto

      Elimina
    3. SI!
      La parte non rimborsata va inserita come spesa medica nel 730.-

      Elimina
  7. buona sera avv. Censori,
    dovrò assumere una badante (liv. CS, convivente, 54 ore) e vorrei qualche chiarimento.. diciamo per poter fare le cose nel pieno rispetto della legge (e quindi mettermi al riparo da eventuali vertenze)
    premessa: vivo da solo con mio padre e devo rispettare un orario di lavoro flessibile.
    *1] posso specificare nel contratto la "variabilità" della mezza giornata di riposo?
    (quando saltuariamente lavoro di domenica le dovrò corrispondere
    €37,40 [972.33/26] per il mancato riposo
    + ore lavorate X €4,77
    (paga di fatto: 972,33/234=4,16[paga oraria base media]
    + 0,61[quota vittoEalloggio oraria]) MAGGIORATO del 60%)
    [può confermare anche i miei calcoli ??]
    *2] a volte può succedere che il riposo intermedio di due ore divenga di UNA SOLA ora:
    - può recuperarla nell'arco della settimana ?
    - posso pagare (QUANTO ?) l'ora di riposo non goduta?
    - risulta comunque ILLEGALE ?
    -- c'è un modo legale per risolvere questo problema?
    *3] oltre le 10 ore (massime ?) quotidiane (quindi nelle ore diciamo "di semplice convivenza") che obblighi ha la badante? nel senso: se io mi assento e mio padre dovesse avere bisogno? parlo di un'eventuale assistenza occasionale.. per fare la pipì o per "sapere che ore sono" ..
    - L'assistente sociale dice che hanno libere due ore al giorno (che sarebbe il permesso giornaliero non retribuito)
    - il CCNL dice che massimo può lavorare 10 ore al giorno; inoltre deve avere 11 ore di riposo continuo.
    -- la verità ?
    ..sperando di non essere stato troppo complicato, La ringrazio in anticipo,
    Francesco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco!
      - Purtroppo NO! Il contratto non prevede un orario flessibile, quindi un eventuale cambio della mezza giornata di riposo va eventualmente concordata di volta in volta con la lavoratrice.-
      - Il lavoro di domenica deve essere retribuito come straordinario, quindi con le relative maggiorazioni di legge.-
      - Anche il lavoro nelle ore di riposo intermedie deve essere retribuito come straordinario.-
      - Nelle ore di riposo notturne la badante che dovrebbe dormire in una stanza vicina a quella della persona da assistere, può essere svegliata solo per eventuali emergenze altrimenti ha diritto anche in questo caso al pagamento degli straordinari.-

      Elimina
    2. prima di tutto: grazie per la celere risposta, nonostante i giorni festivi.
      - è sufficiente (o superfluo?) quindi che io mi 'inventi' un modulo in cui, settimana per settimana, ci annoto la mezza giornata di riposo concordata? al fine di non dover poi pagare come lavoro straordinario (o essere perfino multato) quello svolto nella mezza giornata "Da Contratto"?
      grazie ancora,
      Francesco.

      Elimina
    3. ...un'altra domanda.. a riguardo delle 54 ore:
      lo schema 10 X 5 gg + 4 nella mezza giornata è fisso? oppure si può fare (per esempio) 10,10,10,9,9, 6 ?
      ..
      con questa credo di avere concluso ;)
      grazie.

      Elimina
    4. Ciao Francesco!
      La normativa purtroppo è molto rigida, nel senso che bisogna stipulare un contratto con indicato l'orario di lavoro giorno per giorno, quindi eventuali modifiche e compensazioni devono essere concordate di volta in volta tra il datore di lavoro e la lavoratrice.-

      Elimina
  8. Buona serata avvocato fine di rapporto di lavoro voglio sapere se prende in calcolo ferie residuie anche vita analogiu vengono calcolati tredicesima uguale grazie mille una buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla cessazione del rapporto di lavoro la lavoratrice ha diritto alla 13/ma maturata + TFR + eventuali giorni di ferie residue.-

      Elimina
  9. Buona sera avvocato,io lavoro come badante convivente con lo stipendio di 900 euro. Per le ferie quanto mi devono dare?
    900+145(vita alloggio)...grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valeria!
      SI!
      Se nel periodo di ferie non usufruisci ne del vitto ne dell'alloggio hai diritto alla relativa indennità sostitutiva.-

      Elimina
  10. Salve vorrei farle 2 domande la prima e io lavoro come badante livello bs convivente vorrei sapere se nella malattia e nella maternità le ferie maturano oppure no e la seconda domanda e se io mi auto Licenziò il mio datore di lavoro deve pagarmi le ferie non gotute grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - SI! Le ferie maturano sia nella maternità che nella malattia!.-
      - SI! Il datore di lavoro deve pagarti le ferie maturate e non godute sia in caso di licenziamento che in caso di dimissioni.-

      Elimina
    2. Grazie molto gentile avvocato Gianfranco

      Elimina
  11. Buongiorno avvocato, ho deciso di dare le mie dimissioni visto che il mio contratto non viene rispettato dal datore di lavoro. Ho 8 giorni di preavviso, se domani invio raccomandata con ricevuta di ritorno il preavviso parte dal giorno che scritto sulla lettera (cioè domani) oppure dal giorno che arriva al datore di lavoro? Le chiedo anche se devo fare altro dopo le dimissione o se è il datore che manda avanti le pratiche con l'INPS? La ringrazio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La lettera di dimissioni ha effetto dalla data di ricezione da parte del datore di lavoro, quindi o si consegna a mano facendogli firmare una copia, o bisogna inviare una Raccomandata AR.-
      Una volta ricevuta la lettera di dimissioni sarà poi il datore di lavoro che provvederà ad informare sia il Centro per l'Impiego che l'INPS della cessazione del rapporto di lavoro.-

      Elimina
  12. GENT.MO DOTT. CENSORI, MI CHIARIREBBE IL CONCETTO DI RETRIBUZIONE DI UNA BADANTE CONVIVENTE 54 H SETT.CON STIP. 972,33 OVVERO NELLA BUSTA PAGA MENSILE SE IL MESE E' DI 31 GIORNI IL MENSILE VIENE CALCOLATO SU 27 GIORNI E NON SU 26 GIORNI. NEL CASO SPECIFICO PER ESEMPIO NELLA BUSTA PAGA DI MAGGIO VENGONO RETRIBUITI 26 GG PIU IL 1 MAGGIO (goduto dalla badante) che comq viene considerato pagato come giorno normale ma evidenziato per chiarezza della regolare retribuzione.(quindi 27 gg nel mese perche di 31 giorni oppure chi è mensilizzato i giorni lavorativi sono sempre 26. Mi chiarisca gentilmente non voglio incorrere nella irregolarità. grazie infinite per la risposta che potrà darmi e grazie per il suo prezioso contributo che tutti i giorni apporta sia per i lavoratori che per i datori di lavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Il livello CS Conviventi prevede una paga di 972,33 euro mensili, che è fissa per tutti i mesi dell'anno, quindi vale per esempio sia per gennaio che sono 31 giorni di calendario che per febbraio che sono 28 giorni.-

      Elimina
  13. mi vogliono assumere come badante per autosufficente Assistenza notturna,960 ca mensili sindacali dicono loro,in che sarebbero 11 ore a notte, in verita devo andare 18 ore (dalle 16 alle 10 del gg dopo), chiedero spiegazioni, ma nel caso di lavoro misto, cioe' ass. notturna piu'5o6 ore badante che pagfa mi spetterebbe?
    grazie Lucia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucia!
      Il CCNL colf e badanti prevede per un Livello BS per assistenza notturna a persona autosufficiente una paga mensile di 986,62 euro + 13/ma + TFR + festività + contributi per un orario di lavoro di 54 ore settimanali, quindi le eventuali ore lavorate in più devono essere retribuite come straordinari, e il lavoro diurno non è compatibile con il lavoro notturno.-

      Elimina
  14. Buonasera signor Censori,lavoro come colf convivente per 40ore a settimana, da quasi due anni, però in regola da un anno e tre mesi. Volevo sapere, se io ho prenotato un intervento chirurgico, quanto tempo prima devo annunciare il mio datore di lavoro, a quanti giorni di malattia ho diritto è come vengono pagati? Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il datore di lavoro è obbligato a remunerare la malattia garantendo un salario coincidente al 50% della retribuzione globale di fatto per i primi 3 giorni di calendario e pari al 100% della retribuzione globale di fatto per un numero di giorni pari a:
      - 8 giorni complessivi nell'anno per anzianità di servizio inferiore a 6 mesi;
      - 10 giorni complessivi di calendario nell'anno per anzianità di servizio compresa tra 6 mesi e 2 anni;
      - 15 giorni complessivi di calendario nell'anno per contratti di lavoro con anzianità di servizio superiore a 2 anni.

      Elimina
  15. salve Avvocato.io lavoro in una Casa(Residenzena)di preti gesuiti,ho un contattare di collaboratore domestico......Volevo sapere se fare lavoro come Elektrizitätswerke,Moratore,idraulico,saldatore,e Pius ne ha piu ne metta.......e regolare spettano a me queste mansioni??????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mario!
      Nell'ambito dell'orario di lavoro contrattuale tu devi svolgere tutte le mansioni che ti vengono assegnate.-

      Elimina
  16. Buon giorno, mio padre è defunto e devo licenziare la badante, convivente da più di 5 anni, con contratto di 25 ore settimanali. Quanti giorni ha di tempo per liberare l'appartamento e restituirmi le ciavi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mauro!
      Se il lavoratore è impegnato per oltre 24 ore settimanali e ha maturato fino a cinque anni di anzianità presso lo stesso datore di lavoro, il termine di preavviso deve essere almeno di 15 giorni di calendario. Il termine deve essere di almeno 30 giorni se gli anni di anzianità sono oltre i cinque.-

      Elimina
  17. ho lavorato come badanta per 30 ore settimanali in nero,ho avuto un infortunio al braccio e mi ha licenziato,cosa devo fare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucia!
      Purtroppo chi lavora in nero evade tasse e contributi, quindi non ha nemmeno diritti da far valere, ti consiglio comunque di rivolgerti a un sindacato per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
  18. BUONASERA GIANFRANCO HO UNA DOMANDA DA FARE

    RispondiElimina
  19. Buongiorno, ho un contratto di lavoro badante livello DS 54 ore settimanali. La mia domanda è il mio datore di lavoro mi può fare un’altro contratto di lavoro per la notte come presenza notturna? Ho devo avere solo un contratto Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Con un contratto di 54 ore settimanali in essere, non puoi svolgere un altro lavoro.-

      Elimina
  20. Buongiorno Gianfranco, la badante di mia madre lavora solo 9 mesi su 12 perchè , per motivi famigliari, ha bisogno di tornare a casa 3 mesi. Il conteggio ferie 13esima come lo faccio ? Le pago 9/12 ? Lei mi dice che devo darle 10/12...perchè ? grazie Silvana Bianconi

    RispondiElimina
  21. Cioè lavora 9 mesi, va a casa 3 mesi e poi ritorna altri 9 mesi cosi via...grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvana!
      Se la badante lavora 9 mesi all'anno la tredicesima va rapportata a 9 mesi, a meno che il decimo mese tu non la consideri in ferie.-

      Elimina
    2. Se la considero ferie devo pagarle anche il decimo rateo ? Ma potrei non considerarla in ferie ed essere in linea con la legge ? Grazie

      Elimina
    3. Ciao Silvana!
      Se la consideri in ferie è come se lavorasse fino ai decimo mese, con tutto quello che ne consegue.-
      Puoi non considerarla in ferie solo se le ferie le ha godute tutte entro i nove mesi di lavoro.-

      Elimina
    4. grazie 1000 adesso ho capito

      Elimina
    5. Ciao Silvana!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  22. Buonasera avv.to Censori
    vorrei assumere una badante convivente extra comunitaria (Peru) con permesso di soggiorno, è necessario fare la denuncia anche alla Polizia? Sono a chiederLe un chiarimento perchè sul tema ci sono due correnti di pensiero anche tra i professionisti (consulenti del lavoro). Grazie per sua cortese verifica e complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      L'ingresso in casa e quindi in "famiglia" di una cittadina extracomunitaria, assunta come badante convivente, va segnalato oltre che in Comune all'anagrafe, anche in Questura.-

      Elimina
  23. Buongiorno avv. Ho un contratto di lavoro Badante livello DS a una persona non autosufficiente pero adesso anche il fratello della signora che assisto è stato male e devo assistere anche lui. Mi devono fare un’altro contratto di lavoro anche per lui? Ho il contratto che ho deve essere cambiato e registrare 2 persone con 54 ore settimanali

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Il Tuo contratto non cambia, nel senso che nell'ambito dell'orario di lavoro contrattuale, tu devi svolgere tutte le mansioni che ti vengono assegnate dal tuo datore di lavoro.-

      Elimina
  24. Buongiorno vorrei chiedere io ho un contratto indeterminato badante Cs con 11 ore a la.sett ma lavoro effettivo di 24 sulla bustapaga mi vengono retribuiti come.se.lavorassi solo.le.11 ore. Poi mi sono dimessa perché il.signore e molto.mal.educato e vogliono farmi fare pulizia en.una casa sotto dove lavoro e il orto e questo.non.e dentro le mansioni, a volte devo.comprare io.i detersivi, perché luo non vuole e adesso mi fanno fare 8 gg di.preavisso con.le 24 ore sett. E non mi vengono dati questi soldi cosa devo fare??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di rivolgerti a uh sindacato per farti tutelare ed assistere per il meglio, anche se devi dimostrare in qualche modo anche delle testimonianze a tuo favore, delle ore effettive di lavoro settimanali.-

      Elimina
  25. Buon giorno avv.se io ho in contratto Di 48 ore settimanali,livello BS,quanti giorni devo lavorare? Io ho libero solo 12 ore alla domenica,e giusto cosi? e anche,ho diritto ai giorni di festivita?!perche io il 2 giugno ho lavorato ((grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel contratto che hai sottoscritto deve essere indicato l'orario di lavoro giornaliero per arrivare a 48 ore settimanali, che deve prevedere almeno una giornata e mezzo di riposo settimanale.-
      Ovviamente hai diritto anche ai giorni di festività.-

      Elimina
    2. Non e indicato,e scritto solo che il giorno libero e la domenica 12 ore e basta.((grazie!

      Elimina
    3. Un contratto di 48 ore settimanali significa che devi lavorare 10 ore al giorno dal lunedì al giovedì + 8 ore il venerdì, quindi sabato domenica liberi.-

      Elimina
    4. L’agenzia che mi ha fatta il contratto mi ha detto che le badante in convivenza devono essere Tutte le notte in quela casa Dove lavorano,Per qui io ho libero la domenica dalle 9 alle 21((

      Elimina
    5. Per contratto tu puoi dormire in casa, ma non hai l'obbligo di dormirci tutte le notti, e devi solo informare preventivamente il tuo datore di lavoro se per qualche notte non intendi dormire in casa.-

      Elimina
    6. Grazie mille! Buona serata!

      Elimina
    7. Buon giorno sig,Censori ,chiedo scusa ancora x il disturbo,io o chiesto alla agenzia se posso uscire Sabato pomerigio e tornare domenica sera e loro mi hanno detto :non puoi... perché l'accordo prevede la copertura di tutte e 7 le notti e infatti ti viene pagato un'extra,Per 48 settimanale io sono qua da domenica sera fino domenica mattina e prendo 950 euro,mia domanda,qunato se pagano 48 settimanale senza extra,Per me non e chiaro,grazie!

      Elimina
    8. La paga mensile prevista dal contratto per un livello BS Conviventi è pari a 857,94 euro mensili.-

      Elimina
  26. Buongiorno Sig.Gianfranco,
    le volevo chiedere se i contributi versati per una badante, si possono dedurre fiscalmente, considerando che il datore di lavoro percepisce già un contributo mensile derivante, dall'aver aderito al progetto home care premium....
    La ringrazio anticipatamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Il contributo mensile inerente il progetto home care premium, esclude il diritto alla detrazione dei contributi versati per conto della badante.-

      Elimina
  27. Buongiorno avvocato Censori,
    Volevo chiedere se in qualità di datore di lavoro posso vincolare un lavoratore con contratto c super a lavorare per un periodo minimo o se posso almeno aumentare il periodo di preavviso per le dimissioni a 60 giorni. In due anni abbiamo avuto un via vai di badanti continuo in quanto non siamo mai riusciti a trovare persone serie, nonostante i contratti siano regolari e i pagamenti più alti del dovuto per legge. Questo ci ha portato a rimanere a volte per mesi scoperti in quanto è davvero difficile trovare persone capaci e volenterosa. Alla fine dell'anno spendiamo troppi soldi e non abbiamo mai la sicurezza che ci sia qualcuno su cui contare, a discapito della salute dei parenti dell'assistito per via dello stress che crea questa situazione. C'è un modo per risolvere, a suo parere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pattuizione di un prolungamento del periodo di preavviso deve, secondo la giurisprudenza, rispettare alcuni limiti.
      In primo luogo un tale patto deve avere un’efficacia temporanea, al termine della quale le parti sono libere di recedere dal patto stesso, tornando quindi in vigore la durata del preavviso stabilita dal contratto collettivo.
      Inoltre se il patto di prolungamento del periodo di preavviso riguarda il recesso del lavoratore, questo dovrà essere compensato adeguatamente: infatti dare un maggiore preavviso per il lavoratore significa essere più legati all'azienda della quale si è dipendenti e, quindi, essere meno liberi di proporsi sul mercato del lavoro.-

      Elimina
  28. Buongiorno avvocato,
    Volevo chiedere una cosa. Ho lavorato per una cooperativa sociale per due anni e mezzo, è andavo a lavorare da una persona anziana, tramite cooperativa tutto il tempo. Con la cooperativa sociale avevo il contratto di co.co.co. mi sono licenziata regolarmente, con preaviso di 30 giorni. Con 30 giugno scade il tempo di preavviso, è io non sono più collaboratore di cooperativa. La signora dove lavoravo con la cooperativa, dove sono ancora oggi, fino che scade il mese di giugno, mi ha proposto di farmi il contratto diretto, tramite una altra struttura, non cooperativa sociale. Ora la mia ex coop mi minaca, mi hanno detto che mi faranno la causa perché io non posso fare il contratto diretto con la persona con cui ho lavorato tramite loro. la mia domanda è, ma è vero tutto quello che mi hanno detto, ho vogliono solo spaventarmi. Grazie in anticipo, spero che ho scritto tutto bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti la cooperativa può farti causa e richiederti un risarcimento danni per concorrenza sleale.-

      Elimina
  29. Buongiorno avvocato Io vorrei chiedere un'informazione Io sono andata a un'associazione che si chiama Verona civile loro lì mi hanno fatto un contratto come badante CS part-time Ok io l'ho firmato e dopo loro mi hanno detto che lo compilava No per bene con l'avvocato che in quel momento lì non c'era quando mi è stato dato è già era e avevo già il lavoro sono entrata in casa di queste persone qua sul contratto c'è scritto che io dovevo lavorare 11 ore alla settimana però loro mi hanno detto che l'orario era di 8:00 di mattina fino a mezzo giorno da lunedì a sabato mi hanno detto che loro erano due anziani in difficoltà Ok però dopo il passare del tempo Io pensavo che queste ore in più che io facevo me la pagavano a parte sono passati 3 mesi non mi hanno pagato niente adesso io ho chiamato un'altra volta a questa associazione e mi hanno detto che loro non hanno assolutamente e non c'entrano niente e che loro fanno i contratti dipendendo del bisogno della persona che sta cercando la badante a invece al mio datore di lavoro le hanno detto che loro hanno fatto tutto legale almeno fatto un contratto CS a badante non convivente part time 11 ore alla settimana e adesso ne l'associazione e neanche il mio datore di lavoro mi vuole rispondere per le ore in più che ho fatto per tre mesi che non mi sono state pagate per di piume l'ho fatto fare 8 giorni di preavviso con l'orario dalle 8:00 fino a mezogiorno invece di farmelo fare come diceva il contratto di 11 ore settimanali per quelle 11 ore settimanale mi è stato pagato €400 al mese come giusto perché la pagherà €6 e qualcosa ma le altre ore che io ho fatto dove come e cosa devo fare per farmeli pagare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per farti pagare le ore di straordinario devi intentare una causa al tuo ex datore di lavoro, ma sono necessarie prove e testimonianze a tuo favore.-

      Elimina
  30. Buon giorno, mi sono licenziata. Vorrei sapere entro quando il mio ex datore di lavoro deve pagarmi l'ultimo mese+tredicesima+tfr+ferie non godute e se mi deve dare qualche documento da firmare. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La normativa prevede che l'ultima mensilità + 13/ma + eventuale residuo ferie devono essere corrisposte alla lavoratrice entro 30 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro, mentre il TFR entro 60 giorni.-

      Elimina
  31. Buongiorno! Vorrei sapere-se io fatto la domanda per disoccupazione-quanto tempo devo aspettare, prima che viene 1 pagamento? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di solito il primo pagamento dell'indennità di disoccupazione viene effettuato dall'INPS nel giro di 45/60 giorni dalla data di presentazione della domanda.-

      Elimina
  32. Buongiorno, vorrei chiederle delle informazioni. Il contratto in questione é un contratto colf livello B a tempo determinato. Le domande che vorrei porgli sono le seguenti: ad una persona con questo tipo di contratto quanti giorni di malattia le spettano? E quanto le verranno pagate? Mentre l'altra domanda é, nel caso in cui ci si trovi in una situazione di licenziamento per giustificato motivo soggettivo, sempre avendo un contratto colf livello B a tempo determinato, al lavoratore spetta percepire comunque li stipendi fino a termine del contratto oppure non gli spetta nulla? La ringrazio in anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oltre l'obbligo di mantenimento del posto di lavoro, il datore di lavoro è poi obbligato a remunerare la malattia garantendo un salario coincidente al 50% della retribuzione globale di fatto per i primi 3 giorni di calendario e pari al 100% della retribuzione globale di fatto per un numero di giorni pari a:
      - 8 giorni complessivi nell'anno per anzianità di servizio inferiore a 6 mesi;
      - 10 giorni complessivi di calendario nell'anno per anzianità di servizio compresa tra 6 mesi e 2 anni;
      - 15 giorni complessivi di calendario nell'anno per contratti di lavoro con anzianità di servizio superiore a 2 anni.
      In caso di licenziamento per giustificato motivo soggettivo, il datore di lavoro può trattenere dall'importo spettante alla lavoratrice un'eventuale quota per risarcimento danni.-

      Elimina
  33. Buongiorno dottor Censori
    Le chiedo gentilmente di risponderemi a due domande
    1 -sono rumena e lavoro come badante in Italia
    Ho 13 anni di contributi pagati e 55 anni di età
    È possibile portare i anni contributivi dalla Romania e fare cumulo con quelli d'un Italia ?
    2- non ho cittadinanza italiana
    Questo fatto mi penalizza x la pensione?
    E se farò cittadinanza italiana avrò qualche diritto in più?
    Grazie mille x la sua disponibilità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. - I contributi versati non sono trasferibili da uno stato all'altro, ma ogni stato provvederà, al raggiungimento dei requisiti necessari, al pagamento di una quota di pensione in base ai contributi versati.-
      - In questo caso è indifferente che tu abbia la cittadinanza italiana o romena.-

      Elimina
  34. Buongiorno avvocato devo assumere badante per mia mamma che vive con me ed è allettata per 50 ore la settimana. la mansione rientra nel CS. la signora per il mese di luglio starà tutto il giorno da noi dalle 8 alle 20 con pause di 2 ore per un totale di 10 ore lavorate al giorno dal lunedì al venerdì e viene riconosciuto vitto. La sera rientra a casa dal marito a dormire . possiamo inquadrarla come convivente perché di fatto stà tutto il giorno da noi? oppure per forza dobbiamo fare il contratto come non convivente? nel mese di agosto invece dormirà anche a casa nostra. grazie molte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un contratto da convivente prevede una paga inferiore rispetto a un contratto da non convivente perché sono compresi vitto e alloggio, e in più la badante dovrebbe anche trasferire la residenza.-
      Nel tuo caso devi quindi inquadrare la badante come non convivente, se non vuoi correre il rischio di possibili contestazioni future.-

      Elimina
  35. Buonasera Avvocato.
    Vorrei avere una delucidazione in merito al contratto nazionale.
    Si può assumere al LIVELLO D SUPER una badante formata per svolgere mansioni di assistenza a persone non autosufficienti, ivi comprese, se richieste, le attività connesse alle esigenze del vitto e della pulizia della casa ove vivono gli assistiti.
    Le persone non autosufficienti, però, possono avere bisogno anche di prestazioni infermieristiche come somministrazioni di medicinali prescritti, bendaggi, misurazione pressione, iniezioni ecc….
    È possibile assumere con questo contratto e a questo livello una infermiera qualificata che oltre all’assistenza generica alla persona possa svolgere anche queste mansioni prettamente infermieristiche?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      E' possibile assumere al livello D Super un'infermiera qualificata che svolga, ovviamente nell'ambito dell'orario di lavoro contrattuale, tutte le mansioni che le vengono assegnate dal datore di lavoro.-

      Elimina
  36. Buongiorno,s.avvocato! Ho una domanda-obligata 1 badante fare le punture,massagi,pedicure,manicure,pero non infermiera? Familiare possono constringermi? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Non possono costringerti a svolgere mansioni da infermiera, anzi se lo fanno puoi pretendere una comunicazione scritta che ti esonera da ogni responsabilità, mentre per quanto riguarda pedicure o manicure non vedo il problema.-

      Elimina
    2. Grazie!ho domandato per pedicure-manicure perche la persona con diabete e fungi,ma responsibilita mia..

      Elimina
    3. Allora anche in questo caso puoi pretendere una lettera scritta che ti esonera da ogni responsabilità.-

      Elimina
  37. Salve ,Av ,vorrei sapere, se come io voglio andare in ferie messe di settembre ,quando devo essere pagata ferie ,alla fine del anno? Poi stipendio per ferie quale sarà ,a un stipendio mensile di 972 € grazie,Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      Per il periodo di ferie si ha diritto alla stessa retribuzione di quando si lavora, e deve essere corrisposta con le stesse scadenze.-

      Elimina
  38. Buongiorno, mia zia è disabile al 100 per cento con handicap grave art 3 legge 104, abbiamo assunto una assistente tramite agenzia, la quale agenzia, ci fattura ogni mese "assistenza di base alla persona".

    La nostra domanda è:
    possiamo dedurre quanto fatturatoci, come indicato dal sito agenzia delle entrate a questa pagina

    https://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/Nsilib/Nsi/Schede/Agevolazioni/AgevDisab/V5AgevDisab/?page=agevolazionifiscint

    dove al secondo punto dice che le spese di assistenza specifica sostenute dai disabili gravi e quindi deducibii sono quelle relative:

    "al personale in possesso della qualifica professionale di addetto all’assistenza di base" .

    Possiamo dedurre dal reddito quanto fatturato dall'agenzia?

    Grazie mille
    Cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si possono portare in detrazione le spese sostenute per addetti all'assistenza personale fino a 2.100 euro con un reddito complessivo fino a 40.000 euro.-
      Si possono portare in deduzione solo i contributi previdenziali, cioè la quota di contributi versati all'INPS a carico del datore di lavoro.-

      Elimina
  39. Gentile avvocato, le chiedo,contratto cs 54 ore, mi spettano gli 80 euro di Renzi?. La ringrazio anticipatamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Si ha diritto al bonus Renzi se si supera gli 8.000 euro di reddito lordo complessivo annuale.-
      Le colf e le badanti possono recuperare l'importo con la dichiarazione dei redditi.-

      Elimina
  40. Un'altra domanda io lavoro da 16 mesi se volessi licenziarmi perdo i diritti della disoccupazione? Mi sembra di no ma volevo essere certa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Infatti si ha diritto all'indennità di disoccupazione (NASPI) solo in caso di licenziamento o di scadenza del contratto e non in caso di dimissioni.-

      Elimina
  41. Buona sera avv .ho bisogno di una informazione.se una badante e stata licenziata e i giorni di preaviso li ho fata una settimana da messe di giunio e altra il messe di luglio il datore di lavoro se parla con cimercialista i puo dare la busta paga con fine raporto ho devi aspetare per forza il mese di agosto???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo SI!
      Se il rapporto di lavoro termina a luglio, per la paga di luglio e il TFR dovrai attendere il mese di agosto.-

      Elimina
  42. Buonasera Avvocato. Lavoro come badante convivente con un contratto di 25 ore alla settimana. la signora e non autosufficiente, ma le figlie non vogliono cambiare il contratto , dicendomi che non ano i soldi per pagare i contributi . Una sera li ho cesto un permesso di tre ore,dopo che ho portato la signora a letto ,loro mi anno preso dallo stipendio 20 euro. Voglio sapere se e giusto cosi , se io ho diritto di uscire la mattina presto per fare una passeggiata ho devo aver paura che mi puniscono di nuovo ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con un contratto di 25 ore a settimana tu sei obbligata a lavorare solo per le 25 ore settimanali previste dal contratto, quindi per legge, per le restanti ore sei libera da ogni impegno.-

      Elimina
  43. Salve avvocato, lavoro come badante 10 ore e mezzo al giorno ,la titolare mi ha detto che il mio stipendio sarebbe stato 1040 1100 al mese compreso di TFR tredicesima e ferie pagate, mi paga e mi da 1000 euro comunicandomi che quel stipendio era compreso con i sabati( mai menzionati),ora da questo mese dovrò fare 12 ore consecutive a settimane alterne ( 06:00/18:00) le altre settimane restanti dalle 13:00alle 21:30 , lo stipendio resterà uguale (1000) euro...vuole però qualche volta farmi andare via un ora prima e recuperare le ore il sabato,premettendo che il sabato lo paga a parte ,vorrei chiedere : e' giusto tutto questo? Lo stipendio e' giusto? Considerando pure che nn mangio e faccio pure le pulizie? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non mi dici il tuo livello di inquadramento, cioè se la persona da assistere è o no autosufficiente, purtroppo non posso esserti d'aiuto.-

      Elimina
  44. Salve avvocato vorrei chiederla quando deve essera pagata una badante faccendo lavorare il giorno sabato dal 13h ale domenica 20h con disturbo durante la notte.Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il CCNL colf e badanti non prevede che si possa lavorare sia di giorno che di notte; comunque puoi considerare una paga oraria di 7,26 euro + 13/ma + TFR + contributi.-

      Elimina
  45. Buona sera avocato e vero ca noi badante quale stam in casa 24 din 24 serve mangiare solo 100,03 al messe oppure di piu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      E' il datore di lavoro che deve provvedere per il vitto della badante, quindi se provvede direttamente la badante deve farsi rimborsare tutte le spese sostenute dietro presentazione dei relativi scontrini.-

      Elimina
  46. Buongiorno...lavoro per contracto livello Bs 54 ore settimana...lavoro anche 6 ore domenica ...come si calcolo domenica?..datore paga 28€

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Personale convivente:
      E' compensato con una maggiorazione del:
      - 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).-
      - 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).-
      - 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo stabilito e nelle festività infrasettimanali.-
      - 40% per le ore di lavoro prestate nella mezza giornata di riposo (mancato riposo).-

      Elimina
  47. Salve Av.io faccio la badante .però vorrei sapere .se come il mio vecchio e ricoverato io mi svolgo mio lavoro giornaliero.però faccio anche le notate .vorrei sapere come sono pagate le notate .grazie mille. Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      Lavoro straordinario
      Personale non convivente:
      E' compensato con una maggiorazione del:
      - 10% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno compreso tra le 40 e le 44 ore settimanali.-
      - 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).-
      - 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).-
      - 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo o in giorno festivo infrasettimanale.-
      Personale convivente:
      E' compensato con una maggiorazione del:
      - 25% per le ore di lavoro prestate dalle ore 6,00 alle ore 22,00 (straordinario diurno).-
      - 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).-
      - 60% per le ore di lavoro prestate nel giorno di riposo stabilito e nelle festività infrasettimanali.-
      - 40% per le ore di lavoro prestate nella mezza giornata di riposo (mancato riposo).-

      Elimina
    2. Grazie Av.però io non capisco per bene nel quale articolo mi inquadra io ho 40 ore settimanali con livello CS Grazie

      Elimina
    3. Ciao Maria!
      Straordinari:
      Paga oraria maggiorata del 50% per le ore di lavoro prestate dalle ore 22,00 alle ore 6,00 (straordinario notturno).-

      Elimina
  48. Salve Avv.Censori
    Ho iniziato a fare la badante solo nel week end , da sabato a mezzogiorno fino alla domenica alle 20:00 con contribuzione di 400 euro al mese.. obbiettivamente la notte l'anziano non dorme bene..volevo sapere si el stipendio e giusto?
    La ringrazio d'anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Livello CS Assistenza a persone non autosufficienti (non formato) euro 1.111,07 mensili x 54 ore settimanali; in caso di orario ridotto = euro 7,21 x ora.-

      Elimina
    2. Avv. L'agenzia mi a detto che per il mio contratto solo week end di sabato fino a domenica alle 20..va piu che bene 400 euro al mese..che il massimo e 440 netto .. perche poi ci sarà tredicesima e ferie...e giusto? Grazie per la sua risposta.

      Elimina
    3. Dipende dall'orario effettivo di lavoro!
      Se l'orario di lavoro è per esempio di 24+8 = 32 ore di lavoro settimanali, il calcolo da fare sarebbe il seguente:
      7,21 x 32 x 4,33 = 999,00 euro mensili.-

      Elimina
  49. Egr.dott.Censori,mi puo'aiutare a, comprendere come contenersi con una badante Convivente CS 54 ore settimanali stipendio 972,33 per
    quanto riguarda il vitto.le riconosco euro 100,03 mensili in busta paga

    in quanto la persona anziana che assiste mangia passati/omogenizzati..provvedo personal mente all'acquisto di olio.caffe.zucchero.pasta.carne, latte acqua minerale scatolame x badante, detersivi,e quant'altro occorre in una casa.la badante vorrebbe di piu.
    Credo che come convivente non le manchi nulla...devo dire al caf di aggiungere maggior importo x il vitto?lei vorrebbe differenza non in busta paga. Grazie tantissimo per la sua eccezionale disponibilita anche per risolvere problemi dei datori di lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola!
      Ti ringrazio per i complimenti!
      Per contratto una badante convivente ha diritto a vitto e alloggio gratuiti, quindi senza indennità aggiuntiva ne per il vitto ne per l'alloggio.-
      Per il vitto può provvedere il datore di lavoro, tenendo conto dei gusti alimentari della badante, o direttamente la badante stessa che si farà rimborsare le spese sostenute dietro presentazione dei relativi scontrini.-

      Elimina
    2. Grazie dott Censori .chiarissimo come sempre.

      Elimina
    3. Ciao Paola!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  50. Buona sera avvocato Gianfranco Censori io lavoro come badante a tempo indeterminato con 54 ore settimanali convivente con livello c super giorno notte che non mi sono rispettate le ore di riposo ne anche pagate ,a una malattia demență senile che non forme do notte mi sono amalata perche non mi poso riposare abastanta ,lavoro cui din setembre 2017 voglio ,o avuto certificato medical 14 giorni ,8 da pronto socorso a 6 giorni da medico di familia sono tornata a lavorare domenica sera in 8 luglio, ma mi sento ancora male , sono pagate tuti 14 giorni di medical? Posso andare in ferie ,dopo di ferie poso fare domanda par la disocupatione perche o capito che la porta a una casa di riposo ?grazie mile !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oltre l'obbligo di mantenimento del posto di lavoro, il datore di lavoro è poi obbligato a remunerare la malattia garantendo un salario coincidente al 50% della retribuzione globale di fatto per i primi 3 giorni di calendario e pari al 100% della retribuzione globale di fatto per un numero di giorni pari a:
      - 8 giorni complessivi nell'anno per anzianità di servizio inferiore a 6 mesi;
      - 10 giorni complessivi di calendario nell'anno per anzianità di servizio compresa tra 6 mesi e 2 anni;
      - 15 giorni complessivi di calendario nell'anno per contratti di lavoro con anzianità di servizio superiore a 2 anni.
      Puoi andare in ferie solo con il consenso del datore di lavoro.-
      Per fare la domanda di disoccupazione devi essere licenziata, perché se presenti le dimissioni non ne hai diritto.-

      Elimina
  51. Grazie mile ,buona serrata !

    RispondiElimina
  52. Salve quant'è ore di riposo a diritto una badante con contratto di 54 ore settimanali convivente? Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il discorso va rovesciato!
      Infatti la badante deve lavorare 10 ore al giorno, con una pausa intermedia di 2 ore, dal lunedì al venerdì + 4 ore il sabato, per il resto è libera da ogni impegno di lavoro.-

      Elimina
  53. Buonasera avvocato, a seguito di incompatibilità con il mio datore vorrei dare le dimissioni. Ho un contratto Cs a 28 ore settimanali da oltre 5 anni. Quanto tempo di preavviso devo dare.? Altra questione: la famiglia ora va in vacanza per 16 giorni ma io ho solo 7 giorni di ferie poiché loro durante l arco Dell anno fanno molte vacanze e detraggono dal mio conto ferie i giorni. In questo modo io non ho mai abbastanza ferie e in più mi obbligano a recuperarle facendo ore in più Nell arco Dell anno a loro piacimento. Come mi devo comportare? Grazie infinite

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preavviso per Licenziamento o Dimissioni
      Il rapporto di lavoro domestico può cessare per libera volontà del lavoratore e del datore di lavoro.
      Non c'è necessità di motivare l'interruzione del rapporto di lavoro, ma deve essere concesso un termine di preavviso, che varia a seconda che il rapporto di lavoro sia superiore od inferiore a 24 ore settimanali, ed all'anzianità di servizio presso il datore di lavoro. Le parti possono regolare tra di loro questi termini, che però non possono comunque essere inferiori a quelli stabiliti per legge.
      In caso di licenziamento, se il lavoratore è impegnato per oltre 24 ore settimanali e ha maturato fino a cinque anni di anzianità presso lo stesso datore di lavoro, il termine di preavviso deve essere almeno di 15 giorni di calendario. Il termine deve essere di almeno 30 giorni se gli anni di anzianità sono oltre i cinque.
      Nel caso di dimissioni da parte del lavoratore i termini sono ridotti del 50%.-
      La legge prevede che la metà delle ferie spettanti le decide il datore di lavoro mentre l'altra metà le decide la lavoratrice, quindi per la parte di tua spettanza puoi decidere tu e se terminate puoi pretendere di essere pagata comunque, recuperando eventualmente, ma è solo a tua discrezione, le ore non lavorate.-

      Elimina
    2. Grazie infinite per le delucidazioni. Buona serata

      Elimina
  54. Salve Avvocato, Io sono un badante-cs Part-Time non convivente, Un Datore di lavoro con contratto 25 ore settimanali. Un altro 30 ore settimanali. Cosi supera 54 ore . Che succede miei contributi al INPS, Che sono conseguenze chi supera lavoro 54 ore con diversi datore di lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!
      Non c'è alcuna problema a livello contributivo!

      Elimina
    2. GRAZIE TANTO. COMUNQUE VOGLIO SAPERE C'E' QUALCHE SANZIONI CONTRO DI ME ? QUALCHE ATTO PENALE ?

      Elimina
    3. Assolutamente NO!
      Sarebbe stato meglio restare nel limite delle 54 ore settimanali, ma per un'ora in più non c'è alcun problema.-

      Elimina
  55. Buon giorno. .sono lavoratore convivente...il mio datore di lavoro mi da due ore di riposo intermedio senza uscirà da casa...posso stare solo a stanza mia...lui ha rAgione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente NO!
      Non sei un "prigioniero" quindi nelle 2 ore di riposo puoi fare quello che vuoi ed andare dove vuoi.-

      Elimina
  56. Buongiorno, sono una badante non convivente, 20 ore settimanali dal lunedì al venerdì. Ora la mia assistita è ricoverata. Domani mi hanno detto che non serve io vada, ché c'è la figlia, mentre per i giorni restanti dovrei andare in ospedale per aiutarla a mangiare. Potendo fare al massimo due ore (orari visita ospedale) la paga si ridurrebbe a quelle due ore giornaliere o le restanti, compreso domani che sono esonerata, andrebbero comunque retribuite?
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sandra!
      Presumo che le ore non lavorate ti verranno retribuite, ma scalandole dai giorni di ferie maturate.-

      Elimina
    2. Ciao Sandra!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  57. Buon giorno signor avocato .1) Io lavoro come badante convivente 54 ore settimanale . Il mio lavoro inizia ale 8 di mattino fino ale 22 di sera . Due ore di riposo e 1 ora per i pasti . Io posso prendere libero 36 ore da sabato mattina ale 8 fino domenica ale ore 20 . Che puoi al mio rientro lavoro ancora 2 ore . Cosi io i 54 ore settimanale gli faccio . 2) Puoi se io prendo libero sabato dal mezzo giorno posso rientrare al lunedi matino ale ore 8 . Il mio dattore di lavoro dice che io sono obligata dormire 6 notti alla settimana in casa dove lavoro . 3) se un giorno festivo cade di sabato pero io devo lavorare fino a mezzogiorno per fare i 54 ore settimanale come si procede con il giorno festivo 24 ore,e il libero 36 ore settimanale .spero che mi sono spiegata .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1) Il cambiamento di orario deve essere concordato con il datore di lavoro.-
      2) NO! Per legge Tu sei obbligata a dormire in casa solo 5 giorni a settimana.-
      3) Se il giorno festivo cade di sabato e tu devi lavorare fino a mezzogiorno le ore lavorate devono esserti pagate come straordinari.-

      Elimina
  58. Buona sera avvocato...lavoro badante in regola contratto cs 54 ore alla settimana per una persona non autosufficiente...la mia domanda ..quanto e lo stipendio giusto (badante non formate) grazie tanto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il livello CS Conviventi prevede una paga di 972,33 euro mensili + 13/ma + TFR + festività + contributi, per un orario di lavoro di 54 ore settimanali.-

      Elimina
  59. Buonasera, da mesi chiedevo alla mia badante di indicarmi con buon anticipo quando intendeva assentarsi per ferie estive. Dopo avermi detto più volte che non le avrebbe richieste a luglio/agosto, mi annunciato con poche settimane di anticipo che intende assentarsi per un mese. Sto cercando una sostituta ma non riesco a trovarla. Posso non concederle le ferie o chiederle di posticiparle finché trovo una soluzione alternativa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI!
      Per legge le ferie o vengono concordate tutte all'inizio dell'anno, o per la metà può decidere il datore di lavoro e per l'altra metà può decidere la lavoratrice, comunicandolo al datore di lavoro con un congruo anticipo.-
      Nel tuo caso quindi puoi dire alla lavoratrice che lei potrà andare in ferie solo quando avrai trovato una sostituta, e magari lei stessa può aiutarti a trovarla.-

      Elimina
    2. Grazie mille, lo stesso principio ma vale anche per il congedo matrimoniale?

      Elimina
    3. NO!
      Se la badante è seria e corretta può comunicare con largo anticipo la data del matrimonio, dando quindi la possibilità al datore di lavoro di trovare eventuali soluzioni alternative.-

      Elimina
  60. Salve Av io vorrei sapere se come il mio vecchio e ricoverato in ospedale io devo stare con lui sia di giorno che di notte .ho un contratto CS 40 ore settimanali.Grazie Maria

    RispondiElimina
  61. Sono tutto io la Maria volevo anche sapere se mi posso prendere un po di giorni di ferie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!
      - Con un contratto CS 40 Tu sei obbligata a restare in ospedale con il tuo vecchio solo per 40 ore settimanali.-
      - SI! Visto che il tuo assistito è in ospedale puoi richiedere anche qualche giorno di ferie.-

      Elimina
  62. Salve Av.mio figlio lavora come camionista con livello 3F con un stipendio di 1728 euro al mese però fa nazionale tutta la settimana sta fuori lui voglia sapere quanto gli si aspetta la tredicesima e altri diritti per un anonimo. Grazie mille. .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importo della tredicesima è una mensilità aggiuntiva all'anno.-
      Dal 1° gennaio, in base al CCNL, gli importi giornalieri dell'indennità di trasferta da riconoscere al personale viaggiante che presta servizio extra urbano, sono incrementati di 0,60 euro.
      Ecco i nuovi importi giornalieri:
      Da 6 a 12 ore – Territorio nazionale: 21,80 euro – Territorio estero: 29,94 euro
      Da 12 a 18 ore – Territorio nazionale: 33,02 euro – Territorio estero: 43,05 euro
      Da 18 a 24 ore – Territorio nazionale: 41,16 euro – Territorio estero: 60,49 euro
      Sempre in base al CCNL, per le imprese di autotrasporto destinatarie del cosiddetto regime premiale previsto dall’articolo 11 quater dello stesso contratto (riservato alle imprese che dimostrino di essere in regola con gli adempimenti contributivi e di aver stipulato accordi sindacali per gli autisti), l’incremento di 0,60 euro giornaliere si considererà automaticamente assorbito nei valori forfettizzati delle trasferte stabiliti con accordi aziendali.-

      Elimina
  63. Avvocato buongiorno mi trovo a dover assumere una signora per aiutare mia madre parzialmente autosufficiente invalida 100 per 100 con handicap per 36 ore settimanali penso con contratto cs ma non convivente dal lunedi al venerdi quale sarà la spesa oraria netta orientativamente..tenga presente che colazione e pranzo saranno a mio carico..orario 9/16 e sabato e domenica libere.. mi scuso se approfitto della sua pazienza ma guardando tabelle e formule sono andata in tilt...la ringrazio se potrà darmi un aiuto per orientarmi... la saluto cordialmente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Emilia!
      Il livello CS Non Conviventi prevede una paga oraria di 6,74 euro + 13/ma + TFR + festività + contributi.-
      Un contratto da non convivente non prevede ne vitto e alloggio, che sono quindi a carico della badante; pertanto l'eventuale spesa rimarrebbe comunque a tuo carico.-

      Elimina
    2. Avvocato la ringrazio per la tempestiva risposta.. un'ultima cosa 6,74 l'ora è a lordo giusto ?
      grazie

      Elimina
    3. Ciao Emilia!
      Guarda che lordo e netto sono la stessa cosa perché in busta paga non sono previste trattenute IRPEF, ma solo la parte di contributi a carico della lavoratrice.-

      Elimina
    4. Ciao Emilia!
      Prego!
      Alla prossima!!!

      Elimina
  64. Buongiorno avvocato,ho bisogno tuo consiglio lavoro Como badante Vito e alloggio,mio contratto dice no convivente,no prendo,2hore di riposo che mi spettano,con signora sto bene, però c'è grande problema c'è un figlio che dorme da lei figlio per parte padre no andiamo di accordo,in questo momento ho detto che mi licenzio perché no riesco sopportare sua presenza, questo caso che posso fare,sono stanca che di litigare,lui no le piace presenza amiche questo punto ho deciso andare via.grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se presenti le dimissioni non avrai diritto all'indennità di disoccupazione, quindi se non hai un altro lavoro in vista devi trovare un modo per farti licenziare; ti consiglio eventualmente di rivolgerti a un sindacato per farti tutelare ed assistere per il meglio.-

      Elimina
    2. Buongiorno avvocato ho bisogno del suo parere .Oggi ho avuto una proposta di lavoro come badante 24h con vitto e alloggio.Il lavoro consisterebbe nell' assistere una persona allettata con due ore libere al giorno.Una Giornata di riposo settimanale ,mentre in busta paga 54 ore per 4 settimane .Stipendio compreso di TFR € 975,00.le chiedo.
      1)E valido il contratto proposto?
      2) le 24 ore dovrebbero essere spalmate su 2 turni? Con un max di 11 ore x turno?
      3) comunque perché continuano a proporre 54 ore settimanali anche ai badanti conviventi?
      Resto in attesa di un suo parere
      Cordialmente la saluto.

      Elimina
  65. Buon pomeriggio Avvocato, dovrei assumere una badante per mia nonna e vorrei sapere che tipo di contratto dovrei stipulare e cosa spetta al lavoratore.
    Mia nonna è autosufficiente, va al centro diurno dalle 8:00 fino alle 18:30. Mi servirebbe una badante dalle ore 19:00 per dare la cena e le medicine fino alle 8 del mattino (senza colazione) dal lunedì alla domenica. Per il pranzo di sabato e domenica ci penserei io. Durante la notte non serve assistenza.
    La ringrazio anticipatamente.

    RispondiElimina

I commenti rimarranno disabilitati nel fine settimana.